FORMA E CONTENUTO DEL BILANCIO DI ESERCIZIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORMA E CONTENUTO DEL BILANCIO DI ESERCIZIO"

Transcript

1 SOCIETA' DELLA SALUTE VALDARNO INFERIORE Sede legale: Castelfranco di Sotto (PI), Via Solferino n cap Capitale sociale: Euro ,00 interamente versato n di Codice Fiscale BILANCIO DI ESERCIZIO 31/12/2014 NOTA INTEGRATIVA (importi in euro) FORMA E CONTENUTO DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Signori Soci, il bilancio d esercizio chiuso al 31 dicembre 2014 è stato redatto, secondo quanto previsto dalla deliberazione della Giunta Regione Toscana n del Approvazione disposizioni varie in materia di contabilità delle Società della Salute, alla DGR n. 1343/2004 e, per quanto applicabile, alla normativa del codice civile modificata a seguito dell introduzione della riforma del diritto societario ai sensi del D.Lgs. del 17 gennaio 2003, n. 6 e successive modificazioni (Libro V, capo V, sezione IX). Esso è costituito dallo stato patrimoniale, dal conto economico e dalla presente nota integrativa (che, in base all'articolo 2423 del codice civile, costituisce parte integrante del bilancio stesso). Il Consorzio SdS Valdarno Inferiore nasce in forma sperimentale il sulla base delle indicazioni regionali di cui alla Delibera C.R.T. 155/2003. A seguito della Legge Regionale n. 60 del 10/11/2008 di modifica alla L.R. 40/2005 Disciplina del servizio sanitario regionale la SdS in data 10/02/2010 ha adeguato i propri atti 1

2 costitutivi (Statuto e Convenzione) alle nuove disposizioni legislative in particolare al Capo III bis dedicato esclusivamente alla Società della Salute. Dal 1 gennaio 2011 la SDS Valdarno Inferiore ha assunto la gestione dei servizi socioassistenziali e del fondo per la non autosufficienza Il bilancio dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2014 è redatto in unità di euro. Nella costruzione del bilancio sono state adottate le seguenti convenzioni di classificazione: a. le voci della sezione attiva dello Stato Patrimoniale sono state classificate in base alla relativa destinazione aziendale, mentre nella sezione del passivo le poste sono state classificate in funzione della loro origine per fonti di finanziamento. Con riferimento alle voci che richiedono la separata evidenza dei crediti e dei debiti esigibili entro, ovvero oltre, l esercizio successivo, si è seguito il criterio della esigibilità giuridica (negoziale o di legge), prescindendo da previsioni sulla effettiva possibilità di riscossione entro l esercizio successivo. b. il Conto Economico è stato compilato tenendo conto di tre distinti criteri di classificazione, e precisamente: la suddivisione dell intera area gestionale nelle quattro sub-aree identificate dallo schema di legge; il privilegio della natura dei costi rispetto alla loro destinazione; la necessità di dare corretto rilievo ai risultati intermedi della dinamica di formazione del risultato d esercizio. Le linee guida contabili per le SdS, approvate con D.G.R. 1265/2009, prevedono l impianto di un sistema informativo contabile che dia luogo ad un unico Bilancio Preventivo e d Esercizio, ma che consenta al tempo stesso di produrre in Nota Integrativa tre distinte contabilità separate: 1. Conto Economico dell attività sanitaria (al fine di assolvere al debito informativo nei confronti delle AASS modelli CE LA) 2. Conto Economico dell attività sociale (relativo alle attività sociali esercitate per conto dei Comuni) 3. Conto Economico del Fondo per la non Autosufficienza (al fine di ottemperare agli obblighi previsti dall art. 3 comma 3 della LRT 66/2008). In questa fase la SDS ha provveduto a produrre unicamente i conti economici di cui ai punti 2) e 3) non avendo la gestione delle risorse sanitarie. In relazione alla situazione contabile della SdS Valdarno Inferiore ed al bilancio che viene sottoposto alla Vostra approvazione, forniamo le informazioni e i dettagli esposti nei punti che seguono. 2

3 ATTIVITA SVOLTA La Società della Salute Valdarno Inferiore ha approvato il bilancio di previsione per l anno 2014, con deliberazione n. 27 del Secondo quanto previsto dalla deliberazione n. 30 del dell Assemblea dei Soci la Società della Salute nell anno 2014 ha gestito le attività connesse con il Fondo per la Non Autosufficienza, il Progetto Vita Indipendente, altri progetti finanziati a destinazione vincolata, i servizi sociali e socio-assistenziali istituzionalmente attribuiti dalla L. 328/2000 ai Comuni e che la L.R. n. 40/2005 e ss.mm. ha previsto come funzione delle Società della Salute. Pertanto, in linea con quanto indicato nel bilancio di previsione e nella nota integrativa al bilancio di previsione, nel bilancio di esercizio, del quale la presente nota costituisce parte integrante, sono stati registrati costi che attengono a tale gestione. Uno schema di raffronto tra il bilancio di previsione ed il bilancio d esercizio è stato riportato nella relazione sulla gestione oltre che in allegato alla presente nota integrativa (ALLEGATO A ). CRITERI DI VALUTAZIONE Le voci che compaiono nel bilancio sono state valutate seguendo i principi del codice civile. I principi seguiti nella redazione del bilancio sono quelli previsti dalla legge all'articolo 2423-bis del codice civile. La valutazione delle voci è stata fatta secondo prudenza e nella prospettiva della continuazione dell attività. Si è tenuto conto dei proventi e degli oneri di competenza dell esercizio, indipendentemente dalla data dell incasso o del pagamento. Si è tenuto conto dei rischi e delle perdite di competenza dell esercizio, anche se conosciuti dopo la chiusura di questo. Gli elementi eterogenei compresi nelle singole voci sono stati valutati separatamente. I criteri di valutazione non saranno modificati da un esercizio all altro se non per motivate ragioni indicate nella nota integrativa. Nella redazione del bilancio di esercizio sono stati seguiti i seguenti postulati: - prevalenza degli aspetti sostanziali su quelli formali; - comprensibilità (chiarezza); - neutralità; - periodicità della misurazione del risultato economico e del patrimonio aziendale; - comparabilità; - omogeneità; - significatività e rilevanza dei fatti economici ai fini della loro presentazione in bilancio; - verificabilità dell informazione. 3

4 Si è ritenuto opportuno riferirsi ai principi contabili per le aziende sanitarie della Regione Toscana (DG Reg del 20/12/2004), opportunamente adattati alle Società della Salute (DG Reg del 28/12/2009. L'applicazione del principio di prudenza ha comportato la valutazione individuale degli elementi componenti le singole poste o voci delle attività o passività, per evitare compensi tra perdite che dovevano essere riconosciute e profitti da non riconoscere in quanto non realizzati. In ottemperanza al principio di competenza, l'effetto delle operazioni e degli altri eventi è stato rilevato contabilmente ed attribuito all'esercizio al quale tali operazioni ed eventi si riferiscono, e non a quello in cui si concretizzano i relativi movimenti di numerario (incassi e pagamenti). In particolare, i criteri di valutazione adottati nella formazione del bilancio sono: Immobilizzazioni Immateriali Sono iscritte al costo di acquisto o di produzione, inclusi i costi accessori e l IVA in quanto non detraibile, ed esposte al netto degli ammortamenti effettuati nel corso degli esercizi e imputati direttamente alle singole voci. Le aliquote di ammortamento applicate sono conformi a quelle fissate dai nuovi principi contabili regionali, come di seguito indicato: Costi di impianto e di ampliamento 20% Diritti di brevetto e di utilizzazione delle opere di 20% ingegno Altre immobilizzazioni immateriali 20% Costi di ricerca e sviluppo 20% Materiali Sono iscritte al costo di acquisto o di produzione, inclusi i costi accessori e l IVA in quanto non detraibile, e rettificate dei corrispondenti fondi di ammortamento. Le aliquote di ammortamento applicate sono conformi a quelle fissate dai nuovi principi contabili regionali, come di seguito indicato: Fabbricati 3% Fabbricati ospedalieri 1,5% Impianti inseriti stabilmente nel fabbricato 3% Impianti inseriti stabilmente nel fabbricato ospedaliero 1,5% 4

5 Impianti e macchinari sanitari 12,5% Impianti e macchinari non sanitari 12,5% Attrezzature sanitarie alta tecnologia 20% Attrezzature sanitarie ordinarie 12,5% Mobili ed arredi 10% Automezzi 20% Informatica audiovisivi e macchine da ufficio 20% Beni economali 12,5% Il primo anno di entrata in uso del bene viene applicata l aliquota di ammortamento ridotta del 50% a prescindere dalla data effettiva di entrata in uso del bene. Crediti Sono esposti al presumibile valore di realizzo. L adeguamento del valore nominale dei crediti al valore presunto di realizzo è ottenuto mediante riduzione del loro valore nominale con apposito fondo al fine di tenere conto dei rischi di inesigibilità. Disponibilità liquide Sono iscritte in bilancio al loro valore nominale. Ratei e risconti Sono determinati in proporzione al periodo temporale di competenza del costo o del ricavo comune a due o più esercizi. Nella voce ratei e risconti attivi son stati iscritti proventi di competenza dell'esercizio esigibili in esercizi successivi e costi sostenuti entro la chiusura dell'esercizio ma di competenza di esercizi successivi. Nella voce ratei e risconti passivi son stati iscritti costi di competenza dell'esercizio esigibili in esercizi successivi e proventi percepiti entro la chiusura dell'esercizio ma di competenza di esercizi successivi. Debiti Sono rilevati al loro valore nominale. Ricavi e costi I ricavi ed i costi sono rilevati secondo i principi della prudenza e della competenza economica, anche mediante l iscrizione dei relativi ratei e risconti. Sono ricavi tipici i contributi in conto esercizio. Imposte sul reddito Le imposte sono determinate secondo le aliquote e le norme vigenti. Le imposte correnti sono determinate sulla base di una realistica previsione degli oneri da assolvere in applicazione della normativa fiscale vigente; il debito relativo è esposto al netto di acconti, ritenute subite e crediti d imposta nella voce debiti tributari ; l eventuale posizione creditoria netta è iscritta tra i crediti 5

6 verso Erario dell attivo circolante. Criteri di rettifica Non sono state eseguite rettifiche di valore né in forma di rivalutazione né in forma di svalutazione di componenti lo stato patrimoniale aziendale. STATO PATRIMONIALE MOVIMENTI DELLE IMMOBILIZZAZIONI In base a quanto richiesto dall'articolo 2427, punto 2 del codice civile, per ciascuna voce presentiamo un prospetto dal quale risultano le variazioni subite negli esercizi precedenti nonché i movimenti che si sono verificati nel corso dell'esercizio a cui si riferisce il bilancio. Le percentuali di ammortamento applicate sono quelle previste dai principi contabili regionali per le Aziende Sanitarie della Regione Toscana. L ente ha immobilizzazioni immateriali e materiali che trovano rappresentazione come segue: A) IMMOBILIZZAZIONI ,33 I) Immateriali ,67 1) Costi di impianto ed ampliamento 0, a) Impianto sistemi contabili 3.000,00 b) Fondo ammortamento costi di impianto e ampliamento ,00 2) Costi di Ricerca, sviluppo 3) Diritti di brevetto e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno ,67 - Totale costo storico software , a) Software in uso alla SdS, così composti 5.662,75 - licenze office - software rilevazione presenze - licenze office b) Software contabilità generale e analitica , c) Software gestione documentale e protocollo 8.198,93 d) Collegamento tra il software di contabilità generale e la tesoreria 2.491, e) Sito internet ,55 - Fondo ammortamento altri software e sito internet SdS ,76 6

7 4) Immobilizzazioni immateriali in corso e acconti 0,00 5) Altre immobilizzazioni immateriali 0,00 Totale I ,67 II) Materiali 1) Terreni 0,00 2) Fabbricati 0,00 a) Fabbricati non strumentali (disponibili) 0,00 b) Fabbricati strumentali (indisponibili) 0,00 c) Destinati alla vendita 3) Impianti e macchinari 0,00 4) Attrezzature sanitarie e scientifiche 0,00 5) Mobili ed arredi ,37 5) Mobili ed arredi , a) Mobili per ufficio 5.430, c) Arredi , d) Fondo ammort. mobili per ufficio e arredi ,25 6) Automezzi 4.710,00 6) Automezzi , a) Auto Fiat Panda n , b) Fondo ammort.auto ,00 7) Altri beni materiali 4.896,29 7) Altri beni materiali a) Macchine Elettroniche - Computers , b) Supporti informatici 3.651, b) Fondo ammort.macchine Elettroniche - Computers ,31 8) Immobilizzazioni in corso e acconti 0,00 Totale II ,66 III) Immobilizzazioni finanziarie 1) Crediti finanziari 0,00 - entro 12 mesi - oltre 12 mesi 2) Titoli 0,00 Totale III 0,00 Totale immobilizzazioni (A); ,33 Non vi sono immobilizzazioni finanziarie. Il totale delle immobilizzazioni è pari ad ,33. 7

8 Nel corso dell esercizio 2014 le movimentazioni hanno avuto riguardo alle seguenti categorie: a) Immobilizzazioni immobiliari licenze office al costo di 902,80 complessivamente percentuale ammortamento 20%. b) Immobilizzazione materiali arredi per ufficio: acquisto di colonna divisorio per sicurezza al costo di 162,90 percentuale ammortamento 10% ridotta al 50% per il primo anno; c) Immobilizzazione materiali arredi per ufficio: acquisto di n. 1 scrivania al costo di 296,58 percentuale ammortamento 10% ridotta al 50% per il primo anno; d) Immobilizzazione materiali arredi per ufficio: acquisto di n. 1 libreria bassa al costo di 131,70 percentuale ammortamento 10% ridotta al 50% per il primo anno; e) Immobilizzazione materiali arredi per ufficio: acquisto di n. 1 tavolo riunioni al costo di 153,99 percentuale ammortamento 10% ridotta al 50% per il primo anno; f) Immobilizzazione materiali arredi per ufficio: acquisto di n. 1 penisola semicircolare al costo di 64,80 percentuale ammortamento 10% ridotta al 50% per il primo anno; g) Immobilizzazione materiali informatica per ufficio: acquisto di n. 4 pc al costo di 2.560,00 complessivo percentuale ammortamento 20% ridotta al 50% per il primo anno; h) Immobilizzazione materiali informatica per ufficio: acquisto di n. 4 stampanti al costo di 104,07 percentuale ammortamento 20% ridotta al 50% per il primo anno; i) Immobilizzazione materiali informatica per ufficio: acquisto di n. 4 monitor al costo di 450,07 percentuale ammortamento 20% ridotta al 50% per il primo anno; j) Immobilizzazione materiali informatica per ufficio: acquisto di n. 1 videoproiettore al costo di 305,00 percentuale ammortamento 20% ridotta al 50% per il primo anno; k) Immobilizzazione materiali informatica per ufficio: acquisto di n. 3 cellulari samsung al costo di 149,70 complessivi percentuale ammortamento 20% ridotta al 50% per il primo anno. Per maggior dettaglio è disponibile in allegato alla presente (ALLEGATO B ) il registro fiscale cespiti. CREDITI E DEBITI Si dà atto che i crediti ed i debiti iscritti in bilancio sono tutti esigibili entro l'esercizio successivo. Con riferimento alla ripartizione su base geografica dei crediti e debiti esistenti alla data del , significhiamo che tutte le partite sono accese verso operatori italiani. Su un totale di ,59 di crediti, il 99,00% riguarda crediti verso pubbliche amministrazioni. L importo così elevato di crediti è dovuto, in buona parte, alle problematiche alle quali si trovano legati gli enti soggetti al rispetto del patto di stabilità per i quali i tempi di 8

9 pagamento risultano notevolmente più ampi. La Società della Salute, essendo ente i cui ricavi derivano per oltre il 95% da trasferimenti di amministrazioni pubbliche, risente, dal punto di vista finanziario in maniera particolarmente forte di questa situazione. Peraltro, la gran parte di questi crediti derivano dagli enti soci dell ente stesso. Di seguito vengono esposti nel dettaglio i crediti al CONTO CREDITI VERSO REGIONE TOSCANA Natura del credito ed estremi giustificativi Importo REGIONE TOSCANA FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA annualità 2013 Deliberazione n. 309 del Decreto n del Deliberazione n del ,27 RISORSE FONDO SOCIALE NAZIONALE Annualità 2013 Deliberazione n del Decreto n del ,60 RISORSE FONDO SOCIALE REGIONALE Annualità 2013 Risorse destinate ai richiedenti asilo Deliberazione n del Decreto n del ,00 CONCESSIONE FINANZIAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE NELLE CIVILI ABITAZIONI ANNO DGRT n. 870 del Decreto di assegnazione n del ,00 POLITICHE PER LA FAMIGLIA - INTERVENTI A FAVORE DI ANZIANI DGRT n. 869 del Decreto n del ,37 RIMBORSO TIROCINI GIOVANI SI (v. rendicontazioni) 3.200,00 REGIONE TOSCANA FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA annualità 2014 Deliberazione n. 444 del Decreto n del ,33 REGIONE TOSCANA FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA annualità 2014 Deliberazione n. 873del Decreto n del ,01 REGIONE TOSCANA FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA (INFERIORI A 65 ANNI) Deliberazione n. 444 del Decreto n del ,32 RISORSE FONDO SOCIALE REGIONALE E NAZIONALE Annualità 2014 Deliberazione n. 960 del Decreto n del ,31 RISORSE FONDO SOCIALE NAZIONALE FONDO REGIONALE SOLIDARIETA INTERISTITUZIONALE Annualità 2014 Deliberazione n del Decreto n del ,76 RISORSE PROGETTO VITA INDIPENDENTE - Annualità 2014 Deliberazione n. 14 del Decreto n. 337 del ,25 RISORSE PROGETTO VITA INDIPENDENTE - Annualità 2014 Deliberazione n del Decreto n del ,69 9

10 TOTALE ,91 CREDITI VERSO COMUNI CONTO CREDITI VERSO COMUNI SAN MINIATO Natura del credito ed estremi giustificativi Importo Rimborso spese generali contratto di servizio anno ,00 Contratto di servizio rep. N del 04/08/ saldo annualità ,04 TOTALE ,04 CONTO CREDITI VERSO COMUNI CASTELFRANCO DI SOTTO Natura del credito ed estremi giustificativi Importo Rimborso quota personale IRAP anno ,48 Contratto di servizio rep. n del 6/10/2011- annualità ,90 Rimborso quota personale IRAP anno ,02 Rimborso spese generali contratto di servizio anno ,00 Rimborso personale in comando anno 2014 (da compensare con debito, si veda annotazione) ,88 Rimborso quota personale IRAP anno ,00 Importo Cinque per Mille 697,11 TOTALE ,39 Si precisa che rispetto all entità dei crediti sopra registrati, nel conto Debiti verso Comuni Castelfranco di Sotto è registrato un debito di ,88. Tale debito è relativo alla spesa di personale in comando alla SdS (si veda il dettaglio del debito a pag. 14). Il personale in comando viene pagato direttamente dagli enti di appartenenza (ad esclusione della quota IRAP che viene versata direttamente dalla Società della Salute). Tuttavia, contabilmente, il costo del personale viene rilevato nel Bilancio della Società della Salute nei costi come costo del personale e nella parte di ricavo come somma trasferita per contratto di servizio dagli enti di provenienza. Sia la SdS che i 10

11 singoli Comuni procedono a compensare detta somma mediante emissione di un mandato di pagamento e di una riversale di incasso di pari importo. La somma di ,88 sarà compensata in crediti e debiti all avvio dell esercizio CONTO CREDITI VERSO COMUNI MONTOPOLI IN VAL D ARNO Natura del credito ed estremi giustificativi Importo Contratto di servizio rep. N. 525 del 29/06/ saldo annualità ,55 TOTALE ,55 CONTO CREDITI VERSO COMUNI SANTA CROCE SULL ARNO Natura del credito ed estremi giustificativi Importo Contratto di servizio rep. N del 26/10/2011 saldo annualità ,44 Trasferimento finanziamento progetto minori non accompagnati ,00 Rimborso personale in comando anno 2014 (da compensare con debito, si veda annotazione) ,41 TOTALE ,85 Si precisa che rispetto all entità dei crediti sopra registrati, nel conto Debiti verso Comuni Santa Croce è registrato un debito di ,41. Tale debito è relativo alla spesa di personale in comando alla SdS (si veda il dettaglio del debito a pag. 14). Il personale in comando viene pagato direttamente dagli enti di appartenenza (ad esclusione della quota IRAP che viene versata direttamente dalla Società della Salute). Tuttavia, contabilmente, il costo del personale viene rilevato nel Bilancio della Società della Salute nei costi come costo del personale e nella parte di ricavo come somma trasferita per contratto di servizio dagli enti di provenienza. Sia la SdS che i singoli Comuni procedono a compensare detta somma mediante emissione di un mandato di pagamento e di una riversale di incasso di pari importo. La somma di ,41 sarà compensata in crediti e debiti all avvio dell esercizio CONTO CREDITI VERSO AZIENDA USL 11 EMPOLI Nel conto Crediti verso Azienda USL 11 Empoli è contabilizzato un credito di ,11. Tale importo è stato previsto e destinato dall Azienda USL 11 Empoli con Deliberazione del Direttore 11

12 Generale n. 131 del contratto di servizio rep. N. 205 del per l importo di ,51 quale quota di compartecipazione da parte dell Azienda USL 11 Empoli al funzionamento della SdS. CONTO CREDITI PER FATTURE E RICEVUTE DA EMETTERE Nel conto Crediti per fatture e ricevute da emettere sono contabilizzate le seguenti partite: - importi per compartecipazioni, da parte di privati, alla spesa per la frequenza a centri diurni per disabili, al trasporto sociale per disabili, all assistenza domiciliare per non autosufficienti, a progetti vari: si tratta di importi per i quali i privati non hanno provveduto entro il ad effettuare i relativi pagamenti o per i quali, alla data del , non erano state inviate le note di richiesta di compartecipazione da parte dell ente in quanto tali compartecipazioni sono connesse ad un meccanismo di rilevazione della presenza delle persone nei centri o di utilizzo del servizio di assistenza domiciliare che viene rilevato, appunto, a posteriori; l elenco delle compartecipazioni, come da scheda contabile del cliente Diversi, in atti, per un totale di ,40; - importo per realizzazione progetto AIDA per 3.426,04 da Cooperativa Aforisma (contratto rep. N. 92 del 7/5/2013); - importo di 3,08 da Cassa di Risparmio di San Miniato per interessi non contabilizzati; - importo di 4.162,40 da Società della Salute di Empoli per: 4.000,00 per centro affidi Comune di Fucecchio; 162,40 per rimborso buoni pasto personale in comando. Sono conservate agli atti le schede contabili dei clienti sopra dettagliati. Si precisa che tutti gli importi dovuti delle compartecipazioni di cui sopra sono stati richiesti con nota scritta e sollecitati come risulta da documentazione conservata agli atti. L importo totale del conto CREDITI VS. CLIENTI è pari ad ,92. CONTO NOTE DI CREDITO DA RICEVERE Nel conto Note di credito da ricevere sono contabilizzate note di credito di alcuni fornitori emesse dopo il per un totale di 3.368,67. L importo totale del conto NOTE DI CREDITO DA RICEVERE è pari ad 3.368,67. CONTO CREDITI VERSO ALTRI SOGGETTI PUBBLICI In questo conto si trovano contabilizzati i crediti nei confronti del Comune di Santa Maria a Monte, dell INPS Gestione ex Inpdap, della Prefettura di Pisa. 12

13 In particolare, i crediti al trovano la seguente rappresentazione: Natura del credito ed estremi giustificativi Importo Rimborso da Comune di Santa Maria a Monte per progetto Buon Samaritano deliberazione Giunta Comune di Santa Maria a Monte n. 114 del ,95 Rimborso da INPS per Progetto Home Care Premium 2012 convenzione rep. N. 89 del determinazione n. 30 del 15/07/2014 risorse integrative ,00 Rimborso da INPS per Progetto Home Care Premium 2012 attribuzione del Premium determinazioni Inps n. 126 del 04/12/2014 e n. 149 del 30/12/ ,01 Rimborso da INPS per Progetto Home Care Premium 2012 convenzione rep. N. 89 del determinazioni Inpdap n. 147 e 148 del 24/12/2014; n. 30 del 15/07/2014 risorse integrative ,08 Risorse da Prefettura per progetto migranti convenzione rep. N. 206 del ,71 Fondo sociale di garanzia trasferito da Domus Sociale srl 6.000,00 TOTALE ,75 CONTO CREDITI VERSO PROVINCIA In questo conto sono contabilizzati 1.000,00 per la realizzazione del Progetto su immigrazione (determinazione n. 140 del della Provincia di Pisa). Il conto dell economo presentava al un saldo di 366,84 che è stato riconciliato con l estratto conto dell economo. Il conto del tesoriere, invece, un saldo di ,54 che è stato riconciliato con l estratto conto del tesoriere stesso. Tra i risconti attivi risulta contabilizzata una polizza assicurativa per un totale di 475,97. Per quanto riguarda il passivo il Fondo di Dotazione iniziale, pari ad ,00, è stato incrementato di 6.034,93 a seguito dell utile risultante dal Bilancio di Esercizio 2011, di ulteriori 1.174,47 a seguito dell utile risultante dal Bilancio di Esercizio 2012 e di 805,94 a seguito dell utile dell anno Pertanto, il Fondo di Dotazione attuale è pari ad ,34. Tra i debiti verso i Comuni si trovano iscritte le somme relative al rimborso del personale comandato che troverà compensazione all inizio dell esercizio 2015 con i relativi crediti. Di seguito sono indicati nel dettaglio gli importi dei debiti. CONTO DEBITI VERSO COMUNE DI SAN MINIATO 13

14 ,08 rimborso produttività personale in comando e indennità di risultato posizioni organizzative anno 2013; ,37 rimborso produttività personale, indennità di progetto e posizioni organizzative anno CONTO DEBITI VERSO COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO ,00 rimborso produttività 2013 e posizione organizzativa; ,04 rimborso costi generali (utenze sede Via Solferino n. 11, assicurazione e bollo n. 2 automezzi); ,00 rimborso costi generali (utenze sede Via Solferino n. 11, assicurazione e bollo n. 2 automezzi); ,88 rimborso personale comandato anno 2014 (si veda quanto precisato in sede di descrizione del credito verso Comune di Castelfranco di Sotto); ,96 rimborso posizione organizzativa anno CONTO DEBITI VERSO COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D ARNO ,22 rimborso produttività personale in comando anno 2013; - 960,00 rimborso indennità di risultato posizione organizzativa anno 2013; ,78 rimborso per indennità di progetti anno 2014 e posizione organizzativa anno 2014; CONTO DEBITI VERSO COMUNE DI SANTA CROCE ,27 rimborso indennità di risultato posizione organizzativa e produttività personale in comando annualità ,00 rimborso Ufficio Personale Associato per svolgimento funzioni per conto SdS; ,00 rimborso indennità di progetti e risultato posizioni organizzative; ,00 restituzione finanziamento non utilizzato per mancato verificarsi delle condizioni (inserimento in struttura minori non accompagnati); ,41 rimborso personale comandato anno 2014 (si veda quanto precisato in sede di descrizione del credito verso Comune di Santa Croce sull Arno); Nel conto Debiti verso Azienda USL 11 Empoli sono contabilizzate tutte le fatture del fornitore Azienda USL 11 Empoli emesse entro il relative a: - Gestione dei Centri Diurni La Farfalla e Il Mulino ; 14

15 - Rette per disabili e anziani ospiti nelle diverse strutture di cui è proprietaria l Azienda USL 11 e per i quali la Società della Salute compartecipa al pagamento della retta; ,00 per rimborso in Global Service costi generali all Azienda Sanitaria sulla base del contratto di servizio. In allegato alla presente nota viene prodotto l elenco delle partite per un debito totale al di ,27 (allegato Conto debiti verso Azienda USL 11 ) ALLEGATO C Nel conto Debiti verso fornitori sono contabilizzati tutti i debiti dei fornitori appartenenti alla classe contabile Debiti verso fornitori, dalla quale sono esclusi i Comuni e la ASL 11. Sono contabilizzate in questo conto tutte le partite emesse dai fornitori entro il L elenco è prodotto in allegato alla presente nota (allegato Conto debiti verso fornitori ). L importo del debito è pari ad ,93 ALLEGATO D ed è così ripartito: ,27 debiti verso fornitori (v. elenco fornitori con dettaglio); ,61 debiti verso agenzia delle entrate per versamenti F24 relativi a dicembre 2014 (versati il ); ,44 per note spesa pervenute dopo il e contabilizzate a debiti verso fornitori. Nel conto Debiti per fatture da ricevere sono contabilizzate tutte le fatture e documenti contabili emessi successivamente al per tutti i fornitori; l elenco delle partite viene riportato in allegato ALLEGATO E. L importo complessivo del conto è pari ad ,01. La situazione debitoria dell ente è connessa alla situazione creditoria e, dunque, ad una sostanziale indisponibilità di cassa per l assolvimento dei debiti nei confronti dei fornitori. Il monitoraggio della situazione da parte dell ente è stato attento e costante in corso d anno e non si sono avute significative segnalazioni da parte dei fornitori. Tuttavia, la situazione rimane critica e richiede particolare azione di continuo sollecito nei confronti dei creditori. Sul conto Risconti passivi finanziamenti a specifica destinazione sono stati riscontati i seguenti finanziamenti: - Finanziamento fondo per la NON AUTOSUFFICIENZA per l importo di ,00 finanziato dalla Regione Toscana con Deliberazione n. 873del Decreto n del Tali operazioni di risconto sono rese possibili secondo quanto previsto dalla deliberazione della Giunta Regione Toscana n del Approvazione disposizioni varie in materia di contabilità delle Società della Salute secondo la quale le somme del bilancio delle Società della 15

16 Salute iscritte in bilancio e derivanti da finanziamenti regionali non interamente spesi nel corso dell esercizio vengono riscontate, purché sussista il credito. Visto che il credito esiste per l esercizio 2014 (essendo ciò dimostrato dagli atti che assegnano il finanziamento), si è ritenuto di poter riscontare le somme non spese anche in considerazione del fatto che, per il finanziamento regionale, la Regione Toscana consente tale operazione ed ha assegnato tempi più ampli per la presentazione della rendicontazione del progetto e per il progetto nazionale i tempi di realizzazione dello stesso sono stabiliti fino al VARIAZIONI SIGNIFICATIVE DEI CAMBI VALUTARI Tutti i valori sono originariamente espressi in euro, per cui non si hanno effetti derivanti dalle variazioni dei cambi. OPERAZIONI CON OBBLIGO DI RETROCESSIONE A TERMINE Si dà atto che non sussistono operazioni che prevedono l obbligo per l acquirente di retrocessione a termine. PROSPETTO DEGLI ALTRI FONDI Si dà atto che non sussistono accantonamenti nel gruppo dei fondi per rischi ed oneri. COMPOSIZIONE DELLE ALTRE RISERVE Si dà atto che non sussistono altre riserve; salvo quella da arrotondamento all euro. Il patrimonio netto risulta così composto: PASSIVO PATRIMONIO NETTO A) PATRIMONIO NETTO ,05 I) Finanziamenti per investimenti II) Riserve da donazioni e lasciti vincolati ad investimenti III) Fondo di dotazione ,34 IV) Versamenti per ripiano perdite V) Utili (perdite) portate a nuovo 1) Riserve a) Riserve da rivalutazioni b) Plusvalenze da reinvestire* 16

17 c) Altre riserve ) Utile (perdita) d'esercizio 426,71 Totale Patrimonio netto (A) ,05 Le uniche voci sono il fondo di dotazione iniziale incrementato con gli utili di esercizio 2011, 2012, 2013 e l utile dell esercizio 2014 pari ad 426,71, per un patrimonio netto complessivo pari ad ,05. ONERI FINANZIARI CAPITALIZZATI Si dà atto che nell'esercizio non è stata operata alcuna capitalizzazione di oneri finanziari. PROVENTI DA PARTECIPAZIONI Si dà atto che la SdS Valdarno Inferiore non ha partecipazioni. TITOLI EMESSI Si dà atto che la SdS Valdarno Inferiore non ha emesso azioni, obbligazioni nè altri titoli o valori simili. ALTRI STRUMENTI FINANZIARI La SdS Valdarno Inferiore non ha emesso strumenti finanziari diversi dalle quote sociali di partecipazione. STRUMENTI FINANZIARI FAIR VALUE Si dà atto che la SdS Valdarno Inferiore non ha immobilizzazioni finanziarie. CONTRATTI DI LEASING FINANZIARIO Si dà atto che la SdS Valdarno Inferiore non ha in corso alcun contratto di leasing finanziario. INFORMAZIONI COMPLEMENTARI Si dà atto che ai fini della rappresentazione veritiera e corretta della situazione patrimoniale e finanziaria della SdS Valdarno Inferiore e del risultato economico dell'esercizio le informazioni richieste da specifiche disposizioni di legge sono sufficienti e che non si ravvisa la necessità di fornire informazioni complementari. Per accrescere ulteriormente l intelligibilità del bilancio si allegano: stato patrimoniale e conto economico in forma analitica. DEROGHE NELLE VALUTAZIONI 17

18 Tutte le voci che sono esposte in bilancio sono state valutate seguendo i normali criteri di valutazione stabiliti all'articolo 2426 del codice civile. Ai sensi del 4 comma dell'articolo 2423 del codice civile non si è riscontrato alcun caso eccezionale che possa obbligare ad una deroga alle disposizioni civilistiche in tema di bilancio d'esercizio. 18

19 CONTO ECONOMICO RICAVI E PROFITTI Il valore della produzione è pari ad ,47 E caratterizzato dalla netta prevalenza dei contributi in conto esercizio, come possiamo vedere dal grafico sottostante: A) CONTRIBUTO IN CONTO ESERCIZIO: ,85 Le risorse sono così composte: 1) contributo in conto esercizio ,85 dallo Stato ,44 dallo Stato per progetti di natura comunitaria , Fondo europeo per l'integrazione di cittadini di stati terzi (FEI) , Progetto Life - Gioconda ,00 dallo Stato per progetti nazionali , FONDO LIRE UNRRA riscontro finanziamento , Finanziamento SPRAR , Finanziamenti statali vari ,85 da Regione Toscana ,96 19

20 Contributi da Regione per quota Fondo Sociale Nazionale e Fondo Sociale Regionale , Contributi da Regione a destinazione vincolata , Progetto barriere architettoniche , Progetto Vita Indipendente ,81 FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA , Fondo per la non autosufficienza , Fondo per la non autosufficienza - finanziamento anni , Fondo Sociale di Garanzia DOMUS SOCIALE srl 6.000,00 da Comuni ,17 da Comuni risorse sociali contratto di servizio , Comune di Castelfranco , Comune di Montopoli , Comune di San Miniato , Comune di Santa Croce ,19 da Comuni per personale , Comune di Castelfranco , Comune di Montopoli , Comune di San Miniato , Comune di Santa Croce , Comune di San Miniato - comando Direttore , da Comuni per spese generali ambito socio-assistenziale , Contributi da altri Comuni 4.027, Contributi da Asl 11 per servizi 1.828, da Provincia di Pisa ,04 da Prefettura per emergenza profughi da INPDAP Home Care Premium , ,24 Funzionamento Società della Salute Valdarno Inferiore- Quota Azienda Usl 11 Empoli ,51 20

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Sezione IX Del bilancio Art. 2423. Redazione del bilancio. Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli