Prof. G. Alaimo IL GANTT. (Il Cronoprogramma) Organizzazione del cantiere con laboratorio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof. G. Alaimo IL GANTT. (Il Cronoprogramma) Organizzazione del cantiere con laboratorio"

Transcript

1 IL GANTT (Il Cronoprogramma)

2 Strumenti e tecniche di programmazione operativa Prof. G. Alaimo La quantità e varietà di risorse da gestire nell esecuzione di un progetto impongono la necessità di programmare il raggiungimento dell obiettivo nel rispetto dei vincoli contrattuali. Tale programma richiede il sussidio di strumenti e tecniche adeguati. Essi consentono di rappresentare le fasi di avanzamento temporale del progetto attraverso una rappresentazione grafica o algoritmica.

3 Le prime tecniche Tra le prime tecniche, ancora oggi molto utilizzata vi è il diagramma a barre o digantt ideato nel 1917 da Henry Laurence Gantt ( ) ingegnere statunitense che si occupava di scienze sociali. Attorno agli anni 50, soprattutto in ambito militare, furono avviati progetti alquanto complessi, vennero sviluppate nuove tecniche capaci di rispondere alla necessità. In particolare tecniche reticolari capaci di rappresentare relazioni complesse tra le attività di un progetto e gestire una grande quantità di informazioni.

4 Tecniche reticolari Fra queste, quelle più comunemente adottate sono: il C.P.M. (Critical Path Method); il P.E.R.T. (Program Evaluation and Review Technique).

5 C.P.M. C.P.M. (Critical Path Method) Sviluppato nel 1957 dalla Catalytic Construction Company per la manutenzione degli impianti della Du Pont de Nemours. Tecnica usata per individuare, in un diagramma a rete, la sequenza di attività piùcritica (minima durata). L individuazione del percorso critico consente di mettere sotto controllo le attività che lo compongono, poiché il ritardo di una di queste comporterebbe un ritardo dell intero progetto.

6 P.E.R.T. P.E.R.T. (Program Evaluation and Review Technique) Tecnica di project management sviluppata nel 1958 dalla Booz, Allen & Hamilton, inc. (ditta di consulenza ingegneristica), per l ufficio Progetti Speciali della Marina degli Stati Uniti. L obiettivo era di ridurre i tempi e i costi per la progettazione e la costruzione di sottomarini armati con missili Polaris, coordinando migliaia di fornitori e subappaltatori.

7 P.E.R.T. Tecnica che controlla le attività e tiene conto della interdipendenza tra tutte le attività necessarie al completamento del progetto. L algoritmo non schedula, cioè non elabora una sequenza temporizzata delle attività, poiché non tiene conto delle risorse che considera a disponibilità illimitata.

8 Il Gantt È una tecnica di rappresentazione della programmazione operativa molto semplice. Ideata nel 1917 da Henry Laurence Gantt ( ) ingegnere statunitense che si occupava di scienze sociali, consente di descrivere le fasi realizzative di un progetto attraverso un diagramma ortogonale in cui in ascisse vengono riportati i tempi e in ordinate le attività di cui si compone un progetto. Ciascuna attività è rappresentata da un segmento parallelo alla scala temporale, posizionato con l origine in corrispondenza della data di inizio di quella attività ed ha una lunghezza pari alla durata dell attività stessa.

9 Il Gantt Nella disposizione delle diverse attività occorre tener conto dei: vincoli di sequenza; vincoli di interdipendenza (concatenazioni); rischi da interferenze temporali e/o spaziali. (Difficilmente individuabili nel grafico se non esplicitati). Si può ovviare mediante collegamenti verticali fra la fine di una attività e l inizio di una successiva strettamente dipendente. La tecnica richiede stime deterministiche delle durate delle attività (sulla base della loro prevedibilità).

10 Il Gantt Prof. G. Alaimo Man mano che il progetto progredisce, delle barre secondarie, delle frecce o delle barre colorate possono essere aggiunte al diagramma, per indicare le attività completate o una porzione completata di queste. Una linea verticale è utilizzata per indicare la data di riferimento. Poco individuabili le interdipendenze fra le diverse attività.

11 Il Gantt Ad ogni attività può essere associato un costo previsto: costo delle singola attività costo orario delle risorse attribuite. Nel corso del progetto, ad ogni attività o alla risorsa può essere associato il costo effettivo.

12 Il Gantt Prof. G. Alaimo Dai due dati di costo si ricavano curve e indicatori di avanzamento dell intero progetto. Ossia i costi totali effettivi e/o preventivati all inizio. BCWS Budget Cost of Work Scheduled (costi preventivati totali) ACWP Actual Cost of Work Performed BCWP Budget Cost of Work Performed

13 Es. diagramma di Gantt Prof. G. Alaimo

14 Consente-non consente Prof. G. Alaimo Consente un efficace controllo dell avanzamento dei lavori in cantiere e visualizza bene le sovrapposizioni fra attività diverse. Non consente un facile aggiornamento nel caso di ritardi e conseguenti necessarie revisioni di programmi operativi; in tal caso infatti si dovrebbero fare slittare lungo la scala temporale tutte le attività interessate dal ritardo.

15 Utilità dei diagrammi Per ovviare a tale inconveniente si può ricorrere a barre o strisce non fisse collocate sul diagramma (oggi superato). Tali diagrammi vengono normalmente impiegati per interventi di dimensione e complessità contenute per programmi di prima approssimazione o come traduzione di un PERT in un elaborato più facile da consultare e controllare in cantiere.

16 Il Gantt Prof. G. Alaimo Il diagramma può essere arricchito con l indicazione delle risorse richieste dalle diverse attività (e quindi si può rilevare giornalmente il carico di risorse che si devono impiegare). Per poter eseguire un controllo di rispetto del programma si usa segnalare un tratto parallelo alle barre, proporzionale alla percentuale di attività svolta (lunghezza della barra = 100%). La periodicità dei controlli dipende dalla durata del cantiere e dal grado di criticità del progetto.

17 Diagramma a barre

18 Diagramma a barre Nella figura le linee grosse tracciate sotto le attività A, B, C, mettono in luce che alla data del controllo (V) la situazione è: normale per quanto riguarda l'attività A (compiuta al 100%); deficitaria per quanto riguarda l'attività B (compiuta al 33% contro il 66% previsto); esuberante per quanto riguarda l'attività C, che è compiuta al 100% contro una previsione del 75%.

19 Diagramma a barre I diagrammi a barre possono essere utilmente usati: per evidenziare l'avanzamento dei lavori sia in termini di programmazione che di controllo; per mettere in evidenza il lavoro reso da un centro operativo (operaio, macchina, impianto ecc.). La base rappresenta un tempo di riferimento (ad esempio una settimana) suddiviso nei suoi sottomultipli (giorni e ore).

20 Diagramma a barre Prof. G. Alaimo Se con la linea sottile si saranno indicate le ore effettive di funzionamento (Lunedì 6, Martedì 4, Mercoledì 10, Giovedì 8, Venerdì 8, Sabato 2) ed eventualmente, mediante segni convenzionali (A, B, V) i motivi dei mancati funzionamenti, si avrà anzitutto un quadro dell'andamento del centro operativo, e segnando con linea grossa la somma delle lunghezze dei tratti sottili, un rapporto immediato tra il tempo totale di funzionamento e il tempo previsto (l'intero periodo).

21 Diagramma a barre Prof. G. Alaimo

22 Calcolo delle durate Punti fondamentali sono: la individuazione delle attività; la derminazione delle durate delle diverse attività o categorie di lavoro considerate. La durata dipende dal tipo di lavoro e dalle risorse impiegate (composizione e numero di squadre, materiali e mezzi adoperati). E quindi fondamentale la conoscenza del rendimento produttivo della squadra tipo.

23 Calcolo delle durate (dalle quantità) Se D = durata (g.) Q = quantità del lavoro R = rendimento squadra (q/ora) N = numero di squadre utilizzate 8 = numero di ore di una giornata lavorativa Si ha: D = Q / (RxNx8)

24 Calcolo delle durate (dall importo) Se D = durata (g.) I = Importo attività di lavoro ( ) i = Incidenza mano d opera (%) N = numero di operai C = Costo mano d opera ( /ora) 8 = numero di ore di una giornata lavorativa Si ha: D = I x i / (CxNx8)

25 Durate Impostazione deterministica Impostazione probabilistica Attribuzione deterministica delle durate di ciascuna attività sintetica contemplata. Attribuzione probabilistica delle durate di ciascuna attività sintetica contemplata. Stima delle durate articolata su attività sintetiche, in termini "di massima". Stima delle durate medie articolata su attività sintetiche, in prima approssimazione, sulla base di tempi pessimistici, normali e ottimistici di archivio, da contestualizzare nei confronti delle peculiarità dell intervento. (Maggiore attendibilità)

26 Durate Prof. G. Alaimo In ogni caso è da ribadire la migliore attendibilità di una programmazione sviluppata in termini probabilistici rispetto ad una programmazione sviluppata in termini deterministici. A proposito del GANTT probabilistico, si vedano le applicazioni di questo tipo di programmazione nei criteri di comportamento per la presentazione delle offerte nelle gare d appalto.

27 Gli operatori L Organizzazione della fase operativa è affidata nella maggior parte dei casi all Impresa appaltatrice (project manager) dei lavori, che, in collaborazione con il Direttore del cantiere e previo accordi con il Direttore dei lavori, si concreterà con: impianto del cantiere (layout) programmazione dei lavori da realizzarsi con il " sistema" giudicato di comune accordo il più idoneo ma che deve esser fin dal principio dell'attività evidenziato in ogni suo dettaglio.

28 La programmazione La programmazione, può svilupparsi in diverse fasi ed adottare qualsiasi metodo conosciuto, come quelli, ad esempio, derivati dagli esperimenti compiuti con gli armonigrammi di Adamieki, la tavola di Taylor, le tavole a piastrine, ecc., i diagrammi di Gantt, i quali sono basati sulla suddivisione dei lavori in attività elementari e sono rappresentati in diagrammi a barre o caselle.

29 Aggiornamento Utilizzando il diagramma di Gantt relativo ad un progetto, dopo ogni fase di aggiornamento periodico in cui, di norma, si dovranno rilevare variazioni rispetto al previsto, sarà necessario riprogrammare tutte le attività che vengono di seguito. Ciò significa ridisegnare opportunamente molti segmenti, in quanto la loro rappresentazione grafica vuole rispettata la corrispondenza tra lunghezza del segmento e durata dell'attività a cui si riferisce, conformemente ad un'unica scala rappresentata anch'essa dalle ascisse del diagramma.

30 Aggiornamento Operazione dunque, quella dell'aggiornamento, meticolosa e lunga, che per piani mediamente complessi può anche essere compiuta, ma per altri diventa inattuabile ed il più delle volte si finisce per abbandonare definitivamente la pianificazione originaria.

31 Prof. G. Alaimo Diagrammi a segmenti e a scaletta Il diagramma di Gantt discende direttamente dai grafici a scaletta, i quali a loro volta derivano dai diagrammi a segmenti. Il diagramma a segmenti riporta in ascisse le date di effettuazione dei dati lavori e, dal basso in alto, dei segmenti rappresentanti le varie attività di lunghezza pari alla loro durata. Il diagramma a scalette consente, evidenziando in ordinata determinanti fattori, di tenere conto di una caratteristica, ad esempio il costo totale del corrispondente articolo di lavoro. Costruito correttamente e aggiornato consente di verificare durante lo svolgimento dei lavori le economie di tempo e di lavoro e gli eventuali sprechi.

32 Prof. G. Alaimo

33 Prof. G. Alaimo

34 Prof. G. Alaimo

35 Diagramma di Gantt (stralcio)

36 Il cronoprogramma Tra i documenti che compongono la relazione illustrativa del progetto preliminare, è previsto un cronoprogramma delle fasi attuative, con l indicazione dei tempi massimi di svolgimento delle varie attività di progettazione, approvazione, affidamento, esecuzione e collaudo (art. 18 DPR 207/2010). Il cronoprogramma dei lavori

37 Il cronoprogramma E un elaborato del progetto esecutivo (art.35, DPR 554/99); E un documento facente parte integrante del contratto (art.110, DPR 554/99); Rappresenta, l andamento nel tempo degli importi dei lavori da eseguire ed esprime la produttività in fase costruttiva. Deve essere aggiornato durante i lavori (art.125, DPR 554/99-Direttori operativi).

38 Il cronoprogramma (art. 40 DPR 207/2010) Il cronoprogramma è composto da un diagramma che rappresenta graficamente la pianificazione delle lavorazioni gestibili autonomamente, nei suoi principali aspetti dal punto di vista della sequenza logica, dei tempi e dei costi. Il cronoprogramma è redatto al fine di stabilire in via convenzionale, nel caso di lavori compensati a prezzo chiuso, l importo degli stessi da eseguire per ogni anno intero decorrente dalla data della consegna, nonché ai fini di quanto previsto dall articolo 171, comma 12. Il cronoprogramma dei lavori

39 Il cronoprogramma (art. 40 DPR 207/2010) Nei casi di cui all articolo 53, comma 2, lettere b) e c) (appalto integrato e appalto concorso), del codice, il cronoprogramma è presentato dal concorrente unitamente all'offerta. Nel calcolo del tempo contrattuale deve tenersi conto della prevedibile incidenza dei giorni di andamento stagionale sfavorevole. Il cronoprogramma dei lavori

40 Il cronoprogramma Costituisce di fatto un diagramma finanziario da cui poter ricavare la distribuzione della spesa nel tempo. Può quindi essere utilizzato per desumere, oltre all importo dei lavori ancora da eseguire per ogni anno intero previsto per l ultimazione (fondamentale per i lavori a prezzo chiuso), anche ad es. il pagamento degli acconti in corrispondenza dei vari SAL, la durata delle fidejussioni necessarie a coprire le anticipazioni, etc. Il cronoprogramma dei lavori

41 Il cronoprogramma (art. 149 DPR 207/2010) Direttori operativi. c) curare l'aggiornamento del cronoprogramma generale e particolareggiato dei lavori e segnalare tempestivamente al direttore dei lavori le eventuali difformità rispetto alle previsioni contrattuali proponendo i necessari interventi correttivi; Il cronoprogramma dei lavori

42 Il cronoprogramma (art. 171 c.12 DPR 207/2010) 12. Qualora il direttore dei lavori riscontri, rispetto al cronoprogramma di cui all articolo 40, un ritardo nell andamento dei lavori addebitabile all esecutore relativo a lavorazioni direttamente incidenti sui materiali soggetti a compensazione, non si applicano le compensazioni in aumento dovute al protrarsi dei lavori stessi oltre l anno solare entro il quale erano stati previsti nel predetto cronoprogramma. Il cronoprogramma dei lavori

43 Il cronoprogramma L elaborato, in un diagramma che riporta: sull asse delle ordinate gli importi; sull asse delle ascisse i tempi; è una curva che parte dall origine e raggiunge nel tempo T (di contratto) l importo complessivo dei lavori Ic (di contratto).

44 Il cronoprogramma L andamento di tale curva è una spezzata che dipende da T, Ic e dalla configurazione del programma(gantt). Cioè Numero di categorie di lavoro o attività (omogenee); Durata di ciascuna (impiego risorse); Sovrapposizioni; Intervallo di tempo unitario.

45 Cronoprogramma

46 Gantt e Cronoprogramma Prof. G. Alaimo Gantt e Cronoprogramma costituiscono strumenti molto utili per la gestione della commessa in fase di esecuzione

47 Il cronoprogramma Indica l andamento della produzione e il tempo contrattuale. E deducibile: direttamente dal Gantt quando questo sia stato correttamente redatto (rischi aggiuntivi D.L.vo 494/96); dai dati di base attraverso le seguenti fasi:

48 Redazione del cronoprogramma Individuazione delle Categorie omogenee di lavorazione; Individuazione degli importi di ogni Categoria; Assegnazione della percentuale di manodopera per ogni Categoria; Assegnazione del numero di lavoratori previsti per ogni Categoria; Calcolo dei giorni lavorativi necessari per ogni Categoria; Calcolo dei giorni consecutivi necessari per ogni Categoria; Collocazione temporale di ogni Categoria (data inizio); Realizzazione diagramma di Gantt; Realizzazione diagramma rappresentativo del Cronoprogramma; Redazione della relazione tecnica a corredo del Cronoprogramma;

49 I giorni lavorativi Uno dei metodi più semplici per ottenere il numero di giorni lavorativi necessari per la esecuzione di una determinata lavorazione (categoria o attività) consiste nel ricavare gli uomini giorno necessari.

50 Uomini giorno Per il calcolo degli uomini giorno è necessario conoscere: la incidenza percentuale della manodopera (es. 30%); Il costo medio della mano d opera (es. 20 euro/h); il numero di lavoratori addetti alla esecuzione (es. 2); il numero di ore lavorative giornaliere (8).

51 Calcolo n. giorni lavorativi Prof. G. Alaimo Supponendo, che l importo della lavorazione sia di 3.000,00 euro, si otterrebbe il seguente calcolo : Importo manodopera (30%)=3.000,00 x 30 / 100 = 900,00 euro Uomini giorno = 900,00 / (20,00 x 8) = 5,6 Numero giorni lavorativi = 5,6 / 2 = 2,8 (arrotondato a 3).

52 Calcolo n. giorni lavorativi Prof. G. Alaimo Indicato quindi con : I = importo Categoria di lavoro P= percentuale incidenza manodopera C= costo orario della manodopera O = N lavoratori previsti N = numero ore giornaliere NGL = Numero giorni lavorativi necessari Si ha: NGL = (I x P/100) / (C x N x O)

53 Calcolo n. giorni consecutivi In fase di progettazione, il tecnico non conosce l effettivo periodo di esecuzione dei lavori, ma deve comunque stimare i giorni consecutivi necessari per la realizzazione dell opera. E logico, quindi, effettuare calcoli medi.

54 Giorni lavorativi per ogni anno Si assegnano: i giorni festivi annui (es. 116); i giorni presumibili di andamento stagionale sfavorevole desumibile dai dati statistici relativi alla Regione nella quale sarà realizzata l opera di progetto (es. 13). Per sottrazione verranno calcolati i giorni lavorativi (utili) per ogni anno (es. 236).

55 Calcolo n. giorni consecutivi Il numero di giorni lavorativi (utili) per ogni anno consentirà di ricavare per ogni Categoria omogenea, in funzione dei giorni lavorativi necessari, i giorni consecutivi da considerare nella stesura del diagramma di Gantt e, quindi, del Cronoprogramma. NGC = NGL x 365 / 236

56 Calcolo n. giorni consecutivi Indicando con : I = importo Categoria di lavorazione (euro) P= percentuale incidenza manodopera C= costo orario della manodopera O = N lavoratori previsti N = numero ore giornaliere GA = numero giorni dell anno (365) GU = numero giorni utili all anno NGL = Numero giorni lavorativi necessari NGC = Numero giorni consecutivi necessari Si Ha: NGC = (I x P/100) / (C x N x O) x (GA / GU)

57 Metodo delle condizioni climatico-ambientali Il metodo si basa sul concetto delle condizioni climatiche ambientali di cui alla Circolare C/175 del O2/03/1982 della Cassa per il Mezzogiorno (Applicazione della Legge n. 741 del 10/12/1981 (artt. 1, 9, 10 e 16). Computo della revisione non più ancorato allo stato d avanzamento dei lavori, ma al programma dei lavori predisposto dall Amministrazione appaltante e accettato dall impresa (obbligatorio per appalti di importo superiore a 2 mdi, facoltativo tra 500mni e 2 mdi).

58 Condizioni climatiche Sono state ipotizzate tre distinte situazioni possibili : A1 - condizioni climatiche favorevoli A2 - condizioni climatiche normali A3 - condizioni climatiche sfavorevoli A seconda delle condizioni ipotizzate si avrà una produzione variabile tra il 15% ed il 90% rispetto alla produzione ottimale, in considerazione dell andamento climatico stagionale.

59 Coefficienti climatici Prof. G. Alaimo Condizione clim-amb. ge n feb mar apr ma g giu lug ago set ott nov dic media A1 - Favorevole ,50 A2 - Normale ,00 A3 - Sfavorevole ,75

60 Coefficienti climatici Prof. G. Alaimo In pratica è possibile ricavare, in funzione degli istogrammi climatico-ambientali dei valori medi annui (tra il 15% e il 90%), ed altrettanti coefficienti climatici ambientali (Ci): C1 = 100/82,5 = 1,21 (classe A1 Favorevole) C2 = 100/65,0 = 1,54 (classe A2 Normale) C3 = 100/58,75 = 1,70 (classe A3 Sfavorevole)

61 Aumento temporale E possibile quindi tenere in considerazione le prevedibili incidenze dei giorni di andamento sfavorevole come percentuale media di riduzione sulle attività lavorative durante tutto l arco dell anno, con un aumento temporale analogo di ogni attività lavorativa, indipendentemente dalla successione temporale.

62 Calcolo n. giorni consecutivi necessari Sarà sufficiente ipotizzare una delle tre condizioni climatico ambientali (in genere la A2 Normale) e quindi calcolare i giorni consecutivi necessari con la: NGC = NGL x Ci Avendo indicato con NGC = numero di giorni consecutivi necessari NGL = numero di giorni utili necessari Ci = coefficiente climatico ambientale

63 Giorni consecutivi necessari Con riferimento al metodo precedente, in cui si erano supposti 236 giorni utili sui 365 annui, si otterrebbe in pratica lo stesso risultato. Infatti il rapporto 365/236 risulta pari a 1,546, mentre il coefficiente C2 risulta pari a 1,54, avendo assunto la condizione climatica normale A2.

64 Programma esecutivo In fase di redazione del programma esecutivo: le attività dovranno essere collocate nel loro effettivo periodo temporale di esecuzione; le attività nell arco dell anno avranno diverse incidenze sulla produttività (che potranno essere in diminuzione o in aumento rispetto ai valori medi considerati in fase di progetto).

65 Categorie di lavoro e clima Prof. G. Alaimo Un ulteriore considerazione, andrebbe fatta sulle categorie di lavoro che risentono, più o meno, delle condizioni climatiche, come ad esempio nel caso di lavori interni di ristrutturazione, lavori di impiantistica interna, ecc. A tale proposito, nella circolare C/175 già citata, viene riportata una tabella (tabella B) che indica la relazione tra le categorie d opera e le ipotesi di condizioni climatiche.

66 Tempo contrattuale Un metodo suggerito dalla Circolare C/175 per la determinazione del tempo contrattuale utile consente il calcolo dei mesi necessari in funzione di alcuni parametri e tabelle indicati nella stessa circolare (come segue). Individuazione della produzione ottimale mensile Individuazione della classe climatica (A1, A2, A3) Determinazione del tempo di avvio del cantiere

67 Categorie-Condizioni Climatiche

68 Tempo contrattuale Prof. G. Alaimo Tale metodo, basandosi su tabelle predefinite, può essere utilizzato solo per opere di importo maggiore di 2 miliardi di lire (equivalenti ad euro ,80) Con riferimento alle tabelle B, C e D della Circolare C/175 è possibile impostare il seguente calcolo dei mesi necessari.

69 Tempo contrattuale Fissato il tipo di opera: (ad es.) opere d arte di lavori stradali (riga 2 di tabella D), e l importo a base d asta: (ad es.) di euro, (indicato con I nella stessa tabella D), si ricava il valore di i (produzione ottimale mensile) mediante interpolazione tra i valori delle due colonne del gruppo corrispondente (nel caso di figura: 129 e 258). Tale valore risulta pari a 178, che, riportato in euro, corrisponde a ,00 che rappresenta la produzione ottimale mensile.

70 Tempo contrattuale Valori di i per diverse fasce di I Tabella D (prima parte) <I< <I< I > Movimenti di materie Op. str Opere d arte Op. str Lavori in sotterraneo Op. str

71 Tempo contrattuale Procedura Dalla formula: n = (I/i) x Ci essendo Ci = C2 = 1,54 (condizioni climatiche normali) Si ricava: n = ( ,00 / ,00) x 1,54 = 17,3 cui corrisponde (vedi tabella C) n0 = 1,5 Si ha, in definitiva: N = n + n0 = 17,3 + 1,5 = 18,8 mesi Tale valore rappresenta la durata presunta dei lavori.

72 Tempo contrattuale Prof. G. Alaimo Tabella C (Determinazione del tempo di avvio del cantiere) n 12 n0 = 1 12 < n 18 n0 = 1,5 18 < n 24 n0 = 2 24 < n 30 n0 = 2,5 n > 30 n0 = 3

73 ESEMPIO Si debbano eseguire opere di urbanizzazione per un importo complessivo di ,00 euro così distinti: SCAVI E MOVIMENTI DI TERRA ,00 CONDOTTE IDRAULICHE ,00 FOGNATURA ,00

74 ESEMPIO Facendo riferimento alle tabelle di ripartizione approvate con il decreto del Ministero dei Lavori pubblici dell 11 dicembre 1978, emanato ai sensi dell art. 1 della Legge n. 93, le incidenze percentuali di mano d opera per i tre Gruppi omogenei risultano: SCAVI E MOVIMENTI DI TERRA 18 % CONDOTTE IDRAULICHE 30 % FOGNATURA 38 %

75 Giorni consecutivi necessari Conoscendo la percentuale di incidenza della manodopera, fissando il numero di lavoratori assegnati ad ogni Gruppo ed il costo orario della manodopera stessa, è possibile determinare i giorni utili e quindi i giorni consecutivi necessari. NGC = (I x P/100) / (C x N x O) x (GA / GU)

76 Giorni consecutivi necessari Si avrà: Per il Gruppo 1 SCAVI E MOVIMENTI DI TERRA (lavoratori previsti O = 2) NGC (1) = (10.000,00 x 18/100) / (20,00 x 8 x 2) x (365/236) = 9 giorni Per il Gruppo 2 CONDOTTE IDRAULICHE (lavoratori previsti O = 4) NGC (2) = (30.000,00 x 30/100) / (20,00 x 8 x 4) x (365/236) = 22 giorni Per il Gruppo 3 FOGNATURE (lavoratori previsti O = 4) NGC (2) = (40.000,00 x 38/100) / (20,00 x 8 x 4) x (365/236) = 37 giorni

77 Giorni consecutivi necessari Pur non avendo a disposizione un costo effettivo della manodopera, si assegnino, ad esempio, allestimento cantiere: n 2 giorni, rimozione cantiere: n 2 giorni. Se ponessimo i tre Gruppi uno dopo l altro senza alcuna sovrapposizione, avremmo una durata dei lavori pari a: NGC = = 72 giorni consecutivi a partire dalla consegna.

78 Prof. G. Alaimo

79 Il PERT Un metodo che non presenta questo limite, è il PERT, (utilizzato soprattutto per progetti complessi poiché richiede una particolare attrezzatura e personale addestrato). Il metodo PERT consiste in una rete di collegamenti e percorsi (grafi) che rappresentano graficamente le varie sequenze logiche dello sviluppo delle attività che fanno parte della programmazione per l'esecuzione di una determinata opera.

80 tenendo conto particolarmente che le medesime attività siano raggiunte nei minimi tempi necessari ci consente, inoltre, di determinare, senza variare od aggiornare il programma, quanto il ritardo o (l'anticipo) di una operazione influisca sul ritardo o (anticipo) di tutte le altre fasi del lavoro.

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il progetto definitivo è corredato dal cronoprogramma delle lavorazioni, redatto anche al

Dettagli

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI

IL DIRETTORE DEI LAVORI IL DIRETTORE DEI LAVORI Prima di tutto: il DL opera se esiste un appalto e quindi un cantiere. Il cantiere costituisce di fatto il suo territorio. Oggi la normativa sulla direzione dei lavori e l andamento

Dettagli

RELAZIONE. b) costituire la base per l'aggiornamento dei prezzi secondo la modalità del prezzo chiuso;

RELAZIONE. b) costituire la base per l'aggiornamento dei prezzi secondo la modalità del prezzo chiuso; RELAZIONE Il Cronoprogramma dei lavori citato negli articoli 33, 40, 43, 124 e 137 del D.P.R. n 207/2010 rappresenta, essenzialmente, l andamento nel tempo degli importi dei lavori da eseguire ed è fondamentale

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE

TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE TECNICA E SICUREZZA DEI CANTIERI TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE Nicola Marotta La programmazione nel cantiere edile La programmazione dei lavori all interno di un cantiere

Dettagli

La gestione dei tempi IL CRONOPROGRAMMA

La gestione dei tempi IL CRONOPROGRAMMA Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà La gestione dei

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI OBIETTIVI Individuazione delle singole attività elementari Loro organizzazione su differenti livelli di dettaglio Definizione di una struttura di controllo P.D.Patrone,

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4 IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT UNA VOLTA CREATA LA WBS E, QUINDI, INDIVIDUATA CIASCUNA PARTE ELEMENTARE DEL PROJECT, SI PASSA ALLA SCHEDULAZIONE CHE CONSISTE NELL ASSEGNARE

Dettagli

1. PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ... 3 2. CONDIZIONI PER IL CALCOLO DEI TEMPI DI ESECUZIONE DEI LAVORI... 4 3. DIAGRAMMA DI GANTT...

1. PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ... 3 2. CONDIZIONI PER IL CALCOLO DEI TEMPI DI ESECUZIONE DEI LAVORI... 4 3. DIAGRAMMA DI GANTT... INDICE 1. PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ... 3 2. CONDIZIONI PER IL CALCOLO DEI TEMPI DI ESECUZIONE DEI LAVORI... 4 3. DIAGRAMMA DI GANTT... 5 4. ORDINE DA TENERSI NELL'ANDAMENTO DEI LAVORI... 6 Pagina 2

Dettagli

Software per la redazione del Programma Esecutivo dei Lavori con Microsoft Excel

Software per la redazione del Programma Esecutivo dei Lavori con Microsoft Excel Sergio Giardina Software per la redazione del Programma Esecutivo dei Lavori con Microsoft Excel Secondo le previsioni dell articolo 45, comma 10 del Regolamento dei Lavori Pubblici approvato con il D.P.R.

Dettagli

PERT e CPM Cenni storici

PERT e CPM Cenni storici CPM e PERT PERT e CPM Le tecniche CPM (Critical Path Method) e PERT (Program Evaluation and Review Technique) consentono lo sviluppo del programma di un progetto attraverso la programmazione delle attività

Dettagli

Articolazione temporale del processo produttivo e stima dell entità dei lavori. Lezione di approfondimento individuale Lezione 8 Costi in edilizia

Articolazione temporale del processo produttivo e stima dell entità dei lavori. Lezione di approfondimento individuale Lezione 8 Costi in edilizia Approfondimento # 4 Articolazione temporale del processo produttivo e stima dell entità dei lavori Lezione di approfondimento individuale Lezione 8 Costi in edilizia A cura dott.ssa Annalisa Michielan

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM C. Noè WBS Si tratta di uno strumento di supporto alla scomposizione analitica di un progetto in tutte le sue parti. Ciò facilita l attribuzione di

Dettagli

Le tecniche di scheduling (1)

Le tecniche di scheduling (1) Le tecniche di scheduling (1) Sono la base di tutto il processo di pianificazione, e fornisco al management gli elementi per decidere come utilizzare le risorse per raggiungere gli obiettivi di costo e

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 11: valutazione costi diagramma di PERT Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Da ricordare:

Dettagli

ing. consuelo rodriguez

ing. consuelo rodriguez TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE La ricerca operativa La ricerca operativa può essere considerata una scienza finalizzata allo studio di problemi decisionali. Consiste in un sistema di analisi quantitativo finalizzato

Dettagli

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

Corso di estimo D 2004/2005

Corso di estimo D 2004/2005 Corso di estimo D 2004/2005 Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente logiche per

Dettagli

COORDINAMENTO E GESTIONE DI PROGETTI COMPLESSI

COORDINAMENTO E GESTIONE DI PROGETTI COMPLESSI COORDINAMENTO E GESTIONE DI PROGETTI COMPLESSI 1. - Formulazione del problema Supponiamo di dover organizzare e gestire un progetto complesso, quale puó essere la costruzione di un edificio, oppure la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER L ALLESTIMENTO DI UN PROGRAMMA LAVORI

PROGRAMMAZIONE PER L ALLESTIMENTO DI UN PROGRAMMA LAVORI CENTRO TIRO SPORTIVO DELLA ROVAGINA La Rosa Luca DE 4 anno 2009/10 PROGRAMMAZIONE PER L ALLESTIMENTO DI UN PROGRAMMA LAVORI 1. BASI DÌ PROGRAMAZZIONE Per poter allestire un programma lavori bisogna avere

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI Project Management Alessandro Silvestri A.A. 010/011 1 AGENDA - Introduzione PROJECT MANAGEMENT - TECNICHE DI BASE - TECNICHE RETICOLARI PERT Deterministico (CPM) PERT

Dettagli

Il Project Management

Il Project Management Il Project Management con l ausilio di strumenti informatici A cura di Paolo Tateo Il Project Management Tecnica per la gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta

Dettagli

BIBLIOGRAFIA Project Management. La metodologia dei 12 Step. Come applicarla in tempo reale per gestire con successo piccoli e grandi progetti - Antonello Bove, ED. Hoepli, 2014 Project Management. La

Dettagli

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio Programmazione operativa Programmazione operativa La programmazione operativa è la traduzione della progettazione dei sistemi edilizi, in termini di programma temporale della fase esecutiva dell opera

Dettagli

INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT

INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT Master executive in Gestione della Manutenzione Industriale 1 Tecniche e Metodologie di Project Management INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT Ing. A. Massaro, Ing. P. Gaiardelli Impostazioni preliminari

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M.

APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M. APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M. (corso di ricerca operativa) A cura di: Antonio Scalera 1 PERT/C.P.M. I metodi Pert e C.P.M. studiano lo sviluppo di un progetto attraverso la programmazione delle attività

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO

ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO 151 Organizzazione e pianificazione del processo di sviluppo prodotto (1/2) Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA)

COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA) COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA) PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE SICILIA 2007-2013 PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI PUNTI DI ACCESSO INFO-TELEMATICI PUBBLICI A SANTO STEFANO

Dettagli

Applicazione legge 10 dicembre 1981, n. 741. Artt. 1, 9, 10, 16. Programma dei lavori e gare d appalto.

Applicazione legge 10 dicembre 1981, n. 741. Artt. 1, 9, 10, 16. Programma dei lavori e gare d appalto. Applicazione legge 10 dicembre 1981, n. 741. Artt. 1, 9, 10, 16. Programma dei lavori e gare d appalto. Con circolare n. C. 171 del 12 gennaio 1982 veniva data notizia della pubblicazione sulla G.U. n.

Dettagli

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA CAPITOO 4 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 55 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 57 Questo capitolo descrive l uso del Q per sviluppare budget e piani di lavoro basati sul

Dettagli

Sergio Giardina CRONOSOFT. Software per la redazione del Cronoprogramma dei lavori con Microsoft Excel

Sergio Giardina CRONOSOFT. Software per la redazione del Cronoprogramma dei lavori con Microsoft Excel Sergio Giardina CRONOSOFT Software per la redazione del Cronoprogramma dei lavori con Microsoft Excel Sergio Giardina CRONOSOFT ISBN 88-8207-118-9 EAN 9 788882 071189 Software, 6 Prima edizione: Settembre

Dettagli

Il ciclo di vita del progetto Laboratorio di progettazione con il metodo del quadro logico

Il ciclo di vita del progetto Laboratorio di progettazione con il metodo del quadro logico Il ciclo di vita del progetto Laboratorio di progettazione con il metodo del quadro logico MODULO D Roma, 06/08 e 11/13 maggio 2015 Carlos Costa FINANZIAMENTO REALIZZAZIONE 2 La pianificazione delle attività:

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_Gestione_Fasi_Costruttive_E_R02.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_Gestione_Fasi_Costruttive_E_R02.doc 1 1. PREMESSE I lavori oggetto dell appalto dovranno essere realizzati secondo le FASI di costruzione di seguito riportate, definite allo scopo di minimizzare le interferenze tra il cantiere e le attività

Dettagli

Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1

Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1 Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1 Generalità DIB 2 Progetto PROGETTO: esecuzione di un insieme di attività in un tempo e con risorse limitati per raggiungere uno specifico scopo. A causa dell

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3 IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE Un progetto è un insieme complesso di numerose attività finalizzate al raggiungimento

Dettagli

CRITERI PER LA REDAZIONE DELLE ANALISI PREZZI, RELATIVE ALLE VOCI D OFFERTA

CRITERI PER LA REDAZIONE DELLE ANALISI PREZZI, RELATIVE ALLE VOCI D OFFERTA Comune di Mattarello Provincia Trento CRITERI PER LA REDAZIONE DELLE ANALISI PREZZI, RELATIVE ALLE VOCI D OFFERTA Committente: PROVINCIA AUTONOMA DI TERNTO Via Romagnosi, 9 38100 Trento Ente Appaltante:

Dettagli

Comune di #Datigen/committente/5# (Prov di ) PROGETTAZIONE PRELIMINARE

Comune di #Datigen/committente/5# (Prov di ) PROGETTAZIONE PRELIMINARE Comune di #Datigen/committente/5# (Prov di ) PROGETTAZIONE PRELIMINARE (Art. 18 DPR 21/12/99, N. 554) Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza (art. 18, comma 1, lett. f del

Dettagli

Corso di Estimo. Diagramma di Gantt. Prof. Stefano Stanghellini

Corso di Estimo. Diagramma di Gantt. Prof. Stefano Stanghellini Corso di Estimo Diagramma di Gantt Docente: Collaboratore: Prof. Stefano Stanghellini Arch. Alessandro Mascarello Perché si si calcola la durata del cantiere? La durata del cantiere si calcola per stabilire:

Dettagli

IL PERCORSO LOGICO DI UN PROGETTO. Prof.Claudio Saita

IL PERCORSO LOGICO DI UN PROGETTO. Prof.Claudio Saita IL PERCORSO LOGICO DI UN PROGETTO Prof.Claudio Saita PROGETTARE SIGNIFICA: utilizzare procedimenti introdurre organizzazione e razionalità nell azione raggiungere determinati obiettivi 1- Perché si vuol

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*)

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) a cura di - Coordinatore della Sezione Quadri Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) L implementazione di un sistema di Project Management all interno della propria organizzazione

Dettagli

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06 Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera 1 Le novità introdotte dal terzo decreto correttivo Project Financing Il

Dettagli

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Università degli Studi di Cagliari D.I.M.C.M. Introduzione Il Proect Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Gestione dei Progetti Prof.

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione dei Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Metodologie operative La gestione del tempo: Tecniche reticolari Il diagramma di GANTT E un diagramma chiamato anche

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Università di Padova a.a. 2009-2010 FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Lezione 4/11/2009 Corso di Progetto Ambiente Viviana Salieri NORMATIVA LAVORI PUBBLICI LEGGE QUADRO in materia

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

Programmazione e analisi dei flussi di cassa

Programmazione e analisi dei flussi di cassa Programmazione e analisi dei flussi di cassa - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 1/9 Programmazione e analisi dei flussi di cassa La programmazione dei flussi di cassa Il budget

Dettagli

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Il Project management Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Progetto. La nozione Un progetto costituisce un insieme di attività, complesse e interrelate, aventi come fine un obiettivo

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali II

Sistemi Informativi Aziendali II Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5 Modulo 5 La gestione dei Progetti (Project Management): Generalità e metodologie; Gestire un progetto con uno

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività Schemi di scomposizione delle attività Gestione parte IIC Work Breakdown Structures (WBS) Struttura ad albero: radice: attività principale i nodi figli rappresentano la scomposizione del nodo padre le

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

0215 - MULTIPROJECT MANAGER PRO Release 12 - Bilingue Italiano-Inglese Scaricalo in prova gratuita per 60 giorni!

0215 - MULTIPROJECT MANAGER PRO Release 12 - Bilingue Italiano-Inglese Scaricalo in prova gratuita per 60 giorni! Dal 1985 consulenza e formazione per l'eccellenza Tipo di file: MSExcel - Requisiti di sistema: Excel 9 o successivo e Windows 2000 o successivo A chi è rivolto: Project Managers, Direzione, responsabili

Dettagli

Dalla storia antica ai tempi moderni

Dalla storia antica ai tempi moderni Dalla storia antica ai tempi moderni Il termine project management oggi ampiamente diffuso nel mondo dell ICT (Information and Communication Technologies) fa, da sempre, riferimento alla organizzazione

Dettagli

Esercitazione parte 2 - i tempi

Esercitazione parte 2 - i tempi Corso di valutazione esmava del proge6o Clasa a.a. 2012/13 Esercitazione parte 2 - i tempi Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini - stefano.stanghellini@iuav.it arch. Pietro Bonifaci - pbonifac@stud.iuav.it

Dettagli

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw Pianificazione e gestione di progetto Responsabile di progetto: attività 1) Pianificazione 2) Organizzazione 3) Gestione del personale (staffing) 4) Direzione 5) Controllo Adozione di tecniche e metodologie

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO COORDINAMENTO ATTIVITA'FERROVIA DEL BRENNERO E INTERMODALITA' Prot. n. 19 P306 08 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 36 DI DATA 11 Dicembre 2008 O G G E T T O: Legge

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI DISCIPLINA PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE O PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE EX. ART. 18 LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE INTEGRAZIONI AGGIORNATO ALLA LEGGE 415/98 e s.m.i.

Dettagli

Budget economico e finanziario per Appalti, Cantieri e Commesse di lavoro

Budget economico e finanziario per Appalti, Cantieri e Commesse di lavoro Budget economico e finanziario per Appalti, Cantieri e Commesse di lavoro Il software consente alle Aziende che operano nel campo delle costruzioni, delle manutenzioni, della produzione per commesse di

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze

Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze documento ad uso interno all istituto a cura di Marta Dalla Vecchia

Dettagli

La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto

La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto Patricia Gamberini 1 Agenda Presentazione Engineering Business case

Dettagli

CPM - PERT CPM - PERT. Rappresentazione di un progetto. Gestione di un progetto. Critical Path Method Project Evaluation and Review Technique

CPM - PERT CPM - PERT. Rappresentazione di un progetto. Gestione di un progetto. Critical Path Method Project Evaluation and Review Technique CPM - PERT CPM - PERT CPM e PERT sono metodologie per la gestione di progetti composti da più attività in cui esistano relazioni di precedenza. Critical Path Method Project Evaluation and Review Technique

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI Giordano Renato Gariboldi Responsabile Controllo di Gestione e Controllo Progetti Divisione E.& P. giordano. gariboldi@sini.it Comitato Direttivo Corsi ANIMP 1 PIANIFICAZIONE

Dettagli

Tributi, Catasto e Suolo Pubblico 2015 02820/013 Servizio Pubblicità e O.S.P. CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Tributi, Catasto e Suolo Pubblico 2015 02820/013 Servizio Pubblicità e O.S.P. CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Tributi, Catasto e Suolo Pubblico 2015 02820/013 Servizio Pubblicità e O.S.P. CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 253 approvata il 30 giugno 2015 DETERMINAZIONE: PROCEDURA APERTA

Dettagli

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET Il budget è un importante strumento operativo per la gestione aziendale,

Dettagli

Creare diagrammi di Gantt con Visio 2003

Creare diagrammi di Gantt con Visio 2003 Creare diagrammi di Gantt con Visio 2003 La fase di pianificazione di un progetto è sicuramente molto delicata e alquanto complessa, in quanto bisogna riuscire a definire una scomposizione del progetto

Dettagli

Codice di Condotta Commerciale. per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali

Codice di Condotta Commerciale. per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali Codice di Condotta Commerciale per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali ( Delibera ARG/com 104/10 Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com 196/10 239/10 ) Titolo

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT

IL PROJECT MANAGEMENT Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 a.a.2014-2015 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà

Dettagli

2. Stima sintetico-comparativa del costo di costruzione con individuazione delle incidenze percentuali e

2. Stima sintetico-comparativa del costo di costruzione con individuazione delle incidenze percentuali e Università IUAV di Venezia - Corso di Valutazione estimativa del progetto Prof. Stefano Stanghellini Esercitazione Stima del costo di costruzione di un opera (secondo le modalità del Decreto legislativo

Dettagli

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROPONENTE UNICO: PROVINCIA DI BERGAMO ANNO 2009 Indice: Introduzione: scopo e contenuto del progetto... 2 Progetto Tecnico... 2 1. Modalità di realizzazione

Dettagli

Costo Industriale e Budget per Linee di produzione

Costo Industriale e Budget per Linee di produzione Costo Industriale e Budget per Linee di produzione E un Software decisamente innovativo che, ancora più degli altri, offre alle PMI la possibilità di avvicinarsi alla problematica della determinazione

Dettagli

Schedulazione MRP-II

Schedulazione MRP-II modulo Schedulazione MRP-II --------- Carico Risorse Produttive a Capacità FINITA ( FCS ) BREVE GUIDA ( su logiche di funzionamento e modalità d uso ) www.impresa24.ilsole24ore.com 1 Sommario Premessa

Dettagli

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione dei Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Metodologie operative Pianificazione e dimensionamento di un progetto Controllo e gestione operativa del progetto.

Dettagli

Specifica METODO STR VISION CPM

Specifica METODO STR VISION CPM Pag. 1 di 7 Oggetto Specifica METODO STR VISION CPM 0 05.05.2015 EMISSIONE TASA DT PRS Rev. Data Descrizione Modifica Redatto Approvato Autorizzato Pag. 2 di 7 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO... 2 2. REGISTRAZIONE

Dettagli

La pianificazione dei lavori

La pianificazione dei lavori La pianificazione dei lavori Rev. 02/2012 1 PIANIFICAZIONE DEI LAVORI Programmare i tempi delle fasi del Processo Edilizio Organizzare il Processo di Realizzazione Determinare la durata dell intervento

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

Elementi di Statistica descrittiva Parte I

Elementi di Statistica descrittiva Parte I Elementi di Statistica descrittiva Parte I Che cos è la statistica Metodo di studio di caratteri variabili, rilevabili su collettività. La statistica si occupa di caratteri (ossia aspetti osservabili)

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI. Capitolo V IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEL PROGETTO

GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI. Capitolo V IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEL PROGETTO GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI DISPENSE DI SUPPORTO ALLO STUDIO CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE DEI PROGETTI E DELLE INFRASTRUTTURE (PROF. ING. GUIDO CAPALDO, ING. ANTONELLO VOLPE) Capitolo

Dettagli

La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici

La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici Appalti Pubblici La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici L articolo analizza nel dettaglio, per gli appalti di lavori pubblici stipulati a corpo, le modalità per la contabilizzazione

Dettagli

Tecniche Reticolari. Problema: determinare l istante di inizio di ogni attività in modo che la durata complessiva del progetto sia minima

Tecniche Reticolari. Problema: determinare l istante di inizio di ogni attività in modo che la durata complessiva del progetto sia minima Project Management Tecniche Reticolari Metodologie per risolvere problemi di pianificazione di progetti Progetto insieme di attività A i di durata d i, (=,...,n) insieme di relazioni di precedenza tra

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli