PROGRAMMA SPORTIVO NAZIONALE DELLA SEZIONE CARAMBOLA. Annata Sportiva

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA SPORTIVO NAZIONALE DELLA SEZIONE CARAMBOLA. Annata Sportiva 2010-2011"

Transcript

1 PROGRAMMA SPORTIVO NAZIONALE DELLA SEZIONE CARAMBOLA Annata Sportiva Sono collegati a questo Programma, e lo completano, sia il Programma delle Zone Peninsulari ( Nord, Centro e Sud ), sia il Programma della Zona Sicilia, sia il Programma della Zona Sardegna. 1

2 SOMMARIO PAGINA ARGOMENTO 3 Premessa 4 Organigramma della Sezione Carambola 5 A CARAMBOLA SPECIALITA' ARTISTICA 6 B CARAMBOLA SPECIALITA' GIOCHI DI SERIE 7 C CARAMBOLA SPECIALITA' 3-SPONDE 7 C 1 -CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE 8 C 2 - CAMPIONATO ITALIANO JUNIORES 10 C 3 - CAMPIONATO ITALIANO E GRAND PRIX 10 Campionato Italiano : Disposizioni Generali e Qualificazione 13 Formule di gioco delle Poule Finali del C.A.I 15 Premi e riconoscimenti per la 1^ Categoria 15 Premi e riconoscimenti per la 2^ Categoria 16 Premi e riconoscimenti per la 3^ Categoria 17 Grand Prix Italia 18 Fase eliminatoria delle singole Prove del G.P. 18 Fase finale delle singole Prove del G.P. 19 Punteggi e Premi nelle Prove del G.P. con 32 partecipanti 19 Punteggi e Premi nelle Prove del G.P. con 64 partecipanti 2

3 PREMESSA Nella preparazione del Programma Sportivo si è ritenuto opportuno, da un lato prendere in considerazione alcune delle istanze di rinnovamento che, dopo l esperienza dell annata appena trascorsa, sono emerse nell ambiente della Carambola italiana, dall altro proseguire il tentativo di ristrutturazione periferica già avviato nel Il Programma che segue è da considerare, comunque, soggetto a possibili ampliamenti ed eventuali modifiche, sulla base dell esperienza che tutti insieme, organizzatori ed atleti, verranno man mano realizzando nel corso dell anno. Riguardo alla strutturazione organizzativa della Sezione, si è portato avanti il progetto che aveva visto le prime realizzazioni nell annata Ci si riferisce alla suddivisione della Sicilia in zone interprovinciali, e alla suddivisione della Penisola in zone interregionali, ciascuna di esse separatamente presente con specifiche attività. Gli attuali vuoti organizzativi della Sezione Carambola verranno colmati, appena possibile, sia nella Penisola e Zone Interregionali, sia in Sicilia e nelle zone interprovinciali siciliane. Centralmente nella Sezione Carambola, verranno man mano studiate posizioni di supporto al Responsabile Nazionale: segreteria di Sezione, commissione tecnica, rappresentante/i degli atleti, ecc. Sono state individuate, e verranno avviate a breve termine, opportune attività di aggiornamento e rinnovamento dei regolamenti ( di gioco, di organizzazione delle gare, ecc ). Chiudo questa breve premessa manifestando la soddisfazione per la buona riuscita delle attività realizzate nel alle quali hanno contribuito e ad essi va il mio vivo ringraziamento - gli atleti e i collaboratori che vi hanno partecipato. Nutro la speranza che l annata possa registrare altrettanta, o anche superiore, presenza e collaborazione, e si realizzi con la soddisfazione di tutti gli interessati, amanti ed estimatori del nostro sport. I migliori e più cordiali Auguri a tutti! MAURIZIO LODATO Responsabile Nazionale Sezione Carambola 3

4 SEZIONE CARAMBOLA - ORGANIGRAMMA RESPONSABILE NAZIONALE DI SEZIONE MAURIZIO LODATO Viale Europa 287 ALCAMO ( TP ) Tel/Fax Cell Coordinatore attività Zone Peninsulari Franco CAREDDU Cell Responsabile Zona Interregionale NORD (Val D Aosta-Piemonte-Lombardia-Triveneto-Liguria-Emilia Romagna ) Daniele DE BIASI Cell Responsabile Zona Interregionale CENTRO ( Toscana-Umbria-Marche-Lazio-Abruzzo e Molise ) Roberto GAROFALO Cell Responsabile Zona Interregionale SUD ( Campania-Calabria-Basilicata-Puglie ) Giuseppe CONSAGNO Cell Responsabile Zona SARDEGNA Costantino FRASCONI Cell Struttura Organizzativa e Zone Interprovinciali SICILIA ( v. Comunicazione del Responsabile Nazionale Sezione ) Referente Arbitrale Sezione Carambola Antonio CATALANO Cell Responsabile Attività JUNIORES Roberto MINUTELLA Cell

5 A - CARAMBOLA SPECIALITA ARTISTICA Il Campionato Italiano Assoluto di ARTISTICA si svolgera in prova unica (open). Sono ammessi gli atleti in possesso di regolare tessera F. I. Bi. S. / Sez. Carambola o altre sezioni. Il vincitore si fregerà del titolo di Campione Italiano della Specialità. La formula di Gara prevede le sessantotto (68) figure. Il Meccanismo di Gara sarà a girone unico e all italiana. La quota d iscrizione al Campionato è di 30.00, e la totale somma relativa andrà a rimborso delle spese di organizzazione. 5

6 B CARAMBOLA SPECIALITA GIOCHI DI SERIE ( Carambola LIBERA E UNA-SPONDA ) Viene lasciata ai responsabili periferici l autonomia di decisione rispetto alla programmazione di gare open di carambola di specialità giochi di serie. In particolare, viene suggerita la modalità biathlon, che permetta di accoppiare diverse specialità, come, per esempio, la specialità 3-SPONDE e 1-SPONDA ( formula che è stata positivamente sperimentata nel recente passato ), oppure altre modalità, in relazione alle aspettative degli atleti delle varie Zone. Quote di partecipazione e montepremi La quota di partecipazione prevista per la partecipazione alle gare suddette, stabilita in. 30 ( trenta ), potrebbe essere totalmente dedicata a costituire un montepremi da dividere in maniera congrua fra i primi classificati. Sulla base di accordi specifici fra gli eventuali organizzatori e il Responsabile Nazionale di Sezione, tale montepremi potrà essere integrato ( per una sola volta nella corrente annata agonistica e per ogni Zona periferica ) con una contribuzione della Sezione Carambola. 6

7 C- CARAMBOLA SPECIALITA 3 SPONDE C 1 CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE Al Campionato Italiano di 3 SPONDE a Squadre verranno ammesse 8 ( otto ) squadre, così suddivise : Zona NORD Zona CENTRO Zona SUD SARDEGNA SICILIA 1 Squadra 1 Squadra 1 Squadra 1 Squadra 4 Squadre Nel caso che qualche Zona dovesse rinunciare, il numero di 8 squadre potrà essere integrato con l iscrizione da parte di altre Zone, a giudizio del Responsabile Nazionale di Sezione e sulla base dell attività realizzata nelle Zone. Il Campionato Italiano a squadre si svolgerà in prova unica. Le modalità d iscrizione saranno conformi alle Norme C.E.B. Ogni squadra sarà composta da 4 (quattro) giocatori più 1 (una) o 2 ( due) riserve. I membri della squadra dovranno essere tesserati FIBIS, e potranno provenire da C.S.B. di varie Zone ( in possesso di regolare nullaosta ). Un solo membro della squadra potrà essere straniero, se regolarmente tesserato presso una delle Confederazioni o Federazioni membre della U.M.B. ( nulla-osta secondo regole della U.M.B.) Il Presidente del C. S. B. che iscrive una squadra dovrà specificare i nominativi degli atleti che la compongono, indicandone il capitano e il numero d ordine. Dopo l avvenuta iscrizione, nessuna modifica potrà essere apportata all ordinamento iniziale indicato. 7

8 Il Meccanismo di gara contemplerà incontri di solo andata fra giocatori dello stesso numero d ordine. Gli incontri si svolgeranno al meglio dei 3 (tre) set ai 15 (quindici) punti senza limite di riprese. Le riserve potranno essere utilizzate in ogni momento della competizione, tranne ad incontro iniziato. Esse acquisiranno obbligatoriamente l ultimo numero d ordine possibile; di conseguenza l ordinamento della Squadra verrà automaticamente ricomposto. Non è prevista alcuna quota di iscrizione. Montepremi: 1^ squadra classificata : Euro Scudetti + trofeo 2^ squadra classificata : Euro coppa 3^ squadra classificata : Euro coppa 4^ squadra classificata : Euro 400 Sono a carico dell organizzazione ( oppure della Federazione) la premiazione, i panni dei tavoli e l arbitraggio. C 2 - C A M P I O N A T O I T A L I A N O J U N I O R E S Al Campionato Italiano Juniores di Carambola Specialità 3 SPONDE 2010/2011 sono ammessi gli atleti che alla data dello 01 Gennaio 2010 non abbiano compiuto il ventunesimo anno d età. Il Campionato Italiano Juniores si svolgerà in prova unica. Al Campionato Italiano Juniores sono ammessi gli atleti in possesso di regolare tessera F. I. Bi. S.. Il vincitore si fregerà del titolo di Campione Italiano della Specialità. La formula di Gara prevede gironi all italiana con partite al meglio dei tre Sets sulla distanza di 12 punti col limite di 25 riprese. L inquadramento nei gironi sarà basato sulla Media Generale 8

9 conseguita nell ultima gara ufficiale; in caso non si abbia una M. G. Ufficiale riscontrabile, l inquadramento avverrà per sorteggio. Il meccanismo di Gara sarà a cura del Responsabile Nazionale Juniores. La premiazione è a cura della Federazione oppure dell organizzatore. Il Campione Italiano Juniores acquisirà il diritto di rappresentare l Italia nel Campionato Europeo della Specialità, con spese a carico della Federazione per l atleta e l accompagnatore. Nel Campionato Italiano dell anno sportivo successivo, il Campione Italiano Juniores manterrà il numero d ordine 1. 9

10 C 3 CAMPIONATO ITALIANO E GRAND PRIX ( 3-SPONDE ) Campionato Italiano : Disposizioni Generali e Qualificazione Le attività regolamentate in questa Sezione del Programma sono relative a : Campionato Italiano, con relative Prove di Qualificazione Grand Prix Alle Poule Finali del Campionato Italiano di 3 Sponde ( di qui in avanti denominate semplicemente C.A.I. ) accederanno : n. 28 atleti di 1^ Categoria ( successivamente integrati dai 4 Master ) n. 32 ( trentadue ) atleti di 2^ Categoria n. 32 ( trentadue ) atleti di 3^ Categoria Gli atleti partecipanti al C.A.I. proverranno da : Prove Zonali di Qualificazione ( di qui in avanti denominate Prove ) Campionati Interprovinciali della Zona Sicilia ( v. relativo Programma ) Grand Prix Si ricorda la suddivisione del territorio nazionale in Zone, alle quali si fa riferimento anche per l organizzazione e lo svolgimento delle Prove : Zona Nord: Valle D Aosta Piemonte Lombardia Triveneto Liguria Emilia Romagna. Zona Centro: Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo. Zona Sud: Campania Basilicata Puglia Calabria. Zona Sardegna: Sardegna. Zona Sicilia: Sicilia. 10

11 Le Prove saranno organizzate nel numero seguente ( numero minimo ) : Zona Nord : 3 ( tre ) Prove Zona Centro : 3 ( tre ) Prove Zona Sud : 3 ( tre ) Prove Zona Sardegna : 4 ( quattro ) Prove Zona Sicilia : 5 ( cinque ) Prove Le Prove verranno organizzate nelle varie Zone ubicandole in maniera equa rispetto alle esigenze della singola Zona, e in accordo con il Responsabile Nazionale. Viene istituito un Montepremi per ogni Prova, costituito da una parte ( da definire di volta in volta, anche in relazione a possibile spese di organizzazione ) della somma totale delle quote di partecipazione e da eventuali contributi di organizzatori locali. La parte eventualmente restante della somma delle quote di partecipazione alle Prove andrà a costituire un fondo destinato a contributo per le spese di trasferta degli atleti partecipanti al C.A.I. Le Prove si svolgeranno per categorie ( v. Programma Sicilia ) o con formula open nelle altre Zone (v. Programma delle Zone Peninsulari e Programma della Zona Sardegna ). Viene per ora definito un numero minimo di atleti che parteciperanno al C.A.I. provenendo dalle diverse Zone : Zona Nord Zona Centro Zona Sud n. 3 posti di 1^ Categoria n. 3 posti di 2^ Categoria n. 3 posti di 3^ Categoria n. 4 posti di 1^ Categoria n. 3 posti di 2^ Categoria n. 3 posti di 3^ Categoria n. 5 posti di 1^ Categoria n. 3 posti di 2^ Categoria n. 3 posti di 3^ Categoria 11

12 Zona Sardegna Zona Sicilia n. 2 posti di 1^ Categoria n. 3 posti di 2^ Categoria n. 3 posti di 3^ Categoria n. 10 posti di 1^ Categoria n. 8 posti di 2^ Categoria n. 8 posti di 3^ Categoria I posti non ancora assegnati rispetto al previsto totale ( delle diverse Categorie ) verranno definiti sulla base dell andamento e dei risultati delle prime Prove realizzate nelle varie Zone, nel circuito Grand Prix e nei Campionati Interprovinciali Siciliani. In caso di rinuncia alla partecipazione da parte di un atleta, il posto spetterà al primo dei non-classificati del circuito di rinuncia, con i limiti già visti in precedenza, e successivamente agli atleti designati dal Responsabile Nazionale di Sezione. Gli atleti che verranno ammessi al C.A.I. in sostituzione di rinunciatari verranno inseriti nel meccanismo della composizione dei gironi come descritto più avanti, ma se il loro inserimento dovesse effettuarsi dopo che i gironi sono già composti, essi andranno a sostituire i rinunciatari nel posto designato. Per quanto riguarda le Zone Peninsulari e la Sardegna, si ricorda che, per ogni Zona, il numero massimo di ripescaggi, in seguito a defezioni di giocatori già qualificati, è limitato a 3. Inoltre, il meccanismo, che presiede per le suddette Zone a tale ripescaggio, prevede che sia consentito solo 1 passaggio dalla 2^ alla 1^ Categoria, 1 passaggio dalla 3^ alla 2^ Categoria, ed 1 qualificazione alla 3^ Categoria a favore di un giocatore precedentemente non qualificato. Questi passaggi di categoria, in ogni caso, verranno effettuati solamente se gli interessati lo richiederanno. Una volta effettuati questi spostamenti, con le modalità e nei limiti suddetti, gli eventuali posti rimasti non assegnati nelle qualifiche di Zona verranno attribuiti a livello nazionale, da parte del Responsabile Nazionale di Sezione, principalmente secondo i risultati agonistici della stagione. 12

13 Le qualificazioni definitive verranno comunicate entro il 15 Maggio Dei posti non ancora assegnati fa parte 1 ( un ) posto ( wild card ) di 1^ categoria, riservato alla scelta finale del Responsabile Nazionale, secondo eventuali opportunità di rispettare meriti ed evenienze ora non prevedibili. Per poter essere ammessi al C.A.I. gli atleti dovranno essere tesserati FIBIS (qualunque Sezione) ed aver partecipato ad almeno 3 Prove delle 5 previste nella Zona Sicilia, oppure, per quanto attiene alle Zone NORD, CENTRO, SUD e SARDEGNA, al numero di Prove previsto nei rispettivi Programmi di Zona. Formule di gioco delle Poule Finali del Campionato ( C.A.I. ) Tutte le Categorie giocheranno: - le eliminatorie, in gironi da 4 all italiana con il passaggio alle Finali dei primi 2 classificati del girone. In queste partite ( dove è possibile il pareggio dei punti partita ) si giocherà con pareggio delle riprese, sia nel caso sia stato raggiunto per primo il punteggio massimo pevisto nella distanza partite, sia nel caso che sia stato raggiunto per primo il limite delle riprese. - le finali, dagli ottavi alla finale, con partite a eliminazione diretta. In queste partite si giocherà con pareggio delle riprese nel caso che sia stato raggiunto per primo il limite delle riprese ( e in caso di punti pari, si procederà con tie-break, con la prima carambola d acchito assegnata al giocatore che aveva vinto l accosto all inizio partita ). Al contrario, non si farà luogo a pareggio delle riprese se verrà raggiunto il massimo delle carambole prima del limite delle riprese, oppure all ultima ripresa. I gironi eliminatori di tutte le Categorie verranno composti con il metodo della serpentina, sulla base dell ordinamento ( decrescente per Media Generale accreditata ) di 2 gruppi distinti e successivi: il primo gruppo costituito dagli atleti che hanno ottenuto la qualificazione entro i limiti numerici previsti per la 13

14 Zona di riferimento sulla base dei risultati nelle Prove; il secondo gruppo costituito dagli atleti inseriti successivamente a completamento degli elenchi e recuperati anche in sostituzione di rinunciatari. Per quanto attiene la 1^ Categoria, i 4 Master saranno posizionati nelle prime 4 posizioni dell elenco costituito ai fini della serpentina, sulla base della loro posizione nella classifica finale del Campionato Assoluto Italiano La sequenza della partite nei gironi eliminatori, ai fini di identificare i primi 2 classificati del girone che passeranno alle finali, sarà la seguente: - le prime 2 partite verranno giocate fra i numeri 2 3 e 1 4 del girone - le altre 2 partite saranno: o la partita A ( vincente della partita 2-3 contro il vincente della partita 1-4) ; il vincente di questa partita è il 1 del girone o la partita B ( perdente della partita 2-3 contro il perdente della partita 1-4 ) ; il perdente di questa partita è il 4 classificato del girone - la 5^ ed ultima partita vedrà opposti il perdente della partita A e il vincente della partita B ; il vincente di questa partita sarà il 2 classificato del girone, mentre il perdente sarà il 3 classificato. Il tabellone dei 16 finalisti verrà composto in maniera classica ( 1-16, 2-15, ecc ), ordinando in maniera decrescente per Punti, Media Generale, Media Partita e Serie massima, prima il gruppo dei Primi classificati dei gironi e poi il gruppo dei Secondi classificati dei gironi. La distanza partite sarà la seguente: 1^ Categoria : 2^ e 3^ Categoria : eliminatorie 30 carambole con il limite di 40 riprese finali 40 carambole con il limite di 50 riprese eliminatorie 20 carambole con il limite di 30 riprese finali 25 carambole con il limite di 40 riprese La quota di partecipazione per i partecipanti al C.A.I. è prevista in. 30 (trenta ), ma i Master sono esenti dal pagamento della quota. Premi e riconoscimenti per la 1^ Categoria 14

15 Il primo atleta classificato sarà nominato Campione Italiano di 1^ Categoria per l annata I primi 4 classificati si fregeranno del titolo di Master e saranno testa di serie nel Campionato della stagione successiva. I primi 4 classificati ( con eventuali ripescaggi ) avranno la possibilità di accedere, a spese della FIBIS, alle competizioni mondiali ed europee come segue : 1 classificato : Campionato Mondiale ed Europeo 2 classificato : Campionato Mondiale ed Europeo ( se UMB e CEB accetteranno una seconda iscrizione ) 3 e 4 classificato : Campionato Mondiale per Nazioni. I primi 16 classificati riceveranno i seguenti premi : 1 classificato R.S ,00 + trofeo + scudetto 2 classificato R.S.. 800,00 + coppa 3 /4 classificato R.S. 600,00 + coppa 5 /8 classificato R.S.. 400,00 + targa 9 /16 classificato R.S.. 150,00 + targa Verranno premiate, in maniera e misura da definire: Migliore Media Generale, Migliore Media Match, Migliore Serie Massima. Premi e riconoscimenti per la 2^ Categoria Il primo atleta classificato sarà nominato Campione Italiano di 2^ Categoria per l annata I primi 8 classificati riceveranno i seguenti premi : 1 classificato R.S.. 500,00 + trofeo + scudetto 2 classificato R.S.. 300,00 + coppa 3 /4 classificato R.S. 200,00 + coppa 5 /8 classificato R.S.. 150,00 + targa 15

16 Verranno premiate, in maniera e misura da definire : Migliore Media Generale, Migliore Media Match, Migliore Serie Massima. Premi e riconoscimenti per la 3^ Categoria Il primo atleta classificato sarà nominato Campione Italiano di 3^ Categoria per l annata I primi 8 classificati riceveranno i seguenti premi : 1 classificato R.S.. 500,00 + trofeo + scudetto 2 classificato R.S.. 300,00 + coppa 3 /4 classificato R.S. 200,00 + coppa 5 /8 classificato R.S.. 150,00 + targa Verranno premiate, in maniera e misura da definire : Migliore Media Generale, Migliore Media Match, Migliore Serie Massima. 16

17 G R A N D P R I X I T A L I A Il circuito GRAND PRIX ITALIA sarà costituito da 2 o più Prove, e i risultati delle singole Prove contribuiranno alla formazione, al termine del circuito, di una classifica finale. I primi 2 classificati al termine del circuito acquisiranno il diritto di partecipare al Campionato Italiano Assoluto fra i qualificati di 1^ Categoria, mentre il 3 e 4 classificato acquisiranno il diritto di partecipare al Campionato Italiano Assoluto fra i qualificati di 2^ Categoria, qualora non abbiano già acquisito tali diritti nella partecipazione alle Prove zonali ( in questo caso dovranno rinunciare alla qualificazione ottenuta tramite il Grand Prix ). Per la partecipazione al C.A.I. si farà luogo a eventuali ripescaggi, a scalare nella classifica, sia nel caso precedentemente trattato, sia in caso di defezione. Sono ammessi alle prove del Grand Prix i tesserati FIBIS ( qualunque sezione ), residenti in qualunque Regione italiana. L iscrizione alla Prove di Grand Prix viene effettuata dal Comitato Provinciale ( o Delegato ), e, se non è possibile, dal Presidente del C.S.B. di appartenenza, che comunica al Direttore di Gara il nome e il n. di tessera dell atleta iscritto. Colui che effettua l iscrizione se ne assume la responsabilità in caso di defezioni dell ultimo momento. Le prove si svolgeranno con formula open, senza differenza, né handicap, per categoria. Ognuna delle Prove del circuito verrà organizzata con un numero di iscritti che di volta in volta verrà definito, a seconda delle previste iscrizioni, in n. 32 oppure 64 partecipanti. 17

18 Fase eliminatoria delle singole Prove del G.P. La quota di iscrizione ad ogni prova del Grand Prix è di. 30 ( trenta ). Gli atleti iscritti verranno inseriti in batterie da 4 ( quattro ), composte in relazione alla scelta del singolo atleta di intervenire nei diversi giorni della settimana della gara. Nei limiti del possibile si cercherà di evitare gli accoppiamenti iniziali fra atleti dello stesso C.S.B. Le attribuzioni dei numeri d ordine nelle batterie, e gli accoppiamenti all interno delle batterie verranno decisi sulla base di un sorteggio, che verrà effettuato pubblicamente dal Responsabile Nazionale e/o del Direttore di Gara, sette giorni prima dell inizio della gara. Qualora le batterie dovessero essere già complete, verrà offerta al giocatore la possibilità di iscriversi in una batteria ( fino al completamento delle batterie previste ), svolgendo una partita di spareggio ( la cosiddetta partita dell acqua ) con l ultimo iscritto in quella batteria. Il vincitore di questa partita acquisirà il diritto di inserimento nella batteria, e otterrà un punto aggiuntivo nella classifica finale. Gli incontri procederanno per eliminazione diretta anche nelle batterie eliminatorie; per ogni batteria, così, si avrà un vincitore di batteria, un finalista perdente, e due perdenti. Gli incontri si svolgeranno al meglio dei 3 set, con distanza di ogni set a 12 punti senza termine di riprese. Come da regola, in caso di parità dopo i primi 2 set il tiro di partenza nel terz e definitivo set spetterà al giocatore che aveva vinto l acchito ad inizio partita. Fase finale delle singole Prove del G.P. I vincitori di batteria verranno inseriti nel tabellone finale sulla base del punteggio ottenuto nelle partite di batteria, in ordine decrescente per punti, differenza-set, media generale, media partita, serie massima. I Master che si iscrivessero alla Prova verranno inseriti direttamente nel tabellone finale, nelle prime posizioni del tabellone finale e nel rispetto delle loro posizioni nella classifica del precedente C.A.I. 18

19 Gli incontri si svolgeranno al meglio dei 3 set, con distanza di ogni set a 15 punti senza termine di riprese. Punteggi e Premi nelle Prove del G.P. con 32 partecipanti punteggi nella fase di eliminazione dei Gironi da quattro: 8 Punti vincente di batteria; 4 Punti perdente di batteria; 2 Punti di partecipazione; 1 Punto in più al vincitore della Partita dell acqua. punteggi nella fase del tabellone finale: 1 Classificato: punti 20; 2 Classificato: punti 10; 3 /4 Classificato: punti 5; 5 /8 Classificato: punti 2; Montepremi nelle Prove con 32 partecipanti 1 Classificato R. S trofeo; 2 Classificato R. S: coppa; 3 /4 Classificato R. S coppa; 5 /8 Classificato R. S targa. Premiazione per la migliore Media Generale; Premiazione per la migliore Partita; Premiazione per la migliore Serie. Punteggi e Premi nelle Prove del G.P. con 64 partecipanti punteggi nella fase di eliminazione dei Gironi da quattro: come nella prova con 32 atleti punteggi nella fase del tabellone finale: 1 Classificato: punti 30; 2 Classificato: punti 20; 3 /4 Classificato: punti 10; 5 /8 Classificato: punti 5; 9 /16 Classificato: punti 2. 19

20 Montepremi nelle Prove con 64 partecipanti 1 Classificato R. S. 550,00 + trofeo 2 Classificato R. S: 350,00 + coppa 3 /4 Classificato R. S. 250,00 + coppa 5 /8 Classificato R. S. 150,00 + coppa 9 16 Classificato R. S. 100,00 + targa Premiazione per la migliore Media Generale; Premiazione per la migliore Partita; Premiazione per la migliore Serie. 20

CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B-

CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B- 1 CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B- Per diminuire e contenere le spese di trasferta di ogni squadra il territorio italiano viene diviso in 4 zone: A) Valle d Aosta Piemonte Lombardia Trentino AA Veneto Friuli

Dettagli

Selezioni Provinciali individuali e a squadre. Selezioni Regionali individuali e a squadre

Selezioni Provinciali individuali e a squadre. Selezioni Regionali individuali e a squadre Aggiornamento al 20 gennaio 2014 ARTICOLO 1 Selezioni Provinciali individuali e a squadre a. In ciascuna provincia, entro la data definita all inizio dell anno dal Delegato Regionale, il delegato Provinciale

Dettagli

CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B-

CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B- 50 CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B- 1) Il territorio Nazionale viene suddiviso in due zone per contenere i costi delle trasferte delle Squadre e consentire l iscrizione al numero più alto possibile di formazioni:

Dettagli

CAMPIONATO DI SOCIETA UNDER 18 2015. Specialità Volo

CAMPIONATO DI SOCIETA UNDER 18 2015. Specialità Volo CAMPIONATO DI SOCIETA UNDER 18 2015 Specialità Volo Versione 23/04/2015 1. CAMPIONATO DI SOCIETÀ UNDER 18 La Federazione Italiana Bocce Specialità Volo indice, ed i suoi Organi Periferici e le Società

Dettagli

REGOLAMENTO 39 EDIZIONE CAMPIONATO PROVINCIALE A SQUADRE SERIE A ANNO 2015 / 2016 ART. 1: COMPOSIZIONE SQUADRE, QUOTA ISCRIZIONE, PREMI, RIMBORSI

REGOLAMENTO 39 EDIZIONE CAMPIONATO PROVINCIALE A SQUADRE SERIE A ANNO 2015 / 2016 ART. 1: COMPOSIZIONE SQUADRE, QUOTA ISCRIZIONE, PREMI, RIMBORSI REGOLAMENTO 39 EDIZIONE CAMPIONATO PROVINCIALE A SQUADRE SERIE A ANNO 2015 / 2016 ART. 1: COMPOSIZIONE SQUADRE, QUOTA ISCRIZIONE, PREMI, RIMBORSI Per l organizzazione e lo svolgimento dei Campionati a

Dettagli

TENNIS TAVOLO 2013-2014

TENNIS TAVOLO 2013-2014 TENNIS TAVOLO 2013-2014 Il Centro Sportivo Italiano, Comitato Provinciale di Milano, in collaborazione con SPORT-ORG snc, organizza l attività 2013/14 di Tennis Tavolo. 1 11 COPPA CSI PROVINCIALE INDIVIDUALE

Dettagli

REGOLAMENTO COPPA ITALIA LEGA PRO 2015/2016

REGOLAMENTO COPPA ITALIA LEGA PRO 2015/2016 NOVEMBRE 2008 COMUNICATO UFFICIALE N. 65/L DEL 5 AGOSTO 2015 LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO 65/142 REGOLAMENTO COPPA ITALIA LEGA PRO 2015/2016 La Lega organizza per l'annata sportiva 2015-2016 la

Dettagli

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 Specialità Petanque. Regolamento Campionato di Promozione 1 CAMPIONATO di PROMOZIONE Regionale Al Campionato di Promozione (ex serie C) maschile 2015 possono iscriversi tutte

Dettagli

1. Alla manifestazione FANTINI CUP di Beach Volley si applica la seguente formula di gara:

1. Alla manifestazione FANTINI CUP di Beach Volley si applica la seguente formula di gara: FORMULE DI GARA Formula di gara (2x2 Maschile e Femminile) 1. Alla manifestazione FANTINI CUP di Beach Volley si applica la seguente formula di gara: - formula di gara con pool preliminari e tabellone

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO A 5 STAGIONE 2016

NORME DI ATTUAZIONE CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO A 5 STAGIONE 2016 NORME DI ATTUAZIONE CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO A STAGIONE 2016 Art. 1 (indizione) E indetto per la stagione 2016 il VIII^ Campionato Italiano di calcio per le seguenti divisioni: Agonistica Promozionale

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTIVITA AGONISTICA MASTER 2014-2015

DISPOSIZIONI ATTIVITA AGONISTICA MASTER 2014-2015 Versione del 25/9/2014 DISPOSIZIONI ATTIVITA AGONISTICA MASTER 2014-2015 Art. 1 Generalità L'Attività Agonistica Master 2014/2015 prevede, per ogni arma e per ciascuna delle categorie d età da 24 anni

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli

PROGRAMMA SPORTIVO NAZIONALE Specialità BIATHLON Carambola Tre Sponde + Italiana 5 birilli ATTIVITA AGONISTICA 2014/15

PROGRAMMA SPORTIVO NAZIONALE Specialità BIATHLON Carambola Tre Sponde + Italiana 5 birilli ATTIVITA AGONISTICA 2014/15 PROGRAMMA SPORTIVO NAZIONALE Specialità BIATHLON Carambola Tre Sponde + Italiana 5 birilli ATTIVITA AGONISTICA 2014/15 Indice delle argomentazioni. 1 Organigramma 2 Suddivisione territorio nazionale 3

Dettagli

Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica

Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2 maschile... 4 Articolo

Dettagli

COPPA ITALIA A SQUADRE REGOLAMENTO

COPPA ITALIA A SQUADRE REGOLAMENTO FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO SQUASH COPPA ITALIA A SQUADRE A TUTELA DELL INTEGRITÀ FISICA PERSONALE SI CONSIGLIA, A TUTTI GLI AGONISTI, L USO, DURANTE IL GIOCO, DEGLI OCCHIALI O DELLA MASCHERA DI PROTEZIONE

Dettagli

La Lega Pallavolo Uisp Treviso, in collaborazione con Boom Camp, organizza il campionato invernale di beach volley 2014/15.

La Lega Pallavolo Uisp Treviso, in collaborazione con Boom Camp, organizza il campionato invernale di beach volley 2014/15. La Lega Pallavolo Uisp Treviso, in collaborazione con Boom Camp, organizza il campionato invernale di beach volley 2014/15. SEDE E PERIODO DI SVOLGIMENTO Le partite del campionato si svolgeranno presso

Dettagli

CAMPIONATO PROVINCIALE DI 1-2 -3 CATEGORIA Valido per il Campionato Italiano di Saint Vincent

CAMPIONATO PROVINCIALE DI 1-2 -3 CATEGORIA Valido per il Campionato Italiano di Saint Vincent CAMPIONATO PROVINCIALE DI 1-2 -3 CATEGORIA Valido per il Campionato Italiano di Saint Vincent Il Campionato Provinciale individuale per la stagione sportiva 2014/2015 si svolgerà su sei GARE più la Poule

Dettagli

CAMPIONATI DI SOCIETA 2015

CAMPIONATI DI SOCIETA 2015 CAMPIONATI DI SOCIETA 2015 Specialità Petanque. Regolamento Campionati di Società 1 CAMPIONATO di SOCIETA SERIE A MASCHILE Vi partecipano di diritto le prime sei Società classificate nell anno agonistico

Dettagli

PROGRAMMA SPORTIVO ZONALE 2013/14 Sezione CARAMBOLA CENTRO-SUD

PROGRAMMA SPORTIVO ZONALE 2013/14 Sezione CARAMBOLA CENTRO-SUD PROGRAMMA SPORTIVO ZONALE 2013/14 Sezione CARAMBOLA CENTRO-SUD Indice degli argomenti: 1 Regioni interessate. 2 Campionato Open Zonale Individuale 3 Sponde. 3 Atleti ammessi. 4 Formula di gara. 5 Distanza

Dettagli

REGOLAMENTO 2014 GLI ORGANI DELL EMILIA BOWLING LEAGUE (DI SEGUITO E.B.L.) SONO:

REGOLAMENTO 2014 GLI ORGANI DELL EMILIA BOWLING LEAGUE (DI SEGUITO E.B.L.) SONO: REGOLAMENTO 2014 PREMESSA CAMPIONATO SERIE A CIRCUITO DI DOPPIO PASSAGGI DI CATEGORIA PREMESSA L EMILIA BOWLING LEAGUE NON SI PREFIGGE SCOPI DI LUCRO. L OBIETTIVO E QUELLO DI PROPAGANDARE PROMUOVERE E

Dettagli

CAMPIONATO DI SOCIETA 2006 SERIE A-B-C. Bando e Regolamento di gara

CAMPIONATO DI SOCIETA 2006 SERIE A-B-C. Bando e Regolamento di gara CAMPIONATO DI SOCIETA 2006 SERIE A-B-C La partecipazione alla gara è riservata alle Associazioni Sportive Dilettantistiche ASD della FIGB che siano in regola con l affiliazione 2006 e che abbiano acquisito

Dettagli

DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013.

DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013. DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013. Qui di seguito si riporta la normativa definitiva che disciplina l organizzazione della gare di Play-Off e di Play-Out Il Consiglio Direttivo

Dettagli

CAMPIONATO DI SOCIETA 2007 SERIE A-B-C. Bando e Regolamento di gara

CAMPIONATO DI SOCIETA 2007 SERIE A-B-C. Bando e Regolamento di gara CAMPIONATO DI SOCIETA 2007 SERIE A-B-C La partecipazione alla gara è riservata alle Associazioni Sportive Dilettantistiche ASD della FIGB che siano in regola con l affiliazione 2007 e che abbiano acquisito

Dettagli

Federazione Scacchistica Italiana 44 Campionato Italiano a Squadre

Federazione Scacchistica Italiana 44 Campionato Italiano a Squadre Regolamento di attuazione 0. Ammissioni e iscrizioni Federazione Scacchistica Italiana Campionato Italiano a Squadre. Iscrizione delle squadre La domanda di iscrizione delle squadre deve essere presentata

Dettagli

GIORNATE GENTLEMEN 2010

GIORNATE GENTLEMEN 2010 GIORNATE GENTLEMEN 200 La corsa di maggiore dotazione della giornata è riservata a cavalli di proprietà. In ognuna delle giornate è istituita una classifica al cui vincitore viene assegnato un trofeo offerto

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO DI PALLANUOTO MASTER / AMATORI Fase Nazionale 2014 Colle Val d Elsa (SI) 27 28 Giugno 2014 Piscina Olimpia Vasca Scoperta 50 mt.

CAMPIONATO ITALIANO DI PALLANUOTO MASTER / AMATORI Fase Nazionale 2014 Colle Val d Elsa (SI) 27 28 Giugno 2014 Piscina Olimpia Vasca Scoperta 50 mt. LEGA NUOTO NAZIONALE CAMPIONATO ITALIANO DI PALLANUOTO MASTER / AMATORI Fase Nazionale 2014 Colle Val d Elsa (SI) 27 28 Giugno 2014 Piscina Olimpia Vasca Scoperta 50 mt. REGOLAMENTO TECNICO 1) Programma

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI

REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI F.I.Te.T. - Comitato Regionale Lazio REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI 2013-2014 Sommario PREMESSA...3 Art. 1 QUAL. REGIONALE CAMP. ITALIANI GIOVANILI, 2^ e 3^CAT...3 Art. 2 TORNEI REGIONALI...4

Dettagli

Finali Nazionali di Rugby Istituzioni scolastiche secondarie del I Ciclo (limitatamente alla scuola secondaria di I grado) e II Ciclo di Istruzione

Finali Nazionali di Rugby Istituzioni scolastiche secondarie del I Ciclo (limitatamente alla scuola secondaria di I grado) e II Ciclo di Istruzione Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport Ufficio per lo Sport Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

Biancoverde, Senza Fiato, Virgin Cup e Isolotto Cup

Biancoverde, Senza Fiato, Virgin Cup e Isolotto Cup Centro Sportivo Educativo Nazionale Comitato Provinciale di Firenze Viale Europa 95 50126 Firenze Tel. 055.61.34.48 Fax 055.60.20.21 aggiornamento al 02/06/2014 ANALITICO CALCIO A 5 MASCHILE TORNEI CSEN

Dettagli

Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso completo di equitazione. Anno 2015 1 periodo (fino al 26/07).

Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso completo di equitazione. Anno 2015 1 periodo (fino al 26/07). Ai Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE Via email Roma, 17/12/2014 ADS/Prot.n. 09167 Dipartimento Concorso Completo Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso

Dettagli

CALENDARIO ATTIVITA AGONISTICHE 2015

CALENDARIO ATTIVITA AGONISTICHE 2015 Settore Tecnico Nazionale Dilettanti Prot. n. 141 Trasmesso a mezzo Fax ed E-mail Ai Sigg.ri Presidenti e Delegati degli Organi Territoriali F.P.I. e p.c Ai Sigg.ri Consiglieri Federali Al Collegio dei

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012 Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 (di seguito la Competizione ) REGOLAMENTO 1) ORGANIZZAZIONE e DENOMINAZIONE DELLA COMPETIZIONE Organizzatrice

Dettagli

Manifestazione Nazionale Giochi Sportivi Studenteschi - Sport Invernali 2008/2009

Manifestazione Nazionale Giochi Sportivi Studenteschi - Sport Invernali 2008/2009 Manifestazione Nazionale Giochi Sportivi Studenteschi - Sport Invernali 2008/2009 Il Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Generale per lo Studente l Integrazione, la Partecipazione

Dettagli

PER TUTTE LE SOCIETA ISCRITTE AI CAMPIONATI

PER TUTTE LE SOCIETA ISCRITTE AI CAMPIONATI PALLAVOLO 2015/2016 (Documento inviato alle società ed affisso all albo in data 1 ottobre 2015) Premessa: il seguente documento sarà aggiornato periodicamente inserendo la logistica e le date/orario delle

Dettagli

FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015

FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015 FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015 REGOLAMENTO TECNICO ART. 1 SCOPI 1.1 La FIDASC, nell

Dettagli

Sezione BOCCETTE 02 Agosto 2012

Sezione BOCCETTE 02 Agosto 2012 Sezione BOCCETTE 02 Agosto 2012 Presidente nazionale Sezione Boccette Pavio Migliozzi tel. 335-8783326 COLLABORATORI Loris De Cesari Responsabile manifestazioni Nazionali cell. 337 621072 Rosalba Cristofori

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE 2014/2015

CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE 2014/2015 CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE 2014/2015 PROGRAMMA REGOLAMENTO La Federazione Italiana Tennis organizza la prima edizione del CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE DI PADDLE. 1. AMMISSIONE a) Al Campionato potranno

Dettagli

Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE

Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE Ai Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE Via email Roma, 18/03/2015 ADS/Prot.n. 01924 Dipartimento Concorso Completo Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso

Dettagli

CAMPIONATO INVERNALE OPEN A SQUADRE MASCHILE E FEMMINILE 2014-2015 9 novembre 2014 22 febbraio 2015

CAMPIONATO INVERNALE OPEN A SQUADRE MASCHILE E FEMMINILE 2014-2015 9 novembre 2014 22 febbraio 2015 CAMPIONATO INVERNALE OPEN A SQUADRE MASCHILE E FEMMINILE 2014-2015 9 novembre 2014 22 febbraio 2015 Il Comitato Regionale Siciliano della FIT indice ed organizza il campionato invernale a squadre open

Dettagli

1. ORGANIZZAZIONE 2. AFFILIAZIONE

1. ORGANIZZAZIONE 2. AFFILIAZIONE 1. ORGANIZZAZIONE ll MSP Italia è un associazione senza fine di lucro, riconosciuta dal CONI quale Ente di Promozione Sportiva e dal Ministero dell'interno quale Ente Nazionale con finalità assistenziali.

Dettagli

REGOLAMENTO TORNEO 24 ORE DI CALCIO A 5 PETRITOLI CUP 2 EDIZIONE

REGOLAMENTO TORNEO 24 ORE DI CALCIO A 5 PETRITOLI CUP 2 EDIZIONE REGOLAMENTO TORNEO 24 ORE DI CALCIO A 5 PETRITOLI CUP 2 EDIZIONE L'Associazione di Volontariato "In cammino con Roberto Straccia" ONLUS, in collaborazione con il Comune di Petritoli, organizza la Seconda

Dettagli

STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE

STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE FASI FINALI PROVINCIALI Le Fasi Finali Provinciali c5/c7 sono parte integrante dei Campionati 2013/14 e la mancata

Dettagli

REGOLAMENTO DEL BEACH TENNIS

REGOLAMENTO DEL BEACH TENNIS (edizione 2011 Atti ufficiali n. 4/2011) (aggiornamento Atti ufficiali n. 7/2011) CAPO I GENERALITÀ Articolo 1 Settore beach tennis 1. In attuazione delle disposizioni statuarie è costituito il settore

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 037

Comunicato Ufficiale N. 037 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N. 037 1. Comunicazioni della F.I.G.C. 2. Comunicazioni della L.N.D. 3. Comunicazioni della Divisione Calcio a Cinque ATTIVITA NAZIONALE STAGIONE SPORTIVA

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE di SCI 15ª edizione REGOLAMENTO SCI ALPINO 2013. Andalo (TN), 14/17 marzo 2013

CAMPIONATO NAZIONALE di SCI 15ª edizione REGOLAMENTO SCI ALPINO 2013. Andalo (TN), 14/17 marzo 2013 REGOLAMENTO SCI ALPINO 2013 1.CATEGORIE Cuccioli m/f dal 2004 al 2005 Esordienti m/f dal 2002 al 2003 Ragazzi m/f 2000/2001 Allievi m/f 1998/1999 Juniores m/f 1996/1997 Criterium m/f dal 1993 al 1995 Seniores

Dettagli

Comunicato Ufficiale N.64

Comunicato Ufficiale N.64 1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N.64 3. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 3.1.1. ATTIVITA NAZIONALE STAGIONE SPORTIVA

Dettagli

CIRCUITO NAZIONALE GIOVANILE U18 2013 Circuito Sperimentale Per atleti/atlete nati/e dal 1 gennaio 1996

CIRCUITO NAZIONALE GIOVANILE U18 2013 Circuito Sperimentale Per atleti/atlete nati/e dal 1 gennaio 1996 CIRCUITO NAZIONALE GIOVANILE U18 2013 Circuito Sperimentale Per atleti/atlete nati/e dal 1 gennaio 1996 Articolo 1 - INTRODUZIONE 1. La Federazione Italiana Pallavolo indice per la stagione 2013 il Circuito

Dettagli

FIT RANKING PROGRAM PIA SARDEGNA NORD-SUD 4 MASTER SERIES TOUR 2013

FIT RANKING PROGRAM PIA SARDEGNA NORD-SUD 4 MASTER SERIES TOUR 2013 FIT RANKING PROGRAM PIA SARDEGNA NORD-SUD 4 MASTER SERIES TOUR 2013 PREMESSA I Consorzi P.I.A. Sardegna Nord e Sardegna Sud, in nome e per conto della Federazione Italiana Tennis, al fine di sensibilizzare

Dettagli

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016 Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Il Comitato Regionale Sardo F.I.Te.T. indice ed organizza per la stagione agonistica 2015-2016 i seguenti campionati

Dettagli

La Commissione Sportiva Automobilistica Italiana (CSAI) indice le seguenti Coppe CSAI Karting di Zona 2014 :

La Commissione Sportiva Automobilistica Italiana (CSAI) indice le seguenti Coppe CSAI Karting di Zona 2014 : Regolamento Sportivo e Tecnico Coppe CSAI Karting di Zona 2014 (cl. 60 cc. Babykart - cl. 60 cc. Minikart - KF3 KF2 - KZ2 Prodriver Under Prodriver Over) ART. 1 ORGANIZZAZIONE La Commissione Sportiva Automobilistica

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 65

Comunicato Ufficiale N. 65 Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N. 65 1. Comunicazioni della F.I.G.C. 2. Comunicazioni della L.N.D. 3. Comunicazioni della Divisione Calcio a Cinque 3.1. ATTIVITA NAZIONALE STAGIONE SPORTIVA

Dettagli

Federazione Italiana Pallavolo Comitato Regionale Emilia Romagna Commissione Beach Volley INDIZIONE

Federazione Italiana Pallavolo Comitato Regionale Emilia Romagna Commissione Beach Volley INDIZIONE INDIZIONE Circuito Regionale GIOVANILE UNDER 21 di Beach Volley 2014 Fipav Emilia Romagna Pag. 1 Art. 1 Introduzione 1. Il indice, in collaborazione con i Comitati Provinciali della Regione, un Circuito

Dettagli

1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP

1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP Il Comitato Regionale Umbria della F.I.G.C. indice ed organizza il 1 TROFEO PERUGIA CUP Campo Federale di Prepo R E G O L A M E N T O U F F I C I A L E STAGIONE SPORTIVA 2011/2012

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONS CUP INDIVIDUALE

REGOLAMENTO REGIONS CUP INDIVIDUALE REGOLAMENTO REGIONS CUP INDIVIDUALE 1. Partecipano alla Regions Cup i giocatori e le giocatrici iscritti alla FIFG per la stagione sportiva 2014/15, e tesserati per l asd organizzatrice nella propria regione

Dettagli

OPEN: Eccellenza - Serie A - Serie B FEMMINILE: Eccellenza - Serie A - Serie B Salsomaggiore Terme; 27-30 novembre 2014 STRUTTURA DEL CAMPIONATO

OPEN: Eccellenza - Serie A - Serie B FEMMINILE: Eccellenza - Serie A - Serie B Salsomaggiore Terme; 27-30 novembre 2014 STRUTTURA DEL CAMPIONATO 1 CAMPIONATO ITALIANO A COPPIE DI SOCIETA 2014 OPEN: Eccellenza - Serie A - Serie B - Serie Promozione FEMMINILE: Eccellenza - Serie A - Serie B - Serie Promozione I Campionati di Società a Coppie si disputano

Dettagli

Endas Sezione Sport Giochi di Socialità. 2 Campionato Italiano di Burraco

Endas Sezione Sport Giochi di Socialità. 2 Campionato Italiano di Burraco Endas Sezione Sport Giochi di Socialità 2 Campionato Italiano di Burraco Campionato Italiano ENDAS Burraco: 1 aprile 2015 / 31 ottobre 2015 A completamento del campionato verrà organizzato un appuntamento

Dettagli

FINALE ITALIANA COPPA ITALIA 11-12 ottobre 2014 - Lazio

FINALE ITALIANA COPPA ITALIA 11-12 ottobre 2014 - Lazio Roma, 19 settembre 2014 Prot. n. 3470/er A tutti i Comitati Regionali FINALE ITALIANA COPPA ITALIA 11-12 ottobre 2014 - Lazio Categoria N Centro Bowling Indirizzo Girone MA-MB 16 Brunswick Lungotevere

Dettagli

PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013

PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013 PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013 REGOLAMENTO UFFICIALE A cura della Commissione Tecnica Pallavolo CENTRO SPORTIVO ITALIANO - COMITATO PROVINCIALE

Dettagli

Modulo per approvazione regolamento

Modulo per approvazione regolamento Modulo per approvazione regolamento Leggere i riferimenti guida prima di compilare la domanda Tutti i riferimenti guida sono nelle pagine dopo le tabelle Il modulo è valido per la stagione agonistica 2014

Dettagli

Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani

Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani Articolo 1. - Definizioni.... 2 Articolo 2. - Attività di ciascun campionato.... 2 Articolo 3. - Affidamento dell organizzazione....

Dettagli

FINALI CAMPIONATO D INVERNO INDIVIDUALI e SQUADRE MILANO 04-05 06 dicembre 2015 REGOLAMENTI

FINALI CAMPIONATO D INVERNO INDIVIDUALI e SQUADRE MILANO 04-05 06 dicembre 2015 REGOLAMENTI Unione Italiana Tiro a Segno FINALI CAMPIONATO D INVERNO INDIVIDUALI e SQUADRE MILANO 04-05 06 dicembre 2015 REGOLAMENTI CAMPIONATO D INVERNO 2015 Milano 04-05-06 dicembre 2015 L Unione indice le finali

Dettagli

Rapallo, 7 giugno 2011 A TUTTI GLI INTERESSATI - LORO INDIRIZZI - 11 4 Trofeo

Rapallo, 7 giugno 2011 A TUTTI GLI INTERESSATI - LORO INDIRIZZI - 11 4 Trofeo Rapallo, 7 giugno 2011 A TUTTI GLI INTERESSATI - LORO INDIRIZZI - Oggetto: Terza prova CIRCUITO NAZIONALE LUI & LEI 2011 11 4 Trofeo T Pesto e Focaccia 14 Trofeo Silvia Bosco Santa Margherita Ligure, 25

Dettagli

REGOLAMENTO REV 2015.06

REGOLAMENTO REV 2015.06 REV 2015.06 REGOLAMENTO Indice 1 L asta iniziale... 3 1.1 Il metodo: il DRAFT... 3 1.2 L ordine di chiamata... 3 2 La Formula... 4 2.1 I partecipanti e il nome del Team... 4 2.2 Il calendario... 4 2.3

Dettagli

PALLACANESTRO: CAMPIONATI 2013/2014

PALLACANESTRO: CAMPIONATI 2013/2014 PALLACANESTRO: CAMPIONATI 2013/2014 PER TUTTE LE SOCIETA ISCRITTE AI CAMPIONATI Tutte le società sportive riceveranno, ogni venerdì, il quotidiano AVVENIRE, che contiene l inserto allegato NEWSPORT con

Dettagli

PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 2015. COPPA DEI GIOVANI - TROFEO CHALLENGE BRUNO SCOLARI 23-24 maggio 2015

PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 2015. COPPA DEI GIOVANI - TROFEO CHALLENGE BRUNO SCOLARI 23-24 maggio 2015 PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 2015 COPPA DEI GIOVANI - TROFEO CHALLENGE BRUNO SCOLARI 23-24 maggio 2015 La categoria prevede due classifiche, una a Squadre e una Individuale e un ulteriore classifica

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANICO DI PARTECIPAZIONE AL 1 CAMPIONATO INTERPROVINCIALE DI BILIARDO BOCCETTE A SQUADRE E.N.D.A.S.-A.B.I.S.

REGOLAMENTO ORGANICO DI PARTECIPAZIONE AL 1 CAMPIONATO INTERPROVINCIALE DI BILIARDO BOCCETTE A SQUADRE E.N.D.A.S.-A.B.I.S. A.B.I.S Ravenna ENDAS EMILIA ROMAGNA ASSOCIAZIONE BILIARDO ITALIANA SPORTIVA Sede - Via Salita, 2-48018 Faenza (RA) Sede operativa di Fusignano Tel.-Segr.-Fax 0545.288059 C.F. e P.IVA 02028560395 e-mail:

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE DI DAMA INTERNAZIONALE. Fossano (CN) 18 20 Dicembre 2015. Valido per la graduatoria ELO-RUBELE

CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE DI DAMA INTERNAZIONALE. Fossano (CN) 18 20 Dicembre 2015. Valido per la graduatoria ELO-RUBELE Federazione Italiana Dama Fondata nel 1924 CONI - Foro Italico Largo Lauro de Bosis n.15-00135 ROMA P. IVA 01253260093 Codice Fiscale 80022440210 Tel. 06-3272 3203 / 3202 Fax: 06-3685 7135 - e-mail: segreteria@fid.it;

Dettagli

Federazione Italiana Dama Fondata nel 1924

Federazione Italiana Dama Fondata nel 1924 Federazione Italiana Dama Fondata nel 1924 CONI - Foro Italico Largo Lauro de Bosis n.15-00135 ROMA P. IVA 01253260093 Codice Fiscale 80022440210 Tel. 06-3685 7029 / 7246 Fax: 06-3685 7135 - e-mail: segreteria@fid.it;

Dettagli

I CAMPIONATO PLATYPUS SPORT - 2014-2015 CALCIO A 5

I CAMPIONATO PLATYPUS SPORT - 2014-2015 CALCIO A 5 I CAMPIONATO PLATYPUS SPORT - 2014-2015 FORMULA TORNEO a 16 squadre Il 1 Campionato Platypus Sport 2014/15 di calcio a 5, avrà inizio Lunedi 6 Ottobre 2014 e avrà fine nel mese di Aprile 2015 con i Play-Off

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE

REGOLAMENTO UFFICIALE REGOLAMENTO UFFICIALE ART. 1- Durata del torneo. Il torneo avrà inizio il giorno sabato 31 MAGGIO 2014 e terminerà il giorno lunedi 02 GIUGNO 2014. L Organizzazione si riserva il diritto, per esigenze

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO PRIMO CAMPIONATO DILETTANTI 2011-2012 O CAMPIONATO DI SVILUPPO STRALCIO DEL COMUNICATO UFFICIALE n.498 del 24 gennaio 2011 Consiglio Federale n.4 - Roma, 21 e 22 gennaio

Dettagli

X. Campionato Nazionale Assoluto Roma, 1-2 Agosto 2014, Stadio del Nuoto, 50m

X. Campionato Nazionale Assoluto Roma, 1-2 Agosto 2014, Stadio del Nuoto, 50m X. Campionato Nazionale Assoluto Roma, 1-2 Agosto 2014, Stadio del Nuoto, 50m Gare in programma e svolgimento Il programma dei Campionati avrà svolgimento a serie, in due giornate e quattro turni di gara

Dettagli

TROFEO ASIGOLF 2014 Regolamento 2014

TROFEO ASIGOLF 2014 Regolamento 2014 TROFEO ASIGOLF 2014 Regolamento 2014 Articolo 1 Format del Trofeo 1.1 Il 5 TROFEO ASIGOLF si articola su minimo di 8 gare di qualificazione ad inviti riservate agli associati Asigolf. Le gare con formula

Dettagli

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12 A tutte le Società di MonzaBrianza Loro sedi Agrate B.za 14-07-2011 Prot. 2/CPG e p.c. C.R. Lombardo FIPAV ROMA CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12 1. MODALITA DI SVOLGIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010)

REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010) REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010) CAPO I GENERALITÀ Articolo 1 Settore paddle 1. In attuazione delle disposizioni statuarie è costituito il settore paddle per l organizzazione

Dettagli

37 Campionato Nazionale Italiano BANCARI Fossa Olimpica 100 Piattelli 08 GIUGNO 2014 4 TROFEO AMATORIALE DELL AMICIZIA

37 Campionato Nazionale Italiano BANCARI Fossa Olimpica 100 Piattelli 08 GIUGNO 2014 4 TROFEO AMATORIALE DELL AMICIZIA 37 Campionato Nazionale Italiano BANCARI Fossa Olimpica 100 Piattelli 08 GIUGNO 2014 4 TROFEO AMATORIALE DELL AMICIZIA REGOLAMENTO La gara avrà luogo presso lo Società TIRO A VOLO CASCATA DELLE MARMORE

Dettagli

Campionato Nazionale Beach Volley U 19 M/F Indizione Fase Regionale

Campionato Nazionale Beach Volley U 19 M/F Indizione Fase Regionale CU N 72 del 10 giugno 2008 Campionato Nazionale Beach Volley U 19 M/F Indizione Fase Regionale Art. 1 Indizione del campionato Il Comitato Regionale Fipav della Lombardia, in collaborazione con le società

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 1 Stagione Sportiva 2014-2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 1 Stagione Sportiva 2014-2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 1 Stagione Sportiva 2014-2015 I) ATTIVITA UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI La Lega Nazionale Dilettanti - in attuazione delle disposizioni di cui all art. 49, punto 1,

Dettagli

REGOLAMENTO CAMPIONATO REGIONALE - Serie B Stagione 2014 / 2015 FEDERAZIONE ITALIANA BILIARDO SPORTIVO W.C.B.S. - U.M.B. - W.P.A. - C.E.B. - E.P.B.F.

REGOLAMENTO CAMPIONATO REGIONALE - Serie B Stagione 2014 / 2015 FEDERAZIONE ITALIANA BILIARDO SPORTIVO W.C.B.S. - U.M.B. - W.P.A. - C.E.B. - E.P.B.F. DISCIPLINA SPORTIVA ASSOCIATA RICONOSCIUTA DAL CONI FEDERAZIONE ITALIANA BILIARDO SPORTIVO W.C.B.S. - U.M.B. - W.P.A. - C.E.B. - E.P.B.F. Regione Umbria Sezione Boccette REGOLAMENTO CAMPIONATO REGIONALE

Dettagli

presentano Articolo 1 - Generalità

presentano Articolo 1 - Generalità presentano III Edizione Campionato Amatoriale a Squadre di Tennis Metropolis Regione Lazio Campionati di Serie A-B-C Maschile e Femminile Ottobre 2013 - Maggio 2014 Articolo 1 - Generalità Il Comitato

Dettagli

FantacalcioRenzoBar Regolamento

FantacalcioRenzoBar Regolamento Coppa del Baretto FantacalcioRenzoBar Regolamento 1- Il Gioco 2- Il Mercato 1.1 Il gioco costituisce un fantasy game, ossia una simulazione che permette ai Fantallenatori di costituire una squadra di calcio

Dettagli

ISCRIZIONE 1 TORNEO DI BEACH VOLLEY FIERA DEL PRODOTTO AGRICOLO (Attività promozionale per tesserati FIPAV)

ISCRIZIONE 1 TORNEO DI BEACH VOLLEY FIERA DEL PRODOTTO AGRICOLO (Attività promozionale per tesserati FIPAV) ISCRIZIONE 1 TORNEO DI BEACH VOLLEY FIERA DEL PRODOTTO AGRICOLO (Attività promozionale per tesserati FIPAV) Data iscrizione: Denominazione squadra: Nome e cognome giocatore N 1: Nome e cognome giocatore

Dettagli

ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014

ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014 ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014 -TESSERAMENTO GIOCATORI I tesseramenti dei calciatori / dirigenti saranno ammessi fino al 31/12/2012 senza alcuna deroga. I giocatori che non avranno

Dettagli

-SERIE A- 3)COMPOSIZIONE SQUADRE

-SERIE A- 3)COMPOSIZIONE SQUADRE -SERIE A- La Federazione Italiana Biliardo Sportivo, Sezione Stecca, organizza il 8 Campionato Italiano a squadre Serie A che si svolgerà sui biliardi internazionali con biglie da 63.2. 1)Tutte le società

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE C o m i t a t o P r o v i n c i a l e M e s s i n a Via Rossini, 4-98076 Sant'Agata Militello (Me) Tel. / Fax 0941-721948 e-mail: direttoretecnico@pgsmessina.it - www.pgsmessina.it COMUNICATO UFFICIALE

Dettagli

43 Campionato Italiano di dama internazionale

43 Campionato Italiano di dama internazionale Federazione Italiana Dama Fondata nel 1924 CONI Foro Italico Largo Lauro de Bosis n.15 00194 ROMA Tel. 06-36857029 Fax: 06-36857135 - e-mail: segreteria@fid.it; www.fid.it 1 DAMA INTERNAZIONALE: Campionati

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO STAGIONE 2012/2013 FINALE REGIONALE 2 GIUGNO 2013 LENO (BS)

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO STAGIONE 2012/2013 FINALE REGIONALE 2 GIUGNO 2013 LENO (BS) SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO STAGIONE 2012/2013 FINALE REGIONALE 2 GIUGNO 2013 LENO (BS) TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE PREMESSA Si ricorda che la manifestazione è una festa a carattere

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANICO DI PARTECIPAZIONE AL CAMPIONATO INTERPROVINCIALE DI BILIARDO BOCCETTE A SQUADRE ENDAS

REGOLAMENTO ORGANICO DI PARTECIPAZIONE AL CAMPIONATO INTERPROVINCIALE DI BILIARDO BOCCETTE A SQUADRE ENDAS ENDAS BILIARDO CIRCOLO ENDAS EMILIA ROMAGNA Sede legale: Via Salita, 2 48018 Faenza (RA) C.F. e P.IVA 02028560395 Tel. Segr. e Fax 0545.288059 e-mail: abisravenna@gmail.it --Sito internet: www.abisbiliardo.it

Dettagli

REGOLAMENTO 10.000 DENARI. Torneo di scopa con 10.000 di montepremi garantito

REGOLAMENTO 10.000 DENARI. Torneo di scopa con 10.000 di montepremi garantito REGOLAMENTO 10.000 DENARI Torneo di scopa con 10.000 di montepremi garantito INIZIO TORNEO Il 4 Giugno alle ore 21:00 ha inizio il torneo. MODALITÀ DI ACCESSO 1. Pagando la quota d iscrizione di 30 (quota

Dettagli

REGOLAMENTO FANTOLMO 2015/2016

REGOLAMENTO FANTOLMO 2015/2016 MODALITA DI ISCRIZIONE REGOLAMENTO FANTOLMO 2015/2016 1. L iscrizione al torneo dovrà essere effettuata entro e non oltre le ore 18:00 di sabato 22 Agosto 2015, ora d'inizio di Verona - Roma (primo incontro

Dettagli

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia CHAMPIONS LEAGUE Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE Articolo 1 Iscrizioni. Il Campionato Champions League 2015 è aperto a tutti (universitari

Dettagli

REGOLAMENTO FIVE LEAGUE 2013/2014

REGOLAMENTO FIVE LEAGUE 2013/2014 REGOLAMENTO FIVE LEAGUE 2013/2014 Alla tredicesima edizione del campionato amatoriale di calcio a 5 partecipano 40 squadre che vengono suddivise per sorteggio in 4 gironi da 10 squadre che daranno vita

Dettagli

REGOLAMENTO TORNEI ESTIVI DI CALCIO a 7 a 11

REGOLAMENTO TORNEI ESTIVI DI CALCIO a 7 a 11 Piazza Toscanini 13, 41053 Pozza di Maranello (MO) 0536/948012 Web: www.acpozza.com e-mail: settoregiovanileacpozza@gmail.com L' A.C. POZZA 1982 organizza: Il Tornei di calcio a 11 SAMITALIA Il Tornei

Dettagli

Giovedì, 20/03/2014. Venerdì, 21/03/2014. Sabato, 22/03/2014. Domenica, 23/03/2014

Giovedì, 20/03/2014. Venerdì, 21/03/2014. Sabato, 22/03/2014. Domenica, 23/03/2014 4 20 21 22 23 15 128 15 21 16 16 Giovedì, 20/03/ ore 20.00 avvio 21 Meeting Internazionale Biliardo Sportivo Boccette a coppie e Individuale 3^ Cat. e Femm. - Trofeo Grand Casinò di Portorose ore 20.00

Dettagli

REGOLAMENTO FANTACALCIO 2005-06 «LEGA SCIAGUATTOS»

REGOLAMENTO FANTACALCIO 2005-06 «LEGA SCIAGUATTOS» REGOLAMENTO FANTACALCIO 2005-06 «LEGA SCIAGUATTOS» I. DEL MERCATO 1. Mercato iniziale - La composizione delle rose delle squadre partecipanti avviene tramite asta. All asta i giocatori partecipano con

Dettagli

REGOLAMENTI CORSA CAMPESTRE FIDAL PIEMONTE 2012

REGOLAMENTI CORSA CAMPESTRE FIDAL PIEMONTE 2012 REGOLAMENTI CORSA CAMPESTRE FIDAL PIEMONTE 2012 1) CORSA CAMPESTRE CAMPIONATI FEDERALI REGIONALI Campionati piemontesi individuali Assoluti: 15/1/2012 Novara (NO) CDS Giovanile: 5/2/2012 - Verbania (VB)

Dettagli

categoria : periodo di svolgimento : I NOMI DELLE SQUADRE PARTECIPANTI ED IL CALENDARIO DELLE GARE completo

categoria : periodo di svolgimento : I NOMI DELLE SQUADRE PARTECIPANTI ED IL CALENDARIO DELLE GARE completo Fac simile lettera di trasmissione al C.R.V. su carta intestata della Società organizzatrice, PER I SOLI TORNEI DILETTANTI (NON GIOVANILI) : Data Spett.le F.I.G.C. C.R.V. L.N.D. Ufficio Approvazione Tornei

Dettagli

5 TORNEO ESTIVO 2015 ESTIVO

5 TORNEO ESTIVO 2015 ESTIVO 5 TORNEO ESTIVO 2015 ESTIVO CON FORMULA A COLORI + HANDICAP E JOLLY PROGRAMMA E REGOLAMENTO ART. 1 ORGANIZZAZIONE Il Circolo Tennis A. Ronconi, indice ed organizza un Torneo Estivo di Tennis maschile e

Dettagli