Scritture d esercizio e Situazione contabile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scritture d esercizio e Situazione contabile"

Transcript

1 Scritture d esercizio e Situazione contabile La Situazione contabile per totali di un azienda mercantile al 31/8/n si presenta come segue: Denaro in cassa , ,00 Banca X c/c , ,00 Crediti v/ clienti , ,00 Cambiali attive , ,00 Debiti v/ fornitori , ,00 Cambiali passive , ,00 Iva a ns. credito , ,00 Iva a ns. debito , ,00 Erario c/ Iva , ,00 Dipendenti c/ retribuzioni , ,00 Erario c/ ritenute operate , ,00 Istituti di previdenza , ,00 Fabbricati ,00 Mobili ,00 Automezzi ,00 Fondo ammortamento fabbricati ,00 Fondo ammortamento mobili ,00 Fondo ammortamento automezzi ,00 Debiti per TFR ,00 Fondo rischi su crediti , ,00 Merci c/ acquisti ,00 Merci c/ vendite ,00 Magazzino merci , ,00 Salari e stipendi ,50 Oneri sociali ,00 Trasporti su acquisti ,00 Premi di assicurazione ,00 Energia elettrica ,00 Spese telefoniche ,00 Spese postali ,00 Manutenzioni e riparazioni ,00 Fitti passivi ,00 Abbuoni e ribassi passivi ,00 Abbuoni e ribassi attivi ,00 Merci c/ esistenze iniziali ,00 Patrimonio netto , , ,00 Le operazioni svolte nei primi quindici giorni di settembre sono state le seguenti: 02/09 ricevuta la fattura n. 38 della ditta Storm per la rata semestrale di affitto di un magazzino che viene pagata rilasciando un assegno bancario di euro Iva; 03/09 ricevuta la fattura n. 32 della ditta Santi per l acquisto di una partita di merci avente un importo di euro Iva e pagati in contanti euro Iva per spese di trasporto a carico della ditta fornitrice; 05/09 inviati allo sconto effetti per un valore nominale complessivo di euro 5.200; 15

2 07/09 ordinato alla banca un bonifico di euro a favore della ditta Santi; per il debito residuo si cedono effetti per euro e si rilasciano pagherò aumentati di complessivi euro 160 per interessi, che il fornitore ha debitamente fatturato; 08/09 emessa la fattura n. 425, dell importo di euro Iva, sulla ditta Marelli e pagate con assegno bancario spese di spedizione a nostro carico per euro Iva; 10/09 la banca accredita in conto corrente euro quale netto ricavo degli effetti presentati allo sconto il 5/9: commissioni d incasso euro 18, sconti passivi euro 262; 12/09 concesso il rinnovo di un effetto di euro 2.700, scaduto in giornata, ricevendo un assegno bancario di euro e un nuovo effetto a 2 mesi per il resto, maggiorato degli interessi fatturati al tasso del 5%; 12/09 saldata una fattura di un fornitore cedendo effetti per euro e pagando complessivi euro 360 in contanti: abbuono ottenuto euro 7,30; 13/09 spiccata tratta sulla ditta Marelli a saldo della nostra fattura n. 425 dell 8/9; 13/09 emessa una nota di accredito a favore di un nostro cliente per la concessione di un abbuono qualitativo di euro Iva; 14/09 venduto un automezzo del costo storico di euro e ammortizzato indirettamente negli anni precedenti per euro , quota maturata nell esercizio pari a euro 4.100, al prezzo di euro Iva; a regolamento della relativa fattura si ricevono un assegno bancario di euro e, per la differenza, un effetto aumentato degli interessi fatturati al 6% per 3 mesi; 15/09 estinta a mezzo banca una cambiale di euro 1.250; 15/09 ricevuta una parcella, emessa dal notaio per consulenze, pari a euro 816. Presentare: a) le scritture in P.D. relative alle operazioni indicate; b) la Situazione contabile redatta al 15/9 per totali ed eccedenze. Registrazioni in P.D. SVOLGIMENTO Data Cod. Conti Descrizione Dare Avere 16 02/09... FITTI PASSIVI fattura n. 38 ditta Storm 1.500,00../..... IVA ANS. CREDITO fattura n. 38 ditta Storm 300,00../..... DEBITI V/ FORNITORI fattura n. 38 ditta Storm 1.800,00 02/09... DEBITI V/ FORNITORI saldata fattura ditta Storm 1.800,00../..... BANCA X C/C saldata fattura ditta Storm 1.800,00 03/09... MERCI C/ ACQUISTI fattura n. 32 ditta Santi 8.600,00../..... IVA ANS. CREDITO fattura n. 32 ditta Santi 1.720,00../..... DEBITI V/ FORNITORI fattura n. 32 ditta Santi ,00 03/09... DEBITI V/ FORNITORI pagato trasporto per c/ ditta Santi 288,00../..... DENARO IN CASSA pagato trasporto per c/ ditta Santi 288,00 05/09... EFFETTI ALLO SCONTO inviate cambiali allo sconto 5.200,00../..... CAMBIALI ATTIVE inviate cambiali allo sconto 5.200,00 07/09... INTERESSI PASSIVI A FORNITORI fattura n.... ditta Santi 160,00../..... DEBITI V/ FORNITORI fattura n.... ditta Santi 160,00 07/09... DEBITI V/ FORNITORI regolamento fattura n. 32 ditta Santi ,00../..... BANCA X C/C regolamento fattura n. 32 ditta Santi 3.748,00../..... CAMBIALI ATTIVE regolamento fattura n. 32 ditta Santi 2.200,00../..... CAMBIALI PASSIVE regolamento fattura n. 32 ditta Santi 4.244,00 08/09... CREDITI V/ CLIENTI ns. fattura n ,00../..... MERCI C/ VENDITE ns. fattura n ,00../..... IVA ANS. DEBITO ns. fattura n ,00 08/09... TRASPORTI SU VENDITE fattura ns. vettore 180,00../..... IVA ANS. CREDITO fattura ns. vettore 36,00../..... DEBITI V/ FORNITORI fattura ns. vettore 216,00 08/09... DEBITI V/ FORNITORI regolamento fattura del vettore ,00../..... BANCA X C/C regolamento fattura del vettore ,00 10/09... BANCA X C/C accredito per sconto effetti 4.920,00../..... SCONTI PASSIVI SU EFFETTI accredito per sconto effetti 262,00../..... COMMISSIONI D INCASSO accredito per sconto effetti 18,00../..... EFFETTI ALLO SCONTO accredito per sconto effetti 5.200,00

3 12/09... CREDITI V/ CLIENTI ns. fattura n. 426 su ditta... 12,50../..... INTERESSI ATTIVI DA CLIENTI ns. fattura n. 426 su ditta... 12,50 12/09... ASSEGNI IN CASSA concesso rinnovo effetto 1.200,00../..... CAMBIALI ATTIVE concesso rinnovo effetto 1.512,50../..... CREDITI V/ CLIENTI concesso rinnovo effetto 12,50../..... CAMBIALI ATTIVE concesso rinnovo effetto 2.700,00 12/09... DEBITI V/ FORNITORI regolata fattura n.... fornitore ,30../..... CAMBIALI ATTIVE regolata fattura n.... fornitore ,00../..... DENARO IN CASSA regolata fattura n.... fornitore ,00../..... ABBUONI E RIBASSI PASSIVI regolata fattura n.... fornitore... 7,30 13/09... CAMBIALI ATTIVE spiccata tratta a regolamento ns. fattura n ,00../..... CREDITI V/ CLIENTI spiccata tratta a regolamento ns. fattura n ,00 13/09... ABBUONI E RIBASSI PASSIVI nota accredito n.... al cliente ,00../..... IVA ANS. DEBITO nota accredito n.... al cliente... 24,00../..... CREDITI V/ CLIENTI nota accredito n.... al cliente ,00 14/09... AMMORTAMENTO AUTOMEZZI quota maturata nell esercizio 4.100,00../..... F.DO AMMORTAMENTO AUTOMEZZI quota maturata nell esercizio 4.100,00 14/09... FONDO AMMORTAMENTO AUTOMEZZI storno ammortamenti ,00../..... AUTOMEZZI storno ammortamenti ,00 14/09... CLIENTI DIVERSI ns. fattura n. 247 su ditta ,00../..... AUTOMEZZI ns. fattura n. 247 su ditta ,00../..... IVA ANS. DEBITO ns. fattura n. 247 su ditta ,00 14/09... MINUSVALENZE ORDINARIE minusvalenza su automezzo 2.700,00../..... AUTOMEZZI minusvalenza su automezzo 2.700,00 14/09... CLIENTI DIVERSI ns. fattura n. 248 su ditta... 59,33../..... INTERESSI ATTIVI DA CLIENTI ns. fattura n. 248 su ditta... 59,33 14/09... ASSEGNI IN CASSA regolate fatture n. 247 e n ,00../..... CAMBIALI ATTIVE regolate fatture n. 247 e n ,33../..... CLIENTI DIVERSI regolate fatture n. 247 e n ,33 15/09... CAMBIALI PASSIVE addebito n.... Banca X 1.250,00../..... BANCA X C/C addebito n.... Banca X 1.250,00 15/09... CONSULENZE parcella n. 38 dott ,00../..... IVA ANS. CREDITO parcella n. 38 dott ,20../..... DEBITI V/ FORNITORI parcella n. 38 dott ,20 Mastri sinottici Denaro in cassa Assegni in cassa Banca x c/c , ,00 288,00 360, , , , , , , ,00 216, , , , , , ,00 Crediti v/ clienti Clienti diversi Cambiali attive , ,00 12, ,00 12, ,00 144, ,00 59, , , , , , , , , , , , , , , , ,00 Effetti allo sconto 5.200, ,00 Debiti v/ fornitori , ,00 288, ,00 216, , , , , ,00 160,00 216,00 979, ,20 Cambiali passive , , , , , ,00 17

4 Iva a ns. credito , ,00 300, ,00 36,00 163,20 Iva a ns. debito ,00 24, ,00 750, ,00 Erario c/ Iva , , , , , ,00 Dipendenti c/ retribuzioni , ,00 Erario c/ ritenute operate 1.786, ,00 Istituti di previdenza 7.588, ,00 Fabbricati Mobili Automezzi , , , , , , , ,00 Fondo ammortamento fabbricati ,00 Fondo ammortamento mobili ,00 Fondo ammortamento automezzi , , , , ,00 Debiti per TFR Fondo rischi su crediti Merci c/ acquisti , , , , , ,00 18 Merci c/ vendite , , ,00 Magazzino merci , ,00 Salari e stipendi ,50

5 Oneri sociali Trasporti su acquisti Trasporti su vendite 7.388, ,00 180,00 Premi di assicurazione Energia elettrica Spese telefoniche 4.600, , ,00 Spese postali Manutenzioni e riparazioni Fitti passivi 1.920, , , , ,00 Abbuoni e ribassi passivi Abbuoni e ribassi attivi Merci c/ esistenze iniziali 2.300,00 120, ,00 7, , , ,30 Interessi passivi a fornitori Interessi attivi da clienti Sconti passivi su effetti 160,00 12,50 59,33 262,00 71,83 Commissioni d incasso 18,00 Consulenze 816,00 Minusvalenze ordinarie 2.700,00 19

6 Ammortamento Automezzi 4.100,00 Patrimonio netto ,00 Situazione contabile per totali ed eccedenze al 15/09/n Totali Eccedenze Conti Dare Avere Dare Avere DENARO IN CASSA , , ,00 ASSEGNI IN CASSA 3.845, ,00 BANCA X C/C , , ,00 CREDITI V/ CLIENTI , , ,00 CLIENTI DIVERSI 6.659, ,33 CAMBIALI ATTIVE , , ,83 EFFETTI ALLO SCONTO 5.200, ,00 DEBITI V/ FORNITORI , , ,40 CAMBIALI PASSIVE , , ,00 IVA ANS. CREDITO , , ,20 IVA ANS. DEBITO , , ,00 ERARIO C/ IVA , , ,00 DIPENDENTI C/ RETRIBUZIONI , ,00 ERARIO C/ RITENUTE OPERATE 1.786, ,00 255,00 ISTITUTI DI PREVIDENZA 7.588, , ,00 FABBRICATI , ,00 MOBILI , ,00 AUTOMEZZI , ,00 FONDO AMMORT. FABBRICATI , ,00 FONDO AMMORT. MOBILI , ,00 FONDO AMMORT. AUTOMEZZI , ,00 DEBITI PER TFR , ,00 FONDO RISCHI SU CREDITI 1.480, ,00 820,00 MERCI C/ ACQUISTI , ,00 MERCI C/ VENDITE , ,00 MAGAZZINO MERCI , ,00 SALARI E STIPENDI , ,50 ONERI SOCIALI 7.388, ,00 TRASPORTI SU ACQUISTI 4.080, ,00 TRASPORTI SU VENDITE 180,00 180,00 PREMI DI ASSICURAZIONE 4.600, ,00 ENERGIA ELETTRICA 3.600, ,00 SPESE TELEFONICHE 3.800, ,00 SPESE POSTALI 1.920, ,00 MANUTENZIONI E RIPARAZIONI 3.150, ,00 FITTI PASSIVI 2.700, ,00 ABBUONI E RIBASSI PASSIVI 2.420, ,00 ABBUONI E RIBASSI ATTIVI 1.857, ,30 MERCI C/ ESISTENZE INIZIALI , ,00 INTERESSI PASSIVI A FORNITORI 160,00 160,00 INTERESSI ATTIVI DA CLIENTI 71,83 71,83 SCONTI PASSIVI SU EFFETTI 262,00 262,00 COMMISSIONI D INCASSO 18,00 18,00 CONSULENZE 816,00 816,00 MINUSVALENZE ORDINARIE 2.700, ,00 AMMORTAMENTO AUTOMEZZI 4.100, ,00 PATRIMONIO NETTO , ,00 TOTALE , , , ,53 20

7 Determinazione del reddito d esercizio e del patrimonio di funzionamento al termine del primo periodo amministrativo In data 5 gennaio è stata costituita l azienda del signor Leonardo Mazzetti con l apporto di un fabbricato valutato euro , di un automezzo valutato euro e di denaro contante per euro , di cui euro depositati sul conto corrente presso la Banca X. Il fabbricato risulta gravato da un mutuo di euro , sul quale maturano interessi posticipati al 5,25% da corrispondersi in data 1/4 e 1/10. Durante il primo esercizio sono state effettuate le seguenti operazioni: a) pagato in data 1 febbraio, tramite assegno bancario, il premio annuo anticipato di assicurazione sull automezzo per euro 3.600; b) acquistate attrezzature commerciali per euro Iva ordinaria, regolamento a mezzo banca; c) sostenute in contanti spese per euro 580 relative alla costituzione dell azienda, curata dal titolare stesso; d) ricevute fatture per acquisti di merci per euro Iva ordinaria; i pagamenti effettuati nell esercizio tramite conto corrente sono stati pari a euro ; e) liquidati costi relativi al personale dipendente per complessivi euro , di cui euro pagati a mezzo banca durante l esercizio. Il rimanente sarà versato nel mese di gennaio successivo per euro agli Istituti previdenziali e per euro all Erario per ritenute fiscali; f) emesse fatture per vendite di merci per euro Iva ordinaria; le riscossioni dai clienti avvenute nell esercizio ammontano a euro ; g) sostenute in contanti spese varie di gestione per euro Iva ordinaria; h) prelevati dal conto corrente euro 1.800; i) le operazioni relative al mutuo sono effettuate tramite banca, relativamente sia al pagamento degli interessi sia al rimborso della quota capitale di euro corrisposta in data 1/10; l) i versamenti relativi all Iva dell esercizio ammontano a euro e sono stati effettuati a mezzo banca; m) sul conto corrente bancario sono maturati al 31/12 interessi attivi per euro 900. A fine anno per determinare il reddito d esercizio e il patrimonio di funzionamento si tiene presente quanto segue: - le merci in rimanenza sono valutate euro ; - i costi di impianto sono ammortizzati del 25%; il fabbricato del 4%; le attrezzature del 15%; l automezzo del 20%, tenendo conto di un presunto valore di realizzo di euro ; - a favore del personale è maturata una quota di trattamento di fine rapporto di euro 2.600; - si considerano il risconto e il rateo relativi alle operazioni di cui alle lettere a) e i). Presentare: 1 il prospetto del patrimonio iniziale; 2 i calcoli relativi all Iva; 3 i prospetti dei movimenti nei valori finanziari; 4 la Situazione patrimoniale e il Conto economico redatti alla fine dell esercizio. 21

8 SVOLGIMENTO 1 Prospetto del patrimonio iniziale Per la determinazione del patrimonio netto iniziale occorre considerare gli interessi maturati sul mutuo dall 1/10 al 5/1, che costituiranno un rateo passivo: I = ( ,25) : = euro 840 rateo passivo Situazione patrimoniale al 5/1/n Attività Passività e netto Fabbricati Automezzi Banca X c/c Denaro in cassa Mutui passivi Ratei passivi Totale passività Patrimonio netto iniziale Totale attività Totale a pareggio Calcoli relativi all Iva Acquisto attrezzature euro ,00 + Iva 20% euro 4.000,00 Importo fattura euro ,00 Acquisto di merci euro ,00 + Iva 20% euro ,00 Importo fattura euro ,00 Vendita di merci euro ,00 + Iva 20% euro ,00 Importo fattura euro ,00 Spese varie di gestione euro 800,00 + Iva 20% euro 160,00 Importo fattura euro 960,00 Iva su acquisto attrezzature euro 4.000,00 Iva su acquisto merci euro ,00 Iva su spese varie di gestione euro 160,00 Totale Iva a credito euro ,00 Iva a debito su vendite euro ,00 Iva da versare euro ,00 Iva versata nel corso del periodo euro ,00 Debito v/ Erario per Iva al 31/12 euro 840,00 3 Movimentazioni nei valori finanziari 22 Prima di procedere alla rappresentazione della movimentazione dei valori finanziari occorre presentare i calcoli relativi al mutuo: 1/4 pagamento rata interessi euro ( ,25) : euro 1.575,00 1/10 pagamento rata interessi euro ( ,25) : euro 1.575,00 quota capitale del mutuo euro ,00 Totale addebiti sul c/c per il servizio del mutuo euro ,00

9 C/c bancario presso Banca X Versamento iniziale del titolare Pagamento premio di assicurazione Pagamento fattura per attrezzature Pagamento fatture acquisto merci Pagamento costi del personale Prelevamento in contanti Riscossione fatture di vendita Addebito per il servizio sul mutuo Prelevamenti per versamenti Iva Interessi attivi maturati al 31/12 Saldo attivo al 31/ , , , , , , , , , , ,00 Denaro in cassa Versamento iniziale del titolare Spese di costituzione in contanti Pagamento fattura spese varie di gestione Pagamento dal c/c bancario Saldo al 31/ ,00 580,00 960, , ,00 Debiti v/ fornitori Fatture per acquisto merci Fatture pagate durante l esercizio Debiti v/ fornitori al 31/ , , ,00 Crediti v/ clienti Fatture emesse per vendita merci Fatture riscosse durante l esercizio Crediti v/ clienti al 31/ , , ,00 Inoltre, avremo in Situazione patrimoniale: Debiti v/ Istituti previdenziali euro 2.800,00 Debiti v/ Erario per ritenute euro 1.200,00 Debiti v/ Erario per Iva euro 840,00 4 Situazione patrimoniale e Conto economico Esame delle manifestazioni economiche Dall esame delle operazioni compiute si individuano i seguenti costi e ricavi: COSTI Acquisto attrezzature euro ,00 Costi d impianto euro 580,00 Premio di assicurazione euro 3.600,00 Acquisto merci euro ,00 Costi del personale euro ,00 Interessi passivi su mutui euro 3.150,00 Spese varie di gestione euro 800,00 RICAVI Vendite di merci euro ,00 Interessi attivi bancari euro 900,00 23

10 Tuttavia, per determinare il risultato economico dell esercizio occorre apportare opportune integrazioni, quali: a) le rimanenze finali di merci sono valutate euro : trattandosi di un costo di competenza futura, esse appariranno nell attivo della Situazione patrimoniale, mentre il costo delle merci vendute sarà così determinato: Acquisti di merci dell anno euro ,00 Rimanenze finali (Situazione patrimoniale) euro ,00 Costo delle merci vendute (Conto economico) euro ,00 b) premio di assicurazione di euro corrisposto l 1/2 in via anticipata: al 31/12 occorrerà considerare la quota di competenza dell esercizio futuro, relativa al mese di gennaio, calcolando un risconto attivo: : 12 = x : 1 x = euro 300 risconto attivo (Situazione patrimoniale) E il premio di assicurazione di competenza sarà pari a: euro ( ) = euro premio di competenza (Conto economico) c) ammortamento dei costi pluriennali: euro (580 25%) = euro 145 ammortamento costi di impianto (Conto economico) euro ( %) = euro ammortamento fabbricato (Conto economico) euro ( %) = euro ammortamento attrezzature (Conto economico) euro ( ) = euro importo da ammortizzare per l automezzo euro ( %) = euro ammortamento automezzo euro ( ) = euro 435 valore residuo costi d impianto (Situazione patrimoniale) euro ( ) = euro valore residuo fabbricato (Situazione patrimoniale) euro ( ) = euro valore residuo attrezzature (Situazione patrimoniale) euro ( ) = euro valore residuo automezzi (Situazione patrimoniale) d) trattamento di fine rapporto maturato a favore del personale: il trattamento di fine rapporto (Tfr) da inserire in Conto economico per la competenza dell esercizio ammonta a euro 2.600; lo stesso importo apparirà nei Debiti per Tfr della Situazione patrimoniale, essendo l azienda al primo anno di vita; e) interessi passivi sul mutuo: al 31/12 il mutuo ammonta a euro , essendo stata corrisposta l 1/10 una quota capitale di euro Il rateo passivo calcolato dall 1/10 al 31/12 è così determinato: I = euro ( ,25 3 : 1.200) = euro 590,63 rateo passivo (Situazione patrimoniale) Pertanto, gli interessi passivi di competenza dell esercizio in chiusura saranno così determinati: interessi pagati nell esercizio (1/4-1/10) euro 3.150,00 rateo passivo iniziale euro 840,00 + rateo passivo finale euro 591,00 Interessi passivi di competenza (Conto economico) euro 2.901,00 24

11 Situazione patrimoniale al 31/12/n IMMOBILIZZAZIONI Costi di impianto Fabbricati Attrezzature Automezzi ATTIVO CIRCOLANTE Merci in magazzino Crediti v/clienti Banca X c/c Denaro in cassa Risconti attivi Totale attività Attività Passività e netto DEBITI A BREVE TERMINE Debiti v/ fornitori Debiti v/ Istituti previdenziali Debiti v/ Erario per ritenute Debiti v/ Erario per Iva Ratei passivi DEBITI A MEDIO-LUNGO TERMINE Mutui passivi Debiti per TFR Totale passività PATRIMONIO NETTO Valore iniziale Utile dell esercizio Totale a pareggio Conto economico al 31/12/n Componenti negativi Costo delle merci vendute Premio assicurazione Costi personale: salari, stipendi e contributi quota TFR Spese varie di gestione Interessi passivi su mutuo Ammortamento costi d impianto Ammortamento fabbricati Ammortamento attrezzature Ammortamento automezzi Totale componenti negativi Utile dell esercizio Totale a pareggio Vendite di merci Interessi attivi bancari Componenti positivi Totale componenti positivi

12 Prova strutturata di Economia aziendale, inizio secondo quadrimestre Premesse metodologiche Partendo dal presupposto che, attraverso le prove formative e sommative somministrate nel primo quadrimestre relativamente a ciascun modulo, si è misurato il raggiungimento degli obiettivi specifici di ogni modulo stesso, si è proceduto: 1) a ridefinire gli obiettivi coordinandoli a sistema comprendente, in modo correlato, gli obiettivi modulari specifici; 2) a individuare i soli descrittori ritenuti significativi per la costruzione di una prova articolata rispondente al sistema di obiettivi più che a ogni singolo obiettivo; 3) a costruire diverse tipologie di prove strutturate e semistrutturate per misurare: la conoscenza organizzata relativa a più obiettivi significativi (parte A); le competenze in termini di elaborazione e rielaborazione applicate all intero sistema di obiettivi organizzati a mappa (parte B); 4) a predisporre una verifica articolata che si può suddividere in due parti: la prima, formata da 9 prove non collegate tra loro e numerate da 1 a 9 (parte A, tempo assegnato: 70 minuti); la seconda, costituita da 5 prove tutte interrelate tra loro e numerate da 10.1 a 10.5 (parte B, tempo assegnato: 40 minuti). Obiettivi e descrittori di competenze Presentiamo una tabella in cui vengono evidenziati gli obiettivi e i descrittori di competenze modulari. 26 Obiettivi 1 Conoscere il concetto di azienda intesa come sistema 2 Riconoscere le varie tipologie di azienda 3 Conoscere gli elementi dell azienda 4 Conoscere i soggetti interni ed esterni dell azienda 5 Riconoscere i soggetti giuridico ed economico 6 Riconoscere i legami dell azienda con l ambiente in cui opera 7 Individuare gli obiettivi dell azienda 8 Interpretare i significati di efficienza e di efficacia del sistema azienda 9 Conoscere la tipologia delle operazioni aziendali di gestione-organizzazione-rilevazione 10 Conoscere le linee fondamentali dei modelli organizzativi più significativi e la loro evoluzione 11 Individuare il flusso logico delle operazioni aziendali 12 Ricostruire il processo logico per la determinazione del fabbisogno finanziario iniziale 13 Riconoscere la tipologia delle fonti di finanziamento Descrittori di competenze 2.a Riconoscere la forma giuridica delle aziende 4.a Riconoscere i soggetti aziendali interni ed esterni nelle varie tipologie di aziende 5.a Riconoscere i soggetti giuridico ed economico nelle varie tipologie di azienda 9.a Distinguere le operazioni aziendali in relazione alle aree di appartenenza 11.a Riconoscere la tipologia delle operazioni aziendali 11.b Ricostruire la dinamica attraverso la quale si svolgono i fatti di gestione 11.c Individuare la tipologia delle operazioni di gestione esaminando semplici casi 13.a Individuare le fonti di finanziamento riconoscendone la tipologia

13 14 Riconoscere la tipologia degli investimenti 15 Conoscere le implicazioni del concetto di valutazione per la determinazione del patrimonio 16 Analizzare la struttura del patrimonio. Interpretare il rapporto tra fonti e impieghi 17 Riconoscere l aspetto economico e finanziario della gestione individuando le variazioni finanziarie ed economiche 18 Riconoscere l influenza dei fatti di gestione sul patrimonio dell azienda 19 Determinare il risultato economico. Conoscere e comprendere il principio della competenza 20 Conoscere la logica degli equilibri aziendali: equilibrio economico, finanziario, patrimoniale 21 Riconoscere il supporto che il sistema informativo aziendale fornisce alla gestione 22 Conoscere la sequenza delle fasi del processo di elaborazione delle informazioni 23 Individuare le caratteristiche del sistema informativo e riconoscerne l articolazione 24 Redigere le principali scritture sezionali partendo dalla documentazione originale 25 Riconoscere il sistema del patrimonio e del risultato economico quale strumento metodologico di rilevazione contabile 26 Analizzare i fatti di gestione secondo il sistema del reddito e del risultato economico 14.a Individuare gli elementi patrimoniali in relazione alla loro destinazione e riferirli alle macroaree di appartenenza 16.a Utilizzare i rapporti di composizione per l analisi della struttura patrimoniale e finanziaria 16.b Commentare i rapporti di composizione patrimoniale 17.a Analizzare i fatti di gestione individuando le variazioni finanziarie ed economiche 18.a Rilevare i fatti di gestione individuandone gli effetti sul reddito e sul patrimonio 19.a Comporre la situazione economica 19.b Applicare il principio della competenza eseguendo gli opportuni conteggi ed effettuando le relative rilevazioni 20.a Utilizzare le opportune disequazioni per l analisi dell equilibrio patrimoniale e finanziario 20.b Determinare la congruità del reddito 23.a Riconoscere le varie articolazioni delle scritture contabili e aziendali 24.a Analizzare i documenti originali individuando le scritture contabili cui danno luogo 25.a Riconoscere gli effetti dei fatti esterni di gestione sulla composizione del patrimonio e del reddito attraverso l applicazione metodologica del sistema del patrimonio e del risultato economico 26.a Redigere le scritture in contabilità generale derivanti dall analisi dei fatti di gestione proposti PARTE A Prova 1 Obiettivi: 9 Descrittori: 9.a Indica con una crocetta nell apposita casella a quale tipologia appartengono le operazioni elencate. Operazioni 1. Operazione Operazioni di gestione 2. Operazione Operazioni di organizzazione 3. Operazione Operazioni di rilevazione a) Assunzione di un tecnico b) Acquisto di una macchina saldatrice c) Acquisto di materiale di consumo d) Definizione dell organigramma aziendale e) Registrazione di un incasso f) Stipulazione di un contratto di vendita g) Definizione della procedura per evadere gli ordini h) Vendita di prodotti finiti i) Registrazione di una fattura di acquisto 27

14 Prova 2 Obiettivi: 11 Descrittori: 11.a Collega le espressioni della colonna di sinistra con i termini della colonna di destra, indicandone il corrispondente numero nell apposita casella. Alcune definizioni non sono correlabili con i termini proposti. 1) Insieme di operazioni coordinate per raggiungere il fine aziendale 2) Periodo di tempo che intercorre fra l investimento di risorse finanziarie in un fattore produttivo e il suo rientro in forma monetaria 3) Insieme di operazioni di scambio con soggetti esterni all azienda 4) Impieghi monetari per l acquisizione di fattori produttivi 5) Processi economico-tecnici di trasformazione attuati interamente nell ambito dell azienda 6) Operazioni di negoziazione, remunerazione e rimborso dei finanziamenti ottenuti 7) Ritorno in forma monetaria dei fattori impiegati per attuare la produzione 8) Valore dei fattori produttivi da impiegare nell attività aziendale a) gestione interna b) disinvestimento c) gestione d) ciclo monetario e) gestione esterna f) investimento a b c d e f Prova 3 Prova 3.1 Obiettivi: 11 Descrittori: 11.b Ricostruisci il flusso delle operazioni gestionali di un azienda numerando le operazioni secondo la sequenza corretta. a) vendita di beni prodotti b) acquisto di impianti per la produzione c) provvista di mezzi finanziari a pieno rischio d) produzione di beni destinati alla vendita e) acquisto di materie prime f) imballaggio e spedizione dei beni prodotti Prova 3.2 Obiettivi: 11 Descrittori: 11.c Caso Nel mese di settembre l azienda di confezioni Franca Colli ha acquistato 10 pezze di stoffa di pura lana vergine in varie tonalità del marrone e del verde, 5 pezze di fodera, bottoni, cerniere lampo, filo da cucire, aghi e spilli. Durante il mese di ottobre ha confezionato 30 completi da uomo, 25 completi da donna in varie taglie, 20 gonne e 30 pantaloni che ha venduto ai negozi della provincia. Il trasporto ai punti vendita degli abiti è stato effettuato da un dipendente dell azienda di confezioni. Nel mese di dicembre l azienda ha ottenuto dalla propria banca un prestito di euro che ha utilizzato per acquistare nuove macchine per cucire di tipo industriale. Individua le diverse operazioni di gestione e classificale nella seguente tabella. Operazioni Finanziamento Investimento Trasformazione Disinvestimento 28

15 Prova 3.3 Obiettivi: 11 Descrittori: 11.c Caso Nel mese di settembre la cantina sociale di Broni ha acquistato dai viticoltori della zona varie partite di uva, di qualità diverse, adatte alla vinificazione. L uva è stata quindi pigiata e il vino ottenuto è stato versato nelle botti per la maturazione. Nel successivo mese di febbraio il vino ormai maturo è stato imbottigliato e confezionato per la vendita. Nei successivi mesi la cantina sociale ha venduto le bottiglie di vino a una catena di enoteche della Lombardia. Individua le diverse operazioni di gestione e classificale nella seguente tabella. Operazioni Operazioni di gestione interna Operazioni di gestione esterna Prova 4 Obiettivi: 17 Descrittori: 17.a Prova 4.1 Indica con una crocetta nell apposita casella il riflesso economico e finanziario delle seguenti operazioni compiute da un azienda di confezioni. Operazioni 1. Costo 2. Ricavo a) Acquisto di stoffe con pagamento a 60 gg. b) Pagamento degli stipendi ai dipendenti con assegni bancari c) Acquisto bottoni con pagamento in contanti d) Vendita di abiti con pagamento immediato e) Pagamento della bolletta Telecom 3. Entrata monetaria 4. Uscita monetaria 5. Credito 6. Debito f) Accensione di un prestito bancario g) Acquisto di una macchina stiratrice con pagamento a due mesi h) Vendita di giacche con regolamento a 30 giorni 29

16 Segna con una crocetta la risposta corretta. Prova I costi rappresentano a. le uscite monetarie derivanti dagli investimenti b. il valore di scambio dei fattori produttivi acquistati c. le diminuzioni delle disponibilità monetarie d. i debiti commerciali derivanti dagli acquisti La vendita di un bene con pagamento per pronta cassa determina a. un entrata monetaria b. un credito di regolamento c. un debito di regolamento d. un uscita monetaria L acquisto di materie prime con pagamento dilazionato determina a. un uscita monetaria b. un credito di regolamento c. un entrata monetaria d. un debito di regolamento L aumento di un credito di regolamento rappresenta a. un costo b. una variazione finanziaria passiva c. una variazione finanziaria attiva d. un ricavo L estinzione di un debito di finanziamento rappresenta a. una variazione finanziaria attiva b. un ricavo c. un costo d. una variazione finanziaria passiva I valori finanziari attivi rappresentano a. gli impieghi di capitale b. i mezzi finanziari a disposizione dell azienda c. l insieme dei crediti e delle disponibilità liquide d. i crediti di finanziamento Prova 5 Obiettivi: Descrittori: 18.a-19.a-19.b Segna con una crocetta la risposta corretta. Prova Il rateo passivo è a. una quota di costo di competenza dell esercizio che sarà misurato da un uscita che avrà manifestazione finanziaria futura b. una quota di un uscita che ha già avuto manifestazione finanziaria, relativa a un costo di competenza dell esercizio c. una quota di un uscita che avrà manifestazione finanziaria futura relativa a un costo di competenza dell esercizio d. una quota di ricavo di competenza dell esercizio misurata da un entrata che ha già avuto manifestazione finanziaria L ammortamento è a. un procedimento tecnico-contabile riguardante i beni strumentali che consente di sospendere il loro costo d acquisto fino al momento del loro disinvestimento b. un procedimento contabile che consente di ripartire il costo d acquisto di una immobilizzazione immateriale, materiale e finanziaria attraverso il calcolo di quote di ammortamento di competenza dell esercizio durante la vita utile del bene c. un procedimento tecnico-contabile che consente di ripartire un costo pluriennale attraverso il calcolo di quote di ammortamento di competenza dell esercizio durante la vita utile del bene d. un procedimento finanziario che consente di ridurre il valore delle immobilizzazioni immateriali e materiali per l usura, l obsolescenza o l inadeguatezza Un ricavo è di competenza dell esercizio quando a. è misurato da una variazione finanziaria attiva avvenuta nell esercizio b. è misurato da un uscita che si manifesterà in futuro ma che ha avuto nell esercizio il correlativo costo c. è maturato nell esercizio o ha avuto nell esercizio stesso il correlativo costo d. ha già avuto manifestazione finanziaria ed è relativo all investimento in un fattore produttivo

17 In base al seguente fatto di gestione: 1/11/n pagati interessi passivi semestrali anticipati al tasso del 4,5% relativi a un mutuo dell importo di euro ; al 31/12/n si dovrà rilevare a. un rateo attivo di euro b. un risconto passivo di euro c. un risconto attivo di euro d. un risconto passivo di euro Prova 5.2 Prova 5.3 La ditta Carli & C. ha acquistato nell anno n un macchinario del costo di euro che viene ammortizzato a quote costanti in tre anni. Inserisci nei seguenti prospetti i dati derivanti dal processo di ammortamento. Situazione patrimoniale al 31/12/n Conto economico al 31/12/n Situazione patrimoniale al 31/12/n + 1 Conto economico al 31/12/n + 1 Situazione patrimoniale al 31/12/n + 2 Conto economico al 31/12/n + 2 Prova 6 Obiettivi: Descrittori: 16.a-16.b-20.a-20.b La Situazione patrimoniale al 31/12/n dell azienda Alfa presenta i seguenti valori espressi in migliaia di euro: Situazione patrimoniale dell azienda Alfa al 31/12/n Attivo Passivo IMMOBILIZZAZIONI ATTIVO CIRCOLANTE % 30% DEBITI A BREVE DEBITI A MEDIO-LUNGO %...% TOTALE PASSIVITÀ PATRIMONIO NETTO %...% Totale attività......% Totale a pareggio Completa il prospetto e commenta la situazione patrimoniale e finanziaria dell azienda Alfa indicando se: a) la struttura patrimoniale è rigida o elastica... b) il rapporto tra finanziamenti e investimenti è equilibrato... c) il rapporto tra capitale proprio e capitale di terzi è equilibrato % 31

18 Prova 7 Obiettivi: Descrittori: 18.a-25.a-26.a Individua e correggi gli errori contenuti nello stralcio dei seguenti prospetti della Situazione patrimoniale e del Conto economico dell azienda Beta redatti al 31/12/n. Impianti Attrezzature Situazione patrimoniale 800 F. amm. impianti 200 F. amm. attrezz. Utile d esercizio Amm. attrezz. Utile d esercizio Conto economico 100 Mutui passivi Prova 8 Obiettivi: Descrittori: 24.a-25.a-26.a Inserisci le descrizioni corrette nei seguenti articoli in partita doppia. Data Cod. Conti Descrizione Dare Avere../..... MERCI C/ ACQUISTI ,00../..... TRASPORTI SU ACQUISTI ,00../..... IVA ANS. CREDITO ,00../..... DEBITI V/ FORNITORI ,00../..... DEBITI V/ FORNITORI ,00../..... RESI SU ACQUISTI ,00../..... IVA ANS. DEBITO ,00../..... DEBITI V/ FORNITORI ,00../..... BANCA X C/C ,00../..... ABBUONI E RIBASSI PASSIVI... 40,00 Rispondi inoltre alle seguenti domande. 1) Le spese di trasporto sono documentate?.... 2) Qual è la condizione di consegna? ) Su quale registro viene registrata l Iva? ) Quali sono i valori economici rilevati? ) Quali valori economici sono rettificativi del costo di acquisto? Prova 9 Obiettivi: Descrittori: 25.a-26.b Completa i seguenti articoli. 32 Data Cod. Conti Descrizione Dare Avere../..... ANTICIPI A FORNITORI A/B n... alla ditta... per anticipo 5.000,00 1)../ A/B n... alla ditta... per anticipo...../ A/B n... alla ditta... per anticipo...../..... MERCI C/ ACQUISTI ricevuta fattura n... della ditta ,00../..... IVA NS CREDITO ricevuta fattura n... della ditta )../ ricevuta fattura n... della ditta ,00../..... DEBITI V/ FORNITORI ricevuta fattura n... della ditta ,00

19 PARTE B Dopo aver attentamente esaminato la documentazione allegata, e cioè: a) documento di trasporto n 8915; b) fattura n. 400; c) fattura n. 921; d) Situazione contabile della Boni & Ricci S.n.c.; svolgi i punti che vengono richiesti nei seguenti esercizi 10.1, 10.2, 10.3, 10.4 e Documento di trasporto MOBILIFICIO BRIANZOLO SPA Piazza XXIV MAGGIO CANTÙ Tel Fax Cap. Soc C.F., P.I. e Registro imprese Documento di trasporto n del 02/10/200n Spett. BONI & RICCI S.n.c. Via CAVOUR BERGAMO Causale del trasporto Vendita Scrivanie modello MT Poltroncine modello MB Descrizione beni (natura e qualità) U.M. n. n. Quantità 8 8 Impresa incaricata del trasporto Rapid S.r.l. via Petrarca Cantù (Como) Data di inizio del trasporto... Fattura n. 400 MOBILIFICIO BRIANZOLO SPA Piazza XXIV MAGGIO CANTÙ Tel Fax Cap. Soc C.F., P.I. e Registro imprese Spett. BONI & RICCI S.n.c. Via CAVOUR BERGAMO Fattura n. 400 Vostro ordine del 15/9/200n Cantù,15 ottobre 200n Documento di trasporto n del 02/10/200n Trasporto a mezzo vettore anticipato in nome e per conto vostro P.Iva Cliente n Pagamento 60 giorni data fattura Quantità Descrizione Prezzo Importo n. 8 n. 8 Scrivanie modello MT Poltroncine modello MB 750,00 350, , ,00 Base imponibile Iva 20% Spese come da fattura allegata n. 921 Totale fattura 8.800, , ,00 360, ,00 33

20 Fattura n. 921 RAPID S.R.L. Trasporti celeri in tutta Italia Via Petrarca CANTÙ Telefono Fax Cap. Soc C.F. e Registro imprese Spett. BONI & RICCI S.n.c. Via CAVOUR BERGAMO Fattura n. 921 Cantù, 2 ottobre 200n Descrizione Trasporto di n. 8 colli per Vostro conto da Cantù a Bergamo su ordine della ditta Mobilificio Brianzolo Spa, come da documento di trasporto n del 2/10/200n Iva 20% Totale fattura Prezzo Importo 300,00 60,00 360,00 Prova 10 Prova 10.1 Obiettivi: Descrittori: 25.a-25.b Trascrivi gli importi della Situazione contabile nella sezione corretta. Situazione contabile Attivo Importi Dare Avere CAPANNONE MAGAZZINO PALAZZINA UFFICI ED ESPOSIZIONE FONDO AMMORTAM. CAPANNONE FONDO AMMORTAM. PALAZZINA ARREDAMENTI FONDO AMMORTAM. ARREDAMENTI AUTOMEZZI FONDO AMMORTAM. AUTOMEZZI MACCHINE UFFICIO FONDO AMMORT. MACCHINE UFFICIO CREDITI V/ CLIENTI IVA A NS CREDITO BANCA X C/C (ATTIVO) DENARO IN CASSA CAPITALE SOCIALE RISERVE MUTUI PASSIVI DEBITI V/ FORNITORI IVA A NS DEBITO DEBITI DIVERSI SCRIVANIE C/ ACQUISTI SCAFFALI C/ ACQUISTI SEDIE C/ ACQUISTI POLTRONE C/ ACQUISTI ARMADI C/ ACQUISTI SCRIVANIE C/ VENDITE SCAFFALI C/ VENDITE SEDIE C/ VENDITE POLTRONE C/ VENDITE ARMADI C/ VENDITE COSTI PER SERVIZI DIVERSI IMPOSTE E TASSE INTERESSI PASSIVI SU MUTUI SCRIVANIE C/ ESISTENZE INIZIALI SCAFFALI C/ ESISTENZE INIZIALI SEDIE C/ ESISTENZE INIZIALI POLTRONE C/ ESISTENZE INIZIALI ARMADI C/ ESISTENZE INIZIALI TOTALI , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 34

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO Insegnamento di ECONOMIA AZIENDALE I CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO UNIVERSITÀ DI FIRENZE A.A. 2007/08 A CURA DI GIACOMO MANETTI QUADERNO DI ESERCIZI N. 3: CONTABILITA GENERALE

Dettagli

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA di Mariaersilia LISI RICATTI Materie: Economia aziendale (Classe 3 a Istituto Tecnico, 3 a Istituto Professionale)

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta

Dettagli

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali ESERCIZIO n. 1 Assestamento, determinazione del reddito e scritture di riapertura Eccedenze Dare Eccedenze Avere Denaro in cassa 4.262,70 Patrimonio Netto 928.690,60 Interessi passivi v/forn. 10.105,20

Dettagli

Esercizi di ingresso. 1) Scritture in Partita Doppia

Esercizi di ingresso. 1) Scritture in Partita Doppia Esercizi di ingresso 1) Scritture in Partita Doppia 03/04 ACQUISTI DI MERCI 13.885,20 03/04 IVA A CREDITO 2.777,04 03/04 DEBITI V/FORNITORI 504,00 03/04 INTERESSI PASSIVI V/FORNITORI 84,66 03/04 DEBITI

Dettagli

1/11/n. Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea. Marina Ciaudano Maria Sobrero

1/11/n. Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea. Marina Ciaudano Maria Sobrero + =? r i =??? 1/11/n 9 20% 1? a 5 4 fa? Come si Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea % Marina Ciaudano Maria Sobrero fa? Come si Esercizi e domande per recuperare Economia

Dettagli

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento Svolgere il seguente esercizio. Al termine di un certo anno gli impieghi e i finanziamenti di capitale di debito di un impresa commerciale sono i seguenti: merci 106.000 euro, automezzi 18.000 euro, debiti

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato da: Firma Rilasciato il: Segnare con una l unica risposta

Dettagli

CONTO SALDI DARE AVERE

CONTO SALDI DARE AVERE Simulazione n. 1 La situazione dei conti al 30/11/2014 della società Even Srl che svolge attività mercantile, presenta i seguenti saldi: CONTO SALDI DARE AVERE Attrezzature 200.000,00 Banca di Roma c/c

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 11 Scritture di gestione; scritture di assestamento, epilogo, chiusura; Situazione contabile finale; bilancio d esercizio Conoscenza: natura

Dettagli

Operazioni varie di gestione: giornale e mastri sinottici

Operazioni varie di gestione: giornale e mastri sinottici Operazioni varie di gestione: giornale e mastri sinottici All 1/1.., nella contabilità dell azienda del signor Anselmo Berrino figuravano i seguenti valori relativi ai beni strumentali: Imballaggi durevoli

Dettagli

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10.

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10. ESERCITAZIONE N 2 (anno n e anno n+1) In questa esercitazione, partendo dalla costituzione di una S.p.A., vengono eseguite le scritture continuative relative alle operazioni svolte durante l esercizio;

Dettagli

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa TESTO ESERCITAZIONE CODIFICATO 1. In data 2/12 si paga al fornitore Le bottiglie Srl, tramite bonifico bancario, un

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato da: Firma Rilasciato il: Segnare con una X l unica risposta

Dettagli

1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo. Impresa individuale esercente attività mercantile. Download

1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo. Impresa individuale esercente attività mercantile. Download Download Impresa individuale esercente attività mercantile 1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo Nome del conto Natura 10 P Banche c.c Fondi liquidi 11 P c.c. postali Fondi liquidi 12 P

Dettagli

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto Il conto Il conto, strumento di rilevazione delle scritture complesse, è un insieme di valori riferibili ad un determinato oggetto (un costo: materie c/acquisto, oneri assicurativi ; un credito, un ricavo)

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione Impresa individuale esercente attività mercantile Piano dei conti e prospetto di raccordo LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione P Banche c.c Fondi liquidi Attivo P c.c. postali Fondi liquidi

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE Si richiede lo svolgimento della parte A e di uno dei punti a scelta della parte B E consentito l uso del Codice Civile non commentato e della calcolatrice

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE BENI STRUMENTALI 1) In data 02/05/n l industriale Federico Pizzetto stipula un contratto di acquisto di un macchinario con la Vortici srl alle seguenti condizioni: costo complessivo 60.000 euro + iva ordinaria

Dettagli

Elaborazione del bilancio d esercizio

Elaborazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 7 Elaborazione del bilancio d esercizio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica

Dettagli

Le principali scritture di fine esercizio

Le principali scritture di fine esercizio Le principali scritture di fine esercizio A cura di: Dott Renzo Gangai Alberton Dott Cristian Gangai Alberton Dott.ssa Michela Bettella Dott Maurizio Reffo Prima di procedere con la rilevazione delle scritture

Dettagli

Dinamico Educational. Obiettivi ed esercitazioni da svolgere. vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci

Dinamico Educational. Obiettivi ed esercitazioni da svolgere. vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico Educational Obiettivi ed esercitazioni da svolgere vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico educational vers. 02-2012 Obiettivi Lavorare con il software Dinamico Educational ci

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 31/12 La società X fitta un capannone a 10000 annuali. La riscossione avviene il 20/5 di ogni anno, in maniera anticipata. Redigere le scritture. 31/12 La società X fitta

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA CONTABILITA GENERALE 21 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA 8 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 H. Scritture di assestamento

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ESERCIZI RIASSUNTIVI (senza soluzione) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

NELLA CONTABILITA GENERALE

NELLA CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 9 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO 24 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 CLASSIFICAZIONE DELLE SCRITTURE NELLA CONTABILITA GENERALE

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa PROFILO AZIENDALE

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa PROFILO AZIENDALE PROFILO AZIENDALE L impresa industriale Vini buoni SPA produce e vende vini imbottigliati. L impianto di produzione si compone dei seguenti beni ammortizzabili: vasche di scarico dell uva, diraspatrici,

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 (prof. MICHELE GALEOTTI Economia aziendale) 31/12 La società X fitta un capannone a 10000 annuali. La riscossione avviene il 20/5 di ogni anno, in maniera anticipata. 31/12

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia ESERCITAZIONE PRATICA DI CONTABILITA GENERALE Prof.ssa Mara Del Baldo Dott. Antonio Rizzuto Dott.ssa Elena De Renzio Fano, 03 dicembre 2009

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze Traccia n. 1 1. Il Candidato compili la Situazione Contabile dell impresa «Omega SpA», tenendo conto che il prospetto contabile di seguito presentato è stato redatto dopo la prima e la seconda fase dell

Dettagli

Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali

Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali A L.7-8-9 Scritture di assestamento e di chiusura dei conti 29 La Situazione contabile al /n della S.n.c. Antonio

Dettagli

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali Capitolo 8 Analisi per flussi 1. Considerazioni generali Il rendiconto finanziario è un prospetto che raggruppa, in relazione a determinati scopi di formazione, le variazioni (flussi) intervenute nella

Dettagli

CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA"

CORSO SPERIMENTALE - Progetto BROCCA ITC CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA" Anno 24 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La contabilità generale si fonda sul quadro dei conti e sulle note illustrative che spiegano il loro funzionamento. Il candidato

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda individuale

Quadro dei conti di un azienda individuale Documento Piano dei conti Biblioteca di Economia aziendale Quadro dei conti di un azienda individuale Quadro dei conti sintetico Quadro dei conti analitico per il secondo biennio Istituti Tecnici del settore

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ESERCIZIO 1 - Riporto a capitale, reddito e rendiconto di liquidità. Analisi dei valori e delle variazioni Alla fine

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156

Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Corsi Diurni: IGEA Mercurio Geometri Progetto Cinque ERICA Tecnico Turistico ITER Corsi Post Diploma

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Scopo contabilità determinare: Reddito di esercizio Patrimonio di funzionamento Passaggio da valori contabili a valori di bilancio Determinazione della corretta competenza

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE DEL 03 LUGLIO 2008 I Il candidato illustri le finalità economico

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE RIPASSO GENERALE DELLE REGOLE DI PARTITA DOPPIA NON È MATERIALE DIDATTICO DA STUDIARE AI FINI DEL CORSO DI ECONOMIA DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE D'IMPRESA A.A. 2010/2011

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali BENI MOBILI DUREVOLI IMPIANTI E MACCHINARI ATTREZZATURE Industriali / Commerciali MACCHINE Elettriche

Dettagli

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Bilancio d esercizio ART. 2423 Codice Civile Stato Patrimoniale Conto economico Nota integrativa ART.

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

COMPITO A Candidato matricola.

COMPITO A Candidato matricola. COMPITO A Candidato matricola. Si risponda sinteticamente alle seguenti domande e si risolva ordinatamente il punto 8. 1 a domanda Definire il concetto di soggetto giuridico con riferimento alle varie

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

La liquidazione dell IVA (cenni teorici)

La liquidazione dell IVA (cenni teorici) La liquidazione dell IVA (cenni teorici) L IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) è un imposta indiretta che si applica alle cessioni di beni, alle prestazioni di servizi ed alle importazioni. Sulla base delle

Dettagli

IISS BOSELLI ALBERTI PERTINI CLASSE 4G PROVA STRUTTURATA DI ECONOMIA AZIENDALE. Questionario: Il bilancio d'esercizio

IISS BOSELLI ALBERTI PERTINI CLASSE 4G PROVA STRUTTURATA DI ECONOMIA AZIENDALE. Questionario: Il bilancio d'esercizio IISS BOSELLI ALBERTI PERTINI CLASSE 4G PROVA STRUTTURATA DI ECONOMIA AZIENDALE Questionario: Il bilancio d'esercizio 1. Il bilancio d'esercizio delle società di capitali: a) è composto dallo Stato patrimoniale

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

Esercitazioni con l applicativo gestionale

Esercitazioni con l applicativo gestionale 455 Esercitazioni con l applicativo gestionale Capitolo 136 136.1 Codifica................................................................ 456 136.1.1 Piano dei conti....................................................

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE CONTABILITA GENERALE 20 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 1 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ACQUISTO E VENDITA: In data 1/7 la società X paga fitti passivi per euro 6000, con denaro in cassa. In data 3/7la società riscuote, in contanti, fitti attivi per euro

Dettagli

PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE

PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE Tema d esame PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE di Stefano RASCIONI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI

Dettagli

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC Gli acquisti e il loro regolamento Classe III ITC L acquisto dei fattori produttivi Rappresenta un operazione di investimento che genera costi Classificazione dei fattori produttivi pluriennali = beni

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE

RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE Relazione Conto economico e stato patrimoniale Maggio 2014 1 Relazione economica 2014 Il D.Leg.vo n. 77/1995 ha introdotto

Dettagli

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1 Tema n. 1 In data 31/12/02 si decide lo scorporo di un ramo d azienda dalla società Gamma S.p.A. - che ha i- niziato la propria attività in data 1/1/1995 - ed il suo successivo conferimento nella società

Dettagli

PROVA C. ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: ...

PROVA C. ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: ... PROVA C ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: Attrezzature 157.400,00 Riserva Legale 30.000,00 Capitale sociale 270.000,00 Crediti

Dettagli

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI PIANO DEI CONTI 1. COMPONENTI POSITIVE DI REDDITO 1.1. Ricavi di vendita 1.1.1. Prodotti c/vendite 1.1.2. Merci c/vendite 1.1.3. Servizi c/vendite 1.1.4. Prodotti c/vendite estero 1.1.5. Merci c/vendite

Dettagli

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I 20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I Il candidato proceda preventivamente ad illustrare sotto il profilo civilistico e fiscale le caratteristiche dell operazione di cessione d azienda. Successivamente

Dettagli

Esercitazioni con l applicativo gestionale

Esercitazioni con l applicativo gestionale TXT HTM PDF pdf P1 P2 P3 P4 455 Esercitazioni con l applicativo gestionale Capitolo 136 136.1 Codifica................................................................ 456 136.1.1 Piano dei conti....................................................

Dettagli

LIBRO DI TESTO: PRONTI VIA CLASSE QUARTA TOMO H SCUOLA & AZIENDA

LIBRO DI TESTO: PRONTI VIA CLASSE QUARTA TOMO H SCUOLA & AZIENDA KIT di TPC (economia aziendale) CLASSE QUARTA APC A.S. 2013/14 LIBRO DI TESTO: PRONTI VIA CLASSE QUARTA TOMO H SCUOLA & AZIENDA RIPASSO DELLA CONTABILITA' GENERALE - costituzione di un azienda individuale

Dettagli

Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo

Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo Premessa Chi gestisce la contabilità di un impresa lo fa perché alla fine di ogni anno di gestione ha bisogno di conoscere due cose fondamentali relative

Dettagli

Ragioneria generale ed applicata Prof. Salvatore Madonna pag. 1

Ragioneria generale ed applicata Prof. Salvatore Madonna pag. 1 Ragioneria generale ed applicata Prof. Salvatore Madonna pag. 1 Esercizio n. 1 (Finanziamento) Si effettui, per le operazioni di gestione sotto riportate, l'analisi della natura delle variazioni di valore.

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

Lez. 3. I ferri del mestiere. I registri in cui si effettuano le registrazioni. Lez. 3 1

Lez. 3. I ferri del mestiere. I registri in cui si effettuano le registrazioni. Lez. 3 1 Lez. 3 I ferri del mestiere I registri in cui si effettuano le registrazioni Lez. 3 1 La tecnica di rilevazione Per effettuare le registrazioni contabili occorre disporre di due strumenti: il piano dei

Dettagli

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI sono: FATTORI PRODUTTIVI AD UTILIZZO PLURIENNALE «STRUMENTI» DEL PROCESSO PRODUTTIVO Le immobilizzazioni incorporano

Dettagli

www.net4students.org Pag. 1

www.net4students.org Pag. 1 TOMO 1-5. SOCIETÀ DI CAPITALI: FINANZIAMENTI A TITOLO DI CAPITALE DI DEBITO 5.2 confronto tra prestito obbligazionario e mutuo passivo Piano di ammortamento finanziario del prestito obbligazionario Anni

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti Voci di: Stato patrimoniale (art. 2424 c.c.) Conto economico

Dettagli

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari 1 ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari ESERCIZIO (1) Variazioni del reddito, patrimonio, CCN e cassa Si ipotizzi di analizzare il bilancio della azienda BETA chiuso

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA Svolgimento della prima prova scritta I temi scelti dalla Commissione

Dettagli

MEDICI SENZA FRONTIERE ONLUS SITUAZIONE PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2009 (IN EURO) 2009 2008 parziali totali parziali totali

MEDICI SENZA FRONTIERE ONLUS SITUAZIONE PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2009 (IN EURO) 2009 2008 parziali totali parziali totali ATTIVO A) CREDITI VERSO ASSOCIATI PER VERSAMENTO QUOTE B) IMMOBILIZZAZIONI MEDICI SENZA FRONTIERE ONLUS SITUAZIONE PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2009 (IN EURO) 2009 2008 parziali totali parziali totali I

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

Facoltà di Economia EADI Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 08 Gennaio 2004

Facoltà di Economia EADI Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 08 Gennaio 2004 Facoltà di Economia EADI Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 08 Gennaio 2004 Al 30/11/ 2002, la situazione contabile della M.S.M.C. S.p.A. presenta, tra gli altri, i seguenti valori: Acquisto

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia. Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia. Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini Appunti in tema di contabilità A.A. 2003-2004 Appunti di contabilità

Dettagli

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500 Il 4 gennaio 20xx arriva in azienda la fattura relativa ad un acquisto di merce per 5.000 + IVA 10% che al 31/12 era stato registrato senza il relativo documento. 3/1/20xx DARE AVERE Fatture da ricevere

Dettagli

Esercitazioni con l applicativo gestionale

Esercitazioni con l applicativo gestionale 201 Esercitazioni con l applicativo gestionale Capitolo 136 136.1 Codifica................................................................ 201 136.1.1 Piano dei conti....................................................

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli