TITOLO. Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze. Parma, 8 Aprile Progetto IQuEL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TITOLO. Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze. Parma, 8 Aprile 2009. Progetto IQuEL"

Transcript

1 Progetto IQuEL Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze TITOLO Parma, 8 Aprile 2009

2 Sommario WP2: Attività A2P3: strumenti e metodologia di rilevazione qualitativa e quantitativa WP2: Attività A2P4: cooperazione applicativa e IQuEL WP2: Attività A2P5: specifiche architettura software IQuEL WP3: Attività A3P1: tool sondaggi online: anticipazione/installazione/prototipo WP3: Attività A3P6: Anagrafe dei Servizi

3 Sommario WP2: Attività A2P3: strumenti e metodologia di rilevazione qualitativa e quantitativa WP2: Attività A2P4: cooperazione applicativa e IQuEL WP2: Attività A2P5: specifiche architettura software IQuEL WP3: Attività A3P1: tool sondaggi online: anticipazione/installazione/prototipo WP3: Attività A3P6: Anagrafe dei Servizi

4 Il percorso metodologico proposto INPUT PROCESSI INDICATORI DOCUMENTAZIONE DI SUPPORTO Metodologia Metodologia conduzione Focus conduzione Focus Canovacci dei 5 Canovacci dei 5 Focus Group Focus Group Template raccolta Template raccolta risultati risultati GIORNATA DI FORMAZIONE FACILITATORI PER CONDUZIONE FOCUS E CONDIVISIONE DOCUMENTAZIONE DI SUPPORTO FOCUS GROUP Interno / Esterno FIRENZE FIRENZE PIACENZA PIACENZA MODENA MODENA BOLOGNA BOLOGNA PARMA PARMA REPORT FINALE Risultati raccolti Risultati raccolti omogeneì omogeneì Prototipo Prototipo questionario questionario articolato in: articolato in: Domande Domande Somminist Somminist Target Target potenziali potenziali CONDIVISIONE E VALIDAZIONE DEI RISULTATI FINALI FRONTE INTERNO FRONTE ESTERNO OUTPUT QUESTIONARIO DI CUSTOMER SATISFACTION DA EROGARE E RELATIVE LINEE GUIDA (MODALITA DI SOM.NE, TARGET, ETC.)

5 Risultati fronte qualità interna L attività di Focus Group interni ha preso avvio dall analisi dei processi dei servizi. Il FG interno, sperimentato a Firenze, si è focalizzato su: Validazione degli schemi di flusso del servizio Condivisione degli indicatori interni/esterni Identificazione delle linee guida per la customer satisfaction identificazione elementi di criticità nell erogazione del servizio per il miglioramento continuo Produzione di una bozza di questionario selezione dei partecipanti al Focus esterno Ipotesi di destinatari finali del servizio e della modalità di erogazione delle indagine di customer satisfaction Coinvolgimento del personale interno al servizio sulla customer satisfaction

6 Risultati sul fronte qualità esterna Per consentire di valorizzare le differenze contestuali e territoriali relative ad ogni singola realtà locale ognuno dei 5 Comuni coinvolti nella prima fase di progetto ha realizzato i focus group su 1-2 servizi, secondo lo schema seguente: QUESTIONARIO CUSTOMER QUESTIONARIO ISCRIZIONAE ASILI CUSTOMER NIDO ISCRIZIONAE ASILI NIDO COMUNE DI 1 Servizio 2 Servizio QUESTIONARIO CUSTOMER MANUTENZIONE QUESTIONARIO CUSTOMER STRADE MANUTENZIONE STRADE FIRENZE BOLOGNA PARMA Comunicazione Manutenzione Strade DIA Asili Nido - - QUESTIONARIO CUSTOMER DIA QUESTIONARIO URBANISTICA CUSTOMER DIA URBANISTICA QUESTIONARIO CUSTOMER CAMBIO QUESTIONARIO D INDIRIZZO CUSTOMER CAMBIO D INDIRIZZO MODENA PIACENZA Comunicazione Asili Nido Comunicazione Cambio d indirizzo QUESTIONARIO CUSTOMER QUESTIONARIO COMUNICAZIONE CUSTOMER COMUNICAZIONE ASSOCIAZIONE INDICATORI- ASSOCIAZIONE INDICATORI- QUESTIONARI QUESTIONARI REPORT REPORT CONCLUSIVO SU CONCLUSIVO SU ATTIVITA SVOLTE ATTIVITA SVOLTE

7 Sommario WP2: Attività A2P3: strumenti e metodologia di rilevazione qualitativa e quantitativa WP2: Attività A2P4: cooperazione applicativa e IQuEL WP2: Attività A2P5: specifiche architettura software IQuEL WP3: Attività A3P1: tool sondaggi online: anticipazione/installazione/prototipo WP3: Attività A3P6: Anagrafe dei Servizi

8 WP2 - A2P4: Scenari di scambio dati cittadino cittadino Tool rilevaz.parametri qualitativi (questionari) Front-Office Web Comunale Tool rilevaz.parametri qualitativi (questionari) Front-Office Web Comunale Tool rilevaz.parametri quantitativi Contact center Contact center CRM Piattaforma aggregazione dati CRM Tool rilevaz.parametri quantitativi Piattaforma aggregazione dati Verso base dati regionale Verso base dati regionale Operatore comunale Back-office Operatore comunale Back-office Ente stand-alone Ente con front-office condiviso su CST

9 WP2 - A2P4: Cooperazione applicativa e IQuEL Struttura dati di scambio proposta (esempio tratto dal materiale rilasciato in A2P4)

10 WP2 - A2P4: Interoperabilità con altri progetti PEOPLE: estrattore da base dati servizi PEOPLE a sistema di aggregazione IQuEL SPCOOP: standard di base ICAR: Task INF-02 ICAR-ER (FEDERA, COOPERA, ICAR+)

11 Sommario WP2: Attività A2P3: strumenti e metodologia di rilevazione qualitativa e quantitativa WP2: Attività A2P4: cooperazione applicativa e IQuEL WP2: Attività A2P5: specifiche architettura software IQuEL WP3: Attività A3P1: tool sondaggi online: anticipazione/installazione/prototipo WP3: Attività A3P6: Anagrafe dei Servizi

12 WP2 - A2P5: Specifiche architettura software

13 WP2 - A2P5: Specifiche architettura software

14 Sommario WP2: Attività A2P3: strumenti e metodologia di rilevazione qualitativa e quantitativa WP2: Attività A2P4: cooperazione applicativa e IQuEL WP2: Attività A2P5: specifiche architettura software IQuEL WP3: Attività A3P1: tool sondaggi online: anticipazione/installazione/prototipo WP3: Attività A3P6: Anagrafe dei Servizi

15 WP3 A3P1: Tool rilevazione quantitativa Sia la rilevazione qualitativa che quantitativa prevedono entrambe un software web di gestione/riempimento di form tool A3P1 effettua le due tipologie di rilevazione Necessità di anticipare l avvio della rilevazione qualitativa da parte di alcuni Enti Installazione in modalità housing c/o Comune di Firenze di un prototipo di rilevazione qualitativa Caricati ad oggi 2 questionari (vers. di Marzo 09): DIA (attivato su Parma per cittadino e operatore), iscrizione asili nido (attivato su Firenze per cittadino e operatore) Entro breve saranno caricati i 5 questionari definitivi (vers. di Aprile 09) validi per tutti gli Enti, così che sarà possibile avviare la rilevazione qualitativa (customer satisfaction) per gli enti che lo richiedono

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27 WP3 - A3P1: URL per visionare il prototipo DIA di Parma per operatori (guest/guest): nte=2 DIA di Parma per cittadini: Nidi di Firenze per operatori (guest/guest): nte=1 Nidi di Firenze per cittadini:

28 Sommario WP2: Attività A2P3: strumenti e metodologia di rilevazione qualitativa e quantitativa WP2: Attività A2P4: cooperazione applicativa e IQuEL WP2: Attività A2P5: specifiche architettura software IQuEL WP3: Attività A3P1: tool sondaggi online: anticipazione/installazione/prototipo WP3: Attività A3P6: Anagrafe dei Servizi

29 WP3 - A3P6: Anagrafe dei servizi Il modulo contiene la definizione delle informazioni necessarie a monitorare, dal punto di vista qualitativo e quantitativo, i servizi erogati dagli Enti. Multi-ente 3 momenti logici per la configurazione: definizione di servizi, variabili e indicatori; definizione delle istanze di servizio e associazione di variabili e indicatori; attivazione delle istanze di servizio, gestendo gli stati di monitoraggio <in attesa, attivo, sospeso>. La creazione delle tipologie di servizio genera automaticamente i file XSD per il controllo e la validazione delle strutture dati ricevute dal modulo di aggregazione. Il modulo si compone degli script SQL per la creazione delle strutture dati e di un interfaccia web di amministrazione. La web application IQuEL interagisce direttamente con il DB dell anagrafe.

30 WP3 - A3P6: gli indicatori considerati Indicatore semplice (o variabile): indica un dato semplice, ovvero (la misura) associato al servizio (e.g. il numero di ricorsi come dato di attività o il livello di preparazione del personale allo sportello come indicatore di customer satisfaction). Indicatore intermedio (o derivato, o trattato): indicatore calcolato a partire dalla sintesi, effettuata attraverso operatori elementari ( +, -, *, :, AND, OR ), di più indicatori semplici (e.g. percentuale di ricorsi sul totale delle domande presentate). Indicatore complessivo di customer satisfaction: valutazione qualitativa del servizio, data dal cittadino attraverso una domanda sulla qualità del servizio complessivamente erogato. Indicatore complessivo calcolato: indicatore calcolato a partire dalla sintesi di più variabili e indicatori intermedi, in modo da poter associare al giudizio complessivo del cittadino (ciò che è atteso: indicatore complessivo di customer satisfaction) un valore calcolato su ciò che è progettato.

31 WP3 - A3P6: creazione di questionari sul servizio Una volta creato e configurato il servizio in Anagrafe, l operatore dell Ente accede all interfaccia di gestione del tool per l inserimento dei dati quantitativi e crea un nuovo questionario (wizard di creazione); L esperto statistico configura l associazione domande e risposte / indicatori; L esperto statistico configura le trasformazioni variabili indicatori derivati o complessi calcolati

32 WP3 - A3P6: Flusso logico Popolamento delle variabili associate ai servizi nell anagrafe Sottosistemi Enti e tool inserimento dati (acquisizione variabili per intervalli definiti) Questionari di customer satisfaction (definizione domande e risposte associate) Corrispondenza diretta con la domanda sulla qualità complessiva del servizio Variabili di qualità Progettata / Erogata (quantità numeriche, valori booleani) Variabili d uso / di performance (quantità numeriche, valori booleani) Variabili di customer satisfaction (quantità numeriche, valori booleani) Indicatori complessivi di customer satisfaction percezione Indicatori derivati di qualità P/E (quantità numeriche, valori booleani) Indicatori derivati d uso / di performance (quantità numeriche, valori booleani) Indicatori derivati di customer satisfaction (quantità numeriche, valori booleani) Inserimento delle relazioni matematiche (scomposizione in una sequenza di operazioni elementari che operano sulle variabili associate al servizio) Indicatori complessivi calcolati Parma, progettazione 8 Aprile 2009 Risultati WP2/WP3 Inserimento delle relazioni matematiche (scomposizione in una sequenza di operazioni elementari che operano su variabili e indicatori derivati associati al servizio)

33 WP3 - A3P6: Anagrafe dei servizi

34 WP3 - A3P6: interfaccia con modulo di aggregazione dei dati (A3P13) Il modulo di aggregazione (A3P13): riceve le variabili d uso/performance dal tool A3P1 e dai sottosistemi dell Ente (CRM, front-office web, etc) riceve le variabili di customer satisfaction dal tool A3P1, le aggrega (es.calcolo della media per ogni singola risposta) e ne deriva le variabili di customer satisfaction attraverso le regole di trasformazione definite calcola poi gli indicatori derivati/complessivi I dati sono così pronti per essere analizzati tramite il modulo di reportistica (A3P11)

35 WP3 - A3P6: stato attuale Rilasciato e approvato il documento di specifiche di Anagrafe dei Servizi (A3P6) Nel prototipo di tool A3P1 installato, è presente una versione embrionale della struttura dati dell anagrafe dei servizi (dlvb A3P8)

36

37 DB1 DB1 DB1 DB1 DB1 DB1 BDPI BDPI GOOGLE- ANALITICS COMUNE DI FIRENZE CATI QUALITA ESTERNA STATO FUTURO BE PEOPLE BE PEOPLE RETE CIVICA DB CATI DB CATI OPERATORE LINEACOMUNE CoFi SERVIZI SERVIZI PORTALE DEI SERVIZI DB IQUEL DB IQUEL PENTAHO CREDEN ZIALI CREDEN ZIALI ACCESSO CON CREDENZIALI Web UTENZA CRM REMEDY KMS (OPENCMS) KMS KMS CRM CRM LINEACOMUNE OPERATORE CONTACT CENTER ACD ACD (Reitek) (Reitek) POSTE ITALIANE Telefono

38 Premessa Nell ambito della progettazione delle azioni finalizzate alla rilevazione della qualità percepita il Comune di Firenze propone agli enti partner di realizzare un percorso metodologico teso alla produzione di un questionario finalizzato alla rilevazione della qualità percepita da parte degli utenti finali. A tal fine - recependo quanto elaborato nel corso dell attività coordinata dal Comune di Modena in termine di Indicatori e processi - viene proposto un percorso metodologico focalizzato sulla realizzazione di almeno due Focus Group per ciascun servizio con destinatari intermedi e/o esterni al fine, anche attingendo alla loro esperienza e conoscenza del servizio in ambito: identificare quali destinatari finali intercettare per la costruzione stratificata del campione; validare le metodologie di raccolta, elaborazione, somministrazione; circoscrivere gli ambiti oggetto d indagine, anche approfondendo la differenza tra domanda espressa ed inespressa. E suggerito ma facoltativo realizzare anche (prima di quello esterno) un focus con personale interno all ente al fine di: condividere la validità dello schema di flusso del servizio e degli indicatori individuati, anche identificando la presenza di elementi di criticità nell erogazione del servizio; comprendere potenziali ambiti oggetto di richiesta da parte dell utente finale identificare i partecipanti al Focus successivo; esprimere pareri e suggerimenti sui destinatari finali del servizio e la metodologia più idonea.

39 Percorso metodologico Il percorso metodologico proposto si articola nelle seguenti fasi, ognuna delle quali prevede specifici output; in particolare: FASE ATTIVITÀ PREVISTE OUTPUT ATTESI AL TERMINE DELLA FASE TEMPI 1 FASE PROGETTUALE Analisi del contesto Definizione di dettaglio della metodologia Progettazione di dettaglio dei Focus Group 1. Documento metodologico comprensivo di: - Linee guida metodologiche per la realizzazione e conduzione di Focus Group; - Canovacci dei Focus tematici esterni; - Template di report strutturato ad hoc per la raccolta dei risultati dei Focus. Completato il 23 dicembre FASE FORMATIVA Propagazione della metodologia agli altri enti, anche attraverso l organizzazione di una giornata di Formazione Formatori 2. Realizzazione giornata di Allineamento dei futuri Facilitatori responsabili della conduzione dei Focus Group 15 gennaio 3 FASE REALIZZATIVA Realizzazione dei singoli Focus Group 3. invio dei relativi risultati all interno dei report (strutturati secondo templates fornito) al Comune di Firenze Entro il 28 febbraio 4 FASE REPORTING Raccolta e aggregazione dei risultati in un unico report di sintesi 4. Report finale formalizzato, comprensivo di: Risultati omogenei dei Focus Prototipo di questionario Linee guida per la somministrazione del questionario Entro il 15 marzo 5 FASE VALIDAZIONE Condivisione dei risultati in seduta plenaria con gli enti 5. Documento finale condiviso e validato Entro il 20 marzo

Progetto IQuEL. Sistema IQuEL per il monitoraggio quali- quantitativo dei servizi erogati 26 Novembre 2008

Progetto IQuEL. Sistema IQuEL per il monitoraggio quali- quantitativo dei servizi erogati 26 Novembre 2008 Progetto IQuEL Sistema IQuEL per il monitoraggio quali- quantitativo dei servizi erogati Parma, TITOLO 26 Novembre 2008 La qualità nel Comune di Firenze Asili nido da oltre dieci anni fanno rilevazioni

Dettagli

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze Strumenti: una business intelligence per la P.A. Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze LA Business Intelligence per la P.A. La Business

Dettagli

WP 7.2 A cura del Comune di Piacenza. 15 Aprile 2010 Parma

WP 7.2 A cura del Comune di Piacenza. 15 Aprile 2010 Parma WP 7.2 A cura del Comune di Piacenza 15 Aprile 2010 Parma WP7.2 Highlights Analisi di customer satisfaction: rilevazione dei dati Dati rilevati e Canali di rilevazione Utilizzo dei canali da parte degli

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

Documento di testplan Modulo di Aggregazione Documento di progetto (Codici: A3P13S3)

Documento di testplan Modulo di Aggregazione Documento di progetto (Codici: A3P13S3) Piattaforma tecnologica di Monitoraggio Qualità Servizi Erogati Documento di testplan Modulo di Aggregazione Documento di progetto (Codici: A3P13S3) Riferimento Data Destinatario Gianluca Vannuccini Comune

Dettagli

Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI 1 PARTE I CARATTERISTICHE E OBIETTIVI DI METTIAMOCI LA FACCIA 2 OBIETTIVI DELL INIZIATIVA

Dettagli

Una pagella a colori per i servizi del Comune

Una pagella a colori per i servizi del Comune 1 Convention di Mettiamoci la faccia Una pagella a colori per i servizi del Comune Camera di Commercio di Roma Tempio di Adriano, Piazza di Pietra 2 luglio 2009 Comune di Milano : LA FIRMA DEL PROTOCOLLO

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI. Deliverable di Progetto # (cod.

WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI. Deliverable di Progetto # (cod. WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI Deliverable di Progetto # (cod. A7P2) Versione 1.0 del 26.03.10 1 Indice 1. Premessa 3 2. Qualità e miglioramento

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

Innovazione tecnologica, leadership e customer satisfaction management

Innovazione tecnologica, leadership e customer satisfaction management Innovazione tecnologica, leadership e customer satisfaction management Percorso di assistenza integrata Il nuovo codice dell'amministrazione digitale Quarta edizione Relatore: Germano Cipolletta Bari,

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

PROGETTO PER L INTERCONNESSIONE E LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI TRA LE STRUTTURE INFORMATIVE PIEMONTESI

PROGETTO PER L INTERCONNESSIONE E LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI TRA LE STRUTTURE INFORMATIVE PIEMONTESI PROGETTO PER L INTERCONNESSIONE E LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI TRA LE STRUTTURE INFORMATIVE PIEMONTESI Regione Piemonte Comunicazione Istituzionale della Giunta Regionale Direttore: Roberto Moisio

Dettagli

Specifiche Tecniche piattaforma aggregazione dati quali-quantitativi Documento di progetto (Codice: A3P7)

Specifiche Tecniche piattaforma aggregazione dati quali-quantitativi Documento di progetto (Codice: A3P7) Piattaforma tecnologica di Monitoraggio Qualità Servizi Erogati Specifiche Tecniche piattaforma aggregazione dati quali-quantitativi Documento di progetto (Codice: A3P7) Riferimento Data 05 ottobre 2009

Dettagli

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi Scolastici. Servizio: Gestione mensa

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi Scolastici. Servizio: Gestione mensa CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003 Tipo Ente: Comune Ufficio: Servizi Scolastici Servizio: Gestione mensa 1 INDICE 1 OGGETTO E CONTENUTI... 3 1.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DI CUSTOMER SATISFACTION...

Dettagli

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento SCELTA DELL APPROCCIO A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento 1 SCELTA DELL APPROCCIO l approccio all autovalutazione diffusa può essere normale o semplificato, a seconda delle

Dettagli

EG4G. (EGovernment for Government) Sistema integrato per la governance del territorio. Il progetto di riuso. Tasso Elvio Direzione Sistema Informatico

EG4G. (EGovernment for Government) Sistema integrato per la governance del territorio. Il progetto di riuso. Tasso Elvio Direzione Sistema Informatico EG4G (EGovernment for Government) Sistema integrato per la governance del territorio Il progetto di riuso Tasso Elvio Direzione Sistema Informatico Unità Complessa per l e-government l e la Società dell

Dettagli

La formazione a distanza della Statistica comunale

La formazione a distanza della Statistica comunale La formazione a distanza della Statistica comunale Convegno nazionale USCI I numeri che non ti aspetti. La funzione statistica dei Comuni tra riforma e qualità dei servizi La statistica comunale tra rinnovamento

Dettagli

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail PREMESSA L Inail da sempre fonda la sua attività su una cultura aziendale che pone l utente al centro del proprio sistema organizzativo;

Dettagli

PEOPLE: piattaforma open source multi-vendor

PEOPLE: piattaforma open source multi-vendor PEOPLE: piattaforma open source multi-vendor TITOLO Gianluca Vannuccini Comune di Firenze Indice Il progetto PEOPLE in sintesi Le piattaforme del progetto PEOPLE L architettura Dove siamo oggi Le prime

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina COMUNE DI FIRENZE Area Comunicazione Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina Forum P.A. - Roma, 08 maggio 2006 I PERCORSI DI CAMBIAMENTO E INNOVAZIONE NEL COMUNE DI FIRENZE

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE città, data REPORT INDAGINE Nome ente RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO "XXXX" Strumento n 11: modello report di rilevazione della soddisfazione degli utenti

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Analisi funzionale della Business Intelligence

Analisi funzionale della Business Intelligence Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

Linee guida per la rilevazione sistematica della customer satisfaction tramite emoticons

Linee guida per la rilevazione sistematica della customer satisfaction tramite emoticons Allegato 1 Linee guida per la rilevazione sistematica della customer satisfaction tramite emoticons 1. Premessa La rilevazione della customer satisfaction è utilizzata da molte amministrazioni per misurare

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2015-16 PIANO DI MIGLIORAMENTO Secondo la logica del PDC: 1.Plan - 2.Do - 3.Check - 4.Act RESPONSABILE: Brentegani Silvana NIV: Brentegani Silvana, Michele Cullotta, Ciuffi Federica, Paoletti

Dettagli

Emoticon - Mettiamoci la faccia

Emoticon - Mettiamoci la faccia Emoticon - Mettiamoci la faccia Premessa Il concetto di customer satisfaction non riguarda più solamente le aziende, che hanno come scopo quello di fidelizzare il cliente, ma si sta espandendo anche nel

Dettagli

TOOL PSCL FUNZIONALITÀ E PROCEDURE DI UTILIZZO

TOOL PSCL FUNZIONALITÀ E PROCEDURE DI UTILIZZO TOOL PSCL FUNZIONALITÀ E PROCEDURE DI UTILIZZO 2014 INDICE 1. FINALITÀ DEL TOOL PSCL 3 2. UTILIZZATORI DEL TOOL PSCL. 5 3. PROCEDURA STANDARD DI UTILIZZO DEL TOOL PSCL..7 4. MODALITÀ OPERATIVE DI UTILIZZO

Dettagli

Istruzioni per l uso nei piccoli Comuni

Istruzioni per l uso nei piccoli Comuni Istruzioni per l uso nei piccoli Comuni La rilevazione della customer satisfaction (CS) è utilizzata da molte amministrazioni per misurare la qualità percepita, cioè per conoscere il punto di vista dei

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Relazione Customer Satisfaction Periodo da Gennaio 2015 a Settembre 2015

Relazione Customer Satisfaction Periodo da Gennaio 2015 a Settembre 2015 1. Premessa Relazione Customer Satisfaction Periodo da Gennaio 2015 a Settembre 2015 Le indagini sulla soddisfazione dei Cittadini si inseriscono perfettamente nel processo di riqualificazione del rapporto

Dettagli

Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato

Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato Benedetta Persechino INAIL Dipartimento Medicina del Lavoro ex ISPESL Bologna, 5 maggio 2011 DIBATTITO/RICERCA/ PROPOSTE METODOLOGICHE

Dettagli

Tavolo di Sanità Elettronica 22 Marzo 2012

Tavolo di Sanità Elettronica 22 Marzo 2012 Direzione Generale Sanità IPSE: Progetto per la Sperimentazione di un sistema di interoperabilità europea e nazionale delle soluzioni di Fascicolo di Sanitario elettronico: componenti Patient Summary ed

Dettagli

I servizi di e-government

I servizi di e-government I servizi di e-government La Community regionale Net-SIRV 14 dicembre 2009 Andrea Boer Dirigente Servizio Progettazione e Sviluppo Reseaux della Società dell informazione Un RESEAU è una rete permanente

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

La nuova piattaforma AIDA Grassia Mario Coordinatore del progetto AIDA

La nuova piattaforma AIDA Grassia Mario Coordinatore del progetto AIDA La nuova piattaforma AIDA Grassia Mario Coordinatore del progetto AIDA AIDA oggi strumento attivamente utilizzato per la dematerializzazione dei processi di sportello, anche in seguito alle formalizzazioni

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI SASSARI e pertinenze (OLBIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

Relazione sintetica relativa alle azioni di competenza dei CST Province

Relazione sintetica relativa alle azioni di competenza dei CST Province Relazione sintetica relativa alle azioni di competenza dei CST Province La presente relazione del sottogruppo Province compendia tutte le attività sviluppate all interno delle azioni WP1.3 WP1.4 WP2.1

Dettagli

BUONE PRATICHE DI CUSTOMER SATISFACTION

BUONE PRATICHE DI CUSTOMER SATISFACTION BUONE PRATICHE DI CUSTOMER SATISFACTION FORUM PA 2011 10 maggio Il «kit» di customer satisfaction 2.0 L AMMINISTRAZIONE Istituto Nazionale della Previdenza Sociale I numeri: 177 sedi 344 agenzie 20 mln

Dettagli

PROGETTO GOOD PRACTICE 2012

PROGETTO GOOD PRACTICE 2012 PROGETTO GOOD PRACTICE 2012 Questa breve nota illustra il progetto GoodPractice 2012 (GP2012), nona edizione del progetto GoodPractice. Il progetto, nato nel 1999, ha l obiettivo di comparare le prestazioni

Dettagli

Iniziativa pilota. La rilevazione della customer satisfaction a portata di mano. Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione

Iniziativa pilota. La rilevazione della customer satisfaction a portata di mano. Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione La rilevazione della customer satisfaction a portata di mano Iniziativa pilota 23 marzo 2009 Indice Slide 1 - Customer satisfaction in tempo reale

Dettagli

LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE

LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE WEBVISION APPARTIENE ALLA FAMIGLIA DEI CONTENT MANAGEMENT SYSTEM PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI E DEL LORO LAYOUT ALL

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study NETSI e GAT.crm danno voce alla tua azienda IN BREVE Profilo aziendale NETSI è attiva da diversi anni sul molti fronti: ad esempio, è infatti uno dei maggiori partner

Dettagli

QUALITA NEI SERVIZI ALLA PERSONA

QUALITA NEI SERVIZI ALLA PERSONA Il Progetto Quality Cities, co-finanziato dalla Commissione Europea, si articola su un arco temporale di 10 mesi e prevede due Seminari di Benchmarking. Il primo si è svolto a Scandiano (Reggio Emilia)

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Il progetto MiglioraPA e la promozione del Customer Satisfaction Management Laura Massoli Dipartimento Funzione Pubblica

Il progetto MiglioraPA e la promozione del Customer Satisfaction Management Laura Massoli Dipartimento Funzione Pubblica Il progetto MiglioraPA e la promozione del Customer Satisfaction Management Laura Massoli Dipartimento Funzione Pubblica Promuove la cultura della qualità dei servizi pubblici attraverso l introduzione

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Contatti profittevoli

Contatti profittevoli Contatti profittevoli paolo.vitali@yourvoice.com Milano, 25 gennaio 2002 CONTATTARE significa: Informare Proporre nuovi servizi / prodotti Suscitare nuove esigenze Cliente Utente Socio Collega Partner

Dettagli

WP6.5 Elaborazione di un database comune dei dati infortunistici nei porti dell Alto Adriatico

WP6.5 Elaborazione di un database comune dei dati infortunistici nei porti dell Alto Adriatico Partner responsabile del deliverable: Elaborazione di un database comune dei dati infortunistici nei porti dell Alto Adriatico svolta dall Autorità Portuale di Trieste Versione: output 11092014 Data: 11.09.2014

Dettagli

I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina. Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali

I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina. Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali Premessa Con. Solida ed Euricse condividono un approccio e un metodo per la realizzazione ed

Dettagli

La soluzione offerta dal Consorzio Civica

La soluzione offerta dal Consorzio Civica SwG-SUAP La soluzione offerta dal Consorzio Civica Sommario - L ARCHITETTURA DEL SISTEMA - LE FUNZIONALITA - EVOLUZIONI PREVISTE - IL SITO INTERNET - REQUISITI DI UTILIZZO - CONDIZIONI COMMERCIALI - IL

Dettagli

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE SETTEMBRE 2009 PREMESSA Il progetto ASTER PER LA CONCILIAZIONE è realizzato da Aster S.c.p.a. (di seguito ASTER) a seguito dell ammissione a parziale

Dettagli

PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System

PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System Progettazione e Sviluppo di un PROTOTIPO di Piattaforma Informatica per la Gestione Autonomica, Integrata e Collaborativa della Manutenzione RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati 2012 Progetto Turismo Pisa Sommario dei risultati 0 Studio realizzato per il Comune di Pisa da KddLab ISTI-CNR Pisa Sommario 1 Progetto Turismo Pisa: Sintesi dei risultati... 1 1.1 L Osservatorio Turistico

Dettagli

www.suap.info Sommario

www.suap.info Sommario SwG-SUAP SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELLO SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE www.suap.info Sommario L ARCHITETTURA DEL SISTEMA LE FUNZIONALITA EVOLUZIONI PREVISTE AREA UTENTI

Dettagli

SISTEMA ISTEMA INFORMATIVO PRATICHE EDILIZIEDILIZIE E MONITORAGGIO

SISTEMA ISTEMA INFORMATIVO PRATICHE EDILIZIEDILIZIE E MONITORAGGIO SISTEMA ISTEMA INFORMATIVO PRATICHE EDILIZIEDILIZIE E MONITORAGGIO SIPEM è il servizio telematico promosso da ANCI, CNGeGL e CIPAG, frutto della stretta collaborazione in sede progettuale tra ANCITEL S.p.A.

Dettagli

Piattaforma per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato. Guida all utilizzo della piattaforma

Piattaforma per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato. Guida all utilizzo della piattaforma Piattaforma per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato Guida all utilizzo della piattaforma Percorso di accesso alla sezione Focus Stress Lavoro correlato dal sito www.inail.it

Dettagli

VSQ. Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole

VSQ. Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole 1 VSQ Progetto sperimentale per un sistema di

Dettagli

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PARLA CON NOI (Approvato con delibera di Giunta Provinciale n. 85 del 16/03/2007) Fernanda Marotti Loredana Milito 2 INDICE 1. PERCHÉ MONITORARE L UTENZA DELL

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico

Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico Mario Ciampi

Dettagli

La carta dei servizi del Contact Center

La carta dei servizi del Contact Center La carta dei servizi del Contact Center Dipartimento della Protezione Civile Via Ulpiano, 11-00193 Roma www.protezionecivile.gov.it Cos è il Contact Center Il Contact Center è il nuovo canale di comunicazione

Dettagli

Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici

Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici Marco Gentili Area Governo e Monitoraggio delle Forniture ICT 1 Area Governo e Monitoraggio Forniture ICT Governo

Dettagli

Dynamic 08 Software per la lettura ottica

Dynamic 08 Software per la lettura ottica Dynamic 08 Software per la lettura ottica Dynamic 08 G.Q.S. S.r.l. 2008 All rights reserved G.Q.S. Srl Global Quality Service Via Bernini, 5/7 Corsico (MILANO) Cos è Dynamic 08 Dynamic 08 è un software

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government Il progetto P.E.O.P.L.E. Dimensioni del progetto Presentato da 55 enti con quasi 7,4 milioni di abitanti, circa il 13% della popolazione nazionale. P.E.O.P.L.E. si basa su un budget iniziale complessivo

Dettagli

2 Gli elementi del sistema di Gestione dei Flussi di Utenza

2 Gli elementi del sistema di Gestione dei Flussi di Utenza SISTEMA INFORMATIVO page 4 2 Gli elementi del sistema di Gestione dei Flussi di Utenza Il sistema è composto da vari elementi, software e hardware, quali la Gestione delle Code di attesa, la Gestione di

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PROCESSO. CHE COSA C'E' DI NUOVO NELL' IT? -- 23 Giugno 2010 (Agriturismo La Razza ) 1

DESCRIZIONE DEL PROCESSO. CHE COSA C'E' DI NUOVO NELL' IT? -- 23 Giugno 2010 (Agriturismo La Razza ) 1 CHE COSA C'E' DI NUOVO NELL' IT? -- 23 Giugno 2010 (Agriturismo La Razza ) 1 2 1- Applicazione o meno dei processi Pianificazione - Sviluppo - Esercizio? 3 2- Se SI, i processi vengono o verranno realizzati

Dettagli

Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati

Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati Linee guida sulla qualità dei beni e servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della PA Marco Gentili Conoscere

Dettagli

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione.

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Interventi di Business Value

Dettagli

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico Ente Coordinatore Comune di Pesaro Dott.ssa Fiorenza Martufi Servizio Pianificazione strategica Comune di Pesaro e_demps@comune.pesaro.ps.it Fasi e

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

La Statistica per gli Uffici Giudiziari Il Progetto DataWarehouse

La Statistica per gli Uffici Giudiziari Il Progetto DataWarehouse La Statistica per gli Uffici Giudiziari Il Progetto DataWarehouse Aspetti critici Forte frammentazione delle strutture sul territorio Tempi medi di giacenza dei procedimenti (civili e penali) superiori

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

Il ruolo di e-care. 8 Maggio 2013 Caterina Lena

Il ruolo di e-care. 8 Maggio 2013 Caterina Lena Il ruolo di e-care 8 Maggio 2013 Caterina Lena QUALIFICAZIONE DELLA RETE E-CARE Da servizio rivolto al singolo cittadino alla creazione di reti integrate sul territorio a sostegno dell anzianità fragile

Dettagli

RILEVAZIONE DI CUSTOMER SATISFACTION SUI SERVIZI DI SEDE. Periodo ottobre 2014 REPORT DIREZIONE REGIONALE LAZIO

RILEVAZIONE DI CUSTOMER SATISFACTION SUI SERVIZI DI SEDE. Periodo ottobre 2014 REPORT DIREZIONE REGIONALE LAZIO DIREZIONE REGIONALE LAZIO UFF. P.O.A. I. - Processo Organizzazione RILEVAZIONE DI CUSTOMER SATISFACTION SUI SERVIZI DI SEDE Periodo ottobre 2014 REPORT DIREZIONE REGIONALE LAZIO 1. OBIETTIVO DEL DOCUMENTO

Dettagli

2012 Le Nuove Indicazioni

2012 Le Nuove Indicazioni REPORT CONCLUSIVO DELL ATTIVITA DI RICERCA-AZIONE: 2012-Le Nuove Indicazioni ISTITUTO COMPRENSIVO DI VERNOLE (LE) 2012 Le Nuove Indicazioni RESTITUZIONE FINALE CONDIVISIONE DEI PERCORSI DIDATTICI EFFETTUATI

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

Finalità, strumenti, tappe e organizzazione del progetto

Finalità, strumenti, tappe e organizzazione del progetto Finalità, strumenti, tappe e organizzazione del progetto Info www.ascuoladiopencoesione.it ascuoladiopencoesione@dps.gov.it Pag. 1 1. Cos è A Scuola di OpenCoesione A Scuola di OpenCoesione [ASOC] è il

Dettagli

Osservatorio ICT nel NonProfit. Claudio Tancini Novembre 2009

Osservatorio ICT nel NonProfit. Claudio Tancini Novembre 2009 Osservatorio ICT nel NonProfit Claudio Tancini Novembre 2009 1 Premessa (1/2): Il mercato ICT non ha focalizzato il NonProfit come un segmento specifico, da seguire con le sue peculiarità. In alcuni casi

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA COMUNICAZIONE ADOLESCENZIALE. Tra reale e virtuale

OSSERVATORIO SULLA COMUNICAZIONE ADOLESCENZIALE. Tra reale e virtuale OSSERVATORIO SULLA COMUNICAZIONE ADOLESCENZIALE Tra reale e virtuale 1 Attività: analisi e proposte 2014/2015 Le attività realizzate sono riconducibili alle seguenti aree: 1. Area delle banche dati e della

Dettagli

La gestione integrata dei rapporti con il Cittadino e scenari di edemocracy. 09/05/2005 Ilaria Scala CRM Consultant

La gestione integrata dei rapporti con il Cittadino e scenari di edemocracy. 09/05/2005 Ilaria Scala CRM Consultant La gestione integrata dei rapporti con il Cittadino e scenari di edemocracy 09/05/2005 Ilaria Scala CRM Consultant Agenda Un CRM per la PA Scenari di applicazione Bibliografia e Webliografia 2 Un CRM per

Dettagli

La Trasparenza nella Regione Marche

La Trasparenza nella Regione Marche La Trasparenza nella Regione Marche Un attitudine che viene da lontano Dott.ssa Serenella Carota P.F. Sistemi Informativi e Telematici Giunta Regione Marche Ancona 20/03/2015 Tellus: gestione fondi di

Dettagli

Obiettivi 2011 Biblioteca di Ateneo. Valutazione finale. 27 marzo 2012. Maurizio di Girolamo

Obiettivi 2011 Biblioteca di Ateneo. Valutazione finale. 27 marzo 2012. Maurizio di Girolamo Obiettivi 2011 Biblioteca di Ateneo Valutazione finale 27 marzo 2012 Maurizio di Girolamo con la collaborazione di Annalisa Bardelli, Federica De Toffol, Giovanna Geppert, Luisanna Saccenti, Ilaria Moroni,

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

Dematerializzare per Semplificare

Dematerializzare per Semplificare 1 Dematerializzare per Semplificare Dematerializzare non significa solamente il passaggio dalla carta al digitale. La semplificazione si ottiene solo con una profonda comprensione della complessità dei

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli