L'evoluzione delle soglie di fallibilità alla luce delle ultime riforme dell'art. 1 L.F. - Avv. Gianluca Cascella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'evoluzione delle soglie di fallibilità alla luce delle ultime riforme dell'art. 1 L.F. - Avv. Gianluca Cascella"

Transcript

1 L'evoluzione delle soglie di fallibilità alla luce delle ultime riforme dell'art. 1 L.F. - Avv. Gianluca Cascella 1 - La riforma del Il correttivo di settembre Considerazioni finali 1. La riforma del 2006 Il primo intervento riformatore sull'art. 1 L.F. è stato posto in essere nel 2006, dall'art. 1 del D. Lgs. 9 gennaio 2006, n. 5, pubb. in Gazz. Uff. n. 91 del 16 gennaio 2006 che intervenendo con la tecnica della novella legislatava sulla formulazione originaria dell'art. 1, ne ha sostituito il testo con la seguente disposizione : Art. 1. Imprese soggette al fallimento e al concordato preventivo "Sono soggetti alle disposizioni sul fallimento e sul concordato preventivo gli imprenditori che esercitano un'attività commerciale, esclusi gli enti pubblici ed i piccoli imprenditori. Ai fini del primo comma, non sono piccoli imprenditori gli esercenti un'attività commerciale in forma individuale o collettiva che, anche alternativamente: a) hanno effettuato investimenti nell'azienda per un capitale di valore superiore a euro trecentomila; b) hanno realizzato, in qualunque modo risulti, ricavi lordi calcolati sulla media degli ultimi tre anni o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, per un ammontare complessivo annuo superiore a euro duecentomila. I limiti di cui alle lettere a) e b) del secondo comma possono essere aggiornati ogni tre anni, con decreto del Ministro della giustizia, sulla base della media delle variazioni degli indici ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati intervenute nel periodo di riferimento". La relazione illustrativa al decreto di riforma ha spiegato che con esso si è inteso passare da una finalità prevalentemente liquidatoria(con indubbi profili sanzionatori) quale era quella cui si ispirava la legge del 1942, ad una ben diversa finalità di recupero e conservazione del patrimonio dell'imprenditore, ritenuta senza dubbio più aderente alle mutate condizioni socio economiche del paese nonché ispirata allo scopo di conservare quelli che erano i valori ancora positivi della impresa, senza tralasciare una finalità deflattiva del contenzioso originato dalle legge del 1942, di cui si era osservato, da un lato, il grandissimo numero di procedure e, dall'altro, la rilevante durata delle stesse(non essendo infrequente nella prassi rinvenire procedure concorsuali con oltre 20 anni di vita di cui non si intravedono prospettive di chiusura a breve termine). Comparando il nuovo testo normativo con la precedente disposizione, la prima cosa che appare evidente è che, in sostanza, i soggetti che possono fallire sono rimasti gli stessi di prima; occorre allora verificare in cosa sia consistita la innovazione del 2006 per rendersi conto della portata della riforma. La innovazione, in realtà, ha riguardato la introduzione di criteri di natura

2 quantitativa per individuare e definire le dimensioni della impresa assoggettabile al fallimento, fissando in sostanza dei limiti dimensionali che avrebbero dovuto costituire lo spartiacque tra la figura del piccolo imprenditore, escluso per definizione della norma dal fallimento, e quella invece dell'imprenditore che alle procedure concorsuali è assoggettato. In tal modo, pur rimanendo identiche le categorie nonché comunque fermo l'originario criterio di natura qualitativa, ovvero la natura <commerciale> del soggetto imprenditore (da individuarsi, si ricordi, ex art c.c., nel senso che solo il soggetto definibile <imprenditore agricolo> non è imprenditore commerciale) si è inteso realizzare, con l'affiancamento a quest'ultimo dei predetti criteri quantitativi, l'effetto in conformità a quanto previsto dalla legge delega di escludere, per finalità di rilancio dell'economia nazionale, un numero ancora maggiore di imprenditori dal fallimento, venendosi così a modificare l'ambito soggettivo della procedura fallimentare attraverso i presupposti per la applicazione di essa. Inoltre, è stato superato il problema posto in passato dalla distinzione tra esercizio della attività imprenditoriale in forma individuale ovvero in forma collettiva, dal momento che la precedente formulazione normativa, lo si ricordi, escludeva che potessero considerarsi piccoli imprenditori le società commerciali; quindi, a seguito della riforma in questione anche una società commerciale, se rientrante nei parametri stabiliti, è da considerarsi piccolo imprenditore e come tale non è soggetta alle procedure concorsuali. I criteri prescelti sono: a) investimenti nell'azienda per un capitale superiore ad euro trecentomila; b) ricavi lordi medi, per gli ultimi tre anni ovvero dall'inizio dell'attività imprenditoriale se iniziata da meno di tre anni, di importo superiore ad euro duecentomila per ciascuno anno, in qualsiasi siano stati conseguiti. I criteri in questione si presentano differenziati e per così dire parametrati in relazione alle differenti fasi di vita ed attività di una impresa, e tanto perché, da un lato, sicuramente gli investimenti attengono in prevalenza a quella che è la fase dello start-up di una impresa, ove inevitabilmente gli stessi, siccome necessari all'avvio dell'attività di essa ed al suo ingresso nel mercato, nella stragrande maggioranza dei casi superano, ed a volte anche di tanto, i ricavi ; di contro, il criterio dei ricavi medi lordi, invece, Tali criteri, la cui sussistenza secondo la norma deve essere alternativa, nel senso che è sufficiente la prova anche di uno solo di essi perché il debitore non possa essere considerato piccolo imprenditore, e conseguentemente fallire, dovrebbero risultare quantomeno di non difficile se non proprio agevole accertamento nel corso della istruttoria prefallimentare, sia perché sono dati evincibili dalle scritture contabili(in quanto l'imprenditore fallendo è tenuto a depositare già in sede di istruttoria prefallimentare, una propria situazione patrimoniale, economica e finanziaria aggiornata, ex art. 15 L.F., come a maggiore ragione previsto dall'art. 14.L.F. che prevede, a carico dell'imprenditore che chiede il proprio fallimento, l'obbligo di depositare presso la cancelleria del Tribunale le scritture contabili e fiscali obbligatorie concernenti i tre esercizi precedenti, ovvero dall'inizio dell'attività, se di durata inferiore ; sul punto, la riforma ha portato a tre gli anni di riferimento rispetto

3 ai due previsti nella formulazione originaria dell'art. 14 L.F.) sia perché, comunque, sono ottenibili dal Tribunale, di ufficio o su impulso di parte, attraverso sollecitazione degli organi di indagine a tanto preposti, ed in particolare con l'intervento della guardia di finanza. Quindi, dalla data di entrata in vigore della riforma, , un soggetto che superasse uno dei due limiti dimensionali innanzi indicati non era da ritenersi un piccolo imprenditore, e poteva fallire ; ne discende, quindi, che anche con la riforma del 2006 quella di piccolo imprenditore continuava ad essere una nozione negativa, desumibile quindi a contrario, dal momento che l'art. 1 L.F. non identificava chi doveva considerarsi un piccolo imprenditore, ma chi non poteva essere considerato tale, mentre il codice civile, con l'art c.c., fornisce una nozione <positiva> del soggetto qualificabile <piccolo imprenditore>, qualificando come tali i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano una attività professionale organizzata in prevalenza con il lavoro proprio e dei componenti della propria famiglia ; la disciplina codicistica, quindi, individua e distingue i soggetti in questione sulla base di un criterio di tipo qualitativo, che è quello cioè di una attività che si distingue per il lavoro prestato direttamente dai soggetti nonché dai loro familiari, che è ben diverso da quello di cui all'art. 1 L.F., attinente alle dimensioni raggiunte dall'attività imprenditoriale ; in conseguenza, visto che l'art. 1 L.F. e l'art c.c. hanno due ambiti di applicazione differenziati strettamente limitata ai fini della individuazione dei soggetti fallibili la prima e invece, per così dire estesa al più generale ambito civilistico la seconda - appare infondato il sospetto, pure sollevato dai primi commentatori della riforma, che l'art. 1 L.F. come innovato dalla riforma, ridefinendo la nozione di piccolo imprenditore in senso negativo e quantitativo, in quanto nuova disposizione normativa sopravvenuta nel tempo a regolare la medesima materia, avesse provocato la imp licita abrogazione dell'art c.c., sia in quanto lex specialis derogat legi generali, sia in quanto lex posterioris derogat legi anteriori. Tuttavia, se la formulazione della norma appariva tutto sommato chiara, la sua applicazione pratica ha dato luogo a non poche difficoltà interpretative ed applicative(come si vedrà meglio nel successivo paragrafo). Infatti, e solo per una brevissima esemplificazione dei problemi che con tale definizione potevano sorgere e sono effettivamente insorti, con l'utilizzo del termine <capitale investito>, data la sua genericità, appariva già difficile comprendere quali fossero gli investimenti cui fare riferimento, sia in termini di natura degli stessi, sia del momento temporale in cui gli stessi sono stati posti in essere, senza poi trascurare che altrettanto dubbi appariva la identificazione del periodo temporale di riferimento, dal momento che per gli investimenti nessuna indicazione(come invece per i ricavi medi lordi) è stata fornita al riguardo dalla norma. In particolare, il termine capitale mutuato dal linguaggio aziendalistico - avrebbe potuto riferirsi a diverse fattispecie, quali ad esempio il capitale sociale, il capitale netto, a quello attivo, a quello proprio ecc., mentre per quanto riguarda il periodo temporale sussisteva il dubbio se detti investimenti dovessero essere valutati prendendo in considerazione l'intero periodo di attività piuttosto che l'ultimo bilancio di esercizio ovvero se dovesse farsi la media tra le risultanze degli ultimi tre esercizi(prendendo a riferimento il criterio dettato per i ricavi). Sotto il profilo del periodo temporale di riferimento, come meglio si vedrà in seguito,

4 ha finito per prevalere in giurisprudenza(e in dottrina) la tesi per cui i tre anni era da calcolarsi a ritroso dalla istanza di fallimento, considerando i tre esercizi antecedenti alla data di deposito del ricorso, mentre con riferimento alla nozione di <investimenti effettuati>, la dottrina prevalente riteneva sulla scorta dell'insegnamento fornito dalla Corte di Cassazione, I^ sez. civ., con la nota decisione n del , per la quale in sostanza il capitale investito è la misura della quantità di ricchezza immessa nella attività commerciale che con tale definizione si indicassero tutti quei beni di cui l'azienda, nella nozione accolta dall'art c.c., necessita per avviare una attività imprenditoriale ; indipendentemente dall'espressione utilizzata(investimenti effettuati piuttosto che capitale investito) giurisprudenza e dottrina dominante hanno sostenuto che con tali espressioni il legislatore avesse fatto riferimento anche se non esplicito al totale dell'attivo dello stato patrimoniale, quale valore che indica il valore del capitale complessivamente investito nell'azienda, da intendersi come composto da mezzi propri e di terzi. Per quanto riguarda la nozione di ricavi, una indubbia fonte di incertezza dipendente dalla genericità della espressione utilizzata è data dal fatto che la nozione di ricavo assume un significato se intesa in termini civilistici ed un altro e non sempre coincidente con il primo, se inteso in termini fiscali. Tuttavia, lo stesso legislatore, con l'utilizzo della espressione <in qualunque modo risulti> sembra aver voluto, proprio nell'ottica della più agevole individuazione possibile del dato in questione, assicurare una sorta di equivalenza tra le due nozioni, per cui si può e deve guardare sia a quelli che sono i ricavi effettivi, quali emergono dal bilancio civilisticamente inteso e dai documenti di rilevanza fiscale, ma anche da dati che, pur esulando dalle risultanze documentali innanzi indicate, siano comunque individuabili. Al contrario, la giurisprudenza ha invece ritenuto che i ricavi rilevanti a tal fine, in quanto rappresentativi del fatturato della impresa derivante dallo svolgimento dell'attività di essa, non possono che ricavarsi da voci del bilancio ed in particolare dai valori riportati nelle voce A1 e A5 del conto economico, per cui costituiscono ricavi non solo quelli derivanti dal trasferimento a terzi del prodotto e/o servizio finale, ma anche di quelli derivanti da qualsiasi altra componente positiva, purchè realizzati in conseguenza dello svolgimento dell'attività imprenditoriale( Trib. Piacenza, ). 2. Il correttivo di settembre 2007 La norma dell'art. 1 L.F. come introdotta nel 2006 è stata sostituita dall'art. 1 del d.lgs. 12 settembre 2007, n. 169, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 241 del 16 ottobre 2007, con effetto dal 1 gennaio Va innanzitutto evidenziato come, per espressa previsione del dell'art. 22 del correttivo stesso, il nuovo art. 1 si applica tanto ai procedimenti per dichiarazione di fallimento pendenti alla data del 1 gennaio 2008, quanto alle procedure concorsuali e di concordato aperte successivamente La norma testualmente recita: "Sono soggetti alle disposizioni sul fallimento e sul concordato preventivo gli

5 imprenditori che esercitano una attività commerciale, esclusi gli enti pubblici [...]. Non sono soggetti alle disposizioni sul fallimento e sul concordato preventivo gli imprenditori di cui al primo comma, i quali dimostrino il possesso congiunto dei seguenti requisiti: a) aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro trecentomila; b) aver realizzato, in qualunque modo risulti, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito dell'istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, ricavi lordi per un ammontare complessivo annuo non superiore ad euro duecentomila; c) avere un ammontare di debiti anche non scaduti non superiore ad euro cinquecentomila. I limiti di cui alle lettere a), b e c) del secondo comma possono essere aggiornati ogni tre anni con decreto del Ministro della giustizia, sulla base della media delle variazioni degli indici ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati intervenute nel periodo di riferimento". Alla ricerca della ratio legis del correttivo, traspare evidente, anche dall'esame della relazione illustrativa, il fine perseguito dal legislatore, consistente di porre un limite a quella che si è rivelata essere una eccessiva quanto imprevista riduzione della soglia di fallibilità e conseguentemente del novero dei soggetti fallibili, cui è conseguita la esclusione dal fallimento di imprenditori ed imprese le cui dimensioni ed il cui indebitamento erano tutt'altro che trascurabili, e senza dubbio in grado di provocare allarme sociale ed inquinare il mercato, danneggiando tante altre imprese che sulla solvibilità di queste potevano avere fatto affidamento, e che correvano il serio rischio di venirsi a breve a trovare nelle medesime condizioni. Infatti, la relazione illustrativa ha significativamente evidenziato come la riforma del 2006 abbia escluso dal fallimento almeno il 70% delle piccole imprese, oltre ad avere attenuato fino al punto di annullarlo il rischio di impresa, con la conseguenza che, in tal modo, senza rischio di impresa, l'intero sistema economico veniva ad essere danneggiato in termini di competitività. Invero, non può dubitarsi che la presenza di soggetti imprenditoriali che, pur non essendo più in grado di competere sul mercato, continuino a prendervi parte, non faccia altro che aggravare innanzitutto la situazione economica degli imprenditori per così dire sani, che con essi vengono in contatto, e poi quella del mercato in generale, che appunto per la presenza dei primi diventa più difficile anche per tutti gli altri(si pensi al maggiore ricorso al credito da parte delle imprese sane, ed ai conseguenti maggiori oneri che subiscono, oltre al correlato aumento dei costi di mercato del credito stesso). Il tutto, senza poi trascurarsi di evidenziare che, anche sotto il profilo penale, tale esclusione impediva che venissero adeguatamente sanzionate le condotte di quei soggetti che avevano causato, direttamente o meno, le situazioni di dissesto delle imprese. La riforma della riforma è stata realizzata intervenendo in sostanza su quattro aspetti: 1)variazione del numero dei parametri dimensionali ; 2) chiarimento delle incertezze suscitate dalla precedente definizione letterale dei

6 parametri in questione ; 3)intervento sul regime dell'onere probatorio ; 4) eliminazione definitiva di una nozione che tanti problemi interpretativi ed applicativi aveva originato. Sotto il primo profilo, si osserva che è stato introdotto un terzo requisito dimensionale, che unitamente ai precedenti delimita la zona franca, l'area di non fallibilità ; tale requisito è stato individuato nella esistenza, a carico del fallendo, di una esposizione debitoria complessiva(comprendente per espressa previsione della norma anche i debiti non ancora scaduti) non superiore ad euro ,00. Invero, sotto tale profilo appare evidente che il valore indicato di importanza indubbia per la sua natura oggettiva - appare il risultato di una indagine circa la esposizione debitoria media di imprese aventi determinate caratteristiche, dalla quale è risultato che, all'evidenza, vi era un gran numero imprese le quali, pur non superando i parametri dimensionali dettati con riferimento al capitale investito ed ai ricavi per cui non potevano essere assoggettate alle procedure concorsuali - al contrario presentavano rilevanti livelli di indebitamento, segno evidente della situazione di sofferenza dell'impresa, della sua cattiva gestione ed incapacità della stessa di competere sul mercato, con tutti i conseguenti danni che le stesse potevano causare al sistema economico nel suo complesso. Collegata a tale modifica, anche se non interessante direttamente l'art. 1 L.F., è la modifica, parimenti apportata dal decreto correttivo, all'art. 15 L.F., con cui è stata elevata da ,00 a ,00 euro la soglia dei debiti scaduti ed insoluti il cui accertamento risulta necessario durante la istruttoria prefallimentare al fine di potersi procedere alla dichiarazione di fallimento. Tale soglia, in sostanza, costituisce una condizione di procedibilità impeditiva della pronunzia di una sentenza di fallimento, e l'innalzamento del valore di essa appare in sintonia nonché collegato con la introduzione del terzo parametro essendo anche questa un potenziale indice rivelatore della situazione di default del debitore; invero, a seguito della introduzione del terzo parametro si potrebbe verificare la sussistenza di una situazione debitoria di un soggetto che, pur superando complessivamente i ,00 euro di debiti nonché i limiti relativi ad investimenti e ricavi, sarebbe potuto fallire nel caso in cui fosse emersa la esistenza di debiti scaduti e non pagati per soli ,00 euro, importo che all'evidenza è stato ritenuto dal legislatore troppo basso e quindi indicativo di una temporanea difficoltà ad adempiere invece che di una situazione di vera e propria insolvenza, per cui si è ravvisata la necessità di elevarlo (anche se forse la misura in cui è stato elevato è troppo bassa). Sotto il secondo profilo, senza dubbio molto importante è avere sostituito il precedente parametro degli investimenti con quello, molto più preciso, dell'attivo patrimoniale, in quanto con esso è possibile, al fine di valutarne l'ammontare(sempre in riferimento a ciascuno dei tre anni antecedenti il deposito della istanza, altro punto su cui è intervenuta la riforma al fine di eliminare i contrasti interpretativi insorti in giurisprudenza e di cui in precedenza si è dato brevemente conto), guardare all'art c.c., norma che indica gli elementi che concorrono alla composizione dell'attivo patrimoniale ; con riguardo ai ricavi lordi, l'eliminazione del riferimento alla media dei tre ultimi esercizi consente di evitare, da un lato, situazione di incertezza e, dall'altro, toglie agli imprenditori in mala fede, che scientemente e fidando sul concetto di media, avessero volutamente ridotto i ricavi al fine di abbassare la media

7 ed evitare quindi il fallimento, uno strumento, per di più lecito, per sottrarsi alla procedura fallimentare; inoltre, appare significativo il fatto, posto in evidenza dalla relazione illustrativa, che il dato relativo ai ricavi possa essere accertato in qualsiasi modo, indipendentemente dalla sede fallimentare ovvero tributaria in cui il dato viene accertato; a tanto consegue, secondo la dottrina prevalente, che ben si potrà prescindere dalla contabilità ufficiale ai fini dell'accertamento del loro ammontare, essendo sufficiente che questo emerga in qualsiasi modo, qualunque sia la risultanza attraverso cui esso viene a conoscenza. In sostanza, i limiti sono aumentati considerevolmente(anche perché i parametri relativi ad investimenti e ricavi devono essere esaminati per ciascuno dei tre anni antecedenti il deposito della istanza di fallimento, per cui quello che formalmente appare un limite unico, in realtà è costituito da tre limiti veri e propri) e perché una impresa sia sottoposta alle procedure concorsuali basta che superi anche uno soltanto dei limiti in questione posti dal II comma dell'art. 1 L.F. Sotto il terzo profilo, altrettanto rilevante è l'avere, finalmente, chiarito chi deve provare cosa. Infatti, la precedente disposizione nulla riferiva al riguardo, e tale omissione aveva dato luogo a difficoltà e contrasti interpretativi, per cui si erano formati orientamenti giurisprudenziali che addossavano al creditore l'onere di provare il superamento dei limiti dimensionali da parte del debitore(emblematica in tal senso è l'orientamento assunto dal Tribunale di Milano, che con una circolare nel mese di dicembre 2006 avvertiva che era il creditore a dovere provare i requisiti per il fallimento del debitore) mentre altri Tribunali apparivano porre detto onere a carico esclusivo del debitore(per esempio il Tribunale di Firenze) ed altri ancora avevano assunto una posizione intermedia, riconoscendo che la relativa prova potesse essere raggiunta in qualsiasi modo, anche a seguito di iniziative istruttorie officiose del giudice, e quindi superando il criterio dell'onere della prova. Allora, con il correttivo 2007 si è inequivocabilmente chiarito che è il debitore che, se vuole evitare il proprio fallimento, deve provare che, in relazione a ciascuno dei tre anni precedenti il deposito della istanza di fallimento, non ha superato nessuno dei tre parametri previsti, prova indubbiamente rilevante ex art II comma c.c. Tale modifica ha lo scopo evidente di evitare soprattutto per le fattispecie portate all'attenzione di quei tribunali di orientamento analogo a quello di Milano che la semplice scelta del debitore di non difendersi(molto frequente nella prassi, purtroppo) risultasse per il medesimo eccessivamente premiante, a fronte della speculare difficoltà che incontra il creditore per provare positivamente la sussistenza dei requisiti in questione, ove solo si pensi al fatto che si verifica pressoché sempre del mancato deposito delle scritture contabili. In sostanza, come emerge dalla relazione illustrativa, la scelta di non difendersi da parte del debitore e la situazione di obiettiva incertezza che ad essa consegue comportano, come conseguenza a carico del debitore che abbia adottato una simile condotta, il suo assoggettamento alle procedure concorsuali. A tale riguardo, è di recentissima diffusione da parte del Presidente della Sezione Fallimentare del Tribunale di Milano, dr. Quatraro, uno schema di decreto di convocazione del fallendo nonché un questionario sulle informazioni da fornirsi da

8 parte di quest'ultimo, redatti ai sensi del correttivo L'esame degli stessi evidenzia la precisa volontà di addivenire ad una pronunzia nel minore tempo possibile, facendo affidamento sulla maggiore collaborazione possibile delle parti, e facendo leva in particolare, per quanto riguarda il fallendo, sull'avvertimento che la mancata ovvero inesatta e/o non veritiera risposta alle domande di cui al questionario potrà essere valutata dal Tribunale in termini di mancata prova della non assoggettabilità al fallimento ; in sostanza, si tratta di una sorta di autocertificazione circa il possesso o meno dei requisiti di fallibilità che la il soggetto fallendo dovrebbe fornire ; l'iniziativa appare sicuramente apprezzabile anche se va evidenziato che, per la ipotesi in cui il debitore fornisca dati non veritieri ed il creditore non risulti in grado di provare appunto la veridicità degli stessi, potrebbe esservi il rischio che il fallendo eviti la declaratoria di fallimento, anche se il rischio in questione in parte dovrebbe essere evitato atteso che nello schema di convocazione del fallendo è previsto l'ordine alla cancelleria di richiedere informazioni all'inps ed alla Agenzia delle Entrate, proprio al fine di evitare o quantomeno limitare i rischi derivanti da dichiarazioni non veritiere, mediante il confronto tra i dati eventualmente forniti dal fallendo e quelli trasmessi dai predetti enti ; tale richiesta di informazione appare un evidente ipotesi di esercizio di poteri istruttori d'ufficio in direzione della prova circa la esistenza o meno dei presupposti di cui all'art. 1 L.F., in controtendenza con quanto affermato da Corte Appello Milano, (vedi paragrafo 3.1., punto O). Sotto il quarto profilo, si osservi come sia scomparso ogni e qualsiasi riferimento al <piccolo imprenditore> La soppressione di tale riferimento, che la riforma del 2006 non aveva voluto e/o saputo eliminare, non può che giovare ai fini pratici ed applicativi, eliminando ogni incertezza dovuta alla coesistenza di disposizioni normative diverse quella speciale del fallimento e quella generale codicistica - alla luce delle quali individuare la figura in questione ed ai conseguenti contrasti giurisprudenziali sulla normativa applicabile, mentre nulla appare cambiato per gli imprenditori agricoli, i quali continuano ad essere esclusi dal fallimento. 3. Considerazioni finali Alla luce della evoluzione dell'art. 1 L.F. come sopra brevemente illustrata, l'area soggettiva di fallibilità, originariamente molto ampia(si pensi solo al fatto che, fino al , anche le società commerciali di dimensioni ridottissime e di conseguente altrettanto ridotta importanza dal punto di vista economico e del mercato - poiché non erano qualificabili <piccolo imprenditore> stante la espressa esclusione da tale categoria delle società commerciali, prevista dall'art.1, comma 2 L.F., potevano fallire, anche se tale previsione aveva dato luogo a censure di incostituzionalità, ripetutamente respinte dalla Consulta con sentenze n. 54/91 ; 266/94 e 490/94, nelle quali la Corte Costituzionale aveva ribadito la legittimità di una disciplina differenziata per il piccolo imprenditore individuale e la piccola società commerciale, pur mettendo in evidenza che doveva ritenersi di ben poca utilità sottoporre ad una procedura quale quella fallimentare soggetti che, appunto per le loro ridotte dimensioni, avevano dal punto di vista economico poca importanza anche nella fase del loro default) è stata prima significativamente ristretta con la riforma del 2006( si pensi per esempio al fatto che anche le società commerciali, se al di sotto dei due limiti dimensionali come fissati dalla norma nella sua rinnovata formulazione, non erano

9 più assoggettabili al fallimento) il cui scopo dichiarato era appunto quello di ridurre il novero delle imprese assoggettabili al fallimento e conseguentemente del contenzioso(per le finalità evidenziate dalla relazione illustrativa di cui si è detto molto brevemente in precedenza)e poi nuovamente ampliata con il correttivo di settembre 2007(in quanto già nel breve periodo di un anno dalla entrata in vigore della novella del 2006 si è avuto modo di riscontrare, di f atto, un drastico calo delle domande di fallimento, e conseguentemente delle pronunzie di fallimento ; addirittura, come segnalato dal Tribunale di Milano e riportato sul periodico Italia Oggi, al il calo delle domande fallimentari e delle correlate declaratorie, rispetto al 2006, aveva raggiunto il 50% ). Il passo indietro operato con il correttivo del 2007 trova la sua giustificazione nella presa di cognizione che la riforma del 2006, in realtà, aveva prodotto più danni che benefici, sotto differenti aspetti. Infatti, per un verso, si è sensibilmente ridotta la funzione delle procedure concorsuali come efficace strumento di tutela dei creditori, che sono stati indubbiamente danneggiati dalla esclusione dal fallimento di imprese ed imprenditori anche di dimensioni non certo trascurabili con altrettanto significativa massa di debiti contratti - il cui permanere sul mercato nonostante il loro evidente stato di insolvenza era fonte di danni sia per i creditori sia per l'economia in generale ; e del resto, il calo delle istanze di fallimento presentate testimonia, oltre che la indubbia riduzione del novero dei soggetti fallibili, un'altrettanto evidente sfiducia dei creditori nel ricorso a tale strumento per tutelare le proprie ragioni. Per altro verso, il contenzioso civile in termini di esecuzioni mobiliari aveva subito un rilevante aumento, anche se l'aumento in questione certo non poteva dirsi avesse prodotto migliori risultati in termini di tutela degli interessi del ceto creditorio, sia in quanto la durata delle procedure esecutive non poteva dirsi così tanto inferiore rispetto a quella delle procedure fallimentari, sia in quanto comunque l'esecuzione individuale civile indubbiamente si appalesa meno efficace, per le note ragioni, in termini di tutela del creditore precedente, anche a seguito della riforma delle esecuzioni posta in essere nel In conclusione, ad oggi, sono ben tre le normative che regolamentano i presupposti per la dichiarazione di fallimento, ovvero : I) L'art. 1 del R.D n. 267 riguarda tutti i fallimenti dichiarati sino al , e tutt'ora aperti ; II) l'art. 1 come introdotto e modificato con il D.LGS n. 5, applicabile alle procedure aperte dopo il ; III) il nuovo testo normativo dell'art. 1 L.F. introdotto dal correttivo 2007, in vigore dal ma applicabile anche ai giudizi per la dichiarazione di fallimento che a tale data siano ancora pendenti. Tale cumulo di disposizioni normative(aggravato dalla previsione residuale di ipotesi di immediata applicabilità di norme dettate dal correttivo) rende estremamente difficile il compito degli operatori pratici, chiamati a confrontarsi con disposizioni normative a volta sovrapponibili e di sicuro non agevoli da collegare in maniera coerente ed uniforme ai fini della loro applicazione, a maggiore ragione se si pensa che, tra una riforma e l'altra, sono intervenute ulteriori modifiche ad aspetti peculiari della disciplina(ed il pensiero corre alle significative innovazioni introdotte dal D.L. 35/2005 in materia di azione revocatoria e concordato preventivo) che, pur se non inerenti il tema peculiare della presente relazione, senza dubbio hanno creato ulteriori

10 problemi applicativi in una materia che non ne necessitava di certo. L'auspicio è che con il correttivo del 2007 gli obiettivi che il legislatore si è posto, ovvero estendere l'ambito dei soggetti fallibili ed, altresì, eliminare le incertezze interpretative ed applicative cui ha dato origine la riforma del 2006, possano essere raggiunti in maniera, se non agevole, quantomeno non problematica, anche se ovviamente occorrerà attendere la verifica dei casi concreti per saggiare sul campo validità ed efficacia dell'intervento correttivo. A tale ultimo fine, riguardo l'applicazione della normativa di cui al correttivo, va segnalata una recente pronuncia del Tribunale di Salerno, datata che pur se resa in tema di concordato preventivo- appare pregevole e meritevole di menzione in quanto ha ritenuto applicabile anticipatamente la disciplina di cui al correttivo del 2007 per ragioni di opportunità negli interessi delle parti nonché sulla scorta di una interpretazione molto restrittiva dell'art. 22 del correttivo riguardante la disciplina transitoria e la sua applicabilità alle <procedure pendenti> con contestuale descrizione dei criteri in applicazione dei quali un concordato preventivo possa, vista la natura di tale procedura, definirsi <pendente>(la decisione in questione ha ritenuto che, per sua natura, il concordato preventivo non possa ritenersi pendente finchè non sia intervenuta la votazione dei creditori, di guisa che, anche se la relativa domanda era stata presentata nel 2007, dovendo verificarsi nel 2008 la votazione in questione, sarebbe risultato illogico applicare una normativa che il legislatore aveva espressamente voluto correggere, ove si fosse invece ritenuto che la pendenza della procedura dovesse ritenersi determinata sulla base della sola presentazione della relativa domanda). Avv. Gianluca Cascella - tratto da filodiritto

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

I presupposti soggettivi ed oggettivi della dichiarazione di fallimento

I presupposti soggettivi ed oggettivi della dichiarazione di fallimento COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Foschi Rag. Maria Grazia (responsabile) Artioli Rag. Nadia De Lillo Rag. Marfisa Vellani Dott. Rag. Claudio I presupposti soggettivi ed oggettivi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli

La società può tentare un risanamento della crisi se ritiene che tale crisi sia

La società può tentare un risanamento della crisi se ritiene che tale crisi sia R.D. 16 marzo 1942, n. 267 (G.U. 6-4-1942, n. 81). Disciplina del fallimento, del concordato preventivo, dell amministrazione controllata (1) e della liquidazione coatta amministrativa (1) Il riferimento

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

Rispetto alla disciplina precedente, l azione revocatoria è ora caratterizzata:

Rispetto alla disciplina precedente, l azione revocatoria è ora caratterizzata: LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE di Giuseppe Rebecca, Studio Rebecca & Associati di Vicenza Introduzione La nuova azione revocatoria delle rimesse bancarie è disciplinata da due articoli della

Dettagli

La crisi economica dell impresa ed il conseguente dissesto patrimoniale

La crisi economica dell impresa ed il conseguente dissesto patrimoniale R.D. 16 marzo 1942, n. 267 (G.U. 6-4-1942, n. 81). Disciplina del fallimento, del concordato preventivo, dell amministrazione controllata (1) e della liquidazione coatta amministrativa (1) Il riferimento

Dettagli

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Febbraio 2015 L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Paola Flora, Responsabile Servizio Consulenza e Compliance Fiscale UBI Banca, e Stefano Loconte, Professore a

Dettagli

Agenzia delle Entrate Risoluzione 28 marzo 2008, n.111/e

Agenzia delle Entrate Risoluzione 28 marzo 2008, n.111/e Agenzia delle Entrate Risoluzione 28 marzo 2008, n.111/e Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n.212 Reverse-charge - Interpretazione dell'art. 17, sesto comma, lett. a), del D.P.R. n.

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO

VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO A) GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE EX ARTICOLO 182-BIS DEL REGIO DECRETO DEL 1942 N.267 Generalità Una delle novità di maggior rilievo

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 354/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott.ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013 MONETARI entità e natura Gli interessi sono prestazioni pecuniarie accessorie, cioè che si aggiungono ad

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe Grillenzoni Rag. Silvana Lanzotti Dott. Gianluca Mastrantonio Dott. Gregorio

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 4/2013/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Raimondo POLLASTRINI Componente - 1 Ref. Laura d AMBROSIO Componente

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Per anni l Amministrazione Finanziaria ha mantenuto un atteggiamento assolutamente restrittivo nei confronti della cedibilità

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 di Giuseppina Mattiello Pubblicato il 14/09/2015 Il creditore

Dettagli

OMESSI VERSAMENTI IVA

OMESSI VERSAMENTI IVA OMESSI VERSAMENTI IVA Profili pratici e sviluppi giurisprudenziali a seguito della pronuncia della Corte Costituzionale n. 80/2014 in materia di omesso versamento Iva Normativa La disciplina dei reati

Dettagli

Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.)

Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.) Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.) Avv. Vittorio Lupoli 14 febbraio 2014 www.beplex.com II. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI EX ART. 182-BIS L. FALL. Sommario: 1.

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

Il privilegio relativo ai crediti per tributi degli enti locali. I nuovi orientamenti giurisprudenziali e la necessità di una novella al codice civile

Il privilegio relativo ai crediti per tributi degli enti locali. I nuovi orientamenti giurisprudenziali e la necessità di una novella al codice civile Il privilegio relativo ai crediti per tributi degli enti locali. I nuovi orientamenti giurisprudenziali e la necessità di una novella al codice civile di Giovanni Diquattro Sommario 1. Il quadro normativo

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

IL CASO.it 18 marzo 2006 1

IL CASO.it 18 marzo 2006 1 La rilevanza della distinzione tra conto scoperto e conto passivo nella nuova disciplina della revocatoria di rimesse in conto corrente bancario Brevi note 1. Premessa. Con specifico riferimento all azione

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

La gestione del credito Iva da parte del curatore fallimentare a cura di Ettore Trippitelli e Gianluca Festa

La gestione del credito Iva da parte del curatore fallimentare a cura di Ettore Trippitelli e Gianluca Festa Il Punto sull Iva La gestione del credito Iva da parte del curatore fallimentare a cura di Ettore Trippitelli e Gianluca Festa Considerazioni preliminari La questione dei crediti Iva nel fallimento ha

Dettagli

Accordi di ristrutturazione con intermediari finanziari e convenzione di moratoria A proposito dell art. 182

Accordi di ristrutturazione con intermediari finanziari e convenzione di moratoria A proposito dell art. 182 Accordi di ristrutturazione con intermediari finanziari e convenzione di moratoria A proposito dell art. 182 septies del D.L. 27 giugno 2015, n. 83, convertito con modificazioni dalla L. 6 agosto 2015

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 629/2007 proposto da: FALLIMENTO L.C. S.R.L., in persona

Dettagli

Indagini finanziarie senza limiti

Indagini finanziarie senza limiti Indagini finanziarie senza limiti Estendibili anche ai privati non titolari di partita IVA I dati e le notizie dei conti correnti bancari intestati al contribuente in proprio possono essere legittimante

Dettagli

La decisione risulta così motivata: a) la ratio dell'istituzione del Fondo speciale volo di cui alla L. 13/7/1965 n. 859, come modificata dalla L.

La decisione risulta così motivata: a) la ratio dell'istituzione del Fondo speciale volo di cui alla L. 13/7/1965 n. 859, come modificata dalla L. Contributi - Fondo volo - Carattere sostitutivo dell'assicurazione generale obbligatoria INPS - Diritto alla iscrizione per i piloti dipendenti di enti locali - Insussistenza. Corte di Appello di Trento

Dettagli

RESIDENZA FISCALE DELLE PERSONE GIURIDICHE

RESIDENZA FISCALE DELLE PERSONE GIURIDICHE RESIDENZA FISCALE DELLE PERSONE GIURIDICHE a cura del Prof. Sebastiano Maurizio Messina 20/10/2010 1 Residenza persone giuridiche in ambito fiscale Art.5, comma 3, TUIR Art.73, comma 3, TUIR 20/10/2010

Dettagli

Finanziaria 2005: la valenza presuntiva dei prelevamenti ingiustificati dai conti. correnti nell accertamento del reddito dei lavoratori autonomi

Finanziaria 2005: la valenza presuntiva dei prelevamenti ingiustificati dai conti. correnti nell accertamento del reddito dei lavoratori autonomi Finanziaria 2005: la valenza presuntiva dei prelevamenti ingiustificati dai conti correnti nell accertamento del reddito dei lavoratori autonomi di Giuseppe Marino, avvocato tributarista in Roma 1. Premessa.

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

LA FASE CHE PRECEDE IL FALLIMENTO: PRESUPPOSTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA E PROCEDIMENTO

LA FASE CHE PRECEDE IL FALLIMENTO: PRESUPPOSTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA E PROCEDIMENTO LA FASE CHE PRECEDE IL FALLIMENTO: PRESUPPOSTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA E PROCEDIMENTO di Mauro Vitiello Sommario. 1. L area della fallibilità - 2. Il presupposto oggettivo - 3. Il presupposto soggettivo

Dettagli

Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali. www.iusletter.com

Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali. www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali Settembre

Dettagli

La liquidazione coatta amministrativa delle cooperative Concorso tra fallimento e liquidazione coatta amministrativa Lo stato di insolvenza

La liquidazione coatta amministrativa delle cooperative Concorso tra fallimento e liquidazione coatta amministrativa Lo stato di insolvenza Le società cooperative: La liquidazione coatta amministrativa delle cooperative Concorso tra fallimento e liquidazione coatta amministrativa Lo stato di insolvenza Relazione di Barbara Daniele La revisione

Dettagli

Appello contro il decreto di approvazione o di reiezione del Concordatoù L appello è previsto e disciplinato dall art 183 LF che non è stato modificato dalla riforma. Esso stabilisce che: contro la sentenza

Dettagli

LA RELAZIONE DEL PROFESSIONISTA MODALITA E TECNICHE DI REDAZIONE (art. 161, secondo comma, L.F.) Dr. Aldo Campagnola

LA RELAZIONE DEL PROFESSIONISTA MODALITA E TECNICHE DI REDAZIONE (art. 161, secondo comma, L.F.) Dr. Aldo Campagnola ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI NAPOLI COMMISSIONE DI STUDIO DI DIRITTO FALLIMENTARE SEMINARIO DI STUDI DEL 21 APRILE 2010 Il concordato preventivo ed il ruolo del professionista

Dettagli

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci Periodico informativo n. 20/2011 Finanziamento soci Gentile cliente, alla luce delle difficoltà finanziarie che stanno attraversando in questo periodo le imprese, sovente per garantire il funzionamento

Dettagli

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari Settembre 2010 Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari (risposta fornita a un associazione di categoria)

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

Factoring Tour: Bologna

Factoring Tour: Bologna Factoring Tour: Bologna Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa LA CESSIONE DEI CREDITI IVA Intervento di Massimo Lupi, avvocato del Foro di Milano STUDIO LEGALE Lupi

Dettagli

La gestione e la cessione del credito iva nel fallimento

La gestione e la cessione del credito iva nel fallimento La gestione e la cessione del credito iva nel fallimento Teramo 12 dicembre 2008 L impatto fiscale nella riforma fallimentare Difficoltà interpretative e di coordinamento tra normativa concorsuale e normativa

Dettagli

Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002

Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002 Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002 OGGETTO: Imposta di registro - agevolazioni fiscali prima casa - Cass. SS.UU. 6-21 ottobre 2000, n. 1196 - termine di decadenza triennale

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 81/2005/T La gestione delle somme in deposito ricevute dagli studi notarili: la fatturazione ed il momento di imputazione dei compensi al periodo d imposta Approvato

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni

Cassa depositi e prestiti società per azioni Direzione Finanziamenti Pubblici Roma, 22 luglio 2008 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1273 Oggetto: Revisione delle condizioni generali per l accesso al credito della gestione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Dalla DIA alla SCIA: le riforme e i problemi ancora aperti

Dalla DIA alla SCIA: le riforme e i problemi ancora aperti PON GAS FSE 2007 2013, Obiettivo Convergenza, Asse E - Capacità istituzionale Progetto: Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione Seminario Semplificazione dell azione amministrativa,

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE Gli effetti di una rottura coniugale, come è noto, sono numerosi e coinvolgono questioni psicologiche, affettive, mutamenti di stile, di vita, limitazioni

Dettagli

I RAPPORTI TRA LE MISURE DI PREVENZIONE PATRIMONIALI E LA PROCEDURA FALLIMENTARE NEL CODICE ANTIMAFIA

I RAPPORTI TRA LE MISURE DI PREVENZIONE PATRIMONIALI E LA PROCEDURA FALLIMENTARE NEL CODICE ANTIMAFIA I RAPPORTI TRA LE MISURE DI PREVENZIONE PATRIMONIALI E LA PROCEDURA FALLIMENTARE NEL CODICE ANTIMAFIA di Clelia Maltese, Magistrato Sommario: 1. La necessità della tutela dei terzi, la prevalenza della

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 34 I finanziamenti dei soci nella nuova società a responsabilità limitata

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 34 I finanziamenti dei soci nella nuova società a responsabilità limitata DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 34 I finanziamenti dei soci nella nuova società a responsabilità limitata luglio 2003 I FINANZIAMENTI DEI SOCI NELLA NUOVA SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA DOCUMENTO ARISTEIA

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 BIS L.F. a cura di Avv. Giuseppe de Filippo Avv. Elena Garda Art. 182 bis L.F. I comma L imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando

Dettagli

- 10.12.2008 28997 - - - P. M. - INPS.

- 10.12.2008 28997 - - - P. M. - INPS. Previdenza (Assicurazioni Sociali) - Contributi Assicurativi Soggetti Obbligati - In Genere - Società cooperative - Obbligo contributivo a carico della società - Soci lavoratori - Equiparazione ai lavoratori

Dettagli

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI

Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI SOMMARIO: 1. L' ingiustificatezza qualificata come via di accesso alla tutela reale. - 2. Le due ipotesi

Dettagli

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo.

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. Nota alla sentenza Cassazione, sez. I Civile, n. 11400 15 gennaio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter composto dai signori magistrati: Luigi Tosti Italo Volpe Maria Ada Russo Presidente

Dettagli

Fiscal News N. 133. Finanziamento e società in perdita. La circolare di aggiornamento professionale 07.05.2013. Premessa

Fiscal News N. 133. Finanziamento e società in perdita. La circolare di aggiornamento professionale 07.05.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 133 07.05.2013 Finanziamento e società in perdita Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nelle società di piccole dimensioni

Dettagli

Club Previdenza del 30 settembre 2013.

Club Previdenza del 30 settembre 2013. Club Previdenza del 30 settembre 2013. a) Gestione delle crisi aziendali: novità in materia di ammortizzatori sociali e dilazioni debiti in fase amministrativa. 1) Cigs aziende interessate alle procedure

Dettagli

EFFETTI PER I CREDITORI 105

EFFETTI PER I CREDITORI 105 EFFETTI PER I CREDITORI 105 Non vanno, ovviamente, riconosciuti al creditore chirografario interessi postfallimentari e si ritiene che non vadano riconosciuti, fino alla data di fallimento, gli interessi

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 Svolgimento del processo La Corte d appello di Trieste, con la sentenza indicata in epigrafe, ha confermato, riunendo i giudizi, le tre sentenze

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 299 08.11.2013 Comunicazione finanziamenti e apporti dei soci/familiari alla società La disciplina, il nuovo adempimento e soluzioni su come affrontare

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi. Il Silenzio della Pubblica Amministrazione.

Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi. Il Silenzio della Pubblica Amministrazione. Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi Il Silenzio della Pubblica Amministrazione. Il silenzio dell Amministrazione potrebbe essere la spia di un mal funzionamento della stessa, alla luce della

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DEL SINDACO UNICO NELLE S.R.L. ED I SUOI RIFLESSI NELLE SOCIETÀ COOPERATIVE

LA NUOVA DISCIPLINA DEL SINDACO UNICO NELLE S.R.L. ED I SUOI RIFLESSI NELLE SOCIETÀ COOPERATIVE Studio di Impresa n. 113-2012/I LA NUOVA DISCIPLINA DEL SINDACO UNICO NELLE S.R.L. ED I SUOI RIFLESSI NELLE SOCIETÀ COOPERATIVE Approvato dalla Commissione studi d Impresa il 13 aprile 2012 Approvato dal

Dettagli

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE BRUNO INZITARI INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE 1. Nelle operazioni di finanziamento che prevedono un piano di ammortamento, la restituzione del debito si realizza attraverso il pagamento

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata.

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata. Il decreto del Tribunale per i minorenni che provvede sul mantenimento dei figli naturali è titolo per iscrivere ipoteca. Commento al Decreto del Tribunale di Bologna del 29 giugno 2012. La legge n. 54/20006

Dettagli

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO Settembre 2014 INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO A proposito di ABF Napoli, n. 5318/2013 Massima. In ipotesi di estinzione anticipata di un rapporto di

Dettagli

Accertamento immobiliare: la rilevanza del fattore prezzo

Accertamento immobiliare: la rilevanza del fattore prezzo Approfondimenti e procedure Accertamento immobiliare: la rilevanza del fattore prezzo di Carlo Motta* e Luca Bilancini** La giurisprudenza più recente ha portato alla luce, ancora una volta, la problematica

Dettagli

Udito nella camera di consiglio del 24 ottobre 2001 il Giudice relatore Valerio Onida.

Udito nella camera di consiglio del 24 ottobre 2001 il Giudice relatore Valerio Onida. Sentenza del 19 dicembre 2001, n. 435 REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo italiano LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Cesare RUPERTO Presidente - Massimo VARI Giudice - Riccardo CHIEPPA

Dettagli

La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati

La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Il presupposto soggettivo dell azione revocatoria fallimentare 3.

Dettagli

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Indice Il mediatore creditizio ed il mondo imprenditoriale La riforma della legge fallimentare Il ciclo di vita dell impresa

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Con atto di citazione ritualmente notificato, il fallimento A s.r.l., in persona del curatore, dopo aver premesso che, con sentenza

Dettagli

Cass., 6 agosto 2010, n. 18437

Cass., 6 agosto 2010, n. 18437 Cass., 6 agosto 2010, n. 18437! Nel caso in cui all ammissione da parte del tribunale della domanda di concordato preventivo, proposta ai sensi dell art. 160 l.fall. - ratione temporis vigente, secondo

Dettagli

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.)

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.) La banca, al fine di ottenere la condanna al pagamento di un saldo di rapporto di conto corrente, è onerata della produzione non solo di tutti gli estratti conto dall'inizio del rapporto ma anche della

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Pensioni ai cittadini ultrasessantacinquenni sprovvisti di reddito Articolo26.

Pensioni ai cittadini ultrasessantacinquenni sprovvisti di reddito Articolo26. Legge 30 aprile1969 n. 153 Revisione degli ordinamenti pensionistici e norme in materia di sicurezza sociale. Disciplina del cumulo della pensione con la retribuzione (Stralcio) Articolo 20. [18]. Per

Dettagli

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Organo: CASSAZIONE CIVILE - SEZIONE VI LAVORO Numero atto: SENTENZA N. 18914 DEL 9 SETTEMBRE 2014 Sintesi : Il diritto

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

- che i contratti conclusi in violazione delle regole sulla competenza professionale sono nulli;

- che i contratti conclusi in violazione delle regole sulla competenza professionale sono nulli; CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 30 agosto 2013, n. 19989 Svolgimento del processo Con citazione del 6/6/1992 De L. D. proponeva opposizione al decreto ingiuntivo con il quale gli era stato ingiunto di pagare

Dettagli

Visto l atto di intervento del Presidente del Consiglio dei ministri;

Visto l atto di intervento del Presidente del Consiglio dei ministri; Sentenza 228/2014 Giudizio Presidente CASSESE - Redattore CORAGGIO Camera di Consiglio del 11/06/2014 Decisione del 24/09/2014 Deposito del 06/10/2014 Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 32, c.

Dettagli

NOTE SULLE IMPLICAZIONI PENALISTICHE DELLA NUOVA DISCIPLINA DEI FINANZIAMENTI DEI SOCI ALLE IMPRESE IN CRISI. Astolfo DI AMATO

NOTE SULLE IMPLICAZIONI PENALISTICHE DELLA NUOVA DISCIPLINA DEI FINANZIAMENTI DEI SOCI ALLE IMPRESE IN CRISI. Astolfo DI AMATO NOTE SULLE IMPLICAZIONI PENALISTICHE DELLA NUOVA DISCIPLINA DEI FINANZIAMENTI DEI SOCI ALLE IMPRESE IN CRISI Astolfo DI AMATO Sommario - 1. La mancata riforma dei reati fallimentari; 2. La riforma implicita

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO

IL CONCORDATO PREVENTIVO GIOVANNI LO CASCIO IL CONCORDATO PREVENTIVO SESTA EDIZIONE V \ MILANO - DOTT. A. GIUFFRfe EDITORE - 2007 INDICE Prefazione. CAPITOLO I IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO 1. Evoluzione del sistema normativo

Dettagli

Abolizione della tassa sui contratti di borsa

Abolizione della tassa sui contratti di borsa IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 1 DEL 16 GENNAIO 2008 Abolizione della tassa sui contratti di borsa PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 (art. 37) Circolare 28 dicembre 2007,

Dettagli

Ai COMUNI. All Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) ROMA. e, p.c.: All Agenzia delle Entrate CIRCOLARE N.3 /DPF. Roma, 3 maggio 2002

Ai COMUNI. All Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) ROMA. e, p.c.: All Agenzia delle Entrate CIRCOLARE N.3 /DPF. Roma, 3 maggio 2002 CIRCOLARE N.3 /DPF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Roma, 3 maggio 2002 DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI UFFICIO FEDERALISMO FISCALE Area I Reparto V Prot. 14725 /2002/DPF/UFF Ai COMUNI LORO

Dettagli

Inps - Circolare 15.7.2008, n. 74

Inps - Circolare 15.7.2008, n. 74 Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto: le istruzioni dell Inps Antonino Cannioto Esperto in materia previdenziale Giuseppe Maccarone Consulente del lavoro in Roma Apocopiùdiunannodallacircolaren.53/2007,

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI PERDITA SUI CREDITI

NOVITA IN MATERIA DI PERDITA SUI CREDITI NOVITA IN MATERIA DI PERDITA SUI CREDITI Come noto la crisi economica che da parecchi anni affligge il nostro paese ha costretto molti imprenditori a rinunciare all attività di recupero dei crediti, tenuto

Dettagli