TeamSystem. Labour. review. review IN QUESTO NUMERO. Pag 2 Rateazione dei debiti contributivi. 8 Infortunio sul lavoro in agricoltura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TeamSystem. Labour. review. review IN QUESTO NUMERO. Pag 2 Rateazione dei debiti contributivi. 8 Infortunio sul lavoro in agricoltura"

Transcript

1 L review Periodico di informazione lavoristica e previdenziale TeamSystem Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 N.46), art. 1, comma 1, DGB Pesaro Poste Italiane S.p.A. n. 187 IN QUESTO NUMERO Labour review Pag 2 Rateazione dei debiti contributivi 8 Infortunio sul lavoro in agricoltura 9 Redditi da lavoro prestato all estero ed imposta 12 Contrattazione collettiva: Rinnovi contrattuali maggio - giugno Giurisprudenza 29 Scadenziario: Principali scadenze settembre 2013

2 One Click Analysis Il primo sistema gestionale realmente intelligente Grazie al nuovo standard tecnologico One Click Analysis, disponibile per tutti i gestionali TeamSystem della linea Gecom (Suite Multi/ Redditi, Suite Paghe, etc.), le procedure permettono in modo nativo al Professionista la navigabilità dei dati elaborati, la possibilità di poterli analizzare nella forma desiderata, stamparli, esportarli su fogli di calcolo, sia ad uso interno che per gli elaborati destinati ai clienti. Il tutto in modo semplice e allo stesso tempo in grado di soddisfare le richieste più articolate. One Click Analysis aggiunge valore all attività di consulenza, consentendo: di svolgere la normale attività in modo più veloce, efficace e preciso di fornire servizi aggiuntivi ai propri clienti di differenziarsi rispetto alla concorrenza I vantaggi: 1. Notevole risparmio di tempo 2. Possibilità di interrogare tutte le tipologie di dati di cui si ha necessità 3. Possibilità di offrire nuovi servizi ai clienti 4. Facilità di utilizzo «Con One Click impiego un ora per fare analisi che richiedevano almeno un giorno tra ricerche, esportazioni, rielaborazioni dei dati» Dott. Gaffarelli Carlo, Studiassociati CED B.g.z TeamSystem Periodico di informazione lavoristica Labour review e previdenziale Editrice TeamSystem Sede: Via Yuri Gagarin, Pesaro Direttore Responsabile: Anna Maria Della Fiera Reg. Trib. Pesaro n 443/98 Redazione: Valentina Lo Bartolo S.E. o O. Riproduzione vietata Stampa: Bieffe - Recanati (MC)

3 Novità normative - Rateazione dei debiti contributivi Infortunio sul lavoro in agricoltura Redditi da lavoro prestato all estero ed imposta - 9 Contrattazione collettiva - Rinnovi contrattuali maggio - giugno Giurisprudenza - Crisi aziendali - nota - - Trattamento retributivo - - Licenziamento individuale - - Procedimento disciplinare - - Qualificazione del rapporto Scadenziario - Principali scadenze settembre TeamSystem Labour Review 187/2013 1

4 RATEAZIONE DEI DEBITI CONTRIBUTIVI Circolare Inps n. 108 del ; Messaggio Inps n del L Inps con la Circolare n. 108 del illustra la nuova disciplina delle rateazioni dei debiti contributivi in fase amministrativa, il cui regolamento è stato approvato dal Presidente dell Istituto con le determinazioni del 14 dicembre 2012, n. 229 e del 9 maggio 2013, n. 13. A seguito della soppressione dell Inpdap e dell Enpals ed il trasferimento delle rispettive funzioni all Inps, l intervento dell Istituto previdenziale si è reso necessario al fine di armonizzare i criteri regolatori in materia di pagamenti in forma rateale dei crediti contributivi in fase amministrativa, di competenza delle gestioni private, Dipendenti Pubblici e Lavoratori dello Spettacolo e dello Sport professionistico. Pur rimanendo l articolo 2, comma 11 del D.L. m. 338/1989 e l articolo 166, comma 17 della Legge n. 388/2000, a decorrere dalla data di pubblicazione della circolare in data 12 luglio 2013, il Regolamento in argomento costituisce l unica fonte di disciplina delle rateazioni contributive dei debiti in fase amministrativa, maturati dal contribuente nei confronti di tutte le gestioni amministrate dall Inps. Pagamenti in forma rateale Il contribuente, per ottenere il pagamento in forma rateale della propria esposizione debitoria per contributi e sanzioni, deve presentare un unica domanda, che comprenda tutti i debiti contributivi in fase amministrativa, maturati nei confronti di tutte le Gestioni amministrate dall Inps, che risultano denunciati dal contribuente ed accertati alla data di presentazione dell istanza medesima. La domanda di rateazione, nella quale il contribuente non abbia indicato tutte le Gestioni nelle quali è maturato il debito da rateizzare, viene respinta. Il contribuente, tuttavia può proporre una nuova istanza che, laddove comprenda l intera esposizione debitoria denunciata e/o accertata alla data di presentazione della medesima, consentirà l attivazione del relativo procedimento amministrativo previsto per la definizione della domanda di rateazione. La domanda può avere ad oggetto il debito per contribuzione in fase amministrativa denunciato dal contribuente o accertato dall Istituto per il quale, alla data di presentazione, non risulti effettuato il pagamento con le modalità ed i termini legali previsto per ciascuna delle gestioni considerate. Sono da intendersi in fase amministrativa: - i crediti dell Inps per i quali, alla data di presentazione della domanda di rateazione, non risulti ancora formato l avviso di addebito di cui all articolo 30 del D.L. n. 78/2010; - i crediti in gestione presso gli uffici legali che, alla medesima data, non siano stati affidati per il recupero agli agenti della riscossione, ai sensi dell articolo 7-quater, comma 6 della Legge n. 33/2009. L Inps precisa che il contribuente può richiedere la rateizzazione di tutte le partite a debito dovute a titolo di omissione o di evasione, ivi comprese le somme dovute a titolo di ritenute previdenziali e assistenziali a carico dei lavoratori, richiamando, al riguardo, le disposizioni impartite con la circolare n. 148/2010, ai fini della verifica dell avvenuto versamento delle quote a carico dei lavoratori. La rateazione dei debiti contributivi in fase amministrativa possono essere concesse fino ad un massimo di 24 mesi. Resta ferma la possibilità per il contribuente di chiedere al Ministero del Lavoro il prolungamento della rateazione fino a 36 rate. Inoltre per casi specifici, il Ministero del Lavoro, di concerto con il Ministro dell economia e delle Finanze, può concedere con decreto il pagamento dilazionato fino a 60 mensilità. Procedimento di definizione delle domande di rateazione Il contribuente, identificato con il codice fiscale, che intenda regolarizzare la propria posizione debitoria in forma rateale, è tenuto a presentare una domanda di rateazione unica per tutte le gestioni amministrate dall Inps attraverso i consueti canali telematici. TeamSystem Labour Review 187/2013 2

5 La trasmissione può essere effettuata anche dal soggetto responsabile dell adempimento contributivo (titolare/legale rappresentante), ovvero da specifico delegato o dall intermediario a ciò appositamente autorizzato. Il contribuente, prima della presentazione della domanda, deve acquisire, avvalendosi anche dei supporti delle procedure informatiche a disposizione del medesimo o del proprio intermediario, una chiara conoscenza della situazione debitoria. Nel caso emergano situazioni di difformità tra quanto il contribuente ritenga di richiedere in rateazione e l importo del debito, l interessato deve segnalare alla competente struttura dell Inps, anche tramite i canali informatici, la discordanza rilevata al fine di ottenere la sistemazione dell intera esposizione debitoria. Definito così l importo del debito, nella domanda deve essere indicato sia l importo complessivo del medesimo debito da rateizzare, sia quello ripartito per ciascuna della Gestioni interessate dalla regolarizzazione in forma rateale. L Inps successivo messaggio ha fornito ulteriori indicazioni in ordine alle modalità di presentazione della domanda a cui il contribuente deve attenersi. Il piano di ammortamento viene calcolato sulla base delle medesime partite debitorie indicate dal contribuente nella domanda, confermate in via definitiva dalla sede competente a svolgere l istruttoria in relazione alle singole Gestioni interessate. Una volta reso il piano di ammortamento, i versamenti effettuati successivamente, ancorché riferiti alle medesime partite debitorie inserite in rateazione, sono considerati come partite a credito dell azienda. Tali crediti possono essere utilizzati in compensazione con i contributi mensili o periodici dovuti a partire dalla data di presentazione della domanda. Diversamente, sono esclusi dalla compensazione i versamenti che il contribuente effettui, dopo l emissione del piano di ammortamento, allo specifico titolo di ritenute previdenziali e assistenziali a carico dei lavoratori. Al momento della domanda il contribuente si impegna ad effettuare il versamento della prima delle rate complessivamente accordate e delle successive rate uguali e consecutive nel numero e nella misura indicati nel piano di ammortamento. L eccezione rispetto a tale previsione è costituita dal versamento diretto ad estinguere anticipatamente ed integralmente la rateazione concessa. Inoltre, le partite debitorie oggetto di rateazione possono essere integrate con quelle delle quali si sia avuta conoscenza solo successivamente all emissione del piano di ammortamento, purché maturate precedentemente alla data di presentazione della domanda in corso. In tale ipotesi, essendo l ulteriore debito incardinato nella domanda di rateazione già attivata, lo stesso si estinguerà con il pagamento di un numero di rate pari a quello delle rate accordate e non ancora scadute che saranno calcolate sugli stessi presupposti in base ai quali il piano di ammortamento in corso è stato emesso. Condizioni per l accoglimento della domanda di rateazione Con la presentazione dell istanza di rateazione, il contribuente accetta le condizioni fissate dall Inps, unitamente all importo del debito oggetto di regolarizzazione. Da tale accettazione consegue l ulteriore impegno a rinunciare a tutte le eccezioni che possano influire sull esistenza e sull azionabilità del credito stesso, nonché agli eventuali giudizi di opposizione proposti in sede civile. L accettazione del piano di ammortamento avviene, invece, solo per effetto del comportamento concludente posto in essere dal contribuente attraverso il pagamento, entro il termine comunicato nel piano medesimo, dell importo indicato come prima rata del medesimo. Pertanto, ne deriva che l attivazione della rateazione può essere disposta soltanto in caso di pagamento della prima delle rate complessivamente accordate entro la data indicata nel piano di ammortamento. Soltanto con il pagamento della prima rata, si determina l attivazione della rateazione nel senso che deve considerarsi perfezionato il parere favorevole da parte dell Inps alla rateazione medesima. La soddisfazione del debito per contributi e somme aggiuntive per ciascuna Gestione interessata dalla predetta regolarizzazione avviene imputando i versamenti delle rate accordate a partire dal periodo più remoto. Tale previsione deve essere indicata dal contribuente nella domanda. TeamSystem Labour Review 187/2013 3

6 Il contribuente deve, altresì, prendere atto che: a) la possibilità di richiedere il pagamento in forma dilazionata anche delle somme dovute a titolo di ritenute previdenziali ed assistenziali operate sulle retribuzioni corrisposte ai lavoratori, non produce effetto sulla permanenza dell obbligo, da parte dell Inps, di provvedere alla denuncia dell Autorità giudiziaria competente (Procura della Repubblica presso il Tribunale competente) della notizia di reato ai sensi dell articolo 2, commi 1-bis e 1-ter del D.L. n. 463/1983; b) in ambito di riduzione degli interessi di dilazione nell ipotesi in cui la stessa venga accordata da parte del Ministero, il credito costituito dalla maggiore misura degli interessi di dilazione già versato è conguagliato sul importo del debito residuo oggetto di rateazione, ovvero rimborsato in caso di intervenuto pagamento della stessa. Si opera nello stesso modo qualora ai sensi dell articolo 116, commi 15 e 16 della Legge n. 388/2000, venga accordata la riduzione delle sanzioni civili di cui al comma 8 del medesimo articolo. Il contribuente, per tutta la durata della rateazione, deve provvedere al regolare versamento oltre che delle rate accordate, anche della contribuzione dovuta mensilmente o periodicamente a ciascuna gestione alle rispettive scadenze di legge. Il contribuente non può, tuttavia, inserire nell istanza di rateazione un esposizione debitoria che si sia determinata nel corso di una precedente dilazione; il requisito della regolarità contributiva costituisce infatti, una delle condizioni essenziali per il permanere del titolo al pagamento rateale. L Inps ha previsto, inoltre, la possibilità per il contribuente di accedere ad un piano di rateazione breve di durata non superiore a 6 mesi che possa consentire, a fronte di una situazione di temporanea mancanza di liquidità, l effettuazione del versamento della contribuzione mensile o periodica, purché regolarmente denunciata o imposta. Tale strumento può essere utilizzato una sola volta nel corso della rateazione principale e con pagamento da effettuarsi in un numero massimo di sei rate mensili. E, inoltre, previsto che il periodo dilazionabile in modalità breve possa così articolarsi: - tre mesi per i datori di lavoro ed i committenti; - un trimestre/rata per i lavoratori autonomi. Il contribuente che utilizzi tale modalità e che preveda il versamento delle rate richieste (nel numero massimo di sei) manterrà il requisito di correttezza contributiva previsto. In tal caso il contribuente, oltre al regolare versamento delle rate accordate con la rateazione principale, dovrà effettuare il corretto adempimento delle rate in contro della rateazione breve. L omesso o parziale versamento mensile di una delle rate determinate con il piano di rateazione breve, comporta, da una parte, la revoca della rateazione principale e dall altro il venir meno del titolo al versamento delle rate ancora dovute in conto della contribuzione corrente regolarizzata mediante la medesima rateazione breve. Il credito residuo della rateazione principale e l importo ancora dovuto per le mensilità regolarizzate con il piano di rateazione breve saranno richiesti al contribuente con avviso di addebito e consegnati al agente della riscossione per le successive attività di recupero. La rateazione breve, infatti, presuppone sempre un piano di rateazione principale cui la stessa accede. L Inps ha precisato, infine, che tale strumento può essere utilizzato dal contribuente per mantenere il requisito di correttezza contributiva non solo rispetto a ciascuna delle gestioni comprese nella rateazione principale, ma anche rispetto a quelle, non incluse in quest ultima, per le quali il contribuente, identificato dal medesimo codice fiscale, è tenuto all assolvimento di un ulteriore obbligo contributivo. In tal caso la domanda deve essere indirizzata alla sede competente a gestire la contribuzione mensile periodica, regolarizzata con la domanda di rateazione breve. Qualora il periodo di irregolarità superi quello sanabile mediante il ricorso alle modalità di rateazione breve, gli importi ancora dovuti in contro TeamSystem Labour Review 187/2013 4

7 della rateazione principale revocata saranno richiesti al contribuente con avviso di addebito e consegnati all agente della riscossione per le successive attività di recupero. Competenze decisionali La competenza decisionale in materia di rateazione dei debiti contributivi in fase amministrativa è confermata in base ad una logica di ripartizione per gli importi, in capo ai Direttori Provinciali, ai Direttori Regionali e al Direttore Centrale Entrate, competente per Gestione. Pertanto, ai Direttori Provinciali dell Inps è attribuito il potere di: - decidere le rateazioni fino a 24 rate dei debiti contributivi in fase amministrativa, nel limite dell importo di Euro ,00; - esprimere il pare sull estensione della rateazione fino a 36 rate, nel limite dell importo di Euro ,00; - dare esecuzione all autorizzazione del Ministero del Lavoro sull estensione della dilazione a 36 rate. Ai Direttori Regionali dell Inps è attribuito il potere di: - decidere le rateazioni fino a 24 rate dei debiti contributivi in fase amministrativa, nel limite dell importo superiore di Euro ,00 e fino ad Euro ,00; - esprimere il pare sull estensione della rateazione fino a 36 rate, nel limite dell importo superiore di Euro ,00 e fino ad Euro ,00. Al Direttore Centrale Entrate, titolare della funzione di monitoraggio e verifica della puntuale ed uniforme applicazione della normativa in materia di rateazione dei debiti contributivi da parte delle strutture territoriali finalizzata all individuazione delle eventuali azioni correttive, compete il potere di: - decidere le domande di rateazione fino a 24 rate dei crediti di importo superiore ad Euro ,00; - esprimere il parere sull estensione della rateazione fino a 36 rate nell ambito degli importi di competenza. Le competenze in questione si estendono anche al potere di decisione delle richieste di riduzione delle sanzioni civili. Presentazioni delle domande L Inps con il Messaggio n del ha fornito ulteriori indicazioni in ordine alle modalità di presentazione della domanda di rateazione unica per tutte le Gestioni amministrate dall Inps. Per quanto riguarda le domande per il pagamento rateale dei debiti contributivi esclusivamente ad una delle Gestioni Inps, da parte dei soggetti responsabili degli adempimenti contributivi (titolari o legali rappresentanti) identificati con il codice fiscale, ovvero del delegato o intermediario a ciò appositamente autorizzato, gli stessi dovranno attenersi alle seguenti modalità in relazione alle Gestioni private, dipendenti pubblici e lavoratori dello spettacolo e dello sport professionistico, di volta in volta interessate alla regolarizzazione del debito in forma rateale. Gestioni private I predetti soggetti in possesso di PIN abilitato ai servizi Inps, qualora la regolarizzazione in forma rateale abbia ad oggetto debiti maturati esclusivamente nei confronti delle Gestioni private, debbono seguire le seguenti indicazioni: TeamSystem Labour Review 187/2013 5

8 - nel caso in cui l esposizione debitoria risulti riferita nei confronti di singola Gestione privata, la domanda di rateazione deve essere inoltrata attraverso i consueti canali telematici già in uso, utilizzando il modulo previsto per la Gestione oggetto di regolarizzazione; - nel caso in cui il debito risulti nei confronti di due o più Gestioni private, la domanda di rateazione deve essere inoltrata attraverso i consueti canali telematici in uso, utilizzando il modulo previsto per la Gestione per la quale risulti il maggior debito da rateizzare. Il modello di domanda da utilizzare è quello in uso per i datori di lavoro UniEmens. Gestioni dipendenti pubblici L interessato o il delegato a ciò appositamente autorizzato, abilitato all Area riservata servizi in Linea Amministrazioni ed Enti Pubblici, accessibile dal sito Internet dell Inps - informazioni - Integrazione Inpdap, deve presentare l istanza di rateazione dei contributi in fase amministrativa che abbia ad oggetto esclusivo la regolarizzazione dei contributi dovuti alle Gestioni dipendenti pubblici utilizzando la procedura Rateazione debiti Ente. Tale procedura deve essere attivata attraverso l Area riservata. La domanda di rateazione, presentata in via telematica, deve riguardare i debiti contributivi in fase amministrativa per i quali il debitore abbia ricevuto l apposito Estratto Conto Amministrazione (ECA), nel quale è rappresentata in dettaglio la relativa esposizione debitoria. La domanda di rateazione di debiti contributivi accertati con modalità diverse dall ECA, deve, invece, essere gestita contattando direttamente la competente sede - Gestione dipendenti pubblici. Gestioni lavoratori dello spettacolo e dello sport professionistico Le istanze di rateazione dei contributi in fase amministrativa che abbiano ad oggetto esclusivo la regolarizzazione dei contributi dovuti alla gestioni lavoratori dello spettacolo e dello sport professionistico debbono essere presentate al momento con utilizzo del Modello SC78 disponibile sul sito dell Inps. Il modello deve essere inoltrato in formato Pdf alla casella PEC della sede Inps nella quale opera il Polo specialistico per la gestione della previdenza dei lavoratori dello spettacolo e dello sport professionistico (Polo PALS) di competenza. Per quanto riguarda le domande per il pagamento rateale dei debiti contributivi esclusivamente ad una delle Gestioni private dipendenti pubblici e lavoratori dello spettacolo, il contribuente, l intermediario abilitato e ciò appositamente autorizzato, in possesso di PIN abilitato ai servizi Inps, deve presentare domanda di rateazione, unica per tutte le Gestioni amministrate dall Inps. In presenza di pluralità di esposizioni debitorie riconducibili, oltre che ad una delle Gestioni private, anche alle Gestioni dipendenti pubblici e/o Gestioni lavoratori dello spettacolo e dello sport professionistico, la domanda, trasmessa attraverso i consueti canali telematici, deve essere inoltrata seguendo le seguenti indicazioni. Unitamente alla domanda deve essere compilato anche il Modello SC18 pubblicato sul sito Internet dell istituto, alla sezione Moduli, nel quale debbono essere riportati gli importi degli ulteriori debiti maturati alla stessa data e relativi alle gestioni diverse da quella oggetto della domanda telematica. Il Modello Allegato alla domanda e atto di impegno per il pagamento rateale dei contributi in fase amministrativa che, ai fini del requisito dell unicità sopra richiamato, integra ala domanda di rateazione, deve essere trasmesso unitamente all istanza medesima. Nel caso in cui la tipologia di modulo telematico non consenta di inviare allegati, il Modello deve essere trasmesso via all indirizzo di posta elettronica Servizi al Soggetto Contribuente della sede competente, reperibile sul sito Internet dell Istituto, alla sezione Le Sedi Inps. Nel campo Note della domanda telematica di rateazione, deve essere riportata la seguente indicazione Allegato alla domanda e atto di impegno per il pagamento rateale dei contributi in fase amministrativa trasmesso via mail il gg/mm/aaaa. TeamSystem Labour Review 187/2013 6

9 Singola Gestione privata e una o più Gestioni dipendenti pubblici e/o Gestioni lavoratori dello spettacolo In caso di contribuente che presenti una esposizione debitoria che interessa una sola delle Gestioni private, unitamente alle Gestioni dipendenti Pubblici e/o Gestioni lavoratori dipendenti pubblici e/o Gestioni lavoratori dello spettacolo e dello sport professionistico, l inoltro dell istanza deve essere effettuato mediante il modello telematico in uso per la Gestione privata interessata dalla regolarizzazione in forma rateale; nel caso, ad esempio, di datore di lavoro tenuto al pagamento della cassa CPDEL e datore di lavoro di lavoratori dello spettacolo o sportivi professionisti in tale ipotesi, il modello di domanda da utilizzare è quello dei datori di lavoro che operano con il sistema UniEmens. Due o più Gestioni private e una o più Gestioni dipendenti Pubblici e/o Gestioni lavoratori dello spettacolo Qualora il lavoratore risulti avere posizioni a debito in due diverse Gestioni tra quelle private (esempio datori di lavoro con dipendenti e committenti di co.co.co. e/o co.co.pro.) oltre che nelle Gestioni dipendenti Pubblici e/o Gestioni lavoratori dello spettacolo o dello sport professionistico, la domanda deve essere inoltrata utilizzando il modello telematico relativo alla gestione privata nella quale risulti il debito di maggior importo da rateizzare. Il modello di domanda da utilizzare è quello dei datori di lavoro che operano con il sistema UniEmens. Per quanto riguarda le domande con piano di pagamento di Rateazione breve il contribuente per tutta la durata di rateazione concessa, è tenuto ad effettuare il versamento, oltre che delle rate accordate, anche dalla contribuzione dovuta mensilmente o periodicamente per ciascuna Gestione, alle rispettive scadenze di legge. Il requisito della correntezza contributiva, ove si determini la condizione di temporanea mancanza di liquidità, può permanere attraverso il ricorso ad un piano di Rateazione breve. A tale proposito la rateazione principale è quella per la quale il contribuente ha richiesto il pagamento in un massimo di 24 (36 o 60) rate. Il piano di Rateazione breve, invece, può essere utilizzato una sola volta nel corso della rateazione principale, consentendo l estinzione del debito in un numero massimo di sei rate mensili per la regolarizzazione di tre mesi per i datori di lavoro ed i committenti ed un trimestre/rata per i lavoratori autonomi. L accesso alla Rateazione breve deve avvenire, per ciascuna Gestione amministrativa dell Inps, secondo le seguenti modalità: Gestioni private Il contribuente deve compilare il Modello di domanda telematico in uso per la Gestione privata interessata dalla particolare tipologia di regolarizzazione, riportando nel campo NOTE l indicazione Domanda di Rateazione breve collegata alla domanda di Rateazione principale presentata il gg/mm/aaaa in corso di pagamento. Gestioni dipendenti pubblici La domanda deve esser inoltrata utilizzando la procedura dei servizi in linea precedentemente descritta (Area Riservata dei servizi in linea - Amministrazioni ed Enti accessibile dal sito Internet dell Inps Informazioni - Integrazione Inpdap). In tal caso, l interessato ovvero il delegato a ciò appositamente autorizzato, deve utilizzare l apposita procedura web selezionando rateazione breve. Gestioni lavoratori dello spettacolo e dello sport professionistico La domanda deve essere inoltrata utilizzando il Modello SC79 disponibile sul sito internet dell Inps. Il modello deve essere inoltrato in formato Pfd nella casella di posta elettronica Certificata della sede Inps nella quale opera il Polo PALS di competenza. TeamSystem Labour Review 187/2013 7

10 La Pec deve riportare in oggetto la dicitura Domanda di rateazione breve Gestioni lavoratori dello spettacolo e dello sport professionistico. INFORTUNIO SUL LAVORO IN AGRICOLTURA Nota INAIL, n del 15 luglio 2013 L Inail con la Nota del 15 luglio 2013 n fornisce alcuni chiarimenti con riferimento all ammissibilità e tutela di eventi occorsi a coltivatori diretti nello svolgimento di attività imprenditoriali o per il soddisfacimento di esigenze personali e familiari. In merito alla tutelabilità degli infortuni occorsi durante lo svolgimento di attività imprenditoriali l istituto fa presente che la Corte di Cassazione, sulla base degli articoli 205, 206 e 207 D.P.R. n. 1124/1965, ha affermato i seguenti principi: - la protezione assicurativa riguarda esclusivamente ciò che costituisce esecuzione di opera manuale, incluse le attività prodromiche o strumentali, ma con esclusione di ogni altra operazione che sia solo marginalmente o indirettamente collegata; - nel caso di lavoratori autonomi, la tutela assicurativa non riguarda quella parte di attività che si definisce imprenditoriale, ma si ritiene indennizzabile solamente l infortunio che attiene al momento lavorativo-esecutivo e non quello organizzativo dell attività economica dell azienda; - per quanto riguarda i coltivatori diretti, la tutela, ai sensi dell articolo 207 del D.P.R. n. 1124/1965, si estende anche ad attività manuali diverse da quelle strettamente agricole purché si tratti di lavorazioni connesse, complementari od accessorie all attività principale; connessione che si realizza quando si tratti di lavorazioni eseguite nell interesse e per conto dell azienda agricola, per un migliore utilizzo dei suoi beni, rientrando così nel suo normale ciclo produttivo. Gli ambiti principali della tutela infortunistica peculiari del lavoro agricolo, dipendente o autonomo, ulteriori rispetto al lavoro sui campi, sono : gli infortuni occorsi nello svolgimento delle attività connesse; gli infortuni avvenuti sul luogo di lavoro durante le pause lavorative e/o con modalità di rischio ulteriori create dal lavoratore stesso e giustificate dalle disagiate condizioni lavorative agricole; gli infortuni avvenuti nell ambito domestico, legati funzionalmente al lavoro agricolo. In base all articolo 205 del D.P.R. n. 1124/1965 nella tutela assicurativa contro gli infortuni sul lavoro in agricoltura non rientra qualsiasi attività umana anche solo occasionalmente ed indirettamente ricollegabile all esercizio dell attività agricola. Tale copertura assicurativa presuppone che l intervento operativo, nonostante si riferisca all esercizio dell impresa agricola, non sia svolto a causa e per un diverso titolo, né nell adempimento di un dovere o per un interesse personale dell agricoltore, dove la connessione con la professione rurale è soltanto occasionale e del tutto accidentale. L istituto spiega, infatti, che la tutela contro gli infortuni sul lavoro deve basarsi sullo svolgimento di attività fisiche e manuali e concrete proprie dell agricoltura, o a queste strettamente connesse, funzionali o strumentali; la stessa si estende anche all attività di commercializzazione e distribuzione diretta dei prodotti e, più in generale, a quelle finalizzate all ottimizzazione della coltivazione agricola, in quanto complementari a questa attività. TeamSystem Labour Review 187/2013 8

11 Ad esempio, i motivi della denuncia, della tenuta e della contabilizzazione dei guadagni, derivanti dall esercizio dell attività agricola (ai fini fiscali, creditizi, del risparmio ecc.) e ricollegabili all attività di gestione imprenditoriale dell agricoltura, non hanno alcun collegamento materiale con l attività agricola strettamente intesa, esistendo soltanto un legame soggettivo del tutto accidentale. L Inail fa presente che anche per i lavoratori agricoli vi é la distinzione tra l attività manuale ed esecutiva, compresa nella tutela assicurativa, ed attività imprenditoriale che, invece, ne rimane esclusa. Al riguardo la Suprema Corte, nel decidere riguardo alla questione dell indennizzabilità di un infortunio occorso a lavoratore agricolo mentre si stava recando dal commercialista, trasportando documentazione presso il predetto ufficio, e quindi al di fuori di ogni contesto produttivo, ha ribadito il principio che per quanto riguarda l infortunio occorso al lavoratore autonomo, la tutela assicurativa non riguarda quella parte di attività non attinente al momento lavorativo-esecutivo, bensì a quello organizzativo-imprenditoriale dell attività economica dell azienda; pertanto, l estensione della tutela agli infortuni in itinere può riguardare gli spostamenti del lavoratore al fine di acquistare beni direttamente necessari per la produzione, ma non anche quelli finalizzati alla consegna di beni necessari per l organizzazione amministrativa e contabile. Con riguardo alla tutelabilità degli infortuni occorsi durante attività svolte per il soddisfacimento di esigenze domestiche, familiari e personali, vige il principio secondo cui l attività agricola di produzione è tutelata indipendentemente dalla destinazione finale dei prodotti. La distinzione fondamentale è fra l attività di produzione ed attività di trasformazione dei prodotti. Infatti, la prima deve ritenersi compresa nell ambito della tutela, se ed in quanto caratterizzata dall attività imprenditoriale intesa come destinazione al mercato di prodotti del fondo. La seconda è oggetto di copertura soltanto se caratterizzata dall imprenditorialità, dovendosi invece, considerare esclusa se destinata ad uso personale. In ipotesi allevamento di suini, ad esempio, l attività di allevamento è tutelata senza che abbia rilevanza la distinzione tra animali destinati alla alienazione ed animali destinati al consumo personale. Qualora, tuttavia, sia possibile individuare capi destinati al consumo personale, allora l attività di trasformazione delle carni non è tutelata, essendo venuta meno ogni connessione, sia pure indiretta, con l attività protetta. In tale ultima ipotesi la Suprema Corte ha escluso la indennizzabilità della fattispecie poiché l evento infortunistico si era verificato mentre l agricoltore stava trasformando una parte di suino da destinare al consumo personale. Pertanto, l Istituto ha ribadito che, in base al consolidato orientamento giurisprudenziale, gli infortuni sul lavoro in agricoltura sono indennizzabili, potendosi ritenere sussistente l occasione di lavoro, anche se al momento dell evento non è possibile distinguere nella prestazione la destinazione finale del prodotto, se al mercato o all uso domestico e familiare e comunque al consumo personale. REDDITI DA LAVORO PRESTATO ALL ESTERO ED IMPOSTA Agenzia dell Entrate, Risoluzione n. 48/E del L Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 48/E del , fornisce chiarimenti in ordine alle modalità di calcolo della riduzione dell imposta estera ai sensi dell articolo 165, comma 10 del TUIR nel caso di redditi da lavoro dipendente prestato all estero, come previsto dall articolo 51, comma 8 del TUIR (D.P.R. n. 917/1986). Nel caso l articolo 165, comma 10 del citato D.P.R. prevede che quando il reddito concorre parzialmente alla formazione del reddito complessivo, l imposta estera detraibile deve essere ridotta in misura corrispondente. TeamSystem Labour Review 187/2013 9

12 La disposizione si applica anche nel caso di attività di lavoro dipendente prestata all estero in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto di lavoro di cui all articolo 51, comma 8-bis del TUIR, determinati in base alle retribuzioni convenzionali definite annualmente con decreto del Ministro del lavoro. L articolo 36, comma 30 del D.P.R. n. 223/2006, infatti, ha introdotto una norma di interpretazione autentica in base a cui nel caso di reddito calcolato convenzionalmente in misura ridotta, in base a quanto previsto dall articolo 51, comma 8-bis del TUIR, il prestatore di lavoro residente fruisce, per le imposte pagate all estero, di un credito di imposta non pieno, ma proporzionale al reddito estero che concorre alla formazione del proprio reddito complessivo. A tale proposito, per la determinazione del credito di imposta ex articolo 165 del TUIR, l Agenzia delle Entrate ritiene che le imposte pagate all estero a titolo definitivo dovrebbero essere ridotte in proporzione al rapporto tra la retribuzione convenzionale determinata ex articolo 51, comma 8-bis, del TUIR ed il reddito di lavoro dipendente che sarebbe stato tassabile in via ordinaria, e non in misura convenzionale, in Italia. Se, invece, la retribuzione convenzionale fosse rapportata al reddito determinato secondo le regole di tassazione dello Stato alla fonte, la riduzione dell imposta estera detraibile rifletterebbe il livello di generosità che il sistema fiscale domestico riserva ad una categoria di reddito rispetto al trattamento previsto, per il medesimo reddito, dal sistema impositivo estero di volta in volta preso a riferimento. Pertanto, tale impostazione determinerebbe evidenti effetti distorsivi e discriminatori. Infatti a parità di corrispettivo per il lavoro prestato all estero e a parità di trattamento fiscale ricevuto in Italia da quel corrispettivo, il prelievo subito nello Stato della fonte potrebbe essere ridotto o meno, in applicazione dell articolo 165, comma 10 del TUIR, sulla base della tassazione adottata nello specifico Stato estero in cui la prestazione si è effettivamente svolta. Inoltre, l imposta estera potrebbe essere ridotta anche nell ipotesi in cui il corrispettivo percepito concorra al reddito complessivo in Italia in via ordinaria, o non ridursi sebbene concorra in misura parziale, ma comunque maggiore rispetto alla modalità con cui ha concorso a tassazione nello Stato estero. L interpretazione dell Agenzia dell Entrate viene confermata, oltre che nella ratio della norma, anche nel dato letterale dell articolo 165, comma 10 del TUIR, che prevede espressamente un confronto tra reddito prodotto all estero e reddito complessivo e tale operazione di confronto non può che svolgersi tra valori omogenei. Pertanto, il termine reddito deve essere inteso in senso tecnico, ossia come risultato, ossia come risultato dell operazione che al compenso percepito giunge, sulla base delle regole di determinazione previste dall ordinamento italiano, a definire la base imponibile. Di conseguenza, per individuare l ammontare del reddito prodotto all estero debbono applicarsi, trattandosi di lavoro dipendente, le disposizioni contenute nell articolo 51 del TUIR, ad esclusione del comma 8-bis. Tale interpretazione consente di utilizzare un valore coerente con il reddito complessivo che, ai sensi dell articolo 8 del TUIR, si determina sommando i redditi di ogni categoria che concorrono a formarlo; utilizzando, invece, il reddito tassato all estero, si verificherebbe una contraddizione dal momento che quest ultimo, essendo afferente ad un ordinamento tributario non italiano, non concorre alla formazione del reddito complessivo. La relazione illustrativa all articolo 36, comma 30, del D.L. n. 223/2006 conferma tale impostazione, laddove dichiara che, con l interpretazione autentica proposta, si chiarisce che in caso di reddito calcolato convenzionalmente in misura ridotta, secondo le disposizioni dell articolo 51, comma 8-bis del TUIR, il prestatore di lavoro all estero fruisce per le imposte pagate all estero, di un credito di imposta non pieno, ma proporzionale al reddito determinato ai sensi dell articolo 51, comma 8-bis. Conseguentemente, il credito di imposta pieno di cui avrebbe fruito il reddito in caso di tassazione analitica, deve essere ridotto nella misura in cui effettivamente il reddito è assoggettato ad imposizione in capo al dipendente residente. TeamSystem Labour Review 187/

13 La necessità di analizzare le fattispecie dei rediti che si sono prodotti all estero attraverso l utilizzo di istituti e criteri propri dell ordinamento tributario nazionale è confermata anche dalla disposizione contenuta nell articolo 165, comma 2 del TUIR, secondo cui i redditi si considerano prodotti all estero sulla base di criteri reciproci a quelli previsti dall articolo 23 per individuare quelli prodotti nel territorio dello Stato. Ai fini del credito di imposta, dunque, non rileva che un dato reddito sia considerato prodotto nello Stato estero dalla legislazione locale, ma è necessario valutare se, alla luce dei criteri interni fissati dall articolo 23 del TUIR, quel reddito si può considerare prodotto in Italia. Il qual fatto comporta che il concetto di reddito estero deve sempre ricondursi alle disposizioni dell ordinamento italiano e gli strumenti utilizzati per la sua determinazione non possono non essere quelli propri del sistema fiscale nazionale. Una ulteriore argomentazione a sostegno della interpretazione proposta è rappresentata dal limite generale di detraibilità dell imposta estera, previsto dall articolo 165, comma 1, del TUIR secondo cui alla formazione del reddito complessivo concorrono redditi prodotti all estero, le imposte ivi pagate a titolo definitivo su tali redditi sono ammesse in detrazione dell imposta netta dovuta fino alla concorrenza della quota di imposta corrispondente al rapporto tra i redditi prodotti all estero ed il reddito complessivo. Anche ai fini di tale disposizione, non vi è dubbio che i redditi prodotti all estero rilevanti non sono quelli effettivamente tassati nel Paese estero, ma nel caso di lavoro dipendente, quelli ritratti nello svolgimento di una attività lavorativa all estero, che hanno concorso alla formazione del reddito complessivo. Pertanto, il reddito prodotto all estero, costituendo un reddito complessivo, deve essere inteso come reddito determinato secondo le norme dell ordinamento tributario italiano. La locuzione reddito prodotto all estero, contenuta nell articolo 165, comma 10 del TUIR non può che essere interpretata in conformità all intero articolato normativo disciplinante, sotto diversi profili, l istituto del foreign tac credit e, dunque, come riferita al reddito che, sebbene prodotto all estero, è determinato secondo le regole proprie del TUIR. In conclusione, l Agenzia dell Entrate ritiene che, ai fini del calcolo dell imposta estera detraibile, sia più aderente al dettato normativo dell articolo 165, comma 10 del TUIR, rapportare il reddito estero, determinato in misura convenzionale, al reddito che risulterebbe tassabile, in via ordinaria, se la medesima attività lavorativa fosse prestata in Italia. Commenti a cura dell avv. Valentina Lo Bartolo TeamSystem Labour Review 187/

14 RINNOVI CONTRATTUALI MAGGIO - GIUGNO 2013 Carta - Aziende Industriali - Accordo In data , tra le Parti Associazione Italiana tra gli industriali della carta, cartoni e paste per carta, Associazione Italiana Industrie grafiche, cartotecniche e trasformatrici con Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil, e Ugl è stato sottoscritto l accordo per il trattamento economico dei dipendenti delle aziende dell industria della carta e cartone, della cellulosa, della pasta di legno, della fibra vulcanizzata e per le aziende cartotecniche e trasformatrici della carta e del cartone. Con l accordo di rinnovo del 13 settembre 2012 le Parti avevano stabilito la corresponsione, a decorrere dal 1 gennaio 2013, di importi integrativi a titolo di normale retribuzione ai turnisti delle cartiere addetti ai lavorazioni a ciclo continuo (7 giorni su 7), su 3 turni avvicendati e non inseriti nei 3 turni avvicendati. Al fine di evitare sperequazioni di trattamento retributivo rispetto a quanto sopra concordato, l accordo in commento ha introdotto i seguenti importi integrativi da corrispondere a partire dal 1 gennaio 2013 ai turnisti delle aziende cartotecniche addetti a lavorazioni a ciclo continuo (7 giorni su 7). Livelli Importi mensili Q 111,86 AS 111,42 A 95,03 B1 84,40 B2S 81,74 B2 78,20 C1S 72,44 C1 68,89 C2 62,69 C3 58,25 D1 54,71 D2 50,29 E 45,41 Tali importi assorbono la maggiorazione del 6% spettante ai lavoratori del settore. Fotolaboratori - Accordo In data tra le Parti Sociali Assofotolaboratori con Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil è stato sottoscritto l accordo per il trattamento economico complessivo dei dipendenti delle imprese esercenti fotolaboratori conto terzi. L accordo avrà decorrenza dal con durata fino al L accordo di rinnovo aggiorna la classificazione del personale introducendo nuovi profili e modificandone altri. A seguito degli aumenti stabiliti dall accordo con decorrenza luglio 2013, luglio 2014, luglio 2015, i minimi tabellari sono così determinati: Gruppo Dal Dal Dal Q 1.257, , , , , , , , ,14 TeamSystem Labour Review 187/

15 , , , ,84 923,84 953, ,37 816,90 843, ,61 702,42 725, ,52 590,70 609,88 Per i lavoratori assunti dal 1 gennaio 2013, la tredicesima mensilità è corrisposta, per i primi 4 anni di servizio, nella seguente misura: ore della retribuzione mensile per gli operai e le figure operaie degli apprendisti; - 26/26esimi della retribuzione mensile per gli impiegati e le figure impiegatizie degli apprendisti. Dal 1 gennaio 2013 il numero massimo di apprendisti che possono essere assunti non può superare il rapporto di 3 a 2 rispetto alle maestranze specializzate e qualificate in servizio presso il datore di lavoro stesso (1 a 1 nelle aziende con meno di 10 dipendenti). Il datore di lavoro che non abbia dipendenti specializzati o qualificati o ne abbia meno di 3, può assumere fino a 3 apprendisti. L assunzione di nuovi apprendisti è subordinata alla prosecuzione del rapporto a termine del periodo di apprendistato, nei 36 mesi antecedenti la nuova assunzione, di almeno il 50% degli apprendisti dipendenti dal datore di lavoro. Dalla percentuale sono esclusi i rapporti cessati per recesso durante il periodo di prova, per dimissioni o per licenziamento per giusta causa. L apprendistato è ammesso per il conseguimento di professionalità da inquadrare dal 5 al 1 gruppo. La durata minima del periodo di apprendistato è di 6 mesi (eccetto le attività stagionali) e la massima è di tre anni. Il contratto individuale può prevedere che in caso di malattia, infortunio o altra causa involontaria di sospensione del rapporto di lavoro superiore a 30 giorni, la durata sia prorogata per il tempo equivalente all assenza. In caso di trasformazione del rapporto a termine dell apprendistato, l anzianità di servizio ai fini degli aumenti periodici decorre dalla trasformazione del rapporto. La retribuzione viene determinata applicando le percentuali di seguito indicate al minimo di retribuzione, dell ex contingenza e all E.d.r. del livello di attestazione finale. Periodo Percentuale Primo anno 70 Secondo anno 80 Terzo anno 90 Il periodo di prova è quello previsto per i qualificati, con riferimento al livello di assunzione. La formazione professionalizzante non può essere inferiore a 80 ore medie annue e può essere integrata dall offerta formativa pubblica. Per quanto concerne gli oneri in caso di malattia, a carico dell azienda sono quelli previsti per i lavoratori qualificati. Il preavviso in caso di recesso può essere dato con un termine di almeno 15 giorni. E possibile procedere ad assunzioni a termine ai sensi delle disposizioni del D.Lgs. n. 368/2001, come modificato dalla Legge n. 92/2012; le attività stagionali cui si applica la disciplina del contratto a termine sono quelle relative ai matrimoni, battesimi, comunioni, cresime, attività scolastica, fotocalendari, prodotti natalizi, eventi fieristici. TeamSystem Labour Review 187/

16 Gli intervalli temporali sono ridotti a 20 giorni (per i contratti fino a 6 mesi) e a 30 giorni (per i contratti oltre 6 mesi), per tutte le tipologie di assunzioni a termine effettuate per le ragioni di cui all articolo 1 e 5 del D.Lgs. n. 368/2001. Collaboratori familiari - Lavoro domestico - Ipotesi di Accordo In data tra le Parti Domina e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil e Federcolf è stata sottoscritta l ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto collettivo per i prestatori di lavoro domestico. L accordo avrà decorrenza dal 1 luglio 2013 al 31 dicembre 2016 sia per la parte economica che per quella normativa. Le novità incidenti sul cedolino sono le seguenti : - Minimi tabellari (gennaio 2014; gennaio 2015; gennaio 2016). L accordo conferma i minimi tabellari stabiliti dal precedente accordo del 9 aprile 2013, fissati nella seguente misura: Livello Dal Dal Dal BS 7,00 6,00 6,00 L aggiornamento annuale previsto dall articolo 37 del Ccnl si applicherà sui minimi retributivi, comprensivi degli incrementi contrattuali pattuiti. Il datore di lavoro che ha uno o più dipendenti a tempo pieno addetti all assistenza di persone non autosufficienti inquadrati nei livelli CS o DS può assumere lavoratori, conviventi o meno, da inquadrare nei livelli CS o DS, con prestazioni limitate alla copertura dei giorni di riposo. La retribuzione oraria, comprensiva delle maggiorazioni previste, sarà fissata nella seguente misura: Livelli Importi CS 7,14 DS 8,61 Per gravi e documentati motivi il lavoratore può chiedere una sospensione di lavoro extraferiale per un massimo di 12 mesi, senza maturazione di alcun elemento retributivo. Il riposo settimanale per i lavoratori non conviventi è di 24 ore e deve essere goduto di domenica. In caso di rapporto di lavoro ad ore, le festività saranno retribuite con la normale paga oraria ragguagliata ad 1/6 dell orario settimanale. Vanno retribuite tutte le festività cadenti nel periodo interessato, indipendentemente dal fatto che in tali giorni fosse prevista o meno la prestazione lavorativa. Per ogni anno di servizio prestato al lavoratore spetta un periodo di ferie di 26 giorni lavorativi frazionabile in non più di due periodi all anno, purché concordati tra le parti. La retribuzione nel periodo feriale è pari ad 1/26 della retribuzione globale di fatto mensile, comprensiva, per coloro che usufruiscono di vitto ed alloggio, dell indennità sostituiva. I lavoratori con retribuzione mensile percepiranno una retribuzione ragguagliata ad 1/6 dell orario settimanale, per ogni giorno di ferie goduto. TeamSystem Labour Review 187/

17 In caso di servizio iniziato o cessato in corso d anno spettano al lavoratore tanti dodicesimi del periodo di ferie quanti sono i mesi di effettivo servizio prestati. Durante le ferie maturano tutti gli istituti contrattuali. Il congedo matrimoniale può essere fruito anche non in coincidenza con la data del matrimonio, ma entro 1 anno dalla stessa, sempre che il matrimonio sia contratto in costanza di rapporto. La mancata fruizione del congedo per dimissioni non da diritto alla indennità sostitutiva. I periodi di conservazione del posto sono aumentati del 50% in caso di malattia oncologica documentata. Per quanto concerne il preavviso i termini sono raddoppiati in caso di licenziamento prima del 31esimo giorno successivo al termine del congedo per maternità. In caso di licenziamento il lavoratore può richiedere al datore di lavoro un attestazione scritta di licenziamento. E prevista una contrattazione regionale o di ambito metropolitano, in materia di indennità di vitto e alloggio e di permessi per studio e formazione professionale. Servizi assistenziali Avis - Accordo In data tra le Parti Avis con Fp-Cgil, Fp-Cisl, Fpl-Uil è stato sottoscritto l accordo per il rinnovo e la conferma dell ipotesi di Ccnl siglato il 16 aprile 2013, per il personale dipendente dell Avis. Nel confermare quanto pattuito in quella sede le Parti hanno introdotto le seguenti modifiche ed integrazioni. Per quanto riguarda la classificazione del personale a partire dal 1 ottobre 2012 i lavoratori sono inquadrati in 6 categorie denominate A, B, C, D, E ed F. Le categorie A ed E sono inquadrate in 6 posizioni economiche, la categoria F in una posizione economica. Le categorie BS e DS sono soppresse con conseguente accorpamento delle posizioni da BS a BS3 nella categoria B e da BS4 nella categoria C. I lavoratori inquadrati nella posizione DS passano nella categoria D5. Nella categoria E sono state accorpate le posizioni economiche della categoria DS, articolata in 5 posizioni economiche oltre a quella iniziale. La posizione economica DS6 viene soppressa ed i lavoratori ivi inquadrati transitano nella posizione E5. Nella categoria F sono inquadrati i profili direttivi dell area amministrativa, sanitaria e medica. A tutti i lavoratori in forza interessati dal cambiamento di inquadramento sarà garantito il mantenimento della retribuzione lorda in godimento; a tal fine la differenza retributiva derivante dal nuovo inquadramento verrà attribuita al dipendente in forza quale elemento di reinquadramento contrattuale (ERC). Tale elemento non è assorbibile da futuri aumenti contrattuali e sarà soggetto agli incrementi da parte di futuri rinnovi. L accordo, pertanto, ridetermina le seguenti declaratorie: CATEGORIA F La categoria comprende i lavoratori che ricoprono posizioni di lavoro che comportano elevate responsabilità funzionali ed elevata preparazione professionale e/o particolari specializzazioni, nei settori di direzione, organizzazione, coordinamento di altri dipendenti. CATEGORIA E La categoria comprende i lavoratori che ricoprono posizioni di lavoro che comportano l esecuzione di funzioni amministrative direttive, tecniche, di coordinamento, di indirizzo delle attività, di formazione permanente del personale, di facilitazioni di lavoro di equipes, il cui svolgimento presuppone una elevata, qualificata e approfondita competenza e capacità professionale, nonché un costante aggiornamento della propria disciplina e formazione. L attività è caratterizzata da autonomia decisionale, in relazione alle capacità e complessità dei servizi di cui si è responsabili, nell osservanza delle direttive impartite dall Amministrazione. TeamSystem Labour Review 187/

18 La posizione può, altresì, comportare la supervisione ed il controllo di funzioni operative, financo di unità operative complesse. CATEGORIA D La categoria comprende i lavoratori che ricoprono posizioni dl lavoro concernenti l esecuzione di funzioni amministrative direttive, didattiche e di coordinamento il cui svolgimento presuppone competenza, capacità e responsabilità professionale da esplicarsi nel settore in cui operano, nonché in equipes interdisciplinari ed in generale nell organizzazione del lavoro, attuazione di programmi e collaborazione alla loro formulazione, coordinamento di servizi al raggiungimento della ottimizzazione dei servizi, nonché al mantenimento dei rapporti esterni ed interni conformemente al ruolo ricoperto, secondo direttive ricevute. Può, inoltre, comportare l attribuzione di responsabilità organizzative, di indirizzo e controllo e coordinamento di una unità non complessa o gruppo di lavoro. CATEGORIA C La categoria comprende i lavoratori che svolgono funzioni tecniche, funzioni di natura amministrativa, con svolgimento di mansioni tecniche, amministrative e contabili, che presuppongono una applicazione concettuale ed una valutazione di merito dei casi concreti, programmazione e studio. CATEGORIA B La categoria comprende i lavoratori che ricoprono posizioni di lavoro di natura amministrativa d ordine, di vigilanza, e controllo, tecnico e/o di specializzazione tecnologica di sostegno. CATEGORIA A La categoria comprende i lavoratori che svolgono funzioni esecutive, tecniche manuali, assistenziali richiedenti una specifica preparazione tecnica e professionale, anche approfondibile con esperienze di lavoro, possesso, se del caso, di particolari abilitazioni, qualificazioni o patente. Sotto il profilo del trattamento retributivo, la retribuzione lorda si compone della retribuzione di base, dell elemento di reinquadramento contrattuale (Erc), dell elemento di monetizzazione (Emro), della retribuzione individuale di anzianità, indennità per mansioni superiori, elemento integrativo derivante dalla contrattazione di 2 livello; ogni altro elemento retributivo corrisposto al dipendente. La quota giornaliera è determinata in ragione di 1/26 dell importo mensile della retribuzione escluso l elemento integrativo derivante dalla contrattazione di 2 livello. La quota oraria si ottiene dividendo quella giornaliera per 6 (il divisore è 6,33 per i lavoratori con orario di 38 ore settimanali). L accordo conferma gli importi dell una tantum spettanti per il periodo 1 gennaio settembre 2012 stabiliti dall ipotesi di accordo del 16 aprile 2013, da corrispondersi entro il settembre 2013: - categoria F: Euro 350,00; - categoria E e D: Euro 330,00; - categoria C: Euro 310,00; - categoria B: Euro 290,00; - categoria A: Euro 250,00. L importo deve essere riproporzionato per i lavoratori a tempo parziale e nel caso di assunzione nel corso dell anno Le Parti hanno, inoltre, elaborato le tabelle degli importo mensili dell Ecr, spettanti ai lavoratori interessati al cambiamento di inquadramento : TeamSystem Labour Review 187/

19 Categoria Dal Dal Dal D5 78,77 79,55 80,33 C1 24,69 24,94 25,18 C 20,33 20,53 20,73 B5 5,48 5,54 5,59 B4 0,15 0,15 0,16 B2 14,66 14,80 14,95 B1 11,02 11,13 11,24 Ai lavoratori in servizio alla data del 31 dicembre 2012 le 30 ore di permesso per riduzione oraria verranno monetizzate secondo le seguenti modalità: - viene determinato il valore annuo dei permessi per Rol sulla base della retribuzione mensile di ogni lavoratore in godimento nel mese di gennaio 2012; - tale valore è diviso per 13 e diventa retribuzione mensile quale Elemento di monetizzazione della riduzione di orario (EMRO). - l elemento non è assorbibile da futuri aumenti contrattuali e sarà oggetto di incremento da parte di futuri rinnovi. L accordo disciplina il preavviso di licenziamento e di dimissioni per il lavoratore assunto a tempo indeterminato che ha superato il periodo di prova, fissato nelle seguenti misure: Categoria Giorni Da A a B 30 Da C a D 60 Da E a F 90 Le Parti hanno confermato i cui valori indicati nelle tabelle degli importi mensili del minimo conglobato, di cui all ipotesi di accordo del 16 aprile 2013, con decorrenza dal 1 ottobre 2012, 1 novembre 2012 e 1 dicembre Altri istituti disciplinati a livello contrattuale sono l indennità di mensa, il trattamento di fine rapporto, l apprendistato ed il lavoro a tempo parziale. Autorimesse e noleggio automezzi - Accordo In data tra le Parti Aniasa con Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti è stato sottoscritto l accordo per il rinnovo del contratto collettivo per i dipendenti da imprese esercenti autorimesse, noleggio autobus, noleggio auto con autista, locazione automezzi. L accordo avrà decorrenza dal 1 gennaio 2013 al 31 dicembre 2015 sia per la parte economica che per quella normativa. Le novità incidenti sul cedolino sono le seguenti : - Minimi tabellari (luglio 2013; gennaio 2014; gennaio 2015); - Una tantum (luglio 2013); - Indennità variabili (luglio 2013). A seguito degli aumenti stabiliti dall accordo con decorrenza luglio 2013, gennaio 2014 e gennaio 2015, i nuovi minimi tabellari sono così fissati: TeamSystem Labour Review 187/

20 Livello Dal Dal Dal Q , , ,35 Q , , ,35 A , , ,35 A , , ,74 B , , ,33 B , , ,61 B , , ,84 C , , ,93 C , , ,54 C3 938,26 967,04 995,83 C4 750,61 773,64 796,67 A tutti i lavoratori in forza alla data del compete un importo forfetario una tantum da corrispondere con la retribuzione di luglio 2013 nelle seguenti misure: Livelli Importi Q1 276,32 Q2 276,32 A1 276,32 A2 259,74 B1 234,87 B2 223,82 B3 214,14 C1 210,00 C2 185,13 C3 172,70 C4 138,16 L una tantum non ha riflessi su nessun istituto contrattuale di retribuzione diretta ed indiretta - compreso il TFR - ed è proporzionalmente ridotto in relazione ai mesi di servizio effettivamente prestato, considerando le frazioni di mese pari o superiori a 15 giorni come mese intero e trascurando quelle inferiori. Per i rapporti a tempo parziale ed è proporzionalmente ridotto sulla base dell effettiva prestazione. A decorrere dal 1 gennaio 2013, per i dipendenti di aziende prive di accordi di 2 livello al 31 dicembre 2012 e che non percepiscono trattamenti economici, anche forfetari, individuali e collettivi, in aggiunta al trattamento economico previsto dal Ccnl, l importo in cifra fissa da erogarsi entro il 31 dicembre 2013 sarà pari ad Euro 300,00. Le Parti hanno stabilito di costituire una Commissione paritetica che entro il 31 dicembre 2014 avrà il compito di definire una nuova classificazione del personale che sia maggiormente rispondente alle professionalità presenti all interno delle aziende del settore. Altri istituti disciplinati a livello contrattuale sono la aspettativa, la previdenza ed assistenza integrativa, la contrattazione integrativa, il lavoro a termine e a tempo parziale. A cura dell Avv. Valentina Lo Bartolo TeamSystem Labour Review 187/

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali.

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. INFORMATIVA PAGHE N. 1/14 Assago, 23 Gennaio 2014 Alle Aziende Clienti Settore Metalmeccanico Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. Riferimenti: CCNL Metalmeccanico Aziende

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL La tua Busta Paga INDICE Ad Personam 8 Ad Personam Ex Art. 66 8 Ad Personam Inquadramento Superiore 8 Anzianità: Assegno Mensile 6 Anzianità: Premio 14 Apprendisti 21 Arretrati 14 Assistenza Sanitaria:

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli