PROVINCIA DI FOGGIA. Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI FOGGIA. Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale"

Transcript

1 PROVINCIA DI FOGGIA Gruppo Consiliare PARTITO DEMOCRATICO Foggia, 16 novembre 2009 Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale Premessa La Capitanata è la seconda provincia italiana per reddito agricolo, dunque è tra le aree geografiche ed economiche più sensibili al profondo processo di riorganizzazione determinato dalle riforme della Politica Agricola Comunitaria, delle regole mondiali del commercio e, da ultimo, dagli effetti della crisi finanziaria e produttiva globale. La crisi strutturale che affligge il comparto primario da ormai un quinquennio è la dimostrazione più evidente dell incancrenirsi dell emergenza anche a causa della mancata articolazione di una strategia complessiva di riorganizzazione e rilancio del settore. Non rispondono a tale obiettivo le politiche attuate dal Governo Berlusconi per mano, ed è la prima volta che ciò accade, di un ministro leghista, interprete di una cultura di emarginazione del Sud. Basti qui citare il dato, diffuso da Confagricoltura in questi giorni, dell avvenuto taglio del 48% delle già insufficienti risorse ordinarie destinate all agricoltura. Le indecisioni e le incertezze della Giunta regionale nella definizione dei bandi per l assegnazione delle ingenti risorse del Piano di Sviluppo Rurale hanno ulteriormente aggravato il quadro di crisi ed impedito una piena assunzione di responsabilità, da parte del mondo agricolo, rispetto al tema del futuro assetto produttivo. Pur se prive di competenze amministrative specifiche, le istituzionali del territorio sono chiamate, nell immediato, ad impegnarsi in direzione dell attenuazione degli effetti della crisi. In prospettiva, è nostro compito concorrere alla promozione di un agricoltura competitiva, capace di generare reddito, proiettata sui mercati europei e mondiali, aperta all innovazione.

2 Superare la crisi: il Fondo di Solidarietà e Sostegno al Credito L attuale congiuntura negativa è particolarmente segnata dall aggravarsi delle difficoltà finanziarie delle aziende agricole: indebitate nei confronti dello Stato e delle sue agenzie (Equitalia e INPS innanzitutto); limitate nell accesso al credito, ciò a causa della diffusa e gravosa situazione debitoria. In attesa, ed eventualmente ad integrazione, degli auspicati provvedimenti dei Governi regionale e nazionale, l Amministrazione provinciale ha le prerogative istituzionali e le competenze amministrative per attivare il Fondo di solidarietà e Sostegno al credito destinato a sostenere le aziende agricole che si trovino ad affrontare particolari e gravi emergenze di natura economico-finanziaria. Verificato e valorizzato l impatto territoriale diffuso della crisi del comparto agricolo, alla sua costituzione sono chiamati a partecipare soggetti pubblici e privati. Il partenariato istituzionale dovrebbe fare perno sulla Provincia di Foggia e tutti i Comuni della Capitanata, per poi estendersi, ad esempio, a: Comunità Montane, Parco del Gargano, Camera di Commercio, Consorzi per la Bonifica, Gal e quant altri operano a sostegno dell agricoltura e dall agricoltura traggono il proprio sostegno o, in alcuni casi, la propria ragione d essere. A maggior ragione, dunque, la solidarietà nei confronti di chi produce alcune tra le materie prime più pregiate del mondo deve essere concretamente dimostrata dalle aziende e industrie di trasformazione agroalimentare, con il versamento di contributi a fondo perduto da corrispondersi in percentuale al proprio fatturato. A puro scopo esemplificativo, se Provincia e Comuni versassero 1 euro per ogni residente, il fondo potrebbe contare già su 1,2 milioni. Fissare fin da ora i criteri per l individuazione e la concretizzazione della partnership istituzionale ed economica, e su tale proposta richiedere e ottenere un pronunciamento esplicito del Consiglio provinciale, consentirebbe alla Giunta di operare con un ampio sostegno e di imprimere maggiore celerità all attuazione di un progetto concreto e rapidamente attuabile per far fronte all emergenza.

3 Costruire un agricoltura competitiva: il Pacchetto Agricoltura Le politiche agricole sono orientate e partecipi dello sviluppo complessivo del territorio; dunque, lo sviluppo agricolo deve incardinarsi sulle linee generali della programmazione territoriale evitando ghettizzazioni e/o autosufficienze. Governance Nonostante le ingenti somme messe a disposizioni e la miriade di progetti presentati, non abbiamo migliorato la nostra dotazione infrastrutturale o aumentato il reddito delle aziende agricole. L esperienza dimostra che è mancata un idea condivisa di agricoltura. Bisogna invertire la rotta, condividendo l idea forte ed unitaria dell agricoltura che vogliamo. - Tavolo Verde! Rafforzare la sua azione e allargare la sua composizione alle rappresentanze dei Gruppi di Azione Locale, delle Organizzazioni di Prodotto, di realtà imprenditoriali significative nei diversi settori produttivi della nostra Provincia e della governance dei progetti di pianificazione strategica. - Valutazione strategica! Adottare le misure opportune a definire ed attuare la valutazione strategica, ex ante ed ex post, della progettazione finanziaria e della sua attuazione. - Albo delle eccellenze! Istituire, con l ausilio delle organizzazioni datoriali, l Albo delle eccellenze produttive agricole e agroindustriali, elaborato sulla base di criteri economici/occupazionali oggettivi e aggiornato annualmente per censire la struttura produttiva adeguata all evoluzione produttiva di filiera e alla sfida dei mercati nazionali ed internazionali.

4 Innovazione L innovazione è la frontiera della nuova agricoltura. Nuovi processi, nuovi prodotti, nuovi modi di organizzare i fattori della produzione sono le leve per competere nelle sfide di un mondo sempre più globalizzato e interconnesso. - Protocollo d intesa Provincia-Università! Creare un fondo di investimento alimentato da contributi privati (! 0,5 per tonnellata venduta) e della Provincia di Foggia con apposito capitolo di spesa per attivare e finanziare progetti di ricerca e sperimentazione per migliorare le colture e i cicli produttivi, oltre che formare giovani figure professionali richieste dal mondo delle imprese.! Coordinare e calibrare le attività di formazione professionale sugli effettivi fabbisogni del sistema imprenditoriale, nonché sostenere (borse di studio, tirocini, stage, ecc.) l ingresso di queste figure nel mercato del lavoro locale. Buona occupazione Il lavoro illegale, con il conseguente sfruttamento di lavoratori italiani e stranieri, regolari e clandestini, continua ad essere la norma in agricoltura. La repressione non può essere l unica risposta. - Commissione provinciale per l'emersione lavoro non regolare! Rivitalizzare l organismo istituito nell ultimo scorcio della precedente consiliatura affidandogli il compito di promuovere l uniforme applicazione della disciplina contrattuale e monitorare l attuazione della legge regionale 28/2006 (Disciplina in materia di contrasto al lavoro non regolare). - Marchio QL Qualità/Lavoro! Promuovere l adozione di un marchio che assegni valore aggiunto commerciale al rispetto delle norme in materia di lavoro, in accordo con lo standard SA Agricoltura sociale! Promuovere, di concerto con le organizzazioni datoriali e le associazioni del terzo settore, la creazione di Fattorie Sociali: filiere produttive agricole ad alto valore sociale ed etico, in cui coniugare la produzione di qualità con la realizzazione percorsi terapeutici, riabilitativi e di integrazione sociale a favore di bambini, minori e giovani in difficoltà, diversamente abili, anziani, detenuti ed ex detenuti.

5 Sicurezza e salubrità Attrezzarsi per una corretta gestione dei rischi alimentari e delle emergenze sociali connesse è fondamentale in un economia globalizzata che irradia e viene irradiata, in tempo reale, da notizie e allarmi. Il centrosinistra ribadisce in questa sede il pieno sostegno all istituzione dell Agenzia Nazionale per la Sicurezza Alimentare nella sede di Foggia. - Osservatorio Provinciale per la Sicurezza Alimentare! Istituire un comitato operativo per l attuazione e la condivisione sul territorio delle disposizioni europee, nazionali e regionali relative alla sicurezza alimentare, nonché raccogliere gli elementi tecnici riguardanti la filiera agroalimentare territoriale in un ottica di tutela del consumatore e valorizzazione delle produzioni. All organismo saranno chiamati ad offrire il proprio contributo: le Facoltà di Agraria e Medicina dell Università di Foggia, l Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Puglia e Basilicata, la Camera di Commercio di Foggia, i Servizi Veterinari dell Azienda Sanitaria di Foggia, il D.A.R.E., le Associazioni dei Produttori, il Consorzio del Mercato Ittico di Manfredonia. - Osservatorio dei Prezzi dei prodotti agroalimentari! Promuovere, d intesa con la Camera di Commercio di Foggia, la Facoltà di Agraria dell Università di Foggia ed in accordo con le Associazione dei Produttori un organismo per le rilevazioni dei prezzi al consumo di un paniere di prodotti ortufrutticoli significativi e rilevanti per l agricoltura locale. - Educare ai sapori! Promuovere corsi di educazione alimentare dal campo alla tavola attraverso cui valorizzare la conoscenza dei prodotti tipici locali e il territorio in cui si producono. - Gruppi di Acquisto Sostenibile! Promuovere, a partire dai dipendenti dell Ente, l organizzazione di Gruppi di Acquisto Sostenibile per il sostegno dei piccoli produttori, in particolare di quelli impegnati nel recupero e la valorizzazione dello colture autoctone.

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

L analisi SWOT Daniela Storti

L analisi SWOT Daniela Storti L analisi SWOT Daniela Storti Che cosa è l analisi swot E UN ANALISI DI SUPPORTO ALLE SCELTE CHE RISPONDE AD UN ESIGENZA DI RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI DECISIONALI Che cosa è l analisi swot è una tecnica

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI PRIMA STESURA Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI Approvato con Decreto Commissariale n. 127/C del 20.07.2011 INDICE 1. Finalità ed obiettivi 2.

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 228 19/05/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 7616 DEL 13/05/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA Prot. n.

Dettagli

LA RIFORMA DEL LATTE DALLE QUOTE AL MERCATO LIBERO CENTRO STUDI

LA RIFORMA DEL LATTE DALLE QUOTE AL MERCATO LIBERO CENTRO STUDI CENTRO STUDI DALLE QUOTE AL MERCATO LIBERO Centro Studi di Confagricoltura Treviso Via Feltrina, 56/B Castagnole di Paese Tel. 0422 410135 Fax 0422 950179 treviso@confagricoltura.it www.confagricolturatreviso.it

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA,QWURGX]LRQH Il processo di sussidiarietà dalla Regione alle Province in materia di

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione)

Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione) Giovanni B. Montironi 7.09.1998 Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione) Su iniziativa della Amministrazione

Dettagli

La nuova Politica Agricola Comune (PAC)

La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Argomenti trattati La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Il percorso per giungere alla nuova PAC I principali elementi della discussione in atto Lo Sviluppo Rurale nella nuova PAC Spunti di riflessione

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA tra. REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS

ACCORDO DI PROGRAMMA tra. REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS ACCORDO DI PROGRAMMA tra REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS La Regione Autonoma della Sardegna, in persona dell Assessore della Difesa dell Ambiente, prof.ssa Donatella Emma Ignazia Spano (di seguito REGIONE

Dettagli

Rete Fattorie Sociali

Rete Fattorie Sociali Senato della Repubblica 9a Commissione permanente (Agricoltura e produzione agroalimentare) 5 NOVEMBRE 2014 RETE DELLE FATTORIE SOCIALI Egr. Sig. Presidente, Egregi Onorevoli Commissari Onorevoli Membri

Dettagli

Il giorno, ad ore, presso si sono incontrati:

Il giorno, ad ore, presso si sono incontrati: PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E LA FEDERAZIONE TRENTINA DELLA COOPERAZIONE PER IL RAFFORZAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO ATTRAVERSO IL SISTEMA DELLA COOPERAZIONE TRENTINA

Dettagli

Gli imprenditori agricoli in Lombardia

Gli imprenditori agricoli in Lombardia Saperi e pratiche delle relazioni del cibo nel Parco agricolo Sud Milano SINTESI DEL PROGETTO Il contesto Nel 2010 il Consorzio Cantiere Cuccagna ha vinto il bando dell Archivio Etnografico della Regione

Dettagli

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 1. Governance e politiche di coesione Nelle politiche di coesione 2007 2013 hanno un forte rilievo le azioni

Dettagli

Innovare nell agroalimentare Il Parco Tecnologico Padano

Innovare nell agroalimentare Il Parco Tecnologico Padano Innovare nell agroalimentare Il Parco Tecnologico Padano Viviamo in un mondo globalizzato, e questa è una informazione acquisita, ma vi è ancora poca consapevolezza su ciò che in realtà globalizzazione

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

1992 Diploma di Laurea in Scienze Politiche, conseguito con lode presso l Università degli Studi di Siena.

1992 Diploma di Laurea in Scienze Politiche, conseguito con lode presso l Università degli Studi di Siena. CURRICULUM VITAE Luca PEROZZI luogo di nascita: Siena data di nascita: 4 febbraio 1966 e.mail: segreteria.generale@av.camcom.it Tel.: 0825694303 Fax: 0825694312 POSIZIONE ATTUALMENTE OCCUPATA Dall ottobre

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Programma di Sviluppo Rurale FEASR 2007-2013

REGIONE PUGLIA. Programma di Sviluppo Rurale FEASR 2007-2013 REGIONE PUGLIA Programma di Sviluppo Rurale FEASR 2007-2013 Approvato con Deliberazione n. 148 del 12 febbraio 2008 pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione n. 34 del 29 febbraio 2008. Stralci

Dettagli

Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n.

Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n. Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n. 1496 del 15/10/2012 Rif. P.A. 2012-1706/RER - Rif. P.A. 2012-1720/RER

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

Documenti FLAI. Settore Agroalimentare LA FILIERA AGROALIMENTARE

Documenti FLAI. Settore Agroalimentare LA FILIERA AGROALIMENTARE PER USCIRE DALLA CRISI E GUARDARE AL FUTURO SERVE UNA POLITICA INDUSTRIALE Le proposte della Cgil Documenti FLAI Settore Agroalimentare LA FILIERA AGROALIMENTARE Giovedì 8 Ottobre 2009 Sala del Tempio

Dettagli

5. La sicurezza alimentare e la sanità veterinaria

5. La sicurezza alimentare e la sanità veterinaria 5. La sicurezza alimentare e la sanità veterinaria L impatto della globalizzazione dei mercati sia sulla sicurezza degli alimenti sia sulla salute delle popolazioni animali è stato considerevole. Il sistema

Dettagli

L impegno della Fondazione CRC a sostegno della Ricerca Scientifica

L impegno della Fondazione CRC a sostegno della Ricerca Scientifica L impegno Manta, Creso Consorzio di Ricerca Sperimentazione e Divulgazione per l'ortofrutticoltura Piemontese 12 novembre 2012 La presentazione di oggi L impegno a sostegno della Ricerca Scientifica Gli

Dettagli

LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere

LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere eccezionale e di razionalizzazione delle strutture ministeriali

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A.

REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A. Premesso - che la Borsa Merci Telematica Italiana Società Consortile per azioni (in appresso

Dettagli

1992 Diploma di Laurea in Scienze Politiche, conseguito con lode presso l Università degli Studi di Siena.

1992 Diploma di Laurea in Scienze Politiche, conseguito con lode presso l Università degli Studi di Siena. CURRICULUM VITAE Luca PEROZZI luogo di nascita: Siena data di nascita: 4 febbraio 1966 e.mail: luca.perozzi@av.camcom.it Tel.: 0825694303 POSIZIONE ATTUALMENTE OCCUPATA Dall ottobre 2007 Segretario Generale

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Un esperienza di agricoltura multifunzionale nell ambito del progetto RURALE SOCIALE della Regione Marche

Un esperienza di agricoltura multifunzionale nell ambito del progetto RURALE SOCIALE della Regione Marche LA QUERCIA DELLA MEMORIA s.a.s (SAN GINESIO, MC) Un esperienza di agricoltura multifunzionale nell ambito del progetto RURALE SOCIALE della Regione Marche Da alcuni anni l attenzione ed il dibattito nazionale

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Area Disabilità La politica regionale lombarda in quest area è particolarmente attiva, con servizi ed interventi a carattere educativo, formativo

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

Cofinanziato dalla Commissione Europea

Cofinanziato dalla Commissione Europea Cofinanziato dalla Commissione Europea LA NUOVA PAC A partire da Gennaio 2015 Approccio più mirato e adattabile rispetto al passato Ampia scelta di regimi e misure facoltativi Possibilità di trasferimenti

Dettagli

La scuola superiore verso il futuro

La scuola superiore verso il futuro La scuola superiore verso il futuro Alberto F. De Toni Rovigo, 12 Febbraio 2010 1 Agenda Le linee di riforma generali in atto Il riordino del secondo ciclo Questioni aperte sul piano curricolare ed organizzativo

Dettagli

Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI. Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca

Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI. Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Il processo di programmazione a che punto siamo PARTENARIATO Strategia

Dettagli

NATI PER COMBINAZIONE Risorse chiave e meccanismi generativi di beni pubblici locali nella montagna dell Emilia-Romagna

NATI PER COMBINAZIONE Risorse chiave e meccanismi generativi di beni pubblici locali nella montagna dell Emilia-Romagna NATI PER COMBINAZIONE Risorse chiave e meccanismi generativi di beni pubblici locali nella montagna dell Emilia-Romagna L ANALISI DEI CASI Caterina Brancaleoni Silvia Martini L analisi dei casi ELEMENTI

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

Il ruolo della cooperazione sociale nel sistema di servizi sociali e sanitari tra tagli alle risorse e nuovi bisogni.

Il ruolo della cooperazione sociale nel sistema di servizi sociali e sanitari tra tagli alle risorse e nuovi bisogni. Assemblea regionale di Legacoopsociali della Sardegna Cagliari, 25 gennaio 2013 Caesar Hotel Via Darwin 2/4 Il ruolo della cooperazione sociale nel sistema di servizi sociali e sanitari tra tagli alle

Dettagli

Lavoro Obiettivi Distanza da colmare. Target PNR Italia 2020. PNR Italia 2020. Target Europa 2020. Europa 2020

Lavoro Obiettivi Distanza da colmare. Target PNR Italia 2020. PNR Italia 2020. Target Europa 2020. Europa 2020 Oggetto: Programmazione Unitaria 2014-2020. 2020. Strategia 1 "Investire sulle Persone". Priorità Lavoro. Il Presidente, di concerto con l'assessore della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del

Dettagli

Nuove tecnologie per il Made in Italy

Nuove tecnologie per il Made in Italy ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY LA FILIERA AGROALIMENTARE: RISORSA PER LO SVILUPPO DELLA LOMBARDIA ITS ISTITUTO TECNICO SUPERIORE CORSO PER TECNICI SUPERIORI PER

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: requisiti del Comitato di gestione Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI 1 CREDITAGRI ITALIA AGENDA Presentazione di CreditAgri Italia scpa I Settori d Intervento La carta dei servizi dedicati La carta dei prodotti Gli interventi

Dettagli

Intervento del Presidente Vasco Errani

Intervento del Presidente Vasco Errani Intervento del Presidente Vasco Errani Ci sono aspetti del confronto tra Governo e Regioni sui temi della crisi, dell utilizzo dei fondi comunitari e degli ammortizzatori sociali che vanno chiariti. La

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del CCNL VETRO LAMPADE E DISPLAY INDUSTRIA 1 settembre 2013 31 agosto 2016

Piattaforma per il rinnovo del CCNL VETRO LAMPADE E DISPLAY INDUSTRIA 1 settembre 2013 31 agosto 2016 Piattaforma per il rinnovo del CCNL VETRO LAMPADE E DISPLAY INDUSTRIA 1 settembre 2013 31 agosto 2016 Le organizzazioni sindacali Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil unitamente intendono, sulla base della

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI Premessa Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha invitato le Regioni alla stesura di un proprio programma che s inserisse all interno di un piano nazionale, denominato

Dettagli

Smeralda Consulting & Associati srl è una società di servizi alle imprese e alla pubblica amministrazione che nasce dalla collaborazione consolidata

Smeralda Consulting & Associati srl è una società di servizi alle imprese e alla pubblica amministrazione che nasce dalla collaborazione consolidata Smeralda Consulting & Associati srl è una società di servizi alle imprese e alla pubblica amministrazione che nasce dalla collaborazione consolidata di un gruppo di professionisti. La società, sorta per

Dettagli

Incontro di Satriano di Lucania: Azioni di sistema per lo sviluppo dell agro-alimentare

Incontro di Satriano di Lucania: Azioni di sistema per lo sviluppo dell agro-alimentare Bollettino mensile N. 6 Maggio 2014 Ultime dal progetto Incontro di Satriano di Lucania: Azioni di sistema per lo sviluppo dell agro-alimentare A cura della redazione L incontro di Satriano di Lucania

Dettagli

ASSESSORATO LAVORO E FORMAZIONE

ASSESSORATO LAVORO E FORMAZIONE ASSESSORATO LAVORO E FORMAZIONE Redatto con il contributo di Italia Lavoro SpA attraverso il Programma "Qualificazione dei servizi per il lavoro e supporto alla governance regionale", finanziato dal PON

Dettagli

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro Convenzione Italia Lavoro S.p.A. Agenzia per l Inclusione Sociale per la sperimentazione di modelli di collaborazione pubblico-privato nelle politiche attive del lavoro e la costituzione della Rete Locale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata

AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata REGIONE BASILICATA AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata Cagliari, 7-11 maggio 2007 Gianluca Cadeddu Regione Autonoma della Sardegna Presidenza del Consiglio

Dettagli

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile INFORMAZIONE PUBBLICITARIA Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile Il futuro dell agricoltura non è più legato solo alla produzione di materie prime per l alimentazione, ma anche alla sua centralità

Dettagli

Unioncamere Calabria - Lamezia Terme - 2 aprile 2015. L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020

Unioncamere Calabria - Lamezia Terme - 2 aprile 2015. L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020 L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020 Programmazione 2014-2020 In un mondo oramai globalizzato le PMI devono essere in grado di affrontare la sempre più crescente concorrenza

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO ACCORDO PER LA VALORIZZAZIONE DELLE POLITICHE TERRITORIALI DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA LAVORO E DELLE RETI DI IMPRESE Premesso che: La Comunicazione della Commissione

Dettagli

Le cooperative di Libera Terra L uso sociale dei beni confiscati per uno sviluppo credibile

Le cooperative di Libera Terra L uso sociale dei beni confiscati per uno sviluppo credibile Le cooperative di Libera Terra L uso sociale dei beni confiscati per uno sviluppo credibile Aprile 2014 Valentina Fiore - Consorzio Libera Terra Mediterraneo cooperativa sociale ONLUS CONTENUTI Progetto

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

M. Mengoli Monselice 14 novembre 2008

M. Mengoli Monselice 14 novembre 2008 M. Mengoli Monselice 14 novembre 2008 1 La proposta di EMAS III individua per gli stati membri una serie di obblighi (Capo VII): Assistenza alle organizzazioni ai fini del rispetto degli obblighi normativi

Dettagli

Decreto n 1308. Servizio sviluppo rurale

Decreto n 1308. Servizio sviluppo rurale Decreto n 1308 Servizio sviluppo rurale Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Costituzione del Tavolo di partenariato per la stesura del Programma di sviluppo rurale della Regione autonoma Friuli

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia Per coltivare un futuro sostenibile Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia CHE COS È IL PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è lo strumento di attuazione del Fondo Europeo Agricolo

Dettagli

LA COPROGETTAZIONE VERSO UNA NUOVA GOVERNANCE PUBBLICO-PRIVATO SOCIALE

LA COPROGETTAZIONE VERSO UNA NUOVA GOVERNANCE PUBBLICO-PRIVATO SOCIALE LA COPROGETTAZIONE VERSO UNA NUOVA GOVERNANCE PUBBLICO-PRIVATO SOCIALE A cura di Marco Brunod e Monica Savio AOSTA, 15 gennaio 2015 2 Significato del verbo coprogettare Progettarederiva dal latino proicere

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

S.PR.I.G SISTEMA PER LA PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E IL GOVERNO DEL TERRITORIO. 22 ottobre 2008

S.PR.I.G SISTEMA PER LA PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E IL GOVERNO DEL TERRITORIO. 22 ottobre 2008 S.PR.I.G SISTEMA PER LA PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E IL GOVERNO DEL TERRITORIO 22 ottobre 2008 S.PR.I.G SISTEMA PER LA PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E IL GOVERNO DEL TERRITORIO Ruolo di S.PR.I.G nell elaborazione

Dettagli

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI PROGETTO DISTRETTI CULTURALI Il progetto Distretti culturali nasce da un idea di Fondazione Cariplo per integrare la valorizzazione del patrimonio culturale con una più generale strategia di sviluppo del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA tra

PROTOCOLLO D INTESA tra PROTOCOLLO D INTESA tra la Regione Piemonte la Regione Sardegna il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTA la legge 17 maggio 1999 n.144,

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità.

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. DIREZIONE QUALITÀ La carta servizi di Verona Innovazione Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. 1 Verona Innovazione 5 servizio nuova impresa 10 sportello comunica

Dettagli

CApitolo 7 la ricerca nel CAmpo delle scienze della vita

CApitolo 7 la ricerca nel CAmpo delle scienze della vita Capitolo 7 La ricerca nel campo delle scienze della vita 7. la ricerca nel campo delle scienze della vita Promozione e valorizzazione della ricerca per il Sistema sanitario regionale In ambito di promozione

Dettagli

Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia

Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia La Cia ha più volte espresso la sua posizione sulla Riforma della Pac e sul documento base presentato dalla Commissione

Dettagli

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E di Francesco Verbaro 1 La

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE La Competitività Territoriale Lo sviluppo e la competitività territoriale passano necessariamente attraverso la capacità

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

ITS FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE. Nuovi saperi per l Agroalimentare CORSO 2012-2014. www.itsparma.it

ITS FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE. Nuovi saperi per l Agroalimentare CORSO 2012-2014. www.itsparma.it ITS CORSO 2012-2014 TECNICO RESPONSABILE DELLE PRODUZIONI E DELLE TRASFORMAZIONI AGRARIE, AGRO-ALIMENTARI E AGRO-INDUSTRIALI www.itsparma.it TECNICI DI ALTO PROFILO PER IL SETTORE AGROALIMENTARE il nuovo

Dettagli

1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia detiene la rappresentanza, a

1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia detiene la rappresentanza, a Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia SOMMARIO 1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo 2. Evoluzione della struttura dell Industria molitoria italiana 3. L approvvigionamento

Dettagli

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 ALLEGATO A) 1. PREMESSA In un quadro economico connotato dal perdurare della crisi e da una forte accelerazione delle modificazioni

Dettagli

Focus sulle aziende familiari del comparto Alimentare

Focus sulle aziende familiari del comparto Alimentare Osservatorio AIdAF-Unicredit-Bocconi (AUB) su tutte le aziende familiari italiane di medie e grandi dimensioni 1 Executive Summary Focus sulle aziende familiari del comparto Alimentare Guido Corbetta,

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE DELEGA RECANTE NORME RELATIVE AL CONTRASTO ALLA POVERTÀ, AL RIORDINO DELLE PRESTAZIONI E AL SISTEMA DEGLI

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

maggio 2015claudio.bossi@consorziosis.org 1

maggio 2015claudio.bossi@consorziosis.org 1 1 maggio 2015- claudio.bossi@consorziosis.org 2 3 Dove e cosa CHIARAVALLE: Borgo storico di Milano Abbazia Parco Agricolo Sud MIlano al confine della città: autostrada, ferrovia, parco agricolo, comuni

Dettagli

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Intervento di: PALMA COSTI Assessore Interventi Economici, Innovazione e Pari opportunità della Provincia di Modena Mercoledì 1 aprile 2009 Camera

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

Grazie presidente Cerchiai. Presidente Giannini, assicuratori, signore e signori,

Grazie presidente Cerchiai. Presidente Giannini, assicuratori, signore e signori, ASSEMBLEA ANNUALE DI ANIA (Roma, 2 luglio 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Grazie presidente Cerchiai. Presidente Giannini, assicuratori, signore e signori, l

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli

Il Bio Distretto Cilento, nella Regione Campania Salvatore Basile, AIAB

Il Bio Distretto Cilento, nella Regione Campania Salvatore Basile, AIAB Lo stato dell arte della programmazione e dell attuazione delle misure rilevanti per l agricoltura biologica nei PSR regionali. Prime valutazioni e riflessioni. c) Le esperienze di alcune regioni italiane

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI. Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne»

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI. Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne» Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4645 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne» Presentata

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli