Scritture d esercizio e Situazione contabile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scritture d esercizio e Situazione contabile"

Transcript

1 Scritture d esercizio e Situazione contabile La Situazione contabile per totali di un azienda mercantile al 31/8/n si presenta come segue: Denaro in cassa , ,00 Banca X c/c , ,00 Crediti v/ clienti , ,00 Cambiali attive , ,00 Debiti v/ fornitori , ,00 Cambiali passive , ,00 Iva a ns. credito , ,00 Iva a ns. debito , ,00 Erario c/ Iva , ,00 Dipendenti c/ retribuzioni , ,00 Erario c/ ritenute operate , ,00 Istituti di previdenza , ,00 Fabbricati ,00 Mobili ,00 Automezzi ,00 Fondo ammortamento fabbricati ,00 Fondo ammortamento mobili ,00 Fondo ammortamento automezzi ,00 Debiti per TFR ,00 Fondo rischi su crediti , ,00 Merci c/ acquisti ,00 Merci c/ vendite ,00 Magazzino merci , ,00 Salari e stipendi ,50 Oneri sociali ,00 Trasporti su acquisti ,00 Premi di assicurazione ,00 Energia elettrica ,00 Spese telefoniche ,00 Spese postali ,00 Manutenzioni e riparazioni ,00 Fitti passivi ,00 Abbuoni e ribassi passivi ,00 Abbuoni e ribassi attivi ,00 Merci c/ esistenze iniziali ,00 Patrimonio netto , , ,00 Le operazioni svolte nei primi quindici giorni di settembre sono state le seguenti: 02/09 ricevuta la fattura n. 38 della ditta Storm per la rata semestrale di affitto di un magazzino che viene pagata rilasciando un assegno bancario di euro Iva; 03/09 ricevuta la fattura n. 32 della ditta Santi per l acquisto di una partita di merci avente un importo di euro Iva e pagati in contanti euro Iva per spese di trasporto a carico della ditta fornitrice; 05/09 inviati allo sconto effetti per un valore nominale complessivo di euro 5.200; 15

2 07/09 ordinato alla banca un bonifico di euro a favore della ditta Santi; per il debito residuo si cedono effetti per euro e si rilasciano pagherò aumentati di complessivi euro 160 per interessi, che il fornitore ha debitamente fatturato; 08/09 emessa la fattura n. 425, dell importo di euro Iva, sulla ditta Marelli e pagate con assegno bancario spese di spedizione a nostro carico per euro Iva; 10/09 la banca accredita in conto corrente euro quale netto ricavo degli effetti presentati allo sconto il 5/9: commissioni d incasso euro 18, sconti passivi euro 262; 12/09 concesso il rinnovo di un effetto di euro 2.700, scaduto in giornata, ricevendo un assegno bancario di euro e un nuovo effetto a 2 mesi per il resto, maggiorato degli interessi fatturati al tasso del 5%; 12/09 saldata una fattura di un fornitore cedendo effetti per euro e pagando complessivi euro 360 in contanti: abbuono ottenuto euro 7,30; 13/09 spiccata tratta sulla ditta Marelli a saldo della nostra fattura n. 425 dell 8/9; 13/09 emessa una nota di accredito a favore di un nostro cliente per la concessione di un abbuono qualitativo di euro Iva; 14/09 venduto un automezzo del costo storico di euro e ammortizzato indirettamente negli anni precedenti per euro , quota maturata nell esercizio pari a euro 4.100, al prezzo di euro Iva; a regolamento della relativa fattura si ricevono un assegno bancario di euro e, per la differenza, un effetto aumentato degli interessi fatturati al 6% per 3 mesi; 15/09 estinta a mezzo banca una cambiale di euro 1.250; 15/09 ricevuta una parcella, emessa dal notaio per consulenze, pari a euro 816. Presentare: a) le scritture in P.D. relative alle operazioni indicate; b) la Situazione contabile redatta al 15/9 per totali ed eccedenze. Registrazioni in P.D. SVOLGIMENTO Data Cod. Conti Descrizione Dare Avere 16 02/09... FITTI PASSIVI fattura n. 38 ditta Storm 1.500,00../..... IVA ANS. CREDITO fattura n. 38 ditta Storm 300,00../..... DEBITI V/ FORNITORI fattura n. 38 ditta Storm 1.800,00 02/09... DEBITI V/ FORNITORI saldata fattura ditta Storm 1.800,00../..... BANCA X C/C saldata fattura ditta Storm 1.800,00 03/09... MERCI C/ ACQUISTI fattura n. 32 ditta Santi 8.600,00../..... IVA ANS. CREDITO fattura n. 32 ditta Santi 1.720,00../..... DEBITI V/ FORNITORI fattura n. 32 ditta Santi ,00 03/09... DEBITI V/ FORNITORI pagato trasporto per c/ ditta Santi 288,00../..... DENARO IN CASSA pagato trasporto per c/ ditta Santi 288,00 05/09... EFFETTI ALLO SCONTO inviate cambiali allo sconto 5.200,00../..... CAMBIALI ATTIVE inviate cambiali allo sconto 5.200,00 07/09... INTERESSI PASSIVI A FORNITORI fattura n.... ditta Santi 160,00../..... DEBITI V/ FORNITORI fattura n.... ditta Santi 160,00 07/09... DEBITI V/ FORNITORI regolamento fattura n. 32 ditta Santi ,00../..... BANCA X C/C regolamento fattura n. 32 ditta Santi 3.748,00../..... CAMBIALI ATTIVE regolamento fattura n. 32 ditta Santi 2.200,00../..... CAMBIALI PASSIVE regolamento fattura n. 32 ditta Santi 4.244,00 08/09... CREDITI V/ CLIENTI ns. fattura n ,00../..... MERCI C/ VENDITE ns. fattura n ,00../..... IVA ANS. DEBITO ns. fattura n ,00 08/09... TRASPORTI SU VENDITE fattura ns. vettore 180,00../..... IVA ANS. CREDITO fattura ns. vettore 36,00../..... DEBITI V/ FORNITORI fattura ns. vettore 216,00 08/09... DEBITI V/ FORNITORI regolamento fattura del vettore ,00../..... BANCA X C/C regolamento fattura del vettore ,00 10/09... BANCA X C/C accredito per sconto effetti 4.920,00../..... SCONTI PASSIVI SU EFFETTI accredito per sconto effetti 262,00../..... COMMISSIONI D INCASSO accredito per sconto effetti 18,00../..... EFFETTI ALLO SCONTO accredito per sconto effetti 5.200,00

3 12/09... CREDITI V/ CLIENTI ns. fattura n. 426 su ditta... 12,50../..... INTERESSI ATTIVI DA CLIENTI ns. fattura n. 426 su ditta... 12,50 12/09... ASSEGNI IN CASSA concesso rinnovo effetto 1.200,00../..... CAMBIALI ATTIVE concesso rinnovo effetto 1.512,50../..... CREDITI V/ CLIENTI concesso rinnovo effetto 12,50../..... CAMBIALI ATTIVE concesso rinnovo effetto 2.700,00 12/09... DEBITI V/ FORNITORI regolata fattura n.... fornitore ,30../..... CAMBIALI ATTIVE regolata fattura n.... fornitore ,00../..... DENARO IN CASSA regolata fattura n.... fornitore ,00../..... ABBUONI E RIBASSI PASSIVI regolata fattura n.... fornitore... 7,30 13/09... CAMBIALI ATTIVE spiccata tratta a regolamento ns. fattura n ,00../..... CREDITI V/ CLIENTI spiccata tratta a regolamento ns. fattura n ,00 13/09... ABBUONI E RIBASSI PASSIVI nota accredito n.... al cliente ,00../..... IVA ANS. DEBITO nota accredito n.... al cliente... 24,00../..... CREDITI V/ CLIENTI nota accredito n.... al cliente ,00 14/09... AMMORTAMENTO AUTOMEZZI quota maturata nell esercizio 4.100,00../..... F.DO AMMORTAMENTO AUTOMEZZI quota maturata nell esercizio 4.100,00 14/09... FONDO AMMORTAMENTO AUTOMEZZI storno ammortamenti ,00../..... AUTOMEZZI storno ammortamenti ,00 14/09... CLIENTI DIVERSI ns. fattura n. 247 su ditta ,00../..... AUTOMEZZI ns. fattura n. 247 su ditta ,00../..... IVA ANS. DEBITO ns. fattura n. 247 su ditta ,00 14/09... MINUSVALENZE ORDINARIE minusvalenza su automezzo 2.700,00../..... AUTOMEZZI minusvalenza su automezzo 2.700,00 14/09... CLIENTI DIVERSI ns. fattura n. 248 su ditta... 59,33../..... INTERESSI ATTIVI DA CLIENTI ns. fattura n. 248 su ditta... 59,33 14/09... ASSEGNI IN CASSA regolate fatture n. 247 e n ,00../..... CAMBIALI ATTIVE regolate fatture n. 247 e n ,33../..... CLIENTI DIVERSI regolate fatture n. 247 e n ,33 15/09... CAMBIALI PASSIVE addebito n.... Banca X 1.250,00../..... BANCA X C/C addebito n.... Banca X 1.250,00 15/09... CONSULENZE parcella n. 38 dott ,00../..... IVA ANS. CREDITO parcella n. 38 dott ,20../..... DEBITI V/ FORNITORI parcella n. 38 dott ,20 Mastri sinottici Denaro in cassa Assegni in cassa Banca x c/c , ,00 288,00 360, , , , , , , ,00 216, , , , , , ,00 Crediti v/ clienti Clienti diversi Cambiali attive , ,00 12, ,00 12, ,00 144, ,00 59, , , , , , , , , , , , , , , , ,00 Effetti allo sconto 5.200, ,00 Debiti v/ fornitori , ,00 288, ,00 216, , , , , ,00 160,00 216,00 979, ,20 Cambiali passive , , , , , ,00 17

4 Iva a ns. credito , ,00 300, ,00 36,00 163,20 Iva a ns. debito ,00 24, ,00 750, ,00 Erario c/ Iva , , , , , ,00 Dipendenti c/ retribuzioni , ,00 Erario c/ ritenute operate 1.786, ,00 Istituti di previdenza 7.588, ,00 Fabbricati Mobili Automezzi , , , , , , , ,00 Fondo ammortamento fabbricati ,00 Fondo ammortamento mobili ,00 Fondo ammortamento automezzi , , , , ,00 Debiti per TFR Fondo rischi su crediti Merci c/ acquisti , , , , , ,00 18 Merci c/ vendite , , ,00 Magazzino merci , ,00 Salari e stipendi ,50

5 Oneri sociali Trasporti su acquisti Trasporti su vendite 7.388, ,00 180,00 Premi di assicurazione Energia elettrica Spese telefoniche 4.600, , ,00 Spese postali Manutenzioni e riparazioni Fitti passivi 1.920, , , , ,00 Abbuoni e ribassi passivi Abbuoni e ribassi attivi Merci c/ esistenze iniziali 2.300,00 120, ,00 7, , , ,30 Interessi passivi a fornitori Interessi attivi da clienti Sconti passivi su effetti 160,00 12,50 59,33 262,00 71,83 Commissioni d incasso 18,00 Consulenze 816,00 Minusvalenze ordinarie 2.700,00 19

6 Ammortamento Automezzi 4.100,00 Patrimonio netto ,00 Situazione contabile per totali ed eccedenze al 15/09/n Totali Eccedenze Conti Dare Avere Dare Avere DENARO IN CASSA , , ,00 ASSEGNI IN CASSA 3.845, ,00 BANCA X C/C , , ,00 CREDITI V/ CLIENTI , , ,00 CLIENTI DIVERSI 6.659, ,33 CAMBIALI ATTIVE , , ,83 EFFETTI ALLO SCONTO 5.200, ,00 DEBITI V/ FORNITORI , , ,40 CAMBIALI PASSIVE , , ,00 IVA ANS. CREDITO , , ,20 IVA ANS. DEBITO , , ,00 ERARIO C/ IVA , , ,00 DIPENDENTI C/ RETRIBUZIONI , ,00 ERARIO C/ RITENUTE OPERATE 1.786, ,00 255,00 ISTITUTI DI PREVIDENZA 7.588, , ,00 FABBRICATI , ,00 MOBILI , ,00 AUTOMEZZI , ,00 FONDO AMMORT. FABBRICATI , ,00 FONDO AMMORT. MOBILI , ,00 FONDO AMMORT. AUTOMEZZI , ,00 DEBITI PER TFR , ,00 FONDO RISCHI SU CREDITI 1.480, ,00 820,00 MERCI C/ ACQUISTI , ,00 MERCI C/ VENDITE , ,00 MAGAZZINO MERCI , ,00 SALARI E STIPENDI , ,50 ONERI SOCIALI 7.388, ,00 TRASPORTI SU ACQUISTI 4.080, ,00 TRASPORTI SU VENDITE 180,00 180,00 PREMI DI ASSICURAZIONE 4.600, ,00 ENERGIA ELETTRICA 3.600, ,00 SPESE TELEFONICHE 3.800, ,00 SPESE POSTALI 1.920, ,00 MANUTENZIONI E RIPARAZIONI 3.150, ,00 FITTI PASSIVI 2.700, ,00 ABBUONI E RIBASSI PASSIVI 2.420, ,00 ABBUONI E RIBASSI ATTIVI 1.857, ,30 MERCI C/ ESISTENZE INIZIALI , ,00 INTERESSI PASSIVI A FORNITORI 160,00 160,00 INTERESSI ATTIVI DA CLIENTI 71,83 71,83 SCONTI PASSIVI SU EFFETTI 262,00 262,00 COMMISSIONI D INCASSO 18,00 18,00 CONSULENZE 816,00 816,00 MINUSVALENZE ORDINARIE 2.700, ,00 AMMORTAMENTO AUTOMEZZI 4.100, ,00 PATRIMONIO NETTO , ,00 TOTALE , , , ,53 20

7 Determinazione del reddito d esercizio e del patrimonio di funzionamento al termine del primo periodo amministrativo In data 5 gennaio è stata costituita l azienda del signor Leonardo Mazzetti con l apporto di un fabbricato valutato euro , di un automezzo valutato euro e di denaro contante per euro , di cui euro depositati sul conto corrente presso la Banca X. Il fabbricato risulta gravato da un mutuo di euro , sul quale maturano interessi posticipati al 5,25% da corrispondersi in data 1/4 e 1/10. Durante il primo esercizio sono state effettuate le seguenti operazioni: a) pagato in data 1 febbraio, tramite assegno bancario, il premio annuo anticipato di assicurazione sull automezzo per euro 3.600; b) acquistate attrezzature commerciali per euro Iva ordinaria, regolamento a mezzo banca; c) sostenute in contanti spese per euro 580 relative alla costituzione dell azienda, curata dal titolare stesso; d) ricevute fatture per acquisti di merci per euro Iva ordinaria; i pagamenti effettuati nell esercizio tramite conto corrente sono stati pari a euro ; e) liquidati costi relativi al personale dipendente per complessivi euro , di cui euro pagati a mezzo banca durante l esercizio. Il rimanente sarà versato nel mese di gennaio successivo per euro agli Istituti previdenziali e per euro all Erario per ritenute fiscali; f) emesse fatture per vendite di merci per euro Iva ordinaria; le riscossioni dai clienti avvenute nell esercizio ammontano a euro ; g) sostenute in contanti spese varie di gestione per euro Iva ordinaria; h) prelevati dal conto corrente euro 1.800; i) le operazioni relative al mutuo sono effettuate tramite banca, relativamente sia al pagamento degli interessi sia al rimborso della quota capitale di euro corrisposta in data 1/10; l) i versamenti relativi all Iva dell esercizio ammontano a euro e sono stati effettuati a mezzo banca; m) sul conto corrente bancario sono maturati al 31/12 interessi attivi per euro 900. A fine anno per determinare il reddito d esercizio e il patrimonio di funzionamento si tiene presente quanto segue: - le merci in rimanenza sono valutate euro ; - i costi di impianto sono ammortizzati del 25%; il fabbricato del 4%; le attrezzature del 15%; l automezzo del 20%, tenendo conto di un presunto valore di realizzo di euro ; - a favore del personale è maturata una quota di trattamento di fine rapporto di euro 2.600; - si considerano il risconto e il rateo relativi alle operazioni di cui alle lettere a) e i). Presentare: 1 il prospetto del patrimonio iniziale; 2 i calcoli relativi all Iva; 3 i prospetti dei movimenti nei valori finanziari; 4 la Situazione patrimoniale e il Conto economico redatti alla fine dell esercizio. 21

8 SVOLGIMENTO 1 Prospetto del patrimonio iniziale Per la determinazione del patrimonio netto iniziale occorre considerare gli interessi maturati sul mutuo dall 1/10 al 5/1, che costituiranno un rateo passivo: I = ( ,25) : = euro 840 rateo passivo Situazione patrimoniale al 5/1/n Attività Passività e netto Fabbricati Automezzi Banca X c/c Denaro in cassa Mutui passivi Ratei passivi Totale passività Patrimonio netto iniziale Totale attività Totale a pareggio Calcoli relativi all Iva Acquisto attrezzature euro ,00 + Iva 20% euro 4.000,00 Importo fattura euro ,00 Acquisto di merci euro ,00 + Iva 20% euro ,00 Importo fattura euro ,00 Vendita di merci euro ,00 + Iva 20% euro ,00 Importo fattura euro ,00 Spese varie di gestione euro 800,00 + Iva 20% euro 160,00 Importo fattura euro 960,00 Iva su acquisto attrezzature euro 4.000,00 Iva su acquisto merci euro ,00 Iva su spese varie di gestione euro 160,00 Totale Iva a credito euro ,00 Iva a debito su vendite euro ,00 Iva da versare euro ,00 Iva versata nel corso del periodo euro ,00 Debito v/ Erario per Iva al 31/12 euro 840,00 3 Movimentazioni nei valori finanziari 22 Prima di procedere alla rappresentazione della movimentazione dei valori finanziari occorre presentare i calcoli relativi al mutuo: 1/4 pagamento rata interessi euro ( ,25) : euro 1.575,00 1/10 pagamento rata interessi euro ( ,25) : euro 1.575,00 quota capitale del mutuo euro ,00 Totale addebiti sul c/c per il servizio del mutuo euro ,00

9 C/c bancario presso Banca X Versamento iniziale del titolare Pagamento premio di assicurazione Pagamento fattura per attrezzature Pagamento fatture acquisto merci Pagamento costi del personale Prelevamento in contanti Riscossione fatture di vendita Addebito per il servizio sul mutuo Prelevamenti per versamenti Iva Interessi attivi maturati al 31/12 Saldo attivo al 31/ , , , , , , , , , , ,00 Denaro in cassa Versamento iniziale del titolare Spese di costituzione in contanti Pagamento fattura spese varie di gestione Pagamento dal c/c bancario Saldo al 31/ ,00 580,00 960, , ,00 Debiti v/ fornitori Fatture per acquisto merci Fatture pagate durante l esercizio Debiti v/ fornitori al 31/ , , ,00 Crediti v/ clienti Fatture emesse per vendita merci Fatture riscosse durante l esercizio Crediti v/ clienti al 31/ , , ,00 Inoltre, avremo in Situazione patrimoniale: Debiti v/ Istituti previdenziali euro 2.800,00 Debiti v/ Erario per ritenute euro 1.200,00 Debiti v/ Erario per Iva euro 840,00 4 Situazione patrimoniale e Conto economico Esame delle manifestazioni economiche Dall esame delle operazioni compiute si individuano i seguenti costi e ricavi: COSTI Acquisto attrezzature euro ,00 Costi d impianto euro 580,00 Premio di assicurazione euro 3.600,00 Acquisto merci euro ,00 Costi del personale euro ,00 Interessi passivi su mutui euro 3.150,00 Spese varie di gestione euro 800,00 RICAVI Vendite di merci euro ,00 Interessi attivi bancari euro 900,00 23

10 Tuttavia, per determinare il risultato economico dell esercizio occorre apportare opportune integrazioni, quali: a) le rimanenze finali di merci sono valutate euro : trattandosi di un costo di competenza futura, esse appariranno nell attivo della Situazione patrimoniale, mentre il costo delle merci vendute sarà così determinato: Acquisti di merci dell anno euro ,00 Rimanenze finali (Situazione patrimoniale) euro ,00 Costo delle merci vendute (Conto economico) euro ,00 b) premio di assicurazione di euro corrisposto l 1/2 in via anticipata: al 31/12 occorrerà considerare la quota di competenza dell esercizio futuro, relativa al mese di gennaio, calcolando un risconto attivo: : 12 = x : 1 x = euro 300 risconto attivo (Situazione patrimoniale) E il premio di assicurazione di competenza sarà pari a: euro ( ) = euro premio di competenza (Conto economico) c) ammortamento dei costi pluriennali: euro (580 25%) = euro 145 ammortamento costi di impianto (Conto economico) euro ( %) = euro ammortamento fabbricato (Conto economico) euro ( %) = euro ammortamento attrezzature (Conto economico) euro ( ) = euro importo da ammortizzare per l automezzo euro ( %) = euro ammortamento automezzo euro ( ) = euro 435 valore residuo costi d impianto (Situazione patrimoniale) euro ( ) = euro valore residuo fabbricato (Situazione patrimoniale) euro ( ) = euro valore residuo attrezzature (Situazione patrimoniale) euro ( ) = euro valore residuo automezzi (Situazione patrimoniale) d) trattamento di fine rapporto maturato a favore del personale: il trattamento di fine rapporto (Tfr) da inserire in Conto economico per la competenza dell esercizio ammonta a euro 2.600; lo stesso importo apparirà nei Debiti per Tfr della Situazione patrimoniale, essendo l azienda al primo anno di vita; e) interessi passivi sul mutuo: al 31/12 il mutuo ammonta a euro , essendo stata corrisposta l 1/10 una quota capitale di euro Il rateo passivo calcolato dall 1/10 al 31/12 è così determinato: I = euro ( ,25 3 : 1.200) = euro 590,63 rateo passivo (Situazione patrimoniale) Pertanto, gli interessi passivi di competenza dell esercizio in chiusura saranno così determinati: interessi pagati nell esercizio (1/4-1/10) euro 3.150,00 rateo passivo iniziale euro 840,00 + rateo passivo finale euro 591,00 Interessi passivi di competenza (Conto economico) euro 2.901,00 24

11 Situazione patrimoniale al 31/12/n IMMOBILIZZAZIONI Costi di impianto Fabbricati Attrezzature Automezzi ATTIVO CIRCOLANTE Merci in magazzino Crediti v/clienti Banca X c/c Denaro in cassa Risconti attivi Totale attività Attività Passività e netto DEBITI A BREVE TERMINE Debiti v/ fornitori Debiti v/ Istituti previdenziali Debiti v/ Erario per ritenute Debiti v/ Erario per Iva Ratei passivi DEBITI A MEDIO-LUNGO TERMINE Mutui passivi Debiti per TFR Totale passività PATRIMONIO NETTO Valore iniziale Utile dell esercizio Totale a pareggio Conto economico al 31/12/n Componenti negativi Costo delle merci vendute Premio assicurazione Costi personale: salari, stipendi e contributi quota TFR Spese varie di gestione Interessi passivi su mutuo Ammortamento costi d impianto Ammortamento fabbricati Ammortamento attrezzature Ammortamento automezzi Totale componenti negativi Utile dell esercizio Totale a pareggio Vendite di merci Interessi attivi bancari Componenti positivi Totale componenti positivi

12 Prova strutturata di Economia aziendale, inizio secondo quadrimestre Premesse metodologiche Partendo dal presupposto che, attraverso le prove formative e sommative somministrate nel primo quadrimestre relativamente a ciascun modulo, si è misurato il raggiungimento degli obiettivi specifici di ogni modulo stesso, si è proceduto: 1) a ridefinire gli obiettivi coordinandoli a sistema comprendente, in modo correlato, gli obiettivi modulari specifici; 2) a individuare i soli descrittori ritenuti significativi per la costruzione di una prova articolata rispondente al sistema di obiettivi più che a ogni singolo obiettivo; 3) a costruire diverse tipologie di prove strutturate e semistrutturate per misurare: la conoscenza organizzata relativa a più obiettivi significativi (parte A); le competenze in termini di elaborazione e rielaborazione applicate all intero sistema di obiettivi organizzati a mappa (parte B); 4) a predisporre una verifica articolata che si può suddividere in due parti: la prima, formata da 9 prove non collegate tra loro e numerate da 1 a 9 (parte A, tempo assegnato: 70 minuti); la seconda, costituita da 5 prove tutte interrelate tra loro e numerate da 10.1 a 10.5 (parte B, tempo assegnato: 40 minuti). Obiettivi e descrittori di competenze Presentiamo una tabella in cui vengono evidenziati gli obiettivi e i descrittori di competenze modulari. 26 Obiettivi 1 Conoscere il concetto di azienda intesa come sistema 2 Riconoscere le varie tipologie di azienda 3 Conoscere gli elementi dell azienda 4 Conoscere i soggetti interni ed esterni dell azienda 5 Riconoscere i soggetti giuridico ed economico 6 Riconoscere i legami dell azienda con l ambiente in cui opera 7 Individuare gli obiettivi dell azienda 8 Interpretare i significati di efficienza e di efficacia del sistema azienda 9 Conoscere la tipologia delle operazioni aziendali di gestione-organizzazione-rilevazione 10 Conoscere le linee fondamentali dei modelli organizzativi più significativi e la loro evoluzione 11 Individuare il flusso logico delle operazioni aziendali 12 Ricostruire il processo logico per la determinazione del fabbisogno finanziario iniziale 13 Riconoscere la tipologia delle fonti di finanziamento Descrittori di competenze 2.a Riconoscere la forma giuridica delle aziende 4.a Riconoscere i soggetti aziendali interni ed esterni nelle varie tipologie di aziende 5.a Riconoscere i soggetti giuridico ed economico nelle varie tipologie di azienda 9.a Distinguere le operazioni aziendali in relazione alle aree di appartenenza 11.a Riconoscere la tipologia delle operazioni aziendali 11.b Ricostruire la dinamica attraverso la quale si svolgono i fatti di gestione 11.c Individuare la tipologia delle operazioni di gestione esaminando semplici casi 13.a Individuare le fonti di finanziamento riconoscendone la tipologia

13 14 Riconoscere la tipologia degli investimenti 15 Conoscere le implicazioni del concetto di valutazione per la determinazione del patrimonio 16 Analizzare la struttura del patrimonio. Interpretare il rapporto tra fonti e impieghi 17 Riconoscere l aspetto economico e finanziario della gestione individuando le variazioni finanziarie ed economiche 18 Riconoscere l influenza dei fatti di gestione sul patrimonio dell azienda 19 Determinare il risultato economico. Conoscere e comprendere il principio della competenza 20 Conoscere la logica degli equilibri aziendali: equilibrio economico, finanziario, patrimoniale 21 Riconoscere il supporto che il sistema informativo aziendale fornisce alla gestione 22 Conoscere la sequenza delle fasi del processo di elaborazione delle informazioni 23 Individuare le caratteristiche del sistema informativo e riconoscerne l articolazione 24 Redigere le principali scritture sezionali partendo dalla documentazione originale 25 Riconoscere il sistema del patrimonio e del risultato economico quale strumento metodologico di rilevazione contabile 26 Analizzare i fatti di gestione secondo il sistema del reddito e del risultato economico 14.a Individuare gli elementi patrimoniali in relazione alla loro destinazione e riferirli alle macroaree di appartenenza 16.a Utilizzare i rapporti di composizione per l analisi della struttura patrimoniale e finanziaria 16.b Commentare i rapporti di composizione patrimoniale 17.a Analizzare i fatti di gestione individuando le variazioni finanziarie ed economiche 18.a Rilevare i fatti di gestione individuandone gli effetti sul reddito e sul patrimonio 19.a Comporre la situazione economica 19.b Applicare il principio della competenza eseguendo gli opportuni conteggi ed effettuando le relative rilevazioni 20.a Utilizzare le opportune disequazioni per l analisi dell equilibrio patrimoniale e finanziario 20.b Determinare la congruità del reddito 23.a Riconoscere le varie articolazioni delle scritture contabili e aziendali 24.a Analizzare i documenti originali individuando le scritture contabili cui danno luogo 25.a Riconoscere gli effetti dei fatti esterni di gestione sulla composizione del patrimonio e del reddito attraverso l applicazione metodologica del sistema del patrimonio e del risultato economico 26.a Redigere le scritture in contabilità generale derivanti dall analisi dei fatti di gestione proposti PARTE A Prova 1 Obiettivi: 9 Descrittori: 9.a Indica con una crocetta nell apposita casella a quale tipologia appartengono le operazioni elencate. Operazioni 1. Operazione Operazioni di gestione 2. Operazione Operazioni di organizzazione 3. Operazione Operazioni di rilevazione a) Assunzione di un tecnico b) Acquisto di una macchina saldatrice c) Acquisto di materiale di consumo d) Definizione dell organigramma aziendale e) Registrazione di un incasso f) Stipulazione di un contratto di vendita g) Definizione della procedura per evadere gli ordini h) Vendita di prodotti finiti i) Registrazione di una fattura di acquisto 27

14 Prova 2 Obiettivi: 11 Descrittori: 11.a Collega le espressioni della colonna di sinistra con i termini della colonna di destra, indicandone il corrispondente numero nell apposita casella. Alcune definizioni non sono correlabili con i termini proposti. 1) Insieme di operazioni coordinate per raggiungere il fine aziendale 2) Periodo di tempo che intercorre fra l investimento di risorse finanziarie in un fattore produttivo e il suo rientro in forma monetaria 3) Insieme di operazioni di scambio con soggetti esterni all azienda 4) Impieghi monetari per l acquisizione di fattori produttivi 5) Processi economico-tecnici di trasformazione attuati interamente nell ambito dell azienda 6) Operazioni di negoziazione, remunerazione e rimborso dei finanziamenti ottenuti 7) Ritorno in forma monetaria dei fattori impiegati per attuare la produzione 8) Valore dei fattori produttivi da impiegare nell attività aziendale a) gestione interna b) disinvestimento c) gestione d) ciclo monetario e) gestione esterna f) investimento a b c d e f Prova 3 Prova 3.1 Obiettivi: 11 Descrittori: 11.b Ricostruisci il flusso delle operazioni gestionali di un azienda numerando le operazioni secondo la sequenza corretta. a) vendita di beni prodotti b) acquisto di impianti per la produzione c) provvista di mezzi finanziari a pieno rischio d) produzione di beni destinati alla vendita e) acquisto di materie prime f) imballaggio e spedizione dei beni prodotti Prova 3.2 Obiettivi: 11 Descrittori: 11.c Caso Nel mese di settembre l azienda di confezioni Franca Colli ha acquistato 10 pezze di stoffa di pura lana vergine in varie tonalità del marrone e del verde, 5 pezze di fodera, bottoni, cerniere lampo, filo da cucire, aghi e spilli. Durante il mese di ottobre ha confezionato 30 completi da uomo, 25 completi da donna in varie taglie, 20 gonne e 30 pantaloni che ha venduto ai negozi della provincia. Il trasporto ai punti vendita degli abiti è stato effettuato da un dipendente dell azienda di confezioni. Nel mese di dicembre l azienda ha ottenuto dalla propria banca un prestito di euro che ha utilizzato per acquistare nuove macchine per cucire di tipo industriale. Individua le diverse operazioni di gestione e classificale nella seguente tabella. Operazioni Finanziamento Investimento Trasformazione Disinvestimento 28

15 Prova 3.3 Obiettivi: 11 Descrittori: 11.c Caso Nel mese di settembre la cantina sociale di Broni ha acquistato dai viticoltori della zona varie partite di uva, di qualità diverse, adatte alla vinificazione. L uva è stata quindi pigiata e il vino ottenuto è stato versato nelle botti per la maturazione. Nel successivo mese di febbraio il vino ormai maturo è stato imbottigliato e confezionato per la vendita. Nei successivi mesi la cantina sociale ha venduto le bottiglie di vino a una catena di enoteche della Lombardia. Individua le diverse operazioni di gestione e classificale nella seguente tabella. Operazioni Operazioni di gestione interna Operazioni di gestione esterna Prova 4 Obiettivi: 17 Descrittori: 17.a Prova 4.1 Indica con una crocetta nell apposita casella il riflesso economico e finanziario delle seguenti operazioni compiute da un azienda di confezioni. Operazioni 1. Costo 2. Ricavo a) Acquisto di stoffe con pagamento a 60 gg. b) Pagamento degli stipendi ai dipendenti con assegni bancari c) Acquisto bottoni con pagamento in contanti d) Vendita di abiti con pagamento immediato e) Pagamento della bolletta Telecom 3. Entrata monetaria 4. Uscita monetaria 5. Credito 6. Debito f) Accensione di un prestito bancario g) Acquisto di una macchina stiratrice con pagamento a due mesi h) Vendita di giacche con regolamento a 30 giorni 29

16 Segna con una crocetta la risposta corretta. Prova I costi rappresentano a. le uscite monetarie derivanti dagli investimenti b. il valore di scambio dei fattori produttivi acquistati c. le diminuzioni delle disponibilità monetarie d. i debiti commerciali derivanti dagli acquisti La vendita di un bene con pagamento per pronta cassa determina a. un entrata monetaria b. un credito di regolamento c. un debito di regolamento d. un uscita monetaria L acquisto di materie prime con pagamento dilazionato determina a. un uscita monetaria b. un credito di regolamento c. un entrata monetaria d. un debito di regolamento L aumento di un credito di regolamento rappresenta a. un costo b. una variazione finanziaria passiva c. una variazione finanziaria attiva d. un ricavo L estinzione di un debito di finanziamento rappresenta a. una variazione finanziaria attiva b. un ricavo c. un costo d. una variazione finanziaria passiva I valori finanziari attivi rappresentano a. gli impieghi di capitale b. i mezzi finanziari a disposizione dell azienda c. l insieme dei crediti e delle disponibilità liquide d. i crediti di finanziamento Prova 5 Obiettivi: Descrittori: 18.a-19.a-19.b Segna con una crocetta la risposta corretta. Prova Il rateo passivo è a. una quota di costo di competenza dell esercizio che sarà misurato da un uscita che avrà manifestazione finanziaria futura b. una quota di un uscita che ha già avuto manifestazione finanziaria, relativa a un costo di competenza dell esercizio c. una quota di un uscita che avrà manifestazione finanziaria futura relativa a un costo di competenza dell esercizio d. una quota di ricavo di competenza dell esercizio misurata da un entrata che ha già avuto manifestazione finanziaria L ammortamento è a. un procedimento tecnico-contabile riguardante i beni strumentali che consente di sospendere il loro costo d acquisto fino al momento del loro disinvestimento b. un procedimento contabile che consente di ripartire il costo d acquisto di una immobilizzazione immateriale, materiale e finanziaria attraverso il calcolo di quote di ammortamento di competenza dell esercizio durante la vita utile del bene c. un procedimento tecnico-contabile che consente di ripartire un costo pluriennale attraverso il calcolo di quote di ammortamento di competenza dell esercizio durante la vita utile del bene d. un procedimento finanziario che consente di ridurre il valore delle immobilizzazioni immateriali e materiali per l usura, l obsolescenza o l inadeguatezza Un ricavo è di competenza dell esercizio quando a. è misurato da una variazione finanziaria attiva avvenuta nell esercizio b. è misurato da un uscita che si manifesterà in futuro ma che ha avuto nell esercizio il correlativo costo c. è maturato nell esercizio o ha avuto nell esercizio stesso il correlativo costo d. ha già avuto manifestazione finanziaria ed è relativo all investimento in un fattore produttivo

17 In base al seguente fatto di gestione: 1/11/n pagati interessi passivi semestrali anticipati al tasso del 4,5% relativi a un mutuo dell importo di euro ; al 31/12/n si dovrà rilevare a. un rateo attivo di euro b. un risconto passivo di euro c. un risconto attivo di euro d. un risconto passivo di euro Prova 5.2 Prova 5.3 La ditta Carli & C. ha acquistato nell anno n un macchinario del costo di euro che viene ammortizzato a quote costanti in tre anni. Inserisci nei seguenti prospetti i dati derivanti dal processo di ammortamento. Situazione patrimoniale al 31/12/n Conto economico al 31/12/n Situazione patrimoniale al 31/12/n + 1 Conto economico al 31/12/n + 1 Situazione patrimoniale al 31/12/n + 2 Conto economico al 31/12/n + 2 Prova 6 Obiettivi: Descrittori: 16.a-16.b-20.a-20.b La Situazione patrimoniale al 31/12/n dell azienda Alfa presenta i seguenti valori espressi in migliaia di euro: Situazione patrimoniale dell azienda Alfa al 31/12/n Attivo Passivo IMMOBILIZZAZIONI ATTIVO CIRCOLANTE % 30% DEBITI A BREVE DEBITI A MEDIO-LUNGO %...% TOTALE PASSIVITÀ PATRIMONIO NETTO %...% Totale attività......% Totale a pareggio Completa il prospetto e commenta la situazione patrimoniale e finanziaria dell azienda Alfa indicando se: a) la struttura patrimoniale è rigida o elastica... b) il rapporto tra finanziamenti e investimenti è equilibrato... c) il rapporto tra capitale proprio e capitale di terzi è equilibrato % 31

18 Prova 7 Obiettivi: Descrittori: 18.a-25.a-26.a Individua e correggi gli errori contenuti nello stralcio dei seguenti prospetti della Situazione patrimoniale e del Conto economico dell azienda Beta redatti al 31/12/n. Impianti Attrezzature Situazione patrimoniale 800 F. amm. impianti 200 F. amm. attrezz. Utile d esercizio Amm. attrezz. Utile d esercizio Conto economico 100 Mutui passivi Prova 8 Obiettivi: Descrittori: 24.a-25.a-26.a Inserisci le descrizioni corrette nei seguenti articoli in partita doppia. Data Cod. Conti Descrizione Dare Avere../..... MERCI C/ ACQUISTI ,00../..... TRASPORTI SU ACQUISTI ,00../..... IVA ANS. CREDITO ,00../..... DEBITI V/ FORNITORI ,00../..... DEBITI V/ FORNITORI ,00../..... RESI SU ACQUISTI ,00../..... IVA ANS. DEBITO ,00../..... DEBITI V/ FORNITORI ,00../..... BANCA X C/C ,00../..... ABBUONI E RIBASSI PASSIVI... 40,00 Rispondi inoltre alle seguenti domande. 1) Le spese di trasporto sono documentate?.... 2) Qual è la condizione di consegna? ) Su quale registro viene registrata l Iva? ) Quali sono i valori economici rilevati? ) Quali valori economici sono rettificativi del costo di acquisto? Prova 9 Obiettivi: Descrittori: 25.a-26.b Completa i seguenti articoli. 32 Data Cod. Conti Descrizione Dare Avere../..... ANTICIPI A FORNITORI A/B n... alla ditta... per anticipo 5.000,00 1)../ A/B n... alla ditta... per anticipo...../ A/B n... alla ditta... per anticipo...../..... MERCI C/ ACQUISTI ricevuta fattura n... della ditta ,00../..... IVA NS CREDITO ricevuta fattura n... della ditta )../ ricevuta fattura n... della ditta ,00../..... DEBITI V/ FORNITORI ricevuta fattura n... della ditta ,00

19 PARTE B Dopo aver attentamente esaminato la documentazione allegata, e cioè: a) documento di trasporto n 8915; b) fattura n. 400; c) fattura n. 921; d) Situazione contabile della Boni & Ricci S.n.c.; svolgi i punti che vengono richiesti nei seguenti esercizi 10.1, 10.2, 10.3, 10.4 e Documento di trasporto MOBILIFICIO BRIANZOLO SPA Piazza XXIV MAGGIO CANTÙ Tel Fax Cap. Soc C.F., P.I. e Registro imprese Documento di trasporto n del 02/10/200n Spett. BONI & RICCI S.n.c. Via CAVOUR BERGAMO Causale del trasporto Vendita Scrivanie modello MT Poltroncine modello MB Descrizione beni (natura e qualità) U.M. n. n. Quantità 8 8 Impresa incaricata del trasporto Rapid S.r.l. via Petrarca Cantù (Como) Data di inizio del trasporto... Fattura n. 400 MOBILIFICIO BRIANZOLO SPA Piazza XXIV MAGGIO CANTÙ Tel Fax Cap. Soc C.F., P.I. e Registro imprese Spett. BONI & RICCI S.n.c. Via CAVOUR BERGAMO Fattura n. 400 Vostro ordine del 15/9/200n Cantù,15 ottobre 200n Documento di trasporto n del 02/10/200n Trasporto a mezzo vettore anticipato in nome e per conto vostro P.Iva Cliente n Pagamento 60 giorni data fattura Quantità Descrizione Prezzo Importo n. 8 n. 8 Scrivanie modello MT Poltroncine modello MB 750,00 350, , ,00 Base imponibile Iva 20% Spese come da fattura allegata n. 921 Totale fattura 8.800, , ,00 360, ,00 33

20 Fattura n. 921 RAPID S.R.L. Trasporti celeri in tutta Italia Via Petrarca CANTÙ Telefono Fax Cap. Soc C.F. e Registro imprese Spett. BONI & RICCI S.n.c. Via CAVOUR BERGAMO Fattura n. 921 Cantù, 2 ottobre 200n Descrizione Trasporto di n. 8 colli per Vostro conto da Cantù a Bergamo su ordine della ditta Mobilificio Brianzolo Spa, come da documento di trasporto n del 2/10/200n Iva 20% Totale fattura Prezzo Importo 300,00 60,00 360,00 Prova 10 Prova 10.1 Obiettivi: Descrittori: 25.a-25.b Trascrivi gli importi della Situazione contabile nella sezione corretta. Situazione contabile Attivo Importi Dare Avere CAPANNONE MAGAZZINO PALAZZINA UFFICI ED ESPOSIZIONE FONDO AMMORTAM. CAPANNONE FONDO AMMORTAM. PALAZZINA ARREDAMENTI FONDO AMMORTAM. ARREDAMENTI AUTOMEZZI FONDO AMMORTAM. AUTOMEZZI MACCHINE UFFICIO FONDO AMMORT. MACCHINE UFFICIO CREDITI V/ CLIENTI IVA A NS CREDITO BANCA X C/C (ATTIVO) DENARO IN CASSA CAPITALE SOCIALE RISERVE MUTUI PASSIVI DEBITI V/ FORNITORI IVA A NS DEBITO DEBITI DIVERSI SCRIVANIE C/ ACQUISTI SCAFFALI C/ ACQUISTI SEDIE C/ ACQUISTI POLTRONE C/ ACQUISTI ARMADI C/ ACQUISTI SCRIVANIE C/ VENDITE SCAFFALI C/ VENDITE SEDIE C/ VENDITE POLTRONE C/ VENDITE ARMADI C/ VENDITE COSTI PER SERVIZI DIVERSI IMPOSTE E TASSE INTERESSI PASSIVI SU MUTUI SCRIVANIE C/ ESISTENZE INIZIALI SCAFFALI C/ ESISTENZE INIZIALI SEDIE C/ ESISTENZE INIZIALI POLTRONE C/ ESISTENZE INIZIALI ARMADI C/ ESISTENZE INIZIALI TOTALI , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 34

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Le dinamiche di una situazione finanziaria

Le dinamiche di una situazione finanziaria FORMAZIONE CONTINUA AGI LOMBARDIA VIA LENTASIO 7 MILANO Le dinamiche di una situazione finanziaria Prof. Riccardo Bauer PER POTER LEGGERE UN BILANCIO BISOGNA CONOSCERE LE DINAMICHE RELATIVE Significa conoscere

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli