LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE"

Transcript

1 Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU : Revisione Generale IN 01 SU : Revisione Generale: vedi indice delle revisioni 2 DE ANGELIS D. DI TULLIO C. LIBERATORE C. Gennaio BOIANI F. LIBERATORE C. LIBERATORE C. Luglio COPPOLA LUCI POLTICCHIA POLTICCHIA Settembre 2000 Rev. Incaricato/i Verifica Approvazione Data Il presente Documento ha carattere RISERVATO e non può essere trasmesso o divulgato a Terzi senza preventiva autorizzazione del Responsabile Area di Business Illuminazione Pubblica

2 Pag. 2 di 20 INDICE DELLE PAGINE REVISIONATE No. PAGINA REVISIONE DATA No. PAGINA REVISIONE DATA Da pagina 1 a /07/01 Da pagina 1 a /2004

3 Pag. 3 di 20 INDICE 1. PRESCRIZIONI GENERALI Premessa Scopo Norme Tecniche di Riferimento Qualità della Fornitura 6 2. PRESCRIZIONI DI COLLAUDO E CONTROLLO DELLA FORNITURA Generalità Oneri del Fornitore Assistenza ai Collaudi Facoltà di Ricollaudo 8 3. MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE Premessa Elenco delle Prove Metodo di Prelievo Quantità da sottoporre al collaudo Descrizione delle Prove di Tipo Verifica delle prescrizioni meccaniche, fisiche e delle caratteristiche di innesco Verifica dei dati Nominali, misure iniziali, colore e prova di mantenimento 12 del flusso luminoso 3.5 Descrizione delle Prove di Accettazione PRESCRIZIONI DI FORNITURA Imballaggi Spedizioni Garanzia Scheda Tecnica No Caratteristiche delle Lampade a Vapori di Mercurio ad alta Pressione Potenza Nominale 50W 6.0 Scheda Tecnica No Caratteristiche delle Lampade a Vapori di Mercurio ad alta Pressione Potenza Nominale 80W

4 Pag. 4 di Scheda Tecnica No Caratteristiche delle Lampade a Vapori di Mercurio ad alta Pressione Potenza Nominale 125W 8.0 Scheda Tecnica No Caratteristiche delle Lampade a Vapori di Mercurio ad alta Pressione Potenza Nominale 250W 9.0 Scheda Tecnica No Caratteristiche delle Lampade a Vapori di Mercurio ad alta Pressione Potenza Nominale 400W

5 Pag. 5 di PRESCRIZIONI GENERALI 1.0 Premessa Queste Specifiche Tecniche sono parte integrante del documento di ordinazione e suoi allegati. 1.1 Scopo Il presente documento ha lo scopo di indicare le principali caratteristiche tecnichecostruttive e le modalità di esecuzione delle prove di collaudo, per l' approvvigionamento delle lampade a vapori di mercurio ad alta pressione con bulbo polverato di forma ellissoidale, da utilizzare negli impianti di illuminazione pubblica di cui alle Schede Tecniche allegate. 1.2 Norme tecniche di riferimento Le lampade a vapori di mercurio ad alta pressione ed i relativi collaudi dovranno essere conformi a queste Specifiche Tecniche, ai requisiti previsti dalla Norma CEI EN 60188: Lampade a vapori di mercurio ad alta pressione Gli alimentatori dovranno essere conformi alla norma CEI EN 60922:1997 Ausiliari per lampade a scarica ( escluse le lampade tubolari a fluorescenza ) Prescrizioni di generali e di sicurezza ed alla norma CEI EN 60923:1996 Ausiliari per lampade a scarica ( escluse le lampade tubolari a fluorescenza ) Prescrizioni di prestazione I dispositivi di innesco dovranno essere conformi alla norma CEI EN 6026:1996 Ausiliari per lampade Dispositivi di innesco ( esclusi gli starter a bagliore ) Prescrizioni generali e di sicurezza e alla norma CEI EN 6027:1996 Ausiliari per lampade Dispositivi di innesco ( esclusi gli starter a bagliore ) Prescrizioni di prestazione I collaudi, oltre ad essere in accordo con queste Specifiche Tecniche dovranno essere eseguiti in corrispondenza dei metodi statistici prescritti dalla Norma UNI ISO ; -1; -2; e 3 Febbraio 2001 Procedimenti di Campionamento nel Collaudo per attributi Le Dichiarazioni di Approvazione ed i Certificati di Conformità dovranno essere redatte in conformità con le rilevanti Normative applicabili ed in particolare in con le seguenti norme: Norma UNI CEI EN Aprile 1999 Seconda Edizione " Criteri Generali per la Dichiarazione di Conformità rilasciata dal Fornitore " Norma CEI 0-1: " Adozione di nuove norme per la certificazione dei prodotti nei paesi membri del CENELEC " Norma CEI 0-3: " Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati " Norma CEI 0-5:

6 Pag. 6 di 20 " Dichiarazione CE di Conformità Guida all ' applicazione delle Direttive Nuovo Approccio e della Direttiva Bassa Tensione " 1.3 Qualità della fornitura La fornitura e la produzione delle lampade dovrà essere regolata da processi certificati UNI EN ISO PRESCRIZIONI DI COLLAUDO E CONTROLLO DELLA FORNITURA 2.0 Generalità I collaudi comprendono due diverse tipologie di prove: le prove di Tipo e le prove di Accettazione Le prove di Tipo hanno lo scopo di verificare la conformità delle lampade oggetto della fornitura ( vedi Schede Tecniche allegate ), a queste Specifiche Tecniche, alle prescrizioni delle rilevanti Normative applicabili ed alle caratteristiche nominali (costruttive, tecniche e fotometriche) dichiarate dal fabbricante Le prove di Accettazione hanno lo scopo di garantire alla So.l.e la funzionalità delle lampade destinate alla fornitura, nonchè la rispondenza delle stesse al prototipo certificato dalle prove di tipo. 2.1 Oneri del Fornitore Tutte le operazioni di collaudo, verifica e il controllo della fornitura saranno a carico del Fornitore Le prove di collaudo dovranno essere effettuate presso lo stabilimento di produzione del Fornitore stesso, oppure presso un laboratorio esterno approvato dalla Enel Sole Il Fornitore dovrà inviare alla So.l.e entro 10 giorni lavorativi dalla data della Lettera d Ordine i Rapporti di Prova relativi alle Prove di Tipo La data dei Rapporti di Prova e quindi l esecuzione delle prove stesse, non dovrà essere superiore a 18 mesi antecedenti la data di emissione della Lettera d Ordine Nella documentazione relativa al superamento delle Prove di Tipo il Fornitore dovrà includere, oltre ai Rapporti di Prova eseguiti, le relative Dichiarazioni di Approvazione (riferite a ciascuna tipologia specificata ) attestanti il superamento delle prove stesse e la conformità del prodotto a queste Specifiche Tecniche ed alle rilevanti Normative applicabili In particolare in ogni Dichiarazione di Approvazione dovrà essere riportato: La data di Emissione della Dichiarazione Il numero di riferimento dei Rapporti di Prova Il prodotto o il componente del prodotto al quale si riferisce la Dichiarazione

7 Pag. 7 di 20 La dicitura Materiale conforme alle Prove di Accetazione di cui alla Specifica Tecnica Enel Sole IN 01 SU ed alla Norma CEI EN 60188: Le prove di Accettazione dovranno essere eseguite durante il periodo produttivo delle lampade destinate alla fornitura Per la descrizione e le modalità di esecuzione delle Prove di Accettazione si veda il paragrafo 3.5 di questo documento Le Prove di Accettazione dovranno essere programmate con un congruo anticipo, nel rispetto dei termini di consegna prescritti dai documenti contrattuali e secondo quanto indicato nei successivi paragrafi Lo svolgimento delle prove dovrà avvenire durante il normale orario di lavoro Il Fornitore dovrà antecedentemente al periodo programmato di produzione delle lampade destinate alla fornitura, inviare una comunicazione via fax alla So.l.e ( Fax di Approntamento al Collaudo ) con un anticipo di 7 giorni per collaudi a livello nazionale e 15 giorni per collaudi approntati all estero La comunicazione dovrà riportare tutte le informazioni necessarie ad identificare le prove previste per ciascuna tipologia di lampade specificate, ed in particolare: Gli estremi dell Ordine Il tipo di Prove La quantità totale di lampade prevista dal ciclo di produzione nell' ambito del quale saranno prodotte le lampade destinate alla fornitura e la numerosità dei campioni che saranno sottoposti alle prove Un programma di svolgimento delle prove L esecuzione delle Prove di Accettazione dovrà avvenire nell arco massimo di 5 giorni lavorativi consecutivi Nella documentazione relativa alle Prove di Accettazione il Fornitore dovrà includere oltre ai Rapporti delle Prove eseguite, un Certificato di Conformità attestante il superamento delle prove stesse e la conformità del prodotto a queste Specifiche Tecniche ed alla Norma CEI EN In particolare per ciascuna tipologia di lampada specificata, il relativo Certificato di Conformità alle prove di accettazione dovrà riportare: La data di Emissione del Certificato stesso Il codice di classificazione Enel Sole e la data di riferimento della Lettera d Ordine e/o delle Specifiche di Ordinazione interessate Il prodotto al quale si riferisce la Certificazione La quantità di lampade che sono state sottoposte alle prove

8 Pag. 8 di 20 La quantità di lampade facente parte del batch di produzione da cui sono stati prelevati i campioni sottoposti alle prove La dicitura Materiale conforme alle Prove di Accettazione di cui alla Specifica Tecnica Enel Sole IN 01 SU ed alla Norma CEI EN 60188: L esito del collaudo sarà vincolato al livello LQA ( Limite di Qualità Accettabile ) applicabile La documentazione relativa ai test di collaudo ( Bollettini, Rapporti di Prova ecc. ) ed ai controlli eseguiti, compresi quelli con esito sfavorevole dovrà essere ordinata, a cura e spese del Fornitore, in ordine cronologico in un archivio specifico ed essere tenuta a disposizione della Enel Sole per almeno cinque anni. 2.2 Assistenza ai collaudi La So.l.e avrà facoltà, dandone preventivo avviso, di intervenire presso lo stabilimento del Fornitore per: Presenziare tutte o parte le fasi di produzione, verifica, collaudo e controllo Consultare la documentazione di collaudo per verificarne la rispondenza dei risultati, con quelli previsti da queste Specifiche Tecniche e dalle rilevanti Normative applicabili Prelevare dai lotti in produzione, campioni di lampade (max 5 unità) per l esecuzione di prove di verifica fuori linea Delle lampade prelevate e degli esiti delle prove sarà effettuata opportuna registrazione. 2.3 Facoltà di Ricollaudo La Enel Sole si riserva la facoltà di effettuare o di richiedere, in qualsiasi momento ( a proprie spese se l esito delle prove è stato favorevole, o a spese del Fornitore se l esito delle prove è stato sfavorevole ), la ripetizione di tutte o di parte delle prove previste da queste Specifiche Tecniche e dalle rilevanti normative applicabili, su lampade prelevate tra quelle di normale fornitura In caso di esito sfavorevole, la Enel Sole potrà predisporre gli accertamenti ritenuti necessari ed adottare nei riguardi della fornitura in corso gli opportuni provvedimenti, incluso l annullamento della fornitura stessa. 3. MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE PROVE 3.0 Premessa La Enel Sole avrà facoltà di effettuare e di richiedere l esecuzione da parte del Fornitore, tutte le prove e le verifiche previste da queste Specifiche Tecniche e dalla Norma CEI EN 60188:

9 Pag. 9 di Le prove di collaudo dovranno, se non diversamente specificato, essere eseguite ad una temperatura ambiente compresa tra i 10 e i 35 C Il valore effettivo della temperatura ambiente dovrà essere indicato nei Rapporti di Prova. 3.1 Elenco delle Prove La fornitura delle lampade a vapori di mercurio ad alta pressione sarà subordinata al superamento delle seguenti prove: Prove di Tipo Verifica delle prescrizioni meccaniche, fisiche e delle caratteristiche d innesco I. Marcatura II. III. IV. Tubo di Vetro Dimensioni Verifica degli Attacchi V. Prova di Innesco VI. VII. Prova di Avviamento Prova di Torsione Verifica dei dati nominali, misure iniziali e del colore VII. Misura delle caratteristiche Elettriche VIII. Stabilità della lampada a tensione di alimentazione rapidamente ridotta IX. Verifica del flusso luminoso nominale X. Verifica del contenuto di radiazioni visibili rosse XI. Verifica della vita media nominale Prove di Accettazione XII. Marcatura XIII. Tubo di Vetro XIV. Dimensioni XV. Verifica degli attacchi XVI. Prova di Innesco XVII. Prova di Avviamento XVIII. Rispondenza al prototipo certificato 3.2 Metodo di Prelievo

10 Pag. 10 di A meno che non venga diversamente richiesto dalla So.l.e, le prove di Tipo dovranno essere eseguite sulla produzione complessiva del fabbricante Per ciascuna tipologia specificata, le prove di Accettazione dovranno essere eseguite durante il ciclo di produzione delle lampade destinate alla fornitura, e su campioni prelevati da lotti omogenei facenti parte del suddetto ciclo. 3.3 Quantità da sottoporre al collaudo In relazione al tipo di prove, il metodo di prelievo dovrà essere come di seguito indicato: Prove di Tipo Prelievo per Produzione Complessiva del Fabbricante Le prove di Tipo dovranno essere effettuate su lampade dello stesso tipo, facenti parte dello stesso ciclo e della stessa linea di produzione. La quantità da sottoporre alle prove è indicata nella Tab. No La produzione complessiva del fabbricante sarà considerata conforme alle prescrizioni di queste Specifiche Tecniche, se i risultati delle Prove di Tipo rientreranno nei limiti di conformità indicati nella tabella No.1 e nei limiti indicati dalle rilevanti Normative applicabili. Prove di Accettazione Prelievo per Lotti omogenei di produzione I campioni da sottoporre alle Prove dovranno essere prelevati come indicato nel paragrafo La quantità da sottoporre ai collaudi dovrà essere commisurata alla quantità totale di lampade prodotte nell ambito del ciclo produttivo del quale faranno parte lampade destinate alla fornitura In particolare dovranno essere seguiti i metodi statistici per il controllo della qualità previsti dalla Norma UNI ISO e Piani di Campionamento Indicizzati secondo un livello di qualità accettabile (LQA) per un collaudo lotto per lotto, adottando un piano di campionamento semplice per il collaudo ordinario ed il livello di collaudo speciale S4 ( entrambi riferiti alla numerosità del Batch ) L elenco dei controlli e delle prove da eseguire su tutti i campioni e il relativo livello di qualità accettabile (LQA) è il seguente: marcatura: LQA = 6,5% tubo di vetro: LQA = 6,5% dimensioni: LQA = 2,5% verifica degli attacchi: LQA = 6,5% prova d innesco: LQA = 2,5% prova di avviamento LQA=2,5% rispondenza al prototipo certificato: LQA = 2,5%

11 Pag. 11 di 20 Tabella No.1 Quantità Minima di Lampade da Sottoporre alle Prove di Tipo e Limite di Conformità Tipo di Prova Numerosità Complessiva del Campione Numero dei Campioni da Utilizzare per la prova Limite di Conformità I. Marcatura II. Tubo di Vetro III. Dimensioni IV. Verifica degli Attacchi V. Prova di Innesco VI. Prova di Avviamento VII. Prova di Torsione VIII. Misura delle Caratteristiche Elettriche IX. Stabilità della Lampada a tensione di Alimentazione rapidamente ridotta X. Verifica del Flusso Nominale XI. Verifica del contenuto di radiazioni rosse visibili XII. Verifica della Vita media Nominale Descrizione delle Prove di Tipo Verifica delle prescrizioni meccaniche, fisiche e delle caratteristiche di innesco I. Marcatura La marcatura delle lampade fornite dovrà essere conforme alle indicazioni relative alle lampade specificate ( si faccia riferimento alle Schede Tecniche allegate ), alle indicazioni della Norma CEI EN ( Sezione 3 ) ed alle schede tecniche corrispondenti alle tipologie specificate contenute nella norma medesima In particolare il bulbo di vetro di ciascuna lampada dovrà essere provvisto di marcatura leggibile ed indelebile indicante: i) Il marchio di origine ( potrà essere un marchio depositato, il nome del fabbricante o quello del venditore responsabile ) ii) Una sigla identificativa dello stabilimento di produzione iii) La potenza o la corrente Nominale ( marcata W o A ) iv) Il mese e l anno di fabbricazione II. Tubo di Vetro

12 Pag. 12 di La superficie totale del vetro delle lampade deve essere priva di difetti che possano pregiudicarne l'impiego. III. Dimensioni Le dimensioni delle lampade dovranno essere conformi a quanto indicato nelle Schede Tecniche allegate ed ai limiti dimensionali indicati nei fogli delle caratteristiche relativi alle tipologie di lampade specificate, contenuti nella Norma CEI EN La verifica delle dimensioni dovrà essere eseguita in base alle indicazioni della sezione 4 della norma medesima norma. IV. Verifica degli Attacchi Le dimensioni degli attacchi delle lampade dovranno essere conformi alle indicazioni della Norma CEI EN sezione 5 ed alle prescrizioni elencate dalla medesima Norma nelle schede relative a ciascuna tipologia di lampada specificata. V. Prova di Innesco La verifica delle caratteristiche di innesco delle lampade deve essere eseguita in conformità con le prescrizioni della Norma CEI EN paragrafo 6. VI. Prova di Avviamento La prova di avviamento dovrà essere eseguita in base alle indicazioni della Sezione 6 in Appendice B della Norma CEI EN VII. Prova di Torsione La prova di torsione delle lampade dovrà essere eseguita in conformità con le prescrizioni della Norma CEI EN in Appendice A Verifica dei Dati Nominali, misure iniziali, colore e prova di mantenimento del flusso luminoso I dati nominali delle lampade dovranno essere conformi ai valori indicati nelle Schede Tecniche allegate e nei fogli delle caratteristiche relativi alle lampade specificate contenuti nella Norma CEI EN Le prove di verifica dovranno essere eseguite in conformità con le prescrizioni della Norma CEI EN VIII. Prova di Mantenimento del Flusso Luminoso e verifica della vita media nominale della lampada

13 Pag. 13 di La misura del mantenimento del flusso e la verifica della vita media nominale delle lampade dovrà essere eseguita in base alle indicazioni della Norma CEI EN La verifica della vita nominale delle lampade dovrà essere verificata in corrispondenza delle seguenti prescrizioni: Per la verifica potranno essere impiegati alimentatori di mercato adeguati alle tensioni di alimentazione delle lampade Nel corso della verifica la tensione di lampada dovrà essere stabilizzata entro il 2% Le lampade dovranno essere sottoposte a cicli di funzionamento consecutivi ciascuno costituito da 12 ore di accensione, seguite da spegnimento di durata non inferiore a 15 minuti, sino a totalizzare il numero di ore accensione pari al valore della durata nominale Nel corso della verifica che dovrà essere eseguita in accordo con le modalità previste dalla norma applicabile per la prova del flusso luminoso minimo iniziale, dovrà essere effettuata la misura del flusso luminoso dopo un numero di ore di accensione pari a 2000 e a 8000 ore La verifica della vita media nominale delle lampade sarà considerata superata se al termine della prova il numero di lampade difettose per le cause sottoelencate non supererà il valore di 4 unità. i) Mancato Innesco ii) Mancato Avviamento iii) Flusso Luminoso Intermittente iv) Flusso Luminoso inferiore al 90% di quello minimo iniziale prescritto dopo 2000 ore di funzionamento v) Flusso Luminoso inferiore al 60% dopo 8000 ore di funzionamento 3.5 Descrizione delle Prove di Accettazione Per la marcatura, il tubo di vetro, le dimensioni, la verifica degli attacchi, la prova di innesco e la prova di avviamento valgono le prescrizioni descritte nei paragrafi relativi alle prove di Tipo. XIII. Verifica della rispondenza al prototipo certificato Dovrà essere verificata la rispondenza delle lampade destinate alla fornitura, ai corrispondenti campioni che hanno superato le Prove di Tipo Il Costruttore/Fornitore dovrà custodire almeno No.2 esemplari opportunamente marcati, di prototipi che hanno superato le Prove di Tipo.

14 Pag. 14 di PRESCRIZIONI DI FORNITURA 4.0 Imballaggi I costi di imballaggio e di trasporto saranno a carico del Fornitore Le lampade dovranno essere fornite in imballi singoli e multipli All esterno di ciascuna confezione singola dovranno essere riportate con caratteri chiaramente leggibili le seguenti indicazioni: Il Marchio CE Il Nome del Costruttore Il Tipo e la potenza della lampada All esterno di ciascun imballo multiplo dovranno essere riportate con caratteri chiaramente leggibili le seguenti indicazioni: Il Nome del Costruttore La Sigla assegnata alle lampade dal Costruttore Il Tipo e la potenza delle lampade Il Numero dei pezzi contenuti La Data di costruzione (trimestre ed anno) La matricola Enel Sole ( si faccia riferimento alle Schede Tecniche allegate ) Il carico e lo stivaggio su automezzi saranno a cura e spese del Fornitore. 4.1 Spedizioni I costi di spedizione saranno a carico del Fornitore La consegna delle lampade dovrà avvenire nei modi e nei tempi indicati dalle corrispondenti Specifiche di Ordinazione E responsabilità del Fornitore provvedere a sue spese alla sostituzione delle lampade danneggiate durante la consegna Per ogni spedizione il Fornitore dovrà indicare sulle Bolle di Consegna e sulle Fatture la dicitura: Collaudo di Accettazione a cura del Fornitore Esito Favorevole, comprensivo degli estremi del Certificato di Conformità emesso dal Fornitore al termine delle prove di accettazione ( numero e data ). 4.2 Garanzia Il Fornitore è l unico garante nei confronti della So.l.e contro tutti i difetti di progettazione, di materiale e di costruzione e per eventuali danni derivati alle lampade a causa del trasporto a destinazione; lo stesso si impegna pertanto a garantire il perfetto

15 Pag. 15 di 20 funzionamento delle lampade fornite per un periodo di 12 mesi a decorrere dalla data di consegna Durante il periodo di garanzia il Fornitore dovrà effettuare, franco destino, o presso il magazzino dell Appaltatore, gratuitamente ed entro un tempo massimo di 1 mese dalla comunicazione della Enel Sole, tutte le sostituzioni necessarie a seguito di guasti sistematici Allo scopo si precisa che per guasti sistematici dovranno intendersi tutti quei guasti imputabili a difetti di progettazione, materiali e/o costruzione pari al 10% del lotto di fornitura indicato nelle Specifiche di Ordinazione e riferito a ciascuna tipologia di lampada specificata.

16 Pag. 16 di Scheda Tecnica No. 2 Caratteristiche delle Lampade a Vapori di Mercurio ad alta Pressione Potenza Nominale 50W Matricola Enel Sole PRESCRIZIONI FISICHE L - Lunghezza Complessiva della Lampada 130 dall' apice centrale dell' attacco ( elettrodo centrale all' apice estremo del bulbo ( mm) D - Diametro Massimo del bulbo ( mm ) 56 Forma del Bulbo Ellissoidale Finitura Polverata Posizione di Funzionamento Universale PRESCRIZIONI MECCANICHE Attacco E27 Vita Media Nominale ( ore ) CARATTERISTICHE ELETTRICHE Frequenza ( Hz ) 50 Potenza Nominale della Lampada ( W ) 50 Tensione di alimentazione della Lampada ( V ) 230 Corrente della Lampada ( A ) 0.6 CARATTERISTICHE LUMINOSE Flusso Luminoso Nominale ( lm ) 1800 ( min. ) Temperatura Prossimale del Colore ( K ) 4000 Indice di resa Cromatica Ra 50 ( min. )

17 Pag. 17 di Scheda Tecnica No. 3 Caratteristiche delle Lampade a Vapori di Mercurio ad alta Pressione Potenza Nominale 80W Codice Enel Sole LA080HGE27 PRESCRIZIONI FISICHE L - Lunghezza Complessiva della Lampada 166 dall' apice centrale dell' attacco ( elettrodo centrale all' apice estremo del bulbo ( mm) D - Diametro Massimo del bulbo ( mm ) 71 Forma del Bulbo Ellissoidale Finitura Polverata Posizione di Funzionamento Universale PRESCRIZIONI MECCANICHE Attacco E27 Vita Media Nominale ( ore ) CARATTERISTICHE ELETTRICHE Frequenza ( Hz ) 50 Potenza Nominale della Lampada ( W ) 80 Tensione di alimentazione della Lampada ( V ) 230 Corrente della Lampada ( A ) 0.8 CARATTERISTICHE LUMINOSE Flusso Luminoso Nominale ( lm ) 3600( min. ) Temperatura Prossimale del Colore ( K ) 4000 Indice di resa Cromatica Ra 50 ( min. )

18 Pag. 18 di Scheda Tecnica No. 4 Caratteristiche Tecniche delle Lampade a Vapori di Mercurio ad alta Pressione Potenza Nominale 125W Codice Enel Sole LA125HGE27 PRESCRIZIONI FISICHE L - Lunghezza Complessiva della Lampada 178 dall' apice centrale dell' attacco ( elettrodo centrale all' apice estremo del bulbo ( mm) D - Diametro Massimo del bulbo ( mm ) 76 Forma del Bulbo Ellissoidale Finitura Polverata Posizione di Funzionamento Universale PRESCRIZIONI MECCANICHE Attacco E27 Vita Media Nominale ( ore ) CARATTERISTICHE ELETTRICHE Frequenza ( Hz ) 50 Potenza Nominale della Lampada ( W ) 125 Tensione di alimentazione della Lampada ( V ) 230 Corrente della Lampada ( A ) 1.15 CARATTERISTICHE LUMINOSE Flusso Luminoso Nominale ( lm ) 6300( min. ) Temperatura Prossimale del Colore ( K ) 4000 Indice di resa Cromatica Ra 50 ( min. )

19 Pag. 19 di Scheda Tecnica No. 5 Caratteristiche Tecniche delle Lampade a Vapori di Mercurio ad alta Pressione Potenza Nominale 250W Codice Enel Sole LA250HGE40 PRESCRIZIONI FISICHE L - Lunghezza Complessiva della Lampada 228 dall' apice centrale dell' attacco ( elettrodo centrale all' apice estremo del bulbo ( mm) D - Diametro Massimo del bulbo ( mm ) 91 Forma del Bulbo Ellissoidale Finitura Polverata Posizione di Funzionamento Universale PRESCRIZIONI MECCANICHE Attacco E40 Vita Media Nominale ( ore ) CARATTERISTICHE ELETTRICHE Frequenza ( Hz ) 50 Potenza Nominale della Lampada ( W ) 250 Tensione di alimentazione della Lampada ( V ) 230 Corrente della Lampada ( A ) 2.13 CARATTERISTICHE LUMINOSE Flusso Luminoso Nominale ( lm ) 13000( min. ) Temperatura Prossimale del Colore ( K ) 4000 Indice di resa Cromatica Ra 50 ( min. )

20 Pag. 20 di Scheda Tecnica No. 6 Caratteristiche delle Lampade ai Vapori di Mercurio ad alta Pressione Potenza Nominale 400W Codice Enel Sole LA400HGE40 PRESCRIZIONI FISICHE L - Lunghezza Complessiva della Lampada 292 dall' apice centrale dell' attacco ( elettrodo centrale all' apice estremo del bulbo ( mm) D - Diametro Massimo del bulbo ( mm ) 122 Forma del Bulbo Ellissoidale Finitura Polverata Posizione di Funzionamento Universale PRESCRIZIONI MECCANICHE Attacco E40 Vita Media Nominale ( ore ) CARATTERISTICHE ELETTRICHE Frequenza ( Hz ) 50 Potenza Nominale della Lampada ( W ) 400 Tensione di alimentazione della Lampada ( V ) 230 Corrente della Lampada ( A ) 3.25 CARATTERISTICHE LUMINOSE Flusso Luminoso Nominale ( lm ) 22000( min. ) Temperatura Prossimale del Colore ( K ) 4000 Indice di resa Cromatica Ra 50 ( min. )

SPECIFICA TECNICA UNIFICATA

SPECIFICA TECNICA UNIFICATA Pag. 1 di 16 TITOLO: SPECIFICA TECNICA UNIFICATA PER LA COSTRUZIONE, IL COLLAUDO E LA FORNITURA DI QUADRI ELETTRICI PER IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA Unità Responsabile: Supporto Tecnico Descrizione

Dettagli

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv.

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv. Codifica: DI.TCTE. STF.LP/TE 41 - Ed. 10/1999 1 di 11 MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE Parte PARTE I PARTE II ALLEGATI Oggetto GENERALITA REQUISITI E DESCRIZIONI

Dettagli

DIVISIONE DISTRIBUZIONE FLUIDI DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION)

DIVISIONE DISTRIBUZIONE FLUIDI DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION) 01/11/008 Golinelli Massarenti Morgagni Revisione 1 18/06/007 Golinelli Massarenti Anzalone Revisione 0 0/07/003 Emissione REV. DATA (DATE) REDATTO (DRWN.BY) FUNZIONE O SERVIZIO (DEPARTMENT) CONTROL. (CHCK

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5

SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5 SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5 Il presente documento è di proprietà intellettuale della società ENEL DISTRIBUZIONE S.p.A. ; ogni riproduzione o divulgazione dello stesso dovrà avvenire con la preventiva

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

R & S srl Documento Operativo - Edizione n 01 -

R & S srl Documento Operativo - Edizione n 01 - CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA BENI E SERVIZI EROGATI DA R&S SRL OGGETTO: Nel seguito sono riportate le condizioni generali di fornitura di beni e servizi erogati da R&S srl - sede legale in via Gioberti

Dettagli

C.U.P. D61H13001010001 N ELABORATO (DOCUMENT N )

C.U.P. D61H13001010001 N ELABORATO (DOCUMENT N ) 0.1 Dic_201 C. I.M. M.B. Progetto esecutivo REV. DATA (DATE) REDATTO (DRWN.BY) FUNZIONE O SERVIZIO (DEPARTMENT) CONTROL. (CHCK D) APPROVATO (APPR D) DESCRIZIONE (DESCRIPTION) INGEGNERIA ENERGIA - PROGETTAZIONE

Dettagli

DIREZIONE SETTORE DISTRIBUZIONE GAS DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION)

DIREZIONE SETTORE DISTRIBUZIONE GAS DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION) 0/06/2010 Golinelli Morgagni Sami Revisione 3 03/05/200 Golinelli Massarenti Anzalone Revisione 2 31/01/2006 Golinelli Massarenti Revisione 1 20/06/2005 Martinelli Ghedini Massarenti Revisione 0 15/09/200

Dettagli

Capitolo 2 Impianto di illuminazione.

Capitolo 2 Impianto di illuminazione. Capitolo 2 Impianto di illuminazione. I principali documenti normativi a cui far riferimento per il progetto dell impianto di illuminazione sono le norme UNI 10380: Illuminazione d interni con luce artificiale

Dettagli

4.6 APPROVVIGIONAMENTO

4.6 APPROVVIGIONAMENTO Unione Industriale 43 di 94 4.6 APPROVVIGIONAMENTO 4.6.1 Generalità Il capitolo indica le modalità con le quali la filatura conto terzi deve gestire il rapporto di subfornitura nell ambito di un sistema

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI FORNITURA DI CONTATORI A TURBINA PER ACQUA FREDDA

CAPITOLATO SPECIALE DI FORNITURA DI CONTATORI A TURBINA PER ACQUA FREDDA CAPITOLATO SPECIALE DI FORNITURA DI CONTATORI A TURBINA PER ACQUA FREDDA Palermo, Gennaio 2015 ART. 1 - OGGETTO DELLA GARA La gara ha per oggetto la fornitura di contatori a Turbina dei seguenti diametri:

Dettagli

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01 N. SOMMARIO PAGINA 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI E DOCUMENTI RICHIAMATI 2 4 TERMINI E DEFINIZIONI 2 5 RESPONSABILITÀ 2 6 MODALITÀ OPERATIVE 2 TIPO COPIA N. COPIA DESTINATARIO/ UBICAZIONE

Dettagli

, ' *-- ' " $!,"""&& # " $%

, ' *-- '  $!,&& #  $% ! "#$ %"&"" $$' " (#! %")" * +'#!", ' *-- ' " $!,"""&& # " $% &' ())* %")" + +' # ++,! " %"" '+'$ " $( ++ %"&"" ' " '! $- &(.)'.())/ &/0 # $ %. " (' ' 1 + $ *2.&)/.33./ 0' 12' 3, & 4 5 3./.22, 4) 5 " &

Dettagli

SPECIFICHE Pagina 1 di 12 DI FORNITURA Emissione 01 PRODOTTO Revisione 03 I N D I C E 3. RESPONSABILITÀ 7. CAMPO DI APPLICAZIONE

SPECIFICHE Pagina 1 di 12 DI FORNITURA Emissione 01 PRODOTTO Revisione 03 I N D I C E 3. RESPONSABILITÀ 7. CAMPO DI APPLICAZIONE SPECIFICHE Pagina 1 di 12 I N D I C E 1. SCOPO 2. DEFINIZIONI 3. RESPONSABILITÀ 4. ALLEGATI 5. RIFERIMENTI 6. VINCOLI 7. CAMPO DI APPLICAZIONE PARAGRAFI COSTITUENTI IL CAPITOLATO TABELLA DELLE MODIFICHE

Dettagli

COMMERCIO DI CARTA E CARTONI

COMMERCIO DI CARTA E CARTONI a) Carta e cartoni COMMERCIO DI CARTA E CARTONI Sommario CARTA Unità di base di contrattazione. Art. 1 Ordinazione...............» 2 Conferma di ordinazione.....» 3 Imballaggio...............» 4 Composizione

Dettagli

STANDARD E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION)

STANDARD E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION) 18/06/00 Golinelli Massarenti Anzalone Revisione 1 31/01/006 Golinelli Massarenti Revisione 0 14/10/005 Polverini Ghedini Massarenti EMISSIONE REV. DATA (DATE) REDATTO (DRWN.BY) FUNZIONE O SERVIZIO (DEPARTMENT)

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea)

Dettagli

Tubi di polietilene PE100 PE80 PEBD 05.2009. Acquedotti Gasdotti Antincendio Irrigazione Fognatura. www.tubi.net

Tubi di polietilene PE100 PE80 PEBD 05.2009. Acquedotti Gasdotti Antincendio Irrigazione Fognatura. www.tubi.net Tubi di polietilene PE100 PE80 PEBD Acquedotti Gasdotti Antincendio Irrigazione Fognatura 05.09 www.tubi.net TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITÁ PE 100 NERO e PE 100 BLU * diametri ad esaurimento PN10 PN6

Dettagli

prot. 14/MOT1 Roma, 15 gennaio 2004

prot. 14/MOT1 Roma, 15 gennaio 2004 Dipartimento dei Trasporti Terrestri e per i Sistemi Informativi e Statistici prot. 14/MOT1 Roma, 15 gennaio 2004 Oggetto : Circolare - decreto ministeriale 30 dicembre 2003, relativo alle caratteristiche

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI 1 SCOPO... 1 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 1 2.1 Requisiti per la qualità... 1 2.2 Riferimenti del sistema di certificazione... 2 3 Regole particolari... 2 3.1 Prezzi... 2 3.2 Non conformità... 3 3.3 Valutazione

Dettagli

Paolo Riva INTRODUZIONE

Paolo Riva INTRODUZIONE Paolo Riva Università di Bergamo QUALIFICAZIONE DI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE SECONDO DM 14.01.2008 Laboratorio Prove Materiali Dipartimento di Progettazione e Tecnologie Facoltà di Ingegneria

Dettagli

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO Gestione del processo di approvvigionamento Pag. 1 di 7 PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO n ediz. Data Descrizione Firma preparazione Firma approvazione DIR Firma verifica RGQ 00 01/09/02

Dettagli

MANUFATTI IN CALCESTRUZZO CON TAPPETINI SOTTO TRAVERSA (USP) SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA INDICE I PARTE I... 3 II PARTE II... 5 III PARTE III...

MANUFATTI IN CALCESTRUZZO CON TAPPETINI SOTTO TRAVERSA (USP) SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA INDICE I PARTE I... 3 II PARTE II... 5 III PARTE III... 2 di 20 INDICE I PARTE I... 3 I.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 I.2 DOCUMENTAZIONE CORRELATA... 3 I.3 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 4 II PARTE II... 5 II.1 INTRODUZIONE... 5 II.2 GENERALITÀ... 5

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

SCHEMA. Legge n. 1083 del 06/12/1971 - Norme per la sicurezza dell'impiego del gas combustibile

SCHEMA. Legge n. 1083 del 06/12/1971 - Norme per la sicurezza dell'impiego del gas combustibile SCHEMA per la certificazione dei bruciatori per i piani di lavoro degli apparecchi di cottura a gas per uso domestico secondo UNI EN 30-1-1 ed. novembre 2008. Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO LEVA SRL

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO LEVA SRL CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO LEVA SRL Le presenti Condizioni Generali di Acquisto rappresentano le Condizioni Generali di Acquisto della ditta Leva s.r.l. (di seguito indicata come Committente ). Esse

Dettagli

DIVISIONE DISTRIBUZIONE FLUIDI DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION)

DIVISIONE DISTRIBUZIONE FLUIDI DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION) 01/11/2008 Golinelli Massarenti Morgagni Revisione 2 0/05/2007 Golinelli Massarenti Anzalone Revisione 1 12/05/2006 Golinelli Massarenti Massarenti Revisione 0 02/07/200 Emissione REV. DATA (DATE) REDATTO

Dettagli

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE Il presente capitolato ha lo scopo di: descrivere le modalità di classificazione dei getti recepire le indicazioni da citare a

Dettagli

Ns. rif: Milano 21/11/2013. ALLEGATO TECNICO PER n. 1 LASER per CO ORL e n.1 LASER PER CO NEUROCHIRURGIA

Ns. rif: Milano 21/11/2013. ALLEGATO TECNICO PER n. 1 LASER per CO ORL e n.1 LASER PER CO NEUROCHIRURGIA Ns. rif: Milano 21/11/2013 ALLEGATO TECNICO PER n. 1 LASER per CO ORL e n.1 LASER PER CO NEUROCHIRURGIA 1) SPECIFICHE TECNICHE Lotto N. 1 Laser per utilizzo in neurochirurgia (camera operatoria) per le

Dettagli

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7 in carpenteria metallica pagina 1 di 7 0 2014-07-07 Aggiornamenti secondo Reg. Eu. 305-2011 Servizio QSA Luca Bosi REV DATA DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE PREPARATO VERIFICATO E APPROVATO 1.0 SCOPO Si stabiliscono

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv 1 L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv La Norma CEI EN 50107 ( entrata in vigore nel settembre del 1999 e classificata come 34-86) fornisce i criteri

Dettagli

INDICE. VERSIONE DATA COMMENTI 00 04/12/2013 Prima emissione

INDICE. VERSIONE DATA COMMENTI 00 04/12/2013 Prima emissione PRESSIONE A NORMA UNI : 2006 REGOLAMENTO PARTICOLARE LICENZA D USO DEL MARCHIO BV PER TUBI FOGNATURA E SCARICHI INTERRATI NON IN PRESSIONE A NORMA UNI : 2006 AD ACCRESCIUTA RESISTENZA AGLI ACIDI INDICE

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

GESTIONE DELLA PRODUZIONE 25/02/2011 Pag. 1 di 5 GESTIONE DELLA PRODUZIONE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

Capitolato prestazionale e Schema di contratto Progetto Preliminare. TAV.n 03. Comune di Sesto Campano Provincia di IS OGGETTO:

Capitolato prestazionale e Schema di contratto Progetto Preliminare. TAV.n 03. Comune di Sesto Campano Provincia di IS OGGETTO: Comune di Sesto Campano Provincia di IS TAV.n 03 Capitolato prestazionale e Schema di contratto Progetto Preliminare OGGETTO: INTERVENTI DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO E ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO

Dettagli

Sorgenia Menowatt s.r.l.

Sorgenia Menowatt s.r.l. Sorgenia Menowatt s.r.l. Relazione finale sul monitoraggio dell intervento di efficientamento energetico dell impianto di pubblica illuminazione, effettuato con il sistema Dibawatt, nel comune di Belforte

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO 1. SPECIFICHE TECNICHE

CAPITOLATO TECNICO 1. SPECIFICHE TECNICHE CAPITOLATO TECNICO 1. SPECIFICHE TECNICHE I microscopi destinati al Laboratorio di Cellule Staminali dell UOC di Medicina Trasfusionale dell Ospedale di Pescara devono prevedere la fornitura completa di

Dettagli

Proposte di revisione ANIGAS

Proposte di revisione ANIGAS ISTRUZIONI OPERATIVE DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE Delibera ARG/gas 185/08 Prestazioni: " Sospensione della fornitura per potenziale pericolo" Riattivazione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI LEASING OPERATIVO ED ASSISTENZA TECNICA MACCHINE FOTOCOPIATRICI E STAMPANTI MONOCROMATICHE/COLORI E MULTIFUNZIONI PORTATILI

CAPITOLATO SPECIALE DI LEASING OPERATIVO ED ASSISTENZA TECNICA MACCHINE FOTOCOPIATRICI E STAMPANTI MONOCROMATICHE/COLORI E MULTIFUNZIONI PORTATILI CAPITOLATO SPECIALE DI LEASING OPERATIVO ED ASSISTENZA TECNICA MACCHINE FOTOCOPIATRICI E STAMPANTI MONOCROMATICHE/COLORI E MULTIFUNZIONI PORTATILI Art. 1 Oggetto dell appalto...1 Art. 2 Caratteristiche

Dettagli

3. ALLEGATO PR02-3 Prescrizioni generali per la fornitura

3. ALLEGATO PR02-3 Prescrizioni generali per la fornitura Paragrafo 7.4. e 7.4.2 della norma UNI EN ISO 900:2000 Pagina 4 di 9 3. ALLEGATO -3 Prescrizioni generali per la fornitura 3. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo del presente documento è di definire i

Dettagli

Cliente: xxxxxx xxxxxxxx xxxxxxxxxxx. CONFERMA D ORDINE xxxxxx OGGETTO DELLA FORNITURA: Cantiere: xxxxxxxxxxxx

Cliente: xxxxxx xxxxxxxx xxxxxxxxxxx. CONFERMA D ORDINE xxxxxx OGGETTO DELLA FORNITURA: Cantiere: xxxxxxxxxxxx FASCICOLO TECNICO DELLE CABINE IN C.A.V. CON ESCLUSIONE DI TUTTE LE COMPONENTI ELETTROMECCANICHE Cliente: xxxxxx xxxxxxxx xxxxxxxxxxx CONFERMA D ORDINE xxxxxx OGGETTO DELLA FORNITURA: Cantiere: xxxxxxxxxxxx

Dettagli

Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto

Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto 1 Allegato 1 PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA TRIENNALE DI GUANTI NON CHIRURGICI IN VINILE ELASTICIZZATO, NON STERILI, SENZA POLVERE Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto 2 ARTICOLO 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

Disciplinare descrittivo e prestazionale

Disciplinare descrittivo e prestazionale Disciplinare descrittivo e prestazionale Sommario PREMESSA... 1 OGGETTO DELL APPALTO... 1 REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME, LEGGI E REGOLAMENTI... 1 ILLUMINAZIONE PUBBLICA, QUADRI E LINEE ELETTRICHE...

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

Tubi di polietilene per

Tubi di polietilene per Tubi di polietilene per ACQUEDOTTI GASDOTTI IRRIGAZIONE FOGNATURA SCARICO 01.12 www.tubi.net rotoli TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITÁ PE80 UNI EN 1212 PN10 SDR 13,6 PN12,5 SDR 13,6 PN16 SDR 11 PN SDR 7,4

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO Ing. Pietro Marco SIMONI Via Roncari, 39/A 21023 BESOZZO (VA) Tel/fax 0332-970793 PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (ai sensi

Dettagli

SUTURATRICI MECCANICHE PER CHIRURGIA APERTA E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART.

SUTURATRICI MECCANICHE PER CHIRURGIA APERTA E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART. GARA EUROPEA PER LA FORNITURA DI SUTURATRICI MECCANICHE PER CHIRURGIA APERTA E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART. 3 COMMA 1 lettera a) L.R. 19/2007 CAPITOLATO

Dettagli

INDICE I PARTE I... 3 II PARTE II... 7

INDICE I PARTE I... 3 II PARTE II... 7 2 di 19 INDICE I PARTE I... 3 I.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 I.2 DOCUMENTAZIONE CORRELATA... 4 I.3 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 5 II PARTE II... 7 II.1 GENERALITÁ... 7 II.2 GESTIONE DELLA FORNITURA...

Dettagli

Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti:

Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti: Illuminotecnica Sorgenti luminose artificiali Definizioni Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti: La lampada L apparecchio illuminante Le lampade, preposte alla conversione

Dettagli

Specifica Tecnica per la fornitura di ceppi in ghisa qualità P10

Specifica Tecnica per la fornitura di ceppi in ghisa qualità P10 Viale Spartaco Lavagnini, 58 50129 FIRENZE Identificazione Esp. n 375620 00 Pagina 1 di 14 per la fornitura di ceppi in ghisa qualità Il presente documento è di proprietà di Trenitalia. Nessuna parte di

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA Rev : 10-04-12 SISTEMA LE-GA10/10 LE-GA12/10 LE-GA15/10 MONOPARETE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA MANUALE DII MONTAGGIIO E MANUTENZIIONE Indice Introduzione..Pag. II Riferimenti normativi Pag II Caratteristiche

Dettagli

Tubi di polietilene PE100 PE80 PEBD 01.2012. Acquedotti Gasdotti Antincendio Irrigazione Fognatura. www.tubi.net

Tubi di polietilene PE100 PE80 PEBD 01.2012. Acquedotti Gasdotti Antincendio Irrigazione Fognatura. www.tubi.net Tubi di polietilene PE100 PE80 PEBD Acquedotti Gasdotti Antincendio Irrigazione Fognatura 01.12 www.tubi.net TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITÁ PE 100 NERO / PE 100 BLU ** PE80 UNI EN 1212 PE100 UNI EN 1212

Dettagli

In vigore dal 1 Luglio 2014

In vigore dal 1 Luglio 2014 Norme per la Certificazione CE delle Imbarcazioni da Diporto e relativi Componenti, delle Moto d Acqua, delle Emissioni Sonore delle Imbarcazioni e dei Gas di Scarico dei Motori di Propulsione In vigore

Dettagli

CAPITOLATO FORNITURA

CAPITOLATO FORNITURA D-CAPFOR CAPITOLATO FORNITURA EDIZIONE 03 01/09/2010 per UNI EN ISO9001:2008 VARIANTI EDIZIONE 02 Inserito paragrafo Scopo e Campo di applicazione + riferimento al documento Lavorazioni Esterne D-LAVEST

Dettagli

Allegato sub 3 al Capitolato d Oneri Capitolato Tecnico Consegna, Collaudo, Garanzia e Manutenzione

Allegato sub 3 al Capitolato d Oneri Capitolato Tecnico Consegna, Collaudo, Garanzia e Manutenzione Allegato sub 3 al Capitolato d Oneri Capitolato Tecnico Consegna, Collaudo, Garanzia e Manutenzione CAPITOLATO TECNICO PER CONSEGNA, COLLAUDO, GARANZIA E MANUTENZIONE DI N. 1 SISTEMA PET/CT (Positron Emission

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE E CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE ADDETTO ALLA SALDATURA

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE E CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE ADDETTO ALLA SALDATURA Pagina 1 di 7 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 4. DOMANDA DI CERTIFICAZIONE ED AVVIO ITER CERTIFICATIVO... 2 5. ESECUZIONE DEI

Dettagli

Unità Operativa Complessa Approvvigionamenti Tel. 091.7808726 Fax. 091.7808394

Unità Operativa Complessa Approvvigionamenti Tel. 091.7808726 Fax. 091.7808394 Azienda Ospedaliera OSPEDALI RIUNITI VILLA SOFIA CERVELLO Legge Regionale n.5 del 14/04/2009 Sede Legale Viale Strasburgo n.233 90146 Palermo. Tel 0917801111 - P.I. 05841780827 Unità Operativa Complessa

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

SEZIONE B CAPITOLATO SPECIALE

SEZIONE B CAPITOLATO SPECIALE SEZIONE B CAPITOLATO SPECIALE Fornitura mediante Procedura Aperta di ENDOPROTESI VASCOLARI ADDOMINALI occorrenti alle AA.SS.LL., AA.OO. e IRCCS della Regione Liguria N. gara 4863881 periodo di 24 mesi

Dettagli

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7.

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7. Foglio 2 di 8 INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 3.1. Abbreviazioni 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 4.1. Controlli in ingresso 3 4.2. Gestione del magazzino e delle aree di stoccaggio

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. 1. OGGETTO Le presenti condizioni generali di vendita regolano e disciplinano in via esclusiva i rapporti commerciali di compravendita tra SATI S.r.l. e i propri

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

Garanzia per lampade GREENLED Industry S.p.A.

Garanzia per lampade GREENLED Industry S.p.A. Garanzia per lampade GREENLED Industry S.p.A. La presente garanzia limitata è fornita dalla società GREENLED Industry SpA (definita di seguito anche semplicemente GREENLED o Venditore ) all Acquirente

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE Proc. 19 Pag. 1 di 7 PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE DEGLI ADEMPIMENTI DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Dettagli

OCCHIALI OCCHIALI SU MISURA CHE COSA C È SULL ETICHETTA

OCCHIALI OCCHIALI SU MISURA CHE COSA C È SULL ETICHETTA OCCHIALI OCCHIALI SU MISURA La vendita al pubblico di occhiali e lenti su misura, protettive e correttive dei difetti visivi, è consentita solo ai soggetti in possesso del titolo abilitante all esercizio

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE 1.1 Il rapporto contrattuale conseguente al perfezionamento dell'ordine è retto dalle presenti condizioni generali e da quelle specifiche espresse

Dettagli

SPECIFICA TECNICA APPARECCHIATURE PREFABBRICATE CON INVOLUCRO METALLICO IN MEDIA TENSIONE PER INTERNO ISOLATE IN ARIA SCOMPARTI PER CABINE SECONDARIE

SPECIFICA TECNICA APPARECCHIATURE PREFABBRICATE CON INVOLUCRO METALLICO IN MEDIA TENSIONE PER INTERNO ISOLATE IN ARIA SCOMPARTI PER CABINE SECONDARIE IMPIANTO ELETTRICO Progettazione e costruzione di elettrodotti, impianti di illuminazione stradale e sportiva, SCOMPARTO UTENTE Progettazione e costruzione di elettrodotti, impianti di illuminazione stradale

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici. Principali ambiti di intervento Attività di consulenza e formazione

Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici. Principali ambiti di intervento Attività di consulenza e formazione Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici Principali ambiti di intervento Attività di consulenza e formazione SICUREZZA SUL LAVORO Valutazione rischi - D.Lgs. 81/08 Formazione

Dettagli

Condizioni generali di fornitura Specifica AERON

Condizioni generali di fornitura Specifica AERON INDICE 1 - SCOPO...2 2 APPLICABILITÀ E RESPONSABILITÀ...2 3 - RIFERIMENTI E DEFINIZIONI...2 4 - DESCRIZIONE ATTIVITÀ...3 4.1 ACCESSO ALLO STABILIMENTO...3 4.2 IMBALLO PER LA SPEDIZIONE (IN AGGIUNTA AL

Dettagli

Sicuro che i tubi che installi. siano 100% a norma? Con Emiteg Si! sei tutelato al 100%

Sicuro che i tubi che installi. siano 100% a norma? Con Emiteg Si! sei tutelato al 100% Interamente prodotto in Italia Sicuro che i tubi che installi siano 100% a norma? Con Emiteg Si! sei tutelato al 100% Leader in Gas, Water and Solar EMIFLEX è l azienda leader in Italia nella progettazione

Dettagli

La nuova Raccolta R dopo un anno di applicazione

La nuova Raccolta R dopo un anno di applicazione La nuova Raccolta R dopo un anno di applicazione Valerio Galasso*, Fausto Di Tosto**, Giovanni Zuccarello *** * INAIL, Settore Ricerca, Certificazione e Verifica - Dipartimento di Taranto ** INAIL, Settore

Dettagli

SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 MANDANTE:

SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 MANDANTE: SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 1 1. Calcestruzzo Classe di esposizione: XC1 (elevazione) XC2 (fondazione) Classe di consistenza:

Dettagli

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato Allegato A) COMUNE DI CREMONA Settore Economato Capitolato speciale d oneri relativo a: FORNITURA CON CONSEGNE RIPARTITE DI CARTA NATURALE E RICICLATA PER LE FOTOCOPIATRICI DEGLI UFFICI COMUNALI ANNO 2014

Dettagli

- pari a valori prefissati dal riempitore, - espresse in unità di massa o di volume, - superiori o uguali a 5 g o a 5 ml e inferiori o uguali a 10 kg

- pari a valori prefissati dal riempitore, - espresse in unità di massa o di volume, - superiori o uguali a 5 g o a 5 ml e inferiori o uguali a 10 kg 31976L0211 Direttiva 76/211/CEE del Consiglio, del 20 gennaio 1976, per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri relative al precondizionamento in massa o in volume di alcuni prodotti in

Dettagli

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE Procedura Operativa 11/02/11 Pag. 1 di 8 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE PER MISURAZIONI E MONITORAGGI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli /

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA Pagina 1 di 5 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 1. RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE ED AVVIO ITER CERTIFICATIVO... 2 4. ESECUZIONE DEI SAGGI... 3 4.1 Attività presso

Dettagli

Ministero della Difesa Direzione Generale di Commissariato e di Servizi Generali I Reparto 2^ Divisione 1^ Sezione Tecnica

Ministero della Difesa Direzione Generale di Commissariato e di Servizi Generali I Reparto 2^ Divisione 1^ Sezione Tecnica ST 1419/UI-VEST OCCHIALE DA SOLE ANTISCHEGGIA MODELLO 2012 Pagina 1 di 6 Ministero della Difesa Direzione Generale di Commissariato e di Servizi Generali I Reparto 2^ Divisione 1^ Sezione Tecnica Specifica

Dettagli

Approvazione del processo produttivo e del prodotto (Accettazione campioni primari)

Approvazione del processo produttivo e del prodotto (Accettazione campioni primari) Approvazione del processo produttivo e del prodotto (Accettazione campioni primari) Norme aziendali Confidenziale. Tutti i diritti riservati. Copyright secondo ISO 16016. Novembre 2005 VN 3205 ICS 01.110

Dettagli

Normativa tecnica e marcatura CE. Sommario. Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni

Normativa tecnica e marcatura CE. Sommario. Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni Normativa tecnica e marcatura CE Sommario Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni 1 Documenti Normativi Finalità ed Uso Finalità Definire lo Stato dell Arte nei rispettivi settori di competenza

Dettagli

Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione

Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione NORMA ITALIANA Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione UNI 11024 GENNAIO 2003 Quality requirements

Dettagli

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 75 Convegno ATE - ASSOCIAZIONE TECNOLOGI PER L EDILIZIA: Le Saldature in Cantiere Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 Materiale a cura di: P.I. BENEDETTO SCOTTI (AREA CONSULTING

Dettagli

I CENTRI DI TRASFORMAZIONE: UN NUOVO CONCETTO DI FORNITORE DI ACCIAIO PER C.A. RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONVEGNO DI STUDI

I CENTRI DI TRASFORMAZIONE: UN NUOVO CONCETTO DI FORNITORE DI ACCIAIO PER C.A. RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONVEGNO DI STUDI I CENTRI DI TRASFORMAZIONE: UN NUOVO CONCETTO DI FORNITORE DI ACCIAIO PER C.A. RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONVEGNO DI STUDI I centri di trasformazione: un nuovo concetto di fornitore di acciaio per c.a.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

CAPITOLATO DI FORNITURA PER CONTENITORI VETRO SPECIALE

CAPITOLATO DI FORNITURA PER CONTENITORI VETRO SPECIALE CAPITOLATO DI FORNITURA PER CONTENITORI VETRO SPECIALE - Pagina 1 ver. 2012-04-18 Requisiti generali I contenitori di vetro devono risultare per composizione e caratteristiche chimiche conformi a quanto

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Campo di applicazione Qualsiasi contratto stipulato tra Nossa Elettronica s.a.s (d ora in poi Nossa) per la fornitura dei propri Prodotti/Servizi (d ora in poi Prodotto)

Dettagli

IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE

IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE Il collaudo di accettazione 1 Popolazione Campione Dati MISURA Processo Lotto Campione DATI CAMPIONAMENTO INTERVENTO MISURA Lotto Campione DATI CAMPIONAMENTO INTERVENTO Il collaudo

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

Guida ai fini della Marcatura CE di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE

Guida ai fini della Marcatura CE di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE Guida ai fini della Marcatura CE di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE La Direttiva Prodotti da Costruzione 89/106/CEE impone la marcatura CE dei materiali utilizzati in edilizia. È

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER FORNITURE DI BENI E SERVIZI ALL ACQUEDOTTO PUGLIESE SPA

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER FORNITURE DI BENI E SERVIZI ALL ACQUEDOTTO PUGLIESE SPA CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER FORNITURE DI BENI E SERVIZI ALL ACQUEDOTTO PUGLIESE SPA 1 INDICE I Oggetto II Significato convenzionale dei termini PREMESSE: CAPITOLO I CONCLUSIONE DEL CONTRATTO OBBLIGHI

Dettagli