Nota congiunturale I trimestre 2002

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nota congiunturale I trimestre 2002"

Transcript

1 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi I/98 II/98 III/98 IV/98 I/99 II/99 III/99 IV/99 I/00 II/00 III/00 IV/00 I/01 II/01 III/01 IV/01 I/02 Utilizzo capacità produttiva Produzione

2 GIURIA DELLA CONGIUNTURA - I TRIMESTRE Gli attacchi terroristici dell 11 settembre e la guerra afgana, nonostante il forte impatto emotivo che hanno generato, non sono riusciti a stravolgere il quadro delle prospettive di sviluppo dell economia americana, i cui elementi di fragilità, di natura reale e finanziaria, erano già emersi nella primavera dello scorso anno (Prometeia, Rapporto di previsione, marzo 2002). L eccesso di capacità produttiva determinato dagli ingenti investimenti degli anni Novanta, in particolare nel settore dell information technology, la crescita esagerata delle quotazioni borsistiche e l elevato indebitamento delle famiglie statunitensi avevano già da tempo determinato un rallentamento della crescita, sfociato in un decremento del prodotto interno lordo degli USA soltanto nel III trimestre Il punto di svolta inferiore del ciclo economico, tuttavia, pare essere stato superato, sebbene sembri improbabile un ritorno ai brillanti tassi di crescita sperimentati nel quinquennio Per quanto la contrazione degli investimenti verificatasi nel corso del 2001 abbia riassorbito l eccesso di capacità produttiva, tanto da far presagire un riavvio del processo di accumulo di scorte a fine 2002, la posizione debitoria del settore privato, famiglie ed imprese, rimane infatti elevata e le condizioni del mercato del lavoro sono tuttora deboli, dopo il massimo di disoccupazione (5,8%) raggiunto a dicembre; secondo Prometeia, è possibile ipotizzare per l anno in corso una ripresa moderata dell attività economica statunitense, con un tasso di incremento del PIL stimato attorno all 1,7%, in rialzo rispetto all 1,2% del Ben diverso lo scenario ipotizzabile per il Giappone, che continua a mostrare una situazione critica sotto molteplici aspetti: l attività economica appare in calo, soprattutto a causa del crollo degli investimenti, non compensato dalla lieve espansione della spesa delle famiglie che, dopo gli attacchi terroristici 1

3 dell 11 settembre, hanno ridotto i viaggi turistici, deviando sul mercato interno consumi non effettuati all estero; la forte deflazione determina un continuo calo delle vendite in termini nominali, con effetti disastrosi sui profitti delle imprese e fallimenti a catena; il sistema finanziario è al collasso, con situazioni di insolvenza piuttosto pesanti, peggiorate dai tentativi delle banche di salvare imprese clienti sull orlo del fallimento; il debito e il deficit pubblico sono su livelli preoccupanti. Secondo le stime di Prometeia, l economia nipponica continuerà a rimanere stagnante per tutto il 2002 e chiuderà l anno con un calo del prodotto interno lordo nell ordine dello 0,5%, analogamente a quanto registrato lo scorso anno. Le previsioni sono decisamente più favorevoli per gli altri paesi asiatici. In particolare, i paesi del Pacifico (Hong Kong, Indonesia, Corea del Sud, Malesia, Filippine, Singapore e Tailandia), che hanno risentito della fase calante del ciclo degli investimenti tecnologici statunitensi e hanno chiuso il 2001 con una crescita del PIL pari all 1,9%, potranno immediatamente beneficiare della ripresa dell economia americana, in particolare la Corea del Sud, e raggiungere un tasso di sviluppo attorno al 2,8% a fine Per Cina e India, caratterizzate da una domanda interna più forte e, quindi, meno esposte alle fluttuazioni del commercio internazionale, l incremento del prodotto interno lordo è stimato per l anno in corso attorno al 5,8% (a fronte del 6% del 2001). Per quanto riguarda l Europa, il rallentamento è stato meno marcato di quello statunitense, ma i paesi dell Uem, pur beneficiando dei vantaggi competitivi legati alla debolezza dell euro, non sono riusciti a rimpiazzare gli Stati Uniti nel ruolo di locomotiva dell economia mondiale. In complesso, il prodotto interno lordo dell Unione è aumentato dell 1,5% nel 2001 e la crescita è ipotizzata su valori sostanzialmente analoghi per l anno in corso, con un certo ritardo 2

4 temporale della ripresa rispetto all economia USA. La Germania si è confermata l economia più debole dell area, con un PIL in aumento dello 0,8% nel 2001 e un saggio di incremento previsto per il 2002 di appena un punto percentuale, inferiore a quelli del Regno Unito (+2,3%), della Spagna (+2,1%), della Francia (+1,8%) e dell Italia (+1,3%). Con riferimento, in particolare, alla situazione dell Italia, lo scenario ipotizzato da Prometeia è favorevole sia nel breve, sia nel medio periodo. Più che una vera recessione, l economia italiana ha registrato soltanto un rallentamento ciclico, che dovrebbe lasciare posto alla ripresa già nella prima metà dell anno, grazie al recupero del ciclo internazionale e alla crescita della domanda interna, per effetto della ripresa degli SETTORI dell anno, il trend negativo delineatosi per l economia locale nel corso del L indagine campionaria condotta dalla Camera di Commercio su un campione significativo di imprese manifatturiere ha infatti evidenziato, tra gennaio e CAMPIONE addetti fine n. imprese trim. ALIMENTARE TESSILE-ABBIGL METALMECCANICO ELETTROMECCANICO CHIMICO-GOMMA ALTRI TOTALE investimenti e del ciclo delle scorte. Si profilano miglioramenti anche sul fronte occupazionale. Per quanto riguarda la provincia di Novara, è proseguito, per tutto il primo trimestre COMPOSIZIONE DEL CAMPIONE (in base al numero di addetti a fine trimestre) ELETTROMEC 7% METALMECC. 41% CHIMICO- GOMMA 7% ALIMENTARE 7% TESSILE- ABBIGL. 35% marzo, un calo della produzione di 4,1 punti percentuali su base tendenziale ALTRI 3% 3

5 annua, una flessione ancor più marcata di quella registrata a fine 2001, pari al 2,4%. La riduzione dei volumi produttivi ha interessato tutti i comparti del settore manifatturiero, con variazioni negative nell ordine del 3,3% nel metalmeccanico, del 5,1% nel tessile-abbigliamento e del 3,6% nell alimentare. Il grado di utilizzo della capacità produttiva è rimasto praticamente stazionario rispetto alla rilevazione del IV trimestre 2001, con un valore medio del 75,1%. Secondo l indagine camerale, le imprese metalmeccaniche hanno sfruttato i propri impianti al 76,6% delle potenzialità, mentre nel tessile-abbigliamento ci si è fermati al 73,5% I/99 II/99 III/99 IV/99 I/00 II/00 III/00 IV/00 I/01 II/01 III/01 IV/01 I/02 Utilizzo capacità produttiva Produzione La contrazione dell attività si è riflessa anche sull andamento del fatturato che, tra gennaio e marzo, è stato indicato in calo del 5% rispetto allo stesso UTILIZZO PRODUZIONE FATTURATO NUOVI ORDINATIVI SETTORI CAPACITA' var. % su var. % su var. % su trim. prec. PRODUTTIVA trim. prec. anno prec. anno prec. interno estero ALIMENTARE 69,0-2,7-3,6-0,7-0,3-0,3 TESSILE-ABBIGLIAM. 73,5-0,7-5,1-5,5 2,6 1,8 METALMECCANICO 76,6-0,4-3,3-5,4-5,4-3,2 ELETTROMECCANICO 66,8-2,4-1,5-2,0-0,9-1,9 CHIMICO-GOMMA 78,2-3,8-7,0-6,3 3,4-0,1 TOTALE 75,1-1,1-4,1-5,0-1,3-1,4 4

6 periodo del 2001, con flessioni superiori alla media nel metalmeccanico (-5,4%) e nel tessile-abbigliamento (-5,5%). 4,0 3,0 2,0 1,0 0,0-1,0-2,0-3,0-4,0-5,0-6,0 ALIMENTARE Non lasciano ben sperare per una ripresa a breve termine dell economia NUOVI ORDINATIVI 1 trim 2002 TESSILE- ABBIGLIAM. interno estero provinciale i dati relativi alla raccolta di nuovi ordinativi che, rispetto al trimestre precedente, sono calati dell 1,3% sul fronte interno e dell 1,4% su quello estero. Nel periodo in esame, l acquisizione di nuove commesse è stata deludente, in particolare, per gli operatori del metalmeccanico, comparto in cui si sono registrati cali del 5,4% sul mercato domestico e del 3,2% su quello estero. È andata meglio per le imprese del tessile-abbigliamento, che hanno visto l attività di raccolta ordini crescere del 2,6% nei confronti della clientela nazionale e dell 1,8% verso quella estera. METALMECC. ELETTROMECC. CHIMICO-GOMMA Passando a considerare le giacenze di prodotti finiti, si osserva come, rispetto alla rilevazione di fine 2001, si siano ridimensionate le preoccupazioni SETTORI relative all eccessivo accumulo di scorte in magazzino. Le giacenze, infatti, sono state giudicate esuberanti dal 20,5% del campione, contro il 31,1% del trimestre precedente, adeguate dal 70,3% e scarse dal restante 9,2%. GIACENZE PRODOTTI FINITI esuberanti adeguate scarse ALIMENTARE 5,4 94,6 0,0 TESSILE-ABBIGLIAM. 5,2 94,8 0,0 METALMECCANICO 10,3 84,3 5,4 ELETTROMECCANICO 0,0 100,0 0,0 CHIMICO-GOMMA 16,4 83,6 0,0 TOTALE 20,5 70,3 9,2 Da ultimo, gli imprenditori manifatturieri della provincia di Novara, interpellati sulle proprie aspettative a breve termine, hanno formulato previsioni non particolarmente ottimistiche, ma che comunque denotano un lieve 5

7 miglioramento del clima di fiducia. Per quanto concerne la produzione, gli ottimisti hanno superato di stretta misura, +2%, i pessimisti, con uno scarto significativo, nell ordine del 14%, nel tessile-abbigliamento e, per contro, un indicazione negativa, -4,4%, nel metalmeccanico. Il saldo tra ottimisti e pessimisti è risultato mediamente attivo anche con riferimento alla domanda interna, +5%, e a quella estera: +12,4%; in entrambi i casi, un discreto ottimismo è stato manifestato dagli operatori del tessile-abbigliamento, mentre nel metalmeccanico ha dominato il pessimismo. Mediamente negative, infine, le previsioni relative all occupazione, con un saldo negativo del 21,8% tra ottimisti e pessimisti. Prospettive a tre mesi Domanda Domanda Settori Produzione Occupazione interna estera Prezzi di vendita ALIMENTARE 4,8-1,1-31,8-26,6-1,1 TESSILE-ABBIGLIAM. 14,1-4,8 46,7 42,3 27,3 METALMECCANICO -4,4-4,9-9,7-1,3 2,2 ELETTROMECCANICO 8,3-31,0 30,9 0,0 0,0 CHIMICO-GOMMA 7,8 0,0 56,2 49,5 64,3 TOTALE 2,0-21,8 5,0 12,4 10,5 Il peggioramento della congiuntura si è tradotto in un sensibile incremento del ricorso alla Cassa integrazione guadagni, perlomeno nella componente ordinaria: secondo i dati di fonte INPS, infatti, tra gennaio e marzo sono state autorizzate, in provincia di Novara, ore di CIG ordinaria, quasi il 90% in più di quelle concesse nello stesso periodo dell anno precedente. Il maggiore assorbimento di ore si è avuto nel comparto ORE DI C.I.G. AUTORIZZATE NELL'ANNO GENNAIO FEBBRAIO MARZO ordinarie straordinarie chimico, che è anche quello che ha subito il maggior incremento, con ore, 6

8 pari al 31% del totale, seguito dal meccanico ( ore, pari al 28,5%), dal tessile ( ore, pari al 19,3%) e dall edilizia ( ore, pari al 9%). È risultato invece in calo, sempre su base tendenziale annua, il ricorso alla Cassa straordinaria, per la quale sono state complessivamente autorizzate, nel primo trimestre, ore, in riduzione del 44% rispetto alle dell anno precedente. Oltre il 90% delle ore di CIG straordinaria è stato assorbito dal comparto tessile. ORE AUTORIZZATE DALLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI PER MESE, PER SETTORE DI ATTIVITA' ECONOMICA E TIPO DI INTERVENTO - ANNO PROVINCIA DI NOVARA GENNAIO FEBBRAIO MARZO TOTALE ordinari straord. ordinari straord. ordinari straord. ordinari straord. ESTRATTIVE LEGNO ALIMENTARI METALLURGICHE MECCANICHE TESSILI ABBIGLIAMENTO CHIMICHE PELLE E CUOIO TRASF. MINER CARTA EDILIZIA VARIE TOTALE

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

GIURIA DELLA CONGIUNTURA

GIURIA DELLA CONGIUNTURA GIURIA DELLA CONGIUNTURA Indagine trimestrale dell Unione Regionale CCIAA delle Marche Sintesi dell anno 2014 A cura di RICCARDO GIULIETTI Centro Studi Unioncamere Marche Nota Bene: le informazioni statistiche

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissioni congiunte V Commissione "Programmazione

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

08.14 BAROMETRO DELL ECONOMIA

08.14 BAROMETRO DELL ECONOMIA 08.14 BAROMETRO DELL ECONOMIA LA CONGIUNTURA IN ALTO ADIGE Agosto 2014 Economia in generale 1 Settore manufatturiero 4 Edilizia 7 Commercio al dettaglio 10 Commercio all ingrosso 13 Trasporti 16 Turismo

Dettagli

Primo semestre 2007. 1.1 Stati Uniti. Negli Stati Uniti le stime preliminari indicano che nel primo trimestre 2007 la

Primo semestre 2007. 1.1 Stati Uniti. Negli Stati Uniti le stime preliminari indicano che nel primo trimestre 2007 la QUADRO CONGIUNTURALE DEL SETTORE MANIFATTURIERO, DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Primo semestre 2007 1. La congiuntura economica internazionale In questo primo semestre del

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO

LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO Centro Produttività Veneto Gruppo di studio Settore Orafo LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO Stefania Trenti Servizio Studi e Ricerche Vicenza, 13 novembre 2013 Agenda

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

1. Il quadro congiunturale internazionale

1. Il quadro congiunturale internazionale 1. Il quadro congiunturale internazionale di Cesare Benzi 1. Premessa Quello che ci siamo lasciati alle spalle è stato un anno contraddistinto da un quadro di grande incertezza, nel corso del quale, come

Dettagli

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005 PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2 L AREA EURO Nonostante i timori legati all impatto dei prezzi del greggio, l economia mondiale è ancora

Dettagli

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil La congiuntura italiana N. 6 LUGLIO 2015 Secondo i dati congiunturali più recenti la lieve ripresa dell attività economica nel primo trimestre sta proseguendo. Tuttavia le indicazioni degli indicatori

Dettagli

Newsletter ARIFL - IO LAVORO

Newsletter ARIFL - IO LAVORO Variazioni tendenziali e congiunturali del lavoro in somministrazione in Italia nel mese di dicembre 2009 secondo l Osservatorio nazionale Ebitemp - Formatemp Cassa Integrazione nelle province lombarde

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1

L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1 L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1 1 1. L evoluzione dell economia italiana: aspetti macroeconomici QUADRO D INSIEME Nel 213 la crescita economica internazionale è rimasta

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Campobasso. Presentazione del Rapporto. L economia del Molise

Campobasso. Presentazione del Rapporto. L economia del Molise Campobasso - 15 giugno 2010 - Presentazione del Rapporto L economia del Molise Il quadro di riferimento: il Molise Aggravamento della fase recessiva L economia reale Contrazione valore aggiunto in tutti

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Economie regionali. L'economia dell'umbria. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia dell'umbria. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia dell'umbria Aggiornamento congiunturale Perugia novembre 2014 2 0 1 4 32 Economie regionali L economia dell Umbria Aggiornamento congiunturale Numero 32 - novembre 2014 La

Dettagli

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3.1. IL CONTESTO INTERNAZIONALE Fin dalla primavera la ripresa dell economia mondiale ha perso vigore. Le turbolenze finanziarie e il peggioramento

Dettagli

FOCUS ECONOMIA UMBRIA

FOCUS ECONOMIA UMBRIA FOCUS ECONOMIA UMBRIA UMBRIA Occupazione residente Avviamenti Mobilità Cassa Integrazione Guadagni Produzione Industriale Consumi Export Demografia d impresa Credito CGIL UMBRIA FOCUS ECONOMIA 2 2013 UMBRIA

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011.

L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011. Osservatorio Congiunturale Format sul Credito alle imprese L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011. Brindisi, 17 settembre 2011 rif: 2011-157zv

Dettagli

Benevento. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Benevento. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Benevento Settembre 213 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Economia e competitività Indicatori strutturali Valore aggiunto e

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indagini campionarie Indagine sulle imprese industriali e dei servizi Anno di riferimento 2010 Nuova serie Anno XXI - 28 Luglio 2011 Numero 37 INDICE Introduzione...

Dettagli

La congiuntura in Trentino - Alto Adige. luglio 2013

La congiuntura in Trentino - Alto Adige. luglio 2013 La congiuntura in Trentino - Alto Adige luglio 2013 La congiuntura in Trentino - Alto Adige Luglio 2013 Editore Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Bolzano Camera di commercio,

Dettagli

Impresa Toscana. manifatturiera e il commercio estero. La congiuntura. intoscana Consuntivo II trimestre Aspettative III trimestre

Impresa Toscana. manifatturiera e il commercio estero. La congiuntura. intoscana Consuntivo II trimestre Aspettative III trimestre Impresa Toscana - Periodico di informazione sulla dinamica regionale delle imprese edito da Unioncamere Toscana Redazione: Unioncamere Toscana, Via Lorenzo il Magnifico 24 - Firenze - 055 4688.1 - www.

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie Osservatorio congiunturale della Fondazione Res Photo & Design Maria Izzo Fondazione Res ongiunturares Lo scenario di previsione Lo scenario inerziale La crisi in atto La ricomposizione della domanda al

Dettagli

CGIL PIEMONTE. Schema per un rapporto sulla contrattazione nell industria in Piemonte. A cura di Ires CGIL Lucia Morosini.

CGIL PIEMONTE. Schema per un rapporto sulla contrattazione nell industria in Piemonte. A cura di Ires CGIL Lucia Morosini. CGIL PIEMONTE Schema per un rapporto sulla nell industria in Piemonte A cura di Ires CGIL Lucia Morosini 15 Settembre 2004 Sintesi della situazione economica del Piemonte 1. Andamento dell economia. L

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014

Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014 Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014 Roma, dicembre 2014 Premessa La CONFAPI - Confederazione della Piccola e Media Industria privata, ha promosso un'indagine a campione rivolta

Dettagli

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati)

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Il commercio estero della Toscana. III trimestre 2013

Il commercio estero della Toscana. III trimestre 2013 Il commercio estero della Toscana III trimestre 2013 Firenze, Dicembre 2013 Indice CAPITOLO 1: QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: MERCATI E AREE DI SBOCCO CAPITOLO 3:ANDAMENTI SETTORIALI CAPITOLO 4: DINAMICHE

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

REGIONE CALABRIA DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA PER IL TRIENNIO 2012-2014

REGIONE CALABRIA DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA PER IL TRIENNIO 2012-2014 REGIONE CALABRIA DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA PER IL TRIENNIO 2012-2014 Testo licenziato dalla II Commissione nella seduta dell 11 novembre 2011 INDICE PARTE 1... 5 IL CONTESTO...

Dettagli

I. QUADRO COMPLESSIVO E OBIETTIVI DI POLITICA ECONOMICA

I. QUADRO COMPLESSIVO E OBIETTIVI DI POLITICA ECONOMICA I. QUADRO COMPLESSIVO E OBIETTIVI DI POLITICA ECONOMICA La fase recessiva, iniziata in Italia nella seconda metà del 2011, si è sostanzialmente chiusa nel terzo trimestre del 2013. Nella media annua il

Dettagli

IL MERCATO DELLE COSTRUZIONI DEL VENETO: BILANCIO 2014 E PREVISIONI 2015

IL MERCATO DELLE COSTRUZIONI DEL VENETO: BILANCIO 2014 E PREVISIONI 2015 IL MERCATO DELLE COSTRUZIONI DEL VENETO: BILANCIO 2014 E PREVISIONI 2015 2008-2014. In sei anni perso oltre un quarto del mercato, che nella nuova costruzione ha perduto il -50% degli investimenti. Tiene

Dettagli

RAPPORTO ECONOMICO SULLA PROVINCIA DI MODENA NELL ANNO 2013

RAPPORTO ECONOMICO SULLA PROVINCIA DI MODENA NELL ANNO 2013 RAPPORTO ECONOMICO SULLA PROVINCIA DI MODENA NELL ANNO 2013 Modena, aprile 2014 La struttura del sistema produttivo modenese Lo stock di imprese L aggregato delle imprese nella provincia di Modena nel

Dettagli

ongiuntura Rapporto III/2007

ongiuntura Rapporto III/2007 Rapporto III/2007 La crisi dei mutui subprime, partita dagli Stati Uniti, sta facendo sentire il suo peso sull'economia reale. Il Fondo monetario internazionale (Fmi) ha tagliato le previsioni di crescita

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Anno 2011 e I semestre 2012 1 ottobre 2012 A cura di Anna Basalisco 1 Fonti proprie - Cubi OLAP

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Reggio Emilia. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Reggio Emilia. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Reggio Emilia Settembre 213 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Economia e competitività Indicatori strutturali Valore aggiunto

Dettagli

La relazione e la completa documentazione statistica relativa sono disponibili sul sito della Camera di commercio di Bologna, www.bo.camcom.gov.

La relazione e la completa documentazione statistica relativa sono disponibili sul sito della Camera di commercio di Bologna, www.bo.camcom.gov. L ECONOMIA BOLOGNESE TRA IL 2008 E IL 2012 RIFLESSIONI E PROSPETTIVE La relazione e la completa documentazione statistica relativa sono disponibili sul sito della Camera di commercio di Bologna, www.bo.camcom.gov.it

Dettagli

Economie regionali. L'economia della Campania. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia della Campania. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia della Campania Aggiornamento congiunturale Napoli novembre 214 2 1 4 37 Economie regionali L economia della Campania Aggiornamento congiunturale Numero 37 - novembre 214

Dettagli

Marche RAPPORTO N 21 RAPPORTO 2013 SULL'INDUSTRIA MARCHIGIANA

Marche RAPPORTO N 21 RAPPORTO 2013 SULL'INDUSTRIA MARCHIGIANA Marche RAPPORTO N 21 RAPPORTO 2013 SULL'INDUSTRIA MARCHIGIANA Conto Business Unico canone, tanti vantaggi Il conto che premia te e i tuoi affari. È arrivato Conto Business, il conto per le piccole e medie

Dettagli

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Le lancette dell economia bolognese Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Aggiornamento: 7 aprile 2014 Indice Le principali tendenze dell'economia italiana pag. 3 L'andamento economico locale

Dettagli

602,5 abitanti/kmq. Cinese tradizionale (mandarino), Taiwanese e Hakka. Buddismo e Taoismo. Nuovo Dollaro di Taiwan (TWD) Repubblica Presidenziale

602,5 abitanti/kmq. Cinese tradizionale (mandarino), Taiwanese e Hakka. Buddismo e Taoismo. Nuovo Dollaro di Taiwan (TWD) Repubblica Presidenziale TAIW AN Dati di base Superficie 36.180 kmq Popolazione 21.800.000 Densità di popolazione Lingua ufficiale Religione Unità monetaria Forma istituzionale Sede di governo 602,5 abitanti/kmq Cinese tradizionale

Dettagli

Nazionale Lombardia Milano Milano, 1 giugno 2006

Nazionale Lombardia Milano Milano, 1 giugno 2006 Nazionale Lombardia Milano Milano, 1 giugno 2006 Quadro economico, mercato del lavoro e precarietà (a cura dell ufficio economico della Fiom) Quadro economico L economia internazionale conferma per il

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

L ECONOMIA DELLA BASILICATA

L ECONOMIA DELLA BASILICATA Unione Regionale delle Camere di Commercio di Basilicata OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA BASILICATA L ECONOMIA DELLA BASILICATA NEL I SEMESTRE 2008 OTTOBRE 2008 1. 2. 2.1 2.2 3. 3.1 3.2 3.3 3.4 3.5 4. 4.1

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana

TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa CNA Toscana RAPPORTO CONGIUNTURALE CONSUNTIVO 2014 TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana PROVINCIA

Dettagli

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria Lo scenario economico globale presenta condizioni favorevoli. Ma l incertezza è il maggior ostacolo a

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

IL SETTORE DELL EDILIZIA

IL SETTORE DELL EDILIZIA BELGIO: IL SETTORE DELL EDILIZIA L ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO le prime 300 aziende del legno in Italia 7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO a cura di Alessandra Graziani ROMA, luglio

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO.

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. ANFAO NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. STATI UNITI, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, INGHILTERRA, PAESI EMERGENTI: QUESTI

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il valore aggiunto prodotto dall industria cartaria e della stampa rappresenta l 1 per cento del Pil italiano.

Dettagli

RELAZIONE GENERALE sulla Situazione Economica del Paese - (2006)

RELAZIONE GENERALE sulla Situazione Economica del Paese - (2006) MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE RELAZIONE GENERALE sulla Situazione Economica del Paese - (2006) volume I EDIZIONE PROVVISORIA RELAZIONE GENERALE sulla Situazione Economica del Paese - (2006) volume

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli