COME TROVARE IL DOMINIO DI UNA FUNZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COME TROVARE IL DOMINIO DI UNA FUNZIONE"

Transcript

1 COME TROVARE IL DOMINIO DI UNA FUNZIONE Ebook con spiegazioni, esempi, numerosi con risoluzione commentata Mariairene Guagnini

2 Prima edizione: gennaio 014 Sito web: Contatti: La presente opera è rilasciata secondo la licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale Non opere derivate 3.0 Italia License Per leggere una copia della licenza visitare il sito web

3 INDICE Schema generale condizioni di esistenza funzioni di variabile reale pag. 4 Come si trova il dominio di una funzione. Alcune indicazioni pag. 7 Esercizi di base pag 10 Risultati degli di base pag 11 Svolgimento degli di base pag 14 Esercizi pag 18 Risultati degli pag 0 Svolgimento degli pag 4

4 SCHEMA GENERALE CONDIZIONI DI ESISTENZA FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE indice funzioni polinomiale. Nessuna condizione esempi: x 3 4 x 8 ; y= 4 x 4 3 x+π ; f x = 3 x Esistono per ogni valore reale di x. funzioni razionali fratte. Condizione esistenza: denominatore 0 esempio : y= x 3 5 x. Condizione di esistenza: 5 x 0 x 5 radici di indice pari. Condizione esistenza: radicando 0 esempio : f x = x 3. Condizione di esistenza: x 3 0 x 3 radici di indice dispari. Nessuna condizione esempio : y= 5 x 3. Esiste per ogni valore reale di x. valore assoluto. Nessuna condizione esempio : y= 4 x. Esiste per ogni valore reale di x.

5 esponenziali a base costante maggiore di zero. Nessuna condizione esempio : y= x. Esiste per ogni valore reale di x. esponenziali a base variabile. Condizione esistenza: base > 0 esempio : y= x x 3 x. Condizione di esistenza: x 0 x logaritmi a base costante positiva e diversa da 1. Condizione esistenza: argomento > 0 esempio : f x =log 5 x 3. Condizione di esistenza: 5 x 3 0 x 3 5 logaritmi a base variabile. Condizioni di esistenza: argomento > 0 base > 0 base 1. esempio : y=log x x. Condizioni di esistenza: { x>0 x >0 x 1 { x>0 x> x 3 <x<3 x>3 seno, coseno. Nessuna condizione esempi : f (x)=sin( x+π) y=cos 3 x. Esistono per ogni valore reale di x. tangente (con argomento in radianti). Condizione di esistenza: argomento π +k π con k Z (cioè k=0,±1,±,...) esempio: tan ( x+ π 3 ). Condizione di esistenza: x+ π 3 π +k π x π 6 +k π x π 1 +k π k Z

6 cotangente (con argomento in radianti). Condizione di esistenza: argomento k π con k Z (cioè k =0,±1,±,...) esempio: cot( x+ π 4 ). Condizione di esistenza: x+ π 4 k π x π 4 +k π x π 8 +k π k Z arcoseno, arcocoseno. Condizioni di esistenza 1 argomento 1 cioè { argomento 1 argomento 1 esempio: arcsin 3 x Condizioni di esistenza { 3 x 1 3 x 1 { x 4 x { x 4 x x 4 arcotangente, arcocotangente. Nessuna condizione. esempio : y=arctan 3 x. Esiste per ogni valore reale di x.

7 COME SI TROVA IL DOMINIO DI UNA FUNZIONE ALCUNE INDICAZIONI indice Il dominio (campo di esistenza / insieme di definizione) di una funzione f (x) è l'insieme dei valori x per cui esiste la funzione. Generalmente si deve trovare il dominio di una funzione formata a partire da più funzioni base. Esempi: y=sin x+ln x (somma di due funzioni) y=ln(sin x) (composizione di due funzioni) Casi frequenti Funzione Dominio della funzione f (x)±g( x) Dominio f (x) Dominio g ( x) f (x) g (x) Dominio f (x) Dominio g( x) k f ( x) con k 0 Dominio f (x) f ( x) g (x) Dominio f (x) Dominio g( x) { x R: g(x) 0 }

8 Funzioni composte. Occorre analizzare la funzione come negli esempi seguenti. Esempio 1. y= ln x Lo schema di composizione è x logaritmo ln x radice ln x. x>0 esistenza logaritmo Le condizioni di esistenza sono { ln x 0 esistenza radice Esempio. y=ln (arcsin x) Lo schema di composizione è x arcoseno arcsin x logaritmo ln(arcsin x). 1 x 1 esistenza arcoseno Le condizioni di esistenza sono { arcsin x>0 esistenza logaritmo Consigli importanti. (1) Non modificare la funzione senza aver prima posto tutte le condizioni di esistenza. Esempio 3: il dominio della funzione f (x)=log(x )+log( x+3) è D=(;+ ). Se, prima di trovare il dominio, applico la prima proprietà dei logaritmi ottengo f ( x)=log[( x )( x+3)] e posso erroneamente pensare che il dominio sia D=( ; 3) (;+ ) () Scrivere prima, con cura, tutte le condizioni di esistenza e solo successivamente svolgere i calcoli relativi a tali condizioni.

9 Esempi Esempio 5. log 3 x x La funzione data è la somma di due funzioni: il logaritmo e la radice quadrata. NB. Attenzione agli =. 3 x>0 esistenza logaritmo { x 0 esistenza radice { x>0 x { x>0 x 0<x Esempio 6. f x = 3 x x 3 x La funzione data è il rapporto di una radice quadrata e di un polinomio { 3 x 0 esistenza radice x 3 x 0 esistenza frazione { x 3 x 0 x 3 x>3 Esempio 7. f x = 3 x x 5 La funzione data è la radice quadrata di una frazione. { 3 x x 5 0 esistenza radice x 5 0 esistenza frazione { 3 x<5 x 5 3 x<5 Osservazione sulla definizione di dominio Nella ricerca del dominio occorre fare attenzione al caso in cui la funzione ha delle limitazioni nella definizione. Esempio 8. E' data la funzione { f (x)=x 4 x 1 x<3. Il polinomio esiste sempre, ma ci sono le condizioni aggiuntive nella definizione della funzione. Quindi il dominio è D=[1;3 ).

10 ESERCIZI DI BASE indice Svolgere da ciascuno dei seguenti, controllando i risultati e gli svolgimenti proposti dal testo. 1) y= 3 x 4 risultato o 1 svolgimento o 1 ) y= x x risultato o svolgimento o 3) x x +3 risultato o 3 svolgimento o 3 4) y= 1 x risultato o 4 svolgimento o 4 5) y=sin 4 x risultato o 5 svolgimento o 5 6) sin x y= cos( x π risultato o 6 svolgimento o 6 4 ) 7) y=tan(x 4) risultato o 7 svolgimento o 7 8) y= sin x risultato o 8 svolgimento o 8 9) y= x x risultato o 9 svolgimento o 9 10) y=ln (x 3 x ) risultato o 10 svolgimento o 10 11) y=cot (π x) risultato o 11 svolgimento o 11 1) arccos( x 3) risultato o 1 svolgimento o 1

11 RISULTATI DEGLI ESERCIZI DI BASE indice Risultato o 1 La funzione y= 3 x 4 esiste per ogni valore di x R. D=R. svolgimento o 1 di base Risultato o La funzione y= x x esiste per 0 x. D=[0;]. svolgimento o di base Risultato o 3 La funzione x x 3 esiste per x> 3. D=( 3;+ ). svolgimento o 3 di base Risultato o 4 La funzione y= 1 x esiste per 3 x 1. D=[ 3;1]. svolgimento o 4 di base Risultato o 5 La funzione y=sin 4 x esiste per x 0. D=[0;+ ). svolgimento o 5 di base

12 Risultato o 6 La funzione sin x y= cos( x π 4 ) esiste per x 3 8 π+k π, k Z. R { 3 8 π+k π, k Z } svolgimento o 6 di base Risultato o 7 La funzione y=tan x 4 esiste per x 4+ π +k π, k Z. R { 4+ π +k π, k Z} svolgimento o 7 di base Risultato o 8 La funzione y= sin x esiste per ogni valore di x R. D=R. svolgimento o 8 di base Risultato o 9 La funzione y= x x esiste per 0 x x. D=[0;) ( ;+ ). svolgimento o 9 di base Risultato o 10 La funzione y=ln x 3 x esiste per x 0 x 3. D=( ;0) ( 3;+ ). svolgimento o 10 di base

13 Risultato o 11 La funzione y=cot (π x) esiste per x k, k Z. D=R Z svolgimento o 11 di base Risultato o 1 La funzione arccos x 3 esiste per x x. D=[ ; ] [ ; ]. svolgimento o 1 di base

14 SVOLGIMENTO DEGLI ESERCIZI DI BASE indice Svolgimento o 1 La funzione y= 3 x 4 è la radice cubica di un polinomio. Il polinomio non ha condizioni di esistenza; la radice cubica è di indice dispari e quindi non presenta condizioni di esistenza. Il dominio (campo di esistenza / insieme di definizione) è quindi formato da tutti i numeri reali. D=R. di base Svolgimento o Per la funzione y= x x dobbiamo prendere in esame l'esistenza delle due radici quadrate: { x 0 x 0 { x 0 x { x 0 x 0 x D=[0 ;]. di base Svolgimento o 3 Per la funzione x x 3 dobbiamo prendere i esame l'esistenza della radice quadrata e il fatto che il denominatore deve essere diverso da zero: { x+3 0 x+3 0 { x 3 x+3 0 { x 3 x 3 x 3 D=( 3;+ ). di base

15 Svolgimento o 4 Per la funzione { 1 x 0 1 x 0 y= 1 x dobbiamo considerare l'esistenza delle due radici quadrate: { x 1 1 x { x 1 1 x { x 1 1 x 4 { x 1 x 3 { x 1 x 3 3 x 1 D=[ 3;1]. di base Svolgimento o 5 Per la funzione y=sin 4 x l'unica condizione che dobbiamo considerare è quella dell'esistenza della radice (perché ha indice pari): x 0. D=[0;+ ). di base Svolgimento o 6 Per la funzione sin x y= cos( x π 4 ) l'unica condizione è quella del denominatore diverso da zero (seno e coseno esistono perché hanno come argomento un polinomio): cos( x π 4 ) 0 x π 4 π +k π, k Z x π 4 + π +k π, k Z x 3 π 4 +k π, k Z x 3 π 8 +k π, k Z R { 3 8 π+k π, k Z }. di base

16 Svolgimento o 7 Per la funzione y=tan x 4 dobbiamo prendere in esame l'esistenza della tangente: x 4 π +k π, k Z x 4+ π +k π, k Z R { 4+ π +k π, k Z}. di base Svolgimento o 8 Data la funzione y= sin x, sin x esiste per ogni x e il valore assoluto non richiede condizioni di esistenza la funzione in esame esiste per ogni x R. D=R. di base Svolgimento o 9 Per la funzione y= x x dobbiamo considerare le condizioni dell'esistenza della radice quadrata e e del denominatore diverso da zero: { x 0 x 0 { x 0 x 0 { x 0 x 0 x x D=[0 ;) ( ;+ ). di base Svolgimento o 10 Per la funzione y=ln x 3 x dobbiamo porre la condizione di esistenza de logaritmo: x 3 x 0 x 0 x 3 D=( ;0) ( 3;+ ). di base

17 Svolgimento o 11 Per la funzione y=cot (π x) dobbiamo porre la condizione di esistenza della cotangente: π x k π, k Z x k, k Z D=R Z. di base Svolgimento o 1 Per la funzione arccos x 3 dobbiamo porre la condizione di esistenza dell'arcocoseno: 1 x 3 1 { x 3 1 x 3 1 { x x 4 { x x x x x D=[ ; ] [ ;]. di base

18 ESERCIZI indice Svolgere da ciascuno dei seguenti, controllando i risultati e gli svolgimenti proposti dal testo. 13) y=arctan x3 x+3 x risultato o 13 svolgimento o 13 14) y= log 0.5 x log 0.5 x 1 risultato o 14 svolgimento o 14 15) y= x+3 x 1 risultato o 15 svolgimento o 15 16) y=( x) (1 x) risultato o 16 svolgimento o 16 17) y=log 3 x risultato o 17 svolgimento o 17 18) y=ln (e x e x +1) risultato o 18 svolgimento o 18 19) y=ln (ln( x)) risultato o 19 svolgimento o 19 0) y=ln x risultato o 0 svolgimento o 0 1) y=log x ( x ) risultato o 1 svolgimento o 1

19 ) y=log x x risultato o svolgimento o 3) y= tan x risultato o 3 svolgimento o 3 4) y= 4x 4 x x risultato o 4 svolgimento o 4 5) y= 4x x 4 x risultato o 5 svolgimento eso 5 6) y= ln x ln x 5 risultato o 6 svolgimento o 6 7) y= log 0.5 x log 0.5 x 5 risultato o 7 svolgimento o 7 8) y=arcsin(log 1 x) risultato o 8 svolgimento o 8 9) y=arcsin x arccos(1 x ) risultato o 9 svolgimento o 9 30) y=ln ( x+1 (x 1)) risultato o 30 svolgimento o 30 31) y= sin x sin x risultato o 31 svolgimento o 31 3) y= x sin x x cos x risultato o 3 svolgimento o 3

20 RISULTATI DEGLI ESERCIZI indice Risultato o 13 La funzione y=arctan x3 x+3 x esiste per x 0. D=R { 0}=( ;0) ( 0;+ ). svolgimento o 13 Risultato o 14 La funzione y= log 0.5 x log 0.5 x 1 svolgimento o 14 esiste per 0<x<0.5 x>0. D=(0 ;0.5 ) ( 0.5 ;+ ). Risultato o 15 La funzione y= x+3 x 1 svolgimento o 15 esiste 1 x <5 x>5. D=[1;5) ( 5;+ ). Risultato o 16 La funzione y=( x) (1 x) esiste per 0 x<. D=[0;). svolgimento o 16 Risultato o 17 La funzione y=log 3 x esiste per x 3. D=R { 3}=( ;3 ) ( 3 ;+ ). svolgimento o 17

21 Risultato o 18 La funzione y=ln (e x e x +1) esiste per x 0. D=R { 0}=( ;0) ( 0;+ ). svolgimento o 18 Risultato o 19 La funzione y=ln (ln( x)) esiste per x>1. D=( 1;+ ). svolgimento o 19 Risultato o 0 La funzione y=ln x esiste per x>0. D=(0;+ ). svolgimento o 0 Risultato o 1 La funzione y=log x ( x) esiste per 0<x<1 1<x<. D=(0;1) ( 1; ). svolgimento o 1 Risultato o La funzione y=log x x esiste per 0<x<1 1<x< x>. D=(0;1) ( 1; ) ( ;+ ). svolgimento o

22 Risultato o 3 La funzione y= tan x esiste per 0+k π x< π +k π, k Z. svolgimento o 3 Risultato o 4 La funzione y= 4x 4 x x esiste per x<0 0<x 1. D=( ;0 ) ( 0; 1 ]. Risultato o 5 La funzione y= 4x x 4 x esiste per x< 1. D=( ; 1 ). Risultato o 6 La funzione y= ln x 5 ln x 5 esiste per x 1 x e 5 5. D=[ 1;e ) ( e ;+ ). Risultato o 7 La funzione y= 5 5 log 0.5 x log 0.5 x 5 esiste per 0<x< <x D=(0;0.5 4 ) ( ;1].

23 Risultato o 8 La funzione y=arcsin(log 1 x) esiste per 1 x. D=[ 1 ; ]. Risultato o 9 La funzione y=arcsin x arccos(1 x ) esiste per 1 x 1. D=[ 1 ;1 ]. Risultato o 30 La funzione y=ln ( x+1 ( x 1)) esiste per 1 x<3. D=[ 1;3). Risultato o 31 La funzione y= sin x sin x esiste per x k π, k Z. R { k π, k Z} Risultato o 3 La funzione y= x sin x x cos x esiste per x ±α con α

24 SVOLGIMENTO DEGLI ESERCIZI indice Svolgimento o 13 La funzione y=arctan x3 x+3 x è composta nel seguente modo: x frazione x 3 x+3 x arcotangente arctan x3 x+3 x. L'arcotangente esiste sempre (se esiste l'argomento), quindi l'unica condizione è relativa all'esistenza della frazione: denominatore 0 x 0 x 0 D=R { 0}=( ;0) ( 0;+ ). Svolgimento o 14 La funzione y= log 0.5 x log 0.5 x 1 è costituita dal rapporto di due espressioni, in cui compare lo stesso logaritmo. Dobbiamo quindi considerare l'esistenza di questo logaritmo e porre il denominatore della frazione diverso da zero. { x>0 esistenza logaritmo log 0,5 x 1 0 denominatore 0 { x>0 log 0.5 x 1 { x>0 log 0.5 x log { x>0 x 0.5 0<x<0.5 x>0 D=(0;0.5) ( 0.5;+ ).

25 Svolgimento o 15 La funzione y= x+3 x 1 è costituita dal rapporto di due espressioni e nel denominatore compare una radice quadrata. { x 1 0 esistenza radice x 1 0 denominatore 0 { x 1 x 1 { x 1 x 1 4 { x 1 x 5 1 x <5 x>5 D=[1;5) ( 5;+ ). Svolgimento o 16 La funzione y=( x) (1 x) è un'esponenziale con base variabile. La base è un polinomio, l'esponente contiene una radice quadrata. x>0 cond. base esponenziale { x 0 esistenza radice { x< x 0 0 x< D=[0;). Svolgimento o 17 Lo schema di composizione della funzione y=log 3 x è: x polinomio valore assoluto 3 x 3 x logaritmo log 3 x. Polinomio e valore assoluto di polinomio non richiedono condizioni, quindi dobbiamo porre solo la condizione di esistenza del logaritmo: 3 x >0 3 x 0 x 3 D=R { 3}=( ;3) ( 3;+ ).

26 Svolgimento o 18 Data la funzione y=ln (e x e x +1), i due esponenziali esistono per ogni x, quindi dobbiamo porre solo la condizione di esistenza del logaritmo: e x e x +1>0 (e x 1) >0 e x 1 0 e x 1 e x e 0 x 0 D=R { 0}=( ;0) ( 0;+ ). Svolgimento o 19 Lo schema di composizione della funzione y=ln (ln( x)) è : x logaritmo ln x logaritmo ln(ln x). Dobbiamo porre le condizioni di esistenza dei due logartimi x>0 esistenza primo logaritmo { ln x>0 esistenza secondo logaritmo { x>0 ln x>ln 1 { x>0 x>1 x>1 D=(1;+ ). Svolgimento o 0 Lo schema di composizione della funzione y=ln x è: x logaritmo ln x quadrato (ln x). L'unica condizione che dobbiamo porre è quella relativa all'esistenza del logaritmo ( il quadrato esiste sempre se esiste la sua base): x>0 D=(0;+ ).

27 Svolgimento o 1 La funzione y=log x ( x) è un logaritmo, a base variabile, di un polinomio. x>0 x 1 cond. base logaritmo { x>0 cond. argomento logaritmo { x>0 x 1 x< D=(0;1) ( 1; ). 0<x<1 1<x< Svolgimento o La funzione y=log x x è un logaritmo a base variabile. { x>0 x 1 cond. base logaritmo x >0 cond. argomento logaritmo { x>0 x 1 x 0 0<x<1 1<x< x> D=(0;1) ( 1; ) ( ;+ ). x>0 x 1 { x Svolgimento o 3 Lo schema di composizione della funzione y= tan x è: x tangente radice quadrata tan x tan x. { x +k π, k Z esistenza tangente π tan x 0 cond. esistenza radice {x π +k π, k Z 0+k π x< π +k π, k Z 0+k π x< π +k π, k Z. D={ x k π x< π +k π, k Z} video tan(x)>=0

28 Svolgimento o 4 La funzione y= 4x 4 x x è il rapporto di due espressioni e il numeratore presenta una radice quadrata. Gli esponenziali presenti esistono per ogni x. { 4x 0 esistenza radice quadrata 4 x x 0 denominatore diverso da zero { 4 x 4 x x { x 1 x x { x 1 x x { x 1 x 0 x<0 0<x 1 D=( ;0) ( 0; 1 ]. Svolgimento eso 5 La funzione y= 4x x 4 x è il rapporto di due espressioni e il denominatore presenta una radice quadrata. Gli esponenziali presenti esistono per ogni x. { 4 x 0 esistenza radice quadrata 4 x 0 condizione denominatore { 4 x 0 4 x 0 4x >0 4 x < x < 1 x<1 x< 1 D=( ; 1 ).

29 { Svolgimento o 6 La funzione y= ln x ln x 5 è il rapporto di due espressioni, il denominatore presenta una radice quadrata e compare due volte ln x. { x>0 condizione esistenza logaritmo ln x 0 condizione esistenza radice ln x 5 0 condizione denominatore {x>0 ln x ln 1 ln x 5 {x>0 x 1 ln x 5 ln e {x>0 x 1 ln x ln e 5 {x>0 x 1 5 x e x 1 x e 5 5 D=[ 1;e ) ( e ;+ ). Svolgimento o 7 La funzione y= log 0.5 x log 0.5 x 5 è un rapporto e compare due volte log 0.5 x. {x>0 condizione esistenza logaritmo log 0.5 x 0 condizione esistenza radice log 0.5 x 5 0 condizione denominatore {x>0 log 0.5 x log log 0.5 x 5 {x>0 x 1 (base minore di 1) log 0.5 x 5 4 x>0 x 1 log 0.5 x 5 4 log {x>0 x 1 log 0.5 x log {x>0 x 1 x , <x< <x 1 D=(0 ;0.5 4 ) ( ;1 ].

30 Svolgimento o 8 Lo schema di composizione della funzione y=arcsin(log 1 x) è: x logaritmo log 1 x arcoseno arcsin(log 1 x). { x>0 esistenza logaritmo 1 log 1 x 1 condizione arcoseno {x>0 log 1 x 1 log 1 x 1 {x>0 log 1 log 1 x log 1 x log {x>0 log 1 x log 1 ( 1 1 ) x 1 {x>0 x ( 1 1 ) x 1 {x>0 x x 1 1 x D=[ 1 ; ]. Svolgimento o 9 E' data la funzione y=arcsin x arccos(1 x ). { 1 x 1 esistenza arcoseno 1 1 x 1 esistenza arcocoseno { 1 x 1 1 x 1 1 x 1 { 1 x 1 x x 0 { 1 x 1 x 1 x 0 { 1 x 1 1 x 1 x R 1 x 1 D=[ 1;1].

31 Svolgimento o 30 E' data la funzione y=ln ( x+1 (x 1)). { x+1 0 esistenza radice qu. x+1 (x 1)>0 esistenza logaritmo x 1 { x+1>x 1 (*) (*) x+1> x 1 { x 1<0 x+1 0 { x 1 0 x+1>( x 1) { x<1 x 1 x 1 { x+1>x +1 x 1 x<1 { x 1 x 3 x<0 1 x<3 1 x<1 { x 1 0<x<3 1 x<1 1 x<3 Riprendiamo il sistema iniziale { x 1 1 x<3 1 x<3 D=[ 1 ;3). Svolgimento o 31 La funzione y= sin x sin x è il rapporto di due espressioni. L'unica condizione che dobbiamo porre è la condizione del denominatore: sin x 0 x k π, k Z x k π, k Z. D=R { x=k π, k Z } Osservazione. Non è corretto il seguente procedimento: y= sin x sin x y= sin x sin x cos x y= 1 cos x x π +k π, k Z, perché non si può semplificare prima di porre le condizioni di esistenza.

32 Svolgimento o 3 La funzione y= x sin x x cos x è il rapporto di due espressioni. L'unica condizione che dobbiamo porre è la condizione del denominatore: x cos x 0 cos x x. Risolviamo l'equazione associata cos x=x con un metodo grafico: video metodo grafico { y=cos x y= x x=α, α Quindi la funzione esiste per x ±α con α

Anno 5 4. Funzioni reali: il dominio

Anno 5 4. Funzioni reali: il dominio Anno 5 4 Funzioni reali: il dominio 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire cos è una funzione reale di variabile reale e a ricercarne il dominio. Al termine di questa lezione sarai in grado

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue a.a. 203/204 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni continue Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti.

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti I Equazioni e disequazioni algebriche 3 Esercizi su equazioni e polinomi di secondo grado.............. 3 Esercizi sulle equazioni di grado superiore

Dettagli

DOMINIO di FUNZIONI. PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte.

DOMINIO di FUNZIONI. PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte. DOMINIO di FUNZIONI PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte. Tutorial di Barberis Paola - 2009 Definizioni: FUNZIONE e DOMINIO LA FUNZIONE

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari Anno 5 4 Funzioni reali elementari 1 Introduzione In questa lezione studieremo alcune funzioni molto comuni, dette per questo funzioni elementari. Al termine di questa lezione sarai in grado di definire

Dettagli

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16)

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16) Diario del corso di Analisi Matematica (a.a. 205/6) 4 settembre 205 ( ora) Presentazione del corso. 6 settembre 205 (2 ore) Numeri naturali, interi, razionali, reali. 2 non è razionale. Introduzione alle

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

Anno 3. Funzioni: dominio, codominio e campo di esistenza

Anno 3. Funzioni: dominio, codominio e campo di esistenza Anno 3 Funzioni: dominio, codominio e campo di esistenza 1 Introduzione In questa lezione parleremo delle funzioni. Ne daremo una definizione e impareremo a studiarne il dominio in relazione alle diverse

Dettagli

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali.

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Premessa Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire solamente i concetti

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = log a (x) si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = log a (x) si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y INTRODUZIONE Osserviamo, in primo luogo, che le funzioni logaritmiche sono della forma y = log a () con a costante positiva diversa da (il caso a = è banale per cui non sarà oggetto del nostro studio).

Dettagli

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi Dispense di Matematica Analisi Matematica Riccarda Rossi Corso di Laurea in Disegno Industriale Università degli Studi di Brescia Anno Accademico 2009/2010 2 Capitolo 1 Nozioni preliminari 4 Riccarda Rossi

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Corso Integrato: Matematica e Statistica. Corso di Matematica (6 CFU)

Corso Integrato: Matematica e Statistica. Corso di Matematica (6 CFU) Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso Integrato: Matematica e Statistica Modulo: Matematica (6 CFU) (4 CFU Lezioni +2 CFU Esercitazioni) Corso di Laurea in Tutela e Gestione del territorio

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B FUNZIONI Definizione 1 Dati due insiemi A e B, si chiama funzione da A a B una legge che ad ogni elemento di A associa un (solo) elemento di B. L insieme A si chiama dominio della funzione e l insieme

Dettagli

Registro dell'insegnamento

Registro dell'insegnamento Registro dell'insegnamento Anno accademico 2015/2016 Prof. MATTEO FOCARDI Settore inquadramento MAT/05 - ANALISI MATEMATICA REGISTRO Scuola Scienze della Salute Umana NON CHIUSO Dipartimento Matematica

Dettagli

Proprietà delle funzioni. M.Simonetta Bernabei, Horst Thaler

Proprietà delle funzioni. M.Simonetta Bernabei, Horst Thaler Proprietà delle funzioni M.Simonetta Bernabei, Horst Thaler Funzioni crescenti e decrescenti Una funzione f è crescente (non decrescente) in un intervallo I se f ( 1 ) < f ( ) (f ( 1 ) f ( )), quando 1

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

Funzioni trascendenti

Funzioni trascendenti Funzioni trascendenti Lucia Perissinotto I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave Beatrice Hitthaler I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave 17 novembre 007 Sommario Esponiamo la teoria fondamentale delle funzioni

Dettagli

Matematica per l Economia Sottoinsieme L-Z Dipartimento di Economia Universitá degli Studi di Bari 4) FUNZIONI ELEMENTARI.

Matematica per l Economia Sottoinsieme L-Z Dipartimento di Economia Universitá degli Studi di Bari 4) FUNZIONI ELEMENTARI. Matematica per l Economia Sottoinsieme L-Z Dipartimento di Economia Universitá degli Studi di Bari 4) FUNZIONI ELEMENTARI Giovanni Villani FUNZIONI ELEMENTARI Funzione potenza con esponente n N Si definisce

Dettagli

Funzioni. Parte prima. Daniele Serra

Funzioni. Parte prima. Daniele Serra Funzioni Parte prima Daniele Serra Nota: questi appunti non sostituiscono in alcun modo le lezioni del prof. Favilli, né alcun libro di testo. Sono piuttosto da intendersi a integrazione di entrambi. 1

Dettagli

DOMINIO di FUNZIONI PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere, fratte e scomposte.

DOMINIO di FUNZIONI PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere, fratte e scomposte. DOMINIO di FUNZIONI PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere, fratte e scomposte. Tutorial di Barberis Paola agg 2015 FUNZIONE e DOMINIO LA FUNZIONE

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

Vademecum studio funzione

Vademecum studio funzione Vademecum studio funzione Campo di Esistenza di una funzione o dominio: Studiare una funzione significa determinare gli elementi caratteristici che ci permettono di disegnarne il grafico, a partire dalla

Dettagli

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche . Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche Per le definizioni e teoremi si fa riferimento ad uno qualsiasi dei libri M.Bertsch - R.Dal Passo Lezioni di Analisi

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE Funzione: legge che ad ogni elemento di un insieme D (Dominio) tale che D R, fa corrispondere un elemento y R ( R = Codominio ). f : D R : f () = y ; La funzione f(): A

Dettagli

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Giulio Donato Broccoli Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Comprende: Metodi matematici fondamentali per affrontare i temi assegnati Esercizi interamente svolti

Dettagli

Proprietà delle funzioni. M.Simonetta Bernabei & Horst Thaler

Proprietà delle funzioni. M.Simonetta Bernabei & Horst Thaler Proprietà delle funzioni M.Simonetta Bernabei & Horst Thaler Funzioni crescenti e decrescenti Crescente Decrescente Crescente Estremi di una funzione f ( ) f ( c) per ogni in [a, b]. f ( ) f ( d) per ogni

Dettagli

x ( 3) + Inoltre (essendo il grado del numeratore maggiore del grado del denominatore, d ancora dallo studio del segno),

x ( 3) + Inoltre (essendo il grado del numeratore maggiore del grado del denominatore, d ancora dallo studio del segno), 6 - Grafici di funzioni Soluzioni Esercizio. Studiare il grafico della funzione f(x) = x x + 3. ) La funzione è definita per x 3. ) La funzione non è né pari, né dispari, né periodica. 3) La funzione è

Dettagli

Funzioni elementari. per ogni x R. 1 se n =0

Funzioni elementari. per ogni x R. 1 se n =0 Funzioni elementari 1 Funzioni elementari...pag. 1 1.1. Potenze ad esponente naturale...pag. 1 1.2. Potenze ad esponente intero negativo...pag. 2 1.3. Potenze ad esponente razionale positivo non intero...pag.

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Mauro Saita 1 Per commenti o segnalazioni di errori scrivere, per favore, a: maurosaita@tiscalinet.it Dicembre 2014 Indice 1 Qualè il grafico

Dettagli

Funzioni. iniettiva se x y = f (x) f (y) o, equivalentemente, f (x) = f (y) = x = y

Funzioni. iniettiva se x y = f (x) f (y) o, equivalentemente, f (x) = f (y) = x = y Funzioni. Dati due insiemi A e B (non necessariamente distinti) si chiama funzione da A a B una qualunque corrispondenza (formula, regola) che associa ad ogni elemento di A uno ed un solo elemento di B.

Dettagli

FUNZIONI GONIOMETRICHE INVERSE ed applicazione alla risoluzione di equazioni goniometriche ~~~~~~~~~~~~~

FUNZIONI GONIOMETRICHE INVERSE ed applicazione alla risoluzione di equazioni goniometriche ~~~~~~~~~~~~~ FUNZIONI GONIOMETRICHE INVERSE ed applicazione alla risoluzione di equazioni goniometriche ~~~~~~~~~~~~~. LE EQUAZIONI "sen = a" E "cos = a" È noto che, fissato un qualsiasi numero reale a compreso tra

Dettagli

Funzione Composta. Date due funzioni g : A B e f : B C si può definire la funzione composta: notazione funzionale y = f (g(x))

Funzione Composta. Date due funzioni g : A B e f : B C si può definire la funzione composta: notazione funzionale y = f (g(x)) Funzione Composta Date due funzioni g : A B e f : B C si può definire la funzione composta: f g : A C g() f (g()) notazione funzionale = f (g()) La composizione ha senso se il valore g() appartiene al

Dettagli

Le funzioni elementari. Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia... A.A. 2010-2011 - Analisi Matematica - Le funzioni elementari - p.

Le funzioni elementari. Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia... A.A. 2010-2011 - Analisi Matematica - Le funzioni elementari - p. Le funzioni elementari Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia... A.A. 200-20 - Analisi Matematica - Le funzioni elementari - p. /43 Funzioni lineari e affini Potenze ad esponente naturale Confronto

Dettagli

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI.Definizioni e insieme di definizione. Una funzione o applicazione f è una legge che ad ogni elemento di un insieme D ( dominio )fa corrispondere un

Dettagli

Michela Eleuteri ESERCIZIARIO DI ANALISI MATEMATICA I

Michela Eleuteri ESERCIZIARIO DI ANALISI MATEMATICA I Michela Eleuteri ESERCIZIARIO DI ANALISI MATEMATICA I Università degli Studi di Verona, Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica e Bioinformatica a.a. / A Giulia con la speranza che

Dettagli

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Esercizio 1 Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Utilizzando gli sviluppi fondamentali, calcolare gli sviluppi di McLaurin con resto di Peano delle funzioni seguenti fino all ordine n indicato: 1. fx ln1

Dettagli

Corso di Matematica per CTF Appello 15/12/2010

Corso di Matematica per CTF Appello 15/12/2010 Appello 15/12/2010 Svolgere i seguenti esercizi: 1) Calcolare entrambi i limiti: a) lim(1 x) 1 e x 1 ; x 0 x log 2 x b) lim x 1 1 cos(x 1). 2) Data la funzione: f(x) = x log x determinarne dominio, eventuali

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Capitolo 9 Esponenziali e logaritmi... Capitolo 0 Funzioni circolari 0. Descrizione di fenomeni periodici Tra le funzioni elementari ne esistono due atte a descrivere fenomeni che si ripetono periodicamente

Dettagli

FUNZIONI E INSIEMI DI DEFINIZIONE

FUNZIONI E INSIEMI DI DEFINIZIONE FUNZIONI E INSIEMI DI DEFINIZIONE In matematica, una funzione f da X in Y consiste in: ) un insieme X detto insieme di definizione I.d.D. (o dominio) di f 2) un insieme Y detto codominio di f 3) una legge

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

+... + a n. a 0 x n + a 1 x n 1. b 0 x m + b 1 x m 1. +... + b m 0. Funzioni reali di variabile reale. Definizione classica. Funzioni razionali

+... + a n. a 0 x n + a 1 x n 1. b 0 x m + b 1 x m 1. +... + b m 0. Funzioni reali di variabile reale. Definizione classica. Funzioni razionali Funzioni reali di variabile reale Una reale di variabile reale è una funzione nella quale il dominio d è un sottoinsieme di r e il condominio c è anch esso un sottoinsieme di r. F:r r Definizione classica.

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Esponenziali e logaritmi Corso di accompagnamento in matematica Lezione 4 Sommario 1 La funzione esponenziale Proprietà Grafico 2 La funzione logaritmo Grafico Proprietà 3 Equazioni / disequazioni esponenziali

Dettagli

Considerazioni preliminari sul dominio

Considerazioni preliminari sul dominio L'argomento di cui ci occupiamo in questa lezione è un must nello studio dell'analisi Matematica: vogliamo proporre una guida completa sul dominio di funzioni reali di variabile reale, e mostrare quali

Dettagli

x dove fx ( ) assume tali valori si dice punto di massimo o di

x dove fx ( ) assume tali valori si dice punto di massimo o di 7. Funzioni limitate ed illimitate, funzioni inverse Definizione: Una funzione f: A Bsi dice limitata superiormente od inferiormente se il suo condominio è un insieme limitato superiormente od inferiormente.

Dettagli

Funzioni continue. ) della funzione calcolata in x 0, ovvero:

Funzioni continue. ) della funzione calcolata in x 0, ovvero: Funzioni continue Dal punto di vista intuitivo dire che una funzione è continua in un intervallo è come dire che nel disegnare il suo grafico non stacchiamo mai la penna dal foglio. Scriviamo adesso la

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Istituto d Istruzione Superiore A Tilgher Ercolano (Na) Prof Amendola Alfonso Premessa Esponenziali e logaritmi Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento,

Dettagli

Proprietà delle funzioni. M.Simonetta Bernabei & Horst Thaler

Proprietà delle funzioni. M.Simonetta Bernabei & Horst Thaler Proprietà delle funzioni M.Simonetta Bernabei & Horst Thaler Funzioni crescenti e decrescenti Una funzione f è crescente in (a, b) se f ( 1 ) f ( ) quando 1

Dettagli

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2 CAPITOLO 2 Funzioni reali di variabile reale Nel capitolo precedente è stata introdotta la nozione generale di funzione f : A B, con A e B insiemi arbitrari. Nel presente capitolo si analizzeranno più

Dettagli

1 Formule trigonometriche

1 Formule trigonometriche Formule trigonometriche Relazione fondamentale cos x = sin x cosx = ± sin x cos x+sin x = sin x = x sinx = ± x Relazioni fra funzioni trigonometriche Si può esprimere la grandezza... cosx sinx tanx cotx

Dettagli

IL CONCETTO DI FUNZIONE

IL CONCETTO DI FUNZIONE IL CONCETTO DI FUNZIONE Il concetto di funzione è forse il concetto più importante per la matematica: infatti la matematica e' cercare le cause, le implicazioni, le conseguenze e l'utilità di una funzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA BANCARIA FINANZIARIA ED ASSICURATIVA (Classe 7) Corso di Matematica per l Economia (Prof. F. Eugeni) TEST DI INGRESSO Teramo, ottobre 00 SEZIONE

Dettagli

Prove d'esame a.a. 20082009

Prove d'esame a.a. 20082009 Prove d'esame aa 008009 Andrea Corli settembre 0 Sono qui raccolti i testi delle prove d'esame assegnati nell'aa 00809, relativi al Corso di Analisi Matematica I (trimestrale, 6 crediti), Laurea in Ingegneria

Dettagli

Funzioni e loro grafici

Funzioni e loro grafici Funzioni e loro grafici Dicesi funzione y=f(x) della variabile x una legge qualsiasi che faccia corrispondere ad ogni valore di x, scelto in un certo insieme, detto dominio, uno ed uno solo valore di y

Dettagli

Capitolo 5. Funzioni. Grafici.

Capitolo 5. Funzioni. Grafici. Capitolo 5 Funzioni. Grafici. Definizione: Una funzione f di una variabile reale,, è una corrispondenza che associa ad ogni numero reale appartenente ad un insieme D f R un unico numero reale, y R, denotato

Dettagli

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha:

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha: ESERCIZIO - Data la funzione f (x) = (log x) 6 7(log x) 5 + 2(log x) 4, si chiede di: a) calcolare il dominio di f ; ( punto) b) studiare la positività e le intersezioni con gli assi; (3 punti) c) stabilire

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

G3. Asintoti e continuità

G3. Asintoti e continuità G3 Asintoti e continuità Un asintoto è una retta a cui la funzione si avvicina sempre di più senza mai toccarla Non è la definizione formale, ma sicuramente serve per capire il concetto di asintoto Nei

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

Le funzioni reali di variabile reale

Le funzioni reali di variabile reale Prof. Michele Giugliano (Gennaio 2002) Le funzioni reali di variabile reale ) Complementi di teoria degli insiemi. A) Estremi di un insieme numerico X. Dato un insieme X R, si chiama maggiorante di X un

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA 2 LE FUNZIONI

UNITÀ DIDATTICA 2 LE FUNZIONI UNITÀ DIDATTICA LE FUNZIONI. Le funzioni Definizione. Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di R. Si chiama funzione di A in B una qualsiasi legge che fa corrispondere a ogni elemento A uno ed un solo

Dettagli

Continuità e derivabilità

Continuità e derivabilità Continuità e derivabilità Indicazioni operative Versione del 17 febbraio 2007 In questa nota propongo alcune indicazioni operative per controllare la continuità e derivabilità di funzioni elementari, o

Dettagli

PROGRAMMA DI MATEMATICA CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE. Classi prime: Operatore grafico

PROGRAMMA DI MATEMATICA CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE. Classi prime: Operatore grafico PROGRAMMA DI MATEMATICA CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE - classi accreditate alla formazione professionale regionale: Classi prime: Operatore grafico Modulo 1: I numeri con particolare riferimento alle

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

4. Funzioni elementari

4. Funzioni elementari ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

Scale Logaritmiche SCALA LOGARITMICA:

Scale Logaritmiche SCALA LOGARITMICA: Scale Logaritmiche SCALA LOGARITMICA: sull asse prescelto (ad es. asse x) si rappresenta il punto di ascissa 1 = 10 0 nella direzione positiva si rappresentano, a distanze uguali fra di loro, i punti di

Dettagli

Dipartimento di Scienze Biomediche, Sperimentali e Cliniche «Mario Serio»

Dipartimento di Scienze Biomediche, Sperimentali e Cliniche «Mario Serio» PRECORSO 2014 Problemi di Matematica Giovanni Romano Dipartimento di Scienze Biomediche, Sperimentali e Cliniche «Mario Serio» PRECORSO 2014: ciclo formativo di orientamento alle prove di ammissione ai

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Esercizio 1. Sia f(x) = sin x, g(x) = log x. La funzione g(f 2 (x)) è. A log(sin 2 x); B log sin x ; C log(sin x 2 ); D sin log x 2.

Esercizio 1. Sia f(x) = sin x, g(x) = log x. La funzione g(f 2 (x)) è. A log(sin 2 x); B log sin x ; C log(sin x 2 ); D sin log x 2. 1 Esercizio 1. Sia f(x) = sin x, g(x) = log x. La funzione g(f 2 (x)) è A log(sin 2 x); B log sin x ; C log(sin x 2 ); D sin log x 2. Esercizio 2. Sia f(x) = sin(log x ). Questa funzione è Esercizio 3.

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

FUNZIONI ESPONENZIALE E LOGARITMICA

FUNZIONI ESPONENZIALE E LOGARITMICA FUNZIONI ESPONENZIALE E LOGARITMICA Le potenze con esponente reale La potenza a x di un numero reale a è definita se a>0 per ogni x R se a=0 per tutti e soli i numeri reali positivi ( x R + ) se a

Dettagli

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R Studio di funzione Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R : allo scopo di determinarne le caratteristiche principali.

Dettagli

ATTIVITÀ DEL SINGOLO DOCENTE

ATTIVITÀ DEL SINGOLO DOCENTE PIANO DI LAVORO DOCENTE Carmela Calò MATERIA Matematica DESTINATARI 4Cl ANNO SCOLASTICO 2013-14 COMPETENZE CONCORDATE CON CONSIGLIO DI CLASSE Si veda la programmazione comune del CdC COMPETENZE CONCORDATE

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Trovare il dominio delle seguenti funzioni: sin2 x + cos 2 x. 3 sin x 3 cos x s sin 2 x cos

Trovare il dominio delle seguenti funzioni: sin2 x + cos 2 x. 3 sin x 3 cos x s sin 2 x cos Trovare il dominio delle seguenti funzioni: sin x + cos x sin x cos x s sin x cos x sin x cos x cos x cos x ln fln (x 4x 5) 4g r 4 x ln(x 4x 5) x log 1 (x 1) log 10 sin x 1 ln (x + 1) + e sin x sin x +

Dettagli

CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12. Disciplina : MATEMATICA. Docente Prof.ssa Paola Perego

CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12. Disciplina : MATEMATICA. Docente Prof.ssa Paola Perego CONVITTO NAZIONALE MARIA LUIGIA di Parma CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12 Disciplina : MATEMATICA Docente Prof.ssa Paola Perego COMPETENZE CONOSCENZE Funzione esponenziale e logaritmica

Dettagli

31/10/2012. Lo studio delle funzioni permette di interpretare la variazione di due grandezze, l una rispetto l altra, quando

31/10/2012. Lo studio delle funzioni permette di interpretare la variazione di due grandezze, l una rispetto l altra, quando FUNZIONI MATEMATICHE Introduzione Lo studio delle funzioni permette di interpretare la variazione di due grandezze, l una rispetto l altra, quando tra le due esiste un legame di tipo matematico. La teoria

Dettagli

2 Argomenti introduttivi e generali

2 Argomenti introduttivi e generali 1 Note Oltre agli esercizi di questa lista si consiglia di svolgere quelli segnalati o assegnati sul registro e genericamente quelli presentati dal libro come esercizio o come esempio sugli argomenti svolti

Dettagli

Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013

Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013 Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013 1. Determinare dominio, limiti significativi, intervalli di monotonia della funzione f (x) = (2x + 3) 2 e x/2 e tracciarne il grafico. In

Dettagli

Logaritmi ed esponenziali

Logaritmi ed esponenziali Logaritmi ed esponenziali definizioni, proprietà ITIS Feltrinelli anno scolastico 2007-2008 A cosa servono i logaritmi I logaritmi rendono possibile trasformare prodotti in somme, quozienti in differenze,

Dettagli

FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI ANALISI MATEMATICA I - A.A. 0/0 FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI ESERCIZIO. Data la funzione f () = determinare l insieme f (( +)). Svolgimento. Poiché f (( +)) = { dom f : f () ( +)} = { dom f : f () > } si

Dettagli

Alcune note sulle serie di potenze 1

Alcune note sulle serie di potenze 1 Alcune note sulle serie di potenze Contents G. Falqui Preliminari 2 Serie di potenze 3 3 Rappresentazione di funzioni mediante serie di potenze 7 3. Esempi notevoli........................... 9 3.2 Formula

Dettagli

Gli intervalli di R. (a, b R, a b)

Gli intervalli di R. (a, b R, a b) Deinizione (Funzione continua (A.Cauchy, 180)) Siano D R una unzione, D R, x 0 D. Si dice che è continua nel punto x 0 D, se per ogni ε > 0 esiste un δ > 0 per il quale è soddisatta questa condizione:

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

Liceo linguistico Trento Classi quarte vecchio ordinamento Studio di funzioni (prima parte) Visita il sito: www.raimondovaleri.it

Liceo linguistico Trento Classi quarte vecchio ordinamento Studio di funzioni (prima parte) Visita il sito: www.raimondovaleri.it Liceo linguistico Trento Classi quarte vecchio ordinamento Studio di funzioni (prima parte) Visita il sito: www.raimondovaleri.it Esempio 1 y= f (x)= x 1 x 2 9 a Dominio: D= R { 3,3} Il denominatore deve

Dettagli

Note di trigonometria

Note di trigonometria Note di trigonometria Daniel Gessuti indice Elementi di Trigonometria Seno, coseno e tangente Relazione fondamentale Secante, cosecante e cotangente 3 Le funzioni seno, coseno e tangente e le loro inverse

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Programma di Matematica Liceo Scientifico A. Romita Classe: 4G a.s.:2015 / 2016

Programma di Matematica Liceo Scientifico A. Romita Classe: 4G a.s.:2015 / 2016 Programma di Matematica Liceo Scientifico A. Romita Classe: 4G a.s.:2015 / 2016 Le funzioni goniometriche La misura degli angoli Gli angoli e la loro ampiezza La misura in gradi La misura i radianti Dai

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Lezioni A.A. 2003/2004, prof. G. Stefani primo semiperiodo 22/9/03-8/11/03 Testo consigliato: Robert A. Adams - Calcolo differenziale 1 - Casa

Dettagli