CLEMENTE: DISASTRO FINANZIARIO PER IL COMUNE DI VIESTE.. CONTINUA IL SINDACO OSTAGGIO DELL ARROGANZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLEMENTE: DISASTRO FINANZIARIO PER IL COMUNE DI VIESTE.. CONTINUA IL SINDACO OSTAGGIO DELL ARROGANZA"

Transcript

1 CLEMENTE: DISASTRO FINANZIARIO PER IL COMUNE DI VIESTE.. CONTINUA IL SINDACO OSTAGGIO DELL ARROGANZA PREMESSA La situazione finanziaria del Comune di Vieste ha iniziato a raggiungere livelli insostenibili a partire dall esercizio finanziario 2010/2011, che coincide con l ultima campagna elettorale. Nel periodo dal 2011 al 2014 sono stati pagati interessi passivi su anticipazioni di cassa per circa ( ; ; ; ). La procedura di infrazione è stata aperta dalla Corte dei Conti nell ottobre 2012, in concomitanza dell istruttoria del conto consuntivo Il Comune di Vieste attribuiva la grave situazione di liquidità al tardivo o mancato pagamento da parte dei Comuni conferenti rifiuti nella discarica di cui era titolare il Comune di Vieste ed all inadempimento del concessionario della riscossione ( ,94); inoltre, precisava, che al fine di ristabilire gli equilibri di cassa, il Comune aveva messo in vendita gli immobili di proprietà del Comune. Successivamente, ha adottato altre misure per il contenimento della spessa e per il ripiano della situazione debitoria. All esito dell istruttoria la Corte dei Conti ha evidenziato le seguenti criticità/irregolarità: - Presenza di squilibri di bilancio in grado di provocare il dissesto finanziario; - Ricorso costante all anticipazione di tesoreria e prolungato mancato ripristino dei fondi vincolati per impieghi di parte corrente; richiedendo in data al Comune di Vieste l adozione entro 60 giorni di un piano di rientro dalla situazione debitoria, con il completo e duraturo rientro dall anticipazione di tesoreria entro il , pena la dichiarazione di dissesto. La Corte dei Conti ha così motivato la pronuncia ex art. 148-bis del d.lgs n. 267/2000: - il continuo ricorso all anticipazione di tesoreria fa presumere l omissione di una corretta attività di riaccertamento dei residui; - la presenza di residui attivi di dubbia esigibilità nel risultato di amministrazione espone l ente al rischio, in caso di insolvenza, dei relativi crediti, di una brusca riduzione dell avanzo o, addirittura, di una situazione di disavanzo; - al fine di evitare la formazione ed il possibile utilizzo di un avanzo non rispondente all effettiva situazione finanziaria del comune, è necessario che nel conto del bilancio siano conservati soltanto i residui attivi che hanno una notevole probabilità di essere incassati; - considerato che il Comune di Vieste ha approvato il rendiconto 2012 in data , per un riaccertamento dei residui attivi di dubbia esigibilità, dovrà intervenire con l istituzione di un fondo svalutazione crediti. In presenza di una condizione di illiquidità permanente, con la contrazione continua di anticipazioni di tesoreria o l incapacità di ripristinare i fondi vincolati impiegati per esigenze di parte corrente, il mancato pagamento dei propri debiti per incapacità a farvi fronte, si ritiene che sia onere dell ente adottare un piano di rientro che preveda: l estinzione del debito tuttora insoluto verso i terzi fornitori e prestatori di servizi, la restituzione dell intero importo dell anticipazione di tesoreria, il ripristino dei fondi vincolati utilizzati per impieghi di parte corrente; un piano capace di superare definitivamente lo stato di insolvenza e riportare in condizioni di equilibrio la cassa dell ente entro il corrente anno o entro il termine di conclusione dell eventuale manovra correttiva da approvarsi con la prossima deliberazione di

2 salvaguardia degli equilibri di bilancio di cui all art. 193 del decreto legislativo n. 267/2000, come ricostruito anche dalla Sezione delle Autonomia con deliberazione n. 2/AUT/2012/QMIG del 26 gennaio 2012, e comunque entro il termine massimo del 31 dicembre 2014 in considerazione del fatto che la rilevazione della massa debitoria è avvenuta nel Il piano di rientro della situazione debitoria, preceduto da una completa e puntuale ricognizione della stessa in contraddittorio con l organo di revisione e da un operazione straordinaria di riaccertamento dei residui, deve essere contabilmente plausibile ad indicare l entità della progressiva diminuzione che si attende ad ogni semestre antecedente alla data di scadenza della manovra, onde consentire all ente l adozione di misure correttive qualora si riscontrino significativi scostamenti rispetto ai risultati attesi. Sulla scorta delle relazioni dei dirigenti è stato predisposto il piano di rientro approvato dal Consiglio comunale a maggioranza nel mese di settembre Il piano di rientro è stato predisposto in assenza delle prescrizioni previste dalla pronuncia della Corte dei Conti. Infatti, esso non ha considerato che la causa principale che ha indotto la Corte dei Conti ad emettere la pronuncia è che il continuo ricorso all anticipazione di tesoreria fa presumere l omissione di una corretta attività di riaccertamento dei residui. Conseguentemente, la presenza di residui attivi di dubbia esigibilità nel risultato di amministrazione espone l ente al rischio, in caso di insolvenza, dei relativi crediti, di una brusca riduzione dell avanzo o, addirittura, di una situazione di disavanzo. Pertanto, al fine di evitare la formazione ed il possibile utilizzo di un avanzo non rispondente all effettiva situazione finanziaria del comune, è necessario che nel conto del bilancio siano conservati soltanto i residui attivi che hanno una notevole probabilità di essere incassati. La Corte dei conti ha monitorato semestralmente il Piano di rientro del Comune, riscontrando al 31/12/2014 un aumento (raddoppio) della debitoria corrente rispetto al semestre precedente. Il Comune di Vieste nel mese di gennaio u.s. ha chiesto ed ottenuto dalla Corte dei conti una proroga del piano al 30/06/2015. ATTIVITÀ ESPLETATA DAL MIO GRUPPO Il 10 settembre 2013 si è tenuto un Consiglio comunale che ha rigettato il Piano di rientro preparato dal Sindaco. Ai lavori del Consiglio non si è presentata la maggioranza. Il Sindaco non ha tenuto conto della delibera ed in data 13 settembre 2013 il Consiglio ha approvato a maggioranza il Piano di rientro. Nel settembre 2013 tutti i gruppi di opposizione hanno chiesto la convocazione del Consiglio comunale con il seguente odg integrazione e modifica al piano finanziario di rientro. Al fine di formulare in Consiglio Comunale la proposta di deliberazione, constatata la complessità delle richieste: - in data 26 settembre hanno chiesto ai Dirigenti comunali una serie di atti ed incontri entro il termine del 30 settembre 2013, e precisamente: - di fissare una riunione per la ricognizione della situazione debitoria e dei fondi vincolati, il riaccertamento dei residui, in contraddittorio con il revisore; - di conoscere la volumetria e la superficie dell immobile in località Pietà già destinato a Macello, nonché la superficie complessiva dell area con relative pertinenze;

3 - il numero di autorizzazioni rilasciate e realizzazioni di volumi tecnici a servizio di aziende e a servizio di edifici residenziali dal 1990 al 2009; - la quantificazione economica del servizi non svolti, nonché di quelli svolti saltuariamente, dalla SI.ECO. SpA, impresa che svolge il servizio di spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti, di nettezza e igiene urbana e dei servizi accessori, dal 2009 ad oggi. Per servizi non svolti si intendono anche le economie che ci sarebbero state (personale/direttore, raccolta differenziata, penali, ecc.) con un corretto svolgimento dell appalto; - una previsione del numero delle affrancazioni e dell importo dei relativi canoni di occupazione; e se nella valutazione dei prezzi di riscatto si sia tenuto conto della destinazione urbanistica dei terreni divenuti zone turistico/residenziali/ commerciali e degli acquisiti indici di rendita. - in data 30 settembre, considerato che il termine del è decorso infruttuosamente, e che il 6 ottobre scadeva il termine perentorio di venti giorni - dalla richiesta del entro il quale si deve tenere il Consiglio comunale, hanno chiesto l intervento del Prefetto affinché fosse consentito ai Consiglieri comunali il diritto/dovere a svolgere il ruolo di mandato popolare, ponendo in essere tutte le iniziative opportune per il ripristino della legalità violata. Il Consiglio comunale che abbiamo convocato per integrare e modificare il Piano di rientro non si è potuto tenere per l ostruzionismo del Comune e la inerzia della Prefettura. Nel mese di gennaio 2015, i Consiglieri comunali Clemente, Devita, Montecalvo e Spina Diana, preso atto: - della mancata esecuzione del Piano di rientro; - dei cospicui debiti fuori bilancio riconosciuti nel 2014; - dell ammanco TARI per il 2014 di circa , non inserito nell assestamento di bilancio; - del pieno utilizzo dell anticipazione di tesoreria; - che il Bilancio di previsione 2013 ed il Piano di rientro del 13/09/2013 sono stati redatti con dati volutamente errati, al fine di nascondere spese per oltre 2 milioni. Infatti, i soli debiti fuori bilancio riconosciuti, pari ad ,56 si riferiscono a spese ben conosciute come risulta agli atti (delibere di riconoscimento); - che il pagamento dei suddetti debiti fuori bilancio è stato ripartito in tre anni, ma non hanno una copertura nel bilancio di previsione pluriennale relativo alle annualità 2015 e 2016; - alla luce di quanto innanzi riportato, il Piano di rientro approvato dal C.C. n. 61/2013 risulta del tutto inattendibile e privo di fondamento; hanno chiesto alla Corte dei Conti di favorire la proroga del termine del piano di rientro al 30/06/2015 e di dare la possibilità al Consiglio comunale di predisporre un nuovo piano. Personalmente, con diversi comunicati stampa, ho evidenziato che il Sindaco non ha mai voluto vendere gli immobili comunali, né ha voluto riscuotere le entrate e contrastare l evasione. Nel maggio 2012 il Consiglio comunale ha preso atto della relazione finale sull'attività svolta dalla Commissione consiliare sul contrasto all'evasione, da me presieduta. Detta relazione, approvata all unanimità dei componenti (Caruso, Falcone, Giuffreda, Notarangelo, Vescera), per quanto riguarda la riscossione dei tributi, preso atto delle irregolarità compite dalla GEMA, ha proposto una gestione diretta della riscossione dei tributi e l avvio di azioni tese al recupero dell evasione tributaria, attivando con celerità le Convenzioni di cooperazione con l Agenzia delle Entrate e l INPS.

4 Il Consiglio comunale ha preso atto della relazione e ha approvato all unanimità gli indirizzi sull argomento, obbligando la Giunta a confrontarsi con i gruppi di minoranza sulle procedure e progetti di riscossione diretta e di contrasto all evasione. Come al solito il lavoro svolto è risultato disatteso dalla Giunta, che ha attuato la gestione diretta della riscossione volontaria, senza tenere conto degli indirizzi ricevuti dal Consiglio, ed ha affidato a terzi la riscossione coattiva nel mese di aprile del Il servizio di accertamento e riscossione coattiva dei tributi ed entrate comunali è stato affidato alla società CE.R.IN.Srl con sede in Bitondo, illegittimamente, in quanto è precluso partecipare alle gare di appalto per la riscossione dei tributi alle imprese che si sono rese responsabili di gravi inadempienze nell'esecuzione di precedenti contratti. Ma, la gara di appalto per l affidamento della riscossione coattiva delle entrate comunali è lo stratagemma utilizzato dalla Giunta per rinviare una seria riscossione. Infatti, l affidamento alla CERIN sarà revocato e successivamente si procederà con una nuova gara che rimanderà il problema di qualche altro anno. Il risultato concreto di questo modo di gestire della Giunta è stato quello di non porre in essere nessun atto di ingiunzione per tre anni, con la conseguenza di aggravare la situazione finanziaria. Ancora nulla sulla richiesta che ho protocollato nel mese di agosto 2011 di una Relazione sulla verifica degli importi per imposte ICI e TARSU dovute dai soggetti che hanno presentato istanza di rimborso e quelli riportati nei ruoli e/o versati, con specificazione se le superfici accatastate rispecchiano l attualità della situazione immobiliare dei complessi turistici. Invito il Sindaco a prendere atto della grave situazione che ha creato sull argomento ed a confrontarsi, come prevedono gli indirizzi del Consiglio comunale, con i gruppi di minoranza sulle procedure e progetti di riscossione diretta e di contrasto all evasione, che se attuati subito possono dare frutti già da quest anno. La Commissione di studio sul contrasto all evasione da me presieduta, aveva messo in guardia nel 2012 sulla irregolarità dell affidamento del servizio (anche alla GEMA) e sulle procedure di riscossione coattiva. Questo debito che si dovranno accollare i cittadini viestani per trenta anni è frutto della incapacità del Sindaco di gestire la situazione finanziaria del Comune. Per quanto riguarda i crediti inesigibili, ho evidenziato che i crediti riportati nel Rendiconto 2012 nei confronti della GEMA SpA (già dichiarata fallita) erano del tutto inesigibili, mentre quelli nei confronti del Comune del Comune di Sannicandro erano in parte inesigibili per Dissesto finanziario. Per queste ragioni il nostro gruppo ha richiesto nel 2013 di poter procedere al riaccertamento dei residui richiesto dalla Corte dei Conti, ma ciò non ci è stato permesso. La Giunta ha approfittato delle modifiche del sistema di contabilità degli Enti locali per procedere a rimediare ad un artificio contabile volutamente posto in piedi nel 2013 per poter giustificare un piano di rientro con la Corte dei Conti del tutto inattendibile. Mi fermo qui per esigenze di sintesi. ATTIVITÀ ESPLETATA DAL COMUNE

5 Nel 2013 ha ottenuto, ai sensi dell art.1 del d.l. 8/4/2013 n.35 una anticipazione di liquidità di euro ,46 dalla Cassa depositi e presiti, di cui il 50% erogato nel 2013 e il restante 50% erogato nel 2014, da destinare al pagamento di debiti certi liquidi ed esigibili alla data del 31/12/2012, da restituirsi con un piano di ammortamento a partire dal In data la GEMA ha ammesso al passivo del fallimento in via chirografaria l importo di ,95 (credito insinuato di ,77 in parte privilegiato). In data la Commissione Straordinaria di Liquidazione del Comune di Sannicandro Garganico ha ritenuto ammissibile alla procedura semplificata l importo di ,56, importo ammissibile ,34, importo richiesto ,92. Nel 2014 ha riconosciuto debiti fuori bilancio per , per spese relative ad anni precedenti. Nel marzo 2015 ha incassato il credito nei confronti del Comune di Sannicandro Garganico per ,29, sul totale di ,29 risultante dalla transazione. Dalla delibera della Corte dei Conti risulta che il Comune vanta crediti per ,64. Con Deliberazione di Consiglio comunale del il Comune ha rinegoziato i mutui con la Cassa depositi e prestiti con un allungamento dei piano di ammortamento dal al , ottenendo una riduzione di spesa di ,26 per l anno In data il Consiglio Comunale, con il voto contrario di Clemente, Devita, Montecalvo e Spina Diana (astenuti Giuffreda e Mascia) ha approvato il ripiano del debito di ,004, derivante dal riaccertamento straordinario dei residui, in trenta anni, con una quota annuale di ,60. Il debito proviene principalmente dalla eliminazione del credito nei confronti della GEMA SPA, ex concessionaria dei tributi del Comune di Vieste dichiarata fallita nel Il risultato della gestione finanziaria del Comune presentato alla Corte dei conti, per l istruttoria dell udienza del 23/06/2015, è pari a (MENO) , e precisamente: - debiti correnti di ; - anticipazione di cassa di Il rischio di soccombenza nel contenzioso civile è stimato in , mentre quello nel contenzioso amministrativo in , per un totale di La ditta concessionaria per la riscossione coattiva dei tributi comunali ha emesso avvisi di accertamento COSAP per e TARSU 2012 per PRESA D ATTO DELLA CORTE DEI CONTI La Corte dei Conti ha emesso una Delibera ben motivata dalla quale risulta che i rilievi mossi dai Consiglieri proponenti le modifiche del Piano di rientro erano più che fondati. La Corte ha anche rilevato che il Piano di rientro appariva inizialmente di facile attuazione, ma che l incapacità del Sindaco ha portato all attuale situazione di insolvenza. La Corte dei conti, chiamata a deliberare in ordine all avvenuta adozione, da parte del Comune di Vieste, delle necessarie misure correttive atte a superare gli squilibri strutturali di bilancio accertato con la deliberazione n. 101/PRSP/2013 del 20 maggio 2013, ha constatato che il Comune di Vieste non ha raggiunto gli obiettivi prefissati né in termini di esposizione debitoria, né in quelli di ripristino dell anticipazione di tesoreria, peraltro, incrementata a seguito delle recenti disposizoni legislative.

6 Ad aggravare la situazione vi è anche la situazione del contenzioso che espone delle cifre di rischio di soccombenza allarmanti. La situazione di cassa continua ad apparire asfittica. Non esistono sostanzialmente giacenze di cassa e l anticipazione di tesoreria ancora disponibile, è in grado di garantire le spese di personale e le esigenze urgenti. Per tali motivi si ritiene che l ente non abbia posto in essere irrimediabilmente data la scadenza del piano di rientro, i necessari correttivi atti a sanare le criticità di bilancio. Né si ritiene possibile un ulteriore protrazione dei tempi di attuazione delle misure correttive di rientro dal debito, on essendovene i presupposti in base alla ricostruzione ermeneutica del concetto di dissesto. Del resto l ente in tre anni non solo non è stato in grado di recuperare la debitoria iniziale, ma ne ha accumulata di nuova, con il rischio di compromettere i servizi indispensabili. Occorre, pertanto, procedere, con la trasmissione degli atti al Prefetto di Foggia e alla Conferenza permanente per il coordinamento della finanza pubblica. LA CORTE DEI CONTI, SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA PUGLIA, IN CONCLUSIONE, HA ACCERTATO L INADEMPIMENTO DA PARTE DEL COMUNE DI VIESTE ALL OBBLIGO DI ADOTTARE LE NECESSARIE MISURE CORRETTIVE ATTE AD EVITARE GLI SQUILIBRI STRUTTURALI IN GRADO DI PROVOCARE IL DISSESTO FINANZIARIO E L AGGRAVAMENTO DELLA SITUAZIONE FINANZIARIA. Per l effetto ha assegnato al Comune di Vieste il termine del 20/07/2015 per la produzione di ulteriori controdeduzioni o di documentazione comprovante l avvenuta adozione di complete misure correttive riguardanti la copertura finanziaria di competenza e cassa delle passività, previa produzione di atti, contestualmente rilevati, inerenti la liquidità e la massa debitoria di bilancio e fuori bilancio. Ove sia accertato, entro il 26/07/2015 (30 giorni dalla trasmissione della Delibera al Comune), il perdurare dell inadempimento, da parte del Comune, delle misure correttive richieste, il Prefetto dovrà assegnare all ente un termine, non superiore a 20 giorni per la deliberazione di dissesto, ed in caso di inerzia nomina il commissario ad acta e avvia la procedura per lo scioglimento del Consiglio comunale. Ora, l unica strada per evitare il dissesto finanziario è quella di deliberare il ricorso alla procedura di riequilibrio finanziario pluriennale entro il termine assegnato dal Prefetto per la deliberazione di dissesto. Comunicato pubblicato su Vieste, 1 luglio 2015 Mauro Clemente

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI Verbale n. 04 Sig. Presidente, Sigg. Consiglieri, RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 Il Revisore ha esaminato nel giorno 02 aprile 2013,

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 354/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott.ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA 1 REGOLAMENTO DI CONTABILITA Approvato con atto conciliare n. 36 del 24/03/2000 Controllato senza rilievi dal Co.Re.Co nella seduta del 05/04/2000 Modificato con atto consiliare consiliare n. 107 del 27/07/2001,

Dettagli

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più Interventi dei Sigg. consiglieri Bilancio 2014 Ricognizione dello stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri (art. 193 d.lgs n. 267/00 e degli art. 82 del regolamento di contabilità.

Dettagli

Allegato A. (ai sensi dell articolo 4, comma 3 del CCNL Regioni enti locali del 5 ottobre 2001)

Allegato A. (ai sensi dell articolo 4, comma 3 del CCNL Regioni enti locali del 5 ottobre 2001) Allegato A REGOLAMENTO RECUPERO EVASIONE ICI DEL PERIODO 1998/2001 RELATIVO A OMESSI E PARZIALI VERSAMENTI, RETTIFICHE D UFFICIO ED OMESSE DICHIARAZIONI PER AREE FABBRICABILI. (ai sensi dell articolo 4,

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 03/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 31/01/2002 Modificato con

Dettagli

A.Di.S.U. della Seconda Università degli Studi di Napoli Azienda Pubblica per il Diritto allo Studio Universitario

A.Di.S.U. della Seconda Università degli Studi di Napoli Azienda Pubblica per il Diritto allo Studio Universitario A.Di.S.U. della Seconda Università degli Studi di Napoli Azienda Pubblica per il Diritto allo Studio Universitario REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ così come modificato con Delibera del CdA

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA'

REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA' Centro Residenziale per Anziani Umberto Primo (CRAUP) di Piove di Sacco REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA' in esecuzione all'articolo 8, comma 2, Legge Regionale 23 novembre 2012, n. 43 (approvato con

Dettagli

Acquisto Acquisto e ristrutturazione beni immobili

Acquisto Acquisto e ristrutturazione beni immobili Acquisto Acquisto e ristrutturazione beni immobili Documentazione 1 da produrre per l istruttoria di affidamento ai sensi della Circolare 1273 del 22 luglio 2008 e s.m.i. Domanda di prestito (Mod. EP001/prestito

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce) COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DEFIZIONE AGEVOLATA DEI TRIBUTI COMUNALI (approvato con atto deliberativo del C.C. n. 08 del 01/04/2004) SCHEMA DI REGOLAMENTO PROPOSTO DALL ASSERRORE

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Settembre 2013 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FEDERALISMO FISCALE in attuazione dell art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI

REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI Ambito di applicazione Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 della legge n. 289 del 27 dicembre 2002,

Dettagli

CAPITOLATO PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI

CAPITOLATO PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI ALLEGATO A) CAPITOLATO PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI Art. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE La concessione prevede la gestione

Dettagli

Logo della Repubblica Italiana CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell adunanza del 16 Dicembre 2009

Logo della Repubblica Italiana CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell adunanza del 16 Dicembre 2009 Logo della Repubblica Italiana CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA nell adunanza del 16 Dicembre 2009 Pronuncia n. 20/2010 Composta dai magistrati: Presidente Sez. Mario G. C.

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA COMUNE DI REGGIOLO Provincia di REGGIO EMILIA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLO SCHEMA DI RENDICONTO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE Dott. Valerio Fantini Comune di

Dettagli

LA GESTIONE DEL BILANCIO

LA GESTIONE DEL BILANCIO LA GESTIONE DEL BILANCIO L equilibrio finanziario La gestione finanziaria Le fasi dell entrata Le fasi della spesa La Tesoreria (cenni) I residui I debiti fuori bilancio dott. Paolo Longoni L EQUILIBRIO

Dettagli

Consiglio comunale Bormio 20 maggio 2015 Approvazione rendiconto gestione 2014

Consiglio comunale Bormio 20 maggio 2015 Approvazione rendiconto gestione 2014 Consiglio comunale Bormio 20 maggio 2015 Approvazione rendiconto gestione 2014 Con deliberazione n.20 del 2/4/15 la giunta comunale ha approvato la relazione al conto consuntivo dell esercizio 2014; lo

Dettagli

Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011

Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011 Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011 Dott.ssa Paola BULFON SEGRETARIO COMUNALE TITOLARE DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA ECONOMICO - FINANZIARIA RESPONSABILE DEI SERVIZI

Dettagli

OSSERVATORIO ENTI LOCALI Aprile 2015

OSSERVATORIO ENTI LOCALI Aprile 2015 OSSERVATORIO ENTI LOCALI Aprile 2015 LE LINEE DI INDIRIZZO DELLA CORTE DEI CONTI PER IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI a cura di Mara Oliverio Consiglieri Delegati CNDCEC

Dettagli

RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DI GESTIONE

RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DI GESTIONE COMUNE DI VIGNOLA FALESINA (Provincia di Trento) Fraz. Vignola 12 38050 VIGNOLA FALESINA Tel. 0461/533445 Fax 0461/510518 RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DI GESTIONE 2012 Allegata alla delibera

Dettagli

Comune di Limbadi. Provincia di Vibo Valentia CAPITOLATO DI GARA

Comune di Limbadi. Provincia di Vibo Valentia CAPITOLATO DI GARA Comune di Limbadi Provincia di Vibo Valentia CAPITOLATO DI GARA AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE,ACCERTAMENTO,EVASIONE E DI RISCOSSIONE VOLONTARIA E COATTIVA DELLE ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE

Dettagli

PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE. Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali

PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE. Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali LA RILEVAZIONE DEI DATI L indagine sulla situazione finanziaria

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA Allegato A/2 Allegato n. 4/2 al D.Lgs 118/2011 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA 1. Definizione Nelle amministrazioni pubbliche che la adottano, la contabilità finanziaria

Dettagli

Relazione dell organo di revisione

Relazione dell organo di revisione COMUNE DI COSTA MASNAGA Provincia di LECCO Relazione dell organo di revisione - sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione 2011 - sullo schema di rendiconto per l esercizio

Dettagli

DELIBERAZIONE n.122/2012/prse. Repubblica Italiana. Corte dei Conti. Sezione regionale di controllo per il Molise. nell adunanza del 4 luglio 2012

DELIBERAZIONE n.122/2012/prse. Repubblica Italiana. Corte dei Conti. Sezione regionale di controllo per il Molise. nell adunanza del 4 luglio 2012 DELIBERAZIONE n.122/2012/prse Repubblica Italiana la Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per il Molise nell adunanza del 4 luglio 2012 *********** composta dai magistrati: dott. Giorgio Putti

Dettagli

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO LIMITE DELLA SPESA PER INTERESSI La Legge di stabilità 2012 (articolo 8, comma 1, legge n. 183/2011) modifica le regole per il ricorso all indebitamento restringendo drasticamente

Dettagli

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 I.Ri.Fo.R. - ONLUS Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 CAPO I - BILANCIO DI PREVISIONE Articolo 1 - Principi generali 1. La gestione finanziaria della struttura nazionale e delle strutture

Dettagli

Comune di Nuraminis. Guida alla lettura del. Bilancio. comunale

Comune di Nuraminis. Guida alla lettura del. Bilancio. comunale Guida alla lettura del Bilancio comunale Gentili Concittadini, questa piccola brochure oltre che fornire una breve spiegazione della gestione dei soldi pubblici vuole essere anche uno spunto per l analisi

Dettagli

RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI

RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI A causa delle difficoltà finanziarie in cui versano molte amministrazioni pubbliche, negli ultimi anni vari provvedimenti sono stati

Dettagli

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile Capitolo 3: La programmazione 111 soggiace ai limiti degli stanziamenti indicati nell ultimo bilancio approvato, ove esistano. L ultimo comma dell art. 163 disciplina l ipotesi in cui la scadenza del termine

Dettagli

Regolamento per il condono dei Tributi Locali

Regolamento per il condono dei Tributi Locali Regolamento per il condono dei Tributi Locali TARSU ICI TOSAP ( Approvato con delibera consiliare n. 57 del 21/11/2003) Sezione TARSU Articolo 1 Ambito di applicazione ed esclusioni Il presente regolamento,

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016 BILANCIO DI PREVIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016 Elementi obbligatori che costituiscono il contenuto minimo del parere redatto dall organo di revisione economico-finanziaria ai sensi dell articolo 43

Dettagli

Il d.lgs. n.149/2011. Meccanismi sanzionatori e premiali per Regioni, Province e Comuni.

Il d.lgs. n.149/2011. Meccanismi sanzionatori e premiali per Regioni, Province e Comuni. Il d.lgs. n.149/2011 Meccanismi sanzionatori e premiali per Regioni, Province e Comuni. 1. Il decreto nelle sue linee generali. Il decreto legislativo n. 149, approvato dal Consiglio dei Ministri il 6

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I.

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I. COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I. E TARSU Approvato con Del CC n. 5 del 29.4.2011 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI

IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI (P. Fiumara) 1 QUADRO DI RIFERIMENTO DEGLI EQUILIBRI FINANZIARI 1. Equilibrio

Dettagli

Provincia di Foggia. Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011

Provincia di Foggia. Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011 Provincia di Foggia Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011 Il documento contabile che si sottopone alla discussione ed all approvazione del Consiglio Provinciale concernente

Dettagli

Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD -

Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD - Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD - Via Berga, 21-35044 MONTAGNANA (PD) C.F. 82000370286 Tel. (0429) 800228-800670 Fax (0429) 800671 P.I. 00736180282 Posta certificata:

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 1 Una volta accadeva: Fondo Pluriennale Vincolato nell'esercizio X l'ente registrava in bilancio un entrata destinata ad investimenti (contributo regionale, contributo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2011

BILANCIO DI PREVISIONE 2011 COMUNE DI Lanciano Provincia di Chieti PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2011 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Dott.ssa Francesca AIMOLA Dott. Luigi Alfredo

Dettagli

STATUTO DEL COMUNE DI LADISPOLI. Titolo VII GESTIONE ECONOMICO FINANZIARIA E CONTABILITA' Capo I PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA. Art.

STATUTO DEL COMUNE DI LADISPOLI. Titolo VII GESTIONE ECONOMICO FINANZIARIA E CONTABILITA' Capo I PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA. Art. Pagina 1 di 5 STATUTO DEL COMUNE DI LADISPOLI Titolo VII GESTIONE ECONOMICO FINANZIARIA E CONTABILITA' Capo I PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA Art. 72 La programmazione di bilancio 1. La programmazione dell'attività

Dettagli

STATUTO (approvato cda del 07/5/2008)

STATUTO (approvato cda del 07/5/2008) ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMM.NE N. 19/08 DEL 07/05/2008 STATUTO (approvato cda del 07/5/2008) dell Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario del Piemonte TITOLO I NATURA E

Dettagli

DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia)

DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia) C I T T A DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI DEL COMUNE DI MANFREDONIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale N. 10

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

Preliminarmente, l Assessore ritiene utile fornire alcune definizioni. Ai fini della presente deliberazione si intende:

Preliminarmente, l Assessore ritiene utile fornire alcune definizioni. Ai fini della presente deliberazione si intende: Oggetto: Integrazione alle direttive in materia di recupero dei crediti regionali contenute nella Delib.G.R. n. 28/33 del 24.6.2011. Definizione dei criteri, presupposti e procedure per la declaratoria

Dettagli

deliberazione n. 59/PRSP/2010

deliberazione n. 59/PRSP/2010 CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA PUGLIA La Sezione Regionale di Controllo per la Puglia nell adunanza pubblica del 7 luglio 2010 ha assunto la seguente deliberazione n. 59/PRSP/2010

Dettagli

Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini.

Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini. Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini. Andrea Davide Arnaldi Responsabile area legale di Credit Evolution Studio Legale Arnaldi, Caimmi & Associati Credit Evolution Credit Evolution Credit

Dettagli

FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE UNIONE EUROPEA COMUNE DI CIRO MARINA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO BILANCIO E PROGRAMMAZIONE FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE Entità e finalità del Fondo Il Fondo

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE DI NATURA FISCALE

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE DI NATURA FISCALE COMUNE DI NOVARA Servizio Fiscalità Locale Riscossione Coattiva Entrate Catasto REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE DI NATURA FISCALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 20 DEL 19.03.2007

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE Unione dei Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Lajatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, S. Maria a Monte, Terricciola ZONA VALDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DI DICHIARAZIONI, RISCOSSIONE, ACCERTAMENTO E SANZIONI IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI, NONCHE NORME PER L

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DI DICHIARAZIONI, RISCOSSIONE, ACCERTAMENTO E SANZIONI IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI, NONCHE NORME PER L REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DI DICHIARAZIONI, RISCOSSIONE, ACCERTAMENTO E SANZIONI IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI, NONCHE NORME PER L ANNULLAMENTO DEGLI ATTI IN VIA DI AUTOTUTELA TITOLO I AMBITO

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Allegato alla delibera C.C. n. 21 del 07.08.2015 Il Segretario Comunale F.to Dr. Marcello Faiello Copia conforme all originale Il Funzionario incaricato F.to Angela Stroppa COMUNE DI SALVIROLA Provincia

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE ED EXTRATRIBUTARIE DEL COMUNE

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE ED EXTRATRIBUTARIE DEL COMUNE C O M U N E D I L E N O (Provincia di Brescia) 25024 LENO - Via Dante n. 3 P.I.: 00727240988 - C.F. 88001410179 Tel. 030/9046250-251 - Fax 030/9046253 e-mail: tributi@comune.leno.bs.it CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE COMUNALI COMUNE DI SCANDIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE COMUNALI Il presente regolamento: 1. E stato adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 31/07/2014

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2013

BILANCIO DI PREVISIONE 2013 COMUNE DI ACQUALAGNA Provincia di PESARO-URBINO PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE RAG. GINETTA ALUIGI Parere dell

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE. Vista la deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 23/01/2008 Assegnazione aree PIP ;

CONSIGLIO COMUNALE. Vista la deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 23/01/2008 Assegnazione aree PIP ; C.C. n. 50 del 26.11.2014 Oggetto: Assunzione mutuo per Debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva n. 100/2014 emessa dalla Corte d Appello di Brescia, Sezione Prima Civile, ai sensi dell art.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI. Sezione Regionale di Controllo per la Liguria

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI. Sezione Regionale di Controllo per la Liguria Pronuncia n. 138 /2007 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI Sezione Regionale di Controllo per la Liguria Composta dai seguenti magistrati: dott. Salvatore GRECO dott. Antonio SCUDIERI dott. Giuliano

Dettagli

VERIFICHE PRELIMINARI

VERIFICHE PRELIMINARI COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA **** PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E DOCUMENTI ALLEGATI **** REVISORE UNICO Marco Rossi Commercialista Revisore Contabile Pubblicista

Dettagli

PROPOSTE DI EMENDAMENTI AS 662

PROPOSTE DI EMENDAMENTI AS 662 PROPOSTE DI EMENDAMENTI AS 662 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 8 aprile 2013, n.35 recante Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione,

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE Tribunale di Torino - sez. fallimentare - 4 novembre 2011, decr. TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE In composizione collegiale nelle persone di Sigg.ri Magistrati Dott. Francesco DONATO Dott. Michela

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMUNE DI CARBONERA Provincia di Treviso PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE MICHIELON dott. Guido Comune di Carbonera

Dettagli

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Regolamento per la Definizione Agevolata dei Tributi locali minori ICP e DPA (Art. 13, Legge 27 dicembre 2002, n. 289 e art.24, D.Lgs. 15 novembre 1993,

Dettagli

Comune di TRANI Provincia BT

Comune di TRANI Provincia BT Comune di TRANI Provincia BT Regolamento Comunale di applicazione del condono fiscale Art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n. 289 AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE INDICE Art. 1 Scopo del regolamento Art. 2 Oggetto

Dettagli

AREA CONTROLLO DI GESTIONE E TRIBUTI

AREA CONTROLLO DI GESTIONE E TRIBUTI AREA CONTROLLO DI GESTIONE E TRIBUTI U.O. Controllo di Gestione PROCEDIMENTO O SUB PROCEDIMENTO PRESIDIO CICLO DI PROGRAMMAZIONE: Esplicitazione delle finalità di programma e/o di progetto da conseguire

Dettagli

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 L. 27 dicembre

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2009

BILANCIO DI PREVISIONE 2009 COMUNE DI Provincia di PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2009 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI PER IL TRIENNIO 2012-2014 (CIG: 179591973C) Schema di Convenzione

SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI PER IL TRIENNIO 2012-2014 (CIG: 179591973C) Schema di Convenzione SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI PER IL TRIENNIO 2012-2014 (CIG: 179591973C) Schema di Convenzione L anno.. il giorno. del mese di. in Milano nella sede del

Dettagli

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni?

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni? LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO (ART. 1130 C.C.) A cura di: Avv. Alessandro Re - ASSOCOND 1.Quali sono le principali funzioni dell amministratore del condominio in merito all assemblea e

Dettagli

Prot. n. AOODRPU9047 Bari, li 14/08/2015

Prot. n. AOODRPU9047 Bari, li 14/08/2015 Prot. n. AOODRPU9047 Bari, li 14/08/2015 Ai Dirigenti Scolastici delle Istituzioni Scolastiche della Regione Puglia Ai Revisori dei Conti per il tramite delle Istituzioni scolastiche capofila degli Ambiti

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con delibera di C.C. n. 10 del 10.02.1999 INDICE

Dettagli

Documento PROPOSTE PER IL RISANAMENTO FINANZIARIO DEGLI ENTI LOCALI

Documento PROPOSTE PER IL RISANAMENTO FINANZIARIO DEGLI ENTI LOCALI Documento PROPOSTE PER IL RISANAMENTO FINANZIARIO DEGLI ENTI LOCALI maggio 2010 A cura delle Commissioni Revisione degli enti locali e Enti locali Presidenti BORGHI Antonino POZZOLI Stefano Componenti

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni

Cassa depositi e prestiti società per azioni Direzione Finanziamenti Pubblici Roma, 22 luglio 2008 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1273 Oggetto: Revisione delle condizioni generali per l accesso al credito della gestione

Dettagli

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI 1. TIPOLOGIA PROCEDURE Il servizio, che può riguardare, anche disgiuntamente, sia le fasi pre-coattive

Dettagli

composta dai magistrati:

composta dai magistrati: Del. n. 29/2015/PRSP SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA TOSCANA composta dai magistrati: Gaetano D AURIA Paolo PELUFFO Emilia TRISCIUOGLIO Laura D AMBROSIO Marco BONCOMPAGNI presidente consigliere,

Dettagli

NUOVO TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE, IL BILANCIO LA CONTABILITA E I CONTRATTI DI AGENZIA REGIONALE PER L ISTRUZIONE LA

NUOVO TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE, IL BILANCIO LA CONTABILITA E I CONTRATTI DI AGENZIA REGIONALE PER L ISTRUZIONE LA NUOVO TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE, IL BILANCIO LA CONTABILITA E I CONTRATTI DI AGENZIA REGIONALE PER L ISTRUZIONE LA FORMAZIONE ED IL LAVORO 6 INDICE CAPO I - PROGRAMMAZIONE

Dettagli

composta dai magistrati: Maria Annunziata RUCIRETA

composta dai magistrati: Maria Annunziata RUCIRETA Del. n. 408/2015/QMIG SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA TOSCANA composta dai magistrati: Roberto TABBITA Maria Annunziata RUCIRETA Paolo PELUFFO Nicola BONTEMPO Emilia TRISCIUOGLIO Laura D AMBROSIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI COMUNE DI FAETO (Prov. di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI 1 TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto e finalità del regolamento) 1. Il presente Regolamento ha per

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA INCONTRO FORMATIVO LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA Recenti novità normative art. 33, comma 5, D.L. Crescita riconoscimento dell Accordo di Ristrutturazione dei debiti tra le procedure che consentono

Dettagli

Quote albo 2012 5.236.825,00

Quote albo 2012 5.236.825,00 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO PREVENTIVO 2012 ENTRATE CORRENTI Quote albo 2012 5.236.825,00 La previsione per il 2012 è calcolata sui dati forniti dagli Ordini regionali e sull importo dovuto per le quote

Dettagli

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009)

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) Il candidato, dopo avere definito il concetto di business plan, ne specifichi la struttura

Dettagli

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO N. 93 del 22/10/2014 Copia Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: ART. 32, D.L. 24 APRILE, N. 66 E DEL DECRETO DEL MEF DEL 17 LUGLI 2014. ANTICIPAZIONE

Dettagli

Comune di Marano Vicentino. Estinzione anticipata di mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti

Comune di Marano Vicentino. Estinzione anticipata di mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti Comune di Marano Vicentino Estinzione anticipata di mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti Il nostro programma sul bilancio Nel nostro Comune il bilancio presenta un forte indebitamento generato dalla

Dettagli

COMUNE DI FUMONE. Provincia di Frosinone. Art. 198 bis del T.U.E.L.

COMUNE DI FUMONE. Provincia di Frosinone. Art. 198 bis del T.U.E.L. COMUNE DI FUMONE Provincia di Frosinone REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013 Art. 198 bis del T.U.E.L. Referto Controllo di Gestione, - Comune di Fumone Via Risorgimento n. 2 03010 Fumone (FR) 1

Dettagli

ROMA CAPITALE GESTIONE COMMISSARIALE

ROMA CAPITALE GESTIONE COMMISSARIALE Roma Capitale Gestione Commissariale L attività del Commissario Straordinario del Governo per il rientro del debito pregresso del Comune di Roma Roma, 11 gennaio 2012 1 Sommario del documento 1. Contesto

Dettagli

APPENDICE D.LGS. 6 SETTEMBRE 2011, N. 149 (*)

APPENDICE D.LGS. 6 SETTEMBRE 2011, N. 149 (*) D.LGS. 6 SETTEMBRE 2011, N. 149 1 D.LGS. 6 SETTEMBRE 2011, N. 149 (*) (*) In grassetto sono stati segnalati i più significativi provvedimenti riportati nel Codice amministrativo e modificati dalle norme

Dettagli

PARTE II - SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELL ENTE COMUNE DI TUFARA

PARTE II - SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELL ENTE COMUNE DI TUFARA Prot. 1850 del 02 settembre 2014 PARTE II - SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELL ENTE COMUNE DI TUFARA RELAZIONE DI INIZIO MANDATO ANNI 2014/2019 (articolo 4-bis del d.lgs. del 6 settembre 2011, n. 149)

Dettagli

DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. del Reg. : 59/10 OGGETTO: UNIONE DEI COMUNI DELLA VALCONCA ANALISI DELLA SITUAZIONE GESTIONALE E FINANZIARIA - AGGIORNAMENTO Data : 03.08.2010 L anno duemiladieci,

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2008 (art.227 Testo Unico 267/00) (art.151 comma 6 Testo Unico 267/00) (art.28 Regolamento di Contabilità)

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2008 (art.227 Testo Unico 267/00) (art.151 comma 6 Testo Unico 267/00) (art.28 Regolamento di Contabilità) PROVINCIA DI CREMONA RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2008 (art.227 Testo Unico 267/00) (art.151 comma 6 Testo Unico 267/00) (art.28 Regolamento di Contabilità) INDICE DETERMINAZIONE AVANZO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO ORIGINALE COMUNE DI SANTA MARIA A VICO PROVINCIA DI CASERTA Data Delibera: 25/06/2014 N Delibera: 70 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: ACCESSO AL FONDO DI LIQUIDITA' PER ASSICURARE

Dettagli

Deliberazione n. 13/2008

Deliberazione n. 13/2008 Deliberazione n. 13/2008 Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per la Calabria composta dai magistrati: Dott. Silvio AULISI Prof. Dott.Luigi CONDEMI Prof. Dott. Vittorio CIRO CANDIANO Dott.ssa

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013. COMUNE DI VERNANTE CUMÜNA DAL VERNANT APPARTENENTE ALLA MINORANZA LINGUISTICA STORICA OCCITANA PROVINCIA DI CUNEO VIA UMBERTO I N 87 CAP. 12019 Tel. 0171/920104 -Fax 0171/920698 P.IVA C.F. 00457660041

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. - questo Ente ha in essere finanziamenti a tasso fisso e a tasso variabile con il sistema

LA GIUNTA COMUNALE. - questo Ente ha in essere finanziamenti a tasso fisso e a tasso variabile con il sistema Il Sindaco, in qualità di Presidente, constatata la validità dell adunanza, dichiara aperta la seduta e pone in discussione la proposta di deliberazione indicata in oggetto: PREMESSO che: LA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2013

BILANCIO DI PREVISIONE 2013 COMUNE DI Provincia di TUSCANIA VITERBO PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Dr Umberto Caldari Parere dell Organo di

Dettagli

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali GUIDA ALLA LETTURA DEI BILANCI COMUNALI L esame dei bilanci dei Comuni può costituire un utile strumento di analisi e di supporto all elaborazione di linee

Dettagli