Con una conferenza stampa tenuta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Con una conferenza stampa tenuta"

Transcript

1 Anno V n. 54 Luglio 2011 Europe Direct Frosinone Piazza Gramsci, Frosinone tel /469 sito web: Questo mese in primo piano: Riformare il bilancio per cambiare l Europa La Commissione Ue vara proposta di bilancio pluriennale 2014/2020 Con una conferenza stampa tenuta nella tarda serata del 29 giugno 2011, la Commissione europea ha presentato la sua proposta sulle nuove prospettive economiche che influiranno sul bilancio finanziario europeo tra il 2014 e il Definita da Josè Manuel Barroso, presidente dell Esecutivo UE, e da Janusz Lewandowski, commissario al bilancio, ambiziosa ma realistica la proposta prevede un bilancio pari a miliardi di euro in impegni (pari all 1,05% del Pil europeo) e di 972,2 miliardi di euro in pagamenti (1% del Pil) nell arco dei sette anni. Si tratta di un piccolo budget ma con un grande impatto per i 500 milioni di cittadini europei, si legge nella nota diffusa da Bruxelles. Il presidente Barroso ha spiegato il carattere innovativo della proposta con il fatto che essa rompe definitivamente con la logica di distribuire fondi, legando ogni richiesta alle priorità del piano di crescita 2020, seguendo il principio della condizionalità positiva. Ovunque in Europa le famiglie si interrogano sulle loro priorità di spesa. I cittadini europei tendono ad investire in modo oculato pensando al proprio futuro e ciò significa fare tagli al consumo di alcuni beni di lusso. L Unione europea non si comporta diversamente. La proposta di bilancio della Commissione investe oggi nella crescita per il domani. I contribuenti riceveranno di più di quanto spendono ora. La Commissione intende proporre un bilancio veramente europeo: un bilancio per l integrazione, nell ambito del quale «ogni euro speso - ha sottolineato Barroso - sarà speso in modo efficiente». Ecco gli assi portanti della proposta dell esecutivo UE: STIMOLARE LA CRESCITA IN TUTTA L UNIONE Un ampia fetta del bilancio sarà utilizzata per creare occupazione e rilanciare l economia. Il nuovo meccanismo per collegare l Europa (Connecting Europe Facility) finanzierà le interconnessioni mancanti nel settore dell energia, dei trasporti e delle tecnologie dell informazione, accrescendo il valore paneuropeo dei progetti infrastrutturali. Con una copertura di 40 miliardi di euro, più 10 miliardi a titolo del Fondo di coesione, il Meccanismo consentirà un accesso migliore al mercato interno, I prossimi passi ponendo fine all isolamento di alcune isole economiche. Sono inoltre previsti nuovi e ingenti stanziamenti per l istruzione e la formazione professionale, così come per la ricerca e l innovazione, con l obiettivo di rilanciare la competitività dell Unione su scala mondiale. In particolare, in materia di istruzione e formazione, per porre fine alla frammentazione degli strumenti esistenti, viene proposto di creare un programma integrato per istruzione, formazione e giovani, di 15,2 miliardi di euro, chiaramente incentrato sullo sviluppo delle competenze e della mobilità. Investire nei giovani è considerato dalla Commissione europea uno dei modi migliori per rilanciare l economia. Sull altro fronte, l aumento notevole degli investimenti in ricerca e innovazione sarà incentrato sull attuazione di una strategia europea comune chiamata Orizzonte 2020, con uno stanziamento di 80 miliardi di euro. Vi convergeranno tutti i progetti in questo settore, onde porre fine alla frammentazione e fare in modo che i progetti finanziati dall Unione siano più complementari con l impegno nazionale, favorendone il coordinamento. Gli importi sostanziali destinati alla coesione economica, sociale e territoriale (376 miliardi di euro per l intero periodo) saranno più strettamente collegati agli obiettivi della strategia Europa I fondi per le regioni meno sviluppate saranno investiti per promuovere crescita e occupazione, con benefici che si estenderanno anche al resto dell Europa. È stata definita una nuova categoria di regioni che potranno beneficiare di tali fondi in una cosiddetta fascia intermedia : in Italia, si tratta di Abruzzo, Molise, Sardegna e Basilicata. UN AGRICOLTURA PIÙ VERDE E PIÙ MODERNA La sicurezza alimentare sarà al centro della nuova politica agricola comune (PAC), a cui la proposta destina una copertura di 418,4 miliardi di euro complessivi (un valore nominale, che non tiene conto dell inflazione e che corrisponde ad un valore reale di 371,72 miliardi di euro) continuando a riconoscere un importanza strategica a tale politica, nonostante i tagli effettuati rispetto al precedente periodo di programmazione ( ). Il 30% del sostegno diretto agli agricoltori sarà erogato a condizione che le aziende diventino più verdi, grazie all utilizzo di pratiche più ecocompatibili. La Commissione propone inoltre di rendere accessibile agli agricoltori il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione. Verranno peraltro ridotte le discrepanze tra Stati membri per quanto riguarda i pagamenti diretti. UN EUROPA PIÙ SICURA Creare un Europa più sicura significa migliorare l ambiente e proteggere il clima. La Commissione propone di includere questi due obiettivi in tutti gli ambiti di intervento e intende aumentare la percentuale di spesa per il clima ad almeno il 20%, avvalendosi dei contributi di diversi settori politici in base ai risultati dalle valutazioni d impatto. La Commissione propone inoltre di investire 4,1 miliardi di euro nella sicurezza europea, per la lotta alla criminalità e al terrorismo, e 3,4 miliardi di euro nelle politiche di migrazione e asilo, cruciali per la competitività e la coesione sociale dell Unione. Entrambi i fondi avranno una dimensione esterna che permetterà di collaborare con i paesi terzi. UN EUROPA PROTAGONISTA SULLA SCENA MONDIALE Il bilancio contribuirà anche a rafforzare il ruolo dell Unione sulla scena mondiale, con 70,2 miliardi di euro destinati alle relazioni esterne. Con il mutare delle alleanze e l emergere di nuove potenze, l Europa deve impegnarsi di più per far sentire la propria voce. D altra parte, i recenti accadimenti nei paesi del Mediterraneo meridionale hanno mostrato ancora un volta l impatto che le crisi nei paesi limitrofi possono avere sull Europa. Per la politica di vicinato è previsto uno stanziamento di 16 miliardi di euro al fine di promuovere la democrazia e la prosperità ai confini dell Unione. Allo stesso tempo si conferma l impegno dell UE ad assistere i più poveri del mondo: lo strumento per il finanziamento della cooperazione allo sviluppo (DCI) riceverà uno stanziamento di 20,6 miliardi per combattere la povertà e confermare l impegno a favore degli obiettivi di sviluppo del millennio. UN BILANCIO PIÙ EQUO E TRASPARENTE La Commissione propone di cambiare le modalità di finanziamento del bilancio pluriennale dell Unione attraverso l introduzione di nuove risorse proprie in aggiunta a quelle esistenti, come previsto dal trattato. Lo scopo non è aumentare il bilancio UE, ma dotarlo di basi più solide e diminuire i contributi basati sul reddito nazionale lordo degli Stati membri. Le nuove risorse proprie consistono in una nuova IVA modernizzata, che prende il posto dell attuale risorsa basata sull IVA (costituita da una percentuale dell IVA nazionale riscossa dagli Stati membri) e in un imposta sulle transazioni finanziarie. Quest ultima è anche detta Tobin tax, dal nome dell economista e premio nobel James Tobin che per primo propose, nell ormai lontano 1972, di tassare le operazioni speculative che avvengono sui mercati ed è tornata d attualità dopo lo scoppio della crisi finanziaria. AMMINISTRAZIONE Attualmente la spesa amministrativa rappresenta appena il 5,7% del bilancio totale dell Unione. La Commissione propone di non aumentare la spesa amministrativa per il prossimo esercizio finanziario. Parallelamente, partendo dalla riforma del personale del 2004 (che ha già consentito risparmi per 3 miliardi di euro e che consentirà di risparmiarne altri 5 entro il 2020), la Commissione propone di modificare ulteriormente lo statuto dei funzionari dell Unione europea. La proposta dell esecutivo dovrà essere formalizzata e presentata al Consiglio e al Parlamento europeo per l approvazione. Il completamento dell iter legislativo non si preannuncia, però, di facile attuazione. Il confronto tra il Parlamento europeo e la stessa Commissione sarà presumibilmente molto serrato, data la contrarietà del Parlamento a qualsiasi tipo di taglio alla PAC. Sul fronte dei governi dei 27 paesi membri, tra questi ce ne sono diversi, tra cui Gran Bretagna, Olanda, Germania, Danimarca e Svezia, che hanno definito il bilancio Ue per il proposto dalla Commissione europea «troppo elevato» ed «incompatibile» con le decisioni difficili di austerità prese ovunque in Europa. In alcuni casi, sono state espresse perplessità anche sull introduzione di una tassa sulle transazioni finanziarie e sulla modifica dell Iva europea proposte da Bruxelles per accrescere le risorse proprie. La Commissione Ue ha replicato alle critiche dichiarando che «il volume delle spese previsto è stabile rispetto a quello del L aumento del 5% rispetto al bilancio precedente è su sette anni, in termini reali, tenendo conto dell inflazione e pertanto non rappresenta un aumento, ma piuttosto una riduzione: e questo è un miracolo». Tra ottobre e novembre prossimi si dovrebbe giungere alla presentazione del pacchetto legislativo finale. Per approfondimenti: Sito web del quadro finanziario pluriennale: Il bilancio dell Unione europea: EuropeDirect Chi siamo EUROPE DIRECT FROSINONE è un centro di informazione e comunicazione europea la cui missione è quella di agire da intermediario tra l UE ed i cittadini a livello locale attraverso la diffusione delle politiche comunitarie nell ambito del territorio provinciale. Ospitato dall Amministrazione Provinciale di Frosinone, il relay appartiene ad una rete coordinata dalla Commissione europea, che conta 50 strutture in Italia, distribuite in maniera uniforme in tutte le regioni, e circa 500 nei 27 paesi dell Unione europea. La rete Europe Direct in Italia: La Newsletter Europamente è redatta mensilmente da Europe Direct Frosinone al fine di integrare l azione di informazione, consulenza ed orientamento svolta dal Centro, attraverso uno snello strumento che consenta ai propri utenti di essere agevolmente al passo con le ultime novità provenienti dall UE. Una panoramica sull attualità europea, in relazione ai diversi settori di intervento dell Unione, è fornita nella sezione Notizie flash dall UE, mentre la rubrica intitolata Orientamenti politici e legislazione presenta i contributi normativi ed i temi di riflessione in materia di politiche comunitarie elaborati nel corso degli ultimi trenta giorni da Istituzioni ed organi UE. La rubrica intitolata L angolo delle consultazioni contiene una selezione delle ultime consultazioni pubbliche lanciate dalla Commissione europea per conoscere l opinione di cittadini e gruppi interessati in fase di elaborazione di nuove strategie politiche e legislazione. La sezione Eventi ed iniziative completa la variegata gamma di informazioni offerte, mentre una selezione di bandi recentemente pubblicati dalle varie Direzioni Generali della Commissione europea, nell ambito dei Programmi comunitari in vigore nel periodo , è contenuta all interno di Europabandi, supplemento alla newsletter. La Newsletter è consultabile on-line, all indirizzo: ed è reperibile in versione cartacea presso i locali di Europe Direct Frosinone. SOMMARIO Questo mese in primo piano: Riformare il bilancio per cambiare l Europa Notizie flash dall Europa Orientamenti politici e legislazione L angolo delle consultazioni Eventi ed iniziative

2 Europamente Pag. 2 Affari istituzionali Dal 1 luglio 2011 la Polonia, dando il cambio all Ungheria, ha assunto ufficialmente la Presidenza di turno del Consiglio dell Unione europea, per la prima volta, da quando nel 2004 ha fatto il suo ingresso nell UE. La cerimonia solenne del passaggio di consegne tra Ungheria e Polonia è avvenuto con un incontro fra il premier ungherese Viktor Orban e quello polacco Donald Tusk, che ha ricevuto la simbolica bandiera dell Unione dal suo omologo, e con la visita resa al capo di stato polacco Bronislaw Komorowski da parte di Herman Van Rompuy, presidente permanente dell Ue (figura istituita con l entrata in vigore del trattato di Lisbona, un anno e mezzo fa). Secondo il capo del governo, Donald Tusk, il paese «assume la presidenza in un momento difficile», con in primo piano la crisi finanziaria della zona euro esplosa con i problemi della Grecia e con gli ultimi avvenimenti in Africa del nord e nel Medio Oriente, che costituiscono le nuove sfide alle quali bisogna dare risposta sostenendo le trasformazioni democratiche. La Polonia intende dare priorità, durante il suo semestre, alla difesa europea, alla sicurezza energetica e alimentare e alla prosecuzione dell allargamento dell Ue, anche verso est, considerato dal governo polacco una grande occasione per aumentare la sua influenza in Europa, per migliorare la propria immagine all estero e per consolidare il sentimento di adesione all Unione europea. Nella presentazione del suo programma Tusk ha enfatizzato molto la necessità di un maggiore coordinamento tra i paesi europei per rilanciare l economia e creare nuovi posti di lavoro ed, in particolare, la necessità di rafforzare il ruolo del mercato unico per agevolare la libera circolazione in Europa, compreso lo sviluppo di servizi digitali transfrontalieri e il commercio online. Per approfondimenti: Il sito web della presidenza polacca: Nonostante le raccomandazioni dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la maggior parte dei cittadini europei non mangia abbastanza frutta e verdura. L OMS ritiene che per una dieta bilanciata ne dovremmo mangiare almeno 400 grammi al giorno. Tutti i nutrizionisti, inoltre, sottolineano l importanza di mangiare una maggiore quantità di questi alimenti per restare in forma: sono sicuri e fanno bene alla nostra salute. Ne mangiamo ancora meno dopo la cosiddetta emergenza E. Coli di giugno. Da allora i consumi stanno riprendendo, ma non sono ancora tornati alla Passaggio di consegne ai vertici dell Ue: Polonia presidente di turno Vacanze più sicure in Europa con un numero di emergenza 112 più efficiente Che le vostre vacanze siano in spiaggia, montagna o città, se scegliete di trascorrere il periodo estivo in un altro paese, tenete in mente il numero d emergenza europeo 112. Il 112, istituito dal febbraio 2009, può essere chiamato da qualsiasi punto dei 27 paesi dell UE ed offre un servizio parallelo ai i numeri di emergenza nazionali, senza sostituirli. Naturalmente si può usare anche da casa, ma è molto utile sapere che se ci si trova all estero, in un altro Stato membro, e si ha bisogno di chiamare la polizia, un ambulanza, o segnalare un incidente stradale, non è necessario conoscere i numeri di emergenza nazionali perché il 112 è disponibile, anche se il cellulare non ha una carta SIM. La legislazione europea sulle telecomunicazioni, approvata lo scorso anno dal Parlamento, ha già migliorato l accessibilità del numero, considerando che chiamare il numero di emergenza 112, in moltissimi casi, può fare la differenza e salvare vite. Tuttavia, un sondaggio dell Eurobarometro pubblicato lo scorso febbraio, ha rivelato che solo il 26% dei cittadini europei arriva a riconoscere il 112 come numero di servizio di emergenza. Partendo da questa preoccupante constatazione, il Parlamento europeo ha appoggiato, lo scorso 5 luglio, durante la sessione Plenaria di Strasburgo, il rapporto di Sylvana Rapti (eurodeputatata greca del Gruppo parlamentare dei socialisti) sul "servizio universale e il numero di emergenza 112". L obiettivo, in un momento in cui le vacanze estive sono alle porte, è quello di creare un efficacie campagna di informazione e sensibilizzazione per accrescere la consapevolezza del potenziale di questo servizio, nonché chiedere un aumento della qualità, dell efficienza e La stabilità delle finanze pubbliche è considerata altrettanto importante. La Polonia verificherà il rispetto, da parte dei paesi europei, degli obiettivi concordati in materia di bilancio nel primo semestre dell anno. Nel corso della presidenza polacca i paesi europei avvieranno anche i negoziati sulle proposte riguardanti il bilancio dell UE per il periodo La Polonia invita i leader europei a concentrare i fondi dell UE sulla crescita, con investimenti in infrastrutture chiave e nella formazione. La Polonia è il terzo paese dall Europa dell Est ad assumere la presidenza del Consiglio dell Unione europea, dopo la Repubblica Ceca (primo semestre del 2009) e l Ungheria, che l ha immediatamente preceduta. La Polonia sarà anche il primo paese del nuovo trio alla presidenza, che comprende la Danimarca (secondo semestre 2011) e Cipro (primo semestre 2012). Vale la pena di ricordare, infatti, che l attuazione un programma comune alle presidenze UE che si succedono in un arco temporale di diciotto mesi è conforme alle disposizioni del Trattato di Lisbona, a norma del quale la presidenza di turno deve operare in stretta collaborazione con i Paesi destinati a succedere al precedente incaricato. Agricoltura e sviluppo rurale Il menù di questa estate: frutta, verdura e ancora verdura! Per saperne di più sulle politiche agricole dell UE: normalità, nonostante ora si abbia la certezza che cetrioli, pomodori, peperoni, zucchine, ecc. non hanno avuto niente a che fare con l emergenza. Dacian Ciolos, Commissario europeo per l agricoltura e lo sviluppo rurale, è intervenuto per ricordare come gli standard di sicurezza dell Unione europea siano ampiamente riconosciuti come i più elevati del mondo. Dal campo alla tavola, la sicurezza è controllata in ogni fase. Inoltre, grazie al know-how dei nostri produttori - sostenuto da forti politiche europee sugli alimenti e sull agricoltura - la qualità dei nostri cibi non è seconda a nessuno nel mondo. Grazie ad un fondo di emergenza di 210 milioni di Euro, la Commissione Ue, inoltre, si è attivata con estrema prontezza per aiutare i produttori a superare questo periodo difficile di crisi che li ha visti costretti, nelle ultime settimane, a gettare verdure perfettamente sane che non si riuscivano a vendere. Ma la soluzione reale è nelle mani dei consumatori, che devono tornare ad acquistare come prima e anche di più. «Dobbiamo proteggere il modello agricolo europeo ogni volta che una crisi lo minaccia. Dobbiamo inoltre promuoverlo con convinzione, sia come produttori sia come consumatori. Questa estate è la stagione ideale per mangiare più frutta e verdura». Questo l appello del commissario Ciolos a tutti i cittadini europei. Turismo dell accessibilità dello stesso, in particolare, per le categorie più vulnerabili e gli utenti disabili. Tra le altre cose, il testo approvato invita gli Stati membri a pubblicare informazioni sul numero di emergenza 112 in luoghi sensibili come le farmacie e gli studi medici, ma anche in scuole, università, aeroporti e stazioni. Si suggerisce, inoltre, l utilizzo di servizi di interpretariato per aiutare le persone che si trovano all estero e non parlano la lingua del paese da cui stanno chiamando. Per saperne di più: Link al testo approvato: Acque di balneazione in Europa, la qualità rimane alta La qualità delle acque di balneazione in Europa è leggermente diminuita tra il 2009 e il 2010, ma il livello complessivo è rimasto comunque elevato. Oltre 9 zone di balneazione su 10 rispondono attualmente ai requisiti minimi. Cipro, dove il 100% delle zone di balneazione rispetta valori guida rigorosi, ha ottenuto il risultato migliore, seguito da Croazia (97,3%), Malta (95,4%), Grecia (94,2%) e Irlanda (90,1%). Queste cifre sono tratte dal rapporto sulle acque di balneazione (Bathing Water Report) pubblicato ogni anno dall Agenzia europea dell ambiente (AEA) e dalla Commissione europea, nel quale viene messa a confronto la qualità delle acque di oltre zone di balneazione, sia costiere sia interne, in tutta l UE-27. Nel rapporto pubblicato il 16 giugno scorso, relativo alla stagione balneare 2010, la Commissione ha adottato anche nuovi segnali e simboli che saranno impiegati per informare il pubblico in merito alla classificazione delle acque e alle restri- Società dell informazione e media Èun quadro nel complesso allarmante quello tracciato da uno studio della Commissione europea sul rapporto tra social network e utenti minori. L indagine, svolta tra dicembre 2010 e gennaio 2011, ha coinvolto 14 tra i network più popolari in Europa (Arto, Bebo, Facebook, Giovani.it, Hyves, Myspace, Nasza-klaza.pl, Netlog, One.lt, Rate.ee, SchülerVZ, IRC Galleria, Tuenti e Zap.lu) mentre altri nove saranno valutati in una seconda fase. Solo due dei siti analizzati, Bebo e MySpace, sono configurati in maniera tale da impedire che i profili degli utenti minorenni siano accessibili all esterno della cerchia dei contatti da loro selezionati. Sono invece 4, Bebo, MySpace, Netlog e SchuelerVZ i siti che, per impostazione predefinita, prevedono che i minori possano essere contattati solo da amici. A preoccupare l UE è anche la possibilità, diffusa su quasi tutti i siti esaminati, di taggare le immagini, rendendo quindi più facilmente identificabili i singoli iscritti ed esponendo così Ambiente zioni alla balneazione. Analizzando i dati della passata stagione, chi ama nuotare potrà sapere in quali zone la qualità dell acqua sarà presumibilmente buona anche nel Janez Potocnik, Commissario responsabile per l Ambiente, ha dichiarato: «Sono lieto di constatare che la qualità delle acque di balneazione in Europa continua ad essere elevata, anche se si può ancora migliorare. L acqua pulita è una risorsa di valore inestimabile che non dobbiamo dare per scontata. Esorto gli Stati membri a fare in modo che il lieve calo dell ultimo anno si tramuti in tendenza positiva». Per maggiori informazioni: Rapporto per il Scheda relativa all Italia: UE: minori senza tutela sui social network i ragazzi ad ulteriori rischi, come l adescamento attraverso internet (il cosiddetto grooming) o il cyber-bullismo. Lo scenario, tuttavia, in parte migliora per quanto riguarda la chiusura all esterno dei social network, con 12 servizi su 14 che impediscono l indicizzazione dei profili degli utenti minori sui motori di ricerca, come Google o Yahoo. Infine, ad eccezione di Arto, tutti i portali forniscono informazioni di sicurezza, assistenza e/o materiale didattico concepito su misura per i minori. Nel quadro degli obiettivi dell agenda digitale europea, volti ad aumentare la fiducia nella rete, la Commissione ha avviato una revisione degli attuali accordi di autoregolamentazione in materia di tutela dei minori in linea. Questo l impegno formalmente assunto da Neelie Kroes, vicepresidente della Commissione europea, responsabile dell Agenda digitale, con l intento di fornire a bambini e ragazzi degli strumenti di sicurezza che consentano loro di gestire la propria identità online in modo responsabile. Per maggiori informazioni: I principi UE per un uso più sicuro dei siti di socializzazione online e la valutazione della loro effettiva applicazione: Programma Internet più sicuro : Sito internet dell agenda digitale:

3 Pag. 3 Mercato interno e servizi Conto corrente: un diritto per tutti i cittadini europei Nonostante la vita economica e sociale di una società moderna imponga a tutti l accesso ad un conto bancario, recenti studi indicano che all interno dell UE circa 30 milioni di consumatori oltre i 18 anni non dispongono di tale strumento. Si stima che, di questi, tra i 6 e i 7 milioni siano sprovvisti di un conto bancario perché ne è stata loro negata l apertura. A queste persone è attualmente preclusa la possibilità di partecipare appieno alla vita sociale e di beneficiare dei vantaggi offerti dal mercato unico. Il mancato accesso a un conto bancario può limitare, infatti, anche le più semplici pratiche quotidiane, come i pagamenti delle bollette, l accredito dello stipendio mensile o semplicemente l acquisto di beni. Di qui la Giro di vite dell UE su chi commette infrazioni all estero Sanzioni per i conducenti che commettono infrazioni al codice della strada all estero: è quanto prevede una misura votata dal Parlamento europeo durante la sua sessione del 6 luglio, dando il via libera alla nuova direttiva sull applicazione transfrontaliera delle norme in materia di sicurezza stradale, che era stata proposta in seguito ad accordo raggiunto dai Ministri dei trasporti UE riuniti a Bruxelles, in sede di Consiglio dell Unione europea, lo scorso 2 dicembre. Nel mirino figurano, in particolare, i quattro big killers che provocano il 75% delle vittime della strada: la velocità, il mancato rispetto dei semafori, il mancato uso delle cinture di sicurezza e la guida in stato di ebbrezza e, a seguire, la guida sotto l influenza di sostanze stupefacenti, il mancato uso del casco, l uso non consentito di una corsia di emergenza, l uso del telefono portatile durante la guida. Secondo i dati a disposizione dell UE, i conducenti stranieri rappresentano il 5% del traffico ma sono responsabili del 15% delle infrazioni di eccesso di velocità. Molte infrazioni, finora, sono rimaste impunite in quanto gli Stati non possedevano gli strumenti per perseguire i responsabili, una volta che questi fossero tornati nel loro paese. Le nuove norme, che mirano, appunto, a porre rimedio a questa situazione, permetteranno di istituire una rete elettronica per lo scambio Trasporti Per approfondimenti: raccomandazione della Commissione europea sull accessibilità a un conto di pagamento di base, definito dal commissario per il Mercato interno e i servizi, Michel Barnier, una delle priorità dell Atto per il mercato unico, la cui realizzazione servirà a promuovere l inclusione finanziaria e sociale per i consumatori di tutta Europa. Nella sua raccomandazione del 18 luglio, la Commissione invita, pertanto, gli Stati membri a garantire che i conti in oggetto siano resi accessibili ai consumatori a fronte di una spesa ragionevole, indipendentemente dal paese di residenza all interno dell UE o dalla situazione finanziaria. La raccomandazione in oggetto non determina una categoria specifica di prestatori di servizi di Società dell informazione Più concorrenza, più scelta e tariffe più basse per i servizi di roaming Il 6 luglio la Commissione europea ha presentato una proposta per trovare una soluzione a lungo termine ai costi ancora alti legati all uso dei telefoni cellulari e di altri dispositivi mobili quando si viaggia nell Unione europea (roaming). Il regolamento proposto, direttamente vincolante, introdurrebbe per la prima volta provvedimenti strutturali intesi a favorire la concorrenza: dal 1 luglio 2014, infatti, i clienti avrebbero la possibilità di firmare un contratto più conveniente per i servizi di roaming, separato dal contratto per i servizi di telefonia mobile nazionale, mantenendo però lo stesso numero. La proposta darebbe inoltre agli operatori mobili (compresi i cosiddetti operatori mobili virtuali, ossia quelli che non dispongono di una rete propria) il diritto di utilizzare le reti di altri operatori, in altri Stati membri, a prezzi all ingrosso regolamentati, incoraggiando così più operatori a competere sul mercato del roaming. Nell attesa che i provvedimenti strutturali diventino pienamente effettivi e che pagamento, né quali specifici prestatori dovrebbero mettere tale prodotto a disposizione dei consumatori a livello nazionale, lasciando a ciascuno Stato membro la facoltà di decidere quale o quali prestatori dovrebbero fornire il prodotto nel proprio territorio. La Commissione incoraggia gli Stati membri a lanciare campagne di sensibilizzazione dell opinione pubblica sull esistenza di tali conti di pagamento di base, sulle relative spese, le procedure da seguire al fine di esercitare il diritto di accesso agli stessi e le modalità di ricorso a meccanismi di reclamo e ricorso extragiudiziali. Tra un anno la situazione sarà riesaminata al fine di proporre eventuali ulteriori misure ritenute necessarie, compresi provvedimenti di carattere legislativo. Per maggiori informazioni sulle attività dell UE in materia: i prezzi al dettaglio scendano per effetto della concorrenza, la proposta prevede una diminuzione progressiva degli attuali massimali di prezzo al dettaglio per i servizi voce e SMS e introduce un nuovo massimale di prezzo al dettaglio per i servizi mobili di dati. Entro il 1 luglio 2014, quindi, i clienti di roaming pagheranno al massimo 24 centesimi al minuto per le chiamate effettuate, 10 centesimi al minuto per le chiamate ricevute, 10 centesimi per inviare un messaggio di testo e 50 centesimi al Megabyte (MB) per scaricare dati o navigare su Internet quando sono all estero (fatturati per kilobyte utilizzato). Per ulteriori informazioni: Sito internet dell Agenda per il digitale: dei dati necessari tra lo Stato nel quale è stata commessa l infrazione e quello dove il veicolo è stato immatricolato. Una volta individuato e rintracciato, il proprietario del veicolo riceverà una notifica di infrazione basata su un modello unico. Spetterà allo Stato membro dove è stata commessa l infrazione decidere quale seguito darvi. La direttiva non armonizza né la natura dell infrazione né le sanzioni previste, rispetto alle quali, pertanto, continueranno ad applicarsi le norme nazionali dello Stato membro dove è avvenuta l infrazione. La direttiva Ue dovrà ora essere adottata all unanimità dal Consiglio Ue. Seguirà un periodo di due anni durante il quale gli Stati membri dovranno provvedere a recepire la normativa UE prima della sua entrata in vigore, verosimilmente entro il 2013, con l eccezione di Irlanda, Regno Unito e Danimarca, che per il momento si sono chiamate fuori dal sistema. Le nuove norme rientrano nel più ampio Programma d azione sulla sicurezza stradale dell UE, che mira a ridurre della metà il numero dei morti provocati da incidenti stradali entro il Trasporti ed energia Trasporti con i paesi vicini. La Commissione lancia un nuovo piano d azione Un nuovo piano d azione per i trasporti con i paesi vicini, presentato da Siim Kallas, vicepresidente della Commissione UE, responsabile per i trasporti e da Stefan Füle, commissario per l allargamento e la politica di vicinato, è stato pubblicato l 8 luglio dalla Commissione europea al fine di rafforzare i collegamenti di trasporto con le regioni vicine ad est e a sud dell Unione europea. Questo nuovo piano di azione, basato sui risultati finora raggiunti, contiene più di 20 misure concrete dirette, nel breve e nel lungo termine, a rendere i collegamenti di trasporto più agevoli, sicuri e affidabili e contemporaneamente, riunisce la cooperazione regionale in materia di trasporti in un unica politica. Gli elementi fondamentali per collegare il sistema di trasporto dell Unione europea e i suoi vicini prevedono di: estendere il mercato interno dell aviazione dell Unione europea e il Cielo unico europeo alle regioni vicine; collegare la rete transeuropea dei trasporti con l infrastruttura dei paesi vicini dell Unione europea attraverso progetti prioritari di trasporto; migliorare lo sfruttamento del potenziale di trasporto merci aprendo i mercati e riducendo le barriere tecniche, quali le differenze di scartamento dei binari; razionalizzare l attuazione della cooperazione nell ambito del trasporto regionale istituendo un Gruppo di esperti per i trasporti nel partenariato orientale che coordini la cooperazione con i paesi limitrofi orientali; rendere più efficiente il trasporto marittimo con i paesi vicini, anche nel lungo termine, mediante la loro inclusione nella cintura blu della libera circolazione marittima in Europa e nei mari attorno all Europa; contribuire al miglioramento della sicurezza stradale nei paesi vicini. Il piano della Commissione sarà presentato al Consiglio e al Parlamento europeo. Nell ottobre 2011, durante una conferenza ministeriale organizzata dalla presidenza polacca dell UE (24 e 25 ottobre 2011 a Cracovia), verrà dato il via ai lavori del nuovo Gruppo di esperti per i trasporti nel partenariato orientale che supervisionerà l attuazione delle misure per l est. Per approfondimenti: Le consultazioni pubbliche della Commissione sono tra i principali strumenti attraverso i quali si attua la politica di trasparenza dell Unione europea. Spesso accompagnate da un Libro verde, vale a dire un documento atto a stimolare il dibattito su un determinato argomento, le consultazioni pubbliche sono rivolte a tutti i cittadini e alle organizzazioni che abbiano interesse nei confronti di specifici temi, oggetto delle future proposte legislative della Commissione, e che vogliano far sentire la propria voce all interno dei processi decisionali. Tutte le consultazioni aperte sono disponibili all interno del sito La vostra voce in Europa (http://ec.europa.eu/yourvoice/index_it.htm). Il sito dà accesso anche ad un altra un ampia gamma di strumenti di democrazia partecipativa messi a disposizione dalle Istituzioni UE: partecipazione a sondaggi d opinione o a dibattiti sull Unione europea e sul suo futuro (compresa la possibilità di discutere i problemi direttamente con i leader politici e scambiare opinioni con altri cittadini interessati agli stessi argomenti). Non appena concluse le consultazioni, i risultati saranno disponibili sul portale, cosicché gli utenti del sito, oltre a poter esprimere le proprie opinioni, avranno la possibilità di sapere quanto è stato detto dagli altri e di verificare in seguito come la Commissione avrà tenuto conto delle loro riflessioni quando saranno pubblicate nuove proposte. In questo numero di Europamente vi segnaliamo le seguenti consultazioni aperte: Consultazione sulla revisione degli orientamenti sul finanziamento pubblico delle reti a banda larga Settore di riferimento: Concorrenza. Il contesto - la Commissione europea ha l obbligo giuridico di revisionare la disciplina degli aiuti di Stato in materia di banda larga entro il settembre Le attuali linee guida, adottata nel settembre 2009 (cfr. IP/09/1332) forniscono un quadro globale per promuovere la diffusione della banda larga ad alta velocità in Europa. Tuttavia, la rapida evoluzione dei mercati e del progresso tecnologico richiede un costante aggiustamento delle norme. Obiettivo della consultazione: La Commissione intende raccogliere le opinioni delle parti interessate su temi rilevanti quali lo sviluppo di tecnologie a banda larga ad altissima velocità e su reti di nuova generazione, per capire, alla luce dei questionari raccolti, in che misura sono necessari dei cambiamenti. In questo caso la Commissione presenterà un nuovo progetto di orientamento nei primi mesi del Destinatari: Stati membri, enti locali e regionali, cittadini, operatori di comunicazione ed investitori di reti a banda larga. Scadenza: 31 agosto 2011 Il sito web della consultazione: Agenda digitale europea. Consultazione pubblica sul Cloud Computing Settore di riferimento: Società dell informazione. Il contesto - La Commissione europea intende presentare, nel 2012, una strategia europea sul cloud computing. Tale strategia sarà intesa a chiarire gli aspetti giuridici della diffusione del cloud computing in Europa, a favorire lo sviluppo di un settore e di un mercato del cloud computing competitivo e ad agevolare la diffusione di servizi innovativi basati su questa tecnologia presso cittadini e imprese. Obiettivo della consultazione: raccogliere i pareri delle parti interessate su come trarre i massimi vantaggi dal cloud computing. L indagine riguarda, tra le altre cose, i seguenti aspetti: questioni relative alla protezione dei dati e alla responsabilità, in particolare in contesti transfrontalieri; altre barriere giuridiche e tecniche che possono rallentare lo sviluppo del cloud computing in Europa; soluzioni relative alla standardizzazione e all interoperabilità; diffusione dei servizi basati su cloud computing, in particolare presso le PMI; modalità di promozione della ricerca e dell innovazione nel settore. I risultati della consultazione contribuiranno alla definizione della nuova strategia europea. Destinatari: cittadini, imprese, amministrazioni pubbliche e altre parti interessate, in particolare sviluppatori e utilizzatori. Scadenza: 31 agosto 2011 Il sito web della consultazione: Consultazione sulle norme pratiche per la notifica delle violazioni dei dati personali Settore di riferimento: Società dell informazione. Il contesto - La direttiva eprivacy rivista, entrata in vigore il 25 maggio 2011 nel quadro di un pacchetto di nuove regolamentazioni europee nel settore delle telecomunicazioni, stabilisce che gli operatori e i fornitori di servizi internet, nel caso di violazione dei dati personali in loro possesso, sono tenuti ad informare tempestivamente le autorità nazionali e i propri clienti. Obiettivo della consultazione: dal momento che l efficacia delle suddette misure dipende anche da un applicazione armonizzata in tutti gli Stati membri, la Commissione europea è interessata a conoscere l opinione di tutte le parti interessate sulla necessità di introdurre regole pratiche supplementari per garantire che le violazioni dei dati personali siano notificate in modo coerente in tutta l Unione. Dalle impressioni raccolte, l esecutivo potrebbe prendere spunto per proporre regole pratiche volte a chiarire in quali casi le violazioni devono essere notificate, quali sono le procedure da seguire e quali i formati da utilizzare. Destinatari: operatori Tlc, fornitori di servizi internet, Stati membri, autorità nazionali responsabili della protezione dei dati, organizzazioni di tutela dei consumatori e altre parti interessate. Scadenza: 9 settembre 2011 Il sito web della consultazione:

4 Europamente Pag. 4 Premio giornalistico Lorenzo Natali - edizione 2011 Il Parlamento europeo, nell ottica di voler facilitare ed agevolare i cittadini europei ad un maggiore ed intenso dialogo con i propri rappresentanti, ha lanciato due nuovi strumenti online: la prima versione mobile del suo sito web e una nuova funzione sulla sua pagina Facebook, che fornisce una serie completa di link ai social media e all attività online dei deputati europei. Europarl mobile - La prima versione mobile del sito del Parlamento europeo, progettata specificatamente per gli utenti di smartphone e dispositivi simili, permette un accesso più chiaro ai contenuti principali del sito centrale e di navigare in modo più semplice. Tali innovazioni sono rivolte in particolare a chi ha un interesse professionale per le attività parlamentari. Questo strumento potrà infatti facilitare i giornalisti che Le grandi storie possono cambiare il mondo. Con questa convinzione, la Commissione ha lanciato, il 13 giugno, l edizione 2011 del premio giornalistico Lorenzo Natali. L iniziativa, promossa in occasione della giornata mondiale della libertà di stampa, ricompensa i migliori lavori giornalistici di tutto il mondo e di tutti i settori del giornalismo sui temi dello sviluppo, della democrazia e dei diritti umani. Istituito nel 1992 dalla Commissione europea, il premio è assegnato in memoria di Lorenzo Natali, ex commissario europeo, che si adoperò per promuovere i programmi di aiuto e sviluppo dell Unione europea. Il premio è organizzato in partenariato con Reporter senza frontiere ed è aperto a tutti i giornalisti delle testate radiotelevisive, della carta stampata e delle testate on line con sede in Europa, Africa, Medio Oriente e desiderano ricevere in tempo reale gli ultimi aggiornamenti del servizio stampa o trovare rapidamente l ordine del giorno di una riunione. Il sito è disponibile all indirizzo: La nuova funzione sulla pagina Facebook - I deputati europei sono anche su Facebook (quasi il 70% contro il 60% dello scorso anno) e lo utilizza regolarmente per comunicare con i cittadini. La pagina Facebook del Parlamento europeo include ora un applicazione che consente agli utenti di individuare velocemente i profili Facebook dei parlamentari europei e la loro presenza su altre piattaforme online, tra cui Twitter, blog vari e il sito ufficiale del Parlamento europeo e, quindi, intergire più facilmente con i loro rappresentanti in Europa. mondo arabo, America Latina e Caraibi, nonché Asia e Pacifico. Per i giornalisti della carta stampata e delle testate online sono in palio euro (primo premio), euro (secondo premio) e euro (terzo premio). I vincitori fra i giornalisti televisivi e radiofonici riceveranno euro ciascuno. Al vincitore del Gran premio sarà assegnato un premio aggiuntivo di euro. I vincitori saranno annunciati in occasione di una cerimonia di premiazione che si terrà nel dicembre Per poter presentare la propria candidatura occorre che i lavori giornalistici siano stati pubblicati o trasmessi nel periodo compreso tra il 1 luglio 2010 e il 31 agosto 2011, termine ultimo per presentare la candidatura. Per maggiori informazioni: Concorso per la migliore vignetta sull UE: aperta la votazione online Lo scorso 11 luglio si sono chiusi i termini per partecipare al Concorso Premio per la migliore vignetta politica sull UE pubblicata nei media italiani, edizione 2011, bandito dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, in collaborazione con Presseurop e la rivista Internazionale, con l obiettivo di sensibilizzare i vignettisti sui temi riguardanti l UE e di stimolare l interesse dei cittadini europei e italiani sulla vita politica europea. A conclusione della prima fase di valutazione, 20 disegnatori con 20 vignette hanno superato il giudizio di ammissibilità della giuria. Ora tocca al pubblico: come prevede il regolamento del Concorso sarà infatti il parere degli internauti a contribuire per il 30% al giudizio finale. Tutti sono quindi invitati votare per le vignette sul sito di Internazionale: I vincitori del concorso saranno annunciati a Ferrara il 2 ottobre 2011, in occasione dell edizione 2011 del Festival Internazionale. Il primo classificato riceverà euro, il secondo e il terzo 900. L auspicio è che tale premio possa diventare un appuntamento annuale volto a promuovere la partecipazione al dibattito politico europeo anche attraverso un utile strumento quale l umorismo. L EUROPA SPINGE SULLA COMUNICAZIONE DIGITALE In più: Canale Europa - il nuovo strumento multimediale Ansa, realizzato grazie al contributo del Parlamento europeo, che pubblica quotidianamente tutte le principali informazioni su quanto accade a Bruxelles e Strasburgo. Al centro di questa operazione di monitoraggio che copre tutto il panorama Ue - dal Consiglio alla Commissione, dalla Corte di giustizia al Comitato delle Regioni - sono il Parlamento, i suoi componenti e le sue commissioni. Canale Europa, però, va oltre la pur fondamentale funzione informativa. Nella home page, insieme alle notizie di primo piano e alle altre news raccolte per argomenti, si trovano rubriche varie, forum, sondaggi, video e fotogallery per raccontare in diretta l Europa e per avvicinare sempre di più la gente alle istituzioni Ue. Canale Europa è consultabile sul web all'indirizzo: ANNO 2012 ANNO EUROPEO DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO E DELLA SOLIDARIETÀ TRA LE GENERAZIONI Il Parlamento europeo ha ufficialmente dichiarato il 2012 Anno Europeo dell Invecchiamento Attivo e della Solidarietà tra le Generazioni. La sfida per i responsabili politici e di tutte le parti interessate è migliorare le possibilità di invecchiare restando attivi e di condurre una vita autonoma, intervenendo in settori tanto diversi quanto il lavoro, l assistenza sanitaria, i servizi sociali, l istruzione per gli adulti, il volontariato, gli alloggi, i servizi informativi o i trasporti. L Anno europeo mira ad incoraggiare tutti i responsabili politici e i soggetti interessati a fissare degli obiettivi e realizzarli. Il 2012 vuole andare al di là dei dibattiti e produrre risultati concreti. Chiunque volesse proporre idee o suggerimenti per l Anno europeo, uno slogan, un immagine, una storia o un video clip che illustrino i vantaggi dell invecchiare rimanendo attivi o volesse segnalare un iniziativa o un evento interessanti, può farlo usando il modulo scaricabile all indirizzo: all interno del sito della DG Occupazione, Affari sociali & Inclusione della Commissione europea. Concorso Diritti a colori : disegna i tuoi diritti Prende il via la 10 edizione del Concorso Internazionale di disegno Diritti a Colori, organizzato dalla Fondazione Malagutti Onlus, con il Patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione europea. L iniziativa ha lo scopo di promuovere i diritti dei minori e onorare la Giornata Universale sui Diritti dell Infanzia, creando momenti di ascolto e confronto con il mondo dei bambini in cui la loro dignità e il loro modo di essere siano sempre rispettati. Questa edizione vuole ricordare i Diritti che contrastano il coinvolgimento dei minori nei conflitti armati (artt.38 e 39 della Convenzione sui Diritti dell infanzia). L iniziativa coinvolge i bambini dai 3 ai 14 anni, individualmente o con lavori di gruppo, e sarà estesa alle regioni italiane e agli stati esteri. Il concorso si concluderà domenica 20 novembre 2011, con l esposizione dei disegni, la festa della premiazione e lo spettacolo (ad ingresso libero). Le date di consegna dei disegni per l Italia, che variano a seconda della Regione, possono essere consultate all indirizzo: Tra tutti i partecipanti verrà effettuata un estrazione mensile di giochi o materiale didattico. Vincitori, premi ed eventi saranno pubblicati sul sito Per informazioni: Per scaricare il regolamento del concorso e la scheda di partecipazione: Al via #ITAGNOLES, il primo concorso europeo di Tweets sulla cittadinanza raccontata in breve del Parlamento europeo in Italia e l Ufficio del L ufficio Parlamento europeo in Spagna hanno lanciano #Itagnoles, un concorso europeo di Tweets per raccontare le storie degli spagnoli in Italia e degli italiani in Spagna. I più votati parteciperanno al primo libro del Parlamento europeo dedicato alla cittadinanza, un concetto contemplato dall articolo 8 del Trattato di Lisbona ( La cittadinanza dell Unione si aggiunge alla cittadinanza nazionale e non la sostituisce ). Il libro sarà una raccolta dei tweets selezionati, che saranno disegnati da un illustratore, e verrà presentato attraverso la pagina web I partecipanti avranno tempo fino a dicembre 2011 per creare un personaggio per #itagnoles, twittarlo in 140 caratteri o disegnarlo e postare l immagine sulla pagina Facebook di itagnoles creata dal Parlamento europeo. Non sono ammessi video o foto. La storia degli #itagnoles è lunga, la sfida è renderla breve. Perché si è trasferito in Italia/Spagna l itagnolo? Dove vive adesso? Con chi vive? Cosa gli piace dell Italia/della Spagna? Che lavoro fa? Che fa? Come parla? Come si veste? Come cammina? Si sente più italiano o più spagnolo? Gli manca la Spagna/l Italia? Vuole tornare nel suo paese o vuole restare? Che pensano di lui le persone che gli stanno intorno? Che dice il suo sguardo? Itagnoles sono gli spagnoli che vivono in Italia e che rispondono ogni giorno con la propria vita a queste domande. Itagnoles sono gli italiani che vivono in Spagna o quei cittadini che condividono la propria vita con gli spagnoli in Italia o con gli italiani in Spagna. Per informazioni contattare Iride Marossero oppure Roberta Quadrini Vota il tuo personaggio preferito sul blog: Fonti on line: Portale Europa - Sito ufficiale dell Unione europea (http://europa.eu/) Sito web Commissione europea (http://ec.europa.eu/index_it.htm) Sito web Commissione europea - Rappresentanza in Italia (http://ec.europa.eu/italia/index_it.htm) Sito web Parlamento europeo (http://www.europarl.europa.eu/) Sito web Ufficio di Informazione del Parlamento europeo per l Italia (http://www.europarl.it/) Europa Regioni - AICCRE (Associazione Italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d Europa) - Sito P.O.R.E. (Progetto Opportunità delle Regioni in Europa) -

5 Anno V n. 54 Luglio 2011 Europa Bandi Europe Direct Frosinone Piazza Gramsci, Frosinone tel /469 sito web: La rubrica Europabandi, concepita come supplemento alla newsletter mensile Europamente, contiene una selezione di bandi recentemente pubblicati dalle varie Direzioni Generali della Commissione all interno dei Programmi comunitari in vigore nel periodo L indicazione degli aspetti salienti degli specifici inviti a presentare proposte (obiettivi, azioni, dotazione finanziaria, categorie di soggetti legittimati a presentare proposte, modalità di presentazione delle candidature, scadenze) è completata dalla segnalazione dei riferimenti internet a cui accedere per il reperimento della modulistica. Lo staff di Europe Direct Frosinone è a disposizione dei propri utenti per informazioni sulle modalità di presentazione dei progetti comunitari ed assistenza nel reperimento dei bandi e della modulistica di interesse. Premessa I Programmi comunitari - Cosa sono Iprogrammi comunitari rappresentano lo strumento attraverso il quale vengono erogati i cd. fondi a gestione diretta, ossia quei finanziamenti inseriti nel bilancio dell UE e gestiti direttamente e centralmente dalla Commissione europea che effettua, senza ulteriori passaggi, il trasferimento dei fondi ai beneficiari. Tali programmi, concepiti per attuare le politiche comunitarie in varie aree tematiche attraverso la cooperazione tra soggetti di diversi Stati membri o di Stati terzi, sono generalmente di durata quinquennale e vengono adottati con delle Decisioni (del Consiglio o in co-decisione con il Parlamento europeo), che ne definiscono gli obiettivi, le tipologie di attività, le misure suscettibili di ricevere un finanziamento, i potenziali proponenti e le percentuali di cofinanziamento. La realizzazione dei programmi è attuata principalmente attraverso gli Inviti a presentare proposte, più comunemente detti bandi, pubblicati periodicamente sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea (GUUE), fonte ufficiale di documentazione disponibile in tutte le lingue dell Unione, e resi noti, altresì, attraverso i portali Web delle singole Direzioni Generali della Commissione Ue o delle Agenzie nazionali. La pubblicazione del bando/invito (Call for Proposal) rappresenta il momento concreto di apertura della possibilità di presentare una proposta progettuale. Principali caratteristiche: A seconda del tipo e della finalità del programma, i beneficiari (soggetti legittimati a presentare progetti) possono essere autorità pubbliche, ONG, centri di ricerca, associazioni di categoria, università, ecc. (solo raramente a persone fisiche). Viene in genere richiesto che i progetti presentino metodologie innovative e riproducibili anche in altri paesi europei. Quasi sempre i progetti devono essere presentati da consorzi composti da più partner di diversi paesi europei (requisito della transnazionalità). Si parla di cofinanziamento in quanto la sovvenzione comunitaria, salvo rare eccezioni nel campo degli aiuti allo sviluppo, copre solo una parte dei costi del progetto, in percentuale diversa a secondo della tipologia del programma. Essa, inoltre, non può essere concessa per spese già sostenute (divieto di retroattività). L amministrazione dei singoli Programmi è affidata dalla Commissione alle sue Direzioni Generali, direttamente responsabili di tutte le fasi, dalla progettazione all erogazione del cofinanziamento alla sua rendicontazione. Per alcuni programmi sono state istituite negli Stati membri le Agenzie Nazionali con la funzione di informare i cittadini, raccogliere le proposte di progetto redatte dagli operatori nazionali e trasmettere quelle selezionate a Bruxelles. CITTADINANZA Invito a presentare proposte 2010 pubblicato sulla GUUE C340 del 15 dicembre 2010 Programma di riferimento: Europa per i cittadini ( ) Obiettivi Azioni: Nell ottica di coinvolgere attivamente il pubblico nel processo di integrazione europea, il programma mira a promuovere la cooperazione fra i cittadini e le organizzazioni della società civile in vari paesi, favorendo la loro interazione e le loro attività in un contesto europeo che rispetti la loro diversità. Il presente invito riguarda le seguenti azioni del programma «Europa per i cittadini» (che vengono finanziate nell ambito di due tipi di sovvenzioni: sovvenzioni di progetto e sovvenzioni operative): Azione 1: Cittadini attivi per l Europa (Misura 1: Gemellaggio tra città ; Misura 2 «Progetti dei cittadini» e «Misure di sostegno»). Azione 2: Società civile attiva in Europa (Misure 1 e 2: Sostegno strutturale ai centri di ricerca sulle politiche europee e alle organizzazioni della società civile a livello di Unione europea - Misura 3: Sostegno a progetti promossi da organizzazioni della società civile). Candidati ammissibili: Il programma è aperto a tutti i promotori che risiedano in uno dei paesi partecipanti al programma e siano un ente pubblico o un organizzazione senza fini di lucro dotata di personalità giuridica. L ammissibilità delle organizzazioni che si candidano viene definita in maniera specifica, per ogni azione/misura/sottomisura, all interno della Guida al programma. Finanziamento: il finanziamento comunitario varia a seconda delle singole azioni. Prossima scadenza: 1 settembre 2011: Azione 1 Misura 1.1: Incontri fra cittadini nell ambito del gemellaggio tra città (sovvenzione di progetto). Questa misura comprende attività che prevedono o promuovono scambi diretti fra cittadini europei, per mezzo della partecipazione dei cittadini stessi ad attività di gemellaggio tra città. I progetti devono essere promossi da municipalità, organizzazioni senza scopo di lucro o comitati di gemellaggio rappresentanti gli enti locali; devono coinvolgere almeno 2 paesi partecipanti al Programma (di cui almeno uno sia membro dell Unione europea); almeno 2 municipalità devono essere collegate da accordi di gemellaggio o impegnate a stipularli. Del progetto devono far parte, come minimo, 25 partecipanti internazionali provenienti dalle municipalità invitate. La durata massima della manifestazione è di 21 giorni. Le sovvenzioni servono a cofinanziare i costi organizzativi sostenuti dalla città ospite e le spese di viaggio dei partecipanti invitati. Finanzamento: La sovvenzione, calcolata in base a tassi forfettari, prevede un importo massimo di Euro ; (non è previsto il pre-finanziamento). La sovvenzione minima erogata è di Euro Azione 1 Misura 1.2: Collegamento in rete telematico tra le città gemellate) (sovvenzione di progetto). Questa misura sostiene la formazione di reti istituite sulla base dei legami fra città gemellate. Le attività devono avere un gruppo di riferimento ben definito per il quale il tema scelto è particolarmente rilevante e devono coinvolgere i membri della comunità attivi nell ambito selezionato. I progetti devono fungere da punto di partenza per iniziative e azioni future tra le città coinvolte, sulle questioni trattate o eventualmente altre questioni di interesse comune. Un progetto deve prevedere almeno tre eventi, e devono prendervi parte municipalità di almeno quattro paesi partecipanti, di cui almeno uno sia uno Stato membro dell Unione europea. Del progetto devono far parte, come minimo, 30 partecipanti internazionali provenienti dalle municipalità invitate. La durata massima del progetto è di 24 mesi e la durata massima di ciascun evento è di 21 giorni. Finanzamento: L importo massimo ammissibile per un progetto che rientri in questa misura è di Euro L importo minimo ammissibile è di Euro Il calcolo della sovvenzione è basato su tassi forfettari. Sito web EACEA (Agenzia esecutiva Istruzione Audiovisi Cultura) sezione dedicata al bando: La guida al programma (it): IMPRESE E INDUSTRIA Bando ENT/CIP/11/C/N02C011 Supporting public procurement of innovative soutions: networking and financing procurement Programma di riferimento: Programma Quadro per la Competitività e l Innovazione - CIP ( ) Obiettivi: L obiettivo delle attività finanziate dal presente invito è quello di sostenere gli appalti pubblici per l acquisto di prodotti e servizi innovativi in settori strategici, come definito dalla comunicazione Unione dell innovazione, aumentando così la domanda di innovazione e valorizzazione dei servizi pubblici in relazione al miglioramento della qualità/efficienza dei servizi pubblici. Questo obiettivo deve essere realizzato attraverso la creazione di reti transnazionali di committenti pubblici finalizzate alla realizzazione concreta di appalti di innovazione. Azioni: Il bando è costituito da due filoni con finalità distinte: - Filone 1: sviluppare appalti pubblici di soluzioni innovative (fase di preparazione e fase di attuazione); - Filone 2: creare ed eseguire una piattaforma europea dedicata agli appalti pubblici come strumento di innovazione. Candidati ammissibili: Sono ritenute ammissibili le domande presentate da entità giuridiche stabilite in uno dei seguenti paesi: Stati membri UE; Islanda, Liechtenstein, Norvegia; altri paesi partecipanti al Programma CIP: Croazia, ex Repubblica iugoslava di Macedonia, Turchia, Serbia, Montenegro, Albania e Israele. Finanziamento: Il budget complessivo stanziato per il presente bando ammonta ad Euro , di cui Euro per le azioni del filone 1 ed Euro per le azioni del filone 2. Per il filone 1 sarà corrisposto il 95% dei costi totali ammissibili, per il filone 2, l 85%. Per quanto riguarda il filone 1, la Commissione intende finanziare da 6 a 10 progetti, mentre per quanto riguarda il filone 2, è previsto il finanziamento di un solo progetto. Scadenza: 27 settembre Programma di riferimento: Gioventù in azione ISTRUZIONE CULTURA Invito a presentare proposte EAC/57/10 Pubblicato sulla GUUE C333 del 10 dicembre 2010 Obiettivi: Gli obiettivi generali del programma sono promuovere la cittadinanza attiva dei giovani e sviluppare la solidarietà tra loro, favorire la comprensione reciproca tra giovani in paesi diversi, contribuire a sviluppare le possibilità di sostenere le attività dei giovani e la capacità degli organismi della società civile in campo giovanile, favorire la cooperazione europea nel settore della gioventù. Le priorità annuali per il 2011 sono: l anno europeo del volontariato, la disoccupazione giovanile, una crescita capace di integrare, sfide globali dell ambiente e mutamenti climatici, creatività e spiri-

6 to imprenditoriale, l anno della gioventù EU - Cina. Azioni: il presente invito a formulare proposte riguarda il sostegno alle azioni e alle sottoazioni sotto elencate: Azione 1 - Gioventù per l Europa - Sottoazione 1.1 Scambi di giovani (durata fino a 15 mesi); Sottoazione 1.2 Iniziative per la gioventù (durata da 3 a 18 mesi); Sottoazione 1.3 Progetti gioventù e democrazia (durata da 3 a 18 mesi). Azione 2 - Servizio europeo per il volontariato (tale azione sostiene la partecipazione dei giovani, individualmente o in gruppi, a varie forme di attività di volontariato, sia all interno sia all esterno dell Unione europea. (durata fino a 24 mesi). Azione 3 - Gioventù nel mondo - Sottoazione 3.1 Cooperazione con i paesi limitrofi dell Unione europea (durata fino a 15 mesi). Azione 4 - Strutture di sostegno per la gioventù - Sottoazione 4.1 Formazione e collegamenti tra coloro che operano nel campo dell animazione e delle organizzazioni giovanili (durata da 3 a 18 mesi). Azione 5 - Sostegno alla cooperazione europea nel settore della gioventù - Sottoazione 5.1 Incontri fra giovani e responsabili delle politiche giovanili (durata da 3 a 9 mesi). Candidati ammissibili: organizzazioni senza scopo di lucro o non governative; organismi pubblici locali e/o regionali; gruppi giovanili informali; enti attivi a livello europeo nel campo della gioventù; organizzazioni internazionali senza scopo di lucro; organizzazioni commerciali che organizzano una manifestazione nel campo della gioventù, dello sport o della cultura. Alcune azioni del programma si rivolgono tuttavia a un numero più limitato di promotori. La Guida al programma definisce specificatamente, per ogni azione/sottoazione, l ammissibilità dei candidati promotori. Finanziamento: L importo totale disponibile per il programma è di Euro Il finanziamento comunitario varia a seconda delle singole azioni e sottoazioni. Prossime scadenze: 1 settembre, 1 novembre 2011 (per i progetti da sottoporre all agenzia nazionale); 1 settembre 2011 (per i progetti da sottoporre all agenzia esecutiva). Le domande devono pervenire entro il termine che corrisponde alla data di inizio del progetto. Per conoscere i periodi entro i quali inizieranno i progetti ed i termini di presentazione delle domande è necessario consultare il par. VII - Termini di presentazione delle domande - della Gazzetta Ufficiale dell Unione europea Serie C 333//09 del 10/12/2010 e * Bando 2011: Nell ambito del Programma Gioventù in azione, è stato pubblicato, sulla GUUE C 165/7 del 07/06/2011, l invito a presentare proposte EACEA/17/11 relativo alla Sottosezione 4.3 (2011/C 165/09) - Strutture di sostegno per la gioventù. Migliorare la mobilità per la formazione degli operatori giovanili e il sostegno al lavoro nel settore giovanile per i giovani disoccupati. Il presente invito si prefigge di sostenere la mobilità e gli scambi tra gli operatori nel settore giovanile allo scopo di promuovere l acquisizione di nuove capacità e competenze in grado di arricchire il loro profilo professionale nel settore giovanile. Si intende agevolare, pertanto, la creazione di reti tra le strutture giovanili europee e contribuire a promuovere la priorità politica di sostenere, riconoscere e professionalizzare il lavoro nel settore giovanile quale strumento politico trasversale in Europa. Inoltre si contribuirà ad incoraggiare lo sviluppo di approcci o metodi innovativi con i quali gli operatori giovanili possano sostenere i giovani disoccupati nell acquisire le conoscenze, le competenze e la fiducia necessarie per entrare nel mercato del lavoro. Candidati ammissibili: ONG; organismi attivi a livello europeo (ENGO) nel settore della gioventù che abbiano organizzazioni affiliate in almeno 8 paesi aderenti al programma «Gioventù in azione»; enti pubblici regionali e locali. I progetti devono essere basati su uno stretto rapporto di collaborazione tra due partner di due diversi paesi aderenti al programma, di cui almeno uno di uno Stato membro dell Unione europea, che agiscano rispettivamente come organizzazione di invio, che provvede ad inviare operatori giovanili, da un lato, ed organizzazione ospitante degli stessi interessati, dall altro. Uno dei due partner assume il ruolo di organismo di coordinamento e si rivolge all Agenzia esecutiva per tutto il progetto a nome di entrambi. Finanziamento: L importo totale stanziato per il cofinanziamento dei progetti nell ambito del presente invito è stimato in Euro La sovvenzione massima sarà pari ad Euro Scadenza: 1 settembre ISTRUZIONE CULTURA Invito a presentare proposte EAC /49/ 10 Programma di riferimento: PROGRESS Obiettivi Azioni: L obiettivo generale del programma è contribuire, attraverso l apprendimento permanente, allo sviluppo della Comunità quale società avanzata basata sulla conoscenza, con uno sviluppo economico sostenibile, nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, garantendo nel contempo una valida tutela dell ambiente per le generazioni future. In particolare, l obiettivo è quello di promuovere all interno della Comunità gli scambi, la cooperazione e la mobilità tra i sistemi di istruzione e formazione in modo che essi diventino un punto di riferimento di qualità a livello mondiale. Il programma è suddiviso in 4 sottoprogrammi settoriali (Leonardo da Vinci, Erasmus, Comenius, Grundtvig), 1 programma trasversale e l azione Jean Monnet. Candidati ammissibili: Il programma di apprendimento permanente si applica a tutti i tipi e livelli di istruzione, di insegnamento e di formazione professionali ed è accessibile a tutte le entità elencate nell articolo 4 della decisione istitutiva del programma. Finanziamento e durata dei progetti: Il bilancio totale destinato al presente invito è stimato in 1065 milioni di euro. L entità delle sovvenzioni e la durata dei progetti variano a seconda di fattori quali il tipo di progetto e il numero di paesi partecipanti. Prossime scadenze: 16 settembre 2011 (Comenius, Grundtvig: Formazione permanente) 14 ottobre 2011 (Programma trasversale: attività chiave 1 Visite di studio) ISTRUZIONE CULTURA Invito a presentare proposte EAC/13/11 (2011/C 180/15) pubblicato sulla GUUE C 180/25 del 21/06/2011 Rete di politica europea per l implementazione delle competenze fondamentali nell istruzione scolastica Programma di riferimento: Programma di apprendimento permanente ( ) Obiettivi: L obiettivo generale di questo invito è stabilire una rete su scala europea delle organizzazioni pertinenti nei paesi che partecipano al programma per l apprendimento permanente. La rete ha l obiettivo di sviluppare consulenze strategiche per l implementazione della raccomandazione del 2006 relativa a competenze chiave per l apprendimento permanente nelle scuole. La rete dovrebbe affrontare le questioni sollevate dalla comunicazione del novembre 2009 «Competenze chiave per un mondo in trasformazione» e stimolare una cooperazione ad alto livello tra i decisori degli Stati membri responsabili degli ambiti fondamentali dello sviluppo scolastico. Azioni: Alcune delle attività da finanziare nell ambito della call sono: azioni finalizzate alla definizione e all ulteriore sviluppo della rete in questione; conferenze, seminari, incontri; attività di apprendimento tra pari, visite di studio; azioni di sensibilizzazione e diffusione di strumenti concreti per condividere e diffondere la conoscenza (siti web, depliant, prodotti video, libri, conferenze, seminari); studi, analisi, report. Candidati ammissibili: Questo invito a presentare proposte è aperto ai ministeri dell istruzione e ad altri enti pubblici, come quelli responsabili dei curricula, della formazione degli insegnanti, della docimologia e valutazione, i centri di ricerca e le università, le fondazioni e le associazioni aventi personalità giuridica e che dispongono di una sede legale in uno dei paesi che prendono parte al programma di apprendimento permanente. Finanziamento: Il bilancio totale destinato al cofinanziamento di questa rete ammonta ad Euro per il L assistenza finanziaria della Commissione non può superare il 75 % dei costi ammissibili totali. Scadenza: 30 settembre OCCUPAZIONE, AFFARI SOCIALI E INCLUSIONE Invito a presentare proposte VP/2011/00 Ristrutturazioni industriali, benessere sul luogo di lavoro e partecipazione finanziaria. Programma di riferimento: PROGRESS Obiettivi: 1. Miglioramento delle competenze in materia di ristrutturazione industriale. 2. Maggiore comprensione in tema di benessere e salute sul luogo di lavoro durante il cambiamento. 3. Promozione della partecipazione finanziaria dei lavoratori. Attività: 1. Miglioramento delle competenze in materia di ristrutturazione industriale. Alcune Azioni: promuovere lo scambio di informazioni ed esperienze, e lo sviluppo delle capacità di coloro che sono attivamente coinvolti nella ristrutturazione e promuovere lo sviluppo di buone pratiche in Europa; incoraggiare le azioni condotte attraverso partnership con le imprese interne ed esterne e promuovere o facilitare la creazione di tali partenariati; sostenere la creazione di un quadro europeo per anticipare e gestire il cambiamento e la ristrutturazione. 2. Maggiore comprensione in tema di benessere e salute sul luogo di lavoro durante il cambiamento. Alcune Azioni: promuovere una migliore conoscenza dei fattori di stress e della resistenza ai cambiamenti nella ristrutturazione industriale; incoraggiare le iniziative per prevenire le conseguenze negative del cambiamento in termini di salute o rischi psicosociali; 3. Promozione della partecipazione finanziaria dei lavoratori. Alcune Azioni: riunioni, seminari e conferenze; azioni di formazione. Candidati ammissibili: persone giuridiche regolarmente costituite e registrate in un solo paese partecipanti al programma PRO- GRESS. Ai sensi dell art. 114 del Regolamento finanziario, le organizzazioni delle parti sociali che sono prive di personalità giuridica, sono comunque ammissibili, a condizione che i loro rappresentanti abbiano la capacità di assumere impegni giuridici e finanziari a loro nome. I candidati devono appartenere ad una delle categorie descritte al par.4.3 della call). Finanziamento: L importo disponibile per il 2011 è di Euro Scadenza: 6 settembre 2011 (per le attività che iniziano non prima del 12/12/2011 ed entro il 31/12/2011). AGRICOLTURA/SVILUPPO RURALE Invito a presentare proposte «Sostegno a favore di azioni di informazione riguardanti la politica agricola comune» Attuazione di azioni di informazione di cui alla voce di bilancio per l esercizio 2012 pubblicato sulla GUUE C 212/22 del 19/07/2011 Programma di riferimento: Azioni di informazione sulla PAC Obiettivi: Nell ambito del presente invito a presentare proposte, la Commissione intende dare la priorità alle azioni di informazioni con un notevole impatto previsto, di carattere innovativo e creativo, mirate non solo al mondo rurale, ma anche all insieme della società. Tali azioni devono mirare a valorizzare il ruolo e l utilità della PAC in quanto politica comune dell UE che risponde alle esigenze e alle attese della società, e i cui obiettivi sono: - affrontare meglio le sfide della sicurezza alimentare, dei cambiamenti climatici, dell utilizzo sostenibile delle risorse naturali e dello sviluppo equilibrato dei territori; - aiutare il settore agricolo ad affrontare gli effetti indotti dalla crisi economica e la maggiore volatilità dei prezzi agricoli; - contribuire allo sviluppo della crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva definita nella strategia Europa Azioni: la Commissione desidera sostenere due tipi di azioni integrate di comunicazione pubblica: - a livello nazionale, riunendo più partner attorno ad un progetto comune di ampia portata; - a livello europeo, in un massimo di Stati membri al fine di rafforzarne l impatto. Le azioni di informazione dovranno assumere la forma di campagne di informazione di ampia portata comprendenti una o più attività del tipo di quelle di seguito menzionate: - produzione e distribuzione di materiale multimediale e/o audiovisivo di carattere innovativo e originale (programmi radiofonici e/o televisivi di tipo «reality», dibattiti, videoclip,...); - campagne pubbliche di affissione in luoghi di grande passaggio (metropolitana, stazioni ecc.); - eventi del tipo «fattoria in città» ecc.; - eventi mediatici; - conferenze, seminari e gruppi di lavoro specializzati destinati ad un pubblico ben definito. Candidati ammissibili: persone giuridiche legalmente costituite in uno Stato membro da almeno due anni. Finanziamento: La dotazione complessiva disponibile per le azioni di informazione da eseguire in forza del presente invito a presentare proposte è di Euro Per ciascuna azione di informazione può essere richiesta alla Commissione una sovvenzione di importo compreso tra Euro ed Euro (incluso rimborso forfettario delle spese di personale). Scadenza: 30 settembre RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO Programma di riferimento: VII programma quadro di RST - ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione (7PQ) Inviti a presentare proposte nell ambito dei seguenti programmi specifici: Programma specifico Cooperazione : tale programma sostiene la ricerca nell ambito di progetti di cooperazione internazionale all interno dell Unione europea e oltre i confini dell Unione. Il programma è suddiviso in 10 temi prioritari: Salute; Prodotti alimentari, agricoltura, pesca e biotecnologie; Tecnologie dell informazione e della comunicazione; Nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di produzione; Energia; Ambiente; Trasporti; Scienze socio-economiche e umanistiche; Spazio; Sicurezza. Programma specifico Idee, realizzato attraverso il Consiglio europeo della ricerca (CER), finalizzato ad aumentare la competitività dell Europa aiutando ad attirare e mantenere gli scienziati più dotati di talento, contribuendo all assunzione di rischi e alla ricerca ad alto impatto, e promuovendo la ricerca scientifica di carattere mondiale in nuovi settori emergenti. I progetti saranno finanziati sulla base di proposte presentate dai ricercatori, sia del settore privato che di quello pubblico. Programma specifico Persone, che offre un sostegno significativo alla mobilità e allo sviluppo di carriera dei ricercatori, sia in Europa che su scala mondiale. Più in generale, tale programma rafforza, quantitativamente e qualitativamente, il potenziale umano della ricerca e della tecnologia in Europa, promuovendo l ingresso nella professione di ricercatore, incoraggiando i ricercatori europei a rimanere in Europa e attirandovi ricercatori e attirandovi ricercatori provenienti da tutto il mondo. Per le informazioni sugli inviti, i programmi di lavoro e le indicazioni destinate ai proponenti sulle modalità per la presentazione delle proposte, consultare il sito web CORDIS: Per una panoramica più esaustiva dei bandi aperti nell ambito dei Programmi comunitari , si invita a consultare il sito web della Rete italiana dei Centri di Documentazione Europea (CDE):

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Gestione diretta: I programmi comunitari

Gestione diretta: I programmi comunitari Gestione diretta: I programmi comunitari Modalità Strumenti Gestione diretta Programmi UE a finanziamento diretto IPA ENI 4 Strumenti geografici PI DCI Assistenza esterna EIDHR 3 Strumenti tematici IfS

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

Europa per i cittadini 2007-2013

Europa per i cittadini 2007-2013 Europa per i cittadini 2007-2013 Il Programma ha come scopo primario la promozione della cittadinanza europea attiva, ovvero il coinvolgimento diretto dei cittadini e delle organizzazioni della società

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a formulare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a formulare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a formulare proposte EACEA 46/2014: Progetti di traduzione letteraria Attuazione dei progetti del sottoprogramma Cultura: progetti di traduzione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante

Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante Publication: Key4Biz Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante La Reding ribadisce la necessità di un'authority europea e di un'agenzia Ue per lo spettro. La liberalizzazione

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Linea 3 - Ambito 1 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA BOZZA Doc. XVIII n. 104 RISOLUZIONE DELLA 8ª COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) (Estensore FILIPPI) approvata nella seduta del 28 gennaio 2016

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore Ruolo, caratteristiche, criticità 1 La definizione Terzo Settore nasce per identificare tutto ciò che non appartiene né al Primo settore, ossia alla sfera pubblica (stato, regioni, enti locali, altri enti)

Dettagli

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) ha trasmesso il 21 marzo alla Commissione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EACEA 29/2015 : Sostegno a favore di progetti di cooperazione europei Attuazione del regime del sottoprogramma Cultura Europa

Dettagli

Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto

Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto Giuseppe Caruso Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune

Dettagli

l imprenditoria sociale

l imprenditoria sociale L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Mercato interno e servizi L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Presidente della Commissione europea, José

Dettagli

Persone fisiche e giuridiche aventi sede: - negli Stati Membri dell'u.e., - negli Stati associati al programma e il Centro Comune di Ricerca.

Persone fisiche e giuridiche aventi sede: - negli Stati Membri dell'u.e., - negli Stati associati al programma e il Centro Comune di Ricerca. 5FP - 5 Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico OGGETTO Decisione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 22 dicembre 1998 relativa al 5 Programma Quadro comunitario di finanziamento a favore

Dettagli

NOTIZIE DALL'EUROPA CUP Newsletter - Febbraio 2016

NOTIZIE DALL'EUROPA CUP Newsletter - Febbraio 2016 NOTIZIE DALL'EUROPA CUP Newsletter - Febbraio 2016 NOTIZIE DALL'EUROPA RICERCA E INNOVAZIONE RESPONSABILI COLLABORAZIONE TRA SCIENZA E SOCIETÀ CIVILE L RRI è il processo che allinea la ricerca e l innovazione

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 -

CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 - CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 - Europe Direct Frosinone, centro di informazione e comunicazione europea ospitato dalla Provincia di Frosinone ed appartenente alla rete Europe Direct,

Dettagli

FAQ PROGETTO ADOTTA UNA SCUOLA PER L EXPO 2015

FAQ PROGETTO ADOTTA UNA SCUOLA PER L EXPO 2015 FAQ PROGETTO ADOTTA UNA SCUOLA PER L EXPO 2015 COME SCEGLIERE UNA SCUOLA 1)Quali tipologie di scuole possono essere coinvolte e quali requisiti devono avere? L adesione al progetto Adotta una scuola per

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013

Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013 Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013 1 L interesse europeo Negli ultimi anni, l interesse della Commissione europea per l inclusione sociale è cresciuto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, l intero Paese Logiche d intervento nell utilizzo dei Fondi Strutturali: Adattamento ed evoluzione. Pasquale D Alessandro DG REGIO Unità G3: Italia

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

Dal 1 luglio costeranno molto meno gli SMS, le chiamate e i servizi di dati in roaming

Dal 1 luglio costeranno molto meno gli SMS, le chiamate e i servizi di dati in roaming IP/09/620 Strasburgo, 22 aprile 2009 Dal 1 luglio costeranno molto meno gli SMS, le chiamate e i servizi di dati in roaming Dal 1 luglio un SMS spedito dall estero nell UE non costerà più di 0,11 euro,

Dettagli

Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link. NEWSLETTER "L'EUROPA IN LINEA" - ANNO VII n 01 del 19.01.

Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link. NEWSLETTER L'EUROPA IN LINEA - ANNO VII n 01 del 19.01. Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link NEWSLETTER "L'EUROPA IN LINEA" - ANNO VII n 01 del 19.01.2010 La nostra offerta formativa Una delle maggiori criticità riscontrate

Dettagli

Sono passati ormai 5 mesi dallo straordinario risultato ottenuto dal nostro partito alle elezioni europee, da quella domenica in cui in tanti mi avete

Sono passati ormai 5 mesi dallo straordinario risultato ottenuto dal nostro partito alle elezioni europee, da quella domenica in cui in tanti mi avete Sono passati ormai 5 mesi dallo straordinario risultato ottenuto dal nostro partito alle elezioni europee, da quella domenica in cui in tanti mi avete che solamente come cittadini europei avremmo potuto

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA

LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA Come ci si può documentare sull UE? Il modo più veloce per documentarsi sull UE è la consultazione del sito ufficiale dell Unione europea (http://europa.eu), dal quale

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Contenuti: Pubblicazione un E-book per l'europa. L Europa dice basta ai ritardi di pagamento. CIME per la sussidiarietà e la coesione

Contenuti: Pubblicazione un E-book per l'europa. L Europa dice basta ai ritardi di pagamento. CIME per la sussidiarietà e la coesione Contenuti: Pubblicazione un E-book per l'europa L Europa dice basta ai ritardi di pagamento CIME per la sussidiarietà e la coesione Newsletter Febbraio 2013 La Presidenza irlandese dell UE e l Agenda europea

Dettagli

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: 2020: i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA CREATIVA La cultura come elemento di competitività del

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE Nuove regole per i comitati aziendali europei Presentazione della direttiva 2009/38/CE A cosa servono i Comitati aziendali europei? I Comitati aziendali europei (CAE) sono enti che rappresentano i lavoratori

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Energia: sostenere diritti dei consumatori per sviluppo qualità e convenienza dei servizi

Energia: sostenere diritti dei consumatori per sviluppo qualità e convenienza dei servizi Energia: sostenere diritti dei consumatori per sviluppo qualità e convenienza dei servizi Audizione dell Autorità energia al CNCU Roma, 27 gennaio 2011 - La tutela dei consumatori è una delle missioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero nell ambito della DCNAN PARTE PRIMA

Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero nell ambito della DCNAN PARTE PRIMA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Comitato di consulenza per la difesa civile non armata e nonviolenta Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT Introduzione Avvertenza preliminare: Il documento che segue è stato redatto dai servizi della direzione

Dettagli

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA Quale rilevanza assume nell Unione europea il commercio elettronico? I seguenti fattori contribuiscono a determinare la rilevanza che il commercio elettronico

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Politiche, programmi, bandi Dovrebbe essere innanzitutto chiaro che le risorse finanziarie messe a disposizione dal bilancio europeo attraverso i bandi servono

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli