FOR SAN FRANCISCO S TRANSPORTATION SYSTEM. Luca Caroti_matr

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FOR SAN FRANCISCO S TRANSPORTATION SYSTEM. Luca Caroti_matr. 272687"

Transcript

1 2011 CLIMATE ACTION STRATEGY FOR SAN FRANCISCO S TRANSPORTATION SYSTEM Luca Caroti_matr Il documento 2011 Climate Action Strategy (CAS) è parte fondamentale del piano climatico dei trasporti di San Francisco che rappresenta il documento relativo ad uno dei quattro settori individuati nell ambizioso piano per il clima di San Francisco (The Climate Action Plan) ovvero: trasporti, efficienza energetica, energie rinnovabili e gestione dei rifiuti solidi che si poneva l obiettivo di riduzione dei gas serra del 20% sotto i livelli 1990 entro il Il San Francisco Environment Department sostiene una diminuzione delle emissioni dell 11% nel L importanza del sistema dei trasporti nella città di San Francisco è data dal fatto che l agenzia municipale che lo gestisce è una delle più importante degli Stati Uniti perché gestisce il trasporto pubblico, con una delle flotte più pulite al mondo, il traffico, il sistema dei parcheggio, la mobilità in bicicletta e a piedi e presto anche i taxi. Il calcolo delle emissioni di gas serra, relative al settore dei trasporti, si struttura attraverso un analisi dettagliata delle modalità ti trasporto cittadino quantificando il numero di veicoli sia privanti che pubblici nonché delle modalità di spostamento della popolazione di San Francisco. Questa analisi evidenzia come l utilizzo dell auto privata rappresenti la principale causa delle emissioni del settore dei trasporti nonostante San Francisco sia considerata una città all avanguardia in questo settore. Le varie strategie di mitigazione volte alla riduzione dei gas serra si pongono come obiettivo principale l incremento del trasporto pubblico che aiuterà a ridurre dell 80% le emissioni di gas serra entro il 2050 rispetto ai dati del 1990 con una riduzione di 87 mila tonnellate di CO2 all anno, 10 mila per la promozione della bici, 42 mila per il ridesharing, 641 mila tramite la creazione di una flotta di veicoli a basso consumo.

2 STATE OF CALIFORNIA STRATEGIE PER I CAMBIAMENTI CLIMATICI Anche a livello statale il tema dei cambiamenti climatici risulta essere di fondamentale importanza. La California rappresenta infatti un modello per quanto riguarda le azioni volte alla riduzione dei gas ad effetto serra nonché nelle strategie di adattamento ai cambiamenti climatici SENATE BILL ASSEMBLY BILL 1493 SENATE BILL CLEAN AIR 2006 SENATE BILL 1368 CALIFORNIA SOLAR INITIATIVE ASSEMBLY BILL 32 (GLOBAL ACT WARNING SOLUTION) U.S MAYORS PROTECTION AGREEMENT 2007 SENATE BILL ASSEMBLY BILL 811 CLIMATE CHANGE SCOPING PLAN 2009 CALIFORNIA CLIMATE ADAPTATION STRATEGY DISCUSSION DRAFT (CCAS)

3 STATE OF CALIFORNIA STRATEGIE PER I CAMBIAMENTI CLIMATICI CONSEGUENZE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI complicazioni per la fornitura idrica in alcune aree della California. Si prevede che l aumento delle temperature invernali ridurrà l accumulo della neve sulla Sierra Nevada, che funge da grande sistema di stoccaggio dell acqua per lo Stato. Essendo uno stato altamente soggetto a stress idrico, la California ha sviluppato un vasto sistema di bacini e canali per il trasferimento dell acqua al fine di assicurare l approvvigionamento alle zone aride. Nell Aggiornamento del piano idrico del 2005, il Dipartimento delle risorse idriche (dwr) ha esposto una strategia ad ampio raggio per far fronte alla riduzione dei flussi, comprendente provvedimenti per razionalizzare l utilizzo dell acqua nelle aree urbane e nell agricoltura. È menzionato anche un aumento dell investimento nell acqua riciclata. c r e s c e n t e r i s c h i o d i inondazioni su altri due fronti: l innalzamento del livello dei mari e l aumento dello scioglimento delle nevi. I cambiamenti climatici potrebbero ridisegnare la mappa costiera della California. Per il futuro si stima un irrefrenabile aumento del livello della baia di San Francisco di circa 16 pollici (circa 40 cm) dalla metà del XXI secolo e 55 pollici (circa 140 cm) dal 2100.

4 SAN FRANCISCO - QUADRO GENERALE INFORMAZIONI SULLA POPOLAZIONE Area (Km 2 ) 122,6 Popolazione residente Densità abitativa (per Km 2 ) Numero di lavoratori AM Vehicle Trips into SF SF Resident Commuting Out of SF Unità abitative occupate NUMERO DI VEICOLI PRIVATI PER FAMIGLIA N Veicoli Famiglie Percentuale Nessun veicolo ,3% 1 veicolo ,8% 2 veicoli ,2% 3+ veicoli ,7% Totale famiglie MODALITA DI TRASPORTO NEL 2010 AUTO MEZZI PUBBLICI NON MOTORIZZATI Totale veicoli (stima) Veicoli immatricolati per Km N. medio di veicoli per famiglia 1,07 Veicoli immatricolati pro capite 0,43 Totale viaggi all interno di S. Francisco FLOTTA MEZZI (SFMTA) 21% 17% 62% Tipologia Numero Veicoli leggeri su rotaia (LRV) 151 Filobus 313 bus con motore diesel 506 Cable Cars (tram) 40 Tram storici 40 Totale Taxi INTENSITA DI VIAGGI NELL AREA DI S. FRANCISCO INFRASTRUTTURRE Tipologia Chilometri Strade Piste ciclabili 85 Corsie di transito dedicate 24 Metropolitana leggera e tram 115 Cable Cars (tram) 14 Autostrade 95 BART (metropolitana) 122,6 Linee ferroviarie 10

5 Nel 2007, gli elettori di San Francisco hanno passato la PROPOSTA A e diretto l SFMTA a sviluppare e attuare delle strategie per ridurre in modo sostanziale le emissioni di carbonio del settore dei trasporti. Il meeting del CAS (Climate Action Strategy) del 2011 incontra la direttiva del 2007, proponendo sei strategie di mitigazione dei gas a effetto serra da applicare alla città di San Francisco in modo da giungere alla riduzione dell 80% di questi gas entro il 2050, rispetto ai dati del Il CAS è un documento dinamico che sarà aggiornato ogni due anni. I futuri aggiornamenti includeranno delle informazioni finanziarie più dettagliate, delle analisi costi-benefici e delle valutazioni ambientali. Ovviamente lo sforzo che dovrà sostenere la città di San Francisco, avrà benefici esponenziali riguardo alla riduzione delle emissioni di carbonio, se alla città stessa si aggiungono anche provvedimenti e nuove politiche a livello regionale, statale e federale. Climate Action Strategy Framework Il Climate Action Strategy del 2011 crea le basi per un sistema di trasporto sostenibile sotto il profilo finanziario, ambientale e sociale, prendendo in considerazione le strategie più efficaci di riduzione dei gas serra e identificando le principali azioni collettive necessarie, i cambiamenti politici da attuare e gli investimenti infrastrutturali. Mentre l'efficienza energetica dei veicoli è in gran parte responsabilità del settore dei trasporti, la gestione della domanda di viaggi e di supporto infrastrutturale sono di competenza del SFMTA e dei suoi partner. La mitigazione è il primo passo importante nella climate action planning, mentre l adattamento agli inevitabili cambiamenti climatici (siccità, aumento del livello del mare...) e l'affidabilità del sistema di trasporto, sarà sviluppato successivamente. Sistema dei trasporti a terra SFMTA progetta e gestisce la maggior parte del sistema di trasporto di superficie a San Francisco tra cui: il sistema di transito San Francisco Municipal Railway (Muni), la rete stradale per le automobili, i veicoli commerciali, le biciclette, i pedoni, i taxi, così come i parcheggi. Il SFMTA offre collegamenti da e per la città con sei fornitori regionali di transito: la Bay Area Rapid Transit District (BART - regionale ferroviario pesante), Golden Gate Transit (bus pendolari e traghetto), Samtrans (bus pendolari), Caltrain (treni pendolari), Alameda-Contra Costa (AC) Transit (bus pendolari) e il Water Emergency Transportation Authority (traghetti Weta). Il Dipartimento dei Trasporti della California (Caltrans) gestisce il sistema statale e il servizio che collega la città alla regione. Inoltre, si è sviluppato un numero crescente di servizi navetta privati, locali e regionali, che forniscono un servizio porta a porta all'interno di San Francisco e nei centri produttivi esterni. Infine, i servizi di autobus interurbani, società di autonoleggio, limousine, car sharing e operatori di noleggio delle biciclette forniscono altri servizi di trasporto in città.

6 Di seguito vengono elencate alcune delle strategie indirizzate al miglioramento dell'accesso ai beni, persone e informazioni nell area di San Francisco. I costi totali necessari a mantenere lo stile di vita e la mobilità che lo contraddistingue senza dubbio aumenteranno nei prossimi 25 anni. Il CAS del 2011 identifica i futuri investimenti e quantifica le riduzioni di gas serra necessari per il trasporto futuro sostenibile di San Francisco. 1. Per garantire la qualità della vita e la salute economica a San Francisco, l'obiettivo primario del sistema di trasporto deve essere il movimento sicuro ed efficace di persone e merci. 2. Il trasporto pubblico, compresi i taxi e i vanpools, sono un'alternativa economicamente e ecologicamente corretta all utilizzo di automobili individuali. All'interno di San Francisco, i viaggi con i mezzi pubblici, in bicicletta e a piedi devono essere una valida alternativa al viaggio con l automobile privata. 3. Promuovere l utilizzo della bicicletta garantendo una sicurezza stradale, un comodo accesso ai trasporti pubblici, piste ciclabili adeguate ed un sistema di parcheggi sicuri per le biciclette. 4. Progettazione di parcheggi in punti strategici ben serviti dai mezzi pubblici per favorirne l utilizzo 5. La capacità della città e della contea di ridurre la congestione del traffico dipende dalla adeguatezza dei mezzi di trasporto pubblico regionale. La città e la contea devono promuoverne l'uso ed il continuo sviluppo affinché diventi un sistema integrato ed affidabile.

7 UN SISTEMA DI TRASPORTO EQUO Il sostentamento del sistema dei trasporti, costa miliardi di dollari ogni anno per sistemare e correggere i problemi di congestione del traffico e incidenti. Nella sua forma attuale, l'uso del suolo e del sistema dei trasporti contribuisce, purtroppo, alla perdita evitabile di vite, oltre ad essere una fonte significativa di emissioni di gas serra e di inquinamento atmosferico. Le spese pubbliche e private per il sistema dei trasporti, si fanno sentire sproporzionatamente soprattutto nella fascia dei cittadini più indigenti. Il successo dell'attuazione del CAS non solo riduce le emissioni di gas serra, ma imposta un piano per un sistema di trasporto sostenibile ed equo, migliorando la vivibilità di tutta San Francisco. Le persone più vulnerabili al cambiamento climatico sono meno in grado di adattarsi agli impatti. Le strategie del CAS, se attuate, creeranno un sistema di trasporto equo e sostenibile per le generazioni attuali e future. EQUITA SOCIALE - SOSTENIBILITA SOCIALE - COESIONE SOCIALE Agevolazioni di trasporto per cittadini indigenti Miglioramento della qualità dell'aria e della salute pubblica Quartieri collegati in modo migliore Maggiore accesso ai posti di lavoro locali Intersezioni stradali più sicure e circolazione più silenziosa nei quartieri Città più resilienti in caso di perturbazione climatica Sviluppo economico e della comunità attraverso accordi di vicinato e prezzi della domanda Strade equipaggiate maggiormente per le passeggiate e per le biciclette Sviluppo di una città più vivibile per tutti Opzioni di trasporto più conveniente per coloro che si affidano a modi di trasporto sostenibili

8 LUNGHEZZA DEI VIAGGI San Francisco è una città in cui la maggior parte dei viaggi, può esser considerata breve. La sua politica del Transit First, il modello di sviluppo compatto e la sua geografia seven-byseven-mile concorrono a definire il suo successo come una città percorribile a piedi che si presta a diventare sempre più pedonale, transit-oriented e bicycle-friendly. L'obiettivo di SFMTA è che entro il 2030, il 40% di tutti i viaggi in città avvengano a piedi o in bicicletta, riuscendo così ad influire positivamente sull abbassamento dei livelli di immissione dei gas serra. Secondo un indagine nazionale americana del 2010 (tabella sotto), la lunghezza del viaggio medio negli Stati Uniti è di circa 16 km. Tuttavia, per gli spostamenti all interno di San Francisco, la lunghezza media di viaggio in auto risulta essere inferiore a 5 km, quella in bicicletta di circa 3,70 km. auto bicicletta t.pubblico piedi 4,50 Km 3,70 Km 5,50 Km 1,45 Km Nonostante la lunghezza media degli spostamenti sia piuttosto esigua, tanto da poter pensare a spostamenti a piedi ed in bicicletta, l automobile risulta il mezzo di trasporto più utilizzato. L ipotetica sostituzione dell automobile in favore della bicicletta o dello spostamento pedonale per quanto riguarda i viaggi di breve lunghezza, comporterebbe un forte potenziale di riduzione dei gas serra: Favorire lo spostamento per i viaggi di breve durata con biciclette e a piedi, piuttosto che in automobile. Programmi di car-sharing e bikesharing che soddisfino la maggior parte del bisogno di mobilità dei residenti diminuendo la necessità di auto di proprietà e la domanda di parcheggio. Incentivare il passaggio dalle autovetture tradizionali con vetture elettriche (necessaria installazione da parte del comune di strutture per la ricarica dei veicoli). Con l'aumento previsto della popolazione di nuovi residenti e dell'occupazione di nuovi posti di lavoro, il sistema di trasporto di San Francisco è chiamato a soddisfare delle diverse esigenze di mobilità nel 2035 rispetto a quelle attuali. E fondamentale per la città avere un buon funzionamento del sistema dei trasporti in buono stato di manutenzione. Qualsiasi sforzo per aumentare la capacità di transito attraverso miglioramenti di capitale, così come il miglioramento dei taxi, delle piste ciclabili e pedonali, andrebbe a beneficio dell'intero sistema di trasporto, riducendo le emissioni di carbonio. Least Most Least Most

9 SAN FRANCISCO GREENHOUSE GAS EMISSIONS Nel 2007 la Proposta A richiede al SFMTA di ridurre le emissioni di gas serra di tutte le sue operazioni del 20% rispetto al 1990 entro il 2012 e "sviluppare e attuare strategie per la riduzione sostanziale delle emissioni" dal settore dei trasporti. l approvazione della Proposta A prevede un progresso necessario anche verso i seguenti obiettivi 1. Stabilire un livello di Zero emissioni di gas serra per i veicoli SFMTA; 2. Massimizzare la riduzione dei rifiuti nelle operazioni dell'agenzia; 3. Aumentare il numero di corse del trasporto pubblico riducendo gli spostamenti con veicoli privati all'interno della città; 4. Favorire l'utilizzo della bicicletta e dello spostamento pedonale; 5. Migliorare i collegamenti regionali volti ad riduzione dell'uso dei veicoli privati. Il Piano d'azione per il Clima sarà anche pubblicato nel 2011 dal San Francisco Department of Environment (SFE). Questo aggiornamento della versione del 2004 conterrà un elenco completo di approcci provenienti da tutti i reparti della città per ridurre sostanzialmente le emissioni entro il 2050 delle attività comunali, dell ambiente costruito e del settore dei trasporti.

10 SFMTA EMISSIONI DI GAS SERRA Il sistema di autobus e veicoli ferroviari SFMTA rappresenta solo l'1% del totale delle emissioni di gas serra di tutta la città. SFMTA adotta già uno dei sistemi di trasporto multimodali più puliti in tutto il mondo. Più della metà dei suoi veicoli in transito sono alimentati da fonti idroelettriche. Il piano Air Clean, rilasciato congiuntamente con la San Francisco Department of Environment, include la sostituzione della flotta SFMTA per ridurre ulteriormente le emissioni degli autobus. Tecnologie come autobus ibridi e ad alimentazione biodiesel stanno diventando comuni per i veicoli della flotta. La strategia del SFMTA per ridurre le emissioni della flotta comprende: L'impegno dell SFMTA alle tecnologie verdi ha consentito all'agenzia di soddisfare gli obiettivi di efficienza contenuti nella Proposta A e di ridurre le emissioni della flotta del 25% negli ultimi 20 anni. Questo è un risultato lodevole, soprattutto data l'attuale crisi del settore dei trasporti. SFMTA ora deve concentrarsi sulla sfida più grande ovvero quella di ridurre le emissioni di gas serra dal settore dei trasporti nel suo complesso. 1. Massimizzare l'uso di autobus a zero o a basse emissioni. 2. Sostituzione degli autobus diesel convenzionali con autobus ibridi. 3. Aggiornamento della flotta rimanente con le migliori tecnologie di riqualificazione disponibili. Emissioni di gas serra: contributo SFMTA e dell intera città di SF Emissioni gas serra settore dei trasporti 3,4% 2,5% Emissioni gas serra totali di S. Francisco 1,1% 0,9% Dal 1990, SFMTA ha sostituito gran parte della sua flotta con veicoli a basse emissioni e sta progettando di utilizzare l'energia solare per due delle sue strutture. L'Agenzia ha recentemente aderito alla American Public Transportation Association (APTA) che definisce una serie di scopi e obiettivi per ridurre le emissioni di gas serra degli edifici, il funzionamento e le pratiche di manutenzione. L'impegno ha un sistema a cinque livelli con un livello massimo definto dalla categoria platino. Il SFMTA ha chiesto il riconoscimento del livello d'oro, una delle poche agenzie nella nazione a farlo. Altri compiti dell SFMTA includono: la sostituzione dei segnali stradali inefficienti, la partnership con i fornitori di taxi perché raggiunga il 72% della flotta di veicoli a basso inquinamento atmosferico, e la partnership con il dipartimento immobiliare della città per la riqualifica di diversi edifici e strutture per soddisfare gli standard di efficienza energetica. Emissioni gas serra dell SFMTA SETTORE PERCENTUALE 506 autobus biodiesel (B20, B5, B1) tra cui 86 Autobus ibridi 86 % 27 servizi SFMTA 5 % 544 LRV, filobus, funivie e tram storici alimentati da energia idroelettrica 5 % Totale emissioni gas serra tonnellate

11 RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS SERRA Lo stato della California ha aperto la strada nello sviluppo di un'azione politica climatica. Diversi esempi di legislazione fondamentali per ridurre le emissioni di carbonio sono: Il Low-Carbon Fuel Standard (LCFS) e AB 1493 (Pavley) richiedono combustibili più puliti e maggiore efficienza del carburante incoraggiando l'uso di veicoli elettrici SB 375 (Steinberg) mira a rispondere alla consolidata riduzione dei gas serra con l obiettivo di crescita intorno al sistema di transito TABELLA 7: Obiettivi di riduzione dei gas serra La tabella 7 illustra nel dettaglio alcuni obiettivi a livello locale, regionale e nazionale. San Francisco ha fissato gli obiettivi più ambiziosi di riduzione nel settore dei trasporti che sta dimostrando di essere il più complesso e impegnativo, nel 2012 gli obiettivi non saranno soddisfatti. La tabella 8 mostra la quantità di tonnellate di CO2 emesse tra il 1990 e le previsioni per il Città e contea di San Francisco PROPOSTA A % sotto ai livelli del % sotto ai livelli del % sotto ai livelli del % sotto ai livelli del 1990 California AB 32 20% sotto ai livelli del 1990 Ordine esecutivo di Schwarzenegger S % sotto ai livelli del 1990 Commissione dei trasporti metropolitani 7% pro capite sotto ai livelli del % pro capite sotto ai livelli del 2005 Dipartimento dei trasporti California Low Carbon Fuel Standard S miles per gallon CAFE standards 10% riduzione delle emissioni di carbonio TABELLA 8: Emissione annuale di tonnellate di CO2 nel settore dei trasporti trend 2035 trend con LCFS 2035 obiettivo Veicoli privati Trasporto pubblico Settore dei trasporti

12 RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS SERRA I grafici presenti in questa pagina rappresentano le percentuali di produzione di gas serra dei vari mezzi di locomozione nella città di San Francisco. Il primo grafico mostra come nel 2010, la gran parte di produzione di gas serra avviene da parte dei veicoli privati (89.7 %) mentre la rete dei trasporti pubblici è responsabile del restante 10.3 %. In totale si è calcolato una produzione di gas serra pari a circa 2,2 milioni di tonnellate. La volontà di diminuire l uso delle auto private, incentivando l uso dei mezzi pubblici e delle auto elettriche, porterà ad una notevole diminuzione dei gas serra grazie proprio all attuazione delle strategie d azione del piano climatico. Si stima infatti una riduzione del 50% delle emissioni rispetto ai livelli del Mettendo a paragone i due grafici (quello del 2010 e quello del 2035), notiamo come la percentuale di emissioni dovuta ai veicoli privati si riduce in favore del trasporto pubblico, soprattutto si può notare il forte incremento di servizi forniti dall SFMTA e dal BART. Nelle pagine che seguono sono elencate ed analizzate le sei strategie globali adottate dalla città di San Francisco. Ogni strategia viene analizzata in termini di potenziale efficacia nella riduzione dei gas serra, in termini di costi, in termini di impatto ed infine in termini di benefici complessivi. Ognuna di queste categorie è valutata secondo una scala che individua tre step principali: basso, medio ed alto. Questa scansione consente una facile ed immediata lettura delle sei strategie trattate, oltre ad una facile comparazione tra di esse. Ogni strategia viene valutata in base alla sua capacità di fornire riduzione delle emissioni in modo economicamente vantaggioso.

13 LE SEI STRATEGIE DI RIDUZIONE DEI GAS SERRA Le sei strategie presentate sono interdipendenti e funzionano al meglio se sono combinate. Le strategie d'azione del piano climatico dei trasporti si dividono in due categorie principali: 1_le strategie di gestione dei trasporti (TDM) 2_la realizzazione delle infrastrutture di supporto. Le strategie TDM mirano a diminuire gli spostamenti in automobile e a incentivare la popolazione verso una modalità di trasporto sostenibile. Le strategie per le infrastrutture di supporto hanno l obiettivo di fornire la capacità di accogliere il cambiamento delle modalità di trasporto combinata ad un aumento di efficienza dei veicoli e ad una spinta verso l utilizzo di veicoli elettrici. I punti chiave di ciascuna strategia sono: STRATEGIE DI GESTIONE STRATEGIA 1_scelte di viaggio e informazioni Fornendo in tempo reale informazioni di viaggio multimodale, il singolo cittadino sarà libero di scegliere la modalità migliore per ogni suo viaggio. Questa strategia ha il potenziale per ridurre notevolmente l emissione dei gas serra. STRATEGIA 2_domanda dei prezzi Le riforme nella politica dei parcheggi e dei pedaggi stradali sono strumenti fondamentali per la riduzione dei gas serra. L espansione del programma SF park a tutta la città sarebbe un sistema efficace per la gestione della disponibilità di parcheggio e fornirebbe un'ulteriore fonte di nuove entrate per gli investimenti sulla mobilità. STRATEGIA 3_ transit oriented development Il successo nella realizzazione su grande scala del TOD entro il 2035, permetterà alla maggior parte dei residenti di San Francisco di spostarsi a piedi, in bicicletta o tramite i mezzi pubblici per la maggior parte dei loro viaggi. INFRASTRUTTURE DI SUPPORTO STRATEGIA 4_miglioramento del transito I miglioramenti del transito hanno un elevato costo iniziale pubblico e sono fondamentali per consentire alle strategie TDM (Travel Demand Management) di avere successo. Il mantenimento di un buono stato di conservazione è una priorità alta per il SFMTA. STRATEGIA 5_ Complete street Il nuovo progetto Complete Street consta nella creazione di corsie di transito dedicate esclusivamente a mezzi pubblici, la creazione di nuove piste ciclabili, la creazione di nuovi marciapiedi, tutto con l obiettivo di trasformare San Francisco in una città sostenibile, raggiungendo entro il 2030 degli standard prefissati. STRATEGIA 6_veicoli elettrici I veicoli elettrici vantano un considerevole potenziale di riduzione di CO2, con elevati costi per il privato e per il pubblico, dovendo installare varie stazione di ricarica nella città.

14 STRATEGIE DI GESTIONE STRATEGIA_1 scelte di viaggio e info STRATEGIA_2 domanda dei prezzi STRATEGIA_3 sviluppo del transito MISURE ATTUALI Creare e applicare un programma di cash-out dei parcheggi Creare un programma di benefici per i pendolari di San Francisco MISURE FUTURE Educare i cittadini alla riduzione del numero di viaggi di ogni tipo. Spingere i datori di lavoro al pagamento del servizio per le informazioni di viaggio multimodale. Coordinare le auto private con il nuovo sistema di transito. Migliorare l organizzazione del trasporto scolastico. Integrare tutti i modi di trasporto, informazioni e sistemi di pagamento. Espandere le opzioni di car-pooling. Creare dei programmi di spostamento a posta per il turismo. MISURE ATTUALI Incrementare il sistema SFpark MISURE FUTURE Introduzione di nuove politiche di parcheggio per agevolare il traffico. Implementare il pedaggio a tassi variabili su strade e ponti. Ottimizzare le prestazioni d i q u e s t i p r og r a m m i soprattutto nelle ore di punta. MISURE ATTUALI Attenzione ad uno sviluppo di posti di lavoro e abitazioni e ad una riqualificazione lungo le linee di transito esistenti all interno delle aree prioritarie di sviluppo regionale MISURE FUTURE Previsione di parcheggi e Carsharing nei pressi delle linee di transito principali. Ridurre drasticamente la necessità di parcheggio nei nuovi sviluppi. ANALISI ANALISI ANALISI

15 INFRASTRUTTURE DI SUPPORTO STRATEGIA_4 miglioramento traffico STRATEGIA_5 Complete street STRATEGIA_6 veicoli elettrici MISURE ATTUALI Miglioramento dell'affidabilità dei veicoli, della velocità. Uso migliore dei fondi statali in riparazione e sicurezza dei veicoli e dei percorsi. MISURE FUTURE Ampliare la flotta di veicoli pubblici ed i locali di deposito e migliorare la manutenzione dei mezzi per adattarsi alla crescita di domande. Dedicare alla rete ferroviaria e agli autobus delle corsie preferenziali, in modo da ridurre i tempi di percorrenza e migliorarne l'affidabilità. Aumentare il numero dei servizi di trasporto su i corridoi viari più frequentati. Aumentare i servizi di traspor to anche verso l esterno della città. Rivedere le pratiche operative regionali e le p o l i t i c h e d i t r a n s i t o attraverso l MTC (Transit Sustinability Project) ANALISI MISURE ATTUALI Completare l'attuazione del Bicycle Plan SFMTA Aumentare la capacità di parcheggio per le biciclette in tutta la città. Sviluppare servizi per i pedoni: realizzazione di piazze e completamento della rete lungomare. MISURE FUTURE Aumentare il verde stradale e le zone a traffico lento. Sviluppare un network "pista ciclabile". I m p l e m e n t a r e l a condivisione di biciclette e introdurre le biciclette elettriche. ANALISI MISURE ATTUALI Conversione del 100% della flotta di taxi in favore di veicoli a basse emissioni di carbonio. Costruire stazioni di ricarica pubbliche. MISURE FUTURE Promuovere incentivi per i veicoli condivisi a bassa emissione di carbonio ed elettrici R e a l i z z a z i o n e d i infrastrutture necessarie per favorire un nuovo sviluppo (bicicletta e car sharing elettrico) Necessità di installazione d i p u n t i d o v e p o t e r effettuare il caricamento, soprattutto nelle aree più trafficate Richiesta di basse emissioni di carbonio per i veicoli di trasporto in città. ANALISI

16 STRATEGIA 1_informazioni e scelte di viaggio La gestione della domanda del sistema di trasporto è una delle strategie più efficienti per la riduzione delle emissioni di gas serra. La città di San Francisco si sta muovendo nella giusta direzione per ridurre le emissioni di gas serra, cercando di attuare una strategia che va a toccare vari punti: La riorganizzazione del trasporto pubblico La riorganizzazione del trasporto scolastico L organizzazione di un sistema di trasporto pubblico integrato e la creazione di applicazioni per smartphone Fornendo in tempo reale informazioni di viaggio multimodale, il singolo cittadino sarà così libero di scegliere la modalità migliore per ogni suo viaggio. Lo sviluppo di sistemi tecnologici appropriati consente la programmazione di viaggi coordinati con amici, familiari e colleghi, con conseguente minore intensità di viaggi e di un minor numero di spostamenti con veicoli occupati da una sola persona. Questa strategia, unita allo sviluppo di applicazioni integrate per gli smartphone, ha il potenziale per ridurre notevolmente l emissione dei gas serra. Il cittadino, infatti, viene informato dei possibili tempi di percorrenza dei singoli mezzi a sua disposizione (bus, tram, taxi, bicicletta, car sharing, a piedi) per raggiungere un determinato luogo, ma viene anche informato su prezzi e consumi in termini di impatto ambientale, rendendo così la singola persona più responsabile e cosciente delle proprie azioni. MISURE ATTUALI Creare e applicare un programma di cash-out dei parcheggi Creare un programma di benefici per i pendolari di San Francisco MISURE FUTURE Educare i cittadini alla riduzione del numero di viaggi di ogni tipo. Spingere i datori di lavoro al pagamento del servizio per le informazioni di viaggio multimodale. Coordinare le auto private con il nuovo sistema di transito. Migliorare l organizzazione del trasporto scolastico. Integrare tutti i modi di trasporto, informazioni e sistemi di pagamento. Espandere le opzioni di car pooling. Creare dei programmi di spostamento a posta per il turismo. Lo sviluppo di una applicazione gratuita da utilizzare tramite smartphone, permetterebbe agli utenti di collegarsi rapidamente, scoprendo le modalità di transito, i costi, i tempi di percorrenza, l'impatto ambientale (con il calcolo della produzione dei gas serra) e le informazioni di pagamento in una sola azione.

17 STRATEGIA 2_domanda dei prezzi Le sovvenzioni che sono andate a creare gli enormi incentivi per la costruzione di strade e per il numero minimo di parcheggi all interno della città di San Francisco, non possono essere sostenute a lungo termine, sia finanziariamente che dal punto di vista ambientale. Le riforme nella politica dei parcheggi e dei pedaggi stradali sono strumenti fondamentali per la riduzione dei gas serra. Quando si aumentano i costi per l utilizzo dell'automobile privata il disaccordo è inevitabile da parte di tutti i cittadini, ma ciò non deve destare la volontà di educare il cittadino in termini di politiche sostenibili. San Francisco ha aperto la strada nell attuazione di tali misure con il programma SF park. Gli strumenti per la gestione della domanda dei viaggi utilizzano meccanismi basati sul mercato per ridurre i tempi di percorrenza, agevolare gli spostamenti dei veicoli e aumentare la disponibilità di parcheggio. I tempi di viaggio, per tutti gli automobilisti, sono notevolmente migliorati. L espansione del programma SF park a tutta la città sarebbe un sistema efficace per la gestione della disponibilità di parcheggio e fornirebbe un'ulteriore fonte di nuove entrate per gli investimenti sulla mobilità. MISURE ATTUALI Espandere il sistema SF park MISURE FUTURE Introduzione di nuove politiche di parcheggio per agevolare il traffico. Implementare il pedaggio a tassi variabili su strade e ponti. Ottimizzare le prestazioni di questi programmi soprattutto nelle ore di punta. I veicoli privati in cerca di parcheggio sono responsabili di circa il 30% della congestione in città. Il programma SFpark mira a ridurre il tempo di ricerca per il parcheggio, la congestione stradale e le emissioni di gas serra. I dati provenienti dai sensori collocati ad ogni parcheggio vengono caricati in modalità wireless alla banca dati SFpark. Le informazioni sono disponibili al pubblico in tempo reale, sul sito, sulle insegne stradali e sulle applicazioni per smartphone.

18 STRATEGIA 3_transit-oriented development Anche se SFMTA non ha autorità regionale, l'agenzia capisce l'importanza del transit-oriented development (TOD) che si basa su uno sviluppo urbano e regionale orientato al sistema di trasporto pubblico su ferro. Concentrando il nuovo sviluppo lungo i corridoi di transito esistenti, San Francisco ha ridotto la quantità di emissioni di gas serra. La necessità di limitare i processi di dispersione insediativa, il preoccupante incremento degli spostamenti motorizzati individuali, le opportunità di sviluppo urbano in aree strategiche delle aree metropolitane a seguito della dismissione di impianti industriali, i consistenti investimenti in infrastrutture di trasporto su ferro in ambito urbano e regionale, sono tutti elementi chiave che hanno contribuito alla diffusione di teorie e pratiche per uno sviluppo urbano e regionale orientato al sistema di trasporto pubblico su ferro : il Transit-Oriented Development TOD. Nonostante il principio della necessità di concentrare lo sviluppo urbano intorno ai nodi del trasporto su ferro sia ampiamente riconosciuto in campo teorico, risulta in molti casi difficile l applicazione di queste teorie in diversi contesti normativi e territoriali (Hine, 2005). San Francisco ha già gettato le basi di questa strategia innovativa (TOD). L approvazione dei progetti recenti prosegue con la strategia di passaggio ai nuovi sviluppi della mobilità, con una minore richiesta di parcheggio e maggiori postazioni di car-sharing. Gli accordi di sviluppo per creare progressive riduzioni dei gas serra prevedono entrate fondamentali per il finanziamento, il funzionamento e gli investimenti di capitali per il sistema dei trasporti nonché una maggiore vivibilità consentendo ai dipendenti e ai residenti di praticare una mobilità sostenibile. Il successo nella realizzazione su grande scala del TOD entro il 2035, permetterà alla maggior parte dei residenti di San Francisco di spostarsi a piedi, in bicicletta o tramite i mezzi pubblici per la maggior parte dei loro viaggi. Questa strategia si basa sulla modifica di uso del suolo nel tempo e il suo impatto positivo sarà sperimentato a lungo termine. Poiché queste modifiche all'ambiente costruito sono permanenti, si avranno così dei benefici nella riduzione delle emissioni di gas serra. MISURE ATTUALI Attenzione ad uno sviluppo di posti di lavoro e abitazioni e ad una riqualificazione lungo le linee di transito esistenti all interno delle aree prioritarie di sviluppo regionale MISURE FUTURE Previsione di parcheggi e Carsharing nei pressi delle linee di transito principali. Ridurre drasticamente la necessità di parcheggio nei nuovi sviluppi. In uno studio che ha misurato la quantità di veicoli in transito durante i giorni feriali per 17 progetti TOD in cinque aree metropolitane statunitensi (Philadelphia, Nord-Est New Jersey, Washington, DC, Portland, San Francisco e la Bay Area), è stata riscontrata una media di spostamenti veicolari inferiore del 44% rispetto a quella stimata con il Trip Generation Manual of Institute of Transportation Engineers (ITE), che è ampiamente utilizzato come manuale di riferimento per la misurazione dell'impatto del traffico. Durante i periodi di punta, lo studio ha dimostrato livelli di riduzione ancora più elevati, quasi il 50% in meno rispetto alle previsioni ITE.

19 STRATEGIA 4_miglioramento del traffico Il sistema di trasporto locale e regionale è giunto ad un punto di crisi. I finanziamenti per le operazioni necessarie sono minimi, i servizi forniti subiscono sempre più spesso dei tagli, ma allo stesso tempo il sistema dei trasporti ha bisogno di investimenti significativi anche soltanto per mantenere le infrastrutture esistenti in buono stato. E opportuno, quindi, rivedere tutto il sistema in modo da collocare più opportunamente i pochi finanziamenti ricevuti. Il sistema di trasporto locale esistente nella città di San Francisco, risulta essere molto sfruttato, tanto che è inimmaginabile poter soddisfare una maggiore richiesta di domanda con le attuali strutture. Il servizio BART risulta ad oggi in funzione quasi a pieno regime nel centro della città, ma si trova anch esso a fronteggiare gravi diminuzioni di fondi che portano talvolta all interruzione del servizio. Ciò ha costretto alcune aziende a fornire delle navette private che trasportano i dipendenti dall esterno della città all interno e viceversa, tutto per compensare la mancanza di un trasporto pubblico veloce e affidabile. La volontà di creare un nuovo sistema di trasporto sostenibile, necessita inevitabilmente di miglioramenti in questo campo in modo da poter assorbire la prevista domanda che dovrebbe aumentare in modo significativo entro il I costi iniziali di questa operazione, risultano essere decisamente ingenti per la città, ma sicuramente i giovamenti che si potrebbero trarre nel campo dell impatto ambientale sarebbero piuttosto importanti. Si tratta quindi di investire fondi nei corridoi principali di transito, migliorare la manutenzione dei veicoli pubblici e garantire flussi di trasporto veloci ed affidabili. Il futuro di San Francisco come città sostenibile dipenderà in gran parte da queste modifiche. MISURE ATTUALI Miglioramento dell'affidabilità dei veicoli, della velocità. Uso migliore dei fondi statali in riparazione e sicurezza dei veicoli e dei percorsi. MISURE FUTURE Ampliare la flotta di veicoli pubblici ed i locali di deposito e migliorare la manutenzione dei mezzi per adattarsi alla crescita di domande. Dedicare alla rete ferroviaria e agli autobus delle corsie preferenziali, in modo da ridurre i tempi di percorrenza e migliorarne l'affidabilità. Aumentare il numero dei servizi di traspor to su i cor ridoi viari più frequentati. Aumentare i servizi di trasporto anche verso l esterno della città. Rivedere le pratiche operative regionali e le politiche di transito attraverso l MTC (Transit Sustinability Project) La costruzione di un sistema Bus Rapid Transit (immagine sopra) permetterà la riduzione dei tempi di percorrenza lungo i corridoi di transito più frequentati e da una maggiore affidabilità. La realizzazione è prevista per la fine del 2012, il servizio sarà attuato a partire dal

20 STRATEGIA 5_ Complete Street Da una ricerca effettuata nel 2000 su gli utilizzi dei mezzi di trasporto a San Francisco, l auto privata risulta, in modo netto, il mezzo maggiormente utilizzato (62%) rispetto a mezzi pubblici, biciclette e lo spostamento pedonale. Nel campo della progettazione delle strade, si sta facendo largo il ridisegno di strade esistenti in modo da rispondere alle esigenze di tutti i cittadini. In questo senso la città si è già mossa con i seguenti piani: Better Street Plan, Walk First, Bicycle Plan ed il Transit Effectiveness Project (TEP). Questi promuovono l esecuzione di piacevoli ambienti urbani per chi si muove a piedi, in bicicletta, con i mezzi pubblici ed in auto. Il nuovo progetto Complete Street consta nella creazione di corsie di transito dedicate esclusivamente a mezzi pubblici, la creazione di nuove piste ciclabili, la creazione di nuovi marciapiedi, tutto con l obiettivo di trasformare San Francisco in una città sostenibile, raggiungendo entro il 2030 degli standard prefissati visibili nella tabella sopra. L attuazione di tale progetto può creare molteplici vantaggi: Migliorare l'affidabilità del trasporto pubblico e i costi operativi attraverso corsie riservate. Migliorare la salute della città attraverso promuovendo lo spostamento pedonale ed in bicicletta. Riduzione del rumore, dell'aria e dell'acqua dall'inquinamento attraverso una migliore la gestione del suolo permeabile. I recenti successi dell attuazione del Bicycle Plan, dimostrano come lo sviluppo di infrastrutture multimodali aumenta l utenza ciclistica. Unita a i miglioramenti della rete dei trasporti (strategia 4), questa strategia potrà permettere il conseguimento degli obiettivi prefissati per il Il Complete Street interviene sulla città modificando l ambiente presente, incoraggiando i cambiamenti nelle scelte di trasporto dei singoli cittadini, mirando alla riduzione delle emissioni di gas serra. MISURE ATTUALI Completare l'attuazione del Bicycle Plan SFMTA Aumentare la capacità di parcheggio per le biciclette in tutta la città. Sviluppare servizi per i pedoni: realizzazione di piazze e completamento della rete lungomare. MISURE FUTURE Aumentare il verde stradale e le zone traffico lento. a Sviluppare un network "pista ciclabile". Implementare la condivisione di biciclette e introdurre le biciclette elettriche. La pianificazione urbana convenzionale negli Stati Uniti ha spinto verso l uso dei veicoli privati. Il SFMTA ha lo scopo di invertire questa tendenza in modo che la maggior parte dei viaggi sarà effettuata a piedi, in bicicletta e con mezzi pubblici. Spostamenti in auto sarebbe limitato a circostanze particolari.

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI A cura di: G. Messina, M.P. Valentini, G. Pede INDICE 1. QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO E NAZIONALE 5 Normativa e indirizzi politici 5 Analisi energetica del settore 5

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB)

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) Materiali delle lezioni di Giancarlo Vecchi (a cura di) / Politecnico di Milano ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) 1. Le due gerarchie di dominananza Il metodo AHP può essere

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou Roma Milano Paris Bruxelles Amsterdam Casablanca Dubai Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou EXECUTIVE SUMMARY Convegno Nuove

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Progettare la Città ed il Territorio

Progettare la Città ed il Territorio Quali sono oggi gli strumenti di cui disponiamo per progettare una città ed un territorio adeguati alle esigenze attuali? La cultura urbanistica moderna individua quali strumenti di governo democratico

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

Maggior comfort e sicurezza in movimento. Sistemi di riscaldamento e di condizionamento per veicoli speciali, mini e midibus

Maggior comfort e sicurezza in movimento. Sistemi di riscaldamento e di condizionamento per veicoli speciali, mini e midibus Maggior comfort e sicurezza in movimento Sistemi di riscaldamento e di condizionamento per veicoli speciali, mini e midibus Comfort e sicurezza ti accompagnano in ogni situazione. Ecco cosa significa Feel

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg)

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) (Approvata dai partecipanti alla Conferenza europea sulle città sostenibili tenutasi ad Aalborg, Danimarca il 27

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei piani urbani del traffico. (Art. 36 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285. Nuovo codice della strada). 1 2

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica AUTOGRILL: un esempio di successo! Installata la prima colonnina di

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli