I dirigenti italiani: fedeltà o risultati?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I dirigenti italiani: fedeltà o risultati?"

Transcript

1 I dirigenti italiani: fedeltà o risultati? Gaeta, 24 maggio 2008 Oriana Bandiera, London School of Economics Luigi Guiso, Istituto Universitario Europeo Andrea Prat, London School of Economics Raffaella Sadun, London School of Economics

2 La fine della crescita Tasso di crescita annuo della produttività nell industria: Italia ,6% Italia 1995-oggi 0% USA ,8% USA 1995-oggi 3,1% Tante possibili cause... Obiettivo di questo lavoro: esplorare il ruolo di un fattore produttivo: il talento manageriale

3 I dirigenti italiani 1. Chi sono? 2. Come vengono selezionati, valutati, remunerati, promossi, licenziati? 3. Differenze tra Italia e altri paesi? Differenze tra imprese operanti in Italia? 4. Selezione e incentivi? 5. Effetti del sistema di selezione e incentivi sul sistema produttivo?

4 Dati: esistenti 1. Dati INPS sulle remunerazioni dei dirigenti dal 1985 al Indagine internazionale su pratiche gestionali in 4000 imprese in 12 paesi 3. Centrale dei Bilanci

5 Dati: nuovi 1. Indagine su dirigenti Manageritalia 600 interviste Caratteristiche personali Incentivi, selezione 2. Indagine su grandi manager 121 AD di maggiori società italiane Impiego del tempo

6 Tesi: modello risultati Tesi: esistono due sistemi (estremi) per selezionare e sviluppare il fattore produttivo manager 1. Risultati La proprietà stabilisce obiettivi e delega la realizzazione al manager Il dirigente è: assunto sulla base di aspettative di performance valutato sistematicamente sui risultati remunerato/promosso/licenziato sulla base delle valutazioni

7 o modello fedeltà? 2. Fedeltà La proprietà vede il manager come un esecutore fedele Il dirigente è: assunto sulla base di aspettative di fedeltà valutato solo informalmente remunerato/promosso/licenziato in base alla sua capacità di capire e realizzare i desideri della proprietà (con un continuo di casi intermedi )

8 Sommario: imprese Le imprese italiane mostrano un divario in termini di gestione delle risorse umane Tra le italiane, le imprese famigliari e quelle operanti solo sul mercato nazionale tendono a: assumere sulla base di contatti famigliari/personali non offrire valutazioni formali Imprese famigliari: 1/3. Imprese multinazionali USA: >80% licenziare per disaccordo piuttosto che per risultati negativi Imprese famigliari che licenziano per risultati: <20%. Imprese USA: >50% promuovere per buone relazioni (no fast track); non offrire bonus

9 Sommario: selezione Rispetto alle altre, le imprese che adottano il modello fedeltà hanno dirigenti che: Sono avversi al rischio fedeltà = sicurezza Hanno livelli di istruzione più bassi, sia università che executive training segnali di qualità non necessari Ma non c è una differenza di età Nuove generazioni di dirigenti in entrambi I modelli

10 Sommario: impegno I dirigenti che lavorano in imprese con modello risultati: 1. Trascorrono più tempo al lavoro 2. Sono più soddisfatti del loro lavoro 3. Sono pagati di più (sia parte fissa, sia variabile) Totale fedeltà: euro Totale risultati: euro

11 Sommario: stile Gli AD italiani trascorrono metà del loro tempo in riunioni, metà delle quali con esterni I manager che lavorano di più hanno uno stile di leadership diversa (meno riunioni, meno esterni) percentuale tempo trascorso lavorando da soli: AD +10 ore: 18% AD -10 ore: 12%

12 Sommario: performance Le imprese che adottano il modello risultati: Hanno un tasso di crescita più alto (numero dipendenti) Hanno un utile più elevato ROCE risultati: 24% ROCE fedeltà: 21% Discussione: problema di governance o cultura?

13 Presentazione 1. Descrizione dati 2. Caratteristiche dei dirigenti 3. Modelli manageriali delle imprese 4. Fedeltà contro risultati: effetti in termini di selezione, impegno e performance 5. Impiego del tempo 6. Conclusioni

14 Dati: Manageritalia Manageritalia: dirigenti in imprese del settore servizi 2012 imprese collegate con Centrale dei Bilanci 600 interviste: divise tra finanza, marketing, direzione generale Biografia dei dirigenti, avversione al rischio Proprietà, nazionalità, multinazionale Assunzioni, licenziamenti, promozioni, valutazioni, struttura retributiva Ore lavorate/weekend

15 Dati: impiego del tempo 600 tra le maggiori imprese italiane Chiediamo all assistente dell AD di ricostruire l agenda di una settimana di lavoro. 121 risposte Per ogni attività Tipo (riunione, telefonata, ecc) Durata Partecipanti: interni (finanza, produzione, ecc.), esterni (clienti, fornitori, politici, sindacato, ecc.) Attività programmata da quanto tempo? Periodica? (Analisi preliminari)

16 Dati: INPS Campione rappresentativo di lavoratori dipendenti con qualifica di dirigente dal 1985 al 2004 Retribuzione fissa, retribuzione variabile Sesso, anno nascita

17 Dati: CEP survey Bloom, Sadun, Van Reenen (2008) 4000 aziende (industria), 12 paesi Direttori di stabilimento Politiche di impresa: domande con punteggio 1-5 su varie dimensioni Capacità di gestione delle risorse fisiche e delle risorse umane

18 Presentazione 1. Descrizione dati 2. Caratteristiche dei dirigenti 3. Modelli manageriali delle imprese 4. Fedeltà contro risultati: effetti in termini di selezione, impegno e performance 5. Impiego del tempo 6. Conclusioni

19 Caratteristiche dirigenti Età Donne Istruzione

20 Caratteristiche dirigenti: età confronto internazionale Germany Italy UK US France Japan Plant Manager Age Source: CEP Survey

21 Caratteristiche dirigenti: donne percentuale: Share of Female Managers All Top 25%

22 Caratteristiche dirigenti: donne finanza

23 Caratteristiche dirigenti: laurea confronto internazionale UK Italy France US Germany Japan Percentage of Managers with a College Degree Source: CEP Survey

24 Presentazione 1. Descrizione dati 2. Caratteristiche dei dirigenti 3. Modelli manageriali delle imprese 4. Fedeltà contro risultati: effetti in termini di selezione, impegno e performance 5. Impiego del tempo 6. Conclusioni

25 Incentivi Struttura degli incentivi (risultati e fedeltà) offerti dalle imprese: Confronto internazionale Manageritalia: Canali di assunzione Riunioni valutazione Promozioni Licenziamenti

26 Incentivi: confronto internazionale Sul management in generale, l Italia non va male France Italy UK Japan Germany US Overall Management Score Source: CEP Survey

27 Incentivi: confronto internazionale il problema è la gestione delle risorse umane France Italy Japan Germany UK US Operations (Physical Capital) Management - People (Human Capital) Management Source: CEP Survey

28 Incentivi: confronto internazionale siamo sempre ultimi o penultimi Italy UK France Japan Germany US UK Italy Germany France Japan US Hiring Talent Incentives and Appraisals Japan Italy France Germany UK US Japan Italy France Germany UK US Making Room for Talent Developing Talent Source: CEP Survey

29 Incentivi: selezione le imprese famigliari non usano headhunters e annunci Founder Private Individuals Family Government Dispersed Shareholders Private Equity Manager Hired through Market Channels

30 Incentivi: selezione le imprese famigliari assumono tramite amici e famigliari Dispersed Shareholders Government Private Equity Founder Private Individuals Family Manager Hired through Family or Friends

31 Incentivi: selezione le multinazionali utilizzano canali di mercato Domestic Italian MNE Other MNE US MNE Manager Hired through Market Channels

32 Incentivi: selezione le imprese domestiche usano canali informali Other MNE US MNE Italian MNE Domestic Manager Hired through Family or Friends

33 Incentivi: valutazione In 2/3 delle imprese famigliari o domestiche non esiste un processo di valutazione dei dirigenti Family Domestic Founder Government Italian MNE Private Equity Other MNE Private Individuals Dispersed Shareholders US MNE Presence of Appraisals (0/1) Presence of Appraisals (0/1)

34 Incentivi: promozioni Nelle imprese famigliari e domestiche le promozioni dipendono di più dal rapporto con la proprietà Dispersed Shareholders Other MNE Private Equity Government US MNE Founder Italian MNE Private Individuals Family Domestic Promotion Based on Relationship with Owners Promotion Based on Relationship with Owners

35 Incentivi: promozioni le promozioni fast-track sono rare nelle imprese famigliari e domestiche Family Domestic Government Founder Italian MNE Private Equity US MNE Dispersed Shareholders Private Individuals Other MNE Fast Tracks for Star Performers Fast Tracks for Star Performers

36 Incentivi: licenziamento Ie imprese famigliari e domestiche licenziano raramente per mancato raggiungimento obiettivi Founder Domestic Family Private Individuals Italian MNE Private Equity Other MNE Government Dispersed Shareholders US MNE Manager Turnover due to Failure in Meeting Objectives Manager Turnover due to Failure in Meeting Objectives

37 Presentazione 1. Descrizione dati 2. Caratteristiche dei dirigenti 3. Modelli manageriali delle imprese 4. Fedeltà contro risultati: effetti in termini di selezione, impegno e performance 5. Impiego del tempo 6. Conclusioni

38 Fedeltà contro risultati Costruire indici aggregati di adozione del modello fedeltà e del modello risultati Utilizzare gli indici per misurare l effetto dei due modelli su: Selezione dirigenti Impegno Retribuzioni Soddisfazione Risultati dell impresa

39 Costruzione indici aggregati Indice fedeltà: Assunzione tramite amici/famiglia Promozione causa buoni rapporti con proprietà Licenziamento causa cattivi rapporti con proprietà Indice risultati: Esistenza bonus Percentuale bonus Valutazioni Fast track Regressione Controlli impresa e manager Indice fedeltà Indice risultati

40 Stima dei modelli Modello Risultati : Stime con: indice fedeltà : 25mo percentile indice risultati : 75mo percentile Modello Fedeltà : Stime con: indice fedeltà : 75mo percentile indice risultati : 25mo percentile

41 Stima dei modelli solo risultati 1 azienda tipo fedelta 1 solo fedelta

42 Fedeltà/risultati: selezione Il modello risultati attrae capitale umano più alto Risultati Fedelta' laurea executive

43 Fedeltà/risultati: selezione il modello risultati attrae dirigenti più risk-tolerant Risultati Fedelta' Tolleranza al rischio (-2.5;1.5)

44 Fedeltà/risultati: impegno I dirigenti lavorano di più nel modello risultati Risultati Fedelta' numero ore settimanali numero weekend di lavoro al mese

45 Fedeltà/risultati: retribuzioni I dirigenti guadagnano di più nel modello risultati Risultati Fedelta' retribuzione totale (euro) stipendio fisso (euro)

46 Fedeltà/risultati: soddisfazione I dirigenti del modello risultati sono più soddisfatti del proprio lavoro Risultati Fedelta' percentuale molto soddistatti

47 Fedeltà contro risultati: crescita Le imprese del modello risultati hanno un tasso di crescita più alto, sia in termini di vendite che di dipendenti Risultati Fedelta' crescita vendite (3 anni) crescita occupati (3 anni)

48 Fedeltà contro risultati: utile le imprese del modello risultati hanno un ROCE più alto Risultati Fedelta' return on capital employed (ROCE)

49 Presentazione 1. Descrizione dati 2. Caratteristiche dei dirigenti 3. Modelli manageriali delle imprese 4. Fedeltà contro risultati: effetti in termini di selezione, impegno e performance 5. Impiego del tempo 6. Conclusioni

50 Impiego del tempo Il tempo dell AD è una risorsa scarsa La sua allocazione indica le priorità e I vincoli dell AD 121 AD Analisi preliminare Esterni/interni Tempo addizionale

51 Impiego del tempo: ore riportate Fraction weeklyhrs

52 Impiego del tempo: tipo attività (percentuale ore)

53 Impiego del tempo: persone incontrate: interni

54 Impiego del tempo: persone incontrate: esterni Clienti? Fornitori? Banche? Investitori? Consulenti? Avvocati? Sindacalisti? Politici?

55 Impiego del tempo: persone incontrate: esterni

56 Impiego del tempo: ore in più o in meno share hours hours more 10 hours less meetings w orking alone only insiders outsiders too consultants

57 Presentazione 1. Descrizione dati 2. Caratteristiche dei dirigenti 3. Modelli manageriali delle imprese 4. Fedeltà contro risultati: effetti in termini di selezione, impegno e performance 5. Impiego del tempo 6. Conclusioni

58 Tema 1: governance o cultura? Rispetto al modello risultati, il modello fedeltà: Attrae persone meno istruite e più timide Produce meno impegno Genera meno soddisfazione Produce una performance di impresa peggiore Perché si continua ad usare?

59 Tema 1: governance o cultura? 1. L impresa non vuole? Non solo successo commerciale, ma anche altri obiettivi Impresa famigliare: mantenere il controllo Dibattito su corporate governance 2. L impresa vuole ma non può? Know-how specifico, forse raro in Italia Impresa non multinazionale Dibattito su corporate culture: internazionalizzazione + business education

60 Tema 2: istruzione: domanda o offerta? I futuri dirigenti italiani investono poco in capitale umano. Perché? 1. Manca la domanda? Le imprese, soprattutto quelle del modello fedeltà, non premiano chi investe in capitale umano (laurea, business education) Argomento a favore: potrebbero assumere persone con voti di laurea più alti Problema di governance

61 Tema 2: istruzione: domanda o offerta? 2. La qualità dell offerta è scarsa? Confronto internazionale università: migliore italiana = numero 100 nel mondo FT: Miglior programma MBA italiano = 48 nel mondo (GB 2; Francia 6; Spagna 7) Importiamo talento estero (6% del campione Manageritalia) Test: gli italiani che fanno un MBA all estero tornano in patria più dei loro colleghi tedeschi/francesi/spagnoli?

62 Tema 3: una parità raggiungibile? Donne: 12% e meno nei livelli alti Discriminazione o scelta? Aumento del 50% negli ultimi 10 anni Successo nell area finanza: contro il mito delle soft skills Le professioni con più parità sono quelle in cui le qualificazioni professionali contano di più (diritto, medicina, ecc.) Capitale umano osservabile = meno discriminazione?

63 Tema 4: tre Italie? Predominanza di Milano 42% dei dirigenti italiani in Lombardia Ancora di più nei settori ad alta crescita. Scelta dagli stranieri Adozione del modello risultati Questione meridionale Solo il 5% dei dirigenti italiani lavora al Sud Manageritalia: nessuna inferenza statistica Riflette la distribuzione dell impresa privata italiana

64 Tema 4: tre Italie? Questione nordorientale Il modello risultati è molto meno diffuso nel Nord-Est (Triveneto + Emilia) che nel Nord-Ovest e nel Centro Anche dopo aver eliminato l effetto proprietà e della multinazionale Il Veneto ha la percentuale di laureati più bassa tra le grandi regioni

65 Tema 5: alla ricerca di nuovi modelli? Al 23% delle riunioni degli AD italiani sono presenti consulenti Rispecchia le priorità dell azienda? Dato comune ad altri paesi? Altri periodi? Oppure periodo di transizione? In questo caso: l AD sta cercando di importare (o imporre) nuovi modelli gestionali?

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Risorse Umane e Performance Organizzativa

Risorse Umane e Performance Organizzativa Risorse Umane e Performance Organizzativa Perché Investire sulle Risorse Umane? Paula Benevene Università LUMSA, Roma Le persone costituiscono il fattore critico di successo Negli USA il costo dei dipendenti

Dettagli

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese Marco Valerio Morelli, Mercer Valerio Salone, Mercer Ripensare l età e la sua gestione La prospettiva dell Age Management

Dettagli

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE Sono fermamente convinto che nel nostro nuovo Gruppo Monier la performance del nostro staff sarà più importante che mai. I nostri ambiziosi obiettivi aziendali

Dettagli

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013 IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB 11 Dicembre 2013 Laurea, Salario e Carriera Quali corsi di Laurea sono associati a migliori salari? Quali corsi

Dettagli

Discussione di. Italian Managers: Fidelity or Performance. Luigi Zingales University of Chicago

Discussione di. Italian Managers: Fidelity or Performance. Luigi Zingales University of Chicago Discussione di Italian Managers: Fidelity or Performance Luigi Zingales University of Chicago Preambolo Questo e` il paper ideale da discutere perche`: 1) Affronta un tema molto importante 2) Presenta

Dettagli

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Volterra, 19.6.2014 Prof. Roberto Barontini Istituto di Management Scuola Superiore Sant Anna E-mail r.barontini@sssup.it Matematica Statistica Storia

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 9-8 La discriminazione del mercato del lavoro - Applicazioni di politica economica: determinanti del rapporto del salario donne-uomini 1 Fine anni 90: rapporto del salario

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-5 Il capitale umano - 1 Tipico metodo per stimare il tasso di rendimento dell istruzione: si usano dati sui guadagni e sull istruzione di lavoratori differenti si stima

Dettagli

Sfera Organizzazione, risorse, attività. Roma, 4 novembre 2009

Sfera Organizzazione, risorse, attività. Roma, 4 novembre 2009 Sfera Organizzazione, risorse, attività Roma, 4 novembre 2009 Excursus storico di Sfera Le origini Sfera nasce nel 1999 come società del Gruppo Enel con il ruolo di fornire al mercato interno ed esterno

Dettagli

Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002

Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002 Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002 Tre messaggi di fondo 1. La crescita del Private Equity in Europa è motivata dal potenziale

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Paola Profeta Università Bocconi 28 October 2013

Paola Profeta Università Bocconi 28 October 2013 Paola Profeta Università Bocconi 28 October 2013 Il contesto Le donne sono sotto-rappresentate nei processi decisionali in Europa. In Italia il fenomeno è particolarmente accentuato Nonostante ciò, l Italia

Dettagli

Compliance Management

Compliance Management Tutto ciò che ti serve Executive Master in Compliance Management da e on i z a Sida Group Alta Form S 85 9 l1 Consulenza Formazione a i g e tra t Sedi: Roma Napoli Bologna Parma Chieti www.mastersida.com

Dettagli

I determinanti dell assenteismo legati a salute e condizioni di lavoro in Italia

I determinanti dell assenteismo legati a salute e condizioni di lavoro in Italia I determinanti dell legati a salute e condizioni di lavoro in Italia Giuseppe Costa, Angelo d Errico, Francesca Vannoni, Tania Landriscina, Roberto Leombruni Università Torino e ASL TO3 del Piemonte Centri

Dettagli

commenti a concorrenza fra scuole e qualità dell istruzione: una proposta di sperimentazione di Andrea Ichino

commenti a concorrenza fra scuole e qualità dell istruzione: una proposta di sperimentazione di Andrea Ichino commenti a concorrenza fra scuole e qualità dell istruzione: una proposta di sperimentazione di Andrea Ichino Andrea Gavosto Fondazione Giovanni Agnelli andrea.gavosto@fga.it la proposta La scuola Marilyn

Dettagli

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends AGENDA Premessa : contesto e definizione di performance Metriche Impatti Conclusioni Il contesto "una provocazione" Quanto

Dettagli

Uno studio globale rivela che un pricing debole riduce i profitti del 25%

Uno studio globale rivela che un pricing debole riduce i profitti del 25% COMUNICATO STAMPA Uno studio globale rivela che un pricing debole riduce i profitti del 25% Non tutti guadagnano ciò che meritano. Il più grande studio sul pricing mai effettuato, con oltre 3.900 intervistati,

Dettagli

Avviso di selezione per 3 posizioni organizzative di quadro presso la Fondazione BBS

Avviso di selezione per 3 posizioni organizzative di quadro presso la Fondazione BBS Avviso 2015D-01 del 14/03/2015 Avviso di selezione per 3 posizioni organizzative di quadro presso la Fondazione BBS La Fondazione Bologna University Business School (di seguito BBS o Scuola ) rappresenta

Dettagli

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE Rendimenti privati e sociali dell istruzione Piero Cipollone Banca d Italia, Servizio Studi Doi: 10.1389/SG2006_Cipollone_Slide

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

La e leadership nella PA

La e leadership nella PA La e leadership nella PA Cittadinanza digitale, egovernment e open government Cultura digitale Competenze specialistiche ICT Competenze di e-leadership Competenze per la cittadinanza digitale Competenze

Dettagli

MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA

MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA CIMBA CIMBA, in Italia dal 1991, è un consorzio di 36 Università americanecon sede a Paderno del Grappa (TV) che organizza programmi

Dettagli

INQUADRIAMO I QUADRI

INQUADRIAMO I QUADRI INQUADRIAMO I QUADRI QUADRI DI VALORE, la più grande indagine sui quadri aziendali italiani lanciata a luglio da Manageritalia in collaborazione con LinkedIn, OD&M, Praxi, AstraRicerche, ci mostra uno

Dettagli

C.D.A. E POLITICHE DI SOSTENIBILITÀ

C.D.A. E POLITICHE DI SOSTENIBILITÀ C.D.A. E POLITICHE DI SOSTENIBILITÀ Come sostenibilità e CSR entrano nell agenda dei Consigli di Amministrazione delle imprese quotate italiane Il CSR Manager Network ringrazia Obiettivi. Quale il livello

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

RAPPORTO FRA REMUNERAZIONE VARIABILE E FISSA POLITICA RETRIBUTIVA DI GRUPPO 2014 SISTEMA INCENTIVANTE 2014 DI GRUPPO PIANO LET S SHARE PER IL 2015

RAPPORTO FRA REMUNERAZIONE VARIABILE E FISSA POLITICA RETRIBUTIVA DI GRUPPO 2014 SISTEMA INCENTIVANTE 2014 DI GRUPPO PIANO LET S SHARE PER IL 2015 RAPPORTO FRA REMUNERAZIONE VARIABILE E FISSA POLITICA RETRIBUTIVA DI GRUPPO 2014 SISTEMA INCENTIVANTE 2014 DI GRUPPO PIANO LET S SHARE PER IL 2015 Assemblea degli azionisti Roma, 13 maggio 2014 RAPPORTO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria. A.a. 2008/2009. Assetti proprietari e costo del capitale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria. A.a. 2008/2009. Assetti proprietari e costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Analisi Finanziaria A.a. 2008/2009 Assetti proprietari e costo del capitale Gian Marco Chiesi Marco Tronchetti Provera GPI 60% (60%) [60%] Catena di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Analisi Finanziaria A.a. 2008/2009 Assetti proprietari e costo del capitale Gian Marco Chiesi Marco Tronchetti Provera GPI 60% (60%) [60%] Catena di

Dettagli

The GLOBAL SALES BAROMETER

The GLOBAL SALES BAROMETER Benvenuto/a al Global Sales Barometer, l iniziativa mondiale di comparazione dei processi commerciali nelle imprese! ISTRUZIONI: Il questionario include domande brevi che, nella maggior parte dei casi,

Dettagli

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria 19 novembre 2013 Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria Studio su Scuola, Università e Lavoro dei giovani Milanesi tra il 1985 e il 2011 Autori: Massimo Anelli e Giovanni Peri (UC Davis) Introduzione

Dettagli

La gestione della Forza vendita Come ottenere di più dall attività di vendita

La gestione della Forza vendita Come ottenere di più dall attività di vendita La gestione della Forza vendita Come ottenere di più dall attività di vendita Se cercate: 1. un metodo per ricercare, valutare e selezionare i migliori venditori; 2. informazioni su come addestrare, formare

Dettagli

SAP Performance Management

SAP Performance Management SAP Performance Management La soluzione SAP per la Valutazione e per la Gestione delle Risorse Umane SAP Italia Agenda 1. Criticità e Obiettivi nella Gestione delle Risorse Umane 2. L approccio SAP alla

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT

GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT (LA GESTIONE DELLE DIVERSITÁ DELLE PERSONE IN AZIENDA) L incremento dell eterogeneità all interno dei mercati del lavoro rappresenta una delle principali caratteristiche

Dettagli

IL LAVORO CHE CAMBIA? ITALIANI DIVISI A METÀ!

IL LAVORO CHE CAMBIA? ITALIANI DIVISI A METÀ! IL LAVORO CHE CAMBIA? ITALIANI DIVISI A METÀ! Indagine AstraRicerche e Manageritalia (aprile 2015) Enrico Pedretti direttore marketing Manageritalia MILANO 24 NOVEMBRE 2015 L INDAGINE Manageritalia, con

Dettagli

Il Customer Relationship Management

Il Customer Relationship Management Il Customer Relationship Management In sintesi In sintesi il Customer Relationship Management può essere definito come una disciplina finalizzata a migliorare l'efficacia elle interazioni con i propri

Dettagli

Scuola Galileiana - Padova, 29 aprile 2011

Scuola Galileiana - Padova, 29 aprile 2011 Per tornare a crescere Scuola Galileiana - Padova, 29 aprile 2011 Un modello di stagnazione Unico paese dell area Ocse il cui reddito procapite non è cresciuto negli ultimi 12 anni. Non si spiega con rendimenti

Dettagli

TAVOLA ROTONDA E-PROCUREMENT E CENTRALI DI COMMITTENZA. Prof. Gustavo Piga Direttore Master in Procurement Management

TAVOLA ROTONDA E-PROCUREMENT E CENTRALI DI COMMITTENZA. Prof. Gustavo Piga Direttore Master in Procurement Management TAVOLA ROTONDA E-PROCUREMENT E CENTRALI DI COMMITTENZA Prof. Gustavo Piga Direttore Master in Procurement Management La crisi mondiale richiede che la Pubblica Amministrazione adotti nuoviapprocci per

Dettagli

Management per Agenti Assicurativi

Management per Agenti Assicurativi Management per Agenti Assicurativi CINEAS PER UNA CULTURA DEL RISCHIO IRSA Istituto per la Ricerca e lo Sviluppo delle Assicurazioni Obiettivi Le agenzie di assicurazione devono affrontare oggi un livello

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Università Bocconi 30 gennaio 2006 Ordine Dottori Commercialisti 1 IL CUORE, LA MENTE, LA TUTELA Se i manager fanno muovere la macchina organizzativa,

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

ELITE Crescita, Cambiamento, Leadership

ELITE Crescita, Cambiamento, Leadership ELITE Crescita, Cambiamento, Leadership ELITE ELITE è una piattaforma di servizi integrati creata per supportare le Imprese nella realizzazione dei loro progetti di CRESCITA Supporto/stimolo ai cambiamenti

Dettagli

Percorso EXECUTIVE COMPENSATION

Percorso EXECUTIVE COMPENSATION AREA FORMATIVA: Personale & Organizzazione Percorso EXECUTIVE COMPENSATION Formula week-end Cod. Z3045 06 febbraio 2009 14 marzo 2009 COMITATO SCIENTIFICO Franco Fontana, Ordinario di Economia e Gestione

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali

Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali ECONOMIA DELL'ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE a.a. 2014/2015 - Prof. G. Favretto Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali Serena Cubico Ricercatore

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-3 Il capitale umano - L addestramento sul lavoro e il profilo età - guadagni 1 L addestramento sul lavoro e il profilo età - guadagni La forma del profilo età guadagni

Dettagli

Il questionario è stato preparato

Il questionario è stato preparato PRIMO CONFRONTO DEGLI INDICATORI DEMOGRAFICI, FINANZIARI E DEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROFESSIONE Indagine Fve sulla professione medico veterinaria in Europa Le opinioni di oltre 13.000 veterinari provenienti

Dettagli

Il profilo degli intervistati

Il profilo degli intervistati Il profilo degli intervistati In quale classe di fatturato rientra la sua azienda? n. % Fino a 50 milioni di euro 17 20.7 Da 50 milioni di euro a 300 milioni di euro 23 28.0 Da 300 milioni di euro a 1.000

Dettagli

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale Academy Lindt Academy Percorso di Formazione Manageriale EDIZIONE 2010-2011 Academy Da dove siamo partiti Dal desiderio di definire un percorso che miri a soddisfare i fabbisogni formativi di giovani con

Dettagli

- Gianluca Spolverato -

- Gianluca Spolverato - SHR ACADEMY è una scuola di specializzazione e formazione continua sulle tematiche della gestione del personale, organizzata da SHR PPL, in collaborazione con SHR EDU e lo Studio Legale SPOLVERATO BARILLARI

Dettagli

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine nazionale neolaureati - G.I.D.P/H.R.D.A. A cura di Paolo Citterio Presidente Nazionale Associazione Risorse Umane

Dettagli

Formazione Linguistica Aziendale

Formazione Linguistica Aziendale Formazione Linguistica Aziendale Panorama TJ Taylor FORMAZIONE TJ Taylor Formazione in Inglese fornisce servizi efficaci di formazione linguistica e consulenza a numerosi clienti italiani e multinazionali.

Dettagli

Le persone senza dimora

Le persone senza dimora Le persone senza dimora Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento statistiche sociali e ambientali 9 Ottobre 2012 In maggioranza vivono al Nord Sono 47.648 le persone senza dimora che tra novembre e

Dettagli

Economia e Gestione delle PMI. Risultati dell indagine Alumni 2007

Economia e Gestione delle PMI. Risultati dell indagine Alumni 2007 Corso di laurea in Economia e Gestione delle PMI Risultati dell indagine Alumni 2007 Lorenzo Zanni Presidente del Comitato per la Didattica Facoltà di Economia sede di Arezzo Università di Siena http://www.economia.arezzo.unisi.it

Dettagli

MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA

MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA CIMBA CIMBA, in Italia dal 1991, è un consorzio di 36 Università americane con sede a Paderno del Grappa (TV) che organizza

Dettagli

Turnaround e Crisi Aziendali

Turnaround e Crisi Aziendali Turnaround e Crisi Aziendali Agenda > Chi è EOD > Modalità di intervento > Valori Condivisi > Team > Contatti 2 Chi è Executive On Demand Temporary Manager specializzati nella gestione di Crisi Aziendali

Dettagli

LEADERSHIP DEVELOPMENT

LEADERSHIP DEVELOPMENT 9 10 DICEMBRE 2014 LEADERSHIP DEVELOPMENT 2014 Area Executive Education & People Management XFZ8 Z8009 REFERENTE SCIENTIFICO Gabriele Gabrielli, Docente di Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Il contributo dei giovani all evoluzione dell impresa:

Il contributo dei giovani all evoluzione dell impresa: Il contributo dei giovani all evoluzione dell impresa: risultati di una ricerca su di un campione di 350 giovani Manager (settori: bancario, telecomunicazioni, assicurativo) Pietro Rutelli :Straordinario

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento Proverbio cinese Cogito ERGO sum Cartesio solutions s.r.l. è una società che vuole essere al servizio delle Aziende

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Chi è Towers Watson: una società di consulenza leader a livello mondiale

Chi è Towers Watson: una società di consulenza leader a livello mondiale Chi è Towers Watson: una società di consulenza leader a livello mondiale 37 I nostri 14.000 dipendenti in paesi aiutano le organizzazioni ad affrontare are con successo cess una molteplicità di sfide legate

Dettagli

giuseppa.cangemi@polimi.it

giuseppa.cangemi@polimi.it C U R R I C U L U M F O R M A T I V O E P R O F E S S I O N A L E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CANGEMI GIUSEPPA Indirizzo POLITECNICO DI MILANO AREA SERVIZI SUPPORTO ALLA RICERCA LABORATORIO GALLERIA DEL

Dettagli

Randstad HrUp shaping the world of work

Randstad HrUp shaping the world of work Randstad HrUp shaping the world of work Randstad HrUp striving for perfection Per migliorare la performance, la soddisfazione e la crescita delle aziende e dei loro dipendenti, sviluppiamo progetti eccellenti

Dettagli

Sistemi di welfare 3. LE DISUGUAGLIANZE DI GENERE. mlpruna@unica.it. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 3. LE DISUGUAGLIANZE DI GENERE. mlpruna@unica.it. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 3. LE DISUGUAGLIANZE DI GENERE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro mlpruna@unica.it

Dettagli

Modellare un PMO come organizzazione virtuale: lezioni imparate

Modellare un PMO come organizzazione virtuale: lezioni imparate Evento: L evoluzione del PMO - Milano, 28 Febbraio 2012 Modellare un PMO come organizzazione virtuale: lezioni imparate Maria Cristina Barbero, MBA, PMP Nexen Business Consultants S.p.A. Gruppo Engineering

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

Curriculum professionale. Andrea Des Dorides. Pag. 1/5

Curriculum professionale. Andrea Des Dorides. Pag. 1/5 Curriculum professionale. Andrea Des Dorides. Pag. 1/5 Curriculum professionale. 1. In corso. Dal 26 gennaio 2009. Firenze. Coordinatore della task-force della Regione Toscana per le politiche economiche

Dettagli

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI MARIANNA CARBONARI Presidente e Amministratore Delegato di Value for Talent. Ha maturato più di dieci anni di esperienza nella gestione di progetti di Executive Search articolati e complessi. Ha condotto

Dettagli

L indagine di Michael Page. Global Human Resource Barometer 2013, le strategie degli Human Resource leaders nell attuale complesso mercato del lavoro

L indagine di Michael Page. Global Human Resource Barometer 2013, le strategie degli Human Resource leaders nell attuale complesso mercato del lavoro L indagine di Michael Page Global Human Resource Barometer 2013, le strategie degli Human Resource leaders nell attuale complesso mercato del lavoro Come sta cambiando il ruolo del Direttore Risorse Umane

Dettagli

Valori e Principi Rieter

Valori e Principi Rieter Valori e Principi Rieter Comfort thanks to Rieter Delight your customers Enjoy your work Fight for profits Rieter is a publicly-listed Swiss industrial group providing innovative solutions to the global

Dettagli

Intensive in. Mediazione dei conflitti in azienda Le vie alternative (A.D.R.) I edizione 21-22 Aprile 2009

Intensive in. Mediazione dei conflitti in azienda Le vie alternative (A.D.R.) I edizione 21-22 Aprile 2009 Intensive in Mediazione dei conflitti in azienda Le vie alternative (A.D.R.) I edizione 21-22 Aprile 2009 Codice Z3055 La maggior parte dei professionisti in azienda non ha ricevuto una formazione specifica

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011

Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011 Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011 Responsabile dello studio Guido Cutillo Country Head of Talent and Organization Consulting Hanno contribuito allo

Dettagli

Figure professionali «Territorio e Turismo sostenibile» MARKETING MANAGER. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure professionali «Territorio e Turismo sostenibile» MARKETING MANAGER. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure professionali «Territorio e Turismo sostenibile» MARKETING MANAGER GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il marketing manager si occupa di promozione del territorio attraverso lo sviluppo dei piani

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

INGEGNERE GESTIONALE: Un corso di studi mirato a chi vuole diventare MANAGER o IMPRENDITORE

INGEGNERE GESTIONALE: Un corso di studi mirato a chi vuole diventare MANAGER o IMPRENDITORE INGEGNERE GESTIONALE: Un corso di studi mirato a chi vuole diventare MANAGER o IMPRENDITORE Chi è? Che fa? Perché lo fa? 1 Se si vuole lavorare nel mondo delle imprese serve una capacità di leggere fenomeni

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

ACTIVE AGEING E SOLIDARIETÀ TRA LE GENERAZIONI

ACTIVE AGEING E SOLIDARIETÀ TRA LE GENERAZIONI ACTIVE AGEING E SOLIDARIETÀ TRA LE GENERAZIONI Relazione al convegno promosso dall Associazione ex-parlamentari della Repubblica Milano, 10 dicembre 2012 Togliere lavoro ai vecchi per darlo ai giovani?

Dettagli

LA FORMAZIONE VINCENTE

LA FORMAZIONE VINCENTE CFMT E MANAGER LA FORMAZIONE VINCENTE Gli ultimi dati del nostro Centro di formazione del terziario confermano che i dirigenti non rinunciano a percorsi formativi. Ma cosa si chiede oggi alla formazione?

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Indagine su istruzione e competenze dei diplomati e laureati italiani

Indagine su istruzione e competenze dei diplomati e laureati italiani Indagine su istruzione e competenze dei diplomati e laureati italiani Commenti all Indagine su Istruzione e Competenze dei Laureati e Diplomati Italiani Tito Boeri e Michele Pellizzari Fondazione Rodolfo

Dettagli

In collaborazione con. Servizi per l introduzione nel mercato del Regno Unito di PMI italiane

In collaborazione con. Servizi per l introduzione nel mercato del Regno Unito di PMI italiane In collaborazione con Servizi per l introduzione nel mercato del Regno Unito di PMI italiane www.openingabusinessinuk.com 2013 Perchè All Things London per l internazionalizzazione? Qual è il nostro valore

Dettagli

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa Francesco Daveri Università di Parma Perché il modello di innovazione italiano è ad un bivio Lezioni da due modelli di innovazione stranieri Schema

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Approccio occidentale e giapponese Modelli gestionali: TQM, ISO 9000, EFQM, PREMIO QUALITA Strategia

Dettagli

Gender diversity in azienda: il punto di vista dell economista. Alessandra Casarico, Università Bocconi Milano, 4 Novembre 2014

Gender diversity in azienda: il punto di vista dell economista. Alessandra Casarico, Università Bocconi Milano, 4 Novembre 2014 Gender diversity in azienda: il punto di vista dell economista Alessandra Casarico, Università Bocconi Milano, 4 Novembre 2014 Punti di discussione Dati sui differenziali di genere Ragioni per promuovere

Dettagli

Soluzioni. per le Imprese CHINA

Soluzioni. per le Imprese CHINA Soluzioni per le Imprese CHINA Il nostro team Fondazione Italia Cina e Camera di Commercio Italo Cinese hanno raggiunto un accordo di integrazione e hanno dato vita ad un unica sezione per l erogazione

Dettagli

Corso di Alta Formazione RETAIL AND STORE MANAGEMENT: strumenti e metodologie operative orientate alla gestione e sviluppo della rete di punti vendita Obiettivi Il corso di Alta Formazione in Retail e

Dettagli

Che cosa determina la qualità della ricerca in un sistema universitario pubblico?

Che cosa determina la qualità della ricerca in un sistema universitario pubblico? Che cosa determina la qualità della in un pubblico? Analisi di dati internazionali e discussione dell esperienza britannica. Oriana Bandiera e Andrea Prat London School of Economics Intergruppo Parlamentare

Dettagli

LIUC in cifre. LIUC Università Cattaneo STUDIARE ALLA LIUC 2.000. 40% degli studenti partecipa

LIUC in cifre. LIUC Università Cattaneo STUDIARE ALLA LIUC 2.000. 40% degli studenti partecipa LIU203_depl-IST_592x20mm_chiuso-48,5 24/09/3 4:36 Pagina LIUC in cifre La comunità, le opportunità, le competenze. il 40% degli studenti partecipa 440 posti letto nella Residenza Universitaria interna

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Team. People first - MBI/BO team leader: Cesare Tocchio

Team. People first - MBI/BO team leader: Cesare Tocchio Milano, 7 Maggio 2007 Team People first - MBI/BO team leader: Cesare Tocchio 2006-2007 GPP Industrie Grafiche SpA» CEO 2004-2006 Anglo American, Mondi Packaging Business Unit» Managing Director for Italy

Dettagli