DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE"

Transcript

1 DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE Roma, 15 marzo 2000 Circolare n. 61 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore generale Medico legale e Dirigenti Medici e, per conoscenza, Al Presidente Ai Consiglieri di Amministrazione Al Presidente e ai membri del Consiglio di indirizzo e vigilanza Ai Presidenti dei Comitati amministratori di fondi, gestioni e casse Ai Presidenti dei Comitati regionali Ai Presidenti dei Comitati provinciali OGGETTO: Riscossione crediti contributivi mediante ruoli esattoriali ex L.448/98 Aree DM Artigiani Commercianti e Agricoli -Chiarimenti SOMMARIO: 1) Premessa : chiarimenti in tema di cessione dei crediti e di Riscossione dei contributi previdenziali tramite Concessionari 2) Adempimenti comuni a tutte le gestioni 3) Adempimenti delle aree DM, Artigiani, Commercianti ed agricoli. Premessa : la cessione dei crediti L Istituto, come è noto, ha ceduto i propri crediti contributivi, ex art.13 Legge 448/98 e successive modifiche, alla S.C.C.I. s.p.a. ( Società di cartolarizzazione dei crediti INPS) ed ha ottenuto un anticipazione sugli incassi futuri la cui riscossione, con le eccezioni previste dal comma 6, è stata affidata ai concessionari. Questi ultimi sono obbligati ad accreditare direttamente al cessionario le somme versate dai contribuenti. La S.C.C.I. incasserà le somme fino a concorrenza dell anticipazione e di tutte le spese occorrenti per la cartolarizzazione dei crediti e riverserà all Istituto gli ulteriori pagamenti. Il conto aziendale, pur in presenza di tale cessione, continuerà ad essere gestito dall Istituto in modo tale da consentire il controllo dell esatto adempimento dei rispettivi obblighi contrattuali. Sono oggetto di cessione solo i crediti indicati nel decreto Ministeriale 5/11/99 contabilizzati fino all anno 1999 e precisamente: - i contributi previdenziali dovuti dalle aziende, dai Comuni, Province, Regioni e Stato tenuti al versamento a mezzo DM, nonché i contributi sanitari, ma questi ultimi solo se compresi nelle domande di condono; - i contributi previdenziali e sanitari degli artigiani e commercianti; - i contributi previdenziali e sanitari dovuti dagli agricoli; - le somme aggiuntive dei crediti ceduti e le sanzioni amministrative.

2 Non sono, pertanto, ceduti i contributi dovuti al Servizio Sanitario Nazionale dalle aziende che versano con il sistema DM e tutti gli altri contributi non menzionati nel decreto citato, che comunque verranno riscossi a mezzo ruoli. Dei crediti ceduti è stato prodotto un primo elenco contenente quelli in essere al 30/10/99 per tutte le aree interessate ad eccezione di quella agricola, per la quale il primo elenco provvisorio dovrà essere prodotto entro il L elenco definitivo, sostitutivo del primo, conterrà anche i crediti contabilizzati nell anno contabile 99 dopo il 30 ottobre. L elenco definitivo per contratto deve essere consegnato entro il per le aree DM, artigiani e commercianti ed entro il per l area agricola. Per assolvere esattamente l obbligo, è di tutta evidenza che occorre aver provveduto ad eliminare fino al tutti i crediti non esigibili per qualsiasi causale e ad aggiornare le partite creditorie. Qualora l entità dei crediti contenuti negli elenchi definitivi dovesse risultare inferiore a quella degli elenchi provvisori, l istituto sarà tenuto ad estendere la cessione ad altrettanti crediti, anche se contabilizzati nell anno La riscossione mediante ruoli esattoriali Il nuovo sistema di riscossione coattiva tramite concessionari non influisce sull iter amministrativo dei crediti contributivi in quanto i suoi effetti si manifestano soltanto nella fase del recupero coattivo, sostituendo all intervento dell ufficio legale dell Istituto, quello dell esattoria. Perciò l Istituto continuerà a gestire il credito, a segnalare all autorità giudiziaria gli illeciti penali, ad emettere le ordinanze ingiunzioni per gli illeciti amministrativi, a notificare ai debitori i crediti accertati con verbali ispettivi o quantificati dagli uffici ed a concedere le rateazioni di pagamento. I termini prescrizionali, relativamente ai crediti ceduti, saranno interrotti dall Istituto, ma in virtù di mandato con rappresentanza della società cessionaria sopraindicata, come previsto nel contratto di cessione al punto Tutti i crediti dell Istituto conosciuti o accertati dal mese di luglio 1999, siano essi ceduti o non ceduti, sono regolati dal nuovo sistema di riscossione che, nell'intento di accelerare il recupero, prevede termini ristretti per iniziare il procedimento. L iscrizione a ruolo, infatti, è soggetta ai termini di decadenza indicati dall art.25 del D.Lgv.46/99 e la mancata iscrizione entro la fine dell anno successivo a quello di insorgenza del credito stesso determina, per l Istituto, la perdita del diritto di iscrivere a ruolo e per il concessionario, l impossibilità di riscuotere detti contributi. Il termine dal quale inizia a decorrere la decadenza è diverso per i crediti contemplati dal comma 1 lett.a) e per quelli indicati nel comma 1lett.b) del predetto art.25. Per i primi coincide con la scadenza del termine di pagamento, se presentati nei termini e con la data di presentazione, se inviati in ritardo; rientrano nella fattispecie i DM10 insoluti, i DM10/V con tipo provenienza 3 e le rate scadute di ciascuna emissione di bollettini per la riscossione dei contributi per i lavoratori autonomi. Per quelli contemplati dalla lettera b), il termine decorre dalla data di notifica dell accertamento del credito effettuato dagli uffici o dalla data in cui una sentenza pronunciata in sede giudiziaria è divenuta esecutiva ove non si sia già provveduto a dare o chiedere l esecuzione stessa; rientrano nella categoria i DM10/V con tipo provenienza 1 e 2 e tutti gli altri atti di quantificazione di crediti effettuati dagli uffici di propria iniziativa o su segnalazione di terzi. Per i modelli compilati in occasione degli accertamenti ispettivi, la data di notifica coincide con la data di consegna del verbale o con la ricevuta di ritorno della raccomandata, se non è avvenuta la consegna diretta. Per

3 quelli compilati d ufficio, la data non può che essere quella di ricezione della raccomandata con cui viene comunicato l importo da versare. Ciò comporta l assoluta necessità di registrare i modelli DMV giacenti con ogni possibile celerità. Lo stesso art.25 comma 2 prevede che dopo l iscrizione a ruolo, l Istituto, in pendenza di gravame amministrativo, ovviamente preesistente al ruolo e non ancora definito, possa sospendere il ruolo stesso con provvedimento motivato e notificato al concessionario e al debitore. La facoltà mira ad evitare la decadenza derivante dall eventuale decorso del termine previsto dallo stesso articolo comma 1 b), senza che l organo competente abbia deciso il ricorso amministrativo. In tal caso le disposizioni indicate consentono l iscrizione a ruolo e contestualmente la sospensione( cfr art.24 punto 4 D.Lgs.46/99). Si sottolinea, peraltro, che tale facoltà, a causa di un esplicito obbligo contrattuale, non può essere esercitata per i crediti ceduti ( cfr punto 6.6 del contratto di cessione). Le disposizioni transitorie contengono una norma di salvaguardia per i crediti già in essere prima del mese di luglio 1999 in quanto stabiliscono che per essi la decadenza non si verifica. Il sistema illustrato comporta che tutti i modelli di denuncia delle contribuzioni omesse presentati dal 1 luglio 1999 in poi vengano prontamente registrati negli archivi di gestione in modo da rendere possibile effettuare le attività propedeutiche all'iscrizione a ruolo prima della scadenza del termine di decadenza. Non vanno riscossi tramite ruoli soltanto i crediti espressamente indicati dalla norma contenuta nella legge 448/98 art.13 comma 6 nel testo modificato dalla Legge 402/99 e precisamente: i crediti dilazionati con delibera adottata entro il 29/11/99 ed in corso di regolare pagamento; i crediti oggetto di condono con regolare pagamento rateale in corso; i crediti per i quali l ufficio legale ha già iniziato azione esecutiva ( v. msg. del Coordinamento legale n del e precedenti) Parimenti non vanno iscritti a ruolo i crediti derivanti da verbali di accertamento impugnati solo in sede giudiziaria a meno che l iscrizione a ruolo non venga disposta con provvedimento esecutivo del giudice (art.24 c.3). In tal caso, al fine di evitare indebite iscrizioni a ruolo, gli uffici legali dovranno prontamente portare a conoscenza degli uffici amministrativi l esistenza dell azione giudiziaria. Ogni concessionario, attraverso il Consorzio Nazionale Concessionari (C.N.C.) riceve telematicamente i ruoli contenenti i crediti delle aziende e dei lavoratori autonomi iscritti presso le unità periferiche e con domicilio fiscale nell ambito di competenza dell esattore stesso. Ciò comporta che i ruoli formati e vistati da ciascuna Agenzia possano essere di competenza di concessionari di ambiti diversi. Se il ruolo presenta errori formali tali da impedirne la corretta esazione, l esito che il sistema centrale riceve attraverso la procedura sarà lo scarto dell intera fornitura ; se il ruolo è stato compilato secondo le specifiche tecniche concordate, il concessionario lo accetta per intero fornendo la risposta telematica per presa in carico dei ruoli ; se soltanto una o più partite del ruolo non vengono accettate, la relativa informazione viene fornita al sistema centrale e le partite interessate restano nello stato di "infasate", fino a quando non viene formato il ruolo successivo. Per queste ultime la procedura di gestione dei ruoli aggiorna direttamente le somme aggiuntive alla data di formazione del ruolo successivo. La stampa dei frontespizi dei ruoli vistati emessi devono essere archiviate per ambito esattoriale ed, all interno dell ambito, per gestione e per anno e, nell anno, per data di emissione. L archiviazione deve riguardare solo il frontespizio stampato dopo l apposizione della firma. La stampa dei successivi provvedimenti riguardanti le partite di un ruolo dovranno essere archiviati unitamente al frontespizio del ruolo cui si riferiscono, allo scopo di rendere possibili i successivi controlli.

4 Si rammenta in proposito che l aggio anticipato al momento della trasmissione dei ruoli è pari all 1% delle somme iscritte nel ruolo ed è dovuto anche se le partite vengono rideterminate o annullate con successivi provvedimenti, mentre il compenso sulle riscossioni, non ancora fissato con l apposito decreto ministeriale, va applicato sull importo riscosso al netto dell anticipo. Il concessionario dispone di quattro mesi di tempo per emettere le cartelle dei ruoli e 2 mesi per emettere quelle per la riscossione spontanea; quest'ultimo sistema sarà utilizzato per riscuotere le rate delle dilazioni accolte e perfezionate dal a norma dell art.32 del D.Lgv.46/99 come modificato dall'art.2 punto 1c) del D.Lgv n.326. Quando vi è fondato pericolo per il recupero dei contributi, l' art 3 del D.Lgv.46/99 citato dispone che la riscossione avvenga attraverso ruoli straordinari. La periodicità quindicinale secondo la quale vengono ormai trasmessi i ruoli fa ritenere superfluo il ricorso ai ruoli straordinari per i casi in cui il fallimento o un altra procedura concorsuale sia già stata dichiarata prima dell affidamento al concessionario. Mentre nei casi in cui la procedura concorsuale dovesse essere dichiarata dopo l invio dei ruoli ordinari, sarà cura delle Agenzie utilizzare la procedura dei provvedimenti su ruolo per comunicare al concessionario l importo delle somme aggiuntive calcolato fino alla data del fallimento e secondo le percentuali ridotte previste per il caso che venga pagata tutta la sorte contributiva (vedi. Circ. n.28 del e successive modifiche). Ovviamente deve trattarsi di crediti che non siano stati inseriti nel passivo a cura degli uffici legali dell Istituto in quanto questi ultimi non debbono essere iscritti a ruolo. Il concessionario mensilmente fornisce l esito delle riscossioni in via telematica, mentre riversa all Istituto le somme riscosse entro il termine perentorio di 10 giorni lavorativi dalla avvenuta riscossione, considerando festiva la giornata del sabato. Ai sensi dell art.47 del D. Lgs n.112 il ritardo è punito con l addebito degli interessi legali sulla somma riversata in ritardo e con una sanzione amministrativa pari all importo riversato. 2) Adempimenti comuni a tutte le aree 2a) Preparazione dei ruoli Come già detto in premessa, L istituto è tenuto per obbligo contrattuale a produrre gli elenchi dei crediti ceduti alle scadenze sopraindicate e ad iscrivere a ruolo tutti i crediti ceduti, tranne quelli espressamente esclusi dalla norma, in contingenti mensili pari ad un quinto dei debitori, ma comunque a terminare l intera operazione entro il 30 giugno Entro tale data i ruoli debbono essere stati anche vistati e trasmessi ed il mancato rispetto del termine costituisce inadempimento contrattuale, assolutamente da evitare. Con le funzioni descritte nei messaggi n del e n del , ciascuna procedura automatizzata ha inviato i crediti e le somme accessorie calcolate fino alla data di formazione dei ruoli (infasamento) all archivio centrale dei ruoli, deputato a svolgere le operazioni necessarie all invio telematico dei ruoli stessi al C.N.C. Con l apposita procedura operante su intranet sono stati finora formati e vistati dai direttori delle aree i frontespizi dei primi ruoli e gli stessi sono stati inviati al C.N.C. ricevendone l accettazione. L attività viene ormai svolta a regime e ripetuta ad ogni scadenza prefissata e quindi ogni Ufficio deve continuativamente provvedere all infasamento dei crediti. Detta funzione resta sospesa solo dopo il visto, per il tempo strettamente necessario alla predisposizione dei file per il concessionario e, ove possibile, la sospensione sarà fatta coincidere con il sabato e /o la domenica in modo da non interrompere le operazioni di infasamento. La procedura di formazione dei ruoli provvederà a destinare i crediti infasati sino al 24 del mese ai ruoli da trasmettere entro il 10 del mese successivo, mentre quelli effettuati fino al giorno 10,

5 saranno attribuiti ai ruoli da trasmettere entro il 25 dello stesso mese. Il calendario dei ruoli è, comunque, consultabile dall apposita applicazione intranet. Mentre per i crediti ceduti e cioè contabilizzati fino all esercizio contabile 1999 non si è provveduto all invio dell avviso bonario, per quelli contabilizzati dal 1 gennaio 2000, l Istituto intende esercitare la facoltà di far precedere l iscrizione a ruolo dall avviso bonario avvalendosi della norma contenuta nell' art.24 punto 2). Di conseguenza le unità periferiche dovranno aver cura di tenere separata evidenza delle denunce per le quali inviare detto avviso, in attesa che le procedure automatizzate siano aggiornate. 2b) cancellazione di partite Eventuali cancellazioni di partite infasate, ma non ancora trasmesse al Concessionario, sono consentite fino a quando il ruolo non è stato formato, come dettagliatamente indicato con messaggio n del Se il ruolo è formato, la cancellazione deve essere preceduta dall annullamento del ruolo stesso. 2c) pagamenti successivi ai ruoli Se il ruolo è vistato, si deve operare attraverso la funzione provvedimenti e, considerato che per le prime emissioni sono stati segnalati casi di partite erroneamente andate a ruolo, il primo provvedimento ad essere attivato sarà il discarico. In caso di richiesta di rateazione, dovranno essere seguiti criteri diversi a seconda delle seguenti situazioni dei crediti inseriti nella domanda: a) coesistenza di crediti ceduti di cui una parte non ancora infasata ed un'altra solo infasata. In tal caso dovranno essere cancellati i crediti infasati in modo da gestire unitariamente la domanda fino all emissione del piano di ammortamento definitivo e da inviare all esattoria le rate con scadenza successiva al piano; ovviamente le rate che matureranno mensilmente prima che venga attivata la trasmissione dei ruoli previsti dal citato art.32, continueranno ad essere riscosse dalle Agenzie dell'istituto con le cambiali. b) coesistenza di crediti ceduti di cui parte iscritti a ruolo, parte cartellati e parte non infasati. In questo caso devono essere presentate due distinte domande in quanto per i crediti affidati al concessionario le quote a carico del lavoratore non pagate e il primo acconto vanno versati all esattoria, mentre il modello di domanda accompagnato dalla quietanza del versamento, va consegnato all Agenzia competente, che adotta il provvedimento di sospensione in attesa della decisione della domanda; se viene accolta, le rate saranno riscosse dall esattore cui l'agenzia comunicherà l importo aggiornato delle somme aggiuntive e gli interessi di dilazione. L altra domanda per la parte di credito in fase amministrativa va presentata all Agenzia competente e gestita con le consuete modalità; i relativi versamenti debbono ovviamente essere effettuati direttamente all Istituto.

6 c) coesistenza di crediti ceduti in parte iscritti a ruolo, ma non cartellati, in parte in corso di recupero con azione legale ed in parte in fase amministrativa. In questo caso vanno discaricati i crediti non cartellati, mentre va presentata e gestita dall Istituto un unica domanda di rateazione, da trattare come nel caso descritto al punto a). Se la domanda viene respinta, le partite per le quali l'ufficio legale ha un titolo, vengono restituite all'ufficio stesso, mentre per le altre si procede all'iscrizione a ruolo. d) coesistenza di crediti ceduti e non ceduti. Ciascun credito deve seguire una diversa trattazione, devono essere emessi due piani di ammortamento, calcolate due rate diverse e iscritte a ruolo con due diversi beneficiari cui l esattore dovrà riversare le somme incassate. 2d) provvedimenti I debitori hanno facoltà di contestare i ruoli con ricorso al giudice del Lavoro che può ordinare la sospensione della riscossione nelle more dell accertamento del diritto. Compete, comunque, all Ente che ha emesso il ruolo l emanazione dei seguenti provvedimenti ccon le stesse modalità previste per i ruoli: a) discarico - va adottato quando il credito, parzialmente o totalmente insussistente, è stato indebitamente iscritto a ruolo, ma non è stata ancora emessa la cartella ed il contribuente non è tenuto al pagamento; b) sgravio - va adottato quando l importo non è dovuto, ma è stata emessa la cartella; c) sgravio con rimborso - deve essere adottato quando il contribuente non deve versare, è stata emessa la cartella ed è stato anche effettuato il pagamento presso l esattoria; il discarico e lo sgravio sono trasmessi con unico flusso telematico e, in caso di rimborso, deve essere fornita la provvista all esattore. A tal fine l operatore delle aree dovrà indicare se lo sgravio comporta anche il rimborso con apposita funzione, che sarà meglio descritta all'atto del rilascio dei programmi. d) sospensione - richiede l emissione della cartella e può essere disposta su provvedimento del giudice o d ufficio; e) revoca della sospensione va adottata quando, a seguito di sentenza o di ulteriori verifiche in sede amministrativa, risulta che il contribuente è obbligato al pagamento del credito in questione. f) diniego di discarico per inesigibilità consegue al mancato adempimento degli obblighi a carico dell esattore previsti negli artt.19 e 20 del D.Lgv. n.112/99. In tali ipotesi l Istituto è contrattualmente impegnato a svolgere con la massima tempestività, tutte le ricerche e ispezioni ragionevoli per l individuazione dei beni aggredibili appartenenti ai debitori al fine di reiscrivere a ruolo eventuali crediti discaricati( clausola 8.4 b). Si precisa che, in sede di autotutela, l Istituto può sospendere autonomamente la riscossione nel caso in cui il contribuente dimostri l erroneità dell iscrizione a ruolo di un credito. In tal caso, su presentazione di apposita istanza indirizzata all Istituto ed all esattoria, la sospensione può essere accordata anche per i crediti ceduti, quando la causa del provvedimento consiste nel pagamento integralmente effettuato e documentato dal debitore, ma non ancora registrato negli archivi di gestione. La verifica dell appartenenza del credito alla categoria dei ceduti sarà compiuta consultando l elenco di tali crediti con apposita funzione. Per l area DM, da operatore del recupero crediti, va richiamato il menù principale ed in successione l opzione 03( recupero crediti), la sub 4 (ruoli), sub 1 (cessione crediti contributivi), opz 7 (visualizzazione crediti ceduti). Per l area Artigiani e Commercianti la funzione è regolata da procedure centralizzate che, a seconda delle funzioni da svolgere, presenta all operatore i crediti con esse compatibili. 2e )Sanzioni amministrative ex lege 689/81 Si chiarisce che le sanzioni amministrative ex L. 689/91, per le aree ad esse soggette, vanno iscritte a ruolo, se dovute. La norma contenuta nell art.1 c.222 della legge 662/96 dispone che le sanzioni

7 amministrative non sono dovute nel caso in cui i contributi e tutti i relativi oneri accessori per la cui omissione sono state irrogate, siano stati pagati, senza fare alcun riferimento al termine entro cui adempiere. Dal combinato disposto dell art.35 della legge 689/81 e dell art.37 del D.Lgs.46/99, si evince che dette sanzioni debbono continuare ad essere richieste con l ordinanza ingiunzione. Ciò in quanto l art.37 del D.Lgv. 46/99 ha abrogato il nono comma dell art.35 della legge 689/81che consentiva di operare, anche per tali sanzioni, attraverso il procedimento ingiuntivo di cui agli articoli 633 e seguenti del codice civile. Resta però in vigore il sistema di riscossione tramite concessionario delle sanzioni non versate a seguito dell ordinanza non impugnata a norma dell art.27 della legge 689/81. Di conseguenza le sedi dovranno distinguere le sanzioni ex art.35 commi 2e 3 da quelle dovute ai sensi del comma 7 della legge 689/81; per le prime avranno cura di verificare l avvenuto pagamento della contribuzione ed in tal caso dovranno abbandonarne il recupero. Qualora, invece i contributi non siano stati pagati, debbono controllare che sia stata emessa l ordinanza ingiunzione e che siano inutilmente trascorsi i termini assegnati per il pagamento. La possibilità di iscrivere a ruolo è subordinata al verificarsi di detti presupposti. Le ordinanze ingiunzioni non opposte saranno tenute in evidenza in attesa della procedura. Le sanzioni previste dal 7 comma del medesimo articolo sono richieste, come è noto dall ispettorato del Lavoro. 3) Adempimenti dell Area DM Allo scopo di assicurare il corretto svolgimento delle attività descritte, le sedi dovranno operare secondo le istruzioni impartite con msg del , privilegiando le seguenti attività, che potranno essere proseguite fino al 15 marzo c.a. : 3a ) portare a termine le lavorazioni elencate nella circ.n.31/99 fino al raggiungimento dell obiettivo con particolare attenzione alla definizione dei condoni. Si precisa che secondo quanto previsto al punto 8.3 del contratto di cessione, l interruzione dei versamenti comporta la rideterminazione del residuo credito e la sua iscrizione a ruolo entro i tre mesi dal mancato versamento. Resta inteso che eventuali spese anticipate dall Istituto e competenze legali andranno recuperate secondo le normali procedure. 3b ) verificare che lo stato azienda corrisponda alla situazione attuale: --- per le aziende in procedure concorsuali da tempo e con crediti in parte già trasmessi all Ufficio legale ed insinuati ed in parte in fase amministrativa, provvedere all invio all Ufficio legale anche di questi ultimi per evitare che l inserimento nel passivo avvenga a cura di due soggetti distinti; per il fallimento intervenuto quando l Ufficio Legale ha già iniziato una procedura giudiziale ordinaria per alcuni crediti senza ovviamente insinuarli nel passivo, mentre altri crediti sono in fase amministrativa, trasmettere anche questi ultimi all Ufficio Legale perché venga attivata una sola insinuazione nel passivo; --- i crediti nei confronti di un azienda, trasmessi all Ufficio Legale e non ancora azionati per qualunque motivo, al momento della dichiarazione di fallimento, dovranno essere prontamente restituiti all Ufficio amministrativo, che riattiverà il CSL precedente e provvederà ad iscrivere a ruolo il credito restituito, unitamente ad eventuali altri crediti in fase amministrativa. Si rammenta che, se pervengono modelli DM 10/M attivi con la matricola dell azienda fallita, aventi periodi di riferimento successivo alla data del fallimento, vanno annullati e per essi va aperta apposita posizione assicurativa a nome della curatela fallimentare e successivamente i modelli debbono essere assoggettati alle normali lavorazioni qualora l azione legale di accertamento negativo sia stata promossa indipendentemente e prima che il credito venga trasmesso all ufficio legale e quindi, nei casi in cui tale credito figura negli

8 archivi di gestione ancora tra quelli in fase amministrativa, verificare la presenza o attribuire il CSL 8416; 3c ) controllare che i pagamenti siano entrati nelle inadempienze con 8314; ciò in quanto il provvedimento di discarico non può essere emesso per le partite con pagamenti solo attestati. 3d ) verificare l avvenuta decisione dei ricorsi da parte dei comitati competenti; 3e ) lavorare le compensazioni a richiesta curando l inserimento dei passivi interessati nell archivio GPA10/66; 3f ) procedere alla compensazione d ufficio in presenza di passivi già controllati e quindi rimborsabili; 3g ) verificare il superamento dei motivi che hanno giustificato l inserimento dei CSL 9112 e h) cancellare con la funzione del pgr 4654 acquisizione/variazione oneri accessori le sanzioni amministrative per le quali non è stata emessa l ordinanza ingiunzione o il decreto ingiuntivo ed aprire una nuova inadempienza con T.S. 51 avente il significato di inadempienza aperta per sole sanzioni nella quale vanno acquisite la data di emissione dell ordinanza, la data di notifica e l importo delle sanzioni stesse per la successiva iscrizione a ruolo. E stato chiesto se, in caso di mancato versamento delle quote a carico del lavoratore, le agenzie debbano iscrivere a ruolo il saldo del modello DM10 insoluto immediatamente o trascorsi i tre mesi dalla data di contestazione o di notificazione dell avvenuto accertamento della violazione. Si fa presente in proposito che l iscrizione a ruolo deve essere normalmente disposta dopo l inutile trascorrere del termine concesso con l avviso bonario, come per tutti i crediti non ceduti e che l eventuale interruzione dell azione penale a seguito di pagamento ai sensi del D.Lgs n.211 sarà disposta dall Istituto con le consuete modalità e le quote non più dovute saranno oggetto di provvedimento di discarico. E opportuno rammentare, come detto in premessa, che a tutela dei crediti, ceduti o non ceduti, dovranno essere interrotti, per conto della società cessionaria, i termini prescrizionali sia per i contributi previdenziali che per quelli sanitari mediante l emissione di diffide il cui testo si allega. L'allegato 1 serve per interrompere i termini prescrizionali per i contributi previdenziali dell'area DM, mentre per la contribuzione SSN va utilizzato il testo dell allegato 2 che sarà emesso dalla procedura recupero crediti sanitari. I crediti del SSN ( non ceduti) dovranno, comunque, essere riscossi tramite esattoria, semprechè non siano già stati azionati dall ufficio legale. Per i crediti in essere anteriormente al 1 luglio 1999 (data di entrata in vigore del D.lgs.n.46/99) non trovano applicazione i termini di decadenza previsti dall art. 25 del D.Lgs.46/99. L iscrizione a ruolo di detti crediti potrà, dunque, essere effettuata nel rispetto della vigente prescrizione quinquennale. Per i crediti SSN, pervenuti successivamente, l iscrizione a ruolo deve avvenire entro i termini di decadenza fissati dal citato art.25. Quanto alla prescrizione per la contribuzione afferente il Servizio Sanitario, si precisa che la procedura per l invio generalizzato delle diffide è in corso di allestimento e che sarà rilasciata in tempo utile per interrompere i termini delle denunce presentate dopo l entrata in vigore della legge n.335 per le quali non opera più la sospensione ex lege 638/83. 4) Adempimenti delle aree Artigiani e Commercianti.

9 Gli operatori che gestiscono l archivio dei lavoratori autonomi dovranno in particolare provvedere entro il : 1) all aggiornamento tempestivo della situazione giuridica delle posizioni assicurative acquisendo le delibere, i decrementi dell importo dovuto, le variazioni ; 2 ) all aggiornamento tempestivo della situazione contabile delle posizioni assicurative lavorando le compensazioni, le comunicazioni di reddito, i decrementi di versamenti a percentuale, la definizione dei versamenti anomali, il reincasso di versamenti posti a rimborso ; 3 ) all acquisizione e trasmissione al centro degli avvisi di ricevimento di tutte le operazioni di interruzione termini ( dall agosto 1995) e di emissione delle diffide amministrative; 4 ) alla sistemazione delle domande di condono; 5 ) all aggiornamento tempestivo dei dati registrati negli archivi della riclassificazione dei crediti con le informazioni che modificano lo stato del credito. Dovranno altresì essere interrotti i termini prescrizionali per i crediti dell anno 1995 inviando a ciascun titolare la lettera secondo il testo allegato n.3. Per gli adempimenti dell area agricola si rimanda al msg. Prot. 2000/0023/ del Circa l organizzazione degli uffici, si fa riserva di istruzioni per la costituzione e l individuazione di un area che, all interno dell agenzia, gestisca l intero processo ruoli. Per opportuna conoscenza si allegano: - testo della lettera interruttiva dei termini prescrizionali per le aree Dm e autonomi. -- elenco dei codici tributo assegnati dal CNC per ciascuna tipologia di credito; -- codici delle Concessioni esistenti e relativi ambiti. Allegato 3 (documento compresso in formato xls) IL DIRETTORE GENERALE TRIZZINO

10 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE SEDE DI Recupero Crediti Aziende DM matr. ALLEGATO 1 RACCOMANDATA A/R ALLA DITTA OGGETTO: interruzione termini prescrizionali. In nome e per conto della Società di Cartolarizzazione dei Crediti INPS ( SCCI s.p.a.), cessionaria del credito in oggetto, che ha conferito mandato con rappresentanza all Istituto con contratto di cessione dei crediti contributivi in corso di registrazione, informo codesta ditta che la presente costituisce atto interruttivo di ogni e qualsiasi termine prescrizionale relativo ai periodi ed agli importi a debito risultanti dall unito prospetto e relativi accessori. Da una verifica effettuata sulla situazione contributiva aziendale, codesta Ditta, come analiticamente indicato nel prospetto allegato, risulta debitrice dell importo complessivo di L.... per contributi, oltre agli oneri accessori da calcolare sia sui contributi non versati, che su quelli versati in ritardo. La invito pertanto a confrontare attentamente il contenuto della presente comunicazione con la documentazione aziendale in suo possesso. Qualora le somme risultanti a debito siano state regolarmente versate e non ancora registrate per errore o ritardo negli archivi di gestione oppure codesta Ditta abbia provveduto a regolarizzare, in tutto o in parte, l esposta situazione debitoria, avvalendosi dei condoni previdenziali, La invito, nello spirito della comune collaborazione, a segnalare la circostanza a questa Agenzia, per consentire agli uffici di definire in modo corretto la discordanza. IL DIRETTORE

11 Allegato n. 2 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE SEDE DI Ufficio GPA Art/ Com Cod. RACCOMANDATA A/R Al Signor Oggetto: interruzione termini prescrizionali In nome e per conto della Società di Cartolarizzazione dei Crediti INPS ( SCCI s.p.a.), cessionaria del credito in oggetto, che ha conferito mandato con rappresentanza all Istituto con contratto di cessione dei crediti contributivi in corso di registrazione, La informo che la presente costituisce atto interruttivo di ogni e qualsiasi termine prescrizionale relativo ai periodi ed agli importi a debito risultanti dall unito prospetto e relativi accessori. Da una verifica effettuata negli archivi degli iscritti alla gestione degli artigiani e degli esercenti attività commerciali risulta, infatti, che non è stata versata la somma di L per contributi previdenziali ed assistenziali, come dettagliatamente esposto nel suddetto prospetto. La invito pertanto a confrontare attentamente il contenuto della presente comunicazione con la documentazione in suo possesso. Qualora la somma addebitata non corrisponda all importo che da Lei risulta dovuto, è utile che, nello spirito della comune collaborazione, prenda immediatamente contatto con l Ufficio gestione posizioni assicurative dell Agenzia, per concordare un appuntamento con un operatore che sarà a sua disposizione per definire correttamente ogni discordanza. IL DIRETTORE

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 24/11/2010 Circolare n. 148 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola

Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola Direzione Centrale delle Entrate Contributive Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola Roma, 23 Giugno 2005 Circolare n. 81 Allegati 4 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA 3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA >> LA RISCOSSIONE MEDIANTE CARTELLA L Agenzia delle Entrate svolge l attività di riscossione nazionale dei tributi tramite la società per azioni

Dettagli

IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI

IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI Dott.ssa Giovanna Castelli 1 PRINCIPALI NOVITÀ E MODIFICHE 1. AVVISI DI ACCERTAMENTO ESECUTIVI 2. INDAGINI BANCARIE 3. POTERI ATTRIBUITI AI COMUNI 4. MODIFICHE

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE APPLICABILI NEI CASI DI VIOLAZIONI RELATIVE AL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO ART.1

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 15/06/2012 Circolare n. 85 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE ED EXTRATRIBUTARIE DEL COMUNE

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE ED EXTRATRIBUTARIE DEL COMUNE C O M U N E D I L E N O (Provincia di Brescia) 25024 LENO - Via Dante n. 3 P.I.: 00727240988 - C.F. 88001410179 Tel. 030/9046250-251 - Fax 030/9046253 e-mail: tributi@comune.leno.bs.it CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

INPS ASSICURAZIONE SOCIALE

INPS ASSICURAZIONE SOCIALE ASSICURAZIONE SOCIALE 1898 Fondazione della Cassa nazionale di previdenza per l invalidità e la vecchiaia degli operai (primo presidente il principe Alfonso Doria Pamphilj). Si tratta di un assicurazione

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE DELLE ENTRATE DELL ENTE COMUNE DI VASTO Approvato con Delibera di G.C.

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CIRCOLARE N. 15. Roma, 18 marzo 2003. Alle RAGIONERIE PROVINCIALI DELLO STATO LORO SEDI. Prot. N. 0033360 Allegati: 1. e, per conoscenza,

CIRCOLARE N. 15. Roma, 18 marzo 2003. Alle RAGIONERIE PROVINCIALI DELLO STATO LORO SEDI. Prot. N. 0033360 Allegati: 1. e, per conoscenza, CIRCOLARE N. 15 DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE DI FINANZA UFFICIO XIV Roma, 18 marzo 2003 Prot. N. 0033360 Allegati: 1 Alle RAGIONERIE PROVINCIALI DELLO STATO LORO

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 03/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 31/01/2002 Modificato con

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Articolo 1 Oggetto del Regolamento CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI ASTI Allegato 2 alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 13 del 31.10.2013 Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 16 DEL 18.05.2011

Dettagli

Il blog del Commercialista Dott. Roberto Di Leo www.robertodileo.it Pagina 1

Il blog del Commercialista Dott. Roberto Di Leo www.robertodileo.it Pagina 1 Il blog del Commercialista Dott. Roberto Di Leo www.robertodileo.it Pagina 1 Giugno 2011 LA RISCOSSIONE COATTIVA Le modalità dell esercizio dell attività di riscossione nazionale dei tributi e contributi

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE per l applicazione dell istituto dell ACCERTAMENTO CON ADESIONE e dell AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

Le modalità e condizioni per la rateazione delle somme iscritte a ruolo

Le modalità e condizioni per la rateazione delle somme iscritte a ruolo n. 6/2000 Pag. 713 Le modalità e condizioni per la rateazione delle somme iscritte a ruolo Circolare del Ministero delle Finanze - (CIR) n. 15 E del 26 gennaio 2000 OGGETTO: RISCOSSIONE - Rateazione o

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 30 gennaio 2015. Semplificazione in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC). IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Dettagli

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Regolamento per la Definizione Agevolata dei Tributi locali minori ICP e DPA (Art. 13, Legge 27 dicembre 2002, n. 289 e art.24, D.Lgs. 15 novembre 1993,

Dettagli

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2014 1 Sommario Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net I PROCEDIMENTI DERIVANTI DALL ISCRIZIONE A RUOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE AMBIENTALI Un contributo a cura di Marco Rubegni Parco Regionale della Maremma E vietato il plagio e la copiatura integrale

Dettagli

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA CONNESSE AL SERVIZIO DI RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA CONNESSE AL SERVIZIO DI RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA CONNESSE AL SERVIZIO DI RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO L anno -----------, il giorno -------- del mese di -------------, in Bolsena, tra Il Comune di Bolsena di seguito Ente con

Dettagli

CIRCOLARE n. 11/2015 1

CIRCOLARE n. 11/2015 1 CIRCOLARE n. 11/2015 1 Milano, 11 novembre 2015 Oggetto: Riforma della riscossione - Novità del D.Lgs. 24.9.2015 n. 150 Premessa Con il DLgs. 24.9.2015 n. 159, pubblicato sul S.O. n. 55 alla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Presentazione. Presentazione

Presentazione. Presentazione Presentazione Presentazione Il testo offre una guida operativa delle norme, procedure, modulistica in materia di riscossione coattiva delle imposte, con particolare riferimento ai poteri a disposizione

Dettagli

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI 1. TIPOLOGIA PROCEDURE Il servizio, che può riguardare, anche disgiuntamente, sia le fasi pre-coattive

Dettagli

Il contenzioso fiscale

Il contenzioso fiscale Il contenzioso fiscale 1. I servizi del Caf Nel caso di ricevimento di cartelle di pagamento che contestano il mancato pagamento, parziale o totale, di imposte o tasse, anche riferite a tributi locali,

Dettagli

Comune di Verrayes Comune de Verrayes. Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SANZIONI TRIBUTARIE.

Comune di Verrayes Comune de Verrayes. Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SANZIONI TRIBUTARIE. Comune di Verrayes Comune de Verrayes Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SANZIONI TRIBUTARIE. Approvato con deliberazione di Consiglio n. 62 del 22/12/1998 INDICE

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014. Equitalia Nord SpA. Per un Paese più giusto.

LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014. Equitalia Nord SpA. Per un Paese più giusto. LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014 Equitalia Nord SpA Facilitazioni intervenute Dall entrata in vigore della nuova normativa (1/3/2008) - che ha attribuito agli

Dettagli

COMUNALI. Esecutivo dal 1.1.1999. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI. Art. 1. Oggetto del regolamento.

COMUNALI. Esecutivo dal 1.1.1999. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI. Art. 1. Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 98 in data 28 dicembre 1998. Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Regolamento per il condono dei Tributi Locali

Regolamento per il condono dei Tributi Locali Regolamento per il condono dei Tributi Locali TARSU ICI TOSAP ( Approvato con delibera consiliare n. 57 del 21/11/2003) Sezione TARSU Articolo 1 Ambito di applicazione ed esclusioni Il presente regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI RELATIVE AI SERVIZI ALLA PERSONA DELL UNIONE RENO GALLIERA

REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI RELATIVE AI SERVIZI ALLA PERSONA DELL UNIONE RENO GALLIERA REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI RELATIVE AI SERVIZI ALLA PERSONA DELL UNIONE RENO GALLIERA Approvato con Delibera del Consiglio dell Unione n. 41 del 23/10/2014 Modificato con Delibera del Consiglio

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 13/04/2012

Direzione Centrale Entrate. Roma, 13/04/2012 Direzione Centrale Entrate Roma, 13/04/2012 Circolare n. 54 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Circolare sulle modalità di rilascio del Documento unico di regolarità contributiva (durc)

Circolare sulle modalità di rilascio del Documento unico di regolarità contributiva (durc) Circolare sulle modalità di rilascio del Documento unico di regolarità contributiva (durc) Sommario: 1. Premessa; 2. Soggetti tenuti a richiedere il DURC; 3. Soggetti abilitati al rilascio del DURC; 4.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE Unione dei Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Lajatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, S. Maria a Monte, Terricciola ZONA VALDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO

Dettagli

Allegato A. COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate

Allegato A. COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate Allegato A COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 5 del 9.4.2014 INDICE Titolo I DISPOSIZIONI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Chiarezza e trasparenza delle disposizioni tributarie Art.3 Chiarezza e motivazione degli atti Art.4

Dettagli

CAPITOLATO PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI

CAPITOLATO PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI ALLEGATO A) CAPITOLATO PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI Art. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE La concessione prevede la gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 19 luglio 2010 Emendato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

Comune di TRANI Provincia BT

Comune di TRANI Provincia BT Comune di TRANI Provincia BT Regolamento Comunale di applicazione del condono fiscale Art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n. 289 AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE INDICE Art. 1 Scopo del regolamento Art. 2 Oggetto

Dettagli

Circolare Informativa n 18/2014 RATEAZIONE DEI DEBITI CONTRIBUTIVI IN FASE AMMINISTRATIVA

Circolare Informativa n 18/2014 RATEAZIONE DEI DEBITI CONTRIBUTIVI IN FASE AMMINISTRATIVA Circolare Informativa n 18/2014 RATEAZIONE DEI DEBITI CONTRIBUTIVI IN FASE AMMINISTRATIVA Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) Quadro normativo di riferimento pag.3 2) Pagamento in forma rateale dei

Dettagli

Fare clic per scaricare il file.doc (33 KB): Art 116.doc VIOLAZIONI CONTRIBUTIVE: SANZIONI APPLICABILI

Fare clic per scaricare il file.doc (33 KB): Art 116.doc VIOLAZIONI CONTRIBUTIVE: SANZIONI APPLICABILI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 09/04/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Accordo Pagamenti 2014/2015. Roma, 10 Dicembre 2013

Accordo Pagamenti 2014/2015. Roma, 10 Dicembre 2013 Accordo Pagamenti 2014/2015 Roma, 10 Dicembre 2013 Accordo Pagamenti Ad oggi sono in atto le modalità di certificazione e pagamento disposte ai sensi dell Accordo Pagamenti per le seguenti tipologie di

Dettagli

3. crediti per i quali le Banche chiedono il discarico per difficile esazione.

3. crediti per i quali le Banche chiedono il discarico per difficile esazione. Allegato 2 alla Delib.G.R. n. 38/11 del 30.9.2014 Gestione del recupero e della riscossione dei crediti regionali per il tramite di istituti di credito convenzionati. Direttive per la rinegoziazione delle

Dettagli

Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione

Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione Condizioni per il libero utilizzo dei crediti (art. 31 del Decreto Legge 78/2010) (D.M. 10 febbraio 2011) (RisMin. n. 18, del 21 febbraio 2011)

Dettagli

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE ATTRAVERSO RUOLO CON PREVENTIVA PROCEDURA PRE-COATTIVA MEDIANTE GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) *****

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE ATTRAVERSO RUOLO CON PREVENTIVA PROCEDURA PRE-COATTIVA MEDIANTE GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) ***** Allegato delibera G.C. n 82 del 16.06.2011 CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE ATTRAVERSO RUOLO CON PREVENTIVA PROCEDURA PRE-COATTIVA MEDIANTE GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) ***** L anno 2011, il giorno del

Dettagli

Comune di POGGIO CATINO Provincia di RIETI CAPITOLATO D ONERI

Comune di POGGIO CATINO Provincia di RIETI CAPITOLATO D ONERI Comune di POGGIO CATINO Provincia di RIETI CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE CERTE, LIQUIDE ED ESIGIBILI IN SOFFERENZA Art. 1 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRANO

COMUNE DI CASTELVETRANO COMUNE DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI Settore Ragioneria, Finanze e Tributi REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DI DICHIARAZIONI, RISCOSSIONE, ACCERTAMENTO E SANZIONI IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI,

Dettagli

Aspetti operativi del nuovo processo tributario

Aspetti operativi del nuovo processo tributario di Armando Urbano Aspetti operativi del nuovo processo tributario L accertamento esecutivo Il contributo unificato La nuova nota di iscrizione a ruolo Le controversie minori: Reclamo e mediazione La chiusura

Dettagli

EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO

EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO Protocollo d Intesa e convenzione di erogazione di servizi Trento, 27 Marzo 2014 LE FINALITA PROMUOVERE E SVILUPPARE UNA FATTIVA COLLABORAZIONE

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Roma, 06-12-2012. Messaggio n. 20135

Premessa. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Roma, 06-12-2012. Messaggio n. 20135 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 06-12-2012 Messaggio n. 20135 Allegati n.1 OGGETTO: Decreto Legge n.174 del 10 ottobre 2012, pubblicato su G.U. n.237 del 10.10.2012.

Dettagli

Roma, 25/10/2011. e, per conoscenza, Circolare n. 136

Roma, 25/10/2011. e, per conoscenza, Circolare n. 136 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Coordinamento Generale Statistico

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA

REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA ALLEGATO N. 1 UNIONE EUROPEA FEASR REGIONE LAZIO REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA P.S.R. LAZIO 2007/2013 ASSE IV LEADER (DGR

Dettagli

DOCUMENTO ESPLICATIVO

DOCUMENTO ESPLICATIVO DOCUMENTO ESPLICATIVO IL REGIME SANZIONATORIO CIPAG 2014 Sommario SOMMARIO 1 Premessa... 1 2 Regolarizzazione del pagamento dei contributi... 2 3 Sanzioni sui pagamenti... 4 4 Sanzioni sulle dichiarazioni...

Dettagli

Vademecum Direttive e linee guida per il recupero e la riscossione dei crediti regionali e per l eventuale dichiarazione di inesigibilità.

Vademecum Direttive e linee guida per il recupero e la riscossione dei crediti regionali e per l eventuale dichiarazione di inesigibilità. Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 38/11 del 30.9.2014 Vademecum Direttive e linee guida per il recupero e la riscossione dei crediti regionali e per l eventuale dichiarazione di inesigibilità. INDICE 1. Ambito

Dettagli

SANZIONI. AMMINISTRATIVE (Multe) per violazioni a norme del Codice della Strada. Come pagarle o come contestarle (Piccolo manuale operativo)

SANZIONI. AMMINISTRATIVE (Multe) per violazioni a norme del Codice della Strada. Come pagarle o come contestarle (Piccolo manuale operativo) SANZIONI AMMINISTRATIVE (Multe) per violazioni a norme del Codice della Strada. Come pagarle o come contestarle (Piccolo manuale operativo) Settembre 2009 IL PAGAMENTO DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PER

Dettagli

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 02.05.2007 Modificato con Delibera del Consiglio n. 52 del 20.12.2007

Dettagli

Comune di Burolo Provincia di Torino CAPITOLATO D ONERI

Comune di Burolo Provincia di Torino CAPITOLATO D ONERI Comune di Burolo Provincia di Torino CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE CERTE, LIQUIDE ED ESIGIBILI IN SOFFERENZA ART. 1 OGGETTO DELLA

Dettagli

FISCALITA DEL TURN AROUND E DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE Ignazio Arcuri Slide a cura della dott.ssa Silvia Ierardi

FISCALITA DEL TURN AROUND E DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE Ignazio Arcuri Slide a cura della dott.ssa Silvia Ierardi STRUMENTI OPERATIVI PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA: RUOLO DEL SISTEMA BANCARIO E DEL DOTTORE COMEMRCIALISTA FISCALITA DEL TURN AROUND E DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE Ignazio Arcuri Slide a cura

Dettagli

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con delibera del C.C. n. 14 del 30/03/2007 INDICE FINALITA Articolo 1 DISCIPLINA

Dettagli

DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia)

DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia) C I T T A DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI DEL COMUNE DI MANFREDONIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale N. 10

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DI DICHIARAZIONI, RISCOSSIONE, ACCERTAMENTO E SANZIONI IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI, NONCHE NORME PER L

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DI DICHIARAZIONI, RISCOSSIONE, ACCERTAMENTO E SANZIONI IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI, NONCHE NORME PER L REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DI DICHIARAZIONI, RISCOSSIONE, ACCERTAMENTO E SANZIONI IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI, NONCHE NORME PER L ANNULLAMENTO DEGLI ATTI IN VIA DI AUTOTUTELA TITOLO I AMBITO

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE ENTRATE COMUNALI COMUNE DI BERGEGGI REGOLAMENTO GENERALE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con deliberazione C.C. n. 36 del 16.11.2001 Modificato con deliberazione C.C. n. 34 del 10.11.2003 Modificato con deliberazione C.C. n.1

Dettagli

OGGETTO: INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE COMPLEMENTARE DI CUI ALL ART. 5 DEL D.LGS. 80/92

OGGETTO: INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE COMPLEMENTARE DI CUI ALL ART. 5 DEL D.LGS. 80/92 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Coordinamento Generale Legale Roma, 22 Febbraio 2008 Circolare n. 23 Allegati 14 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

DOCUMENTO ESPLICATIVO

DOCUMENTO ESPLICATIVO DOCUMENTO ESPLICATIVO IL REGIME SANZIONATORIO CIPAG 2015 Sommario SOMMARIO 1 Premessa... 1 2 Regolarizzazione del pagamento dei contributi... 2 3 Sanzioni sui pagamenti... 4 4 Sanzioni sulle dichiarazioni...

Dettagli

ACCORDO PER INTERVENTO MATURITY CON DILAZIONE DI PAGAMENTO AL DEBITORE CEDUTO. L anno 2011 il giorno.del mese di nei locali della Direzione Generale

ACCORDO PER INTERVENTO MATURITY CON DILAZIONE DI PAGAMENTO AL DEBITORE CEDUTO. L anno 2011 il giorno.del mese di nei locali della Direzione Generale ACCORDO PER INTERVENTO MATURITY CON DILAZIONE DI PAGAMENTO AL DEBITORE CEDUTO L anno 2011 il giorno.del mese di nei locali della Direzione Generale TRA L Azienda Sanitaria Provinciale di Catania, con sede

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI (BILANCIO, TESORO E PROGRAMMAZIONE) Presentata alla Presidenza il 24 settembre 1999. (Relatore: TESTA) SUL DISEGNO DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI (BILANCIO, TESORO E PROGRAMMAZIONE) Presentata alla Presidenza il 24 settembre 1999. (Relatore: TESTA) SUL DISEGNO DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6322-A RELAZIONE DELLA V COMMISSIONE PERMANENTE (BILANCIO, TESORO E PROGRAMMAZIONE) Presentata alla Presidenza il 24 settembre 1999 (Relatore:

Dettagli

Aliquota IVS 2012 e 2013 27% 2014 28% 2015 30%

Aliquota IVS 2012 e 2013 27% 2014 28% 2015 30% GESTIONE SEPARATA ENPAPI FAQ RISPOSTE AI DUBBI PIÙ FREQUENTI DEI COMMITTENTI Quali sono le aliquote contributive applicate? Le aliquote contributive applicate si distinguono a seconda che il collaboratore

Dettagli

CONVENZIONE TRA. CONSIDERATE le norme di riordino del servizio della riscossione di cui alla legge delega 28 settembre 1998, n.

CONVENZIONE TRA. CONSIDERATE le norme di riordino del servizio della riscossione di cui alla legge delega 28 settembre 1998, n. CONVENZIONE Integrativa per il miglioramento della riscossione tramite ruolo della TARSU Nel giorno del mese di Maggio dell anno 2006 TRA ESATRI ESAZIONE TRIBUTI S.p.A., concessionario del Servizio di

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI PERNI & DORENTI Partners Avv. Oliviero Perni Dott. Luca Dorenti Of Counsel Dott. Marco Gaspari Dott.ssa Barbara Bonsignori Milano, 16 Novembre 2015 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 28/2015: Riforma

Dettagli

Note operative per la Gestione Separata

Note operative per la Gestione Separata 1 NOTE OPERATIVE PER LA GESTIONE SEPARATA. Pagina 1 2 PREMESSA La corretta, completa e tempestiva esecuzione degli adempimenti contributivi è condizione indispensabile per: l accoglimento di eventuali

Dettagli

Vademecum della cartella di pagamento

Vademecum della cartella di pagamento in collaborazione con Direzione Regionale Veneto Vademecum della cartella di pagamento Guida pratica per il cittadino contribuente La cartella di pagamento 3 La notifica 3 Dove e come pagare 4 Dove chiedere

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO Approvato con delibera n. 314 del 25 settembre 2014 Indice

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 TIPOLOGIA DEI CONTRIBUTI 1. Sono dovuti alla Cassa in forza di quanto disposto dall art.

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO CON PROCEDURA GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA)

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO CON PROCEDURA GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) AGENZIA LAORE SARDEGNA - ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE N.331/2014 DEL 26.05.2014 CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO CON PROCEDURA GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) LAORE Sardegna, di seguito denominato

Dettagli

CONSORZIO di BONIFICA dell EMILIA CENTRALE Corso Garibaldi n. 42 42121 Reggio Emilia - Tel. 0522443211- Fax 0522443254- c.f.

CONSORZIO di BONIFICA dell EMILIA CENTRALE Corso Garibaldi n. 42 42121 Reggio Emilia - Tel. 0522443211- Fax 0522443254- c.f. CONSORZIO di BONIFICA dell EMILIA CENTRALE Corso Garibaldi n. 42 42121 Reggio Emilia - Tel. 0522443211- Fax 0522443254- c.f. 91149320359 CONSORZIO DI BONIFICA DELL EMILIA CENTRALE REGOLAMENTO SULLA RISCOSSIONE

Dettagli

Università Telematica Pegaso. Indice

Università Telematica Pegaso. Indice I RIMBORSI PROF. MARTINO CUTILLO Indice 1 LE VICENDE DEL CREDITO DI IMPOSTA --------------------------------------------------------------------------- 3 2 I RIMBORSI --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 L. 27 dicembre

Dettagli

Allegato A. (ai sensi dell articolo 4, comma 3 del CCNL Regioni enti locali del 5 ottobre 2001)

Allegato A. (ai sensi dell articolo 4, comma 3 del CCNL Regioni enti locali del 5 ottobre 2001) Allegato A REGOLAMENTO RECUPERO EVASIONE ICI DEL PERIODO 1998/2001 RELATIVO A OMESSI E PARZIALI VERSAMENTI, RETTIFICHE D UFFICIO ED OMESSE DICHIARAZIONI PER AREE FABBRICABILI. (ai sensi dell articolo 4,

Dettagli

PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI

PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI MCC REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI AREA SERVIZI PER LO SVILUPPO Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare

Dettagli

Preliminarmente, l Assessore ritiene utile fornire alcune definizioni. Ai fini della presente deliberazione si intende:

Preliminarmente, l Assessore ritiene utile fornire alcune definizioni. Ai fini della presente deliberazione si intende: Oggetto: Integrazione alle direttive in materia di recupero dei crediti regionali contenute nella Delib.G.R. n. 28/33 del 24.6.2011. Definizione dei criteri, presupposti e procedure per la declaratoria

Dettagli

Comune di Carmignano Regolamento in materia di accertamento, liquidazione e riscossione delle entrate tributarie testo vigente dal 01/01/2004

Comune di Carmignano Regolamento in materia di accertamento, liquidazione e riscossione delle entrate tributarie testo vigente dal 01/01/2004 Comune di Carmignano Regolamento in materia di accertamento, liquidazione e riscossione delle entrate tributarie testo vigente dal 01/01/2004 Comune di Carmignano - Regolamento in materia di accertamento,

Dettagli

ESTRATTO DI CONVENZIONE

ESTRATTO DI CONVENZIONE ESTRATTO DI CONVENZIONE COPERTURA ASSICURATIVA PERDITE PECUNIARIE ABBINATA A PRESTITI PERSONALI RIMBORSABILI MEDIANTE CESSIONE / DELEGAZIONE DI PAGAMENTO DI QUOTE DI STIPENDIO Fra Net Insurance S.p.A.

Dettagli

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO CON PROCEDURA GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA)

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO CON PROCEDURA GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO CON PROCEDURA GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) L anno 2014, il giorno.. del mese di., in, tra Il Comune di Ollolai, di seguito Ente, con sede in,.. n..., C.F..,

Dettagli

f e r d i n a n d o b o c c i a

f e r d i n a n d o b o c c i a Circ. n. 10 del 22 gennaio 2013 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: COMPENSAZIONE E CESSIONE DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Procedura di certificazione degli stessi 1.

Dettagli

ALLEGATO (A) CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE DELLA TARSU TRAMITE RUOLO CON PROCEDURA DI GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA)

ALLEGATO (A) CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE DELLA TARSU TRAMITE RUOLO CON PROCEDURA DI GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) ALLEGATO (A) CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE DELLA TARSU TRAMITE RUOLO CON PROCEDURA DI GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) L anno 2010 (duemiladieci), il giorno ( ) del mese di marzo, tra Il Comune di Cormòns

Dettagli