trasformazione in Aziende pubbliche di Servizi alla Persona; trasformazione in associazioni/fondazioni di diritto privato;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "trasformazione in Aziende pubbliche di Servizi alla Persona; trasformazione in associazioni/fondazioni di diritto privato;"

Transcript

1 Oggetto: L.R. n. 23/2005. Decreto D del Presidente della Regione n. 3/2008. Trasformazione dell Ipab Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe. Nomina commissario straordinario. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale intende proporre un percorso per la trasformazione dell Ipab San Giovanni Battista di Ploaghe in un Azienda Pubblica di Servizi alla Persona (ASP) che, inserita a pieno tiolo all interno del sistema integrato dei servizi sanitari e sociali, possa nell immediato futuro costituire il riferimento regionale per la programmazione e l offerta di servizi integrati sociosanitari. Prima di presentare il disegno organizzativo e la mission della futura Azienda pubblica di Servizi alla Persona, l Assessore ritiene opportuno ripercorrere la recente storia dell Ipab Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe e illustrare le condizioni necessarie per giungere alla sua trasformazione. L Assessore ricorda che la normativa regionale che disciplina la trasformazione delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza prevede tre alternative: trasformazione in Aziende pubbliche di Servizi alla Persona; trasformazione in associazioni/fondazioni di diritto privato; estinzione, con conseguente passaggio delle funzioni, del patrimonio mobiliare e immobiliare e del personale impiegato a tempo indeterminato al al Comune presso cui ha sede legale l Ipab estinta. L Ipab Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe è commissariata dal 2007 a causa della grave situazione debitoria e dell impossibilità evidenziata dall Ente di raggiungere l equilibrio economico. Tale impossibilità è sostanzialmente legata al fatto che i costi della produzione non sono adeguatamente coperti dai ricavi che derivano dall attività di carattere socio sanitario e socio assistenziale storicamente svolta dall Ente attraverso contratti stipulati con le ASL del territorio di riferimento. 1/8

2 L Assessore prosegue ricordando che per far fronte alla complessa situazione dell Ipab, i quattro commissari straordinari che si sono succeduti nel corso di questi anni hanno presentato diverse richieste di trasformazione dell Ente, ipotizzato di volta in volta differenti percorsi, nessuno dei quali ha trovato effettiva attuazione per le ragioni sinteticamente rappresentate di seguito: trasformazione in ASP attraverso la fusione con l Ipab Istituto delle Figlie di Maria di Sassari. L ipotesi fu bocciata dal tavolo tecnico istituito con decreto dell Assessore della Sanità per valutare il Piano congiunto di risanamento presentato dai commissari straordinari delle due Ipab, ritenuto non sostenibile; trasformazione in ASP senza previsione di fusione con altri Enti. Tutti i piani di risanamento presentati a questo scopo dai diversi commissari straordinari si basano sostanzialmente su una richiesta di incremento della produzione attraverso l aumento della copertura dei posti accreditati e dei contratti stipulati con le ASL, senza prevedere una concreta ed efficace politica di gestione del personale e una gestione strategica dell Ente; estinzione a causa dell eccessiva esposizione debitoria. Su questo punto, l Assessore ritiene indispensabile fornire degli elementi che sono strettamente connessi alla concreta possibilità di giungere alla trasformazione dell Ente. L Assessore ricorda che uno dei precedenti commissari straordinari dell'ipab, avv. Bachisio Basoli, aveva presentato in data la domanda di estinzione dichiarando che l ente si trovava nell impossibilità di procedere alla trasformazione in ASP in quanto la situazione debitoria pregressa, maturata nel corso degli ultimi quindici anni e stimata in euro ,23, non consentiva in alcun modo il proseguimento in forma autonoma dell attività istituzionale. La Giunta regionale approvò nel dicembre 2011 un disegno di legge di modifica della normativa in vigore riferita alle Ipab, prevedendo che in caso di estinzione di Ipab che svolgono prevalentemente attività di carattere socio sanitario, non fosse il Comune ma la ASL del territorio di riferimento il soggetto cui sarebbero state trasferiti beni, funzioni e personale dell Ipab estinta. Ciò per evitare che le allora 160 unità di personale dipendente dell Ipab dovessero essere assorbite dal Comune di Ploaghe e che lo stesso Comune si trovasse a dover svolgere funzioni non proprie dell Ente locale. Tale proposta di modifica normativa non fu approvata dal Consiglio regionale. La legge regionale n. 6 del 15 marzo 2012 art. 4, comma 34, dispose un finanziamento di euro a favore dell Ipab San Giovanni Battista per il risanamento dei debiti relativi al personale e per la successiva trasformazione in ASP, a seguito del quale il commissario 2/8

3 straordinario presentò in data formale istanza di trasformazione in Azienda pubblica di servizi alla persona. L Assessore ricorda quindi che il successivo commissario straordinario dell'ipab, dott. Francesco Baule e il Direttore generale dell'ipab, avv. Giovanni Salvatore Mulas, hanno certificato in data che i debiti relativi al personale dell Ipab alla data del ammontavano ad euro ,21 (euro ,72 personale; euro collaboratori a rapporto convenzionale; euro ,29 INPS; euro ,20 erario). Lo stesso commissario Baule ha trasmesso in data un business plan finanziario anni nel quale si attesta il completo risanamento dell esposizione debitoria nei confronti del personale, dell INPS e dell erario, e si dichiara di dover concludere il pagamento nei confronti dell INPS per la quota sanzioni civili derivanti dal ritardato pagamento dei DM. Sempre il commissario Baule ha trasmesso in data la scheda analitico riepilogativa dell andamento dei costi e ricavi relativi al primo semestre 2013 attestando il sostanziale pareggio della gestione dell attività dell Ipab e in data la scheda attestante il pagamento di euro ,93 a valere sul finanziamento di cui alla legge regionale n. 6 del 15 marzo 2012 art. 4, comma 34. L Assessore evidenzia che nonostante l ingente finanziamento regionale, l ultimo commissario straordinario, rag. Costantino Foddai, ha attestato in data che Il bilancio dell anno 2013 si è chiuso con una perdita complessiva di euro ,63 contro una perdita di euro ,76 dell anno L Assessore riferisce quindi che la Direzione generale delle Politiche sociali e la Direzione generale della Sanità, rilevato che l Ipab aveva accumulato una passività di quasi euro ,63 nel ristretto arco temporale che va dal luglio 2013 al settembre 2014, hanno chiesto all Ipab una puntuale verifica della recente gestione per l individuazione delle cause del nuovo grave deficit gestionale e la trasmissione di un prospetto analitico relativo ai pagamenti effettuati a valere sul finanziamento regionale di euro e all utilizzo delle risorse derivanti dallo svolgimento dell attività istituzionale a decorrere dall al La verifica è ancora in corso poiché si è reso necessario richiedere all Ipab il completamento della produzione documentale richiesta. L accertamento del superamento dell esposizione debitoria e il raggiungimento dell equilibrio di gestione tra costi e ricavi rappresenteranno requisito indefettibile per la conclusione del procedimento di trasformazione dell Ipab. In assenza di tale prerequisito, si dovrà procedere all estinzione dell ente, in conformità a quanto previsto dall art. 44 della legge regionale n. 23/2005 e dal Decreto del Presidente della Regione 22 luglio 2008 n. 3. L excursus riportato evidenzia come le strade fino ad oggi percorse per favorire la trasformazione 3/8

4 dell Ipab Fondazione San Giovanni Battista in ASP si siano dimostrate inefficaci dal punto di vista della garanzia della corretta gestione economica, della possibilità di sopravvivenza futura dell Ente, della garanzia della continuità dell assistenza prestata sul territorio e della tutela dei lavoratori della Fondazione. Alla luce di quanto rappresentato, l Assessore ritiene che si renda necessario ipotizzare un percorso innovativo da seguire per la trasformazione dell Ipab Fondazione San Giovanni Battista in un Azienda pubblica di Servizi alla persona, la cui realizzazione è vincolata alla presenza di tre precondizioni di seguito indicate. 1. Nomina di un Commissario straordinario con specifiche competenze manageriali e di gestione di servizi sanitari territoriali e socio sanitari. La nomina del Commissario straordinario è indispensabile in questo momento per garantire la regolare gestione dell ente, accertare la reale consistenza del debito dell Ipab, verificare la corretta gestione amministrativa e finanziaria e adottare tutti gli atti che si rendessero necessari per la tutela dell Ipab. Riveste importanza cruciale il fatto che il Commissario straordinario chiamato a governare questa fase di trasformazione sia una figura dotata di competenze di tipo manageriale ed esperienza in materia di organizzazione e gestione di servizi sanitari e sociosanitari territoriali. 2. Attuazione di misure minime per assicurare a breve termine la corretta gestione dell ente e valutare la possibilità di raggiungimento dell equilibrio economico, precondizione indispensabile perché si possa concludere il procedimento di trasformazione dell Ipab. Tali misure dovranno inevitabilmente prevedere: 2.1 adeguamento della dotazione organica alle nuove modalità organizzative e attività dell Ente, attraverso una attenta politica del personale; 2.2 razionalizzazione dell attività della RSA attraverso ipotesi di accorpamento delle strutture attualmente esistenti; 2.3 riclassificazione degli ospiti presenti nella RSA; 2.4 aumento dei volumi di attività e contestuale ridefinizione dei tetti di spesa fino ad un valore della produzione almeno dell'85% dei posti accreditati; 2.5 razionalizzazione e riorganizzazione dell attività di riabilitazione domiciliare; 2.6 aumento dei volumi complessivi e diversificazione delle prestazioni di attività domiciliare con relativi tetti di spesa; 2.7 individuazione di nuovi servizi sociosanitari e sociali da erogare al fine di diversificare e 4/8

5 ampliare l offerta; 2.8 predisposizione di un piano di comunicazione e promozione dei servizi offerti. 3. Definizione del progetto di evoluzione futura dell ASP secondo il disegno della presente deliberazione di giunta regionale, qualora si accerti il raggiungimento dell equilibrio economico finanziario dell Ipab. L Assessore evidenzia come il sistema territoriale sociosanitario in questi anni non abbia trovato ancora sistematica collocazione e ruolo strategico nel complessivo sistema del welfare sardo in quanto non pienamente definito e connotato come sistema autonomo, capace di autodeterminarsi attraverso percorsi e processi assistenziali in grado di autogovernarsi e sostenersi rapportandosi con il sistema sanitario e il sistema sociale e le loro specifiche e distinte competenze. L esperienza della legge regionale n. 23 del 2005 ha segnato un inizio di rinnovamento nel settore sociale, sanitario e dell integrazione sociosanitaria. Ciò è avvenuto a partire dai processi di pianificazione attuati attraverso la Pianificazione Locale Unitaria dei Servizi alla Persona (PLUS), la cui attuazione richiede però un nuovo impulso, e attraverso lo sviluppo del sistema PUA/UVT introdotto al fine di governare la domanda di salute nel settore della non autosufficienza e della fragilità e, più in generale, per la presa in carico globale della persona. Anche sotto questo versante l implementazione ha subito rallentamenti in tutta la regione, disegnando una situazione a macchia di leopardo riguardo alla sua sistematizzazione nei diversi ambiti territoriali. La soluzione di queste problematiche strutturali del sistema sociosanitario richiede un rilancio del settore in termini di riproposizione dell integrazione sociosanitaria come visione strategica, ma soprattutto in termini di nuove proposte più coerenti con l evolversi dell intero sistema demografico e socio economico e della sostenibilità dei sistemi di welfare state. Sperimentare nuovi percorsi e processi organizzativi, nuovi programmi strategici e nuove soluzioni gestionali a partire dall esistente può essere una formula vincente per una proposta di nuova governance sociosanitaria nell ambito della riforma del Sistema sanitario regionale. L Assessore ritiene che tale ruolo di rilancio e di programmazione e governo dell integrazione sociosanitaria possa essere svolto dall Azienda pubblica di servizi alla persona che potrebbe costituirsi a seguito della trasformazione dell Ipab Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe, e inserita a pieno titolo all interno del sistema integrato dei servizi sociali e sociosanitari previsti dalla L.R. n. 23/2005, della L.R. n. 10/2006 e della L.R. n. 23/2014. Poiché l attuale sistema remunerativo basato sul sistema di committenza ha creato in passato serie difficoltà di sussistenza economica per l Ipab correlate a incertezze sul pagamento delle rette, ritardi nei trasferimenti delle stesse, contestazioni di appropriatezza delle prestazioni anche 5/8

6 riguardo ai profili assistenziali e tariffari da applicare, questo appare poco funzionale allo sviluppo futuro proposto per l ASP, dovrà essere gradualmente superato e dovrà concludersi con i trasferimenti diretti da parte della Regione di fondi sanitari e sociali, come previsto dall art. 3, comma 1 e dall art. 26, comma 3 della L.R. n. 10/2006. Il percorso di trasformazione dell Ipab S. Giovanni Battista di Ploaghe dovrà prevedere, soprattutto nella prima fase, la partecipazione diretta delle ASL di Sassari e di Cagliari. La prima in quanto competente sul territorio sul quale insistono gli interventi attuati dall attuale Ipab Fondazione San Giovanni Battista; la ASL di Cagliari per la sua consolidata esperienza di governance sociosanitaria impostata fin dal 2005 su mandato della stessa Regione Sardegna e ormai consolidata come Sistema PUA/UVT, dopo la sperimentazione come modello regionale, e come Sistema di committenza sociosanitaria ben governata attraverso il Dipartimento di Coordinamento dei Distretti. Il contenuto e le modalità di collaborazione dovranno essere definiti dalle due ASL, secondo le indicazioni e il coordinamento della Direzione generale della Sanità. In sede di riparto delle risorse del Fondo sanitario regionale, si terrà conto degli oneri sostenuti dalle due ASL per l attuazione di quanto disposto con la presente deliberazione. Tutto ciò premesso l Assessore, rilevato che il mandato conferito al Commissario straordinario è venuto a decadenza per decorso del termine e constatata la necessità di provvedere al conferimento di un nuovo incarico commissariale propone la nomina, per un periodo di tempo comunque non superiore a sei mesi in conformità a quanto previsto dall art. 4, lett. s), della L.R. n. 1/1977, del dott. Giuseppe Frau, quale commissario straordinario dell Ipab Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe. La designazione proposta, in virtù della specifica formazione e della notevole competenza e professionalità acquisita nel campo della gestione di servizi socio sanitari territoriali, desumibili dal curriculum vitae del dott. Giuseppe Frau, corrisponde all esigenza di garantire alla Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe una gestione orientata al perseguimento degli obiettivi strategici come sopra delineati. L Assessore precisa quindi che il commissario straordinario, dott. Giuseppe Frau, nello svolgimento dell incarico conferito dovrà garantire la regolare gestione dell ente, l accertamento della reale consistenza del debito, la verifica della corretta gestione amministrativa e finanziaria, l attuazione di tutte le misure idonee a ricondurre la gestione in equilibrio e l adozione di tutti gli atti che si rendessero necessari per la tutela dell Ipab. A conclusione del mandato conferito il commissario dovrà predisporre una relazione finale dell attività compiuta nella quale dovrà dare atto dell effettiva possibilità del raggiungimento o meno dell equilibrio economico - finanziario da parte dell Ipab Fondazione San Giovanni Battista di 6/8

7 Ploaghe. Nel primo caso il commissario dovrà elaborare un progetto di evoluzione futura dell ASP secondo il disegno della presente deliberazione, nel caso di mancato raggiungimento dell equilibrio economico il commissario dovrà invece predisporre gli atti propedeutici all estinzione dell Ipab e al passaggio delle funzioni, del patrimonio e del personale al Comune di Ploaghe come previsto dall art. 44, comma 8, della L.R. n. 23/2005 e dal decreto del Presidente della Regione 3/2008. La Giunta regionale, udita e condivisa la proposta dell Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale, e constatato che il Direttore generale delle Politiche Sociali e il Direttore generale della Sanità hanno espresso il parere favorevole di legittimità sulla proposta in esame DELIBERA di nominare, per le motivazioni in premessa, il dott. Giuseppe Frau commissario straordinario dell Ipab Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe, per un periodo di tempo comunque non superiore a sei mesi in conformità a quanto previsto dall art. 4, lett. s), della L.R. n. 1/1977; di approvare che: a. nello svolgimento dell incarico conferito il commissario dovrà garantire la regolare gestione dell ente, l accertamento della reale consistenza del debito, la verifica della corretta gestione amministrativa e finanziaria, l attuazione di tutte le misure idonee a ricondurre la gestione in equilibrio e l adozione di tutti gli atti che si rendessero necessari per la tutela dell Ipab; b. a conclusione del mandato conferito il commissario dovrà predisporre una relazione finale dell attività compiuta nella quale dovrà dare atto dell effettiva possibilità del raggiungimento o meno dell equilibrio economico finanziario, in conformità a quanto previsto dall art. 29 della L.R. n. 5/2015, da parte dell Ipab Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe; c. nel primo caso il commissario dovrà elaborare un progetto di evoluzione futura dell ASP secondo il disegno della presente deliberazione, nel secondo caso, ovvero in caso di mancato raggiungimento dell equilibrio economico, il commissario dovrà invece predisporre gli atti propedeutici all estinzione dell Ipab e al passaggio delle funzioni, del patrimonio e del personale al Comune di Ploaghe come previsto dall art. 44, comma 8, della L.R. n. 23/2005 e dal decreto del Presidente della Regione n. 3/2008; 7/8

8 di dare mandato alle Direzioni generali della Sanità e delle Politiche Sociali di assicurare le condizioni che consentano l attuazione delle misure di cui ai punti da 2.1 a 2.8 della premessa alla presente deliberazione e di accertare, sulla base della relazione finale del commissario straordinario, la sussistenza delle condizioni per la successiva trasformazione dell Ipab in ASP ovvero per la sua estinzione; di dare mandato alla Direzione generale della Sanità di fornire le indicazioni e coordinare la definizione del contenuto e delle modalità di collaborazione tra la ASL di Sassari e la ASL di Cagliari; in sede di riparto delle risorse del Fondo sanitario regionale, si terrà conto degli oneri sostenuti dalle due ASL per l attuazione di quanto disposto con la presente deliberazione. Il Direttore Generale Alessandro De Martini Il Presidente Francesco Pigliaru 8/8

DELIBERAZIONE N. 9/21 DEL 10.3.2015

DELIBERAZIONE N. 9/21 DEL 10.3.2015 Oggetto: Disposizioni per il definitivo superamento degli Ospedali psichiatrici giudiziari in attuazione della legge n. 9/2012 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Dipartimento Salute e Servizi Sociali. Art. 21 (Fondazioni ex IPAB privatizzate ai sensi del D.P.C.M. 16 febbraio 1990) Capo IV

Dipartimento Salute e Servizi Sociali. Art. 21 (Fondazioni ex IPAB privatizzate ai sensi del D.P.C.M. 16 febbraio 1990) Capo IV 1. Ai dipendenti delle ex IPAB e delle ASP che si sono trasformate in associazioni o fondazioni si applicano le disposizioni di cui all articolo 4 comma 2 del decreto-legge 9 ottobre 1989, n. 338, convertito

Dettagli

TESTO ESAMINATO ED APPROVATO, ALL UNANIMITA, DALLE COMMISSIONI I E III NELLA SEDUTA DEL 29 OTTOBRE 2014

TESTO ESAMINATO ED APPROVATO, ALL UNANIMITA, DALLE COMMISSIONI I E III NELLA SEDUTA DEL 29 OTTOBRE 2014 TESTO ESAMINATO ED APPROVATO, ALL UNANIMITA, DALLE COMMISSIONI I E III NELLA SEDUTA DEL 29 OTTOBRE 2014 D.D.L. n. 367: Disciplina delle Aziende pubbliche di servizi alla persona e fondazioni derivanti

Dettagli

L.R. n. 23/2005. Decreto del Presidente della Regione n. 3/2008. Azienda pubblica di servizi alla persona p

L.R. n. 23/2005. Decreto del Presidente della Regione n. 3/2008. Azienda pubblica di servizi alla persona p Oggetto: L.R. n. 23/2005. Decreto del Presidente della Regione n. 3/2008. Azienda pubblica di servizi alla persona p "Istituto dei ciechi di Cagliari". Attribuzione di quota del Fondo regionale per il

Dettagli

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo.

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Il Presidente, d intesa con l Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA - Il Comune è l Ente titolare delle funzioni in materia di servizi sociali ai sensi dell art. 9 L.142/90 - Il Comune gestisce

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014 Oggetto: Piano straordinario di edilizia scolastica Iscol@: avvio dell asse di Interventi di messa in sicurezza e manutenzione programmata degli edifici scolastici. Il Presidente, nell illustrare la proposta

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 37 del 05-4-2016

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 37 del 05-4-2016 17430 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 marzo 2016, n.325 L.r. n. 19/2006 e s.m.i., art. 17 co. 1 lett. e) fbis). L.r. n. 4/2010 art. 47 e art. 49 co.1. L.R. n. 31/2015 art. 3. Indirizzi operativi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ Emanato con D.R. n. 159 del 22 febbraio 2016 INDICE TITOLO I NORME GENERALI... 4 Art. 1 Principi e finalità del regolamento... 4 Art. 2 Principi e

Dettagli

Deliberazione n. 144 del 26 febbraio 2015

Deliberazione n. 144 del 26 febbraio 2015 Deliberazione n. 144 del 26 febbraio 2015 Direttore Generale Dr. Roberto Bollina Coadiuvato da: Giancarlo Bortolotti Direttore Amministrativo Carlo Alberto Tersalvi Direttore Sanitario Giuseppe Giorgio

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 47/23 DEL 25.11.2014

DELIBERAZIONE N. 47/23 DEL 25.11.2014 Oggetto: Fondo immobiliare regionale - housing sociale di cui all articolo 11 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 e D.P.C.M. del 16.4.2009.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 2/7 DEL 22.1.2014

DELIBERAZIONE N. 2/7 DEL 22.1.2014 Oggetto: Intesa tra il Governo e le Regioni, le Province autonome di Trento e Bolzano e le Autonomie locali, ai sensi dell art. 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, concernente l utilizzo di

Dettagli

SARDEGNA IT SRL. Relazione concernente l andamento della società nel primo semestre 2014

SARDEGNA IT SRL. Relazione concernente l andamento della società nel primo semestre 2014 SARDEGNA IT SRL Registro Imprese 03074520929 Rea 244574 Società unipersonale Sede in VIA DEI GIORNALISTI, N. 6-09122 CAGLIARI (CA) Capitale sociale Euro 100.000,00 i.v. Relazione concernente l andamento

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 38/11 DEL 30.9.2014

DELIBERAZIONE N. 38/11 DEL 30.9.2014 Oggetto: Disposizioni in materia di recupero e riscossione dei crediti regionali e per l eventuale dichiarazione di inesigibilità. Gestione dei crediti regionali per il tramite di istituti di credito convenzionati.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 11/1 DEL 24.3.2015

DELIBERAZIONE N. 11/1 DEL 24.3.2015 Oggetto: Programma di razionalizzazione dell assetto logistico degli uffici regionali, con particolare riferimento alla sede dell Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 A.G.C. 19 Piano Sanitario regionale e rapporti con le UU.SS.LL. Settore 1 Programmazione Oggetto dell'atto: POR CAMPANIA FESR 2007/2013 - OBIETTIVO OPERATIVO

Dettagli

Trasformazione delle Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza e istituzione delle Aziende pubbliche di servizi alla persona

Trasformazione delle Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza e istituzione delle Aziende pubbliche di servizi alla persona Trasformazione delle Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza e istituzione delle Aziende pubbliche di servizi alla persona CAPO I TRASFORMAZIONE DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE DI ASSISTENZA E BENEFICENZA

Dettagli

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget Regolamento di Budget 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Preliminarmente qui di seguito si richiamano i principali riferimenti normativi che costituiscono fonte principale del presente regolamento: D.L.vo n. 502/92

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 39/ 15 DEL 5.8.2005

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 39/ 15 DEL 5.8.2005 DELIBERAZIONE N. 39/ 15 Oggetto: Attuazione degli interventi finalizzati alla definizione del Piano Regionale di Sviluppo Turistico Sostenibile (PRSTS). L Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA DELIBERA N. 218, ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 26/11/2013 OMISSIS

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA DELIBERA N. 218, ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 26/11/2013 OMISSIS ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA DELIBERA N. 218, ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 26/11/2013 OMISSIS OGGETTO: BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 N. o.d.g.:

Dettagli

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna. Allegato alla Delib.G.R. n. 49/14 del 7.12.2011 PROGETTO: Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI. Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI. Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 339 DEL 07/08/2015 OGGETTO: Rapporto di collaborazione,

Dettagli

In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali

In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali 17 L obiettivo delle presenti linee, nell ambito dell autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica aziendale

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: U.P. Programmazione Risorse Finanziarie SSR Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

24/03/2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 24 - Supplemento n. 1. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

24/03/2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 24 - Supplemento n. 1. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 15 marzo 2016, n. 102 Legge regionale 9 settembre 1996, n. 38. Sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Finalizzazione

Dettagli

N.202 - VERBALE DI SEDUTA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE TENUTASI IL GIORNO 15/02/2011 N. 202 IN ORDINE PROGRESSIVO DAL SUO INSEDIAMENTO.

N.202 - VERBALE DI SEDUTA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE TENUTASI IL GIORNO 15/02/2011 N. 202 IN ORDINE PROGRESSIVO DAL SUO INSEDIAMENTO. N.202 - VERBALE DI SEDUTA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE TENUTASI IL GIORNO 15/02/2011 N. 202 IN ORDINE PROGRESSIVO DAL SUO INSEDIAMENTO. Cagliari,15/02/2011. Convocato mediante lettera del 11/02/2011

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi che garantisca livelli adeguati d intervento in materia di adozione internazionale. LA VISTO il documento istruttorio riportato in calce

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE Art. 1 - Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento di contabilità, adottato in applicazione dell art. 71 terdecies della Legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40

Dettagli

(Dott.ssa Giuseppina Alessandra Del Gatto)

(Dott.ssa Giuseppina Alessandra Del Gatto) AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 113 DEL 03/04/2015 OGGETTO: Prosecuzione del rapporto

Dettagli

I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale

I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale Raffaele Tomba Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Agenzia sanitaria e sociale regionale Area innovazione sociale 1 Fasi

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Delibera del Commissario Straordinario n. 68 del 09/06/2015

Delibera del Commissario Straordinario n. 68 del 09/06/2015 ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI BARI Delibera del Commissario Straordinario n. 68 del 09/06/2015 OGGETTO: RENDICONTO DI GESTIONE ANNO 2014 - RICOGNIZIONE STIMA E CANCELLAZIONE

Dettagli

2020.. Strategia 1 "Investire sulle Persone" - Priorità Scuola e Università.

2020.. Strategia 1 Investire sulle Persone - Priorità Scuola e Università. Oggetto: Programmazione Unitaria 2014-2020 2020.. Strategia 1 "Investire sulle Persone" - Priorità Scuola e Università. Il Presidente, di concerto con l'assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

Convenzione Costitutiva LR 40/2005 Art. 71 quater comma 2 lettera a)

Convenzione Costitutiva LR 40/2005 Art. 71 quater comma 2 lettera a) Convenzione Costitutiva LR 40/2005 Art. 71 quater comma 2 lettera a) INDICE ART. 1 COSTITUZIONE... ART. 2 DENOMINAZIONE E SEDE... ART. 3 FINALITÀ... ART. 4 DURATA... ART. 5 FUNZIONI... ART. 6 ATTIVITÀ

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP)

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP) PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO N. 88 DEL 17 OTTOBRE 2013 Sistema Integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio Proposta emendativa-integrativa a

Dettagli

GRUPPO A.M.A.G. Relazione della Società di Revisione sulle procedure di verifica concordate relative alla predisposizione della Documentazione Economico/Finanziaria Aggiornamento Plan 2012-2015 Spettabile

Dettagli

Analisi di bilancio. Comune di Buccinasco

Analisi di bilancio. Comune di Buccinasco Analisi di bilancio Comune di Buccinasco INDICE INDICE... 3 CENNI STORICI... 4 IL BILANCIO COMUNALE alcune nozioni... 5 L ANALISI DELLE ENTRATE... 6 Autonomia Finanziaria... 7 Autonomia tributaria...

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 DEL 10.12.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 DEL 10.12.2008 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 Oggetto: LR 20/ 97, art. 3. Finanziamento di progetti d intervento a favore di persone con disturbo mentale e di persone con disabilità intellettive.

Dettagli

1. Avvertenze..2. 2. Informazioni relative all operazione 3

1. Avvertenze..2. 2. Informazioni relative all operazione 3 INDICE 1. Avvertenze..2 2. Informazioni relative all operazione 3 2.1. Descrizione sintetica delle caratteristiche, modalità, termini e. 3 condizioni dell operazione 2.2. Indicazioni delle Parti correlate

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI. Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI. Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 167 DEL 29/04/2015 OGGETTO: Liquidazione delle differenze

Dettagli

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA Milano Milano LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA La legge 328/00 attribuisce agli enti locali, alle regioni ed allo Stato il compito di realizzare la programmazione degli interventi e delle risorse del sistema

Dettagli

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Cartella Geriatrica dell Unita di Valutazione Geriatrica e Linee guida del Piano Assistenziale Individuale.

Dettagli

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11. Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11. Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Cartella Geriatrica dell Unita di Valutazione Geriatrica e Linee guida del Piano Assistenziale Individuale.

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 398 del 31/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 398 del 31/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 398 del 31/07/2012 A.G.C. 19 Piano Sanitario regionale e rapporti con le UU.SS.LL. Settore 1 Programmazione Oggetto dell'atto: NOMINA DEL DIRETTORE GENERALE DELLA AZIENDA

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

Documento Unico di Programmazione 2014-2016

Documento Unico di Programmazione 2014-2016 COMUNE DI BOLOGNA Documento Unico di Programmazione 2014-2016 I nuovi strumenti della pianificazione strategica e operativa UNA GUIDA ALLA LETTURA 31 marzo 2014 Indice 1. L evoluzione della normativa

Dettagli

la restante parte, pari a euro 1.275.670,86, graverà sulle risorse del Por Fse 2014/2020.

la restante parte, pari a euro 1.275.670,86, graverà sulle risorse del Por Fse 2014/2020. Oggetto: Programmazione e finanziamento percorsi formativi per il rilascio della qualifica di Operatori Socio Sanitari (OSS). Revoca parziale delle Delib.G.R. n. 47/43 del 14.11.2013 e n. 5/37 dell'11.2.2014.

Dettagli

APPROVAZIONE DEL SISTEMA OMOGENEO DI TARIFFA PER I SERVIZI SOCIOSANITARI PER ANZIANI VALEVOLE PER L'ACCREDITAMENTO TRANSITORIO

APPROVAZIONE DEL SISTEMA OMOGENEO DI TARIFFA PER I SERVIZI SOCIOSANITARI PER ANZIANI VALEVOLE PER L'ACCREDITAMENTO TRANSITORIO OGGETTO: APPROVAZIONE DEL SISTEMA OMOGENEO DI TARIFFA PER I SERVIZI SOCIOSANITARI PER ANZIANI VALEVOLE PER L'ACCREDITAMENTO TRANSITORIO LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visto l articolo 38 della

Dettagli

REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA

REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (per l'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del SSR Calabrese, secondo i Programmi operativi di cui all' articolo 2, comma 88, della legge 30 dicembre

Dettagli

IN QUESTO NUMERO. Conferenza Stato Città: proroga bilancio al 31 maggio 2015.

IN QUESTO NUMERO. Conferenza Stato Città: proroga bilancio al 31 maggio 2015. N. 7 16 marzo 2015 Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 IN QUESTO NUMERO Agenzia delle Entrate: Obbligatorietà della trasmissione telematica, con modello unico informatico catastale, per la

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Lunedì 04 marzo 2013

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Lunedì 04 marzo 2013 Bollettino Ufficiale 9 D.g.r. 28 febbraio 2013 - n. IX/4935 Integrazioni delle linee guida regionali per l attivazione di collaborazioni tra aziende sanitarie pubbliche e soggetti privati in attuazione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2015/2017 Ai sensi del D. Lgs. n. 33/2013 Rev. 0 del 19 marzo 2015 Regione Calabria INDICE DEI CONTENUTI PREMESSA 1. PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE BT (Andria Barletta Bisceglie Canosa Margherita di S. - Minervino S. Ferdinando di P. - Spinazzola Trani - Trinitapoli) 76123 A N D

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013

SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013 SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013 238 SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013 (art. 147-quater del D.Lgs. n. 267/2000 e artt. 19-20-21 del regolamento

Dettagli

La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi

La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi Annalisa Faggionato Palmanova, 29 giugno 2011 Evoluzione del

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 75 DEL 27/01/2014

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 75 DEL 27/01/2014 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 75 DEL 27/01/2014 OGGETTO: Risoluzione rapporto di lavoro, per

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE D E L I B E R A

LA GIUNTA REGIONALE D E L I B E R A DELIBERA DELLA GIUNTA REGIONALE N. 228 DEL 16/02/05 OGGETTO: L.R. 1/92 - AGGIORNAMENTO URGENTE E TRANSITORIO DELLE RETTE DI RICOVERO, PER L'ASSISTENZA RIABILITATIVA DI SOGGETTI TOSSICODIPENDENTI PRESSO

Dettagli

LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE

LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE POLITICHE SOCIOSANITARIE I.P.A.B. - Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza SCHEDA ISTITUZIONALE ENTI AUTONOMI

Dettagli

I punti caratterizzanti del programma RAC sono costituiti da: integrazione sociosanitaria; personalizzazione dell intervento;

I punti caratterizzanti del programma RAC sono costituiti da: integrazione sociosanitaria; personalizzazione dell intervento; Allegato alla Delib.G.R. n. 43/ 43 del 6.12.2010 Progetto Potenziamento del programma Ritornare a casa Il presente Progetto viene proposto sulla base di quanto previsto dalle direttive di attuazione al

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254)

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) INDICE TITOLO I NORME GENERALI CAPO I Principi e finalità Articolo 1 (Ambito

Dettagli

Audizione sugli Atti di Governo

Audizione sugli Atti di Governo CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione (Commissione Lavoro pubblico e privato) Audizione sugli Atti di Governo Schema di Decreto Legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle

Dettagli

Il comma 2 definisce due differenti modalità di utilizzo del fondo anticipazioni di liquidità, fino al suo completo esaurimento, da seguire a seconda

Il comma 2 definisce due differenti modalità di utilizzo del fondo anticipazioni di liquidità, fino al suo completo esaurimento, da seguire a seconda DISEGNO DI LEGGE PER LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL DECRETO-LEGGE NOVEMBRE 2015, N., RECANTE DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA DI CONTABILITÀ E DI CONCORSO ALL EQUILIBRIO DELLA FINANZA PUBBLICA DELLE REGIONI.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 47/7 DEL 25.11.2014

DELIBERAZIONE N. 47/7 DEL 25.11.2014 Oggetto: Fondo nazionale per le non autosufficienze annualità 2014. Programma attuativo riferito all assegnazione di 9.214.000 di cui al Decreto Interministeriale del 7 maggio 2014. Interventi a favore

Dettagli

Relazione. Articolo 1

Relazione. Articolo 1 Disegno di legge concernente "Assesta " Assestamento alla manovra finanziaria per gli anni 2014/2016". Relazione Il presente disegno di legge, composto da 2 articoli, si rende necessario al fine di assestare

Dettagli

Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto.

Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto. Servizio affari istituzionali e locali, polizia locale e sicurezza Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto. L Assessore regionale alle autonomie locali

Dettagli

OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA

OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO n. 4 del 18 01 2010 OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA

Dettagli

Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA

Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA La deliberazione della Giunta regionale n. 39/17 del 10.10.2014 fornisce indirizzi in materia di programmazione, gestione e controllo delle società

Dettagli

Il Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010)

Il Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) Regione Campania Il Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 30 del 18.03.2013 Oggetto: Razionalizzazione

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Approvazione Linee guida per la predisposizione dei Piani triennali di ambito sociale obiettivi 2005-2007 LA VISTO il documento istruttorio, riportato in calce alla presente deliberazione, predisposto

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA A S S E S S O R A T O A L L E P O L I T I C H E S O C I A L I E A L L O S P O R T DISCIPLINA DEL SERVIZIO PUBBLICO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE E DELL ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI EROGATORI

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 303 del 08/08/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 303 del 08/08/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 303 del 08/08/2013 A.G.C.3 Programmazione, piani e programmi Settore 2 Pianificazione e collegamento con le aree generali di coordinamento Oggetto dell'atto: PIANO DI

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE STATUTO

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE STATUTO FONDAZIONE Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE STATUTO EDIZIONE n/04 REVISIONI N. Descrizione Data 0 Gennaio 2004 1 Inserimento indice, modifiche grafiche

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla situazione organizzativa e gestionale degli enti pubblici e sulle eventuali prospettive di riordino

Indagine conoscitiva sulla situazione organizzativa e gestionale degli enti pubblici e sulle eventuali prospettive di riordino Indagine conoscitiva sulla situazione organizzativa e gestionale degli enti pubblici e sulle eventuali prospettive di riordino Commissione bicamerale di controllo sugli enti gestori 7 giugno 2007, ore

Dettagli

Lavoro Obiettivi Distanza da colmare. Target PNR Italia 2020. PNR Italia 2020. Target Europa 2020. Europa 2020

Lavoro Obiettivi Distanza da colmare. Target PNR Italia 2020. PNR Italia 2020. Target Europa 2020. Europa 2020 Oggetto: Programmazione Unitaria 2014-2020. 2020. Strategia 1 "Investire sulle Persone". Priorità Lavoro. Il Presidente, di concerto con l'assessore della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del

Dettagli

RELAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AL BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO ANNUALE 2015

RELAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AL BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO ANNUALE 2015 RELAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AL BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO ANNUALE 2015 Il Bilancio Economico Preventivo 2015 dell Azienda è stato formulato in coerenza con la programmazione sanitaria ed economico

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI ADI / ADA

REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI ADI / ADA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 49 Carlentini Lentini Francofonte A.S.P. Siracusa Capofila REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI ADI / ADA Approvato con verbale n.8 del 04/12/2013 del Comitato

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferraris:

A relazione dell'assessore Ferraris: REGIONE PIEMONTE BU9S1 05/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 25-1122 Attuazione dell'art. 2 del D.L. n. 101 del 31.8.2013, convertito con modificazioni in L. n. 125 del 30.10.2013.

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni

Cassa depositi e prestiti società per azioni Direzione Finanziamenti Pubblici Roma, 22 luglio 2008 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1273 Oggetto: Revisione delle condizioni generali per l accesso al credito della gestione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I A.G.C. 19 - Piano Sanitario Regionale e Rapporti con le UU.SS.LL. - Deliberazione n. 1274 del 16 luglio 2009 Piano di rientro - Interventi per il raggiungimento dell obiettivo di razionalizzazione e contenimento

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 317 Del 01/12/2014

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 317 Del 01/12/2014 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 317 Del 01/12/2014 Oggetto: Adozione del Documento di politica aziendale in materia di privacy, del nuovo Regolamento Aziendale in materia di protezione dei dati

Dettagli

Roma, 15 novembre 99. Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi LORO SEDI. Prot. n. 530971 All.: n. 1

Roma, 15 novembre 99. Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi LORO SEDI. Prot. n. 530971 All.: n. 1 Roma, 15 novembre 99 Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi Div. II Agli UU.PPI.CA LORO SEDI Prot. n. 530971 All.: n. 1 E, p.c. UNIONCAMERE P.zza Sallustio, 21 00187 R O M A

Dettagli

Fondazioni lirico-sinfoniche e stato di avanzamento dell applicazione dell art.11 L.112/2013

Fondazioni lirico-sinfoniche e stato di avanzamento dell applicazione dell art.11 L.112/2013 ex Fondazioni lirico-sinfoniche e stato di avanzamento dell applicazione dell art.11 L.112/2013 21/10/2014 Agenda Le Fondazioni lirico-sinfoniche Applicazione dell art.11 della Legge 112: avanzamento 2

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

Deliberazione della Giunta (7^ legislatura)

Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Presidente V. Presidente Assessori Segretario Giancarl Fabio Luca Renato Giancarl Marino Massimo Raffaele Floriano Ermanno Raffaele n. _112

Dettagli

ISTITUTO DEI CIECHI DI CAGLIARI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Via Nicolodi, 1 09123 CAGLIARI Telefoni: 070/651839 673157 STATUTO

ISTITUTO DEI CIECHI DI CAGLIARI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Via Nicolodi, 1 09123 CAGLIARI Telefoni: 070/651839 673157 STATUTO ISTITUTO DEI CIECHI DI CAGLIARI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Via Nicolodi, 1 09123 CAGLIARI Telefoni: 070/651839 673157 STATUTO Art. 1 COSTITUZIONE DENOMINAZIONE SEDE 1. L Azienda Pubblica

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 45/ 14 DEL 28.8.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 45/ 14 DEL 28.8.2008 DELIBERAZIONE N. 45/ 14 Oggetto: Servizi residenziali e semiresidenziali per il trattamento delle dipendenze patologiche: adeguamento rette, dotazione di personale e criteri di inserimento in struttura.

Dettagli