Marketing corso progredito Prof. Giancarlo Ferrero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marketing corso progredito Prof. Giancarlo Ferrero"

Transcript

1 Marketing corso progredito Prof. Giancarlo Ferrero Biandolino Roberta Cuccarano Gianpaolo Marinelli Luna Masili Giorgia Meloni Loredana Pascale Daniela Piva Simon Tamburrano Francesco Anno Accademico 2014/2015 1

2 Cos è la promozione? La promozione delle vendite è un attività che utilizza un insieme di tecniche e mezzi di comunicazione allo scopo di suscitare nel target prescelto la nascita o l evoluzione di un comportamento di acquisto o di consumo. Allo scopo di velocizzare il processo d acquisto del cliente 2

3 Perché ricorrere alle promozioni? Incrementare le vendite, anche se nel breve periodo. È parte integrante delle attività di marketing e comunicazione: i clienti si aspettano delle attività promozionali. Consente una misurazione più veloce del risultato aziendale rispetto a comunicazione e relazioni pubbliche. Far conoscere i propri prodotti e creare fiducia nel consumatore. Ridurre le scorte. Difendere il proprio posizionamento durante i periodi di crisi. 3

4 Tipologie di promozione Al consumatore Promozione commerciale Promozione realizzata dal distributore 4

5 Promozioni Le promozioni per il cliente variano a seconda dell incentivo offerto: Di prezzo (below the line) Orientate al servizio (above the line) 5

6 Promozioni di prezzo Offerte speciali Sconto periodico Sconto per evento speciale Sconto subordinato a comportamenti Quantità di prodotto gratis Confezioni speciali Buoni sconto 6

7 Promozioni non di prezzo Area dell omaggio Campioni Raccolta punti Regali in/on pack Direct give away Self liquidating offer Servizi (partecipazione evento, corso ecc.) 7

8 Promozioni non di prezzo Area gioco Concorsi a estrazione Gratta e vinci Slot machine Raccolta punti Promo eventi 8

9 Promozione commerciale Contendere volumi di vendita ed erodere quote di mercato dei concorrenti. Stimolare la vendita di nuovi prodotti. Ricercare equilibrio tra promozioni di prezzo e promozioni di servizio. Consolidare e diffondere la brand image per rafforzare il posizionamento. 9

10 Promozione per la distribuzione Creare traffico nel punto vendita. Estendere la valutazione di convenienza, smaltimento scorte, aumento vendite. Price image di convenienza dell insegna. Below the line e pianificazione anche nel lungo termine. Maggior valore alla promozione di servizio. 10

11 Strategie utilizzate: Hi-Lo: riduzione temporanea del prezzo su paniere prodotti ridotto EDLP every day low price 11

12 EDLP Puro Sfrutta tutte le leve del retail mix, punta a: abbassare i costi di produzione per abbassare il prezzo del prodotto; stimolare la produttività del personale per far crescere i volumi di vendita; sviluppare una logistica funzionale ed efficiente; avere forti richiami comunicativi (media e comunicazione istituzionale). N.B. Non esiste alcun tipo di agevolazione (come carta fedeltà) poiché comporta una perdita per l'azienda. 12

13 Esempio filosofia EDLP: Wal Mart Per differenziarsi dalla concorrenza ha impostato la sua logica aziendale sul EDLP. I punti di forza di questo approccio sono : continua innovazione del prodotto; rapporti molto stretti con i fornitori: grandi, dai quali riesce a spuntare economie di scala e piccoli, con i quali ha un forte peso contrattuale e riesce ad avere vantaggi di costo e di prodotto; forte impatto comunicativo istituzionale. 13

14 Esempio di conversione: HiLo a EDLP Caso Mercadona Punto di forza: stabilità dei prezzi e del cliente. Motto fornitori fissi, prezzi fissi, dipendenti fissi, clienti fissi dà al consumatore l'idea di stabilità e sicurezza. Punta molto anche sui dipendenti assicurando loro un contratto determinato e sui fornitori. 14

15 Modelli di EDLP ibridi Si caratterizzano per un diverso utilizzo della leva promozionale e per forti politiche di comunicazione. A livello distributivo l applicazione delle politiche EDLP avviene per distributori di piccoli e medie dimensioni; le politiche di Hi-Lo vengono attuate dai distributori di grandi dimensioni. Alcune insegne hanno abbassato i prezzi di alcuni prodotti e utilizzato un forte impatto comunicativo oppure hanno utilizzato carte fedeltà. 15

16 Esempio EDLP ibrido: Gruppo Delhaize Pratica la strategia del prezzo giusto tutti i giorni Adotta un prezzo più basso rispetto ai competitors HiLo Investe una parte di risorse nel budget promozionale Enfatizza la stabilità dei prezzi rispetto ai competitors Si propone come prezzo più conveniente della piazza 16

17 Vantaggi vs Svantaggi dei sistemi ibridi Vantaggi: Maggiore capacità di adattamento ai diversi contesti locali. Possibilità di gestire in modo continuativo le risorse e la fiducia del cliente abituale. Facilità e trasparenza della formula. Svantaggi: Difficoltà nell abbassare il prezzo ulteriormente perché non comporta un aumento della clientela o di interesse della massa critica. 17

18 La leva del prezzo gioca un ruolo fondamentale nell ambito della promozione delle vendite. 18

19 Le strategie del prezzo flessibile Quando si parla di prezzo flessibile? Quando uno stesso prodotto viene venduto a clienti diversi a prezzi diversi e le imprese dunque non hanno un prezzo di vendita unico ma una serie di prezzi adattati alle diverse situazioni di mercato. Perché? È un approccio che si basa sul fatto che vi sono clienti diversi con una diversa sensibilità al prezzo, ma anche diversità di costi e di obiettivi promozionali. 19

20 Le strategie del prezzo flessibile Si parla perciò di discriminazione dei prezzi, ossia quando le variazioni dei prezzi adottate non sono giustificate da differenze nei costi La discriminazione di prezzo può essere anche dinamica nel momento in cui i prezzi vengano automaticamente corretti in base al momento della giornata o al periodo dell anno. 20

21 Le strategie del prezzo flessibile Esempi La squadra di baseball dei New York Mets applica allo stesso posto a sedere prezzi diversi in base al giorno della settimana alla squadra avversaria e al periodo dell anno (durante i mesi estivi il prezzo è più elevato). La Juventus discrimina il prezzo del nuovo stadio di Torino in base alla posizione dello stadio. 21

22 Le strategie del prezzo flessibile Ci sono cinque modi per ottenere la flessibilità del prezzo quando le variazioni non sono giustificate da differenze nei costi a) Sconti nei mercati secondari: l impresa ha un eccesso di capacità produttiva e ha l opportunità di vendere in un mercato nuovo senza veder aumentare i propri costi fissi o variabili e senza correre il rischio di perdere vendite sul suo mercato principale. b) Lo sconto stagionale: Per sfruttare l eterogeneità della domanda potenziale, l impresa venderà ad un prezzo elevato all inizio della stagione per poi abbassarlo sistematicamente alla fine. 22

23 Le strategie del prezzo flessibile c) Sconti casuali: strategia che richiede di mantenere il prezzo alto e di applicare lo sconto a intervalli di tempo casuali, non prevedibili. d) Prezzi promozionali: diverse forme tra cui I prezzi invito dei grandi magazzini o dei supermercati; Le offerte speciali; I finanziamenti a basso tasso d interesse offerti dai concessionari d auto; Le offerte di rimborso; I vari contratti di garanzia e di servizio. e) Gestione dei prezzi: adattamento dei prezzi di listino in base alle condizioni di realizzazione di vendita quantitativi ordinati, tipo di intermediari, aree geografiche, modalità di pagamento,. 23

24 Pricing anticiclico La crisi economica e le riduzione dei consumi ha portato le imprese a migliorare l'efficienza delle loro politiche di prezzo: cercano di mantenere inalterato il prezzo di vendita dei loro prodotti o per lo meno cercano di lenire l effetto della crisi sui prezzi cercando di ampliare il loro mercato obiettivo tramite: Una riduzione della possibile imitazione dei propri prodotti ricorrendo a innovazioni tecnologiche; Trasformazione del cliente in cliente proattivo connettendo il pricing di prodotto con il pricing di cliente, la promozione dell'insegna e la promozione della marca, il macromarketing con il micromarketing. Alterazione della leva della convenienza reale e quella percepita; Sviluppo di un'immagine di convenienza promozionale tramite il riposizionamento della marca commerciale. 24

25 MACROMARKETING vs MICROMARKETING Macromarketing: le iniziative sono rivolte al mercato in generale e consistono nella promozioni: della marca-insegna; dell'immagine di convenienza; della marca commerciale; del traffico (promozioni insegna "below the line"); della fedeltà dell'insegna (promozioni insegna "above the line"). 25

26 MACROMARKETING vs MICROMARKETING Micromarketing: sono basate sulla discriminazione /differenziazione delle condizioni per segmenti di clientela individuati principalmente in base ai comportamenti di acquisto, consumo, e distanza dal punto vendita adottando una logica di offerte speciali. Le politiche relative sono quindi attuate verso tutti i clienti del punto vendita ma sono specificate per segmenti di clientela 26

27 Pricing di prodotto Pricing di cliente Significa sviluppare un approccio micro al marketing distributivo; l'impresa cerca quindi di offrire prodotti che rappresentino una convenienza rivolta a specifici segmenti di target. 27

28 Esempio: carta Pass (Carrefour) Promozione lanciata nel 2004, prevedeva 3 scelte alternative di sconto: 1) Sconto annuale immediato del 15% su 25 prodotti tra un totale di 243 prodotti. Vantaggi: I 25 prodotti venivano registrati sulla carta del cliente e nel database in modo tale da permettere una contabilizzazione automatica dello sconto riconosciuto negli acquisti successivi. Svantaggi: Mancata fidelizzazione del cliente all'insegna ma fidelizzazione alla marca; quindi è la stessa industria di marca che riduce il prezzo di vendita ai clienti Carrefour. 28

29 Esempio: carta Pass (Carrefour) 2) Sconto mensile differito del 15-20% valevole dal primo scontrino del mese successivo con la scelta di 600 prodotti. Vantaggi: paniere di beni più ampio; fidelizzazione del cliente all'insegna poiché lo sconto è applicato al totale della spesa e non ai singoli prodotti. Svantaggi: Non riscontrati. 29

30 Esempio: carta Pass (Carrefour) 3) Invio ai clienti di 30 coupon mensili differenti in base al profilo sociodemografico dei titolari della carta. Vantaggi: permette di analizzare i comportamenti d'acquisto passati per individuare azioni volte a confluire in modo efficace sul comportamento futuro. Svantaggi: Possibile esclusione di potenziali clienti/utilizzatori dei prodotti presenti nel coupon. 30

31 Esempio promozione "Iperfollie" Finiper La strategia di promozione è stata quella di offrire ai possessori della carta commerciale uno sconto del 25% sul totale della spesa da applicare al successivo acquisto che doveva avvenire entro una data prefissata. I clienti potevano scegliere l'applicazione dello sconto o all'intero scontrino oppure ai singoli prodotti se tale opzione era preventivamente decisa dall'insegna e dall'impresa produttrice. 31

32 Convenienza reale o percepita? La convenienza che il consumatore percepisce è legata alla stessa percezione della crescita dei prezzi che a sua volta è connessa sia ai prodotti che subiscono un rialzo sia al luogo d'acquisto. Le imprese alterano la percezione della convenienza adottando un approccio di pricing inflattivo caratterizzato da alcuni elementi tra i quali: 1. Comparazione dell'inflazione interna con la media di mercato; 2. Sviluppo di una politica di EDLP ( Every Day Low Price) accanto a una politica di HLP ( High-Low Price); 3. Pubblicità comparativa della convenienza; Altri caratteri: Sviluppo della marca commerciale di primo prezzo. Sviluppo di un immagine di convenienza nelle variazioni di prezzo; 32

33 Convenienza reale o percepita? 1) Comparazione inflazione interna vs inflazione di mercato: Esempio Coop Per comparare l'inflazione interna e quella di mercato la Coop con la collaborazione di un comitato di docenti universitari ha costruito un indice considerando 1200 prodotti confezionati e 400 prodotti a peso variabile. Il risultato è stato dell'1,3% di crescita dei prezzi interni tra il 2002 e il 2003; tale valore è stato poi confrontato con l'indice Istat pari a 2,5% e con la variazione dei prezzi dei concorrenti principali con uno scarto di 1,5 punti. Avendo avuto tali risultati la Coop decise di non aumentare nel 2004 i prezzi al consumo oltre l'1,5%. 33

34 Convenienza reale o percepita? 2) Sviluppo di strategie EDLP: aprendo nuovi supermercati; riconvertendo i punti vendita. Tale strategia è stata utilizzata da varie insegne tra cui Esselunga, GS, Conad, Coop, Auchan le quali hanno poi studiato il comportamento dei propri clienti per testare l'efficacia della politica EDLP adottata. Due sono state le politiche: 1) EDLP PURO: comunicazione di tipo deflattivo ossia "abbassamento dei prezzi oggi e per sempre"; 2) EDLP COMPETITIVO: comunicavano "i miei prezzi sono più bassi di... ". Risultati: EDLP puro: i punti vendita erano percepiti più convenienti anche se in realtà non lo erano; EDLP competitivo: i punti vendita erano effettivamente più convenienti ma non venivano percepiti come tali. 34

35 Convenienza reale o percepita? 3) Pubblicità comparativa della convenienza: esempio Carrefour Per evidenziare la differenza di prezzo dei vari prodotti, l'insegna ha allestito tre carrelli: Il primo carrello conteneva prodotti di marca industriale leader; il secondo carrello conteneva prodotti di marca commerciale, avendo un vantaggio di prezzo pari al 27%; il terzo carrello conteneva prodotti di prima marca, con un vantaggio del 55%. L'insegna in tal modo voleva trasmettere il messaggio secondo cui per acquistare con convenienza non era necessario recarsi nei discount ma bensì scegliere i prodotti tra i tre carrelli a disposizione. 35

36 Promozioni di prezzo 36

37 Attrarre la clientela La promozione risulta efficiente se esprime un concetto di : ECCEZIONALITA' ORIGINALITA' LA PROMOZIONE NON è UNA SVENDITA 37

38 TECNICHE PROMOZIONALI SOTTOCOSTO PRODOTTI CIVETTA 3X2,2X1... OFFERTE ABBINATE SCONTI 38

39 SOTTOCOSTO Il sottocosto è una tipologia di vendita, nella quale il prezzo a cui viene venduto un prodotto è inferiore rispetto al prezzo di acquisto Guadagno del punto vendita= attrarre verso il proprio esercizio un vasto pubblico che tipicamente effettuerà, oltre agli acquisti sottocosto, anche altri acquisti, i cui guadagni compensano le perdite dovute al sottocosto. Il sottocosto è regolamentato dall'art. 15, comma 7 D.lgs n. 114 del 31 marzo

40 SOTTOCOSTO I prodotti sottocosto non possono essere più di 50 Un sottocosto non può durare per più di 10 giorni In un anno si possono lanciare al massimo 3 sottocosto non consecutivi 40

41 SVANTAGGI PER L'IMPRESA Il sottocosto può essere applicato da un'impresa solo se essa è in grado di fissare, in un periodo successivo, prezzi superiori ai costi variabili, tali da compensare le perdite subite. 41

42 Sottocosto abbinato all'apertura di un nuovo punto vendita Euronics 42

43 PRODOTTI CIVETTA L'utilizzo dei prodotti civetta che ci permette di influenzare la percezione dei potenziali acquirenti attraverso una scelta commerciale che dipende unicamente dal distributore Obiettivo del prodotto civetta: aumentare le vendite di un prodotto,affiancandolo e comparandolo a un prodotto che agisca da esca. 43

44 Il prodotto civetta agisce come un trucco percettivo: 44

45 Offerta periodico The Economist 1. Iscrizione a The Economist versione online $59 2. Iscrizione a The Economist versione cartacea $ Iscrizione a The Economist versione sia online che cartacea $125 45

46 3x2, Prendi due paghi uno Il 3x2,e il 2x1 sono strumenti che consentono al consumatore un risparmio rispettivamente del 33% e del 50% pagando un articolo a prezzo pieno e ottenendolo uno gratis Svantaggi per l'acquirente: sempre più spesso questo tipo di prodotti costano più della media,tanto da rendere conveniente l'acquisto esclusivamente a chi ne acquista più pezzi. 46

47 OFFERTE ABBINATE La vendita abbinata è una formula promozionale attraverso la quale due o più prodotti vengono offerti ai clienti ad un prezzo unico, inferiore rispetto alla somma dei prezzi dei prodotti singoli 47

48 OFFERTE ABBINATE Offerta limitata nel tempo Sulla confezione deve essere comunicato chiaramente il prezzo di entrambi i prodotti, la percentuale di sconto e il prezzo finale da pagare. Nel punto vendita deve essere possibile acquistare i prodotti,oggetto della promozione, anche singolarmente. 48

49 Svantaggi Le vendite abbinate sono occasioni convenienti solo per una cerchia di clienti Vendite che, molto spesso riguardano prodotti dai costi impegnativi (elettrodomestici, articoli di elettronica) Non è permesso all'acquirente la scelta del modello piò adatto alle proprie esigenze 49

50 Buon NaTablet Unieuro 50

51 SCONTI Lo sconto è la base del concetto d'offerta, consiste in una riduzione di prezzo proposta anche sui singoli prodotti, senza che questi siano inclusi in una campagna. 51

52 Svantaggi dello sconto Se vengono attuati sconti frequenti nel punto vendita si ha il rischio di abbassare il valore reale percepito dal cliente È necessario valutare la tipologia di cliente a cui dirigere lo sconto Capita molto spesso che il messaggio promozionale venga frainteso 52

53 DoppioSconto di Euronics 53

54 Fidelity card Geotagging 54

55 La Fidelizzazione Cos è? Azioni mirate al mantenimento della clientela esistente. Strategie volte a creare il più elevato grado di Customer Satisfaction. Tenersi un vecchio cliente costa meno che doverne rincorrere uno nuovo Perché? Un cliente soddisfatto è un cliente che ritorna e acquista ancora e garantisce una base di fatturato stabile e duratura. Fidelizzare permette di ottenere un reale ritorno dell'investimento (ROI) nel medio/lungo periodo. I costi per l'acquisizione di nuovi clienti sono quasi sempre superiori a quelli sostenuti per il mantenimento di quelli vecchi. 55

56 La Fidelizzazione Chi? Valutare le esigenze di personalizzazione, tenendo presente che non tutti possono diventare clienti duraturi. Clienti troppo dispendiosi in termini di tempo, costi e impegno. Come? Un rapporto chiaro e trasparente. Qualità effettiva dei prodotti/servizi offerti. Campagne di marketing e strategie di fidelizzazione in linea con le aspettative del cliente. Creare un vantaggio effettivo per il cliente. Trattamenti di favore (fidelity-card). Prezzi agevolati Comunicare news utili (strategia di marketing) Servizio di assistenza (Customer Care) Sito internet funzionale 56

57 Micromarketing Si basa sulla segmentazione della clientela che, a sua volta, si fonda su un pacchetto di tecnologie informative da utilizzare congiuntamente. Si tratta in particolare di: Carta fedeltà (Fidelity Card) POS-SCANNER 57

58 Fidelity Card È uno strumento di: individuazione dei clienti; segmentazione dei clienti in cluster omogenei rispetto a uno o più caratteri; comunicazione ai segmenti scelti come target delle azioni di marketing. Coca cola nel 1994 offriva agli acquirenti di Orangina, nel momento in cui effettuavano il pagamento, un buono sconto per acquistare in una prossima occasione una confezione di Fanta. POS-SCANNER È una tecnologia che permette l identificazione socio psicografica dei clienti con il loro comportamento d acquisto. Consente di registrare le vendite per singolo articolo e di offrire prezzi/punti diversi per acquirente. Il POS può essere utilizzato per comunicare opportunità legate agli acquisti effettuati in occasione della prossima visita. 58

59 La Segmentazione Scelta del Target Non acquirenti Basso acquirenti Alto acquirenti 59

60 L impresa deve decidere quali clienti premiare Clienti più importanti Azioni orientate a mantenere i comportamenti più virtuosi, concedendo sconti a consumatori con più alta frequenza d acquisto e il più alto scontrino. Incentivare i clienti a diventare più importanti Azioni orientate a cambiare i comportamenti. 60

61 Rapporto tra creazione di traffico e fidelizzazione dei clienti più importanti L impresa deve scegliere tra: Una politica aggressiva: attirando nuovi clienti aumentando la penetrazione dei clienti occasionali. Una politica meno aggressiva: focalizzazione sui clienti più importanti da incentivare in quanto fedeli. 61

62 Secondo Brian Woolf (esperto di customer marketing):. Non avrebbe senso offrire sconti per attirare in un punto vendita i peggiori clienti ma è meglio incentivare la fedeltà dei clienti sottraendo risorse al target dei consumatori occasionali per destinarle al target dei consumatori più importanti. 62

63 Aspetti a favore della fedeltà Rinunciare a scegliere tra le diverse alternative. Gli incentivi offerti per aumentare la fedeltà devono essere percepiti dal consumatore come più consistenti rispetto al vantaggio derivabile dal visitare più insegne per cogliere le opportunità promozionali. Aspetti a sfavore della fedeltà Se tutte le imprese orientassero in modo univoco alla fidelizzazione, il cliente confronterebbe di conseguenza gli incentivi offerti sul mercato. Passaggio da fedeltà cognitiva a fedeltà incentivata. L esperienza empirica dimostra che i clienti più fedeli sono anche quelli con il più alto scontrino 63

64 Fidelity card Rappresentano il simbolo di riconoscimento e di identificazione per i consumatori che partecipano a un programma di fidelizzazione. Associano un software che consente di raccogliere, mantenere ed estrapolare dati importanti sulle abitudini d'uso della clientela. 64

65 Il sistema di fidelizzazione è uno strumento per Incentivare le vendite Fidelizzare dei clienti Acquisire nuova clientela Monitorare le vendite Statistiche sui clienti Comunicazione Vantaggi Aumentare la propria visibilità Incentivare la fidelizzazione Incrementare il fatturato Aumentare lo scontrino medio Differenziarsi dalla concorrenza Promuovere un prodotto Smaltire le scorte Contrastare la stagionalità Acquisire nuovi clienti Carta Sconto: Si applica uno sconto percentuale per incentivare il cliente alla spesa. Raccolta punti: Campagna promozionale legata all accumulo di punti alla spesa effettuata, finalizzata al raggiungimento di un premio. Il premio può essere un buono sconto o uno sconto percentuale utilizzabile nei successivi acquisti oppure un premio da catalogo. 65

66 Carta PAYBACK E il nuovo programma fedeltà multipartner ricco di vantaggi, pensato per premiare gli acquisti quotidiani e non solo. Al programma aderiscono Partner come l'operatore telefonico: 3, Alitalia, American Express, Carrefour, Carrefour Banca, Esso, Mediaset Premium. PAYBACK, grazie a piattaforme di marketing e couponing, è promotrice di un programma fedeltà tra i più efficienti al mondo. Presente già in Germania, Polonia, Messico e India, PAYBACK offre ai suoi iscritti tantissime occasioni per essere premiati. 66

67 I punti accumulati sulla carta PAYBACK possono essere utilizzati per scegliere tra premi a catalogo o essere trasformati in sconti per gli acquisti con gli stessi Partner aderenti. Flessibilità e opportunità della carta per i consumatori. PAYBACK è stato lanciato in Germania nel 2000 riscuotendo un immediato successo. I vantaggi che PAYBACK offre aumentano di giorno in giorno e si possono scoprire sul sito internet attraverso l applicazione da scaricare per gli smartphone. 67

68 GEOTAGGING Il Geotagging consiste nel fotografare un ambiente, una persona, un ricordo o qualsiasi cosa che piaccia e quindi inserirlo in una mappa, tramite applicazioni per smartphone. ovvero la mania di far sapere dove ci si trova, spesso associata a locali, ristoranti, uffici e quant altro localizzabile sulle mappe. Attraverso questa funzione si può scoprire molto di un posto x prima di esserci stato fisicamente grazie alle recensioni o alle fotografie scattate spontaneamente da chi ci è passato prima. Il risvolto è soprattutto di business e può portare grandi vantaggi sia alle aziende che alle attività commerciali. 68

69 Utilità Utilità del Geotagging: Trasformare l applicazione in una guida per scoprire nuovi posti da visitare, per consigliare negozi e attività in cui comprare, segnalare eventi in tempo reale. le aziende e soprattutto i locali, possono sapere dove trovare i propri clienti ai quale direzionare messaggi promozionali mirati. Il capostipite di questa tecnologia è certamente Foursquare diffusissimo negli Stati Uniti, ma oggi presente sui social Facebook, Flickr, Trip Advisor. 69

70 Promozioni con geotagging L Italia è il primo esempio di business legato a Foursquare ed è quello di COIN. Coin regala la CoinCard Easy (solitamente venduta a 5 euro) a chi diventa Mayor di un punto vendita del Gruppo Coin. Sfruttare i checkin a livello commerciale. Gli utenti fanno pubblicità perchè ogni checkin è segnalato ai propri contatti on line, in cambio ricevono un regalo o uno sconto. PORTA SEMPRE CON TE LA COINCARD EASY SUL TUO SMARTPHONE 70

71 Promozioni Prodotto Concorsi Promozioni Congiunte 71

72 1) Promozioni di prodotto Free Sampling 72

73 Free Sampling nel web Caso Masseria Incantalupi Possibilità, tramite il suo sito web, per chiunque ne faccia richiesta di ricevere gratis e senza obbligo di acquisto un campione omaggio del loro ottimo olio. 73

74 2) Concorsi 74

75 2.1 Concorsi a premio 75

76 Obiettivi: Incrementare le vendite DB building Aumentare l immagine di marca Aumentare pedonabilità nel P.D.V Trial di prodotto Fidelizzazione 76

77 2.2 Giochi o Advergaming 77

78 78

79 2.3 Gratta e vinci 79

80 3) Promozioni Congiunte 1. Coomarketing : Anche detto tie in, in cui piu aziende concordano di effettuare una promozione che va a beneficio dei prodotti di ciascuna azienda 2 Esempi : Motorola e D&G, CocaCola e Cavalli 2. Charity: Parte del prezzo del prodotto è devoluto in beneficienza dal produttore o dal venditore oppure l impresa in cambio del contatto del cliente effettua donazioni. 3. Give Away: Un mini concorso legato a un brand particolare, con la possibilità di vincere dei premi semplicemente commentando l articolo o partecipando attivamente alla pagina Facebook dedicata. 80

81 Co-marketing: Caso Motorola e D&G Caso CocaCola e Cavalli 81

82 Charity: 82

83 Give Away 83

84 84

85 Strumenti delle relazioni pubbliche 1. Comprende le informazioni relative all impresa, come il lancio di un nuovo prodotto o la firma di un contratto importante; selezionata l informazione verranno organizzati gli incontri con la stampa. 2. Comprende le pubblicazioni aziendali, come i rapporti annuali, i cataloghi dei prodotti. 3. È composta da eventi o manifestazioni, ovvero la comunicazione attraverso eventi oppure tramite eventi organizzati dalla stessa impresa. 4. Comprende la partecipazione dell impresa a cause di interesse generale, umanitarie, scientifiche o culturali. Gli ultimi due strumenti sono utilizzati dall impresa per valorizzarsi nei confronti dell opinione pubblica. 85

86 Caso 1 Eataly Roma 86

87 Qualche dato su Eataly Roma Nel primo anno di attività ha registrato più di 5 MILIONI di visitatori di cui più di 3,5 MILIONI sono diventati consumatori Mediamente ogni weekend si sono registrate più di 30 mila visitatori Il fatturato registrato nel primo anno ha superato i 70 MILIONI di euro Da lavoro a più di 600 dipendenti 87

88 Street Food Festival L evento si divideva in due aree promozionali ben distinte: 1. La prima consisteva nell offrire 40 dei migliori prodotti Eataly Roma ad un prezzo speciale di 1 euro attraverso l utilizzo di sconti fino all 80% del valore del prodotto, per un periodo di tempo di 10 giorni. 2. La seconda consisteva nel tema centrale di questo evento, ovvero la possibilità di mangiare street food italiano ed internazionale al prezzo speciale di 4 euro per piatto. 88

89 Obiettivi della promozione Aumento delle vendite Aumento del fatturato Aumento del numero di consumatori della marca Aumento della quantità consumata aumento stabile della quantità consumata Obbiettivi incentrati sulle vendite Obbiettivi incentrati sul consumatore 89

90 Caso 2 Mediaworld 90

91 Promozione Tifa Italia e vinci L offerta promozionale di Mediaworld Tifa Italia e vinci si è verificata tra il 18 maggio 2006 e l 8 giugno 2006; sull acquisto di mega televisori (dai 32 pollici in su, cristalli liquidi o plasma) acquistati in questo periodo si poteva usufruire di un rimborso in buoni acquisto dell'equivalente speso, in caso di vittoria ai mondiali della nazionale italiana. 91

92 Obiettivi della promozione Aumento delle vendite Aumento del fatturato Aumento della quantità acquistata Breve periodo Aumento quota di mercato Consolidamento della quota di mercato Medio/lungo periodo 92

93 Risultati ottenuti da questa promozione Valore totale della promozione 18 milioni di euro; Numero di buoni premio consegnati 13 milioni; Prezzo medio di una tv 1560,00 euro; Redemption: 89%; Aumento delle vendite di tv durante il periodo promozionale +30%; Aumento quota di mercato +300%; Investimento pubblicitario 8,5 milioni di euro; Ritorno editoriale 2 milioni di euro; Dati: 93

94 Contesto Buoni carburante Buoni sconto Buoni scuola Black Friday 94

95 Quali sono gli effetti della crisi sui consumi? Elasticità al Prezzo per le principali categorie FOOD Fonte: Nielsen Aumento dell elasticità al prezzo a scaffale per tutte le categorie, con esclusione dei prodotti light e di quelli dedicati al benessere. Il consumatore è sempre più attento al prezzo che deve pagare e al suo carrello della spesa. 95

96 Efficacia delle Promozioni per le principali categorie FOOD Fonte: Nielsen Efficacia del taglio prezzo sempre maggiore: il consumatore rimanda l acquisto di determinati prodotti fintanto che non li trova in promozione. 96

97 L azienda deve: Trovare un giusto punto di equilibrio tra prezzo a scaffale e frequenza/durata/intensità delle promozioni. Giocare sulla leva dell innovazione con promozioni che mirano a salvaguardare il portafoglio del consumatore e che lo aiutano anche su altri fronti, offrendo: buoni carburante; buoni sconto da utilizzare per le spese successive; sconti sui libri o bollini per la scuola. 97

98 Buoni carburante Caso Esselunga Caso FIAT 98

99 Buoni acquisto Caso El Paìs ha lanciato una raccolta punti: chi riempirà la scheda con almeno 20 prove d acquisto del giornale potrà fare una spesa gratis pari a 115 euro presso El Corte Inglès. El Paìs, in sostanza, regala potenzialmente 4,20 euro di spesa per ogni copia acquistata. 99

100 Buoni per le scuole Caso Coop Lombardia Caso Amazon 100

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Il Marketing Analitico

Il Marketing Analitico Il Marketing Analitico Terza Lezione Bari, 19 Novembre 2007 Agenda Il mercato (follow-up) Le performance interne Esercitazione interattiva 2 Il Marketing Analitico 1 2 3 Il consumatore Il mercato Le performance

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it CRM & micromarketing per la creazione di fedeltà e valore I Mktg-L12 CRM "Il CRM

Dettagli

Gallerie Commerciali. Progetti di fidelizzazione per incrementare le vendite e premiare i clienti

Gallerie Commerciali. Progetti di fidelizzazione per incrementare le vendite e premiare i clienti Progetti di fidelizzazione per incrementare le vendite e premiare i clienti Per fidelizzare la clientela è necessario utilizzare sistemi innovativi, flessibili e personalizzabili. Sistemi che diano valore

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

Centri Commerciali Naturali

Centri Commerciali Naturali Shopping Plus per i Centri Commerciali Naturali Le Fidelity Card per gli acquisti in città LA FIDELIZZAZIONE: COS È? La fidelizzazione consiste nell insieme di azioni mirate al mantenimento della clientela

Dettagli

LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE. Cristina Botter

LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE. Cristina Botter LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE Cristina Botter CHI SIAMO Trade Business è testata leader del commercio moderno, letto dai protagonisti dell'industria

Dettagli

I trend del 2011 si sono accentuati nel 2012

I trend del 2011 si sono accentuati nel 2012 Quale percorso per migliorare la performance del volantino? Gianpiero Lugli Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia I trend del 2011 si sono accentuati nel 2012 Menopubblicitàepiùpromozione(dal26,4al27,4)

Dettagli

OPEN B2B OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com

OPEN B2B OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com OPEN B2B L OFFERTA DEDICATA A TUTTI I PARTNER COMMERCIALI DI OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. La nostra parola

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

POLITICA DI PREZZO. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

POLITICA DI PREZZO. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino POLITICA DI PREZZO 1 Definizione: il prezzo è la somma di denaro pagata dal compratore al venditore in cambio di ciò che riceve come prestazione (corrispettivo del valore ricevuto). Le politiche di prezzo:

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità H

TELEPASS+ 3 - Unità H TELEPASS+ 3 - Unità H La gestione delle vendite e il marketing SOGGETTI GESTIONE DELLE VENDITE APPARATO DISTRIBUTIVO Insieme delle aziende e degli operatori economici, pubblici e privati, che intervengono

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

www.ennepiesse.it 07/10/2014 il valore dell esperienza

www.ennepiesse.it 07/10/2014 il valore dell esperienza www.ennepiesse.it 07/10/2014 e molto di PIÙ FIDELIZZARE SIGNIFICA: CONOSCERE. PREVEDERE. RISPONDERE. FEDELE è più di un software! FEDELE ti permette di crescere ancora di più attraverso la Fidelizzazione

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

L innovazione della fidelity nel mondo retail

L innovazione della fidelity nel mondo retail Relatore: Vincenzo Tondolo L innovazione della fidelity nel mondo retail Panoramica sul mondo fidelity Come funziona A chi si rivolge Quali strumenti sono in circolazione Differenze tra i vari sistemi

Dettagli

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita In costante sviluppo, sempre pronta a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, Holidaytravelpass si è presto consolidata anche come tour operator initalia

Dettagli

Rimettere le scarpe ai sogni

Rimettere le scarpe ai sogni www.pwc.com Rimettere le scarpe ai sogni 25 ottobre 2013 Erika Andreetta Retail & Consumer Goods Consulting Leader PwC Agenda Il contesto economico Gli scenari evolutivi del mondo Consumer & Retail: Global

Dettagli

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA IL CICLO DI VITA DEL CLIENTE RETENTION SVILUPPO Mantenere un elevata percentuale di clienti di valore riducendo le

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti I profondi e rapidi cambiamenti che in questi anni si sono manifestati in

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Il Geomarketing I Mktg-L13 Il Geomarketing,

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

Emmebi srl. Strategie di marketing urbano per i. Centri Commerciali Naturali

Emmebi srl. Strategie di marketing urbano per i. Centri Commerciali Naturali Emmebi srl Strategie di marketing urbano per i Centri Commerciali Naturali IL NETWORK DEI "CENTRI COMMERCIALI NATURALI" E LE NOSTRE STRATEGIE Partendo dalla considerazione che è in atto un profondo cambiamento

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Massimiliano Retta Via Sansovino, 4 20135 Milano +39.02.3674.3908 info@maxi- time.com

Massimiliano Retta Via Sansovino, 4 20135 Milano +39.02.3674.3908 info@maxi- time.com Massimiliano Retta Via Sansovino, 4 20135 Milano +39.02.3674.3908 info@maxi- time.com Milano, 5 maggio 2014 INNOVAZIONE DIGITALE PER IL CANALE FERRAMENTA COME AUMENTARE Ø volumi delle vendite Ø valore

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Club Fedeltà. Per incentivare l acquisto del TUO marchio, in punti vendita multi-marca

Club Fedeltà. Per incentivare l acquisto del TUO marchio, in punti vendita multi-marca Premessa Moltissimi brand, che vendono i loro prodotti in punti vendita multimarca, difficilmente riescono a entrare in contatto diretto con i loro acquirenti. Da questa problematica, e dalla conseguente

Dettagli

Metti a frutto il tuo business

Metti a frutto il tuo business Metti a frutto il tuo business L importanza delle Sinergie L AZIENDA Il circuito Luxor Card nasce nel 1996, con l idea di creare sul territorio Nazionale una sinergia tangibile tra Consumatori, Esercenti

Dettagli

UN INVESTIMENTO CONTENUTO PER UN SUCCESSO SICURO

UN INVESTIMENTO CONTENUTO PER UN SUCCESSO SICURO FotoDigitalDiscount è la più grande catena di negozi di fotografia in franchising in Italia. Un marchio nato solo nel 2005 che già conta oltre 250 punti vendita distribuiti su tutto il territorio italiano

Dettagli

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Distribuzione Le scelte nella rete di distribuzione La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Le scelte nella rete di distribuzione Dove vogliamo

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

Zurich Connect. Presentazione Partnership. Compagnia diretta di assicurazione. Maggio 2009

Zurich Connect. Presentazione Partnership. Compagnia diretta di assicurazione. Maggio 2009 Zurich Connect Compagnia diretta di assicurazione Presentazione Partnership Maggio 2009 Contenuti della presentazione Presentazione del Gruppo Zurich Financial Services e di Zurich Connect in Italia Illustrazione

Dettagli

LA PIATTAFORMA / LA SOLUZIONE GIUSTA PER TE / I VANTAGGI / CASO DI SUCCESSO / AKUERO

LA PIATTAFORMA / LA SOLUZIONE GIUSTA PER TE / I VANTAGGI / CASO DI SUCCESSO / AKUERO martys. La soluzione chiavi in mano di raccolta punti per l'acquisizione e la fidelizzazione dei clienti. LA PIATTAFORMA / LA SOLUZIONE GIUSTA PER TE / I VANTAGGI / CASO DI SUCCESSO / AKUERO 1 LA PIATTAFORMA

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

Strategie di web-marketing

Strategie di web-marketing Strategie di web-marketing Prima di iniziare il web-marketing Prima di iniziare una strategia di web-marketing, è necessario comprendere se questo possa essere veramente utile alla propria azienda: Cosa

Dettagli

Store.Valtellina.it. Descrizione iniziativa

Store.Valtellina.it. Descrizione iniziativa Store.Valtellina.it Descrizione iniziativa Sondrio, 28 Maggio 2010 1 STORE.VALTELLINA.IT - INFORMATIVA ALLE IMPRESE 1.1 Introduzione Store.Valtellina.it nasce per promuovere i prodotti di eccellenza del

Dettagli

LE SALES PROMOTION & LE POLITICHE PROMOZIONALI

LE SALES PROMOTION & LE POLITICHE PROMOZIONALI LE SALES PROMOTION & LE POLITICHE PROMOZIONALI 1 Gae Stella Desirée Tanese Alessia Huenchunir Martina Buccarini Erica Grasso Antonio Carbone Francesco Fabri L EVOLUZIONE DELLA PROMOZIONE 2 DALL ORIENTAMENTO

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito

Dettagli

La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech

La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech Claudio Lattanzi La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech Bologna, 23 giugno 2015 Perché siamo qui oggi a parlare di couponing? Per due principali motivi! 1. Innanzi

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo

IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo LA STRATEGIA DI POSIZIONAMENTO ON-LINE IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo collocare il prodotto/servizio nel sistema di percezioni degli utenti rispetto alle varie alternative di scelta percepite

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

La fidelizzazione dei clienti...

La fidelizzazione dei clienti... La fidelizzazione dei clienti... Ieri era diverso... Fino a ieri, la tendenza è stata quella di considerare le attività di fidelizzazione partendo dalla vendita... poteva andar bene......ma oggi tutto

Dettagli

Brochure per fornitori e partner

Brochure per fornitori e partner La grande catena di negozi per tutta la famiglia Brochure per fornitori e partner SOMMARIO Sommario... 3 Il Gruppo CIA Diffusione Abbigliamento... 4 La Rete dei Punti Vendita... 4 I motivi di un successo...

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Marketing Introduzione al marketing strategico

Marketing Introduzione al marketing strategico http://www.dimeg.poliba.it/kmlab Marketing Introduzione al marketing strategico Prof. Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Sommario Quattro definizioni di marketing 1. Concetti di base dal bisogno

Dettagli

Il communication mix: promozione vendite, direct marketing, vendita diretta

Il communication mix: promozione vendite, direct marketing, vendita diretta TEORIA E TECNICA DELLA COMUNICAZIONE AZIENDALE Il communication mix: promozione vendite, direct marketing, vendita diretta Laura Gavinelli laura.gavinelli@unimc.it Facoltà di Economia Università degli

Dettagli

Web o e-commerce? Domenico Consoli USR Marche. Le piattaforme web: risorse strategiche per il commercio elettronico

Web o e-commerce? Domenico Consoli USR Marche. Le piattaforme web: risorse strategiche per il commercio elettronico Web o e-commerce? Domenico Consoli USR Marche Le piattaforme web: risorse strategiche per il commercio elettronico IIS Podesti Calzecchi Onesti Ancona, 13 gennaio 2016 Agenda Stato dell arte dell e-commerce

Dettagli

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/,

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/, */,,17(50(',$5,&200(5&,$/, /$7,32/2*,$'(,&$1$/,',0$5.(7,1*,1,7$/,$ Abbiamo avuto già modo di vedere, più o meno, quali sono le vie che può prendere la commercializzazione dell olio di oliva ed attraverso

Dettagli

FRANCHISING E DISTRIBUZIONE

FRANCHISING E DISTRIBUZIONE Passepartout Retail è una soluzione studiata per soddisfare le esigenze gestionali e fiscali delle attività di vendita al dettaglio. Il prodotto, estremamente flessibile, diventa specifico per qualsiasi

Dettagli

Incentive Web Platform 3.0

Incentive Web Platform 3.0 Incentive Web Platform 3.0 Incentive Web Platform 3.0 1. Introduzione 1.0 Le Promozioni oggi 1.1 Obiettivi 2. I.w.p. 2.0 Cos è IWP 3.0 2.1 Tipologia di promozione 2.2 Media 2.3 Personalizzazione 3. Tipologie

Dettagli

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 14 sessione: 9/6/2009

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 14 sessione: 9/6/2009 Economia & Management Marketing avanzato Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09 Prof. Michela Addis 14 sessione: 9/6/2009 1 Il settore finanziario Campione: 130 istitituzioni

Dettagli

Noi Abbiamo la soluzione Mobile per il tuo business.

Noi Abbiamo la soluzione Mobile per il tuo business. by Noi Abbiamo la soluzione Mobile per il tuo business. 11 AP TIME Proponiamo soluzioni mobile innovative per le aziende che desiderano una presenza importante nel settore del Digital & Mobile Marketing.

Dettagli

we have mobile solutions for your business

we have mobile solutions for your business we have mobile solutions for your business > THE DIGITAL TIME Proponiamo soluzioni mobile innovative per le aziende che desiderano una presenza importante nel settore del Digital & Mobile Marketing. Le

Dettagli

Le cinque strategie di base

Le cinque strategie di base Università degli Studi di Urbino Corso di laurea in Marketing e Comunicazione per le aziende Le cinque strategie di base Le cinque strategie competitive di base Corso di Strategie d Impresa Prof. Tonino

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

CARTO PLUS 2008 FEDERCARTOLAI. Le iniziative della. a favore del settore. La cartoleria nel 3 Millennio 28/02/2008 1

CARTO PLUS 2008 FEDERCARTOLAI. Le iniziative della. a favore del settore. La cartoleria nel 3 Millennio 28/02/2008 1 CARTO PLUS 2008 Le iniziative della FEDERCARTOLAI a favore del settore. La cartoleria nel 3 Millennio 28/02/2008 1 IQS Innovazione Qualità Servizi È l organismo operativo di Federcartolai delegato a :

Dettagli

La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA

La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA Panel agroalimentari Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA Dicembre 2007 Introduzione La presente indagine monografica è stata condotta

Dettagli

Migliora la customer experience in store

Migliora la customer experience in store Migliora la customer experience in store Siamo una azienda specializzata in marketing relazionale e nella fidelizzazione del consumatore. Attraverso le nostre soluzioni, potrai: aumentare la pedonalità

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

Vi siete mai chiesti quanta importanza hanno, nella comunicazione odierna, INTERNET e MOBILE?

Vi siete mai chiesti quanta importanza hanno, nella comunicazione odierna, INTERNET e MOBILE? Vi siete mai chiesti quanta importanza hanno, nella comunicazione odierna, INTERNET e MOBILE? SCHIARITEVI UN ATTIMO LE IDEE Ecco dei dati fondamentali Il mercato della comunicazione nel XX SECOLO Il mercato

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo. Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni.

[moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo. Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni. [moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni. LA STRATEGIA DEL PREZZO Stupisce il fatto che, molti manager ritengano che non si possa

Dettagli

marketing 19/36 Un filo diretto, utente per utente

marketing 19/36 Un filo diretto, utente per utente direct marketing Un filo diretto, utente per utente implementazione data base gestione data base aziendale riqualificazione data base newsletter dem telemarketing gestione numero verde 19/36 Un DB aziendale

Dettagli

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende Soluzioni di LOYALTY e CRM per Grandi Aziende NEXUSCOM Nexuscom è un agenzia nata nel 2005 e focalizzata nella realizzazione di progetti che consentono alle aziende di entrare in contatto con i propri

Dettagli

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia MARKETING La gestione dei canali distributivi Che cosa è un canale distributivo? E un insieme di imprese il cui compito è trasferire un bene fisico o un servizio dal produttore al consumatore, generando

Dettagli

L'utilizzo dell e-mail e mobile marketing nella Grande Distribuzione - Il caso GS-SpesAmica Club

L'utilizzo dell e-mail e mobile marketing nella Grande Distribuzione - Il caso GS-SpesAmica Club L'utilizzo dell e-mail e mobile marketing nella Grande Distribuzione - Il caso GS-SpesAmica Club Salvatore Pane Milano, 30 settembre 2004 Carrefour Mondo: 10.270 pdv in 30 nazioni Dati aggiornati al 31/03/2004

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU. Lezione 25 20 dicembre 2010

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU. Lezione 25 20 dicembre 2010 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU Lezione 25 20 dicembre 2010 Metodi per la determinazione dei prezzi 1. Domanda 2. Concorrenza 3. Costi

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

Incentive Web Platform 3.5

Incentive Web Platform 3.5 Incentive Web Platform 3.5 1 Indice 1 2 Introduzione IWP 3.5 Le Promozioni oggi pag. 04 L importanza di presidiare pag. 05 Chi comunica? pag. 05 Cos è IWP 3.5 pag. 06 Tipologia di promozione pag. 07 Media

Dettagli

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price Pricing Strategy Approfondimenti tematici settembre 2013 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

Vendere online nel 2015

Vendere online nel 2015 Vendere online nel 2015 Il mercato e i numeri La strategia Le regole del gioco L acquisizione del cliente La persuasione all acquisto La fidelizzazione Il mercato e i numeri In Italia ci sono più di 30

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

FARE PUBBLICITA IN TEMPO DI CRISI UNA SEMPLICE GUIDA PER AUMENTARE I VOSTRI CLIENTI ED I VOSTRI PROFITTI

FARE PUBBLICITA IN TEMPO DI CRISI UNA SEMPLICE GUIDA PER AUMENTARE I VOSTRI CLIENTI ED I VOSTRI PROFITTI UNA SEMPLICE GUIDA PER AUMENTARE I VOSTRI CLIENTI ED I VOSTRI PROFITTI 1 CONOSCERE IL PROPRIO PUBBLICO Tutte le attività commerciali, prima di programmare qualsiasi tipo di strategia di marketing, DEVONO

Dettagli

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Economia Aziendale Bari a.a. 2004/2005 Corso di MARKETING Il concetto di marketing Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Programma del

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

LE SCELTE DELLE IMPRESE UTILIZZATRICI DI PRODOTTI PROMOZIONALI

LE SCELTE DELLE IMPRESE UTILIZZATRICI DI PRODOTTI PROMOZIONALI LE SCELTE DELLE IMPRESE UTILIZZATRICI DI PRODOTTI PROMOZIONALI I risultati della ricerca di Promotion Magazine condotta dal Larem (Laboratorio di Ricerca Economica e Manageriale) dell Università di Udine

Dettagli

myvolantino L app del risparmio

myvolantino L app del risparmio L app del risparmio Offerta 2015 INDICE Introduzione Scenario Cos è Funzionalità Vantaggi Facilità Configurazione campagne Modello di comunicazione Dati statistici Chi siamo Il risparmio si fa App! Aiutare

Dettagli

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategie d impresa (a.a. 2013-2014) Prof. Tonino Pencarelli Dott. Mauro Dini A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Obiettivo Introdurre

Dettagli

I servizi di Marketing. Marco Vecchiotti - Director

I servizi di Marketing. Marco Vecchiotti - Director I servizi di Marketing Marco Vecchiotti - Director 2012 Data4Value: Soluzioni di Marketing nel gruppo CRIF 2 3 2012 I servizi Data4Value Ottimizzazione delle performance di business sul territorio Ottimizzazione

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli