- Vincenzo Spaziante COM ICSIONE CONCILIARE. ~.roa o/ 8' La"pfi. ... Bilancio... Delibera... del... PRO?? '-'I Ql PROV\,~~3iMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- Vincenzo Spaziante COM ICSIONE CONCILIARE. ~.roa o/ 8' La"pfi. ... Bilancio... Delibera... del... PRO?? '-'I Ql PROV\,~~3iMENTO"

Transcript

1 La"pfi PRO?? '-' Ql PROV\,~~3iMENTO, N TRA-i*iVO Mod. A ~.roa o/ 8' REGONE CALABRA GUNTA REGONALE P il' 2" i COM CSONE CONCLARE No... del Reg. delle Deliberazioni OGGETTO: ATERP REGG0 CALABRA - Rendiconto Consui-itivo Esercizio Finanziario Proposta al Consiglio Regionale per la definitiva approvazione Alla trattazione dell'argomento in oggetto partecipano: ~ il Presidente Agazio Loiero - Vincenzo Spaziante e gli Assessori: - Domenica Cersosimo v, PR esi bepte - Liliana Frascà - Luigi ncarnato - Mario Maiolo - Demetrio Naccari Carlizzi - Mario Pirillo - Francesco Sulla - Diego Torninasi - Michelangelo Tripodi - Pasquale Maria Tripodi Segretario Generale, Cons. Nicola Durante... Bilancio... Delibera... del... L.R. no... del...

2 REMESSO che con Legge, regionale n. 27 del 30 Agosto 1996 si'è provveduto a sciplinare il nuovo ordiiiamento degli Enti regionali operanti nel settore :l 'edilizia residel-iziale. pubblica; HE gli Eiiti'di Cui Copra sono stati trasformati in Aziende Territoriali per l'edilizia xritoriale Pubblica; HE ai sensi dell'art. 20, comma 3" e 4" della suddetta L.R. n. 27/96 che disciplina funzioni di vigilanza e di controllo sugli organi e sugli atti delle ATERP, approvazione dei Bilanci è demandata alla Giunta Regioi-iale; STO l'art. 57 della L.R. n ; STA la delibera del Commissario straordinario dellyaterp di Reggio Calabria n. 20 del 26/06/2007 recante approvazione del Conto Consuntivo esercizio finanziario 305; LEVATO: che la delibera è stata adottata con il parere favorevole del Collegio dei Revisori ri Conti, che attesta: "la rispondenza del rendiconto consuntivo dell'esercizio nanziario 2005 alle risultanze della gestione, certificando la conformità dei dati del ndiconto con quelli delle scritture contabili dell'azienda ed in via generale la :golarità contabile e finanziaria della gestione"; che il Collegio, inoltre, nella relazione allegata al Bilancio ha inesso in evidenza, ncora una volta, "l'insoddisfacente andamento del recupero dei crediti"; 'STA la Relazione del Dipartimento LL.PP. che, esprime parere favorevole l'approvazione del Conto Consuntivo 2005; TSTA l'allegata Relazione struttoria definitiva sul Conto Consuntivo ATERF' di.eggio Calabria del Settore Ragioneria Generale con la quale viene "proposta approvazione del Conto Consuntivo Es. Fin. 2005, segnatamente e limitatamente la propria competenza contabile"; LTENUTO si possa procedere all'approvazione del bilancio consuntivo 2005 ell'aterp di Reggio Calabria facendo proprie le raccomandazioiii espresse nella rlazione del Collegio dei Revisori dei Conti, parte integrante e sostanziale del resente deliberato; ;U PROPOSTA, dell'assessore al Bilancio e Patrimonio Avv. Demetrio Naccari Zarlizzi, farmulata alla stregua dell'istruttoria compiuta dalle strutture interessate ionché della espressa dichiarazione di regolarità dell'atto resa dal dirigente prepostc 1 settore, a voti unanimi 'er le motivazioni espresse in premessa: di approvare l'allegato bilancio consuntivo dell'aterp di Reggio Calabria pei 'esercizio fii-ianziario 2005 come da delibera n. 320 adottata in data 26/06/2007 da Zoininissario Straordinario dell' ATERF' di Reggio Calabria, che si allega al presente Ltt0. di trasinettere la presente Deliberazione al Consiglio Regionale per quanto d ~ropria competenza. :L SEGRETARO L PRESDENTE

3 >e1 che si è redatto il presente processo verbale che viene ;ottoscritto come appresso :, l Presidente: f.to - CER~O)/~LO l Segretario: f.to Durante L SEGRETARO L PRESDENTE

4 REGONE CALABRA ~atanzaro Q \-Q 2 - Q 8 DPARTMENTO 4"-Bilancio e Patrimonio Via Massara - CZ tel SETTORE n. 2 - RAGONERA GENERALE Servizio n. 6 - Contabilità - Rendicontazione e Parificazione L DRGENTE Prot. n. 4 \ 6 struttoria definitiva sul conto consuntivo ATERP REGG0 CALABRA esercizio finanziario 2005 Al fine di verificare la corrispondenza dei dati contabili in ottemperanza al principio giuscontabilistico della continuità degli esercizi finanziari, si è proceduto alla disamina del conto finanziario 2005 dell' Aterp di Reggio Calabria, in particolare: VSTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 518 del 31/07/2006 con la quale si è proceduto all'approvazione del Conto Consuntivo relativo all'esercizio finanziario 2004; VSTA la delibera del Commissario Straordinario Aterp di Reggio Calabria, n0320 del 26/06/2007 recante approvazione del Conto Consuntivo es. fin. 2005, che si allega in copia unitamente al Conto Consuntivo medesimo; LETTA la relazione dell'ufficio del Dipartimento LL.PP. che esprime parere favorevole all'approvazione del Conto Consuntivo 2005 e che si allega in copia; si è proceduto alla verifica mediante l'elaborazione di no 5 prospetti riepilogativi che si allegano per farne parte integrante della presente relazione. n particolare è stata verificata la determinazione dei residui attivi e passivi al 31/12/2005, con particolare attenzione all'esatta corrispondenza tra i dati finali 2004 e i dati iniziali Le variazioni in aumento dei residui attivi e quelle in diminuizione dei residui passivi, unitamente alle riscossioni ed ai pagamenti in conto residui hanno determinato il saldo dei residui degli esercizi precedenti per '73 per i residui attivi ed ,31 per i residui passivi. residui di nuova formazione derivanti dalla gestione di competenza 2005, ammontano ad '59 per i residui attivi ed ,27 per i residui passivi, (TAB 1). Complessivamente i residui attivi al 31/12/2005 sono stati correttamente determinati in '32 per i residui attivi ed '58 per i residui passivi, (TAB 2). E' stata verificata la concordanza dei risultati della gestione di cassa con le risultanze comunicate dal Tesoriere e la corrispondenza del saldo iniziale di cassa 2005 con la risultanza finale dell'esercizio precedente, (TAB 3). 1 risultato gestionale dell'avanzo d'amministrazione al 31/12/2005 determinato in '63 è stato verificato con duplice procedimento, ossia tanto con il metodo dinamico che considera la gestione finanziaria, (TAB 4) quanto con il metodo statico che considera la situazione amministrativa, (TAB 5). Le due verifiche hanno evidenziato un avanzo finanziario per '63 ed uii avanzo amministrativo per ,65, con una lieve differenza di 0'02, per discordanza fra i dati finanziari e quelli amministrativi. Accertata la piena correttezza contabile dei dati esposti e del risultato determinato si propone l'approvazione del Conto Consuntivo es. fin segnatamente e limitatamente alla propria competenza contabile con un Avanzo Finanziario di ,63. L DRGENTE DEL SETTORE ~.ssa L DRGENTE DEL SERVZO Dott. Aldo Mirarchi

5 p P -, p ~- -- ~ ~ - p i ATERP REGG0 CALABRA 5. FN i : Tab ].l-_ ~.'.! i.. ---L.. i ! 1 DETERMNAZONE DE RESDU AL p 2-.. ~ p ,, -.-p-. ~ p-.p <: i!....-_ ' j p -.. i 1.- Residui passivi j L --T i l mporti, <. l l i - ~ Residui attivi / Alla chiusura dellles.fin i l E Eliminati / Riprodotti -/ E E Lr Residui attivi riaccertati Riscossi nellqes.fin -..p-- in chiusura , E ,13 E ,40 p+ Da riscuotere al : / p- l l...p p -~.T. '.-p - + -p T--- Alla chiusura dell'es.fin i t E 19, Eliminati / Riprodotti -/+T E..l-.. p Residui passivi riaccertati E ,16 i Pagati nell'es. fin in chiusura ,85 Da pagare al ' -T- e....-p- --P 4 1- i i b) RESDU D NUOVA FORMAZONE p--. e l --- ~- L T P! p , Di competenza Riscossioni in c/competenza ,75 Da riscuot=i al i.. p L --,, i --. i ?. +i mpegni! : i p L i '!..-~ i 0i competenzal p-. - i ~a~arnentiinc/competenfa/ p-p i-+ - i E Da pagare al i l! i l i e Servizio Contabilità Conto Consuntivo L DRGENTE %tt. Aldo Mirarchi/ f,ah/fl-

6 ---p- - ~ P l ATERP D REGG0 CALABRA 5. FN l Tab. 2 i RSULTAT COMPLESSV DEL CONTO DE RESDU AL 3 l p-p ~ la) ! --.. ~ Residui Attivi alla chiusura dell'es-fin risultano stabiliti nelle seguenti somme: 1 l! i j l i Somme rimaste da - riscuotere -.- sulle.-. Entrate -- accertate per la c ~m~etenz~~ro~ria dell'eserci~o ,-. - p. p l l.- - j 1 i l )somme rimaste da riscuotere sui Residui degli esercizi precedenti ,73 l , ( l v---- i 1 b) Residui Passivi alla chiusura dell8es.fin risultano stabiliti nelle seguenti somme: ! l, -P-.- l Somme rimaste da pagare sulle spese impegnate per la competenza propria dell'bercizio ; _p L A 1 i - 1 -~. -- i Somme rimaste da pagare sui Residui degli esercizi precedenti 71 l l i.- l , ~ ~---- Totale Residui Passivi al l i p-..-- l 1 Totale Residui Attivi al ,. 1 i ,32 Totale Residui Passivi al gksj.sì~ Contabilith coilto Consunrivo 11. DRGEN':'~, Aldo Miral-cl~J

7 ---p---p_- --p+-..--p--.. p --p. p-p ATERP D REGG0 CALABRA 5. FN i i i 7 ~... ~....T l , ;~ ! p- t. + --p-r l i uadro 'R~issuNnvo DELLA GESTONE D: CASSA, ì. - P p--..- i i /ESERCZO FNANEAR ndicazioni Residui i Competenze ,40 T t -=- +-P- Totali Pt-.-p / Tab. 3 ; i --p p -..! p-... A T l 1 i 7 Riscossioni , , L.-p- l i p..- Pagamenti ,85 l , ,71 l -_ -_-p L-- -t _-_. ---p--.p _ - Saldo di cassa presso il Tesoriere al Differenza d'esercizio , p-p-.-_-. T Fondo di cassa presso il Tesoriere al p t.-- i p p-.- --p ~vanzo di c a ~ ~ a. -p -. --p ~ 1 -- i -. y, i-.. a , i l 4.-! 1 corrisponde con il saldo contabile di cassa al comunicato dal Tesoriere i i

8 i ATERP D REGG0 CALABRA ES. FN : l!.t.. ~....-.~~~ Tab , , p --p--- Fondo Cassa al , , ~ ,63

9 -P- ;! ATERP D REGG0 CALABRA ES. FN Tab , L~.,,.--L - i Avanzo d' Amministrazione al : Entrate accertate nel1 'anno 1 -- ~ pp.--! i l l Eliminazione o aumento di residui attivi -- l 1. - L Totale attivo p- A -._p- L i i.--.p.-. i l! Spese impegnate nell'anno e A--, - l l i, p-. ;--i p p 1 l Eliminazione di residui passivi ,27 1 i..; p l! ~otale passivo i j j l i ' Avanzo d'aministrazione da situazione amministrativa l! i i i 1 Avanzo d'amministrazione da gestione finanziarial l... biscordanza fra i dati finanziari e i dati amministrativi al Avanzo d'amministrazione al Sci~izio Cofitabi!iiiit Conto CO!S.L~~~ ti:.o 11. D? R. ~ ~ ~ ~ l! ~ ~ ~ &,c;f. Aldo ;j,j.ir'? ;d l,-a A ,

10 RELAZONE DELL'UFFCO Si premette che: - con legge regionale n.27 del 30 agosto 1996 si è provveduto a disciplinare il nuovo ordiilamento degli Enti regionali operanti nel settore dell'edilizia residenziale pubblica; - gli Enti di cui sopra sono stati trasformati in Aziende Territoriali per l'edilizia Territoriale Pubblica; - ai sensi dell'art.20, comma 3" e 4" della suddetta L.R. n.27196, che disciplina le funzioni di vigilanza e di controllo sugli organi e sugli atti delle ATERP, l'approvazione del Bilanci è deinandata alla Giunta Regionale. 111 considerazione della nota del Dipaitiineilto segretariato generale settore segreteria di Giunta prot.il.1152 del 28 novembre 2005 e della nota del Dipartimento Bilancio e Finanze prot.n.711 del 6 aprile 2004 con le quali sono state coinunicate le procedure da seguire per l'approvazione dei Bilanci delle Aterp, ai sensi dell'art.57 l.r.4 febbraio 2002, 11.8 così coine modificato dall'art.5 della 1.r. 16 marzo 2004 n.7, ed alla luce dell'art.54 comma 5,lett.b) dello Statuto: n data 20 luglio 2007 è stato preseiltato a questo Dipartimento il rendiconto finanziario 2005 dell'aterp della provincia di Reggio Calabria approvato con delibera del Coinmissario Straordinario n. 320 del L'Ufficio preposto ha rilevato che : - non è stato preseiltato nei termini previsti ; - il problema inorosità non è stato ancora risolto ; - il recupero canoni di locazione e l'importo di riscossione non sono soddisfacenti; - l'azienda ha garantito il pareggio costi - ricavi costi come disposto dall'art.35 comina 7 della legge regionale 32/96. 1 Collegio dei Revisori dei Conti, ha rilevato la mancata tenuta del registro degli inventari. dati inseriti nell'allegato "F" non consentono di dichiarare "una ordinata tenuta della contabilità patriinoniale". noltre il Collegio fatto una serie di considerazioni fra le quali questo Ufficio evidenzia: O il punto 7 per la scarsa sussistenza di elementi documentali a base della ragione del credito ; O il punto 9 per la sovrastimata previsione di interessi; O il punto 11 per interessi su depositi postali ; O il punto 12 per previsione recupero quote vendita alloggi; O i punti 13 e 14 per la molteplicità delle voci dal lato delle entrate che non trovano riscontro in fase di accertamento particolarmente laddove indica una previsione di euro 3.550,00 mentre risultano accertati zero euro. Alla llce di quanto sopra esposto, questyufficio ha ritenuto di chiedere al Collegio dei Revisori di voler meglio chiarire le considerazioni forinulate. Tenuto conto di quanto puntualineilte esposto dai Revisori si ritiene di doversi uniformare alle raccomandazioni forinulate dal Collegio prescriveildo allyazieilda di volervisi atteilere ed esprime parere favorevole all'approvazione del bilancio.

11 a!la d~~berzzjone dei -... g z. ~ ~. AZENDA TERRTORALE PER L'EDLZA RESDENZALE PUBBLCA DELLA PROVNCA D REGG0 C-ALABRA Delibera n. 32 O del 'n6 GU. 2007' SERVZO PROPONENTE: RAGONERA- SETTORE: AMMNSTRATVO OGGETTO: Approvazione Bilancio Consuntivo per l'esercizio L COMMSSARO STRAORDNARO PREMESSO che il Servizio Ragioneria ha predisposto gli allegati del Bilancio consuntivo per l'esercizio 2005 previsti dal Decreto nterministeriale n. 3 del 10/10/1986; VST e la relazione tecnico-amministrativa; il parere favorevole espresso dal Collegio dei Revisori dei Conti e le situazioni che compongono il consuntivo 2005, i cui dati sono appresso riportati: STUAZONE PATRMONALE ~is~onibilità liquide - Attivo permanente Conti d'ordine - Debiti di Tesoreria - Passivo permanente TOTAYEATTMTA'. TOTALEGENERALE TOTALE? PASSlVTA' - Patrimonio netto Conti d'ordine.- TOTALEGENERALE CONTO ECONOMCO - Entrate correnti - Entrate che non danno luogo a movimenti finanziari TOTALE DELLE EBTUTE CORRENT e '68 Disavanzo economico TOTALE ENTRATE

12 . - Uscite correnti ,93 - Uscite che non danno luogo a movimenti finanziari... 3, TOTALE USCTE i2 12, Consistenza di cassa all'inizio dell'esercizio Riscossioni Pagarnent i, in c/campetenza ,75 in dresidui e '.. in chmpetenza ,86... in cltesidui 5.032,293, Consistenza di cassa alla fine dell'esercipo Residui attivi ,32.- Residui passivi - e ,58 - Consistenza di cassa alla fine deil'esercizio.. :..: S AVANZO D ÀMMN][SWONE alla fine dell'esercipo i0, ,63 CON i pareri favorevoli del Direttore Tecnico e del Direttore Amministrativo che si esprime anche suua legittw dell'atto.:.. -.i.. :. _.. DELBERA.- 1. di approvare il Bilancio consuntivo per l'esercizio finanziario 2005 secondo le risultanze sopra riprtate; 2. di prendere atto degli allegati D, E, G; 3. di prendere atto del parere favorevole espresso dai Collegio dei Revisori dei Conti; 4. la trasmissione della presente deliberazione ai Dipartimento LL.PP. della Regione Calabria per le superiori determinazioni di competenza. ' Su confome proposta del Dirigente del Servizio Ragioneria, dott. Luisa MALARA, che attesta la regolarità dell'atto alla stregua dell'istruttoria compiuta dalla stessa. La presente detiberazione sarà pubblicata d'albo pretori0 dell'azienda, nei modi e termini previsti dalla circolare n del , punto 2.3, dell'assessorato ai LL.PP.della Regione Calabria e trasmessa al Collegio dei Revisori dei Conti per i successivi adempimenti.

13 .....'..... A.T.E.R.R. S dichiara che la pte pubblicata aii'albo del

14 AZENDA ~RRTORALE PER L'EDLZA RESDENZW PUBBLCA Delibera n. 3%0 del DELLA PROVNCA D REGG0 CALABRA Settore proponente: Amministrativo-Servizio:Ragionena - 26GU.2007 Oggetto: Approvazione Bilancio consuntivo per l'esercizio Respoasabile del procedimento:dott. Luisa MALARA L DRG$NTE DEL SERVZO (Dott.ssa DREZONE TECNCA Si esprime parere favorevole in ordine alla regolatia tecnica. Rsggio'uu 2k-3M 1 DREZONE AMMNSTRATVA n

15

16 AZENDA TERRTORALE PER L'EDLZA RESDENZALE PUBBLCA 1 La relazioile tecnico-amministrativa al conto consuntivo dell'esercizio finanziario 2005 viene redatta sulla base di quanto disposto dall'art. 33, che richianla pure l'art. 11, del Regolamento di contabilità (per gli ACP comunque denominati) approvato con D.M n Si precisa che il conto in esame è stato redatto secondo la modulistica approvata col citato decreto ministeriale e la preseilte relazione "illustrativa della situazione patrimoniale e delle diverse attività gestionali dellyazienda" viene sviluppata secondo quanto previsto alle lettere a),b),c),d),e),f) e g) di cui al punto 2) del primo comma dell'art. 11 del Regolamento sopraccitato, dopo aver premesso i dati essenziali di natura finanziaria risultante dal relativo rendiconto, con motivazione degli eventuali scostamenti registrati rispetto ai corrispondenti dati del Bilancio di previsione. Quest'ultimo atto risulta approvato con deliberazione del Comnlissario Straordinario n. 492 del , dichiarato immune da vizi dalla Giunta della Regione Calabria in data con deliberazione n Le variazioni e gli storni operati per alcuni capitoli del suddetto bilancio trovano giustificazione ilella deliberazione no 473 del e n del Per effetto della deliberazione n. 473 si ha: Spese divene di amministrazione: Cap Gestione automezzi Variazioile in aumento ,OO Spese di nza~zute~zzione Stabili Cap Appalti per manutenzione stabili Variazioile in aumento 650,OO Spese per ilztelve7zti edilizi: 1

17 Cap Spese notarili per espletamento gare Variazione in aumento 7.500,OO Oneri tributari Cap L2AP Variazioni in aumento ,OO Rimborsi di mutui Cap Ammortamento mutui edilizi contratti dal17aterp Variazione in aumento ,OO Cap Ammortamento mutui relativi a costruzioni ex NCS Variazione in aumento 3.000,00 Versamenti a Enti assicurativi eprevidenziali Cap Contributo NPS a carico Azienda Variazione in aumento 10,OO Ritenute assicurative e previdenziali Cap Contributo NPS a carico lavoro autonomo Variazione in aumento 10,OO Spese per funzionamento Uffici Cap Adeguamento impianti Sede e sicurezza sul lavoro Variazione in diminuzione ,OO Spese per interventi edilizi Cap Progettazione Variazione in diminuzione 50,00 Cap Commissioni e collaudi Variazione in diminuzione 100,00 Cap ndagini, rilievi e accatastamento immobili Variazione in diminuzione 500,OO Variazione in diminuzione 7.500,00

18 Oneri tributari Cap C Variazione in diminuzione ,OO Rimborsi di mutui Cap Quota mutui edilizi ammortizzata con il contributo dello Stato Variazione in diminuzione ,OO Variazione in diminuzione 3.000,00 Per effetto della deliberazione n si ha: Spese per funzionamento Uffici Cap lluminazione, riscaldamento e pulizia Uffici Variazione in aumento ,OO Spese non classzficabili in altre voci Cap Fondo di riserva per spese impreviste Variazione in diminuzione ,OO Dopo la scadenza del termine per l'adozione dei provvedimenti di variazione del bilancio di previsione, si sono rese necessarie alcune modificazioni e precisamente: per le entrate accertate in meno nell'entrata Cap Ritenute assicurative e previdenzia1i:cpdel Variazione in diminuzione 5.606,76 in più nell'entrata Cap Ritenute assicurative e previdenziali: contributi NPS Variazione in aumento 5.606,76 per le uscite impegnate in meno nella spesa cap Depositi cauzionali infruttiferi di utenti ,OO cap Versamenti ad enti assicurativi e previdenzia1i:cpdel Variazione in diminuzione 5.606,76 in più nella spesa 3

19 Cap Quota mutui edilizi ammortizzata con il contributo dello Stato Cap Versamenti ad enti assicurativi e previdenziali: contributi NPS Variazione in aumento 5.606, ,OO Questi movimenti si sono attuati, per quanto concerne le entrate ed uscite per partite di giro,in quanto la previsione si è dimostrata insufficiente in conseguenza alla nomina di Commissari Straordinari soggetti ad NPS. Per quanto concerne le uscite per estinzione di mutui la previsione che era sufficiente ma è stata intaccata in seguito alla variazione di cui alla deliberazione n.473, sopra citata, con la quale si è portato in diminuzione per ,00 il capitolo senza tener conto che lo stanziamento era necessario per intero. L'ultimo conto consuntivo approvato e' quello dell'anno 2004 come risulta dalla deliberazione del Commissario Straordinario no 17 del ATTVTA' GESTONAL DELL' AZENDA Le attività gestionali che 'ATERP istituzionalmente svolge possono ricondursi, come è noto, a tre principali categorie, dalle quali scaturiscono poi le entrate e le uscite più consistenti per il Bilancio dellfente: LOCAZONE E MANUTENZOhE del patrimonio di ERP sia di proprietà che in gestione per conto dello Stato, secondo la vigente normativa in materia (DPR n ; DPR n ; Legge n ; circolare CER n. 25/c del 21/10/1981). ATTVTA' EDLZA riferita sia al settore delle nuove costruzioni, sia al recupero del patrimonio di ERP che alla riqualificazione urbana, anche mediante programmi integrati con la partecipazione di altri operatori pubblici e10 privati. VENDTA DEGL ALLOGG secondo appositi programmi di cessione riferiti a specifiche disposizioni legislative (Legge n , Legge n e Legge n ). Come anticipato in premessa, qui di seguito verranno illustrati i dati e gli elementi più significativi delle attività gestionali.

20 A) Andamento deqli incassi dei canoni locativi Gli alloggi in locazione semplice di proprietà delllaterp, ex GESCAL e di proprietà dello Stato in gestione ammontano, alla data del 31/12/2005 a n Nel corso dell'anno sono stati consegnati 44 nuovi alloggi e ne sono stati venduti n.85 ai sensi della 560/1993. locali (ATERP e Stato) ad uso non abitativo ammontano al 31/12/2005 complessivamente a n. 168 (ivi corriprese le unità non commerciali o ad uso condominiale) con un monte canoni annuo di ,OO. La morosità contabilizzata risulta di ,50 a questo importo vanno detratti f ,46 giacenti sui conto correnti postali per canoni riscossi e non contabilizzati nei capitoli di competenza in quanto gli estratti conto delle Poste taliane arrivano con notevole ritardo. Quindi collocando tali somme tra i residui attivi dell'esercizio 2005 possiamo rilevare la morosità effettiva in f ,04. Le cause della difficoltà di recupero dei crediti sono varie e complesse: Situazioni di grave disagio economico di notevole parte degli assegnatari; Comportamenti evasivi dell'obbligo di pagare il canone determinati anche dallo stato di degrado in cui versavano gran parte degli alloggi prima dell'attivazione del piano di recupero; Difficoltà delle procedure per il recupero coattivo dei canoni non pagati causati anche dalla mancata rispondenza dei nominativi degli assegnatari originari con coloro che usufruiscono dell'alloggio; Difficoltà organizzative interne, anche perché la Azienda è tuttora all'incirca al 50% dell'organico di pianta organica. Nel 2005, sono stati rilevati e informatizzati tutti i dati relativi alla morosita per cui è stato possibile approntare un elenco analitico con contestazione, a mezzo raccomandata con A.R. (sono state inviate circa diffide ed azionati una n.50 di provvedimenti monitori).

21 B) Entrate e spese imputabili all'attività edilizia L'attività costruttiva delllazienda riguarda interventi di edilizia residenziale, sovvenzionata diretti alla costruzione di alloggi e relative pertinenze (NC), nonché interventi di recupero del patrimonio edilizio in gestione (RE), sino al settore della riqualificazione urbana anche mediante programmi integrati con la partecipazione di altri operatori pubblici e privati. L'attività costruttiva delllente deriva dalla programmazione regionale delle risorse stanziate per l'edilizia Residenziale Pubblica in base alle Leggi 11 marzo 1988 no 67 (piani biennali dal 1988 al 1991), 17 febbraio 1992 no 179 (piano quadrierinale ) e 23 maggio 1997 no (programma di risanamenti di ERP);è da aggiungere che nell'attività edilizia delllazienda si sono inseriti altri interventi di recupero del patrimonio edilizio finanziati con fondi introitati a seguito della vendita di alloggi ai sensi della legge e con fondi derivanti dalla legge n art. 25 che erano rimasti inutilizzati e per l'utilizzo dei quali è stata richiesta e ottenuta la prescritta determinazione della Regione. Le entrate per diritti tecnici spettanti alllazienda sono quelle conseguenti all'attività di progettazione e di direzione lavori. Le spese relative sono essenzialmente quelle per incarichi professionali esterni, servizi relativi all'attività di ingegneria, collaudi, incarichi di coordinamento in materia di sicurezza di cui al D.Lgs , oltre a quelle dirette a compensare le spese relative al settore e alla quota di spese qenerali. Secondo tale impostazione le previsioni delle entrate per diritti tecnici previsti per l'anno 2005 sono le seguenti: Diritti tecnici per interventi costruttivi f '93 Diritti tecnici per interventi di recupero edilizio f '07 Diritti tecnici per interventi di terzi 450,OO Totale ,93 Sono state realizzate le seguenti entrate: Diritti tecnici per interventi costruttivi Diritti tecnici per interventi di recupero edilizio Diritti tecnici per interventi di terzi 6

22 Totale ,77 Come si evince dal raffronto delle tabelle sopra riportate, nel totale le entrate sono state inferiori rispetto alle previsioni per ,23 in quanto si è rallentata la fase di progettazione a causa di un grosso carico di lavoro gravante sulle poche unità operanti nel Settore tecnico, dovuto anche all'espletamento delle numerose Direzioni dei lavori avviati. L'attività svolta da questo Settore Tecnico nell'anno 2005 può essere così articolata: 1) Fase di prograrrimazione Redazione del programma trierinale e quello annuale dei lavori, approvato con delibera n. 443 del 04/10/2005 ed allegato al Bilancio di previsione Sulla base del suddetto programma, sono state formulate le previsioni delle Entrate e delle Spese imputabili all'attività del Settore Tecnico. 2) Proaettazione. L'attività di progettazione esecutiva si è concretizzata con la redazione di progetti esecutivi per un importo complessivo di ,OO riguardanti il risanamento ed il recupero degli alloggi di ERP nel Comune di Reggio Calabria e in vari Comuni della Provincia (Leggi , , ). progetti sono stati sottoposti all'esame del Comitato Tecnico e approvati con delibere commissariali. A seguito dell'approvazione delle delibere, tramite la segreteria tecnica, sono stati richiesti i Finanziamenti al Corripetente Assessorato della Regione Calabria. 3) Procedure esperimento qare d'appalto. n seguito all'ottenimento dei decreti di finanziamento sono stati pubblicati i bandi di gara e sono state espletate le procedure di 22 gare d'appalto, per un importo complessivo di ,OO. 4) Contratti. Previa richiesta e ottenimento della documentazione necessaria, si sono verificati i requisiti morali, tecnici ed economici dell'impresa aggiudicataria dei lavori. n tutto l'anno 2005 sono stati stipulati tramite Ufficiali Roganti esterni alllazienda n. 64 contratti d'appalto. 5) Eseci-izione lavori.

23 Nel 2005 risultano aperti ben 61 cantieri, ne sono stati consegnati alle imprese appaltatrici altri 38 e chiusi contabilmente 19. La direzione lavori è stata svolta dai tecnici di questo Settore. noltre è stata espletata la Direzione Lavori dei cantieri di nuove costruzioni e di recupero del patrimonio edilizio già aperti nell'anno precedente. A supporto dell'attività di Direzione Lavori, l'ufficio di segreteria tecnica raccoglie tutti i certificati di pagamento corredati della prescritta documentazione e redige apposite schede da allegare a ciascun titolo di spesa, secondo le modalità di cui alla circolare Regionale n del 23/09/02, inviato al Servizio Ragioneria- Sede- per la richiesta alla Regione Calabria della erogazione dei fondi necessari al pagamento delle imprese. Nel 2005 sono stati emessi 220 certificati di pagamento. 6) Comitato tecnico All'esame del Comitato Tecnico delllazienda sono stati sottoposti e relazionati tutti i progetti esecutivi, le perizie di variante, tutti gli atti di contabilità finale degli interventi già completati di pertinenza delllazienda, per un numero di 121 pratiche. 7) Manutenzione alloggi ERP. n questo ambito per rendere più trasparente il sistema di affidamento dei lavori di somma urgenza e per un maggiore controllo dei requisiti tecnici ed economici delle mprese, si è conclusa la procedura relativa alla pubblicazione di un avviso pubblico per la formazione di elenchi delle mprese di fiducia. Le anzidette procedure sono state sospese dal TAR di Reggio Calabria per il ricorso effettuato da impresa concorrente. noltre è stato riproposto l'avviso pubblico per la copertura degli elenchi di fiducia nelle zone dove il numero delle imprese ammesse è risultato inferiore a quello previsto. Si evidenzia che l'attività della manutenzione è stata espletata nonostante le grosse difficoltà derivanti dalla carenza di organico, ottimizzando al massimo le risorse umane ed i mezzi esistenti e intervenendo sugli alloggi di proprietà di questa Azienda per un importo di f ,OO. noltre, per verificare la gestione della manutenzione degli alloggi di ERP è stato dato mandato al funzionario responsabile del CED dell1azienda per predisporre un programma informatizzato. l suddetto prograrrima, oltre ad essere un archivio della manutenzione richiesta ed effettuata, faciliterà la gestione della manutenzione, con il controllo degli interventi e degli affidamenti alle imprese di fiducia, ed inoltre sarà interfacciato con il database dell'anagrafe dell'utenza, 8

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Provincia di Venezia

Provincia di Venezia Provincia di Venezia POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Determinazione N. 1145 / 2014 Responsabile del procedimento: GRANDESSO NICOLETTA Oggetto: DEFINIZIONE DEL CRONO PROGRAMMA PER IL 2014/2016 RELATIVO AI

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica mministrazione BEDOLLO 31/1/215 LLEGTO 1 LL DELIBER. 148/214- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/214 livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie di dati) mbito soggettivo (vedi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli