DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A"

Transcript

1 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA Comunicata ai Capigruppo C O P I A il Nr. Prot. PIANO TRIENNALE MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE - ART. 2 COMMA 594 L. 244/2007 Nr. Progr. 39 Data 07/06/2012 L'anno DUEMILADODICI questo giorno SETTE del mese di GIUGNO alle ore 15:00 convocata con le prescritte modalità, Solita sala delle Adunanze si è riunita la Giunta Comunale. Fatto l'appello nominale risultano: Cognome e Nome Carica Presente FOCCI SANDRA SINDACO Presente DEGLI ESPOSTI GIULIANA ASSESSORE Presente BEDINI GIANLUCA ASSESSORE Presente ALIBERTI CATIA ASSESSORE Presente PREZZI ELIO ASSESSORE Presente DI FRESCO SERGIO ASSESSORE Presente Totale Presenti 6 Totale Assenti 0 Assenti giustificati i signori: Nessun convocato risulta assente giustificato Assenti NON giustificati i signori: Nessun convocato risulta assente ingiustificato Partecipa il Segretario Generale, Dott.ssa FRANCA LEONARDI Sandra Focci in qualità di Sindaco assume la presidenza e, constatata la legalità dell'adunanza, dichiara aperta la seduta invitando la Giunta Comunale a deliberare sull'oggetto sopra indicato.

2 OGGETTO: PIANO TRIENNALE MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE - ART. 2 COMMA 594 L. 244/2007 LA GIUNTA COMUNALE Richiamati: - l art. 2, comma 594, della Legge n. 244 del 24 dicembre 2007 (Legge Finanziaria 2008), che prevede l obbligo, per le amministrazioni pubbliche di cui all articolo 1, comma 2, del D.Lgs. n. 165 del 30 marzo 2001, di adottare piani triennali per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo: a) delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione d ufficio; b) delle autovetture di servizio, attraverso il ricorso, previa verifica di fattibilità, a mezzi alternativi di trasporto, anche cumulativo; c) dei beni immobili ad uso abitativo o di servizio, con esclusione dei beni infrastrutturali; - il successivo comma 595 della predetta norma, che prescrive l indicazione, nei piani di cui alla sopracitata lettera a), delle misure dirette a circoscrivere l assegnazione di apparecchiature di telefonia mobile ai soli casi in cui il personale debba assicurare, per esigenze di servizio, pronta e costante reperibilità e limitatamente al periodo necessario allo svolgimento delle particolari attività che ne richiedono l uso, individuando, nel rispetto della normativa sulla tutela della riservatezza dei dati personali, forme di verifica, anche a campione, circa il corretto utilizzo delle relative utenze; - il successivo comma 596, ove si stabilisce che qualora gli interventi di cui al comma 594 implichino la dismissione di dotazioni strumentali, il piano è corredato della documentazione necessaria a dimostrare la congruenza dell operazione in termini di costi e benefici; - il comma 597, in virtù del quale, a consuntivo annuale, le amministrazioni trasmettono una relazione agli organi di controllo interno e alla sezione regionale della Crte dei conti competente; - il comma 598 della medesima norma, nel quale si prescrive che il piano in oggetto sia reso pubblico con le modalità previste dall art. 11 del D.Lgs. n. 165/2001 e dall art. 54 del codice dell amministrazione digitale, di cui al D.Lgs. n. 82/2005; Visto il piano triennale delle misure di razionalizzazione, così predisposto, allegato in schema al presente provvedimento a farne parte integrale e sostanziale, e dato atto che nel predetto piano sono, altresì contemplate le misure già in atto per una politica di contenimento delle spese di funzionamento dell ente, nell ottica del perseguimento di obiettivi di efficienza, efficacia ed economicità dell azione amministrativa; Dato atto che, in assenza di specifiche ed ulteriori disposizioni e/o circolari che indichino i criteri in merito alla predisposizione del piano relativo ai beni immobili ad uso abitativo e di servizio, lo stesso può essere considerato coincidente con il piano delle alienazioni; Ritenuto, pertanto di procedere in merito; Dato atto che la presente deliberazione è corredata dai previsti pareri favorevoli in ordine alla regolarità tecnica e contabile, ex art. 49, T.U.E.L. D.Lgs 267/2000; Con voti unanimi espressi nelle forme previste dalla Legge; DELIBERA

3 Di approvare il Piano triennale di razionalizzazione di alcune spese di funzionamento ex art. 2, commi da 594 a 599 della Legge 244 del , allegato sub a) alla presente deliberazione, a farne parte integrante e sostanziale; Di dare atto che, a consuntivo annuale, si provvederà ad inoltrare idonea relazione circa il raggiungimento degli obiettivi di razionalizzazione espressi nel Piano in oggetto agli organi di controllo interno di questo Comune nonché alla sezione regionale della Corte dei Conti; Di pubblicare il Piano triennale allegato alla presente deliberazione, secondo le seguenti modalità - nel sito istituzionale dell Ente; - all Albo Pretorio On line per 30 giorni consecutivi; - in deposito presso l ufficio Relazioni con il Pubblico, per la visione da parte dei cittadini, per tutta la durata di validità del piano. ****************** DI DICHIARARE, con voto unanime favorevole la presente deliberazione immediatamente esecutiva ai sensi dell'art. 134, comma del D.Lgs del 18/08/2000, n. 267.

4 OGGETTO: PIANO TRIENNALE MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE - ART. 2 COMMA 594 L. 244/2007 PPIIAANNOO TTRRIIEENNNNAALLEE DDII RRAAZZIIOONNAALLIIZZZZAAZZIIOONNEE DDII AALLCCUUNNEE SS PPEESS EE DDII FF UUNNZZIIOONNAAMMEENNTTOO EEXX AARRTT... 22,,, CCOOMMMMII DDAA AA DDEELLLLAA LLEEGGGGEE DDEELL ((LLEEGGGGEE FFIINNAANNZZIIAARRIIAA )) Premessa. Il presente Piano rappresenta il compendio delle condizioni (interventi rilevanti di modernizzazione amministrativa) e delle manutenzioni (azioni di sostegno agli interventi di cambiamento più significativi), necessarie per garantire un generale mantenimento dei servizi erogati ed una contestuale ottimizzazione delle procedure di spesa, attraverso l elaborazione di indicatori per la misurazione e valutazione dei risultati dell Ente. Misure che al contempo garantiscano l efficacia dell azione amministrativa e l ammodernamento dei processi. Già da alcuni anni sono stati implementati nei piani esecutivi gestionali dei singoli servizi obiettivi di razionalizzazione della spesa corrente e l implementazione di misure di ottimizzazione dei processi, finalizzate ad individuare eventuali diseconomie razionalizzando la spesa. Sviluppando nuove metodologie di monitoraggio della spesa, finalizzate ad una progressiva ottimizzazione delle risorse utilizzate dall Ente, attraverso lo sviluppo di indicatori omogenei che consentono una rivelazione standard dei parametri nonché la rilevazione omogenea dei dati a scadenze predeterminate. Il presente Piano Triennale di Razionalizzazione è pertanto espressione delle misure di contenimento dei costi e degli obiettivi di risparmio, che trovano declinazione nel sistema modulare degli strumenti di programmazione e gestione finanziaria dell Ente (RPP, bilancio pluriennale, bilancio annuale e PEG). Il presente Piano costituisce quindi il riferimento operativo per tutte le azioni di razionalizzazione e riqualificazione della spesa, di riordino e ristrutturazione amministrativa, di semplificazione e digitalizzazione, di riduzione dei costi di funzionamento (anche in applicazione delle recenti disposizioni in materia di tagli della spesa pubblica e di partecipazione del sistema della autonomie locali al perseguimento degli obiettivi di finanza pubblica). Il presente Piano ha carattere dinamico, per cui, suscettibile di essere oggetto di modifiche ed aggiornamenti continui in relazione alle singole azioni e misure contemplate, e potrà essere oggetto di ampliamento in relazione a settori di intervento e/o servizi originariamente non interessati. 1. Comma 594, punto a), L.244/ Dotazioni strumentali anche informatiche Quadro conoscitivo: server 4 PC 45 Di cui Notebook 9 Postazioni per il pubblico 5 Stampanti 15 Telefax 4 Fotocopiatrici 7 Videoproiettori 2 Le principali linee guida per la governance del sistema informatico comunale sono così riassumibili: - Gestione della dotazione informatica assegnate ai posti di lavoro secondo i principi dell efficacia operativa e dell economicità, subordinando l individuazione delle attrezzature informatiche a servizio delle diverse postazioni di lavoro alle seguenti valutazioni: o esigenze operative dell ufficio; o ciclo di vita del prodotto; o oneri accessori connessi. - il tempo di vita ordinario dovrà essere almeno di anni 5 per un personal computer e di almeno 6 anni per una stampante. Di norma non si procederà alla sostituzione prima di tale termine. Le sostituzioni prima dei termini potranno avvenire nel caso di guasto qualora la valutazione dei costi/benefici relativa alla riparazione dia esito sfavorevole anche tenendo conto della obsolescenza dell apparecchio che causa un rapido deprezzamento dei dispositivi elettronici ed informatici. Tale valutazione è effettuata dai tecnici del servizio informatico. Nel caso in cui un personal computer non avesse più la capacità di supportare efficacemente l evoluzione di un applicativo verrà comunque utilizzato in ambiti dove sono richieste performance inferiori (ad es. postazione assessori o postazioni temporanee per stagisti o postazioni di ricerca, o postazioni per il pubblico). - Implementazione di softwares applicativi della tipologia client-server, al fine di assicurare il funzionamento anche su macchine con ridotta capacità elaborativa; - Centralizzazione delle procedure di spesa relativa alla sostituzione della dotazione informatica, al fine di consentire una gestione uniforme ed omogenea dei processi ed un monitoraggio costante della spesa;

5 - Razionalizzazione dell utilizzo delle stampanti, assicurando la graduale integrazione delle fotocopiatrici nella funzione di stampa (per effetto del minor costo copia di cui alle condizioni di noleggio, si veda infra) e la progressiva rimozione delle stampanti individuali con il collegamento degli utenti a stampanti di rete con i seguenti risultati attesi: o o riduzione del costo a copia; riduzione delle tipologie di toner, al fine di facilitare ed economicizzare l approvigionamento, riducendo nel contempo le scorte di magazzino, con conseguente minor rischio di deterioramento e inutilizzabilità del materiale; o riduzione dei costi di gestione delle stampanti. - Sostituzione delle stampanti a getto di inchiostro con stampanti laser, che hanno un minor costo d esercizio; - Ricorso alle convenzioni quadro delle centrali acquisti, o utilizzo dei relativi valori come basa d asta per tutte le procedure di acquisizione e fornitura dei beni; Per la produzione di materiale a colori (brochure, cartelli informativi, pieghevoli delle iniziative, etc ) per le pubblicazioni cartacee in quantitativi modesti da parte dei diversi servizi comunali, l Ente si è dotato di una stampante laser a colori (qualità di stampa 1200x1200 DPI, 20 ppm, 128 MB di memoria, processore 417 Mhz) collegata in rete e collocata presso la Segreteria Affari Generali, con funzioni di supporto per tutti i servizi, al fine di ridurre i costi dei servizi tipografici. Le macchine fotocopiatrici multifunzione sono in noleggio, sistema valutato più conveniente rispetto all acquisto in proprietà, giacchè nel contratto annuale con canone full service, sono ricompresi i materiali ed i prodotti di consumo quali toner, tamburi e cartucce, nonché l eventuale sostituzione del mezzo in caso di impossibilità di riparazione. Inoltre al termine del periodo il comune può sostituire le macchine più datate con quelle più moderne a disposizione sul mercato, evitando di sostenere i costi di rottamazione. Le condizioni contrattuali sono così riassumibili: nr. 04 macchine (collocate c/o la sede e c/o la Scuola Elementare del Capoluogo): canone annuo: 920,00 più IVA, comprensivo di nr copie (costo a copia pari ad 0,0115), ed un costo per le copie eccedenti pari a 0,0119; nr. 03 macchine (sede Polizia Municipale, Scuola Media e Biblioteca dle Capoluogo): costo a copia pari ad 0,0031 (senza canone fisso); nr. 01 macchina c/o Casa Residenza Anziani G. Bontà del Capoluogo: canone annuo 240,00 comprensivo di nr copie mensili (costo copia pari ad 0,020), per le copie eccedenti 0,0031. L istallazione, la manutenzione, l assistenza tecnica delle attrezzature informatiche, sono affidati ad un referente informatico interno, ed in subordine, per gli interventi più complessi, all esterno a specifica ditta, che cura altresì gli interventi di ottimizzazione, manutenzione e ripristino del server. Nessun soggetto al di fuori del referente informatico e del Servizio Informatico esterno è autorizzato ad intervenire sulla rete aziendale. I dipendenti sono tenuti a comunicare al referente informatico, tramite le consuete procedure, malfunzionamenti o guasti affinché lo stesso possa intervenire o segnalare la problematica al Servizio Informatico Esterno. misure realizzate - Le politiche di approvvigionamento si sono orientate verso l utilizzo di convenzioni quadro stipulate dalle centrali di acquisto a livello statale e regionale, o, in alternativa, utilizzando tali parametri di costo e di qualità come base d asta per le forniture. Il referente informatico ed il Servizio Informatico esterno mantengono un ruolo centrale per la valutazione degli aspetti qualitativi del prodotto e per il raccordo con tutti gli uffici comunali per le attività di installazione e assistenza. - Individuazione di un referente informatico interno, con compiti di primo intervento, monitoraggio e coordinamento in ordine alle problematiche di carattere informatico. Tutte gli interventi eseguiti dal servizio informatico esterno sono coordinati dal referente informatico. - Consolidamento delle spese informatiche dell Ente, anche in relazione alla reinternalizzazione dei servizi e delle funzioni facenti capo alla disciolta Istituzione Servizi Sociali del Comune di Vergato (RSA e Sportello Sociale in primis); - Indicazioni operative sulle modalità di utilizzo dei servizi di rete internet e posta elettronica; - Razionalizzazione delle misure antivirus; - Sostituzione delle stampanti abbinate a postazioni di lavoro singolo con stampanti di rete; - Sostituzione delle stampanti a getto d inchiostro con stampanti laser, con un minor costo di esercizio; - Implementazione nuovo sito internet del Comune con conseguente risparmio costi di gestione rispetto alle forme di comunicazione tradizionale e progressiva migrazione di alcuni servizi online; - Razionalizzazione di alcuni costi (materiali di consumo e interventi manutentivi sul parco software) che, allo stato attuale, non appaiono più comprimibili; - Implementazione della firma digitale; - Progetto di potenziamento ed adeguamento per il miglioramento dell accessibilità agli strumenti dell IT relativi alla biblioteca comunale (acquisto postazioni informatiche ad uso pubblico, di centrale di controllo digitale con funzionalità recording e webserver integrati- altoparlanti, ricevitori, adattatore, supporti ed alimentatori, etc.); - Attivazione del sistema WI-FI per la navigazione gratuita nelle zone centrali del paese; - Realizzazione progetto People SUAP: Sportello Unico on-line;

6 - Virtualizzazione del server e del software di back-up con conseguente efficientamento del sistema informativo a supporto dei servizi comunali e dei rischi di disaster recovery. misure previste 2012/ Adeguamento delle postazioni di lavoro e dei server allo standard individuato dal presente piano. - Pianificazione degli interventi di adeguamento e aggiornamento degli apparecchi, più obsoleti e superati dalle nuove tecnologie, ed oramai al termine del proprio ciclo di vita, secondo quanto previsto nelle misure attuative del piano (5 anni per i PC, 6 anni per le stampanti). - Revisione delle procedure principali e dematerializzazione dei flussi cartacei: attraverso l incentivazione all utilizzo della firma digitale e della posta certificata e della funzione scan to mail già presente nei fotocopiatori; - Dematerializzazione dei flussi interistituzionali o tra enti pubblici (attraverso l utilizzo delle sole comunicazioni via mail); - Implementazione delle funzioni per la gestione di servizi-online presenti nel portale istituzionale; - Sviluppo di servizi completamente online (dall istanza al pagamento); - Ottimizzazione delle attività dei servizi a pagamento, attraverso l implementazione dei moduli per il pagamento online (ad es. IMU, trasporto e mensa scolastica, etc ) - Integrazione banche dati interne ed esterne, anche a supporto delle attività e delle misure di contrasto all evasione ed elusione fiscale; - Riduzione utilizzo apparecchi telefax; - Incentivazione all uso in funzione stampa dei fotocopiatori in convenzione, che presentano ancora alcuni margini di utilizzo rispetto alle soglie contrattuali previste; - Sostituzione delle stampanti con costi copia più elevati; - Progressiva implementazione dei nuovi applicativi gestionali, web based, finalizzati a semplificare le procedure e determinare risparmi nei costi di gestione, anche nell ambito delle misure finalizzate alla dematerializzazione; - Implementazione nel sistema informativo comunale di software e sistemi open e valutazione circa il ricorso al cloud computing; - Ridotta gestione dell hardware, attraverso il riutilizzo di PC obsoleti per l utilizzo in ambiti meno performanti (ad es. postazioni assessori, postazioni temporanee per stagisti, postazioni di ricerca, o postazioni di navigazione per il pubblico); - Centralizzazione procedure di acquisto e fornitura dei beni informatici e relativi interventi manutentivi; - Centralizzazione procedure di acquisto e fornitura dei materiali di consumo e cancelleria, a cura del Servizio Economale dell Ente; - Dematerializzazione dei flussi in-out dei servizi Asilo Nido Comunale e Casa Residenza Anziani G. Bontà attraverso la realizzazione dei nuovi collegamenti in fibra ottica. Risultati attesi: standardizzazione dei costi non più comprimibili, revisione delle procedure in funzione di processi di dematerializzazione, ottimizzazione dei costi complessivi di gestione. Andamento storico della spesa: spesa in conto capitale: spesa manutenzione hw e sw: servizi informatici: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,30

7 2. Comma 594, Punto b), L.244/ Razionalizzazione dell utilizzo delle autovetture di servizio Quadro conoscitivo: data omologazi id. Marca modello CC HP targa alimentazione immatricolazione one km stato del veicolo Tipo veicolo utilizzo 1 FIAT PANDA 4X CE661ZY BENZINA 23/12/2002 Euro 3 vetusto per l'usura grigia* LLPP interventi 2 RENAULT KANGOO 1461 CJ490SX GASOLIO 01/10/ manutentivi autocarro LLPP ordinari 3 FIAT PUNTO CJ481RL BENZINA Euro buono grigia* MUNICIPIO 4 FIAT PANDA 4X DG550YP GASOLIO buono sicurezza PM 5 FIAT PUNTO 1242 BJ172TV BENZINA Necesita interventi sicurezza PM 6 FIAT SCUDO 1997 CV443PK GASOLIO buono sicurezza PM 7 PIAGGIO VESPA 150 AY04768 BENZINA Buono sicurezza PM 8 PIAGGIO VESPA 150 AY04769 BENZINA buono sicurezza PM 9 FIAT PANDA CITIVAN Autocarro 1108 BZ921ZC BENZINA 02/05/ buono stato trasporto alimenti 10 FIAT PANDA 4 X DM633VK BENZINA 30/01/2008 Euro ottimo stato grigia* 11 FIAT PUNTO BL896DN BENZINA 07/04/2000 Euro buono stato grigia* 12 FIAT PANDA CG158HC BENZINA 29/04/2003 Euro buono stato grigia* Servizi Sociali Servizi Sociali Servizi Sociali Servizi Sociali * classificazione ai sensi dell art. 5 del DPCM 3 agosto censimento delle autovetture di servizio - direttiva nr. 6/2011 del Dipartimento di Funzione Pubblica. A tal fine si precisa che l Ente non dispone né di auto blu blu (flotta di rappresentanza), né di auto blu (autovetture di servizio), ma solo di auto grigie. Altri mezzi di proprietà dell Ente: N MODELLO DATA IMMATRICOLAZIONE TIPO VEICOLO TARGA Km al 31/12/ FAI 66 BDT 35/B (escavatore) 14/06/1979 macchina operatrice semovente AB W 837 guasto 2 Fiat OM /03/1982 autocarro per trasposto di cose BO Fiat Iveco 35 (Daily) 19/10/1988 autoveicolo per uso speciale BO D SICOMM SRL 18 (rullo) 03/05/1993 macchina operatrice semovente a telaio articolato BO AF 030 guasto 5 Fiat Iveco (con gru) 18/03/1994 autocarro per trasporto di cose BO G FAI 90 S (escavatore) 04/07/1995 macchina operatrice semovente BO AF Ape Car Piaggio Diesel 13/02/1996 motocarro per trasporto di cose AA Nissan Vanette Pratic 16/11/1999 autocarro per trasporto di cose BG 930 HD Piaggio Porter 4x4 (ape) 27/04/2000 motocarro per trasporto di cose BK 307 YD Piaggio Porter 4x4 (ape) 27/04/2000 motocarro per trasporto di cose BK 306 YD

8 11 Piaggio Porter 4x4 (ape) 30/12/2001 motocarro per trasporto di cose BW 278 VD Piaggio Porter Big (ape) 03/03/2003 autocarro CF 474 KD Fiat Iveco SCAM SM55E3 10/10/2006 autocarro per trasporto di cose DC 553 XP Fiat Ducato M2 11/06/1997 pulmino attrezzato / autopromiscuo AG 304 BF Fiat Iveco 02/09/2008 scuolabus DS 643 FW misure realizzate - progetto di manutenzione automezzi, attraverso la pianificazione e realizzazione degli interventi manutentivi ordinari degli automezzi a cura di personale interno specializzato, con conseguente riduzione dei costi per manodopera specializzata. - Dismissione dei mezzi più vetusti ed usurati, con costi di esercizio elevati. - Non sono state fatte acquisizioni di autovetture di servizio negli ultimi anni. - Riutilizzo in comodato da parte dell impresa assegnataria del servizio di trasporto scolastico del pulimino attrezzato precedentemente in dotazione alla disciolta Istituzione Servizi Sociali del Comune di Vergato. - Reimpiego ad altre destinazione dei mezzi non più adeguati per determinati utilizzi, riconvertiti in ambiti dove sono richieste performance inferiori, o di tipo diverso (spostamenti ridotti, carico merce, trasporto materiali, etc ). - Approvvigionamento carburante centralizzato attraverso il ricorso all utilizzo di convenzioni quadro stipulate dalle centrali di acquisto a livello statale e regionale. - Integrazione delle misure per l utilizzo delle autovetture di servizio in funzione di quanto disposto dall art. 3 del richiamato DPCM. - Incentivo alla razionalizzazione dell utilizzo delle autovetture (ad es. utilizzo contemporaneo da parte di più dipendenti, razionalizzazione degli itinerari, etcc ). - Monitoraggio spesa complessiva per singolo automezzo. - Monitoraggio consumo carburante per singolo automezzo. misure previste 2012/ Conferma di tutte le misure già realizzate (in particolare il progetto di manutenzione automezzi a cura del personale dipendente); - Verifica per la redazione di un piano pluriennale di sostituzione/dismissione dei mezzi operativi non più funzionali a servizio dell U.O. Lavori Pubblici, previa verifica della congruenza dell operazione in termini costibenefici, a norma del comma 596 dell art. 2 legge 244/ Dismissione di nr. 02 motocicli in uso c/o Servizio di Polizia Municipale, poiché sottoutilizzati; - Verifica per la dismissione di un autovettora in dotazione alla Polizia Municipale (id. nr. 05 scheda supra) per gli elevati costi di esercizio riscontrati, previa verifica della congruenza dell operazione in termini costi-benefici, a norma del comma 596 dell art. 2 legge 244/ Elaborazione piano sostituzioni, attraverso l analisi dei seguenti profili: o monitoraggio spesa relativa all approvvigionamento di carburante; o monitoraggio km complessivi; o verifica tragitti ricorrenti; o verifica disponibilità punti di rifornimento sul territorio per alimentazione eco-compatibile, ad es. metano; o verifica necessità di adeguamento per rispetto delle normative in materia antinquinamento, valutazione circa la sostituzione dei mezzi più datati con mezzi ad alimentazione meno impattante (metano) e/o dotati delle nuove certificazioni Euro. o All atto della sostituzione degli automezzi si ritiene opportuno procedere all acquisizione di mezzi a minore impatto ambientalee a minore consumo. - Monitoraggio semestrale diario di bordo; - Si prevede comunque di non aumentare il parco delle autovetture; Risultati attesi: razionalizzazione dell utilizzo, ottimizzazione delle spese complessive di gestione e standardizzazione dei costi non più comprimibili. Andamento storico della spesa complessiva (per tutti i mezzi): , , , , ,44

9 3. Punto c) comma 594 Beni immobili: ad uso abitativo o di servizio Nell ambito del processo di razionalizzazione ed ottimizzazione delle risorse il Comune di Vergato ha provveduto ad una riorganizzazione dell area tecnica finalizzata alla valorizzazione di un nucleo omogeneo di attività, denominato appunto Patrimonio e finalizzato a garantire un utilizzo ottimale e ed una valorizzazione strategica del patrimonio immobiliare dell ente, definendo un quadro conoscitivo che consenta lo svolgimento di attività aggiuntive rispetto a quelle cui è destinato l immobile in via primaria e di pianificare la dismissione delle quote residue del patrimonio immobiliare ancora inutilizzate o insufficientemente utilizzate e la razionalizzazione delle sedi e degli uffici periferici, prevedendo, concentrando, e unificando i presidi sul territorio, qualificandone la logistica e riformandone il lay out alla luce dei nuovi standard internazionali e alle migliori prassi di organizzazione del lavoro. Allo stato attuale il processo di programmazione sconta l assenza di un Responsabile full time delle attività dell articolazione organizzativa (il posto è vacante ed è ricoperto ad interim dal Vice Segretario). Conseguentemente il processo di ricognizione dell inventario patrimoniale e di contabilità patrimoniale dell ente, risulta sommario e tuttora in fase di lenta definizione. Ad uso abitativo: Il Comune di Vergato dispone di nr. 92 alloggi di ERP. Tutto il patrimonio di ERP è assegnato in gestione ad ACER Bologna. Nell ambito della convenzione di gestione è prevista l attribuzione ad ACER del compito di provvedere all elaborazione di piani di manutenzione programmata. Nell ambito di tali interventi manutentivi si prevede di ampliare gli interventi sugli alloggi siti nel Capoluogo, per i quali vi sono maggiori richieste. Allo stato attuale sono in corso le procedure di verifica per il perfezionamento del Piano di alienazione ai sensi della L. 560/1993, a favore degli assegnatari che ne avevano fatto richiesta. Il Piano interessa nr. 7 alloggi ubicati nelle frazioni del Comune. Gli altri alloggi destinati ad uso abitativo presenti sul territorio sono i seguenti: - nr. 01 alloggio destinato ad un progetto assistenziale Appartamento protetto coordinato dai servizi Sanitari distrettuali dell AUSL; - nr. 01 alloggio sito in Cereglio, via f.lli Benassi (fabbricato ex Casa Cantoniera Provinciale) destinato a finalità socio-assistenziali; - nr. 10 mini-appartamenti siti in Via Casellina 9 Riola, originariamente in gestione alla disciolta Istituzione Servizi Sociali del Comune di Vergato, ed ora transitati nel patrimonio dell Ente, per finalità socioassistenziali. Si tratta di alloggi con specifiche destinazioni d uso e canoni specificatamente regolamentati, destinati a finalità sociali per emergenze abitative. Il fabbricato richiede attualmente ingenti interventi manutentivi, la cui copertura finanziaria è subordinata all alienazione di altra Palazzina e relativa area, sita nel medesimo contesto, sempre di proprietà comunale; - nr. 16 mini-appartamenti siti in Via Nazionale 89, Riola di Vergato, originariamente in gestione alla disciolta Istituzione Servizi Sociali del Comune di Vergato, ed ora transitati nel patrimonio dell Ente, per finalità socio-assistenziali. Si tratta di alloggi con specifiche destinazioni d uso e canoni specificatamente regolamentati, destinati a finalità sociali per emergenze abitative. Tutti gli alloggi di proprietà del Comune di Vergato sono, pertanto finalizzati a finalità di edilizia sociale, la cui gestione è specificatamente disciplinata da disposizioni normative o regolamentari. Il Comune di Vergato non dispone di alloggi ad uso abitativo concessi in locazione a canoni di mercato. Immobili di proprietà con destinazioni diversi dall uso abitativo: nr. 01 ambulatorio medico in frazione Cereglio (via F.lli Benassi 2 ex Casa Cantoniera Provinciale) affidato in comodato per l attività ambulatoriale di medicina di base; nr. 01 ambulatorio medico in frazione Tolè via Basabue 1/e affidato in comodato per l attività ambulatoriale di medicina di base; nr. 01 locale in frazione Tolè via Basabue 2 concesso in uso all Azienda Sanitaria Locale per l esercizi odi un Punto Prelievo; nr. 01 edificio in loc. Cà Dorello Tabina concesso in uso gratuito al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco adibito ad alloggio del personale del locale distaccamento; nr. 01 immobile sito in località Poggio di Cavacchio, Comune di Grizzana Morandi, affidato in locazione a diversi gestori di emittenze radio-televisive e di impianti di telefonia mobile; nr. 01 locale commerciale sito in Riola c/o Impianti sportivi, concesso in locazione a privati per l esercizio dell attività di somministrazione di alimenti e bevande; nr. 01 locale commerciale sito in Tolè, via Venola, c/o Impianti sportivi, concesso in locazione a privati per l esercizio dell attività di somministrazione di alimenti e bevande; nr 01 edificio adibito a Centro Sociale Polivalente, sito in Vergato, via Fornaci, concesso in gestione all Associazione Centro Sociale Ricreativo Culturale di Vergato autogestito dagli anziani, per la gestione di attività di promozione sociale; nr. 06 strutture sportive, impianti e relative pertinenze (campo da calcio e pista di atletica Capoluogo, impianti tennis Capoluogo, bocciodromo Capoluogo, impianti frazione Tolè, impianti frazione Riola, impianti Frazione Cereglio), affidate in gestione alle associazioni sportive locali per la promozione dell attività sportiva; nr. 01 capannone ubicato in località Serrini, concesso in uso alla locale Pro-Loco per le attività di preparazione del tradizionale Carnevale Vergatese;

COMUNE DI CAPRAIA ISOLA Provincia di Livorno

COMUNE DI CAPRAIA ISOLA Provincia di Livorno COMUNE DI CAPRAIA ISOLA Provincia di Livorno DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO N. 9 SEDUTA DEL 25/03/2011. C O P I A OGGETTO: Approvazione piano triennale 2011-2013 per razionalizzazione utilizzo

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE Allegato A) Piano Triennale 2011-2013 di razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali, anche informatiche, ex art. 2, commi 594 e seguenti della Legge Finanziaria 2008 (art. 2, commi 594,

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna

COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna Deliberazione n. 75 COPIA Cat._4_ Cl. _4_ Fasc. _1_ Prot. n._0010628_ del _29/04/2009 /Cg VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

Comune di San Giustino Provincia di Perugia -Segreteria Generale - Delibere-

Comune di San Giustino Provincia di Perugia -Segreteria Generale - Delibere- Comune di San Giustino Provincia di Perugia -Segreteria Generale - Delibere- COPIA CONFORME ALL ORIGINALE Deliberazione di GIUNTA COMUNALE Oggetto: Seduta del 10-04-2012 Numero - 39-- PIANO TRIENNALE DI

Dettagli

VISTO il D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267; VISTO lo Statuto Comunale; VISTO il vigente Regolamento di contabilità;

VISTO il D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267; VISTO lo Statuto Comunale; VISTO il vigente Regolamento di contabilità; LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: -la Legge 24.12.2007, n.244 (Legge Finanziaria 2008) prevede alcune rilevanti disposizioni dirette al contenimento e alla razionalizzazione delle spese di funzionamento

Dettagli

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA Provincia di VARESE

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA Provincia di VARESE INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE AL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO (Art. 2, commi 594/598 della legge 24/12/2007 n. 244) PIANO TRIENNALE 2011 2013 Vista la Legge 244/2007 (Finanziaria 2008)

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 9 in data: 27.03.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 29 in data: 06.06.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P.

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P. COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P. IVA 00675950364 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE N. generale 112 data

Dettagli

COMUNE DI SACCOLONGO 35030 - PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI SACCOLONGO 35030 - PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI SACCOLONGO 35030 - PROVINCIA DI PADOVA PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO TRIENNIO 2009/2011 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 127 DEL 11/11/2009 A) DOTAZIONI

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO Premessa La Legge n. 244 del 24.12.2007 (legge finanziaria 2008)all articolo 2, commi 594 e seguenti, prevede

Dettagli

COMUNE DI COPPARO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COPPARO Provincia di Ferrara PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DOTAZIONI STRUMENTALI, ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO O DI SERVIZIO TRIENNIO 2015 2017 Approvato con Delibera

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D'UFFICIO DELLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE Numero 49 del 25 Marzo 2010 San Martino in

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO COMUNE DI ORGIANO ALLEGATO PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO 2011 2012-2013 ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2010-2012 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE 2010-2012 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PIANO TRIENNALE 2010-2012 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Premessa La Legge n. 244 del 24.12.2007 (legge finanziaria 2008) all articolo 2, commi 594 e seguenti, prevede

Dettagli

CITTA di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTA di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTA di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO (art. 2, commi 594-599, Legge 24 dicembre 2007, n. 244)

Dettagli

COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO (art. 2, commi 594-599, Legge

Dettagli

COMUNE DI CASALNOCETO Provincia di Alessandria DELIBERAZIONE N. 33 *********** COPIA

COMUNE DI CASALNOCETO Provincia di Alessandria DELIBERAZIONE N. 33 *********** COPIA COMUNE DI CASALNOCETO Provincia di Alessandria DELIBERAZIONE N. 33 *********** COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE del giorno10 Dicembre 2008 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE 2010 2012 PER IL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE 2010 2012 PER IL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Allegato A) P.I. 00251860698 SERVIZIO TECNICO PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE 2010 2012 PER IL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PREMESSA Il presente piano si riferisce ai servizi tecnico-amministrativi.

Dettagli

Deliberazione della Giunta Provinciale. Registro Delibere di Giunta N. 361

Deliberazione della Giunta Provinciale. Registro Delibere di Giunta N. 361 REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone Deliberazione della Provinciale Registro Delibere di N. 361 OGGETTO: Approvazione piano di razionalizzazione di alcune spese di funzionamento ex art. 2 comma

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA Piazza Fra Giovanni da Pian di Carpine, 16 06063 Magione C.F./P.I.. 00349480541 - Tel. 075/847701 - Fax 075/8477041 AREA SEGRETERIA GENERALE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO Provincia di Monza e Brianza A LLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. N. 103 DEL 05.08.2008 PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTRE E DEI

Dettagli

Piano triennale di individuazione di misure di razionalizzazione dell utilizzo di dotazioni strumentali e autovetture Anni 2015-2017

Piano triennale di individuazione di misure di razionalizzazione dell utilizzo di dotazioni strumentali e autovetture Anni 2015-2017 Piano triennale di individuazione di misure di razionalizzazione dell utilizzo di dotazioni strumentali e autovetture Anni 2015-2017 La Legge Finanziaria 2008 ha stabilito per le Amministrazioni Pubbliche

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Premessa La Legge n. 244 del 24.12.2007 (legge finanziaria 2008) all articolo 2, commi 594 e seguenti, prevede

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale

Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI GEMMANO 47855 Provincia di Rimini Sede: Piazza Roma n. 1 Tel. (0541) 854060 854080 Fax (0541) 854012 Partita I.V.A. n. 01188110405 Codice Fiscale n. 82005670409 Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE * 2014/2016 (Art. 2, commi 594-598 L. 244/2007) RELAZIONE SULL'ESITO DELLE MISURE ADOTTATE NELL ANNO PRECEDENTE.

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE * 2014/2016 (Art. 2, commi 594-598 L. 244/2007) RELAZIONE SULL'ESITO DELLE MISURE ADOTTATE NELL ANNO PRECEDENTE. nb. ogni piano è redatto, per il primo anno del triennio, congiuntamente al report dell'anno precedente, i successivi 2 anni, redatti in forma testuale possono contenere elementi di razionalizzazione generali,

Dettagli

C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma)

C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma) C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma) PIANO TRIENNALE DI PREVISIONE 2014/2016 ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007 PREMESSA La Legge Finanziaria per il 2008

Dettagli

COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA

COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA COPIA Proposta n. 23900 Impegno n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 83 del 05/06/2013 Oggetto: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE 2013-2014

Dettagli

AGGIORNAMENTO anno 2010

AGGIORNAMENTO anno 2010 Allegato alla delibera di G.C. n. 117 del 21/12/2010 PIANO TRIENNALE 2009-2011 PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

Le dotazioni strumentali anche informatiche che corredano le stazioni di lavoro degli uffici sono di seguito riportate:

Le dotazioni strumentali anche informatiche che corredano le stazioni di lavoro degli uffici sono di seguito riportate: PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART. 2, COMMI 594 E SEGG. LEGGE 244/2007 (Legge Finanziaria 2008). Al fine del contenimento

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594 Approvato con delibera G.C. n. 101 del 26/10/2009 PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594 Premessa La legge n. 244 del 24.12.2007

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE Allegato A) Piano Triennale 2013-2015 di razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali, anche informatiche, ex art. 2, commi 594 e seguenti della Legge Finanziaria 2008 (art. 2, commi 594,

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA Piazza Fra Giovanni da Pian di Carpine, 16 06063 Magione C.F./P.I.. 00349480541 - Tel. 075/847701 - Fax 075/8477041 AREA SEGRETERIA GENERALE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Casa COMUNE di FRANCOLISE Tel. 0823/881330 - Fax 0823/877049 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 36 del Reg. OGGETTO: Approvazione Piano Triennale 2013/2015 di razionalizzazione e contenimento

Dettagli

(approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 101 in data 3 agosto 2010)

(approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 101 in data 3 agosto 2010) PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO - ANNI 2010-2012 (art. 2, commi 594-599, Legge 24 dicembre 2007, n.

Dettagli

Le dotazioni strumentali anche informatiche che corredano le stazioni di lavoro degli uffici sono di seguito riportate:

Le dotazioni strumentali anche informatiche che corredano le stazioni di lavoro degli uffici sono di seguito riportate: PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART. 2, COMMI 594 E SEGG. LEGGE 244/2007 (Legge Finanziaria 2008). ANNO 2012. AGGIORNAMENTO.

Dettagli

COMUNE DI BALLAO ALLEGATO ALLA DELIBERA G.C. N.11/06.04.2012

COMUNE DI BALLAO ALLEGATO ALLA DELIBERA G.C. N.11/06.04.2012 COMUNE DI BALLAO Piazza E. Lussu n.3 ~ 09040 Ballao (Cagliari) ~ 070/957319 ~ Fax 070/957187 C.F. n.80001950924 ~ P.IVA n.00540180924 ~ c/c p. n.16649097 ALLEGATO ALLA DELIBERA G.C. N.11/06.04.2012 PIANO

Dettagli

PUNTO 1 CRITERI DI GESTIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI DI TELEFONIA

PUNTO 1 CRITERI DI GESTIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI DI TELEFONIA Piano triennale di razionalizzazione delle spese di funzionamento di cui all art. 2, commi dal 594 al 599 della legge finanziaria 2008 (L. 244/2007) per il triennio 2011-2013. Premessa In un apparato amministrativo

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO

COMUNE DI RIO SALICETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA NR. 71 DEL 28/07/2009 Oggetto: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO AI SENSI DELL'ART. 2 COMMI 594 E SEGUENTI

Dettagli

PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA LEGGE N. 244/2007 - ART. 2 COMMI 594 E 595 - PIANO TRIENNALE 2008-2010

PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA LEGGE N. 244/2007 - ART. 2 COMMI 594 E 595 - PIANO TRIENNALE 2008-2010 LEGGE N. 244/2007 - ART. 2 COMMI 594 E 595 - PIANO TRIENNALE 2008-2010 PER L INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DI BENI MOBILI ED IMMOBILI FINALIZZATO AL CONTENIMENTO DELLE

Dettagli

a) DOTAZIONI STRUMENTALI

a) DOTAZIONI STRUMENTALI ' ()!"" #$$%$& La legge Finanziario 2008 (L. 244/2007) ha previsto alcuni adempimenti di verifica delle dotazioni strumentali degli enti pubblici fra cui anche i seguenti commi:594. Ai fini del contenimento

Dettagli

Comune di Mogliano Veneto PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA

Comune di Mogliano Veneto PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA Comune di Mogliano Veneto PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA Triennio 2012/2014 Piano triennale di razionalizzazione della spesa In ottemperanza al disposto dell art. 2, commi da 594 a 599,

Dettagli

COMUNE DI AGAZZANO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI AGAZZANO PROVINCIA DI PIACENZA PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DEI BENI E DELLE STRUTTURE COMUNALI 2010 2012 Art. 2 commi 594 e seguenti della Legge 244/2007 ( Legge Finanziaria 2008

Dettagli

COMUNE DI CALDERARA DI RENO

COMUNE DI CALDERARA DI RENO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CALDERARA DI RENO Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 09/05/2013Nr. Prot. 12748 PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 09/05/2013 PIANO

Dettagli

Comune di Gemmano (RN)

Comune di Gemmano (RN) Comune di Gemmano (RN) C.F.82005670409 P.IVA 01188110405 PIAZZA ROMA N. 1-47855 GEMMANO (RN) e-mail: info@comune.gemmano.rn.it URL: comune.gemmano.rn.it 0541 85.40.60 / 85.40.80 0541 85.40.12 Deliberazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Casalecchio di Reno Via dei Mille,9 40033 Casalecchio di Reno (BO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 34 del 03/05/2011 OGGETTO: PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PRIMALUNA Provincia di Lecco C.F. 00617330139

COMUNE DI PRIMALUNA Provincia di Lecco C.F. 00617330139 COMUNE DI PRIMALUNA Provincia di Lecco C.F. 00617330139 PIANO TRIENNALE 2010/2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 2, COMMI 594 E SEGUENTI DELLA LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

COMUNE DI S. MARCO D ALUNZIO PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI S. MARCO D ALUNZIO PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI S. MARCO D ALUNZIO PROVINCIA DI MESSINA PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE DI, DEI

Dettagli

COMUNE DI CALTABELLOTTA

COMUNE DI CALTABELLOTTA COMUNE DI CALTABELLOTTA Provincia di Agrigento *********** DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Num. 20 del Registro - Seduta del 17/03/2015 Oggetto: Piano di razionalizzazione delle spese di funzionamento

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2010/2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE

PIANO TRIENNALE 2010/2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE COMUNE DI POMPIANO PIANO TRIENNALE 2010/2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE Allegato D : RELAZIONE SULLE MISURE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE

Dettagli

ATTO DELLA GIUNTA Seduta del 23/08/2010 n. 000068

ATTO DELLA GIUNTA Seduta del 23/08/2010 n. 000068 ATTO DELLA GIUNTA Seduta del 23/08/2010 n. 000068 Oggetto: LEGGE 244/2007:PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE PER L'ACQUISTO DI BENI E SERVIZI NECESSARI AL FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE INTERNE. L'anno

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 18 del 4 marzo 2015

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 18 del 4 marzo 2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 18 del 4 marzo 2015 Oggetto : Piano triennale di razionalizzazione delle spese di funzionamento 2015-2017 L'anno duemilaquindici addì 4 del mese di marzo, alle ore

Dettagli

CITTA DI SAN PRISCO PROVINCIA DI CASERTA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE. N. 108 del 13/06/2011

CITTA DI SAN PRISCO PROVINCIA DI CASERTA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE. N. 108 del 13/06/2011 CITTA DI SAN PRISCO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 del 13/06/2011 Oggetto: PIANO TRIENNALE 2011 2013 DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO.

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2010 / 2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE

PIANO TRIENNALE 2010 / 2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE Comune di Carlino PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO PIANO TRIENNALE 2010 / 2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L'INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE (L. 244/2007 art. 2 comma 594)

PIANO TRIENNALE PER L'INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE (L. 244/2007 art. 2 comma 594) PIANO TRIENNALE PER L'INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE (L. 244/2007 art. 2 comma 594) approvato con deliberazione G.C. n. 54 del 2/4/2010 DOTAZIONI INFORMATICHE La

Dettagli

COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA Provincia di Brescia

COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del C.C. n. 5 del 30/03/2012 COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA Provincia di Brescia PIANO TRIENNALE 2012-2014 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI 1.

Dettagli

CITTA di GROTTAGLIE Provincia di Taranto DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 425 Anno 2010

CITTA di GROTTAGLIE Provincia di Taranto DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 425 Anno 2010 24/06/10 Di quanto innanzi è stato redatto il presente verbale, che, previa lettura e conferma, viene sottoscritto come segue: IL SINDACO IL SEGRETARIO GENERALE F.to Dr. Raffaele Bagnardi F.to Dr. Paola

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA PIANO PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI E DEI BENI IMMOBILI TRIENNIO 2014 2016 Art.

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA PIANO PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI E DEI BENI IMMOBILI TRIENNIO 2011 2013 Art.2

Dettagli

Comune di Premariacco Provincia di Udine

Comune di Premariacco Provincia di Udine Comune di Premariacco Provincia di Udine VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ANNO 2014 N 00042 del Reg. Delibere Copia conforme OGGETTO: RELAZIONE SULLE MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A. Cognome e Nome Carica Presente SINDACO DEGLI ESPOSTI GIULIANA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A. Cognome e Nome Carica Presente SINDACO DEGLI ESPOSTI GIULIANA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA Comunicata ai Capigruppo C O P I A il Nr. Prot. TASSA RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI. DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO

Dettagli

UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO Provincia di VICENZA

UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO Provincia di VICENZA UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO Provincia di VICENZA Verbale di deliberazione della Giunta dell Unione N. 22 Del 07/03/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE EX ART.

Dettagli

COMUNE di CURINGA Provincia di Catanzaro

COMUNE di CURINGA Provincia di Catanzaro COMUNE di CURINGA Provincia di Catanzaro VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE N. 49 del 24/04/2014 Oggetto : Piano di razionalizzazione dei costi di funzionamento. L anno DUEMILAQUATTORDICI,

Dettagli

COMUNE DI SACCOLONGO 35030 - PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI SACCOLONGO 35030 - PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI SACCOLONGO 35030 - PROVINCIA DI PADOVA PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO TRIENNIO 2012/2014 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 16/04/2012 A) DOTAZIONI

Dettagli

Deliberazione originale della Giunta Comunale

Deliberazione originale della Giunta Comunale Deliberazione originale della Giunta Comunale N. 80 del Reg. Data 27 giugno 2014 OGGETTO: piano razionalizzazione spese funzionamento L anno duemilaquattordici, il giorno ventisette del mese di giugno

Dettagli

COMUNE DI SAN CESARIO SUL PANARO Provincia di Modena

COMUNE DI SAN CESARIO SUL PANARO Provincia di Modena COMUNE DI SAN CESARIO SUL PANARO Provincia di Modena 41018 San Cesario sul Panaro (MO) Piazza Roma, 2 Tel 059/936711 fax 059/936706 C.F. e P.I. 00311560361 PIANO TRIENNALE 2013/2015 DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ALMESE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI ALMESE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI ALMESE PROVINCIA DI TORINO PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEGLI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO 2013-2015 (art. 2, commi 594-599,

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PER IL TRIENNIO 2012-2014 L.244/2007 ART.2 COMMI 594/598

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PER IL TRIENNIO 2012-2014 L.244/2007 ART.2 COMMI 594/598 Allegato A) alla deliberazione di G.C. n. 19 del 14/03/2012 PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PER IL TRIENNIO 2012-2014 L.244/2007 ART.2 COMMI 594/598 DOTAZIONI STRUMENTALI INFORMATICHE

Dettagli

Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali

Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali COMUNE DI MAGNAGO Piazza Italia, 1-20020 Magnago (MI) SERVIZIO FINANZIARIO Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali Autovetture, telefonia mobile, fotoriproduttori, fax e strumenti

Dettagli

Piano Triennale di Razionalizzazione. (art. 2, commi 594, 595, 596, 597, 598, delle Legge 244 del 24/12/2007)

Piano Triennale di Razionalizzazione. (art. 2, commi 594, 595, 596, 597, 598, delle Legge 244 del 24/12/2007) . Piano Triennale di Razionalizzazione (art. 2, commi 594, 595, 596, 597, 598, delle Legge 244 del 24/12/2007) 1 1. Dotazioni strumentali ed informatiche Dotazioni In uso In comodato a Di proprietà di

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO G.C. N. 103 DEL 05.08.2008 PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART. 2, COMMI 594 E SEGG. LEGGE 244/2007 (Legge Finanziaria

Dettagli

Dotazioni strumentali

Dotazioni strumentali Premessa Dotazioni strumentali L'unione ha realizzato il proprio sistema informativo centrale per la sede di Belgioioso dotandosi delle apparecchiate hardware necessarie: - Server Windows2008 con alimentatore

Dettagli

COMUNE DI ZEDDIANI PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I O N E DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 23

COMUNE DI ZEDDIANI PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I O N E DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 23 C o p i a COMUNE DI ZEDDIANI OGGETTO: PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I O N E DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 23 Approvazione piano triennale di razionalizzazione dell'utilizzo delle dotazioni

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE COMUNE DI MACERATA FELTRIA PU PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 42 DEL 27/08/2014 Ai sensi dell art. 2 comma

Dettagli

COMUNE DI COSTA VOLPINO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI COSTA VOLPINO PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI COSTA VOLPINO PROVINCIA DI BERGAMO AGGIORNAMENTO DEL PIANO TRIENNALE 2012-2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO

Dettagli

Città di Bassano del Grappa

Città di Bassano del Grappa PIANO TRIENNALE per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali Art 2 comma 594 e segg. L. 244/2007 Indice del documento 1. Premessa... 3 2.

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI 2010 2011-2012

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI 2010 2011-2012 ALLEGATO A PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI 2010 2011-2012 DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE ARTICOLO 2 COMMA 594 LETTERA A) LEGGE 24.12.2007

Dettagli

ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011

ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011 ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011 RELAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 1 COMMA 594 E SEGUENTI DELLA LEGGE 244/2007 (FINANZIARIA 2008)

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 1 COMMA 594 E SEGUENTI DELLA LEGGE 244/2007 (FINANZIARIA 2008) Approvato con delibera di Giunta Comunale nr. del PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 1 COMMA 594 E SEGUENTI DELLA LEGGE 244/2007 (FINANZIARIA 2008) I commi da

Dettagli

RICOGNIZIONE SPESE FUNZIONAMENTO STRUTTURE 2009 DI CUI AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE TRIENNIO 2008-2010

RICOGNIZIONE SPESE FUNZIONAMENTO STRUTTURE 2009 DI CUI AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE TRIENNIO 2008-2010 LE NORME RICOGNIZIONE SPESE FUNZIONAMENTO STRUTTURE 2009 DI CUI AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE TRIENNIO 2008-2010 La legge n. 244 del 24.12.2007 (finanziaria 2008), in particolare ai commi da 594 a 598

Dettagli

U.O. Sistema Informativo e Automazione. Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008)

U.O. Sistema Informativo e Automazione. Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008) COMUNE DI RAVENNA U.O. Sistema Informativo e Automazione Lett. a. Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008) La Legge Finanziaria 2008

Dettagli

COMUNE DI QUATTRO CASTELLA Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI QUATTRO CASTELLA Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI QUATTRO CASTELLA Provincia di Reggio Emilia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 114 Del 29-12-2008 ORIGINALE Oggetto: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE 2009/2011PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL'UTILIZZO

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL ALTO E MEDIO METAURO -Ambito 2A ex L.R.18/2008-

COMUNITA MONTANA DELL ALTO E MEDIO METAURO -Ambito 2A ex L.R.18/2008- ORIGINALE COMUNITA MONTANA DELL ALTO E MEDIO METAURO -Ambito 2A ex L.R.18/2008- DELIBERA DEL PRESIDENTE COMMISSARIO STRAORDINARIO Numero 23 Del 15-02-2010 GIUNTA Oggetto: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE 2010-2012

Dettagli

COMUNE DI LAS PLASSAS Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI LAS PLASSAS Provincia del Medio Campidano COMUNE DI LAS PLASSAS Provincia del Medio Campidano PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 44 DEL 12/05/2014 OGGETTO: Piano Triennale per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA SETTORE FINANZE PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA 2012 2014 finalizzato al contenimento delle spese di funzionamento ed alla razionalizzazione delle strutture organizzative

Dettagli

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI

COMUNE DI GOLFO ARANCI COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO UFFICIO FINANZIARIO RICOGNIZIONE PER IL PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 2, COMMI 594 E SEGUENTI DELLA LEGGE N. 244/2007 ( FINANZIARIA 2008 )

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 2, COMMI 594 E SEGUENTI DELLA LEGGE N. 244/2007 ( FINANZIARIA 2008 ) PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 2, COMMI 594 E SEGUENTI DELLA LEGGE N. 244/2007 ( FINANZIARIA 2008 ) Al fine del contenimento delle spese di funzionamento

Dettagli

Comune di Caorso Provincia di Piacenza * * *

Comune di Caorso Provincia di Piacenza * * * Allegato alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 97/2009 avente ad oggetto: Approvazione piano triennale di razionalizzazione delle spese di funzionamento ex art. 2 commi 594 e seguenti della legge 24.12.2007

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO COMUNE DI CASTROCARO TERME E TERRA DEL SOLE PROVINCIA DI FORLI' - CESENA PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO Art. 2 comma

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO COMUNITA MONTANA ALTAVALMARECCHIA ZONA A Piazza Bramante n. 11 61015 NOVAFELTRIA PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Dotazioni strumentali anche informatiche

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) www.comune.rosignano.livorno.it BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 ALLEGATO N. 15: Piano triennale 2015/2017 per la razionalizzazione dell utilizzo delle

Dettagli

RELAZIONE CONSUNTIVA ANNO 2011 RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO (Art. 2, comma 594-598 della L. n. 244/2007)

RELAZIONE CONSUNTIVA ANNO 2011 RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO (Art. 2, comma 594-598 della L. n. 244/2007) RELAZIONE CONSUNTIVA ANNO 2011 RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO (Art. 2, comma 594-598 della L. n. 244/2007) Premessa: La Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge Finanziaria) all articolo

Dettagli

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2011/2013 PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE

PIANO TRIENNALE 2011/2013 PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE PIANO TRIENNALE 2011/2013 PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE art. 2, commi 594 e seguenti della l. finanziaria 2008 I commi

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 2, COMMI 594 E SEGUENTI DELLA LEGGE N. 244/2007 ( FINANZIARIA 2008 )

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 2, COMMI 594 E SEGUENTI DELLA LEGGE N. 244/2007 ( FINANZIARIA 2008 ) PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 2, COMMI 594 E SEGUENTI DELLA LEGGE N. 244/2007 ( FINANZIARIA 2008 ) Al fine del contenimento delle spese di funzionamento

Dettagli

COMUNE DI PRIMALUNA Provincia di Lecco C.F. 00617330139

COMUNE DI PRIMALUNA Provincia di Lecco C.F. 00617330139 COMUNE DI PRIMALUNA Provincia di Lecco C.F. 00617330139 PIANO TRIENNALE 2013/2015 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 2, COMMI 594 E SEGUENTI DELLA LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera

COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera COPIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 87 Reg. del 09.09.2014 Oggetto: N. Prot. Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2014 Piano triennale di razionalizzazione

Dettagli

PIANO DI CONTENIMENTO DELLE SPESE ANNI 2012-2014

PIANO DI CONTENIMENTO DELLE SPESE ANNI 2012-2014 PIANO DI CONTENIMENTO DELLE SPESE ANNI 2012-2014 In ottemperanza a quanto disposto dalla legge 24/12/2007 n.244, art. 2 comma 594 e seguenti, tutte le Amministrazioni Pubbliche di cui all art. 1 c. 2 del

Dettagli