PISA - ANNO LII - N Novembre-Dicembre 2006 CONFEDERAZIONE GENERALE DELL AGRICOLTURA ITALIANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PISA - ANNO LII - N. 11-12 Novembre-Dicembre 2006 CONFEDERAZIONE GENERALE DELL AGRICOLTURA ITALIANA"

Transcript

1 PISA - ANNO LII - N Novembre-Dicembre 2006 CONFEDERAZIONE GENERALE DELL AGRICOLTURA ITALIANA Direzione e Redazione: Via Lavagna, Pisa Tel e Fax Spedizione in a.p. art. 2 comma 20/c - Legge 662/96 - Filiale di Pisa Iscritto nel Registro della Stampa della Cancelleria del Tribunale di Pisa con Decreto n. 5 Direttore Responsabile: Rag. Massimo Terreni Stampa: Tipografia Artigiana - Tel Pisa SOMMARIO: Convegno Energia: una nuova frontiera per gli agricoltori? / INPS Prestazioni a sostegno del reddito / Decreto ambientale Norme di immediata applicazione / Nuovo decreto rumore / Il sito INTERNET dell Unione / Avviso ai Soci / Anticipi contributi PAC / Scadenzario Ottobre - Dicembre Convegno dell Unione su agroenergia: può essere una nuova opportunità per gli agricoltori pisani Conclusi i lavori dal Ministero delle politiche agricole Paolo De Castro Energia: una nuova frontiera per gli agricoltori?. Questo l interrogativo che si sono posti la Confagricoltura di Pisa e della Toscana che hanno realizzato, in collaborazione con AEMA-Unima di Pisa (Associazione dei contoterzisti) un convegno finalizzato a valutare se l agroenergia possa rappresentare per il settore agricolo una possibile fonte di reddito. Accanto a Pier Antonio Zalum (presidente degli imprenditori agricoli pisani) e Federigo Federighi (presidente degli agricoltori toscani), ai presidenti nazionale e regionale dell Unima: Aproniano Tassinari e Loreno Catassi, sono intervenuti fornendo un qualificato contributo tecnico, il Prof. Enrico Bonari, Vice direttore della Scuola superiore S.Anna ed il Dott. Renato Vicentini, Amministratore Delegato della società Vecentini Ambiente Srl. A rappresentare le Istituzioni locali erano presenti il Presidente della Camera di Commercio di Pisa, che ha ospitato il convegno, Dott. Pierfrancesco Pacini ed il Vice Presidente della Provincia di Pisa, Giacomo Sanavio, che nel loro intervento di saluto, hanno confermato la disponibilità dei rispettivi Enti a collaborare fattivamente e concretamente a sostegno degli interessi del settore. L assessore regionale all agricoltura, Susanna Cenni, con il suo intervento molto articolato ha illustrato la politica che la regione sta portando avanti in tema di agroenergia, con importanti puntualizzazioni che hanno in particolare interessato il progetto di riconversione dello zuccherificio di Castiglion Fiorentino. A tirare le conclusioni, dopo un incisivo, molto apprezzato dalla platea, intervento del presidente nazionale di Confagricoltura Federico Vecchioni, il ministro per le Politiche agricole Paolo De Castro. Nel 2005, quando sono stato nominato presidente dell Unione Agricoltori di Pisa ha sottolineato Zalum - mi sono posto come ulteriore obiettivo la ricerca di individuare soluzioni per utilizzazioni alternative per le nostre produzioni oggi fortemente penalizzate dal mercato. La già critica situazione economica delle nostre aziende si è ancora di più aggravata, all inizio del 2006, abbiamo subito, nostro mal grado, la riforma dell OCM zucchero, che di fatto ha cancellato la coltivazione della barbabietola nell intero territorio toscano e con un danno economico per il territorio pisano rilevantissimo. L obiettivo che mi ero posto è diventato quindi ancora più pressante. L energia può essere un alternativa? Il presidente Vecchioni ne è convinto e guarda con attenzione alla nuova Finanziaria 2007, però sollecitando una serie di emendamenti: favorire l impiego dell olio vegetale nell ambito dei sistemi produttivi agricoli. Riformare il sistema dei certificati verdi, al fine di favorire effettivamente le fonti energetiche rinnovabili e, fra queste, le biomasse agroforestali, specie se utilizzate in contesti territoriali. Confagricoltura ricorda che la Finanziaria ha dato un nuovo impulso ai biocarburanti, mediante l aumento a Tonn. del contingente di biodiesel defiscalizzato (senza aggravi finanziari, dato che l agevolazione viene ridotta dal 100 all 80%), la conferma del fondo per la defiscalizzazione del bioetanolo ed un applicazione rafforzata della legge 81/06, per l immissione al consumo dei biocarburanti. Ma non basta. Confagricoltura auspica un pacchetto di azioni robuste, sull energia da biomasse, per fornire agli agricoltori alternative alle coltivazioni tradizionali, che siano concretamente praticabili ed in grado di produrre reddito, occupazione e ricadute benefiche per l ambiente. In diverse province d Italia gli imprenditori di Confagricoltura sono pronti ad investire in progetti agroindustriali, se si creeranno le condizioni normative

2 e tecniche. Sugli aspetti della bioenergia, però ha detto Vecchioni - notiamo un distacco preoccupante tra le dichiarazioni di principio, tutte concordi nell attribuire a questo argomento un alto grado di priorità e la povertà delle azioni messe in campo. Dal nostro punto di vista ha detto Vecchioni - un progetto industriale si giustifica nella misura in cui crea occupazione ed effetti sulle coltivazioni del territorio in cui si va a collocare. Per questo anche i prezzi proposti per l acquisto delle materie prime agroenergetiche, e le tipologie di produzione richieste, dovranno essere valutati in funzione del grado di interesse che rivestono per i produttori. Il Ministro per le politiche agricole Paolo De Castro nel suo intervento a chiusura dei lavori del convegno ha sostenuto che le bioenergie sono una nuova opportunita per l agricoltura. Il tema delle bioenergie, che comprende biomasse, biodiesel e bioetanolo - ha spiegato De Castro - e stato considerato anche in finanziaria, con norme importanti che cercano di defiscalizzare la quota assicurata per i contratti di fliera. E poi bisogna puntare sulla realizzazione di impianti di microcogenerazione - ha aggiunto De Castro - semplici da realizzare anche sul territorio e che hanno una remunerazione per gli agricoltori. In Germania sul tema delle agroenergie sono piu avanti di noi - ha detto ancora il ministro - in Italia dobbiamo sforzarci per far si che queste creino nuove opportunita per tutto il settore dell agricoltura. Ristrutturazione debiti contributivi INPS fino all anno 2004 compreso Come noto, i crediti contributivi maturati originariamente dall INPS nei confronti di coltivatori diretti, coloni, mezzadri, imprenditori agricoli professionali (già IATP) e datori di lavoro agricolo fino al 2004 compreso, sono stati ceduti dallo stesso INPS alla Società di Cartolarizzazione dei Crediti INPS SCCI S.p.A. (SCCI) che, in qualità di titolare di tali crediti, ha proseguito nell attività di riscossione. Nel corso degli anni su tali crediti sono maturati interessi, sanzioni e somme aggiuntive tali da incrementare sensibilmente quanto inizialmente dovuto. Il progetto descritto nella presente lettera costituisce, per quanti fra i nostri associati non abbiano ancora regolarizzato la propria posizione debitoria previdenziale relativa al periodo precedente il 2004 (compreso), l opportunità di risolvere, qualora aderiscano al piano di ristrutturazione proposto dal pool di banche, composto da Deutsche Bank e UniCredit Group, la propria posizione debitoria fino agli anni precedenti il 2004 (compreso), evitando che SCCI continui la riscossione e promuova nei loro confronti azioni esecutive. La scrivente Associazione, si è fatta carico di rappresentare gli interessi del settore nel processo di definizione dei termini e delle condizioni dell operazione di ristrutturazione, impegnandosi a svolgere un attività informativa e di supporto a favore degli associati che ne vogliano usufruire, nello svolgimento della ristrutturazione. La ristrutturazione che le Banche intendono proporre prevederà che i debitori riconoscano, ai soli fini dell operazione di ristrutturazione, l intero ammontare del debito dovuto alla SCCI e, a fronte di tale riconoscimento, le banche accettino un pagamento parziale di tale debito a saldo e stralcio dell intera posizione debitoria. L importo che le banche accetteranno a saldo e stralcio sarà una percentuale dell intero importo dovuto che varierà sulla base delle adesioni al piano di ristrutturazione e della modalità di pagamento delle somme dovute prescelta dai debitori. La percentuale di adesioni sarà determinante al fine del calcolo dell importo dovuto da ciascun debitore, nel senso che maggiore sarà la percentuale di adesione, minore sarà l importo dovuto dal singolo debitore. In particolare, la percentuale del debito da corrispondere sarà compresa tra il 22% e il 30% del debito, qualora i debitori decidano di corrispondere immediatamente l importo così dovuto in un unica soluzione a saldo e stralcio della posizione. E prevista inoltre la possibilità di rateizzare l importo dovuto contro prestazione di una fideiussione bancaria pagando una percentuale del debito compresa tra il 29,2% e il 39,8%. In questa ipotesi, dovrà essere corrisposta, all atto dell adesione, una percentuale del debito pari al 5% dell intero importo garantito da fideiussione e la parte rimanente in 40 rate di importo costante da pagarsi trimestralmente. I debitori saranno inoltre tenuti a versare l importo dei costi da sostenersi per la definizione della transazione che saranno quantificati prima dell inizio del periodo di adesione. Per aderire al progetto deve essere sottoscritta, ENTRO E NON OLTRE IL 15 DICEMBRE 2006, l apposita documentazione standard predisposta dalle Banche. Invitiamo pertanto gli interessati a prendere contatto con l ufficio previdenziale dell Unione, per concordare l appuntamento, ricordando fin da ora di presentarsi muniti di tutta la documentazione comprovante la situazione contributiva (cartelle esattoriali, avvisi bonari, condoni, ricevute di pagamenti effettuati, ecc.). Precisiamo infine che la compilazione della scheda di pre-adesione non impegna in alcun modo il sottoscrittore ad aderire alla successiva ristrutturazione, né costituisce riconoscimento di debito, ma ha uno scopo puramente informativo per facilitare il processo di ristrutturazione. Una volta stipulato il contratto definitivo tra SCCI e le Banche e terminato il periodo di pre-adesione inizierà il periodo di adesione. La procedura di adesione e la documentazione da utilizzare ai fini della stessa saranno dettagliate in successive comunicazioni.

3 Impiegati agricoli - Rinnovato il contratto regionale Nella serata del 4 ottobre u.s., dopo circa nove mesi di trattative, si è rinnovato il contratto collettivo regionale di lavoro per i quadri e impiegati agricoli, florovivaisti e forestali della Toscana, scaduto il 31 dicembre 2005, di cui riportiamo alcuni aspetti: - Decorrenza e durata : 1 gennaio dicembre Aumenti di stipendio Gli aumenti mensili decorrono dal 1 ottobre 2006 e sono : 1^ Categoria 100,00 4^ Categoria 73,00 2^ Categoria 90,00 5^ Categoria 68,00 3^ Categoria 80,00 6^ Categoria 64,00 Agli impiegati in forza alle aziende alla data di stipula del nuovo contratto (4 ottobre 2006), la seguente una tantum : 1^ Categoria 400,00 4^ Categoria 292,00 2^ Categoria 360,00 5^ Categoria 272,00 3^ Categoria 320,00 6^ Categoria 256,00 - Aggiornamento rimborsi chilometrici I rimborsi chilometrici devono avvenire secondo norma stabilita dall ex art.13, Contratto Regionale. Dal 1 ottobre 2006, il rimborso chilometrico di cui trattasi per uso, da parte dell impiegato, del messo di trasporto, è stato portato ad 0,34, per ogni chilometro percorso. - Responsabilità civile verso terzi E stato confermato l obbligo, in vigore dal 2000, per i datori di lavoro, di stipulare polizze assicurative a loro carico, contro i rischi di responsabilità civile verso terzi, per gli impiegati che assumono, a seguito di specifica delega, responsabilità di cui al D.Lgs., n.155/1997 e successive modificazioni ed integrazioni. Colui che si assume detta responsabilità è tenuto ad avere, ove previsti, tutti i requisiti ed attestati necessari ed, in ogni caso, a partecipare ai corsi di formazione ed aggiornamento stabiliti dalla legge, pena la perdita di ogni obbligo di copertura assicurativa. - Orario di lavoro E stata riscritta la norma sull orario di lavoro per adeguarla al nuovo dettato previsto dal Contratto Nazionale che ha recepito le disposizioni europee di cui al Decreto Legislativo, n.66/2003 e successiva integrazione. In buona sostanza, è consentito al datore di lavoro, nell arco dell anno solare e per un limite di 75 ore, a seguito di richiesta da inoltrarsi all impiegato con preavviso di cinque (5) giorni, di fissare un orario settimanale di 44 ore, anziché le 39 di norma previste. Nelle aziende in cui è stato eletto l impiegato delegato di azienda (solo quelle con oltre 5 impiegati), tale maggior orario sarà definito con il suddetto delegato. Il recupero delle ore lavorate dovrà avvenire, secondo specifica programmazione che terrà conto dei desideri degli impiegati interessati, nell arco dell anno solare fatta eccezione delle eventuali ore relative al mese di dicembre che succederà nel mese di gennaio dell anno successivo e senza la corresponsione di alcuna maggiorazione per lavoro straordinario o che altro. Si segnala, infine, che per determinate attività discontinue, concernenti funzioni di campagna e, per quelle, svolte in fattoria, connesse all agriturismo, l azienda potrà distribuire l orario giornaliero di lavoro entro una fascia oraria di 12 ore. - Relazioni sindacali Sono stati stipulati due importanti accordi a latere del contratto regionale, tendenti alla stipula di un patto regionale per l agricoltura Toscana, per il quale vi sarebbe la piena disponibilità delle parti sindacali e che sarebbe un evento di notevole importanza politica, attese le problematiche economiche in cui versano le aziende, e le difficoltà che trovano ad accedere ai finanziamenti, mentre l altro è per la costituzione dell Osservatorio regionale che dovrebbe tra l altro monitorare l applicazione dei provvedimenti della Regione per l agroalimentare, la situazione economica dei vari comparti, le politiche del lavoro, la formazione e la classificazione degli impiegati.

4 Modello F24 - Versamenti telematici on-line Modalità operative Informiamo che a norma dell art. 37, comma 49, del Dl n. 223/2006 convertito in legge n. 248/2006 e del DPCM del , a partire dal 1 GENNAIO 2007, tutti i soggetti titolari di partita Iva sono tenuti ad utilizzare, anche tramite intermediari, modalità di pagamento telematico delle imposte, dei contributi e dei premi, a norma dell art.17 del D.Lvo. n. 241/97. Con comunicati stampa del 5/9/2006 e del 14/9/2006 (www.agenziaentrate.it), l Agenzia delle Entrate ricordando la decorrenza dell adempimento, ha precisato che i soggetti titolari di partita IVA, sono tenuti al versamento delle imposte e dei contributi in via telematica nel seguente modo: 1. direttamente, dopo essersi muniti di codice PIN e password, utilizzando il modello F24 online (sito internet); 2. attraverso gli intermediari abilitati, tra i quali anche l Unione Provinciale Agricoltori, per trami- il sistema Entratel; 3. mediante l home banking (Cbi Corporate banking Interbancario), utilizzando il modello F24. te Rimane, per i contribuenti non titolari di partita Iva, la possibilità di effettuare i versamenti con il modello F24 attraverso le conosciute modalità. Nello specifico, per quanto attiene al punto: 1 - Pagamento diretto. Tale modalità consente direttamente al contribuente di pagare dal sito internet fisco on line dell Agenzia delle Entrate, quanto dovuto per imposte tasse e contributi, previa richiesta di un pin di 10 cifre e di una password. Per effettuare il pagamento è necessario essere titolari di un conto corrente presso una delle banche che hanno stipulato la convenzione con l Agenzia delle Entrate. L elenco delle banche convenzionate è consultabile sul sito delle entrate Per accedere al servizio on line il contribuente deve chiedere il codice pin, come detto, dal sito di fisco on line, o in alternativa recandosi presso l ufficio delle Entrate. Dopo aver scaricato il programma sul proprio PC è possibile procedere alla compilazione del modello telematico F Pagamento tramite la nostra società di servizi Confagri Srl. Tale forma di pagamento è quella che presumibilmente garantisce maggiore sicurezza nelle trasmissioni, e per la quale la scrivente ritiene di doversi orientare. Gli intermediari abilitati (Confagri Srl) possono effettuare il pagamento degli F24 dei propri assistiti, con addebito sui conti correnti dei medesimi richiedenti. Ciò presuppone che l agricoltore autorizzi la Confagri Srl ad effettuare i pagamenti per proprio conto con addebito sul conto corrente di cui andranno specificati, nell allegato modulo (lettera di incarico), i necessari dati. A questo riguardo gli interessati dovranno, necessariamente, entro non oltre 10 giorni antecedenti alla prima scadenza, aver debitamente compilato e sottoscritto la citata lettera di conferimento dell incarico. A questo riguardo precisiamo che vi è l obbligo d indicare un conto in cui il debitore è intestatario o contestatario con abilitazione ad operare con firma disgiunta. Con questa procedura è possibile pagare più modelli attribuiti allo stesso contribuente con la medesima scadenza. Il richiamato iter utilizza il c.d sistema Entratel, il quale provvede ad inviare, una volta ottenuto l esito dell addebito, apposita documentazione attestante le operazioni eseguite, direttamente al contribuente tramite postel. Analogamente il sistema Entratel produrrà anche la ricevuta on line sull esito dell operazione. 3 - Pagamento tramite del sistema internet Banking. Oltre alla procedura Entratel, è possibile avvalersi del sistema Internet Banking (CBI) offerto dalle banche (l elenco delle banche con le quali convenzionarsi è disponibile sul sito per mezzo del quale il contribuente, una volta in possesso del Mod F 24 (su supporto informatico) provvede all inoltro medesimo. Corre l obbligo di precisare che tale iter, talvolta, non permette il pieno rispetto dei tempi di pagamento in quanto è possibile che il flusso dei dati possa essere interrotto o in quel momento non disponibile.

5 Versamenti contributi previdenziali ed assistenziali. Va ulteriormente segnalato che la norma in esame produce effetti anche ai fini previdenziali, considerato che l obbligo di utilizzare le modalità di pagamento telematico riguarda non solo le imposte ma anche i contributi e i premi dovuti agli enti e alle casse previdenziali. Si tratta di verificare come questa previsione si possa conciliare con il peculiare sistema di riscossione dei contributi previdenziali e assistenziali in agricoltura ove, come noto, è l INPS che quantifica la contribuzione dovuta dai datori di lavoro e dai lavoratori dell agricoltura ed invia al domicilio dei contribuenti interessati, in prossimità delle scadenze, gli avvisi di pagamento e i modelli F24 precompilati. Al riguardo si rende noto che sono in corso contatti con l INPS Istituto deputato alla riscossione dei contributi agricoli unificati per valutare i riflessi pratici per i datori di lavoro e per i lavoratori autonomi agricoli derivanti dalla introduzione delle nuove modalità di pagamento telematico. Dichiarazione trimestrale della manodopera occupata DMAG Informiamo che, ai sensi dell art. 01 della legge n. 81/2006, la dichiarazione trimestrale della manodopera occupata (DMAG), a decorrere dal 1 Luglio 2006, deve obbligatoriamente essere trasmessa all INPS per via telematica entro la fine del mese successivo al trimestre di riferimento. Le nuove disposizioni, stando al tenore letterale della norma, dovevano entrare in vigore a partire dalla dichiarazione della manodopera occupata nel III trimestre 2006, tuttavia, l INPS ha confermato che almeno per il III trimestre 2006, la scadenza per la trasmissione on-line delle denunce resta fissata al 25 Novembre, anziché al 31 Ottobre, p.v. Denuncia Aziendale (D.A.) Nuovo modello per l invio telematico: Circolare INPS Con circolare n. 88 del reperibile sul sito internet del INPS, la Direzione Generale dell INPS ha rilasciato il nuovo modello di denuncia aziendale di cui all art. 5 del D.lgs 375/1993 al fine di consentire nei commi 7 e 8 dell art. 1 della legge 81/2006. Tali commi, come noto prevedono che: - entro il 30 giugno 2006 tutti i datori di lavoro agricolo in attività debbono ripresentare la denuncia aziendale (D.A.) per via telematica su un nuovo modello predisposto dall INPS; - a decorrere dal 1 luglio 2006 i nuovi datori di lavoro agricolo debbono presentare la denuncia aziendale (D.A.) di inizio attività per via telematica su un nuovo modello predisposto dall INPS. Dalle lettura della circolare INPS, si rileva preliminarmente che l Istituto almeno per quanto concerne la tempistica, ha tenuto conto delle nostre preoccupazioni precisando che l obbligo di ripresentazione in via telematica della denuncia aziendale già in attività dovrà essere assolto a partire dal 1 novembre 2006 in poi, senza precisare la data ultima entro la quale deve essere effettuato. Anche per le aziende di nuova costituzione solo dal 1 novembre avrà inizio la fase dell effettiva trasmissione telematica. Purtroppo il nuovo modello di denuncia aziendale predisposto dall INPS è particolarmente complesso e richiede un numero rilevatissimo di informazioni, spesso estremamente dettagliate e non funzionali alle finalità dell adempimento. L INPS ha infatti recepito solo in minima parte le osservazioni e le richieste di modifica da noi ripetutamente avanzate. Tra queste è stata quantomento accolta quella di ridurre la richiesta di informazioni per le aziende già in attività, consentendo alle stesse di compilare solo alcuni quadri del modello e di non indicare il presunto fabbisogno di manodopera. Confagricoltura lamenta ancora una volta l eccessiva ed inutile complessità dell adempimento, alla prova dei fatti, la semplificazione amministrativa, tanto decantata a parole, è stata dall INPS ulteriormente mortificata. Confagricoltura ha richiesto nuovamente una semplificazione del modello e ritiene necessario un rinvio del termine finale per la presentazione telematica. Per gli adempimenti previsti dalla nuova normativa le Aziende interessate sono invitate a stabilire diretti contatti con l ufficio paghe dell Unione.

6 AGRITURISMO scadenza obbligo adeguamento nuova classificazione Comunichiamo che per le aziende agrituristiche ancora classificate in base alla vecchia normativa non più vigente, il 31 Dicembre 2006 è l ultimo giorno utile per consegnare all Ufficio Protocollo o spedire con raccomandata rr (farà fede il timbro postale) la richiesta della nuova classificazione - che va da un minimo di 1 spiga ad un massimo di 3 spighe - come da nuova normativa regionale. Sul sito della Provincia www. provincia, pisa.it è scaricabile sia il modello da compilare sia il file per la composizione grafica della targa identificativa anche essa obbligatoria - cliccare su Servizi: per il Turismo e su la news Agriturismo: 31 Dicembre 2006 scade.... Si fa presente che per le aziende agriuristiche che non faranno richiesta di adeguamento entro detto termine la normativa in oggetto prevede sanzioni fino a 1500,00 euro. Per eventuali ulteriori informazioni può essere contattato l ufficio Turismo della Provincia al n ; o il nostro ufficio Tecnico. Prove chimiche per vini DOC/DOCG Con riferimento alla legge n. 82 del 20 febbraio 2006, si informa che la direzione dell Ispettorato Repressioni Frodi presso il MIPAF si è espressa circa l obbligo per i laboratori ufficiali di analisi di effettuare sistematicamente le prove indicate nell alt 14 comma 8, anche nel caso delle analisi eseguite ai fini di ottenere l idoneità per l attribuzione della D.O. ai vini VQPRD. Pertanto dal 9 ottobre 2006 il pacchetto delle analisi per le D.O.C/D.O.CG. deve comprendere anche le seguenti prove: - determinazione del LITIO (il cloruro di litio è l unico denaturante indicato dal DM 31 luglio 2006 GU n. 185 del 10 agosto 2006) - prova di fermentescebilità. Si segnala che, di conseguenza, il tempo di esecuzione delle analisi non potrà essere inferiore ai 10 giorni, causa i tempi richiesti dalla prova di fermentescebilità. Il costo delle analisi ammonterà a. 67,00 IVA compresa, e tale importo dovrà essere pagato dalle aziende direttamente al Laboratorio e non più alla Camera di Commercio di Pisa. Il conto corrente da indicare è il n intestato a: Azienda Speciale Laboratorio Chimico Merceologico Camera di Commercio di Firenze FIRENZE Tale nuova procedura consentirà al laboratorio la successiva fatturazione, cosicché per le aziende sarà possibile inserire i costi delle analisi nella propria contabilità. Per quanto riguarda le richieste di prelievo inoltrate alla Camera di Commercio di Pisa, si informa che alle stesse dovrà essere allegata la copia del bollettino attestante l avvenuto pagamento al Laboratorio di Firenze. L attestazione originale sarà poi consegnata al prelevalore durante il campionamento. Per ogni ulteriore chiarimento o informazione l Ufficio Agricoltura è a Vostra disposizione ai numeri telefonici /230. SALDO I.C.I Ricordiamo che tra il 1 e il 20 Dicembre 2006 dovrà essere calcolato e versato il saldo I.C.I Si ricorda che dovrà essere utilizzato, forse per l ultima volta, il consueto bollettino già utilizzato in sede di acconto e dovranno essere applicate le aliquote deliberate dal comune di residenza per la seconda rata del versamento che, in alcuni casi, possono differire da quelle utilizzate per l acconto.

7 PAC - Varietà grano duro Pubblichiamo, di seguito, la lista delle varietà di grano duro ammissibili, ai sensi dell art. 69 del Reg CE 1782/2003, per la campagna di commercializzazione 2006/2007 (semine 2006): ACHILLE - ADAMELLO ALEMANNO - AMEDEO AMILCAR ANCO MARZIO APPIO APPULO AR- CANGELO ARCOBALENO ARIOSTO - ARTIMON ASDRUBAL AVISPA BAIO BALIDURO BARCA- ROL BOLO BORELLO BRADANO BRINDUR BRONTE BURGOS CAMPODORO CANNIZZO CANYON CAPPELLI CAPRI - CARIOCA CASANOVA CATERVO CHIARA CICCIO CIRILLO CLAUDIO COLORADO COLOSSEO CONCADORO CRESO CRISPIERO DARIO - DAUNIA DERRICK DORATO DUETTO DUILIO DUPRI DURANGO DURBEL DYLAN ELIOS ERCOLE ERMOCOLLE FABIO FIORE FLAMINIO FLAVIO FORTORE GARDENA GARGANO GHIBLI GIANNI GIEMME GIOTTO GIOVE GIUSTO GRAZIA GRECALE HATHOR - ICARO IONIO IRIDE ITALO KARALIS KRONOS K26 -LATINO LATINUR LESINA LEVANTE LIBECCIO MAE- STRALE - MARCO MATT MERIDIANO MESSAPIA MONGIBELLO NEFER NEODUR NEOLATINO - NERONE NORBA NORMANNO OFANTO ORFEO OROBEL PERSEO PESCADOU- PIETRAFITTA PLATANI PLINIO PORTOBELLO PORTORICO PR22D40 PR22D66 PR22D78 PR22D89 PRECO PRINCIPE - PROMETEO PROVENZAL QUADRATO RADIOSO RINGO RUSTICANO SAN CARLO SANT AGATA SARAGOLLA SEMOLON SEVERO - SFINGE SIMETO SOLEX SORRENTO SORRISO SUPERDUR - SVEVO TIZIANA TORREBIANCA TRESOR TRIONFO -TURCHESE ULISSE VALBELICE VALERIO VALSALSO VARANO VENDETTA VENTO VERDI VERTOLA VESUVIO VETRODUR VET- TORE VINCI VIRGILIO VITRICO VITROMAX VITRON. Lista varietà ammissibili al premio specifico alla qualità (Reg CE 1782/2003 titolo IV) ADAMELLO AMEDEO ANCO MARZIO APPIO ARCOBALENO ARNACORIS - ARTIMON AVISPA BAIO BARCAROL BRADANO BRINDUR BRONTE CAMPODORO CANNIZZO CAPPELLI CAPRI - CARIOCA CASANOVA CATERVO CHIARA CICCIO CIRILLO CLAUDIO COLORADO COLOSSEO CONCADORO CRESO DARIO - DORATO DUILIO DURANGO DYLAN ERMO- COLLE FLAMINIO GARDENA GIEMME GRAZIA GRECALE HATHOR - IMHOTEP IONIO IRIDE ITALO - KRONOS K26 - LATINUR LESINA LEVANTE LIBECCIO MAESTRALE - MARCO MATT MERIDIANO MONGIBELLO NEFER NEOLATINO - NERONE NORMANNO ORFEO OROBEL PERSEO PIETRAFITTA PLATANI PLINIO PORTORICO PR22D40 PR22D66 PR22D78 PR22D89 PRECO PROMETEO QUADRATO RADIOSO RUSTICANO SAN CARLO SANT AGATA SARA- GOLLA SEVERO - SFINGE SIMETO SOLEX SORRENTO SORRISO SVEVO TORREBIANCA TRESOR TRIONFO -TURCHESE VALERIO VARANO VENDETTA VENTO VERTOLA VETRODUR VETTORE VINCI VIRGILIO VITRICO VITROMAX VITRON - VIVADUR L Unione sta organizzando un corso per il manuale di autocontrollo (HACCP) Invitiamo gli interessati a prenotarsi improrogabilmente entro il 10 Gennaio 2007, presso l Ufficio Tecnico dell Unione. APOT - Corsi di formazione Comunichiamo che la nostra associazione APOT sta organizzando corsi di formazione gratuita per: - potatura - tecniche di coltivazione - assaggio, valutazione organolettica I corsi si svolgeranno nei mesi di Gennaio Febbraio Marzo. Per ulteriori informazioni gli interessati possono contattare l Associazione o la segreteria dell Unione entro il 10 Gennaio 2007.

8 SCADENZARIO DICEMBRE - GENNAIO 11 DICEMBRE termine presentazione ad ARTEA della dichiarazione raccolta uve e produzione vinicola 2006 tramite sportello CAA Confagricoltura. 11 DICEMBRE Denuncia uve DOC, DOCG e IGT alla Camera di Commercio. 16 DICEMBRE - termine ultimo per il versamento in acconto dell imposta sostitutiva sul TFR degli operai a tempo indeterminato. 16 DICEMBRE IRPEF - datori di lavoro - versamento dei contributi dovuti, sulle retribuzioni del mese di Novembre, per operai, impiegati e dirigenti agricoli mediante mod. F DICEMBRE - IVA - versamento relativo al mese precedente per i contribuenti mensili. 16 DICEMBRE - INPS - datori di lavoro - versamento dei contributi dovuti, sulle retribuzioni del mese di Novembre, per impiegati e dirigenti agricoli a mezzo modello unificato. 20 DICEMBRE ICI Versamento a saldo. 27 DICEMBRE ENPAIA presentazione modello DIPA/01 con invio telematico e pagamento contributi relativi al mese precedente. 27 DICEMBRE IVA - i contribuenti titolari di partita IVA dovranno versare l acconto IVA dovuto per l anno in corso. 31 DICEMBRE scarico semestrale carburante agevolato DICEMBRE INPS invio telematico denuncia retribuzioni mod. DM10 per impiegati e dirigenti agricoli. 31 DICEMBRE INPS EMENS invio telematico mensilizzazione dati retributivi per impiegati e dirigenti agricoli. 16 GENNAIO Termine per ricognizione preventiva titoli olio d oliva. 17 GENNAIO IRPEF - datori di lavoro - denuncia (presentazione mod. DM10/2) e versamento dei contributi dovuti, sulle retribuzioni del mese di Dicembre, per impiegati e dirigenti agricoli mediante mod. F GENNAIO - IVA - Liquidazione periodica ed eventuale versamento IVA relativo al mese precedente per i contribuenti mensili. 17 GENNAIO - INPS - datori di lavoro - denuncia (presentazione mod. DM10/2) e versamento dei contributi dovuti, sulle retribuzioni del mese di Dicembre, per impiegati e dirigenti agricoli a mezzo modello unificato. 25 GENNAIO INPS Termine per la presentazione in via telematica, della denuncia trimestrale relativa al 4 trimestre 2006 per il personale OTD, OTD e compartecipanti individuali. 25 GENNAIO ENPAIA presentazione modello DIPA/01 con invio telematico e pagamento contributi relativi al mese precedente. 31 GENNAIO UTE Denuncia all Ufficio Tecnico Erariale delle variazioni di qualità di coltura avvenute nel corso dell anno precedente. 31 GENNAIO INPS invio telematico denuncia retribuzioni mod. DM10 per impiegati e dirigenti agricoli. QUOTA ASSOCIATIVA Invitiamo tutti i Soci che non hanno ancora corrisposto la quota associativa per il 2006 a provvedere con la massima sollecitudine, ricordando che le quote associative sono essenziali per la vita ed il buon funzionamento dell Unione Agricoltori. L Unione augura a tutti i Soci un Buon Natale ed un Felice Anno Nuovo

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) LE ASSUNZIONI CONGIUNTE IN AGRICOLTURA. Il settore agricolo, in particolar modo per quel che concerne la gestione degli operai

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A Comunicazione Spesometro 2 Attivazione 2 Configurazioni 3 Classificazione delle Aliquote IVA 3 Dati soggetto obbligato 4 Opzioni 5 Nuovo adempimento 6 Gestione

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli