4. INTERNET/INTRANET WORKSHOP DI MODELLAZIONE UML SOLO IN HOUSE WORKSHOP DI ANALISI E DISEGNO UML SOLO IN HOUSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4. INTERNET/INTRANET WORKSHOP DI MODELLAZIONE UML SOLO IN HOUSE WORKSHOP DI ANALISI E DISEGNO UML SOLO IN HOUSE"

Transcript

1 s e c o n d o s e m e s t r e

2 CALENDARIO 1. GESTIRE LE RISORSE UMANE DELL IT CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE 2 SEMESTRE 2006 IL MIGLIORAMENTO DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI. L UTILIZZO DELL ANALISI TRANSAZIONALE IN AZIENDA ROMA OTTOBRE IVA LE RETI E LE DINAMICHE DELLA COMUNICAZIONE NELL AMBIENTE LAVORATIVO ROMA NOVEMBRE IVA PROBLEM SOLVING ROMA DICEMBRE IVA LA MODERNA ARTE DELLA RETORICA: IL PUBLIC SPEAKING ROMA 30 NOV - 1 DIC IVA L ORGANIZZAZIONE DELLE RIUNIONI ROMA 27 OTTOBRE IVA VALUTARE GLI ALTRI ATTRAVERSO LE DINAMICHE DEL CORPO SOLO IN HOUSE 2. ORGANIZZAZIONE E TECNICHE PER LO SVILUPPO ANALISI E MODELLI DI BUSINESS: 1 MODULO - ORGANIZZAZIONE: PROCESSI E STRUTTURE ROMA 6-7 NOVEMBRE IVA 2 MODULO - BUSINESS MODELING ROMA 8-10 NOVEMBRE IVA ANALISI DEI DATI ROMA OTTOBRE IVA GESTIONE DI PROGETTI ROMA NOVEMBRE IVA GESTIONE DEI REQUISITI CON I CASI D USO ROMA 4-6 DICEMBRE IVA QUALITÀ DEL SOFTWARE, METRICHE E TESTING ROMA NOVEMBRE IVA STIMA DI TEMPI E COSTI NELLO SVILUPPO SOFTWARE ROMA NOVEMBRE IVA WORKSHOP DI DEFINIZIONE DEI REQUISITI E CASI D USO SOLO IN HOUSE GUIDA ALL UTILIZZO PRATICO DEI FUNCTION POINTS SOLO IN HOUSE ANALISI DELLE FUNZIONI SOLO IN HOUSE COMMITTENTI E UTENTI NELLO SVILUPPO SOFTWARE SOLO IN HOUSE 3. UML SVILUPPO APPLICAZIONI CON UML ROMA 9-12 OTTOBRE IVA APPLICARE I FUNCTION POINTS A UN PROGETTO UML SOLO IN HOUSE PATTERNS PER LA PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE SOLO IN HOUSE ANALISI OBJECT-ORIENTED CON UML SOLO IN HOUSE DISEGNO OBJECT-ORIENTED CON UML SOLO IN HOUSE WORKSHOP DI MODELLAZIONE UML SOLO IN HOUSE WORKSHOP DI ANALISI E DISEGNO UML SOLO IN HOUSE 4. INTERNET/INTRANET INTERNET/INTRANET: SVILUPPO DI APPLICAZIONI CON XML E WEB SERVICES ROMA DICEMBRE IVA INTERNET/INTRANET: INTRODUZIONE A TCP/IP NETWORK SECURITY SOLO IN HOUSE INTERNET/INTRANET: SVILUPPO DI APPLICAZIONI IN TECNOLOGIA WIRELESS SOLO IN HOUSE INTERNET/INTRANET: PROGETTAZIONE DI SITI WEB SOLO IN HOUSE LA TECNOLOGIA OPEN SOURCE IN AZIENDA SOLO IN HOUSE ZIONE JAVA SOLO IN HOUSE 5. DATA WAREHOUSE DATA WAREHOUSE: ARCHITETTURA E PRINCIPI ROMA 4-6 OTTOBRE IVA PROGETTAZIONE DEL DATA WAREHOUSE ROMA DICEMBRE IVA 6. CAPACITY MANAGEMENT MISURARE E MANTENERE LE PRESTAZIONI DELLE APPLICAZIONI WEB ROMA NOVEMBRE IVA CAPACITY PLANNING ROMA OTTOBRE IVA IT SERVICE MANAGEMENT CON ITIL SOLO IN HOUSE TEST DI CARICO PER IL COLLAUDO E PER IL TUNING PRESTAZIONALE SOLO IN HOUSE 7. DB2 DB2-MVS: ARCHITETTURA E FUNZIONI SOLO IN HOUSE DB2-MVS: SVILUPPO DI APPLICAZIONI ORIENTATO ALLE PERFORMANCE SOLO IN HOUSE 8. ORACLE ORACLE 9I: ARCHITETTURA E FUNZIONI SOLO IN HOUSE ORACLE 9I: SVILUPPO DI APPLICAZIONI ORIENTATO ALLE PERFORMANCE SOLO IN HOUSE ORACLE 9I: PROGETTAZIONE DI DATABASE IN AMBIENTE DISTRIBUITO SOLO IN HOUSE

3 Il programma è stato realizzato con la collaborazione di: Adriano Comai Renato Comai Emilio C. Porcelli Stefano Rizzi Kaizen Consulting TecnetDati

4 1 GESTIRE LE RISORSE UMANE IL MIGLIORAMENTO DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI. L UTILIZZO DELL ANALISI TRANSAZIONALE IN AZIENDA Nella moderna cultura aziendale è stato ormai acquisito un concetto basilare: l efficienza e la produttività sono legate sia a fattori di tipo tecnico (formazione professionale ed esperenziale) sia a fattori collegati alla comunicazione ed alle relazioni interpersonali tra le risorse aziendali che cooperano ai processi di produzione. È quindi un importante obiettivo strategico fornire a coloro che hanno mansioni di responsabilità nell area IT alcuni strumenti di conoscenza utili al miglioramento dei rapporti interpersonali. L analisi transazionale, nata come psicoterapia e poi applicata alle dinamiche aziendali, costituisce un ottimo metodo per raggiungere questi obiettivi. Il corso è rivolto a risorse dell area IT che gestiscono risorse umane (responsabili di struttura, capi progetto) Nessuno. La nascita dell Analisi Transazionale - il corpus teorico dell A.T. - scopi - le prime applicazioni Le Basic Position - le posizioni esistenziali: gestazione e formazione - come riconoscere le posizioni esistenziali dei collaboratori - il loro utilizzo in azienda Gli stati dell io - cosa sono e come riconoscerli La transazione - l analisi della transazione ed il disegno del diagramma relazionale - il miglioramento delle relazioni interpersonali con l utilizzo del diagramma Stimoli e carezze psicologiche (strocke) - gli stimoli comportamentali positivi e negativi - le carezze condizionate e le carezze incondizionate - come utilizzare efficacemente le carezze in azienda Le teorie dell A.T. utilizzabili in azienda - la teoria dei giochi ( manovre messe in atto per ottenere un tornaconto psicologico) - i copioni (comportamenti ripetitivi dettati da uno schema interno) - la simbiosi (comportamenti iperprotettivi e sostitutivi, messi in atto da una figura genitoriale) L Azienda OK - l utilizzo dell Analisi Transazionale per migliorare le relazione in azienda - le qualità del manager che sa gestire efficacemente le risorse umane - la leadership situazionale Test di autodiagnosi transazionale Test sulla leadership Bibliografia Durata: 3 giorni

5 DELL IT LE RETI E LE DINAMICHE DELLA COMUNICAZIONE NELL AMBIENTE LAVORATIVO Il corso si prefigge un obiettivo ambizioso: dare ai partecipanti indipendentemente dalla mansione o dal ruolo svolto alcuni strumenti utili per migliorare la comunicazione infra ed inter-gruppo, allo scopo di aumentare la produttività dei singoli e dei gruppi di lavoro. Il corso introduce le moderne teorie sulla comunicazione e fornisce alcune metodologie di estrema efficacia per le più importanti attività aziendali basate sulla comunicazione. Dato il carattere generale, il corso non richiede specifiche competenze e non è indirizzato a categorie particolari di pubblico ancorché costituisca la base minimale di conoscenze comportamentali per managers, quadri e capi progetto. Nessuno. Introduzione teorica - la comunicazione secondo la scuola di Palo Alto - i processi della comunicazione, il contenuto e la relazione I canali e i codici della comunicazione - la comunicazione verbale e non verbale (comunicazione analogica e numerica) - la comunicazione assertiva. La comunicazione ad una via e a due vie. Le reti di comunicazione - fattori che ostacolano o favoriscono la comunicazione - la bussola della comunicazione La dinamica dei bisogni - la scala di Maslow - la matrice di Rollo-May sull autopercezione della conoscenza - i legami tra bisogni, motivazioni, comportamenti L ottimizzazione delle riunioni - le fasi: preparazione, pianificazione, introduzione, discussione, conclusioni - pericoli - difficoltà - il Brainstorming - i 6 cappelli per pensare Presentare un prodotto o un progetto - gli elementi di base e lo scopo di una presentazione. La definizione degli obiettivi da perseguire - il ruolo del presentatore; la tipologia dei destinatari - la presentazione formale ed informale e le regole della presentazione - i tre fattori dell efficacia nella presentazione: sapere, volere, potere - il linguaggio verbale e non verbale nella presentazione - le fasi della presentazione: preparazione, apertura, svolgimento, chiusura. Pericoli Case Study. Role Play. Prove individuali e di gruppo. Bibliografia Durata: 3 giorni

6 1 GESTIRE LE RISORSE UMANE PROBLEM SOLVING Raggiungere un obiettivo aziendale è compito decisamente complesso perché richiede creatività e prontezza per risolvere le problematiche e le emergenze che via via si prospettano. Alternando spunti teorici a simulazioni di casi reali, il corso si propone di rendere familiari e concretamente applicabili gli strumenti più frequentemente utilizzati per il Problem Solving: ad esempio il brain storming, il diagramma d impatto, i cinque perché. Il corso non richiede specifiche competenze e può essere seguito da tutti Nessuno. - l organizzazione e la gestione di un corretto setting di Problem Solving - la gerarchizzazione: passare dal problema generale al sottoproblema - gli strumenti per pianificare in modo efficiente ed efficace: il Pert ed il Gantt, due tecniche indispensabili per una efficace strutturazione logica e per una programmazione temporale delle operazioni da svolgere - la creatività: risorsa invisibile ma indispensabile - come mantenere attiva e come sviluppare la propria creatività pratica - esercitazioni di gruppo e individuali: passare dal pensiero creativo all azione - strumenti e metodi per una efficace applicabilità delle tecniche di Problem Solving - il Brainstorming - il Diagramma di impatto - i cinque perché - visione di alcune scene sulla Problem Solution da un DVD o cassetta Durata: 2 giorni

7 DELL IT LA MODERNA ARTE DELLA RETORICA: IL PUBLIC SPEAKING La capacità di presentare efficacemente ad un pubblico eterogeneo un prodotto aziendale è, in larga misura, il frutto di abilità acquisite con un metodo che aiuti a superare lo stress da palcoscenico ed il timore innato di essere giudicati criticamente da chi ci ascolta. Il corso ha quindi un duplice obiettivo: il controllo dello stress negativo (distress) e l abilità nell esprimere in modo vincente risultati, informazioni, notizie a chi ci ascolta. Il corso non richiede specifiche competenze e non è indirizzato a categorie particolari di pubblico ancorché costituisca la base minimale di conoscenze comportamentali per chi debba parlare in pubblico a vario titolo. Nessuno. È tuttavia preferibile (non obbligatorio) aver partecipato al corso Le Reti e le Dinamiche della comunicazione nell ambiente lavorativo. Le difficoltà - perché non è facile parlare in pubblico - come veniamo valutati da chi ci ascolta - lo stress: come combatterlo - gli errori da evitare Ciò che ci aiuta - la parola e il pensiero - l effetto alone - l uso di analogie e metafore - le valenze positive e negative della parola - gli stati mentali Il miglioramento - le regole per migliorare - il linguaggio del corpo - il contatto oculare - le fasi di un discorso in pubblico Prove individuali e di gruppo Durata: 2 giorni

8 1 GESTIRE LE RISORSE UMANE L ORGANIZZAZIONE DELLE RIUNIONI Il corso ha uno specifico obiettivo: condividere con i partecipanti i fattori decisivi per il successo di una riunione. Imparare a organizzare e gestire al meglio riunioni e incontri partecipativi, evitando errori comuni che spesso sottraggono tempo prezioso e impediscono il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Il corso non richiede specifiche competenze e può essere seguito da tutti. Nessuno. I principi da utilizzare - la comunicazione secondo la scuola di Marshall B. Rosenberg: principi di base per evitare conflitti e fraintendimenti durante lo svolgimento di una riunione - la comunicazione analogica: una risorsa fondamentale - esercitazione individuale e di gruppo - le parole possono aprire o chiudere le porte: strumenti efficaci per una comunicazione efficiente - l atteggiamento: per aprire una serratura non occorre analizzare la serratura, ciò che serve è una chiave - l atteggiamento secondo la scuola di Steve de Shazer - contesti High e contesti Low : analisi e differenze - alcune definizioni e primi suggerimenti: perché fare riunioni? Quali e quanti partecipanti? - il tempo, risorsa e vincolo Pianificazione e preparazione di una riunione - convocazione e ordine del giorno - preparare una riunione - prepararsi per una riunione Come ottimizzare la riunione - dopo la riunione: cosa fare, cosa non fare - ascolto attivo - il dissenso nelle riunioni - eliminazione dei giudizi, apertura mentale, dialogo e discussione - i tre fattori dell efficacia nella presentazione di una riunione - visione di scene tratte da un DVD o cassetta Durata: 1 giorno

9 DELL IT VALUTARE GLI ALTRI ATTRAVERSO LE DINAMICHE DEL CORPO Le nostre valutazioni su coloro con cui comunichiamo sono basate, in larga misura, sulle percezioni anche subliminali del linguaggio non verbale. Essere in grado di gestire efficacemente la propria comunicazione corporea è quindi uno dei primi obiettivi di chi gestisce risorse umane. Inoltre coloro che si occupano di selezione e valutazione del personale dovrebbero approfondire queste tematiche la cui padronanza è, spesso, molto più efficace ed eloquente della comunicazione verbale. Il corso non richiede specifiche competenze e può essere seguito da tutti. È comunque particolarmente utile a chi è incaricato di selezionare il personale e a chi gestisce risorse umane a vario titolo. Nessuno. Linguaggio e gesto - l evoluzione della comunicazione - il rapporto tra pensiero e linguaggio - il rapporto tra cultura e comunicazione La gestione della bolla d aria - la gestione dello spazio personale - intrusioni e violazioni L abbigliamento - l importanza dell abbigliamento nella comunicazione non verbale - i messaggi dell abbigliamento Il capo - la struttura anatomica della muscolatura del volto - i movimenti volontari ed involontari - i segnali oculari come vanno letti - pianto e riso - le caratteristiche della voce Le mani - le mani che comunicano - la menzogna - segnali codificati Il torace - i movimenti del busto - le auto-carezze Bibliografia Durata: 2 giorni

10 2 ORGANIZZAZIONE E TECNICHE ANALISI E MODELLI DI BUSINESS Il percorso formativo di analisi e modellazione del Business nasce sotto il segno della crescente integrazione tra le problematiche organizzative e quelle informatiche. Le dinamiche organizzative e di mercato attuali, infatti, comportano sempre più spesso la necessità di ripensare e ridefinire i processi aziendali. Innovazione di prodotti e servizi, ottimizzazione dei costi e dei tempi, ma anche integrazione di realtà precedentemente separate (mergers and acquisitions), oppure valutazione sulle opportunità di esternalizzazione (outsourcing) di attività ad organizzazioni partner. La complessità di tali progetti di cambiamento richiede un attenzione parallela sia agli aspetti organizzativi che a quelli informatici, e una capacità di analizzare i due aspetti in modo integrato. Il percorso è strutturato in due moduli complementari. Il primo, Organizzazione: Processi e Strutture, tratta i concetti e le pratiche fondamentali dell analisi e del cambiamento organizzativo. Il secondo, Business Modeling, tratta le tecniche di modellazione dei processi e delle strutture organizzative, dei ruoli e delle responsabilità, e l utilizzo degli standard internazionali BPMN (Business Process Modeling Notation) e UML (Unified Modeling Language) Il percorso è indirizzato in modo particolare a due ruoli professionali specifici: analisti di organizzazione, coinvolti nella modellazione dei processi interni ad un organizzazione o inter-organizzativi, che intendano aggiornare la propria professionalità con i concetti e le pratiche della visione per processi e della teoria della contingenza, ed avvalersi di tecniche di modellazione sperimentate a livello internazionale analisti di sistemi, coinvolti in progetti di cambiamento che richiedano la comprensione di aspetti inerenti le problematiche organizzative, oltre a quelle specificamente informatiche PRIMO MODULO ORGANIZZAZIONE: PROCESSI E STRUTTURE Il corso presenta i fondamenti dell analisi organizzativa, nell ottica di ottimizzare gli obiettivi di Business (qualità, tempi, costi). Viene effettuata una ricognizione sulle tecniche di rilevazione e analisi organizzativa su processi, micro e macro strutture, e sui criteri relativi di revisione e miglioramento. Il taglio specifico è quello di facilitare un ampliamento dell esperienza di analisi con una visione del contesto in cui la modellazione e le attività inerenti l I.T. si muovono, ma il corso consente anche agli esperti di organizzazione un richiamo alle nuove idee intorno all evoluzione organizzativa e al management.

11 PER LO SVILUPPO Il filo conduttore è la consapevolizzazione della priorità assoluta costituita dai clienti e dai processi di Business finalizzati alla soddisfazione dei clienti stessi. Si tratta di una priorità non sempre chiara all analista tradizionale e che è comunque basilare nell attività di modellazione. La metodologia di gestione del corso è interattiva anche nella parte più concettuale. È fondato cioè su case study, su momenti di confronto, discussione e esercitazioni. capi progetto analisti I.T. analisti organizzazione esperti di sviluppo risorse umane 1 GIORNATA: LA RILEVAZIONE ORGANIZZATIVA Terminologia organizzativa Le fasi dell analisi del lavoro - la definizione degli obiettivi - la rilevazione - la critica - l analisi di fattibilità - l implementazione La rilevazione bottom up - descrizione del lavoro - il flow (richiamo) - il Gantt - i carichi di lavoro (tecniche di rilevazione) La definizione top down - la definizione di un processo - la definizione di un progetto - la rilevazione B.P.R. - la rilevazione della struttura organizzativa 2 GIORNATA: REVISIONE DEI PROCESSI E DELL ORGANIZZAZIONE L analisi critica delle microstrutture, il job design - analisi della funzione - analisi del valore - frazionamento dei processi - processi decisionali - il ruolo dell I.T. - il ruolo della modellazione - l assegnazione del lavoro

12 2 ORGANIZZAZIONE E TECNICHE Il Business Process Reengineering - ruolo del benchmarking e del prato verde - i criteri del BPR, dal process owner, al team di processo, alla polivalenza, all accorciamento della struttura, al disallineamento, allo sconfinamento, al decentramento - cenni ai concetti di Qualità Totale - i metamodelli delle strutture organizzative e il ruolo delle strategie Durata: 2 giorni SECONDO MODULO BUSINESS MODELING La rappresentazione, sotto forma di modelli, di sistemi organizzativi assume un importanza sempre maggiore, anche come prerequisito per la definizione di soluzioni informatiche. Il che è particolarmente vero quando: ruoli, responsabilità, processi organizzativi non siano già chiari per l analista il prodotto o il servizio da creare (o da innovare) richieda non solo lo sviluppo e/o l acquisizione di software, ma anche mutamenti nei processi delle organizzazioni coinvolte il confine di automazione (le attività che dovranno essere supportate da soluzioni informatiche) non sia predefinito Il corso presenta l utilizzo di due tecniche di modellazione standard e tra loro integrate - BPMN (Business Process Modeling Notation) per la rappresentazione dei processi, e UML (Unified Modeling Language) per la rappresentazione delle strutture, dei ruoli e delle responsabilità. Attraverso un ampio insieme di esempi concreti e di esercitazioni pratiche, il partecipante acquisisce la capacità di rappresentare processi, strutture, ruoli, responsabilità. E la competenza per scegliere nelle diverse situazioni il modello (o i modelli) più adeguato per evidenziare gli aspetti rilevanti della realtà organizzativa da analizzare. capi progetto analisti organizzazione analisti IT Per coloro che non hanno esperienza di analisi organizzativa è consigliabile la partecipazione al corso Organizzazione: Processi e Strutture. Non è invece necessaria esperienza di analisi e sviluppo di sistemi informatici.

13 PER LO SVILUPPO Introduzione al Business Modeling - quando modellare gli aspetti organizzativi - cosa modellare - livelli di modellazione Modellazione dei processi del sistema organizzativo: BPMN - processi, sottoprocessi, Task - flussi di sequenza e Gateway - eventi di inizio, intermedi, di fine - pool, Lane, Messaggi - costrutti avanzati Modellazione di strutture e ruoli: UML - panoramica sui diagrammi di UML e sul loro utilizzo per il Business Modeling - rappresentazione dei ruoli e delle risorse del Business - gerarchie e relazioni non gerarchiche - diagrammi strutturali (classi e componenti) Casi d uso - elementi di base dei casi d uso - casi d uso Business - realizzazione dei casi d uso: individuazione ed analisi delle opportunità di automazione Modellazione delle comunicazioni e delle responsabilità: diagrammi di interazione - rappresentare le comunicazioni - rappresentare le responsabilità - diagrammi di sequenza - diagrammi di collaborazione Modellazione di stati ed eventi - diagramma di stato - diagramma di attività Case study Durata: 3 giorni

14 2 ORGANIZZAZIONE E TECNICHE ANALISI DEI DATI I dati sono un patrimonio fondamentale dei Sistemi Informativi e le tecniche di analisi dei dati sono alla base di tutte le fasi dello sviluppo applicativo. Il corso descrive un insieme di tecniche di analisi atte a rappresentare la risorsa dati dell impresa attraverso la definizione di uno schema concettuale dei dati indipendente dal particolare ambiente di sviluppo. Il corso presenta con un alternanza di lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche un procedimento generale per la progettazione dei dati svolgendo considerazioni sul disegno del database con particolare riferimento agli ambienti relazionali e object-relational. data administrators database administrators capi progetto analisti applicativi programmatori applicativi Conoscenze generali delle problematiche dello sviluppo. Introduzione al Data Modeling - il ruolo dei dati nel Sistema Informativo aziendale - tipologie di Modelli Il modello Entity-Relationship - entità e attributi - identificatori delle entità - relazioni e associazioni - tipologia di relazioni e associazioni - diagrammazione E-R Il modello relazionale - schemi e modelli dei dati - la struttura relazionale dei dati - regole di integrità - manipolazione delle relazioni Il processo di normalizzazione - forme normali - prima, seconda e terza forma normale - ulteriore normalizzazione Disegno logico di database - fasi e attività di disegno - composizione dello schema dei dati - derivazione del modello logico Case study Durata: 3 giorni

15 PER LO SVILUPPO GESTIONE DI PROGETTI Il corso, frutto di un'esperienza maturata nella conduzione di progetti di ampio respiro, affronta il problema sotto i principali aspetti implicati: validità di una strategia di "sviluppo per progetti"; individuazione dei momenti maggiormente critici di un progetto; definizione dei ruoli e delle responsabilità nell'ambito del progetto; gestione degli obiettivi del progetto gestione della qualità; gestione risorse umane (Peopleware). Particolare peso viene dato all'esame dei problemi di pianificazione, stima, controllo e convalida con una vista sulle nuove metodologie emergenti per la gestione dei progetti complessi. responsabili dell'area sviluppo capi progetto analisti responsabili di funzioni aziendali Conoscenza delle problematiche di sviluppo applicativo. - la gestione degli obiettivi e dei risultati, bilanciamento tra costi, tempi, funzionalità e qualità - il processo gestionale: pianificazione, organizzazione, coordinamento e controllo del progetto - rischi di progetto - margine di rischio e controllo del progetto, fattori di rischio, modelli per la valutazione del margine di rischio - gestione di un progetto complesso - scomposizione in sottosistemi, coordinamento dell'avanzamento di sottoprogetti paralleli in fasi realizzative disomogenee; nuovi modelli di gestione (XPM, Metodi Agili, ecc.) - strutturazione del piano di progetto - obiettivi generali, traguardi intermedi, ruoli e responsabilità - gestione dei requisiti - definizione, ordinamento in funzione delle priorità, verifica, governo delle modifiche - stime - problematiche e approcci metodologici - controllo di un progetto - cosa significa controllare un progetto, supervisione e controllo dell avanzamento, azioni correttive - creazione, sviluppo e mantenimento di un team efficace - gestione dei rapporti interpersonali, fattori sociologici e loro impatto sulla produttività, leadership formale e informale, ruolo del capo progetto - la gestione della qualità all interno del progetto - tecniche per l organizzazione, la pianificazione e il controllo delle attività - costi di progetto - costi diretti e indiretti, conto economico previsionale, i costi come base per valutare l avanzamento lavori Durata: 3 giorni

16 2 ORGANIZZAZIONE E TECNICHE GESTIONE DEI REQUISITI CON I CASI D USO Il corso fornisce il bagaglio di conoscenze necessario a definire, in accordo con i committenti, i requisiti di un sistema software, e a gestire il cambiamento di tali requisiti durante le diverse fasi di un progetto. Vengono affrontati in particolare: i ruoli coinvolti nella gestione dei requisiti; il ciclo di lavorazione dei requisiti, dalla scoperta all analisi, alla negoziazione, all accordo, alle verifiche in corso d opera; il conflitto di requisiti e quello tra requisiti, costi e tempi; la definizione dei criteri di accettazione per la verifica di corrispondenza tra requisiti e sistema. Per l individuazione e la specifica dei requisiti vengono presentate tecniche complementari, con una particolare attenzione alla definizione dei casi d uso e al loro utilizzo concreto, sia per la modellazione dei processi del Business che per l approfondimento e la specifica degli scenari di operatività degli utilizzatori nei confronti del sistema informatico. Il corso propone ai partecipanti una serie di esercitazioni sulle tecniche affrontate in sede di esposizione teorica, con attenzione particolare alla definizione dei modelli di casi d uso e alla loro descrizione testuale. management Sistemi Informativi capi progetto analisti esperti di dominio coinvolti nella definizione dei requisiti sviluppatori È opportuna una conoscenza generale delle problematiche relative allo sviluppo e all evoluzione dei sistemi software. I requisiti nello sviluppo dei sistemi - ruoli coinvolti nella gestione dei requisiti e le loro relazioni - ciclo di lavorazione dei requisiti e dei sistemi software nei diversi approcci metodologici (a cascata, incrementale, Unified Process, processi agili ) - gestione dei requisiti in ISO 9000 e nel Capability Maturity Model (CMM) - gestione della tracciabilità dei requisiti, cioè dei legami tra requisiti, componenti del sistema, test - gestione del cambiamento dei requisiti in corso d opera Tecniche per la scoperta dei requisiti - identificazione degli interlocutori da coinvolgere - interviste e workshop - recupero e analisi di documentazione da sistemi esistenti - descrizione degli scenari di utilizzo - prototipi degli scenari di interazione Analizzare e specificare i requisiti - classificazione dei requisiti per tipologia - importanza e priorità relativa dei singoli requisiti - eliminazione delle ambiguità dai requisiti, e modalità di verifica - forme di documentazione e template - strumenti per la definizione e la gestione dei requisiti

17 PER LO SVILUPPO Casi d uso - teoria dei casi d uso e ambito della loro applicazione - individuazione degli attori e definizione del contesto del sistema - relazioni tra attori e casi d uso - modello dei casi d uso Business - modello dei casi d uso per il sistema software - differenze tra casi d uso e altre tecniche di definizione dei requisiti Specificare i casi d uso - descrizione testuale degli scenari (scenario base, scenari alternativi, varianti) - stili utilizzabili per la descrizione e linee guida di scrittura - esercitazioni pratiche di scrittura dei casi d uso, con verifica in aula - ruolo e utilizzo dei diagrammi UML dei casi d uso - relazioni tra casi d uso in UML (specializzazione, extend, include) e ambito della loro applicazione Durata: 3 giorni

18 2 ORGANIZZAZIONE E TECNICHE QUALITÀ DEL SOFTWARE, METRICHE E TESTING Il corso illustra i metodi e le tecniche dell assicurazione e del controllo di qualità come parte integrante delle migliori pratiche correnti dell ingegneria del software, presentandone una visione allargata alla pianificazione e alla gestione della qualità a livello progettuale. Nel suo svolgimento le attività di misura, validazione e verifica vengono infatti correlate sistematicamente con le diverse fasi e momenti del ciclo di vita del software, con riferimento ai metodi e alle tecniche applicabili e all uso di strumenti di supporto responsabili progetti software specialisti di metodi e standard personale dell assicurazione e del controllo di qualità Nessuno. Introduzione alla qualità del software - definizioni della qualità - assicurazione e controllo di qualità - organizzazione e costi della qualità Obiettivi di qualità del software - fattori di qualità e attributi critici del software - definizione degli obiettivi di qualità: traguardi, piano e rapporto di qualità Assicurazione e controllo di qualità - la qualità nel ciclo di vita del software - attività di revisione: revisioni formali, ispezioni, walkthrough - standard - uso di strumenti automatici Metriche del software - metriche previsionali e di controllo - metriche per il sizing: linee di codice, punti funzione - metriche della complessità: McCabe, misure della coesione e del coupling - metriche della affidabilità: misure e modelli previsionali - metriche del riuso Testing - finalità e tipologia dei test - test statici - test dinamici: white box e black box testing - valutazione dell efficacia dei test - strumenti di supporto Introduzione del controllo e dell assicurazione di qualità - come cominciare - assessment e benchmarking - fattori di rischio e condizioni di successo Esercizi e revisioni Durata: 3 giorni

19 PER LO SVILUPPO STIMA DI TEMPI E COSTI NELLO SVILUPPO SOFTWARE Stimare in modo efficace i tempi e i costi di un attività di sviluppo software, che si tratti di un progetto articolato o di un semplice intervento di manutenzione, è una pratica con cui si cimentano costantemente i project managers ma anche, in generale, tutti gli addetti alla realizzazione del software. La stima basata sull esperienza personale, che ad oggi rimane la più consueta, anche se porta a buoni risultati presta, sempre e comunque, il fianco a diverse critiche. Nasce quindi l esigenza di disporre di tecniche di stima più oggettive e formali, basate su criteri più scientifici, raffrontabili in ambienti eterogenei. Il corso, dopo aver ripreso le problematiche più comuni nella gestione delle stime, illustra alcune tecniche di stima largamente utilizzate e le inquadra nell ambito di un processo di stima che ne guida l utilizzo. Nell ambito del corso sono previsti ampi ed esaurienti riferimenti alla teoria e all utilizzo nell ambito delle stime dei Function Points: strumento cardine per il dimensionamento del software. Al termine del corso, i partecipanti: avranno appreso i principi base dei Function Points e le problematiche legate alla loro applicazione (per poter iniziare ad applicare la tecnica a casi pratici) avranno una chiara idea dei fattori di cui tenere conto nelle stime dei tempi e dei costi dello sviluppo software conosceranno le più diffuse tecniche di stima (applicabili in funzione delle dimensioni del progetto) e le modalità con cui calare le stime in un processo di sviluppo del software avranno conoscenza dei principi fondamentali di un processo di gestione delle stime capi progetto, team leaders analisti funzionali specialisti nel campo delle metriche del software Conoscenza delle problematiche legate al dimensionamento del software e alla stima di tempi e costi dello sviluppo del software. Le problematiche legate alle stime Il problema del dimensionamento del software le metriche del software, i Function Points: elementi di base, conteggio e stima Stima dell effort la stima per analogia, la stima bottom-up, la stima top-down basata sui workproduct, la stima basata sui Function Points, la stima basata su modelli matematici Il processo di stima calato nel processo di sviluppo quando e come stimare (i momenti di stima e le tecniche più idonee), la gestione delle stime in ambito di progetto e in ambito aziendale Gli strumenti per la stima templates, repository, ecc. Caso studio 1 stima dell effort di un piccolo intervento di manutenzione evolutiva Caso studio 2 stima di tempi e costi di un progetto in fase alta Caso studio 3 stima finale di un progetto Durata: 2 giorni

20 2 ORGANIZZAZIONE E TECNICHE WORKSHOP DI DEFINIZIONE DEI REQUISITI E CASI D USO Il workshop ha l obiettivo di guidare i partecipanti nell impostazione e nella definizione dei requisiti e del modello dei casi d uso di un progetto. personale di progetto (analisti, progettisti) committente e altre parti interessate (stakeholders) Data la natura fortemente interattiva del workshop, è opportuno che il numero dei partecipanti non superi le dieci-dodici persone. È opportuno che i partecipanti abbiamo seguito il corso Gestione dei requisiti con i casi d uso o posseggano conoscenze equivalenti. Impostazione preliminare - definizione degli obiettivi specifici dell intervento - acquisizione da parte del conduttore della documentazione progettuale, in modo da permettere una preparazione preventiva per la conduzione della sessione Sessione (due giorni consecutivi, a distanza di almeno una settimana dall aquisizione della documentazione progettuale). I contenuti specifici della sessione variano in funzione degli obiettivi concordati. Possono comprendere (tipicamente): - elicitazione ed analisi dei requisiti - definizione modello casi d uso - definizione modalità di validazione e verifica Durata: 2 giorni

Il programma è stato realizzato con la collaborazione di: Adriano Comai Renato Comai Stefano Rizzi Kaizen Consulting TecnetDati

Il programma è stato realizzato con la collaborazione di: Adriano Comai Renato Comai Stefano Rizzi Kaizen Consulting TecnetDati 2 0 0 9 p r i m o s e m e s t r e Il programma è stato realizzato con la collaborazione di: Adriano Comai Renato Comai Stefano Rizzi Kaizen Consulting TecnetDati CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE 1 SEMESTRE

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Il programma è stato realizzato con la collaborazione di: Adriano Comai Renato Comai Stefano Rizzi Roberto Tassan TecnetDati

Il programma è stato realizzato con la collaborazione di: Adriano Comai Renato Comai Stefano Rizzi Roberto Tassan TecnetDati 2 0 1 1 s e c o n d o s e m e s t r e Il programma è stato realizzato con la collaborazione di: Adriano Comai Renato Comai Stefano Rizzi Roberto Tassan TecnetDati CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE 2 SEMESTRE

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Paolo Salvaneschi 1 Obiettivi Scopi del corso: - Fornire gli elementi di base della disciplina,

Dettagli

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT CDC -Corte dei conti DGSIA Direzione Generale Sistemi Informativi Automatizzati SGCUS Servizio per la gestione del Centro Unico dei Servizi PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Organizzare un azienda sotto il profilo dei processi è oramai diventata una disciplina a cavallo tra la competenza aziendalistica ed informatica.

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione italiana XVII. Introduzione. Parte 1 Introduzione all UML e all UP 1

Indice. Prefazione alla seconda edizione italiana XVII. Introduzione. Parte 1 Introduzione all UML e all UP 1 00PrPag 19-07-2006 15:22 Pagina V Prefazione alla seconda edizione italiana Introduzione XV XVII Parte 1 Introduzione all UML e all UP 1 Capitolo 1 UML 3 1.1 Contenuto del capitolo 3 1.2 Cos è l UML? 3

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO S.I.A. UdA n. 1 Titolo: conoscenze di base Conoscenza delle caratteristiche dell informatica e degli strumenti utilizzati Informatica e sistemi di elaborazione Conoscenza delle caratteristiche

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

IT Professional Services. Percorsi di Formazione

IT Professional Services. Percorsi di Formazione IT Professional Services Percorsi di Formazione 2015 Informazioni I percorsi di formazione 2015 Dal 1990 Tecnet Dati è sinonimo di formazione di alta qualità, lo dicono le centinaia di persone che hanno

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1 Object Oriented Analysis - OOA La fase di OOA definisce, secondo un approccio ad oggetti, COSA un prodotto software deve fare (mentre la fase di OOD definisce, sempre secondo un approccio ad oggetti, COME

Dettagli

p r i m o s e m e s t r e

p r i m o s e m e s t r e 2 0 1 5 p r i m o s e m e s t r e Il programma è stato realizzato con la collaborazione di: Adriano Comai Renato Comai Stefano Rizzi Roberto Tassan TecnetDati calendario corsi di formazione 1 semestre

Dettagli

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Professore Gaetanino Paolone Studenti Paolo Del Gizzi Maurizio Di Stefano 1 INDICE INTRODUZIONE.pag.3 IL PIANO METODOLOGICO

Dettagli

Informazioni. I percorsi di formazione 2014. Corsi in House

Informazioni. I percorsi di formazione 2014. Corsi in House IT Professional Services Percorsi di Formazione 2014 Informazioni I percorsi di formazione 2014 Dal 1990 Tecnet Dati è sinonimo di formazione di alta qualità, lo dicono le centinaia di persone che hanno

Dettagli

Introduzione a UML. Iolanda Salinari

Introduzione a UML. Iolanda Salinari Introduzione a UML Iolanda Salinari Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare

Dettagli

Concetto di formazione 2012. Management e cooperative

Concetto di formazione 2012. Management e cooperative Concetto di formazione 2012 Management e cooperative OBIETTIVI DEL PROGETTO INCREMENTO Competenze tecniche Competenze sociali Competenze metodologiche Competenze personali Macro aree tematiche Leadership

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in Ingegneria dei Requisiti Il processo che stabilisce i servizi che il cliente richiede I requisiti sono la descrizione dei servizi del sistema Funzionalità astratte che il sistema deve fornire Le proprietà

Dettagli

LINEA PROJECT MANAGEMENT

LINEA PROJECT MANAGEMENT LINEA PROJECT MANAGEMENT ITIL FOUNDATION V3 46.10.3 3 giorni Il corso, nell ambito della Gestione dei Servizi IT, mira a: 1. Comprendere Struttura e Processi di ITIL V3 - Information Technology Infrastructure

Dettagli

Modellazione dei dati in UML

Modellazione dei dati in UML Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi Modellazione dei dati in UML Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Udine Introduzione UML (Unified Modeling Language):

Dettagli

02: Project Management

02: Project Management 02: Project Management Le tre P del project management Persone motivate / esperte SEI PM-CMM (People Management Capability Maturity Model) assunzione / selezione addestramento / cultura di gruppo stipendio

Dettagli

Concetti di base di ingegneria del software

Concetti di base di ingegneria del software Concetti di base di ingegneria del software [Dalle dispense del corso «Ingegneria del software» del prof. A. Furfaro (UNICAL)] Principali qualità del software Correttezza Affidabilità Robustezza Efficienza

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof.

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof. Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Sistemi informativi aziendali Classe quarta AS Disciplina: Informatica prof. Competenze disciplinari: Secondo biennio 1. Identificare e applicare le metodologie e

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione Valentina Presutti (A-L) Riccardo Solmi (M-Z) Indice degli argomenti Introduzione all Ingegneria del Software UML Design Patterns Refactoring

Dettagli

CIG 6223997CCB COD. ALICE G00292

CIG 6223997CCB COD. ALICE G00292 APPENDICE 2 Descrizione dei profili professionali richiesti Sommario APPENDICE 2 Descrizione dei profili professionali richiesti... 1 1. PROFILI PROFESSIONALI RICHIESTI... 2 1.1 Capo progetto... 2 1.2

Dettagli

Applicazione: SAI - Sistema di Audit Interno

Applicazione: SAI - Sistema di Audit Interno Riusabilità del software Catalogo delle applicazioni: Amministrativo/Contabile Applicazione: SAI Sistema di Audit Interno Amministrazione: Agenzia delle Entrate Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

Dettaglio dei corsi in aula

Dettaglio dei corsi in aula L offerta formativa Dettaglio dei corsi in aula Software Engineering Object Oriented Analysis and Design: fondamenti e principi dell object orientation. Dall analisi alla progettazione. I Design Pattern.

Dettagli

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Obiettivi. Affrontare i primi passi della produzione del software: la definizione dei requisiti ed il progetto architetturale che porta alla definizione delle

Dettagli

Indice strutturato dello studio di fattibilità

Indice strutturato dello studio di fattibilità Indice strutturato dello studio di fattibilità DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 10 Indice 1 2 SPECIFICITÀ DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ IN UN PROGETTO DI RIUSO... 3 INDICE STRUTTURATO DELLO

Dettagli

Introduzione ad UML. Perché modelliamo

Introduzione ad UML. Perché modelliamo Introduzione ad UML Pag. 1 Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare la

Dettagli

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Introduzione Il software e l ingegneria del software Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Sommario Il software L ingegneria del software Fasi del ciclo di vita del software Pianificazione di sistema

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana

Indice. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione italiana XV Capitolo 1 Il software e l ingegneria del software 1 1.1 L evoluzione del ruolo del software 3 1.2 Il software 5 1.3 La natura mutevole del software 8 1.4 Il

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico Introduzione ai sistemi informativi Cosa è un Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione delle informazioni aziendali è essenziale per il funzionamento

Dettagli

Forniture informatiche

Forniture informatiche Forniture informatiche Nella Pubblica Amministrazione: gestione dei processi contrattuali e qualità Chianese Angelo Contenuti Strategie di acquisizione delle forniture ICT Contratti ICT Qualità delle forniture

Dettagli

Laurea Specialistica in Informatica Struttura e Configurazione di Sistemi Liberi. [Presentazione del Corso]

Laurea Specialistica in Informatica Struttura e Configurazione di Sistemi Liberi. [Presentazione del Corso] Presentazione del Corso 1 Premessa Il software libero/open source si è diffuso oltre le comunità di sviluppo, coinvolgendo altri attori che hanno individuato modelli di sviluppo sostenibili che lo rendono

Dettagli

7. Architetture Software

7. Architetture Software 7. Architetture Software progettare la struttura Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 7. Architetture Software 1 / 20 Scopo della fase di design

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

LABORATORIO NEGOZIAZIONE

LABORATORIO NEGOZIAZIONE Milano, 13 aprile 2012 Professione: MANAGER LE MONOGRAFIE Professione: MANAGER LABORATORIO NEGOZIAZIONE INTERVENTO DI FORMAZIONE/COACHING PER RESPONSABILI NUOVE STRUTTURE REGIONALI 2012 2011 The European

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

Ingegneria del Software MINR Giuseppe Santucci. 05 - Il metodo dei FP

Ingegneria del Software MINR Giuseppe Santucci. 05 - Il metodo dei FP Ingegneria del Software MINR Giuseppe Santucci 05 - Il metodo dei FP 05fp.1 Metriche relative al sw Dirette misure effettuabili direttamente sul codice LOC (Line Of Code) Indice di McCabe... misure effettuabili

Dettagli

Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML

Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML Claudia Raibulet raibulet@disco.unimib.it Il processo di sviluppo software Rappresenta un insieme di attività per la specifica, progettazione, implementazione,

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

s e c o n d o s e m e s t r e

s e c o n d o s e m e s t r e 2 0 1 5 s e c o n d o s e m e s t r e Il programma è stato realizzato con la collaborazione di: Adriano Comai Renato Comai Stefano Rizzi Roberto Tassan TecnetDati CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE 1 SEMESTRE

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 2. Ciclo di Vita e Processi di

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Sistema informativo per la gestione dei processi

Dettagli

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi Obiettivi La struttura di un sistema informativo di una organizzazione, negli aspetti che permettono di comprenderne la relazione

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Project Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Il Corso di Alta Formazione è rivolto a coloro che intendono acquisire

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2015/2016

catalogo corsi di formazione 2015/2016 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

Sistemi Informativi I

Sistemi Informativi I Sistemi Informativi I Modalità di Esame L esame consta in una prova orale, durante la quale viene discusso un progetto approntato individualmente dallo studente. Il progetto consiste nella elaborazione

Dettagli

APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO Descrizione dei profili professionali INDICE 1 PROFILI PROFESSIONALI RICHIESTI 3 1.1 CAPO PROGETTO 3 1.2 ANALISTA FUNZIONALE 4 1.3 ANALISTA PROGRAMMATORE 5 1.4 PROGRAMMATORE

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 13. Ciclo di Vita e Processi

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Programmare in ambiente Java Enterprise: l offerta formativa di Infodue

Programmare in ambiente Java Enterprise: l offerta formativa di Infodue Tecnologia e professionalità al servizio del business, dal 1986 Programmare in ambiente Java Enterprise: l offerta Copyright 2006 Infodue S.r.l. La programmazione nell era era del Web Computing L evoluzione

Dettagli

Ingegneria del Software. Introduzione ai pattern

Ingegneria del Software. Introduzione ai pattern Ingegneria del Software Introduzione ai pattern 1 Definizione di pattern [dal [dal vocabolario vocabolario Garzanti] Garzanti] Alcuni esempi: Pattern architetturale Pattern di circuito stampato Pattern

Dettagli

CRAIG LARMAN ROMA 21 NOVEMBRE 2005 ROMA 22-25 NOVEMBRE 2005 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37

CRAIG LARMAN ROMA 21 NOVEMBRE 2005 ROMA 22-25 NOVEMBRE 2005 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA CRAIG LARMAN AGILE AND ITERATIVE DEVELOPMENT: A Manager s Guide APPLYING UML AND PATTERNS WORKSHOP: Mastering OOA/D ROMA 21 NOVEMBRE 2005 ROMA 22-25 NOVEMBRE 2005 VISCONTI

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La fase di Analisi Giulio Destri Ing. del software: Analisi - 1 Scopo del modulo Definire

Dettagli

TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI

TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI Corso di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa La LUM School of Management crede fermamente

Dettagli

AREA MARKETING E COMUNICAZIONE

AREA MARKETING E COMUNICAZIONE AREA MARKETING E COMUNICAZIONE Si tratta di un area particolarmente centrale del nostro settore, che punta a sviluppare le capacità comunicative e le tecniche di marketing (anche quelle non convenzionali),

Dettagli

Gestire e Valorizzare Persone e Professionalità nella Pa LEADERSHIP PROGRAMME. Corsi di Alta Formazione PREMESSA CONTENUTI

Gestire e Valorizzare Persone e Professionalità nella Pa LEADERSHIP PROGRAMME. Corsi di Alta Formazione PREMESSA CONTENUTI Gestire e Valorizzare Persone e Professionalità nella Pa LEADERSHIP PROGRAMME Corsi di Alta Formazione PREMESSA La LUM School of Management crede fermamente nel ruolo cruciale della formazione manageriale

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico.

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico. PIANO DI FORMAZIONE TRIENNIO 2014-2016 AI SENSI DELLA CONVENZIONE TRA LA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE E L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente Piano

Dettagli

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE 2014 Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE Vers. 18 marzo 2014 Pag. 1 2014 INDICE INDICE... 2 INFORMAZIONI GENERALI... 3 Interaziendale... 3 Corso CO1... 4 COMUNICAZIONE

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione ICT Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE

Dettagli

Catalogo 2015 dei corsi di Cesvor

Catalogo 2015 dei corsi di Cesvor Catalogo 2015 dei corsi di Cesvor Cesvor Piazza IV Novembre, 4-20124 Milano, Italy (MM 2-3, Centrale) Tel.: +39 02 67165 307 - Fax: +39 02 67165 266 Cesvor è un marchio comunitario depositato (n 008906661)

Dettagli

SisTabWeb Web. Sistema Tabelle. for Enterprise

SisTabWeb Web. Sistema Tabelle. for Enterprise SisTabWeb Web Sistema Tabelle for Enterprise Overview La condivisione del patrimonio dati a livello aziendale diventa essenziale nel momento in cui il sistema informativo, elemento chiave per l'efficienza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

Requisiti di riferimento per il successo

Requisiti di riferimento per il successo Requisiti di riferimento per il successo In questa seconda parte della nostra newsletter in cui si parla del recente report di Aberdeen sui fattori chiave di successo per la logistica di magazzino, si

Dettagli