COMUNE DI GATTEO Lunedì, 05 maggio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI GATTEO Lunedì, 05 maggio 2014"

Transcript

1 COMUNE DI GATTEO Lunedì, 05 maggio 2014

2 Lunedì, 05 maggio 2014 Prime Pagine 05/05/2014 Prima Pagina Il Resto del Carlino (ed. Forli) 1 05/05/2014 Prima Pagina La Voce di Romagna (ed. Forli) 2 cultura e turismo 05/05/2014 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) Pagina 46 Il meteo dà tregua, riesplode il carnevale 3 05/05/2014 Il Resto del Carlino (ed. Forlì) Pagina 6 D' ALTRI VINCENZO Il Carnevale piace anche in Riviera 4 sport 05/05/2014 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) Pagina 34 Il Gatteo non perdona Carpinello stop 5 05/05/2014 Il Resto del Carlino (ed. Forlì) Pagina 23 Seconda Spareggi promozione Bakajoko fa esultare il Gatteo 6 05/05/2014 La Voce di Romagna (ed. Forlì) Pagina 16 Amichevole Domani test a Borello con il Vallesavio 7 05/05/2014 La Voce di Romagna (ed. Forlì) Pagina 31 Carpinello 0 Gatteo /05/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 1 Deduzione Imu a portata ridotta 9 05/05/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 3 IMU E TASI 11 05/05/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 3 CRISTIANO DELL' OSTE, GIOVANNI PARENTE Il Fisco non molla la presa sulle aziende 12 05/05/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 4 VALERIA UVA Censimento dei debiti: bonus agli enti più veloci 14 05/05/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 4 I NUMERI 16 05/05/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 9 Le parcelle si pagano al bancomat 17 05/05/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 20 Edilizia, una terapia shock per invertire la tendenza 19 05/05/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 31 Due misure a favore di lavoro e produzione 21 05/05/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 36 Elezioni, straordinari anche con fondi extra 23 05/05/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 36 Per il predissesto nuova occasione con tempi lunghi 24 05/05/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 36 Tasi con acconto boomerang 26 05/05/2014 Italia Oggi Sette Pagina 1 MARINO LONGONI Ritorna l' Imu. Peggiorata 28 05/05/2014 Italia Oggi Sette Pagina 3 PAGINA A CURA DI SERGIO TROVATO Acconto Tasi, i contribuenti appesi alle 30 05/05/2014 Italia Oggi Sette Pagina 3 Tasse in aumento per i proprietari di prime case che non pagano più /05/2014 Italia Oggi Sette Pagina 5 Compensazione crediti debiti a regime 34 05/05/2014 Italia Oggi Sette Pagina 5 PAGINA A CURA DI MATTEO BARBERO Crediti p.a., boccata d' ossigeno 35 05/05/2014 Italia Oggi Sette Pagina 5 In campo liquidità per oltre 10 miliardi 37 05/05/2014 Italia Oggi Sette Pagina 5 Rilascio dei documenti in corsia preferenziale 38 05/05/2014 Italia Oggi Sette Pagina 10 Esentate le operazioni su case principali 39 05/05/2014 Italia Oggi Sette Pagina 11 PAGINA A CURA DI SANDRO CERATO Imu, effetto sostitutivo parziale 40 05/05/2014 Italia Oggi Sette Pagina 206 STEFANO USAI L' offerta è rinegoziabile 42 05/05/2014 Italia Oggi Sette Pagina 206 STEFANO USAI La stazione appaltante può rinnovare l' accordo 44 05/05/2014 Italia Oggi Sette Pagina 208 MARZIA PAOLUCCI Giudici di pace? Pochi 46 economia nazionale

3 05/05/2014 Corriere della Sera Pagina 13 Luigi Offeddu «Pareggio di bilancio al 2016 credo che l' Europa dirà di... 48

4 Il Resto del Carlino (ed. Forli) Prima Pagina 1

5 La Voce di Romagna (ed. Forli) Prima Pagina 2

6 Pagina 46 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) cultura e turismo Il meteo dà tregua, riesplode il carnevale Ieri seconda sfilata a Gambettola dopo il rinvio Seimila presenze ed abbuffata dopo i carri. GAMBETTOLA. Carnevale: è andata in porto la seconda sfilate. Ieri il meteo ha dato finalmente tregua, lasciando la possibilità ai carri allegorici e ai variopinti figuranti di dare rumorosamente spettacolo a Gambettola. Dopo il rinvio per maltempo della domenica precedente, finalmente il pubblico ha potuto gustarsi la parata dei 10 carri in gara. Il lancio di caramelle, dolciumi e palloni e le evoluzioni del gruppo "Carioca dance ballet", con le brasiliane in costumi succinti e piume sgargianti, hanno completato la festa. Conduttore della sfilata è stato Bimbobell, al secolo Marcello Turroni, in collaborazione con il gambettolese Luigi Battaglia e la riminese Stella Kuci. Poi la kermesse è proseguita in centro fino a notte fonda. Infatti, terminata la sfilata del pomeriggio, i carri allegorici si sono posizionati nel cuore del paese e i vari gruppi hanno allestito stand gastronomici, offrendo gratuitamente ai presenti degustazioni varie: dalla piadina romagnola con affettati, alla salciccia con patatine. Nel frattempo, il comitato organizzatore ha effettuato lo spoglio dei voti, e dopo l' abbuffata serale ci si è preparati a proclamare i vincitori della prima e della seconda fascia. I quattro gruppi in gara per la prima fascia sono "Il risveglio" di Cento in collaborazione con gli "Amici di Sala" (con il carro "Sette vite come un gatto"), l' Asd Malatesta (con la lumaca "Turbo"), gli "Amici della scuola" (con Peppa pig) e i "Giovani tonici" (on il cartoon "Cattivissimo me 2"). I sei carri di seconda fascia sono stati invece creati dai gruppi "Il mondo dei bambini" di Gambettola, "Gli sbandè dla Cosna" di Faenza, i "Santangio lesi" di Gatteo, "Le contrade" di Sartarcangelo, i "Presto che è tardi" di Cotignola e la "Ops band con i ragazzi di San Vito". «Stimiamo una presenza di 6 mila persone afferma Davide Ricci, presidente della "Gambettola eventi" includendo in questo numero figuranti, residenti nel circuito, ospiti con biglietto omaggio e paganti. I carri sono stati superlativi. Bene anche il getto, le belle brasiliane e l' abbuffata mangereccia serale. E questa volta non ci sono stati imprevisti». Giorgio Magnani. 3

7 Pagina 6 Il Resto del Carlino (ed. Forlì) cultura e turismo Il Carnevale piace anche in Riviera Gambettola, ieri l' atto finale. Sarà a Cesenatico, lo vuole Rimini. CON LA SECONDA sfilata dei carri mascherati e la festa in notturna (il vincitore è stato proclamato nella tarda serata di ieri) si è chiuso il Carnevale di Gambettola. Nonostante sia stata un' edizione sofferta per le non favorevoli condizoni climatiche, gli organizzatori sono soddsfatti e all' orizzonte sembrano esserci interessanti novità. Il Carnevale si conferma una bella manifestazione che piace sempre di più ai Comuni della riviera, infatti Cesenatico e Gatteo a Mare hanno già confermato le due sfilate estive nell' ultimo weekend di luglio. Inoltre si è fatto avanti anche il Comuni di Rimini che vorrebbe anche lui il Carnevale di Gambettola per un paio di sfilate estive. Davide Ricci, patron di?gambettola Eventi' l' associazione che da cinque anni organizza la manifestazione ha però dei dubbi: «Ci sono troppe difficoltà spiega per portare i carri a Rimini comunque valuteremo bene la richiesta». L' ULTIMA sfilata ieri si è svolta con il solito copione, i dieci carri mascherati (quattro di prima categoria e quattro di seconda) sono passati due volte per Corso Mazzini, via Buozzi, via Matteotti e viale Carducci. Peccato che l' afflusso di spettatori sia stato un po' scarso, meno di cinque mila persone hanno assistito alla sfilata. Da tenere conto che quest' anno il circuito è stato ridotto della metà (tagliato fuori mezzo centro del paese, con qualche protesta dei residenti e degli esercenti esclusi) per decisione della giunta che così ha inteso proteggere gli alberi ad alto fusto da poco piantumati nel primo tratto di corso Mazzini. I carri mascherati sono stati costruiti da gruppi locali ed anche provenienti da altri Comuni. La novità è stata la partecipazione di un carro di Cento (Ferrara) orfano del suo famoso carnevale d' Europa che quest' anno non si è svolto. Questo l' elenco dei carri:?cattivissimo Me 2' (gruppo I giovani tonici),?peppa Pig' (Amici della scuola),?turbo' (ASD Malatesta),?Sette vite come i gatti' (Risveglio di Cento e gli amici di Sala),?Lego Star Wars (I Santangio lesi),?l' Italia che vorrei' (Gli sbandè dla cosna da Faenza);?Paece&Love' (Presto che è tardi da Cotignola),?Parcobaleno' (Il mondo dei bambini),?w i Minions' (Le contrade da Santarcangelo),?Saraxè feet Berto deejay' e?san Vito do Brasil' (gruppo Ops band). Oltre ai Carri mascherati hanno sfilato i Carioca Dance Ballet, il gruppo composto da ballerine brasiliane che ha ballato anche sul palco prima della sfilata. Vincenzo D' Altri. D' ALTRI VINCENZO 4

8 Pagina 34 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) sport Spareggi seconde. Il Gatteo non perdona Carpinello stop CARPINELLO: Piancastelli, Tedeschi, Zanotti, Gaudenzi, Fatbarth, M. Fagnocchi, Rosetti (20' st Gardella), Tumidei, Cicognani (38' st Luciani), Bandini (15' st Cangialosi), N. Fagnocchi. All.: P. Urbini. GATTEO: Colombi, Battistini, Colinucci, Bartolini, Turci, Del Bono, Gentili (19' st A. Faedi), Puye, Bakayoko, Tramontano (47' st Donati), E. Magnani (35' st M. Faedi). All.: G. Magnani. ARBITRO: Caminati di Forlì. RETE: 30' pt Bakayoko. AMMONITI: M. Fagnocchi, Puye, Bartolini, Colinucci. SAN VITTORE. Lo spareggio tra le seconde dell'r e S, se lo aggiudica il Gatteo, che batte 1 0 il Carpinello. La rete che decide la mette a segno al 30' Bakayoko, abile a scartare il suo marcatore ed eludere Piancastelli, insaccando a porta vuota. Nella ripresa, il Carpinello sfiora il pareggio all'8 5' con N. Fagnocchi e nel recupero E. Magnani salva sulla linea di porta 5

9 Pagina 23 Il Resto del Carlino (ed. Forlì) sport Seconda Spareggi promozione Bakajoko fa esultare il Gatteo Carpinello 0 Gatteo 1 CARPINELLO: Piancastelli, Tedeschi, Zanotti, Gaudenzi, Fatbat, Fagnocchi M, Rosetti (20' st Gardella), Tomidei, Cicognani (38' st Luciani), Bandini (15' st Cangiarosi), Fagnocchi N. All. Urbini. GATTEO: Colombi, Battistini, Colinucci, Bartolini, Turci, Delbono, Gentili (19' st Faedi A), Pojet, Bakajoko, Tramontano (47' st Zamagna), Magnani E (35' st Faedi M). All. Magnani Gabriele. Arbitro: Caminata di Forlì. Rete: 30' pt Bakajoko. PARTITA equilibrata decisa da una giocata di Bakajoko che sfrutta un assist di Zamagna. Nella ripresa Carpinello pericoloso, ma il Gatteo resiste e avanza. 6

10 Pagina 16 La Voce di Romagna (ed. Forlì) sport Amichevole Domani test a Borello con il Vallesavio CESENA Domani alle 15 e 30 il Cesena incontrerà il Vallesavio allo stadio "Alfredo Arrigoni" di Borello. La partita sarà l' occasione per rendere omaggio alla vittoria del campionato di Promozione da parte della squadra locale, salita quindi in Eccellenza. Prima dell' incontro, il presidente del Vallesavio, Imerio Rasponi, a nome di tutto lo staff dirigenziale premierà mister Bisoli. Cena a Gatteo Domani sera alle 19,30 al ristorante pizzeria "La Vecchia Officina" di Gatteo, il club Gatteo affiliato al Coordinamento club, organizza una serata/cena con ospite una rappresentanza del Cesena calcio. Per informazioni: Ivano Tiziano Marco D' Alessandro in radio Stasera alle 19,30 Marco D' Alessandro sarà ospite della trasmissione Scarpini in onda su Radio studio delta e condotta da Daniele Magnani. 7

11 Pagina 31 La Voce di Romagna (ed. Forlì) sport Carpinello 0 Gatteo 1 CARPINELLO: Piancastelli, Tedeschi, Zanotti, Gaudenzi, Fatbarth, M. Fagnocchi, Rosetti (20' st Gardella), Tumidei, Cicognani (38' st Luciani), Bandini (15' st Cangialosi), N. Fagnocchi. All.: P. Urbini. GATTEO: Colombi, Battistini, Colinucci, Bartolini, Turci, Del Bono, Gentili (19' st A. Faedi), Puye, Bakayoko, Tramontano (47' st Donati), E. Magnani (35' st M. Faedi). All.: G. Magnani. ARBITRO: Caminati di Forlì. RETE: 30' pt Bakayoko. NOTE: Ammoniti: M. Fagnocchi, Puye, Bartolini, Colinucci. 8

12 Pagina 1 Il Sole 24 Ore NEGOZI E CAPANNONI. Deduzione Imu a portata ridotta di Gian Paolo Ranocchi Uno sconto parziale e non per tutti. È l' identikit della deduzione Imu che le imprese potranno sfruttare quest' anno per la prima volta nella dichiarazione dei redditi. L' ultima legge di stabilità consente la deduzione parziale dal reddito d' impresa dell' Imu versata per gli immobili strumentali. La quota deducibile per il 2013 è pari al 30%, per scendere poi al 20 per cento. Lo sconto, secondo le Entrate, è subordinato al doppio presupposto del rispetto della competenza economica del costo e dell' effettivo pagamento, perché vale la regola di cassa. Quindi l' Imu di competenza del 2013 pagata nel 2013 si deduce nel L' Imu del 2013 pagata nel 2014 si deduce nel L' Imu del 2012 pagata nel 2013 no n si deduce. Resta invece confermata l' integrale indeducibilità dell' Imu ai fini Irap. Vista la modestia del prelievo, sarebbe stato apprezzabile se il meccanismo di deducibilità per la tassazione diretta fosse stato reso omogeneo con quello dell' Irap. Ricordiamo che, per questa imposta, la regola dovrebbe essere quella della derivazione del valore della produzione netto dalle risultanze del conto economico. L' Irap rappresenta proprio una delle eccezioni a quest o principio. Dal 2014 è quindi possibile per le imprese recuperare una parte dell' Imu pagata sugli immobili strumentali sotto forma di minore Ires o I rpef dovuta. In termini percentuali, il risparmio per i soggetti Ires è del l' 8,25% rispetto all' imposta municipale versata (si veda l' esempio) mentre la percentuale varia per le persone fisiche in funzione dello scaglione di aliquota Irpe f applicata. Nei casi più fortunati, il recupero potrà arrivare al 12,9% (soggetti che applicano l' aliquota massi ma del 43%). Sul piano dichiarativo, la deduzione di parte dell' Imu pagata da parte delle società di capitali avverrà appostando una variazione in aumento pari all' intero importo nel rigo RF16 e una variazione in diminuzione per la quota deducibile al rigo RF55 «altre variazioni in diminuzione» (codice 38) nello stesso quadro RF di Unico società di capitali. La deduzione parziale del l' Imu è riservata all' imposta pagata per gli immobili strumentali. La strumentalità degli immobili d' impresa è disciplinata dall' articolo 43 del Tuir. La strumentalità per natura attiene alla classificazione catastale del bene (categorie A/10, B, C, D ed E) e quindi prescinde dall' utilizzo effettivo dell' immobile. La strumentalità Continua > 9

13 Pagina 1 < Segue Il Sole 24 Ore per destinazione attiene all' uso che viene fatto del bene (per lo svolgimento dall' attività d' impresa) e quindi, al contrario, prescinde dalla classificazione catastale d ello stesso. L' Imu pagata nel 2013 sul capannone affittato, quindi, è parzialmente deducibile alle stregua dell' Imu pagata sull' immobile censito A/2 se utilizzato direttamente dall' impresa come ufficio. Non è invece deducibile l' Imu pagata sugli immobili magazzino destinati a ess ere venduti. Più dubbio è il trattamento da riservare all' Imu pagata sugli immobili abitativi posseduti dalle società che per mestiere locano immobili. Tali immobili «patrimonio» non sono strumentali per destinazione (stante la classificazione catastale) e, secondo un consolidato orientamento di prassi e della giurisprudenza di legittimità, non possono essere nemmeno considerati strumentali per destinazione, visto che tale qualifica attiene all' utilizzo diretto del bene nell' ambito dell' attività d' impresa. Per tali società, quindi, l' Imu resta integralmente i ndeducibile. Quello delle immobiliari di gestione è un comparto che nel corso degli ultimi anni è stato particolarmente penalizzato sul piano fiscale. Si pensi, per esempio, alla possibilità di dedurre dal reddito le sole spese per le manutenzioni ordinarie (articolo 90 del Tuir), quando tali spese sono di regola a carico del conduttore e non del locatore. E poi c' è la tagliola del regime delle società di comodo che per queste società rende spesso impossibile superare i test di operatività e di redditività. Visto allora che la scelta del legislatore è stata quella di penalizzare fiscalmente la conduzione di immobili tramite veicoli societari, sarebbe auspicabile che venisse previsto uno scivolo di uscita per consentire a queste società uno scioglimento o un' assegnazione con una fiscalità agevolata, sulla falsariga di quanto disposto da precedenti disposizioni. Ciò garantirebbe al Fisco entrate immediate a fronte di dubbi incassi futuri derivanti da complesse attività di a ccertamento. Gian Paolo Ranocchi RIPRODUZIONE RISERVATA. 10

14 Pagina 3 Il Sole 24 Ore Il quadro delle misure. IMU E TASI IN ARRIVO LA «SERVICE TAX» ANCHE SUGLI STRUMENTALI L'Imu nel2014 continuaa seguire le deliberecomunalie ad avere la quotastatale suifabbricatidel gruppo D (calcolata al7,6 per mille).i Comuni,però,possono istituirela Tasianche suibeni d'impresa,con aliquota massimaal 3,3 fermo restando iltetto diimu + Tasiall'11,4 per mille.l'imu pagata nel2014 è deducibile al20%(e non più al30%);indeducibile la Tasi 11

15 Pagina 3 Il Sole 24 Ore Politiche tributarie. Il Fisco non molla la presa sulle aziende Spiragli dalla riduzione dell' Irap ma per due società su tre lo sconto rischia di slittare al PAGINA A CURA DI Cristiano Dell' Oste Valentina Melis Giovanni Parente Gli sconti fiscali ci sono, ma per molte aziende rischiano di essere irrisori o rinviati al Cominciamo dal taglio dell' Irap: è vero che per le imprese ordinarie quest' anno l' aliquota base scende al 3,5%, ma l' acconto rischia di essere pesante per due società su tre, cioè quelle che non sono in perdita fiscale. Infatti, soltanto chi sceglie di applicare il metodo previsionale in particolare quando gli affari vanno male potrà versare l' acconto con l' aliquota intermedia del 3,75 per cento. Gli altri, invece, dovranno seguire il metodo storico, e pagheranno il 101,5% dell' Irap versata nel Detto diversamente, anticiperanno l' imposta allo Stato tenendo conto delle vecchie aliquote, anziché di quelle nuove. Naturalmente, le somme pagate in più potrannno essere recuperate o compensate con altri tributi l' anno prossimo, ma questo non è di grande aiuto alle imprese che oggi si trovano a corto di liquidità. La stessa regola del "maxi acconto" vale per l' Ires pagata dalle società di capitali. Anche in questo caso, le imprese anticipano di fatto le imposte del Uno sconto operativo già da quest' anno, invece, è la possibilità di dedurre dal reddito d' impresa il 30% dell' Imu pagata nel Lo sgravio, però, finisce per essere una frazione dell' imposta municipale versata. Per intenderci, una Spa che possiede due capannoni con una rendita catastale di 30mila euro e l' anno scorso ha sborsato quasi 17mila euro di Imu, quest' anno avrà uno sconto effettivo dall' Ires di circa euro, senza alcun impatto sull' Irap (per quest' ultimo tributo, infatti, l' Imu continua a essere indeducibile). Inoltre, lo scenario è destinato a peggiorare. L' Imu pagata dal prossimo 16 giugno sarà deducibile solo al 20%, mentre la nuova Tasi che i Comuni possono applicare anche agli immobili strumentali non potrà essere scontata dal reddito d' impresa. Una differenza spiegabile solo con ragioni di gettito, visto che i due tributi hanno la stessa base imponibile e un limite massimo di aliquota cumulato all' 11,4 per mille. Resta il fatto che allo stato attuale in alcune città si pagheranno le tasse anche sulla service tax. Le complicazioni del Fisco immobiliare si faranno sentire sulla Tari, il nuovo tributo sui rifiuti che aspetta ancora entro il 30 giugno il decreto del ministero dell' Ambiente con i criteri di fissazione delle tariffe. Nel frattempo, calendario e importi restano affidati alle decisioni comunali, con il rischio di forti rincari almeno per alcune attività rispetto al Un altro esempio di regole cambiate in corsa è quello delle rivalutazioni dei beni aziendali. La procedura introdotta dalla legge di stabilità per il 2014 non sarà sicuramente utilizzata da tutte le aziende, ma chi l' ha scelta si troverà a pagare un conto più pesante di quello preventivato all' inizio, Continua > 12

16 Pagina 3 < Segue Il Sole 24 Ore dato che il Dl 66 fissa in un' unica rata annuale il pagamento dell' imposta sostitutiva. In fatto di regole e risorse incerte, la detassazione delle retribuzioni legate alla produttività è un caso da manuale: introdotta in via sperimentale dal 2008, viene regolamentata di anno in anno in ritardo con parametri variabili, sia sul reddito massimo del lavoratore, sia sulla somma ammessa allo sgravio (che quest' anno passa da a 3mila euro). Le risorse per questa agevolazione sono state stanziate fino al 2015 (quando sul piatto ci saranno appena 200 milioni), ma l' appello rivolto nel 2012 dalle parti sociali al Governo per rendere strutturale la tassazione "secca" al 10%, per ora, è rimasto senza risposta. Nel sistema, insomma, convivono gli sconti introdotti dal l' ultimo decreto Irpef e i superacconti decisi lo scorso autunno, insieme ad altre disposizioni ereditate dal passato, che fanno sentire oggi i propri effetti. Un mix di norme fiscali che mette in difficoltà tutte le imprese decise a pianificare con ragionevole certezza le proprie uscite. Salvo proroghe, mancano solo 42 giorni alla data di pagamento di Imu, Tasi e acconti fiscali. E in molti casi è praticamente impossibile determinare con esattezza quanto si dovrà pagare. RIPRODUZIONE RISERVATA. CRISTIANO DELL' OSTE, GIOVANNI PARENTE 13

17 Pagina 4 Il Sole 24 Ore Pubblica amministrazione. Censimento dei debiti: bonus agli enti più veloci In palio 385 milioni Taglio dei fondi a chi ritarda oltre maggio. PAGINA A CURA DI Valeria Uva Una corsa contro il tempo quella che tocca ora a Comuni e Province per non perdere o addirittura per guadagnare diversi preziosi milioni in più da "spendere" in acquisti di beni e servizi. In ballo ci sono in tutto 385 milioni per il quadriennio : rappresentano il 10% di 3,85 miliardi di risparmi che il decreto Renzi (Dl 66/2014) ha imposto agli enti locali, proprio sulla spesa per forniture. E sono così suddivisi: 198 milioni agli oltre 8mila Comuni, 187 alle 110 Province (i tagli riguardano anche le prossime città metropolitane). Ma non è tutto: sulla spesa degli enti locali e sui pagamenti verso i loro fornitori il decreto dà il via a una vera e propria road map, fatta di conteggi, calcoli e certificazioni, a ritmi molto serrati, istituendo ben 15 nuovi adempimenti per quest' anno e altri cinque dal 2015 (si veda la scheda a fianco). Di questi, più della metà accompagnati da robuste sanzioni che vanno dai 100 euro al giorno di penalità al divieto totale di assunzioni o consulenze per chi non certifica i crediti alle imprese o per chi sfora i 90 giorni di ritardo sui pagamenti Il primo traguardo Mentre gli enti sono già impegnati nella rinegoziazione dei contratti (con tagli alle forniture per ottenere fino al 5% di risparmio), operazione che il Dl 66 ha avviato dal 24 aprile, la prima scadenza tagliola è fra soli 26 giorni e serve appunto a evitare ulteriori tagli alla spesa oppure, in positivo, a conquistare una fetta dei 385 milioni in palio. Entro il 31 maggio Comuni e Province dovranno certificare il rispetto di due indici: il primo riguarda i tempi di pagamento dei debiti registrati in media lo scorso anno (vince chi è riuscito a rimanere sotto i 90 giorni medi), l' altro il ricorso agli acquisti centralizzati di Consip e delle altre centrali di committenza. Ogni indice vale il 5%, in più e in meno, di tagli alla spesa. E può quindi fare la differenza: tra le voci da tagliare infatti non ci sono solo le banali risme di carta, ma anche i servizi di trasporto pubblico locale o le mense scolastiche. Ma già da ora l' obiettivo appare difficile da centrare. Basti pensare che ancora oggi, a più di sei mesi dalla scadenza del 15 settembre, non tutte le Pa sono riuscite a completare il censimento dei debiti E che per inserire quelli accumulati nel 2013, in scadenza al 30 aprile, è andata in tilt la piattaforma del Mef. Il censimento dei tempi di pagamento e degli acquisti Consip è «praticamente impossibile entro il 31 maggio» per il direttore dell' Unione province italiane (Upi) Piero Antonelli. «Non si può partire fino a che il ministero degli Interni non chiarisce in che modo farlo, ma poi è chiaro che comunque i tempi sono strettissimi». In teoria per i pagamenti il monitoraggio esiste già, voluto dal decreto trasparenza, ma non è detto che l' indicatore sia quello accettato dagli Interni. Come andrà a finire? Secondo Continua > 14

18 Pagina 4 < Segue Il Sole 24 Ore Antonelli «se la norma non viene cambiata in Parlamento scatterà per molti il taglio automatico del 10% previsto dal decreto Renzi». Che in effetti ha già indicato come attuarlo: trattandosi di «contributi» che gli enti locali devono versare alle casse dello Stato, sarà l' agenzia delle Entrate a prelevare le somme direttamente dalle imposte (Rc auto per le Province e municipale propria per i Comuni). Gli altri adempimenti Altre scadenze vincolanti sono quelle per smaltire i debiti arretrati della Pa, compresi quelli che gli enti non hanno ancora riconosciuto (il 60% secondo il Mef). Il Dl da un lato riapre ai creditori la possibilità di farsi sotto con gli enti (attenzione: entro il 23 giugno) dall' altro impone un' altra tagliola alla Pa. Se non si risponde stavolta, scatta anche il divieto totale di assunzioni. Per il futuro il Governo è altrettanto ambizioso: da quest' anno gli enti locali sono spronati a scendere sotto i 90 giorni medi di ritardo nel saldo fatture. Pena, anche qui, lo stop alle assunzioni dal Una sanzione durissima che rischia di abbattersi su tutti, comprese le amministrazioni pronte a pagare ma bloccate dal Patto di stabilità. RIPRODUZIONE RISERVATA. VALERIA UVA 15

19 Pagina 4 Il Sole 24 Ore I NUMERI 3,85 miliardi Riduzione acquisti enti locali Cifra complessiva chiesta a Comuni e Province nel quadriennio dal decreto Renzi 385 milioni Quota variabile complessiva Sul totale dei risparmi è previsto un 10% di bonus/penalità per gli enti più puntuali nei pagamenti e per chi ricorre di più ad acquisti centralizzati 2,75 miliardi Contributo dalle Regioni Sempre per il quadriennio il decreto Renzi assegna anche alle Regioni obiettivi di risparmio, ma rinvia a un successivo accordo nella Conferenza Stato Regioni la definizione di indici premiali legati a tempi di pagamento e acquisti centralizzati 10% Penalità automatiche Il Comune o la Provincia che non certifica entro il 31 maggio i propri tempi di pagamento 2013 e l' uso delle centrali di acquisto deve ridurre del 10% la spesa per le forniture. 16

20 Pagina 9 Il Sole 24 Ore negli studi dei professionisti. Le parcelle si pagano al bancomat Commercialisti, ingegneri, avvocati, notai, architetti (e non solo) saranno tenuti ad accettare le «carte» dal prossimo 30 giugno. Gaia Giorgio Fedi a Mancano meno di due mesi all' entrata in vigore dell' obbligo di Pos per tutti i professionisti, già scattato in misura limitata lo scorso 28 marzo (solo per chi abbia superato la soglia di 200mila euro di fatturato nello scorso esercizio). Ma il provvedimento è stato accompagnato da una coda di polemiche da parte delle categorie interessate: il Consiglio nazionale degli architetti, per esempio, ha presentato ricorso al Tar, denunciando l' inutilità di un obbligo concepito come «una gabella dal vago sapore medievale», e «ingiustamente pagata alle banche». Per il momento non c' è stato alcun dietrofront da parte delle istituzioni, e da fine giugno l' obbligo scatterà per tutti i soggetti destinatari di pagamenti per i loro servizi, anche se per il momento è stata stabilita alcuna sanzione per i professionisti che non si adeguano. L' obbligo di Pos era stato previsto dal Decreto sviluppo nel 2012, ed è stato disciplinato poi dal Dm attuativo del 24 gennaio Gli esercenti sono tenuti a garantire la possibilità di pagare con moneta elettronica la prestazione di servizi di valore superiore ai 30 euro, ma il cliente può comunque scegliere di pagare come vuole (fermo restando il divieto di usare il contante sopra i euro). Il Decreto sviluppo inizialmente prevedeva che l' obbligo di Pos riguardasse quella parte di fatturato generata dalle transazioni con gli utenti finali, escludendo quindi i servizi venduti a imprese, PA e professionisti. Ma nel testo uscito sulla Gazzetta Ufficiale non c' è alcuna traccia di tale distinzione. Il Mise dovrebbe emanare un decreto entro la fine di giugno, in cui dovrebbero essere definite le commissioni bancarie, e l' auspicio di alcune categorie è che, nel frattempo, la distinzione venga ripescata. Ma nel frattempo, tra i soggetti interessati dal provvedimento non si celano malumori. Pochi giorni prima dell' annuncio del ricorso degli architetti era stato il Consiglio nazionale degli ingegneri, per nome del presidente, Armando Zambrano, a minacciare di ricorrere all' Antitrust, ipotizzando addirittura che lo slittamento dell' obbligo a giugno sia stato concesso «per consentire a banche e compagnie telefoniche di predisporre le proprie offerte commerciali». Effettivamente, negli stessi mesi in cui ci si preparava all' entrata in vigore dell' obbligo, che inizialmente era previsto dal 1 gennaio di quest' anno, sul mercato sono spuntate diverse proposte commerciali, soprattutto riguardanti Continua > 17

21 Pagina 9 < Segue Il Sole 24 Ore i nuovi mobile Pos che funzionano con telefonini e tablet. L' apripista è stata Intesa Sanpaolo, con la controllata Setefi, che ha lanciato il primo mobile Pos collaborazione con Vodafone, cui sono seguite altre offerte anche di start up per venire incontro alle esigenze dei professionisti alle prese con il nuovo obbligo. «C' è stata una coincidenza temporale casuale commenta Davide Steffanini, direttore generale Visa Europe. Il lavoro delle istituzioni per introdurre una normativa più vincolante è coinciso con un processo di evoluzione della tecnologia che ha consentito la trasformazione degli smartphone in Pos. Ma aggiungerei un terzo fattore: la normativa, appena approvata dal Governo, che rende trasparenti le condizioni sull' uso delle carte». Oggi ci sono le commissioni indifferenziate tra circuiti di pagamento. «D' ora in avanti invece le componenti che sottostanno alle commissioni dovranno essere trasparenti, mettendo il mercato nelle condizioni di preferire gli attori più efficienti», spiega Steffanini. La normativa inoltre prevede di rivedere le commissioni annualmente e di tenere conto dei volumi. Tutto questo dovrebbe consentire di abbassare i costi dei Pos e promuoverne l' uso, perseguendo il fine dichiarato dal Governo con l' imposizione dell' obbligo: realizzare gli obiettivi dell' Agenda digitale, ridurre l' uso del contante e contribuire ad abbattere così l' evasione. Per Steffanini l' introduzione di un obbligo «è un passo rilevante per convertire alle transazioni elettroniche i professionisti, che hanno avuto anni per dotarsi di Pos e non lo hanno fatto». Di diversa opinione l' avvocato Alessandro Polettini, socio dello studio Legalitax, secondo cui «la norma è inutile per tutti quei professionisti che lavorano con le imprese, perché non ricevono pagamenti in contanti. Sul fronte opposto, appare inefficace per i soggetti che lavorano con i privati, per i quali è più facile fare del nero, indipendentemente dall' obbligo di dotarsi di Pos». L' unico modo per abbattere l' uso del contante e frenare l' evasione, avvisa Polettini, è consentire ai clienti di dedurre le spese sostenute per i servizi. RIPRODUZIONE RISERVATA 18

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Deliberazione n. 38. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Luigi MAGGIO.

Deliberazione n. 38. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Luigi MAGGIO. Protocollo RC n. 7994/14 Deliberazione n. 38 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Anno 2014 VERBALE N. 50 Seduta Pubblica del 23 luglio 2014 Presidenza: CORATTI - MARINO L

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. Approfondimento. L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università. Riferimenti

Ufficio Studi CODAU. Approfondimento. L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università. Riferimenti Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Approfondimento L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università Riferimenti

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

DECRETO FINANZA LOCALE

DECRETO FINANZA LOCALE Dossier n. 37 Ufficio Documentazione e Studi 23 aprile 2014 DECRETO FINANZA LOCALE Con questo provvedimento si apportano alcune correzioni alla legge di stabilità 2014 e al TUEL (Testo Unico degli Enti

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli