QUADERNO ISACA VENICE Sicurezza Cibernetica Nazionale, la consapevolezza delle Aziende nei Settori Critici del Nord Est

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADERNO ISACA VENICE Sicurezza Cibernetica Nazionale, la consapevolezza delle Aziende nei Settori Critici del Nord Est"

Transcript

1 QUADERNO ISACA VENICE Sicurezza Cibernetica Nazionale, la consapevolezza delle Aziende nei Settori Critici del Nord Est Scenario e Linee guida per l autovalutazione Luca Moroni 20 Novembre 2014

2 ISACA Venice Chapter è una associazione non profit costituita in Venezia nel novembre 2011 da un gruppo di professionisti del Triveneto che operano nel settore della Gestione e del Controllo dei Sistemi Informativi. Riunisce coloro che nell Italia del Nord Est svolgono attività di Governance, Auditing e Controllo dei Sistemi Informativi promuovendo le competenze e le certificazioni professionali sviluppate da ISACA : CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT5 Foundation (www.isaca.org/chapters5/venice). ISACA (Information Systems Audit & Control Association) è una associazione internazionale, indipendente e senza scopo di lucro. Con oltre associati a 200 Capitoli in più di 160 Paesi, ISACA è leader mondiale nello sviluppo delle competenze certificate, nella promozione di community professionali e nella formazione nei settori dell assurance e sicurezza del governo dell impresa, della gestione dell IT, dei rischi e della compliance in ambito IT (www.isaca.org).

3 Luca Moroni Coordinatore di gruppi di Approfondimento per ISACA VENICE Chapter Quaderno n.1: Vulnerability Assessment e Penetration Test. Linee guida per l utente di verifiche di terze parti sulla sicurezza ICT. Quaderno n.5: Sicurezza Cibernetica Nazionale, la consapevolezza delle Aziende nei Settori Critici del Nord Est Laureato in Informatica a Milano, Certificato CISA e ITIL V3 e Certificazioni di settore Membro di ISACA Da 15 anni appassionato di Sicurezza Informatica a livello professionale tenendo seminari nel Nord Est sull argomento Mi occupo di selezionare per i clienti le aziende fornitrici di tecnologie informatiche in base alle loro competenze specifiche. Sono fautore da sempre di aggregazioni di rete

4 Ringrazio il Team per aver contribuito attivamente alla realizzazione di questo QUADERNO Giuseppe Esposito CISA, PMP, LA 27001, CSA-STAR, 22301, 9001, ITIL-V3 Foundation, ISO2000 Foundation Alessandro Guarino LA Pierlugi Sartori CISSP, CISM, CGEIT, CRISC, MBCI e Il presidente del Capitolo Orillo Narduzzo per la fiducia accordata

5 Evento ISACA VENICE CHAPTER 3 Ottobre 2014 Venezia Intervento Dr. Marco Balduzzi (In)security of smart transportation at sea The Automated identification System (AIS)

6 L anno scorso avevamo fatto questa domanda: Ha mai svolto delle analisi di sicurezza nel perimetro interno? Il 57% non ha mai svolto una analisi interna o non ne sente l esigenza Dove l analisi è composta da una serie di processi che simulano le azioni normalmente svolte da un dipendente e consulente nella rete interna.

7 Ma se fosse una Azienda/Ente che un impatto sulla vita sociale? Questa la ricordiamo tutti

8 Cosa si intende per Infrastruttura Critica Una infrastruttura viene considerata critica a livello europeo se la sua compromissione avrebbe un serio impatto sulla vita sociale dei cittadini, cioè per esempio sulla salute, la sicurezza fisica e logica o il benessere economico dei cittadini, o sull effettivo funzionamento dello Stato; oppure potrebbe portare gravi conseguenze sociali o altre drammatiche conseguenze per la comunità

9 Quali sono i settori critici per l Italia Produzione, trasmissione, distribuzione, dispacciamento dell'energia elettrica e di tutte le forme di energia, quali ad esempio il gas naturale Telecomunicazioni e telematica; Risorse idriche e gestione delle acque reflue; Agricoltura, produzione delle derrate alimentari e loro distribuzione; Sanità, ospedali e reti di servizi e interconnessione Trasporti aereo, navale, ferroviario, stradale e la distribuzione dei carburanti e dei prodotti di prima necessitali Banche e servizi finanziari; Sicurezza, protezione e difesa civile (forze dell'ordine, forze armate, ordine pubblico); Le reti a supporto del Governo, centrale e territoriale e per la gestione e delle Emergenze. TUTTE LE AZIENDE IN CUI LA COMPROMISSIONE DEI SISTEMI IMPATTA SULLA VITA

10 Cyber minaccia per le Infrastrutture Critiche dell Italia 9/3/2014: La "relazione sulla politica dell Informazione per la Sicurezza , presentata in Parlamento dalla Presidenza del Consiglio per la prima volta pone al primo posto la Minaccia Cyber. Sebbene le Infrastrutture Critiche debbano rimanere un obiettivo importante del piano di protezione nazionale, l Italia vanta una delle più alte percentuali in Europa di PIL prodotto da aziende medie, piccole e micro-aziende, le quali detengono un patrimonio in termini di knowhow. Questo know-how è a rischio, come descrive la relazione. Per due motivi: 1) Vi è in grande numero di attori interessati ad appropriarsi di knowhow attraverso l uso di strumenti Cyber 2) Le piccole e medie imprese sono di gran lunga meno protette delle grandi aziende, di conseguenza la sottrazione di know-how avviene in modo più semplice e invisibile.

11 Le aziende appartenenti ai settori Critici nel Nord Est Energia telecomunicazioni risorse idriche filiera agroalimentare sanita' trasporto carburanti e beni prima necessita' banche foze dell'ordine gestione delle emergenze Gruppo di Lavoro 2013 Isaca Venezia Sicurezza Cibernetica Nazionale, la consapevolezza delle Aziende nei Settori Critici del Nord Est Indagine svolta su 55 aziende

12 DOMANDA: Ha mai avuto problemi legati alla sicurezza informatica? Gruppo di Lavoro 2013 Isaca Venezia Sicurezza Cibernetica Nazionale, la consapevolezza delle Aziende nei Settori Critici del Nord Est Indagine svolta su 55 aziende

13 DOMANDA: Esiste una previsione di spesa dedicata specificatamente alla sicurezza informatica? Gruppo di Lavoro 2013 Isaca Venezia Sicurezza Cibernetica Nazionale, la consapevolezza delle Aziende nei Settori Critici del Nord Est Indagine svolta su 55 aziende

14 Uno scenario Sicurezza Cibernetica, la consapevolezza delle Abbiamo preso i dati dal recente report CLUSIT 2014 e aggregando gli incidenti informatici nei settori critici nel periodo Li abbiamo inseriti in un modello statistico per ipotizzare l andamento nei prossimi anni. L ipotesi peggiore potrebbe prevedere quasi un raddoppio degli incidenti alla fine del Magari sull onda dalla crescita fatta segnare dai nuovi obiettivi. Oppure confermare una stabilizzazione iniziata da Telecomunicazioni, Sanità ed Enti Governativi e Militari.

15 DOMANDA: Se rientra fra le infrastrutture critiche e' consapevole che una violazione di sicurezza informatica di un elemento della sua infrastruttura potrebbe avere un effetto anche al di fuori della sua azienda? Gruppo di Lavoro 2013 Isaca Venezia Sicurezza Cibernetica Nazionale, la consapevolezza delle Aziende nei Settori Critici del Nord Est Indagine svolta su 55 aziende

16 Lo scenario verso la fabbrica Norme: di origine UE centrate attorno alla Infrastrutture Critiche e il loro controllo sempre più informatizzato L Italia aggiunge anche la PMI Diffusione attacchi cibernetici a infrastrutture e impianti Principi applicabili a tutti, non solo alle IC designate: Approccio basato sulla gestione del rischio ed ad una sua valutazione per capire il contesto in cui si trova l azienda Se gli impianti usano tecnologie ICT sono soggetti agli stessi rischi degli uffici e della sala server (vedi Stuxnet) Sorgente: BSI analysis about cyber security 2012

17 I Sistemi di Fabbrica L evoluzione della sicurezza..aziende medie, piccole e micro-aziende, le quali detengono un patrimonio in termini di know-how.. IERI OGGI ARCHITETTURA Collegamenti fisici dedicati Reti aperte su base IP ADSL, USB, WIFI TECNOLOGIA Sistemi proprietari con protocolli specifici Sistemi standard con protocolli standard INCIDENTI Scarsi In crescita rapida

18 I Sistemi di Fabbrica L evoluzione della sicurezza IERI OGGI ARCHITETTURA Collegamenti fisici dedicati Reti aperte su base IP ADSL, USB, WIFI TECNOLOGIA Sistemi proprietari con protocolli specifici DATI USA: Sistemi standard con protocolli standard INCIDENTI Scarsi In crescita rapida

19 Le 10 minacce più insidiose nei sistemi IT di fabbrica Uso non autorizzato degli accessi remoti per la manutenzione (VNC) Attacchi Online attraverso la rete degli uffici Attacchi a dispositivi IT standard presenti nella rete di fabbrica Attacchi DDOS Errori umani e sabotaggi Introduzione di Virus/Trojan con memorie rimovibili (USB, Fotocamere, Cell ecc ) Lettura e scrittura di comandi manipolabili perché non criptati (VPN) Accessi non autenticati alle risorse del sistema di fabbrica (e Configurazioni di Default) Violazioni agli apparati di rete Problemi tecnici e casualità (backup delle configurazioni) Sorgente: BSI analysis about cyber security 2012

20 Ufficio IT e Controllo di Fabbrica Colloquio difficile Che problema c è? Funziona e non si tocca Devo prepararmi ad aggiornare! PROBLEMA! Gianni Stefano PER ME CONTA DI PIU LA DISPONIBILITA PER ME CONTA DI PIU LA PROTEZIONE DELLA COMUNICAZIONE

21 Ufficio IT e Controllo di Fabbrica Esigenze diverse Fabbrica Requisiti di Sicurezza Ufficio IT Disponibilità, Integrità, Confidenziailità Priorità della Sicurezza Confidenziailità, Integrità, Disponibilità h24x365g (Riavvio non possibile) Disponibilità Normalmente orario ufficio 8h (Riavvio possibile) Nel peggiore dei casi molto seri, Danni per l Azienda Perdita di Denaro possibili anche vittime Violazione Privacy Anni Longevità 3-5 Anni Risposte in Real Time Tempi di risposta Non importante Dipende dal Produttore Mediamente Tempo medio di Update Frequenti e Regolari lunghi (una volta ogni 1~4 Anni) Ufficio Produzione e Automazione Gestione a carico di Ufficio CED Differenti Standard / definiti a livello di Nazione Apparati (Attrezzature, Prodotti) Servizi (Conitnuità) Standard di Sicurezza Obiettivo della Sicurezza Standard Internazionali Protezione delle informazioni

22 DOMANDA: Quali di questi elementi della Sicurezza Informatica, che sono diventati rilevanti in relazione alle nuove tecnologie, non ha mai preso in considerazione? Sistemi di Automazione Industriale (PLC, DCS, etc..) Furto di informazioni in formato elettronico dall'esterno Furto di informazioni in formato elettronico dall'interno Cloud/Outsourcing Gruppo di Lavoro 2013 Isaca Venezia Sicurezza Cibernetica Nazionale, la consapevolezza delle Aziende nei Settori Critici del Nord Est Indagine svolta su 55 aziende

23 ROI per un attaccante Dove creo più danni e magari posso ricattare una azienda PER ME CONTA DI PIU LA DISPONIBILITA PER ME CONTA DI PIU LA PROTEZIONE DELLA COMUNICAZIONE

24 Ma se stiamo parlando di questo

25 E richiesta maggiore responsabilità la Comunità Europea invita le industrie a riflettere sui modi per responsabilizzare amministratori delegati e le commissioni sulla sicurezza informatica. Questa indicazione del livello di sicurezza informatica diventerà un valore per l azienda come indicatore di affidabilità in particolare per le aziende considerate critiche. Concetti come IT Security by Design prevedono di incorporare la sicurezza informatica in tutte le fasi e aspetti, dalla progettazione delle strutture, alla costruzione fino alla messa in produzione.

26 Il nostro contributo: uno strumento di autovalutazione Abbiamo creato 5 check list, una per ognuna delle cinque aree di processi in cui viene scomposta la gestione della continuità operativa per una Infrastruttura Critica. 1. Misure preventive 2. Revisione della gestione della crisi 3. Gestione della crisi vera e propria 4. Follow-up (successivo alla crisi) 5. Esercitazioni

27 Il nostro contributo: uno strumento di autovalutazione Prima check list: Misure preventive Le misure preventive riguardano i processi relativi alla prevenzione degli eventi disastrosi. Esempio Area misure preventive, sez. Information Technology : I dati critici sono memorizzati in posti diversi? (Si verifica la disponibilità di backup dislocati in molteplici luoghi)

28 Il nostro contributo: uno strumento di autovalutazione Seconda check list: Revisione della gestione della crisi La revisione della gestione della crisi riguarda la preparazione dell ambiente aziendale in modo che ci sia una efficace risposta alle situazioni disastrose. Esempio Area Revisione della gestione della crisi, sez. Informazioni richieste ed archivi Gli archivi necessari sono tutti a portata di mano? (Si verifica la disponibilità degli archivi necessari per la gestione della crisi)

29 Il nostro contributo: uno strumento di autovalutazione Terza check list: Gestione della crisi vera e propria La gestione della crisi vera e propria comprende i processi necessari a contenere le conseguenze di un evento disastroso quando quest ultimo accade. Esempio Area Gestione della crisi vera e propria, sez. Trattamento di dati critici ed archivi I supporti e gli archivi critici sono sempre tenuti in contenitori a prova di incendio e allagamento? (si verifica l efficacia delle misure di protezione di archivi e supporti durante un evento disastroso)

30 Il nostro contributo: uno strumento di autovalutazione Quarta check list: Follow-up (successivo alla crisi) Il follow-up permette di ricavare gli elementi di miglioramento del sistema di gestione dalla diretta esperienza nella gestione di un evento disastroso. Esempio Area Follow-up : 4.9 È stato fatto l'inventario degli edifici danneggiati, strutture e attrezzature? (solo quando la crisi sia avvenuta davvero, si opera un controllo sulle attrezzature danneggiate. Il follow up serve per migliorare il sistema dall esperienza diretta di una crisi.)

31 Il nostro contributo: uno strumento di autovalutazione Quinta check list: Esercitazioni Le esercitazioni sono i test di risposta agli eventi disastrosi. Esempio Area Esercitazioni, sez. Generalità : I canali di comunicazione interna ed esterna sono testati? (Le esercitazioni sono necessarie per tenere tutta la struttura preparata ad affrontare la possibile crisi. I canali di comunicazione sono una delle infrastrutture necessarie per una buona gestione degli eventi disastrosi)

32 Conclusioni Sicurezza Cibernetica, la consapevolezza delle Giustamente l Europa e l Italia devono imporre una gestione normata del problema e devono supportare le aziende nei costi di gestione. Standard riconosciuti, come la norma ISO o COBIT, vengono scarsamente adottati dalle aziende italiane proprio perché non percepiti come valore. Alcuni settori critici come quello bancario stanno già adottando normative standard di sicurezza cybernetica. La nostra Check List può fornire delle indicazioni ad un auditor ma non può esulare una azienda critica dall affrontare una analisi più specifica del contesto di sicurezza cybernetica in cui si trova. La fabbrica è l anello più debole della sicurezza informatica

33 Work In Progress Via Virtuosa: Analisi del rischio informatico nell area Nord Est Da 1 anno stiamo conducendo una ricerca e una analisi sul profilo di rischio sulla sicurezza informatica nelle aziende del Nord Est su un campione che è attualmente di 60 di aziende. Lo studio ha come obiettivo quello di definire una Base Line per le aziende del territorio aggregando i dati raccolti su un campione 100 Aziende che si prefigge di fotografare il territorio del Nord Est e l esposizione al rischio informatico. Se siete interessati, compilate il questionario per individuare come siete posizionati

34 Work In Progress Via Virtuosa: Analisi del rischio informatico nell area Nord Est Metodologia di ENISA Determining Your Organization s Information Risk Assessment and Management In 15 Domande Identifica l esposizione: Come risultato del modello di business dell'organizzazione Come risultato delle minacce Come risultato delle vulnerabilità. Identifica l impatto: Come risultato di requisiti legali e normativi dell'organizzazione Come risultato della perdita di informazioni riservatezza, integrità e disponibilità Come risultato dell'uso dei sistemi informativi a supporto dei processi aziendali

35 LUCA! Sei sempre catastrofico.. Fantascienza

36 Ah beh.non sono problemi per i sistemi di controllo delle nostre piccole aziende

37 LUCA! Ma si dai. Non è un fenomeno del nostro territorio Jesolo 17 maggio 2013 (100Km da qui)

38 Domande

39 Grazie! PER SCARICARE IL QUADERNO

QUADERNO ISACA VENICE Sicurezza Cibernetica Nazionale, la consapevolezza delle Aziende nei Settori Critici del Nord Est.

QUADERNO ISACA VENICE Sicurezza Cibernetica Nazionale, la consapevolezza delle Aziende nei Settori Critici del Nord Est. Sicurezza Cibernetica Nazionale: consapevolezza e autovalutazione QUADERNO ISACA VENICE Sicurezza Cibernetica Nazionale, la consapevolezza delle Aziende nei Settori Critici del Nord Est Scenario e Linee

Dettagli

UPDATING MEETING. Mercoledì 29 maggio 2013 Orario: 9:00 19:00. Villa Italia Via Faccalanza, 3 (zona commerciale Padova Est) Padova

UPDATING MEETING. Mercoledì 29 maggio 2013 Orario: 9:00 19:00. Villa Italia Via Faccalanza, 3 (zona commerciale Padova Est) Padova con la collaborazione di e con il patrocinio di sottocomitato qualità del software e dei servizi IT UPDATING MEETING Mercoledì 29 maggio 2013 Orario: 9:00 19:00 Villa Italia Via Faccalanza, 3 (zona commerciale

Dettagli

Autunno 2013 CORSO SPECIALISTICO CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE. Università degli Studi di Udine. in collaborazione con

Autunno 2013 CORSO SPECIALISTICO CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE. Università degli Studi di Udine. in collaborazione con in collaborazione con Università degli Studi di Udine Dipartimento di Matematica e Informatica CORSO SPECIALISTICO CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE PREVISTE PER LA CERTIFICAZIONE CISA Autunno 2013 quinta

Dettagli

SECURITY AWARENESS. Padova, 31 Gennaio 2013 Ore 14-17

SECURITY AWARENESS. Padova, 31 Gennaio 2013 Ore 14-17 SECURITY AWARENESS Padova, 31 Gennaio 2013 Ore 14-17 Introduzione ai rischi IT per acquisire una consapevolezza di base e per selezionare le priorità di successivi approfondimenti personalizzati. I destinatari

Dettagli

LEAD AUDITOR ISO/IEC 27001

LEAD AUDITOR ISO/IEC 27001 LEAD AUDITOR ISO/IEC 27001 Mogliano Veneto 20-21, 26-27-28 Settembre 2012 Sistemi di Gestione per la Sicurezza delle Informazioni secondo la norma UNI CEI ISO/IEC 27001:2006 ISACA VENICE CHAPTER propone

Dettagli

INIZIATIVA TESI. ISACA VENICE promuove le best practice proposte da ISACA e la collaborazione fra le Università e le Imprese del triveneto

INIZIATIVA TESI. ISACA VENICE promuove le best practice proposte da ISACA e la collaborazione fra le Università e le Imprese del triveneto INIZIATIVA TESI ISACA VENICE promuove le best practice proposte da ISACA e la collaborazione fra le Università e le Imprese del triveneto In linea con la sua mission e con le indicazioni del Comitato Strategico,

Dettagli

COBIT 5 e la gestione delle informazioni aziendali

COBIT 5 e la gestione delle informazioni aziendali COBIT 5 e la gestione delle informazioni aziendali NH Laguna Palace Hotel Mestre Venezia 26 Ottobre 2012 Enterprise Information Management: La gestione delle informazioni aziendali secondo i principali

Dettagli

CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE

CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE CORSO SPECIALISTICO CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE PREVISTE PER LA CERTIFICAZIONE CISM Primavera 2015 Settima edizione mail: iscrizioni@isacavenice.org www.isacavenice.org 1 CORSO SPECIALISTICO CONSOLIDAMENTO

Dettagli

CORSO SPECIALISTICO CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE

CORSO SPECIALISTICO CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE CORSO SPECIALISTICO CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE PREVISTE PER LA CERTIFICAZIONE CRISC Primavera 2015 terza edizione mail: iscrizioni@isacavenice.org www.isacavenice.org 1 CORSO SPECIALISTICO CONSOLIDAMENTO

Dettagli

SICUREZZA DELLE APPLICAZIONI MOBILE

SICUREZZA DELLE APPLICAZIONI MOBILE CORSO SPECIALISTICO SICUREZZA DELLE APPLICAZIONI MOBILE Lunedì 31 marzo e martedì 1 aprile 2014, dalle ore 9 alle ore 18 Padova mail: iscrizioni@isacavenice.org www.isacavenice.org 1 CORSO SPECIALISTICO

Dettagli

COBIT 5 FOUNDATION. 3-4-5 novembre 2014 sesta edizione

COBIT 5 FOUNDATION. 3-4-5 novembre 2014 sesta edizione COBIT 5 FOUNDATION 3-4-5 novembre 2014 sesta edizione ISACA VENICE CHAPTER propone ai propri Associati l opportunità di conseguire la qualifica COBIT 5 FOUNDATION con trainer esperti, e ad un costo contenuto

Dettagli

COBIT 5 for Risk Workshop. Comprensivo dell utilizzo di Risk Scenarios: Using COBIT 5 for Risk

COBIT 5 for Risk Workshop. Comprensivo dell utilizzo di Risk Scenarios: Using COBIT 5 for Risk Workshop Comprensivo dell utilizzo di Risk Scenarios: Using COBIT 5 for Risk NH Laguna Palace Hotel Mestre Venezia venerdì 12 Dicembre 2014 COBIT 5 for Risk - Workshop Obiettivi Assist stakeholders with

Dettagli

CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE

CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE CORSO SPECIALISTICO CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE PREVISTE PER LA CERTIFICAZIONE CISA Autunno 2014 settima edizione CORSO SPECIALISTICO CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE PREVISTE PER LA CERTIFICAZIONE

Dettagli

CORSO SPECIALISTICO CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE

CORSO SPECIALISTICO CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE CORSO SPECIALISTICO CONSOLIDAMENTO DELLE COMPETENZE PREVISTE PER LA CERTIFICAZIONE CISA Primavera 2014 sesta edizione mail: iscrizioni@isacavenice.org www.isaca.org/chapters5/venice 1 CORSO SPECIALISTICO

Dettagli

Le attività OASI per la sicurezza dei dati e dei sistemi, e per la compliance alle normative. Servizi Consulenza Formazione Prodotti

Le attività OASI per la sicurezza dei dati e dei sistemi, e per la compliance alle normative. Servizi Consulenza Formazione Prodotti Le attività OASI per la sicurezza dei dati e dei sistemi, e per la compliance alle normative Servizi Consulenza Formazione Prodotti L impostazione dei servizi offerti Le Banche e le altre imprese, sono

Dettagli

Sicurezza Cibernetica Nazionale: consapevolezza e autovalutazione

Sicurezza Cibernetica Nazionale: consapevolezza e autovalutazione Meeting Sicurezza Cibernetica Nazionale: consapevolezza e autovalutazione Venerdì 10 ottobre 2014 - Orario: 9:30-14:00 Aula Kessler, Via Verdi 26, Trento UNIVERSITA DI TRENTO Meeting realizzato con il

Dettagli

Associazione Italiana Information Systems Auditors

Associazione Italiana Information Systems Auditors Associazione Italiana Information Systems Auditors Agenda AIEA - ruolo ed obiettivi ISACA - struttura e finalità La certificazione CISA La certificazione CISM La certificazione CGEIT 2 A I E A Costituita

Dettagli

Corso ed esame Foundation Certificate

Corso ed esame Foundation Certificate Training Partner Corso ed esame Foundation Certificate MILANO E ROMA Autunno 2015 Docenti qualificati grazie ai quali Quasi il 100% dei partecipanti ai nostri corsi ha superato l esame, con punteggi oltre

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

MILANO (in presenza) + ROMA (in aula remota) + TELECONFERENZA (da propria sede remota)

MILANO (in presenza) + ROMA (in aula remota) + TELECONFERENZA (da propria sede remota) Training Partner Percorso per l applicazione pratica di COBIT5 per Auditor applicazione pratica in area Assicurativa, a supporto dell Audit 17 Novembre: Framework, utilizzi e confronto con altri standard

Dettagli

COBIT 5 for Governance

COBIT 5 for Governance COBIT 5 for Governance SPONSOR DELL EVENTO Giovedì 28 novembre 2013 - Orario: 14:00-18:00 Auditorium Cattolica Assicurazioni VERONA Cattolica Assicurazioni è la compagnia che sta a capo di uno dei maggiori

Dettagli

INFORMATION SECURITY. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano I SERVIZI DI CONSULENZA. www.axxea.it info@axxea.it

INFORMATION SECURITY. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano I SERVIZI DI CONSULENZA. www.axxea.it info@axxea.it INFORMATION SECURITY I SERVIZI DI CONSULENZA. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano www.axxea.it info@axxea.it INDICE 1. SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI... 3 1.1 ANALISI DELLO STATO DELL ARTE...

Dettagli

Le certificazioni di sicurezza e la direttiva europea 114/08. Roma, 27 Maggio 2010

Le certificazioni di sicurezza e la direttiva europea 114/08. Roma, 27 Maggio 2010 Le certificazioni di sicurezza e la direttiva europea 114/08 Roma, 27 Maggio 2010 1 Presentazione Relatore Fabio Guasconi Presidente del SC27 di UNINFO e membro del direttivo Head of Delegation per l Italia,

Dettagli

ISO IEC 27001: 2013 vs 2005

ISO IEC 27001: 2013 vs 2005 Training Partner ISO IEC 27001: 2013 vs 2005 Cosa cambia in concreto con i nuovi standard per l Information Security Management System (ISMS) Fino al 15% di sconto per iscrizioni entro il 23 febbraio 2015

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Roma. Roma, 14 dicembre 2006

Iniziativa : Sessione di Studio a Roma. Roma, 14 dicembre 2006 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Roma Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

MILANO (in presenza)

MILANO (in presenza) Training Partner Percorso pratico per IT Auditor IT AUDIT: ruolo, metodi, tecniche, 29, 30 Aprile e 4 Maggio: IT AUDIT: ruolo, metodi e tecniche Tutto ciò che serve per esercitare nella pratica la professione

Dettagli

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS 1 Introduzione La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS Ioanis Tsiouras 1 (Rivista ZeroUno, in pubblicazione) I sistemi informativi con le applicazioni basate su Web

Dettagli

Associazione Italiana Information Systems Auditors

Associazione Italiana Information Systems Auditors Associazione Italiana Information Systems Auditors Agenda AIEA - ruolo ed obiettivi ISACA - struttura e finalità La certificazione CISA La certificazione CISM 2 A I E A Costituita a Milano nel 1979 Finalità:

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Roma

Iniziativa : Sessione di Studio a Roma Iniziativa : "Sessione di Studio" a Roma Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento, di formazione

Dettagli

ICT Security LAB. Fino al 15% di sconto per iscrizioni entro il 24 Aprile 2015. Numero chiuso per favorire interazione nei «Test di Laboratorio»

ICT Security LAB. Fino al 15% di sconto per iscrizioni entro il 24 Aprile 2015. Numero chiuso per favorire interazione nei «Test di Laboratorio» Training Partner ICT Security LAB Dove regna l Insicurezza ICT: dalla teoria al LABORATORIO PRATICO Fino al 15% di sconto per iscrizioni entro il 24 Aprile 2015 Numero chiuso per favorire interazione nei

Dettagli

Information Systems Audit and Control Association

Information Systems Audit and Control Association Information Systems Audit and Control Association Certificazione CISA Certified Information Systems Auditor CISM Certified Information Security Manager La certificazione CISA storia C I S l ISACA propone

Dettagli

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Davide Lizzio CISA CRISC Venezia Mestre, 26 Ottobre 2012 Informazioni Aziendali: Il processo di

Dettagli

XXVII Convegno Nazionale di IT Auditing, Security e Governance Innovazione e Regole: Alleati o Antagonisti?

XXVII Convegno Nazionale di IT Auditing, Security e Governance Innovazione e Regole: Alleati o Antagonisti? XXVII Convegno Nazionale di IT Auditing, Security e Governance Innovazione e Regole: Alleati o Antagonisti? L innovazione applicata ai controlli: il caso della cybersecurity Tommaso Stranieri Partner di

Dettagli

GL Solutions. da febbraio 2011 GL Group S.p.A. si espande: Circa 150 collaboratori 2 sedi (Milano e Roma) Circa 12 M fatturato

GL Solutions. da febbraio 2011 GL Group S.p.A. si espande: Circa 150 collaboratori 2 sedi (Milano e Roma) Circa 12 M fatturato ORBIT Overview GL Solutions da febbraio 2011 GL Group S.p.A. si espande: Circa 150 collaboratori 2 sedi (Milano e Roma) Circa 12 M fatturato Associata al Consorzio ABILab Certificazioni BS25999 IBM Business

Dettagli

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 27000 La sicurezza delle

Dettagli

Offerta formativa AIEA per il 2014

Offerta formativa AIEA per il 2014 Training Partner Offerta formativa AIEA per il 2014 ESCLUSIVA AIEA Corsi con focus pratico ed interattivo Numero chiuso per favorire il confronto diretto Possibilità di organizzare corsi COBIT in base

Dettagli

Case study STET. Sicurezza Cibernetica Nazionale: consapevolezza e autovalutazione. Trento, 10 ottobre 2014. Case study STET

Case study STET. Sicurezza Cibernetica Nazionale: consapevolezza e autovalutazione. Trento, 10 ottobre 2014. Case study STET Sicurezza Cibernetica Nazionale: consapevolezza e autovalutazione Trento, 10 ottobre 2014 1 Presentazione della società e del progetto 2 La società Servizi Territoriali Est Trentino Società per Azioni

Dettagli

Cosa si intende per Sicurezza delle Informazioni? Quali sono gli obiettivi di un processo per la Sicurezza delle Informazioni?

Cosa si intende per Sicurezza delle Informazioni? Quali sono gli obiettivi di un processo per la Sicurezza delle Informazioni? Cosa si può fare? LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI Cosa si intende per Sicurezza delle Informazioni? La Sicurezza delle Informazioni nell impresa di oggi è il raggiungimento di una condizione dove i rischi

Dettagli

PROFILO AZIENDALE 2011

PROFILO AZIENDALE 2011 PROFILO AZIENDALE 2011 NET STUDIO Net Studio è un azienda che ha sede in Toscana ma opera in tutta Italia e in altri paesi Europei per realizzare attività di Consulenza, System Integration, Application

Dettagli

Banche e Sicurezza 2015

Banche e Sicurezza 2015 Banche e Sicurezza 2015 Sicurezza informatica: Compliance normativa e presidio del rischio post circolare 263 Leonardo Maria Rosa Responsabile Ufficio Sicurezza Informatica 5 giugno 2015 Premessa Il percorso

Dettagli

COMITATO dei PROBIVIRI AIEA 2015-2018

COMITATO dei PROBIVIRI AIEA 2015-2018 Al servizio dei professionisti dell IT Governance Capitolo di Milano Profili dei Candidati per il rinnovo del COMITATO dei PROBIVIRI AIEA 2015-2018 Giancarlo Butti (LA BS7799), (LA ISO IEC 27001:2013),

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

BSI Group Italia Via Fara, 35 20124 Milano. +39 02 6679091 marketing.italy@bsigroup.com bsigroup.it

BSI Group Italia Via Fara, 35 20124 Milano. +39 02 6679091 marketing.italy@bsigroup.com bsigroup.it BSI Group Italia Via Fara, 35 20124 Milano +39 02 6679091 marketing.italy@bsigroup.com bsigroup.it The trademarks in this material (for example the BSI logo or the word KITEMARK ) are registered and unregistered

Dettagli

ICT RISK MANAGEMENT. Società KAPPA. Introduzione

ICT RISK MANAGEMENT. Società KAPPA. Introduzione ICT RISK MANAGEMENT Società KAPPA Introduzione Carlo Guastone, Convegno AIEA Analisi dei rischi, Verona 26 maggio 2006 APPROCCIO ALLA GESTIONE DEL RISCHIO Definizioni Metodologie per il Risk Management

Dettagli

Sicurezza ICT e continuità del Business. Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013

Sicurezza ICT e continuità del Business. Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013 Sicurezza ICT e continuità del Business Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013 Indice L approccio alla Sicurezza ICT La rilevazione della situazione L analisi del rischio Cenni agli Standard di riferimento

Dettagli

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale;

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale; Presentazione Blu Consulting è una società di consulenza direzionale certificata ISO 9001:2008, fondata da Mauro Masciarelli nel 2009, specializzata nella revisione delle strategie di business, adeguamento

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 4 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT Obiettivi del CobiT (Control Objectives

Dettagli

Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA

Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA Company Management System Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA Scopo del documento: Redatto da: Verificato da: Approvato da: Codice documento: Classificazione: Dominio di applicazione:

Dettagli

Presidente del SC27 italiano e membro del direttivo di UNINFO. Capo delegazione italiana per il JTC1/SC27 ISO/IEC

Presidente del SC27 italiano e membro del direttivo di UNINFO. Capo delegazione italiana per il JTC1/SC27 ISO/IEC Speaker Fabio Guasconi Presidente del SC27 italiano e membro del direttivo di UNINFO Capo delegazione italiana per il JTC1/SC27 ISO/IEC ISECOM Vice Direttore delle Comunicazioni Membro di CLUSIT, ITSMF,

Dettagli

La sicurezza informatica: regole e applicazioni

La sicurezza informatica: regole e applicazioni La sicurezza : regole e applicazioni Le problematiche della sicurezza Facoltà di Giurisprudenza di Trento 6 maggio 2005 Gelpi ing. Andrea security@gelpi.it CLUSIT- Associazione Italiana per la Sicurezza

Dettagli

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario 1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 1.1 Introduzione... 19 1.2 Sviluppo tecnologico delle minacce... 19 1.2.1 Outsourcing e re-engineering... 23 1.3 Profili delle minacce... 23 1.3.1 Furto... 24 1.3.2

Dettagli

Managed Security Services Security Operations Center

Managed Security Services Security Operations Center Managed Security Services Security Operations Center L organizzazione, i servizi ed i fattori da prendere in considerazione quando si deve scegliere un provider di servizi. Davide Del Vecchio Responsabile

Dettagli

Attività indipendente di valutazione e verifica delle operazioni che si identifica nelle funzioni di indagine di:

Attività indipendente di valutazione e verifica delle operazioni che si identifica nelle funzioni di indagine di: 22-12-2009 1 Attività indipendente di valutazione e verifica delle operazioni che si identifica nelle funzioni di indagine di: affidabilità dei processi elaborativi qualità delle informazioni prodotte

Dettagli

Come rappresentare l azienda ai fini della gestione della sicurezza delle informazioni

Come rappresentare l azienda ai fini della gestione della sicurezza delle informazioni Come rappresentare l azienda ai fini della gestione della sicurezza delle informazioni (a cura di M Cecioni CISA - Securteam) 19 dicembre 2006 Pag. 1 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. L'esigenza 2. Perchè

Dettagli

Progetto di Information Security

Progetto di Information Security Progetto di Information Security Pianificare e gestire la sicurezza dei sistemi informativi adottando uno schema di riferimento manageriale che consenta di affrontare le problematiche connesse alla sicurezza

Dettagli

Cyber Risk Management with COBIT 5. Be informed, be aware and be prepared about Cyber Risk

Cyber Risk Management with COBIT 5. Be informed, be aware and be prepared about Cyber Risk Cyber Risk Management with COBIT 5 Be informed, be aware and be prepared about Cyber Risk NH Laguna Palace Hotel Mestre Venezia venerdì 12 Dicembre 2014 Cyber Risk Management with COBIT 5 Obiettivi Programma

Dettagli

IT SECURITY: Il quadro normativo di riferimento e la Certificazione BS 7799 - ISO/IEC 17799

IT SECURITY: Il quadro normativo di riferimento e la Certificazione BS 7799 - ISO/IEC 17799 _ Intervento al Master MTI AlmaWeb 4/2/2002 IT SECURITY: Il quadro normativo di riferimento e la Certificazione BS 7799 - ISO/IEC 17799 Intervento al Master AlmaWeb in Management e Tecnologie dell Informazione

Dettagli

Sicurezza Aziendale: gestione del rischio IT (Penetration Test )

Sicurezza Aziendale: gestione del rischio IT (Penetration Test ) Sicurezza Aziendale: gestione del rischio IT (Penetration Test ) Uno dei maggiori rischi aziendali è oggi relativo a tutto ciò che concerne l Information Technology (IT). Solo negli ultimi anni si è iniziato

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Iniziativa: "Sessione di Studio" a Roma. Presso HSPI SPA. Viale Vittorio Emanuele Orlando 75, 00185 Roma (RM)

Iniziativa: Sessione di Studio a Roma. Presso HSPI SPA. Viale Vittorio Emanuele Orlando 75, 00185 Roma (RM) Gentili Associati, Iniziativa: "Sessione di Studio" a Roma Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Case Study Certificazione BS 7799

Case Study Certificazione BS 7799 Corso di formazione Case Study Certificazione BS 7799 PRIMA GIORNATA Analisi degli standard ISO 17799 e BS7799: cosa sono, come e perché affrontare il percorso di certificazione h. 9.00: Registrazione

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Torino

Iniziativa : Sessione di Studio a Torino Iniziativa : "Sessione di Studio" a Torino Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Un'efficace gestione del rischio per ottenere vantaggi competitivi

Un'efficace gestione del rischio per ottenere vantaggi competitivi Un'efficace gestione del rischio per ottenere vantaggi competitivi Luciano Veronese - RSA Technology Consultant Marco Casazza - RSA Technology Consultant 1 Obiettivi della presentazione Dimostrare come

Dettagli

La sicurezza informatica degli impianti industriali. Case study STET. STET S.p.A. Servizi Territoriali Est Trentino. 20 novembre 2014. www.stetspa.

La sicurezza informatica degli impianti industriali. Case study STET. STET S.p.A. Servizi Territoriali Est Trentino. 20 novembre 2014. www.stetspa. La sicurezza informatica degli impianti industriali Case study STET STET S.p.A. Servizi Territoriali Est Trentino 20 novembre 2014 Presentazione della società e del progetto La società STET S.p.A. opera

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Il Continuous Auditing come garanzia di successo dell IT Governance

Il Continuous Auditing come garanzia di successo dell IT Governance Il Continuous Auditing come garanzia di successo dell IT Governance Essere consapevoli del proprio livello di sicurezza per agire di conseguenza A cura di Alessandro Da Re CRISC, Partner & CEO a.dare@logicalsecurity.it

Dettagli

La sicurezza dell informazione

La sicurezza dell informazione La sicurezza dell informazione come costruire il sistema di gestione per la sicurezza dell informazione Ing. Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Qualità, Agosto 2000) 1 Introduzione L informazione, nel linguaggio

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Torino

Iniziativa : Sessione di Studio a Torino Iniziativa : "Sessione di Studio" a Torino Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

INFORMATION SECURITY MANAGEMENT SYSTEM - ISMS

INFORMATION SECURITY MANAGEMENT SYSTEM - ISMS INFORMATION SECURITY MANAGEMENT SYSTEM - ISMS GETSOLUTION Via Ippolito Rosellini 12 I 20124 Milano Tel: + 39 (0)2 39661701 Fax: + 39 (0)2 39661800 info@getsolution.it www.getsolution.it AGENDA Overview

Dettagli

Penetration Test Integrazione nell'attività di internal auditing

Penetration Test Integrazione nell'attività di internal auditing Parma 6 giugno 2008 Penetration Test Integrazione nell'attività di internal auditing CONTENUTI TI AUDIT mission e organizzazione REVISIONE TECNICA mission e organizzazione INTERNAL SECURITY ASSESSMENT

Dettagli

Sicurezza informatica in azienda: solo un problema di costi?

Sicurezza informatica in azienda: solo un problema di costi? Sicurezza informatica in azienda: solo un problema di costi? Silvano Marioni, CISSP Manno, Centro Galleria 2 14 ottobre 2005 www.ated.ch Parliamo di sicurezza informatica Quali minacce possono interessarci

Dettagli

L'analisi di sicurezza delle applicazioni web: come realizzare un processo nella PA. The OWASP Foundation. Stefano Di Paola. CTO Minded Security

L'analisi di sicurezza delle applicazioni web: come realizzare un processo nella PA. The OWASP Foundation. Stefano Di Paola. CTO Minded Security L'analisi di sicurezza delle applicazioni web: come realizzare un processo nella PA Stefano Di Paola CTO Minded Security OWASP Day per la PA Roma 5, Novembre 2009 Copyright 2009 - The OWASP Foundation

Dettagli

Security Scan e Penetration Testing

Security Scan e Penetration Testing Security Scan e Penetration Testing esperienze di una realtà specializzata http://www.infosec.it info@infosec.it Il Net Probing INFOSEC Relatore: Stefano Venturoli Infosecurity 2002 Security Scan e Penetration

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Milano. 19 Maggio 2010 presso Unicredit Global Information Services via Livio Cambi, 1 (MM1 - Lampugnano)

Iniziativa : Sessione di Studio a Milano. 19 Maggio 2010 presso Unicredit Global Information Services via Livio Cambi, 1 (MM1 - Lampugnano) Iniziativa : "Sessione di Studio" a Milano Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Roma. Roma, 9 ottobre 2008. Hotel Universo. 7 ottobre p.v.

Iniziativa : Sessione di Studio a Roma. Roma, 9 ottobre 2008. Hotel Universo. 7 ottobre p.v. Iniziativa : "Sessione di Studio" a Roma Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Sicurezza informatica. Strumento basilare per la business continuity

Sicurezza informatica. Strumento basilare per la business continuity Sicurezza informatica Strumento basilare per la business continuity CLUSIT- Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica Associazione "no profit" con sede presso l'università degli studi di Milano,Dipartimento

Dettagli

La certificazione CISM

La certificazione CISM La certificazione CISM Firenze, 19 maggio 2005 Daniele Chieregato Agenda Ruolo del Security Manager Certificati CISM Domini Requisiti Ruolo del Security Manager La gestione della Sicurezza Informatica

Dettagli

STT e BS7799: traguardo ed evoluzione in azienda

STT e BS7799: traguardo ed evoluzione in azienda STT e BS7799: traguardo ed evoluzione in azienda Ada Sinigalia Anita Landi XVIII Convegno Nazionale di Information Systems Auditing "25 anni di Audit: l'evoluzione di una professione" Cortona, 20 maggio

Dettagli

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma IT Risk-Assessment Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. AIIA - Consigliere del Chapter di Roma Agenda Overview sul Risk-Management Il processo di Risk-Assessment Internal Auditor e Risk-Management

Dettagli

Security & Compliance Governance

Security & Compliance Governance Consulenza, soluzioni e servizi per l ICT Security & Compliance Governance CASO DI STUDIO Copyright 2011 Lutech Spa Introduzione All interno della linea di offerta di Lutech il cliente può avvalersi del

Dettagli

Gli standard e la certificazione di sicurezza ICT

Gli standard e la certificazione di sicurezza ICT Gli standard e la certificazione di sicurezza ICT Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Definizione

Dettagli

La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007)

La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007) La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007) Con questo articolo intendiamo porre a confronto seppure in maniera non esaustiva le tecniche di analisi dei

Dettagli

Security by example. Alessandro `jekil` Tanasi alessandro@tanasi.it http://www.lonerunners.net. LUG Trieste. Alessandro Tanasi - alessandro@tanasi.

Security by example. Alessandro `jekil` Tanasi alessandro@tanasi.it http://www.lonerunners.net. LUG Trieste. Alessandro Tanasi - alessandro@tanasi. Security by example Alessandro `jekil` Tanasi alessandro@tanasi.it http://www.lonerunners.net Chi vi parla? Consulente Penetration tester Forenser Sviluppatore di software per il vulnerability assessment

Dettagli

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa.

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Perché BSI? Grazie allo standard ISO 22301 l azienda può restare sempre operativa. La competenza di BSI in quest ambito può trasformare

Dettagli

IL VALORE DELLA RISK GOVERNANCE

IL VALORE DELLA RISK GOVERNANCE presentano: IL VALORE DELLA RISK GOVERNANCE Il rischio come cardine dei sistemi di gestione. Definire un sistema per la gestione del rischio IT. Giovedì 10 aprile 2014 Orario: 9:30-16:30 Padova Sheraton

Dettagli

Versione 3.2 Dicembre,2013. MAIN OFFICE Via al Porto Antico 7 - Edificio Millo 16128 GENOVA Phone. 010 5954946 Fax. 010 8680159

Versione 3.2 Dicembre,2013. MAIN OFFICE Via al Porto Antico 7 - Edificio Millo 16128 GENOVA Phone. 010 5954946 Fax. 010 8680159 MAIN OFFICE Via al Porto Antico 7 - Edificio Millo 16128 GENOVA Phone. 010 5954946 Fax. 010 8680159 OPERATIONAL OFFICES GENOVA MILANO ROMA TORINO NETWORK INTEGRATION and SOLUTIONS srl www.nispro.it Per

Dettagli

Sicurezza le competenze

Sicurezza le competenze Sicurezza le competenze Le oche selvatiche volano in formazione a V, lo fanno perché al battere delle loro ali l aria produce un movimento che aiuta l oca che sta dietro. Volando così, le oche selvatiche

Dettagli

Gruppo di ricerca AIEA Roma 2004-2005. Il valore del Penetration Test dal punto di vista dell auditor. Roma, 28 Settembre 2005

Gruppo di ricerca AIEA Roma 2004-2005. Il valore del Penetration Test dal punto di vista dell auditor. Roma, 28 Settembre 2005 Gruppo di ricerca AIEA Roma 2004-2005 Il valore del Penetration Test dal punto di vista dell auditor Roma, 28 Settembre 2005 1 Agenda 1. Gruppo di ricerca AIEA: obiettivi e componenti 2. Introduzione 3.

Dettagli

Focus Italia: i numeri del fenomeno e le minacce attuali all epoca della digital disruption

Focus Italia: i numeri del fenomeno e le minacce attuali all epoca della digital disruption Cybercrime e Data Security Banche e aziende come proteggono i clienti? Focus Italia: i numeri del fenomeno e le minacce attuali all epoca della digital disruption Alessandro Piva Direttore dell Osservatorio

Dettagli

Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System

Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System ISO 39001: per una migliore gestione della sicurezza stradale Si stima che entro il 2030 gli incidenti stradali saranno

Dettagli

I-ware Lab II. La convergenza tra informatica e telecomunicazioni in azienda. presenta. Appunti da casi reali. Alessandro Fiorenzi

I-ware Lab II. La convergenza tra informatica e telecomunicazioni in azienda. presenta. Appunti da casi reali. Alessandro Fiorenzi I-ware Lab II presenta La convergenza tra informatica e telecomunicazioni in azienda ISO 27001 nelle PMI Appunti da casi reali Alessandro Fiorenzi afiorenziinfogroupit Infogroup S.p.A:

Dettagli

measures to ensure a high common level of network and information security across the Union 3

measures to ensure a high common level of network and information security across the Union 3 Legislazione CYBER SECURITY: il nuovo ordine esecutivo del Presidente americano Obama e la recente proposta di direttiva UE Network and Information Security (NIS) Marcoccio Gloria Diritto.it La sicurezza

Dettagli

CLUSIT. Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica. Linea guida per l analisi di rischio. Codice doc.

CLUSIT. Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica. Linea guida per l analisi di rischio. Codice doc. CLUSIT Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica Linea guida per l analisi di rischio Codice doc.to: CS_CERT/SC1/T3 Stato: Draft 1 2 INDICE 1. Introduzione....4 2. Scopo della presente

Dettagli

A proposito di Cyber Security

A proposito di Cyber Security Cyber Security Fingerprint Advertorial A proposito di Cyber Security La sicurezza dei sistemi di controllo e automazione industriale diventa sempre più critica in quanto reti diverse sono spesso collegate

Dettagli

Eternet Srl Via Cechov 1 20098 San Giuliano Milanese MI. Raffaele Garofalo 1

Eternet Srl Via Cechov 1 20098 San Giuliano Milanese MI. Raffaele Garofalo 1 Il partner ideale per ogni soluzione tecnologica Eternet Srl Via Cechov 1 20098 San Giuliano Milanese MI Raffaele Garofalo 1 Progettazione Infrastrutture Servizi Consulenza Formazione La proposta tecnologica

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Torino

Iniziativa : Sessione di Studio a Torino Iniziativa : "Sessione di Studio" a Torino Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli