Gruppo Aziendale UILCOM-UIL Rai Rai Way Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo Aziendale UILCOM-UIL Rai Rai Way Milano"

Transcript

1 Gruppo Aziendale UILCOM-UIL Rai Rai Way Milano Info Rai TV N 197 del 29 novembre 2012 Sommario: 1. NUOVE FREQUENZE PER RAI 1, RAI 2, RAI 3 E RAI NEWS: TV E DECODER DA RISINTONIZZARE 2. Cda Rai: Giancarlo Leone a Rai 1, Angelo Teodoli a Rai 2, Andrea Vianello a Rai 3 3. Rai TV: la televisione a portata di smartphone e tablet Android 4. La Rai si affida agli odiati inglesi 5. Canone RAI: imposta radiotelevisiva infrastrutturale 6. Rai, di Tutto, tutto di più 7. AUDITEL CANALI ALL DIGITAL OTTOBRE 2012: CALANO QUASI TUTTE LE RETI. IRIS MEGLIO DI RAI4 E RAI MOVIE, CIELO TALLONATO DA GIALLO 8. FUB: "700mila impianti TV disturbati dal 4G" 9. Smartphone con abbonamento o no? Ecco come risparmiare 10. Lavoro: professionisti piu' ricercati, da informatici a camerieri 11. Cardani (Agcom): ''A gennaio al Mise il regolamento sull'asta delle frequenze'' 12. Agcom: Mediaset sempre più dominante nella raccolta di spot 13. Nuove norme sulla pubblicità del gioco in Tv 14. La violenza sulle donne nei luoghi di lavorosintesi degli interventi di Maria Pia Mannino e Anna Rea 15. Monti: sistema sanitario sostenibile non vuol dire privatizzare 16. Produrre benzina dall'aria: oggi non è più un miracolo alchemico NUOVE FREQUENZE PER RAI 1, RAI 2, RAI 3 E RAI NEWS: TV E DECODER DA RISINTONIZZARE Fonte: RaiWay Si informa l utenza che al fine di ottimizzare la ricezione del segnale Rai, tra novembre e dicembre saranno effettuati dai Rai Way dei cambi frequenze nella trasmissione del MUX 1, contenente i canali Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rai News ed i programmi radiofonici di Radio 1, Radio2 e Radio 3. La continuità del servizio sarà assicurata in virtù della contemporaneità delle operazione di spegnimento delle vecchie frequenze del MUX 1 ed accensione delle nuove. Pertanto, per continuare a ricevere i programmi Rai sarà sufficiente effettuare un aggiornamento della lista canali (risintonizzazione) dei televisori con decoder integrato o dei decoder digitali; solo in rari casi potrebbe rendersi necessario un riposizionamento dell antenna. Le operazioni di cambio frequenza interessano alcuni comuni delle province di : Alessandria, Aosta, Asti, Belluno, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia, Como, Folrlì- Cesena, Gorizia, Lecco, Modena, Novara, Parma, Pavia, Piacenza, Pordenone, Reggio-Emilia, Rimini, Sondrio, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Verbania, Vercelli, Verona, Vicenza. 1

2 Qualora l operazione di risontonizzazione manuale non andasse a buon fine o si desiderasse ricevere maggioriinformazioni Vi invitiamo a cliccare su invio di segnalazioni tecniche (http://www.raiway.it/index.php?lang=it&cat=309) in questa pagina o contattare il Call Center al Numero Verde attivo tutti i giorni dalle 8.00 alle Cda Rai: Giancarlo Leone a Rai 1, Angelo Teodoli a Rai 2, Andrea Vianello a Rai 3 Fonte: TVBlog Pubblicato il 29 nov 2012 da Hit I nomi che sono stati fatti i giorni scorsi sono stati tutto confermati: il Cda della Rai ha dato il via libera alle proposte del direttore generale della Rai Luigi Gubitosi per i nuovi direttori delle tre reti generaliste; così a Rai 1 approda l attuale direttore dell Intrattenimento Giancarlo Leone, in sostituzione di Mauro Mazza; a Rai 2 spazio per Angelo Teodoli (ex vice direttore di Rai 1 e responsabile dei palinsesti) al posto di Pasquale D Alessandro; la direzione di Rai 3 è affidata ad Andrea Vianello (il conduttore di Agorà), che succede ad Antonio Di Bella. Per i direttori uscenti si parla di altre possibili cariche. Nello specifico: Mauro Mazza potrebbe andare a Rai Cinema, Pasquale D Alessandro potrebbe ricevere il compito di gestire un canale tematico della Rai, Antonio Di Bella potrebbe diventare corrispondente della Rai da Parigi. In questo caso, nulla è ancora deciso. Rai TV: la televisione a portata di smartphone e tablet Android Fonte: Nexus lab Pubblicato da Alessandro Bertola Visto che oramai siamo obbligati a pagare il canone, e prima o poi ce lo vedremo detratto automaticamente con le tasse, tanto vale approfittarne e fruire della televisione nazionale tramite qualsiasi mezzo che ce lo consenta. Tramite Smartphone e tablet Android è possibile scaricare Rai TV, il programma ufficiale che ci consente di vedere il palinsesto televisivo sia in diretta che in differita. Accedendo da smartphone ci si ritrova di fronte ad un elenco a cascata verticale da scorrere tra le varie categorie. In alto troviamo le dirette TV di ben 14 canali presenti sul digitale terrestre, i classici rai uno, rai due e rai tre, ai più particolari canali tematici come rai Movie e rai gulp. Cliccando su uno di questi è facile aprire il flusso video specifico, di buona qualità e che viene trasmesso solo qualche secondo in ritardo rispetto alla TV classica. Rai replay invece è l altro servizio che consente di visionare i programmi tv dopo massimo 7 giorni dall effettiva messa in onda, andando a sfogliare il calendario della settimana e scegliendo tra i vari programmi a disposizione. Purtroppo i programmi dedicati allo sport, come novantesimo minuto o le dirette di eventi importanti come la formula uno, non vengono riproposti neanche i giorni seguenti, lasciando un piccolo vuoto. I programmi On Demand invece sono anch essi legati ad un breve arco temporale, ma sono piccoli estratti selezionati o tribune politiche dedicate, come Porta a Porta. Successivamente trovano posto i video denominati trentasecondi, i quali non durano precisamente 30 secondi ma raramente arrivano al minuto, e ci mostrano particolari spezzoni importanti della giornata. Infine infondo troviamo la sezione dedicata ai telegiornali, ben suddivisa e sempre aggiornata. L applicazione è compatibile unicamente da Android Ice Cream Sandwich in poi, e difficilmente verrà resa disponibile anche per versioni più vecchie del sistema operativo made in Google COMMENTO: Per quanto si possa polemizzare sui programmi messi in onda dalla Rai, Rai Tv è un applicazione fatta bene, ben sviluppata e con una qualità video ottima anche con connessioni non troppo veloci. 2

3 La Rai si affida agli odiati inglesi Fonte: Italiaoggi In campo British Telecom per il servizio di contact center di Stefano Sansonetti In casa di mamma Rai è arrivata British Telecom. Proprio nel momento in cui è esplosa la polemica a distanza con la Bbc, i cui vertici hanno senza tanti complimenti accusato l'italia di fare un tv «spazzatura», si scopre che l'azienda controllata dal ministero del Tesoro ha deciso qualche tempo fa di affidarsi al colosso inglese delle telecomunicazioni. Il gruppo Britsh Telecom, infatti, si è aggiudicato un appalto per la fornitura dei servizi di contant center della Rai. Nei prossimi tre anni, in pratica, saranno gli inglesi a occuparsi di tutto ciò che riguarda la gestione dei call center e dei contatti via web. Il tutto per un corrispettivo di 6 milioni di euro. A mettere le mani sulla commessa, in particolare, è stata la controllata italiana del gruppo, ovvero la Bt Italia guidata dall'amministratore delegato Corrado Sciolla, la cui offerta ha prevalso su quella di altri 6 concorrenti. Per carità, va chiarito che tutto lo sviluppo della gara è avvenuto in un periodo in cui gli attuali vertici della Rai, ovvero il presidente Anna Maria Tarantola e il direttore generale Luigi Gubitosi, non erano ancora in sella. Ma la trasmissione dell'esito della procedura alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea risale a pochi giorni fa. In pratica un po' prima delle frecciate lanciate alla televisione italiana dai colleghi inglesi. La Bbc sta vivendo un momento difficile. Nei mesi scorsi l'azienda inglese è finita nel mirino per aver ingiustamente accusato di pedofilia un ex ministro conservatore dei tempi della Tatcher, Lord McAlpine. Al punto che il presidente del trust che governa la Bbc, Lord Patten, chiamato in causa dal parlamento inglese, si è assunto le responsabilità del caso. Ma ha rifiutato le accuse sulla qualità dei prodotti offerti dalla Bbc. «Chiunque ci tratti come spazzatura», ha detto, «dovrebbe essere obbligato a guardare la tv italiana, francese, tedesca o americana». Magari non quella tedesca, ha poi aggiunto in una parziale retromarcia, «ma di certo quella italiana». Di sicuro gli inglesi delle tlc potranno consolarsi con l'appalto Rai. Una boccata di ossigeno la Bt Italia, che in base all'ultimo bilancio ha visto il fatturato calare da 864 a 830 milioni e il rosso aumentare da 22,1 a 54,2 milioni. Canone RAI: imposta radiotelevisiva infrastrutturale Fonte: Blogtaormina La proposta governativa, sul modello tedesco, di tramutare il canone in una imposta obbligatoria di contributo infrastrutturale legato alle residenze non deve scandalizzare: una giusta e legittima soluzione L evasione del cosiddetto canone RAI - in realtà tassa radiotelevisiva ha raggiunto in Italia cifre da capogiro : il 41% medio, con punte dell 87% per le famiglie, del 96% per le imprese. Almeno 740 ml di euro all anno (giugno 2011). La proposta governativa, sul modello tedesco, di tramutarlo in una imposta obbligatoria di contributo infrastrutturale legato alle residenze, è una giusta e legittima soluzione. Sono decenni che giornali, radio e TV conducono una campagna falsa e strumentale contro quello che viene definito, falsamente, canone RAI. Si tratta invece di un imposta governativa legata ai costi delle infrastrutture radiotelevisive e all uso delle relative frequenze di emissione da parte di tutti i gestori. Nessun servizio, pubblico o in concessione (privato), può essere poi erogato senza costi per il gestore e per l utente. Tanto meno il servizio radiotelevisivo, molto costoso e fruibile su apparati diversi : TV e radio (fissa o mobile), computers, smart phone, I-PAD, ecc. Tutti i servizi radiotelevisivi si finanziano con la pubblicità commerciale (scaricata sui prezzi di vendita prodotti e servizi), con canoni di pay-tv molto costosi (Sky e Mediaset), con la vendita di prodotti e servizi di vario tipo. Le somme che il governo versa alla RAI come parte di canone dovuto sono, come abbiamo già scritto e documentato più volte, il corrispettivo derivante da vincoli e prestazioni imposti alla RAI e non ai gestori privati : limiti pubblicitari sganciati dalle quote di ascolto, prestazioni 3

4 tecniche (per copertura e qualità), programmistiche e gestionali (in qualità e quantità), fissati per legge e inesistenti per i gestori privati. Una politica che favorisce i monopolisti privati, non la RAI, che viene penalizzata tre volte: per il limite di pubblicità fissata a tavolino dal governo (alla faccia del mercato!), per la massiccia evasione del canone ricevuto (740 ml di euro/anno), per servizi resi allo Stato e non pagati. Stato ed industrie evadono massicciamente per i servizi radiotelevisivi che ricevono (96% per le industrie). L evasione media stimata è del 41%, con punte dell 87% (cifre ufficiali), ma forse è anche maggiore. Qualsiasi evasore fiscale sarebbe punito severamente per il danno apportato allo Stato e al servizio pubblico radiotelevisivo, ma non accade. L evasione radiotelevisiva non tocca i monopolisti della PAY TV (con utenti registrati) e della pubblicità commerciale, che viene pagata pronta cassa e senza evasioni di sorta.grazie alla lottizzazione partitica della RAI, questa azienda così pesantemente danneggiata, non spiega mai la scandalosa situazione descritta, che gli addetti ai lavori conoscono bene e nascondono. A fronte di tale situazione, come già avviene in Germania e in altri Paesi, il governo Monti in deficit promette di emanare una legge- a mio avviso perfettamente costituzionale, giusta e necessaria che colpisca gli evasori ultradecennali del canone di servizio radiotelevisivo nazionale. Lo farà? Vedremo. La misura è semplice e giustificata : tramutare il fasullo meccanismo di prelievo attuale in una imposta obbligatoria infrastrutturale legata alla residenza (uffici, industrie o abitazioni), dove i segnali radiotelevisivi sono fruibili. Le deroghe possono riguardare solo i casi accertati di non ricevibilità radiotelevisiva. Se un gestore rende disponibile, mediante la sua rete, luce o acqua alla mia residenza io pago una tariffa fissa, cui si aggiunge quella relativa ai miei consumi. Lo stesso deve valere per i servizi radiotelevisivi via etere: è legittimo, giusto e pienamente costituzionale. Radiotelevisione come servizio essenziale universale. Il cosiddetto canone RAI (112 euro/anno) è anche il più basso in Europa : in Germania costa 215,76 euro/anno, per fruire di due canali TV (ARD e ZDF ) più un canale radio federale. La RAI fornisce più programmi e servizi che ogni altro gestore pubblico europeo, con il canone più basso. I costi delle prestazioni richieste alla RAI (Convenzione, Contratto di servizio, ecc.) si conoscono: perciò l azienda deve avere risorse complessive adeguate a tali richieste, quale che sia il modo di remunerarle. L evasione non deve essere perseguibile dalla RAI, ma dallo Stato che dovrebbe risarcire la RAI per l ammanco. La canea condotta contro l introduzione di questa proposta di legge non ha alcuna giustificazione, vuole solo continuare a proteggere gli evasori, mentre è sacrosanta per chi paga già il canone RAI : egli non ha alcun danno da questa misura di giustizia e può rivendicare migliori programmi dalla RAI. L argomento non pago il canone RAI perchè non mi piacciono o non vedo i suoi programmi è assolutamente fasulla, strumentale e inaccettabile. Chi ha mai dimostrato che i programmi RAI siano i peggiori? E vero il contrario sulla base dei dati disponibili ( di ascolto e di gradimento). E mai possibile rifiutarsi di pagare il canone della luce, del gas o dell acqua, perchè il gestore/fornitore non piace? Oppure le tasse dovute allo Stato perchè esso non mi piace e non ne condivido la politica? Nemmeno regge la scusa che in RAI ci sono sprechi o privilegi di casta : questi possono riguardare i giornalisti o i dirigenti apicali, non i lavoratori in contratto collettivo, che invece lottano contro la mala gestione aziendale, dovuta essenzialmente alla lottizzazione governativa e partitica, vero cancro italiano. Pagando tutti il canone radiotelevisivo si conquista e si rafforza il diritto e la lotta per avere programmi migliori senza sprechi o finte collaborazioni clientelari, e non solo in RAI, ma anche sul versante privato. Infatti i monopolisti e i gestori privati sono Concessionari esclusivi di servizi di natura pubblica e collettiva, quindi sono tenuti a standard di qualità adeguati nell offerta e nella gestione : invece tutti si comportano come se essi fossero padroni privati che impiegano loro capitali e fanno il loro comodo. Invece impiegano in esclusiva beni collettivi, anche limitati : le radiofrequenze, la pubblicità, i canoni di pay TV. Il presupposto per rivendicare verso tutti i gestori programmi migliori e gestione corretta sta proprio nel pagamento del canone radiotelevisivo, altro che incostituzionalità della norma, 4

5 come si va blaterando. La Corte costituzionale non può legittimare l evasione dei furbi e dei disonesti, deve punirli. Chi si oppone ad una legge anti-evasione, giusta e legittima, o non conosce il sistema radiotelevisivo (se in buona fede) o sta usando pretesti strumentali per continuare ad evadere e far evadere. Era Berlusconi presidente del Consiglio- che incitava a non pagare il canone e a non dare pubblicità alla RAI. Vi è infine qualcuno che, con sfacciataggine e ipocrisia, dice di non avere antenne o strumenti per ricevere programmi radiotelevisivi. Se è così,deve fornire le prove e consentire che si facciano controlli sistematici, senza preavviso, presso la sua residenza. Gli ispettori non devono trovarvi nè antenne, nè radio, nè TV, nè PC (fissi o mobili), nè cellulari, nè altri apparati simili. In caso contrario, debbono applicare all evasore multe salate, denunciandolo per falsa dichiarazione in atto pubblico. In realtà molti degli evasori ricevono perfino la costosissima pay-tv di Sky e di Mediaset.Quanti sono coloro che possono dimostrare e fare accertare carenze totali di questo tipo? Conviene farlo e rischiare per 112 euro/anno? In realtà l evasione radiotelevisiva, come dimostrano i dati riguarda i furbi, i potenti, le industrie, non i cittadini comuni. Costituisce una perdita consistente per lo Stato e per la RAI, ma anche un danno per i lavoratori RAI ed una grossa ingiustizia per i tanti cittadini-utenti che pagano il canone. Chi vuole risparmiare, può farlo disdicendo i pesantissimi canoni di pay-tv (3-4 volte quello RAI). Ovviamente per le famiglie sicuramente povere si possono prevedere esenzioni ad hoc, come per ogni altro servizio. Qualcuno, come in Germania, potrebbe eccepire la incostituzionalità della norma. A Berlino il governo ha avuto l OK da autorevoli costituzionalisti, che anzi hanno caldeggiato l applicazione della riforma del canone radiotelevisivo :essa consentirà alla Merkel di aumentare gli attuali incassi di 8-10 miliardi di euro, stanando gli oltre 3 milioni gli evasori stimati (una quisquiglia per noi!). Perciò mobilitiamoci contro furbi ed ignoranti per conquistare giustizia e qualità dei servizi radiotelevisivi nostrani. Rai, di Tutto, tutto di più Fonte: Tiscali cinema Dall imminente Albanese natalizio all acquisto di Pieraccioni, passando per Salvatores, Amelio, Virzì, Luchetti e altro ancora: Il giusto mix tra autori, giovani e commedie popolari, dice Paolo Del Brocco del listino 2013 "Puntiamo molto su questo listino, che rappresenta il giusto mix tra la qualità del cinema d'autore, la scommessa di giovani registi e una proposta più popolare, con commedie che possono arrivare ad ampie fasce di pubblico". L'ad Rai Cinema Paolo Del Brocco presenta così alla stampa - anticipando di qualche giorno le Giornate Professionali di Sorrento - il carnet di titoli che andranno a comporre la stagione 2013 di Rai Cinema e 01 distribution: a parte l'immediato, con le uscite natalizie di Tutto tutto, niente niente (il film di Giulio Manfredonia, con Antonio Albanese, sarà nelle sale il 13 dicembre) e La regola del silenzio di Robert Redford (in sala dal 20 dicembre), il nuovo anno si aprirà con la commedia dei Vanzina Mai stati uniti (con Vincenzo Salemme e Ricky Memphis), in sala dal 3 gennaio, mentre il 24 e il 31 dello stesso mese sarà la volta di Pazze di me di Fausto Brizzi, con Francesco Mandelli circondato da donne ("atmosfera particolare, commedia con grande tenerezza di fondo", dice Del Brocco) e 11 settembre 1683 di Renzo Martinelli, con F. Murray Abraham e Enrico Lo Verso, dramma storico sulla vita di Marco da Aviano, frate cappuccino che ebbe un ruolo decisivo nella battaglia di Vienna del 1683, quando i cristiani fermarono l'avanzata dell'esercito turco: dopo il flop di Barbarossa, quale sarà l'impegno distributivo che accompagnerà il film nelle sale? "Il film è prodotto dalla Rai, noi abbiamo l'impegno contrattuale a distribuirlo - spiega Del Brocco -. I numeri li valuteremo dopo averlo visto, se il film è bello uscirà con molte copie, altrimenti no: non entro nella polemica politica, perché all'epoca di Barbarossa c'era un'altra gestione, per quanto mi riguarda la nostra è asettica rispetto a pressioni di questo tipo". Un listino che vede anche quest'anno pochi titoli provenienti dagli States (eccezion fatta per il già citato Robert Redford e per To the Wonder di Terrence Malick, Rush di Ron Howard, sulla 5

6 vita di Clay Regazzoni, The Tomb con Arnold Schwarzenegger e Sylvester Stallone): "Come da qualche anno a questa parte - continua Del Brocco - visto anche il momento di particolare difficoltà che sta attraversando il paese, abbiamo diminuito la proposta di film americani per andare più incontro alle esigenze del cinema italiano, di fatto svolgendo una funzione di servizio pubblico anche dal punto di vista industriale". Un listino, insomma, che al 90% parla italiano: a San Valentino sarà la volta dell'esordio in regia del comico Alessandro Siani con Il principe abusivo, interpretato al fiano di Christian De Sica e Sarah Felberbaum, a fine febbraio arriverà (dopo un passaggio ormai quasi sicuro al Festival di Berlino) Educazione siberiana di Gabriele Salvatores, tratto dall'omonimo romanzo di Nicolai Lilin, il 7 marzo un'altra opera prima, firmata da Giorgia Farina, Amiche da morire, "commedia al femminile con venature noir", dice Del Brocco, interpretata da Claudia Gerini, Cristiana Capotondi, Sabrina Impacciatore e Vinicio Marchioni. Per il 4 aprile è fissata l'uscita di Bianca come il latte, rossa come il sangue, adattamento di Giacomo Campiotti del romanzo omonimo di Alessandro D'Avenia, con Luca Argentero, Filippo Scicchitano, Aurora Ruffino e Gaia Weiss protagonisti. In primavera sarà poi la volta di Benvenuto presidente, nuova commedia di Riccardo Milani con Claudio Bisio e Kasia Smutniak, mentre a giugno arriverà Niente può fermarci di Luigi Cecinelli, con Gerard Depardieu, Serena Autieri e Massimo Ghini. "Se riusciremo a portare un film a Cannes lo distribuiremo a ridosso del festival", assicura poi Del Brocco, memore anche delle polemiche scaturite con Reality di Garrone, a maggio in concorso sulla Croisette, poi in sala solamente a fine settembre: tra i papabili, forse, Daniele Luchetti, che sta girando il nuovo film con Kim Rossi Stuart e Micaela Ramazzotti, e Roberto Andò con Viva la libertà, interpretato da Toni Servillo e Valerio Mastandrea, mentre Ferzan Ozpetek sta ancora ultimando la sceneggiatura di Allacciate le cinture di sicurezza. Annunciati anche i nuovi film di Paolo Virzì e Gianni Amelio: il regista livornese dirigerà Fabrizio Bentivoglio, Valeria Golino e Valeria Bruni Tedeschi nel thriller Il capitale umano, mentre Amelio prepara L'intrepido con Antonio Albanese, commedia drammatica prodotta dalla Palomar con Rai Cinema. Sul fronte commedia popolare, poi, da segnalare il nuovo film di Massimiliano Bruno (ancora senza titolo) e Un fantastico via vai di Leonardo Pieraccioni, esordio del regista/comico toscano con la Rai: "Con Medusa non era stato chiuso il contratto e il film l'abbiamo preso noi", racconta ancora Del Brocco, che spiega: "Ho letto la storia, sembra un ritorno alle atmosfere de I laureati, potrebbe essere il nostro film di Natale 2013". Prima di allora, però, arriveranno in sala Mi rifaccio vivo di Sergio Rubini (con Neri Marcorè, Margherita Buy ed Emilio Solfrizzi), Passione sinistra di Marco Ponti (con Alessandro Preziosi e Valentina Lodovini), Il cecchino di Michele Placido, Cha Cha Cha di Marco Risi, thriller con Luca Argentero, Claudio Amendola e Eva Herzigova, Amore mio porti sfortuna (titolo provvisorio) diretto da Alessio Maria Federici, con Enrico Brignano e Ambra Angiolini, Qualcosa di buono di e con Luca Barbareschi, interpretato anche da Alessandro Haber e Zhang Jinghu: "Girato tra Hong Kong e Shanghai, un thriller che parla della sofisticazione alimentare", dice Del Brocco, che si sofferma poi su Aspirante vedovo di Massimo Venier, remake del classico di Risi con Alberto Sordi e Franca Valeri, interpretato da Fabio De Luigi e Luciana Littizzetto ("Non un remake tout court, anche perché sarebbe impossibile scimmiottare un film così e due mostri sacri come Sordi e la Valeri") e spende qualche parola anche sull'esordio in regia di Pif (all'anagrafe Pierfrancesco Diliberto, noto conduttore televisivo e scrittore), davanti e dietro la macchina da presa con La mafia uccide solo d'estate, interpretato anche da Cristiana Capotondi, Claudio Gioè e Ninni Bruschetta: "Una commedia particolare, che offre un punto di vista davvero originale, nuovo, sulla mafia". 27 novembre 2012 La Redazione - Cinematografo.it AUDITEL CANALI ALL DIGITAL OTTOBRE 2012: CALANO QUASI TUTTE LE RETI. IRIS MEGLIO DI RAI4 E RAI MOVIE, CIELO TALLONATO DA GIALLO Fonte: Davidemaggio calano-quasi-tutte-le-reti-iris-meglio-di-rai4-e-rai-movie-cielo-tallonato-da-giallo sabato 24 novembre :08 Daniele Pasquini Secondo mese in garanzia per i grandi network, che ad ottobre hanno registrato alcuni inaspettati cambiamenti per quanto riguarda gli ascolti delle rispettive offerte tematiche sul digitale terrestre. Confermati in sostanza i leader di settembre per quanto concerne i canali 6

7 della Rai. A trainare l intera offerta è infatti ancora RaiPremium che con l 1.34% di share si impone rispetto ai concorrenti convalidando i risultati di settembre. Il canale per veri affictionati viaggia in quasi tutte le fasce orarie ben al di sopra dei 100 mila spettatori, raggiungendo il picco in share tra le 15 e le 18 con l 1.98%, e il picco in spettatori in prime time con 274 mila. E un testa a testa invece quello tra Rai4 e RaiMovie che nel totale giornata ad ottobre ottengono entrambi l 1.05% di share (rispettivamente 112 mila e 111 mila ascoltatori), con il canale diretto da Freccero in lieve calo (in prime time arriva però a 312 mila spettatori e l 1.11% di share) mentre quello cinematografico in netta risalita rispetto a settembre. Inevitabile il confronto con i due diretti competitor di Cologno: Iris continua ad avere la meglio imponendosi tra i canali Cinema con l 1.30% di share nel totale giornata (138 mila spettatori) e in prima serata arriva all eccellente risultato di 351 mila spettatori, mentre Italia2 è in lieva risalita raggiungendo lo 0.52% e 55 mila spettatori in media, con il picco in prima serata (164 mila spettatori). Dopo l exploit di settembre è invece in calo Giallo che si ferma allo 0.78% e 83 mila spettatori, così come La5 che perde 0.02 punti percentuali e cala allo 0.88% (94 mila spettatori), Mediaset Extra che crolla allo 0.56% di share, ben 0.10 punti sotto rispetto a settembre, e La7d che ottiene lo 0.44% di share. A guadagnare qualcosa è invece Cielo, probabilmente anche per via di X Factor e le nuove produzioni in replica di SkyUno, che sale allo 0.79% di share e 84 mila spettatori (picco in share: 1.05% in seconda serata, picco in spettatori: 233 mila in prime time). Ma è sugli ascolti dei canali per bambini che si registra il cambiamento più clamoroso. Il già altalenante RaiGulp ad ottobre sprofonda allo 0.33% di share (35 mila spettatori), ben 0.20 punti sotto rispetto a settembre, ma Boing non se la passa meglio e registra lo stesso identico calo arrivando al poco rassicurante 0.80% di share (84 mila spettatori) rispetto all 1.06% del mese precedente. Il fatto più interessante è che i competitor non ne guadagnano affatto: Super! rimane fermo allo 0.42% di share (44 mila spettatori), mentre sia K2 che Frisbee hanno subìto un calo (rispettivamente 0.52% con 55 mila spettatori e 0.39% con 41 mila spettatori). Nella battaglia tra i canali prescolari invece Cartoonito si assesta allo 0.70% di share e 74 mila spettatori, mentre Rai YoYo all 1.01% (-0.05% rispetto a settembre) che diventa l 1.36% tra le 15 e le 18 mentre il picco in spettatori si ha tra le 18 e le con ben 232 mila ascoltatori. Male ancora tutte le restanti reti dell azienda pubblica che, tranne Rai News, registrano un calo rispetto al mese precedente: fanalino di coda RaiScuola con lo 0.01% di share, seguita da RaiStoria allo 0.14% parimerito con RaiSport2, quindi RaiSport 1 con lo 0.23% e Rai5 con lo 0.30, ben 0.11 punti sotto rispetto a settembre. RaiNews colleziona invece lo 0.55%, con un picco in share e spettatori tra le 7 e le 9 con lo 2.68% e 153 mila ascoltatori. Manco a dirlo a svettare è ancora il canale al femminile di Discovery Channel, Real Time, che però cala all 1.48% di share dopo l 1.71% di settembre, con 157 mila spettatori. Ottimi i risultati nelle fasce 12-15, prime time e seconda serata dove il canale arriva rispettivamente a 239 mila, 229 mila e 248 mila spettatori. In seconda serata si registra il picco in spettatori e share con il 2.10%. Bene DMAX che rispetto a settembre perde meno rispetto alle altre reti e sigla lo 0.87% di share nel totale giornata con 93 mila spettatori, mentre in prima serata arriva a 201 mila. Focus invece conferma i risultati interessanti del mese precedente arrivando allo 0.45%. FUB: "700mila impianti TV disturbati dal 4G" Fonte: Dday Pubblicato da Gianfranco Giardina lunedì 26 novembre 2012 A 2024 su Radio 24, Mario Frullone di Fondazione Ugo Bordoni, ha confermato che i disturbi sugli impianti TV delle reti 4G saranno importanti. A pagare saranno - secondo FUB - le telecom e non i cittadini. Gli impianti di antenna che saranno interessati dai disturbi delle reti cellulari 4G sulla banda degli 800 MHz (che saranno accesi a partire dal prossimo 1 gennaio) saranno almeno A sostenerlo Mario Frullone, direttore delle ricerche della FUB, Fondazione Ugo Bordoni, intervenuto, insieme al direttore di DDAY.it, alla trasmissione 2024 andata in onda lo scorso sabato su Radio 24 e condotta da Enrico Pagliarini antenne va chiarito 7

8 equivalgono sicuramente a più di un milione di famiglie italiane, in considerazione del fatto che molti impianti interessati saranno di tipo condominiale centralizzato. La banda utilizzata dalle nuove reti 4G sugli 800 Mhz apparteneva infatti allo spettro utilizzato per la diffusione radiotelevisiva e l accensione dei nuovi trasmettitori a distanza ravvicinata dalle antenne di ricezione TV richiederà sicuramente un intervento di filtraggio del segnale cellulare (che per la TV diventa puro disturbo) e, nei casi più sfortunati, l intera revisione dell impianto. Molto conterà anche la qualità dell impianto stesso e il fatto che sia stato realizzato a regola d arte e con cablaggi ad alta schermatura. E chi paga per questi interventi? Frullone su questo non ha dubbi: Ai tavoli di lavoro è già chiaro che saranno le telecom a sostenere i costi per tutti gli interventi di adeguamento degli impianti, anche se al momento non è ancora definito il criterio di ripartizione di questi costi tra i diversi gestori. Se verrà confermato quanto sostenuto dal rappresentante di Fondazione Ugo Bordoni (che è consulente tecnico del Ministero per la materia televisiva), i cittadini, che comunque sosterrebbero dei disagi, almeno dovrebbero essere sollevati dai costi di ripristino dell impianto. Va detto che risulta non chiarissimo il sistema di gestione di questi interventi: secondo Frullone i cittadini interessati dai disturbi dovrebbero chiamare un apposito numero verde che dovrebbe essere allestito presso la Fondazione Ugo Bordoni e segnalare il proprio problema; il call center, analizzate le mappe di rischio e il calendario di accensione degli impianti 4G, dovrebbe girare la chiamata al gestore di telefonia ritenuto responsabile del disturbo per un intervento di correzione. Ma il fatto che a tutt oggi non sia ancora stata allestita una rete di antennisti da coinvolgere in questi interventi fa pensare che, ammesso che questo meccanismo venga confermato, i tempi di reazione potrebbero essere lunghissimi. Come poi ha correttamente osservato durante la trasmissione su Radio24 Nello Genovese, vice presidente di Fracarro Radioindustrie SPA, è pensabile che ci saranno problemi di tempestività degli interventi correttivi: quando verrà acceso un impianto 4G, è facile che tutti gli impianti nel raggio di un km dall antenna richiedano almeno l applicazione di un filtro, se non interventi più radicali, e la rete degli antennisti locali sarà messa sotto pressione in maniera importante, tanto da non poter garantire i tempi di intervento che la popolazione - a TV osucrata - potrebbe aspettarsi. Ammesso che i costi degli interventi saranno effettivamente sostenuti dalle telecom, ci sono ancora molti problemi sul tavolo che non hanno apparentemente una soluzione, primo tra tutti quello di gestire le lamentele lecite dei telespettatori che, a ridosso degli interventi fatti per gli adeguamenti allo switch off, si trovano a dover rimettere le mani all impianto di antenna ma, questa volta, per favorire le comunicazioni dati su rete cellulare rispetto alle quali potrebbero non avere alcun interesse. Ma c è anche il grande capitolo delle possibili frodi: come sarà possibile determinare se l impianto è disturbato perché è stato accesso il 4G o semplicemente perché si tratta di impianto di qualità precaria già prima dell accensione? C è poi un ulteriore elemento che potrebbe aumentare le difficoltà nel determinare il nesso causale tra reti 4G e i disturbi d antenna: i problemi potrebbero non manifestarsi nel momento dell accensione delle reti 4G ma solo in presenza di traffico dati (che si presume non partirà subito a pieni regimi), rendendo i disagi intermittenti. Da segnalare infine la polemica sorta tra Frullone e Genovese durante la trasmissione: il primo a sostenere che tutto quello che si poteva fare prima dell accensione vera e propria delle reti 4G è stato fatto; il secondo del parere opposto. A questo riguardo, non essendoci in Italia un anagrafe degli impianti di antenna e del loro livello qualitativo, è di certo impossibile stimare in maniera precisa l impatto dei disturbi fino alla valutazione in campo dopo le prime accensioni; d altro canto il fatto che ancora oggi, a un mese dalla possibile accensione dei primi impianti, la procedura per gli interventi di ripristino degli impianti sia ancora tutta da determinare, lascia pensare che sul fronte organizzativo e regolamentare sia stato perso molto tempo prezioso. Il tutto ovviamente ammesso che non arrivino ritardi sostanziosi nell accensione delle reti 4g sugli 800 MHz visto che sono ancora molti i canali TV che non si sono spostati dalle frequenze da 61 a 69 che entro fine anno dovrebbero essere liberati dalle trasmissioni radiotelevisive per lasciare spazio appunto alle reti 4G. 8

9 Smartphone con abbonamento o no? Ecco come risparmiare Fonte: Yahoo Notizie Scritto da Wired.it Wired Chi non ha mai preso in considerazione l'idea di sottoscrivere una tariffa per la telefonia mobile che includa anche uno smartphone? Con qualche euro al mese in più si possono sfoggiare iphone, Samsung e Nokia che, se acquistati nei negozi, costerebbero più di 500 euro. C'è chi non resiste e coglie al volo le promozioni più allettanti, magari in concomitanza con l'uscita dell'ultimissimo modello del brand desiderato. E c'è chi invece non degna queste offerte neanche di uno sguardo, convinto che alla fine si vada a pagare di più e che siano sempre le compagnie telefoniche a guadagnarci. Chi ha ragione? La verità, come spesso accade, sta nel mezzo. Secondo un'indagine condotta dal portale online Supermoney, la scelta della giusta tariffa permette di risparmiare sino a 200 euro sul prezzo pieno di uno smartphone. Ma la convenienza cambia a seconda dei modelli e degli operatori e, nel peggiore dei casi, si arriva invece a pagare un sovrapprezzo di 130 euro. E bisogna fare attenzione alle condizioni di recesso anticipato: a volte le penali vanificano qualsiasi risparmio iniziale. Lo studio di Supermoney ha messo a confronto quattro diversi piani tariffari (Top Sim 400 di Tre, Tutto compreso 300 di Tim, Smart 500 di Vodafone e All Inclusive Smart di Wind) e altrettanti modelli di smartphone tra i più recenti disponibili sul mercato (Nokia Lumia 800, Samsung Galaxy SIII, Apple iphone5 16 GB e HTC One X). Diciamolo subito: salvo rare eccezioni conviene sottoscrivere una di queste tariffe piuttosto che comprare lo smartphone a parte, con un risparmio medio pari a 89 euro. Le due offerte migliori in assoluto sono quelle della Wind per avere un Nokia Lumia 800 o uno Samsung Galaxy S3: in entrambi i casi il risparmio è di 200 euro. Chi invece vuole un Apple iphone 5 da 16 GB può risparmiare 154,20 euro sottoscrivendo l'offerta di Tre. Anche con Tim e Vodafone il risparmio è garantito: 129 euro di sconto rispetto ai 729 euro di prezzo allo scaffale. Quand'è che, invece, le tariffe all inclusive non convengono? Il Samsung Galaxy SIII in abbonamento con Tim e Vodafone costa... un euro in più rispetto al prezzo pieno. Gli appassionati dell'htc One X dovrebbero invece prestare particolare attenzione: delle tre tariffe disponibili sul mercato, due (quelle di Tre e di Vodafone) prevedono un costo più elevato di euro circa. L'unica offerta che permetta di risparmiare è quella di Tim: il prezzo si abbassa di 110 euro. L'indagine di Supermoney fotografa la situazione attuale. Ma, si sa, le offerte commerciali cambiano a ritmi vertiginosi. Soprattutto in uno scenario come quello degli smartphone in cui c'è sempre dietro l'angolo un nuovo modello in arrivo sul mercato. Non è difficile, però, verificare con un calcolo "fai da te" la convenienza delle nuove offerte. La formula è semplice: si prende il costo totale dello smartphone in negozio e lo si divide per il numero di mesi dell'offerta commerciale. Poi lo si somma alla tariffa mensile desiderata. In questo modo si ottiene il costo mensile che si va a pagare acquistando lo smartphone separatamente dal canone telefonico. Se il risultato è maggiore della stessa tariffa telefonica comprensiva di smartphone, allora conviene l'all inclusive. Per esempio, l'apple iphone5 da 16 GB costa 729 euro; se le offerte delle compagnie telefoniche durano 30 mesi, si divide 729 per 30 e si ottiene 24,30 euro. Quindi, se l'abbonamento che interessa è, ad esempio, di 15 euro al mese senza smartphone, la somma di 15 euro più 24,30 euro dà come risultato 39,30 euro. Questa cifra è quello che si pagherebbe comprando lo smartphone in negozio e poi sottoscrivendo l'abbonamento. La stessa tariffa con smartphone incluso è di 34,16 euro e, quindi, risulta più conveniente. Se la tariffa all inclusive fosse stata superiore a 39,30 euro, sarebbe stato meglio acquistare il telefono in negozio. Lavoro: professionisti piu' ricercati, da informatici a camerieri Fonte: AGI lavoro_professionisti_piu_ricercati_da_informatici_a_camerieri (AGI) - Roma, 23 nov. - In Lombardia 9 progettisti informatici su 10 sono difficili da trovare. Nel Lazio le imprese che cercano termoidraulici non riescono a rimpiazzare i propri collaboratori 9

10 e in Trentino Alto Adige le imprese sono "a caccia" di camerieri (non stagionali). Sono i casi estremi della grande difficolta' che il sistema produttivo sperimenta (anche quest'anno, in piena crisi occupazionale) nel reperire alcune figure professionali "introvabili". A mostrarlo e' un approfondimento dell'analisi annuale del Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro, presentata a Verona in occasione di Job&Orienta: anche in un 2012 in cui la disoccupazione ha assunto caratteri di emergenza per il Paese e in un contesto in cui le imprese procedono alle assunzioni con estrema cautela (tanto che quelle totali saranno complessivamente 200mila in meno del 2011), molti potenziali posti di lavoro rischiano di rimanere vacanti perche' i candidati sono difficili da reperire. Certo gli "introvabili" quest'anno sono "solo" 65mila, ossia il 16,1% delle assunzioni non stagionali previste dalle imprese (lo scorso anno erano quasi il 20%), ma in alcune regioni e per singoli profili professionali sono vere e proprie "Primule rosse". "Anche quest'anno dai dati Excelsior emerge un paradosso: pur in presenza di una contrazione dell'occupazione, una parte non marginale della domanda di lavoro delle imprese comportera' difficolta' nella ricerca del candidato piu' idoneo", sottolinea il segretario generale di Unioncamere, Claudio Gagliardi. "E' un paradosso che rende sempre piu' urgente intervenire con un cambio di passo del mondo della formazione: serve uno sforzo straordinario per offrire a tutti i giovani la possibilita' di conoscere dal di dentro il mondo dell'impresa e, nello stesso tempo, far apprezzare alle imprese il proprio talento. E' necessario in definitiva organizzare anche in Italia in maniera sistematica percorsi di apprendimento in azienda completamente integrati nel curriculum formativo". Nel dettaglio, su oltre 406mila assunzioni non stagionali previste dalle imprese dell'industria e dei servizi, sono (pari al 16,1% del totale) quelle per le quali le imprese segnalano difficolta' di reperimento. Il calo generalizzato della domanda di lavoro da parte del sistema produttivo (200mila le assunzioni totali previste in meno rispetto allo scorso anno) spiega ampiamente la riduzione della quota di "introvabili" rispetto alla rilevazione effettuata nel 2011 (117mila unita', pari a poco meno del 20% delle 600mila assunzioni non stagionali che le imprese intendevano effettuare entro l'anno). Tuttavia, per alcuni profili professionali le criticita' restano elevate. Tra i livelli di istruzione, la difficolta' di reperimento si concentra quest'anno soprattutto sui laureati. Dei quasi 59mila che le imprese intendono assumere nel 2012 con un contratto non stagionale, uno su 5 e' considerato introvabile, pari a quasi 12mila unita'. Rispetto allo scorso anno, quando le imprese ne avevano previsti in entrata 74mila, la quota della difficolta' di reperimento si riduce tuttavia di 6 punti percentuali (dal 26,1 al 20%). Per i diplomati superiori (166mila le assunzioni non stagionali previste nel 2012), le difficolta' si concentrano su 27mila unita' (il 16,2%), in discesa anche in questo caso sia in valore assoluto (erano piu' di 45mila nel 2011) sia in termini di quota sul totale delle relative assunzioni (di oltre due punti percentuali, da 18,7 a 16,2%). Per quanto riguarda le "introvabili" figure professionali, ai primi posti ritroviamo il progettista di sistemi informatici, professione per la quale i candidati ideali sono i laureati in Informatica: sono 900, delle mille circa previste per quest'anno, le assunzioni difficili da reperire, pari a quasi l'85% del totale. Nel campo dell'informatica, tra le prime venti professioni "introvabili" si incontrano, con tassi di difficolta' attorno al 30% delle assunzioni previste per quest'anno (e tutte con la prevalente richiesta di una laurea in ingegneria informatica), anche il Consulente di software (un centinaio gli introvabili), l'analista programmatore (circa 150 difficili da reperire) e il Programmatore informatico (piu' di 300 gli introvabili). Infine, con il 22% di difficolta' di reperimento, rientra anche lo Sviluppatore di software (piu' di 300 gli "introvabili"). Progettisti, ma non solo di sistemi informatici, perche' quest'anno le imprese hanno difficolta' a trovare anche Progettisti meccanici (per cui si richiedono soprattutto ingegneri meccanici e navali), introvabili per quasi un terzo delle richieste, pari ad oltre 500 unita' sulle circa assunzioni previste. E sebbene i valori assoluti siano piu' bassi, piuttosto "irreperibili" sono anche altre figure di progettista, come quello di impianti industriali (sempre con preferenza per gli ingegneri meccanici e navali) e quello nel settore dei servizi (maggiormente richiesti i laureati in economia bancaria, finanziaria e assicurativa), dove circa il 40% delle assunzioni sono difficili da reperire (circa un centinaio in entrambi i casi). Tra le prime posizioni per difficolta' di reperimento si collocano anche i Revisori contabili (per i quali le imprese cercano soprattutto laureati in scienze economico-aziendali, del marketing e dell'amministrazione), introvabili in oltre un terzo dei casi, quasi 300 in valori assoluti su un totale di ben oltre 700 assunzioni previste per quest'anno. I laureati nei diversi indirizzi di Ingegneria, comunque, rappresentano i candidati 10

11 ideali per ben 9 della prime 20 professioni in cui i "dottori" sono ritenuti introvabili, a dimostrazione che questo titolo di studio offre altissime opportunita' di assunzione, a patto sempre di un'adeguata preparazione dei candidati, meglio se arricchita da un'esperienza, unita anche ad una flessibilita' nello svolgere le professioni per cui sono chiamati a ricoprire. Considerando invece le professioni di maggiore sbocco occupazionale, sempre tra i "dottori", primeggiano gli Infermieri con assunzioni di laureati circa, seguiti dagli Addetti all'amministrazione (3.000) e dagli Educatori professionali (2.200). Sbocchi professionali di cui potranno beneficiare in larga misura anche i neo-laureati, visto che le imprese ritengono adatto anche un giovane appena uscito dall'universita' a svolgere la professione nel 62-63% delle assunzioni per le prime due figure professionali richieste e per ben il 77% nel caso della terza. Cardani (Agcom): ''A gennaio al Mise il regolamento sull'asta delle frequenze'' Fonte: Digital Sat La consultazione pubblica si concluderà il 17 dicembre, dopo di che il 20 si terrà il consiglio dell Agcom che potrebbe approvare il testo finale che sarà mandato a Bruxelles per la notifica. A fornire la tempistica per l approvazione del regolamento sull asta per le frequenze tv e il presidente dell Agcom, Angelo Marcello Cardani, spiegando a margine di un convegno che al più tardi a metà gennaio penso che potremo mandarlo al Ministero dello Sviluppo economico. Agcom: Mediaset sempre più dominante nella raccolta di spot Fonte: TV Digital Divide 29 nov di quezal (Matteo Bayre) Il mercato italiana della raccolta pubblicitaria è ancora particolarmente concentrato. E il dominio di Mediaset mette a rischio gli effetti positivi digitalizzazione. Lo rivela (ma non è proprio una grande sopresa) l Agcom nella sua Indagine conoscitiva sulla raccolta pubblicitaria. Secondo l Authority, infatti, nonostante l avvento della tv digitale terrestre, la frammentazione dell offerta tv e la moltiplicazione di canali, il gruppo Fininvest Mediaset si conferma in posizione dominante seguita, come al solito dalla Rai, che, in ragione della propria missione di servizio pubblico, soggiace a vincoli legislativi più restrittivi in materia di affollamento pubblicitario, che ne condizionano inevitabilmente la capacità competitiva. Nonostante la sostanziale equivalenza in termini di quota di mercato tra Sipra e Publitalia 80 calcolata sull audience (ed anzi nel 2010 a fronte del 41% di Rai, Mediaset deteneva il 37%, per un audience complessiva di quasi l 80%), l Agcom rileva una sproporzione sempre maggiore dei ricavi da spot fra i due operatori, con il Biscione che realizza il 62% della quota complessiva (57% se si considerano anche gli spot delle tv locali), mentre la tv pubblica raccimola solo il 24%. La circostanza in esame risulta passibile di perpetrare la situazione di duopolio stabile, dal lato dell offerta di contenuti, tradizionalmente rinvenuta nel settore, vanificando l occasione, creata a seguito della moltiplicazione dei canali come conseguenza del passaggio al digitale, di accrescere le potenzialità competitive del secondo operatore del mercato. Da un punto di vista dinamico, se si opera un confronto con i dati dell indagine conoscitiva dell Antitrust del 2003 relativi al solo ambito nazionale televisivo, emerge come nonostante una leggera riduzione del tasso di concentrazione, questo rimanga stabilmente assai elevato (e superiore a quello degli altri mercati internazionali). In pratica, nonostante il processo di liberalizzazione in atto, la concentrazione è scesa soltanto di 500 punti in più di cinque anni, rimanendo largamente al di sopra della soglia di punti oltre la quale un mercato viene considerato strutturalmente concentrato. Più in generale, guardando all andamento registrato dall Agcom tra il 2009 e il 2010, si nota che in campo televisivo i ricavi da raccolta pubblicitaria del gruppo Fininvest (che in termini assoluti registra il miglior risultato con oltre 2,6 miliardi nel 2010) sono aumentati del 7% mentre quelli della Rai sono saliti del 4,1%. Anche il gruppo Telecom Italia incassa un segno positivo con un +7,3%. 11

12 Grande crescita per News Corporation, che controlla Sky, con una crescita del 26%. Tra i gruppi editoriali in discesa, figura Rcs Mediagroup con un -13,3%; bene invece L Espresso con un +12,3 per cento. Un lieve calo si registra per il gruppo Il Sole 24 Ore (-2,5%); per Class Editori la flessione è del 3,4%. Ottimi risultati, invece, per i ricavi pubblicitari del gruppo Caltagirone (+26%). Ma a guidare la classifica del trend positivo è Google, con una crescita tra il 2009 e il 2010 pari al 29%. Proprio in questi giorni, a seguito di alcuni controlli della Guardia di Finanza, la società italiana del motore di ricerca più famoso del mondo è accusata di pagare meno tasse del dovuto allo Stato italiano. Tra il 2002 e il 2006 BigG non avrebbe dichiarato redditi per 240 milioni di euro oltre a tributi non pagati per 96 milioni. Fonte: Il Sole 24 Ore Radiocor Nuove norme sulla pubblicità del gioco in Tv Fonte: Millecanali Nuove norme di legge che stanno per entrare in vigore introducono il divieto di messaggi pubblicitari concernenti il gioco con vincite in denaro nel corso di trasmissioni radiotelevisive rivolte ai minori. 20 Novembre 2012 Vediamo le nuove norme dal periodico 'TeleRadioFax' di Aeranti-Corallo: «Il 31 ottobre u.s. il Senato della Repubblica ha approvato in terza lettura, senza ulteriori modificazioni, la legge di conversione del decreto legge 13 settembre 2012, n. 158, recante disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute In particolare, l'art. 7 del provvedimento introduce il divieto di messaggi pubblicitari concernenti il gioco con vincite in denaro nel corso di trasmissioni televisive o radiofoniche e di rappresentazioni teatrali o cinematografiche rivolte ai minori. Il testo del comma 4 del citato art. 7 dispone: Sono vietati messaggi pubblicitari concernenti il gioco con vincite in denaro nel corso di trasmissioni televisive o radiofoniche e di rappresentazioni teatrali o cinematografiche rivolte ai minori e nei trenta minuti precedenti e successivi alla trasmissione delle stesse. È altresì vietata, in qualsiasi forma, la pubblicità sulla stampa quotidiana e periodica destinata ai minori e nelle sale cinematografiche in occasione della proiezione di film destinati alla visione dei minori. Sono altresì vietati messaggi pubblicitari concernenti il gioco con vincite in danaro su giornali, riviste, pubblicazioni, durante trasmissioni televisive e radiofoniche, rappresentazioni cinematografiche e teatrali, nonché via internet nei quali si evidenzi anche solo uno dei seguenti elementi: a) incitamento al gioco ovvero esaltazione della sua pratica; b) presenza di minori; c) assenza di formule di avvertimento sul rischio di dipendenza dalla pratica del gioco, nonché dell'indicazione della possibilità di consultazione di note informative sulle probabilità di vincita pubblicate sui siti istituzionali dell'amministrazione autonoma dei monopoli di Stato e, successivamente alla sua incorporazione ai sensi della legislazione vigente, dell'agenzia delle dogane e dei monopoli, nonché dei singoli concessionari ovvero disponibili presso i punti di raccolta dei giochi. Il comma 4-bis (introdotto ex novo dalla Camera dei Deputati) dispone, inoltre: La pubblicità dei giochi che prevedono vincite in denaro deve riportare in modo chiaramente visibile la percentuale di probabilità di vincita che il soggetto ha nel singolo gioco pubblicizzato. Qualora la stessa percentuale non sia definibile, è indicata la percentuale storica per giochi similari. In caso di violazione, il soggetto proponente è obbligato a ripetere la stessa pubblicità secondo modalità, mezzi utilizzati e quantità di annunci identici alla campagna pubblicitaria originaria, indicando nella stessa i requisiti previsti dal presente articolo nonché il fatto che la pubblicità è ripetuta per violazione della normativa di riferimento. Il comma 6 dell'art. 7 del Decreto legge stabilisce, altresì, testualmente quanto segue: Il committente del messaggio pubblicitario di cui al comma 4 e il proprietario del mezzo con cui il medesimo messaggio pubblicitario è diffuso sono puniti entrambi con una sanzione amministrativa pecuniaria da centomila a cinquecentomila euro. E ancora: Per le attività di contestazione degli illeciti, nonché di irrogazione delle sanzioni è competente l'amministrazione autonoma dei monopoli di Stato e, successivamente alla sua incorporazione, ai sensi della legislazione vigente, l'agenzia delle dogane e dei monopoli, che vi provvede ai sensi della legge 24 novembre 1981, n. 689, e successive modificazioni. 12

13 L'entrata in vigore delle norme soprariportate, come specificato dal comma 7 dell'art. 7 del Decreto legge, è fissata al 1 gennaio 2013». La violenza sulle donne nei luoghi di lavorosintesi degli interventi di Maria Pia Mannino e Anna Rea Fonte: UIL UIL NAZIONALE CONVEGNO CGIL CISL E UIL LA VIOLENZA SULLE DONNE NEI LUOGHI DI LAVORO: LE ANALISI E LE PROPOSTE DI CGIL CISL E UIL SINTESI DEGLI INTERVENTI DI MARIA PIA MANNINO RESPONSABILE DEL COORDINAMENTO PARI OPPORTUNITA DELLA UIL - E DI ANNA REA SEGRETARIA CONFEDERALE UIL Si è svolto questa mattina il convegno organizzato da Cgil, Cisl e Uil contro la violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Nel corso dell iniziativa è stata illustrata una proposta d intesa di Cgil, Cisl e Uil da presentare a Istituzioni, Parti sociali e a tutti gli attori coinvolti, finalizzata a contrastare ogni forma di violenza e discriminazione sulle donne lavoratrici. Con questo documento ha detto Maria Pia Mannino, responsabile del coordinamento pari opportunità della Uil - chiediamo che nei tavoli di contrattazione di secondo livello venga inserito il tema della prevenzione della violenza nei luoghi di lavoro e che la cultura di genere diventi un momento di informazione e formazione importante per tutto il mondo del lavoro. Prevenzione, formazione e sicurezza - ha concluso Mannino - devono segnare l inizio di nuovo modello di vita lavorativa nei posti di lavoro sia pubblici che privati. Non è una rivendicazione femminista ma è una questione di diritti civili e di democrazia - ha sottolineato la Segretaria confederale della Uil, Anna Rea, che ha partecipato alla tavola rotonda. La violenza nei luoghi di lavoro è, talvolta, ancor più subdola poiché ha anche un costo sociale ed economico soprattutto in relazione alla qualità della produttività in azienda. Il problema si pone con maggiore rilevanza nelle piccole imprese dove il controllo sui soprusi rischia di essere meno efficace. Sarebbe utile adottare l accordo sottoscritto, su questi temi, in sede europea con la Ces, rispetto al quale noi siamo ancora inadempienti. E sarebbe opportuna, infine, un azione più incisiva degli Enti Bilaterali per svolgere un ruolo di tutela delle lavoratrici anche nelle realtà in cui questi fenomeni, troppo spesso, non vengono denunciati. Roma, 27 novembre 2012 Monti: sistema sanitario sostenibile non vuol dire privatizzare Fonte: Ansa DIRE-PRIVATIZZARE-_ html Il premier: 'L'eccellenza e' anche nel pubblico. No logiche vicinanza per scelta migliori medici' Un sistema sanitario sostenibile non vuol dire privatizzazione, ha detto il premier Mario Monti. "Il diritto alla salute" e l'organizzazione pubblica dei servizi sanitari sono "requisiti irrinunciabili di convivenza civile" ma anche "garanzia effettiva dell'uguaglianza dei cittadini", ha spiegato Monti intervenendo al 50/o del Nas (Nucleo antisofisticazioni). "Affermare la necessità di rendere il servizio sanitario pienamente sostenibile non ha nulla, proprio nulla a che vedere con la logica della privatizzazione", ha continuato Monti. ''L'eccellenza sta anche nel pubblico e non sempre il privato è immune da scelte non ispirate alla competenza", ha aggiunto il capo del governo. "Il valore della salute pubblica, requisito irrinunciabile di sviluppo sociale e di convivenza civile, - ha aggiunto il presidente del Consiglio - va preservato anche per il futuro il che è possibile solo introducendo le innovazioni e gli adattamenti che la situazione nel tempo richiede". "Dobbiamo, in una società adulta, essere capaci e avere il dovere di parlare senza che le parole diventino veicolo di equivoci e fraintendimenti, ma parlare per vedere la realtà dei problemi", ha proseguito Monti con un accenno alle polemiche seguite alle sue parole sul rischio futuro di insostenibilità del sistema sanitario nazionale. Tanto che il capo del governo ha voluto ribadire il concetto: "Ripeto: affermare la necessità di rendere il servizio sanitario pienamente sostenibile non ha nulla proprio nulla a che vedere con la logica della privatizzazione. L'eccellenza sta anche nel pubblico e non sempre il privato è immune dalle logiche improprie 13

14 del condizionamento di scelte non sorrette da assoluta trasparenza e competenza". "La scelta dei migliori e dei più capaci, specie fra i medici, non può essere offuscate da logiche di appartenenza vicinanza o amicizia", ha concluso. BALDUZZI, TRAVISAMENTO MEDIATICO PAROLE MONTI - Le parole di oggi del presidente del Consiglio sulla sanità "sono una conferma di ciò che il premier ha sempre pensato e che solo un travisamento di tipo mediatico ha potuto mettere in dubbio". Lo ha sottolineato il ministro della Salute, Balduzzi, a margine delle celebrazioni per il cinquantesimo anniversario dei Nas, riferendosi alle affermazioni di Monti il quale ha affermato che la necessità di rendere sostenibile il sistema sanitario non ha nulla a che vedere con la logica di privatizzazione. Produrre benzina dall'aria: oggi non è più un miracolo alchemico Fonte: Tmnews Il procedimento rivoluzionario di un gruppo di scienziati inglesi Darlington, (TMNews) - Più che una soluzione scientifica sembra una magia degna di Gandalf, il mago bianco del "Signore degli anelli". Ma la ricetta è semplice: trasformare l'anidride carbonica in benzina impiegando l'aria e molta, molta, elettricità.la rivoluzione copernicana dell'energia potrebbe partire da qui, una modesta infrastruttura industriale di Darlington, nell'inghilterra nord-orientale. All'interno di una coppia di container un gruppo di scienziati della "Air fuel synthesis" ha organizzato una mini raffineria che non ha bisogno di petrolio.l metodo, nonostante tutte le complesse equazioni che lo giustificano, sembra abbastanza semplice. L'aria atmosferica viene mischiata a soda caustica e passata attraverso un procedimento elettrolitico per separare l'anidride carbonica. Allo stesso modo, l'acqua viene scomposta nelle sue componenti, idrogeno e ossigeno. A questo punto, anidride carbonica e idrogeno vengono fatti reagire per produrre metanolo e, alla fine del processo, la benzina.per il momento si tratta di una produzione su scala ridotta, solo 5 litri al giorno, e nettamente inefficiente in quanto impiega una imponente quantità di elettricità. Ma a detta dei responsabili dell'iniziativa si tratta solo di pianificare economie e organizzazioni produttive su scala più ampia.secondo Lee Cronin, professore della University of Glasgow ed esperto di energie alternative, il processo è interessante ma il punto debole è la quantità di elettricità che viene impiegata. Sarebbe impossibile, per esempio, soddisfare le richieste di greggio degli Stati Uniti."Negli Usa vengono bruciati 1,4 miliardi di litri di benzina al giorno e se dovessero essere prodotti in questo modo sarebbe necessaria usare una metà della quota giornaliera del consumo energetico mondiale".il nodo gordiano è dunque l'efficienza del procedimento. Ma l'aspetto positivo è avere dimostrato in via di principio che è possibile prelevare elettricità, anidride carbonica e acqua, mescolandoli a dovere per produrre benzina. La chiave di tutto diventa ottenere quote importanti di energia da impianti solari ed eolici per produrre carburanti neutri e liquidi, facili da trasportare in tutto il mondo, per impiegarli in agricoltura e nei trasporti.la tentazione, bisogna confessarlo, è irresistibile."sì, in via di principio è possibile produrre petrolio dall'aria, spiega Peter Harrison, amministratore delegato dell'air fuel synthesis. Con l'anidride carbonica dell'atmosfera e l'idrogeno dell'acqua si può ottenere il metanolo per poi convertirlo in benzina".ma tutto questo non è conveniente a meno che non si ricorra all'energia rinnovabile. Nel mondo, infatti, esistono posti ricchi di grandi potenziali di energia eolica e solare, del tutto sprovvisti di petrolio. Potenziali che oggi vanno del tutto sprecati."paesi, magari senza sbocco al mare, che dispongono però di sole, vento ed energia idroelettrica possono produrre il carburante di cui hanno bisogno senza doverlo importare a costi elevatissimi".in questo modo, oltretutto, si potrebbe registrare una significativa differenza dell'anidride carbonica rilasciata nell'atmosfera."come tutti sanno, non si può creare dal nulla l'energia. Non stiamo creando energia dal nulla, stiamo solo convertendola da una forma a un'altra".da Darlington potrebbe partire una grande rivoluzione. A metà strada tra la scienza e la Danza dei giganti di Stonehenge... 14

Per ulteriori informazioni: ufficio.stampa@unioncamere.it - 06.4704 264-370-287-350 / 348.9025607-3480163758 www.unioncamere.gov.

Per ulteriori informazioni: ufficio.stampa@unioncamere.it - 06.4704 264-370-287-350 / 348.9025607-3480163758 www.unioncamere.gov. Unioncamere, occupazione: 65mila introvabili nel 2012 La bandierina degli irreperibili ai Termoidraulici nel Lazio, ai progettisti informatici in Lombardia e ai camerieri in Trentino Alto Adige Roma, 23

Dettagli

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I modelli di business nel sistema televisivo vengono definiti in base ai soggetti che finanziano le azioni di produzione e ed erogazione del servizio offerto.

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Roma, 9 luglio 2013 AGENDA 2 Introduzione L ecosistema digitale: la dieta degli italiani

Dettagli

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa Proposta di revisione della Comunicazione della Commissione Europea del 2001 relativa all applicazione delle norme sugli aiuti di Stato al servizio pubblico di radiodiffusione 4 novembre 2008 Osservazioni

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico la

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM APPROFONDIMENTI INTERPRETATIVI, ESIGENZE DI CHIARIMENTO, CRITICITA

Dettagli

Vantaggi della sottoscrizione di più servizi associati alle tariffe ADSL e. telefono: stima del risparmio

Vantaggi della sottoscrizione di più servizi associati alle tariffe ADSL e. telefono: stima del risparmio Vantaggi della sottoscrizione di più servizi associati alle tariffe ADSL e telefono: stima del risparmio Indice: Introduzione 1 Il panorama delle Telecomunicazioni in Italia 1 L'evoluzione delle tariffe

Dettagli

DELIBERA N. 221/00 L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 6 dicembre 2000,

DELIBERA N. 221/00 L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 6 dicembre 2000, DELIBERA N. 221/00 AVVIO DI ISTRUTTORIA CONOSCITIVA CONCERNENTE EVENTUALI EFFETTI INDOTTI DA INIZIATIVE ASSUNTE DALL ENEL SPA NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI SULLA PRODUZIONE E SULLA EROGAZIONE DEI

Dettagli

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Congresso Commissioni giuridiche ACI- Napoli - Riflessioni su : Patente di guida

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014 Allegato A alla delibera n. 658/15/CONS SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014 Premessa Il presente documento illustra

Dettagli

DELIBERA N. 628/07/CONS

DELIBERA N. 628/07/CONS DELIBERA N. MERCATO DELLA TERMINAZIONE DI CHIAMATE VOCALI SU SINGOLE RETI MOBILI (MERCATO N. 16 FRA QUELLI IDENTIFICATI DALLA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA N. 2003/311/CE): VALUTAZIONE AI SENSI

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Riportiamo a tutti i nostri clienti quanto scritto da SAPAR sulle disposizioni riguardanti il Decreto BALDUZZI.

Riportiamo a tutti i nostri clienti quanto scritto da SAPAR sulle disposizioni riguardanti il Decreto BALDUZZI. Riportiamo a tutti i nostri clienti quanto scritto da SAPAR sulle disposizioni riguardanti il Decreto BALDUZZI. In osservanza delle disposizioni dettate dal Decreto Balduzzi ai comma 5 e 8 dell art. 7,

Dettagli

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro Relazione annuale 2011 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Indice 1. L ecosistema digitale 1.1. Introduzione...................................15 1.2. La catena del valore..............................18

Dettagli

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati La relazione trimestrale è redatta su base consolidata in quanto la

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 15 Telefono cellulare e scheda prepagata In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come ricaricare il telefono cellulare con la scheda prepagata parole relative all

Dettagli

Telefonia fissa, internet, cellulari e smartphone: come contenere i costi Quaderni del consumatore 5/2013

Telefonia fissa, internet, cellulari e smartphone: come contenere i costi Quaderni del consumatore 5/2013 Telefonia fissa, internet, cellulari e smartphone: come contenere i costi Quaderni del consumatore 5/2013 CENTRO DI RICERCA E TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI Telefonia fissa, internet, cellulari

Dettagli

Il web marketing non è solo per i web guru

Il web marketing non è solo per i web guru Introduzione Il web marketing non è solo per i web guru Niente trucchi da quattro soldi È necessario avere competenze informatiche approfondite per gestire in autonomia un sito web e guadagnare prima decine,

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA

INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA LA BANCA SULLE AUTOSTRADE DELL INFORMAZIONE DI STEFANO DIONI, FABIO BERTOLI Che cosa offre e come utilizzare nel modo più efficace il sito della banca. Un canale complementare,

Dettagli

Monito Monit r r trimestr trimes ale merc mer a c t a o t tele l v e i v s i ivo i vo italiano

Monito Monit r r trimestr trimes ale merc mer a c t a o t tele l v e i v s i ivo i vo italiano Monitortrimestralemercato trimestrale mercato televisivo italiano Aggiornamento SETTEMBRE 2012 Novembre 2012 Indice Sintesi Pag. 2 I principali operatori del mercato Pag. 6 Focus sull offerta gratuita

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it: Analisi delle tariffe offerte dal mercato della Telefonia Mobile per l utilizzo di internet da Tablet

Osservatorio SosTariffe.it: Analisi delle tariffe offerte dal mercato della Telefonia Mobile per l utilizzo di internet da Tablet 1 Osservatorio SosTariffe.it: Analisi delle tariffe offerte dal mercato della Telefonia Mobile per l utilizzo di internet da Tablet 1. Introduzione: L indagine condotta da SosTariffe.it sul mondo delle

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro 15 luglio 2014 1 INDICE Il settore delle comunicazioni in Italia I servizi tlc I servizi

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE PREMESSA Questo scritto non ha la velleità di ripercorrere la storia del servizio postale italiano, esso cerca, più modestamente, di delineare la sua attuale struttura,

Dettagli

Manuale Fai da te. 1. Giochi quando e dove vuoi

Manuale Fai da te. 1. Giochi quando e dove vuoi Manuale Fai da te La formula fai da te ti permette di giocare The Target: Off Radar dove e quando vuoi e a basso costo! Un attività di gruppo non era mai stata così divertente... e così accessibile! Il

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

CONVENZIONE CGIL - UNIPOL

CONVENZIONE CGIL - UNIPOL CONVENZIONE CGIL - UNIPOL IL SALTO DI QUALITÀ CHE MIGLIORA LA VITA! Proteggere le persone amate, tutelare le cose importanti, fare il salto di qualità e migliorare la vita? È quello che ogni Iscritto

Dettagli

Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 53 del 5 marzo 2007

Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 53 del 5 marzo 2007 Delibera n. 96/07/CONS Modalità attuative delle disposizioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7 Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della

Dettagli

Unioncamere: ingegneri carenti in Lombardia, Lazio in cerca di accompagnatori turistici, Veneto a caccia di scenografi e musicisti

Unioncamere: ingegneri carenti in Lombardia, Lazio in cerca di accompagnatori turistici, Veneto a caccia di scenografi e musicisti Comunicato stampa Unioncamere: ingegneri carenti in Lombardia, Lazio in cerca di accompagnatori turistici, Veneto a caccia di scenografi e musicisti In forte calo la difficoltà di reperimento nel 2014:

Dettagli

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012 Monitor semestrale Internet in Italia I semestre 2012 Luglio 2012 Indice Premessa Pag. 2 Sintesi Pag. 3 Le dimensioni complessive del mercato Pag. 6 L offerta e l audience di Rai Pag. 11 Rai nel contesto

Dettagli

Unioncamere, lavoro: 47mila lavoratori difficili da reperire nel 2013, 18mila in meno del 2012 Unioncamere Ministero del Lavoro Job&Orienta

Unioncamere, lavoro: 47mila lavoratori difficili da reperire nel 2013, 18mila in meno del 2012 Unioncamere Ministero del Lavoro Job&Orienta Unioncamere, lavoro: 47mila lavoratori difficili da reperire nel 2013, 18mila in meno del 2012 Più evidente quest anno il disallineamento dovuto al numero di alcuni profili professionali o alle loro competenze

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre?

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Il digitale terrestre, la cui sigla è DTT, è il nuovo sistema che sarà utilizzato per diffondere il segnale televisivo e che adotta la tecnica digitale, simile

Dettagli

- comunicato stampa -

- comunicato stampa - - comunicato stampa - SPESA PUBBLICA E FEDERALISMO : L ITALIA SPRECA 26 MILIARDI DI EURO Il presidente Tessari: Gli enti periferici gestiscono il 37% della spesa pubblica complessiva col 42% del personale,

Dettagli

Il calcio in TV. rapporto Demos & Pi per la Repubblica

Il calcio in TV. rapporto Demos & Pi per la Repubblica Il calcio in TV rapporto Demos & Pi per la Repubblica 22 febbraio 2015 SE ANCHE IL TIFO DIVENTA UNA PASSIONE TRISTE di Ilvo Diamanti Per molto tempo, il principale motivo di passione, per gli italiani,

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Pensioni: gli aumenti per il 2014

Pensioni: gli aumenti per il 2014 Pensioni: gli aumenti per il 2014 Per il 2014 i pensionati debbono accontentarsi di un aumento di appena l 1,3%. Da tempo l adeguamento delle pensioni al costo della vita (la cosiddetta perequazione automatica)

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 1 Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 DISDETTA SERVIZIO ADSL: ANALISI DEI COSTI DI DISATTIVAZIONE SERVIZIO ADSL INDICE p. 1 1. Introduzione p.2 2. Le motivazioni che portano alla disdetta

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo?

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo? IL BIGLIETTO INFLESSIBILE di Giorgio Mottola CLAUDIA DI PASQUALE Tutto si gioca sull Alta Velocità. Intanto i pendolari si devono arrangiare perché sembra che non interessino a nessuno. Ma i passeggeri

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 88/15/CONS ADOZIONE DEL MODELLO TELEMATICO E DELLE ISTRUZIONI PER IL VERSAMENTO DEI CONTRIBUTI DOVUTI ALL AUTORITÀ PER GLI ANNI 2012, 2013 E 2014

Dettagli

MARZO 2012: SKY LIFE, IL MAGAZINE CHE TI PORTA DENTRO I NOSTRI PROGRAMMI.

MARZO 2012: SKY LIFE, IL MAGAZINE CHE TI PORTA DENTRO I NOSTRI PROGRAMMI. MARZO 2012:, IL MAGAZINE CHE TI PORTA DENTRO I NOSTRI PROGRAMMI. Da Marzo 2012 sarà Sky Pubblicità ad occuparsi della raccolta pubblicitaria per il magazine ufficiale di Sky. MARZO 2012:, IL MAGAZINE CHE

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Qual è lo scopo del colloquio di selezione? Lo scopo del colloquio di selezione è: CAPIRE L INVESTIMENTO CHE DOVREMO FARE SULLA PERSONA IN

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

GRUPPO TELECOM ITALIA. Tel@com srl. La gioia di vendere. Colloquio di vendita

GRUPPO TELECOM ITALIA. Tel@com srl. La gioia di vendere. Colloquio di vendita Tel@com srl GRUPPO TELECOM ITALIA La gioia di vendere Colloquio di vendita Il nostro processo comunicativo 1 Presentazione personale 2 Feeling 3Motivo dell'incontro 4 Presentazione Aziendale 5 Conferma

Dettagli

Promuovere il Brand Italia in Germania: si parte da Francoforte giugno 26, 2014

Promuovere il Brand Italia in Germania: si parte da Francoforte giugno 26, 2014 Promuovere il Brand Italia in Germania: si parte da Francoforte giugno 26, 2014 La Settimana Italiana è ormai un appuntamento fisso nell estate di Francoforte sul Meno, la capitale economica della Germania.

Dettagli

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE Tv digitale terrestre, internet a banda larga, ricezione dei telefoni cellulari, ma anche possibilità di

Dettagli

Pubblicata su questo Sito in data 18/04/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.99 del 30 aprile 2007

Pubblicata su questo Sito in data 18/04/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.99 del 30 aprile 2007 Delibera n. 126/07/CONS Misure a tutela dell utenza per facilitare la comprensione delle condizioni economiche dei servizi telefonici e la scelta tra le diverse offerte presenti sul mercato ai sensi dell

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 1 parte Il mercato elettrico in Italia Indice 1 parte OBIETTIVI FONTI BIBLIOGRAFICHE OGGETTO LEGGI FONDAMENTALI TAPPE EVOLUZIONE MERCATO

Dettagli

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci FUORI CAMPO Luca Richelli insegna informatica musicale al conservatorio di Verona. E siccome di informatica ci capisce, quando a fine corso ha dovuto fare la

Dettagli

IL PRIMO PASSO PER NON FARTI SCHIACCIARE DALLA CONCORRENZA

IL PRIMO PASSO PER NON FARTI SCHIACCIARE DALLA CONCORRENZA Con questo special report vogliamo essere d aiuto e di supporto a tutte quelle aziende e professionisti che cercano nuovi spunti e idee illuminanti per incrementare il numero di clienti e di conseguenza

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 15 Telefono cellulare e scheda prepagata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come ricaricare il telefono cellulare con la scheda prepagata parole relative

Dettagli

Evasione Fiscale. Equità Sociale. Evasione Contributiva. Sicurezza sui Luoghi di Lavoro

Evasione Fiscale. Equità Sociale. Evasione Contributiva. Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Evasione Fiscale Equità Sociale Evasione Contributiva Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Appunti della Camera del Lavoro di Brescia su equità sociale, evasione fiscale e contributiva, sicurezza sul lavoro

Dettagli

Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE!

Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE! Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE! Report collegato a: FARE SOLDI ONLINE CON GOOGLE Il programma per inserire annunci pubblicitari su Google - Mini Ebook Gratuito - INVIALO GRATIS A TUTTI I TUOI

Dettagli

CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA. I. Diritto antitrust in generale

CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA. I. Diritto antitrust in generale CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA Sommario: I. Diritto antitrust in generale - II. Intese (Kartelle) - 1. Intese vietate in Austria - 2. Alcune differenze con l Italia - 3. Alcune differenze

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

confronto continuo con gli amministratori dei Comuni.

confronto continuo con gli amministratori dei Comuni. Claudio Dossi, segretario Spi Lombardia Pavia, 22 gennaio 2016 Mi sembra che anche oggi con l introduzione di Anna, la presentazione della ricerca, il contributo dei rappresentanti delle amministrazioni

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Regolamento Progetto Editoriale qualitypublishing

Regolamento Progetto Editoriale qualitypublishing Regolamento Progetto Editoriale qualitypublishing Decorrenza 12 maggio 2015 Indice Art. 1. Scopo del Regolamento... pag. 3 Art. 2. Il progetto qualitypublishing... pag. 3 Art. 3. Linee guida del progetto...

Dettagli

Via della Maglianella 65/r - 00166 Roma Tel. 06/4040086 Fax 06/45220698

Via della Maglianella 65/r - 00166 Roma Tel. 06/4040086 Fax 06/45220698 Tutte le richieste di valutazione riguardanti le seguenti tipologie di attività dovranno pervenire a mezzo mail all indirizzo marketingpdv@goldbet.it e valutate dall area Retail Marketing nell arco dei

Dettagli

Il servizio pubblico Informazioni per gli insegnanti

Il servizio pubblico Informazioni per gli insegnanti Informazioni per gli insegnanti 1/8 Compito Per guardare la TV e ascoltare la radio bisogna pagare. Svolgendo una serie di compiti diversi gli alunni imparano che cosa si intende con il termine «servizio

Dettagli

Analisi del ruolo dei dispositivi mobili e delle Apps nell informazione di attualità

Analisi del ruolo dei dispositivi mobili e delle Apps nell informazione di attualità HUMAN HIGHWAY PER LIQUIDA Analisi del ruolo dei dispositivi mobili e delle Apps nell informazione di attualità Milano, Agosto 2012 1 CONTENUTI DEL DOCUMENTO LO SCENARIO RILEVATO NEL 2012 Informazione online

Dettagli

Prot. n. 1483/12 MB/pc Roma, 21 febbraio 2012

Prot. n. 1483/12 MB/pc Roma, 21 febbraio 2012 IL VICE DIRETTORE GENERALE Prot. n. 1483/12 MB/pc Roma, 21 febbraio 2012 Ai Presidenti e Direttori Provinciali e Regionali Confesercenti Oggetto: Canone Rai applicabile ai computer collegati in rete, indipendentemente

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

a) 1670 b) 2285 c) 4520 d) 1300 b a) 865000 b) 640000 c) 725000 d) 645000 d a) 1 b) 2 c) 3 d) Non è possibile calcolarlo

a) 1670 b) 2285 c) 4520 d) 1300 b a) 865000 b) 640000 c) 725000 d) 645000 d a) 1 b) 2 c) 3 d) Non è possibile calcolarlo RB00001 Una banca offre un interesse sui suoi conti correnti a) 1.5 euro b) 3 euro c) 150 euro d) 300 euro b dello 0.05% annuo in capitalizzazione semplice. Quanto si ottiene di interessi investendo per

Dettagli

CONTROLLI FISCALI PER LE PA PER PAGAMENTI SUPERIORI A 10.000 EURO

CONTROLLI FISCALI PER LE PA PER PAGAMENTI SUPERIORI A 10.000 EURO CONTROLLI FISCALI PER LE PA PER PAGAMENTI SUPERIORI A 10.000 EURO - a cura Federico Gavioli - Il Collegato alla legge Finanziaria per il 2007 ha introdotto importanti novità in materia di controlli fiscali

Dettagli

SINTESI DELLA 2 RIUNIONE SULLA CLAUSOLA SOCIALE GAS

SINTESI DELLA 2 RIUNIONE SULLA CLAUSOLA SOCIALE GAS Segreteria Nazionale aderente a ICEM ITGLWF EMCEF ETUF-TCL SINTESI DELLA 2 RIUNIONE SULLA CLAUSOLA SOCIALE GAS Il 22 gennaio 2010 si è svolta, presso il dipartimento Energia del Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Delibera n. 50/02. L Autorità per l energia elettrica e il gas. Nella riunione del 26 marzo 2002, Premesso che:

Delibera n. 50/02. L Autorità per l energia elettrica e il gas. Nella riunione del 26 marzo 2002, Premesso che: Delibera n. 50/02 Condizioni per l erogazione del servizio di connessione alle reti elettriche con tensione nominale superiore ad 1 kv i cui gestori hanno obbligo di connessione di terzi. (pubblicata sul

Dettagli

DELIBERA N. 400/10/CONS

DELIBERA N. 400/10/CONS DELIBERA N. MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA DELIBERA N. 244/08/CSP RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI QUALITÀ E CARTE DEI SERVIZI DI ACCESSO A INTERNET DA POSTAZIONE FISSA AD INTEGRAZIONE DELLA

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Approvati dal Consiglio i risultati 2014: il bilancio consolidato 2014 conferma sostanzialmente i risultati già riportati nel resoconto intermedio

Dettagli

proposta di legge n. 348

proposta di legge n. 348 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 348 a iniziativa del Consigliere Sciapichetti presentata in data 11 luglio 2013 DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO, LOTTA ALLE SCOMMESSE E AL GIOCO

Dettagli

DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI. Nota sul ddl 1629. Audizione X Commissione, Senato Roma, 9 luglio 2015

DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI. Nota sul ddl 1629. Audizione X Commissione, Senato Roma, 9 luglio 2015 DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI Nota sul ddl 1629 Audizione X Commissione, Senato Roma, 9 luglio 2015 Confimprese Le Imprese del Commercio Moderno CHI SIAMO Confimprese raggruppa

Dettagli

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la NOVITA INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2004/18/CE CONCERNENTE GLI APPALTI NEI SETTORI CLASSICI NONCHE DALLA DIRETTIVA 2004/17/CE DEL 31 MARZO 2004 RIGUARDANTE GLI APPALTI NEI SETTORI SPECIALI Sommario: 1. Premessa.

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Periodico informativo n. 67/2012 R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che il decreto liberalizzazione

Dettagli

Raccomandata A.R. Alla c.a. Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Piazza G. Verdi, 6/A 00186 Roma. Milano, 25 marzo 2016

Raccomandata A.R. Alla c.a. Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Piazza G. Verdi, 6/A 00186 Roma. Milano, 25 marzo 2016 Alla c.a. Raccomandata A.R. Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Piazza G. Verdi, 6/A 00186 Roma Milano, 25 marzo 2016 Oggetto: Tim Prime segnalazione Altroconsumo, associazione indipendente

Dettagli

Vaccari news, la filatelia in tempo reale. è SOCIAL!

Vaccari news, la filatelia in tempo reale. è SOCIAL! Vaccari news, la filatelia in tempo reale è SOCIAL! Con la nuova versione dell App, ora anche per ANDROID, è possible condividere le notizie attraverso Facebook e Twitter oppure inviarle tramite e-mail

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia Il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il mercato interno del gas, ed in particolare

Dettagli

LE PIATTAFORME TECNOLOGICHE PIU' DINAMICHE

LE PIATTAFORME TECNOLOGICHE PIU' DINAMICHE L ITALIA DELL E-FAMILY RAPPORTO 2005 In collaborazione con Niche Consulting EXECUTIVE SUMMARY 1.1 LA TECNOLOGIA IN CASA: NEL 2004 UNA CRESCITA DIFFERENZIATA Per quasi un decennio e fino al 2003 la diffusione

Dettagli

CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE

CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 La separazione funzionale nel settore energetico... 3 1.2 Il

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

ASCOLTO MENSILE TV. Febbraio 2015

ASCOLTO MENSILE TV. Febbraio 2015 ASCOLTO MENSILE TV Febbraio 2015 EVIDENZE Nel mese di febbraio 2015 la televisione ha raggiunto nel giorno medio l 83.1% della popolazione con un consumo di 296 minuti. Un dato in calo rispetto al 2014

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

La verità sulle immissioni in ruolo del Ministro Moratti

La verità sulle immissioni in ruolo del Ministro Moratti La verità sulle immissioni in ruolo del Ministro Moratti Il Ministro ha ripetutamente affermato di: avere effettuato oltre 150.000 immissioni in ruolo nella scuola avere provveduto ad un numero di assunzioni

Dettagli

Audizione della Rete delle Professioni Tecniche

Audizione della Rete delle Professioni Tecniche Discussione delle risoluzioni n. 7 00391 Alberti e n. 7 00433 Causi, in materia di revisione della disciplina concernente l'obbligo di accettare pagamenti mediante carte di debito e misure a sostegno del

Dettagli

RASSEGNA STAMPA &DQRQH 5$, 23 IHEEUDLR 201

RASSEGNA STAMPA &DQRQH 5$, 23 IHEEUDLR 201 RASSEGNA STAMPA 23 201 Agenzia Dire (ER) RAI. CNA: DIETROFRONT SU CANONE PER PC, LA PROTESTA PAGA ALLA SODDISFAZIONE SI SOMMA STOP SENATO A NORMA RISARCIMENTO AUTO (DIRE) Bologna, 22 feb. - "La dura presa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA QUADRO DEGLI INTERVENTI

COMUNICATO STAMPA QUADRO DEGLI INTERVENTI COMUNICATO STAMPA QUADRO DEGLI INTERVENTI L Autorità interviene con due provvedimenti in materia di servizio universale nelle comunicazioni elettroniche Il Consiglio dell Autorità per le garanzie nelle

Dettagli