NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31 Dicembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31 Dicembre 2014"

Transcript

1 Codice fiscale Partita iva Stadio Olimpico Roma NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31 Dicembre 2014 INDICE 1. Criteri di formazione e valutazione 2. Contenuto delle poste di bilancio 3. Altre notizie integrative

2 Premessa Il presente bilancio nel 2014 è stato predisposto in conformità alle disposizioni pervenute dal C.O.N.I. a seguito della comunicazione del 9 settembre 2014 da parte del Collegio dei Revisori della Associazione Benemerita ANAOAI (di seguito anche Associazione ), con la quale ha segnalato al C.O.N.I. medesimo la presenza di gravi irregolarità amministrative nella gestione, riscontrate nel primo semestre 2014, a seguito delle quali ha richiesto la convocazione dell Assemblea Nazionale Straordinaria, ai sensi dell art. 18 comma 4 dello Statuto. Gli aspetti segnalati hanno interessato: A. la situazione debitoria persistente nel secondo trimestre 2014 per circa relativa al mancato pagamento di alcune fatture anno 2013 del fornitore Riccardo Viola Editore, per cui l Associazione aveva ricevuto un contributo finalizzato dal CONI di ; B. l acquisto di un autovettura con pagamento in contanti; C. l esistenza di un secondo conto bancario intestato all Associazione di cui il Collegio dei Revisori non era a conoscenza (BNL n. 944); D. il mancato rispetto delle direttive del CONI (circolari del e del ) relative all assunzione di cariche da parte di personale CONI. A seguito della riunione della Giunta Nazionale del CONI del 28 0ttobre 2014, il Segretario Generale, con lettera del 30 ottobre 2014, ha comunicato all Associazione l avvio delle verifiche da parte dell Ufficio Vigilanza, il quale ha redatto una relazione riportante le seguenti conclusioni: L Associazione presenta un assetto amministrativo - contabile inadeguato alla gestione dei contributi del CONI, in quanto: A. non è presente alcun flusso autorizzativo documentato per le spese e i pagamenti (es: delibere di spesa, ordinativi del Segretario,.). B. le modalità di tenuta della contabilità sono carenti in termini di accuratezza e completezza, poichè rappresentate da registri delle entrate e delle uscite, esclusivamente cartacei; C. si ravvisa la totale assenza di forme di rendicontazione che permettano di individuare l inerenza istituzionale delle spese; D. è assente una rappresentazione complessiva della situazione finanziaria e gestionale, comprensiva delle Sezioni Territoriali, dotate di autonomia amministrativa ma non giuridica; E. alcune Sezioni Territoriali, in violazione dello Statuto, sono dotate di partita IVA o codice fiscale; Per quanto sopra, risulta di assoluta difficoltà valutare l inerenza istituzionale delle spese effettuate con riferimento sia ai singoli progetti finanziati, che alle finalità stesse dell Associazione.

3 A seguito dei rilievi contenuti nella relazione dell Ufficio Vigilanza, nel mese di febbraio 2015, si è concordata l elaborazione di un piano d azione, condiviso con il C.O.N.I., e l impegno dell Associazione all adozione di: 1. un regolamento amministrativo che disciplini in modo puntuale tutti gli aspetti contabili, di bilancio, di rendicontazione, delle procedure di acquisto e delle modalità di selezione dei fornitori, delle modalità di autorizzazione delle spese e dei pagamenti, ; 2. una contabilità di tipo economico-patrimoniale, con sistema informatizzato, effettuando una ricostruzione dello stato patrimoniale attivo e passivo anche in relazione alle sezioni; 3. format strutturati di rendiconto per i rimborsi spese, le spese in contanti,..; 4. un Bilancio unico che comprenda anche le contabilità delle sezioni; 5. un provvedimento per la chiusura delle partite IVA delle sezioni territoriali. L Associazione alla data di redazione del bilancio ha predisposto un proprio regolamento di amministrazione e contabilità che dovrà essere approvato in sede di delibera del presente bilancio. Il bilancio d esercizio al è costituito dallo stato patrimoniale, dal conto economico e dalla nota integrativa. I prospetti di bilancio (stato patrimoniale e conto economico) e la presente nota integrativa sono stati redatti in unità di euro. Il presente bilancio non è stato assoggettato a revisione contabile da parte di Società di Revisione, ma è stato assoggettato ai controlli previsti dal Codice Civile da parte del Collegio dei Revisori, sia in tema di controllo di legalità, sia in tema di controllo contabile.

4 1. Criteri di formazione e valutazione CRITERI DI FORMAZIONE L Associazione durante l esercizio ha utilizzato una contabilità di cassa, senza l ausilio di strumenti informatici, limitandosi all impiego di registri di cassa, riferiti ai conti correnti bancari BNL, ove venivano annotate manualmente le entrate e le uscite. Alla fine dell esercizio, per la redazione del rendiconto si è provveduto ad una riclassificazione del bilancio, da cassa a competenza ed è stato utilizzato un sistema di contabilità economico patrimoniale, nel rispetto dei principi e criteri, per la formulazione del regolamento di contabilità delle Federazioni Sportive Nazionali e Discipline Sportive Associate, emanati dal CONI. In ottemperanza al principio di competenza, l effetto delle operazioni e degli altri eventi è stato rilevato contabilmente ed attribuito all esercizio al quale tali operazioni e eventi si riferiscono e non a quello a cui si concretizzano i relativi movimenti di numerario (incassi e pagamenti). Il bilancio 2014, ha, quindi, tenuto conto, delle raccomandazioni pervenute dal C.O.N.I. alla fine dell esercizio. Il bilancio chiuso al 31/12/2014 è stato redatto in base ai principi e criteri contabili di cui agli artt e seguenti del codice civile così come modificati dal D.Lgs n. 6, in linea con quelli predisposti dai Principi Contabili Nazionali, aggiornati dall Organismo Italiano di Contabilità (OIC), ed integrati con le Linee Guida e schemi per la redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit emanati dall Agenzia per le ONLUS, nonché dai Principi Contabili nn. 1 e 2 emanati dal CNDCEC assieme all Agenzia per le ONLUS e all Organismo Italiano di Contabilità (OIC). Il bilanci consuntivo riporta i dati riferiti alla sola sede centrale e non anche alle Sezioni Territoriali, in quanto non è stato prodotto alcun documento contabile di sintesi o consolidamento CRITERI DI VALUTAZIONE Immobilizzazioni immateriali Non sussistono a Bilancio. Immobilizzazioni materiali Gli ammortamenti sono stati calcolati in misura costante applicando i coefficienti di ammortamento previsti nelle apposite tabelle ministeriali o, se più conformi alle aliquote economico-tecniche, i criteri previsti dall art C.C.. (tabella XX - DM ). Si riporta di seguito il prospetto recante le aliquote di ammortamento adottate, distinte per tipologia di bene:

5 Ammortamenti immobilizzazioni materiali Natura del bene Aliquote d'ammortamento Fonte utilizzata per l'individuazione del criterio di ammortamento Fabbricati 3% Tabella XX (DM ) Altri beni materiali 50% e 10% Art Codice Civile Mobili e arredi 12% Tabella XX (DM ) Automezzi 20% Tabella XX (DM ) Macchine elettroniche d'ufficio (computer, etc.) 20% Tabella XX (DM ) Immobilizzazioni finanziarie Non sussistono a Bilancio Partecipazioni Societarie. Rimanenze di materiale di consumo Non rilevate in sede di predisposizione di Bilancio. Crediti e debiti I crediti e i debiti sono iscritti al valore nominale. Disponibilità liquide Le disponibilità liquide sono esposte al valore nominale. Ratei e risconti Sono calcolati secondo il principio della competenza economica e temporale, in applicazione del principio di correlazione dei costi e dei ricavi in ragione di periodo. Fondi per rischi ed oneri Non sussistono in Bilancio.

6 Costi e ricavi Sono esposti in bilancio secondo il principio della competenza economico - temporale e della prudenza, con rilevazione dei relativi ratei e risconti e delle scritture di assestamento. Imposte Le imposte sui redditi sono determinate in base ai calcoli risultanti in applicazione della vigente normativa fiscale. 2. Contenuto delle poste di bilancio ANALISI DELLE VOCI DELLO STATO PATRIMONIALE ATTIVO IMMOBILIZZAZIONI Immobilizzazioni immateriali Non risultano immobilizzazioni immateriali al Immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali al risultano completamente ammortizzate. Nel precedente esercizio sono stati iscritti beni per 835 relativi al costo di acquisto di computer e macchine d ufficio e 600 relativi al costo di acquisto della fotocopiatrice. Detti valori già coincidevano con gli ammortamenti operati alla data del 31 dicembre I dati non possono trovare riscontro con il libro cespiti in quanto non risulta disponibile nell Associazione. Alla fine dell esercizio è stato acquistato un tablet per euro 330 da parte di un Consigliere Nazionale il cui valore è stato interamente ammortizzato nell anno. Immobilizzazioni finanziarie Rappresenta un credito immobilizzato relativo alla polizza assicurativa per la copertura del trattamento di fine rapporto della lavoratrice dipendente dell Associazione, stipulata con HDI Assicurazioni. Al 31 dicembre 2014 il valore risulta essere di con un incremento di rispetto all esercizio precedente. Si tratta di un operazione finanziaria che consiste nel pagamento alla compagnia di assicurazione di un premio che matura interessi; i montanti cumulati nel tempo permettono la copertura finanziaria del fondo trattamento di fine rapporto maturato.

7 ATTIVO CIRCOLANTE Rimanenze di materiale di consumo Non presenti ovvero non segnalate in sede di redazione del Bilancio. CREDITI L ammontare dei crediti al 31/12/2014 è pari a Di seguito si riporta la loro suddivisione per macro categorie con evidenza degli scostamenti rispetto all anno precedente. Descrizione Crediti Differenza CREDITI VERSO RESPONSABILE AMM.VO DEPOSITI CAUZIONALI CREDITI VERSO ALTRI CREDITI VERSO IL CONI CREDITI VERSO SEZIONI PER TESS.TO CREDITI VERSO EX SEGRETARIO CREDITI VERSO ERARIO Totale In merito ai crediti presenti in bilancio, tutti di formazione dell esercizio 2014, si precisa quanto segue:. - Crediti verso responsabile amministrativo 1.127: in tale categoria si trova contabilizzato il credito vantato dall Associazione nei confronti del Responsabile Amministrativo per anticipazioni non rendicontate alla chiusura dell esercizio. - Crediti verso altri 7.800: in tale categoria si trova contabilizzato il credito vantato dall Associazione nei confronti della CCIAA di Bergamo per e nei confronti dell Atalanta Calcio per relativo a contributi assegnati per l organizzazione del primo raduno Azzurri d Italia svoltosi a Bergamo nel mese di maggio Gli importi a credito risultano incassati nel Crediti verso il C.O.N.I in tale categoria si trova contabilizzato il credito vantato dall Associazione nei confronti del CONI relativo al saldo dei contributi deliberato per la realizzazione dei tre progetti presentati dall ANAOAI nell anno L importo sarà erogato alla presentazione del rendiconto dei tre progetti.

8 - Crediti verso Sezioni 650: in tale categoria si trova contabilizzato il credito derivante dalle quote di tesseramento 2014 di competenza della Sede Nazionale non incassate alla fine dell esercizio. Si riferiscono per 90 alla Sezione di Roma, per 360 alla Sezione di Como e per 200 alla Sezione di Imperia. Alla data di chiusura dell esercizio risultano commissariate le Sezioni di Foggia e Val di Fassa, morose nell esercizio Crediti verso l ex Segretario Generale 2.450: trattasi del credito derivante dall acquisto dell auto (euro e oneri relativi), pagata in contanti dall Associazione, irregolarmente intestata al Segretario Generale, divenuto a tutti gli effetti proprietario dell auto. Detto acquisto è stato deliberato dal Presidente (Delibera n. 1/2014) previa autorizzazione del Consiglio di Presidenza svoltosi a Roma il 10 giugno 2014, per garantire il necessario supporto alle iniziative in programma. Nella delibera veniva considerata onerosa la spesa per assicurare il veicolo intestato all Associazione e pertanto veniva autorizzata la proprietà a persona fisica tra le figure dell Associazione stessa. Il credito è stato aperto a seguito dell irrituale procedura di acquisto avvenuto con risorse dell Associazione. Il Sig. Magalotti nel mese di marzo 2015 ha provveduto alla vendita del veicolo e ha restituito l importo di versandolo nel c/c dell Associazione. - Crediti verso Erario 9.634: trattasi di crediti relativi quasi integralmente all IVA risultante dalla liquidazione annuale IVA 2014 per Nel corso dell esercizio si registra la compensazione di debiti IVA con modello F24 per l importo di con un saldo a credito di L operazione è avvenuta con l approvazione del Collegio dei Revisori. Nella categoria, inoltre, risulta contabilizzato il credito di 407 relativo ad una duplicazione del versamento di ritenute tramite F24 e il credito di 114 per ritenute su lavoratore dipendente. Si evidenzia che il credito verso Erario sarà compensato integralmente con il saldo IRES 2014, pari a e parzialmente con l acconto IRES 2015 di pari importo. Tutti i crediti iscritti a bilancio sono esigibili entro 12 mesi. Disponibilità liquide Le disponibilità liquide sono riferite solo alla Sede Centrale e non riportano i saldi contabili delle Sezioni territoriali anche se i conti correnti accesi dalla periferia riportano i dati fiscali dell Associazione. La procedura adottata per l esercizio 2014 è a carattere eccezionale in quanto si dovrà procedere nel corso del 2015 ad una regolarizzazione di quelle posizioni che attualmente non risultano conformi allo Statuto a alle normative vigenti.

9 I dati al 31/12/2014 si presentano come segue: Disponibilità liquide centrali Disponibilità liquide Descrizione Differenza C/C BANCARIO CONTANTI Totale Al 31 dicembre 2014 risultano intestati alla Sede Centrale i seguenti conti correnti bancari/postali: c/c bancario n acceso presso la Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas agenzia CONI che presenta, al 31 dicembre 2014, un saldo finale riconciliato pari ad I poteri di firma sul conto suddetto risultano attribuiti solo al Responsabile Amministrativo; c/c bancario n. 944 acceso presso la Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas - I, che presenta, al 31 dicembre 2014, un saldo finale riconciliato pari ad Il predetto conto è stato finalizzato alla gestione delle entrate e delle uscite del Comitato Organizzatore del 1 Raduno Azzurri d Italia per operare una distinzione con l attività istituzionale. I poteri di firma sul conto suddetto risultano attribuiti solo al Responsabile Amministrativo; c/c postale acceso presso Poste Italiane n , che presenta, al 31 dicembre 2014, un saldo finale riconciliato pari ad - 64,71 (Debiti v/poste), del quale non si hanno tutti gli estratti mensili e che risulterebbe movimentato nel 2014 solo per un versamento di tesseramento e per la richiesta di emissione di un assegno circolare di 910,00. Quest ultimo è stato versato sul c/c BNL 5307 dell Associazione. Del predetto conto non era stata data mai evidenza nei precedenti esercizi e non risulta conosciuto al Collegio dei Revisori. Non sono noti i poteri di firma. Nel mese di Aprile 2015 è stata attivata procedura di circolarizzazione degli Istituti di Credito i cui risultati non sono noti alla data di redazione del Bilancio. Non sono intervenuti fatti significativi attinenti alla gestione delle disponibilità liquide nel corso del 2014 anche se si registrano numerosi prelievi in contanti di importo superiore a in contrasto con la normativa in materia di antiriciclaggio.

10 PASSIVO Patrimonio netto Al l'associazione evidenzia un saldo del patrimonio netto negativo pari ad Il riepilogo delle movimentazioni del patrimonio netto nel corso dell esercizio è riportato nel seguente prospetto Patrimonio libero Patrimonio netto Riserve Utili (Perdite) portate a nuovo Utili (Perdite) dell esercizio Totale SALDO AL 31/12/ ( ) DESTINAZIONE DEL RISULTATO ( ) DELL ESERCIZIO 2013 UTILIZZO DELLE RISERVE PER COPERTURA PERDITA RISULTATO DELL ESERCIZIO SALDO AL 31/12/2014 ( ) Patrimonio libero: è costituito dal risultato gestionale dell'esercizio in corso e dal risultato gestionale degli esercizi precedenti. Il dato relativo al 31 dicembre 2013 è stato ricavato dalla Situazione Patrimoniale fornita dallo Studio Donati incrementato dei maggiori costi non rilevati alla chiusura dell esercizio per competenza. Per effetto dell utile di esercizio rilevato nell esercizio 2014, pari ad euro , il patrimonio netto dell Associazione si presenta negativo per euro Il ripianamento avverrà completamente nell anno 2015 per effetto di una nuova rimodulazione del budget 2015 che garantirà un utile sufficiente al riequilibrio del patrimonio netto. Fondi per rischi e oneri Il Fondo non viene alimentato in quanto attualmente non sono presenti rischi o cause legali nei confronti dall Associazione di cui si sia a conoscenza. Risulta depositata solo una richiesta presentata dall ex redattore della rivista per compensi maturati per l attività prestata negli anni precedenti.

11 DEBITI I debiti ammontano complessivamente ad Di seguito si riporta la suddivisione dei debiti per categoria, con evidenza degli scostamenti rispetto all esercizio precedente. Debiti Descrizione Differenza DEBITI VERSO POSTE DEBITI VERSO COLLABORATORI DEBITI VERSO FORNITORI DEBITI VERSO ERARIO C/IRES DEBITI VERSO ERARIO C/RITENUTE REDDITI LAVORO AUTONOMO DEBITI VERSO ISTITUTI DI PREVIDENZA E DI SICUREZZA SOCIALE DEBITI VERSO RIT. LAV. DIP DEBITI VERSO ALTRI DEBITI VERSO CONSIGLIERI FATTURE DA RICEVERE DEBITI VERSO SEZIONI DEBITI VERSO RESPONSABILE AMMINISTRAT DEBITI VERSO SEGRETARIO GENERALE Totale Nel dettaglio i debiti riguardano: - Debiti verso Poste 65: si riferiscono alle spese e alle commissioni relative al conto corrente postale, maturati al 31 dicembre 2014; - Debiti verso collaboratori 750: si riferisce al compenso relativo al mese di Dicembre 2014 a favore di Alessandra Magalotti per collaborazione resa a favore dell Associazione;

12 - Debiti verso fornitori : si riferiscono a documenti passivi relativi alla fornitura di beni e servizi: Riccardo Viola Editore per la rivista Magliazzurra 2014 ( ), Express Mailing per le spese di spedizioni tessere ( 684), Dueffe Sport sas per la fornitura di materiale promozionale ( 3.507), Team Italia Srl ( 7.962) per servizi resi in occasione Raduno Azzurri a Bergamo. - Debiti verso Erario c/ires 5.041: si riferisce al debito IRES 2014 calcolato sul reddito derivante da attività commerciale. - Debiti verso Erario c/ritenute redditi lavoro autonomo 660: si riferiscono alle ritenute non versate nell esercizio per compenso professionale Studio Donati relative al secondo semestre 2013 e alle ritenute da versare per il compenso professionale del Rag. Marricchi per il quarto trimestre Debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale 337: si riferiscono alle ritenute previdenziali rimaste a debito al 31 dicembre 2014 e non completamente compensate con il credito v/erario. - Debiti verso consiglieri 2.185; si riferiscono a rimborsi spese viaggio e anticipi per acquisto tablet ( 429) non liquidati entro la fine dell esercizio. - Fatture da ricevere 1.806: si riferiscono alle spese postali non ancora fatturate da CONI Servizi ( 664) e alle prestazioni non fatturate dallo Studio Marricchi per il quarto trimestre 2014 ( 1.142). - Debiti verso sezioni 2.600: si riferiscono a contributi deliberati dal Consiglio Direttivo Nazionale il 22/11/2014 a favore delle seguenti Sezioni: Sez. Genova 500 per stampa annuario Sez. Savona 300 per organizzazione manifestazione Sez. Biella 300 per organizzazione mostra maglie azzurre CR Sicilia 1500 per organizzazione settimana azzurra e convegno Detti contributi alla data di chiusura del bilancio non sono stati erogati. - Debiti verso responsabile amministrativo 1.427: si riferiscono a spese relative al 2014 anticipate dal Segretario Amministrativo; - Debiti verso ex Segretario Generale 750; si riferiscono al compenso relativo al mese di Dicembre 2014 dell ex Segretario Generale;

13 Non sussistono debiti nei confronti di Banche. Tutti i debiti iscritti a bilancio sono di durata inferiore a 12 mesi. Ratei e risconti passivi Ratei e risconti passivi Descrizione Differenza RATEI PASSIVI RISCONTI PASSIVI Totale I risconti passivi ammontano ad e sono rappresentati interamente dagli incassi anticipati sul tesseramento 2015, la cui competenza è stata rinviata all esercizio successivo. TESSERAMENTO SEZIONE GROSSETO 290 TESSERAMENTO SEZIONE FERRARA 250 TESSERAMENTO SEZIONE TERNI 200 TESSERAMENTO SEZIONE VARESE 20 TESSERAMENTO SEZIONE TORINO 10 TESSERAMENTO SEZIONE VICENZA 150 1TESSERAMENTO SEZIONE VARESE 650 TESSERAMENTO SEZIONE SONDRIO LECCO 630 TESSERAMENTO SEZIONE SONDRIO LECCO TESSERAMENTO SEZIONE VARESE 30 TESSERAMENTO SEZIONE TREVISO 490 Conti d ordine Non presenti.

14 ANALISI DELLE VOCI DI CONTO ECONOMICO Valore della produzione Il totale del valore della produzione ammonta complessivamente a ed è così articolato: Valore della produzione Descrizione Variazioni RICAVI ISTITUZIONALI CONTRIBUTI CONI SU PROGETTI CONTRIBUTI STATO, ENTI PUBBLICI, ALTRI DATO ASSENTE ENTI QUOTE ASSOCIATIVE Non comparabile EROGAZIONI LIBERALI DATO ASSENTE ALTRI RICAVI 77 DATO ASSENTE ARROTONDAMENTI ATTIVI 2 DATO ASSENTE TOTALE RICAVI ISTITUZIONALI DATO ASSENTE RICAVI COMMERCIALI RICAVI DA AFFITTO SPAZI DATO ASSENTE RICAVI DA PUBBLICITÀ E SPONSORIZZAZIONI Non comparabile TOTALE RICAVI COMMERCIALI Valore della produzione RICAVI ISTITUZIONALI - Contributi C.O.N.I. finalizzati : si riferiscono ai contributi deliberati dal C.O.N.I. a seguito della presentazione di tre progetti da parte dell ANAOAI. Il Regolamento delle Associazioni Benemerite, approvato dal Consiglio Nazionale C.O.N.I. con delibera n del 31/10/2000, prevede all art. 5 che la Giunta Nazionale C.O.N.I. possa concedere contributi finalizzati a favore delle Associazioni Benemerite per la realizzazione di progetti relativi a:

15 attività ed iniziative finalizzate alla realizzazione di progetti di natura culturale che promuovono, propagandano, diffondono e affermano il valore dello sport, realizzate anche attraverso iniziative promozionali a vali livelli; attività e iniziative di natura scientifica o tecnica applicate allo sport. L art. 7 del predetto Regolamento prevede infine che l entità del contributo determinato in favore delle Associazioni non possa superare la misura massima del 70% del preventivo tecnico finanziario di ciascun progetto che sia stato ritenuto congruo e pertinente. In alcuni casi però, qualora un progetto sia ritenuto degno di maggior rilievo, possedendo un alto valore di cultura sportiva, e quindi meritevole di un maggiore sostegno economico da parte del CONI, la normativa stabilisce che la determinazione del contributo possa oltrepassare la soglia del 70%, sino ad arrivare alla totale copertura economica del progetto presentato. Le Associazioni Benemerite sono invitate ogni anno a presentare da un minimo di 1 a un massimo di 3 progetti. La Giunta Nazionale decide l entità del contributo per ciascuna di esse, anche in funzione del preventivo presentato. Il contributo deliberato viene posto in pagamento in due rate, di cui la prima in acconto, pari al 50% del contributo già assegnato nell anno precedente mentre la seconda, a saldo, dopo la presentazione del rendiconto consuntivo delle spese sostenute per la realizzazione dei progetti ammessi a contribuzione. Unitamente al rendiconto dei progetti per il saldo le Associazioni Benemerite presentano anche il bilancio consuntivo dell Associazione approvato dall Assemblea dei soci. Ai fini del pagamento della seconda rata, viene verificata sia la completezza della documentazione pervenuta che la rispondenza di quanto realizzato con quello illustrato in sede di domanda di contributo. Le eventuali incongruenze determinano la sospensione del pagamento fino alla loro chiarificazione. Nel 2014, su specifico impulso del Collegio dei Revisori dei Conti CONI che in diverse occasioni aveva invitato il CONI a verificare il corretto utilizzo dei contributi di natura pubblica erogati dall Ente, è stata effettuata per la prima volta nei confronti di ciascuna Associazione Benemerita la verifica a campione, per un ammontare complessivo pari al 30% del contributo assegnato per ciascun progetto, a valere sul rendiconto La richiesta a campione all ANAOAI è stata inviata il 12 marzo 2014 e nonostante diversi incontri e solleciti verbali l Associazione non ha ancora ottemperato alla presentazione di idonea documentazione a sostegno delle spese effettuate.

16 Per il 2014 l ANAOAI, in data 3/2/2014, ha presentando due progetti per una spesa complessiva pari ad ,00 ed una richiesta di contributo al CONI di ,00 così ripartiti: Titolo progetto Descrizione progetto Costo complessivo a preventivo Azzurri per i giovani Editoria e promozione Attività divulgativa e promozionale a carattere culturale manifestazioni ludico sportive per gli alunni delle scuole primarie ed incontri culturali con gli studenti e gli insegnanti delle scuole superiori con gli interventi di grandi campioni dello sport Attività editoriale pubblicazione della rivista Magliazzurra Richiesta contributo al CONI , , , , , ,00 In aggiunta ai due progetti l ANAOAI ha presentato direttamente alla Segreteria Generale C.O.N.I. un ulteriore progetto denominato I 100 anni del CONI ed i suoi azzurri comprendente l organizzazione di alcuni convegni ed il 1 Raduno degli Azzurri d Italia a Bergamo nel mese di maggio, iniziative incentrate sulle celebrazioni per la ricorrenza dei 100 anni di costituzione del CONI. Con deliberazione n 43 del 4/3/2014 la Giunta Nazionale C.O.N.I. ha assegnato all ANAOAI un contributo complessivo di di cui: 1) Azzurri per i giovani ) Editoria e promozione ) 1 Raduno degli Azzurri d Italia disponendo il pagamento, nel mese di marzo, di di cui per i primi due progetti (50% del contributo del ) nonché del finanziamento di per il terzo progetto. Il saldo 2014 di sarà posto in pagamento alla presentazione del rendiconto dei tre progetti. Tali contributi direttamente finalizzati alla realizzazione dei progetti finanziati non possono essere utilizzati per altri fini. Nell allegato 1) viene riportato il dettaglio dei costi preventivati e i dei costi effettivamente sostenuti.

17 - Contributi Stato, Enti pubblici, Altri Enti : i ricavi si riferiscono a contributi assegnati da Enti e Società a sostegno del Primo Raduno svoltosi a Bergamo articolati come di seguito: Contributo Comune Bergamo Contributo Fondazione ASM Brescia Contributo Regione Lombardia Contributo CCIAA Bergamo Contributo Atalanta calcio Quote associative : i ricavi si riferiscono alla quota di competenza della Sede Centrale sul tesseramento dei soci. Il Consiglio Direttivo Nazionale, per l anno 2014, ha stabilito le seguenti quote di tesseramento: 1. Rinnovo Soci Effettivi bollino 2014: 25,00 di cui alla Sezione ed 10,00 ad ANAOAI Nazionale 2. Nuovi Soci Effettivi bollino 2014: 50,00 di cui di cui alla Sezione ed 20 ad ANAOAI Nazionale 3. Soci Onorari bollino 2014: 25,00 di cui alla Sezione ed 10,00 ad ANAOAI Nazionale 4. Amici degli Azzurri bollino 2014: 50,00 cui di cui alla Sezione ed 10 ad ANAOAI Nazionale Al 31 dicembre 2014 risultano n. 82 nuovi Associati, n rinnovi e n. 18 Amici degli Azzurri. Di seguito si riporta una tabella che illustra la situazione del tesseramento 2014 e dalla quale, peraltro, risultano diverse Sezioni la cui composizione è in contrasto con l art. 20 comma 2 Per essere costituita deve contare almeno venticinque (25) Soci Effettivi residenti nella provincia o anche in province limitrofe purché nella stessa regione..

18 TOTALI ASSOCIATI 2014 Quota Anaoai NUMERO NUMERO NUMERO NUMERO NUMERO IMPORTO SEZIONI Nuovi Associati Rinnovi 2014 Soci onorari Amici degli Azzurri Totale Quota Anaoai ALESSANDRIA ASTI BERGAMO BIELLA BOLOGNA BOLZANO BRESCIA CAGLIARI CASTELLI ROMANI CATANIA CIAMPINO CIVITAVECCHIA 0 0 COMO CORTINA D'AMPEZZO CREMONA CUNEO FERRARA FIRENZE FOGGIA FORLI'-CESENA GENOVA GORIZIA-MONFALCONE GROSSETO IMOLA IMPERIA LA SPEZIA LIVORNO MANTOVA MESSINA MILANO NOVARA ORISTANO PADOVA PALERMO PAVIA PESARO-URBINO PORDENONE RAVENNA REGGIO CALABRIA ROMA SABINA ROMANA SALERNO SAVONA SONDRIO E LECCO TERNI TORINO TRENTO TREVISO TRIESTE UDINE VAL DI FASSA VARESE VENEZIA VERONA VICENZA VITERBO TOTALE

19 - Erogazioni liberali 6.000: si riferiscono a liberalità erogate a sostegno dei costi relativi al Primo Raduno degli Azzurri svoltosi a Bergamo. I soggetti donanti sono di seguito indicati: 1. Liberalità Socio Mariani Liberalità Cattaneo Liberalità Montello spa Liberalità Liski srl Liberalità Paterlini Altri ricavi 77: si riferiscono a rimborsi da parte dell ENEL per fornitura di energia elettrica al Primo Raduno degli Azzurri svoltosi a Bergamo. RICAVI COMMERCIALI - Ricavi da affitto spazi : si riferiscono a ricavi derivanti dalla vendita di stand in occasione del Primo Raduno degli Azzurri svoltosi a Bergamo. EURO SCUOLA SRL ATALANTA BC SPA FIPSAS P.M.P. SRL CAFFITALY SYSTEM SPA CTF GROUP S.COOP.R.L AZVEICOLI GROUP SRL SANTINI MAGLIFICIO SRL AERO CLUB D'ITALIA ISTITUTO CREDITO SPORTIVO STUDIO FIRST SRL BONALDI MOTORI SPA CENTRO STUDI SUPERIORI SRL AVIS PROVINCIALE BERGAMO Ricavi da Pubblicità 722: si riferiscono a ricavi per prestazioni di pubblicità Dueffe Sport sas 650; San Benedetto spa 72; - Ricavi da Sponsorizzazioni : si riferiscono a sponsorizzazione rese in occasione del Primo Raduno degli Azzurri svoltosi a Bergamo. Si registrano ricavi da: S.A.C.B.O. SPA CREDITO BERGAMASCO BANCA POPOLARE BERGAMO SPA UBI BANCA INVESTOR E MEDIA REL

20 Costo della produzione Il totale dei costi istituzionali ammonta complessivamente a ; il totale dei costi commerciali ammonta ad euro Detti costi sono così articolati: Costi ATTIVITÀ ISTITUZIONALE Variazioni PERSONALE DIPENDENTE Non comparabile Retribuzione lorda 14 mensilità Non comparabile Contributi INPS Non comparabile Quota TFR Non comparabile COMPENSI COLLABORAZIONI Non comparabile Collaborazione Magalotti A Non comparabile Collaborazione Segretario Gen Non comparabile Collaborazione Respons. Amm Non comparabile PRESTAZIONI PROFESSIONALI Non comparabile Consulenza Studio Marricchi Non comparabile Consulenza legale 289 Non comparabile Cassa Previdenza Prof. 162 Non comparabile ORGANI E COMMISSIONI Non comparabile Assemblea Non comparabile Consiglio Direttivo Nazionale Non comparabile Presidente Non comparabile Collegio Revisori 295 Non comparabile Rimborso spese Segretario Gen Non comparabile Rimborso spese Respons. Amm. 542 Non comparabile Rimborso spese Marricchi 539 Non comparabile Rimborso spese terzi 611 Non comparabile COSTI AMMINISTRATIVI E GENERALI Non comparabile Noleggio auto 259 Non comparabile Multe e carburante 75 Non comparabile Spese postali Non comparabile Sanzioni 10 Non comparabile Utenze e spese telefoniche 279 Non comparabile Materiali consumo 745 Non comparabile Materiale promozionale Non comparabile Tessere 988 Non comparabile Oneri accessori 854 Non comparabile

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO

I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO I GIUDIZI SUL BILANCIO Articolo 2409-ter 1. Il revisore o la società incaricata del controllo contabile: a).; b) verifica se il bilancio di esercizio e, ove redatto,

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli