«Le opportunità di mercato» A cura di Massimo D'Angelillo - Genesis

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "«Le opportunità di mercato» A cura di Massimo D'Angelillo - Genesis"

Transcript

1 «Le opportunità di mercato» A cura di Massimo D'Angelillo - Genesis

2 Le opportunità del mercato

3 La casa La crisi del mercato immobiliare italiano, con un forte calo delle compravendite a causa della crisi economica, non toglie che l abitazione costituisca per i cittadini italiani un bene di fondamentale importanza, considerando che (fonte: Agenzia del Territorio, 2014) ben il 79,1% (il dato è più alto al sud: 85,0%) delle famiglie è proprietario della propria casa di residenza. La crisi del mercato immobiliare ha da alcuni anni un impatto pesante sulle agenzie immobiliari (il cui numero sta non a caso scendendo), cioè sui soggetti professionali che si occupano di intermediazioni. Ha inoltre un severo impatto sull edilizia, per quanto riguarda la costruzione di nuove abitazioni, molto diminuite negli ultimi anni dopo il boom terminato nel 2008.

4 Il mercato delle ristrutturazioni immobiliari è in crescita. Questo anche per contenere i costi di gestione: gli interventi di efficientamento energetico (coibentazioni, pannelli solari, impianti elettrici efficienti, caldaie a basso consumo, ecc.) possono abbassare significativamente i costi correnti e quindi essere un investimento redditizio nel medio periodo. Anche le costruzioni in bio-edilizia vengono concepite per limitare i consumi energetici e in generale l impatto ambientale, e ciò coniugando le più moderne tecnologie con antiche tecniche costruttive, impiegando materiali quali il legno, l acqua, la terra, la sabbia e la pietra, rispettosi della natura e poco impattanti sull ambiente e sulla salute

5 Una tipologia di costruzioni che si sta diffondendo nel nostro paese è quella degli edifici in legno, da sempre abituali in vaste parti del Nord Europa, in Giappone e nel Nord-America: in Germania il 15% delle abitazioni è in legno, in Giappone il 50%, in Nord America oltre l 80%. In Italia la quota è ancora molto bassa (se non nelle località dell arco alpino), ma in veloce espansione. Il segmento della costruzione di case in legno viaggia infatti a una crescita annua del 20%. Inoltre non si espande soltanto l edilizia residenziali: il 18% degli edifici costruiti in legno in Italia (fonte: Promolegno) è costituito da palestre, teatri, uffici, ecc. Importante è anche il mercato delle soluzioni da esterno, con gazebo, bungalow, elementi di arredo urbano, ecc. Gli edifici in legno sono costruiti in cantiere e montati prefabbricati nel sito di destinazione, dove spesso esteticamente non si distinguono da quelli costruiti con le tecniche tradizionali in mattone e cemento.

6 Il recupero di casali, stalle, fienili, ecc. può costituire un investimento conveniente, sia a fini residenziali, sia per quelle persone che scelgono il ritorno alla campagna per gestire attività agricole o agrituristiche. In Italia esistono poi molte seconde case considerando che su 60 milioni di residenti, l Agenzia del Territorio ha censito 59 milioni di immobili, cioè uno per abitante. Di queste case molte (3,5 milioni secondo una indagine di Halldis) sono case lasciate vuote per gran parte dell'anno; esse spesso necessitano anch esse di interventi manutentivi e di ristrutturazione, e potrebbero essere anche gestite meglio, aumentandone l utilizzo e quindi abbassandone i costi per i proprietari. Si tratta di costruzioni che in molti casi hanno anche notevoli potenzialità di utilizzo a fini turistici, se proposte sul mercato ricettivo. Infatti, dei 3,5 milioni di seconde case, solo il 15 per cento è usato per affitto stagionale o di breve durata, quello più congeniale per i turisti (o viaggi d'affari). La ottimizzazione del patrimonio edilizio significa anche lo svolgimento di efficaci attività di manutenzione, da quelle obbligatorie (caldaie), a quelle che servono a mantenere in efficienza l edificio (impianti elettrici, idraulici, ecc.) e a preservarle da rischi idrogeologici. Sempre nell ambito della spesa per l alloggio, le famiglie italiane hanno operato forti tagli all'arredamento e agli elettrodomestici, ridotti complessivamente di circa il 30% (dati Nielsen). Più favorevole potrebbe essere la vendita on line, visto che l e-commerce di beni per la casa, di cui fanno parte anche gli arredi, è cresciuta nel primo semestre del 2014 di ben il 31,4% sull anno precedente. Dell arredamento, con andamenti favorevoli, fa parte anche il segmento dei mobili su misura o nati dal recupero e restauro di mobili esistenti. Mobili abbandonati (altrimenti da portare in discarica), ma anche piccoli elettrodomestici, schermi di computer, ecc. possano avere una seconda vita, anche trasformandone le originarie funzioni d uso. Molti oggetti di arredamento, poi, possono rilanciare antiche tradizioni artigianali, quali la lavorazione della ceramica, del vetro, del ferro battuto, della pietra.

7 L alimentazione Al recente salone fieristico SANA (Bologna, settembre 2014) è stato sottolineato quanto i prodotti bio continuino a crescere le vendite anche per tipologie di prodotti che sono in calo (ad esempio nei primi 5 mesi dell anno: lattiero caseari + 3,2% contro 1,3%; ortofrutta + 11,2% contro 3,2%; carni fresche e trasformate + 11,3% contro -2,0%). Inoltre negli ultimi 4 anni sembra essere diminuito, per tutte le tipologie di prodotti, il differenziale di prezzo con i prodotti convenzionali (non bio).

8 Contemporaneamente, sono in forte aumento gli italiani affetti da disturbi alimentari: secondo i dati dell Istituto Superiore di Sanità, circa l 8% dei bambini e il 2% della popolazione adulta soffre di reazioni avverse ad uno o più cibi. Oggi 7 italiani su 10 non digeriscono il lattosio, mentre un italiano su cento soffre di celiachia. Secondo il Rapporto Coop 2014 Consumi e distribuzione, che cita dati sulle vendite nei punti vendita della GDO (Grande Distribuzione Organizzata) il fatturato dei prodotti senza glutine e di quelli a base di cereali alternativi al frumento (soia, farro, kamut, ecc.) raggiunge i 250 milioni di euro all anno, con un incremento dei volumi nel 2013 del 18%. I prodotti dimagranti, sportivi, multivitaminici sembrano esenti da crisi, con un incremento di oltre il 6% rispetto al 2013.

9 Interessanti sviluppi, che favoriscono le piccole produzioni e distribuzioni a livello locale, coinvolgono i cosiddetti prodotti a km zero : carne, frutta e verdura di stagione, ma anche con prodotti industriali/artigianali quali olio, vino, salumi, pasta, latticini, dolciumi, birra, ecc. Alla svolta verso il km zero stanno sempre più contribuendo i consigli di molti medici e dietologi, che raccomandano diversamente dal passato il consumo di frutta e verdura di stagione, piuttosto che di quella proveniente da posti lontani e quindi sottoposta a trattamenti conservanti. La cosiddetta filiera corta, con l eliminazione di alcuni passaggi commerciali, consente di abbattere il prezzo finale (fino al 25-30% del totale), con vantaggi sia per il consumatore sia per il produttore. Nell ambito dell ortofrutta biologica, ad esempio, il produttore a spuntare tramite la vendita diretta discreti margini in più rispetto alla vendita ad operatori che si trovano in stadi più a monte della filiera.

10 Oggi il successo dei prodotti tipici italiani si gioca molto sui mercati esteri, per cui assumono particolare rilevanza anche quelle iniziative commerciali che utilizzano canali nuovi di vendita, ad esempio l e-commerce. Può trattarsi di portali specializzati oppure di vendite online che si affiancano a vendite tradizionali in azienda, per gli agricoltori e i trasformatori (vino, olio, ecc), oppure a quelle in negozio, per i piccoli commercianti. Oggi 36 milioni di italiani bevono birra e di questi il 44% sono donne, mentre il consumo pro capite ha raggiunto quasi i 30 litri all anno (29,6 litri). In pochi anni sul territorio nazionale sono sorti 16 stabilimenti industriali e circa 500 microbirrifici, hanno prodotto ettolitri di birra, pari a +0,5% rispetto al 2011 ( ettolitri). Molti micro birrifici sono annessi ad attività esistenti (pub, agriturismi, ecc.), ma per molti altri la produzione di birra è l attività principale.

11 Molta più cautela che fino a qualche anno fa bisogna invece avere oggi nel progettare nuove imprese di artigianato alimentare take away (asporto). I dati di mercato oggi segnalano infatti una inversione della tendenza favorevole continuata per molti anni per questo tipo di attività (pizzerie al taglio, piadinerie, focaccerie, ecc.). Oggi 2 italiani su 3 limitano le uscite fuori casa (67%). Secondo i dati Ipsos è possibile stimare che rispetto al 2010 le famiglie hanno rinunciato a 2 occasioni di consumo alimentare extra domestico al mese.

12 La cura del corpo I nutraceutici - alimenti che hanno un effetto benefico sulla salute umana, quali antiossidanti, acidi polinsaturi (omega 3, omega 6), vitamine, ecc.- hanno un mercato in crescita (2013) di ben il 6% annuo. Altro segmento interessante è quello delle parafarmacie. Una indagine di IMS Consumer Health (Il mercato in farmacia, 2013) ha mostrato che il mercato dei prodotti parafarmaceutici cresce del 7,5%, e ciò nonostante si tratti di prodotti non ammessi al finanziamento del Sistema Sanitario Locale.

13 Entrate nel panorama commerciale italiano solo in epoca recente (Legge Bersani n. 248/2006) le parafarmacie continuano quindi la loro crescita. Sul mercato commerciale le parafarmacie in un anno sono passate dal 6,4% al 6,8% del totale della rete distributiva.

14 Un capitolo importante della cura del corpo riguarda il fumo. Qui si deve registrare una inaspettata controtendenza: secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute nel 2014 in Italia il numero dei fumatori è tornato a crescere, si conterebbero infatti circa 700 mila fumatori in più, con una popolazione di fumatori che conta 11,3 milioni di individui, cioè il 22% della popolazione adulta (era il 20,6% nel 2013). Il dato sulla diffusione dell abitudine al fumo registra una inversione di tendenza, interrompendo un fenomeno più che decennale di costante diminuzione: nel 1975 fumava il 34% della popolazione adulta, nel 1990 la quota era ancora pari al 32%.

15 La sigaretta elettronica aveva fatto irruzione nella scena economica (e medica) per le sue promesse di minore dannosità rispetto alla sigaretta tradizionale, e ai suoi minori costi. La rapida ascesa della sigaretta elettronica, diventata quasi una moda, aveva portato in pochi anni il business a valere in Italia circa 350 milioni di euro (2012). Tale ascesa è stata prevedibilmente contrastata dallo Stato con la equiparazione alle normali sigarette ai fini fiscali. Metà dei circa 6 mila rivenditori che avevano avviato un attività in Italia ha chiuso. Gli utilizzatori sono scesi dal 4,2% del totale dei fumatori nel 2013 all 1,6% del 2014: i consumatori abituali sono crollati da circa 510 mila a circa 255 mila, quelli occasionali dai circa 1,6 milioni a 550 mila. Pur con questo rapido dietro-front, riteniamo tuttavia che la sigaretta elettronica mantenga una certa quota di mercato e possa dare luogo a nuove aperture di imprese, in quanto una parte della clientela continua ad usarla e nonostante la maggiore tassazione, essa rimanga ancora economicamente molto più conveniente della sigaretta tradizionale.

16 L abbigliamento L abbigliamento è infatti uno dei settori che maggiormente stanno subendo la crisi. Anche nel 2013 la riduzione nelle vendite è stata pesante, pari al 6,7% delle vendite dell anno precedente, e nonostante cali dei prezzi e la estensione di forme promozionali messe in atto dai commercianti. Fa eccezione la spesa in abbigliamento per bambini e adolescenti, trainata dalla crescita demografica di questi gruppi di età.

17 Un laboratorio artigiano di produzione potrebbe ad esempio specializzarsi nella realizzazione di capi di abbigliamento che impieghino fibre naturali (lana, canapa, juta, bamboo, ortica, ecc.) e ricavate senza l'impiego di coloranti e sbiancanti di origine chimica (allergenici e tossici), ma invece con tinture naturali ottenute con estratti di piante (quali spinaci, zafferano, prezzemolo, ecc.) secondo le tecniche utilizzate prima dell'avvento dei moderni prodotti chimici. Altro segmento interessante è quello della sartoria e maglieria su misura. Si tratta di mestieri quasi scomparsi, per i quali esiste comunque un mercato interessante, sia per capi nuovi sia per la riparazione di capi già esistenti. E evidente che occorrono abilità artigianali non comuni, ma del resto tali abilità sarebbe grave che venissero a mancare in un paese come l Italia che ha prodotti alcuni tra i migliori creatori di moda del mondo. Aspetto specifico della sartoria su misura è quello delle piccole riparazioni veloci e adattamenti sartoriali. Laboratori di questo tipo stanno diffondendosi soprattutto nelle città di grande e media dimensione.

18 Cultura e informazione In Italia nel 2013 le vendite di libri sono diminuite del 2,3% in numero e del 5,2% in valore, in coerenza con quanto avviene nei vari paesi occidentali. In un paese come l India, invece le vendite sono cresciute in un anno dell 11,3%. Il calo del 2013 è più attenuato rispetto a quello del 2012, che era stato del 6,9%. Fra i settori, il libro per bambini è in crescita (+3,1%), mentre la fiction cala del 5,4% e la non fiction del 4,2%.

19 I lettori degli e-book sono il 3,6% del totale (1,9 milioni), mentre gli acquirenti sono il 2% del totale (1 milione). I lettori degli e-book sono quindi il 90% in più rispetto agli acquirenti, percentuale che scende al 14% per i libri di carta (21,9 milioni di lettori contro 19,2 di acquirenti). Rispetto all anno precedente, gli e-book sono cresciuti del 14% come acquirenti e del 17% come lettori. I lettori degli e-book nel 20% hanno acquistato nel 2013 solo e-book; l 80% ha acquistato anche libri cartacei. Il numero di chi compra e-book è cresciuto del 27%, quindi molto di più del mercato in generale degli e-book. Una quota crescente di lettori quindi tende ad acquistare soltanto e- book. Questo ha trainato ad esempio la diffusione degli e-reader, i dispositivi elettronici che immagazzinano e servono a leggere i libri in formato digitale. Nell ultimo anno sono stati effettuati 6,3 milioni di download dalle diverse piattaforme di acquisto, anche grazie ad una espansione importante dell offerta dell editoria (oggi sono disponibili 62 mila titoli tra italiani e stranieri, +63%).

20 Viceversa, proprio per i rapidi progressi dell editoria elettronica, molta cautela deve essere messa oggi nell orientarsi oggi verso l apertura di una edicola per la rivendita di giornali, un attività tradizionalmente tranquilla anche perché protetta dal regime di licenze. Non a caso negli ultimi cinque anni il numero delle edicole italiane è diminuito da punti vendita a poco più di , e molte edicole oggi aperte risultano in vendita. Il motivo è chiaro: secondo i dati della FIEG (Federazione Italiana Editori Giornali) le tirature e le vendite di giornali sono in continuo calo. Le vendite di quotidiani sono diminuite ad esempio in un solo anno (2013) rispettivamente del -6,0, quelle dei settimanali del - 5,2 e quelle dei mensili del -6,0. L unica soluzione per una edicola è quella di integrare la vendita di giornali con quella di altri prodotti (dalle figurine alle schede telefoniche) e servizi (ad esempio fax), ma questo è possibile in misura significativa soltanto in particolari contesti, ad esempio piccoli centri dove scarseggiano altre attività simili e dove è possibile ampliare le merceologie trattate, ad esempio agli articoli di cartoleria.

21 Oggi esistono App per svariati utilizzi: ricevere una dieta personalizzata, giocare, fotografare e creare effetti grafici, leggere libri, ascoltare la radio, consultare una cartina turistica, prenotare un taxi, cercare una ricetta. Messe in formato di App, le informazioni diventano più facilmente accessibili e di immediato utilizzo. Per giovani informatici la creazione di App può diventare una opportunità di reddito e occupazione, anche se non va sottaciuto il fatto che gli italiani mostrano ancora una certa ritrosia a spendere per una App, anche perché esiste una offerta praticamente sconfinata di contenuti gratuiti che si ripagano con la pubblicità o vendendo soluzioni più avanzate: in media solo 3 App per ogni utente sono acquistate dagli store. L Italia ha grandi potenzialità di crescita del mercato delle App, in quanto è ben posizionata nella graduatoria mondiale per possesso di smartphone. Fino a qualche anno fa lo smartphone era un telefono di elite (l primo fu il mitico Blackberry). Oggi vi sono i51 milioni di possessori di un telefono cellulare, e di questi 31 milioni di italiani sono proprietari di uno smartphone (62%), una incidenza non distante da quella degli Usa e certamente destinata a raggiungere in poco tempo pressoché l intera popolazione.

22 Tempo libero e sport Rispetto al 2008, la spesa del 2012 è risultata più bassa di circa il 16% per le discoteche, del 12% per i teatri. Forte calo anche per i cinematografi, nonostante le nuove proposte di film in 3D. In controtendenza sono soltanto le vendite di biglietti per le mostre, cresciuti del 40% tra il 2008 e il Negli ultimi 2 anni gli spettatori televisivi medi sono cresciuti del 12%, anche grazie alle diffusione della Pay TV e alla progressiva diversificazione dell'offerta.

23 Secondo il CONI sono 17 milioni e 715 mila sono le persone di 3 anni e più che nel 2013 dichiarano di praticare uno o più sport nel tempo libero, a cui vanno aggiunti i 16 milioni e 326 mila sono coloro che pur non praticando uno sport svolgono qualche attività fisica. Questa massa di persone supera ampiamente i 24 milioni e 766 mila persone che si dichiarano completamente sedentarie Forte sviluppo continua ad avere il gioco on line: i consumi di gaming e del mobile entertainment sono cresciuti nel 2013 dell 11,3%, mentre la spesa media per giocatore è di ben Euro a persona, un valore in Europa uguagliato solo dalla Gran Bretagna.

24 Viaggi e turismo Il turismo è un settore che anche negli anni peggiori di crisi ha manifestato una discreta tenuta (con differenze ovviamente tra le diverse aree del paese); solo nel 2014, complice una situazione meteorologica sfavorevole, si è assistito a un calo significativo del giro di affari del settore. Il turismo è però un settore che continua ad offrire opportunità per iniziative imprenditoriali su piccola e piccolissima scala, anche perché il cliente tende a ridurre il budget e la durata del soggiorno, pur di non rinunciare alla vacanza.

25 Ne beneficiano soluzioni a basso costo, come ad esempio i Bed & Breakfast, tipologia ricettiva a basso investimento, in quanto svolta nell abitazione di residenza del gestore. In pochi anni i B&B sono molto aumentati di numero e la tipologia ricettiva incontra il favore di una parte crescente della clientela, sia per i prezzi contenuti, sia per il contatto che riesce a favorire tra il turista e la popolazione locale. Un altra tipologia che mantiene un mercato favorevole è l agriturismo, che beneficia anche del favore di gran parte dell opinione pubblica (non solo italiana) verso una valorizzazione delle tradizioni gastronomiche e del rapporto con la natura. L agriturismo diventa in molti casi anche un centro di organizzazione di escursioni, corsi di cucina, attività sportive, dando risposte che il turismo alberghiero tradizionale non riesce evidentemente a dare. La gestione di piccoli alberghi e ostelli per la gioventù costituisce una prospettiva fattibile per piccole imprese, ma si scontra in molte località con la indisponibilità degli immobili o con i costi molto elevati degli affitti pretesi dai proprietari.

26 Fra le attività di piccola dimensione legate al turismo vi è la organizzazione di escursioni con finalità sportive, culturali, fotografiche, ecc. L animazione turistica, soprattutto per bambini e anziani, mantiene una buona diffusione e in alcune località può ancora svilupparsi. Un attività con deboli prospettive è quella delle agenzie viaggi, molto diminuite di numero negli ultimi anni, soprattutto per effetto di Internet, che rende possibile un contatto diretto tra cliente e fornitori di servizi oppure il passaggio tramite piattaforme di prenotazione per alberghi e voli aerei.

27 La cura delle persone deboli L ambito dell infanzia è ancora quello più aperto per piccole iniziative imprenditoriali: ludoteche, nidi d infanzia, fattorie didattiche, servizi di baby-sitting, attività di animazione, centri estivi. L aumento demografico, in molte realtà territoriali, ha aumentato l esigenza di questo tipo di servizi, giù sviluppatisi molto nel recente passato. Sono attività spesso regolamentate con standard fissati per legge, che richiedono generalmente (con la eccezione ad esempio dei nidi d infanzia) investimenti contenuti.

28 Negli ultimi anni, però, si sono diffuse altre attività afferenti al più ampio comparto sociale. Fra queste va segnalata senz altro l attività delle case famiglia. Una casa-famiglia è una piccola struttura che può ospitare un certo numero di anziani, garantendo un servizio di ospitalità e un pronto ricorso a strutture sanitarie esterne in caso di urgente necessità. I limiti massimi dimensionali e gli standard strutturali e professionali sono fissati da specifiche leggi regionali, ma sono generalmente tali da consentire iniziative imprenditoriali anche su piccola scala. L edificio in cui si svolge il servizio per gli anziani può coincidere con l abitazione del gestore. La casa-famiglia, diffusasi soprattutto per fare fronte alle esigenze dell ampia platea degli anziani, è però impiegata anche per altre tipologie di utenti non autosufficienti, come i disabili o minori senza famiglia.

29 Gli animali domestici Infatti, secondo il Rapporto Assalco- Zoomark 2014 il mercato dei prodotti per l alimentazione e la cura degli animali da compagnia in Italia nel 2013 continua a presentare dinamiche positive, con un nuovo aumento del fatturato dell 1,7%. Secondo dati Eurispes, il 39% degli italiani ha almeno un animale in casa e il 12% ne ha più di uno. Cani, gatti, uccelli e altri piccoli animali sono diventati una presenza importante nelle case degli italiani, dove continua a diminuire il numero medio dei componenti della famiglia degli umani.

30 L animaletto (il cosiddetto Pet ) è ormai considerato a tutti gli effetti un membro della famiglia e quindi circondato di cure adeguate. Una volta adottato, il Pet entra a far parte della vita delle persone che la compongono e gli sono riservati attenzioni e affetto. All interno del dato generale di mercato, relativo al complesso dei prodotti e servizi per animali domestici, ancor più favorevole è l andamento degli accessori (quali ad esempio prodotti per l igiene, giochi, guinzagli, cucce, ciotole, gabbie, voliere, acquari, ecc.) che continuano a mostrare un andamento positivo con un +3,1% rispetto al Il segmento giochi cresce del 2,5%, mentre molto dinamici sono gli antiparassitari, con un aumento del +12,7%, segno che il consumatore non intende rinunciare alla igiene e al benessere dell animale. Vi sono però anche segmenti in contrazione, per i quali l avvio di un attività rischia di essere problematica. Si assiste ad esempio a una contrazione delle spese veterinarie, dopo lunghi anni di sviluppo. Il 52,1% dei proprietari dichiara infatti di averle ridotte abbastanza, mentre il 34,7% le ha ridotte molto e il 12,9% le ha lievemente ridotte.

31 I trasporti Oggi si parla sempre di più di mobilità sostenibile e di smart cities, quindi dell utilizzo di forme nuove di trasporto, che vedono come protagonista la bicicletta. Le due ruote sono diventate infatti un mezzo di spostamento apprezzato ed utilizzato da quasi un quarto dei cittadini e soprattutto nelle Regioni del Nord. Aprire un negozio per la vendita di biciclette (e accessori), con annesso un servizio di riparazione ed eventualmente di costruzione (tramite montaggio) di nuove bici personalizzate è ritornato ad essere un business interessante.

32 Oltre ad una maggiore attenzione verso l ambiente e all esercizio fisico, la crescita dell utilizzo della bicicletta è favorita dall estensione delle aree a traffico limitato nelle grandi città (come a Milano, città capofila in tale senso) e dall ampliamento della rete delle piste ciclabili. Nei capoluoghi di Provincia la densità di piste ciclabili ha raggiunto 17,4 chilometri per 100 chilometri quadrati di superficie, in crescita del 30% negli ultimi 5 anni. Oggi è anche possibile caricare la bicicletta sui treni, mentre la fabbricazione di bici pieghevoli e portatili (anche da parte di piccoli artigiani) consente una intermodalità con l auto. Oggi le due ruote significano anche la diffusione delle biciclette elettriche a pedalata assistita. Nel 2013, a fronte di sole 860 automobili elettriche, sono state vendute ben biciclette a pedalata assistita, in crescita del 12%. Le bici elettriche rappresentano il 3,3% del mercato: iniziano ad essere un numero elevato, per le attività di produzione, ma anche per quelle di manutenzione e noleggio.

33 L economia della condivisione Car pooling, bike sharing, scambi di casa per vacanze, ecc. sono concezioni nuove che coinvolgono il trasporto e il tempo libero delle persone, un nuovo modo di soddisfare le proprie esigenze sostituendo la proprietà esclusiva del mezzo con l impiego di beni e servizi in cooperazione con altri. Se oggi la sharing economy è ancora marginale ed è sperimentata soprattutto dai giovani, essa è però in rapida espansione e potrebbe diventare una pratica diffusa in larghe fasce della popolazione, soprattutto in Italia.

34 Oggi il bike sharing, ad esempio, è attivo in buona parte dei grandi Comuni italiani. Secondo la Nielsen Consumer confidence survey 2013, tra gli italiani che usano internet, oltre il 50% ha già provato o si dichiara pronto a sperimentare questa nuova modalità di consumo. Le modalità in cui si realizza il consumo collaborativo sono diverse e possono essere organizzate a livello locale (da imprese private anche in collaborazione con enti pubblici interessati a promuovere questa modalità) oppure concepite per abbracciare un territorio vasto, rendendo visibile l iniziativa tramite portali Internet.

35 Usato e riuso Il restauro e la rigenerazione di un capo di abbigliamento può significare in alcuni casi il lavaggio (ad esempio per i capi di abbigliamento), in altri l effettuazione di piccole riparazione (ad esempio per i mobili o per i giocattoli), in altri ancora la revisione, la riparazione e la copertura con una nuova garanzia (ad esempio per gli elettrodomestici).

36 Una delle aree di maggiore spreco consumistico ad esempio è quello dei prodotti per l infanzia. Carrozzine, seggiolini per auto, vestitini, giocattoli sono prodotti abbastanza costosi che hanno un ciclo di vita che dura pochi mesi. Il prodotto dismesso spesso finisce nel cassonetto. Di qui l idea che si sta diffondendo di dare vita a negozi per la compravendita di prodotti usati (opportunamente puliti e rigenerati) per l infanzia.

37 L e-commerce Secondo il Rapporto Coop 2014 Consumi e distribuzione nei prossimi 4 anni le vendite on line in Italia raddoppieranno. Questo genera prospettive molto interessanti anche per le microimprese. I settori con i più forti incrementi sono stati l abbigliamento (+44,2%), il dettaglio non alimentare tra cui i libri (+42,7%) e i beni per la casa (+31,4%). Seguono gli alimentari (+24,3%), i viaggi e trasporti (+21,0%), i servizi vari (+15,7%), gli alberghi e ristoranti (+11,3%) e l informatica (+7,0%).

38 La spesa media è di 240 euro pro capite. Quasi il 40% è destinato all acquisto di viaggi e servizi di trasporto, il 30% in servizi, il 9% in telecomunicazioni, il 6% in prodotti informatici e tecnologici, il 3% in abbigliamento e calzature. Per l Osservatorio Cartasì, i cambiamenti interessano soprattutto, ma non esclusivamente, i più giovani: il 45% degli acquirenti ha meno di 45 anni, ma il 31% ha un età compresa tra 45 e 54 anni, il 16% tra 55 e 64 anni, l 8% oltre 65 anni. Secondo dati della Banca Centrale Europea, in Svezia un cittadino compie circa 200 pagamenti on line all anno, quasi 2 ogni 3 giorni, in Francia ciò avviene 130 volte, in Spagna 52, in Germania 39 e in Italia 31, poco più di 2 volte al mese. Alle spalle dell Italia si collocano Ungheria, Romania e Grecia.

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto

se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto siamo quello che mangiamo STAGIONALE E LOCALE: LA DIETA GIUSTA La tua salute dipende in gran parte dalla tua alimentazione. Mangia un po di tutto con moderazione,

Dettagli

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici Corso del Popolo 30 05100 Terni Tel +39 0744.549.742-3-5 statistica@comune.tr.it INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ

Dettagli

CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica

CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica Anticipazione del mese di GENNAIO 2015 Indice Prezzi al consumo per l intera collettività - Catanzaro Nel mese

Dettagli

COMPLESSIVO -0.5-0.2

COMPLESSIVO -0.5-0.2 Comune di Pistoia - Indice locale dei Prezzi al Consumo per l'intera Collettività Nazionale - Aprile 2015 Codice Descrizione Variazioni % anno prec. mese prec. COMPLESSIVO -0.5-0.2 1 Prodotti alimentari

Dettagli

Spese alimentari. pane e cereali 15% dolci e drogheria 14% carni 24%

Spese alimentari. pane e cereali 15% dolci e drogheria 14% carni 24% Come e quanto si spende sotto la Mole Aumentano le spese necessarie e diminuiscono quelle accessorie: abitazione e trasporti assorbono oltre la metà delle spese non alimentari, mentre tengono le spese

Dettagli

INDAGINE SULLA SPESA DELLE FAMIGLIE PIEMONTESI FAMIGLIE PER TIPOLOGIA DI NUCLEO FAMILIARE

INDAGINE SULLA SPESA DELLE FAMIGLIE PIEMONTESI FAMIGLIE PER TIPOLOGIA DI NUCLEO FAMILIARE INDAGINE SULLA SPESA DELLE FAMIGLIE PIEMONTESI L indagine sulla spesa delle famiglie piemontesi realizzata per il quinto anno consecutivo da Unioncamere Piemonte e Regione Piemonte rientra tra le attività

Dettagli

CENSIMENTO PDV DEL DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO 2013

CENSIMENTO PDV DEL DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO 2013 Anagrafiche Ragione sociale Insegna Indirizzo Civico P.IVA Persona di riferimento 1 Persona di riferimento 2 Telefono Mail Fax (o PEC) Sito web Pagina Facebook Twitter Foursquare Altro social Metratura

Dettagli

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie:

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: Categoria 1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni

Dettagli

Bio-edilizia. D - Abitare ecologico

Bio-edilizia. D - Abitare ecologico D Abitare ecologico Anche l edilizia, oltre a quanto detto sopra a proposito delle energie rinnovabili, è investita da nuove tendenze nel segno della ricerca di un minore impatto ambientale (schede D1-

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC)

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizi al cittadino e Pari Opportunità Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 18 dicembre 2013 51 19

bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 18 dicembre 2013 51 19 bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 18 dicembre 2013 51 19 13_51_1_DPR_234_1_TESTO Decreto del Presidente della Regione 9 dicembre 2013, n. 0234/Pres. Regolamento recante

Dettagli

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 16 Dicembre 2009 La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 A novembre, il tasso di inflazione, misurato sulla base dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività, è salito

Dettagli

Ateco 2002 Ateco 2007 Dizione Ateco 2007

Ateco 2002 Ateco 2007 Dizione Ateco 2007 Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di autoveicoli e motocicli 50.1 45.1 Commercio di autoveicoli 50.20.5 45.20.9 autolavaggio e altre attività di manutenzione 50.3 45.31.0 commercio all'ingrosso

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE 1) Musei, Biblioteche, Scuole, Associazioni, Luoghi di culto Musei e gallerie pubbliche e private Biblioteche Scuole pubbliche di ogni ordine e grado Scuole parificate

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

Ateco 2002 Ateco 2007 Dizione Ateco 2007

Ateco 2002 Ateco 2007 Dizione Ateco 2007 Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di autoveicoli e motocicli 50.1 45.1 Commercio di autoveicoli 50.20.5 45.20.9 autolavaggio e altre attività di manutenzione 50.3 45.31.0 commercio all'ingrosso

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI Classe 1 -Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali Associazioni o istituzioni

Dettagli

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia.

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. Indice delle normative Per le strutture ricettive: Regione siciliana - Legge regionale 6 aprile 1996, n. 27; Regione

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi DIPARTIMENTO Risorse Tecnologiche-Servizi Delegati-Statistica U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA

Dettagli

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100 Riso 1.064 Pane 13.504 Pasta 5.808 Cereali e farine 590 Pasticceria 4.905 Biscotti dolci 2.742 Biscotti salati 1.709 Alimenti dietetici 374 Altri cereali e piatti pronti 2.505 Carne bovina fresca 18.572

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DIPAR DIPARTIMENTO XV VI U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DIPARTIMENTO

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 6 Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese Sottomisura 6.4 Sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra agricole Tipo di

Dettagli

Percorso A. p A. Le imprese ristorative. Il mercato ristorativo: evoluzione e tendenze

Percorso A. p A. Le imprese ristorative. Il mercato ristorativo: evoluzione e tendenze Percorso A ndimento 4 Un it à di re p p A Le imprese ristorative Il mercato ristorativo: evoluzione e tendenze La progressiva scomparsa dell economia agricola e la sua sostituzione con una economia industriale,

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI. Luglio 2010 COMUNE DI TERNI

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI. Luglio 2010 COMUNE DI TERNI COMUNE DI TERNI INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI Luglio 2010 I dati e le informazioni riportati di seguito sono stati validati dalla Commissione Comunale

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA DIPA DIPARTIMENTO Risorse Tecnologiche-Servizi Delegati-Statistica U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA

Dettagli

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA Il sistema educativo L assolvimento del diritto dovere di istruzione e formazione è possibile all interno di tre sistemi : Il

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

Campobasso. Presentazione del Rapporto. L economia del Molise

Campobasso. Presentazione del Rapporto. L economia del Molise Campobasso - 15 giugno 2010 - Presentazione del Rapporto L economia del Molise Il quadro di riferimento: il Molise Aggravamento della fase recessiva L economia reale Contrazione valore aggiunto in tutti

Dettagli

TRADE & SERVICES COMMERCIO E SERVIZI DELL ALTO ADIGE VISTI DA VICINO. Quali settori rientrano nel terziario? Che cosa ci rende una società di servizi?

TRADE & SERVICES COMMERCIO E SERVIZI DELL ALTO ADIGE VISTI DA VICINO. Quali settori rientrano nel terziario? Che cosa ci rende una società di servizi? TRADE & SERVICES COMMERCIO E SERVIZI DELL ALTO ADIGE VISTI DA VICINO 5 Quali settori rientrano nel terziario? Che cosa ci rende una società di servizi? Quali tipologie di commercio si sono sviluppate nel

Dettagli

Rapporto Assofranchising Italia 2013 Sintesi per la stampa

Rapporto Assofranchising Italia 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Assofranchising Italia 2013 Sintesi per la stampa In un mercato con i principali parametri della crescita bloccati, o addirittura con segno negativo, il franchising ha saputo sostanzialmente tenere

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010 Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010 16 giugno 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

IVA detraibile sugli immobili destinati ad attivita` turistico-alberghiere

IVA detraibile sugli immobili destinati ad attivita` turistico-alberghiere detraibile sugli immobili destinati ad attivita` turistico-alberghiere di Antonella Benedetto LA NOVITA` L Agenzia delle Entrate ha precisato che gli immobili abitativi utilizzati nell ambito di un attivita`

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010

Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010 14 luglio 2010 Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Le tendenze dell inflazione a Bologna nel 2009. Febbraio 2010

Le tendenze dell inflazione a Bologna nel 2009. Febbraio 2010 Le tendenze dell inflazione a Bologna nel Febbraio 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura L inflazione

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

ELENCO AZIENDE SETTORE TIPOLOGIA FATTURATO COSA RICHIEDONO 800.000 900.000

ELENCO AZIENDE SETTORE TIPOLOGIA FATTURATO COSA RICHIEDONO 800.000 900.000 ELENCO AZIENDE SETTORE TIPOLOGIA FATTURATO COSA RICHIEDONO Moto Produzione / 1.100.000 commerciale Assemblaggio moto e minimoto Abbigliamento Produzione e 120.000 Showroom sartoriale maschile Servizi alle

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009 Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009 16 giugno 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 febbraio 2015 Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE DI SECONDO CICLO DELLA REGIONE LOMBARDIA

REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE DI SECONDO CICLO DELLA REGIONE LOMBARDIA Allegato A) REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE DI SECONDO CICLO DELLA REGIONE LOMBARDIA a partire dall anno formativo 2013-14 Pagina 1 di 7 SECONDO CICLO - DDIF 2 PERCORSI

Dettagli

Descrizione del progetto imprenditoriale

Descrizione del progetto imprenditoriale Descrizione del progetto imprenditoriale L idea imprenditoriale riguarda un albergo diffuso, che valorizzi un antico patrimonio storico, attualmente inutilizzato, costituito dagli antiche pajari, situati

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009

Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009 Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009 15 gennaio 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 settembre 2013 Settembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di settembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010

Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010 Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010 23 febbraio 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane

COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane ALLEGATO A Elenco delle classi di appartenenza ammissibili, estratto dalla classificazione delle attività economiche ATECO 2007. N.B.:

Dettagli

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso Elaborazioni dai dati ufficiali 2009-2010 Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso - Osservatorio Turistico Provinciale - I flussi turistici nei primi mesi del 2010 ARRIVI Valori Assoluti

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010

Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010 16 aprile 2010 Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Economia, Promozione della città e servizi al cittadino INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 07 Gennaio 2015 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 07 Gennaio 2015 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI DICEMBRE 2014 (dati provvisori)

Dettagli

ALL. A - Elenco Codici ATECO per le attività di commercio e servizi

ALL. A - Elenco Codici ATECO per le attività di commercio e servizi ALL. A - Elenco Codici ATECO per le attività di commercio e servizi Codice Ateco 2007 Descrizione G COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI 45 COMMERCIO ALL'INGROSSO

Dettagli

Indagine Confcommercio-Format Ricerche NATALE, SI RIDUCE LA SPESA PER I REGALI. E FRA I GIOVANI È BOOM DI ACQUISTI ON LINE

Indagine Confcommercio-Format Ricerche NATALE, SI RIDUCE LA SPESA PER I REGALI. E FRA I GIOVANI È BOOM DI ACQUISTI ON LINE Indagine Confcommercio-Format Ricerche NATALE, SI RIDUCE LA SPESA PER I REGALI. E FRA I GIOVANI È BOOM DI ACQUISTI ON LINE 09 dicembre, ore 17:13 Roma%&%(Ign)%&%Quasi%6%italiani%su%10%intenzionati%a%spendere%complessivamente%meno%rispetto%allo%scorso%

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ABRUZZESI Indagine 2014

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ABRUZZESI Indagine 2014 CENTRO REGIONALE DI STUDI E RICERCHE ECONOMICO-SOCIALI istituito dalle Camere di Commercio d Abruzzo I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ABRUZZESI Indagine 2014 RAPPORTO INTERMEDIO L Aquila, 19 dicembre 2014 Sala

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009

Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009 Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009 12 agosto 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009

Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009 Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009 16 settembre 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

ICS-L. Impresa Creativa per lo Sviluppo Locale

ICS-L. Impresa Creativa per lo Sviluppo Locale ICS-L Impresa Creativa per lo Sviluppo Locale Cosa è Ics-l Portale di e-commerce territoriale per promuovere e facilitare l acquisto dei prodotti delle aziende agroalimentari e artigianali della Val di

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine giugno 2010

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine giugno 2010 Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine giugno 2010 Dati rilevati nel mese di maggio 2010 Milano, 3 giugno 2010 Comunicato stampa La crescita della fiducia è bloccata dalla crisi

Dettagli

4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri

4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri 2007 -Indagine sul settore AGRITURISMO in provincia di FIRENZE 4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri Fino a qualche anno fa, molte aziende agrituristiche non avevano

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

STUDIO SUL TURISMO DEL GOLF IN ITALIA

STUDIO SUL TURISMO DEL GOLF IN ITALIA STUDIO SUL TURISMO DEL GOLF IN ITALIA (per TG2 Dossier) Rapporto a cura di Isnart S.p.A. SOMMARIO 1. LA DOMANDA ITALIANA DI TURISMO DEL GOLF...3 2. I TURISTI DEL GOLF NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE ITALIANE:

Dettagli

Ecommerce, opportunità digitale per aziende e consumatori. Roberto liscia Presidente Netcomm

Ecommerce, opportunità digitale per aziende e consumatori. Roberto liscia Presidente Netcomm Ecommerce, opportunità digitale per aziende e consumatori Roberto liscia Presidente Netcomm 10-11 Ottobre 2012 SOCI Le attività del Consorzio Netcomm ATTIVITÀ DI LOBBYNG RICERCHE NETWORKING AREA BLOG WORKSHOP

Dettagli

VENDERE UN AZIENDA, CONSULENZA ONLINE, TELEFONICA E DI UFFICIO SANZA COSTI DI INTERMEDIAZIONE

VENDERE UN AZIENDA, CONSULENZA ONLINE, TELEFONICA E DI UFFICIO SANZA COSTI DI INTERMEDIAZIONE VENDERE UN AZIENDA, CONSULENZA ONLINE, TELEFONICA E DI UFFICIO SANZA COSTI DI INTERMEDIAZIONE ATTIVITA IN VENDITA BAR Bar con sala slot machines ben avviata, 5 km da Rovigo verso Badia Polesine, 100 mq

Dettagli

a) Soggetti Beneficiari sulla base della Delibera di Giunta regionale 986/2013

a) Soggetti Beneficiari sulla base della Delibera di Giunta regionale 986/2013 SOGGETTI BENEFICIARI I codici ATECO 2007 che verranno considerati sono quelli di attività primaria risultanti dalla visura camerale al momento della presentazione della domanda. a) Soggetti Beneficiari

Dettagli

CARTE 2012 Roma - Palazzo dei Congressi 15/16 Novembre. Roberto liscia Presidente Netcomm

CARTE 2012 Roma - Palazzo dei Congressi 15/16 Novembre. Roberto liscia Presidente Netcomm CARTE 2012 Roma - Palazzo dei Congressi 15/16 Novembre Roberto liscia Presidente Netcomm Milano, 15/11/2012 SEGMENTI DI ACQUIRENTI ONLINE NELL UTENZA INTERNET AGGIORNAMENTO: OTTOBRE 2012 Totale campione

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

Le castagne della Valle del Lujo

Le castagne della Valle del Lujo Le castagne della Valle del Lujo Istituto Tecnico Agrario Statale di Bergamo Classe 5 C a.s. 2007/2008 Banca Tutor Banca Popolare di Bergamo Credito Varesino Le castagne della Valle del Lujo EXECUTIVE

Dettagli

Indagine Marzo 2015. Dati rilevati nel mese di Febbraio 2015

Indagine Marzo 2015. Dati rilevati nel mese di Febbraio 2015 Indagine Marzo 2015 Dati rilevati nel mese di Febbraio 2015 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Milano, 2 marzo Comunicato stampa

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES COMUNE DI SERRENTI Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Notizie generali sulla struttura

Notizie generali sulla struttura Notizie generali sulla struttura DENOMINAZIONE DELL ESERCIZIO TIPOLOGIA Alberghi Motel Villaggi-Alberghi Alberghi Dimora Storica- Residenze d Epoca Campeggi Alberghi Centro Benessere Ostelli della gioventù

Dettagli

AGEVOLAZIONI ATTIVE DELLA REGIONE PUGLIA

AGEVOLAZIONI ATTIVE DELLA REGIONE PUGLIA AGEVOLAZIONI ATTIVE DELLA REGIONE PUGLIA TITOLO II, CAPO III Aiuti agli investimenti alle Micro Piccole e Medie Imprese Regione: Puglia TITOLO II, CAPO VI Aiuti agli investimenti delle PMI turistiche Regione

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

Guida MICHELIN Italia 2014

Guida MICHELIN Italia 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 5 novembre 2013 Guida MICHELIN Italia 2014 Contatto stampa 02 3395 3609 Guida MICHELIN Italia 2014: boom di novità e di stelle La nuova edizione della guida MICHELIN Italia raccoglie

Dettagli

E UNA RIPRESA NEL 2015 ANCHE IN ITALIA SI SLOW INTERROMPE LA CADUTA DEL PIL

E UNA RIPRESA NEL 2015 ANCHE IN ITALIA SI SLOW INTERROMPE LA CADUTA DEL PIL E UNA RIPRESA SLOW NEL 2015 ANCHE IN ITALIA SI INTERROMPE LA CADUTA DEL PIL. GRAZIE ALLA DISCESA DEL PETROLIO, ALLA BCE E AI PRIMI INTERVENTI DEL GOVERNO UNA FINESTRA DI BUONE OPPORTUNITÀ QE IL DINAMISMO

Dettagli

PANORAMA TURISMO MARE ITALIA OSSERVATORIO ITALIANO DELLE DESTINAZIONI BALNEARI

PANORAMA TURISMO MARE ITALIA OSSERVATORIO ITALIANO DELLE DESTINAZIONI BALNEARI PANORAMA TURISMO MARE ITALIA OSSERVATORIO ITALIANO DELLE DESTINAZIONI BALNEARI L ESTATE 2013 DEI TEDESCHI Panorama Turismo Mare Italia è il centro ricerca specializzato sul turismo balneare di JFC INDICE

Dettagli

TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA. OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi

TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA. OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi Evento organizzato da: In collaborazione con: LE FINALITÀ CONOSCITIVE DEL CONTRIBUTO DI NOMISMA PER L OSSERVATORIO

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 23 febbraio 2011 Gennaio 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi A partire dai dati di gennaio 2011, la base di riferimento dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) e

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica Potenza, 10 febbraio 2015 Agli organi di informazione Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica L andamento turistico dell anno appena trascorso, benchè fortemente segnato dalla gravità

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

Ecommerce. di Gianluca Diegoli. 1. Alcune leggende da sfatare

Ecommerce. di Gianluca Diegoli. 1. Alcune leggende da sfatare 7 Ecommerce di Gianluca Diegoli 1. Alcune leggende da sfatare Si pensa spesso, da parte di un imprenditore, all ecommerce come a una panacea per un fatturato stagnante, o peggio come un arma magica che

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 di 3

COMUNICATO STAMPA. 1 di 3 1 di 3 COMUNICATO STAMPA Estate 2014, indagine Confesercenti-Swg: dopo la crisi, per un italiano su due sarà un estate di stagnazione. Torna a crescere (+6%) il numero di vacanzieri: saranno oltre 27 milioni

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Settembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Per comprendere cosa succederà in queste imminenti festività natalizie, in particolare nel periodo tra metà

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012)

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012) Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012) Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto (classe 1

Dettagli

Presentazione La filiera corta

Presentazione La filiera corta Presentazione La filiera corta Un progetto di marketing agroalimentare Prof. Gervasio Antonelli a cura di: Riccardo Piras, Giulia Santi, Luca Mosciatti Facoltà di Economia, Università di Urbino Carlo Bo

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 -

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 - OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 - La stagione invernale 2012-2013 si è conclusa negativamente Le settimane bianche registrano una preoccupante discesa nonostante

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Nave San Rocco Provincia autonoma di Trento Via 4 vembre, 44 38010 NAVE SAN ROCCO 0461/870641 0461/870588 www.comune.navesanrocco.tn.it sindaco@comune.navesanrocco.tn.it F853-4139 - 24/08/2015-6.9

Dettagli

Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività

Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività Percorso A ndimento 5 Un it à di re p p A Le imprese di viaggi Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività All interno della legge-quadro 135 del 29 marzo 2001 sul turismo non c è una precisa

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori Gentile Visitatore, attraverso l adesione alla Carta Europea per il Turismo sostenibile

Dettagli

Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese. Principali risultati

Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese. Principali risultati Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese Principali risultati OBIETTIVI VERIFICARE LA FATTIBILITA DI UNA STRUTTURA DI COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELL APPENNINO BOLOGNESE

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli