R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione I, composto dai

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione I, composto dai"

Transcript

1 R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione I, composto dai Signori: 1) dott. Antonino Savo Amodio Presidente 2) dott. Nicola Gaviano Consigliere relatore 3) dott. Mario Alberto Di Nezza Referendario ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n. 5604\2002 Reg. Gen., proposto dalla ESE-Insight World Education Systems Limited, società corrente in Londra e con sede secondaria in Italia, in persona del legale rappresentante p.t. sig.ra Kristin Renée Sharpe, rappresentata e difesa dagli avv.ti Giuseppe Conte, Alberto Marconi e Giovanni Candido Di Gioia c o n t r o l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentata e difesa dall Avvocatura Generale dello Stato e nei confronti del sig. Silvestri Massimo, del Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica e dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, in persona dei rispettivi legali rappresentanti p.t., nn.cc.; per l annullamento

2 2 - del provvedimento emesso dall Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nella seduta dell 11\4\2002, comunicato alla società ricorrente il successivo giorno 24; - di ogni atto preparatorio, presupposto, consequenziale o comunque connesso, ed in particolare del parere dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni del 29\3\2002, e delle note del Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica in data 16\6\1993, 20\6\2000 e 3\10\2000, atti tutti citati nel provvedimento dell Autorità Garante. VISTI i ricorsi ed i relativi allegati; VISTI gli atti di costituzione in giudizio dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato; VISTE le memorie presentate dalle parti a sostegno delle loro rispettive difese; VISTI gli atti tutti di causa; UDITI alla pubblica udienza del 4\2\2004 il relatore ed altresì l avv. G. Conte e l avv. dello Stato D. Del Gaizo; RITENUTO e considerato in fatto e in diritto quanto segue: F A T T O L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato con provvedimento n (PI3433) in data 11 aprile 2002, comunicato il 24 aprile successivo, qualificava come fattispecie di pubblicità ingannevole ai sensi del d.lgs. n. 74 del 1992 due messaggi pubblicitari comparsi sul Corriere della Sera del 14 giugno e del 6 luglio 2001 e reclamizzanti i corsi tenuti dalla European School of Economics (facente capo alla ESE-Insight World Education

3 3 Systems Limited), vietandone l ulteriore diffusione ed impartendo l ordine di pubblicazione di una dichiarazione rettificativa. Contro tale provvedimento insorgeva la società interessata (di seguito, semplicemente ESE ) mediante il ricorso in epigrafe, ritualmente notificato e depositato, con il quale ne deduceva l illegittimità a titolo di violazione di legge e di eccesso di potere mediante l articolazione di molteplici mezzi. L Amministrazione intimata, costituitasi in giudizio in resistenza all impugnativa, con memorie del 22\5\2002 e del 29\1\2004 deduceva l infondatezza delle censure della ricorrente, concludendo per la reiezione del ricorso. La società ESE, dal canto suo, ribadiva e sviluppava le proprie doglianze con scritti del 7\12\2002, 30\12\2003 e 28\1\2004, insistendo per l accoglimento del gravame. Alla pubblica udienza del 4\2\2004 la causa è stata trattenuta in decisione. D I R I T T O 1 Forma oggetto di ricorso il provvedimento in data 11 aprile 2002 con il quale l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha qualificato come fattispecie di pubblicità ingannevole ai sensi del d.lgs. n. 74 del 1992 due messaggi pubblicitari comparsi sul Corriere della Sera e reclamizzanti i corsi tenuti dalla European School of Economics, vietandone l ulteriore diffusione e prescrivendo la pubblicazione di una dichiarazione rettificativa. La società ricorrente ha articolato una pluralità di censure avverso il provvedimento. Sui motivi di carattere formale e procedimentale merita peraltro la precedenza, per il suo carattere assorbente, l ultimo mezzo

4 4 d impugnativa, con il quale è stata contestata la sostanza del giudizio di ingannevolezza che ha colpito le pubblicità in questione. Il motivo è fondato. 2 I messaggi intorno ai quali è causa riguardano, entrambi, due distinte tipologie di titoli conseguibili attraverso i corsi offerti dall ESE : un titolo di tipo universitario, denominato European degree (BA with Hons) (abbreviazione di Bachelor of Arts with Honours ), in economia e finanza internazionale o altre discipline; un MBA (Master in Business Administration), con diversi possibili settori di specializzazione. La valutazione di ingannevolezza dell Autorità ha investito, sulla base di ragioni diverse, la pubblicità di ambedue i titoli. In questa sede verranno trattate per prime (come è stato fatto tanto dal provvedimento quanto nel ricorso) le problematiche connesse alla pubblicità del titolo universitario. 3a All esito della propria istruttoria procedimentale l Autorità ha riconosciuto che l ESE, pur non essendo ex se abilitata a rilasciare titoli universitari, con i suoi corsi è effettivamente in grado di far conseguire il BA with Hons di una università britannica, e quindi un titolo di laurea riconducibile a tutti gli effetti al relativo ordinamento. In virtù del contratto esistente tra ESE e Nottingham Trent University (NTU), tutti gli studenti che abbiano seguito i corsi nelle sedi italiane della ESE e superato i relativi esami ricevono il titolo britannico di BA Hons della NTU anche senza essersi mai recati di persona presso la predetta università inglese. Ciò che ha indotto l Autorità ad intervenire è, però, il fatto che un titolo ottenuto in questo modo (vale a dire, studiando essenzialmente in

5 5 Italia) non potrebbe conseguire riconoscimento legale nel nostro Paese, in quanto il Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica richiede alle università italiane, a partire dal 1993, di verificare, in occasione di ogni richiesta di riconoscimento di titoli rilasciati da università straniere, che gli studi che hanno condotto ad essi siano stati realmente compiuti in loco. Nel provvedimento in esame è stato rilevato, quindi, che, per quanto nei messaggi non venga esplicitamente dichiarato che il titolo ottenibile attraverso l ESE sia equipollente ad una laurea italiana, il BA Hons non vi viene descritto come sarebbe stato appropriato- semplicemente quale british degree, bensì, più ampiamente, come european degree. Ebbene, ad avviso dell Autorità l ampliamento della portata del titolo suggerito dall uso dell aggettivo european dovrebbe essere considerato decettivo, in quanto il BA in questione non è, al momento, automaticamente riconosciuto in alcuni paesi UE, tra i quali l Italia, né, data la normativa vigente, risulta che esso possa essere anche solo ammesso alla procedura per il riconoscimento. In altre parole, la caratterizzazione, effettuata nei messaggi in esame, del BA Hons della NTU come european degree può indurre a ritenere che, una volta raggiunto, esso costituisca un titolo di studio universitario a tutti gli effetti non solo nel Regno Unito ma anche in tutti i paesi d Europa e, dunque, in particolare, anche in Italia, cosa che invece al momento non corrisponde a verità. 3b Le valutazioni appena riportate formano oggetto di contestazione mediante il ricorso in esame. La ESE, con il proprio atto introduttivo, premesso che l insegnamento impartito dagli istituti di natura privata assume le caratteristiche di una

6 6 prestazione di servizi ai sensi del Trattato, si è doluta che l Autorità non abbia tenuto conto dei principi dell ordinamento comunitario nel senso tra l altro- della libera scelta individuale dell istituto e del luogo della formazione professionale (principi applicabili anche nei rapporti tra il cittadino e lo Stato membro di appartenenza): principi con i quali sarebbero incompatibili norme o prassi amministrative nazionali tali che il degree in questione si veda già in astratto preclusa l ammissione alla procedura per il riconoscimento. Ha osservato la ricorrente, in particolare, che, se è vero che il titolo di BA rilasciato dalla NTU a chi abbia completato i corsi ESE, stante la normativa attualmente vigente, non è riconosciuto né riconoscibile in Italia, ciò è dovuto soltanto al mancato rispetto da parte dello Stato italiano dei principi fondamentali dell ordinamento comunitario, che per contro imporrebbero di ammettere tale titolo al riconoscimento nel Paese. Il consumatore, tuttavia, dovrebbe poter conoscere la verità, vale a dire essere reso edotto della riconoscibilità del titolo in discorso nonostante la difforme normativa nazionale, la quale per la propria incompatibilità con il diritto comunitario non potrebbe ricevere applicazione. In questo contesto, quindi, concludeva la ESE, l Autorità, piuttosto che giudicare ingannevole la pubblicità di cui si tratta, avrebbe dovuto semmai avvalersi dei propri poteri di segnalazione di cui agli artt. 21 e 22 della legge n. 287\1990 (fonte normativa che riguarda tuttavia, va subito detto, una materia distinta). E la ricorrente chiedeva, comunque, che questo Tribunale rimettesse alla Corte di Giustizia, ai sensi dell art. 234 del

7 7 Trattato, le pregiudiziali comunitarie ritenute rilevanti ai fini della decisione della controversia. 3c Osserva il Tribunale che la ricostruzione dello stato del diritto comunitario operata dalla ESE ha trovato sostanziale conferma, in corso di giudizio, nella sopraggiunta decisione della Corte di Giustizia 13 novembre 2003 resa su domanda di pronuncia pregiudiziale del Giudice di pace di Genova, dinanzi al quale pendeva una causa che vedeva come parte proprio l ESE, convenuta in giudizio da un allieva mediante l esperimento di una domanda di restituzione della retta. La Corte di Giustizia ha sottolineato, innanzitutto, che l'organizzazione dietro corrispettivo di corsi di formazione superiore è un'attività economica che rientra nel capitolo del Trattato relativo al diritto di stabilimento quando sia svolta da un cittadino di uno Stato membro in un altro Stato membro, in maniera stabile e continuativa, a partire da un centro di attività principale o secondario ubicato in quest'ultimo. La Corte, dopo avere riconosciuto che la ESE integra una situazione siffatta, ha ricordato che l'articolo 43 del Trattato impone l'abolizione delle restrizioni alla libertà di stabilimento, dovendo essere considerate tali "tutte le misure che vietano, ostacolano o rendono meno attraente l'esercizio di tale libertà". Essa ha soggiunto, inoltre, che, "per un istituto di istruzione, quale l ESE, che organizza corsi di formazione intesi a permettere agli studenti di ottenere diplomi che possano facilitare il loro accesso al mercato del lavoro, il riconoscimento di tali diplomi da parte delle autorità dello Stato membro presenta un'importanza rilevante".

8 8 È stato quindi definito "evidente che una prassi amministrativa, quale quella controversa nella causa principale, in forza della quale taluni diplomi rilasciati a conclusione dei corsi di formazione universitaria tenuti dall ESE non sono riconosciuti in Italia, può dissuadere gli studenti dal seguire tali corsi e in tal modo ostacolare gravemente l'esercizio da parte dell'ese della sua attività economica in tale Stato membro". Di qui la puntualizzazione che una prassi amministrativa quale quella di cui trattasi "rappresenta una restrizione alla libertà di stabilimento dell'ese ai sensi dell'art. 43 CE. In relazione, poi, all'argomento difensivo del Governo italiano teso a giustificare il proprio orientamento restrittivo con la necessità di garantire un elevato livello dell'istruzione universitaria, la Corte ha rilevato quanto segue. "Se l'obiettivo di garantire un livello elevato delle formazioni universitarie sembra legittimo per giustificare restrizioni alla libertà fondamentali, tali restrizioni devono essere idonee a garantire il conseguimento dello scopo perseguito e non devono andare oltre quanto necessario per il raggiungimento di questo". La Corte ha riscontrato, però, la mancanza di entrambi tali presupposti. Essa ha rilevato, infatti, che la prassi amministrativa in questione non solo non risulta atta a realizzare l'obiettivo, fatto valere dal Governo italiano, di garantire un elevato livello delle formazioni universitarie, ma soprattutto, per il fatto di escludere qualsiasi esame da parte delle autorità nazionali, e pertanto qualsiasi possibilità di riconoscimento dei diplomi rilasciati nelle circostanze indicate, va oltre quanto necessario per garantire l'obiettivo perseguito, contravvenendo al principio di proporzionalità.

9 9 Da tutto ciò, dunque, la conclusione della Corte che " l'art. 43 CE osta a una prassi amministrativa, quale quella controversa della causa principale, in forza della quale i diplomi universitari rilasciati da un'università di uno Stato membro non possono essere riconosciuti in un altro Stato membro quando i corsi propedeutici a tali diplomi sono stati tenuti in quest'ultimo Stato membro ad opera di un diverso istituto di istruzione in conformità ad un accordo concluso fra tali due istituti". 3d Ora, la tesi di fondo della difesa erariale è che queste enunciazioni non potrebbero riverberare influenza sulla questione, qui controversa, della legittimità del provvedimento in epigrafe. Dinanzi ai messaggi pubblicitari di cui si tratta, è stato subito obiettato dall Avvocatura dello Stato, il compito dell Autorità è solo quello di verificare quali possibilità esistano, per lo studente che abbia frequentato i relativi corsi, di utilizzare legalmente in Italia i conseguenti titoli. E questa possibilità è stata verificata dalla resistente presso l Amministrazione nazionale a ciò specificamente competente, il Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica, alle cui indicazioni essa non ha fatto altro che attenersi. Potrà anche darsi, allora, si diceva già nella memoria erariale del 22\5\2002, che il Ministero erri nell escludere a priori la riconoscibilità in Italia della laurea inglese conseguita nel modo indicato; e potrà anche darsi che in questa maniera esso violi principi di diritto comunitario. Ciò che conta, però, è il dato di fatto presente ed attuale che nessuno studente dell ESE potrebbe ottenere in Italia il riconoscimento del proprio titolo.

10 10 Questa posizione è stata sviluppata dalla difesa dell Autorità con una successiva memoria, posteriore al pronunciamento della Corte di Giustizia. Il punto di vista dell Avvocatura dello Stato, già affiorato, è che l illegittimità della prassi amministrativa censurata dal Giudice Comunitario non spiegherebbe rilevanza sul piano dello scrutinio di ingannevolezza pubblicitaria. Per i consumatori, viene ribadito, il contrasto con il diritto comunitario della circolare ministeriale che escludeva dalla procedura di riconoscimento i titoli rilasciati in esito a corsi come quelli dell ESE sarebbe, in pratica, ininfluente, dal momento che il semplice fatto dell esistenza stessa di tale circolare già sarebbe stato sufficiente a frustrare lo scopo dell adesione all offerta commerciale della ricorrente. Si soggiunge, inoltre, che la ricorrente, anche se al tempo magari dubitava della legittimità della suddetta prassi, non avrebbe però potuto ignorarla nella propria comunicazione d impresa, dando ad intendere al mercato che il riconoscimento in Italia dei propri titoli fosse un fatto acquisito. È stato fatto notare, infine, che la Corte di Giustizia non contesta il fatto che la normativa italiana non contempli un riconoscimento automatico dei titoli di studio conseguiti all estero, ma censura semplicemente la pregiudiziale esclusione dall accesso alla procedura di riconoscimento per i titoli conseguiti dietro frequenza di corsi tenuti in un Paese diverso da quello dell istituzione che li rilascia. Da ciò si desume, quindi, che non si pone in contrasto con l art. 43 del Trattato, così come letto dalla Corte di Giustizia, una normativa nazionale che faccia dipendere il riconoscimento dei titoli accademici rilasciati all estero da una previa verifica dell Amministrazione

11 11 finalizzata a controllare il livello formativo assicurato dal corso di studi frequentato in concreto. Sicchè, nel mentre i messaggi in questione avrebbero lasciato intendere che il titolo BA della NTU era automaticamente riconosciuto nell ordinamento italiano, anche dopo la pronuncia della Corte comunitaria rimarrebbe pur sempre vero che i titoli in questione non possono beneficiare di un riconoscimento in via automatica, potendo ottenerlo solo a seguito di una valutazione amministrativa di congruità operata caso per caso. 3e Il Tribunale non può condividere la linea argomentativa di parte resistente. Si è visto sopra come la prassi amministrativa alla luce della quale l'autorità ha valutato l'ingannevolezza dei messaggi in discorso (e che è stata posta a fondamento della prescritta dichiarazione rettificativa) si sia rivelata illegittima per contrasto con i principi comunitari, in base a ragioni riconducibili a quelle allegate mediante il presente ricorso. Ora, questa circostanza non sembra poter essere qualificata irrilevante in nome della presunta decisività dell'ostacolo di fatto che tale prassi comunque frapponeva, per il sol fatto di esistere (e a prescindere dalla sua legittimità), alla realizzazione delle aspirazioni dei consumatori interessati. Il Tribunale non si nasconde la problematicità del punto in esame, né la serietà delle ragioni di salvaguardia dei consumatori la più immediata possibile- che ispirano l interpretazione patrocinata dalla difesa dell Autorità. Ritiene, tuttavia, che il principio di unità dell'ordinamento giuridico e quello del primato del diritto comunitario comportino che

12 12 l'operatore economico cui le norme comunitarie conferiscono determinate prerogative debba senz altro essere ammesso (almeno nei suoi rapporti di tipo c.d. verticale) a commisurare a tale elemento costitutivo del proprio patrimonio giuridico la propria comunicazione pubblicitaria. E questo anche quando la concreta operatività delle dette prerogative sia destinata ad incontrare ostacoli di fatto in prassi nazionali illegittime. Lo Stato che si sia dato una prassi in violazione del diritto comunitario nella specie, del diritto di stabilimento-, e perciò antigiuridica, non può essere infatti ammesso ad opporre -attraverso un proprio organo, quale è anche la resistente Autorità- l esistenza di tale illegittima prassi al fine di limitare la libertà di espressione pubblicitaria dell'operatore che già una prima volta, nelle sue relazioni economiche, ne era stato leso, giacché ciò si tradurrebbe in una ulteriore violazione dei diritti individuali del soggetto, che questo Tribunale non potrebbe assolutamente autorizzare. Come ben dice la ricorrente, quindi, posto che l art. 43 del Trattato esige l'ammissione dei titoli di cui si tratta alla procedura di riconoscimento, un messaggio pubblicitario che evochi questa prospettiva non può essere ritenuto ingannevole, ancorché la vigente normativa o prassi amministrativa nazionali siano a ciò ostative: la diffusione di un messaggio non potrebbe essere vietata, per il fatto che questo si richiami a, o comunque presupponga, diritti che l'ordinamento comunitario garantisce, senza con ciò violare norme imperative dello stesso ordinamento. Il Tribunale, chiarito quanto precede, osserva che i messaggi dei quali si discute dovrebbero nondimeno essere giudicati ingannevoli qualora avessero univocamente garantito l automatica operatività dei titoli de quibus

13 13 in Italia. Così, però, non era; né, del resto, a suo tempo nel provvedimento in epigrafe è stato affermato con chiarezza che così fosse. Nei testi pubblicitari della ricorrente ci si limitava a far genericamente parola di un European degree (BA with Hons), con il che, se poteva evocarsi indubbiamente nel lettore la possibilità di un riconoscimento di siffatto titolo anche in Italia, non lo si assicurava, però, in alcun modo. E all uso dell aggettivo european, in luogo di quello british, non appare logico annettere alcuna portata decettiva, se si considera che il titolo in questione effettivamente non costituisce un mero dato straniero, ma è un quid che, proprio sulla base della normativa comunitaria, e al pari di ogni altro titolo accademico europeo, è riconoscibile anche nell ambito dei singoli ordinamenti nazionali. 4 Le censure di parte ricorrente meritano accoglimento anche rispetto al giudizio di ingannevolezza che ha colpito la pubblicità data nel contesto degli stessi messaggi di cui si è detto- al Master in Business Administration dell ESE. Vengono qui in rilievo dei corsi della durata di 12 mesi offerti a laureati (o a soggetti che abbiano già comunque maturato una significativa esperienza di lavoro), rivolti all aggiornamento professionale e destinati a mettere capo ad un semplice attestato di frequenza, non assimilabile ad un titolo di studio. 4a Il giudizio critico espresso in proposito dall Autorità poggia su due argomenti. Nel provvedimento impugnato viene notato in primo luogo che, poiché i messaggi de quibus non opererebbero una significativa differenziazione tra la pubblicità dei corsi per il conseguimento del BA with Hons e quella dei

14 14 corsi per il MBA (entrambi titoli tipici dell ordinamento universitario britannico), essi ingenererebbero in questo modo il convincimento che anche i secondi potrebbero condurre, come i primi, all ottenimento di titoli ufficiali rilasciati da un università del Regno Unito, laddove, per converso, per loro tramite si otterrebbe solo un semplice attestato di frequenza rilasciato dall ESE (poiché il MBA dell ESE non rientra nell accordo di convalida esistente tra la medesima e la NTU, ma è organizzato e gestito in piena autonomia dalla ricorrente). L Autorità ha osservato, inoltre, che la dicitura unico in Europa accompagnante nei due messaggi il riferimento al MBA sarebbe ingannevole in quanto non suffragata dai fatti, esistendo in realtà in tutta l Europa, Italia compresa, numerosi corsi analoghi aventi la stessa denominazione. Entrambi gli argomenti sono stati convincentemente criticati dalla ricorrente. 4b E stato fatto notare con il ricorso in esame che solo una fugace lettura potrebbe far ritenere che i messaggi non rechino una significativa differenziazione tra le pubblicità dei corsi per il conseguimento del BA with Hons e quelli per il MBA. Pare determinante, invece, -né il punto è del resto sfuggito all Autorità- che nei relativi testi, nel mentre il BA with Hons viene definito con l appellativo di european degree, nessuna definizione viene impiegata per designare in qualsiasi modo il MBA, a proposito del quale si dice semplicemente che lo stesso sarebbe un Master- unico in Europa.

15 15 Se, quindi, è pacifico che il sistema universitario britannico preveda anche l esistenza di degree MBA, appare però già prima facie arduo ipotizzare che possa sorgere la temuta confusione quando un corso di Master si astenga dal fregiarsi della formale specificazione di degree, e si presenti quindi come un semplice ed ordinario corso di aggiornamento professionale. E questa eventualità di confusione va tanto più esclusa se, intendendo doverosamente il messaggio, come fa il consumatore-tipo, alla luce del linguaggio comune, si tiene nel debito conto il fatto che nel territorio nazionale è diffusissima -ed ampiamente pubblicizzatal organizzazione, da parte dei soggetti più disparati, di corsi c.d. Master la cui frequenza non vale a procurare alcun effettivo titolo di studio. A riprova dell incapacità del vocabolo Master, in se stesso, di evocare un titolo avente valore legale, va ricordato che quando nella disciplina positiva si è inteso mutuare il termine è stata avvertita in pari tempo la necessità di specificarlo, per sottolineare, appunto, che ci si riferiva a corsi idonei a sfociare in veri e propri titoli di studio, con l uso della più ampia dizione di master universitari di primo e di secondo livello (art. 3, comma 8, d.m. n. 509 del 3\11\1999). E, come ha documentato la ricorrente, allorché in sede normativa si è voluto in seguito riferirsi a corsi post lauream sfocianti in un titolo di studio, si è utilizzata proprio la più ampia dizione appena riportata, e non la mera dicitura di Master (doc. n. 25). Esiste, pertanto, una diffusa e consolidata prassi espressiva di denominare Master i più vari corsi di perfezionamento post lauream, aventi la funzione di arricchire i curricula accrescendo le potenzialità individuali sul mercato del lavoro, ancorché si tratti di percorsi insuscettibili

16 16 il più delle volte di sfociare in un titolo di studio (all. n. 13 di parte ricorrente; la stessa AGCM, notando nel suo provvedimento che esistono in tutta Europa, ed anche in Italia, corsi analoghi -denominati MBA- offerti da numerose altre istituzioni, non sembra aliena dal riconoscere la volgarizzazione invalsa nell uso comune del termine Master) E l esistenza di questa prassi, unita alla differenziata denominazione che nei messaggi in discussione è stata impiegata -come si è visto- per i due titoli, persuade dell irragionevolezza della qualificazione della pubblicità in esame come ingannevole. 4c Una conclusione simile si impone, infine, a proposito delle critiche mosse dall Autorità alla dizione di unico in Europa, che ESE ha adoperato nel promuovere il suo MBA. Proprio il dato, sottolineato nel provvedimento, della notoria esistenza di numerosi corsi analoghi sia in Italia che all estero costringeva ad interpretare l espressione appena riportata ponendo l accento essenzialmente sull aspetto qualitativo dell offerta formativa della ricorrente. L Autorità non ha mancato di porsi da questa angolazione. In questa prospettiva, tuttavia, essa non ha particolarmente argomentato in merito al punto centrale del giudizio devoluto alla sua competenza. Non ha contestato, cioè, in sostanza, il fatto che la ricchezza di gamma delle specializzazioni dei corsi di Master dell ESE potesse a buon diritto far considerare effettivamente in qualche modo unica la sua offerta. Ha invece appuntato la propria attenzione sul mero e pur secondario dato tipografico, osservando che l elencazione delle dette specializzazioni era stata riportata in caratteri molto più piccoli di quelli adoperati per l espressione unico in Europa, e

17 17 che nei messaggi non appariva individuabile con immediatezza la dipendenza del claim dalla variegatezza dell offerta della ricorrente. Così facendo, però, si è finito con l ancorare la valutazione in esame ad elementi del tutto secondari, omettendo di coordinarli con il punto testè definito centrale, e soprattutto senza tenere nel necessario conto le esigenze di sinteticità ed enfasi espressiva che sono indissolubilmente legate alla comunicazione pubblicitaria. In questo modo l Autorità è dunque incorsa nella dedotta censura di difetto di motivazione. 5 Per le ragioni esposte, in conclusione, il ricorso deve essere accolto, rimanendo logicamente assorbiti i motivi che residuano. Si rinvengono ragioni tali da giustificare la compensazione delle spese processuali tra tutte le parti in causa. P Q M Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione I, accoglie il ricorso in epigrafe, e per l effetto annulla l impugnato provvedimento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Spese compensate. La presente decisione sarà eseguita dall'autorità amministrativa. Così deciso in Roma, Camera di consiglio del 4\2\2004. Il Presidente L'estensore

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato La giurisprudenza prevalente è difatti attestata che l incameramento della cauzione provvisoria ai sensi dell art. 48 cit. è una conseguenza sanzionatoria del tutto automatica del provvedimento di esclusione,

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Al riguardo, infatti, non si ravvisa alcun deficit motivazionale a carico della valutazione della Commissione di gara, che ha precisato l impossibilità di tenere conto delle indicazioni fornite

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279 R E P U B B L I C A I T A L I A N A In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE D APPELLO PER LA REGIONE SICILIANA composta dai magistrati: dott. Salvatore CILIA dott. Salvatore

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

ha pronunciato la presente Consiglio di Stato n. 4783 del 10.09.2012 in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)

ha pronunciato la presente Consiglio di Stato n. 4783 del 10.09.2012 in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) Il Consiglio di Stato, Sezione V, con la Sentenza del 10 Settembre 2012 n. 4783, ha accolto il ricorso presentato da una società in riforma alla Sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale della Basilicata,

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 22 agosto 2013, n. 2073 Edilizia e urbanistica - Edificabilità dei suoli - Fasce di rispetto - La disciplina derivante dai vincoli imposti sulle aree in fasce di rispetto

Dettagli

Pagina 1 di 13 N. 01842/2015REG.PROV.COLL. N. 08855/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Avvocato cancellato dall Albo per assunzione in azienda privata. Possibilità o meno di spendere il titolo nelle comunicazioni extragiudiziali

Avvocato cancellato dall Albo per assunzione in azienda privata. Possibilità o meno di spendere il titolo nelle comunicazioni extragiudiziali www.ilfogliodelconsiglio.it/wp-content/uploads/pa_f_495_1.doc Avvocato cancellato dall Albo per assunzione in azienda privata. Possibilità o meno di spendere il titolo nelle comunicazioni extragiudiziali

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 Integrale Sanzioni disciplinari - trasferimento del lavoratore per giustificato motivo tecnico,

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda)

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli