LE INDAGINI DELLA P.G. E DELLA DIFESA: POTERI, CONDIZIONI E LIMITI. Franco Morizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE INDAGINI DELLA P.G. E DELLA DIFESA: POTERI, CONDIZIONI E LIMITI. Franco Morizio"

Transcript

1 LE INDAGINI DELLA P.G. E DELLA DIFESA: POTERI, CONDIZIONI E LIMITI Franco Morizio Vice Comandante del Corpo P.L. di Lecco SESSIONE ORDINARIA Venerdì 18 Settembre, pomeriggio

2 LE INDAGINI DELLA P.G. E DELLA DIFESA: POTERI, CONDIZIONI E LIMITI Franco Morizio Vice Comandante del Corpo P.L. di Lecco 1

3 I SOGGETTI ABILITATI La normativa vigente sulle investigazioni difensive attribuisce la titolarità del potere investigativo al difensore dell indagato, o imputato, ai difensori degli altri soggetti processuali della parte civile, ovvero del responsabile civile, della persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria, della persona offesa, degli enti esponenziali. Il requisito essenziale è il conferimento dell incarico che deve essere necessariamente attribuito con atto scritto. L attività investigativa preventiva è, quindi, subordinata al conferimento ad hoc, rilasciato con sottoscrizione autenticata e contenente, oltre alla nomina del difensore, anche l indicazione dei fatti in relazione ai quali si dovrà investigare. L art. 391 nonies c.p.p. sviluppa l applicazione della fase pre-procedimentale precisando che anche il difensore che ha ricevuto apposito mandato, per l eventualità che s instauri un procedimento penale, può svolgere un attività investigativa che si configura, in questo modo, come preventiva. In tal modo, inoltre, è possibile assicurare un immediato esercizio del potere investigativo del difensore, in tutti i casi è prevista l apertura di un procedimento penale. La principale novità, nel tessuto codicistico, è quella riferita alla nuova disciplina organica delle modalità acquisitive di documentazione ed utilizzabilità del materiale probatorio ottenuto. Fin dal momento dell incarico professionale, risultante da atto scritto, il difensore ha facoltà di svolgere investigazioni per ricercare ed individuare elementi di prova a favore del proprio assistito. La suddetta facoltà può essere attribuita per l esercizio del diritto di difesa, in ogni stato e grado del procedimento, nell esecuzione penale e per promuovere il giudizio di revisione. Tali attività possono essere svolte altresì su incarico del difensore, dal sostituto, da investigatori privati autorizzati e, quando sono necessarie specifiche competenze, da consulenti tecnici. Quindi, l azione investigativa spetta in primis al difensore, il quale a sua volta può delegare un sostituto e può inoltre avvalersi di investigatori privati, muniti dell autorizzazione del Prefetto, che abbiano maturato una specifica esperienza professionale che garantisca il corretto esercizio dell attività. 2

4 IL COLLOQUIO NON DOCUMENTALE LA DICHIARAZIONE SCRITTA LA RICHIESTA DI INFORMAZIONI Innanzi tutto la Legge disciplina la possibilità per il difensore di acquisire notizie da persone che sono in grado di riferire circostanze utili ai fini dell attività investigativa (art. 391 bis c.p.p.). Sono previste tre modalità di acquisizione delle notizie: il colloquio non documentale, finalizzato a verificare e constatare il grado di conoscenza della persona sentita, la richiesta di dichiarazione scritta, e per ultima, la richiesta di informazioni da documentare attraverso un regolare verbale, che dovrà essere redatto secondo le disposizioni e le modalità indicate nell art. 391 ter c.p.p. La dichiarazione sottoscritta dal dichiarante, è autenticata dal difensore o da un suo sostituto, che redige una relazione nella quale sono riportati: la data in cui ha ricevuto la dichiarazione, le proprie generalità e quelle della persona che ha rilasciato la dichiarazione, l attestazione di aver rivolto gli avvertimenti previsti dal comma 3 dell articolo 391-bis, i fatti sui quali verte la dichiarazione. LE REGOLE DA OSSERVARE In ogni caso, il difensore, il sostituto, gli investigatori privati autorizzati o i consulenti tecnici avvertono le persone in grado di riferire della propria qualità e dello scopo del colloquio, se intendono semplicemente conferire ovvero ricevere dichiarazioni o assumere informazioni indicando, in tal caso, le modalità e la forma di documentazione, dell obbligo di dichiarare se sono sottoposte ad indagini o imputate nello stesso procedimento, in un procedimento connesso o per un reato collegato, della facoltà di non rispondere o di non rendere la dichiarazione, del divieto di rivelare le domande eventualmente formulate dalla Polizia Giudiziaria o dal Pubblico Ministero e le risposte date, delle responsabilità penali conseguenti alla falsa dichiarazione. Alle persone già sentite dalla Polizia Giudiziaria o dal Pubblico Ministero non possono essere richieste notizie sulle domande formulate o sulle risposte date. Per conferire, ricevere dichiarazioni o assumere informazioni da una persona sottoposta ad indagini o imputata nello stesso procedimento, in un procedimento connesso o per un reato collegato, è dato avviso, almeno ventiquattro ore prima, al suo difensore la cui presenza è necessaria. Se la persona è priva di difensore, il Giudice, su richiesta del difensore che procede alle investigazioni, dispone la nomina di una difensore di ufficio ai sensi dell articolo 97 c.p.p., riguardante la nomina del difensore d ufficio. La violazione, da parte dei soggetti legittimati all attività investigativa, di alcune delle procedure sopra indicate, comporta non soltanto l inutilizzabilità dal punto di vista processuale delle dichiarazioni ricevute e delle informazioni assunte, ma costituisce anche illecito sanzionabile sul piano disciplinare. E bene precisare che all assunzione delle informazioni non possono assistere né la persona sottoposta alle indagini, né la persona offesa e le altre parti private. 3

5 E necessario evidenziare che non possono essere assunti come testimoni, il responsabile civile e la persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria e tutti coloro che nel medesimo procedimento svolgono o hanno svolto la funzione di Giudice, Pubblico Ministero o loro ausiliario, nonché il difensore che abbia svolto attività di investigazione difensiva e coloro che, in tale ipotesi, hanno formato la documentazione delle dichiarazioni e delle informazioni assunte. Per conferire, ricevere o assumere dichiarazioni da persona detenuta, il difensore deve munirsi di specifica autorizzazione del Giudice che procede nei confronti della stessa, sentiti il suo difensore ed il Pubblico Ministero; prima dell esercizio dell azione penale l autorizzazione è data dal Giudice per le indagini preliminari mentre durante l esecuzione della pena provvede il magistrato di sorveglianza. Quando la persona in grado di riferire circostanze utili ai fini dell attività investigativa esercita la facoltà di non rispondere o di non rendere la dichiarazione, il Pubblico Ministero, su richiesta del difensore, ne dispone l audizione che fissa entro sette giorni dalla richiesta medesima. Tale disposizione non si applica nei confronti delle persone sottoposte ad indagini o imputate nello stesso procedimento e nei confronti delle persone sottoposte ad indagini o imputate in un diverso procedimento nelle ipotesi previste dall articolo 210 c.p.p., riguardante l esame di persona imputata in un procedimento connesso. L audizione si svolge alla presenza del difensore che per primo formula le domande. IL POTERE DI SEGRETAZIONE DEL PUBBLICO MINISTERO Il compimento dell attività investigativa della difesa può incorrere nella limitazione imposta dal cosiddetto potere di segretazione che la Legge attribuisce al Pubblico Ministero, ai sensi dell art. 391 quinques c.p.p., il quale può vietare con decreto motivato che le persone sentite da lui o dalla Polizia Giudiziaria comunichino i fatti e le circostanze oggetto dell indagine di cui hanno conoscenza, anche se soltanto per un periodo determinato non superiore a due mesi. Il Pubblico Ministero, nel comunicare tale divieto alle persone che hanno rilasciato le dichiarazioni, le avverte delle responsabilità penali conseguenti all indebita rivelazione delle notizie. LA RICHIESTA DI DOCUMENTAZIONE ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Rientra nella facoltà del difensore chiedere documenti in possesso della Pubblica Amministrazione, con la possibilità di estrarne copie a sue spese ai sensi dell art. 391 quater c.p.p. L istanza dovrà essere rivolta all amministrazione che ha formato il documento o lo detiene stabilmente. In caso di rifiuto da parte della Pubblica Amministrazione si applicano le disposizioni degli articoli 367 e 368 c.p.p. riguardanti il primo le memorie e richieste scritte dei difensori al Pubblico Ministero e il secondo i provvedimenti del Giudice per le indagini preliminari sulla richiesta di sequestro. 4

6 L ACCESSO AI LUOGHI Nell ambito dell attività investigativa della difesa, rientra anche il potere di accesso ai luoghi, sia pubblici che aperti al pubblico, sia luoghi privati, subordinati al consenso di chi ne ha la disponibilità o all autorizzazione del Giudice, e di abitazioni e loro pertinenze ed è consentito esclusivamente se è necessario accertare le tracce e gli altri effetti materiali del reato. Se è necessario accedere a luoghi privati o non aperti al pubblico e non vi è il consenso di chi ne ha la disponibilità, l accesso, su richiesta del difensore, è autorizzato dal Giudice, con decreto motivato che ne specifica le concrete modalità. L accesso è consentito allo scopo di prendere visione dello stato dei luoghi e delle cose ovvero per procedere alla loro descrizione o per eseguire rilievi tecnici, grafici, planimetrici, fotografici o audiovisivi, ai sensi dell art. 391 sexies c.p.p. Il difensore, il sostituto e gli ausiliari, precedentemente indicati, possono redigere un verbale nel quale sono riportati la data ed il luogo dell accesso, le proprie generalità e quelle delle persone intervenute, la descrizione dello stato dei luoghi e delle cose, l indicazione degli eventuali rilievi tecnici, grafici, planimetrici, fotografici o audiovisivi eseguiti, che fanno parte integrante dell atto e sono allegati al medesimo; tale verbale verrà poi sottoscritto dalle persone intervenute. LE DICHIARAZIONI - LE INFORMAZIONI LE ATTIVITÀ COMPIUTE IN OCCASIONE DELL ACCESSO AI LUOGHI Le dichiarazioni rilasciate da persone in grado di riferire circostanze utili, oltre ad essere sottoscritte dal dichiarante dovranno essere autenticate dal difensore, o da un suo sostituto, il quale ha l onere di redigere una relazione nella quale devono essere riportate le informazioni elencate nell art. 391 ter c.p.p. Le informazioni raccolte dal difensore devono essere documentate attraverso un regolare verbale, che deve essere compilato secondo le regole generali dettate dal codice in materia di verbalizzazione e indicate nel titolo III, del libro II del c.p.p. Le attività compiute in occasione dell accesso ai luoghi devono essere documentate mediante verbale, nel quale i soggetti che hanno effettuato l accesso devono riportare le proprie generalità, la data e il luogo di accesso, la descrizione dello stato dei luoghi e delle cose e, infine, l indicazione dei rilievi tecnici, grafici, planimetrici, fotografici o audiovisivi eventualmente eseguiti. IL FASCICOLO DEL DIFENSORE La documentazione degli atti di investigazione difensiva viene poi inserita, in originale o in copia, in un fascicolo del difensore, che viene conservato presso l ufficio del Giudice delle indagini preliminari, a conclusione delle quali va a confluire nel fascicolo del Pubblico Ministero. 5

7 Nel fascicolo del difensore, che rappresenta una delle novità più significative della disciplina, vengono, quindi, inseriti gli elementi di prova e gli elementi difensivi dichiarativi e documentali presentati dal difensore a favore del proprio assistito. Inoltre, vi confluiscono anche i verbali degli accertamenti tecnici non ripetibili compiuti dal difensore ai sensi dell art. 360 c.p.p. e la documentazione relativa agli stessi, quando essi siano compiuti ai sensi dell art. 391 decies, comma 2, c.p.p. ed il Pubblico Ministero abbia esercitato la facoltà di assistervi. GLI ELEMENTI DI PROVA PRESENTATI DAL DIFENSORE Nel corso delle indagini preliminari e nell udienza preliminare, quando il Giudice deve adottare una decisione con l intervento della parte privata, il difensore può presentargli direttamente gli elementi di prova a favore del proprio assistito. In particolare, i dati acquisiti a seguito dell investigazione difensiva possono essere presentati all organo giurisdizionale in tutte le occasioni in cui, nel corso delle indagini preliminari e nell udienza preliminare, debba adottare una decisione con la partecipazione della parte privata, ad esempio durante il procedimento di riesame da parte del tribunale di un ordinanza che disponga una misura coercitiva, oltreché nell ipotesi in cui non sia prevista la partecipazione della parte assistita. Ai sensi dell art. 391 octies c.p.p. il Giudice deve tener conto degli elementi di prova e degli elementi difensivi dichiarativi e documentali presentati da parte del difensore. Risulta, a tale proposito, rilevante che l ordinanza che dispone una misura cautelare è nulla se non contiene anche una valutazione degli elementi a favore dell indagato, che risultino dalle attività investigative del difensore ex art. 327 bis c.p.p. In quali termini, però, sono utilizzabili le investigazioni difensive nella fase dibattimentale? In primo luogo è necessario ricordare che il fascicolo del difensore è inserito nel fascicolo del Pubblico Ministero al termine delle indagini preliminari. Con l art. 391 decies c.p.p., il legislatore ha, poi, espressamente riconosciuto l utilizzabilità delle dichiarazioni inserite nel fascicolo del difensore ex artt. 500, 512 e 513 c.p.p., equiparandole a quelle raccolte dal Pubblico Ministero. Le dichiarazioni possono essere poi utilizzate, ai fini delle contestazioni, nell esame testimoniale e per effettuarne la lettura nelle ipotesi in cui ne sia divenuta impossibile la ripetizione. E previsto, inoltre, l inserimento nel fascicolo del dibattimento della documentazione degli atti cosiddetti irripetibili compiuti dal difensore in occasione dell accesso ai luoghi e attinenti a situazioni obiettive suscettibili, per la loro natura, di subire modificazioni. La restante documentazione presentata dalla difesa può, infine, essere qualificata ed acquisita nel dibattimento come prova documentale ex art. 234 c.p.p. 6

8 CONCLUSIONI A questo punto viene spontanea una domanda: la difesa ha pari dignità e pari poteri rispetto alla pubblica accusa nella raccolta delle prove? Personalmente vorrei evidenziare alcune mie perplessità rappresentate dal limitato tipo di prove che il difensore può assumere in quanto, ad esempio, non può chiedere intercettazioni telefoniche, dalla limitatezza degli atti di indagine posti a sua disposizione, quasi sempre subordinati al consenso degli interessati o all autorizzazione del Magistrato e dai difficili rapporti con la Pubblica Amministrazione per l acquisizione dei documenti, a causa di resistenze burocratiche della stessa e della necessità di superare il silenzio della P.A. soltanto rivolgendosi al Pubblico Ministero, affinché eserciti i suoi poteri coercitivi. Almeno in linea di principio, il Giudice è obbligato a tener conto, nelle proprie decisioni, non soltanto degli atti del Pubblico Ministero, ma anche degli elementi di prova raccolti dal difensore nell ambito della propria attività investigativa; il difensore, infatti, non deve più necessariamente limitarsi alla scoperta degli elementi favorevoli al proprio assistito, mediante investigazioni meramente esplorative o conferendo con persone in grado di fornire informazioni, ma condivide con il Pubblico Ministero la diretta acquisizione dei dati probatori. L intero intervento normativo sembra essersi mosso sullo sfondo dei poteri assegnati alla pubblica accusa, attribuendone la titolarità anche al difensore. D altra parte, il legislatore ha fatto salvo uno dei principi informatori del codice di procedura penale, ossia il principio del libero convincimento del Giudice, inteso come libertà del Giudice di valutare la prova secondo il proprio prudente apprezzamento, con l obbligo di dar conto in motivazione dei criteri adottati e dei risultati conseguiti. 7

9 8

10 LA POLIZIA GIUDIZIARIA E L ASSICURAZIONE DELLE FONTI DI PROVA Parliamo delle principali funzioni della Polizia Giudiziaria sancite dall art. 55 c.p.p., nella fattispecie dell assicurazione delle fonti di prova. Le cosiddette prove sono insufficienti quando, durante le fasi del giudizio, l accusa non è in grado di dimostrare la colpevolezza dell imputato, rendendo concreto così uno standard probatorio e di giudizio che riconduce alla sussistenza del ragionevole dubbio. L art. 530 c.p.p. evidenzia che se il fatto non sussiste, se l imputato non lo ha commesso, se il fatto non costituisce reato o non è previsto dalla legge come reato ovvero se il reato è stato commesso da persona non imputabile o non punibile per un altra ragione, il giudice pronuncia sentenza di assoluzione indicandone la causa nel dispositivo. Inoltre, il giudice pronuncia sentenza di assoluzione anche quando manca, è insufficiente o è contraddittoria la prova che il fatto sussiste, che l imputato lo ha commesso, che il fatto costituisce reato o che il reato è stato commesso da persona imputabile. Con il termine consenso della comunità scientifica intendiamo il riconoscimento di credibilità di una tesi sostenuta, di un opinione espressa o di una linea difensiva od accusatoria seguita, dovuto al fatto che la comunità scientifica ha avvalorato ciò che si sta cercando di affermare e dimostrare nel dibattimento. Per criterio di affidabilità della prova scientifica intenderemo invece il consenso diffuso della comunità scientifica, del supporto empirico, della pubblicazione su riviste scientifiche con revisione dei pari, dell esplicitazione del tasso di errore e della pertinenza della prova al caso. Il raggiungimento alla condanna dell imputato, da parte del giudice deve essere fondato, su una convinzione incrollabile, una certezza schiacciante, con il giusto convincimento di colpevolezza, proprio mediante le prove. Le scienze forensi rappresentano l applicazione della scienza al diritto, con l impiego delle conoscenze scientifiche e tecnologiche a fini processuali, attraverso l analisi della scena del crimine, quale fonte primaria di informazioni scientifiche necessarie per la costruzione delle prove in dibattimento. Dopo un attenta lettura dell art. 55 c.p.p. dobbiamo affermare che la Polizia Giudiziaria ha un obbligo ben preciso (la norma, denota carattere di obbligatorietà, è perentoria e non dice ha facoltà, può ); deve anche di propria iniziativa, prendere notizia dei reati, impedire che vengano portati a conseguenze ulteriori, ricercarne gli autori, compiere gli atti necessari per assicurare le fonti di prova e raccogliere quant'altro possa servire per l'applicazione della legge penale, precisando che il Pubblico Ministero dirige le indagini e dispone direttamente della Polizia Giudiziaria. 9

11 Ricordo inoltre che, a norma dell art. 327 c.p.p., la Polizia Giudiziaria, anche dopo la comunicazione della notizia di reato, continua a svolgere attività di propria iniziativa. Proprio dopo questa attenta lettura dell art. 55 c.p.p. possiamo sostenere che per attività di informazione della Polizia Giudiziaria intendiamo l acquisizione e la comunicazione della notizia di reato al Pubblico Ministero, per attività di investigazione la ricerca delle fonti di prova, per attività di assicurazione mantenere le fonti di prova, per attività esecutiva e strumentale assicurare lo svolgimento dei compiti di Polizia Giudiziaria e attuare quindi i provvedimenti adottati dall Autorità Giudiziaria. Ai sensi dell art. 187 c.p.p. sono oggetto della prova i fatti che si riferiscono all imputazione, alla punibilità e alla determinazione della pena o della misura di sicurezza. Per mezzi di prova si intendono i confronti, i documenti, l esame delle parti, gli esperimenti giudiziali, la perizia, le ricognizioni e la testimonianza. Alla Polizia Giudiziara è consentita, ai sensi dell art. 234 c.p.p., l acquisizione di scritti o di altri documenti che rappresentano fatti, persone o cose mediante la fotografia, la cinematografia, la fonografia o qualsiasi altro mezzo. I mezzi di ricerca delle prove vengono individuati nelle intercettazioni, nelle ispezioni, nelle perquisizioni, nei sequestri. La redazione della documentazione della Polizia Giudiziaria è un obbligo previsto dall art. 357 comma 2/e c.p.p. La Polizia Giudiziaria annota secondo le modalità ritenute idonee ai fini delle indagini, anche sommariamente, tutte le attività svolte, comprese quelle dirette alla individuazione delle fonti di prova. La Polizia Giudiziaria dovrà procedere, inoltre, alla redazione dei seguenti atti: a) denunce, querele e istanze presentate oralmente; b) sommarie informazioni rese e dichiarazioni spontanee ricevute dalla persona nei cui confronti vengono svolte le indagini; c) informazioni assunte, a norma dell'articolo 351; d) perquisizioni e sequestri; e) operazioni e accertamenti previsti dagli articoli 349, 353 e 354; f) atti, che descrivono fatti e situazioni, eventualmente compiuti sino a che il Pubblico Ministero non ha impartito le direttive per lo svolgimento delle indagini. 10

12 Tale documentazione dovrà essere posta a disposizione del Pubblico Ministero, ai sensi degli artt. 357 comma 4. Infine, la documentazione citata, dovrà essere depositata in copia agli atti della Polizia Giudiziaria a norma dell art. 115 delle norme di attuazione del c.p.p. L inizio dell attività a iniziativa della Polizia Giudiziaria coincide con l acquisizione della notizia di reato. La Polizia Giudiziaria senza ritardo dovrà riferire al Pubblico Ministero, per iscritto, gli elementi essenziali del fatto e gli altri elementi sino ad allora raccolti, indicando le fonti di prova e le attività compiute, delle quali dovrà trasmettere la relativa documentazione; nei casi d urgenza, la comunicazione della notizia di reato è data immediatamente al Pubblico Ministero, anche in forma orale. Alla comunicazione orale dovrà seguire, senza ritardo, quella scritta, corredata della documentazione. Nella notizia di reato, quando è possibile, dovranno essere precisate le generalità, il domicilio e quanto altro valga alla identificazione della persona nei cui confronti vengono svolte le indagini, della persona offesa e di coloro che siano in grado di riferire circostanze rilevanti per la ricostruzione dei fatti. Qualora siano stati compiuti atti per i quali è prevista l'assistenza del difensore della persona nei cui confronti vengono svolte le indagini, la comunicazione della notizia di reato è trasmessa al più tardi entro quarantotto ore dal compimento dell'atto, salve le disposizioni di legge che prevedono termini particolari. Anche successivamente alla comunicazione della notizia di reato, la Polizia Giudiziaria continua a svolgere le funzioni indicate nell'articolo 55 c.p.p. raccogliendo, nella fattispecie, ogni elemento utile alla ricostruzione del fatto e alla individuazione del colpevole. Contestualmente procederà mediante alla ricerca delle cose e delle tracce pertinenti al reato nonché alla conservazione di esse e dello stato dei luoghi, alla ricerca delle persone in grado di riferire su circostanze rilevanti per la ricostruzione dei fatti Nell ipotesi di compimento di atti od operazioni che richiedono specifiche competenze tecniche, la Polizia Giudiziaria, che opera di propria iniziativa o a seguito di delega del Pubblico Ministero, potrà avvalersi di persone idonee, che non possono rifiutare la propria opera. La Polizia Giudiziaria dovrà procedere alla identificazione della persona nei cui confronti vengono svolte le indagini e delle persone in grado di riferire su circostanze rilevanti per la ricostruzione dei fatti a norma dell art. 349 c.p.p.. Alla identificazione della persona nei cui confronti vengono svolte le indagini può procedersi anche eseguendo, ove occorra, rilievi dattiloscopici, fotografici e antropometrici nonché altri accertamenti (se tali accertamenti comportano il prelievo di 11

13 capelli o saliva e manca il consenso dell'interessato, la Polizia Giudiziaria procede al prelievo coattivo nel rispetto della dignità personale del soggetto, previa autorizzazione scritta, oppure resa oralmente e confermata per iscritto, del Pubblico Ministero- art bis c.p.p. ). La persona accompagnata presso gli uffici della Polizia Giudiziaria potrà essere trattenuta per il tempo strettamente necessario per l identificazione e comunque non oltre le dodici ore, previo avviso anche orale al Pubblico Ministero; non oltre le ventiquattro ore, nel caso in cui l identificazione risulti particolarmente complessa oppure occorra, nel caso specifico, l assistenza dell autorità consolare o di un interprete ed in tal caso con facoltà per il soggetto di chiedere di avvisare un familiare oppure un convivente. Dell'accompagnamento e dell'ora in cui questo è stato compiuto è data immediata notizia al Pubblico Ministero il quale, se ritiene che non ricorrono le condizioni previste, ordina il rilascio della persona accompagnata. Al Pubblico Ministero è data altresì notizia del rilascio della persona accompagnata e dell'ora in cui esso è avvenuto. Gli Ufficiali di Polizia Giudiziaria, inoltre, assumono sommarie informazioni utili per le investigazioni dalla persona nei cui confronti vengono svolte le indagini che non si trovi in stato di arresto o di fermo a norma dell'articolo 384 c.p.p.; prima di assumere le sommarie informazioni, la Polizia Giudiziaria dovrà invitare la persona nei cui confronti vengono svolte le indagini a nominare un difensore di fiducia e, in difetto, provvederà a norma dell'articolo 97 comma 3. Tali sommarie informazioni saranno assunte con la necessaria assistenza del difensore, al quale la Polizia Giudiziaria dovrà dare tempestivo avviso; nella citata ipotesi il difensore avrà l'obbligo di presenziare al compimento dell'atto (se il difensore non è stato reperito o non è comparso, la Polizia Giudiziaria richiede al Pubblico Ministero di provvedere a norma dell'articolo 97, comma 4). Ricordo che, sul luogo o nell'immediatezza del fatto, gli Ufficiali di Polizia Giudiziaria possono, anche senza la presenza del difensore, assumere dalla persona nei cui confronti vengono svolte le indagini, anche se arrestata in flagranza o fermata a norma dell'articolo 384 c.p.p., notizie e indicazioni utili ai fini della immediata prosecuzione delle indagini (delle notizie e delle indicazioni assunte senza l'assistenza del difensore sul luogo o nell'immediatezza del fatto, a norma del comma 5 dell art. 350 c.p.p., è vietata ogni documentazione e utilizzazione). La Polizia Giudiziaria potrà altresì ricevere dichiarazioni spontanee dalla persona nei cui confronti vengono svolte le indagini (di esse non è consentita la utilizzazione nel dibattimento, salvo quanto previsto dall'articolo 503 comma 3 c.p.p.). Inoltre, la Polizia Giudiziaria potrà assumere sommarie informazioni dalle persone che possono riferire circostanze utili ai fini delle indagini. 12

14 Gli Ufficiali di Polizia Giudiziaria, nella flagranza del reato o nel caso di evasione, procederanno a perquisizione personale o locale quando hanno fondato motivo di ritenere che sulla persona si trovino occultate cose o tracce pertinenti al reato che possono essere cancellate o disperse, ovvero che tali cose o tracce si trovino in un determinato luogo o che ivi si trovi la persona sottoposta alle indagini o l'evaso. La Polizia Giudiziaria trasmette senza ritardo, e comunque non oltre le quarantotto ore, al Pubblico Ministero del luogo dove la perquisizione è stata eseguita il verbale delle operazioni compiute. Il Pubblico Ministero, se ne ricorrono i presupposti, nelle quarantotto ore successive, convaliderà la perquisizione. Gli Ufficiali e gli Agenti di Polizia Giudiziaria curano che le tracce e le cose pertinenti al reato siano conservate e che lo stato dei luoghi e delle cose non venga mutato prima dell'intervento del Pubblico Ministero. Se vi è pericolo che le cose, le tracce e i luoghi si alterino o si disperdano o comunque si modifichino e il Pubblico Ministero non può intervenire tempestivamente, ovvero non ha ancora assunto la direzione delle indagini, gli Ufficiali di Polizia Giudiziaria compiono i necessari accertamenti e rilievi sullo stato dei luoghi e delle cose, procedendo, ove occorra o si rendesse necessario, mediante il sequestro del corpo del reato e delle cose a questo pertinenti. Ricordo a tal proposito che nei casi di particolare necessità e urgenza, gli atti previsti dagli artt. 352 e 354 commi 2 e 3 c.p.p. (sequestro e perquisizione) possono essere compiuti anche dagli Agenti di Polizia Giudiziaria (Art.113 norme di attuazione c.p.p. - Accertamenti urgenti della polizia giudiziaria 1. Nei casi di particolare necessità e urgenza, gli atti previsti dagli artt. 352 e 354 commi 2 e 3 del Codice possono essere compiuti anche dagli agenti di polizia giudiziaria). Tra gli obblighi della Polizia Giudiziaria troviamo il congelamento della scena del delitto, che viene attuato, in primo luogo, mediante l isolamento della scena del crimine, impedendo l accesso alle persone non autorizzate allo scopo di evitare possibili contaminazioni dell area. In questo casi è consigliabile nominare un responsabile, con compiti e funzioni di controllo della situazione, di collegamento tra i diversi soggetti e di costante verifica. I rilievi sulla scena del delitto consistono in una serie di attività tecniche di diversa natura, classificabili in: Rilievi descrittivi, che iniziano dall individuazione dell area d interesse operativo dove sarà possibile individuare tracce (ad esempio: mozziconi di sigarette, impronte di pneumatici, ). L altro grosso filone d attività facente parte dei rilievi descrittivi consiste dell osservazione finalizzata all individuazione degli elementi suscettibili di mutamento, dei quali si dovrà accuratamente prendere nota. 13

15 In ambiente aperto si dovrà tenere conto delle condizioni atmosferiche, di visibilità e di traffico. In ambiente chiuso si dovrà tenere conto di odori particolari, pavimenti bagnati, posizione degli interruttori, finestre e persiane, porte e chiavi, cestini e pattumiere, asciugamani e cassetta della posta. In un veicolo da rimuovere, ad esempio, si dovrà tenere conto dello stato del motore, della leva del cambio, del cronotachigrafo, dei dispositivi di illuminazione, della leva del freno e della presenza di tracce od oggetti a bordo del veicolo stesso. L osservazione deve avvenire in un determinato ordine e la descrizione deve essere effettuata secondo precise modalità. Di ogni cosa presente dovranno, infine, rilevarsi le caratteristiche, lo stato di conservazione ed eventuali altre particolarità; Rilievi fotografici, che dovranno effettuarsi, nell immediato, nei casi più complessi, per fissare al meglio lo stato dei luoghi e visualizzare dove e come è stato commesso il reato. La tecnica fotografica possiede un alto valore probatorio e consente eventuali ingrandimenti di dettagli sfuggiti ad una prima osservazione. L area interessata deve essere fotografata da più punti di osservazione, secondo una successione logica che consenta una ricostruzione di tipo panoramico dell intera scena del crimine. Naturalmente, le tecniche fotografiche sono differenti in funzioni dell oggetto o del cadavere da fotografare. Infine, può risultare utile la ripresa con una videocamera dell intera scena del crimine per fornire una visione alternativa dello stato dei luoghi ed anche una documentazione delle modalità con cui si è operato. Non bisogna mai dimenticare che i rilievi fotografici presentano spesso difficoltà di rapportare la dimensione di un oggetto o di una traccia: per questa ragione, specialmente di fronte a piccoli oggetti o piccole tracce, si è soliti posizionare un righello, in modo tale che sia visibile nella fotografia o nella ripresa; Rilievi planimetrici, che seguono, nell ordine, i precedenti rilievi e consistono nella riproduzione su supporto cartaceo di quanto precedentemente rilevato, ponendo gli oggetti e le tracce nell esatta posizione rispetto alla scena del crimine, attraverso misurazioni secondo il sistema degli assi cartesiani od il sistema delle triangolazioni. Sulla scena del crimine si è soliti prendere attentamente tutte le misure e riportarle sullo schizzo planimetrico definito schizzo speditivo che, successivamente, sarà sostituito graficamente con la planimetria finale; Rilievi personali, che sono finalizzati ad individuare tracce od altri effetti che il reato ha lasciato sulla persona o che la persona ha lasciato sul luogo del reato. 14

16 15

17 Dovendo trattare l argomento concernente l attività delegata da parte del Pubblico Ministero alla Polizia Giudiziaria è necessario obbligatoriamente fare riferimento all art. 370 c.p.p. nel quale viene precisato che il Pubblico Ministero compie personalmente ogni attività di indagine e può avvalersi della Polizia Giudiziaria per l esecuzione di attività specificatamente delegate. In questo caso parliamo delle fattispecie rappresentate dall art. 247 c.p.p., riguardante il caso e le forme delle perquisizioni, dove specificatamente ai commi 2 e 3, viene indicato che l Autorità Giudiziaria può, con decreto motivato, procedere personalmente o avvalersi proprio dell Ufficiale di Polizia Giudiziaria, appositamente delegato, per il compimento dell atto. Si precisa inoltre che, per quanto concerne il sequestro, potrà procedere personalmente il Pubblico Ministero ovvero un Ufficiale di Polizia Giudiziaria, delegato sempre mediante apposito decreto, a norma dell art. 253 comma 3 c.p.p. Altra attività delegata, indicata al comma 1 dell art. 370, è quella riferita all interrogatorio, cui partecipi la persona sottoposta alle indagini che si trovi in stato di libertà, con l assistenza obbligatoria del difensore. Con il termine di interrogatorio intendiamo Un processo di valutazione di un sospetto, di una vittima o di un testimone, attraverso la proposta di opportune domande, al fine di trarre informazioni o correlare dati che possono essere utilizzati per la soluzione di un delitto (Picozzi e Zappalà) Gli elementi essenziali che devono emergere da un interrogatorio sono quelli finalizzati ad ottenere delle confessioni o delle prove riguardo al reato commesso e a riscontrare fatti emergenti da altre fonti di prova (Gaetano De Leo) L interrogatorio di Polizia, deve essere eseguito nel rispetto delle regole generali, in forma libera, cosciente e volontaria. Non possono essere utilizzati, neppure con il consenso della persona interrogata, metodi o tecniche idonei a influire sulla libertà di autodeterminazione o ad alterare la capacità di ricordare e di valutare i fatti. 16

18 Il diritto alla difesa invece è sancito dall art. 24 della Costituzione, il quale stabilisce che tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi e che la difesa è un diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento e che sono assicurati ai non abbienti, con appositi istituti, i mezzi per agire e difendersi davanti ad ogni giurisdizione; concetto ripreso nell art. 6 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali dove, nella fattispecie, si parla di diritto ad un processo equo e di diritto alla difesa. L art. 14 del Patto Internazionale sui diritti civili e politici ribadisce i concetti di giusto processo, di diritto alla difesa e il diritto dell indagato di non autoincriminarsi. Quando parliamo di interrogatorio possiamo affermare quindi che lo stesso deve essere condotto secondo le regole sancite dall art. 64 c.p.p. e cioè che la persona sottoposta alle indagini, anche se in stato di custodia cautelare o se detenuta per altra causa, interviene libera all interrogatorio, salve le cautele necessarie per prevenire il pericolo di fuga o di violenze previste dall art. 474 c.p.p.; che non possono essere utilizzati, neppure con il consenso della persona interrogata, metodi o tecniche idonei a influire sulla libertà di autodeterminazione o ad alterare la capacità di ricordare e di valutare i fatti, meglio specificate nell art. 188 c.p.p.; che, prima che abbia inizio l interrogatorio, la persona deve essere avvertita che: a) le sue dichiarazioni potranno sempre essere utilizzate nei suoi confronti; b) salvo quanto disposto dall articolo 66, comma 1, ha facoltà di non rispondere ad alcuna domanda, ma comunque il procedimento seguirà il suo corso; c) se renderà dichiarazioni su fatti che concernono la responsabilità di altri, assumerà, in ordine a tali fatti, l ufficio di testimone, salve le incompatibilità previste dall articolo 197 e le garanzie di cui all articolo 197-bis. L inosservanza delle disposizioni di cui al comma 3, lettere a) e b) appena citate, renderanno inutilizzabili le dichiarazioni rese dalla persona interrogata. In mancanza dell avvertimento di cui al comma 3, lettera c), le dichiarazioni eventualmente rese dalla persona interrogata su fatti che concernono la responsabilità di altri non sono utilizzabili nei loro confronti e la persona interrogata non potrà assumere, in ordine a detti fatti, l ufficio di testimone. Durante l interrogatorio, a norma dell art. 65 c.p.p., la Polizia Giudiziaria contesterà alla persona sottoposta alle indagini, in forma chiara e precisa il fatto che le è attribuito, rendendo noti gli elementi di prova esistenti contro la stessa e, se non può derivarne pregiudizio per le indagini, dovrà comunicarne le fonti, invitando, quindi, la persona ad esporre quanto ritiene utile per la sua difesa ponendole direttamente le domande. Se la persona rifiuterà di rispondere, dovrà esserne fatta menzione nel verbale, a norma dell art. 134 c.p.p; nel verbale dovrà essere fatta anche menzione, quando occorre, dei connotati fisici e di eventuali segni particolari della persona. 17

19 Dovranno essere inoltre rispettate le procedure concernenti la nomina e l assistenza del difensore dettate dagli artt. 364 e 365 c.p.p.; la presenza del difensore all interrogatorio delegato sarà quindi obbligatoria, pena la nullità dell atto. Per il corretto compimento degli atti, concernenti l invito a presentarsi, ricordo che lo stesso dovrà essere notificato alla persona sottoposta alle indagini, almeno tre giorni prima della data prestabilita per l interrogatorio; l atto dovrà inoltre avere i requisiti di cui all art. 375 c.p.p. e dovrà obbligatoriamente contenere le generalità o le altre indicazioni personali che valgono ad identificare la persona sottoposta alle indagini, oltre all indicazione del giorno, dell ora e del luogo della presentazione, nonché l autorità davanti alla quale la persona si dovrà presentare. Inoltre, nell atto dovranno essere indicate alcune precisazioni riguardanti: l avvertimento che il Pubblico Ministero potrà disporre, a norma dell art. 132 c.p.p., l accompagnamento coattivo in caso di mancata presentazione senza che sia stato addotto un legittimo impedimento; la sommaria enunciazione del fatto, quale risulta dalle indagini fino a quel momento compiute, con specifica dei fatti contestati e dei reati commessi, comprese le aggravanti; l avviso per l indagato che lo stesso ha facoltà di presentarsi con una memoria scritta da allegare al verbale di interrogatorio: in tale caso si dovrà raccomandare di narrare i fatti con sintesi e in ordine cronologico precisando data, ora e luogo del fatto e di trascurare particolari inutili e di non usare termini generici come ingiurie, minacce, senza precisare ad esempio le parole offensive, le parole o i gesti di minaccia, gli artifici, i raggiri, precisando che l indagato che voglia citare persone informate, debba presentarsi con l elenco di tali persone, se conosciute, con le generalità usando una scrittura chiara, facilmente leggibile con l utilizzo di fogli con ampi margini. L indagato verrà invitato ad esporre quanto ritenuto utile a propria difesa, con l avvertenza che: le sue dichiarazioni potranno sempre essere utilizzate nei suoi confronti; salvo quanto disposto dall art. 66/1 comma c.p.p., ha facoltà di non rispondere ad alcuna domanda; il procedimento seguirà il suo corso anche se si avvarrà della facoltà di non rispondere; se renderà dichiarazioni su fatti che concernono la propria responsabilità non potrà assumere in ordine a tali fatti l ufficio di testimone; se renderà dichiarazioni su fatti che concernono la responsabilità di altri, assumerà, in ordine a tali fatti l ufficio di testimone, salve le incompatibilità previste dall art. 197 c.p.p. nonché le garanzie di cui all art. 197/bis c.p.p.. Per la redazione del relativo verbale di interrogatorio, da parte della Polizia Giudiziaria, dovranno essere rispettante le procedure indicate negli artt c.p.p. e le altre disposizioni contenute nel Titolo III del c.p.p. A norma dell art. 366 c.p.p., salvo quanto previsto da specifiche disposizioni, l atto di interrogatorio compiuto dalla Polizia Giudiziaria, al quale il difensore ha diritto di assistere, viene depositato presso la segreteria del Pubblico Ministero entro il terzo 18

20 giorno successivo al compimento dell atto, con facoltà per il difensore di esaminarlo ed estrarne copia nei cinque giorni successivi. A richiesta del difensore di fiducia e in caso di rinuncia al deposito, copia del verbale dell interrogatorio potrà essere consegnata alla parte facendone espressa menzione nell atto. Durante l interrogatorio potranno essere poste domande con una successione a tunnel, quando si vuole ottenere una risposta certa e non evasiva (un orario, una data, la conferma della presenza di determinate persone); ad imbuto, con una serie di domande consequenziali e restrittive sull argomento trattato (dove si trovava a quell ora, cosa ha visto, chi ha visto, dove di preciso lo ha visto); ad imbuto rovesciato, con una serie di domande dapprima chiuse e poi aperte (chi ha causato il maltrattamento, per quale motivo ha aggredito la persona, come mai si trovava alla stazione); a sequenza di domande aperte/chiuse, domande che hanno la finalità di verificare la prova delle difese della persona (per quale motivo ha maltrattato la persona, convive o meno con la persona maltrattata). Voglio evidenziare anche che, per quanto precisato negli artt. 347 e 348 c.p.p., anche successivamente alla comunicazione della notizia di reato, la Polizia Giudiziaria deve continuare a svolgere le funzioni indicate nell art. 55 e cioè deve, anche di propria iniziativa, prendere notizia dei reati, impedire che vengano portati a conseguenze ulteriori, ricercarne gli autori, compiere gli atti necessari per assicurare le fonti di prova a norma dell art. 348 c.p.p. e raccogliere quant altro possa servire per l applicazione della Legge Penale secondo le disposizioni dell art. 326 c.p.p., nel quale viene disposto che sia il Pubblico Ministero che la Polizia Giudiziaria svolgono, nell ambito delle rispettive attribuzioni, le indagini necessarie per le determinazioni inerenti all esercizio dell azione penale, raccogliendo in specie ogni elemento utile alla ricostruzione del fatto e all individuazione del colpevole. Per quanto indicato la Polizia Giudiziaria dovrà obbligatoriamente concorrere alla ricerca delle cose e delle tracce pertinenti al reato nonché alla conservazione di esse e dello stato dei luoghi e alla ricerca delle persone in grado di riferire su circostanze rilevanti per la ricostruzione dei fatti. Dopo l'intervento del Pubblico Ministero, la Polizia Giudiziaria dovrà compiere gli atti ad essa specificamente delegati a norma dell'articolo 370 c.p.p., eseguire le direttive ed inoltre svolgere di propria iniziativa, informandone prontamente il Pubblico Ministero, tutte le altre attività di indagine per accertare i reati o elementi successivamente emersi, assicurandone le nuove fonti di prova. La Polizia Giudiziaria, quando, di propria iniziativa o a seguito di delega del Pubblico Ministero, compie atti od operazioni che richiedono specifiche competenze tecniche, potrà avvalersi, anche in questo caso, di persone idonee, le quali non potranno rifiutare la propria opera. Il Pubblico Ministero potrà inoltre delegare all Ufficiale di Polizia Giudiziaria le perquisizioni locali; all atto di iniziare le operazioni, copia del decreto di perquisizione locale dovrà essere consegnata all imputato, se presente, e a chi abbia l attuale 19

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Codice di procedura penale Italiano

Codice di procedura penale Italiano Codice di procedura penale Italiano Norme in materia di perquisizioni: Art. 247. Casi e forme delle perquisizioni 1. Quando vi e' fondato motivo di ritenere che taluno occulti sulla persona il corpo del

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici Altri atti o documenti - 13 maggio 2004 Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici sottoscritto da: Conferenza dei Rettori delle Università

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

L istituto della messa alla prova per gli adulti : indicazioni operative per il giudice e provvedimenti adottabili 1

L istituto della messa alla prova per gli adulti : indicazioni operative per il giudice e provvedimenti adottabili 1 indicazioni operative per il giudice e provvedimenti adottabili 1 di Valeria Bove giudice del Tribunale di Napoli SOMMARIO 1 Introduzione: un vademecum rivolto ai giudici del Tribunale di Napoli 1 2 L

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O Pubblicazioni Centro Studi per la Pace CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, INUMANI O DEGRADANTI Conclusa a New York il 10 dicembre 1984 Gli Stati Parte della presente Convenzione,

Dettagli