in evidenza l interpello la giurisprudenza l approfondimento lo sapevi che N 11 del 18 ottobre 2013 Pag. 1 di 11

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "in evidenza l interpello la giurisprudenza l approfondimento lo sapevi che N 11 del 18 ottobre 2013 Pag. 1 di 11"

Transcript

1 N 11 del 18 ottobre 2013 in evidenza INCENTIVO ALL ESODO PER I LAVORATORI PROSSIMI ALLA PENSIONE A regime la procedura di accompagnamento alla pensione per favorire l esodo dei lavoratori più anziani (vedi approf. ) p.9 TIROCINI FORMATIVI E RECEPIMENTO LINEE GUIDA Continua senza sosta da parte delle Regioni l iter di approvazione dei contenuti delle Linee Guida p.3 l interpello La Cigs può essere concessa ad un azienda interessata ad accedere a concordato preventivo?... p.6; la giurisprudenza Solidarietà del committente nell appalto... p.8; l approfondimento ESODO INCENTIVATO LAVORATORI PIU ANZIANI... p.9; lo sapevi che...grazie al nuovo portale studio leoni, puoi accedere ai listini paga di dipendenti e collaboratori, ai consueti documenti aziendali e tanto altro, direttamente dal tuo PC. Leoniweb: un nuovo servizio sempre attivo e a vostra disposizione. Contattaci per una dimostrazione. Pag. 1 di 11

2 NEWS Modifiche alla pensione di inabilità L Inps, con la circolare n. 140 dello scorso 3 ottobre, ha illustrato le modifiche, contenute nell art. 1, co. 240, della c.d. Legge di Stabilità 2013 (n. 228/2012) ed apportate alla disciplina delle pensioni di inabilità, nel caso in cui il richiedente abbia una contribuzione accreditata in due o più forme assicurative. È stato disposto che per i soggetti iscritti a due o più forme di assicurazione obbligatoria per invalidità, vecchiaia e superstiti di lavoratori dipendenti, autonomi, ed iscritti alla gestione separata, che abbiano presentato domanda di pensione di inabilità dal 1 gennaio 2013, il trattamento di inabilità è liquidato tenendo conto di tutta la contribuzione disponibile nelle gestioni interessate. Quindi, la liquidazione della pensione di inabilità deve essere effettuata tenendo conto di tutta la contribuzione non utilizzata per la liquidazione di un trattamento pensionistico (c.d. contribuzione disponibile). La domanda di pensione di inabilità va presentata all ente gestore della forma assicurativa a cui da ultimo il lavoratore è iscritto 1. Tale ente provvederà, poi, a promuovere il procedimento mediante l accertamento della sussistenza dei requisiti sanitari ed amministrativi richiesti. Pertanto, una volta verificata la sussistenza di tali requisiti, l Ente presso il quale è iscritto il lavoratore dovrà rendere edotti di ciò agli altri Enti/gestioni interessati affinché comunichino le quote di pensione di loro competenza. Quindi, come detto, il trattamento di inabilità deve essere liquidato tenendo conto di tutta la contribuzione disponibile, e la misura del trattamento pensionistico si compone di due quote: 1. Una quota riferita all anzianità contributiva maturata dall assicurato fino alla data di decorrenza dell inabilità; 2. Una quota costituita dalla maggiorazione convenzionale dell importo di cui al punto 1., per la cui quantificazione si deve tener conto di tutta la contribuzione disponibile nelle gestioni assicurative. In ogni caso, non può essere computata un anzianità contributiva complessiva superiore a 40 anni. La liquidazione di detta pensione spetterà alla gestione alla quale il lavoratore è iscritto al momento del sopraggiungere dello stato inabilitante. Da ultimo, è importante ricordare che in caso di 1 Qualora il lavoratore, al momento dell iscrizione, dovesse risultare iscritto a più gestioni sceglierà la gestione presso cui presentare la domanda. cessazione del diritto alla pensione di inabilità conseguente al recupero della capacità di lavoro, Pag. 2 di 11

3 verrà attribuito il riconoscimento della contribuzione figurativa per tutto il periodo durante il quale l interessato ha usufruito della pensione stessa. I tirocini formativi in Campania, Emilia Romagna e Lazio Nel gennaio 2013 le Linee-guida in materia di tirocini della Conferenza Unificata Stato, Regioni e Province Autonome, di cui abbiamo ampiamente descritto le caratteristiche nel n. 2/2013 di Lavoro&Notizie, hanno attuato quanto stabilito dalla l. n. 92/2012 in materia di tirocini. La Riforma Fornero aveva difatti previsto che venissero introdotte alcuni principi guida con lo scopo di stabilire degli standard minimi uniformi in tutta Italia soprattutto al fine di evitare un uso illegittimo e distorto dell istituto. Tali principi avrebbero dovuto appunto essere riassunti all interno delle c.d. linee guida, elaborate dalla Conferenza Unificata, per poi essere recepite dalle singole Regioni, e sono già diversi gli enti regionali che hanno iniziato ad adeguare la propria normativa a tali criteri direttivi. Nel precisare che per quanto concerne la Regione Lombardia, allo stato attuale, nessun recepimento ufficiale ha avuto ancora luogo, iniziamo a tracciare un quadro partendo da: Campania, Emilia Romagna e Lazio. Campania La Regione Campania, con la delibera della Giunta Regionale n. 243 del 22 luglio 2013, ha dato attuazione alle sopracitate direttive nazionali. Pur recependola in tutti i suoi aspetti, la Giunta Regionale ha provveduto ad apportare alcune modifiche. Correttivi sono stati, infatti, apportati per ciò che riguarda il numero massimo dei tirocini attivabili contemporaneamente presso il soggetto ospitante, tale numero sarà correlato e proporzionato al numero dei soli lavoratori a tempo indeterminato in forza presso l azienda. Sono stati previsti almeno 400,00 euro di indennità di partecipazione, mentre non è stato stabilito un ammontare massimo come a livello nazionale (700,00 euro). Emilia Romagna La Regione Emilia Romagna recependo le linee-guida nazionali in materia di tirocini ha tentato soprattutto di valorizzare il tirocinio formativo quale forma di inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. La regolamentazione trova applicazione per tutti i tirocini formativi realizzati nel territorio della regione, anche in caso di Pag. 3 di 11

4 azienda multi localizzata, a partire dallo scorso 16 settembre. Gli intervalli temporali nel contratto a tempo determinato: chiarimenti del Ministero La legge regionale n. 7/2013 ha previsto un indennità di partecipazione di almeno 450,00 euro mensili, da corrispondere al tirocinante per tutta la durata del tirocinio. Il Ministero del Lavoro, con una nota del 4 ottobre 2013, ha fatto luce su un aspetto ancora poco chiaro dei contratti a tempo determinato, ossia gli intervalli temporali tra due contratti. Lazio Anche la regione Lazio, nel luglio scorso, ha approvato le linee-guida in materia di tirocini. Tra le novità introdotte, oltre alla previsione della corresponsione di minimo 400,00 euro lordi mensili a titolo di indennità di partecipazione, sono state definite ulteriori modalità di sostegno a favore dei tirocini dei disabili e dei giovani. E inoltre in via di predisposizione un sistema regionale informatico che permetterà di raccogliere i dati relativi al mercato del lavoro con riferimento ai tirocini. La regione Lazio sta tentando altresì di costruire un proprio Osservatorio che consenta di evitare il fenomeno dell'abuso dei tirocini gratuiti e che rilevi il tasso di coerenza tra la formazione e l'occupazione che ne deriva. Gli esperti del Ministero, infatti, sono intervenuti per rispondere a diversi quesiti postigli in riferimento alla efficacia, o meno, degli accordi stipulati dalla contrattazione collettiva, anche aziendale, che avevano ridotto la durata degli intervalli a 20 e 30 giorni, derogando quanto disposto dalla Riforma Fornero (che prevedeva una durata degli intervalli pari a 60 e 90 giorni). Il Ministero ha specificato che i predetti accordi, stipulati quindi prima del recente passo indietro del legislatore, devono essere contestualizzati nel quadro normativo previgente (che come detto è stato interessato dal considerevole allungamento degli intervalli temporali), dove è stato concessa alle parti sociali, nello spirito di flessibilità, la possibilità di poter ridurre gli intervalli (riportandoli al massimo nei limiti legali di 10 e 20 giorni). È però evidente, prosegue il Dicastero, che tali disposizioni sono state oggi superate a seguito del recente intervento normativo che ha ridotto in via ordinaria lo spazio temporale tra due contratti a 10 e 20 giorni. Per ciò che riguarda, invece, gli accordi collettivi stipulati a partire dall entrata in vigore del d.l. n. 76/2013, convertito in l. n. 99/2013, potranno Pag. 4 di 11

5 prevedere una riduzione, o un azzeramento, dei predetti intervalli di 10 e 20 giorni nelle ipotesi definite per tutti i soggetti rientranti nel campo di applicazioni di detti accordi. In ogni caso, la contrattazione collettiva, nella sua autonomia, può prevedere degli intervalli aventi una maggiore durata ma tali disposizioni potrebbero prevedere degli effetti solo ed esclusivamente per le parti stipulanti. Accordo di rinnovo dei dirigenti del commercio La Confederazione Generali Italiana del Commercio (Confcommercio) e la Federazione Nazionale dei Dirigenti, Quadri e Professionisti del Commercio (Manageritalia) si sono riunite per consentire la definizione di un quadro di riferimento contrattuale avente il fine di affrontare nel miglior modo possibile la situazione di crisi che sta ancora colpendo il settore del Terziario nel suo complesso, e per garantire la vigenza delle agibilità e delle tutele previste dal CCNL in favore di imprese e dirigenti del terziario, distribuzione e servizi in scadenza il prossimo 31 dicembre Entrambe le Parti hanno ritenuto di dover affrontare le nuove difficoltà dovute dalla crisi economica che stanno determinando delle profonde trasformazioni che investono le imprese ed il lavoro manageriale, e intendono, quindi, adoperarsi per un rilancio del welfare e della bilateralità come leva strategica competitiva. A tale scopo, la vigenza del CCNL dirigenti terziario è stato prorogato fino al 31 dicembre 2014, in modo tale da poter monitorare la razionalizzazione ed il miglioramento del welfare contrattuale. Le Parti hanno, altresì, convenuto di garantire la sostenibilità e l equilibrio di lunga durata dei Fondi contrattuali e a tale scopo convengono l applicazione, nel periodo di proroga, di previsioni coerenti con quanto definito nel vigente CCNL. In particolare, si segnalano le seguenti modifiche per il Fondo Mario Negri e per il Fasdac: Fondo Mario Negri: per l anno 2014 il contributo integrativo sarà pari all 1,95%; Fasdac: limitatamente al 2014 è stato attivato un adeguamento pari al 2% del contributo di solidarietà a carico di imprese e pensionati. Pag. 5 di 11

6 Un interpello al giorno Domanda: Risposta: E ancora possibile concedere all azienda interessata ad accedere a concordato preventivo, con o senza concessione di beni, il trattamento della Cassa Integrazione Straordinaria? In via preliminare occorre anzitutto sottolineare che, ai sensi del novellato art. 3, comma 1, L. n. 223/1991, la CIGS viene concessa ai lavoratori di imprese rientranti nel campo di applicazione della citata Legge nelle ipotesi di dichiarazione di fallimento, di emanazione del provvedimento di liquidazione coatta amministrativa ovvero di sottoposizione all amministrazione straordinaria laddove sussistano prospettive di continuazione o di ripresa dell attività e di salvaguardia, anche parziale, dei livelli di occupazione, da valutare in base a parametri oggettivi definiti con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali. Il 4 dicembre 2012 il Ministero ha provveduto ad emanare apposito Decreto proprio al fine di individuare i parametri oggettivi per la valutazione delle istanze di CIGS presentate dal curatore fallimentare, dal commissario liquidatore e dal commissario straordinario, facendo riferimento alle procedure concorsuali sopra richiamate (D.M. n ). Ai fini della soluzione del quesito, occorre tuttavia soffermarsi sulla lettura della seconda parte della disposizione, in virtù della quale il trattamento straordinario di integrazione salariale è riconosciuto anche nel caso di ammissione al concordato preventivo consistente nella cessione Pag. 6 di 11

7 dei beni, ferma restando la relativa omologazione. Come chiarito da questo Ministero con nota, prot. n. 14/13876 del 26/05/2010, sebbene la norma contempli la concessione della CIGS solo nell ipotesi di concordato preventivo con cessione di beni, deve ritenersi che tutte le fattispecie di concordato preventivo, con o senza cessione dei beni, consentano l accesso al trattamento straordinario di integrazione salariale, in quanto sottoposte al controllo dell autorità giudiziaria. Risulta esclusa, invece, la procedura prevista dall art. 67, comma 3, lett. d), L.F., in considerazione del piano di risanamento della situazione debitoria aziendale attestato esclusivamente da un professionista e non da un soggetto pubblico terzo. Alla luce delle osservazioni sopra svolte, si ritiene dunque che il Decreto del 4 dicembre 2012 è volto ad indicare esclusivamente quali siano i parametri oggettivi per la valutazione delle istanze in relazione alle procedure concorsuali ivi contemplate (dichiarazione di fallimento, liquidazione coatta amministrativa ed amministrazione straordinaria cfr. artt. 2-3) e non invece ad individuare le fattispecie rientranti nel campo di applicazione della norma. Pertanto, il trattamento straordinario di integrazione salariale deve essere concesso, ai sensi del novellato art. 3, comma 1, L. n. 223/1991, anche ai lavoratori di imprese ammesse a concordato preventivo, con o senza cessione dei beni. Si evidenzia inoltre che, in forza dell art. 2, comma 70, L. n. 92/2012, a decorrere dal 1 gennaio 2016, l art. 3 in esame si considera abrogato, determinando evidentemente l inapplicabilità stessa del D.M. Ne consegue che da tale data non sarà più possibile la concessione di CIGS in base alla suddetta disposizione normativa. Fonte: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Pag. 7 di 11

8 Rassegna della giurisprudenza A cura dell Avv. Lidia Levantino disciplinari spropositate, richiami ingiustificati e visite fiscali "a raffica". Solidarietà del committente dell appalto La Corte di Cassazione ha affermato che, in mancanza del nesso causale, non può essere richiesta al committente l'indennità per il mancato preavviso di un dipendente dell'appaltatore, se il licenziamento è maturato quando il contratto d'appalto è ormai già terminato. La Corte di Legittimità sottolinea come, in casi del genere, il licenziamento non possa essere efficace qualora l'assenza sia "imputabile alla responsabilità del datore di lavoro" e nemmeno se l'assenza del lavoratore per malattia supera il periodo di comporto (cfr. Cass. Civ. S. n del 2/10/2013). Per la Suprema Corte "il credito invocato non era temporalmente ed eziologicamente connesso alla cessazione del contratto d appalto e che dalla stessa motivazione del licenziamento non emergeva alcun collegamento causale tra lo stesso ed il contratto d appalto intercorso tra le società appellate, essendo anche mancata la prova che il recesso fosse stato una conseguenza obbligata della cessazione del contratto d appalto". (Cfr. Cass. Civ. S. n del 4/10/2013) Malattia causata dal datore di lavoro La Cassazione ha sancito che è illegittimo il licenziamento del dipendente assente per malattia provocata dall'azione di mobbing che il datore di lavoro esercita nei suoi confronti con sanzioni Pag. 8 di 11

9 L approfondimento INCENTIVO ALL ESODO PER I LAVORATORI PROSSIMI ALLA PENSIONE La Riforma Fornero, l. n. 92/2012, per dare una risposta alle disposizioni varate per l innalzamento dell età pensionabile sia sul piano sociale che su quello della produttività del lavoro, ha introdotto alcune disposizioni volte a facilitare l uscita anticipata dei lavoratori prossimi al raggiungimento dei requisiti utili per accedere al pensionamento. E stata in buona sostanza introdotta nel nostro ordinamento una tipizzazione dell accordo di prepensionamento (che però non esclude che le parti, in virtù dell autonomia negoziale, possano vincolarsi giuridicamente con accordi diversi). Tale innovazione prevede tre distinte fattispecie di accordo: 1) La prima consiste in un accordo stipulato tra il datore di lavoro e le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative a livello aziendale. La condizione costitutiva della cessazione del rapporto di lavoro sarà rappresentata dalla adesione del lavoratore all accordo medesimo. La dichiarazione di volontà della parte sindacale e l adesione del lavoratore sono entrambi elementi essenziali per la validità dell accordo, e quindi della cessazione del rapporto di lavoro. 2) La seconda fattispecie riguarda invece i processi di riduzione del personale dirigente. Questa fattispecie è analoga alla prima, con la sola differenza che l associazione sindacale legittimata a stipulare l accordo è la stessa stipulante il CCNL della categoria, a prescindere dalla rappresentatività della stessa presso il datore di lavoro coinvolto. 3) La terza, prevede, invece, la possibilità di un accordo di prepensionamento nell ambito di una procedura di licenziamento collettivo. Nell accordo, stipulato tra il datore di lavoro e le rappresentanze sindacali aziendali, deve essere individuata la situazione di eccedenza di personale ed il criterio di scelta dei lavoratori da collocare in mobilità ai sensi dell art. 5 della l. n. 223/1991, che sarà costituito dalla prossimità al raggiungimento dei requisiti per il pensionamento. In questo caso, il datore di lavoro non è tenuto al pagamento del contributo d ingresso in mobilità e di quello di Pag. 9 di 11

10 compartecipazione al finanziamento dell ASPI, ma ha diritto al recupero delle somme corrisposte, in apertura della procedura di mobilità, a titolo di anticipazione del contributo stesso. Possono beneficiare di tale incentivo tutti i datori di lavoro, imprenditori e non, che impieghino mediamente più di 15 dipendenti in riferimento al semestre precedente la data di stipula dell accordo (nel calcolo devono essere computati tutti i dipendenti, di qualsiasi qualifica, ad eccezione degli apprendisti e dei lavoratori con contratto di inserimento/reinserimento). Con riferimento ai lavoratori potenzialmente interessati a questa nuova procedura, si precisa come siano ricompresi tutti coloro i quali raggiungano i requisiti minimi anagrafici e/o contributivi del pensionamento di vecchiaia o anticipato non oltre il quarto anno successivo alla cessazione del rapporto di lavoro. L effettivo raggiungimento di tali requisiti andrà verificato in base alle regole vigenti al momento della cessazione del rapporto di lavoro. Per ciò che riguarda l oggetto dell accordo, il lavoratore a fronte della cessazione del rapporto di lavoro, avrà diritto ad una prestazione di importo pari al trattamento di pensione che spetterebbe loro in base alle regole vigenti. L Inps sarà titolare della lavoro dovrà stipulare una fideiussione bancaria a garanzia della solvibilità in relazione agli obblighi. Al raggiungimento dei requisiti necessari, la prestazione si trasformerà in pensione, la quale computerà al suo ammontare anche la contribuzione figurativa, che è stata accreditata dal momento della cessazione del rapporto fino al raggiungimento dei requisiti. La prestazione decorrerà dal primo giorno del mese successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro e sarà corrisposta in 13 rate mensili anticipate. Al momento del pensionamento il trattamento muterà in pensione entro un mese dalla scadenza della stessa, e il lavoratore dovrà presentare domanda di pensione che avrà decorrenza dal primo giorno del mese successivo al mese di scadenza della prestazione. Tale prestazione, non essendo qualificabile come una pensione vera e propria, non è reversibile, pertanto al momento del decesso del beneficiario ai superstiti non spetterà una pensione di reversibilità ma una indiretta il cui importo è determinato da elementi contributivi e retributivi rilevanti al momento della cessazione del rapporto di lavoro. La procedura amministrativa necessaria per attivare tutte le prestazioni che seguono alla stipula dell accordo e che coinvolgono l Inps, consiste in 4 macro-fasi: situazione giuridica debitoria, previo finanziamento della suddetta e l accredito di contribuzione figurativa a favore del lavoratore da parte del datore di lavoro. In più, il datore di a) Presentazione della domanda Spetterà al datore di lavoro presentare l accordo alla sede Inps competente, che Pag. 10 di 11

11 sarà quella presso la quale lo stesso assolve i suoi obblighi contributivi. Tale accordo deve espressamente individuare la situazione di eccedenza di personale, l indicazione del numero dei lavoratori risultanti in esubero ed il termine entro il quale il programma di esodo dovrà concludersi. b) Attività di verifica da parte dell Inps della sussistenza dei requisiti soggettivi in capo al datore di lavoro ed ai lavoratori La sede Inps competente dovrà verificare la sussistenza dei requisiti del datore di lavoro, poi trasmetterà l accordo alla direzione centrale delle pensioni che attribuisce all azienda un codice di censimento. Una volta attribuito tale codice, la direzione centrale delle pensioni consegna al datore di lavoro esodante un codice PIN, che dovrà essere utilizzato per inserire l elenco dei lavoratori coinvolti nell operazione di prepensionamento. c) Presentazione della fideiussione Il datore di lavoro dovrà confermare nella procedura automatizzata l elenco dei lavoratori in possesso dei requisiti soggettivi, al fine di avere una stima dell importo utile a coprire il trattamento nonché i costi relativi all accredito figurativo (determinando così l importo complessivo da garantire con fideiussione). Successivamente, l Inps dovrà inviare un prospetto contenente l ammontare stimato della provvista annuale, ai fini della stipula della fideiussione bancaria. Il datore di lavoro consegnerà la stessa fideiussione alla sede competente che, verificatane la conformità, ne comunica l accettazione al datore di lavoro ed alla banca. In seguito all accettazione della fideiussione, verrà aperta una posizione contributiva dedicata al versamento della contribuzione figurativa correlata per i lavoratori in esodo. d) Comunicazione dell Inps al lavoratore dell importo iniziale della prestazione Il datore di lavoro dovrà presentare all Inps le domande telematiche di prestazione per ciascun lavoratore, e l Istituto, accertata la sussistenza dei requisiti in capo al lavoratore, comunicherà la liquidazione della prestazione con decorrenza dal primo giorno del mese successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro. Pag. 11 di 11

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI

TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI Numero 62 Settembre 2013 TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI Torna, con molte novità e senza oneri per lo Stato, il cosiddetto prepensionamento ovvero quella forma di ammortizzatore sociale

Dettagli

Circolare n. 24 del 19 giugno 2013. Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro

Circolare n. 24 del 19 giugno 2013. Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Circolare n. 24 del 19 giugno 2013 Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Prot. 40 / 0021268 Agli indirizzi in allegato Oggetto: articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge 28

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS

FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS INFORMATIVA N. 187 13 MAGGIO 2015 Previdenziale FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS INPS, Circolare n. 90 del 6 maggio 2015 Con Decreto interministeriale n. 83486 del

Dettagli

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Errata Corrige : All articolo 6, punto 3 è stato aggiunto il riferimento al trattamento di mobilità

Dettagli

Circolare N.181 del 11 Dicembre 2013

Circolare N.181 del 11 Dicembre 2013 Circolare N.181 del 11 Dicembre 2013 Accordi di prepensionamento. L istituto ed i benefici Gentile cliente, con la presente desideriamo fornirle alcuni chiarimenti circa l istituto del prepensionamento

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Abrogazione legge 322/58 in particolari situazioni Cumulo periodi contributivi per pensione Vecchiaia Reversibilità Inabilità Corso agenti sociali FNP CISL

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito

Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 15/06/2009 Circolare n. 80 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

Lavoratori Salvaguardati

Lavoratori Salvaguardati Numero 104 Dicembre 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Aggiornamento al 12 dicembre 2014 dei n^ 53, 69 e 72 b di Previdenza Flash con le novità apportate dalla Legge n 147 del 22/10/2014

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Messaggio numero 8881 del 19-11-2014 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

Ai gentili clienti Loro sedi Riforma del lavoro: nuova tassa sui licenziamenti a copertura degli ammortizzatori sociali

Ai gentili clienti Loro sedi Riforma del lavoro: nuova tassa sui licenziamenti a copertura degli ammortizzatori sociali Studio Commerciale e Tributario TOMASSETTI & PARTNERS Informativa Lavoro Ai gentili clienti Loro sedi Riforma del lavoro: nuova tassa sui licenziamenti a copertura degli ammortizzatori sociali Gentile

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale INTERPELLO N. 11/2008 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del lavoro Via Cristoforo Colombo, 456

Dettagli

Luogo e data PREMESSO CHE

Luogo e data PREMESSO CHE FIDEIUSSIONE A GARANZIA DEGLI OBBLIGHI DI CUI ALL ART. 4 DELLA LEGGE 28 GIUGNO 2012, N. 92 Spett.le Istituto Nazionale della Previdenza Sociale INPS.. Luogo e data PREMESSO CHE a) L art. 4, comma 1, della

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza. Roma, 05/06/2014

Direzione Centrale Previdenza. Roma, 05/06/2014 Direzione Centrale Previdenza Roma, 05/06/2014 Circolare n. 73 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia).

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia). Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014 Messaggio n. 8881 Allegati n.2 OGGETTO: Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 65/2009 Roma, 31 luglio 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del

Dettagli

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE OGGETTO: Adeguamento, a partire dal 1 gennaio 2013, agli incrementi della speranza di vita dei requisiti per l accesso al pensionamento del personale appartenente

Dettagli

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa Informativa n. 32 del 29 giugno 2012 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE 1 Premessa... 2 2 Quadro normativo... 2 3 Regime fiscale

Dettagli

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA)

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Come è nato e a cosa serve Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) è stato istituito dall art. 1 ter del Decreto Legge n. 249/ 2004 convertito dalla

Dettagli

Messaggio N. 008381 del 15/05/2012. INPS gestione ex INPDAP Direzione Centrale Previdenza

Messaggio N. 008381 del 15/05/2012. INPS gestione ex INPDAP Direzione Centrale Previdenza Messaggio N. 008381 del 15/05/2012 INPS gestione ex INPDAP Direzione Centrale Previdenza Ai Direttori Centrali Ai Direttori Regionali Ai Direttori Provinciali Ai Direttori delle Agenzie Oggetto: Chiarimenti

Dettagli

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Nota informativa marzo 2014 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Provincia di Milano, Unione Confcommercio Milano, Associazioni imprenditoriali

Dettagli

Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di alcune gestioni ex Enpals, ex Indap e Inps ai requisiti della legge 214/2011

Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di alcune gestioni ex Enpals, ex Indap e Inps ai requisiti della legge 214/2011 INCA INFORMA Quindicinale di informazione previdenziale a cura dell INCA- CGIL Bergamo http://new.cgil.bergamo.it/inca/ 11 settembre 2013 Numero 21 Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

INPS Contributo ASpI per i licenziamenti: ulteriori chiarimenti

INPS Contributo ASpI per i licenziamenti: ulteriori chiarimenti n 25 del 05 luglio 2013 circolare n 454 del 04 luglio 2013 referente GRANDI/af INPS Contributo ASpI per i licenziamenti: ulteriori chiarimenti Con messaggio 27 giugno 2013, n. 10358 (allegato alla presente),

Dettagli

Se si matura il requisito entro il 31.12.2018, pensione anticipata e part-time

Se si matura il requisito entro il 31.12.2018, pensione anticipata e part-time CIRCOLARE A.F. N.63 del 28 Aprile 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Se si matura il requisito entro il 31.12.2018, pensione anticipata e part-time Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Nel corso del rapporto lavorativo può accadere che il datore di lavoro si trovi impossibilitato, soprattutto per oggettivi motivi economici e di mancanza di lavoro, a ricevere

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

OGGETTO: ACCORDI AZIENDALI PER INCENTIVARE L ESODO DEI LAVORATORI PIÙ ANZIANI - ISTRUZIONI OPERATIVE INPS

OGGETTO: ACCORDI AZIENDALI PER INCENTIVARE L ESODO DEI LAVORATORI PIÙ ANZIANI - ISTRUZIONI OPERATIVE INPS OGGETTO: ACCORDI AZIENDALI PER INCENTIVARE L ESODO DEI LAVORATORI PIÙ ANZIANI - ISTRUZIONI OPERATIVE INPS Ai sensi dell art. 4, commi da 1 a 7-ter, della legge 28 giugno 2012, n. 92 (*), in caso di eccedenza

Dettagli

Circolare prot. 003/14 Roma, 7 luglio 2014. Spett.li

Circolare prot. 003/14 Roma, 7 luglio 2014. Spett.li Circolare prot. 003/14 Roma, 7 luglio 2014 Spett.li e, p.c.: Aziende che applicano i ccnnll dei servizi ambientali Federambiente FISE Assoambiente Associazioni Territoriali di Confindustria Ai Signori

Dettagli

Direzione Generale della Previdenza e Assistenza Sociale. Circolare n.47/2001

Direzione Generale della Previdenza e Assistenza Sociale. Circolare n.47/2001 Direzione Generale della Previdenza e Assistenza Sociale Protocollo n. 102865 del 3 maggio 2001 Circolare n.47/2001 Oggetto : Legge 7 marzo 2001, n. 62, recante "Nuove norme sull editoria e sui prodotti

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014)

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) CIRCOLARE INFORMATIVA N. 2 FEBBRAIO 2015 ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

1. Requisiti anagrafici e contributivi per accedere al trattamento pensionistico

1. Requisiti anagrafici e contributivi per accedere al trattamento pensionistico Oggetto: D.M. n. 1058 del 23 dicembre 2013 (diramato con nota AOODPIT n.2855 del 23 dicembre 2013) - Cessazioni dal servizio dal 1 settembre 2014. Si fa riferimento alla nota AOODPIT n. 2855 del 23 dicembre

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012)

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012) LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI DI PIETRO PERZIANI (Marzo 2012) Dopo le Circolari della F.P. e del MIUR, sono uscite quelle dell Inps/Inpdap, la n. 35 e la n. 37 del 2012; la prima è diretta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 102/E

RISOLUZIONE N. 102/E RISOLUZIONE N. 102/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA BANCA Regime fiscale

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI ** PENSIONI LIQUIDATE* 1^ SALVAGUARDIA

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione.

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione. CIRCOLARE SETTIMANALE N. 3 FEBBRAIO 2013 INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI A decorrere dal 1 gennaio 2013 a tutti i lavoratori dipendenti (compresi gli apprendisti; i soci lavoratori di cooperativa

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA NAZIONALE FLP SCUOLA 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flpscuola.org Email: info@flpscuola.org tel. 06/42000358 06/42010899 fax.

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale"

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale SENATO DELLA REPUBBLICA 11ª Commissione Permanente (Commissione Lavoro, Previdenza Sociale) A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale" 3 ottobre

Dettagli

Club Previdenza del 30 settembre 2013.

Club Previdenza del 30 settembre 2013. Club Previdenza del 30 settembre 2013. a) Gestione delle crisi aziendali: novità in materia di ammortizzatori sociali e dilazioni debiti in fase amministrativa. 1) Cigs aziende interessate alle procedure

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 17/09/2015 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Guida al Lavoro IL IL SOLE 24 ORE PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR

Guida al Lavoro IL IL SOLE 24 ORE PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Articoli IL Contributi e somme a carico del datore: l Inps illustra il regime previdenziale Antonino Cannioto Esperto in materia previdenziale Giuseppe Maccarone Consulente del lavoro in Roma 18 L Istituto

Dettagli

Ufficio XI - Ambito territoriale per la provincia di Forlì-Cesena Ufficio Pensioni. Prot. n. 6472 /C2/Pens. Forlì, 18/12/2014

Ufficio XI - Ambito territoriale per la provincia di Forlì-Cesena Ufficio Pensioni. Prot. n. 6472 /C2/Pens. Forlì, 18/12/2014 Prot. n. 6472 /C2/Pens. Forlì, 18/12/2014 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche Della Provincia Loro Sedi p.c. alle OO.SS. della Scuola Loro Sedi OGGETTO: CESSAZIONI DAL SERVIZIO CON DECORRENZA 01/09/2015

Dettagli

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO News del : 04/05/2015 U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO OGGETTO: Pensionistica trattamento anticipato di anzianita sospensione delle penalizzazioni fino al 2017 Si fa seguito ai comunicati UICI

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E

RISOLUZIONE N. 107/E RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Oneri deducibili - Contributi assistenziali versati al Fondo - Art. 10, comma 1, lettera e-ter) e

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 64 del 29 Aprile 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Responsabilità solidale negli appalti e deroghe della contrattazione collettiva: quale disciplina applicare? Gentile

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO...

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E GLI ISTITUTI DI CREDITO CHE VI ADERIRANNO PER L ATTIVAZIONE DEL FONDO A FAVORE DEI LAVORATORI COINVOLTI IN PROCESSI DI CRISI AZIENDALE CONVENZIONE TRA

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del CONVENZIONE TRA L INAIL E L INPS PER L EROGAZIONE DELLA INDENNITA PER INABILITA TEMPORANEA ASSOLUTA DA INFORTUNIO SUL LAVORO, DA MALATTIA PROFESSIONALE E DA MALATTIA COMUNE NEI CASI DI DUBBIA COMPETENZA

Dettagli

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA La sottostante tabella riporta i requisiti, introdotti dalla nuova riforma previdenziale, necessari per ottenere la pensione di anzianità e quella

Dettagli

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA.

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. OGGETTO: A -Legge n. 326/2003: disposizioni in materia di indennità di mobilità e di pensioni in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. B - Indennità di mobilità

Dettagli

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014!

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! settembre 2013 SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! In attesa dell emanazione del previsto Decreto Ministeriale recante disposizioni per le cessazioni dal servizio, che tra l altro fissa il

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011 Direzione Centrale Pensioni Roma, 09/09/2011 Circolare n. 116 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola.

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. PREG.MI COLLEGHI DELLA SCUOLA, Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. Questa segreteria provinciale, ritenendo di fare

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Roma, 05/03/2010 Circolare n. 33 Allegati n.2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori

Dettagli

REGOLAMENTO. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014)

REGOLAMENTO. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014) REGOLAMENTO (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014) 1 Indice Articolo1 Oggetto del Regolamento Articolo 2 Requisiti di iscrizione Articolo 3 Modalità di adesione e comunicazione

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli