RESOCONTO STENOGRAFICO n. 7

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESOCONTO STENOGRAFICO n. 7"

Transcript

1 XVI LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 7 N.B. I resoconti stenografici delle sedute di ciascuna indagine conoscitiva seguono una numerazione indipendente. 9ª COMMISSIONE PERMANENTE (Agricoltura e produzione agroalimentare) INDAGINE CONOSCITIVA SULLO STATO DELL INDEBITAMENTO DELLE AZIENDE DEL SETTORE AGRICOLO 219ª seduta (pomeridiana): mercoledì 30 marzo 2011 Presidenza del presidente SCARPA BONAZZA BUORA IC 1081 TIPOGRAFIA DEL SENATO (108)

2 2 INDICE Audizione del presidente dell Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) Antonio Mastrapasqua PRESIDENTE... Pag. 3, 7, 8 e passim * ANDRIA (PD) ANTEZZA (PD)... 7, 14 MONGIELLO (PD) SANCIU (PdL) * MASTRAPASQUA... Pag. 3, 7, 8 e passim N.B. L asterisco accanto al nome riportato nell indice della seduta indica che gli interventi sono stati rivisti dagli oratori. Sigle dei Gruppi parlamentari: Coesione Nazionale: CN; Italia dei Valori: IdV; Il Popolo della Libertà: PdL; Lega Nord Padania: LNP; Partito Democratico: PD; Unione di Centro, SVP e Autonomie (Union Valdôtaine, MAIE, Verso Nord, Movimento Repubblicani Europei): UDC-SVP-Aut:UV-MAIE-VN-MRE; Misto: Misto; Misto-Alleanza per l Italia: Misto-ApI; Misto-Futuro e Libertà per l Italia: Misto-FLI; Misto-MPA- Movimento per le Autonomie-Alleati per il Sud: Misto-MPA-AS; Misto-Partecipazione Democratica: Misto- ParDem.

3 3 Interviene il dottor Antonio Mastrapasqua, presidente dell Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS), accompagnato dal dottor Marco Barbieri, direttore della Direzione centrale comunicazione, e dalla dottoressa Anna Maria Ermini, direttore vicario della Direzione centrale entrate. I lavori hanno inizio alle ore 15. PROCEDURE INFORMATIVE Audizione del presidente dell Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) Antonio Mastrapasqua PRESIDENTE. L ordine del giorno reca il seguito dell indagine conoscitiva sullo stato dell indebitamento delle aziende del settore agricolo, sospesa nella seduta del 2 dicembre Comunico che, ai sensi dell articolo 33, comma 4, del Regolamento del Senato, sono state chieste l attivazione dell impianto audiovisivo a circuito chiuso e la trasmissione radiofonica, e che la Presidenza del Senato ha fatto preventivamente conoscere il proprio assenso. Poiché non vi sono osservazioni, tale forma di pubblicità è dunque adottata per il prosieguo dei lavori. È oggi prevista l audizione del Presidente dell Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS), dottor Mastrapasqua, che ringraziamo per aver aderito al nostro invito. A lui e ai suoi collaboratori porgiamo il saluto della Commissione. Permettetemi di svolgere solo una breve introduzione dal momento che i temi in discussione sono a noi ben noti. Esiste uno stato di indebitamento generale delle aziende agricole nel nostro Paese, riconducibile nelle varie parti d Italia a situazioni tra loro differenti. Nell Italia centro-meridionale, ma non solo, si riscontra anche un debito contributivo molto importante che preoccupa le aziende agricole, ma che anche i parlamentari di tutti i Gruppi, i quali hanno segnalato alla Presidenza di questa Commissione l opportunità di ascoltare il dottor Mastrapasqua in relazione a questo problema specifico, per capire meglio come esso venga gestito dall ente da lui presieduto. Senza dilungarmi ulteriormente, do la parola al presidente Mastrapasqua per un esposizione introduttiva al termine della quale i colleghi avranno l opportunità di rivolgere eventuali richieste di chiarimento. MASTRAPASQUA. Ringrazio lei, signor Presidente e la Commissione per l invito rivoltomi. Abbiamo predisposto una relazione abbastanza breve, nella quale viene in primo luogo effettuata una disamina dal punto

4 4 di vista sia normativo che procedurale dell Istituto, per poi entrare nel vivo della questione in argomento. Le aziende assuntrici di manodopera del settore agricolo denunciano e versano i contributi secondo un sistema previsto da norme specifiche del settore. In particolare, le medesime aziende effettuano, ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo n. 375 del 1993, le dichiarazioni trimestrali aziendali delle giornate occupate entro il mese successivo al trimestre di riferimento. Sulla base delle predette dichiarazioni, l Istituto effettua il calcolo della contribuzione dovuta, invia il modello F24 all azienda e la medesima effettua il versamento alle scadenze indicate: 16 settembre (primo trimestre), 16 dicembre (secondo trimestre), 16 marzo (terzo trimestre) e 16 giugno (quarto trimestre) dell anno successivo a quello di riferimento. Quanto sto dicendo può sembrare superfluo, ma serve ad inquadrare sia il momento dell indebitamento sia quello successivo del quale parlavamo poc anzi. Le aziende assuntrici di manodopera attualmente attive sono circa ; infatti, in considerazione del carattere stagionale delle lavorazioni effettuate nel settore, il numero delle dichiarazioni trimestrali non risulta uniforme nei quattro trimestri dell anno. Ad esempio, facendo riferimento all ultimo anno completo, il 2009, possiamo osservare che nel primo trimestre risultano aziende che hanno inviato la denuncia, mentre nel quarto ne risultano Il conto assicurativo dei lavoratori operanti in agricoltura viene implementato sulla base della loro iscrizione negli elenchi nominativi annuali. Tali elenchi, a loro volta alimentati dai dati retributivi e contributivi delle denunce trimestrali dell anno precedente, sono pubblicati entro il 31 maggio dell anno successivo e hanno valore costitutivo del diritto alle prestazioni (Regio decreto n del 1940 e legge n. 608 del 1996). I lavoratori agricoli a tempo determinato presenti negli elenchi annuali 2009, pubblicati nel 2010, sono stati Per quanto riguarda i lavoratori autonomi, i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali, essi sono assoggettati a contribuzione, mediante la dichiarazione dello stesso lavoratore, il cui stato permane fino a nuova denuncia di variazione e/o di cessazione. L Istituto provvede al calcolo della contribuzione annuale, sulla base di fasce di reddito agrario, come previsto dalla legge n. 233 del 1990, ed il relativo versamento viene effettuato in quattro rate alle scadenze previste: 16 luglio, 16 settembre, 16 novembre e 16 gennaio dell anno successivo. Nell anno 2010 i lavoratori autonomi per i quali è stata effettuata la tariffazione sono stati Anche per i lavoratori autonomi, il conto assicurativo viene implementato sulla base della loro iscrizione negli elenchi principali, suppletivi e di variazione. Come si è creato, quindi, il debito in agricoltura e quali sono le iniziative per il suo recupero?

5 5 Il sistema di accertamento e di riscossione dei contributi agricoli unificati ha di fatto creato, nel tempo, una situazione di criticità che da un lato ha determinato un notevole debito contributivo, dall altro una spesa per prestazioni non dovute a causa della cancellazione, nell ultimo decennio soprattutto al Sud, di decine di migliaia di rapporti di lavoro fittizi. Occorre inoltre rammentare che un ulteriore elemento di criticità è legato all entrata in vigore di reiterate norme che, pur finalizzate a sostenere il settore, di fatto hanno reso impossibile il controllo e molto complessa le gestione dei conti aziendali. Si ritiene utile citare l introduzione, dal 1989 al 1998, di condoni reiterati, l introduzione, con la legge n. 48 del 1988, della rateizzazione quinquennale per le zone colpite da calamità naturali o eventi eccezionali, l introduzione, con la legge n. 305 del 2003, della rateizzazione decennale con annesso ricalcolo delle sanzioni nel caso di aziende colpite da calamità naturali o eventi eccezionali, ovvero l emanazione di vari decreti che hanno previsto esoneri contributivi per calamità naturali. Va peraltro ricordato che fino al 1º luglio 1995 l accertamento e la riscossione dei contributi era gestita dallo SCAU, mentre l INPS erogava solo le prestazioni. Tale separazione di competenze ha comportato l impossibilità del controllo sul versamento dei contributi da parte dell INPS prima dell erogazione delle prestazioni, anche tenendo conto che lo SCAU non aveva attivato mai azioni finalizzate al recupero crediti. Con il trasferimento delle competenze dallo SCAU all INPS è stata avviata, pur con notevoli problematiche, l integrazione dei due sistemi informativi, condizione necessaria per avviare azioni di recupero anche dei crediti pregressi al A partire dal 2000, infatti, come previsto dal decreto legislativo n. 46 del 1999, anche per i crediti nei confronti di aziende e lavoratori autonomi agricoli è stata attivata l iscrizione a ruolo insieme ai crediti delle altre gestioni, inizialmente effettuata a cura delle strutture territoriali dell Istituto e, dal 2006, con modalità centralizzata, secondo la periodicità delle scadenze dei versamenti. La legge n. 296 del 2006 ha previsto l estensione dell obbligo del versamento delle trattenute ai lavoratori, già previsto per le aziende non agricole, anche alle aziende agricole e di conseguenza, dal 2009, l Istituto ha iniziato ad inviare le previste diffide, in previsione della denuncia penale. Infine, la legge n. 81 del 2006 ha previsto la compensazione dei debiti previdenziali delle aziende con i contributi comunitari gestiti da AGEA. A tale scopo è stata sottoscritta apposita convenzione tra INPS e AGEA ed è stato avviato da parte di quest ultima il processo di riversamento degli importi all Istituto a copertura di propri crediti contributivi nei confronti di aziende agricole destinatarie di benefici comunitari. Per quanto riguarda la ristrutturazione dei crediti agricoli cartolarizzati, ferme restando le citate azioni di recupero dei crediti, al fine di agevolare la riscossione dei crediti contributivi, soprattutto con riferimento agli anni gestiti dall ex SCAU (ante 1995), la SCCI Spa ha ceduto i cre-

6 6 diti oggetto di cartolarizzazione ad un gruppo di banche, al fine di favorire la ristrutturazione di tali crediti, mediante accordi transattivi, con il pagamento di un importo inferiore rispetto al dovuto. L operazione in argomento si è perfezionata in data 31 marzo 2008 con la stipula del contratto definitivo tra SCCI e banche (Bayerische Hipo e Deutsche Bank). Il perfezionamento del contratto preliminare, datato ottobre 2006, era subordinato al determinarsi delle seguenti condizioni: conferma del merito già assegnato da parte delle agenzie di rating (stima, valutazione) ai titoli in circolazione emessi da SCCI; parere di un esperto valutatore designato da SCCI (nel caso di specie la KPMG) sull entità dei flussi finanziari ragionevolmente attesi; sottoscrizione da parte di INPS di alcune modifiche ai termini e condizioni dell accordo tra i creditori; raggiungimento di adesioni alla ristrutturazione di contribuenti che rappresentassero un portafoglio pari ad almeno 1,2 miliardi di euro di crediti. Quanto al primo punto, le società di rating che avevano emesso una valutazione complessiva del portafoglio dei crediti INPS con il valore massimo assegnabile e cioè la tripla A hanno affermato che la cessione non avrebbe influenzato la valutazione dei titoli emessi da SCCI. Inoltre, la KPMG ha precisato con una fairness opinion (parere imparziale) che il valore economico del portafoglio dei crediti può essere stimato tra 730 milioni di euro e 800 milioni di euro circa. Oggetto del contratto definitivo sono stati i crediti dell area agricola ceduti dall Istituto alla società veicolo (SCCI), con le operazioni dì cartolarizzazione effettuate tra il 1999 e il 2004, e maturati nei confronti di coltivatori diretti, coloni e mezzadri, nonché di aziende agricole assuntrici di manodopera. Le condizioni per l accesso alla ristrutturazione sono state omogenee su tutto il territorio nazionale, consentendo ai contribuenti di estinguere il proprio debito pagando il 30 per cento del dovuto. L importo dei crediti agricoli ristrutturato con le modalità appena descritte e ricompresi nell ambito delle diverse operazioni di cartolarizzazione è stato pari a ,28 euro, comprensivo di sanzioni civili. Nel bilancio dell Istituto il controvalore per sorte capitale è pari a euro. Il portafoglio residuo dei crediti agricoli risultanti nel bilancio dell Istituto, alla data del 12 gennaio 2009, al netto della prima fase di ristrutturazione, risultava pari a ,00 euro. Queste sono le cifre del debito, sia per quanto riguarda la parte della cartolarizzazione, ovvero di operazione straordinaria della ristrutturazione dei crediti agricoli, sia per ciò che risulta nel bilancio dell istituto per la parte non cartolarizzata. Abbiamo anche a disposizione delle tabelle che rappresentano i dati da me esposti considerati però per Regioni. Se il Presidente lo desidera, invieremo alla Commissione un fascicolo completo contenente non solo la relazione, ma anche tutte le nostre statistiche Regione per Regione con le aziende, il dovuto e il versato, la differenza e le percentuali sia sugli autonomi che sui subordinati.

7 7 PRESIDENTE. Sarebbe molto interessante, pertanto la prego di farci avere tale documento. MASTRAPASQUA. Oltre alle cifre complessive, è utile disporre di un riferimento con l indicazione delle percentuali riferite alle singole Regioni. Nella relazione vi sono alcuni spunti che sommessamente abbiamo proposto in relazione a quelle che possono considerarsi motivazioni di creazioni di debiti in agricoltura, dovuti sia a fatti storici che a fatti operativi (come il passaggio dallo SCAU all INPS) o gestionali, ovvero la permanenza degli elenchi agricoli, ancora oggi manuali, che si presentano entro il 31 maggio, che sicuramente destano qualche difficoltà e preoccupazione da parte dell Istituto. PRESIDENTE. La ringrazio, presidente Mastrapasqua, per la sua esposizione estremamente chiara. Ripeto, ci farà sicuramente cosa gradita se ci consegnerà una relazione scritta con le relative tabelle rappresentative di una situazione diversificata Regione per Regione, in considerazione anche del fatto che i commissari rappresentano diverse Regioni italiane. ANTEZZA (PD). Signor Presidente, colgo l occasione per ringraziarla per aver accolto, insieme ai colleghi, la nostra richiesta di audire l INPS. Vorrei altresì ringraziare il presidente Mastrapasqua e i suoi collaboratori per la disponibilità. Cercherò di essere il più possibile diretta e sintetica. Attraverso le tabelle che ci verranno consegnate potremo disporre di un quadro che ci permetterà di conoscere la situazione debitoria reale delle imprese agricole nei confronti dell INPS in termini quantitativi (entità del debito e periodo di riferimento), ma anche in termini qualitativi (settore per settore e a seconda che ci si riferisca a lavoratori autonomi, a tempo determinato e così via). Sarà anche importante conoscere la quota capitale, la quota interessi e la percentuale degli interessi applicati, nonché la distribuzione in termini geografici (Nord, Sud, Centro e Regione per Regione). Nelle audizioni svolte ci sono già stati sottolineati alcuni dati: ad esempio, ci è stato segnalato che la situazione debitoria delle imprese agricole è stata complicata dalla cosiddetta cartolarizzazione, attraverso la quale l INPS ha ceduto i propri crediti contributivi a una società appositamente costituita, che il dottor Mastrapasqua ha menzionato nella sua relazione. Vorrei sapere, a tale riguardo, per quale periodo si è proceduto a cartolarizzare i crediti? Mi sembra di aver capito che il periodo in questione sia quello che va dal 1999 al Mi interesserebbe pertanto sapere per quale ragione non siano stati considerati anche i periodi precedenti? Nelle cessioni dei crediti si è tenuto conto dell applicazione della norma prevista dall articolo 75 della finanziaria del 1998? Quali sono i crediti e in quale misura sono stati realmente ceduti? Da alcuni documenti che ci sono stati consegnati, come quelli del Tavolo verde Puglia, nonché un documento sottopostoci dal coordinamento

8 8 degli assessori provinciali di Puglia e Basilicata, emergono situazioni in cui a più riprese i vari tribunali e la Corte di cassazione hanno dichiarato non provati e quindi non esigibili moltissimi crediti vantati dall INPS: ad esempio, mi risulta che soltanto nella Provincia di Taranto ci siano state circa 370 cause definite a favore del ricorrente, quindi con la condanna dell INPS, e circa 400 cause pendenti, perché il giudice ha stabilito la sospensione del pagamento delle cartelle. Ci è stato altresì segnalato che con il processo di ristrutturazione dei crediti INPS si è verificato un fenomeno un po generalizzato di cartelle esattoriali cosiddette «pazze», note anche allo stesso Istituto, ma a termini scaduti, per cui gli agricoltori imprenditori non hanno potuto accedere nei tempi previsti alla ristrutturazione. Ciò ha comportato procedure ipotecarie ed esecutive per crediti non esigibili e non dovuti. Rispetto a tali segnalazioni che ci sono state rappresentate, gradirei sapere se ciò corrisponda al vero, se l INPS stia procedendo ad effettuare una verifica dell effettivo credito vantato nei confronti delle imprese agricole, e se nel frattempo abbia anche proceduto alla sospensione delle richieste di pagamento. Inoltre, mi interesserebbe sapere quante siano le aziende che hanno aderito e portato a compimento il processo di ristrutturazione. Quante sono invece quelle che, malgrado l adesione, non hanno poi ristrutturato e come sono distribuite dal punto di vista geografico? Ci è stato segnalato che il sistema di riscossione dei contributi agricoli in gestione Equitalia determina una lievitazione spaventosa delle esposizioni debitorie. Recentemente, veniva riportato sulla stampa il caso di un cittadino che aveva una situazione debitoria nei confronti dell INPS quantificata, al dicembre 2009, in euro. Il debito non è stato pagato ed è stato iscritto a ruolo per un importo di euro; con gli interessi di mora è lievitato a euro ed infine, con l aggio di Equitalia, è arrivato a euro. Mi interesserebbe sapere se tutto ciò corrisponda al vero e se sia tollerabile un tale sistema di riscossione. Naturalmente, desidero anche capire se, a fronte dello scenario descritto, l INPS non ritenga utile, opportuno e necessario, procedere o se stia già procedendo alla sospensione di alcune situazioni, in maniera tale da poter chiarire l intera vicenda e in che modo l Istituto reputa che noi legislatori potremmo renderci utili? PRESIDENTE. Ringrazio la senatrice Antezza, che ha posto una serie di domande in modo molto articolato e approfondito. MASTRAPASQUA. Signor Presidente, per quanto riguarda il periodo delle cartolarizzazioni, segnalo che gli stessi sono stati definiti per legge. Ovviamente l INPS ha effettuato le cartolarizzazioni nei termini temporali permessi e consentiti dalle norme. Allo stesso modo, la società di cartolarizzazione è una società non dell INPS, ma del Ministero e, quindi, esterna alla sfera di nostra competenza. L Istituto ha, di fatto, vissuto la ristrutturazione con un ruolo terzo, in quanto l accordo, se ricordo bene, era esclusivamente tra la società di car-

9 9 tolarizzazione e le banche, sulla scorta del presupposto che i crediti ceduti non erano più di proprietà dell Istituto chiamato solo alla sottoscrizione di alcune modifiche ai termini e condizioni dell «Accordo fra i creditori». Nel momento in cui vi è stata la ristrutturazione e l accordo tra la società SCCI e le banche, l INPS ha guardato, ovviamente, a quanto accadeva perché, avendo fatto una cessione pro soluto dei crediti, questi non erano più nella sua disponibilità. Per quanto riguarda le problematiche ravvisate sul territorio, è indubbio che l Istituto e la mia relazione credo che al riguardo sia stata abbastanza rappresentativa affronta e vive alcune criticità e non solo nel settore agricolo; questo avviene però in modo particolare nel settore agricolo di alcune aree geografiche del nostro Paese, e nello specifico in Regioni quali la Puglia, la Calabria e la Sicilia, ove si concentrano alcune criticità tra l Istituto e ciò che rappresenta sia il mondo agricolo che il contenzioso. PRESIDENTE. Quanto osserva si verifica da molto tempo? MASTRAPASQUA. Sì, Presidente, si tratta di un dato quasi storico. A voi non sfugge è del resto un dato abbastanza noto che se una Regione, che non rappresenta il 60 per cento del territorio agricolo nazionale, ha però a suo attivo il 60 per cento delle cause svolte sul territorio nazionale, e se una provincia, che non rappresenta il 60 per cento del territorio agricolo nazionale, ha il 60 per cento del contenzioso agricolo nazionale, è evidente che ci siano delle problematiche alle quali l Istituto ha doverosamente dovuto prestare attenzione, innanzitutto al proprio interno. La Regione in questione nella fattispecie è la Puglia, e la Provincia è quella di Foggia. L Istituto ha doverosamente effettuato, in via prioritaria, un esame della propria organizzazione, evidenziando quali potessero essere le criticità e le cause delle stesse. Sicuramente, però, il tessuto sul territorio, forse abituato da anni ad un atteggiamento, forse non estremamente accorto, tenuto da parte di tutti gli attori coinvolti, ha fatto sì che si sviluppasse una serie di fenomeni che escono dall alveo amministrativo della gestione ordinaria, diventando un fatto straordinario con rilevanze civili e penali non indifferenti. In risposta alla domanda della senatrice Antezza, posso dire che noi conosciamo il problema di Taranto e, dove vi sono gli estremi, effettuiamo le sospensioni. Sicuramente possono essere state emesse delle cartelle, e noi abbiamo tenuto, proprio sul caso di Taranto, degli incontri tra Equitalia, la sede dell INPS e le organizzazioni, per scoprire dove fossero tali criticità. Non meri auspici, ma dati verificati confermano che l Istituto ha comunque sempre avuto, e dato, la disponibilità ad una composizione bonaria, ove percorribile, e ove ciò non compromettesse le responsabilità dei singoli dirigenti e funzionari dell Istituto. Per quanto riguarda i dati delle ristrutturazioni, suddivisi per le varie aree territoriali, così come ci è stato richiesto, essi rientreranno nella do-

10 10 cumentazione che provvederemo ad inviare alla Commissione. Per quanto concerne invece la formazione dei ruoli e la successiva riscossione, Equitalia applica quanto la legge impone; al momento non sono in grado di verificare le cifre fornite dalla senatrice Antezza, che sicuramente sono corrette, ma ribadisco che Equitalia applica la legge ed a quella si deve riferire. PRESIDENTE. Colleghi, su questo tema rinviamo proprio all audizione di Equitalia, in programma la prossima settimana. MASTRAPASQUA. Occorre poi considerare che l intervento di Equitalia ha luogo dopo un periodo estremamente lungo di tempo. Nello specifico, nel caso di maturazione di un debito, si procede in questo modo: si invia un avviso bonario, dopo il quale, se non si riceve risposta, a quel punto si invia un nuovo invito, e successivamente si iscrive a ruolo quel debito, dopodiché si invia un avviso di iscrizione a ruolo e successivamente si apre una cartella. Faccio presente che per l espletamento di tutta questa procedura in genere occorrono quasi tre anni, e quindi mi sembra difficile poi sorprendersi perché si è ricevuto un avviso di iscrizione a ruolo. Analogo discorso vale per le multe automobilistiche, come per l INPS, come per il settore dell agricoltura e per l erario. È quindi importante non soffermarsi sul momento dell iscrizione a ruolo, ben sapendo che vi sono stati tre anni per chiudere un rapporto di dare ed avere, e anche per dimostrare le proprie ragioni in maniera meno invasiva da parte di Equitalia e, sicuramente, più collaborativa e meno onerosa da parte delle aziende dell INPS. È sempre importante sottolineare tale aspetto, perché noi non emettiamo il ruolo dopo una settimana, ma in base a dei tempi (alcuni stabiliti per legge ed altri da nostri atti interni), perché per noi, comunque, la gestione di un ruolo è più difficoltosa rispetto a quella necessaria per un avviso bonario o una dilazione, ovvero un pagamento diretto. SANCIU (PdL). Dottor Mastrapasqua, lei ci ha esposto una serie di dati interessanti, ma avremmo necessità di una sua memoria, non solo per inserirla agli atti della Commissione, ma anche per poterle rivolgere domande più specifiche. Condivido pienamente le domande e l analisi della collega dell opposizione, senatrice Antezza, che ha toccato tutta una serie di temi, resto tuttavia in attesa della documentazione che il nostro ospite vorrà cortesemente farci avere, onde poter formulare domande più precise. MONGIELLO (PD). Signor Presidente, mi risulta che sia nel tarantino che nella mia provincia e in alcune province meridionali siano stati conclusi degli accordi interistituzionali, soprattutto su sollecitazione di alcune organizzazioni agricole, a seguito ovviamente di grandi proteste da parte degli agricoltori. Lei ha perfettamente ragione quando dice che c è stato tutto il tempo per colmare una serie di vicissitudini dovute al paga-

11 11 mento delle cartelle; ciò detto, faccio tuttavia presente che ormai da quasi tre anni segnaliamo l opportunità di operare una moratoria degli oneri contributivi, e lo facciamo in concomitanza di una grave crisi che ha colpito questo settore. Lei sa bene visto che è il presidente dell INPS immagino che disponga anche dei relativi dati che solo lo scorso anno in Italia abbiamo registrato la chiusura di imprese agricole e che di conseguenza vi è stato un calo del reddito di circa un quarto degli agricoltori ed un conseguente impoverimento del tessuto agricolo. La moratoria non è stata richiesta a caso, ma a conclusione di una serie di incontri: personalmente ho partecipato a quelli che si sono tenuti a livello regionale in Puglia presso la prefettura a Bari, e mi risulta che la collega Antezza, abbia partecipato ad analoghi incontri in Basilicata. Quello che tuttavia mi sembra importante sottolineare è che alcune regioni meridionali sono strette nella morsa di questa crisi. Peraltro, tengo a precisare che la mia parte politica non ha chiesto che questi contributi non vengano pagati o di operare condoni o sanatorie il Partito Democratico è contrario ai condoni di conseguenza in tutte le riunioni cui partecipiamo teniamo a ripetere alle imprese agricole, ai datori di lavoro, agli stessi operai che i contributi vanno pagati, allo stesso modo però cerchiamo di sottolineare l importanza di agevolare questo compito, alleggerendo i tempi del pagamento. Questa è stata la presa di posizione che abbiamo tutti insieme sostenuto in Puglia, in Basilicata e in altre Regioni. La stessa presa di posizione l abbiamo assunta anche attraverso ipotesi emendative in occasione dell esame del decreto-legge cosiddetto «milleproroghe» e della legge di stabilità, proprio per alleggerire la pressione dei creditori nei confronti delle aziende agricole. Certo, il passaggio degli SCAU all INPS ha determinato una parte dei problemi che oggi sono emersi, però è altrettanto vero che ad un certo punto si aspettava un alleggerimento che invece non c è stato. Nella mia provincia, ad esempio, al di là delle vicende di cui parleremo dopo, vi è stata anche quella del mancato pagamento degli oneri contributivi e finanziari dopo il terremoto del 2002, un problema di cui mi sono occupata personalmente. Questi debiti sono stati onorati dallo Stato fino a due anni fa, ma da due anni questa situazione di dilazione di pagamento non viene onorata e di conseguenza l INPS, insieme all INP- DAP e ad altri enti, sono stati costretti a richiedere il pagamento in un unica soluzione. Quindi mi permetto di sottolineare che le ragioni di questa situazione sono diverse. A conclusione di questo mio ragionamento vorrei porre una domanda al dottor Mastrapasqua. Premesso che comprendo perfettamente la situazione, i termini della cartolarizzazione e che cosa significhi affidare ad un soggetto terzo la riscossione dei debiti, chiedo però se, come INPS, abbiate ipotizzato una soluzione intermedia, in maniera tale che gli agricoltori possano onorare i propri debiti e voi alleggerire questo tipo di pressione. Si potrebbe a vostro avviso immaginare un ipotesi di lavoro che si muova in tal senso?

12 12 MASTRAPASQUA. La cartolarizzazione e quindi la successiva ristrutturazione sono state definite con una norma e, quindi, è ovvio che eventuali modifiche non possano essere attuate che da un intervento normativo. L Istituto giustamente e doverosamente obbedisce alla legge dello Stato, quindi qualsiasi legge sia stata approvata dal Parlamento vede l Istituto pronto a recepirla. Mi limito pertanto a sottolineare, come già poc anzi, che quello dell agricoltura è un settore che, per la mole del contenzioso e dei debiti che contrae, desta qualche criticità rispetto alla quale ci rimettiamo al volere del Parlamento. Sicuramente di fronte ad una decisione del Parlamento siamo pronti a fare la nostra parte, come del resto abbiamo sempre fatto. A titolo di esempio mi viene in mente anche se ovviamente non riguarda questa Commissione tutta la materia che concerne gli ammortizzatori sociali o le invalidità. PRESIDENTE. Ogni cosa può essere fatta con un adeguata copertura legislativa. MASTRAPASQUA. L INPS non si è mai sottratto ai compiti affidatigli per legge; penso ad esempio alla ristrutturazione del 2007 che non vedeva il coinvolgimento diretto dell Istituto a seguito di un pro soluto, purtuttavia nel momento in cui siamo stati interessati della vicenda ricordo che all epoca alla guida del Dicastero dell agricoltura era il ministro De Castro l INPS non si è tirato indietro. Allo stesso modo, se il Parlamento lo richiedesse, l INPS non si tirerebbe indietro neanche oggi. PRESIDENTE. E questo è un particolare assolutamente significativo. ANDRIA (PD). Signor Presidente, il mio non è un intervento vero e proprio ma semplicemente la presa d atto di una situazione che con molta onestà intellettuale, dato il suo rango e il suo ruolo, il presidente Mastrapasqua ci ha rappresentato. Facevamo quindi bene noi, come hanno detto le colleghe Antezza e Mongiello in precedenza, a servirci di strumenti legislativi particolari per proporre moratorie e indicazioni che fornissero quella copertura legislativa a cui il presidente Scarpa Bonazza Buora faceva riferimento. Se ho ben compreso, quindi anche se mi augurerei il contrario non sembrano esserci altre modalità per venire incontro, con il massimo di flessibilità possibile, ma anche con la altrettanto comprensibile osservanza di quelle che sono le disposizioni vigenti, alle esigenze che noi, come Gruppo PD, abbiamo da sempre rilevato sui territori e che certamente il suo Istituto presidente Mastrapasqua quanto e prima di noi avrà altrettanto evidenziato. Ci troviamo infatti di fronte ad una sofferenza del comparto che oramai si trascina da anni e che di volta in volta ci viene nelle forme più variegate e articolate rappresentata, per esempio, nelle audizioni che svolgiamo nell ambito dell attività istituzionale della Commissione con le organizzazioni rappresentative delle categorie professionali del settore, così come con il mondo professionale comunque collegato

13 13 al settore, e parimenti nelle nostre attività individuali di parlamentari sui territori dai quali siamo espressi. La sofferenza è ormai diffusa sull intero territorio nazionale, con sacche di maggiore concentrazione non soltanto nelle Regioni che nello specifico il presidente Mastrapasqua ha evidenziato, ma anche in altre realtà del Mezzogiorno; dunque, potrei dire, nell intero Paese. Con queste mie parole intendo quindi solo rafforzare quanto è stato già detto dalle colleghe, al di là di quanto il Parlamento auspico riuscirà a fare. Da questo punto di vista come Gruppo di opposizione lo dico anche a nome della collega Pignedoli, Capogruppo PD in questa Commissione continueremo fino in fondo a fare la nostra parte così come abbiamo fatto fino ad oggi. Ciò premesso, mi chiedo però se, nelle more, non ci sia sul piano delle iniziative localmente assunte, quali quelle cui faceva riferimento la collega Mongiello, la possibilità di un indicazione che, senza venire in alcun modo meno ai vincoli più che comprensibili dell Istituto, sia finalizzata ad alleggerire la pressione sulle aziende agricole. Si è creata una situazione che in ragione dell esposizione debitoria è già di per sè molto pesante, cui vanno peraltro ad aggiungersi la crisi del settore, gli altri impegni e la mancanza di risorse; dunque tutto converge e tutto concorre ad una situazione di gravissimo disagio del comparto. Ripeto, non chiedo una risposta, semplicemente un qualche chiarimento. Spero che vi sia anche un atteggiamento più compiacente e comprensivo, ma non per questo permissivo, da parte del Governo verso le difficoltà esistenti. Le colleghe prima intervenute hanno ben spiegato questo passaggio, posto che nessuno di noi ha in animo di suggerire sanatorie o condoni di sorta; più semplicemente, in considerazione della situazione di grave disagio, riterremmo necessaria una dilazione al fine di porre gli operatori del comparto nella condizione di sanare il debito in un arco di tempo più lungo e dunque in modo un po più agevole. PRESIDENTE. Senatore Andria, pur non volendo rispondere al posto del dottor Mastrapasqua, che replicherà sicuramente in maniera più competente ed autorevole alla sua domanda, ci rendiamo tutti conto perfettamente, sia la maggioranza che l opposizione, che tutto è anche complicato dal fatto che vi è stata una cessione dei crediti contributivi. Diversamente, il legislatore oggi potrebbe muoversi con ben maggiore agilità rispetto a una problematica riconducibile non solo all INPS, ma a ben altri soggetti. Vi sono quindi dei profili di varia natura che entrano in gioco. Tutti noi parlamentari, che viviamo la realtà territoriale, su questo fronte siamo sottoposti a grandi tensioni e pressioni molto forti da tantissimo tempo, come minimo da un paio di decenni. Sono diventato parlamentare nel 1994 e già all inizio degli anni Novanta la pressione da parte degli agricoltori che si trovavano di fronte a debiti estremamente elevati nei confronti dell INPS aveva portato a tentativi di soluzione in circostanze che forse avrebbero reso più agevole l intervento, proprio perché non era ancora intervenuta la cessione del debito. Successivamente, c è stata purtroppo tale cessione, ed è un dato obiettivo con il quale si devono confrontare maggioranza ed

14 14 opposizione; è stata un iniziativa non certo brillante, visti i risultati, e che non ha agevolato il legislatore nella ricerca di soluzioni utili a far sì che gli agricoltori potessero ricevere una risposta un po più convincente. Questa è la mia valutazione assolutamente personale alla luce dell esperienza maturata in Commissione agricoltura in tutti questi anni. MASTRAPASQUA. Signor Presidente, vorrei soltanto aggiungere che, nel rispetto della normativa vigente, l atteggiamento dell Istituto sul settore agricolo è nettamente diverso da quello adottato in tutti gli altri settori produttivi che hanno rapporti con l INPS. Da parte nostra c è la massima attenzione verso tale problematica. Nel rispetto della normativa vigente, come dicevo, l atteggiamento dell Istituto è sempre stato comprensivo delle particolarità e delle criticità: il caso di Taranto è un esempio, ma ce ne sono tantissimi altri in cui l Istituto, anche di fronte a frizioni un po più accentuate rispetto ad altre forme di protesta di altri debitori, ha sempre avuto un atteggiamento, ove possibile, di massima comprensione. ANTEZZA (PD). Intervengo per chiedere un chiarimento. Mi sembra di aver compreso che, tra i dati che il dottor Mastrapasqua invierà, vi saranno le risposte ad alcuni quesiti da me sottoposti, ad esempio sulle aziende che hanno aderito e portato a compimento la ristrutturazione. Non mi sembra di aver invece colto un chiarimento alla mia domanda volta ad accertare se, nella cessione dei crediti, si sia tenuto conto dell articolo 75 della finanziaria del Anche questa risposta sarà contenuta all interno della documentazione che il dottor Mastrapasqua ci farà avere? Le chiedo ancora quali crediti, e in che misura, siano stati realmente ceduti e faranno parte del pacchetto complessivo. MASTRAPASQUA. Confermo che nella documentazione che andremo a inviare saranno rappresentate sia le affermazioni fatte, sia tutte le tabelle, sia i dati relativi alle richieste di chiarimento della senatrice Antezza. PRESIDENTE. Colleghi, ricordo che tale documentazione sarà poi oggetto di una riflessione particolare che svolgeremo nell ambito dell indagine conoscitiva. Ringrazio ancora il dottor Mastrapasqua. Dichiaro chiusa l odierna audizione e rinvio il seguito dell indagine conoscitiva in titolo ad altra seduta. I lavori terminano alle ore 15,55. Licenziato per la stampa dall Ufficio dei Resoconti

15

16 E 1,00

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) LE ASSUNZIONI CONGIUNTE IN AGRICOLTURA. Il settore agricolo, in particolar modo per quel che concerne la gestione degli operai

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA La riscossione coattiva DOSSIER TEMATICO A cura di Sandra Amovilli - Responsabile Relazioni esterne Alessandro Zambonelli Responsabile Ufficio Audit Esterno Aggiornamento

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli