Manuale per l Investigatore Privato e l Agente di Sicurezza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale per l Investigatore Privato e l Agente di Sicurezza"

Transcript

1 Manuale per l Investigatore Privato e l Agente di Sicurezza 1

2 A Liliana, Dalila e Lavinia 2

3 capitolo primo Il bisogno di sicurezza 3

4 1. Esiste la sicurezza in senso assoluto? Purtroppo i tragici eventi accaduti negli Stati Uniti l 11 settembre insegnano che anche un Paese così potente non è immune da attacchi e quindi la risposta è no, non si può garantire la sicurezza assoluta a nulla e nessuno. Soprattutto non ci si può affidare completamente alla tecnologia, ai vari apparati e diavolerie che possono dare l illusione di protezione totale da tutti gli eventi dannosi, visto il grado di evoluzione raggiunto. Il futuro dipenderà da quanto verrà investito nella preparazione e addestramento dell elemento umano: formare risorse umane destinate a questo compito così delicato, la protezione dei beni altrui (tra cui quello più importante,la vita), è la strada che bisognerà per- correre sempre. L uomo ha capito, sin dai tempi in cui vestiva di pelli, che stare solo lo esponeva a tutti i pericoli che la natura riservava, quindi, riunirsi in pic- cole comunità dapprima, strutture più complesse poi, che hanno portato al formarsi delle moderne società, lo aiutava nel proteggere tutto ciò che gli era più caro. In seguito però sono cominciati a sorgere problemi derivanti dalla convivenza: i furti, le aggressioni, gli omicidi, le sommosse popolari, ed è nata l esigenza di arginare questi fenomeni: l uomo non doveva più difendersi dalla natura ma da se stesso. Ai giorni nostri lo studio della sicurezza ha raggiunto traguardi impensabili solamente cinquant anni fa, ma non ci si può fermare e riposare sugli allori perché anche la criminalità segue lo sviluppo tecnologico ed escogita nuovi sistemi per farla franca. Sicuramente la chiave della soluzione del problema sta nell educare le nuove generazioni alla convivenza pacifica e al ripudiare ogni forma di violenza ma, nel frattempo bisogna ancora contrastare il fenomeno. Questo manuale non ha la pretesa di colmare le lacune presenti nel campo della di- dattica in questo delicato settore, ma vuole essere un veloce percorso di for- mazione, una trattazione organica su ciò che l operatore di sicurezza deve co- noscere per operare con efficacia e professionalità. È chiaro che, specialmente in questo ambito lavorativo, l esperienza sul campo conta moltissimo ma per passare dalla fase di manovalanza della security a quella più strettamente professionale occorre di più che la semplice conoscenza on the job, sul cam- po. Un manuale dunque su un lavoro difficile ma fondamentale per la sicurezza e le ga- ranzie di ogni cittadino. 4

5 2. I bisogni fondamentali. Da sempre l essere umano ha dei bisogni che in ordine di importanza sono: Bisogni fisiologici Bisogno di sicurezza Bisogni sociali (autostima, autorealizzazione,ecc.) Di tutti, la sicurezza è la condizione irrinunciabile per la soddisfazione degli altri bi- sogni sopra elencati. Dopo i bisogni fisiologici, è proprio il bisogno di sicurezza l aspetto più importante da soddisfare per una vita serena. Noi esseri umani abbiamo innato un istinto di autoconservazione che ci fa notare i pericoli, è un istinto primordiale che basta poco a risvegliare, l importante è riuscire a dominarlo e dosarlo bene affinché non diventi un atteggiamento nevrotico e prevenuto che ci rende paranoici. Se ci si riesce ecco che si acquisisce una corretta mentalità della sicurezza, cioè un aumento della vigilanza, della coscienza di noi stessi e del mondo che ci circon- da. Tutto è l opposto di una unica cosa: la ripetitività, l abitudine che addor- menta la coscienza fino a farci divenire disattenti a tutto ciò che ci circonda. È l atteggiamento mentale, in finale, che ci aiuta ma non dobbiamo dare per scontato che lo si possieda sempre: dobbiamo coltivarlo, allenarlo a percepire in qualsiasi momento un potenziale pericolo, sapere come agire, quando agire e perché. Esercizi che sviluppano vigilanza,presenza a se stessi,valutazione dell ambiente cir- costante, percezione del pericolo, ottenimento dello spazio di sicurezza : 5

6 Chiudere ogni tanto gli occhi e provare a descrivere le persone e gli ambienti che ci circondano Provare ad usare prima della vista il tatto, l olfatto e l udito In qualsiasi ambiente nuovo ci si trovi, localizzare le vie di fuga Provare a usare un travestimento veloce per rendersi invisibili nella massa Imparare ad uscire dialetticamente da una discussione che può divenire peri- colosa (magari una lite da traffico) Abituarsi a tenere uno spazio di sicurezza (almeno 40 centimetri) tra noi e l interlocutore occasionale e a non avere nessuno alle spalle Appena svegli percorrere mentalmente la giornata che ci aspetta, alla sera ripercorrere ciò che abbiamo vissuto 3. Le regole di comportamento generali per la sicurezza Avere un comportamento appropriato in ogni occasione limita l esposizione a peri- coli di diverso tipo, che siate un agente di sicurezza o no. Una delle prime rego- le da applicare stride con l atteggiamento che vediamo sfoggiato tutti i giorni sui media da quasi tutti i personaggi giudicati a la page : avere un comporta- mento riservato, quindi non mettersi in mostra con atteggiamenti sopra le ri- ghe, non essere eccentrici, non sfoggiare denaro o possibilità economiche sopra la media, in sostanza il contrario di quello che la società di oggi considera lo sti- le vincente. Naturalmente non bisogna esagerare nemmeno in ostentazione di virtù o distacco dalle cose terrene, altrimenti si rischia di attirare l attenzione per il motivo opposto, quindi in media stat virtus. L imprevedibilità è amica della sicurezza: non prendere l abitudine di fare sempre la stessa strada, di fre- quentare gli stessi ristoranti, lo stesso parrucchiere aumenta la nostra sicurezza e fa anche bene alla nostra psiche. Anche mantenere rapporti di buon vicinato rientra nelle regole della sicurezza, in modo da creare un nucleo di persone pronte a darsi una mano e a vigilare assieme. A proposito di condomini e di ca- sa, proteggere la nostra dimora è semplice se si seguono alcune regole: valuta- re se è il caso di installare porte blindate e inferriate alle finestre,mettere le tende alle finestre, che è un sistema semplice per evitare che chiunque possa vedere da fuori l interno e magari fotografi eventuali oggetti di valore per pro- porli a ricettatori e in caso farli rubare. Quando si cambiano i collaboratori do- mestici è sempre il caso di cambiare le chiavi o il codice di ingresso se c è la chiave elettronica. I precetti da tenere a mente per la sicurezza al telefono di casa possono sembrare ovvi ma vanno rinfrescati: non rispondere mai dicendo Casa Rossi, buongiorno ;non far rispondere ai nostri bambini; superare i tenta- tivi di controllo di chi ci chiede di un membro della nostra famiglia non rispon- dendo Non c è, chi lo desidera? diciamo piuttosto che al momento non può rispondere e facciamoci lasciare il numero del chiamante. Molto spesso poi le 6

7 continue chiamate a casa in orari diversi da parte di sconosciuti che affermano di essersi sbagliati sono azioni di verifica degli orari di permanenza in casa, quindi prestare attenzione. Cambiare alcune abitudini fa diventare più intelligenti Lo dimostra un autorevole studio condotto in Gran Bretagna in cui quindici volontari sono stati sottoposti ad un piano di deroutinizzazione della durata di sette giorni, obbligandoli a introdurre o cambiare almeno due abitudini al giorno,il tutto accompagnato da un giro di vite alla dieta e con l introduzione di un attività fisica moderata (30 minuti al giorno) ma costante. Al termine è stato constatato un miglioramento del 40% delle loro prestazioni intellettive in termini di memoria, senso dello spazio, creatività, parole e numeri. I neuroni, insomma, si erano vivacizzati. Alcune delle regole introdotte nel test: impara vocaboli sconosciuti e usali usa il mouse con la mano sbagliata fai la doccia ad occhi chiusi cambia il solito tragitto casa-ufficio 7

8 Mozart per migliorare i risultati scolastici Le note del Flauto Magico o di Così fan tutte piuttosto che le sinfonie o le messe, compreso il famoso Requiem, di Mozart azionano i geni che sovrintendono alla formazione delle sinapsi, i collegamenti tra i neuroni del cervello. Non rendono più intelligenti, ma aiutano il cervello a funzionare meglio e con maggiore rapidità. È ciò che hanno scoperto i ricercatori dellʼuniversità Oshkosh del Wisconsin e secondo i loro studi le note di Mozart potrebbero aiutare anche a rallentare gli effetti neurodegenerativi di malattie come lʼalzheimer o il Parkinson. Lʼ effetto Mozart viene studiato dal 1993, da quando venne pubblicato su Nature uno studio condotto su alcuni studenti, secondo cui bastava ascoltare musica del compositore austriaco per dieci minuti al giorno per migliorare i risultati scolastici. 8

9 4. Quando non siamo in casa In casa nostra siamo relativamente sicuri, abbiamo un ambiente protetto e la perce- zione di sicurezza di solito è alta. Quando usciamo e ci immettiamo nella vita di tutti i giorni possiamo e dobbiamo tenere un comportamento di un certo tipo che (all inizio, sembrerà difficile ma con l allenamento ci verrà più fluido) dovrà farci provare una sensazione di altrettanta sicurezza: Prima di uscire guardiamo lo spioncino per vedere chi c è sul pianerottolo: magari è una persona che semplicemente non vogliamo incontrare. Siamo sicuri di avere sempre a disposizione un biglietto dei mezzi pubblici e il cellulare carico Per strada camminiamo al centro del marciapiede, per avere uno spazio di si- curezza intorno Prendiamo l abitudine di non aver nessuno alle spalle e ai fianchi Abituiamoci a valutare quante persone abbiamo intorno, come sono vestite, le loro caratteristiche fisiche e a fotografarle mentalmente Muoversi sempre con passo rapido e sicuro per non essere fermati da que- stuanti o scocciatori Camminare fronteggiando il traffico, per non essere sorpresi alle spalle da moto o auto Non usare cuffiette per ascoltare la musica Ovviamente evitare strade buie, malfamate o senza via di uscita Tenere poco denaro nel portafoglio e ripartirlo in più tasche, per non sfoggia- re banconote da 500 euro per pagare un caffè Nei locali pubblici non dare mai spalle a una finestra o porta. Mettersi in una posizione laterale o con un muro alle spalle Fidarsi dell istinto: evitare le persone che per qualche motivo non ci ispirano fiducia e non passare in mezzo a gruppi di sconosciuti Se possibile, uscire sempre in compagnia Fissare appuntamenti in luoghi frequentati Se disturbati entrare in un negozio e non in un androne, nemmeno quello di casa Se insultati o provocati non rispondere e non guardare negli occhi chi lo fa Parcheggiare la macchina in zone ben illuminate o controllate Usiamo cellulari con navigatore: eviteremo di chiedere la strada a sconosciuti Tenere in macchina: una torcia, un moschettone, una corda robusta, un om- brello, la valigetta del pronto soccorso e un piccolo estintore Viaggiare sempre con serbatoio pieno Frequentiamo un corso di guida veloce Montiamo uno specchietto retrovisore a curvatura aumentata 9

10 Teniamoci sempre al corrente di orari e itinerari di cortei, manifestazioni, scioperi Guidare sempre al centro della strada per aver spazio per reagire a tentativi di blocco Guidando stare attenti dopo una curva, ai lavori in corso, ai blocchi stradali, a chi chiede aiuto per un incidente Aumentare la vigilanza quando siamo fermi ai semafori o accanto a furgoni e camion o quando la vettura davanti procede in modo da obbligarci a rallenta- re Se veniamo urtati o tamponati non usciamo immediatamente: è un trucco molto usato per rapinare Se vogliono fermarci e siamo in pericolo attirare l attenzione delle forze dell ordine con una guida scorretta Chiamare il radiotaxi e non servirsi di quelli parcheggiati, rifiutarsi di salire se c è già un altra persona Non mandare bimbi in taxi da soli Se non siamo sicuri del tassista facciamoci portare alla stazione ferroviaria o all aeroporto e prendiamone un altro Non accettare da estranei bibite o sigarette (questo punto sembra così ovvio ma accade molto più frequentemente di quanto si creda!) 5. La sicurezza sul luogo di lavoro Sia che lavoriamo in ufficio, sia che dobbiamo proteggere il luogo di lavoro del no- stro capo, questi sono suggerimenti operativi da tener presenti: Rendere gli accessi controllati, dotare i visitatori di un pass visibile (natural- mente di un colore diverso da quello dei dipendenti) e accompagnarli sempre dove hanno chiesto di andare. Di solito, quando si è nuovi in un ambiente di lavoro, si tende a credere che ogni tizio sconosciuto che incrociamo nei corridoi sia un collega nuovo ma se lo o la vediamo aggirarsi senza una meta precisa fermiamoli e chiediamogli se possiamo aiutarli o se hanno bisogno di qualcosa, questo già potrebbe mette- re in difficoltà un intruso. È chiaro che non dobbiamo dare per buona la prima giustificazione che ci forniscono ma chiediamo conferma, in questi casi essere pignoli non è fuori luogo. Mai lasciare soli nella nostra stanza estranei e tantomeno colleghi: pensare che le persone siano tutte oneste è molto ingenuo. Nessuno poi deve poter portar via documenti o plichi senza il nostro permesso o senza prima averli controllati. Disporre di una cassaforte dove riporre tutto il materiale sensibile o docu- menti importanti. 10

11 Quando lasciamo momentaneamente l ufficio non lasciare borse, portafogli. D estate chiudere le finestre oltre che le porte. Creare uno spazio sicuro dove poter far esaminare la posta in entrata, se ab- biamo timori di essere oggetto di attentati e arrivano buste o pacchi da indi- rizzi sconosciuti. Effettuare periodicamente una bonifica elettronica delle stanze dove si ten- gono riunioni e delle linee telefoniche. Attenzione alle domande o richieste insolite fatte da estranei o colleghi di altri uffici e se c è un servizio di sicurezza riferirlo: è molto importante collaborare. Dobbiamo pretendere che lo staff della security lavori in maniera efficiente e affidabile: occhio ai fannulloni e agli incompetenti. In sostanza le procedure da adottare per rendere sicuro il nostro luogo di la- voro sono intuitive e gli accorgimenti che vanno usati riguardano il parcheg- gio, controllo gli accessi,custodire le chiavi,riporre il denaro in cassafor- te,proteggere documenti e comunicazioni,ecc. 11

12 Il controllo dei pacchi sospetti Tutta la posta in arrivo o in partenza è degna di particolare attenzione, ma il controllo di quella in entrata ha bisogno maggiori precauzioni. Innanzitutto ricordiamo che il personale addetto alla sicurezza non deve sostituirsi agli artificieri qualificati, i quali devono essere sempre chiamati in caso di pericolo. È importante però imparare a riconoscere gli esplosivi. Abbiamo già detto che, in presenza di particolari timori, bisogna predisporre una stanza a parte per il controllo della posta e se possibile dotarla di una cassa blindata per la apertura dei plichi sospetti. E sospetti sono i pacchi fuori misura, con un peso superiore alla norma e più francobolli del solito, provenienti da paesi o mittenti con i quali non si hanno rapporti. Vengono usati esplosivi plastici di solito quindi dobbiamo allertarci quando sono stranamente soffici e con bordi elastici, unti, gocciolanti e profumati di mandorle, marzapane, tutti odori derivanti dagli olii essenziali usati per rendere plastici gli esplosivi. Le caratteristiche da rilevare: Spessore inconsueto (oltre 1,5/2 cm) peso atipico rapportato alle dimensioni presenza di macchie di unto o di grasso sullʼesterno rigidità sproporzionata o irregolare presenza di zone estremamente rigide con altre molto morbide involucro strano, inusuale mittente e destinatario scritti con grafia incerta ed errori grammaticali presenza di scritte personale, fragile, confidenziale invece del nome è scritto Al Sig.Presidente AllʼAmm.Delegato assenza del mittente presenza del nome corretto ma del titolo sbagliato 12

13 Altre caratteristiche: affrancatura eccessiva presenza di piccoli tagli, piccoli fori, lacci o spaghi pendenti odori anomali presenza di fili elettrici, carta stagnola presenza di una seconda chiusura che diventa visibile dopo la prima apertura presenza sproporzionata si nastro adesivo, spago o altro materiale di chiusura presenza di note o istruzioni per lʼapertura presenza, tastando, di qualcosa che assomiglia ad una batteria sotto zone con scritte a caratteri grandi Cosa fare in caso di pacco sospetto Non far toccare il pacco o la lettera sospetti Far allontanare tutti Chiamare le forze dellʼordine e artificieri Non mettere mai il pacco sospetto in acqua (può essere sensibile ai bagni liquidi) Non utilizzare radio, telefonini in prossimità del possibile ordigno Staccare luce e gas e anche prese telefoniche Aprire porte e finestre per dissipare lʼeventuale onda dʼurto Non solo esplosivi Possono rivelarsi altrettanto pericolosi pacchi con allʼinterno altri regali : Aghi od oggetti simili infettati da HIV o altri virus letali Composti chimici o radiologici pericolosi Matrici biologiche contenenti batteri o virus (es. Antrace) Animali velenosi o pericolosi per lʼuomo 13

14 Il locale per le ispezioni La stanza adibita al controllo della corrispondenza deve avere le seguenti caratteristiche: avere un piano di lavoro protetto con canale di sfogo da soffitto per canalizzare e diminuire la forza dʼurto della deflagrazione verso lʼalto avere elementi o blocchi di contenimento portatili non avere combustibili o materiali pericolosi allʼinterno avere lʼopportunità di effettuare una suddivisione totale degli impianti di luce e gas 14

15 Capitolo secondo Aggressioni ed attentati: una analisi 1. Le motivazioni I motivi che spingono un individuo o un organizzazione a compiere un atto violento, contro qualcuno o qualcosa, sono tutti riconducibili ad un elenco di ragio- ni,evidenziamo le principali: Psicologiche Personali Economiche Religiose Etniche Politiche Mercenarie Psicologiche Nella foto l aggressione a Papa Ratzinger compiuta da Susanna Maiolo 15

16 E il più difficile da prevedere. Di solito compiuto da un individuo instabile mental- mente che, seguendo un delirio, aggredisce, ferisce o uccide qualcuno vittima di colpe immaginarie. Personali La persona tradita sentimentalmente o professionalmente può essere spinta a com- piere un aggressione, mossa dall odio e dal risentimento nato dall affronto su- bito. 16

17 Una perdita finanziaria notevole dovuta a investimenti mal consigliati genera dispe- razione e risentimento che inducono il truffato a compiere una vendetta. Economiche Un attacco per rapimento a scopo di riscatto o di vendita della vittima ad organizza- zioni dedite al traffico di esseri umani può essere uno dei motivi. 17

18 Religiose Oramai tristemente famosa, Al Qaeda è l organizzazione terroristica simbolo della nuova barbarie compiuta in nome della religione. Contrapposizioni tra le mag- giori religioni monoteiste, hanno spinto esaltati abilmente manipolati,a com- piere terrificanti stragi e attentati. Etniche Omicidi, torture, stupri, perpetrati contro minoranze etniche. Oppure attentati di- namitardi compiuti nelle scuole da organizzazioni separatiste, per avere una eco internazionale e far conoscere le proprie ragioni: questi i motivi della vio- lenza che travolge alcune regioni del mondo. 18

19 Politiche Omicidio politico: quello di alcuni giornalisti russi ne è un triste esempio, uccisi per- ché con le loro inchieste stavano diventando scomodi al governo. Camuffati a volte da rapina finita male, i responsabili hanno subito un pro- cesso- farsa che alla fine li ha lasciati sostanzialmente impuniti. Mercenarie Persone spinte dal desiderio di ottenere un profitto personale, possono compiere attentati o aggressioni su incarico di privati. E il caso dei cosiddetti mercenari, i quali non hanno nessuna delle motivazioni elencate fino ad ora. Diverso è il ca- so delle compagnie militari private che, per evitare di usare il termine merce- nario considerato dispregiativo, utilizzano, per definire la propria attività, an- glicismi come contractors o private military companies e a chiamare i singoli 19

20 appartenenti contractor, anche se la diversa etimologia non ne cambia in al- cun modo la sostanza Capitolo terzo IL SERVIZIO DI PROTEZIONE E VIGILANZA 1. Cosa bisogna proteggere: lo scopo della protezione Se la domanda è Cosa bisogna proteggere?, la risposta è: Spostamenti: ufficiali; privati. Residenze: ufficiali;lavoro; occasionali. Attività: ufficiali; private; occasionali Lo scopo della protezione ravvicinata è quello di ridurre la possibilità di successo di atti rivolti contro di noi o l oggetto della nostra protezione, tuttavia non bisogna mai dimenticare che è pressoché impossibile annullare totalmente il rischio. Il sistema di protezione che si adotta per proteggere può avere due aspetti : di basso profilo e di alto profilo. Di solito è sempre meglio adottare il primo criterio che è caratterizzato da un aspetto nell insieme neutro e riserva- to, al contrario del secondo dove il servizio di protezione si mostra apertamente per quello che è e serve da deterrente contro possibili attacchi. Spesso il siste- ma misto può prevedere la presenza di due team, dove quello ad alto profi- lo ha il compito di attrarre eventuali assalitori, di farli uscire allo scoperto, quel- lo a basso profilo diventa invece l elemento sorpresa che obbliga gli aggresso- ri a cedere. Viviamo in un epoca in cui il problema della sicurezza è vivamente sentito. Da più parti, quasi ogni giorno, si levano richieste (a volte demagogiche, probabilmen- te) di maggior sicurezza per i cittadini. Mentre scrivo questo manuale, a Roma, 20

21 la città in cui vivo, siamo arrivati al triste primato dei 35 omicidi dall inizio dell anno. Mai come ora la figura professionale dell agente di sicurezza privato può avere uno sviluppo significativo. Chi vuole iniziare questa professione deve sapere che le occasioni di lavoro possono essere molteplici ma il percepire degli onorari a volte molto alti non deve essere la motivazione a svolgere le mansioni per cui è richiesto. Deve avere come sola priorità il garantire l incolumità di chi protegge, e questa priorità non si può pretendere di averla senza una Chi è l Agente di Sicurezza Quale è il profilo ideale di un agente? Quali caratteristiche deve avere? Ognuno di noi ha in mente un immagine- tipo dell agente di sicurezza o guardia del corpo, ed è inutile negare che a formare questa immagine hanno contribuito tutti i film hollywoodiani che hanno trattato l argomento. A dire il vero, potrebbe contribuire anche l immagine della guardia del corpo creata dal grande Alberto Sordi nel film Di che segno sei? con la guardia gorilla K2! Contribuisce nel senso che è la summa di tutto quello che non dovrebbe essere e non dovrebbe fare un professionista del settore! Ma, a parte gli scherzi, i possibili profili sono legati al possesso di qualità, certe innate, altre acquisibili. Proviamo ad elencar- ne qualcuna: affidabilità, rapidità, riflessi superiori alla media, capacità di pro- blem soling, sangue freddo, attitudine al rischio. Dal punto di vista fisico non è necessaria una muscolatura imponente e un altrettanta altezza, anzi, a volte proprio un energumeno posto come sicurezza è una informazione per il nemi- co, quindi più un handicap che un vantaggio. Gerard Desmaretz propone un e- lenco di qualità per la guardia del corpo, che dovrà essere : sportiva, istruita, educata, razionale, sana, diplomatica, autorevole, socievole, di- screta, diffidente, pragmatica, attiva, puntuale, efficiente, osservatrice, intelli- gente, volenterosa, capace di iniziativa, disponibile. Possedere tutte queste qualità lo giudico utopistico, ma si può provare a tendere verso questa condi- zione,, lavorando molto su se stessi. Anche la probabilità che professionalmen- te ci si troverà spesso in contatto con un mondo fatto di lusso, yacht, alberghi e residenze favolose, feste con personaggi illustri, può avere un impatto sgrade- vole. Chi decide di fare l agente di sicurezza spesso non ha dimestichezza con quel mondo, con l etichetta di certi eventi, e questo può creare disagio all inizio. La realtà di questo lavoro in Italia e in genere nei paesi europei è un po diversa da quella di altri paesi nel mondo. Da noi in percentuale si parla molto più di sicurezza relativa alle infrastrutture e ai beni piuttosto che alla per- sona fisica, il servizio di protezione ravvicinata non è ancora su larga scala, ma la preparazione e la formazione deve passare anche per esperienze legate alla vigilanza di banche e cantieri, piuttosto che di portierato speciale o antitac- 21

22 cheggio, solo così si potrà arrivare ad una figura di security manager al passo coi tempi. 3. La preparazione dell Agente di Sicurezza Sono diversi gli aspetti della preparazione e competenza che dovrebbe avere chi a- spira a divenire un agente di sicurezza. Alcuni riguardano la condizione fisica, al- tri la conoscenza in vari campi anche apparentemente distanti dalla professio- ne. La preparazione fisica: è indubbio che deve avere una forma atletica superiore alla media. Se il protetto ha l abitudine di fare jogging non lo si può mica seguire con lo scooter! Di solito per comprendere quale è lo stato atletico di un aspi- rante agente basta eseguire il test di Cooper, che consiste nel far correre il sog- getto per dodici minuti e valutare che distanza ha coperto, controllando poi sul- la apposita tabella, su internet potrete facilmente trovarlo. 1. La scorta a piedi Quando bisogna proteggere qualcuno che si muove a piedi le condizioni di sicurezza diminuiscono considerevolmente. In pratica, non ci sono mezzi di protezione come quando ci si sposta in macchina, ogni persona che si incontra potrebbe essere un potenziale aggressore. Quindi bisogna creare tra il soggetto da pro- teggere e l ambiente in cui si muove una barriera che impedisca la realizzazione di qualsiasi evento dannoso. Rende l idea quindi il termine anglosassone box, scatola, usato per indicare la formazione di uomini che precedono, fiancheggia- no e seguono lo scortato, una scatola umana al cui interno racchiudere l elemento principale. La forma di questa box è variabile e ovviamente assu- me una forma diversa a seconda di quanto personale si dispone. Se abbiamo un numero sufficiente di operatori, od operatrici, l unità operativa si può divi- dere in: - gruppo di difesa ad immediato contatto con il protetto - gruppo di riserva che si muove a distanza pronto ad entrare in azione se la necessi- tà lo richiede. Il gruppo di riserva di solito segue in una vettura, sino dove lo consente la viabilità della zona, mentre il team vicino allo scortato vigila su ogni tipo di ipotetica mi- naccia: automobili, moto, passanti, finestre, involucri, gruppetti di persone, ecc. In caso di aggressione la reazione deve essere decisa e bisogna impedire a chiunque di avvicinarsi al protetto, per qualunque motivo. Attenzione quindi a chi compie movimenti bruschi o fa segnali o si passa qualche oggetto di mano mentre si avvicina, oppure appare agitato o troppo guardingo. Se il protetto viene attac- cato deve essere immediatamente riparato dietro una protezione o messo nella vettura che segue e la squadra si deve mettere proprio fisicamente tra lui e la 22

23 fonte del pericolo e nel frattempo contrastare e reagire. Chi degli agenti indivi- dua il pericolo deve comunicare a voce alta subito ai colleghi, nel gergo e nella modalità riferite più avanti, la provenienza dell attacco. 1. Regole di comportamento Un servizio di protezione è per definizione esposto a molteplici e imprevedibili peri- coli. E pertanto giusto ricordare alcune piccole grandi regole : Evitare la routine Essere consapevoli e sospettosi Essere metodici Usare l iniziativa Avere buone comunicazioni 2. Le formazioni della scorta La disposizione nello spazio operativo dei vari componenti della scorta, genera delle figure geometriche e ad esse ci si ispira per richiamarle visivamente: 1 agente di scorta 2 agenti 3 (a cuneo) 4 (a diamante) 5 (pentagono) 6 (esagono) 6 formazione difensiva (riccio) La scatola, the box in inglese, attorno al protetto assume quindi varie forme ed è importante la disposizione quanto la segnalazione della provenienza del peri- colo. Quando gli agenti devono comunicare un pericolo urge anche segnalare rapidamente la provenienza dello stesso. Convenzionalmente si assimila lo spa- zio operativo al quadrante di un orologio, con il protetto al centro delle lancet- te: la direzione di marcia indicherà sempre le ore 12 e così si potrà indicare il pericolo proveniente da ore 3 se arriva da destra, ore 9 se da sinistra, ecc. 1.Protezione in movimento E un tipo di scorta complicata e deve essere eseguita con metodo e attenzione. La macchina del Protetto deve essere sempre seguita o affiancata da quella della scorta. Ricordiamoci che statistiche in percentuale confermano in maggioranza 23

24 gli attentati in auto rispetto ad altre azioni offensive: e la maggior parte di que- ste è dovuta alla routine! La scorta a bordo di automezzi è quella più frequentemente organizzata e a seconda del grado di rischio che grava sul protetto può avere aspetti operativi diversi. Normalmente i servizio viene svolto da una sola vettura e comunque deve esse- re preceduto da un analisi operativa che ha delle fasi propedeutiche: - acquisizione di informazioni preliminari sulla persona che deve essere scortata ( professione, luogo di abitazione, sede di lavoro, orari, ecc.). Sono informazioni importantissime perché ci danno il coefficiente di pericolosità e la probabilità di un attacco. Naturalmente tali informazioni devono essere aggiornate, an- che e sopratutto con la collaborazione dello scortato, nonché delle persone a lui vicino che possono essere delle preziose fonti; - studio di percorsi e itinerari utili al raggiungimento dei luoghi di interesse tenendo conto di: distanze totali del percorso con relativi tempi di percorrenza numero di incroci, semafori, cavalcavia, strettoie compiti dei singoli componenti dell unità operativa (compito del team leader, che deve nominare chi ha il compito di osservare, chi di primo intervento, chi con il compito di allontanare rapidamente il protetto) individuazione di porti sicuri presenti lungo il tragitto (caserme, ospedali, uffici pubblici vigilati, ecc.) Scegliere itinerari alternativi, muoversi sempre in orari diversi disorienta eventuali attentatori. L esperienza dice che essi tendono a notare le costanti del compor- tamento del servizio di scorta e ad approfittarne. Durante tutte le comunicazioni radio bisogna sempre tenere a mente che sono le meno sicure, usare quindi un codice se- greto o meglio ancora radio criptate. 2. Fase preliminare: i controlli necessari Quando abbiamo acquisito tutte le informazioni necessarie, la squadra operativa può iniziare il servizio, che per convenzione dividiamo in quattro fasi: 24

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano Il perché di un corso sull uso della bicicletta Il motore della bicicletta e la

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Novembre 2001 http://www.giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari.it NOTA.

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi Ogni squadra necessita di un attacco organizzato in maniera da creare spazi liberi per guadagnare punti facili. Tuttavia, soprattutto con le squadre giovani,

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Scuola dell Infanzia. Anno scolastico 2011/2012

Scuola dell Infanzia. Anno scolastico 2011/2012 Scuola dell Infanzia Anno scolastico 2011/2012 Progetto di Educazione Stradale Questo progetto nasce dal desiderio di accompagnare il bambino in un percorso formativo relativo al comportamento stradale.

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

Lezione 14: L energia

Lezione 14: L energia Lezione 4 - pag. Lezione 4: L energia 4.. L apologo di Feynman In questa lezione cominceremo a descrivere la grandezza energia. Per iniziare questo lungo percorso vogliamo citare, quasi parola per parola,

Dettagli

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori Corso di orientamento musicale diviso in lezioni semplici ed essenziali. L obiettivo è di assolvere alla funzione didattica utilizzando i parametri teorico-musicali essenziali in modo propedeutico ma anche

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO Guida del partecipante Vietata ogni riproduzione Olympos Group srl. Via XXV aprile, 40-24030 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309 - Fax 1786054267 - customer.service@olympos.it

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

COME LIMITIAMO NOI STESSI

COME LIMITIAMO NOI STESSI COME LIMITIAMO NOI STESSI 1 Il 63 % delle persone crede che il raggiungimento dei propri obiettivi finanziari sia possibile solo attraverso una grossa vincita Non si può ottenere quello che non si riesce

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI - 2 - Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli

PROCEDURA. Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde antisciacallaggio. PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile.

PROCEDURA. Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde antisciacallaggio. PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile. Comune di San Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile Sezione viabilità Bozza: Ottobre 2000 1a stesura: Luglio 2001 Verifica: Ottobre 2001 PROCEDURA Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde

Dettagli

fare il numero, digitare rimasto, che possiamo ancora usare i diversi valori seguente, che viene dopo

fare il numero, digitare rimasto, che possiamo ancora usare i diversi valori seguente, che viene dopo Unità 14 Telefonare fuori casa In questa unità imparerai: che cosa sono e come funzionano le schede telefoniche prepagate le parole legate alla telefonia a conoscere i pronomi e gli avverbi interrogativi

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Introduzione. Gentile lettore,

Introduzione. Gentile lettore, Le 5 regole del credito 1 Introduzione Gentile lettore, nel ringraziarti per aver deciso di consultare questo e-book vorrei regalarti alcune indicazioni sullo scopo e sulle modalità di lettura di questo

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

CONOSCIAMO GLI ACROMATI

CONOSCIAMO GLI ACROMATI CONOSCIAMO GLI ACROMATI vedono pochissimo non vedono affatto quando c è tanta luce non vedono i colori Associazione Acromati Italiani Onlus Se aiutiamo loro, scopriremo cosa significa vedere, e guarderemo

Dettagli

per anziani e non solo a cura di Gabriella Starnotti Dott.sse C. Laria & G. Starnotti STUDIO DI PSICOLOGIA E COUNSELING A TORINO

per anziani e non solo a cura di Gabriella Starnotti Dott.sse C. Laria & G. Starnotti STUDIO DI PSICOLOGIA E COUNSELING A TORINO Pagina1 STUDIO DI PSICOLOGIA E COUNSELING A TORINO Dott.sse C. Laria & G. Starnotti http:/// VADEMECUM CONTRO TRUFFE E RAGGIRI per anziani e non solo a cura di Gabriella Starnotti Pagina2 INTRODUZIONE

Dettagli

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA 1. programmazione e strutturazione dell intervista: gli argomenti da scegliere per ciascun cliente 2. la presa di contato con il cliente: tecniche di aggancio o di approccio

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 31 Aiuto, Controllo e Conoscenza Una delle cose di cui necessita sempre

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

12 Punti sulla via del successo

12 Punti sulla via del successo 12 Punti sulla via del successo Come anticipato nella pagina del nostro sito web (www.comincioda.ch), ti proponiamo di seguito un elenco di punti fondamentali per aiutarti ad intraprendere correttamente

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Cani d accompagnamento per bambini con autismo Svizzera

Cani d accompagnamento per bambini con autismo Svizzera Cani d accompagnamento per bambini con autismo Svizzera Cani per famiglie con bambini autistici Fondazione Scuola Svizzera per cani guida per ciechi Allschwil Cani d accompagnamento per bambini con autismo

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Studio di Psicologia Centro Studi D.S.A.

Studio di Psicologia Centro Studi D.S.A. SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI PIEROBON CITTADELLA CENTRO TERRITORIALE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE DEGLI ADULTI ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Lettura veloce: imparare a leggere e studiare

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

Siamo un cambiamento in cammino

Siamo un cambiamento in cammino Scuola Primaria Paritaria Sacra Famiglia PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE 2013 2014 Siamo un cambiamento in cammino Uno di fianco all altro, uno di fronte all altro Il percorso educativo di quest anno ci mette

Dettagli

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio L elasticità Cap.4 L elasticità Fin ora abbiamo visto come domanda e offerta di un bene reagiscano a variazioni del prezzo del bene Sono state tutte considerazioni qualitative (direzione del cambiamento)

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

Unità 1. Numeri di emergenza. Lavoriamo sulla comprensione. In questa unità imparerai:

Unità 1. Numeri di emergenza. Lavoriamo sulla comprensione. In questa unità imparerai: Unità 1 Numeri di emergenza In questa unità imparerai: I principali numeri di emergenza le parole relative alle emergenze più comuni l uso di alcuni avverbi e locuzioni avverbiali di modo ad alta frequenza:

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

PSICOLOGIA. La ricerca nelle scienze sociali. Le tecniche di rilevazione dei dati. L'osservazione. il testo:

PSICOLOGIA. La ricerca nelle scienze sociali. Le tecniche di rilevazione dei dati. L'osservazione. il testo: il testo: 01 Le tecniche di rilevazione dei dati Le principali tecniche di raccolta dei dati si dividono in: tecniche descrittive: il ricercatore osserva ciò che sta studiando. Sono tecniche descrittive

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

occhi aperti! Vanzago è più sicuro con la collaborazione di tutti

occhi aperti! Vanzago è più sicuro con la collaborazione di tutti occhi aperti! Vivere sereni e tranquilli in una comunità è un diritto di tutti 2 L Amministrazione Comunale in collaborazione con la Polizia Locale ha pensato di raccogliere in questo opuscolo alcuni piccoli

Dettagli

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta!

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta! Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado Orientarsi in un mondo indeterminato vuol dire accettare il carattere paradossale della vita, fare delle scelte, consapevoli del loro

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

Super Memoria Copyright Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro www.successo3x.com

Super Memoria Copyright Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro www.successo3x.com Note legali Le strategie riportate in questo documento sono il frutto di anni di studi, quindi non è garantito il raggiungimento dei medesimi risultati. L autore si riserva il diritto di aggiornare o modificarne

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Studio o faccio i compiti?

Studio o faccio i compiti? Devo leggere o studiare? Per oggi c erano i compiti, ma non c era nulla da studiare. Che fortuna! Studio o faccio i compiti? La sostanza dei compiti è lo studio e lo studio è il compito dei compiti STUDIARE

Dettagli

AZIENDA E FILOSOFIA. La scoperta di una soluzione consiste nel guardare le cose come fanno tutti ma pensare in modo diverso da come pensano tutti.

AZIENDA E FILOSOFIA. La scoperta di una soluzione consiste nel guardare le cose come fanno tutti ma pensare in modo diverso da come pensano tutti. AZIENDA E FILOSOFIA Made in bit srl si propone alle aziende come fornitore globale di soluzioni software e tecnologia informatica. Grazie alla sinergia con i propri clienti, l azienda ha acquisito un patrimonio

Dettagli

Dischi educativi ideali per l addestramento efficace grazie al segnale sonoro. Trixie

Dischi educativi ideali per l addestramento efficace grazie al segnale sonoro. Trixie Non importa quante diverse razze canine esistano oggi, ma anche il comportamento del vostro cane deriva all 85% dal suo progenitore: il lupo! Spesso si dimentica questo fatto e tanti padroni tendono ad

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile.

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. di Pier Francesco Piccolomini 1 Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. Oggi attraverso questa gigantesca

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING Guida Pratica per Evitare gli Errori da Principianti e Imparare a Guadagnare con il Forex 2 Titolo LE BASI DEL FOREX TRADING Autore Davide Colonnello Editore

Dettagli

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Mentore Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Vision Creare un futuro migliore per le Nuove Generazioni Come? Mission Rendere quante più persone possibili Libere Finanziariamente Con

Dettagli

La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta

La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta Corso Nazionale Allenatori Terzo Grado Settima Edizione La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta TEMA FONDAMENTALE: Il sistema muro

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

- Allegato COMUNICATO STAMPA -

- Allegato COMUNICATO STAMPA - - Allegato COMUNICATO STAMPA - DATI 1^ Ricerca sulla percezione della sicurezza quanto ad EXPO2015, intitolata "EXPO2015: Sicurezza, Continuità, Vigilanza e Tutela dell'esposizione Universale I primi risultati

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO : A SCUOLA DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO DIDATTICO : A SCUOLA DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO DIDATTICO : A SCUOLA DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE Finalità, obiettivi specifici e scelte di contenuto La finalità generale del progetto consiste nel favorire il processo di formazione attraverso

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

MASCHI CONTRO FEMMINE

MASCHI CONTRO FEMMINE MASCHI CONTRO FEMMINE OBIETTIVO Analizzare le immagini stereotipate legate all appartenenza di genere, riflettere sulle motivazioni dei diversi comportamenti di uomini e donne e sulla propria identità

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO Ricostruire la Propria Identità attraverso la Determinazione e la Libertà di Scelta 2 Titolo MOTIVATORE DI ME STESSO Autore Marco Antuzi Editore Bruno Editore Sito

Dettagli

in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie.

in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie. cchi in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie. COME SI ARTICOLA IL PROGETTO Internet è diventato uno straordinario strumento

Dettagli