ATTO N. 2097/B18. Relazione della I Commissione Consiliare Permanente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTO N. 2097/B18. Relazione della I Commissione Consiliare Permanente"

Transcript

1 '11,1', lil[ 11'1 '! ':' ' I 1\lif ',:,:,,: REGIONE DELL'UMBRIA Consiglio Regionale \..~~.i'\;> (-..Jl.-,/ Atti Consiliari VII LEGISLATURA ATTO N. 2097/B18 Relazione della I Commissione Consiliare Permanente AFFARI ISTITUZIONALI, PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, FINANZE E PATRIMONIO, ORGANIZZAZIONE E PERSONALE, ENTi LOCALI Relalore Consigliere Marco Fasolo SULL' A TTO SOLO ESAME Relazione in ordine all'attività svolta dalla Fondazione Umbria contro l'usura nell'anno art. 4 della legge regionale , n. 38. Approvato dalla J Commissione Consiliare Permanente 1' Trasmesso alla Presidenza del Consiglio regionale il 9, N,E. L'allegato del presente atto non viene fotoriprodotto per ragioni di economia

2 In '11'1 [Il In,' ','I ' REGIONE HEU,'UMBRIA Consiglio Regionale <;:3C5> Atti Consi/iar; VII LEGISLATURA COMUNICAZIONE DELLA I COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE Si comunica che la I Commissione Consiliare Permanente, nella seduta dell'8 luglio u,s preso atto della relazione concernente l'attività svolta nell'anno 2003 dalla Fondazione Umbria contro l'usura (Atto n, 2097), e non avendo osservazioni da formulare, ha deciso di trasmettere al Consiglio l'atto stesso per il dibattito, dando incarico di riferire al Consigliere Fasolo, Si richiede, altresì, al sensi dell' articolo 27, comma 2, del Regolamento Interno, l'iscrizione dell'atto medesimo ai lavori della prossima seduta del Consiglio regionale,

3 , '1,:1')1 1,1;1 Il]' In', ',I REGIONE DELL'UMBRIA Consiglio Regionale' A tt; Consiliar; VII LEGISLATURA Relazione della I Commissione Consiliare Permanente Relatore Consigliere Fasolo La Giunta regionale, con propria deliberazione n. 439 del , in ottemperanza a quanto disposto dall'art. 4 della L.R. 38/95, ha trasmesso al Consiglio regionale, ai fini del solo esame la relazione del Presidente della Fondazione Umbria contro l'usura, concernente l'attività svolta dalla Fondazione stessa ne Il'anno Anche nell'anno 2003 la Fondazione ha proseguito ed ampliato le sue attività istituzionali di soccorso agli usurati, di prevenzione a favore delle potenziali vittime, di tutoraggio, nonché di promuovimento della cultura della legalità. Per quanto riguarda l'attività di soccorso alle vittime dell'usura, va ricordato che si esplica precipuamente mediante fideiussione in ordine alle quali la Fondazione si accolla la differenza tra il tasso bancario praticato e quello legale, ma anche erogazioni dirette da restituire nel termine di cinque anni, ed assistenza (psicologica, legale, commerciale e bancaria). Dall' analisi effettuata, in Umbria si riscontra nell'ultimo triennio un aumento di denuncie: dalle 37 del 200 I si è passati alle 46 del 2002 e da ultimo alle 51 dell' anno In tale contesto è continuata l'attività di soccorso alle vittime, alle 64 domande presentate negli anni precedenti si sono aggiunte le IO istanze presentate nel 2003, delle quali ben nove sono state accolte; il che porta a 44 le domande accettate. Le insolvenze ammontano a circa il 27%, rispetto al dell'anno precedente. E' evidente che circa il '!. delle vittime ha onorato puntualmente l'impegno di restituzione e questo grazie anche all'intervento della Fondazione che non consegna somme di danaro alle vittime ma li assiste anche per l'epoca successiva alla delibera di intervento. - Per quanto riguarda l'attività di prevenzione i fondi erogati dal Ministero per l'attività di prevenzione nell'intero periodo ( ) ammontano a Euro =, e di questi = Euro nell'anno Tali fondi sono stati

4 , 1)11, -llfl' :111' 111,.,' REGIONE DELL'UMBRIA Consiglio Regionale Atti Consiliar; VII LEGISLATURA impiegati con risultati soddisfacenti: nel 2003 sono state presentate ben 132 domande, il che porta a 723 le domande esaminante nell'intero periodo. A fronte di tale domande sono state prestate fideiussioni per complessivi Euro 10,155,176 = (e di questi 1.295,384= Euro nel solo anno 2003 per le 35 domande accolte), Il bilancio appare quindi positivo: molte situazioni sono state risolte; numerose piccole attività commerciali ad artigianali sono state sanate; le garanzie escusse ammontano al 6,67=%; le sofferenze ammontano a circa il venti per cento e, per l'effetto, mediamente l'ottanta per cento degli assistiti onora l'obbligo di restituzione consentendo così nuovi interventi, Anche nell'anno 2003 le categorie risultate più a rischio sono: i lavoratori dipendenti, i commercianti e gli artigiani, L'opera di tutoraggio che si conferma quale modalità di intervento privilegiato posto in essere dalla Fondazione consiste nell' azione di ascolto delle centinaia di persone che si rivolgono agli uffici della Fondazione stessa, Per l'attuazione di un programma indispensabile sarà necessario potenziare l'ambulatorio anti-usura, Va ricordato inoltre che la Fondazione ha ritenuto dover stipulare convenzioni con tutti i principali istituti di credito del territorio umbro; nell'anno 2003 ha realizzato - con il finanziamento della Fondazione della Cassa di Risparmio di Perugia e con la collaborazione delle associazioni di categoria - in particolare della Confcommercio e della CNA - uno specifico e mirato progetto di prevenzione denominato piccolo commercio ed artigiani sicuri, Infine nel ricordare che l'attività svolta nell' anno 2003 dalla Fondazione è stata proficua, anche per il 2004 la Fondazione intende proseguire e perfezionare le strategie di,intervento già collaudate sia pure con i limiti conseguenti alla modestia delle risorse, Ciò premesso la I Commissione nella seduta del 30 giugno u,s preso atto della relazione senza formulare osservazioni, ha deciso di trasmettere l'atto medesimo al Consiglio per il dibattito dando incarico di riferire al sottoscritto,

5 Cf;,,, :L-, - ~. ~ 1 lliòi ~ Fondazione Umbria contro l'usura - Onlus Assemblea Soci Fondatori e Benemeriti Regione dell'umbria Palazzo Donini Perugia, 16 marzo 2004

6 ' - Relazione del Presidente - Rendiconto Consuntivo al Preventivo Consuntivo Preventivo Relazione al Rendiconto Consuntivo al Relazione Collegio dei Revisori dei Conti al Consuntivo al Riepilogo disponibilità ed impegni al

7 ,,~ l RELAZIONE DEL PRESIDENTE ALL'ASSEMBLEA DEL COLLEGIO GENERALE DEI FONDATORI E SOSTENITORI BENEMERITI. Perugia Palazzo Donini 16 marzo 2004 SOMMARIO. 1. Premessa. 2. L'attività di soccorso alle vittime dell'usura. 3. L'attività di prevenzione. 4. In particolare: l'opera di tutoraggio. 5. I rapporti con il sistema bancario. 6. Il progetto Piccolo Commercio ed Artigianato Sicuri. 7. Il preventivo dell'anno 2004 e le strategie future della Fondazione. 1. Premessa. Signori Fondatori e Sostenitori Benemeriti, l'anno 2003 ha rappresentato il settimo anno di attività piena della Fondazione Umbria contro l'usura Onlus; nonché il secondo anno di attività dell'attuale Consiglio Direttivo, rinnovato in sede di Assemblea Generale del 20 marzo Com'è noto, la Fondazione venne costituita il 30 gennaio 1996 per volontà degli Enti maggiormente rappresentativi, delle istituzioni più sensibili e di realtà importanti presenti nel territorio, quali la Regione dell'umbria, le Province di Perugia e di Temi, il Comune di Perugia, la Federumbria, la C.C.I.A.A. di Perugia, la Confapi, il Confartigianato, la Confesercenti, la C.N.A., la C.G.I.L., la C.I.S.L, l'u.i.l., la Coop Umbria Casa e la Diocesi di Gubbio. V'è da dire che il nobile progetto di sostegno e di prevenzione, con il coinvolgimento del territorio nelle sue varie rappresentanze ed articolazioni sia istituzionali che di associazionismo, ha costituito un modello per Io stesso legislatore nazionale nella formulazione di alcuni dei principi direttivi della fondamentale L. 7 marzo 1996, n. 108, non casualmente di poco successiva alla costituzione della Fondazione.

8 ~,., Successivamente hanno aderito anche la Conferenza Episcopale Umbra ed i Comuni di Città di Castello, Foligno, Spoleto, Orvieto e Temi. Trattasi di adesioni di fondamentale importanza: in particolare la C.E.U. ha portato nella Fondazione la sensibilità della Chiesa nei confronti degli ultimi e la sua radicata, insostituibile presenza nel territorio; il Comune di Foligno l'esperienza ed i bisogni di una operosa e nobile comunità acerbamente provata dagli eventi sismici; il Comune di Città di Castello la sua visione non localistica, dinamicamente inserito com'è nelle realtà della Romagna, della Toscana e delle Marche; i Comuni di Temi, Orvieto e Spoleto infine hanno dato responsabile ed attenta voce ai bisogni delle popolazioni dell'umbria centro-meridionale, anch'esse colpite dalla grave crisi economica in atto. Si è ora in attesa che si formalizzi adesione di altri importanti Comuni, quali quelli di Gubbio, di Todi, di Bastia Umbra e di Corciano. Contemporaneamente, la Fondazione ha privilegiato la diffusione sul territorio di punti di ascolto, informazione e raccolta delle numerose domande di intervento economico, owero di tutoraggio. Attualmente sono operativi i centri di Perugia, Temi, Spoleto, Orvieto e Gubbio mentre è in fase di approntamento il centro di Foligno. Con il che può dirsi in fase di avanzata realizzazione l'obbiettivo, tenacemente perseguito dalla Fondazione, di porsi come momento di sintesi, centro di elaborazione e di coordinamento per tutti coloro che - senza sterili protagonismi- ritengono dovere civico il contrastare e, per quanto possibile, prevenire l'inaccettabile fenomeno dell'usura. In termini generali, anche nell'anno in esame la Fondazione ha proseguito ed ampliato, a mio giudizio con eccezionale impegno, tenacia ed alta professionalità, le sue attività istituzionali di soccorso aali usurati. di attività di prevenzione a favo~ po~me. di tutoraaaio, nonché di romuovimento della cultura della le alità. Di tali attività verrà data da qui a poco una breve sintesi, in uno con le riflessioni fornite dall'esperienza e con le proposte operative che il,

9 ,o: Consiglio Direttivo ha esaminato e che ritiene dover porre al dibattito ed all'approvazione dell' Assemblea. Ritengo però doveroso premettere e sottolineare che trattasi, da parte del Presidente, del Vice Presidente, dei Consiglieri e dei Consulenti, di attività totalmente gratuita e disinteressata, e a me pare anche altamente professionale. Senza l'opera del Vice Presidente e dei Consiglieri, che compongono i Comitati di istruzione e di valutazione delle domande, e dei Consulenti (questi ultimi in ordine alfabetico: dr. Ugo Antinolfi, esperto bancario; dr.ssa Paola Briglia, psicologa; aw.ssa Anna Maria Gasparri, aw.ssa Lorella Mercanti ed aw.ssa Daniela Papi Papini, libere professioniste) la Fondazione non avrebbe potuto operare per il raggiungimento dei propri fini. 2. L'attività di soccorso alle vittime dell'usura. L'attività di soccorso alle vittime dell'usura, che si esplica precipuamente mediante fideiussioni, in ordine alle quali la Fondazione si accolla la differenza tra il tasso bancario praticato e quello legale; ma anche eroaazioni dirette, da restituire nel termine di cinque anni, ed assistenza sicolo ica le aie commerciale e bancaria costituisce finalità precipua, statutariamente regolata. Sono ben note le drammatiche statistiche che comprovano il calo della fiducia nello Stato, con conseguente crollo del numero delle denunce di usurai, e quindi di arresti e di procedimenti penali. AI contrario, v'è da dire che -a livello nazionale- l'andamento delle denunce per estorsione registra una forte e progressiva crescita (anno 2000 : 6503 denunce; anno 2001 : 7460 denunce; anno 2003: 8240 denunce). La situazione in Umbria parrebbe essere diversa anche sul fronte della lotta all'usura, essendosi riscontrato nell'ultimo triennio un significativo 3

10 ~.!J~ aumento di denunce: dalle 37 del 2001 si è passati alle 46 del 2002, e, da ultimo, alle 51 dell'anno Sarebbe ingenuo ritenere che tale significativo aumento di denunce nella Regione dell'umbria sia dovuto all'attività di prevenzione e di sostegno della Fondazione con i limitati mezzi di cui è dotata. Certo è però che tale confortante dato - unitamente agli altri che verranno ora fornitideve costituire uno stimolo forte per un intervento di contrasto e di prevenzione che veda impegnati in rete la Magistratura, le Forze dell'ordine, le Istituzioni locali e tutto il tessuto sociale dell'umbria. In tale contesto è continuata l'attività di soccorso delle vittime: alle 64 domande presentate nei sette anni precedenti si sono aggiunte le 10 istanze presentate nel 2003, delle quali ben 9 sono state accolte per complessivi t, = di esborsi; il che porta a 44 le domande accettate e adé,,' = i contributi erogati nell'intero periodo di operatività della Fondazione. A tutti poi è stata offerta adeguata assistenza psicologica, legale, commerciale e bancari. Le insolvenze ammontano a circa tr 27 per cento, rispetto al 34,40 dell'anno precedente. E', all'evidenza, oltremodo positivo che circa i tre quarti delle vittime onori puntualmente l'impegno di restituzione, con ciò comprovando la riacquistata solvibilità economica. E' da ritenere inoltre che il drastico calo delle sofferenze sia dovuto anche alle modalità di intervento della Fondazione, che non consegna somme di danaro alle vittime, ma le assiste anche per l'epoca successiva alla delibera di intervento, surrogandosi nelle proposte di stralci ai creditori ed effettuando direttamente i pagamenti.,

11 .,- AI di là dei freddi dati statistici, quello che qui preme confermare è la sostanziale modestia del numero delle denunce (e, conseguentemente, del numero delle domande) dinanzi ad un sommerso che tutte le informazioni in nostro possesso giudicano capillare, diffusissimo, ed assolutamente intollerabile. E' di tutta evidenza cme le vittime con il loro silenzio manifestano una profonda sfiducia nei confronti dello Stato e delle sue articolazioni. In altri termini, per la gran parte degli usurati non v'è altra soluzione che quella di soggiacere alle richieste degli strozzini, ritenuti, nonostante tutto, degli amici, con i quali si vive un rapporto di amore-odio da parte di soggetti con personalità debole e facilmente influenzabile. V'è di più: la denuncia, quando viene presentata, proviene da un soggetto disperato, con una situazione debitoria all'ordine di decine se non addirittura centinaia di migliaia di euro, come tale irrecuperabile. Di conseguenza, le somme destinate agli interventi (ed ammontanti a circa =&... all'anno) potrebbero forse risolvere la situazione di una, al massimo due vittime. Abbiamo però constatato che quando il soggetto si rivolge alla Fondazione all'insorgere del suo dissesto, allora è possibile intervenire efficacemente sia dal punto di vista economico che attivando un progetto di tutoraggio a tutto campo, in particolare facendolo assistere nella vicenda giudiziaria che Io vede vittima. Da qui la necessità di una politica d'intervento duttile e personalizzata che si ponga i seguenti obbiettivi: 1) indirizzare le vittime ad accedere alle prowidenze del Fondo nazionale di solidarietà per le vittime dell'usura di cui all'art. 14 L. 7 marzo 1996, n. 108, prowedendo alla redazione delle relative domande ed alla raccolta dei documenti necessari;,

12 -.- 2) erogare somme ( di norma nei limiti dei = euro previsti dallo statuto e dal regolamento) dirette a soddisfare i bisogni più urgenti ed indifferibili, quali il cibo, l'affitto, le spese mediche e simili; 3) assicurare nel contempo - a mezzo dei componenti il Consiglio Direttivo, ognuno secondo la sua professionalità, nonché di volontari e consulenti esterni- assistenza psicologica, legale, commerciale, tributaria, bancaria e quant'altro. La vittima deve sentire la Fondazione ed i suoi componenti quali amici che gli offrono ascolto, solidarietà disinteressata e che faranno tutto il possibile perché rientri nell'economia legale. 3. L'attività di prevenzione. Ai fini della prevenzione, l'atto costitutivo espressamente prevedeva la prestazione di idonee garanzie per agevolare l'accesso al credito (art. 4 co.2, seconda ipotesi). Similmente l'art. 15, comma sesto, della L. 7 marzo 1996, n. 108, stabilisce che anche le Fondazioni costituiscano idonee garanzie alle banche ed agli intermediari finanziari, al fine di favorire l'erogazione di finanziamenti a soggetti che, pur essendo meritevoli in base ai criteri fissati nei relativi statuti, incontrano difficoltà nell'accesso al credito. Va all'uopo premesso che la totalità dei fondi erogati dal Ministero del Tesoro per l'attività di prevenzione nell'intero perioao \ )' ammonta ade~ =, e di questi~ ;!: nell'anno Tutti tali iqndi sono stati impiegati con risultati più che soddisfacenti: nel 2003 sono state presentate ben 132 domande, il che porta a 723 le domande esaminate nell'intero periodo. A fronte di tali domande sono state prestate fideiussioni per complessivi6u = (e di questi &~ = nel solo anno 2003 per le 35 domande accolte).

13 - Il bilancio appare positivo: molte situazioni personali e familiari sono state risolte; numerose piccole attività commerciali ed artigianali sono state sanate; le garanzie escusse ammontano al 6,67= per cento; le sofferenze ammontano a circa il venti DP-r cento e, per l'effetto, mediamente l'ottanta per cento degli assistiti onora puntualmente l'obbligo di restituzione, così consentendo nuovi interventi. Giova ribadire anche per la prevenzione quanto detto per le vittime dell'usura, e cioè che il drastico calo delle sofferenze può farsi risalire alle modalità di intervento della Fondazione, che non consegna somme di danaro ai soggetti tutelati, ma li assiste anche per l'epoca successiva alla delibera di intervento, surrogandosi nelle proposte di stralci ai creditori ed effettuando direttamente i pagamenti. I risultati conseguiti appaiono tanto più soddisfacenti se si considera che trattasi di soggetti tutti ritenuti non meritevoli del normale credito bancario. Anche nell'anno in esame le categorie più a rischio sono risultate essere, nell'ordine: i lavoratori dipendenti, i commercianti, quindi gli artigiani. E' necessario a questo punto riflettere sui gravi rischi che incombono sull'attività di prevenzione. In primo luogo, non è dato conoscere se l'attività di prevenzione verrà' rifinanziata per il futuro, non ~ssendovene. menzione nella lerge finanziaria recentemente approvata. In secondo luogo, la grave crisi economica in atto ha oltremodo ampliato la platea degli assistibili (ora si rivolgono sempre più spesso alla fondazione i ed. ceti medi) e l'importo richiesto, di norma superiore ai = euro stabiliti dallo statuto. 7

14 .. Di conseguenza, per il futuro la Fondazione sempre più spesso potrà solo offrire assistenza psicologica, commerciale, bancaria, tributaria e legale, e non anche interventi economici. 4. In articolare: l'o era di tutora io. Da quanto sopra detto l'opera di tutoraggio si sta confermando quale la modalità d'intervento privilegiato posto in essere dalla Fondazione. Il tutoraggio si attua preliminarmente nell'azione di ascolto delle centinaia di persone che si rivolgono agli uffici della Fondazione; e quindi nella attivazione di tutti i sostegni suindicati che la situazione richiede. Per l'attuazione degli ambiziosi ma indispensabili programmi di cui sopra, sarà necessario potenziale l'ambulatorio ANTIUSURA, strumento rivelatosi prezioso al fine -come si è detto- di sostenere psicologicamente e tecnicamente chi si rivolge alla Fondazione per averne ascolto, consiglio ed ausilio professionale. 5.1 ra orti con il sistema bancario. Giova premettere che la Fondazione ha ritenuto dover stipulare convenzioni con tutti i principali istituti di credito del territorio umbro. L'ultima convenzione è stata sottoscritta Io scorso mese con la Cassa di Risparmio di Orvieto. Va in questa sede dato atto che vi sono istituti -quali la Banca Popolare di Todi, la Banca dell'umbria, la Cassa di Risparmio di Spoleto e la Banca Popolare di Spoleto- che operano nel rispetto della lettera e dello spirito della convenzione liberamente sottoscritta. Vi sono però altri istituti che, anche nei confronti di interventi garantiti con fideiussione del cento per cento, applicano parametri meramente aziendalistici. Nei confronti di due di questi istituti, il Consiglio Direttivo ha deliberato la revoca della convenzione', mentre nei confronti di altri istituti, x

15 '; che sembrano essere solo parzialmente sensibili, sarà necessaria opportuna opera di chiarificazione, prima di procedere alla (eventuale) revoca delle convenzioni. Quanto sopra evidenzia la necessità di mantenere e rafforzare relazioni cordiali ma franche con il sistema bancario al fine di fissare insieme strategie, finalità ed interventi condivisi, nel superiore interesse non solo dei soggetti deboli ma meritevoli di tutela ma anche dell'intero sistema economico umbro. 6. Il Pro etto Piccolo Commercio ed Arti ianato Sicuri. Sempre nell'ottica della prevenzione, e con particolare riguardo alla categoria particolarmente debole dei piccoli commercianti e degli artigiani, la Fondazione anche nell'anno 2003 ha realizzato - con il finanziamento della Fondazione della Cassa di Risparmio di Perugia e la preziosa collaborazione delle associazioni di categoria, ed in particolare della Confcommercio e della C.N.A- uno specifico e mirato progetto di prevenzione denominato Piccolo Commercio ed Artigianato Sicuri. Alle dette categorie è stato offerto un corso teorico- pratico su materie di primaria importanza per la corretta gestione quali l'analisi finanziaria, la gestione del credito e del magazzino; è stata altresì prevista l'assistenza di un tutor per coloro che avevano evidenziato problematiche particolari di una certa rilevanza. La frequenza al corso è stata notevole ed i settanta partecipanti hanno espresso vivo interesse. Il 25 novembre 2003, alla conclusione delle lezioni, a tutti i partecipanti è stato consegnato un attestato di partecipazione. Oltre a ciò, la Fondazione, la C.N.A., la Confcommercio dell'umbria, la Banca de/l'umbria 1462 S.p.a., le Fidimpresa di Perugia e di Temi, il

16 o >. Cotico, la Finter Spoleto e la Fidicommercio di Temi - sul presupposto che la creazione di nuove imprese e la valorizzazione e la conservazione di quelle esistenti rappresentano un fattore cardine anche nella lotta alla criminalità economica- hanno stipulato apposita convenzione per la concessione di un contributo in conto interessi su finanziamenti erogati alle imprese dalla Banca dell'umbria e garantiti dai Confidi sino al cinquanta per cento. In particolare, il contributo in conto interessi da parte della Fondazione sarà di due punti per le neo imprese, e di 1,5 punti per quelle esistenti. 7. Il reventivo dell'anno 2004 e le strate ie future della Fondazione. In conclusione, l'attività svolta nell'anno 2003 dalla Fondazione è stata intensa e proficua: tutti i (non rilevanti) fondi disponibili sono stati impieqati; molte situazioni personali e familiari sono state risolte; alcune significative attività commerciali e artigianali sono state sanate; la gran parte degli assistiti (sia vittime di usura che soggetti a rischio) onora i mutui concessi con la fidejussione della Fondazione; gli interventi di tutoraggio -in aumento esponenziale- vantano successi sempre più lusinghieri. Anche per il 2004 intendiamo proseguire e perfezionare le strategie di intervento già collaudate, sia pure con i limiti conseguenti alle modestia delle risorse. Sul punto, è sempre più necessario che i Soci che non Io hanno sinora fatto determinino un contributo annuo, sia pure modesto, al fine di consentire al Consiglio Direttivo la necessaria programmazione degli interventi effettuandi. La centralità dell'azione di tutoraggio rende detta azione con la costituzione di una vera necessario qualificare e propria èquipe di IO

17 o commercialisti, awocati, tecnici bancari, psicologi e quant'altro, in grado di prendere in carico il soggetto a rischio e di aiutarlo ad uscire definitivamente dalla situazione di difficoltà e di disperazione. Com'è noto, la ragion d'essere della Fondazione sta nel fatto che gran parte delle istituzioni e delle forze vive della Regione hanno ritenuto di non restare latitanti dinanzi ad un problema di tale gravità e rilevanza nel tessuto sociale, fonte di sofferenze personali, familiari e sociali, nonché causa di inaccettabile sowertimento delle regole economiche di una società ordinata. La valutazione condivisa è proprio quella di non poter più delegare la soluzione del problema al solo Stato centrale (Ministero degli interni e del tesoro) alla Magistratura ed alle Forze di Polizia, ai quali peraltro va riconosciuto il grande impegno ed offerta la massima collaborazione. I problemi delle vittime dell'usura e dei soggetti a rischio di usura (così come quelli degli altri soggetti deboli) devono interessare intera società regionale, che ha inteso farsene responsabilmente carico. La Fondazione è ben consapevole di costituire soltanto uno strumento per il raggiungi mento di tale scopo di irrinunciabile valore etico, civile e religioso; e, se le SS.LL. la sosterranno, continuerà a perseguire i fini per i quali è stata costituita otto anni fà. Perugia 16 marzo IL PRESIDENTE (dr. Piero Cenci) Il

18 ,P Pagina I o CONSUNTIVO AL 31 DICEMBRE 2003 valori espressi in unità di Euro RENDICONTO PATRIMONIALE ATTIVO Cassa Cassa ,552 B,P,Spoleto c/ Titoli c/c BNL c/c Tesoreria BNL c/c Economato BNL c/c Attesa di mandato BNL c/c Attesa di reversale Banche attività ordinaria , ,730 B. Vmbria F.do Gar. c/c Vsura B. Vmbria c/c Add. Mutili - Vsura B.P.S. F.do Garanzia c/c VSllra C/c postale I/ V.fllra Banche per assistenza vittime Usura ,125 55,895 Bal/ca Popolare di Spoleto c/c 26654/1 Banca di Mantignana c/c 3/ Bal/ca dell'vmbria c/c Cassa Spello e Bettona c/cl/6575 Cassa R. Città di Castello c/c CAR1SPO c/c 2518 Bal/co Pop. Todi c/c /49 Cassa Risparmio di Fabriano c/c 441 Banca Pop. Etrllria e Lazio c/c 2120 Cassa Risparmio di Foligno c/c Cassa Risparmio di Temi e Nami c/c 1/95 Cassa Risparmio di Firenze Mome Poschi di SienCl Banca di Manrigl/allCl cl titoli P.c. T. c/c 606/ Banche conv. ex ArI.. 15 Lg. 108/ ,580,233 Crediti vi Assistiti con mutuo direuo - Usura Crediti vi Assistiti con Fid. Banc. - Usura Crediti v/ Assistiti ex art. 15 Lg. 108 Crediti per comributi annuali da erogare 45 L ,298 1,592,568 70,516 (segui? a pago 1J

19 Pa!!ina2.. RENDICONTO PATRIMONIALE (segue da pag I) valori espressi in unità di Euro ATTIVO Crediti v/ Altri soggetti Crediti vi professionisti volontari CI postale servizio pick-up Ratei e risconti attivi Immobilizzazioni Immobilizzazioni finanziarie - Titoli 57, ,782 14, ,114 PASSIVO Debiti v/ fornitori Altri debiti Debiti v/ dipendenti Debiti v/ collababoratori coord. E coni. Debiti vi Sindaci Revisori Debiti per finanziamenti diretti da erogare Debiti tributari Debiti previdenziali Fondi Ammortamento Fondo Accantonamento T.F.R. Patrimonio A vanzo Esercizi precedenti 2,856 16,009 2,112 1,390 9,103 16,745 1,800 2,494 10,148 8, ,501 6,157,088 Totali 7,342,777 6,359,746 Avanzo di gestione ,031 Totale a pareggio 7,342,777 7,342,777

20 Pagina 3 :o CONTI D'ORDINE valori espressi in unità di Enro IMPEGNI ASSUNTI CON VITTIME USURA ATTIVO Assistiti CI impegni asso legale Assistiti CI impegni per finanziamenti diretti Assistiti CI fidejussioni rilasciate 5,570 35, ,492 PASSIVO Fidejussioni B.P. Spoleto Fidejussioni Banca Pop. Todi Fidejussioni diverse Impegni per assistenza legale Impegni per finanziamenti diretti 31,992 77,500 50,000 5,570 35,000 Totale impegni assunti con vittime usura 200, ,062 IMPEGNI ASSUNTI EX ART. 15 Lg. 108/96. PREVENZIONE ATTIVO Assistiti CI impegni art. 15 Lg. 108/96 8,076,330 PASSIVO Banca Popolare di Spoleto Banca di Mantignana Banca dell'umbria Cassa Spello e Bettona Cassa Risp. Città di Castello CARISPO Banca Pop. Todi Cassa Risp. Fabriano e Cupramontana Banca Pop- Etruria e Lazio Cassa Risparmio di Foligno Cassa Risparmio di Temi e Narni Cassa Risparmio di Firenze Monte dei Paschi di Siena Impegni Assunti per fidejussioni varie Impegni assunti per pratiche in istruttoria 1,084, ,292 1,619, , ,690 1,571,036 1,080,503 18, , Totale impegni assunti per fidejussioni ex art. 15 Lg. 108/96 8, ,

21 .-. RENDICONTO ECONOMICO valori espressi in unità di Euro Attività Istituzionale RENDITE Contributi da Enti 220,068 Interessi attivi bancari lllleressi attivi c/c postale Interessi attivi su erogazioni Interessi Proventi Vari Arrotondamenti attivi Totale rendite attività Istituzionale /.4/8 56 /70 1,644 1, ,975 Attività di Prevenzione ex art. 15 LI!. 108/96 Contributi ex art. 15 Lg. 108/96 Interessi attivi su contributi ex art. 15 Interessi attivi su titoli P.c.T. Proventi Vari Arrotondamenti attivi Totale rendite attività di prevenzione 1,135,841 56,804 8, ,202,404 Prm!:etto Piccolo Commercio Sicuro Contributi da Enti Totale rendite Piccolo Comm.sicuro Spese Attività Istituzionale Soese di orevenzione SPESE Spese x convegni 320 Totale Spese di prevenzione Scese di erol!3zione Differenza interessi Sll prestiti Perdite sufidejussioni bancarie escusse Costo spese legali usurati Spese per recupero erogazioni insolute Spese \-'arie di erogazione Totale spese di erogazione Soese ocr il oersonale diocndente Stipendi e.mlari COlllributi /NPS Accamollamemo T. F.R. /NA/L Altri oneri sociali TOlale spese per il personale dipèndenle /29 26,/ / / /35 /5 (st'gue a pug. 5) ~1.611 Pagina 4

22 Pagina 5 ~ RENDICONTO ECONOMICO (segue da pago4) valori espressi in unità di Euro RENDITE SPESE Scese Der Professionisti Compellso Consulente Compenso sindaci revisori Compenso professionisti vari Totale spese per professionisti Rimborsi soese Rimborso spe,'ìe Presidente Rimboroso spese Consukente Totale rimborsi spese Soese amministrazione Spese amministrazione e cancelleria Spese di assicurazione Spese per elaborazione dati Spese telefoniche e fax Spese telefoniche efax (CSM) Spese postali Spese parcheggi Beni ammort.1i < 516 Spese di manutenzione Spese varie di amministrazione Abbonamemi a riviste Totale Spese di amministrazione Oneri finanziari Interessi passivi di c/c Commissioni e spese bancarie Commissioni e spese postali Totale Oneri tinanziari Oneri Vari Arrotondalllenti passh,i Costo rite'llitafiscale Stl interessi bancari Ammortamento ordinario immob. mareriali Totale Oneri Vari Oneri Tributari IRAP Totale Oneri tributari 900 9,/ / 4,0/7 2,432 9,234 Il,639 /, / , /,659 /20 8/ 382 /,089 2,316 10,859 4,088 32, Totale Spese attività Istituzionale (segue à r~lg. 6)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli