Banche: Palenzona, stipendi manager si sono già abbassati ( Aaca ) Firenze, 27 gennaio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Banche: Palenzona, stipendi manager si sono già abbassati ( Aaca ) Firenze, 27 gennaio"

Transcript

1 Dal sito di YAHOO.Finanza, 27 gennaio 2010 Banche: Palenzona, stipendi manager si sono già abbassati ( Aaca ) Firenze, 27 gennaio Oggi gli stipendi dei manager bancari sono più bassi degli anni scorsi. Lo ha detto Fabrizio Palenzona, Vice Presidente di Unicredit, intervenendo al convegno Giovani lettori, nuovi cittadini a Firenze. '' Sotto questo punto di vista - ha spiegato - l'ubriacatura del sistema si è fermata: non dico che gli stipendi dei manager siano da fame, ma oggi sono molto più bassi, e ci sono criteri di distribuzione dei bonus in linea con le regole e improntati al principio della customer satisfaction ''. Dunque '' il cambiamento c'è stato '', ha concluso Palenzona. Unicredit: Palenzona, nostro capitale è adeguato ( Asca ) Firenze, 27 gennaio '' Noi abbiamo fatto due aumenti di capitale andando sul mercato e riteniamo che il nostro capitale sia adeguato '. Lo ha detto Fabrizio Palenzona, Vice Presidente di Unicredit, rispondendo a una domanda dei giornalisti a proposito della necessità, espressa ieri dal Governatore di Bankitalia Mario Draghi, di consolidare la patrimonializzazione degli Istituti di credito. '' Il vero problema oggi è che non c'è domanda di credito '', ha concluso Palenzona parlando a margine del convegno Giovani lettori nuovi cittadini a Firenze. Banche: Draghi, nuove regole graduali ( Ansa ) Bruxelles, 27 gennaio Le nuove regole sui requisiti di capitale delle Banche europee dovranno essere introdotte gradualmente, afferma Draghi. Il Governatore di Bankitalia, intervenendo al parlamento europeo nella veste di presidente del Financial Stability Board ha detto che bisogna ' Rendere il sistema più resistente ', sottolineando come l'obiettivo è quello di ridurre la probabilità e la misura dei danni in caso di crisi e di assicurare per gli istituti di credito meno debito e più capitale. Banche, il monito di Draghi - da il Messaggero Il Governatore della Banca d'italia, Mario Draghi, manda un chiaro messaggio alle Banche: la ripresa è ancora fragile, dovete rafforzare il patrimonio. Nel tradizionale incontro con i sei principali Istituti di credito italiani, Draghi ha indicato giugno come tempo massimo per allinearsi alle nuove regole di Bankitalia sui bonus dei manager. Draghi chiede ai banchieri rafforzamento patrimoniale ( Reuters ) di Giselda Vagnoni Durante il tradizionale incontro con i sei principali Istituti di credito italiani, il Governatore della Banca d'italia Mario Draghi ha spronato i banchieri a proseguire le azioni di rafforzamento patrimoniale anche in relazione agli sviluppi della regolamentazione internazionale. Lo riferisce una fonte vicina ai partecipanti aggiungendo che nella riunione a Palazzo Koch è stata confermata l'aspettativa di un impatto negativo sul conto economico delle Banche nel 2009 e nel 2010 dell'aumento delle perdite su crediti collegato alla congiuntura negativa. Una seconda fonte aggiunge che Draghi ha anche chiesto informazioni sulla destinazione dei fondi recuperati con lo scudo fiscale che ha regolarizzato 95 miliardi di euro esportati illecitamente all'estero. Altro argomento trattato dai banchieri con il Direttorio è stato quello delle loro remunerazioni e degli altri manager.

2 " Le Banche hanno illustrato i progressi già fatti e i programmi di azione che verranno attuati entro la prima parte dell'anno ", ha detto la prima fonte. Nell'incontro si è comunque parlato soprattutto della situazione del credito in Italia e della valutazione delle nuove regole sui requisiti patrimoniali. Poiché i segnali di ripresa dell'attività produttiva sono ancora fragili e differenziati tra i diversi settori di attività economica, il fabbisogno finanziario e la domanda di credito da parte di molte imprese rimangono deboli, dice la prima fonte. " Sono in miglioramento le condizioni di accesso al credito. Le condizioni di liquidità sono migliorate e si avvicinano alla normalità ", aggiunge. Nel Bollettino economico di metà gennaio, gli economisti di Bankitalia hanno stimato una ripresa lenta per l'italia dopo il meno 6 % messo a segno nell'ultimo biennio: un aumento del Pil dello 0,7 % per quest'anno e dell'1 % per il prossimo. Il direttore generale dell'abi Giovanni Sabatini ha previsto che quest'anno le sofferenze bancarie al netto delle svalutazioni crescano del 27 % dal più 34,4 % l'anno scorso. VIGNI: BASILEA NON PENALIZZI BANCHE ITALIANE All'incontro dovrebbero aver partecipato i top manager di Unicredit, Intesa Sanpaolo, Banco Popolare, Mediobanca, oltre a Antonio Vigni, direttore generale di Mps, Victor Massiah, amministratore delegato di UBI Banca e il Presidente dell'abi Corrado Faissola. Subito dopo la riunione in Via Nazionale, Vigni si è limitato a dire che l'incontro " è andato bene " e ha confermato in Parlamento che " il miglioramento della congiuntura reale prosegue a ritmi ridotti e ha difficoltà a consolidarsi. L'aumento di produzione, ordini e fatturato industriale è contenuto e riguarda soprattutto imprese strutturate e con prodotti di qualità, sebbene vada diffondendosi ", ha detto Vigni alla commissione Industria del Senato. Ai senatori Vigni ha ribadito la richiesta del sistema bancario italiano di requisiti patrimoniali più stringenti per le Banche d'investimento e più elastici per quegli Istituti che, come in Italia, prilegiano l'attività commerciale di raccolta ed erogazione di impieghi. Il timore, infatti, è che con le nuove regole di Basilea sui requisiti patrimoniali sarà più difficile per le Banche sostenere l'economia finanziando le imprese. Secondo il direttore generale di Mps, Basilea III deve essere un'occasione per un effettivo " level playing field ", ossia per una armonizzazione delle regole del gioco, ma " bisognerà tenere conto dei diversi modelli di business, più stringenti per gli operatori con attività più rischiose ", meno per banche come quelle italiane con attività tradizionale a supporto del territorio e delle imprese. Vigni ha sottolineato alcuni punti di attenzione: la deducibilità dal patrimonio delle " deferred taxes asset ", delle partecipazioni e delle minorities; la necessità di un periodo di transizione per sostituire gli attuali ratio patrimoniali; la necessità di introdurre buffer anticiclici; l'opportunità di introdurre il leverage ratio come misura accompagnatoria a quella dei ratio patrimoniali basata su dati " assolutamente confrontabili ". Il mese scorso Draghi, che è anche Presidente del Financial Stability Board, ha cercato di smorzare le preoccupazioni dei banchieri italiani sul potenziale effetto negativo di una revisione dei requisiti patrimoniali da parte del Comitato di Basilea. Draghi ha detto che le proposte pubblicate da Basilea sono a un livello ancora embrionale, saranno introdotte in modo graduale e dovrebbero avere un impatto contenuto sugli Istituti di credito italiani. In ogni caso l'azione di rafforzamento patrimoniale già attuata nel 2009 dalle Banche italiane " dovrà continuare anche in relazione agli sviluppi della regolamentazione internazionale ", avrebbe detto Draghi secondo le fonti. Intesa Sanpaolo: Guzzetti, dividendo non per Porsche ma per erogazioni ( Asca ) Firenze, 27 gennaio Se per i soci di Intesa Sanpaolo ci saranno i dividendi '' benissimo '' anche perchè non servono '' per comprarsi la Porsche '' ma per le erogazioni.

3 Lo ha detto Giuseppe Guzzetti, Presidente della Fondazione Cariplo, parlando con i giornalisti a margine del convegno organizzato dall'osservatorio permanente Giovani-editori e dall'acri. Ai cronisti che gli chiedono un commento dopo che ieri Enrico Salza ha detto che tornerà il dividendo, Guzzetti ha risposto '' benissimo, saranno felici i Presidenti delle piccole Fondazioni, noi potevamo un pò resistere ''. Quanto poi a un possibile utilizzo del dividendo per rafforzare il patrimonio ( eventualità suggerita ieri dal Governatore di Bankitalia Mario Draghi ), Guzzetti ha assicurato che non c'è '' nessuna pretesa da parte nostra. Ma se i nostri bravi manager riescono a conciliare il rafforzamento patrimoniale e il dividendo, perchè dire meno dividendo? Le Fondazioni non aspettano il dividendo per comprarsi la Porsche ma per risolvere i problemi e favorire l'inclusione sociale ''. Dunque il dividendo è '' una legittima richiesta, non è per i portafogli privati ma è per le attività erogative ''. Anche perchè '' la Fondazione Cariplo e le altre Fondazioni grandi reggono grazie al fondo di stabilizzazione delle erogazioni, ma le piccole si bloccano ''. Intesa Sanpaolo: Finotti, io Presidente CdG? Smentisco. Non mi interessa ( Asca ) Firenze, 27 gennaio Antonio Finotti, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, non è ' in corsa ' per la Presidenza del Consiglio di Gestione di Intesa Sanpaolo. Lo ha detto lo stesso Finotti, parlando con i giornalisti a margine del Convegno Giovani lettori nuovi cittadini in corso a Firenze. Ai giornalisti che gli chiedevano conto delle indiscrezioni che lo danno come possibile successore di Enrico Salza alla Presidenza del Consiglio di Gestione del Gruppo, Finotti ha risposto con decisione: '' Smentisco in maniera categorica, non mi interessa ''. Ieri, tra l'altro, Salza ha parlato di ritorno al dividendo per i soci: '' Mi auguro che il bilancio lo consenta - ha detto Finotti -, ci è stato promesso dopo il terzo trimestre e restiamo fiduciosi ''. Invece, per quanto riguarda la presentazione di liste autonome delle Fondazioni alla prossima Assemblea, Finotti si è limitato a notare che '' è un pò presto '. Intesa Sanpaolo: Passera, Fideuram in Borsa in prossimi mesi ( AGI ) Davos Intesa Sanpaolo " sta lavorando " sulla quotazione di Fideuram. Lo ha confermato l'a. D. di Intesa Sanpaolo, Corado Passera, a margine dei lavori del World Economic Forum di Davos. " Non c'è niente di nuovo - ha detto Passera - la quotazione di Fideuram dovrebbe essere realizzata nei prossimi mesi ". Banche: Mussari (Mps), regole distinguano reale rischio attività ( Asca ) Firenze, 27 gennaio Le nuove regole allo studio per il sistema bancario devono fare una '' differenziazione '' distinguendo il '' rischio reale '' nell'attività delle Banche. Lo ha detto il Presidente di Banca Monte dei Paschi di Siena Giuseppe Mussari, intervenendo al convegno Giovani lettori nuovi cittadini. '' Alle regole - ha detto Mussari - chiediamo che facciano una differenziazione: non si deve vietare l'attività finanziaria ma per noi che non la facciamo le norme devono essere differenti, occorre distinguere il rischio reale ''. Mussari ha anche rivolto un invito: '' La politica si riappropri delle regole e non le deleghi a organismi internazionali '' anche perchè le regole che c'erano nel passato '' non mi sembra che abbiano dato frutti positivi ''.

4 Mps: Mancini, contemperare esigenze Fondazione e solidità Banca ( Asca ) Firenze, 27 gennaio Banca Monte dei Paschi di Siena deve contemperare due esigenze: la '' stabilità '' dell'istituto e la distribuzione del dividendo alla Fondazione per poter svolgere i suoi compiti istituzionali. Lo ha detto Gabriello Mancini, Presidente della Fondazione Mps, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano della possibilità che Mps destinasse il dividendo al rafforzamento del capitale ( come auspicato ieri, per tutti i grandi Istituti, dal Presidente di Bankitalia Mario Draghi ). '' Il nostro patrimonio - ha rilevato Mancini, a margine del convegno Giovani lettori nuovi cittadini - è in Banca e siamo quindi interessati alla solidità dell'istituto. Il dividendo serve a far sì che la Fondazione possa svolgere il suo compito. Vanno contemperate le due esigenze. Aspettiamo e vedremo ''. Crisi: Bnl aderisce a moratoria mutui e la estende a prestiti personali ( Asca ) Roma, 27 gennaio Bnl - Gruppo BNP Paribas aderisce all'accordo per la sospensione delle rate dei mutui alle famiglie in difficoltà, siglato dall'abi con le Associazioni dei Consumatori. Lo rende noto l'istituto, specificando che, dopo aver già aderito alla '' moratoria '' per le piccole e medie imprese dello scorso agosto, BNL '' conferma il proprio impegno a sostegno di famiglie e aziende e si pone come Banca responsabile, in grado di rispondere ai bisogni dei clienti in modo trasparente ed innovativo ''. In quest'ottica, BNL ha deciso di estendere l'accessibilità a tale iniziativa, non applicando limiti di importo e di reddito e, soprattutto, includendo nella moratoria i prestiti personali dei mutuatari e di quei clienti che hanno finanziamenti in corso esclusivamente con BNL. La Banca ha scelto la modalità di sospensione del pagamento della quota capitale, in quanto consente al cliente - alla fine del periodo di sospensione - di non dover far fronte ad una rata gravata dal cumulo degli interessi maturati. Si è poi puntato a tutelare e sostenere ulteriormente le famiglie in modo strutturale, prevedendo la possibilità di un allungamento della durata del finanziamento originario, con conseguente riduzione della rata del mutuo. Una volta superato il contingente momento di difficoltà, il cliente potrà sempre scegliere con la Banca soluzioni di rimodulazione del proprio finanziamento. Con lo scudo fiscale rientrati 80 mld ( Trend.online ) di Pierpaolo Molinengo E' tempo di bilanci. Anche per lo Scudo Fiscale. Il Ministro dell'economia, Giulio Tremonti, ha affermato: " a noi risulta che abbiamo superato l'importo che avevamo stimato, 80 miliardi di euro ". Tremonti ha poi continuato: " la proroga dello scudo è stata necessaria. L'accumulo di rimpatri alla fine andava oltre la capacità degli operatori di sveltire le domande. In appena due mesi sono rientrate in Italia risorse per 160 mila miliardi delle vecchie lire. Avremmo fatto questa operazione anche gratis pur di riavere un rientro di questa portata ", ha aggiunto. Secondo il Ministro è stato proprio l'eccesso di adesioni pervenute alle Banche negli ultimi giorni del condono che ha indotto il Governo a riaprire fino al 30 aprile i termini dello scudo fiscale. " Rispetto all'esperienza fatta in altri Paesi abbiamo visto un fenomeno di accumulo della domanda di rimpatri che, alla fine, andava oltre la capacità degli operatori di smaltire le domande. Quindi la proroga è stata necessaria ", ha detto Tremonti. La Bnl ha effettuato fino ad ora operazioni di scudo fiscale per 2 miliardi di euro. Ancora non sono disponibili le cifre dettagliate ma, a quanto si apprende, i rimpatri reale hanno superato le regolarizzazioni.

5 Si sono avvalsi dello scudo, riferiscono fonti dell'istituto citate dall'agenzia Asca, certamente imprenditori, ma anche professionisti e risparmiatori con cifre importanti che nei primi anni '90, in piena inflazione, hanno diversificato gli investimenti trasferendo una quota di ricchezza all'estero. Banche: Gremigni ( Ente CRFI ), in Italia ' Super - Bonus ' non esistono ( Asca ) Firenze, 27 gennaio In Italia non ci sono i ' super - bonus ' e dunque è un '' non problema '' quello della trasparenza sulle retribuzioni dei top manager. Lo ha detto Michele Gremigni, Presidente dell'ente Cassa di Risparmio di Firenze, socio del Gruppo Intesa Sanpaolo con circa il 3 % del capitale. Ai giornalisti che gli chiedono un commento sull'emendamento del Governo sulla pubblicizzazione delle retribuzioni, Gremigni risponde chiedendo: '' Ma in Italia dove sono i bonus? Già l'anno scorso Intesa Sanpaolo - ha ricordato, a margine del convegno Giovani lettori nuovi cittadini - ha fatto una revisione delle competenze e ci sono equilibrate previsioni di retribuzione. I bonus, come quelli delle grandi aziende internazionali e americane, in Italia non esistono. E quindi mi sembra un non problema ''. Lavoro: Sacconi con Ministri Welfare UE domani e venerdì a Barcellona ( Asca ) Roma, 27 gennaio Il Ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi parteciperà domani e venerdì 29 gennaio al Consiglio Informale dei Ministri del Welfare dell'ue, convocato a Barcellona per fare il punto a livello europeo sulla situazione occupazionale nei Paesi membri e sulle prospettive in questa fase di progressiva uscita dalla crisi e di avvio di una ripresa, la cui portata non è ancora definita. In occasione del Consiglio - si legge in una nota - il Ministro Sacconi avrà una serie di incontri bilaterali con molti dei Ministri degli altri Stati membri su due importanti iniziative che ha lanciato nelle ultime settimane: l'avvio di un coordinamento sulle questioni del Lavoro e delle Politiche Sociali tra i Ministri del Welfare dei Paesi membri del Partito Popolare Europeo; la semplificazione e flessibilizzazione nell'utilizzo del Fondo Sociale Europeo. Sacconi, d'intesa con i vertici del Partito Popolare Europeo, ha infatti lanciato nelle settimane scorse un'iniziativa per un coordinamento sui temi del Lavoro e delle Politiche Sociali tra i Ministri del Welfare dell'ue appartenenti al PPE, in analogia con quanto già avviene tra i Ministri degli Esteri e dell'economia, rispettivamente in materia di politica estera e di politica economica. L'idea del Ministro Sacconi è nata nei mesi scorsi ragionando con una serie di colleghi e di alte personalità politiche del PPE sui risultati delle recenti elezioni per il Parlamento Europeo e in alcuni dei principali Stati membri ( es. Germania ) dai quali sembra scaturire proprio per questo schieramento la maggiore responsabilità nel dare risposta alle domande che vengono dall'opinione pubblica europea in materia sociale. Lavoro: Sacconi, in CdM domani Piano Straordinario contro sommerso al Sud ( Asca ) Roma, 27 gennaio Nel Consiglio dei Ministri di domani verrà presentato un Piano Straordinario di contrasto al lavoro sommerso nell'edilizia e nell'agricoltura che riguarderà 4 regioni del Mezzogiorno: Campania, Puglia, Calabria e Sicilia. Lo ha annunciato il Ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, intervenendo al Congresso della Confsal. Sacconi ha spiegato che il Piano Straordinario '' rafforza i controlli con l'impiego di altri ispettori dalle Regioni ''. Per il Ministro '' oggi ci sono le condizioni per la tolleranza zero contro le attività irregolari e illegali ''. Attività, ha continuato il Ministro, '' verso le quali non può non esserci la nostra massima attenzione ''.

6 BBVA: utili in picchiata del 94 % nel quarto trimestre, sotto attese ( Asca - APP ) Madrid, 27 gennaio La seconda maggior Banca spagnola, BBVA, ha chiuso il quarto trimestre con utili in calo del 94 %, da 519 milioni a 31 milioni di euro, su base annua, a causa della recessione mondiale e delle svalutazioni. Il dato risulta molto al di sotto delle attese, con gli analisti che si attendevano un utile di periodo di 1,07 miliardi di euro. Per l'intero 2009, la Banca spagnola ha fatto registrare un utile di 4,21 miliardi di euro, in ribasso del 16,1 %. Pensioni: si lavora di più ( Soldiblog.it ) Lo dicono i numeri resi noti dall Agenzia delle Entrate: nel 2009 le pensioni di anzianità ( quelle anticipate rispetto ai limiti di età, ) si sono ridotte del 53 % rispetto al Sempre più italiani aspettano i 65 anni, nel caso degli uomini, e i 60 anni, nel caso delle donne, per lasciare il lavoro. Pensioni di anzianità. Se nel 2008 infatti i trattamenti anticipati erogati dall'inps furono nei primi 11 mesi dell anno del 2009 i trattamenti sono scesi del 53 % registrando L Inps chiuderà pertanto l anno con un avanzo che il Presidente Antonio Mastrapasqua valuta tra i 6 e i 7 miliardi di euro. Sono soprattutto i lavoratori dipendenti ad aver rinviato il pensionamento: l Inps ha infatti erogato nuovi assegni contro i che erano stati concessi nel Mastrapasqua spiega il fenomeno come il risultato delle riforme previdenziali introdotte ne nostro Paese e dichiara che le persone tendono a essere più disponibili a lavorare più a lungo per via della crisi economica che ingenera insicurezza: chi ha un occupazione se la tiene stretta e rinvia il momento del pensionamento. Pensioni di vecchiaia. Di contro sono cresciute nei primi 11 mesi dell'anno le pensioni di vecchiaia ( 65 anni per gli uomini, 60 per le donne ), anche se in numero inferiore rispetto alle previsioni. Nei primi 11 mesi di quest'anno i Lavoratori privati andati in pensione per limiti di età sono stati , in aumento del 63,1 % rispetto ai dell'intero 2008, ma in forte calo rispetto ai previsti. Nel 2009 quindi, anche a causa dell'inasprimento dei criteri per la pensione anticipata, si è rimasti al lavoro più a lungo, andando a riposo in media oltre i 60 anni. Una nuova finestra per 58enni. Nonostante le regole per il pensionamento anticipato si sono inasprite ( da 58 a 59 anni con quota 95 tra età e contributi ), da gennaio 2010 chi ha 58 anni con almeno alle spalle 35 anni di contributi potrà andare in pensione. In particolare potranno andare in pensione i Lavoratori dipendenti nati entro il 30 giugno 1951 che hanno cominciato a lavorare prima del luglio del 1974 ( e hanno quindi almeno 35 anni di contributi ).

7 Dal sito di YAHOO.Finanza, 28 gennaio 2010 Unicredit,Ermotti: in 2010 picco per crediti dubbi in est Europa ( Reuters ) 28 grennaio UniCredit, la maggiore Banca commerciale dell'europa orientale, si aspetta che i crediti dubbi in quell'area abbiano un picco nel " Possiamo tranquillamente dire che nel 2010 vedremo il picco, mentre dal lato degli accantonamenti probabilmente lo abbiamo già avuto nel La situazione nell'europa dell'est si sta normalizzando ", ha spiegato Sergio Ermotti, Vice Amministratore Delegato di Unicredit. Unicredit è una delle maggiori Banche nell'europa Orientale, una delle aree più colpite dalla crisi finanziaria. Cir: Kos effettua una nuova acquisizione nelle Marche ( Trend.online ) di Pierpaolo Molinengo KOS SpA, società del Gruppo CIR attiva nella sanità socio - assistenziale, in data odierna ha perfezionato, attraverso la controllata Istituto di Riabilitazione S. Stefano, l'acquisto del controllo di Sanatrix SpA, Gruppo marchigiano proprietario di una struttura sanitaria da 205 posti letto a Civitanova Marche ( Macerata ). L'operazione ha comportato un esborso di circa 18 milioni di euro. KOS, che era già azionista di minoranza di Sanatrix, detiene ora una quota del 76,9 % della società. Le attività sanitarie e socio-sanitarie rilevate consistono in 90 posti letto destinati ad attività ospedaliera, 50 destinati a lungodegenza e riabilitazione e 65 a residenza socio - assistenziale ( RSA ). Il fatturato realizzato dal Gruppo Sanatrix nel 2009 supera i 23 milioni di euro. Le attività svolte da Sanatrix hanno un elevato potenziale di integrazione con i servizi riabilitativi offerti dall'istituto di Riabilitazione S.Stefano, la controllata di KOS che ha sede nella vicina Porto Potenza Picena ( Ancona ). A seguito di questa acquisizione, il numero dei posti letto gestiti da KOS cresce a 5.253, ai quali se ne aggiungono 388 in fase di realizzazione. Il Gruppo KOS è attivo in tre settori: - gestione di residenze per anziani, con 38 strutture gestite ( posti letto operativi e 336 in fase di realizzazione ); - gestione di ospedali e centri di riabilitazione, con 10 strutture di riabilitazione ( situate in Lombardia, Emilia Romagna, Trentino e Marche, inclusa quella appena acquisita ), 9 comunità di riabilitazione psichiatrica ( in Liguria, Piemonte e Lombardia ) e 13 centri ambulatoriali, per un totale di posti letto operativi e 52 posti letto in fase di realizzazione; - gestione di un ospedale e di servizi ad alta tecnologia all'interno di ospedali, con 7 reparti di diagnostica per immagini. Dal sito di Italia Oggi, del 29 gennaio 2010 Danni auto da incidente, anche l'iva nel risarcimento - di Debora Alberici Il proprietario della macchina ha diritto a vedersi anticipare tutte le spese necessarie per riparare il veicolo, compresa l'iva e a essere risarcito del cosiddetto fermo tecnico dovuto a incidente. Lo ha stabilito la Cassazione che, con sentenza 1688/2010, ha accolto il ricorso di un automobilista che chiedeva gli fossero anticipate tutte le spese che doveva sostenere per riparare la macchina, inclusa l'iva, e chiedeva inoltre i danni per il disagio subito a causa del fermo tecnico del veicolo. Secondo i giudici del Palazzaccio, con riferimento al cosiddetto danno da fermo tecnico subito dal proprietario dell'autovettura danneggiata a causa della impossibilità di utilizzarla durante il tempo necessario alla sua riparazione, è possibile la liquidazione equitativa di detto danno anche

8 in assenza di prova specifica in ordine al medesimo, rilevando a tal fine la sola circostanza che il danneggiato sia stato privato del veicolo per un certo tempo. Inoltre l'automobilista dev'essere rimborsato, con anticipo, di tutte le spese sostenute per il veicolo, compresa l'iva. Poiché il risarcimento del danno si estende agli oneri accessori e consequenziali, se esso è liquidato in base alle spese da affrontare per riparare un veicolo, il risarcimento comprende anche l'iva, pur se la riparazione non è ancora avvenuta - e a meno che il danneggiato, per l'attività svolta, abbia diritto al rimborso o alla detrazione dell'iva versata - perché l'autoriparatore, per legge ( art. 18 del D.P.R. 26 ottobre 1972 n. 633 ), deve addebitarla, a titolo di rivalsa, al committente. Fondazione Mps: non solo Banca emmattone ma anche Private Equity ( Asca ) Siena, 29 gennaio Presentate le linee strategiche che guideranno l'azione della Fondazione Mps nel corso del Focus sulla gestione del patrimonio ( oltre 5,5 miliardi di euro ) e sugli indirizzi dell'attività erogativa ( quest'anno 185 milioni ). La fotografia del patrimonio segnala che circa il % è concentrato sulla partecipazione ( 55 % ) nel capitale della Banca Monte dei Paschi di Siena. Un effetto della partecipazione della Fondazione all'aumento di capitale della Banca ( 2008 ) al servizio dell'acquisizione di Antonveneta. Per Palazzo Sansedoni un esborso di circa 3,4 miliardi di euro finanziato con la dismissione di gran parte degli asset investiti in prodotti quotati sui mercati finanziari. Conseguentemente è salito il peso delle partecipazioni in strumenti non quotati. Si esce dunque dalla filosofia del '' rentier '' ( rendita passiva da investimenti finanziari ) per puntare su un modello più vicino al '' Merchant Banker ''. Ne consegue un cambiamento di prospettive: l'obiettivo, al netto dei dividendi che arrivano dal Monte ( lo scorso anno 65 milioni ), si sposta dai flussi di reddito al rendimento di medio periodo del capitale investito. Al servizio di questo target alcune immobilizzazioni, il 20 % di Toscana Innovazione, che finanzia le Pmi toscane ad alto contenuto tecnologico, il 36 % di Fontanafredda, la maison di vini e spumanti tornata con i conti in nero, il 5,71 % di F2i, Fondo di private equity per le infrastrutture, l'1,1 % di Sator, la Banca d'affari che fa capo a Matteo Arpe, il 3,61 % e il 3,79 % dei due Fondi che fanno capo al Private Equity Clessidra di Claudio Sposito. Poi ci sono le partecipazioni ''vintage'', quelle che da tempo assicurano flussi. Come lo 0,41 % di Intesa San Paolo, quota liquidabile in caso di condizioni favorevoli di mercato e anch'essa, ad eccezione dello scorso anno, prodiga di dividendi. Poi l'1,93 % di Mediobanca, '' partecipazione strategica '', come da detto il Presidente della Fondazione Gabriello Mancini. Ma anche '' remunerativa grazie alla distribuzione del dividendo '' ha sottolineato, il D. G. della Fondazione Mps, Marco Parlangeli. Poi, la CDP ( 2,56 % ) che assicura un rendimento garantito. Infine, il mattone con la Sansedoni ( 48 % ), il braccio immobiliare della Fondazione che, nel corso degli anni, ha distribuito cedole per 50 milioni di euro. Discorso diverso per la Finanziaria di Sviluppo Senese ( 28,8 % ), al momento oggetto di una nuova ricapitalizzazione, che aspira al ruolo Merchant Bank della Provincia di Siena. Lo sviluppo di progetti al servizio del territorio resta una priorità strategica concordata con le istituzioni che nominano gli amministratori dell'ente. Un esempio, dopo la costituzione del polo Biotech, è l'imminente lancio del polo Nanotech. Oppure le erogazioni straordinarie anti - crisi. Insomma la Fondazione prova a cambiare pelle. Pre - Antonveneta, il menù di Palazzo Sansedoni offriva Banca ( Mps ), mattone ( Sansedoni ) e molti investimenti finanziari liquidabili a breve termine.

9 Post - Antonveneta, sempre Banca ( Mps ) e mattone ( Sansedoni ), ma anche Private Equity ( immobilizzazioni di medio periodo in società non quotate ), pochi selezionati investimenti finanziari e maggiore attenzione al territorio di riferimento. Dal sito di YAHOO.Finanza, 29 gennaio 2010 BCE, Bini Smaghi: bene Piano Obama, entrerà in ambito FSB ( Reuters ) Le ultime proposte dell'amministrazione di Barack Obama per limitare l'azzardo morale derivante da Gruppi bancari troppo grandi e ramificati vanno nella giusta direzione e rafforzeranno la volontà politica di affrontare questo nodo entrando nell'ambito delle iniziative del Financial Stability Board. Lo ha detto stamane Lorenzo Bini Smaghi, membro del Consiglio Esecutivo della Banca Centrale Europea, sottolineando, però, che le misure delineate dall'amministrazione Usa devono essere accompagnate sia dall'attenzione a porre sotto regolamentazione tutte le istituzioni finanziarie sia dal rafforzamento delle Autorità di Vigilanza. " Ritengo che l'iniziativa [ di Obama ] vada nella giusta direzione e rappresenti un punto di partenza per assicurare che il sistema finanziario sia effettivamente di supporto all'economia reale e che non venga indebolito dalle oscillazioni dei mercati più volatili " ha detto Bini Smaghi intervenendo al convegno Ernst & Young sul dopo crisi. A chi gli ha chiesto se la nuova iniziativa statunitense rischi di creare confusione, sovrapponendosi agli sforzi compiuti in ambito FSB e Comitato di Basilea, il banchiere ha risposto a margine :" ora la proposta entra in ambito FSB... è un modo interessante di affrontare un problema, quello del too big too fail, che era già allo studio... non crea confusione, anzi coagula consenso politico ". L'amministrazione Usa, attraverso un dossier presentato dal Consigliere del Presidente Paul Volcker, ha come obiettivo la separazione tra le attività delle grandi Banche e stabilisce il divieto, per le istituzioni finanziarie che raccolgono depositi garantiti a livello federale o che hanno accesso al rifinanziamento della Fed, di condurre attività di investimento in proprio, di sponsorizzare hedge fund o private equity e di fare investimenti in tali soggetti. REGOLE ANCHE PER HEDGE FUND, SORVEGLIANZA MACRO A BCE Perchè la nuova proposta Usa produca risultati positivi è necessaria una cooperazione internazionale tra Paesi e bisogna tenere presenti altri due punti ritenuti fondamentali dal banchiere. Prima di tutto, " è essenziale che anche le Banche di investimento, gli hedge fund e le altre istituzioni siano soggette ad adeguata regolamentazione ", dice il banchiere. Secondo, " solo istituzioni indipendenti, non solo dalle Autorità politiche, ma anche dagli operatori di mercato, possono avere la lucidità e la forza di prendere misure che riducono la ciclicità del credito e delle attività finanziarie ". Vanno, quindi, respinti con decisioni gli attacchi all'indipendenza delle Banche Centrali e va affidata a loro anche la sorveglianza macro prudenziale. A questo proposito, parlando della conferma giunta la notte scorsa di Ben Bernanke alla guida della Federal Reserve, Bini Smaghi ha detto che a Francoforte " c'è soddisfazione ( per la conferma di Bernanke ). Si spera che metta fine agli attacchi alla Federal Reserve perchè in questa fase ci vuole qualcuno che tenga saldo il timone ". Secondo Bini Smaghi, la crisi ha rafforzato la Banca Centrale Europea e la sua indipendenza ma a Francoforte devono essere dati anche strumenti per la sorveglianza macroprudenziale " che possano essere usati al fine di evitare una dinamica accessivamente pro - ciclica del credito ". Da ultimo il Banchiere Centrale ha ribadito che il ritiro delle misure di stimolo attuate da Governi e Banche Centrali deve essere tempestivo e che le Banche devono utilizzare i profitti realizzati negli ultimi mesi, anche grazie alle misure di sostegno di Banche e Governi, per rafforzare il capitale e non per le remunerazioni dei manager.

10 Termina l'avventura di Gianni Coriani in UniCredit - di Bluerating.it. Tanto tuonò che piovve. Secondo quanto conferma l agenzia Radiocor ( Gruppo Il Sole 24 Ore ), che cita un portavoce di UniCredit, dopo le ripetute indiscrezioni in tal senso si sarebbe effettivamente dimesso Gianni Coriani, fino agli inizi di novembre scorso Amministratore Delegato di UniCredit Corporate Banking ( UCB ), poi sostituito in tale incarico da Piergiorgio Peluso, che già gli era subentrato mesi prima nel ruolo di direttore generale dopo essere stato responsabile dell Investment Banking Italy di UCB. Coriani era infatti stato promosso da direttore generale ad Amministratore Delegato dopo l assemblea di UCB del maggio dello scorso anno. Dal sito di YAHOO.Finanza, 30 gennaio 2010 Scudo fiscale, parte la fase ( ItaliaOggi.online ) di Fabrizio Vedana Nessun obbligo di compilazione del modulo RW per gli anni 2009 e 2010, possibilità di perfezionare le operazioni di emersione entro il 31 dicembre 2010, utilizzo del vecchio modello di dichiarazione riservata, pagamento di un'imposta del 6 o del 7 % a seconda del periodo in cui si effettua lo scudo e nessuna e possibilità di pagare le imposte, con metodo forfetario o analitico, sui redditi percepiti tra l'1 gennaio 2009 e la data di presentazione della dichiarazione riservata. Sono le principali novità contenute nella circolare 3/E del 29 gennaio 2010 con la quale l'agenzia delle Entrate ha dettato le regole operative alle quali si devono attenere contribuenti ed intermediari nell'effettuare l'emersione di attività detenute all'estero, per il periodo compreso tra il 30 dicembre 2009 ed il 30 aprile Per il resto si rendono invece applicabili le istruzioni e i chiarimenti precedentemente forniti dall'agenzia delle Entrate con le circolari emanate nel corso del Sarà quindi possibile effettuare le operazioni di rimpatrio e/o di regolarizzazione delle attività patrimoniali e di quelle finanziarie purché detenute all'estero a partire da una data non successiva al 31 dicembre 2008: non possono però essere oggetto di rimpatrio o di regolarizzazione le attività già trasferite nel territorio dello Stato a partire dal 1 gennaio I contribuenti che intendono usufruire dello scudo quater devono, entro il 30 aprile 2010, effettuare tutti gli adempimenti previsti dall'articolo 13-bis del Decreto Legge n. 78 del 2009: in particolare, sono tenuti alla presentazione della dichiarazione riservata ad uno degli intermediari abilitati ( Banche, SIM, SGR, Società Fiduciarie ), utilizzando il modello approvato con provvedimento del Direttore dell'agenzia delle Entrate del 28 ottobre 2009, e a fornire al medesimo intermediario la necessaria provvista per il versamento dell'imposta straordinaria. In presenza di cause ostative che impediscono l'effettivo rimpatrio e/o regolarizzazione entro la data del 30 aprile 2010 ( per es. per difficoltà nel disinvestire le somme detenute all'estero ) rimane fermo, invece, il termine ultimo del 31 dicembre 2010 per la conclusione definitiva delle operazioni di emersione. L'Agenzia, dopo aver ricordato che le operazioni di emersione non sono finalizzate a sanare redditi di impresa sottratti a tassazione ma a far rientrare nel circuito della legalità le attività esportate o costituite all'estero in violazione della normativa nazionale sul monitoraggio fiscale, precisa poi che lo scudo non inibisce incondizionatamente l'esercizio dell'attività di accertamento da parte dell'amministrazione finanziaria. Infatti, qualora in sede di controllo vengano accertati maggiori imponibili non assoggettati a tassazione da parte del contribuente, cui possono essere riferite le attività oggetto di emersione, l'amministrazione procederà al relativo recupero, secondo le modalità ordinarie, della quota di detti maggiori imponibili eventualmente eccedente l'importo delle attività rimpatriate o regolarizzate. L'Agenzia delle Entrate chiarisce poi che relativamente alle attività oggetto di rimpatrio e di regolarizzazione, i contribuenti che abbiano presentato la dichiarazione riservata sono esonerati dall'obbligo di indicare le

11 medesime attività nella dichiarazione dei redditi ( modulo RW ) relativa al periodo d'imposta in corso alla data di presentazione della dichiarazione riservata, nonché per quello precedente. Ciò significa che chi usufruendo dello scudo fiscale quater presenterà la dichiarazione riservata all'intermediario nel corso del 2010 ( tra il 1 gennaio e il 30 aprile 2010 ) non deve compilato il modulo RW relativo alla dichiarazione dei redditi per l'anno 2009 né quello relativo alla dichiarazione dei redditi per l'anno 2010 ( ovviamente relativamente alle attività rimpatriate e/o regolarizzate ). Il contribuente che si avvale dello scudo fiscale quater potrà, come già previsto per chi ha presentato la dichiarazione riservata nel corso del 2009, comunicare all'intermediario i redditi derivanti dalle attività rimpatriate percepiti dal 1 gennaio 2009 fino alla data di emersione delle attività. Ciò sarà possibile quindi anche per i redditi percepiti nel corso del 2010 per quei contribuenti che avvalendosi dei nuovi termini presenteranno la dichiarazione riservata nelle prossime settimane. Su tali redditi l'intermediario applica le imposte utilizzando il criterio analitico ovvero, in alternativa, il criterio presuntivo previsto dall'articolo 6 del Decreto Legge n. 167 del Infine il Provvedimento chiarisce che la presunzione prevista dall'articolo 12 del Decreto Legge n. 78 del 2009 in forza della quale si considerano costituiti mediante redditi sottratti ad imposizione in Italia gli investimenti e le attività di natura finanziaria detenute, in violazione degli obblighi sul monitoraggio fiscale, in Stati o territori aventi un regime fiscale privilegiato nonché l'ampliamento dei termini previsti per l'accertamento di tali violazioni e per l'irrogazione delle relative, aumentate, sanzioni, non operano con riferimento alle attività oggetto di emersione. Banche: Draghi, riforma su tre pilastri ( Ansa ) Davos, 30 gennaio Governi e Banchieri Centrali lavorano ad una riforma della finanza 'su tre pilastri', riferisce il Governatore di Bankitalia. La ricetta che sta emergendo dal summit di Davos, spiega Draghi, prevede di ' ridurre il rischio e le probabilità di fallimenti di grande dimensione, e meccanismi che permettano una gestione ordinata di questi fallimenti '. Lavoro: Ocmin ( Cisl ), subito un tavolo di confronto ( Asca ) Roma, 30 gennaio '' La Cisl ribadisce la proposta di aprire al più presto un tavolo di confronto tra Parti Sociali, Ministero del Lavoro e Ministero delle Pari Opportunità, per porre un freno al preoccupante tasso di disoccupazione femminile e giovanile e favorire, così, la crescita del lavoro, traguardo dal quale trarrebbe giovamento l'intera società sia in termini economici che culturali ''. Lo dichiara in una nota, Liliana Ocmin, Segretario confederale della Cisl, durante la Conferenza delle Regioni Europee su Conciliazione Famiglia - Lavoro in corso ad Abano Terme. '' Per uscire da questa drammatica situazione - continua Ocmin - serve il contributo di tutti, un'assunzione corale di responsabilità, poichè lo sforzo in termini legislativi ed economici si prospetta ingente'. 'Bisogna mettere al centro la persona, solo così, infatti, si potranno attuare le necessarie riforme del lavoro e garantire il futuro a Lavoratrici, Lavoratori, famiglie, pensionati, giovani, immigrati '', conclude Ocmin. Dal sito di YAHOO.Finanza, 31 gennaio 2010 Fisco: solo 3 italiani su mille sopra i 150 mila euro ( Adnkronos ) Roma, 31 gennaio Solo 3 contribuenti su guadagnano più di 150 mila euro l'anno. Questo 0,3% piu' ricco del Paese, che e' rappresentato da 149 mila persone, è formato in prevalenza da Lavoratori dipendenti e pensionati: tra i Lavoratori autonomi o con redditi da terreni o fabbricati, infatti, solo hanno dichiarato nel 2008 più di 150 mila euro. E' quanto emerge dai dati dell'agenzia delle Entrate relative alle dichiarazioni dei redditi 2008.

12 I contribuenti che hanno denunciato redditi da lavoro dipendente per l'anno d'imposta 2008 sono stati poco più di 21 milioni. Il reddito medio dichiarato è stato di euro ( euro al mese ), l'1,12 % in più rispetto al 2007 ma meno dell'inflazione che nel 2008 è stata del 3,3 %. I redditi dei 15 milioni di pensionati, in media pari a euro ( euro al mese ), sono cresciuti del 2,15 %. La maggior parte dei Lavoratori dipendenti si concentra tra 10 e 50 mila euro, ma ci sono circa 5,2 milioni di contribuenti sotto i 10 mila euro. Anche per quanto riguarda i pensionati, il gruppo maggiore, con 9 mln di persone, si trova tra 10 e 50 mila euro, ma quelle che stanno sotto 10 mila euro sono ben 5,7 mln. Dalle tabelle dell'agenzia emerge inoltre che per quanto riguarda i professionisti tra il 2007 e il 2008 i redditi sono cresciuti in media del 3,3 %. Hanno sofferto, invece, artigiani e commercianti che l'anno scorso hanno dichiarato un reddito medio di euro, pari a euro al mese, appena sopra quello dei pensionati, e solo lo 0,65 % in più di quanto avevano dichiarato nel Dal sito di YAHOO.Finanza, 1 febbraio 2010 Fisco: Agenzia Entrate riapre canale crediti d'imposta 2010 ( MF - DJ ) Roma Riapre il canale telematico per i crediti d'imposta In pole position figurano il bonus sicurezza, che si rivolge alle Pmi e ai tabaccai, e la comunicazione attestante il mantenimento del livello occupazionale annuale, condizione questa indispensabile per continuare a beneficiare del credito d'imposta sulle assunzioni. Lo rende noto l'agenzia delle Entrate spiegando che si rinnova la presentazione dell'istanza, in via telematica, per l'assegnazione 2010 del bonus sicurezza ( Finanziaria 2008 ). Le Piccole e medie imprese che svolgono attività commerciali di vendita al dettaglio e all'ingrosso, e/o attività di somministrazione di alimenti e bevande, e i rivenditori di generi di monopolio possono presentare, dalle di domani, l'istanza di attribuzione del beneficio. Il kit completo per l'invio dell'istanza è disponibile all'indirizzo Il credito d'imposta scatta per l'installazione di impianti e attrezzature di sicurezza poste nel luogo di esercizio dell'attivita'. Tra i beni sui quali è applicabile il bonus rientrano i sistemi di pagamento con moneta elettronica, gli apparecchi di videosorveglianza, i sistemi di allarme, le inferiate, le porte blindate, gli infissi e i vetri di sicurezza, le casseforti, le cassette di sicurezza e le macchinette antifalsari. Bonus sicurezza 2010, brindisi anticipato per quasi Pmi. Il beneficio ha gia' raggiunto Pmi cui sono stati attributi complessivamente euro utilizzando le risorse stanziate per il Peraltro, dell'attribuzione e' stata data apposita comunicazione, in via telematica, ai singoli soggetti, lo scorso 29 gennaio. Si tratta, infatti, delle Pmi escluse negli anni precedenti dal contributo per esaurimento delle risorse stanziate e alle quali e' riconosciuta la priorita' nell'assegnazione dei fondi stanziati per il Per il bonus assunzioni, si apre invece oggi la finestra temporale utile per l'invio della comunicazione annuale da parte dei datori di lavoro che beneficiano del credito d'imposta sulle assunzioni. I soggetti che nel 2008 o nel 2009 hanno ottenuto dall'agenzia delle Entrate l'accoglimento dell'istanza di attribuzione del bonus assunzioni sono tenuti, a pena di decadenza dal contributo concesso per il 2010, a

13 presentare entro il prossimo 31 marzo, la comunicazione attestante il mantenimento del livello occupazionale annuale. Bankitalia: Fiba / Falbi, rifiuta nuove regole Contratti ( MF- DJ ) Roma " Dopo che tutte le categorie hanno rinnovato gli accordi in tema di nuove regole contrattuali, riconoscendo l'ipca quale riferimento dell'andamento inflattivo per la definizione degli adeguamenti economici con decorrenza 1 gennaio 2010 e la valenza triennale degli Accordi negoziali riguardanti gli istituti normativi ed economici del rapporto di lavoro, i vertici della Banca d'italia, tramite il delegato aziendale, continuano inspiegabilmente a rifiutarsi di concludere l'accordo ". E' quanto dichiarano in una nota congiunta il Segretario Generale della FALBI - CONFSAL, Luigi Leone, e il Segretario Nazionale della FIBA - Cisl, Gianni Romoli, Organizzazioni Sindacali che in Banca d'italia detengono la maggioranza assoluta del Lavoratori sindacalizzati delle carriere non direttive. " Assistiamo a uno scandaloso comportamento del delegato aziendale della Banca d'italia che continua a osteggiare, da oltre due mesi, la conclusione dell'accordo negoziale sul nuovo sistema contrattuale, favorendo, di fatto, la FISAC- CGIL, il Sindacato aziendale contrario, in linea con il comportamento tenuto dalla Confederazione di riferimento che, come è noto, non ha sottoscritto gli accordi né con la Confindustria né con il Governo. Si tratta di un comportamento grave e censurabile che, tra, l'altro, evidenzia una pericolosa lesione del valore dell'autonomia riconosciuta al nostro Istituto ". B. Mps: in 1 anno sospesi mutui, da oggi anche con ABI ( MF - DJ ) Roma Sono oltre i mutui sospesi in un anno dal Gruppo Montepaschi grazie al Piano di sostegno alle famiglie gravate dalla crisi economica. Il valore complessivo dei mutui sospesi è di circa 1 mld di euro. L'iniziativa, denominata " Combatti la crisi ", si legge in una nota, ha precorso l'adesione odierna al Piano Famiglie promosso dall'abi che prevede la sospensione delle rate del mutuo per le famiglie italiane. L'adesione all'accordo riguarda B. Mps, B. Antonveneta, Biverbanca e conferma quindi l'impegno già assunto dal Gruppo Montepaschi un anno fa per sostenere i clienti nel difficile scenario economico. Nel febbraio del 2009, infatti, il Gruppo Montepaschi ha promosso insieme alle Associazioni dei Consumatori un importante pacchetto di misure anticrisi - denominato "Combatti la crisi"- con l'obiettivo di aiutare i clienti a superare il difficile momento di congiuntura economica, con l'intento di rinnovare la propria vicinanza al territorio e di rispondere alle esigenze specifiche dei tempi. Il pacchetto comprende la sospensione delle rate dei mutui fino a 12 mesi, il mutuo variabile con cap "MPS Protezione", il recepimento anticipato di una parte della Direttiva Europea sul Credito ai Consumatori 2008/48/CE, una guida e ausilio informativo aggiornato dedicato ai consumatori. Oggi, il Gruppo Montepaschi conferma ulteriormente l'attenzione per le fasce più deboli della popolazione con l'adesione al Piano Famiglie ABI. Tale iniziativa viene integrata all'interno delle attività già previste in maniera autonoma, dal momento che il programma Combatti la Crisi prevede un intervento di aiuto più ampio, sia nella definizione del perimetro degli aventi diritto, sia per le maggiori possibilità di recupero concesse ai mutuatari in arretrato. Rispetto al Piano di sistema, il Combatti la crisi non prevede vincoli sull'importo originario del mutuo, permette il recupero di rate non pagate anche oltre 180 giorni di arretrato, permette la sospensione del mutuo solo dopo un anno di anzianità. Inoltre il Gruppo Montepaschi ha scelto di spalmare gli interessi maturati nel periodo di sospensione sull'intero Piano residuo per non gravare il cliente di eccessivi aumenti della rata alla ripresa del pagamento.

14 Dal sito di YAHOO.Finanza, del 2 febbraio 2010 Unicredit: Profumo, dopo crisi più spazio ai Vice ( MF - DJ ) Roma " Il mio impegno è stato sempre molto alto. Vivo per la società. Tuttavia, prima della crisi avevo nominato tre Vice per distribuire molte delle mie responsabilità. L'idea era quella di avere un CEO che gestiva la società nel complesso, con ognuno dei Vice a capo di una specifica area ( Retail; Corporate, Investment e Private Banking, Operazioni ). Ma poi è arrivata la crisi e ho dovuto aumentare l'impegno per accelerare il processo decisionale e assicurare il migliore allineamento tra la Banca e il Board. Ora il mio obiettivo è fare di nuovo un passo indietro, e permettere ai tre Vice di fare il loro lavoro ". E' quanto afferma l'a. d. di Unicredit, Alessandro Profumo, in un'intervista a Boston Consulting Group. Quanto all'impatto della crisi sulle Banche, Profumo spiega che " abbiamo tradizionalmente gestito la nostra società attraverso piani di tre anni e budget annuali. Il problema è che anche se si pianifica su tre anni, sistemi e pratiche datati possono rallentare l'innovazione. Credo che andando avanti dovremo immaginare la Banca tra dieci anni, senza vincoli, e poi pianificare attraverso cicli di tre anni nell'ottica di questa prospettiva di lungo termini. Penso che sia il modo migliore per affrontare i cambiamenti nei comportamenti dei consumatori, nella regolazione, nella tecnologia, che stanno portando un profondo mutamento nella nostra industria ". Infine, sulla successione al vertice della Banca, Profumo afferma che " sono molto trasparente con il Board e abbiamo una procedura molto bene organizzata. La scelta finale la farà il Board ". Crisi: Profumo, nessuno di noi ha capito quel che succedeva ( MF - DJ ) Roma " Nella finanza ci siamo tutti concentrati troppo sulla microeconomia e troppo poco sulla macroeconomia. Per questo non abbiamo previsto la crisi finanziaria, e non lo ha fatto quasi nessun altro. Se la gente avesse fatto un passo indietro per guardare il quadro nell'insieme, avrebbe visto cosa stava per accadere ". Lo ha detto, in un'intervista a Boston Consulting Group, l'a. d. di Unicredit, Alessandro Profumo. " Nel ha aggiunto - Karl Marx si occupò come giornalista di una crisi finanziaria: quello che descrisse allora è quello che vediamo oggi. Solo i nomi sono cambiati. Penso che tutti noi, comprese le Autorità Governative e i media, non hanno capito quello che stava accadendo ". Mediobanca smentisce voci fusione Generali, vola in Borsa ( Reuters ) Mediobanca definisce le indiscrezioni stampa odierne su " un'operazione di concentrazione " tra Piazzetta Cuccia e Assicurazioni Generali come " destituite di ogni fondamento ". In una nota diffusa su richiesta della Consob, l'istituto comunica inoltre che " non sono convocate né sono previste riunioni degli organi sociali per le determinazioni da assumere nella convocanda Assemblea di Assicurazioni Generali in materia di rinnovo del Consiglio di Amministrazione ". I titoli di Piazzetta Cuccia e della Compagnia triestina hanno intanto archiviato la seduta a Piazza Affari con un'accelerazione pari rispettivamente a 5,9 % e 1,45 %. L'edizione di La Repubblica in edicola oggi scrive che l'eventuale arrivo di Cesare Geronzi, Presidente di Piazzetta Cuccia, al vertice di Generali, di cui Mediobanca detiene oltre il 14 %, potrebbe aprire la strada a una fusione tra i due Gruppi. Secondo il quotidiano, che ieri aveva lanciato l'idea di Geronzi a Generali, verrebbe " rispolverata l'ipotesi di un 'reverse merger '" in cui Mediobanca si diluisce in Generali.

15 In un'intervista a Il Foglio il Consigliere Mediobanca Tarak Ben Ammar ha dichiarato che il tema della Presidenza di Generali non è stato posto e se ne parlerà più avanti. " Non ha senso questo totonomine che oltretutto destabilizza le aziende " ha detto. Pmi: Abete; bene fondo garanzia, ma va adeguato ( MF - DJ ) Roma " Sarebbe opportuno fare un ulteriore passo avanti attraverso l'uso di sistemi di garanzia che sono la vera risposta al miglioramento del rapporto tra Banche e Pmi ". Lo ha dichiarato Luigi Abete, Presidente di Bnl ( Gruppo Bnp Paribas ) nel corso del convegno Italia Confidi, auspicando che " il fondo di garanzia venga adeguato e utilizzato nei prossimi anni. Il dibattito sulle nuove regole di Basilea 2 o anche 3 non annulla il problema principale che ci vede qui oggi, ossia di accesso al credito delle Pmi in un mercato macro economico e l'unica risposta possibile si può ottenere favorendo il sistema garanzia ", ha concluso. Export: Mps, dal 2000 bassa produttività e poca ricerca costati 5 % Pil ( Asca ) Roma, 2 febbraio La perdita di competitività che ha interessato le merci italiane negli anni 2000 dipende non tanto dalla '' concorrenza sleale '' di alcuni Paesi emergenti quanto da una mancata crescita di produttività, da una scarsa innovazione e da condizioni sfavorevoli che rendono l'italia poco '' attraente '' agli occhi degli investitori esteri per iniziare un'attività d'impresa. E' quanto emerge dal rapporto dell'aere Reserach & Intelligence della Banca Monte dei Paschi di Siena. Negli anni 2000, infatti, l'italia perde competitività proprio nei confronti dei principali competitors che appartengono alla stessa area valutaria, Germania in primis. Se l'italia, tra il 2000 ed il 2008, avesse assistito ad un incremento di produttività così come avvenuto in Germania la sua quota di esportazioni mondiali, invece che restare invariata, sarebbe cresciuta di oltre l'1, con un aumento di export di 78 Mld $ ( pari a circa il 5 % del Pil ). L'Italia oltre ad aver perso competitività nel manifatturiero, è svantaggiata rispetto agli altri Paesi europei nella capacità di attrarre investimenti diretti all'estero. I ritardi italiani rispetto a paesi quali Francia e Germania che emergono dai dati di Doing Business della Banca Mondiale sono evidenti: l'italia ha forti ritardi nell'attuazione dei contratti e nella pressione fiscale per le imprese. L'incidenza delle tasse per un impresa è molto elevata rispetto ai principali competitors ( il 68 % dei profitti prima delle imposte, contro il 44,5 % della media europea ). Pesa sul dato un'eccessiva tassazione del lavoro che copre il 43 % dell'incidenza totale. Mutui: ABI, itituito tavolo di attuazione Piano Famiglie ( Asca ) Roma, 2 febbraio Il giorno dopo l'avvio dell'accordo per la sospensione dei mutui, cui hanno finora aderito 197 Banche pari ad oltre il 70 % degli sportelli sul territorio, è stato istituito a Roma il Tavolo di attuazione multilaterale del Piano famiglie. L'intesa, spiega l'associazione Bancaria Italiana, è stata siglata tra la stessa ABI e Presidenza del Consiglio dei Ministri ( Dipartimento per le Politiche per la Famiglia e Dipartimento della Gioventù ); il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ( Direzione generale per l'inclusione sociale ); l'anci; la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome; la CEI; le Associazioni dei consumatori e degli utenti già firmatari dell'accordo. Il '' Tavolo '', spiega l'abi, si riunirà almeno tre volte l'anno '' con l'obiettivo di favorire la migliore attuazione di tutti gli interventi previsti dal Piano, attraverso una trasparente interazione e collaborazione tra i diversi soggetti coinvolti, pubblici e privati ''. In particolare il Tavolo si occuperà: del monitoraggio dell'andamento della sospensione dell'ammortamento dei finanziamenti oggetto dell'accordo; di promuovere la cooperazione per la migliore implementazione delle

16 iniziative pubbliche e private sul territorio a sostegno delle famiglie; delle attività di informazione e comunicazione ai cittadini sulle diverse misure esistenti. Crisi: Giappone, giù salari 2009 ( Ansa ) Tokyo, 2 febbraio La crisi economica ha alleggerito le retribuzioni in Giappone nel 2009, per il terzo anno di fila, ma al ritmo più accentuato dal I salari medi delle aziende giapponesi con almeno cinque dipendenti sono scesi lo scorso anno del 3,9 % rispetto al 2008, a 315,164 yen ( euro ). Secondo quanto diffuso dal Ministero della Salute, del Lavoro e del Welfare, il risultato del 2009 riflette le conseguenze della recessione e conferma la tendenza delle aziende a tagliare straordinari e bonus. Dal sito di YAHOO.Finanza, del 3 febbraio 2010 Inps: per 3,3 mln di contribuenti accesso facile a estratto conto Equitalia ( Asca ) Roma, 3 febbraio L'Estratto conto di Equitalia apre una nuova corsia ai 3,3 milioni di contribuenti iscritti ai servizi online dell'inps. La nuova modalità di accesso all'estratto conto online - si legge in una nota - ha l'obiettivo di rendere il servizio più agevole per una platea sempre più ampia di cittadini. I possessori del pin dell'inps ( persone fisiche ), infatti, non devono effettuare ulteriori registrazioni. L'Estratto conto online è il servizio di Equitalia che permette di consultare la propria situazione debitoria con il Fisco ( cartelle, debiti pendenti, procedure attivate, sospensioni e rateazioni in corso ) senza doversi più recare allo sportello. I 3,3 milioni di utenti dell'istituto di Previdenza si sommano ai cittadini che già hanno altre credenziali di accesso, vale a dire i contribuenti registrati al cassetto fiscale dell'agenzia delle Entrate e i possessori della Carta Nazionale dei Servizi ( CNS ). Sale così a oltre 11 milioni il totale dei potenziali utenti. I possessori delle credenziali Inps ( codice fiscale e Pin ) possono utilizzare il percorso rapido di accesso sia attraverso i siti del Gruppo Equitalia ( box rosso ) sia dell'inps ( cliccando su ''Al servizio del cittadino'' in home page ). Chi non possiede le credenziali dell'istituto di previdenza potrà ottenerle sul sito entrando in '' Servizi online - Richiesta pin online ''. Effettuato l'accesso all'estratto conto online, si può prendere visione della propria posizione debitoria dal 2000 a oggi. Per ogni chiarimento è disponibile sul sito di Equitalia ( ) o dell'agente della riscossione competente per territorio una nuova guida che accompagna il cittadino nel percorso di consultazione. B. Mps: Barbieri, puntiamo a diversificazione ( MF - DJ ) Roma " Adesso c'è lo spazio per attuare una maggiore diversificazione ". E' quanto afferma Giancarlo Barbieri, nuovo responsabile della rete di filiali di Banca Monte dei Paschi, in una intervista al Sole 24 Ore, in merito alla gestione del portafoglio della clientela. Barbieri sostiene che il portafoglio della clientela sia " eccessivamente improntato alla prudenza ", infatti domanda " perchè mettere tutti i risparmi in titoli di Stato, che rendono zero, quando l'azionariato l'anno scorso ha reso il 22 %?. E' il momento di guardare con fiducia a strumenti di risparmio gestito meno conservativi ", dice Barbieri, che invita i risparmiatori a " introdurre a piccole dosi elementi diversi dai soliti bond pubblici.

17 Diversificare è sempre una buona cosa e in questo momento il mercato borsistico offre opportunità da prendere " in quanto, dice infine Barbieri, " la ripresa è in atto, anche se a macchia di leopardo ". Emil Banca: aderisce a Piano Famiglie ABI per moratoria mutui ( Asca ) Roma, 3 febbraio Emil Banca, la Bcc presente a Bologna, Modena e Ferrara, ha aderito all'accordo tra l'abi e le principali Associazioni di rappresentanza dei consumatori denominato '' Piano famiglie ''. Lo comunica una nota della Banca emiliana. Già nel settembre scorso, quando partì la moratoria sui crediti delle Pmi, Emil Banca nell'aderire all'accordo ABI - Mef denominato '' Avviso Comune '' ne allargò decisamente gli effetti, includendo già allora ogni soggetto giuridico. Quindi anche grandi imprese, Associazioni e famiglie. Per effetto delle maglie larghe di quella moratoria, in sei mesi Emil Banca ha sospeso il pagamento della quota capitale a ben 429 soggetti. Di questi, 309 sono aziende e 120 sono privati. Il totale dei crediti congelati è superiore ai 93 milioni di euro. Di questi, 14,5 milioni di euro sono mutui stipulati da famiglie. Fiat: Uilm Torino, Fiom ha voluto contarsi e sciopero è stato disastroso ( Adnkronos ) Torino, 3 febbraio '' La Fiom ha voluto contarsi scioperando in orari diversi dagli altri Sindacati, risultato: un disastro ''. Così Maurizio Peverati, segretario generale Uilm Torino, commenta le quattro ore di agitazione proclamate per oggi in tutti gli stabilimenti italiani del Gruppo Fiat. '' In una situazione così grave che coinvolge tutti i Lavoratori del Gruppo Fiat, con possibili chiusure di stabilimenti, la Fiom pensa in modo propagandistico ad apparire senza considerazione per il risultato finale '', aggiunge. '' La compattezza dei Lavoratori passa attraverso la capacità del Sindacato di esprimere in piena unitarietà strategie e lotte condivise - prosegue - se il concetto diventa quello di dividi et impera la Fiom ci è riuscita con il 6 % di adesione allo sciopero, lasciando ancora una volta la Fiat protagonista e i Lavoratori allo sbando. La Uilm molto preoccupata dalle strategie annunciate alla Fiat - conclude Peverati - continuerà a stare vicino ai Lavoratori cercando tutte le strade per garantire il mantenimento dei siti produttivi e garanzie occupazionali ''. Pm Bari sequestra rata bond Regione ( Ansa ) Bari, 3 febbraio Sequestro preventivo della rata di 30 mln che la Regione Puglia versa per i bond sottoscritti per far fronte al debito della Sanità. Il provvedimento nell'ambito di una indagine della procura di Bari sui prodotti derivati sottoscritti dalla Regione Puglia nel con Merrill Lynch. Il sequestro è stato eseguito dal nucleo di Polizia Tributaria nell'imminenza della scadenza del versamento semestrale della rata e in esecuzione del provvedimento del Gip di Bari. Crisi Economica: Marche, 1,4 mln per Lavoratori disoccupati ( Adnkronos ) Ancona, 3 febbraio La Giunta Regionale delle Marche ha approvato i criteri e per l'utilizzo del Fondo anticrisi 2010, previsto dalla legge regionale n.31 del L'intervento della Regione è volto a fronteggiare fragilità sociali, che derivano dalle dinamiche del mercato del lavoro, con l'erogazione di contributi di solidarietà a favore di persone e nuclei familiari colpiti dalla disoccupazione. L'impegno finanziario ammonta a 1,4 milioni.

18 L'entità del sussidio e' di 200 euro mensili, da corrispondere per un periodo di sei mesi in un'unica soluzione anticipata. I soggetti beneficiari, spiega una nota, sono ex Lavoratori dipendenti residenti da almeno tre anni nelle Marche che, dal 1 gennaio 2009, hanno perso il lavoro a causa di licenziamento, dimissioni per giusta causa o mancato rinnovo del Contratto a termine. Vi rientrano i Lavoratori con uno o più Contratti, anche non continuativi, che hanno maturato, a partire dal 1 settembre 2008, un periodo lavorativo di almeno tre mesi. Sono ricompresi in quest'ultima fattispecie, e con le stesse modalità, i Lavoratori subordinati, compresi quelli con Contratto di Somministrazione e di Apprendistato, e i Lavoratori con Contratti di Collaborazione. Le domande per accedere al bando pubblico devono essere presentate entro il 31 marzo 2010, tramite i CAF -Centri di Assistenza Fiscale convenzionati, corredate dall'attestazione ISEE - Indicatore della Situazione Economica Equivalente e ISEE rimodulato. La graduatoria dei beneficiari sarà decisa sulla base del reddito ISEE corrente rimodulato abbattendo convenzionalmente il reddito stesso in condizione delle diverse attuali condizioni di disagio: ex Lavoratore senza indennità, con mobilità in deroga, con disoccupazione ordinaria o a requisiti ridotti, con indennità di mobilità, con borse lavoro o stage e tirocini formativi retribuiti. Info al link Fondo di solidarietà anti crisicontributi di solidarietà-bando 2010 e sul Bur dell'11 febbraio Intesa Sanpaolo: Fisac - Cgil, non sottoscriviamo Accordo taglia salari ( Asca ) Roma, 3 febbraio '' Un Accordo che destruttura palesemente il Contratto Nazionale di Lavoro della categoria, danneggiando i Lavoratori in servizio e penalizzando fortemente i nuovi assunti da un punto di vista normativo, salariale e dell'orario di lavoro ''. Così in una nota la Fisac Cgil motiva il no all'accordo sottoscritto nella serata di ieri tra Intesa Sanpaolo e altre Organizzazioni Sindacali denominato '' Per il sostegno all'occupazione. Per la Fisac, '' a fronte delle assunzioni nei Centri servizi indicati, l'azienda lascia sguarnita la Rete, per la quale vengono annunciati migliaia di esuberi e peggiora la qualità del servizio agli utenti '. Nella difficile situazione economica ed occupazionale del Paese - continua la nota - una delle più grandi e più ricche imprese bancarie non si accontenta di utilizzare i benefici fiscali e contributivi previste dalla Legge per assunzioni in territori e per categorie in condizione di svantaggio ma pretende uno sconto salariale e di diritti. Nascosti dall'operazione d'immagine - conclude la Fisac - ci sono un odioso ricatto occupazionale, il taglio dei salari e la riduzione dei diritti per tutti i Lavoratori i e Lavoratrici del Credito ''. Caso Delta in Via Nazionale: debiti per oltre 3 miliardi pesano sulle grandi Banche ( FinanzaBlog. it ) Tutti insieme in Banca d Italia per trovare una soluzione al difficile caso di Delta, società del credito al consumo collegata a esponenti di spicco della finanza di San Marino e un certo numero di creditori intenzionati a chiudere il dossier. Oggi la quotata Sopaf ha annunciato l incasso di una prima tranche di 10 milioni di euro sul caso per la cessione delle proprie quote del 15,95 % di Delta che passerà alla Cassa di Risparmio di San Marino. La finanziaria dei Magnoni che credeva una volta nella formazione di un grande polo del credito al consumo che inglobasse anche Delta incasserà per questa operazione altri 25 milioni di euro, quindi si potrebbe immaginare un valore complessivo di Delta sui 220 milioni di euro. In realtà, però, il calcolo del valore di Delta risulta assai più complesso in quanto i debiti per circa 3,3 miliardi di euro sono assai superiori al capitale proprio della società e rappresentano la vera leva delle manovre delle Banche sul Gruppo. Intesa Sanpaolo ha già sottolineato un interesse per Bentos, Sedicibanca, Plusvalore e Carifin Italia e sarebbe spinta proprio dalle complessa natura dei propri rapporti con il Gruppo, dalle esposizioni e dalle garanzie che la coinvolgono più che da manovre di crescita nel mercato del credito al consumo.

19 Il caso è però complicato anche dalle posizioni di molti altri creditori ( da Unicredit a Barclays ) che vorranno tutelare i propri interessi e ottenere delle quote eque in caso di spartizione dei titoli. In seguito ad accertamenti della Banca d Italia risalenti allo scorso febbraio ( e di successivi provvedimenti del Tribunale di Forlì ) si è scoperto che la Cassa di Risparmio di San Marino controllava illegalmente ( e indirettamente ) il Gruppo. La Cassa non poteva infatti essere autorizzata al controllo in relazione sia alle carenze del sistema antiriciclaggio sammarinese rilevate in sede internazionale, sia all assenza di un accordo di collaborazione tra le Autorità di Vigilanza dei due Stati ( così Banca d Italia Ndr ). Di recente Mario Fantini si è visto bocciare dal Tar del Lazio proprio il ricorso contro i provvedimenti di Via Nazionale che il 23 aprile scorso aveva revocato alla stessa Cassa di Risparmio di San Marino l autorizzazione alle partecipazioni nel capitale di Delta. Gli intrecci tra le due sono ben rappresentati dal fatto che Mario Fantini è il fondatore di entrambe le società. Così si giunge agli incontri settimanali tra le parti presso Banca d Italia e alle manovre di ricapitalizzazione per 150 milioni di euro della Cassa di San Marino a cui, rivela Il Sole 24 Ore, potrebbero aggiungersi altri 200 milioni di bond subordinati. L obiettivo generale sembra quello di salvare il salvabile di Delta: come ne uscirà fuori quella che era la tredicesima società italiana di credito al consumo solo tre anni fa è però ancora impossibile da dire. Di certo debiti per 3,3 miliardi di euro pesano anche sulle spalle larghe di Gruppi come Intesa o Unicredit. Unicredit: Accordo con Polizia contro attacchi gli informatici ( MF - DJ ) Roma Il Capo della Polizia, Antonio Manganelli, e l'amministratore delegato di Unicredit, Alessandro Profumo, hanno sottoscritto una convenzione che ha per obiettivi l'adozione condivisa di procedure di intervento e di scambio di informazioni utili alla prevenzione e la repressione degli attacchi informatici, di matrice terroristica e criminale, diretti ai sistemi informativi critici ed ai servizi di home banking e moneta elettronica del Gruppo Unicredit. L'accordo, informa una nota congiunta, ha valore triennale ed è stato stipulato in attuazione del Decreto del Ministro dell'interno del 9 gennaio del 2008, che ha individuato le infrastrutture critiche informatizzate di interesse nazionale, ovvero i sistemi ed i servizi informatici o telematici, gestiti da Enti Pubblici o società private, che governano i settori nevralgici per il funzionamento del Paese. La Convenzione rappresenta anzitutto la formalizzazione del rapporto di collaborazione operativa tra le società del Gruppo Unicredit ed il Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche ( CNAIPIC ), istituito presso il Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni e deputato in via esclusiva a svolgere attività di prevenzione e repressione delle minacce e degli attacchi informatici, di matrice terroristica o criminale, diretti ai servizi o ai sistemi informatici delle infrastrutture critiche nazionali. A tal fine, l'articolato dell'accordo prevede l'impegno reciproco alla realizzazione di adeguati canali di collaborazione volti alla condivisione ed all'analisi di segnalazioni, dati e informazioni afferenti alle minacce ed agli attacchi sopra indicati, per l'identificazione della loro origine tecnica e per la gestione delle conseguenti situazioni di emergenza. Inoltre, la Convenzione pone le basi di un progetto di collaborazione operativa per la prevenzione ed il contrasto dei crimini informatici che hanno per obiettivo i servizi ed i sistemi dell'home banking e della monetica. Il progetto troverà attuazione con la realizzazione di un centro di interscambio e di analisi di dati e informazioni afferenti alle suddette specifiche fenomenologie criminali. Con la stipula della Convenzione verrà, quindi, ulteriormente esaltato il ruolo centrale della Polizia di Stato, ed in particolare della Polizia Postale e delle Comunicazioni, nelle complesse tematiche di riferimento ad ulteriore conferma dell'elevatissima professionalità raggiunta.

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 16 luglio 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli