Manuale per l Investigatore Privato e l Agente di Sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale per l Investigatore Privato e l Agente di Sicurezza"

Transcript

1 Manuale per l Investigatore Privato e l Agente di Sicurezza 1

2 A Liliana, Dalila e Lavinia 2

3 capitolo primo Il bisogno di sicurezza 3

4 1. Esiste la sicurezza in senso assoluto? Purtroppo i tragici eventi accaduti negli Stati Uniti l 11 settembre insegnano che anche un Paese così potente non è immune da attacchi e quindi la risposta è no, non si può garantire la sicurezza assoluta a nulla e nessuno. Soprattutto non ci si può affidare completamente alla tecnologia, ai vari apparati e diavolerie che possono dare l illusione di protezione totale da tutti gli eventi dannosi, visto il grado di evoluzione raggiunto. Il futuro dipenderà da quanto verrà investito nella preparazione e addestramento dell elemento umano: formare risorse umane destinate a questo compito così delicato, la protezione dei beni altrui (tra cui quello più importante,la vita), è la strada che bisognerà per- correre sempre. L uomo ha capito, sin dai tempi in cui vestiva di pelli, che stare solo lo esponeva a tutti i pericoli che la natura riservava, quindi, riunirsi in pic- cole comunità dapprima, strutture più complesse poi, che hanno portato al formarsi delle moderne società, lo aiutava nel proteggere tutto ciò che gli era più caro. In seguito però sono cominciati a sorgere problemi derivanti dalla convivenza: i furti, le aggressioni, gli omicidi, le sommosse popolari, ed è nata l esigenza di arginare questi fenomeni: l uomo non doveva più difendersi dalla natura ma da se stesso. Ai giorni nostri lo studio della sicurezza ha raggiunto traguardi impensabili solamente cinquant anni fa, ma non ci si può fermare e riposare sugli allori perché anche la criminalità segue lo sviluppo tecnologico ed escogita nuovi sistemi per farla franca. Sicuramente la chiave della soluzione del problema sta nell educare le nuove generazioni alla convivenza pacifica e al ripudiare ogni forma di violenza ma, nel frattempo bisogna ancora contrastare il fenomeno. Questo manuale non ha la pretesa di colmare le lacune presenti nel campo della di- dattica in questo delicato settore, ma vuole essere un veloce percorso di for- mazione, una trattazione organica su ciò che l operatore di sicurezza deve co- noscere per operare con efficacia e professionalità. È chiaro che, specialmente in questo ambito lavorativo, l esperienza sul campo conta moltissimo ma per passare dalla fase di manovalanza della security a quella più strettamente professionale occorre di più che la semplice conoscenza on the job, sul cam- po. Un manuale dunque su un lavoro difficile ma fondamentale per la sicurezza e le ga- ranzie di ogni cittadino. 4

5 2. I bisogni fondamentali. Da sempre l essere umano ha dei bisogni che in ordine di importanza sono: Bisogni fisiologici Bisogno di sicurezza Bisogni sociali (autostima, autorealizzazione,ecc.) Di tutti, la sicurezza è la condizione irrinunciabile per la soddisfazione degli altri bi- sogni sopra elencati. Dopo i bisogni fisiologici, è proprio il bisogno di sicurezza l aspetto più importante da soddisfare per una vita serena. Noi esseri umani abbiamo innato un istinto di autoconservazione che ci fa notare i pericoli, è un istinto primordiale che basta poco a risvegliare, l importante è riuscire a dominarlo e dosarlo bene affinché non diventi un atteggiamento nevrotico e prevenuto che ci rende paranoici. Se ci si riesce ecco che si acquisisce una corretta mentalità della sicurezza, cioè un aumento della vigilanza, della coscienza di noi stessi e del mondo che ci circon- da. Tutto è l opposto di una unica cosa: la ripetitività, l abitudine che addor- menta la coscienza fino a farci divenire disattenti a tutto ciò che ci circonda. È l atteggiamento mentale, in finale, che ci aiuta ma non dobbiamo dare per scontato che lo si possieda sempre: dobbiamo coltivarlo, allenarlo a percepire in qualsiasi momento un potenziale pericolo, sapere come agire, quando agire e perché. Esercizi che sviluppano vigilanza,presenza a se stessi,valutazione dell ambiente cir- costante, percezione del pericolo, ottenimento dello spazio di sicurezza : 5

6 Chiudere ogni tanto gli occhi e provare a descrivere le persone e gli ambienti che ci circondano Provare ad usare prima della vista il tatto, l olfatto e l udito In qualsiasi ambiente nuovo ci si trovi, localizzare le vie di fuga Provare a usare un travestimento veloce per rendersi invisibili nella massa Imparare ad uscire dialetticamente da una discussione che può divenire peri- colosa (magari una lite da traffico) Abituarsi a tenere uno spazio di sicurezza (almeno 40 centimetri) tra noi e l interlocutore occasionale e a non avere nessuno alle spalle Appena svegli percorrere mentalmente la giornata che ci aspetta, alla sera ripercorrere ciò che abbiamo vissuto 3. Le regole di comportamento generali per la sicurezza Avere un comportamento appropriato in ogni occasione limita l esposizione a peri- coli di diverso tipo, che siate un agente di sicurezza o no. Una delle prime rego- le da applicare stride con l atteggiamento che vediamo sfoggiato tutti i giorni sui media da quasi tutti i personaggi giudicati a la page : avere un comporta- mento riservato, quindi non mettersi in mostra con atteggiamenti sopra le ri- ghe, non essere eccentrici, non sfoggiare denaro o possibilità economiche sopra la media, in sostanza il contrario di quello che la società di oggi considera lo sti- le vincente. Naturalmente non bisogna esagerare nemmeno in ostentazione di virtù o distacco dalle cose terrene, altrimenti si rischia di attirare l attenzione per il motivo opposto, quindi in media stat virtus. L imprevedibilità è amica della sicurezza: non prendere l abitudine di fare sempre la stessa strada, di fre- quentare gli stessi ristoranti, lo stesso parrucchiere aumenta la nostra sicurezza e fa anche bene alla nostra psiche. Anche mantenere rapporti di buon vicinato rientra nelle regole della sicurezza, in modo da creare un nucleo di persone pronte a darsi una mano e a vigilare assieme. A proposito di condomini e di ca- sa, proteggere la nostra dimora è semplice se si seguono alcune regole: valuta- re se è il caso di installare porte blindate e inferriate alle finestre,mettere le tende alle finestre, che è un sistema semplice per evitare che chiunque possa vedere da fuori l interno e magari fotografi eventuali oggetti di valore per pro- porli a ricettatori e in caso farli rubare. Quando si cambiano i collaboratori do- mestici è sempre il caso di cambiare le chiavi o il codice di ingresso se c è la chiave elettronica. I precetti da tenere a mente per la sicurezza al telefono di casa possono sembrare ovvi ma vanno rinfrescati: non rispondere mai dicendo Casa Rossi, buongiorno ;non far rispondere ai nostri bambini; superare i tenta- tivi di controllo di chi ci chiede di un membro della nostra famiglia non rispon- dendo Non c è, chi lo desidera? diciamo piuttosto che al momento non può rispondere e facciamoci lasciare il numero del chiamante. Molto spesso poi le 6

7 continue chiamate a casa in orari diversi da parte di sconosciuti che affermano di essersi sbagliati sono azioni di verifica degli orari di permanenza in casa, quindi prestare attenzione. Cambiare alcune abitudini fa diventare più intelligenti Lo dimostra un autorevole studio condotto in Gran Bretagna in cui quindici volontari sono stati sottoposti ad un piano di deroutinizzazione della durata di sette giorni, obbligandoli a introdurre o cambiare almeno due abitudini al giorno,il tutto accompagnato da un giro di vite alla dieta e con l introduzione di un attività fisica moderata (30 minuti al giorno) ma costante. Al termine è stato constatato un miglioramento del 40% delle loro prestazioni intellettive in termini di memoria, senso dello spazio, creatività, parole e numeri. I neuroni, insomma, si erano vivacizzati. Alcune delle regole introdotte nel test: impara vocaboli sconosciuti e usali usa il mouse con la mano sbagliata fai la doccia ad occhi chiusi cambia il solito tragitto casa-ufficio 7

8 Mozart per migliorare i risultati scolastici Le note del Flauto Magico o di Così fan tutte piuttosto che le sinfonie o le messe, compreso il famoso Requiem, di Mozart azionano i geni che sovrintendono alla formazione delle sinapsi, i collegamenti tra i neuroni del cervello. Non rendono più intelligenti, ma aiutano il cervello a funzionare meglio e con maggiore rapidità. È ciò che hanno scoperto i ricercatori dellʼuniversità Oshkosh del Wisconsin e secondo i loro studi le note di Mozart potrebbero aiutare anche a rallentare gli effetti neurodegenerativi di malattie come lʼalzheimer o il Parkinson. Lʼ effetto Mozart viene studiato dal 1993, da quando venne pubblicato su Nature uno studio condotto su alcuni studenti, secondo cui bastava ascoltare musica del compositore austriaco per dieci minuti al giorno per migliorare i risultati scolastici. 8

9 4. Quando non siamo in casa In casa nostra siamo relativamente sicuri, abbiamo un ambiente protetto e la perce- zione di sicurezza di solito è alta. Quando usciamo e ci immettiamo nella vita di tutti i giorni possiamo e dobbiamo tenere un comportamento di un certo tipo che (all inizio, sembrerà difficile ma con l allenamento ci verrà più fluido) dovrà farci provare una sensazione di altrettanta sicurezza: Prima di uscire guardiamo lo spioncino per vedere chi c è sul pianerottolo: magari è una persona che semplicemente non vogliamo incontrare. Siamo sicuri di avere sempre a disposizione un biglietto dei mezzi pubblici e il cellulare carico Per strada camminiamo al centro del marciapiede, per avere uno spazio di si- curezza intorno Prendiamo l abitudine di non aver nessuno alle spalle e ai fianchi Abituiamoci a valutare quante persone abbiamo intorno, come sono vestite, le loro caratteristiche fisiche e a fotografarle mentalmente Muoversi sempre con passo rapido e sicuro per non essere fermati da que- stuanti o scocciatori Camminare fronteggiando il traffico, per non essere sorpresi alle spalle da moto o auto Non usare cuffiette per ascoltare la musica Ovviamente evitare strade buie, malfamate o senza via di uscita Tenere poco denaro nel portafoglio e ripartirlo in più tasche, per non sfoggia- re banconote da 500 euro per pagare un caffè Nei locali pubblici non dare mai spalle a una finestra o porta. Mettersi in una posizione laterale o con un muro alle spalle Fidarsi dell istinto: evitare le persone che per qualche motivo non ci ispirano fiducia e non passare in mezzo a gruppi di sconosciuti Se possibile, uscire sempre in compagnia Fissare appuntamenti in luoghi frequentati Se disturbati entrare in un negozio e non in un androne, nemmeno quello di casa Se insultati o provocati non rispondere e non guardare negli occhi chi lo fa Parcheggiare la macchina in zone ben illuminate o controllate Usiamo cellulari con navigatore: eviteremo di chiedere la strada a sconosciuti Tenere in macchina: una torcia, un moschettone, una corda robusta, un om- brello, la valigetta del pronto soccorso e un piccolo estintore Viaggiare sempre con serbatoio pieno Frequentiamo un corso di guida veloce Montiamo uno specchietto retrovisore a curvatura aumentata 9

10 Teniamoci sempre al corrente di orari e itinerari di cortei, manifestazioni, scioperi Guidare sempre al centro della strada per aver spazio per reagire a tentativi di blocco Guidando stare attenti dopo una curva, ai lavori in corso, ai blocchi stradali, a chi chiede aiuto per un incidente Aumentare la vigilanza quando siamo fermi ai semafori o accanto a furgoni e camion o quando la vettura davanti procede in modo da obbligarci a rallenta- re Se veniamo urtati o tamponati non usciamo immediatamente: è un trucco molto usato per rapinare Se vogliono fermarci e siamo in pericolo attirare l attenzione delle forze dell ordine con una guida scorretta Chiamare il radiotaxi e non servirsi di quelli parcheggiati, rifiutarsi di salire se c è già un altra persona Non mandare bimbi in taxi da soli Se non siamo sicuri del tassista facciamoci portare alla stazione ferroviaria o all aeroporto e prendiamone un altro Non accettare da estranei bibite o sigarette (questo punto sembra così ovvio ma accade molto più frequentemente di quanto si creda!) 5. La sicurezza sul luogo di lavoro Sia che lavoriamo in ufficio, sia che dobbiamo proteggere il luogo di lavoro del no- stro capo, questi sono suggerimenti operativi da tener presenti: Rendere gli accessi controllati, dotare i visitatori di un pass visibile (natural- mente di un colore diverso da quello dei dipendenti) e accompagnarli sempre dove hanno chiesto di andare. Di solito, quando si è nuovi in un ambiente di lavoro, si tende a credere che ogni tizio sconosciuto che incrociamo nei corridoi sia un collega nuovo ma se lo o la vediamo aggirarsi senza una meta precisa fermiamoli e chiediamogli se possiamo aiutarli o se hanno bisogno di qualcosa, questo già potrebbe mette- re in difficoltà un intruso. È chiaro che non dobbiamo dare per buona la prima giustificazione che ci forniscono ma chiediamo conferma, in questi casi essere pignoli non è fuori luogo. Mai lasciare soli nella nostra stanza estranei e tantomeno colleghi: pensare che le persone siano tutte oneste è molto ingenuo. Nessuno poi deve poter portar via documenti o plichi senza il nostro permesso o senza prima averli controllati. Disporre di una cassaforte dove riporre tutto il materiale sensibile o docu- menti importanti. 10

11 Quando lasciamo momentaneamente l ufficio non lasciare borse, portafogli. D estate chiudere le finestre oltre che le porte. Creare uno spazio sicuro dove poter far esaminare la posta in entrata, se ab- biamo timori di essere oggetto di attentati e arrivano buste o pacchi da indi- rizzi sconosciuti. Effettuare periodicamente una bonifica elettronica delle stanze dove si ten- gono riunioni e delle linee telefoniche. Attenzione alle domande o richieste insolite fatte da estranei o colleghi di altri uffici e se c è un servizio di sicurezza riferirlo: è molto importante collaborare. Dobbiamo pretendere che lo staff della security lavori in maniera efficiente e affidabile: occhio ai fannulloni e agli incompetenti. In sostanza le procedure da adottare per rendere sicuro il nostro luogo di la- voro sono intuitive e gli accorgimenti che vanno usati riguardano il parcheg- gio, controllo gli accessi,custodire le chiavi,riporre il denaro in cassafor- te,proteggere documenti e comunicazioni,ecc. 11

12 Il controllo dei pacchi sospetti Tutta la posta in arrivo o in partenza è degna di particolare attenzione, ma il controllo di quella in entrata ha bisogno maggiori precauzioni. Innanzitutto ricordiamo che il personale addetto alla sicurezza non deve sostituirsi agli artificieri qualificati, i quali devono essere sempre chiamati in caso di pericolo. È importante però imparare a riconoscere gli esplosivi. Abbiamo già detto che, in presenza di particolari timori, bisogna predisporre una stanza a parte per il controllo della posta e se possibile dotarla di una cassa blindata per la apertura dei plichi sospetti. E sospetti sono i pacchi fuori misura, con un peso superiore alla norma e più francobolli del solito, provenienti da paesi o mittenti con i quali non si hanno rapporti. Vengono usati esplosivi plastici di solito quindi dobbiamo allertarci quando sono stranamente soffici e con bordi elastici, unti, gocciolanti e profumati di mandorle, marzapane, tutti odori derivanti dagli olii essenziali usati per rendere plastici gli esplosivi. Le caratteristiche da rilevare: Spessore inconsueto (oltre 1,5/2 cm) peso atipico rapportato alle dimensioni presenza di macchie di unto o di grasso sullʼesterno rigidità sproporzionata o irregolare presenza di zone estremamente rigide con altre molto morbide involucro strano, inusuale mittente e destinatario scritti con grafia incerta ed errori grammaticali presenza di scritte personale, fragile, confidenziale invece del nome è scritto Al Sig.Presidente AllʼAmm.Delegato assenza del mittente presenza del nome corretto ma del titolo sbagliato 12

13 Altre caratteristiche: affrancatura eccessiva presenza di piccoli tagli, piccoli fori, lacci o spaghi pendenti odori anomali presenza di fili elettrici, carta stagnola presenza di una seconda chiusura che diventa visibile dopo la prima apertura presenza sproporzionata si nastro adesivo, spago o altro materiale di chiusura presenza di note o istruzioni per lʼapertura presenza, tastando, di qualcosa che assomiglia ad una batteria sotto zone con scritte a caratteri grandi Cosa fare in caso di pacco sospetto Non far toccare il pacco o la lettera sospetti Far allontanare tutti Chiamare le forze dellʼordine e artificieri Non mettere mai il pacco sospetto in acqua (può essere sensibile ai bagni liquidi) Non utilizzare radio, telefonini in prossimità del possibile ordigno Staccare luce e gas e anche prese telefoniche Aprire porte e finestre per dissipare lʼeventuale onda dʼurto Non solo esplosivi Possono rivelarsi altrettanto pericolosi pacchi con allʼinterno altri regali : Aghi od oggetti simili infettati da HIV o altri virus letali Composti chimici o radiologici pericolosi Matrici biologiche contenenti batteri o virus (es. Antrace) Animali velenosi o pericolosi per lʼuomo 13

14 Il locale per le ispezioni La stanza adibita al controllo della corrispondenza deve avere le seguenti caratteristiche: avere un piano di lavoro protetto con canale di sfogo da soffitto per canalizzare e diminuire la forza dʼurto della deflagrazione verso lʼalto avere elementi o blocchi di contenimento portatili non avere combustibili o materiali pericolosi allʼinterno avere lʼopportunità di effettuare una suddivisione totale degli impianti di luce e gas 14

15 Capitolo secondo Aggressioni ed attentati: una analisi 1. Le motivazioni I motivi che spingono un individuo o un organizzazione a compiere un atto violento, contro qualcuno o qualcosa, sono tutti riconducibili ad un elenco di ragio- ni,evidenziamo le principali: Psicologiche Personali Economiche Religiose Etniche Politiche Mercenarie Psicologiche Nella foto l aggressione a Papa Ratzinger compiuta da Susanna Maiolo 15

16 E il più difficile da prevedere. Di solito compiuto da un individuo instabile mental- mente che, seguendo un delirio, aggredisce, ferisce o uccide qualcuno vittima di colpe immaginarie. Personali La persona tradita sentimentalmente o professionalmente può essere spinta a com- piere un aggressione, mossa dall odio e dal risentimento nato dall affronto su- bito. 16

17 Una perdita finanziaria notevole dovuta a investimenti mal consigliati genera dispe- razione e risentimento che inducono il truffato a compiere una vendetta. Economiche Un attacco per rapimento a scopo di riscatto o di vendita della vittima ad organizza- zioni dedite al traffico di esseri umani può essere uno dei motivi. 17

18 Religiose Oramai tristemente famosa, Al Qaeda è l organizzazione terroristica simbolo della nuova barbarie compiuta in nome della religione. Contrapposizioni tra le mag- giori religioni monoteiste, hanno spinto esaltati abilmente manipolati,a com- piere terrificanti stragi e attentati. Etniche Omicidi, torture, stupri, perpetrati contro minoranze etniche. Oppure attentati di- namitardi compiuti nelle scuole da organizzazioni separatiste, per avere una eco internazionale e far conoscere le proprie ragioni: questi i motivi della vio- lenza che travolge alcune regioni del mondo. 18

19 Politiche Omicidio politico: quello di alcuni giornalisti russi ne è un triste esempio, uccisi per- ché con le loro inchieste stavano diventando scomodi al governo. Camuffati a volte da rapina finita male, i responsabili hanno subito un pro- cesso- farsa che alla fine li ha lasciati sostanzialmente impuniti. Mercenarie Persone spinte dal desiderio di ottenere un profitto personale, possono compiere attentati o aggressioni su incarico di privati. E il caso dei cosiddetti mercenari, i quali non hanno nessuna delle motivazioni elencate fino ad ora. Diverso è il ca- so delle compagnie militari private che, per evitare di usare il termine merce- nario considerato dispregiativo, utilizzano, per definire la propria attività, an- glicismi come contractors o private military companies e a chiamare i singoli 19

20 appartenenti contractor, anche se la diversa etimologia non ne cambia in al- cun modo la sostanza Capitolo terzo IL SERVIZIO DI PROTEZIONE E VIGILANZA 1. Cosa bisogna proteggere: lo scopo della protezione Se la domanda è Cosa bisogna proteggere?, la risposta è: Spostamenti: ufficiali; privati. Residenze: ufficiali;lavoro; occasionali. Attività: ufficiali; private; occasionali Lo scopo della protezione ravvicinata è quello di ridurre la possibilità di successo di atti rivolti contro di noi o l oggetto della nostra protezione, tuttavia non bisogna mai dimenticare che è pressoché impossibile annullare totalmente il rischio. Il sistema di protezione che si adotta per proteggere può avere due aspetti : di basso profilo e di alto profilo. Di solito è sempre meglio adottare il primo criterio che è caratterizzato da un aspetto nell insieme neutro e riserva- to, al contrario del secondo dove il servizio di protezione si mostra apertamente per quello che è e serve da deterrente contro possibili attacchi. Spesso il siste- ma misto può prevedere la presenza di due team, dove quello ad alto profi- lo ha il compito di attrarre eventuali assalitori, di farli uscire allo scoperto, quel- lo a basso profilo diventa invece l elemento sorpresa che obbliga gli aggresso- ri a cedere. Viviamo in un epoca in cui il problema della sicurezza è vivamente sentito. Da più parti, quasi ogni giorno, si levano richieste (a volte demagogiche, probabilmen- te) di maggior sicurezza per i cittadini. Mentre scrivo questo manuale, a Roma, 20

21 la città in cui vivo, siamo arrivati al triste primato dei 35 omicidi dall inizio dell anno. Mai come ora la figura professionale dell agente di sicurezza privato può avere uno sviluppo significativo. Chi vuole iniziare questa professione deve sapere che le occasioni di lavoro possono essere molteplici ma il percepire degli onorari a volte molto alti non deve essere la motivazione a svolgere le mansioni per cui è richiesto. Deve avere come sola priorità il garantire l incolumità di chi protegge, e questa priorità non si può pretendere di averla senza una Chi è l Agente di Sicurezza Quale è il profilo ideale di un agente? Quali caratteristiche deve avere? Ognuno di noi ha in mente un immagine- tipo dell agente di sicurezza o guardia del corpo, ed è inutile negare che a formare questa immagine hanno contribuito tutti i film hollywoodiani che hanno trattato l argomento. A dire il vero, potrebbe contribuire anche l immagine della guardia del corpo creata dal grande Alberto Sordi nel film Di che segno sei? con la guardia gorilla K2! Contribuisce nel senso che è la summa di tutto quello che non dovrebbe essere e non dovrebbe fare un professionista del settore! Ma, a parte gli scherzi, i possibili profili sono legati al possesso di qualità, certe innate, altre acquisibili. Proviamo ad elencar- ne qualcuna: affidabilità, rapidità, riflessi superiori alla media, capacità di pro- blem soling, sangue freddo, attitudine al rischio. Dal punto di vista fisico non è necessaria una muscolatura imponente e un altrettanta altezza, anzi, a volte proprio un energumeno posto come sicurezza è una informazione per il nemi- co, quindi più un handicap che un vantaggio. Gerard Desmaretz propone un e- lenco di qualità per la guardia del corpo, che dovrà essere : sportiva, istruita, educata, razionale, sana, diplomatica, autorevole, socievole, di- screta, diffidente, pragmatica, attiva, puntuale, efficiente, osservatrice, intelli- gente, volenterosa, capace di iniziativa, disponibile. Possedere tutte queste qualità lo giudico utopistico, ma si può provare a tendere verso questa condi- zione,, lavorando molto su se stessi. Anche la probabilità che professionalmen- te ci si troverà spesso in contatto con un mondo fatto di lusso, yacht, alberghi e residenze favolose, feste con personaggi illustri, può avere un impatto sgrade- vole. Chi decide di fare l agente di sicurezza spesso non ha dimestichezza con quel mondo, con l etichetta di certi eventi, e questo può creare disagio all inizio. La realtà di questo lavoro in Italia e in genere nei paesi europei è un po diversa da quella di altri paesi nel mondo. Da noi in percentuale si parla molto più di sicurezza relativa alle infrastrutture e ai beni piuttosto che alla per- sona fisica, il servizio di protezione ravvicinata non è ancora su larga scala, ma la preparazione e la formazione deve passare anche per esperienze legate alla vigilanza di banche e cantieri, piuttosto che di portierato speciale o antitac- 21

22 cheggio, solo così si potrà arrivare ad una figura di security manager al passo coi tempi. 3. La preparazione dell Agente di Sicurezza Sono diversi gli aspetti della preparazione e competenza che dovrebbe avere chi a- spira a divenire un agente di sicurezza. Alcuni riguardano la condizione fisica, al- tri la conoscenza in vari campi anche apparentemente distanti dalla professio- ne. La preparazione fisica: è indubbio che deve avere una forma atletica superiore alla media. Se il protetto ha l abitudine di fare jogging non lo si può mica seguire con lo scooter! Di solito per comprendere quale è lo stato atletico di un aspi- rante agente basta eseguire il test di Cooper, che consiste nel far correre il sog- getto per dodici minuti e valutare che distanza ha coperto, controllando poi sul- la apposita tabella, su internet potrete facilmente trovarlo. 1. La scorta a piedi Quando bisogna proteggere qualcuno che si muove a piedi le condizioni di sicurezza diminuiscono considerevolmente. In pratica, non ci sono mezzi di protezione come quando ci si sposta in macchina, ogni persona che si incontra potrebbe essere un potenziale aggressore. Quindi bisogna creare tra il soggetto da pro- teggere e l ambiente in cui si muove una barriera che impedisca la realizzazione di qualsiasi evento dannoso. Rende l idea quindi il termine anglosassone box, scatola, usato per indicare la formazione di uomini che precedono, fiancheggia- no e seguono lo scortato, una scatola umana al cui interno racchiudere l elemento principale. La forma di questa box è variabile e ovviamente assu- me una forma diversa a seconda di quanto personale si dispone. Se abbiamo un numero sufficiente di operatori, od operatrici, l unità operativa si può divi- dere in: - gruppo di difesa ad immediato contatto con il protetto - gruppo di riserva che si muove a distanza pronto ad entrare in azione se la necessi- tà lo richiede. Il gruppo di riserva di solito segue in una vettura, sino dove lo consente la viabilità della zona, mentre il team vicino allo scortato vigila su ogni tipo di ipotetica mi- naccia: automobili, moto, passanti, finestre, involucri, gruppetti di persone, ecc. In caso di aggressione la reazione deve essere decisa e bisogna impedire a chiunque di avvicinarsi al protetto, per qualunque motivo. Attenzione quindi a chi compie movimenti bruschi o fa segnali o si passa qualche oggetto di mano mentre si avvicina, oppure appare agitato o troppo guardingo. Se il protetto viene attac- cato deve essere immediatamente riparato dietro una protezione o messo nella vettura che segue e la squadra si deve mettere proprio fisicamente tra lui e la 22

23 fonte del pericolo e nel frattempo contrastare e reagire. Chi degli agenti indivi- dua il pericolo deve comunicare a voce alta subito ai colleghi, nel gergo e nella modalità riferite più avanti, la provenienza dell attacco. 1. Regole di comportamento Un servizio di protezione è per definizione esposto a molteplici e imprevedibili peri- coli. E pertanto giusto ricordare alcune piccole grandi regole : Evitare la routine Essere consapevoli e sospettosi Essere metodici Usare l iniziativa Avere buone comunicazioni 2. Le formazioni della scorta La disposizione nello spazio operativo dei vari componenti della scorta, genera delle figure geometriche e ad esse ci si ispira per richiamarle visivamente: 1 agente di scorta 2 agenti 3 (a cuneo) 4 (a diamante) 5 (pentagono) 6 (esagono) 6 formazione difensiva (riccio) La scatola, the box in inglese, attorno al protetto assume quindi varie forme ed è importante la disposizione quanto la segnalazione della provenienza del peri- colo. Quando gli agenti devono comunicare un pericolo urge anche segnalare rapidamente la provenienza dello stesso. Convenzionalmente si assimila lo spa- zio operativo al quadrante di un orologio, con il protetto al centro delle lancet- te: la direzione di marcia indicherà sempre le ore 12 e così si potrà indicare il pericolo proveniente da ore 3 se arriva da destra, ore 9 se da sinistra, ecc. 1.Protezione in movimento E un tipo di scorta complicata e deve essere eseguita con metodo e attenzione. La macchina del Protetto deve essere sempre seguita o affiancata da quella della scorta. Ricordiamoci che statistiche in percentuale confermano in maggioranza 23

24 gli attentati in auto rispetto ad altre azioni offensive: e la maggior parte di que- ste è dovuta alla routine! La scorta a bordo di automezzi è quella più frequentemente organizzata e a seconda del grado di rischio che grava sul protetto può avere aspetti operativi diversi. Normalmente i servizio viene svolto da una sola vettura e comunque deve esse- re preceduto da un analisi operativa che ha delle fasi propedeutiche: - acquisizione di informazioni preliminari sulla persona che deve essere scortata ( professione, luogo di abitazione, sede di lavoro, orari, ecc.). Sono informazioni importantissime perché ci danno il coefficiente di pericolosità e la probabilità di un attacco. Naturalmente tali informazioni devono essere aggiornate, an- che e sopratutto con la collaborazione dello scortato, nonché delle persone a lui vicino che possono essere delle preziose fonti; - studio di percorsi e itinerari utili al raggiungimento dei luoghi di interesse tenendo conto di: distanze totali del percorso con relativi tempi di percorrenza numero di incroci, semafori, cavalcavia, strettoie compiti dei singoli componenti dell unità operativa (compito del team leader, che deve nominare chi ha il compito di osservare, chi di primo intervento, chi con il compito di allontanare rapidamente il protetto) individuazione di porti sicuri presenti lungo il tragitto (caserme, ospedali, uffici pubblici vigilati, ecc.) Scegliere itinerari alternativi, muoversi sempre in orari diversi disorienta eventuali attentatori. L esperienza dice che essi tendono a notare le costanti del compor- tamento del servizio di scorta e ad approfittarne. Durante tutte le comunicazioni radio bisogna sempre tenere a mente che sono le meno sicure, usare quindi un codice se- greto o meglio ancora radio criptate. 2. Fase preliminare: i controlli necessari Quando abbiamo acquisito tutte le informazioni necessarie, la squadra operativa può iniziare il servizio, che per convenzione dividiamo in quattro fasi: 24

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

SICUREZZA NELL EMERGENZA

SICUREZZA NELL EMERGENZA SICUREZZA NELL EMERGENZA Come le emozioni intralciano la ragione e influenzano la capacità di mettere in atto quanto appreso Dott.ssa Elena Padovan Centro congressi alla Stanga Padova, 14 ottobre 2011

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori Giovani e violenza Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e dei direttori

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

La Truffa Che Viene Dal Call Center

La Truffa Che Viene Dal Call Center OUCH! Luglio 2012 IN QUESTO NUMERO Introduzione La Truffa Come Proteggersi La Truffa Che Viene Dal Call Center L AUTORE DI QUESTO NUMERO A questo numero ha collaborato Lenny Zeltser. Lenny si occupa normalmente

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli