DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A"

Transcript

1 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA Comunicata ai Capigruppo C O P I A il Nr. Prot. PIANO TRIENNALE MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE - ART. 2 COMMA 594 L. 244/2007 Nr. Progr. 39 Data 07/06/2012 L'anno DUEMILADODICI questo giorno SETTE del mese di GIUGNO alle ore 15:00 convocata con le prescritte modalità, Solita sala delle Adunanze si è riunita la Giunta Comunale. Fatto l'appello nominale risultano: Cognome e Nome Carica Presente FOCCI SANDRA SINDACO Presente DEGLI ESPOSTI GIULIANA ASSESSORE Presente BEDINI GIANLUCA ASSESSORE Presente ALIBERTI CATIA ASSESSORE Presente PREZZI ELIO ASSESSORE Presente DI FRESCO SERGIO ASSESSORE Presente Totale Presenti 6 Totale Assenti 0 Assenti giustificati i signori: Nessun convocato risulta assente giustificato Assenti NON giustificati i signori: Nessun convocato risulta assente ingiustificato Partecipa il Segretario Generale, Dott.ssa FRANCA LEONARDI Sandra Focci in qualità di Sindaco assume la presidenza e, constatata la legalità dell'adunanza, dichiara aperta la seduta invitando la Giunta Comunale a deliberare sull'oggetto sopra indicato.

2 OGGETTO: PIANO TRIENNALE MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE - ART. 2 COMMA 594 L. 244/2007 LA GIUNTA COMUNALE Richiamati: - l art. 2, comma 594, della Legge n. 244 del 24 dicembre 2007 (Legge Finanziaria 2008), che prevede l obbligo, per le amministrazioni pubbliche di cui all articolo 1, comma 2, del D.Lgs. n. 165 del 30 marzo 2001, di adottare piani triennali per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo: a) delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione d ufficio; b) delle autovetture di servizio, attraverso il ricorso, previa verifica di fattibilità, a mezzi alternativi di trasporto, anche cumulativo; c) dei beni immobili ad uso abitativo o di servizio, con esclusione dei beni infrastrutturali; - il successivo comma 595 della predetta norma, che prescrive l indicazione, nei piani di cui alla sopracitata lettera a), delle misure dirette a circoscrivere l assegnazione di apparecchiature di telefonia mobile ai soli casi in cui il personale debba assicurare, per esigenze di servizio, pronta e costante reperibilità e limitatamente al periodo necessario allo svolgimento delle particolari attività che ne richiedono l uso, individuando, nel rispetto della normativa sulla tutela della riservatezza dei dati personali, forme di verifica, anche a campione, circa il corretto utilizzo delle relative utenze; - il successivo comma 596, ove si stabilisce che qualora gli interventi di cui al comma 594 implichino la dismissione di dotazioni strumentali, il piano è corredato della documentazione necessaria a dimostrare la congruenza dell operazione in termini di costi e benefici; - il comma 597, in virtù del quale, a consuntivo annuale, le amministrazioni trasmettono una relazione agli organi di controllo interno e alla sezione regionale della Crte dei conti competente; - il comma 598 della medesima norma, nel quale si prescrive che il piano in oggetto sia reso pubblico con le modalità previste dall art. 11 del D.Lgs. n. 165/2001 e dall art. 54 del codice dell amministrazione digitale, di cui al D.Lgs. n. 82/2005; Visto il piano triennale delle misure di razionalizzazione, così predisposto, allegato in schema al presente provvedimento a farne parte integrale e sostanziale, e dato atto che nel predetto piano sono, altresì contemplate le misure già in atto per una politica di contenimento delle spese di funzionamento dell ente, nell ottica del perseguimento di obiettivi di efficienza, efficacia ed economicità dell azione amministrativa; Dato atto che, in assenza di specifiche ed ulteriori disposizioni e/o circolari che indichino i criteri in merito alla predisposizione del piano relativo ai beni immobili ad uso abitativo e di servizio, lo stesso può essere considerato coincidente con il piano delle alienazioni; Ritenuto, pertanto di procedere in merito; Dato atto che la presente deliberazione è corredata dai previsti pareri favorevoli in ordine alla regolarità tecnica e contabile, ex art. 49, T.U.E.L. D.Lgs 267/2000; Con voti unanimi espressi nelle forme previste dalla Legge; DELIBERA

3 Di approvare il Piano triennale di razionalizzazione di alcune spese di funzionamento ex art. 2, commi da 594 a 599 della Legge 244 del , allegato sub a) alla presente deliberazione, a farne parte integrante e sostanziale; Di dare atto che, a consuntivo annuale, si provvederà ad inoltrare idonea relazione circa il raggiungimento degli obiettivi di razionalizzazione espressi nel Piano in oggetto agli organi di controllo interno di questo Comune nonché alla sezione regionale della Corte dei Conti; Di pubblicare il Piano triennale allegato alla presente deliberazione, secondo le seguenti modalità - nel sito istituzionale dell Ente; - all Albo Pretorio On line per 30 giorni consecutivi; - in deposito presso l ufficio Relazioni con il Pubblico, per la visione da parte dei cittadini, per tutta la durata di validità del piano. ****************** DI DICHIARARE, con voto unanime favorevole la presente deliberazione immediatamente esecutiva ai sensi dell'art. 134, comma del D.Lgs del 18/08/2000, n. 267.

4 OGGETTO: PIANO TRIENNALE MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE - ART. 2 COMMA 594 L. 244/2007 PPIIAANNOO TTRRIIEENNNNAALLEE DDII RRAAZZIIOONNAALLIIZZZZAAZZIIOONNEE DDII AALLCCUUNNEE SS PPEESS EE DDII FF UUNNZZIIOONNAAMMEENNTTOO EEXX AARRTT... 22,,, CCOOMMMMII DDAA AA DDEELLLLAA LLEEGGGGEE DDEELL ((LLEEGGGGEE FFIINNAANNZZIIAARRIIAA )) Premessa. Il presente Piano rappresenta il compendio delle condizioni (interventi rilevanti di modernizzazione amministrativa) e delle manutenzioni (azioni di sostegno agli interventi di cambiamento più significativi), necessarie per garantire un generale mantenimento dei servizi erogati ed una contestuale ottimizzazione delle procedure di spesa, attraverso l elaborazione di indicatori per la misurazione e valutazione dei risultati dell Ente. Misure che al contempo garantiscano l efficacia dell azione amministrativa e l ammodernamento dei processi. Già da alcuni anni sono stati implementati nei piani esecutivi gestionali dei singoli servizi obiettivi di razionalizzazione della spesa corrente e l implementazione di misure di ottimizzazione dei processi, finalizzate ad individuare eventuali diseconomie razionalizzando la spesa. Sviluppando nuove metodologie di monitoraggio della spesa, finalizzate ad una progressiva ottimizzazione delle risorse utilizzate dall Ente, attraverso lo sviluppo di indicatori omogenei che consentono una rivelazione standard dei parametri nonché la rilevazione omogenea dei dati a scadenze predeterminate. Il presente Piano Triennale di Razionalizzazione è pertanto espressione delle misure di contenimento dei costi e degli obiettivi di risparmio, che trovano declinazione nel sistema modulare degli strumenti di programmazione e gestione finanziaria dell Ente (RPP, bilancio pluriennale, bilancio annuale e PEG). Il presente Piano costituisce quindi il riferimento operativo per tutte le azioni di razionalizzazione e riqualificazione della spesa, di riordino e ristrutturazione amministrativa, di semplificazione e digitalizzazione, di riduzione dei costi di funzionamento (anche in applicazione delle recenti disposizioni in materia di tagli della spesa pubblica e di partecipazione del sistema della autonomie locali al perseguimento degli obiettivi di finanza pubblica). Il presente Piano ha carattere dinamico, per cui, suscettibile di essere oggetto di modifiche ed aggiornamenti continui in relazione alle singole azioni e misure contemplate, e potrà essere oggetto di ampliamento in relazione a settori di intervento e/o servizi originariamente non interessati. 1. Comma 594, punto a), L.244/ Dotazioni strumentali anche informatiche Quadro conoscitivo: server 4 PC 45 Di cui Notebook 9 Postazioni per il pubblico 5 Stampanti 15 Telefax 4 Fotocopiatrici 7 Videoproiettori 2 Le principali linee guida per la governance del sistema informatico comunale sono così riassumibili: - Gestione della dotazione informatica assegnate ai posti di lavoro secondo i principi dell efficacia operativa e dell economicità, subordinando l individuazione delle attrezzature informatiche a servizio delle diverse postazioni di lavoro alle seguenti valutazioni: o esigenze operative dell ufficio; o ciclo di vita del prodotto; o oneri accessori connessi. - il tempo di vita ordinario dovrà essere almeno di anni 5 per un personal computer e di almeno 6 anni per una stampante. Di norma non si procederà alla sostituzione prima di tale termine. Le sostituzioni prima dei termini potranno avvenire nel caso di guasto qualora la valutazione dei costi/benefici relativa alla riparazione dia esito sfavorevole anche tenendo conto della obsolescenza dell apparecchio che causa un rapido deprezzamento dei dispositivi elettronici ed informatici. Tale valutazione è effettuata dai tecnici del servizio informatico. Nel caso in cui un personal computer non avesse più la capacità di supportare efficacemente l evoluzione di un applicativo verrà comunque utilizzato in ambiti dove sono richieste performance inferiori (ad es. postazione assessori o postazioni temporanee per stagisti o postazioni di ricerca, o postazioni per il pubblico). - Implementazione di softwares applicativi della tipologia client-server, al fine di assicurare il funzionamento anche su macchine con ridotta capacità elaborativa; - Centralizzazione delle procedure di spesa relativa alla sostituzione della dotazione informatica, al fine di consentire una gestione uniforme ed omogenea dei processi ed un monitoraggio costante della spesa;

5 - Razionalizzazione dell utilizzo delle stampanti, assicurando la graduale integrazione delle fotocopiatrici nella funzione di stampa (per effetto del minor costo copia di cui alle condizioni di noleggio, si veda infra) e la progressiva rimozione delle stampanti individuali con il collegamento degli utenti a stampanti di rete con i seguenti risultati attesi: o o riduzione del costo a copia; riduzione delle tipologie di toner, al fine di facilitare ed economicizzare l approvigionamento, riducendo nel contempo le scorte di magazzino, con conseguente minor rischio di deterioramento e inutilizzabilità del materiale; o riduzione dei costi di gestione delle stampanti. - Sostituzione delle stampanti a getto di inchiostro con stampanti laser, che hanno un minor costo d esercizio; - Ricorso alle convenzioni quadro delle centrali acquisti, o utilizzo dei relativi valori come basa d asta per tutte le procedure di acquisizione e fornitura dei beni; Per la produzione di materiale a colori (brochure, cartelli informativi, pieghevoli delle iniziative, etc ) per le pubblicazioni cartacee in quantitativi modesti da parte dei diversi servizi comunali, l Ente si è dotato di una stampante laser a colori (qualità di stampa 1200x1200 DPI, 20 ppm, 128 MB di memoria, processore 417 Mhz) collegata in rete e collocata presso la Segreteria Affari Generali, con funzioni di supporto per tutti i servizi, al fine di ridurre i costi dei servizi tipografici. Le macchine fotocopiatrici multifunzione sono in noleggio, sistema valutato più conveniente rispetto all acquisto in proprietà, giacchè nel contratto annuale con canone full service, sono ricompresi i materiali ed i prodotti di consumo quali toner, tamburi e cartucce, nonché l eventuale sostituzione del mezzo in caso di impossibilità di riparazione. Inoltre al termine del periodo il comune può sostituire le macchine più datate con quelle più moderne a disposizione sul mercato, evitando di sostenere i costi di rottamazione. Le condizioni contrattuali sono così riassumibili: nr. 04 macchine (collocate c/o la sede e c/o la Scuola Elementare del Capoluogo): canone annuo: 920,00 più IVA, comprensivo di nr copie (costo a copia pari ad 0,0115), ed un costo per le copie eccedenti pari a 0,0119; nr. 03 macchine (sede Polizia Municipale, Scuola Media e Biblioteca dle Capoluogo): costo a copia pari ad 0,0031 (senza canone fisso); nr. 01 macchina c/o Casa Residenza Anziani G. Bontà del Capoluogo: canone annuo 240,00 comprensivo di nr copie mensili (costo copia pari ad 0,020), per le copie eccedenti 0,0031. L istallazione, la manutenzione, l assistenza tecnica delle attrezzature informatiche, sono affidati ad un referente informatico interno, ed in subordine, per gli interventi più complessi, all esterno a specifica ditta, che cura altresì gli interventi di ottimizzazione, manutenzione e ripristino del server. Nessun soggetto al di fuori del referente informatico e del Servizio Informatico esterno è autorizzato ad intervenire sulla rete aziendale. I dipendenti sono tenuti a comunicare al referente informatico, tramite le consuete procedure, malfunzionamenti o guasti affinché lo stesso possa intervenire o segnalare la problematica al Servizio Informatico Esterno. misure realizzate - Le politiche di approvvigionamento si sono orientate verso l utilizzo di convenzioni quadro stipulate dalle centrali di acquisto a livello statale e regionale, o, in alternativa, utilizzando tali parametri di costo e di qualità come base d asta per le forniture. Il referente informatico ed il Servizio Informatico esterno mantengono un ruolo centrale per la valutazione degli aspetti qualitativi del prodotto e per il raccordo con tutti gli uffici comunali per le attività di installazione e assistenza. - Individuazione di un referente informatico interno, con compiti di primo intervento, monitoraggio e coordinamento in ordine alle problematiche di carattere informatico. Tutte gli interventi eseguiti dal servizio informatico esterno sono coordinati dal referente informatico. - Consolidamento delle spese informatiche dell Ente, anche in relazione alla reinternalizzazione dei servizi e delle funzioni facenti capo alla disciolta Istituzione Servizi Sociali del Comune di Vergato (RSA e Sportello Sociale in primis); - Indicazioni operative sulle modalità di utilizzo dei servizi di rete internet e posta elettronica; - Razionalizzazione delle misure antivirus; - Sostituzione delle stampanti abbinate a postazioni di lavoro singolo con stampanti di rete; - Sostituzione delle stampanti a getto d inchiostro con stampanti laser, con un minor costo di esercizio; - Implementazione nuovo sito internet del Comune con conseguente risparmio costi di gestione rispetto alle forme di comunicazione tradizionale e progressiva migrazione di alcuni servizi online; - Razionalizzazione di alcuni costi (materiali di consumo e interventi manutentivi sul parco software) che, allo stato attuale, non appaiono più comprimibili; - Implementazione della firma digitale; - Progetto di potenziamento ed adeguamento per il miglioramento dell accessibilità agli strumenti dell IT relativi alla biblioteca comunale (acquisto postazioni informatiche ad uso pubblico, di centrale di controllo digitale con funzionalità recording e webserver integrati- altoparlanti, ricevitori, adattatore, supporti ed alimentatori, etc.); - Attivazione del sistema WI-FI per la navigazione gratuita nelle zone centrali del paese; - Realizzazione progetto People SUAP: Sportello Unico on-line;

6 - Virtualizzazione del server e del software di back-up con conseguente efficientamento del sistema informativo a supporto dei servizi comunali e dei rischi di disaster recovery. misure previste 2012/ Adeguamento delle postazioni di lavoro e dei server allo standard individuato dal presente piano. - Pianificazione degli interventi di adeguamento e aggiornamento degli apparecchi, più obsoleti e superati dalle nuove tecnologie, ed oramai al termine del proprio ciclo di vita, secondo quanto previsto nelle misure attuative del piano (5 anni per i PC, 6 anni per le stampanti). - Revisione delle procedure principali e dematerializzazione dei flussi cartacei: attraverso l incentivazione all utilizzo della firma digitale e della posta certificata e della funzione scan to mail già presente nei fotocopiatori; - Dematerializzazione dei flussi interistituzionali o tra enti pubblici (attraverso l utilizzo delle sole comunicazioni via mail); - Implementazione delle funzioni per la gestione di servizi-online presenti nel portale istituzionale; - Sviluppo di servizi completamente online (dall istanza al pagamento); - Ottimizzazione delle attività dei servizi a pagamento, attraverso l implementazione dei moduli per il pagamento online (ad es. IMU, trasporto e mensa scolastica, etc ) - Integrazione banche dati interne ed esterne, anche a supporto delle attività e delle misure di contrasto all evasione ed elusione fiscale; - Riduzione utilizzo apparecchi telefax; - Incentivazione all uso in funzione stampa dei fotocopiatori in convenzione, che presentano ancora alcuni margini di utilizzo rispetto alle soglie contrattuali previste; - Sostituzione delle stampanti con costi copia più elevati; - Progressiva implementazione dei nuovi applicativi gestionali, web based, finalizzati a semplificare le procedure e determinare risparmi nei costi di gestione, anche nell ambito delle misure finalizzate alla dematerializzazione; - Implementazione nel sistema informativo comunale di software e sistemi open e valutazione circa il ricorso al cloud computing; - Ridotta gestione dell hardware, attraverso il riutilizzo di PC obsoleti per l utilizzo in ambiti meno performanti (ad es. postazioni assessori, postazioni temporanee per stagisti, postazioni di ricerca, o postazioni di navigazione per il pubblico); - Centralizzazione procedure di acquisto e fornitura dei beni informatici e relativi interventi manutentivi; - Centralizzazione procedure di acquisto e fornitura dei materiali di consumo e cancelleria, a cura del Servizio Economale dell Ente; - Dematerializzazione dei flussi in-out dei servizi Asilo Nido Comunale e Casa Residenza Anziani G. Bontà attraverso la realizzazione dei nuovi collegamenti in fibra ottica. Risultati attesi: standardizzazione dei costi non più comprimibili, revisione delle procedure in funzione di processi di dematerializzazione, ottimizzazione dei costi complessivi di gestione. Andamento storico della spesa: spesa in conto capitale: spesa manutenzione hw e sw: servizi informatici: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,30

7 2. Comma 594, Punto b), L.244/ Razionalizzazione dell utilizzo delle autovetture di servizio Quadro conoscitivo: data omologazi id. Marca modello CC HP targa alimentazione immatricolazione one km stato del veicolo Tipo veicolo utilizzo 1 FIAT PANDA 4X CE661ZY BENZINA 23/12/2002 Euro 3 vetusto per l'usura grigia* LLPP interventi 2 RENAULT KANGOO 1461 CJ490SX GASOLIO 01/10/ manutentivi autocarro LLPP ordinari 3 FIAT PUNTO CJ481RL BENZINA Euro buono grigia* MUNICIPIO 4 FIAT PANDA 4X DG550YP GASOLIO buono sicurezza PM 5 FIAT PUNTO 1242 BJ172TV BENZINA Necesita interventi sicurezza PM 6 FIAT SCUDO 1997 CV443PK GASOLIO buono sicurezza PM 7 PIAGGIO VESPA 150 AY04768 BENZINA Buono sicurezza PM 8 PIAGGIO VESPA 150 AY04769 BENZINA buono sicurezza PM 9 FIAT PANDA CITIVAN Autocarro 1108 BZ921ZC BENZINA 02/05/ buono stato trasporto alimenti 10 FIAT PANDA 4 X DM633VK BENZINA 30/01/2008 Euro ottimo stato grigia* 11 FIAT PUNTO BL896DN BENZINA 07/04/2000 Euro buono stato grigia* 12 FIAT PANDA CG158HC BENZINA 29/04/2003 Euro buono stato grigia* Servizi Sociali Servizi Sociali Servizi Sociali Servizi Sociali * classificazione ai sensi dell art. 5 del DPCM 3 agosto censimento delle autovetture di servizio - direttiva nr. 6/2011 del Dipartimento di Funzione Pubblica. A tal fine si precisa che l Ente non dispone né di auto blu blu (flotta di rappresentanza), né di auto blu (autovetture di servizio), ma solo di auto grigie. Altri mezzi di proprietà dell Ente: N MODELLO DATA IMMATRICOLAZIONE TIPO VEICOLO TARGA Km al 31/12/ FAI 66 BDT 35/B (escavatore) 14/06/1979 macchina operatrice semovente AB W 837 guasto 2 Fiat OM /03/1982 autocarro per trasposto di cose BO Fiat Iveco 35 (Daily) 19/10/1988 autoveicolo per uso speciale BO D SICOMM SRL 18 (rullo) 03/05/1993 macchina operatrice semovente a telaio articolato BO AF 030 guasto 5 Fiat Iveco (con gru) 18/03/1994 autocarro per trasporto di cose BO G FAI 90 S (escavatore) 04/07/1995 macchina operatrice semovente BO AF Ape Car Piaggio Diesel 13/02/1996 motocarro per trasporto di cose AA Nissan Vanette Pratic 16/11/1999 autocarro per trasporto di cose BG 930 HD Piaggio Porter 4x4 (ape) 27/04/2000 motocarro per trasporto di cose BK 307 YD Piaggio Porter 4x4 (ape) 27/04/2000 motocarro per trasporto di cose BK 306 YD

8 11 Piaggio Porter 4x4 (ape) 30/12/2001 motocarro per trasporto di cose BW 278 VD Piaggio Porter Big (ape) 03/03/2003 autocarro CF 474 KD Fiat Iveco SCAM SM55E3 10/10/2006 autocarro per trasporto di cose DC 553 XP Fiat Ducato M2 11/06/1997 pulmino attrezzato / autopromiscuo AG 304 BF Fiat Iveco 02/09/2008 scuolabus DS 643 FW misure realizzate - progetto di manutenzione automezzi, attraverso la pianificazione e realizzazione degli interventi manutentivi ordinari degli automezzi a cura di personale interno specializzato, con conseguente riduzione dei costi per manodopera specializzata. - Dismissione dei mezzi più vetusti ed usurati, con costi di esercizio elevati. - Non sono state fatte acquisizioni di autovetture di servizio negli ultimi anni. - Riutilizzo in comodato da parte dell impresa assegnataria del servizio di trasporto scolastico del pulimino attrezzato precedentemente in dotazione alla disciolta Istituzione Servizi Sociali del Comune di Vergato. - Reimpiego ad altre destinazione dei mezzi non più adeguati per determinati utilizzi, riconvertiti in ambiti dove sono richieste performance inferiori, o di tipo diverso (spostamenti ridotti, carico merce, trasporto materiali, etc ). - Approvvigionamento carburante centralizzato attraverso il ricorso all utilizzo di convenzioni quadro stipulate dalle centrali di acquisto a livello statale e regionale. - Integrazione delle misure per l utilizzo delle autovetture di servizio in funzione di quanto disposto dall art. 3 del richiamato DPCM. - Incentivo alla razionalizzazione dell utilizzo delle autovetture (ad es. utilizzo contemporaneo da parte di più dipendenti, razionalizzazione degli itinerari, etcc ). - Monitoraggio spesa complessiva per singolo automezzo. - Monitoraggio consumo carburante per singolo automezzo. misure previste 2012/ Conferma di tutte le misure già realizzate (in particolare il progetto di manutenzione automezzi a cura del personale dipendente); - Verifica per la redazione di un piano pluriennale di sostituzione/dismissione dei mezzi operativi non più funzionali a servizio dell U.O. Lavori Pubblici, previa verifica della congruenza dell operazione in termini costibenefici, a norma del comma 596 dell art. 2 legge 244/ Dismissione di nr. 02 motocicli in uso c/o Servizio di Polizia Municipale, poiché sottoutilizzati; - Verifica per la dismissione di un autovettora in dotazione alla Polizia Municipale (id. nr. 05 scheda supra) per gli elevati costi di esercizio riscontrati, previa verifica della congruenza dell operazione in termini costi-benefici, a norma del comma 596 dell art. 2 legge 244/ Elaborazione piano sostituzioni, attraverso l analisi dei seguenti profili: o monitoraggio spesa relativa all approvvigionamento di carburante; o monitoraggio km complessivi; o verifica tragitti ricorrenti; o verifica disponibilità punti di rifornimento sul territorio per alimentazione eco-compatibile, ad es. metano; o verifica necessità di adeguamento per rispetto delle normative in materia antinquinamento, valutazione circa la sostituzione dei mezzi più datati con mezzi ad alimentazione meno impattante (metano) e/o dotati delle nuove certificazioni Euro. o All atto della sostituzione degli automezzi si ritiene opportuno procedere all acquisizione di mezzi a minore impatto ambientalee a minore consumo. - Monitoraggio semestrale diario di bordo; - Si prevede comunque di non aumentare il parco delle autovetture; Risultati attesi: razionalizzazione dell utilizzo, ottimizzazione delle spese complessive di gestione e standardizzazione dei costi non più comprimibili. Andamento storico della spesa complessiva (per tutti i mezzi): , , , , ,44

9 3. Punto c) comma 594 Beni immobili: ad uso abitativo o di servizio Nell ambito del processo di razionalizzazione ed ottimizzazione delle risorse il Comune di Vergato ha provveduto ad una riorganizzazione dell area tecnica finalizzata alla valorizzazione di un nucleo omogeneo di attività, denominato appunto Patrimonio e finalizzato a garantire un utilizzo ottimale e ed una valorizzazione strategica del patrimonio immobiliare dell ente, definendo un quadro conoscitivo che consenta lo svolgimento di attività aggiuntive rispetto a quelle cui è destinato l immobile in via primaria e di pianificare la dismissione delle quote residue del patrimonio immobiliare ancora inutilizzate o insufficientemente utilizzate e la razionalizzazione delle sedi e degli uffici periferici, prevedendo, concentrando, e unificando i presidi sul territorio, qualificandone la logistica e riformandone il lay out alla luce dei nuovi standard internazionali e alle migliori prassi di organizzazione del lavoro. Allo stato attuale il processo di programmazione sconta l assenza di un Responsabile full time delle attività dell articolazione organizzativa (il posto è vacante ed è ricoperto ad interim dal Vice Segretario). Conseguentemente il processo di ricognizione dell inventario patrimoniale e di contabilità patrimoniale dell ente, risulta sommario e tuttora in fase di lenta definizione. Ad uso abitativo: Il Comune di Vergato dispone di nr. 92 alloggi di ERP. Tutto il patrimonio di ERP è assegnato in gestione ad ACER Bologna. Nell ambito della convenzione di gestione è prevista l attribuzione ad ACER del compito di provvedere all elaborazione di piani di manutenzione programmata. Nell ambito di tali interventi manutentivi si prevede di ampliare gli interventi sugli alloggi siti nel Capoluogo, per i quali vi sono maggiori richieste. Allo stato attuale sono in corso le procedure di verifica per il perfezionamento del Piano di alienazione ai sensi della L. 560/1993, a favore degli assegnatari che ne avevano fatto richiesta. Il Piano interessa nr. 7 alloggi ubicati nelle frazioni del Comune. Gli altri alloggi destinati ad uso abitativo presenti sul territorio sono i seguenti: - nr. 01 alloggio destinato ad un progetto assistenziale Appartamento protetto coordinato dai servizi Sanitari distrettuali dell AUSL; - nr. 01 alloggio sito in Cereglio, via f.lli Benassi (fabbricato ex Casa Cantoniera Provinciale) destinato a finalità socio-assistenziali; - nr. 10 mini-appartamenti siti in Via Casellina 9 Riola, originariamente in gestione alla disciolta Istituzione Servizi Sociali del Comune di Vergato, ed ora transitati nel patrimonio dell Ente, per finalità socioassistenziali. Si tratta di alloggi con specifiche destinazioni d uso e canoni specificatamente regolamentati, destinati a finalità sociali per emergenze abitative. Il fabbricato richiede attualmente ingenti interventi manutentivi, la cui copertura finanziaria è subordinata all alienazione di altra Palazzina e relativa area, sita nel medesimo contesto, sempre di proprietà comunale; - nr. 16 mini-appartamenti siti in Via Nazionale 89, Riola di Vergato, originariamente in gestione alla disciolta Istituzione Servizi Sociali del Comune di Vergato, ed ora transitati nel patrimonio dell Ente, per finalità socio-assistenziali. Si tratta di alloggi con specifiche destinazioni d uso e canoni specificatamente regolamentati, destinati a finalità sociali per emergenze abitative. Tutti gli alloggi di proprietà del Comune di Vergato sono, pertanto finalizzati a finalità di edilizia sociale, la cui gestione è specificatamente disciplinata da disposizioni normative o regolamentari. Il Comune di Vergato non dispone di alloggi ad uso abitativo concessi in locazione a canoni di mercato. Immobili di proprietà con destinazioni diversi dall uso abitativo: nr. 01 ambulatorio medico in frazione Cereglio (via F.lli Benassi 2 ex Casa Cantoniera Provinciale) affidato in comodato per l attività ambulatoriale di medicina di base; nr. 01 ambulatorio medico in frazione Tolè via Basabue 1/e affidato in comodato per l attività ambulatoriale di medicina di base; nr. 01 locale in frazione Tolè via Basabue 2 concesso in uso all Azienda Sanitaria Locale per l esercizi odi un Punto Prelievo; nr. 01 edificio in loc. Cà Dorello Tabina concesso in uso gratuito al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco adibito ad alloggio del personale del locale distaccamento; nr. 01 immobile sito in località Poggio di Cavacchio, Comune di Grizzana Morandi, affidato in locazione a diversi gestori di emittenze radio-televisive e di impianti di telefonia mobile; nr. 01 locale commerciale sito in Riola c/o Impianti sportivi, concesso in locazione a privati per l esercizio dell attività di somministrazione di alimenti e bevande; nr. 01 locale commerciale sito in Tolè, via Venola, c/o Impianti sportivi, concesso in locazione a privati per l esercizio dell attività di somministrazione di alimenti e bevande; nr 01 edificio adibito a Centro Sociale Polivalente, sito in Vergato, via Fornaci, concesso in gestione all Associazione Centro Sociale Ricreativo Culturale di Vergato autogestito dagli anziani, per la gestione di attività di promozione sociale; nr. 06 strutture sportive, impianti e relative pertinenze (campo da calcio e pista di atletica Capoluogo, impianti tennis Capoluogo, bocciodromo Capoluogo, impianti frazione Tolè, impianti frazione Riola, impianti Frazione Cereglio), affidate in gestione alle associazioni sportive locali per la promozione dell attività sportiva; nr. 01 capannone ubicato in località Serrini, concesso in uso alla locale Pro-Loco per le attività di preparazione del tradizionale Carnevale Vergatese;

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 OGGETTO: Approvazione atti di gara Aggiudicazione

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 A cura del Direttore Responsabile della Trasparenza Erminia Zoppè PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 Indice

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli