Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attacchi informatici: gli strumenti di tutela"

Transcript

1 SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico Accade frequentemente che ci venga chiesto come procedere nel caso in cui si subisse un attacco informatico: naturalmente non da un punto di vista tecnico, ma giuridico. Vorremmo qui prendere in considerazione gli artt. 615-ter, 615-quinquies, 635-bis e 640-ter del Codice Penale, che più concretamente possono configurare ipotesi di attacco nell accezione più comunemente usata: art. 615-ter - Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico 1 : è punito chiunque abusivamente si introduca in un sistema informatico o telematico protetto da misure di sicurezza ovvero vi si mantenga contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo. 1 Art. 615-ter Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico Chiunque abusivamente si introduce in un sistema informatico o telematico protetto da misure di sicurezza ovvero vi si mantiene contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo, è punito con la reclusione fino a tre anni. La pena è della reclusione da uno a cinque anni: 1) se il fatto è commesso da un pubblico ufficiale o da un incaricato di un pubblico servizio, con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti alla funzione o al servizio, o da chi esercita anche abusivamente la professione di investigatore privato, o con abuso della qualità di operatore del sistema; 2) se il colpevole per commettere il fatto usa violenza sulle cose o alle persone, ovvero se è palesamente armato; 3) se dal fatto deriva la distruzione o il danneggiamento del sistema o l'interruzione totale o parziale del suo funzionamento, ovvero la distruzione o il danneggiamento dei dati, delle informazioni o dei programmi in esso contenuti. Qualora i fatti di cui ai commi primo e secondo riguardino sistemi informatici o telematici di interesse militare o relativi all'ordine pubblico o alla sicurezza pubblica o alla sanità o alla protezione civile o comunque di interesse pubblico, la pena è, rispettivamente, della reclusione da uno a cinque anni e da tre a otto anni. Nel caso previsto dal primo comma il delitto è punibile a querela della persona offesa; negli altri casi si procede d'ufficio.

2 art. 615-quinquies - Diffusione di programmi diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico 2 : è punito chiunque diffonda, comunichi o consegni un programma informatico da lui stesso o da altri redatto, avente per scopo o per effetto il danneggiamento di un sistema informatico o telematico, dei dati o dei programmi un esso contenuti o a esso pertinenti, ovvero l'interruzione, totale o parziale, o l'alterazione del suo funzionamento. art. 635-bis Danneggiamento di sistemi informatici e telematici 3 : è punito chiunque distrugga, deteriori o renda, in tutto o in parte, inservibili sistemi informatici o telematici altrui, ovvero programmi, informazioni o dati altrui. Art. 640 Frode informatica 4 : è punito chiunque, alterando in qualsiasi modo il funzionamento di un sistema informatico o telematico o intervenendo senza diritto con qualsiasi modalità su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o telematico o ad esso pertinenti, procuri a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno. La procedibilità su querela o d ufficio La procedibilità di questi, oltre che di tutti i restanti reati informatici, è a querela della persona offesa oppure d ufficio. Il diritto di querela spetta ad ogni persona offesa da un reato per cui non debba procedersi d ufficio, su istanza o su richiesta (art. 120 c.p.). Tralasciamo le ultime due ipotesi, residuali, e vediamo cos è la procedibilità d ufficio. 2 Art. 615-quinquies Diffusione di programmi diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico Chiunque diffonde, comunica o consegna un programma informatico da lui stesso o da altri redatto, avente per scopo o per effetto il danneggiamento di un sistema informatico o telematico, dei dati o dei programmi in esso contenuti o ad esso pertinenti, ovvero l'interruzione, totale o parziale, o l'alterazione del suo funzionamento, è punito con la reclusione sino a due anni e con la multa sino a lire venti milioni. 3 Art. 635-bis. Danneggiamento di sistemi informatici e telematici Chiunque distrugge, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili sistemi informatici o telematici altrui, ovvero programmi, informazioni o dati altrui, è punito, salvo che il fatto costituisca più grave reato, con la reclusione da sei mesi a tre anni. Se ricorre una o più delle circostanze di cui al secondo comma dell'articolo 635, ovvero se il fatto è commesso con abuso della qualità di operatore del sistema, la pena è della reclusione da uno a quattro anni. 4 Art. 640-ter. Frode informatica Chiunque, alterando in qualsiasi modo il funzionamento di un sistema informatico o telematico o intervenendo senza diritto con qualsiasi modalità su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o telematico o ad esso pertinenti, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da lire centomila a due milioni. La pena è della reclusione da uno a cinque anni e della multa da lire seicentomila a tre milioni se ricorre una delle circostanze previste dal numero 1) del secondo comma dell'articolo 640, ovvero se il fatto è commesso con abuso della qualità di operatore del sistema. Il delitto è punibile a querela della persona offesa, salvo che ricorra taluna delle circostanze di cui al secondo comma o un'altra circostanza aggravante.

3 Ai sensi dell art. 50 del c.p.p., l azione penale è esercitata dal Pubblico Ministero quando non sussistono i presupposti per la richiesta di archiviazione. E obbligatoria, ai sensi dell art. 112 della Costituzione. E esercitata d ufficio quando non è necessaria la querela, l istanza, la richiesta o l autorizzazione a procedere. Quindi: per le ipotesi di reato per le quali è necessaria la querela, la persona che ha subito un reato, o il suo legale rappresentante, deve manifestare la volontà che si proceda in ordine ad un fatto previsto dalla legge come reato non perseguibile d ufficio (art. 336 c.p.p.). Per le ipotesi di reato perseguibili d ufficio, la querela non è necessaria (ma la persona offesa dal reato può sporgere denuncia). Il Pubblico Ministero che conoscerà un fatto di reato o supposto tale, su denuncia di privati o o perché semplicemente apprenderà la notizia di reato da altre fonti, dovrà, salvo richiesta di archiviazione, procedere con l azione penale. La querela: contenuto e modalità di presentazione La presentazione della dichiarazione di querela può essere proposta personalmente o a mezzo di procuratore speciale, al pubblico ministero, ad un ufficiale di polizia giudiziaria ovvero ad un agente consolare all estero; la dichiarazione di querela può anche essere recapitata da un incaricato o spedita per posta. La querela può essere presentata in forma orale o in forma scritta. Se è proposta oralmente, il verbale redatto dal ricevente deve essere sottoscritto dal querelante o dal procuratore speciale. Nella dichiarazione è sufficiente che, oltre alla descrizione del fatto-reato, risulti la chiara manifestazione di volontà del querelante affinché si proceda in ordine al fatto e se ne punisca il colpevole. Il termine per proporre la querela è di 3 mesi dal giorno della notizia del fatto-reato (art.124 C.P.). Al diritto di querela si può rinunciare, in maniera espressa o tacita, prima di averlo esercitato (art. 339 c.p.p.). Inoltre, dopo aver proposto validamente una querela, la si può revocare, dando luogo così all estinzione del reato (art.152 C.P.). La remissione di querela può essere fatta personalmente o a mezzo di procuratore speciale; può essere espressa (dichiarazione - scritta o orale - all autorità che procede o ad un ufficiale di polizia giudiziaria che gliela trasmette immediatamente ) o tacita, e cioè consistere in fatti oggettivi univoci, incompatibili con la volontà di persistere nella querela.

4 La remissione di querela deve essere accettata dalla persona querelata (art.155 C.P.), che può avere interesse a vedere dimostrata, con il processo, la propria innocenza. Se il querelato rifiuta, espressamente o tacitamente la remissione, questa non ha effetto. Una eccezione alla revocabilità è prevista per alcune ipotesi di violenza sessuale o di atti sessuali con minorenne, perseguibili a querela di parte; in questi casi la querela, una volta proposta, diventa irrevocabile. Cosa è la denuncia La denuncia è un atto con il quale ogni persona che abbia notizia di un reato perseguibile d ufficio informa il pubblico ministero o un ufficiale di polizia giudiziaria. Non sussiste un obbligo di denuncia generalizzato. La denuncia può essere presentata sia dai privati che da pubblici ufficiali e incaricati di pubblico servizio. Per la denuncia da parte di privati (art. 333 c.p.p.) non è previsto un contenuto formale tipico: è sufficiente l esposizione dei fatti da parte del cittadino al pubblico ministero o all ufficiale di polizia giudiziaria che la riceve. La denuncia può essere presentata oralmente o per iscritto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale. Nel primo caso chi la riceve redige un apposito verbale, di cui il denunciante può richiedere copia; nel secondo caso la denuncia è sottoscritta personalmente dal denunciante o da un suo procuratore speciale e si ha diritto ad ottenere attestazione della ricezione. L atto viene presentato o redatto nei diversi uffici delle Forze dell Ordine (Questure, Commissariati di P.S., Compagnie e Stazioni dell Arma dei Carabinieri ecc.). La denuncia da parte dei privati è obbligatoria solo nei seguenti casi: per il cittadino che abbia avuto notizia di un delitto contro la personalità dello Stato per il quale la legge preveda la pena dell ergastolo (art.364 C.P.); per chiunque abbia ricevuto in buona fede monete contraffatte o alterate e si accorga della loro contraffazione (art.694 C.P.); per chiunque abbia ricevuto denaro o acquistato o comunque ricevuto cose provenienti da delitto senza conoscerne o sospettarne la provenienza (art.709 C.P.); per chi abbia notizia che nel luogo da lui abitato si trovano materie esplodenti (art.679 C.P.) o rinvenga esplosivi di qualunque natura o venga a conoscenza di depositi o di rinvenimenti di esplosivi (art.20 co.6 L.18/4/1975, n. 110);

5 per chi abbia subito il furto o sia incorso nello smarrimento di armi, parti di esse o esplosivi di qualunque natura (art.20 co.3 L.110/1975). Chiunque rinvenga un arma o parte di essa è tenuto ad effettuarne il deposito presso l Autorità locale di Pubblica Sicurezza o al più vicino Comando dei Carabinieri; per i rappresentanti di enti sportivi che, nell esercizio o a causa delle loro funzioni, hanno avuto notizia di frodi in competizioni sportive. Brevi cenni sull esposto Per completare questa breve analisi degli strumenti a disposizione per rispondere ad un attacco informatico parliamo dell esposto, che in realtà è un mezzo di conciliazione. L esposto non è altro che una richiesta di intervento dell Autorità di P.S. presentato dalle parti in contesa o da una di esse in caso di dissidi privati. Sono Ufficiali di P.S gli appartenenti al ruolo dei dirigenti e dei commissari della Polizia di Stato e gli Ufficiali dell Arma dei Carabinieri. Dopo la richiesta di intervento le parti vengono invitate a comparire entro un termine congruo per il tentativo di conciliazione. L Ufficiale di P.S. chiarisce le questioni di fatto ed i principi di diritto senza imporre il suo giudizio e può adottare provvedimenti conservativi per la soddisfazione delle parti o per prevenire eventuali incidenti. Del procedimento si prende nota negli atti d ufficio e, se ritenuto necessario, si redige un verbale che viene firmato dalle parti e dall Ufficiale di P.S. e può essere prodotto in giudizio, con valore di scrittura privata riconosciuta. Affinché possa essere realizzata la composizione dei dissidi privati occorre, oltre alla volontà partecipativa delle parti, che non sia stato commesso alcun reato procedibile d ufficio, altrimenti l Ufficiale di P.S. deve trasmettere la notizia di reato all Autorità Giudiziaria. Per i delitti perseguibili a querela della persona offesa è consentito tentare la conciliazione; tale richiesta non pregiudica il successivo esercizio del diritto di querela. Daniela Rocca Consuelente legale Studio Genghini & Associati

6

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 Modificazioni ed integrazioni delle norme del codice penale e del codice di procedura penale in tema di criminalità informatica. La Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

Parte speciale Reati informatici

Parte speciale Reati informatici Parte speciale Reati informatici Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 L Amministratore delegato APPROVAZIONE Il Presidente del CdA STATO DEL DOCUMENTO Redazione Revisione Modifica

Dettagli

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI - PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI B.1. I reati di cui all art. 24 bis del D. Lgs. n. 231/2001 La legge 18 marzo 2008, n. 48, recante Ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/11 Sommario 1. Ambito

Dettagli

POLO Consulting INFORMATION SYSTEMS ENGINEERING PRIVACY CORPORATE CONSULTANTS

POLO Consulting INFORMATION SYSTEMS ENGINEERING PRIVACY CORPORATE CONSULTANTS IL CODICE PENALE E LA PRIVACY Questa è una raccolta, non esaustiva, degli articoli del Codice Penale inerenti la privacy e la frode informatica, aggiornata con le modifiche introdotte dalla Legge 48 del

Dettagli

Reati informatici. Elementi generali. Sentenza. Violenza sulle cose. Normativa di riferimento. Accesso abusivo a un sistema informatico 1/3

Reati informatici. Elementi generali. Sentenza. Violenza sulle cose. Normativa di riferimento. Accesso abusivo a un sistema informatico 1/3 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa) e/o detentive (es. reclusione). Reati informatici

Dettagli

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa)

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

PARTE SPECIALE DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI I DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

PARTE SPECIALE DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI I DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI PARTE SPECIALE DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI I DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI Energeko Gas Italia S.r.l. Versione 01 - Aggiornamento 01/2013 1 Sommario PARTE

Dettagli

Codice Penale. [...] LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO VII Dei delitti contro la fede pubblica. [...] Capo II

Codice Penale. [...] LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO VII Dei delitti contro la fede pubblica. [...] Capo II Codice Penale [...] LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO VII Dei delitti contro la fede pubblica [...] Capo II Della falsità in sigilli o strumenti o segni di autenticazione, certificazione

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE II I REATI INFORMATICI

PARTE SPECIALE SEZIONE II I REATI INFORMATICI PARTE SPECIALE SEZIONE II I REATI INFORMATICI INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.24-BIS DLGS. 231/2001 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO

Dettagli

I reati informatici. Note preliminari. Tipi di reati informatici. Norme penali e informatica. Violenza sulle cose. Legge sulla criminalità informatica

I reati informatici. Note preliminari. Tipi di reati informatici. Norme penali e informatica. Violenza sulle cose. Legge sulla criminalità informatica Note preliminari I reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto Lezione 7-8 giugno 2004 Claudia Cevenini Reato = illecito penale. Diritto penale = prevede la pena come conseguenza della violazione

Dettagli

Barbara Chiapusso, 2013. Dott.ssa Barbara Chiapusso Avv. Dott. Vladimiro Dario Gamba

Barbara Chiapusso, 2013. Dott.ssa Barbara Chiapusso Avv. Dott. Vladimiro Dario Gamba Dott.ssa Barbara Chiapusso Avv. Dott. Vladimiro Dario Gamba Presentazione della giornata Analizzeremo: Relazioni esistenti tra gli obblighi, a carico del dipendente, nei confronti dell istituzione e gli

Dettagli

Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA. EMAK s.p.a.

Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA. EMAK s.p.a. Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA EMAK s.p.a. con delibera del Consiglio di Amministrazione del 31Gennaio 2014 Parte Speciale H 1. I reati

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

Linux e la sicurezza Computer crimes e tutela della privacy

Linux e la sicurezza Computer crimes e tutela della privacy 1 Linux e la sicurezza LL.M. Master of Laws Dottore di ricerca g.gallus@tiscali.it Principali computer crimes secondo il codice penale (introdotti dalla L. 547/1993) Accesso abusivo a un sistema informatico

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 PROTOCOLLO DI COMPLIANCE 7 PREVENZIONE DAI REATI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI APPROVATO ED ADOTTATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Sicurezza delle reti e dei sistemi informativi:: accenni

Sicurezza delle reti e dei sistemi informativi:: accenni Operatore Informatico Giuridico Informatica Giuridica di Base A.A 2003/2004 I Semestre Sicurezza delle reti e dei sistemi informativi:: accenni prof. Monica Palmirani Definizione del problema Problema

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO "Digital forensics: un terreno di incontro tra diritto e informatica" DIPARTIMENTO ELETTRONICA E INFORMAZIONE Sala Seminari, 19 maggio 2008 Normativa europea di riferimento: Consiglio

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX D.LGS. 231/01, CON RIFERIMENTI LEGISLATIVI E SANZIONI (Rev. 19 del 14/06/2015)

TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX D.LGS. 231/01, CON RIFERIMENTI LEGISLATIVI E SANZIONI (Rev. 19 del 14/06/2015) ART. (Malversazione a danno dello Stato o di altro ente pubblico) Chiunque, estraneo alla pubblica amministrazione, avendo ottenuto 24 dallo Stato o da altro ente pubblico o dalle Comunità europee contributi,

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

D. Lgs. 231/2001. Catalogo dei reati presupposto. aggiornato a agosto 2011. Riferimento d.lgs. 231/01

D. Lgs. 231/2001. Catalogo dei reati presupposto. aggiornato a agosto 2011. Riferimento d.lgs. 231/01 D. Lgs. 231/2001 Catalogo dei reati presupposto aggiornato a agosto 2011 Riferimento Art. 24 Art. 24 Art. 24 Art. 24 Art. 24 Art. 316-bis c.p. (Malversazione a danno dello Stato) Art. 316-ter c.p. (Indebita

Dettagli

FAMIGLIA DI REATI REATI INFORMATICI NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI

FAMIGLIA DI REATI REATI INFORMATICI NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI FAMIGLIA DI REATI REATI INFORMATICI NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI Il D.Lgs. 231/01 ha recepito con la Legge n. 48, art.7, del 18 marzo 2008, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 80 del 4 aprile 2008,

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

di Alice Grasso Avvocato in Padova Dottoranda di ricerca in diritto penale presso l Università degli

di Alice Grasso Avvocato in Padova Dottoranda di ricerca in diritto penale presso l Università degli L ANZIANO MALTRATTATO NEL CONTESTO FAMILIARE. OBBLIGHI E DOVERI DELL ASSISTENTE SOCIALE di Alice Grasso Avvocato in Padova Dottoranda di ricerca in diritto penale presso l Università degli Studi didip

Dettagli

La violazione del marchio

La violazione del marchio +39.06.97602592 La violazione del marchio Le Sanzioni previste in tema di marchi d impresa Le sanzioni comminate a seguito delle violazioni previste in tema di marchi sono disciplinate dal codice civile,

Dettagli

La normativa tecnica ETS 300-328-2 impone di non irradiare con una potenza E.I.R.P. superiore ai 100 mw (equivalente a 20 dbm).

La normativa tecnica ETS 300-328-2 impone di non irradiare con una potenza E.I.R.P. superiore ai 100 mw (equivalente a 20 dbm). Viene definito come Radio Local Area Network (di seguito denominate Radio LAN" o R-LAN ) un sistema di comunicazioni in rete locale mediante radiofrequenze che utilizza apparati a corto raggio secondo

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 PARTE SPECIALE H DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Indice dei quesiti di diritto Penale per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario. Da 300 a 399 Liv. N.

Indice dei quesiti di diritto Penale per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario. Da 300 a 399 Liv. N. 300 Nel concorso di più persone nel reato, la rinuncia al diritto di querela da parte di colui al quale ne spetta l'esercizio, si estende a tutti i concorrenti? 301 Il diritto di querela può esercitarsi

Dettagli

Commento al D.lgs. n.7 del 15 gennaio 2016 Disposizioni in materia di abrogazione di reati e introduzione di illeciti con sanzioni pecuniarie civili.

Commento al D.lgs. n.7 del 15 gennaio 2016 Disposizioni in materia di abrogazione di reati e introduzione di illeciti con sanzioni pecuniarie civili. Commento al D.lgs. n.7 del 15 gennaio 2016 Disposizioni in materia di abrogazione di reati e introduzione di illeciti con sanzioni pecuniarie civili. Com è noto la Legge 28 aprile 2014 n. 67 delegava il

Dettagli

TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01, CON RIFERIMENTI LEGISLATIVI E SANZIONI

TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01, CON RIFERIMENTI LEGISLATIVI E SANZIONI (Malversazione a danno dello Stato o di altro ente pubblico) Chiunque, estraneo alla pubblica amministrazione, avendo ottenuto dallo Stato o da altro ente pubblico o dalle Comunità europee contributi,

Dettagli

Rev. Oggetto Approvazione Data 00 Allegato 1 Reati ex D.Lgs. 231/01 CdA

Rev. Oggetto Approvazione Data 00 Allegato 1 Reati ex D.Lgs. 231/01 CdA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo D.Lgs. 231/01 ALLEGATO 1 REATI EX D.LGS 231/01 Rev. Oggetto Approvazione Data 00 Allegato 1 Reati ex D.Lgs. 231/01 CdA SOMMARIO PREMESSA... 6 1. SOGGETTI...

Dettagli

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo.

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo. Direzione Ordine di servizio n 131/C Firenze, 31/07/2004 Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo Loro sedi Oggetto: Legge 20/07/2004 n. 189. Disposizioni concernenti il divieto

Dettagli

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali Art. 544-bis Uccisione di animali Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona

Dettagli

SIAE Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Allegato 1

SIAE Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Allegato 1 SIAE Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Allegato 1 I REATI E GLI ILLECITI AMMINISTRATIVI RILEVANTI AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 231/2001 INDICE A. REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE...

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012 . PROT. 8 Pag 1/7 PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI E DEL TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI, PER LA PREVENZIONE DEI DELITTI IN MATERIA DI VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE E DEI DELITTI CONTRO

Dettagli

REATI PRESUPPOSTO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IL PATRIMONIO (ARTT. 24 E 25)

REATI PRESUPPOSTO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IL PATRIMONIO (ARTT. 24 E 25) REATI PRESUPPOSTO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IL PATRIMONIO (ARTT. 24 E 25) Malversazione a danno dello Stato o dell Unione Europea (art. 316-bis c.p.): vi incorre chiunque, estraneo alla

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE B REATI INFORMATICI

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE B REATI INFORMATICI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE B REATI INFORMATICI 1 IL RISCHIO SPECIFICO DEI DELITTI INFORMATICI (ART.

Dettagli

PARTE SPECIALE G REATI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI

PARTE SPECIALE G REATI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI PARTE SPECIALE G REATI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI 1 PARTE SPECIALE G REATI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI 7.1 Le fattispecie dei delitti informatici richiamate dal d.lgs.

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Novembre 2014 Approvata dall OdV del: 27/11/2014 Approvata dal CdA del: 27/11/2014 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Novembre 2014 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO...

Dettagli

Qualità e sicurezza. Anomalie

Qualità e sicurezza. Anomalie Qualità e sicurezza I requisiti di qualità e sicurezza sono contigui: i primi determinano l efficacia dei processi in condizioni di esercizio ordinario i secondi assicurano il raggiungimento dei risultati

Dettagli

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Aspetti specifici della deontologia Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Programma Il segreto professionale, la testimonianza, l obbligo di denuncia/referto

Dettagli

Catalogo degli illeciti amministrativi e dei reati presupposto della responsabilità degli enti (decreto legislativo 8 giugno 2001, n.

Catalogo degli illeciti amministrativi e dei reati presupposto della responsabilità degli enti (decreto legislativo 8 giugno 2001, n. Catalogo degli illeciti amministrativi e dei reati presupposto della responsabilità degli enti ( 8 giugno 2001, n. 231) aggiornato al 31 marzo 2011 Articolo 24 Articolo 24 Articolo 24 Articolo 24 Articolo

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01 Parte Speciale 5

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01 Parte Speciale 5 Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01 Parte Speciale 5 Delitti informatici e trattamento illecito di dati (articolo 24-bis) Indice 1. LE FATTISPECIE DI REATO EX ART.

Dettagli

Ikea Italia Retail S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE. Allegato 1 Elenco dei Reati

Ikea Italia Retail S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE. Allegato 1 Elenco dei Reati Ikea Italia Retail S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 Allegato 1 Elenco dei Reati Aggiornamento Novembre 2013 1 Reati contro la Pubblica

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE MOG parte I 1 di 5 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE MOG parte I PARTE I 2 di 5 Disposizioni generali 1. Adozione, attuazione, aggiornamento, diffusione 1.1. Il sistema organizzativo e gestionale della

Dettagli

LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66. NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1.

LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66. NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1. LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66 NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1. 1. Il capo I del Titolo IX del libro secondo e gli articoli 530,

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO 1 AUTOSTRADA BRESCIA VERONA VICENZA PADOVA S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto Legislativo

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 di Chiara Assicurazioni Versione del: Settembre 2012 Approvata dall OdV del: 18/09/2012 Approvata dal CdA del: 24/09/2012 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Settembre

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5668 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Modifiche agli articoli 624, 624-bis e 625 del codice penale, concernenti le pene

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13;

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13; Direzione generale Direzione centrale risorse umane Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza Circolare n. 64 Roma, 28 luglio 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO (ALLEGATO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DAL FONDO FOR.TE. AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, n. 231) INDICE 1. PREMESSA... 3 2.

Dettagli

REATI INFORMATICI Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico

REATI INFORMATICI Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico REATI INFORMATICI Le reti telematiche non sono spazi virtuali senza regole, sottoposti ad una sorta di extraterritorialità: le norme che ne regolamentano il funzionamento sono, infatti, sempre più numerose.

Dettagli

I reati informatici (appunti) Maggio 2010

I reati informatici (appunti) Maggio 2010 Massimo Farina I reati informatici (appunti) Maggio 2010 Diritti d autore: la presente opera è realizzata esclusivamente per finalità didattiche nell ambito degli insegnamenti di Informatica Giuridica

Dettagli

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l. IL 30/06/2009 PARTE SPECIALE C 1.1

Dettagli

Codice Penale art. 437

Codice Penale art. 437 Codice Penale art. 437 TITOLO VI Dei delitti contro l'incolumità pubblica Dei delitti di comune pericolo mediante violenza Rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro. [I]. Chiunque

Dettagli

url: http://www.medialaw.it/deontologia/codpen.htm Stralci del Codice penale Art. 57 Reati commessi col mezzo della stampa periodica

url: http://www.medialaw.it/deontologia/codpen.htm Stralci del Codice penale Art. 57 Reati commessi col mezzo della stampa periodica url: http://www.medialaw.it/deontologia/codpen.htm Stralci del Codice penale Art. 57 Reati commessi col mezzo della stampa periodica Salva la responsabilita' dell'autore della pubblicazione e fuori dei

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

ALLEGATO 1 REATI EX D.LGS 231/01

ALLEGATO 1 REATI EX D.LGS 231/01 Modello di Organizzazione Gestione e Controllo D.Lgs. 231/01 ALLEGATO 1 REATI EX D.LGS 231/01 Rev. Oggetto Approvazione Data 00 Allegato 1 Reati ex D.Lgs. 231/01 27 marzo 2013 01 Allegato 1 Reati ex D.Lgs.

Dettagli

I REATI RICHIAMATI DAL D. LGS. 231/01

I REATI RICHIAMATI DAL D. LGS. 231/01 Allegato n. 2 I REATI RICHIAMATI DAL D. LGS. 231/01 0 Art. 23 del D. Lgs. 231/01, Inosservanza delle sanzioni interdittive. Chiunque, nello svolgimento dell'attività dell'ente a cui è stata applicata una

Dettagli

PHILIPS S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ALLEGATO 1 I REATI E GLI ILLECITI ADOTTATO AI SENSI DEL D. LGS. 8 GIUGNO 2001, N.

PHILIPS S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ALLEGATO 1 I REATI E GLI ILLECITI ADOTTATO AI SENSI DEL D. LGS. 8 GIUGNO 2001, N. PHILIPS S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO AI SENSI DEL D. LGS. 8 GIUGNO 2001, N. 231 ALLEGATO 1 I REATI E GLI ILLECITI AMMINISTRATIVI RILEVANTI AI SENSI DEL D.LGS.231/01 Aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 in ata 26 Aprile 2006. La deliberazione ed il regolamento

Dettagli

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p.

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. Delitto contro la libertà morale. Delitto doloso che prevede la rappresentazione dell evento. L elemento soggettivo è la volontà della condotta e dell

Dettagli

Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p.

Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p. Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p. Art. 500 Diffusione di malattia degli animali Chiunque cagiona la diffusione di una malattia alle piante

Dettagli

I REATI INFORMATICI NELL ORDINAMENTO ITALIANO. Danilo Vizzarro info@danilovizzarro.it

I REATI INFORMATICI NELL ORDINAMENTO ITALIANO. Danilo Vizzarro info@danilovizzarro.it I REATI INFORMATICI NELL ORDINAMENTO ITALIANO Danilo Vizzarro info@danilovizzarro.it 15 Novembre 2006 INDICE 1 Indice 1 Il Computer Crime 2 1.1 Il Panorama Europeo....................... 2 1.2 Il Panorama

Dettagli

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE . DEONTOLOGIA PROFESSIONALE Moderna definizione della DEONTOLOGIA Strumento di informazione e guida permanente nell esercizio professionale, diretto sin dalla preparazione universitaria a realizzare una

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Ottobre 2015 Approvata dall OdV del: 5 novembre 2015 Approvata dal CdA del: 5 novembre 2015 1 di 57 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO... 3 1.1. ARTICOLO 24

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001. Allegato 1 Catalogo dei Reati e degli Illeciti Amministrativi

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001. Allegato 1 Catalogo dei Reati e degli Illeciti Amministrativi Pag. 1 di 62 INDICE Art. 24 - Reati commessi nei rapporti con la Pubblica Amministrazione... 2 Art. 24 bis - Delitti informatici e trattamento illecito di dati... 4 Art. 24 ter - Delitti di criminalità

Dettagli

Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria

Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria 1. Referto 2. Denuncia di reato REFERTO IL REFERTO E L ATTO SCRITTO CON IL QUALE L ESERCENTE UNA PROFESSIONE SANITARIA RIFERISCE ALL AUTORITA GIUDIZIARIA

Dettagli

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001)

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI WIND RETAIL S.R.L. AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 231/2001 Responsabilità amministrativa della Società - ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E

Dettagli

IL D.L. 93/2013: L IMPATTO IN AMBITO DI RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE PERSONE GIURIDICHE. (Avv. Andrea Milani)

IL D.L. 93/2013: L IMPATTO IN AMBITO DI RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE PERSONE GIURIDICHE. (Avv. Andrea Milani) IL D.L. 93/2013: L IMPATTO IN AMBITO DI RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE PERSONE GIURIDICHE (Avv. Andrea Milani) Il nostro prolifico legislatore, sempre particolarmente attivo in materia di dlgs. 231/01

Dettagli

ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D.

ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D. ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D. Lgs. 231/2001 1 INDICE Art. 24 Reati contro il patrimonio della Pubblica Amministrazione... 5 Truffa

Dettagli

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi PRIVACY ED INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2014 1 ART. 13 - L informativa all interessato L informativa deve contenere: - Finalità e modalità del trattamento; - Natura obbligatoria o meno;

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Maggio 2015 Approvata dall OdV del: 06/5/2015 Approvata dal CdA del: 07/5/2015 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Maggio 2015 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO...

Dettagli

Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili.

Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili. Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili. Da questo principio deriva, per tutti gli operatori sanitari,

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Aprile 2015 Approvata dall OdV del: 23/4/2015 Approvata dal CdA del: 07/5/2015 Pag. 1 Elenco Reati Versione dell Aprile 2015 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO...

Dettagli

APPENDICE. Articolo 24 decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231

APPENDICE. Articolo 24 decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 APPENDICE Documento di sintesi Parte generale del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo, ai sensi del D. Lgs. 231/2001, adottato da Sigma -Tau Finanziaria S.p.A. in data 17.7.2003 4^ versione

Dettagli

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA Gruppo Te.M.A. Territoriale Multidimensionale Abuso Il termine Abuso all Infanzia indica ogni forma di violenza fisica e psicologica ai danni

Dettagli

I REATI. ex D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231

I REATI. ex D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 I REATI ex D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 INDICE 1 INDEBITA PERCEZIONE DI EROGAZIONI, TRUFFA IN DANNO DELLO STATO O DI UN ENTE PUBBLICO O PER IL CONSEGUIMENTO DI EROGAZIONI PUBBLICHE E FRODE INFORMATICA

Dettagli

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Art. 32 quaterc.p. Casi nei quali alla condanna consegue la incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione. Testo previgente Ogni condanna per i

Dettagli

INAIL: Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL: Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Logo INAIL INAIL: Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Detiene le banche dati sugli infortuni sul lavoro e le malattie lavoro correlate Assicura i lavoratori contro gli

Dettagli

FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI

FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI Gli artt. 24 e 25 del Decreto introducono quali reati presupposto della responsabilità amministrativa dell Ente

Dettagli

PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA

PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA Energeko Gas Italia S.r.l. Versione 01 - Aggiornamento 01/2013 1 Sommario PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA... 1 1. I DELITTI DI CRIMINALITA

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Reati di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Approvato con determinazione

Dettagli

INADEMPIENZE LEGATE ALLA DATA DI SCADENZA: CASI DI SEQUESTRO LA SITUAZIONE EUROPEA

INADEMPIENZE LEGATE ALLA DATA DI SCADENZA: CASI DI SEQUESTRO LA SITUAZIONE EUROPEA INADEMPIENZE LEGATE ALLA DATA DI SCADENZA: CASI DI SEQUESTRO LA SITUAZIONE EUROPEA Prof. a c. avv. Gianclaudio Andreis Studio dell avvocato Andreis e Associati Torino Milano gianclaudio.andreis@andreiseassociati.it

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

I reati presupposto SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001. Avv. Massimiliano Lissi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

I reati presupposto SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001. Avv. Massimiliano Lissi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 I reati presupposto Avv. Massimiliano Lissi 1 8 novembre 2013 Artt. 24 e 25 d.lgs 231/2001: Reati

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Modello Organizzazione Gestione Controllo Il presente Manuale è stato redatto in conformità al Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Copia CONTROLLATA

Dettagli

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE FAMIGLIA DI REATI REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 10 della Legge 16 marzo 2006, n. 146 - "ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO FAMIGLIA DI REATI FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 25 bis disciplina le ipotesi in cui

Dettagli

SEZIONE SPECIFICA 1 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ED ALTRI REATI

SEZIONE SPECIFICA 1 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ED ALTRI REATI SEZIONE SPECIFICA 1 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ED ALTRI REATI INDICE Premessa... 3 1. Le fattispecie dei reati nei rapporti con la Pubblica Amministrazione (artt. 24 e 25 del D.Lgs.

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli