4. INTERNET/INTRANET WORKSHOP DI MODELLAZIONE UML SOLO IN HOUSE WORKSHOP DI ANALISI E DISEGNO UML SOLO IN HOUSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4. INTERNET/INTRANET WORKSHOP DI MODELLAZIONE UML SOLO IN HOUSE WORKSHOP DI ANALISI E DISEGNO UML SOLO IN HOUSE"

Transcript

1 s e c o n d o s e m e s t r e

2 CALENDARIO 1. GESTIRE LE RISORSE UMANE DELL IT CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE 2 SEMESTRE 2006 IL MIGLIORAMENTO DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI. L UTILIZZO DELL ANALISI TRANSAZIONALE IN AZIENDA ROMA OTTOBRE IVA LE RETI E LE DINAMICHE DELLA COMUNICAZIONE NELL AMBIENTE LAVORATIVO ROMA NOVEMBRE IVA PROBLEM SOLVING ROMA DICEMBRE IVA LA MODERNA ARTE DELLA RETORICA: IL PUBLIC SPEAKING ROMA 30 NOV - 1 DIC IVA L ORGANIZZAZIONE DELLE RIUNIONI ROMA 27 OTTOBRE IVA VALUTARE GLI ALTRI ATTRAVERSO LE DINAMICHE DEL CORPO SOLO IN HOUSE 2. ORGANIZZAZIONE E TECNICHE PER LO SVILUPPO ANALISI E MODELLI DI BUSINESS: 1 MODULO - ORGANIZZAZIONE: PROCESSI E STRUTTURE ROMA 6-7 NOVEMBRE IVA 2 MODULO - BUSINESS MODELING ROMA 8-10 NOVEMBRE IVA ANALISI DEI DATI ROMA OTTOBRE IVA GESTIONE DI PROGETTI ROMA NOVEMBRE IVA GESTIONE DEI REQUISITI CON I CASI D USO ROMA 4-6 DICEMBRE IVA QUALITÀ DEL SOFTWARE, METRICHE E TESTING ROMA NOVEMBRE IVA STIMA DI TEMPI E COSTI NELLO SVILUPPO SOFTWARE ROMA NOVEMBRE IVA WORKSHOP DI DEFINIZIONE DEI REQUISITI E CASI D USO SOLO IN HOUSE GUIDA ALL UTILIZZO PRATICO DEI FUNCTION POINTS SOLO IN HOUSE ANALISI DELLE FUNZIONI SOLO IN HOUSE COMMITTENTI E UTENTI NELLO SVILUPPO SOFTWARE SOLO IN HOUSE 3. UML SVILUPPO APPLICAZIONI CON UML ROMA 9-12 OTTOBRE IVA APPLICARE I FUNCTION POINTS A UN PROGETTO UML SOLO IN HOUSE PATTERNS PER LA PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE SOLO IN HOUSE ANALISI OBJECT-ORIENTED CON UML SOLO IN HOUSE DISEGNO OBJECT-ORIENTED CON UML SOLO IN HOUSE WORKSHOP DI MODELLAZIONE UML SOLO IN HOUSE WORKSHOP DI ANALISI E DISEGNO UML SOLO IN HOUSE 4. INTERNET/INTRANET INTERNET/INTRANET: SVILUPPO DI APPLICAZIONI CON XML E WEB SERVICES ROMA DICEMBRE IVA INTERNET/INTRANET: INTRODUZIONE A TCP/IP NETWORK SECURITY SOLO IN HOUSE INTERNET/INTRANET: SVILUPPO DI APPLICAZIONI IN TECNOLOGIA WIRELESS SOLO IN HOUSE INTERNET/INTRANET: PROGETTAZIONE DI SITI WEB SOLO IN HOUSE LA TECNOLOGIA OPEN SOURCE IN AZIENDA SOLO IN HOUSE ZIONE JAVA SOLO IN HOUSE 5. DATA WAREHOUSE DATA WAREHOUSE: ARCHITETTURA E PRINCIPI ROMA 4-6 OTTOBRE IVA PROGETTAZIONE DEL DATA WAREHOUSE ROMA DICEMBRE IVA 6. CAPACITY MANAGEMENT MISURARE E MANTENERE LE PRESTAZIONI DELLE APPLICAZIONI WEB ROMA NOVEMBRE IVA CAPACITY PLANNING ROMA OTTOBRE IVA IT SERVICE MANAGEMENT CON ITIL SOLO IN HOUSE TEST DI CARICO PER IL COLLAUDO E PER IL TUNING PRESTAZIONALE SOLO IN HOUSE 7. DB2 DB2-MVS: ARCHITETTURA E FUNZIONI SOLO IN HOUSE DB2-MVS: SVILUPPO DI APPLICAZIONI ORIENTATO ALLE PERFORMANCE SOLO IN HOUSE 8. ORACLE ORACLE 9I: ARCHITETTURA E FUNZIONI SOLO IN HOUSE ORACLE 9I: SVILUPPO DI APPLICAZIONI ORIENTATO ALLE PERFORMANCE SOLO IN HOUSE ORACLE 9I: PROGETTAZIONE DI DATABASE IN AMBIENTE DISTRIBUITO SOLO IN HOUSE

3 Il programma è stato realizzato con la collaborazione di: Adriano Comai Renato Comai Emilio C. Porcelli Stefano Rizzi Kaizen Consulting TecnetDati

4 1 GESTIRE LE RISORSE UMANE IL MIGLIORAMENTO DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI. L UTILIZZO DELL ANALISI TRANSAZIONALE IN AZIENDA Nella moderna cultura aziendale è stato ormai acquisito un concetto basilare: l efficienza e la produttività sono legate sia a fattori di tipo tecnico (formazione professionale ed esperenziale) sia a fattori collegati alla comunicazione ed alle relazioni interpersonali tra le risorse aziendali che cooperano ai processi di produzione. È quindi un importante obiettivo strategico fornire a coloro che hanno mansioni di responsabilità nell area IT alcuni strumenti di conoscenza utili al miglioramento dei rapporti interpersonali. L analisi transazionale, nata come psicoterapia e poi applicata alle dinamiche aziendali, costituisce un ottimo metodo per raggiungere questi obiettivi. Il corso è rivolto a risorse dell area IT che gestiscono risorse umane (responsabili di struttura, capi progetto) Nessuno. La nascita dell Analisi Transazionale - il corpus teorico dell A.T. - scopi - le prime applicazioni Le Basic Position - le posizioni esistenziali: gestazione e formazione - come riconoscere le posizioni esistenziali dei collaboratori - il loro utilizzo in azienda Gli stati dell io - cosa sono e come riconoscerli La transazione - l analisi della transazione ed il disegno del diagramma relazionale - il miglioramento delle relazioni interpersonali con l utilizzo del diagramma Stimoli e carezze psicologiche (strocke) - gli stimoli comportamentali positivi e negativi - le carezze condizionate e le carezze incondizionate - come utilizzare efficacemente le carezze in azienda Le teorie dell A.T. utilizzabili in azienda - la teoria dei giochi ( manovre messe in atto per ottenere un tornaconto psicologico) - i copioni (comportamenti ripetitivi dettati da uno schema interno) - la simbiosi (comportamenti iperprotettivi e sostitutivi, messi in atto da una figura genitoriale) L Azienda OK - l utilizzo dell Analisi Transazionale per migliorare le relazione in azienda - le qualità del manager che sa gestire efficacemente le risorse umane - la leadership situazionale Test di autodiagnosi transazionale Test sulla leadership Bibliografia Durata: 3 giorni

5 DELL IT LE RETI E LE DINAMICHE DELLA COMUNICAZIONE NELL AMBIENTE LAVORATIVO Il corso si prefigge un obiettivo ambizioso: dare ai partecipanti indipendentemente dalla mansione o dal ruolo svolto alcuni strumenti utili per migliorare la comunicazione infra ed inter-gruppo, allo scopo di aumentare la produttività dei singoli e dei gruppi di lavoro. Il corso introduce le moderne teorie sulla comunicazione e fornisce alcune metodologie di estrema efficacia per le più importanti attività aziendali basate sulla comunicazione. Dato il carattere generale, il corso non richiede specifiche competenze e non è indirizzato a categorie particolari di pubblico ancorché costituisca la base minimale di conoscenze comportamentali per managers, quadri e capi progetto. Nessuno. Introduzione teorica - la comunicazione secondo la scuola di Palo Alto - i processi della comunicazione, il contenuto e la relazione I canali e i codici della comunicazione - la comunicazione verbale e non verbale (comunicazione analogica e numerica) - la comunicazione assertiva. La comunicazione ad una via e a due vie. Le reti di comunicazione - fattori che ostacolano o favoriscono la comunicazione - la bussola della comunicazione La dinamica dei bisogni - la scala di Maslow - la matrice di Rollo-May sull autopercezione della conoscenza - i legami tra bisogni, motivazioni, comportamenti L ottimizzazione delle riunioni - le fasi: preparazione, pianificazione, introduzione, discussione, conclusioni - pericoli - difficoltà - il Brainstorming - i 6 cappelli per pensare Presentare un prodotto o un progetto - gli elementi di base e lo scopo di una presentazione. La definizione degli obiettivi da perseguire - il ruolo del presentatore; la tipologia dei destinatari - la presentazione formale ed informale e le regole della presentazione - i tre fattori dell efficacia nella presentazione: sapere, volere, potere - il linguaggio verbale e non verbale nella presentazione - le fasi della presentazione: preparazione, apertura, svolgimento, chiusura. Pericoli Case Study. Role Play. Prove individuali e di gruppo. Bibliografia Durata: 3 giorni

6 1 GESTIRE LE RISORSE UMANE PROBLEM SOLVING Raggiungere un obiettivo aziendale è compito decisamente complesso perché richiede creatività e prontezza per risolvere le problematiche e le emergenze che via via si prospettano. Alternando spunti teorici a simulazioni di casi reali, il corso si propone di rendere familiari e concretamente applicabili gli strumenti più frequentemente utilizzati per il Problem Solving: ad esempio il brain storming, il diagramma d impatto, i cinque perché. Il corso non richiede specifiche competenze e può essere seguito da tutti Nessuno. - l organizzazione e la gestione di un corretto setting di Problem Solving - la gerarchizzazione: passare dal problema generale al sottoproblema - gli strumenti per pianificare in modo efficiente ed efficace: il Pert ed il Gantt, due tecniche indispensabili per una efficace strutturazione logica e per una programmazione temporale delle operazioni da svolgere - la creatività: risorsa invisibile ma indispensabile - come mantenere attiva e come sviluppare la propria creatività pratica - esercitazioni di gruppo e individuali: passare dal pensiero creativo all azione - strumenti e metodi per una efficace applicabilità delle tecniche di Problem Solving - il Brainstorming - il Diagramma di impatto - i cinque perché - visione di alcune scene sulla Problem Solution da un DVD o cassetta Durata: 2 giorni

7 DELL IT LA MODERNA ARTE DELLA RETORICA: IL PUBLIC SPEAKING La capacità di presentare efficacemente ad un pubblico eterogeneo un prodotto aziendale è, in larga misura, il frutto di abilità acquisite con un metodo che aiuti a superare lo stress da palcoscenico ed il timore innato di essere giudicati criticamente da chi ci ascolta. Il corso ha quindi un duplice obiettivo: il controllo dello stress negativo (distress) e l abilità nell esprimere in modo vincente risultati, informazioni, notizie a chi ci ascolta. Il corso non richiede specifiche competenze e non è indirizzato a categorie particolari di pubblico ancorché costituisca la base minimale di conoscenze comportamentali per chi debba parlare in pubblico a vario titolo. Nessuno. È tuttavia preferibile (non obbligatorio) aver partecipato al corso Le Reti e le Dinamiche della comunicazione nell ambiente lavorativo. Le difficoltà - perché non è facile parlare in pubblico - come veniamo valutati da chi ci ascolta - lo stress: come combatterlo - gli errori da evitare Ciò che ci aiuta - la parola e il pensiero - l effetto alone - l uso di analogie e metafore - le valenze positive e negative della parola - gli stati mentali Il miglioramento - le regole per migliorare - il linguaggio del corpo - il contatto oculare - le fasi di un discorso in pubblico Prove individuali e di gruppo Durata: 2 giorni

8 1 GESTIRE LE RISORSE UMANE L ORGANIZZAZIONE DELLE RIUNIONI Il corso ha uno specifico obiettivo: condividere con i partecipanti i fattori decisivi per il successo di una riunione. Imparare a organizzare e gestire al meglio riunioni e incontri partecipativi, evitando errori comuni che spesso sottraggono tempo prezioso e impediscono il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Il corso non richiede specifiche competenze e può essere seguito da tutti. Nessuno. I principi da utilizzare - la comunicazione secondo la scuola di Marshall B. Rosenberg: principi di base per evitare conflitti e fraintendimenti durante lo svolgimento di una riunione - la comunicazione analogica: una risorsa fondamentale - esercitazione individuale e di gruppo - le parole possono aprire o chiudere le porte: strumenti efficaci per una comunicazione efficiente - l atteggiamento: per aprire una serratura non occorre analizzare la serratura, ciò che serve è una chiave - l atteggiamento secondo la scuola di Steve de Shazer - contesti High e contesti Low : analisi e differenze - alcune definizioni e primi suggerimenti: perché fare riunioni? Quali e quanti partecipanti? - il tempo, risorsa e vincolo Pianificazione e preparazione di una riunione - convocazione e ordine del giorno - preparare una riunione - prepararsi per una riunione Come ottimizzare la riunione - dopo la riunione: cosa fare, cosa non fare - ascolto attivo - il dissenso nelle riunioni - eliminazione dei giudizi, apertura mentale, dialogo e discussione - i tre fattori dell efficacia nella presentazione di una riunione - visione di scene tratte da un DVD o cassetta Durata: 1 giorno

9 DELL IT VALUTARE GLI ALTRI ATTRAVERSO LE DINAMICHE DEL CORPO Le nostre valutazioni su coloro con cui comunichiamo sono basate, in larga misura, sulle percezioni anche subliminali del linguaggio non verbale. Essere in grado di gestire efficacemente la propria comunicazione corporea è quindi uno dei primi obiettivi di chi gestisce risorse umane. Inoltre coloro che si occupano di selezione e valutazione del personale dovrebbero approfondire queste tematiche la cui padronanza è, spesso, molto più efficace ed eloquente della comunicazione verbale. Il corso non richiede specifiche competenze e può essere seguito da tutti. È comunque particolarmente utile a chi è incaricato di selezionare il personale e a chi gestisce risorse umane a vario titolo. Nessuno. Linguaggio e gesto - l evoluzione della comunicazione - il rapporto tra pensiero e linguaggio - il rapporto tra cultura e comunicazione La gestione della bolla d aria - la gestione dello spazio personale - intrusioni e violazioni L abbigliamento - l importanza dell abbigliamento nella comunicazione non verbale - i messaggi dell abbigliamento Il capo - la struttura anatomica della muscolatura del volto - i movimenti volontari ed involontari - i segnali oculari come vanno letti - pianto e riso - le caratteristiche della voce Le mani - le mani che comunicano - la menzogna - segnali codificati Il torace - i movimenti del busto - le auto-carezze Bibliografia Durata: 2 giorni

10 2 ORGANIZZAZIONE E TECNICHE ANALISI E MODELLI DI BUSINESS Il percorso formativo di analisi e modellazione del Business nasce sotto il segno della crescente integrazione tra le problematiche organizzative e quelle informatiche. Le dinamiche organizzative e di mercato attuali, infatti, comportano sempre più spesso la necessità di ripensare e ridefinire i processi aziendali. Innovazione di prodotti e servizi, ottimizzazione dei costi e dei tempi, ma anche integrazione di realtà precedentemente separate (mergers and acquisitions), oppure valutazione sulle opportunità di esternalizzazione (outsourcing) di attività ad organizzazioni partner. La complessità di tali progetti di cambiamento richiede un attenzione parallela sia agli aspetti organizzativi che a quelli informatici, e una capacità di analizzare i due aspetti in modo integrato. Il percorso è strutturato in due moduli complementari. Il primo, Organizzazione: Processi e Strutture, tratta i concetti e le pratiche fondamentali dell analisi e del cambiamento organizzativo. Il secondo, Business Modeling, tratta le tecniche di modellazione dei processi e delle strutture organizzative, dei ruoli e delle responsabilità, e l utilizzo degli standard internazionali BPMN (Business Process Modeling Notation) e UML (Unified Modeling Language) Il percorso è indirizzato in modo particolare a due ruoli professionali specifici: analisti di organizzazione, coinvolti nella modellazione dei processi interni ad un organizzazione o inter-organizzativi, che intendano aggiornare la propria professionalità con i concetti e le pratiche della visione per processi e della teoria della contingenza, ed avvalersi di tecniche di modellazione sperimentate a livello internazionale analisti di sistemi, coinvolti in progetti di cambiamento che richiedano la comprensione di aspetti inerenti le problematiche organizzative, oltre a quelle specificamente informatiche PRIMO MODULO ORGANIZZAZIONE: PROCESSI E STRUTTURE Il corso presenta i fondamenti dell analisi organizzativa, nell ottica di ottimizzare gli obiettivi di Business (qualità, tempi, costi). Viene effettuata una ricognizione sulle tecniche di rilevazione e analisi organizzativa su processi, micro e macro strutture, e sui criteri relativi di revisione e miglioramento. Il taglio specifico è quello di facilitare un ampliamento dell esperienza di analisi con una visione del contesto in cui la modellazione e le attività inerenti l I.T. si muovono, ma il corso consente anche agli esperti di organizzazione un richiamo alle nuove idee intorno all evoluzione organizzativa e al management.

11 PER LO SVILUPPO Il filo conduttore è la consapevolizzazione della priorità assoluta costituita dai clienti e dai processi di Business finalizzati alla soddisfazione dei clienti stessi. Si tratta di una priorità non sempre chiara all analista tradizionale e che è comunque basilare nell attività di modellazione. La metodologia di gestione del corso è interattiva anche nella parte più concettuale. È fondato cioè su case study, su momenti di confronto, discussione e esercitazioni. capi progetto analisti I.T. analisti organizzazione esperti di sviluppo risorse umane 1 GIORNATA: LA RILEVAZIONE ORGANIZZATIVA Terminologia organizzativa Le fasi dell analisi del lavoro - la definizione degli obiettivi - la rilevazione - la critica - l analisi di fattibilità - l implementazione La rilevazione bottom up - descrizione del lavoro - il flow (richiamo) - il Gantt - i carichi di lavoro (tecniche di rilevazione) La definizione top down - la definizione di un processo - la definizione di un progetto - la rilevazione B.P.R. - la rilevazione della struttura organizzativa 2 GIORNATA: REVISIONE DEI PROCESSI E DELL ORGANIZZAZIONE L analisi critica delle microstrutture, il job design - analisi della funzione - analisi del valore - frazionamento dei processi - processi decisionali - il ruolo dell I.T. - il ruolo della modellazione - l assegnazione del lavoro

12 2 ORGANIZZAZIONE E TECNICHE Il Business Process Reengineering - ruolo del benchmarking e del prato verde - i criteri del BPR, dal process owner, al team di processo, alla polivalenza, all accorciamento della struttura, al disallineamento, allo sconfinamento, al decentramento - cenni ai concetti di Qualità Totale - i metamodelli delle strutture organizzative e il ruolo delle strategie Durata: 2 giorni SECONDO MODULO BUSINESS MODELING La rappresentazione, sotto forma di modelli, di sistemi organizzativi assume un importanza sempre maggiore, anche come prerequisito per la definizione di soluzioni informatiche. Il che è particolarmente vero quando: ruoli, responsabilità, processi organizzativi non siano già chiari per l analista il prodotto o il servizio da creare (o da innovare) richieda non solo lo sviluppo e/o l acquisizione di software, ma anche mutamenti nei processi delle organizzazioni coinvolte il confine di automazione (le attività che dovranno essere supportate da soluzioni informatiche) non sia predefinito Il corso presenta l utilizzo di due tecniche di modellazione standard e tra loro integrate - BPMN (Business Process Modeling Notation) per la rappresentazione dei processi, e UML (Unified Modeling Language) per la rappresentazione delle strutture, dei ruoli e delle responsabilità. Attraverso un ampio insieme di esempi concreti e di esercitazioni pratiche, il partecipante acquisisce la capacità di rappresentare processi, strutture, ruoli, responsabilità. E la competenza per scegliere nelle diverse situazioni il modello (o i modelli) più adeguato per evidenziare gli aspetti rilevanti della realtà organizzativa da analizzare. capi progetto analisti organizzazione analisti IT Per coloro che non hanno esperienza di analisi organizzativa è consigliabile la partecipazione al corso Organizzazione: Processi e Strutture. Non è invece necessaria esperienza di analisi e sviluppo di sistemi informatici.

13 PER LO SVILUPPO Introduzione al Business Modeling - quando modellare gli aspetti organizzativi - cosa modellare - livelli di modellazione Modellazione dei processi del sistema organizzativo: BPMN - processi, sottoprocessi, Task - flussi di sequenza e Gateway - eventi di inizio, intermedi, di fine - pool, Lane, Messaggi - costrutti avanzati Modellazione di strutture e ruoli: UML - panoramica sui diagrammi di UML e sul loro utilizzo per il Business Modeling - rappresentazione dei ruoli e delle risorse del Business - gerarchie e relazioni non gerarchiche - diagrammi strutturali (classi e componenti) Casi d uso - elementi di base dei casi d uso - casi d uso Business - realizzazione dei casi d uso: individuazione ed analisi delle opportunità di automazione Modellazione delle comunicazioni e delle responsabilità: diagrammi di interazione - rappresentare le comunicazioni - rappresentare le responsabilità - diagrammi di sequenza - diagrammi di collaborazione Modellazione di stati ed eventi - diagramma di stato - diagramma di attività Case study Durata: 3 giorni

14 2 ORGANIZZAZIONE E TECNICHE ANALISI DEI DATI I dati sono un patrimonio fondamentale dei Sistemi Informativi e le tecniche di analisi dei dati sono alla base di tutte le fasi dello sviluppo applicativo. Il corso descrive un insieme di tecniche di analisi atte a rappresentare la risorsa dati dell impresa attraverso la definizione di uno schema concettuale dei dati indipendente dal particolare ambiente di sviluppo. Il corso presenta con un alternanza di lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche un procedimento generale per la progettazione dei dati svolgendo considerazioni sul disegno del database con particolare riferimento agli ambienti relazionali e object-relational. data administrators database administrators capi progetto analisti applicativi programmatori applicativi Conoscenze generali delle problematiche dello sviluppo. Introduzione al Data Modeling - il ruolo dei dati nel Sistema Informativo aziendale - tipologie di Modelli Il modello Entity-Relationship - entità e attributi - identificatori delle entità - relazioni e associazioni - tipologia di relazioni e associazioni - diagrammazione E-R Il modello relazionale - schemi e modelli dei dati - la struttura relazionale dei dati - regole di integrità - manipolazione delle relazioni Il processo di normalizzazione - forme normali - prima, seconda e terza forma normale - ulteriore normalizzazione Disegno logico di database - fasi e attività di disegno - composizione dello schema dei dati - derivazione del modello logico Case study Durata: 3 giorni

15 PER LO SVILUPPO GESTIONE DI PROGETTI Il corso, frutto di un'esperienza maturata nella conduzione di progetti di ampio respiro, affronta il problema sotto i principali aspetti implicati: validità di una strategia di "sviluppo per progetti"; individuazione dei momenti maggiormente critici di un progetto; definizione dei ruoli e delle responsabilità nell'ambito del progetto; gestione degli obiettivi del progetto gestione della qualità; gestione risorse umane (Peopleware). Particolare peso viene dato all'esame dei problemi di pianificazione, stima, controllo e convalida con una vista sulle nuove metodologie emergenti per la gestione dei progetti complessi. responsabili dell'area sviluppo capi progetto analisti responsabili di funzioni aziendali Conoscenza delle problematiche di sviluppo applicativo. - la gestione degli obiettivi e dei risultati, bilanciamento tra costi, tempi, funzionalità e qualità - il processo gestionale: pianificazione, organizzazione, coordinamento e controllo del progetto - rischi di progetto - margine di rischio e controllo del progetto, fattori di rischio, modelli per la valutazione del margine di rischio - gestione di un progetto complesso - scomposizione in sottosistemi, coordinamento dell'avanzamento di sottoprogetti paralleli in fasi realizzative disomogenee; nuovi modelli di gestione (XPM, Metodi Agili, ecc.) - strutturazione del piano di progetto - obiettivi generali, traguardi intermedi, ruoli e responsabilità - gestione dei requisiti - definizione, ordinamento in funzione delle priorità, verifica, governo delle modifiche - stime - problematiche e approcci metodologici - controllo di un progetto - cosa significa controllare un progetto, supervisione e controllo dell avanzamento, azioni correttive - creazione, sviluppo e mantenimento di un team efficace - gestione dei rapporti interpersonali, fattori sociologici e loro impatto sulla produttività, leadership formale e informale, ruolo del capo progetto - la gestione della qualità all interno del progetto - tecniche per l organizzazione, la pianificazione e il controllo delle attività - costi di progetto - costi diretti e indiretti, conto economico previsionale, i costi come base per valutare l avanzamento lavori Durata: 3 giorni

16 2 ORGANIZZAZIONE E TECNICHE GESTIONE DEI REQUISITI CON I CASI D USO Il corso fornisce il bagaglio di conoscenze necessario a definire, in accordo con i committenti, i requisiti di un sistema software, e a gestire il cambiamento di tali requisiti durante le diverse fasi di un progetto. Vengono affrontati in particolare: i ruoli coinvolti nella gestione dei requisiti; il ciclo di lavorazione dei requisiti, dalla scoperta all analisi, alla negoziazione, all accordo, alle verifiche in corso d opera; il conflitto di requisiti e quello tra requisiti, costi e tempi; la definizione dei criteri di accettazione per la verifica di corrispondenza tra requisiti e sistema. Per l individuazione e la specifica dei requisiti vengono presentate tecniche complementari, con una particolare attenzione alla definizione dei casi d uso e al loro utilizzo concreto, sia per la modellazione dei processi del Business che per l approfondimento e la specifica degli scenari di operatività degli utilizzatori nei confronti del sistema informatico. Il corso propone ai partecipanti una serie di esercitazioni sulle tecniche affrontate in sede di esposizione teorica, con attenzione particolare alla definizione dei modelli di casi d uso e alla loro descrizione testuale. management Sistemi Informativi capi progetto analisti esperti di dominio coinvolti nella definizione dei requisiti sviluppatori È opportuna una conoscenza generale delle problematiche relative allo sviluppo e all evoluzione dei sistemi software. I requisiti nello sviluppo dei sistemi - ruoli coinvolti nella gestione dei requisiti e le loro relazioni - ciclo di lavorazione dei requisiti e dei sistemi software nei diversi approcci metodologici (a cascata, incrementale, Unified Process, processi agili ) - gestione dei requisiti in ISO 9000 e nel Capability Maturity Model (CMM) - gestione della tracciabilità dei requisiti, cioè dei legami tra requisiti, componenti del sistema, test - gestione del cambiamento dei requisiti in corso d opera Tecniche per la scoperta dei requisiti - identificazione degli interlocutori da coinvolgere - interviste e workshop - recupero e analisi di documentazione da sistemi esistenti - descrizione degli scenari di utilizzo - prototipi degli scenari di interazione Analizzare e specificare i requisiti - classificazione dei requisiti per tipologia - importanza e priorità relativa dei singoli requisiti - eliminazione delle ambiguità dai requisiti, e modalità di verifica - forme di documentazione e template - strumenti per la definizione e la gestione dei requisiti

17 PER LO SVILUPPO Casi d uso - teoria dei casi d uso e ambito della loro applicazione - individuazione degli attori e definizione del contesto del sistema - relazioni tra attori e casi d uso - modello dei casi d uso Business - modello dei casi d uso per il sistema software - differenze tra casi d uso e altre tecniche di definizione dei requisiti Specificare i casi d uso - descrizione testuale degli scenari (scenario base, scenari alternativi, varianti) - stili utilizzabili per la descrizione e linee guida di scrittura - esercitazioni pratiche di scrittura dei casi d uso, con verifica in aula - ruolo e utilizzo dei diagrammi UML dei casi d uso - relazioni tra casi d uso in UML (specializzazione, extend, include) e ambito della loro applicazione Durata: 3 giorni

18 2 ORGANIZZAZIONE E TECNICHE QUALITÀ DEL SOFTWARE, METRICHE E TESTING Il corso illustra i metodi e le tecniche dell assicurazione e del controllo di qualità come parte integrante delle migliori pratiche correnti dell ingegneria del software, presentandone una visione allargata alla pianificazione e alla gestione della qualità a livello progettuale. Nel suo svolgimento le attività di misura, validazione e verifica vengono infatti correlate sistematicamente con le diverse fasi e momenti del ciclo di vita del software, con riferimento ai metodi e alle tecniche applicabili e all uso di strumenti di supporto responsabili progetti software specialisti di metodi e standard personale dell assicurazione e del controllo di qualità Nessuno. Introduzione alla qualità del software - definizioni della qualità - assicurazione e controllo di qualità - organizzazione e costi della qualità Obiettivi di qualità del software - fattori di qualità e attributi critici del software - definizione degli obiettivi di qualità: traguardi, piano e rapporto di qualità Assicurazione e controllo di qualità - la qualità nel ciclo di vita del software - attività di revisione: revisioni formali, ispezioni, walkthrough - standard - uso di strumenti automatici Metriche del software - metriche previsionali e di controllo - metriche per il sizing: linee di codice, punti funzione - metriche della complessità: McCabe, misure della coesione e del coupling - metriche della affidabilità: misure e modelli previsionali - metriche del riuso Testing - finalità e tipologia dei test - test statici - test dinamici: white box e black box testing - valutazione dell efficacia dei test - strumenti di supporto Introduzione del controllo e dell assicurazione di qualità - come cominciare - assessment e benchmarking - fattori di rischio e condizioni di successo Esercizi e revisioni Durata: 3 giorni

19 PER LO SVILUPPO STIMA DI TEMPI E COSTI NELLO SVILUPPO SOFTWARE Stimare in modo efficace i tempi e i costi di un attività di sviluppo software, che si tratti di un progetto articolato o di un semplice intervento di manutenzione, è una pratica con cui si cimentano costantemente i project managers ma anche, in generale, tutti gli addetti alla realizzazione del software. La stima basata sull esperienza personale, che ad oggi rimane la più consueta, anche se porta a buoni risultati presta, sempre e comunque, il fianco a diverse critiche. Nasce quindi l esigenza di disporre di tecniche di stima più oggettive e formali, basate su criteri più scientifici, raffrontabili in ambienti eterogenei. Il corso, dopo aver ripreso le problematiche più comuni nella gestione delle stime, illustra alcune tecniche di stima largamente utilizzate e le inquadra nell ambito di un processo di stima che ne guida l utilizzo. Nell ambito del corso sono previsti ampi ed esaurienti riferimenti alla teoria e all utilizzo nell ambito delle stime dei Function Points: strumento cardine per il dimensionamento del software. Al termine del corso, i partecipanti: avranno appreso i principi base dei Function Points e le problematiche legate alla loro applicazione (per poter iniziare ad applicare la tecnica a casi pratici) avranno una chiara idea dei fattori di cui tenere conto nelle stime dei tempi e dei costi dello sviluppo software conosceranno le più diffuse tecniche di stima (applicabili in funzione delle dimensioni del progetto) e le modalità con cui calare le stime in un processo di sviluppo del software avranno conoscenza dei principi fondamentali di un processo di gestione delle stime capi progetto, team leaders analisti funzionali specialisti nel campo delle metriche del software Conoscenza delle problematiche legate al dimensionamento del software e alla stima di tempi e costi dello sviluppo del software. Le problematiche legate alle stime Il problema del dimensionamento del software le metriche del software, i Function Points: elementi di base, conteggio e stima Stima dell effort la stima per analogia, la stima bottom-up, la stima top-down basata sui workproduct, la stima basata sui Function Points, la stima basata su modelli matematici Il processo di stima calato nel processo di sviluppo quando e come stimare (i momenti di stima e le tecniche più idonee), la gestione delle stime in ambito di progetto e in ambito aziendale Gli strumenti per la stima templates, repository, ecc. Caso studio 1 stima dell effort di un piccolo intervento di manutenzione evolutiva Caso studio 2 stima di tempi e costi di un progetto in fase alta Caso studio 3 stima finale di un progetto Durata: 2 giorni

20 2 ORGANIZZAZIONE E TECNICHE WORKSHOP DI DEFINIZIONE DEI REQUISITI E CASI D USO Il workshop ha l obiettivo di guidare i partecipanti nell impostazione e nella definizione dei requisiti e del modello dei casi d uso di un progetto. personale di progetto (analisti, progettisti) committente e altre parti interessate (stakeholders) Data la natura fortemente interattiva del workshop, è opportuno che il numero dei partecipanti non superi le dieci-dodici persone. È opportuno che i partecipanti abbiamo seguito il corso Gestione dei requisiti con i casi d uso o posseggano conoscenze equivalenti. Impostazione preliminare - definizione degli obiettivi specifici dell intervento - acquisizione da parte del conduttore della documentazione progettuale, in modo da permettere una preparazione preventiva per la conduzione della sessione Sessione (due giorni consecutivi, a distanza di almeno una settimana dall aquisizione della documentazione progettuale). I contenuti specifici della sessione variano in funzione degli obiettivi concordati. Possono comprendere (tipicamente): - elicitazione ed analisi dei requisiti - definizione modello casi d uso - definizione modalità di validazione e verifica Durata: 2 giorni

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra A seguire alcune proposte di tirocini/tesi in tre ambiti dell ingegneria del software (non del tutto scorrelati): (1) Model-driven driven

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Stefano Perna. Informazioni Personali. Obiettivi Professionali. Posizione attuale. Healthcare Pre-Sales e Project Management.

Stefano Perna. Informazioni Personali. Obiettivi Professionali. Posizione attuale. Healthcare Pre-Sales e Project Management. Stefano Perna Informazioni Personali Residenza Viale Spartaco, 91 00174 Roma Telefono (+39) 320 6974861 (+39) 340 2267281 Email perna.stefano@gmail.com Sito http://www.stefanoperna.it Luogo e Data di nascita

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software 1 Ingegneria del software L istituzione e l impiego di principi ingegneristici fondati, allo scopo di ottenere

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli