STALKING: REATO AD ALTO IMPATTO PSICOLOGICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STALKING: REATO AD ALTO IMPATTO PSICOLOGICO"

Transcript

1 MARCO STRANO STALKING: REATO AD ALTO IMPATTO PSICOLOGICO MANUALE OPERATIVO PER INVESTIGATORI

2 INDICE Presentazione (di Valter Mazzetti) Prefazione (di Massimo Giuseppe Zito) Introduzione: il business delle donne maltrattate (di Marco Strano) Il fenomeno stalking (di Marco Strano) Lo stalking: un fenomeno antico (di Marco Strano) Lo stalking e internet: il cyberstalking (di Marco Strano) Lo stalking nella relazione di coppia (di Marianna Chessa Ex-pazienti ed ex-clienti: lo stalking subito dalle figure professionali (di Paola Popolla) Guideline: lo stalking nelle professioni d aiuto (di Marco Strano) La prevenzione dello stalking attraverso la collaborazione tra legali e psicologi (di Gaetano Lauro Grotto) Lo stalking delle celebrità (di Marco Strano) Aspetti normativi 2

3 PRESENTAZIONE Il settore ricerca scientifica e formazione dell UGL Polizia di Stato è diretto dal nostro Dirigente Nazionale Marco Strano, funzionario di polizia ma anche stimatissimo scienziato, molto apprezzato dalla comunità internazionale dei criminologi e degli scienziati forensi. Obiettivo del settore è quello di offrire agli operatori di polizia dei momenti di sviluppo della cultura professionale, specialmente su tematiche innovative e multidisciplinari. Dalla fine del 2011 questo settore estremamente attivo e prestigioso dell UGL Polizia, grazie all impegno di Strano, ha organizzato numerosi eventi formativi e progetti di ricerca a cui hanno partecipato migliaia di appartenenti alla Polizia di Stato che hanno particolarmente apprezzato l iniziativa. Parallelamente ai corsi di formazione, il team diretto da Marco Strano sta realizzando manualistica tecnica e guideline operative su diverse tematiche investigative che vengono progettate e sviluppate anche attraverso una capillare azione di ricerca che coinvolge dal basso gli operatori di polizia e che individua nelle loro esigenze gli aspetti della cultura tecnico-professionale che richiedono particolare preparazione e aggiornamento e un supporto da parte della ricerca scientifica. Tra queste tematiche sono oggetto di attenta analisi, quelle relative all intervento sulla scena del crimine, ai software di supporto alle indagini, al criminal profiling, alle strumentazioni per l intelligence, alle tecniche di interrogatorio e di rilevazione della menzogna e ai reati ad alto impatto psicologico come lo stalking e i crimini commessi da sette pseudo religiose, dai maghi e dai medium. Per ognuna di queste aree tematiche il settore diretto da Marco Strano ha progettato dei percorsi di formazione professionale di altissima qualità e contemporaneamente sta diffondendo della manualistica in formato elettronico e cartaceo come la presente pubblicazione che sta trovando enorme interesse tra gli operatori di polizia. Questo lavoro di ricerca e formazione promosso dall UGL Polizia di Stato si sta inoltre diffondendo anche tra altre categorie professionali forensi, come i Magistrati e gli Avvocati, nell ottica di una partecipazione sociale e culturale, di tutti gli operatori del Diritto all incremento della cultura investigativa, fattore che si sta proponendo da diversi anni come modello di sviluppo scientifico e culturale nella maggior parte delle Nazioni più sviluppate. Valter Mazzetti. Segretario Generale UGL Polizia di Stato 3

4 PREFAZIONE L ICAA ha iniziato a studiare lo stalking a partire dal 2003, inizialmente nelle sue manifestazioni digitali, somministrando questionari sull incidenza e sulle diverse manifestazioni del fenomeno e studiando i dati dell UACI della Polizia Postale. Le prime pubblicazioni sull argomento, come quella di Marco Strano, Cyberstalking pubblicata su ICT Security, nel febbraio 2003, facevano infatti riferimento ai soli comportamenti assillanti digitali. Poi l ICAA ha attivato una equipe di volontari a Roma che ha cominciato a incontrare le vittime e a trattare anche casi di stalking off-line, fornendo una consulenza gratuita e acquisendo così progressivamente esperienza operativa e dati di ricerca. I casi trattati sono stati selezionati il più possibile diversi tra loro, in base alle caratteristiche della vittima e ai comportamenti di stalking. L approccio interdisciplinare adottato ed elaborato da Marco Strano si ispira alle esperienze dirette acquisite dall ICAA negli ultimi 10 anni che hanno fornito un importante contributo conoscitivo al fenomeno. Viene adottato un protocollo standardizzato e le informazioni vengono raccolte con una scheda strutturata ed elaborate a Roma. Poi in base alla situazione riscontrata si progetta un intervento individualizzato e si forniscono consigli alla vittima. Il tutto in modo assolutamente gratuito. In questi 10 anni di attività hanno cominciato a giungere richieste all infoline e all emali da tutta Italia e molte delle persone ascoltate dall equipe interdisciplinare dell ICAA sono giunte da molto lontano. Per questo motivo l ICAA ha deciso di attivare equipe nelle sue sedi periferiche di Parma, Palermo, Lecce, Bari, Cagliari, Napoli, e Genova. Sono composte da uno Psicologo, da un Avvocato e da altre figure professionali e adottano tutte lo stesso protocollo di intervento e i casi vengono supervisionati dall equipe centrale di Roma. I componenti dell equipe ricevono una formazione specifica sull argomento. Proponiamo quindi, una pubblicazione scientifica sull argomento, che contiene una guideline di intervento per i professionisti di area legale e psicologica oltre che il protocollo adottato e le valutazioni sulla casistica trattata. Recentemente, in collaborazione con l UGL Polizia di Stato, sono stati effettuati numerosi seminari di formazione agli operatori di polizia al fine di incrementare la sensibilità sul fenomeno e per fornire strumenti di intervento psicologici da affiancare a quelli di natura giuridica. Questo manuale, dedicato agli operatori istituzionali e alle associazioni di volontariato, raccoglie alcuni brevi interventi tecnici in ottica interdisciplinare, in area legale, psicologica, investigativa e tecnologica. Massimo Giuseppe Zito 4

5 INTRODUZIONE: IL BUSINESS DELLE DONNE MALTRATTATE Sono Marco Strano (il curatore di questo manuale operativo), responsabile della ricerca e formazione dell UGL Polizia di Stato e Direttore scientifico dell'icaa, Associazione di volontariato e ricerca scientifica una cui sezione specializzata (l'equipe antistalking ICAA) dal 2004 offre gratuitamente, a persone vittime di persecuzioni, dei consigli legali e psico-comportamentali. Parallelamente, sempre in forma gratuita, l ICAA eroga corsi di formazione a professionisti e operatori che intendono operare, in questo ambito, nel settore no-profit. In questi anni ho avuto modo di assistere donne (e anche alcuni uomini) che stavano subendo stalking e altre forme di violenza e alcune di loro ci hanno raccontato di essere in precedenza già "incappate" prima di rivolgersi a noi, in diverse associazioni in difesa della donna. Alcune molto serie e piene di volenterosa solidarietà, altre (fortunatamente una piccola percentuale) a mio avviso più interessate al prestigio e al lucro che all'erogazione di una reale assistenza a persone in difficoltà. Non so se si tratta di una casualità ma molto spesso le associazioni che nei racconti delle donne vengono descritte come più accoglienti e utili sono quelle con minori risorse economiche, senza finanziamenti pubblici e privati e dove le volontarie offrono quello che hanno per aiutare la gente. Mi riferisco a molte altre organizzazioni antiviolenza con cui a volte collaboro, dove i responsabili arrivano addirittura ad ospitare a casa loro le donne che fuggono dalla violenza domestica, dove le volontarie non prendono alcun rimborso e dove la sede dell'associazione viene pagata di tasca propria dai suoi soci, oppure è addirittura a casa di uno dei soci. Il ruolo fondamentale delle associazioni in difesa della donna Sulla tematica stalking e violenze sulle donne occorre riconoscere una certa inerzia istituzionale legata in parte alla scarse risorse destinate alle forze di polizia che hanno attualmente serie difficoltà ad offrire un servizio di ascolto del cittadino che vada al di la della mera ricezione delle denunce. 5

6 Va da se che in casi intricati e psicologicamente complessi, quali appunto quelli che riguardano la violenza sulle donne, spesso gli uffici di polizia a volte vanno un po in affanno. In quest'ottica l'azione delle associazioni di volontariato (serie e preparate) appare utilissima, sia nella fase dell'accoglienza che nella fase di assistenza nella preparazione di eventuali interventi legali. Sappiamo che molte donne hanno ad esempio un comportamento altalenante, sono intimidite (e spesso hanno anche infondati sensi di colpa), e sono combattute dalla scelta se continuare a prendere le botte o se affrontare un periodo di difficoltà nell'auto-sostentamento loro e dei loro figli. Insomma una situazione dove l'aiuto di persone disposte ad accogliere e a supportare psicologicamente appare utilissima. Che poi coloro che svolgono questa azione di assistenza nei confronti delle donne debbano essere sempre e necessariamente altre donne permettetemi di avanzare dei dubbi. A mio avviso, gli uomini che riescono a prendere consapevolezza della prepotenza del loro genere nei confronti delle donne avvertono un certo imbarazzo di fondo e questo può essere una spinta verso un atteggiamento di particolare accoglienza. Ricerche condotte in Olanda già all inizio degli anni 80 supportano questa mia considerazione. Volontariato non deve voler dire scarsa professionalità Il volontariato in questo delicato settore, che viene offerto a "materiale umano" (e oltretutto in situazione di difficoltà), anche se non prevede un corrispettivo per gli operatori, deve essere svolto con la massima professionalità per non incrementare i rischi di una "vittimizzazione secondaria" che vuol dire in pratica fare ancora più danni. Per evitare ciò, ad esempio, sarebbe opportuno che ogni associazione che si occupa di violenza sulle donne e stalking, avesse in organico uno psicologo con almeno 4-5 anni di esperienza che si occupasse di tutti i primi colloqui (essendo presente) e che poi seguisse con la sua supervisione l'attività di eventuali volontari non-psicologi. E il curriculum in pdf del professionista, in formato europeo, (con indicato il numero delle ore dei corsi frequentati e firmato) dovrebbe essere disponibile e liberamente consultabile sul sito web dell'associazione. Questa è una mia opinione personale che potrebbe essere supportata anche dall'università attraverso l'invio di giovani psicologi a svolgere il 6

7 loro tirocinio presso associazioni meritorie. A tal proposito è importante ricordare che per svolgere il tirocinio i giovani psicologi devono essere seguiti da un tutor (Psicologo con almeno 5 anni di iscrizione all'albo e già operante in modo stabile nella struttura ospitante). Volontariato non vuol dire uno spazio per reperire clienti a pagamento Sempre dal racconto di alcune donne che si sono rivolte alla nostra equipe di ascolto, è emersa l'abitudine di alcuni professionisti di operare saltuariamente (raramente) in associazioni no-profit (anche molto blasonate) per poi incontrare le vittime di violenza che si rivolgono alla struttura di volontariato e offrire loro delle attività di consulenza psicologica o legale (spesso una perizia nel processo) facendosi pagare profumatamente migliaia di euro. Secondo il mio modesto avviso, questo comportamento, che dovrebbe essere in qualche modo vietato per legge (e duramente sanzionato dagli Ordini professionali, è qualcosa di veramente disgustoso, una sorta di sciacallaggio sulle donne in difficoltà che però sembra essere abbastanza diffuso. Volontariato sociale o azienda mascherata? In questi anni ho avuto modo di conoscere associazioni che aiutano veramente le donne e lo fanno con risorse economiche pressoché inesistenti. Collaboro con alcune di loro offrendo consulenza psicologica e criminologica per i casi che mi sottopongono. Associazioni che hanno dei conti correnti in banca con poche centinaia di euro ma che grazie alla buona volontà delle loro associate riescono ad offrire un contributo fattivo alle donne che chiedono loro aiuto. Lo fanno con il cuore. Non chiedono neanche di avere rimborsi spese per la benzina. Ho visto le volontarie di queste associazioni ospitare nella loro casa delle donne costrette a fuggire da uomini violenti. Ma è sempre così? Qualche tempo fa espressi pubblicamente l'opinione che le associazioni di volontariato dovrebbero rendere pubblico su internet il loro bilancio anche per i non soci. Soprattutto se tali associazioni ottengono finanziamenti pubblici o da parte di fondazioni e aziende. L'associazione ICAA a cui appartengo, con circa 2000 euro in banca e più di 6000 soci già lo fa da circa 10 anni. Ma con queste cifre in ballo i conti sono assai facili. 7

8 Alcuni centri anti violenza e associazioni con moltissime volontarie che conosco personalmente hanno situazioni anche peggiori, con la sede sociale presso l'abitazione del Presidente e serie difficoltà quotidiane per andare avanti. E immagino non avrebbero difficoltà a rendere pubblico il loro bilancio. Occuperebbe a mala pena un paio di righe di testo sul loro sito. Ma non è così per tutte. Le donne che si rivolgono a un'associazione di tutela devono subito denunciare colui che agisce violenza nei loro confronti? Che le donne maltrattate abbiano riluttanza a sporgere denuncia è una cosa oramai ampiamente dimostrata. Il numero oscuro (il sommerso) in questo genere di reato è elevatissimo e una delle funzioni primarie delle associazioni di difesa delle donne è proprio quella di convincere le vittime a pubblicizzare la violenza subita attraverso una denuncia, unica strada civile per uscire dal loop della violenza. Indurre una donna a sporgere denuncia è però a mio avviso una cosa che necessita di grande responsabilità e competenza giuridica. Una denuncia infatti comporta poi un processo dove i giudici valutano le prove e non la solidarietà e la buona volontà. Se le prove non ci sono la vittima subisce un ulteriore danno e solitamente si prende una controdenuncia per calunnia (e se ritorna a casa anche ulteriori violenze). Ritengo pertanto che uno dei ruoli importanti delle associazioni di tutela della donna sia viceversa quello di convincere la vittima a ritardare (un pochino) la presentazione della denuncia e nel frattempo insegnarle ad acquisire più prove possibili che reggano poi al dibattimento in aula. Questa cosa che può apparire per certi versi cinica e per altri scontata, in realtà non lo è. Molte volontarie di associazioni in difesa della donna sembrano interpretare il giusto motto "se subisci una violenza, denuncia" con una maledetta fretta. Recentemente mi sono occupato di un caso di stupro ai danni di una minorenne dove fortunatamente la vittima ha avuto la prontezza di spirito di fotografarsi con il telefonino alcuni lividi ed escoriazioni scaturite dalla violenza. Questa prova, probabilmente, sarà l'unica cosa che consentirà a questa giovane vittima di ottenere giustizia. Voglio dire che un racconto di violenze subite rimane un racconto (fatto di parole) e se il racconto non è supportato da prove rimarrà probabilmente solo un racconto. 8

9 Stessa cosa per lo stalking. Conservare mail ed sms (che spesso la vittima cancella per rabbia dal proprio telefono) è un elemento fondamentale per poter dimostrare la persecuzione subita. Riuscire a video registrare (con strumenti elettronici che oramai si trovano a poche decine di euro) la violenza psicologica subita o la presenza del molestatore sotto casa sono degli elementi fondamentali per convincere il Pubblico Ministero ad attivare un ipotetico processo. E queste sono le strategie che insegno nei corsi gratuiti per volontari e che a mio avviso non sono una competenza esclusivamente "sbirresca" come qualcuno mi ha contestato ma rientrano a tutti gli effetti nelle famose 'indagini difensive" introdotte in Italia da anni (ma pochissimo praticate) nel nuovo processo penale. Quando la tutela della donna diviene una battaglia tra i sessi Una ultima considerazione sul problema della tutela della donna riguarda l'elevato numero di false denunce utilizzate come strategia nelle cause di separazione conflittuali. Le donne che segnalano situazioni di stalking o di violenza domestica inesistenti, come strategia per ottenere l'affidamento dei figli o come "vantaggio" da mettere sul piatto della bilancia nella richiesta di alimenti, gettano un'ombra sulla credibilità di tutte coloro (la maggioranza) che invece la violenza l'hanno subita davvero e contribuiscono a generare nei giudici quella diffidenza responsabile a mio avviso della maggior parte delle archiviazioni dei procedimenti per violenza domestica e stalking. Come possa una donna sfruttare una simile piaga sociale per vantaggi personali è una cosa che si fa difficoltà a comprendere. Resta il fatto che anche le associazioni che tutelano le donne (quelle serie) sono costrette ad attivare una sorta di filtro quando ricevono una nuova segnalazione, per capire se la presunta vittima in realtà sta cercando di strumentalizzarle. 9

10 GUIDELINE INVESTIGATIVA A. Prima di presentare una querela per stalking è necessario reperire il maggior numero di prove che possano poi reggere in dibattimento. B. Tali elementi probatori dovrebbero essere in grado di dimostrare che le azioni poste in essere dallo/a stalker sono finalizzate alla persecuzione e non hanno carattere di casualità. C. L elemento fondamentale è quindi legato alla reiterazione del comportamento e sulla sua capacità (il più possibile oggettiva) di provocare un disagio. Questi gli elementi che andrebbero acquisiti e conservati (e allegati alla denuncia): messaggi SMS, messaggi face book, schermate di chat, twitter, e ogni altro messaggio elettronico; tabulati telefonici; filmati e fotografie della presenza dello stalker in prossimità dell abitazione; registrazioni audio di telefonate (specificando all interlocutore che si sta registrando la conversazione); documentazione fotografica di danneggiamenti, scritte sui muri e altri segni della presenza dello stalker; testimoniane scritte di azioni denigratorie dello stalker fornite da parenti e conoscenti; referti medici e psicologici di eventuali violenze subite. Sarebbe anche auspicabile che il Legale che assiste la vittima (qualora le risorse economiche fossero sufficienti) desse un regolare mandato a un Investigatore Privato (in possesso di regolare licenza per le indagini penali) che possa effettuare una relazione tecnica corredata di documentazione fotografica. 10

11 IL FENOMENO STALKING Di Marco Strano Il numero oscuro rappresenta il numero di reati consumati ma non denunciati. La letteratura scientifica riferisce che nello stalking è molto elevato. Solo una parte delle molestie assillanti viene infatti pubblicizzata da chi le subisce. Moltissime delle persone che ci circondano hanno avuto probabilmente nella loro vita qualcuno che non ha digerito la separazione e che ha tentato di riavvicinarsi, a volte anche in maniera insistente, molesta e sgradita. Ovviamente solo in un numero ridotto di casi questi comportamenti sono stati percepiti come stalking. Su tale fenomeno permane comunque una notevole confusione. In primo luogo sul genere degli stalker e delle vittime. Nella maggior parte degli articoli divulgativi sul fenomeno stalking e purtroppo anche su diversi articoli scientifici si tende ad esempio a connotare lo stalker come maschio e la vittima come femmina. In realtà, coloro che possiedono anche solo un infarinatura di cultura criminologica e in genere sulle Scienze Sociali dovrebbero affermare che lo stalker si manifesta statisticamente maggiormente come uomo e la vittima si manifesta statisticamente maggiormente come donna. La cosa è ben diversa. La riluttanza a pubblicizzare il fatto da parte dei soggetti maschi attraverso una denuncia, o la diversa interpretazione/significazione di un comportamento (più o meno molesto) è ovviamente soggettiva e legata alla cultura di genere. E notorio che i maschi vengono educati con principi culturali diversi rispetto alle femmine e spesso se si trovano una ex fidanzata sotto casa non fanno denuncia ma spesso si vantano del fatto con gli amici al bar. Certamente, se l azione di stalking si manifesta in presenza della nuova compagna magari si vantano un po meno e magari attivano una delle poche azioni legali che si registrano promosse da vittime di sesso maschile. I sociologi chiamano tutto questo errore sistematico che a un famoso non eletto Presidente degli Stati Uniti costò molto caro avendo fatto un sondaggio elettorale sugli elenchi telefonici e lasciando quindi fuori dalla sua valutazione tutti i poveri, senza telefono, che poi hanno votato per l altro candidato. 11

12 Diversi modelli culturali influiscono quindi sul livello di emersione di un fenomeno all interno di generi diversi. E la ben conosciuta teoria di Sutherland del numero oscuro in Criminologia ma altre Scienze sociali hanno costruito teorizzazioni simili. Da Psicologo e da ricercatore sociale ritengo che se lo stalking è legato alla difficoltà di rielaborazione del lutto e alla bassa autostima e se tale difficoltà è equidistribuita tra maschi e femmine, evidentemente le vittime e gli autori di stalking potrebbero essere in percentuale del 50% tra maschi e femmine. Ma certamente le statistiche giudiziarie che riportano solo i reati scoperti (denunciati) e oggetto di procedimento penale non potranno mai darci una risposta. Un questionario anonimo distribuito a un campione randomizzato di popolazione forse potrebbe darci interessanti sorprese in merito. E in definitiva bisognerebbe chiedersi: perché gli uomini dovrebbero essere più inclini delle donne alle molestie assillanti e a non digerire l abbandono? E un problema culturale?, biologico, personologico, affettivo?, emotivo? Le donne sono forse più fredde e anaffettive e tollerano maggiormente l abbandono? Oppure reagiscono in maniera diversa? Probabilmente a rendere maggiormente persecutori i maschi è la presenza di una sciagurata cultura che inculca loro, fin da piccoli, che la donna è una sorta di proprietà privata (e non una compagna di vita) e l abbandono può rappresentare in quest ottica una ferita narcisistica di più difficile guarigione. Ma da qui a dire che le istanze persecutorie siano solo ed esclusivamente maschili a mio avviso si rischia di commettere un grave errore. Come già ho sottolineato, un altro elemento di confusione è generato a mio avviso dal mettere sempre in correlazione le violenze domestiche e lo stalking: il rischio di una confusione semantica, epistemologica, investigativa e clinica è assai frequente. Aiutare le donne a trovare il coraggio di denunciare le violenze subite è una cosa utile e meritoria. Questo è quello che fanno (o che dovrebbero fare) le Associazioni di volontariato che operano in questo ambito, rappresentando un interfaccia tra le vittime e le forze di polizia. 12

13 Associare in modo lineare però la violenza (fisica e psicologica) sulle donne al fenomeno stalking è a mio avviso pericolosissimo. La categorizzazione semantica, epistemologica, clinica e recentemente giuridica, dello stalking serve proprio a definire una categoria interpretativa nuova che quella della violenza (già normata da molto tempo) non riusciva a considerare efficacemente. Se associamo lo stalking alla violenza fisica rischiamo di ingenerare in coloro che dovrebbero rilevare i casi (i poliziotti) l aspettativa di trovarsi sempre di fronte dei segni tangibili dello stalking sui corpi delle vittime. E questo non è assolutamente corretto. Lo stalking vero (tipico) è il tentativo di rientrare nella vita di una persona in modo sistematico ma senza azioni eclatanti di violenza fisica. E il tentativo di costringere la vittima a osservarlo/a attraverso presenze più o meno palesi, è il tentativo di fare in modo di entrare nei pensieri della vittima, di far in modo che la vittima pensi a lui o a lei. I comportamenti distruttivi, quelli finalizzati a far soffrire la vittima rappresentano tutto sommato forme di stalking atipiche e se pur a volte presenti non costituiscono il focus psicologico di tutti i comportamenti di stalking. Una persona gretta e violenta per colpire un ex partner può agire comportamenti aggressivi, una persona intelligente e pianificatrice può agire comportamenti non violenti e più sottili. Insomma, un uomo violento è sicuramente uno stalker? Uno stalker è sicuramente un uomo violento? Lo stalker è sicuramente un uomo? Ritengo che la risposta a queste domande debba essere supportata da una seria e articolata ricerca scientifica. Resta il fatto che chi si occupa di violenze normalmente ha a che fare con vittime donne perché gli uomini sono fisicamente più robusti e tendono a sfruttare questo vantaggio. Le donne evitano di tentare di picchiare gli uomini perché altrimenti spesso soccomberebbero. Insomma le donne prendono più botte in famiglia o dal partner rispetto agli uomini. Le donne però attuano maggiormente comportamenti violenti di tipo verbale, compatibili con le loro risorse. Gli uomini che vengono picchiati dalle donne infine, normalmente si vergognano ad ammetterlo e non lo raccontano. 13

14 Queste banalità e semplificazioni di questioni assai complesse rappresentano però delle verità difficilmente negabili e su cui probabilmente è necessaria un attenta riflessione. E da queste riflessioni pongo un altro interrogativo. Le organizzazioni di volontariato e le strategie da loro attuate per prevenire e per reprimere le forme di violenza tradizionale sulle vittime sono forse inadatte per prevenire e combattere lo stalking? In altre parole, coloro che da anni operano nel settore della prevenzione e della repressione delle violenze fisiche forse sono impreparati per affrontare il problema stalking, molto più subdolo e permeato di dimensioni psicologiche? E poi ci sono le guerre di genere, maschi contro femmine e femmine contro maschi, che si sperava fossero sopite alla fine degli anni 70 e che stanno invece ritrovando nuova linfa, alimentate da gruppi e associazioni varie e forse anche criticizzate da norme che consentono un ampio spazio di interpretazione. Personalmente credo che la guerra tra maschi e femmine debba definitivamente finire perché in questo pianeta abbiamo problemi molto gravi da affrontare (fame, pandemie, guerre etniche) che entro pochi decenni ci potrebbero portare in una condizione difficile per tutti e che l azione culturale e politica dovrebbe tendere a riunire e non a dividere. Stalking come malattia mentale? Stiamo assistendo a mio avvviso a una clinicizzazione esasperata del problema stalking. Non c è tesi di laurea in area psicologica che non contenga una parte predominante nell elaborato dedicata alla psicopatologia dello stalker. Non c è letteratura scientifica recente in cui lo stalking non è correlato a disturbi di personalità gravi. Mi aspetto una specifica categorizzazione su uno dei prossimi DSM (Manuali Diagnostici dei Disturbi Mentali) della sindrome dell ex partner molestatore assillante. Questa clinicizzazione è forse eccessiva. Se riteniamo che un substrato caratteriale (e non personologico) possa favorire in alcuni soggetti comportamenti di stalking come una sorta di esacerbazione del sintomo in condizioni in cui un fattore stressor (la separazione non gradita) si manifesta, potrei anche essere d accordo. 14

15 Certamente due partner che entrambi non vedevano l ora di togliersi dai piedi l altra parte della diade, scomoda e sgradita non attueranno comportamenti tendenti a un recupero forzato. Ma se per stalking consideriamo una fase temporalmente ridotta (qualche mese) in cui uno dei due ex partner, che è ancora affettivamente legato, tenta di convincere l altro a ricominciare la storia, anche attraverso comportamenti goffi e intrusivi, sinceramente sono un po perplesso riguardo alla reale influenza dei piani caratteriali. Ma quindi il problema è: dove finisce il comportamento passionale o le cosiddette pene d amore e dove inizia lo stalking? Quante volte un/una fidanzato/a lasciato/a deve farsi trovare sotto il balcone del/della ex per essere definito uno/a stalker e quanti sms deve inviargli? due? cinque? quaranta? E se attua questi comportamenti, è sicuramente un/una malato/a di mente? Alcune recenti sentenze in effetti hanno generato notevoli perplessità, sia rispetto a un eccessivo rigore su comportamenti poco gravi che rispetto a una insufficiente tutela della vittima da comportamenti obiettivamente persecutori. In questa fase storica stiamo assistendo inoltre a una forte normazione del fenomeno stalking. Cresce l area dei comportamenti definiti assillanti che viene vietata con una norma. Ma l area interpretativa è stata mantenuta ovviamente assai estesa. Non si tratta di violenze fisiche, di percosse o di altre cose che lasciano segni tangibili. Si tratta di comportamenti percepiti come assillanti. Ma allora mi viene un altro dubbio. Se siamo tutti d accordo che lo stalker è un malato di mente allora bisognerebbe ricordare che la malattia mentale non si tratta efficacemente con una norma penale. Se abbiamo a che fare con comportamenti di squilibrati la soluzione è il trattamento psicologico, preventivo e clinico, non il carcere o un ammonimento. Oppure la patata bollente viene passata ai giudici che devono discriminare in base alla capacità di intendere e di volere del soggetto? Ma se agli/alle stalker, a parte qualche caso di soggetto psicotico con deliri, viene normalmente attribuito al massimo un disturbo in asse II (di personalità) che (in giurisprudenza consolidata) non incide sulla capacità di intendere e di volere, allora siamo coscienti che anche se abbiamo a che fare con dei soggetti disturbati il loro quadro clinico non può ingerire sulla valutazione del Giudice? 15

16 E infine, che efficacia può avere l ammonimento del Questore su un soggetto simile a quello che stolkizzava Jodie Foster e che in pieno delirio psicotico ha sparato al Presidente degli Stati Uniti (Regan) per attirare su di lui l attenzione della distratta Jodie? Insomma, al di la delle ipocrisie mediatiche nei talk show forse sarebbe il caso di interrogarci se sul fenomeno stalking stiamo prendendo la strada giusta e se stiamo costruendo gli strumenti giuridici realmente efficaci per risolvere il problema. La conclusione di questo contributo, fatto più di interrogativi che di soluzioni, è legata alle strategie possibili per incidere sul problema in maniera etica ed efficace. In tal senso la soluzione deve venire necessariamente dalla Legge e dalla Psicologia, difficilmente da una delle due sfere di intervento disgiunta dall altra. E forse questa sinergia tra saperi diversi, giuridici e psicologici, dovrebbe animare anche le possibili modifiche normative che probabilmente, dopo questa prima fase esperenziale di applicazione della legge sullo stalking, dovranno necessariamente giungere. 16

17 LO STALKING: UN FENOMENO ANTICO Di Marco Strano I Criminologi conoscono oramai da tempo il fenomeno del molestatore assillante. Già nei primi del 900 infatti, lo Psichiatra de Clérambault aveva descritto una tipologia di soggetti con disturbi mentali che assediavano le loro prede con finalità sessuali, incuranti del loro diniego, in un quadro di vero e proprio delirio di passione erotica e di gelosia. Più di recente, nel mondo anglosassone a seguito di fatti di sangue eclatanti eseguiti da squilibrati soprattutto ai danni di attrici e divi dello spettacolo il fenomeno ha trovato nuove attenzioni anche al di fuori della cerchia degli addetti ai lavori ed è stato ridefinito con il termine stalking, preso in prestito dal mondo dei cacciatori (letteralmente to stalk: fare la posta). Galeazzi e Curci (2001) del Dipartimento di Patologia Neuropsicosensoriale dell Università di Modena hanno coniato il termine di molestatore assillante e propongono la seguente definizione:..un insieme di comportamenti ripetuti ed intrusivi di sorveglianza e controllo, di ricerca di contatto e comunicazione nei confronti di una vittima che risulta infastidita e/o preoccupata da tali attenzioni e comportamenti non graditi... In Italia non esiste ancora una normativa specifica per lo stalking che rientra quindi nella fattispecie penale della molestia e del disturbo alla quiete del privato (art. 660 CP). Il comportamento di stalking presenta comunque numerose sfaccettature e solo in alcuni casi è ascrivibile ad un conclamato disturbo psichiatrico con manifestazioni deliranti o con anomalie patologiche della personalità. Nella prevalenza dei casi si rilevano infatti motivazioni razionali attinenti ad un desiderio di vendetta o all incapacità di digerire ed elaborare cognitivamente l abbandono di un partner o di un altra figura significativa a cui lo stalker è legato (es. uno psicoterapeuta). Gli strumenti tradizionali degli stalker sono primariamente il telefono e la presenza fisica incombente nei luoghi frequentati dalla vittima. Sono 17

18 stati descritte però anche tecniche diverse come i danneggiamenti a cose di proprietà della vittima o l uccisione dei suoi animali domestici. Alla luce delle ricerche più recenti, sviluppate in prevalenza nel mondo scientifico statunitense, è possibile sintetizzare una tipologia semplificata di persecutori: A. soggetti che non riescono ad accettare l abbandono del partner o di altre figure significative e attuano una vera e propria persecuzione nel tentativo maldestro di ristabilire il rapporto o semplicemente vendicarsi dei torti subiti nel corso del distacco (la maggior parte dei casi). Sono i molestatori statisticamente più pericolosi per quanto riguarda la possibilità che lo stalking degeneri in atti di violenza fisica nei confronti della vittima; B. soggetti che sfogano attraverso lo stalking un rancore dovuto a cause molteplici nei confronti di una persona con cui sono entrati in conflitto, al di fuori di un rapporto affettivo. Tipico il caso dell ex collega di lavoro che si è comportato male con lui o del professionista (es. un medico) che gli ha provocato un danno giudicato grave. Normalmente questi stalker presentano in livello di pericolosità contenuta per ipotesi di violenza fisica, rappresentata e annunciata attraverso le molestie e gli insulti ma difficilmente agita; C. molestatori sessuali abituali o conquistatori maldestri, che individuano l oggetto del loro desiderio nella vittima (anche sconosciuta) ed effettuano una serie di tentativi di approccio incapaci o incuranti dei segnali di fastidio da parte della vittima. I soggetti appartenenti a questa categoria talvolta presentano modalità compulsive o possono giungere a vere e proprie forme di delirio. Per ciò che attiene agli indici di pericolosità i molestatori sessuali abituali possono divenire potenziali stupratori mentre la categoria dei cosiddetti conquistatori maldestri normalmente è pressoché innocua. Talvolta si rilevano soggetti che possono essere inseriti parzialmente in più di una delle tre categorie. Statisticamente, nella maggior parte dei casi di stalking, la vittima è di sesso femminile ed esiste una relazione pregressa tra vittima e molestatore. Sulla dimensione statistica del fenomeno è importante però sottolineare la riluttanza dei maschi a evidenziare il problema, probabilmente per vergogna. 18

19 Le molestie assumono solitamente il carattere di ondate o campagne di stalking, di durata variabile da pochi giorni a diversi anni. Normalmente le ondate durano diversi mesi se non vengono interrotte da un elemento esterno alla relazione (es. la denuncia da parte della vittima). La consapevolezza del fenomeno ad ondate è importante per non abbassare la guardia anche quando dopo numerosi mesi di silenzio lo stalker sembra sparito. In realtà l azione persecutoria può riattivarsi anche a distanza di molto tempo. Questa considerazione ha rilevanza sia in ottica investigativa che in ottica clinica. Talvolta poi il comportamento della vittima rinforza involontariamente l azione dello stalker che può ad esempio equivocare un tentativo di convincimento a interrompere le molestie fatto con tono civile e cortese come una implicita accettazione della persecuzione. Altre volte, specie negli stalker animati da rancore, sono viceversa i segni di disagio e di paura che rinforzano la sua motivazione. 19

20 20

21 La mancata rielaborazione del lutto alla base dello stalking Ogni perdita di qualcuno (o di qualcosa) affettivamente significativo per noi necessita di una fase di ricompensazione e di adattamento alla nuova situazione. Gli Psicologi la chiamano perdita dell oggetto di investimento libidico. In questa fase il soggetto che ha subito la perdita normalmente entra in una fase depressiva (di tipo reattivo) caratterizzata da angoscia e tristezza. Questa fase può durare più di un anno. Se questo tempo si dilata eccessivamente il soggetto viene considerato malato o comunque in condizione di disagio psicologico (lutto psicologico). Il tentativo di riavvicinamento può rappresentare quindi il tentativo di lenire l angoscia che scaturisce da un lutto non adeguatamente elaborato. Base personologica dello stalker Esistono dei profili di personalità che probabilmente più di altri favoriscono il comportamento di stalking. Un soggetto con tratti dipendenti può temere particolarmente che si interrompa una relazione che ritiene soddisfacente. L abbandono da parte di qualcuno può inoltre rappresentare una ferita narcisistica rilevante in soggetti che hanno problemi di autostima. L essere abbandonati può evocare in questi soggetti dei sentimenti di inadeguatezza e una conseguente frustrazione. Il tentativo ossessivo di riavvicinamento a colui che li ha abbandonati costituisce quindi l unica soluzione per riparare la ferita e ridurre la frustrazione. 21

22 LO STALKING E INTERNET: IL CYBERSTALKING Di Marco Strano Da quando internet è divenuto uno strumento di comunicazione personale di milioni di persone in tutto il mondo hanno cominciato a manifestarsi con sempre maggiore frequenza casi di di minacce, di intimidazione, di molestie e di persecuzione attuati attraverso i servizi classici della rete: (80% dei casi) e chat. L analisi investigativa del cyberstalking, secondo uno studio della Computer Investigation Technology Unit del Dipartimento di Polizia di New York condotta su un campione di casi investigati dal 1996 al 2000 ha evidenziato una tipologia abbastanza ricorrente di molestatore (maschio, 25 anni) e di vittima (donna, 35 anni) e l utilizzo primario dell come strumento di stalking. Talvolta il molestatore ha realizzato però anche delle pagine web, inserendovi messaggi intimidatori indirizzati alla vittima o informazioni private e riservate su di essa. In alcuni casi lo stalker ha pubblicizzato sul web dei falsi servizi erotici della vittima che è stata subissata di messaggi imbarazzanti. In altre circostanze il molestatore ha messo online delle foto della vittima, reperite durante una pregressa relazione sentimentale o scattate di nascosto durante un appostamento. Negli Stati Uniti molti Stati e il Governo Federale stanno inserendo nella loro legislazione anche le tipologie di stalking attuate con mezzi di comunicazione elettronica. Criminologia del cyberstalking L , la chat e l SMS rappresentano un nuovo strumento di molestia che in alcuni casi si associa ad altri mezzi della campagna di stalking mentre a volte costituisce l unica tecnica persecutoria attuata dal soggetto. In questa ultima modalità il contatto tra lo stalker e la sua vittima diviene esclusivamente tecnomediato dal web e, alla luce delle moderne teorie cybercriminologiche, è ipotizzabile in taluni casi la sussistenza di alterazioni della percezione del crimine da parte del molestatore. 22

23 L assenza di un contatto visivo con la vittima e l asincronia delle eventuali risposte (es. via ) potrebbero generare in alcuni tipi di stalker (es. il corteggiatore maldestro) un quadro di sottostima dei danni psicologici provocati e della sofferenza inflitta. Tali valutazioni appaiono meno verosimili con i soggetti animati da rancore o da angoscia dell abbandono. Difendersi dal cyberstalking Il contrasto al cyberstalking non appare facile anche per le numerose opportunità di anonimità offerte dalla rete. Fondamentale in tal senso è una stretta colaborazione tra fornitori di servizi e organi investigativi. Sul versante dei comportamenti attuabili dalle vittime per difendersi dalla molestia è di fondamentale importanza chiarire subito che il comportamento dello stalker non è gradito con una comunicazione con tono educato ma fermo e inequivocabile. Se la molestia continua è importante evitare di rispondere aspettando che il soggetto si stanchi e la smetta. Se questo non avviene entro breve tempo o se i comportamenti persecutori sono altamente lesivi (es. la pubblicazione sul web di informazioni riservate o offensive) è di fondamentale importanza sporgere rapidamente denuncia presso un qualsiasi ufficio della Polizia delle Comunicazioni, avendo cura di conservare tutte le ricevute e la copia di eventuali pagine web offensive o minacciose (con relativa URL). 23

24 LO STALKING NELLA RELAZIONE DI COPPIA Contributo di Marianna Chessa (Psicologa e criminologa, Responsabile ICAA Sardegna) Lo stalking non è un fenomeno solo attuale, ma è un fenomeno antico che solo negli ultimi decenni è stato studiato e classificato con questo nome. È stato a lungo sottovalutato mentre ai giorni nostri cresce in modo esponenziale l attenzione dei mass media e della sensibilità collettiva generando un attenzione che spesso sconfina nell allarmismo. Nel 1921 uno psichiatra francese pubblicò un trattato sull erotomania e sulla sindrome di De Clerambault. In particolare tale sindrome consiste in un disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un altra persona famosa provi sentimenti amorosi nei suoi confronti. Lo studioso Erald Ege nel 2005 tenta di razionalizzare la classificazione e propone tre tipologie di stalking: 1. stalking emotivo, associato alla rottura di una relazione tra due persone quando un componente della coppia non riesce a rassegnarsi della perdita dell altro; 2. stalking delle celebrità, perseguitare personaggi famosi; 3. stalking occupazionale, persecuzione che inizia nel luogo di lavoro per poi finire nella propria sfera privata. Lo stalking è comunque un fenomeno dove è difficile identificare una tipologia di stalker. Le tipologie che si trovano in letteratura sono spesso molto incentrate sulla psicopatologia che in realtà rappresenta un numero ridotto di casi. Marco Strano propone nel 2002 una sua tipologia, molto cauta, basata su tre aree: Difficoltà ad accettare l abbandono in soggetti senza criticità psicologiche (la maggior parte dei casi); Difficoltà ad accettare l abbandono in soggetti con quadri psicologici critici (una percentuale minore); Soggetti con quadri psicopatologici significativi in asse I e in asse II DSM (una minima parte). Appare evidente che viene ampiamente considerata una percentuale di persone che attuano comportamenti molesti senza necessariamente essere interessati da psicopatologie. 24

25 Ovviamente ci sono casi in cui la dimensione psicopatologica è presente, a volte in forma anche grave e legata a disturbi deliranti. Nei casi di stalking delle celebrità nella tipologia di Erald Ege queste componenti nettamente psicopatologiche sono frequenti, Già a partire dagli anni 80 si sono verificati alcuni casi in cui la molestia assillante è stata indirizzata ad alcuni personaggi di spicco dello Star System, personalità dello spettacolo e dello sport. Ricordiamo le tenniste Martina Hingis e Serena Williams inseguite in tutti i tornei internazionali dai propri persecutori; le attrici Theresa Saldana pugnalata dal suo stalker a Los Angeles nel 1982 e Rebbecca Shaffer assassinata nella sua metropoli dal suo persecutore nel Questi episodi hanno ispirato la prima legge anti-stalking in California in vigore dal Altre vittime sono state Sharon Stone, Jodie Foster, Nicole Kidman, Steven Spielberg ed alcuni casi anche in Italia. In molti di questi casi la mente dello stalker ha rimosso tutti i segnali, a volte molto espliciti, di rifiuto da parte della vittima, costruendosi un vero e proprio mondo parallelo in cui entrava in possesso del malcapitato personaggio famoso. Come suggerisce Marco Strano, spesso alla base dello stalking c è la difficoltà nella rielaborazione del lutto rispetto alla perdita dell oggetto di investimento libidico. Nelle situazioni di separazione o in cui si verifica la fine di un rapporto sentimentale l essere umano prova frustrazione e sofferenza trovandosi ad affrontare un vero e proprio lutto emotivo. In quanto tale, i tempi della sua elaborazione non si differenziano molto da quelli per l elaborazione della morte fisica di una persona cara. I tempi fisiologici vanno dai sei mesi a un anno e si possono dilatare fino a un periodo indefinito. Normalmente in certe periodi l angoscia tende a sopirsi ma poi in assenza di una rielaborazione riaffiora ciclicamente con delle fasi che coincidono con i comportamenti o campagne di stalking. Ci sono diversi comportamenti correlati allo stalking che per esigenze tassonomiche possono esser raggruppati in base alla motivazione sottostante: 1. Tendenti al recupero affettivo (o seduttivi), per esempio regali come biglietti per il cinema, fiori, sms romantici, iniziative di corteggiamento. 2. Tendenti a mostrare alla vittima la propria sofferenza (provocanti il senso di colpa), discorsi sull inutilità della propria vita senza 25

26 l altro e dell incapacità di affrontare qualsiasi cosa per la sofferenza causata dall interruzione della relazione. 3. Tendenti a impedire temporaneamente alla vittima nuove relazioni, controllo delle reti sociali amicali dell ex partner, appostamenti e pedinamenti per far si che l altro non si senta libero di intraprendere altre relazioni. 4. Tendenti a punire la vittima per avergli provocato sofferenze con messaggi minatori un giorno soffrirai anche tu per quello che hai fatto a me. 5. Tendenti a distruggere e cancellare la vittima. Alcuni di questi comportamenti, soprattutto quelli che rientrano nella categoria seduttiva, se occasionali e non protratti nel tempo, possono essere normali tentativi di corteggiamento e di riavvicinamento messi in atto, in maniera goffa, da moltissime persone che affrontano una separazione non voluta. Altri volte però tali comportamenti sono così pervasivi, durevoli ed aggressivi da costringere chi li subisce a radicali modifiche dello stile di vita. Valutare la situazione di stalking in base alla tipologia di comportamenti attuati dallo stalker quindi non è sempre così facile. L intervento nei casi di stalking, secondo il protocollo progettato da Marco Strano, prevede comunque proprio una valutazione iniziale del caso di stalking, della pericolosità dello (o della) stalker e dei danni reali subiti dalla vittima, attraverso una quantificazione dei comportamenti molesti e attraverso una valutazione del disagio effettivo percepito dalla vittima. Poi l intervento adottato, individualizzato, prevede sempre delle azioni iniziali nei confronti dello stalker e della vittima per tentare di risolvere la vicenda bonariamente in via extragiudiziaria. Il primo passo è infatti aumentare la consapevolezza da parte dello stalker del danno arrecato (sia alla vittima che a se stesso per le conseguenze legali) con una progressione di comunicazioni, da quella più informale fino a giungere alla diffida e poi alla denuncia. Ovviamente se già sono registrate azioni violente o minacce gravi la via della denuncia è l unica possibile. La vittima e lo/la stalker devono essere supportati psicologicamente, se possibile e necessario, anche attraverso incontri protetti che consentano una comunicazione più efficace e meno ansiogena dell intento di chiudere una relazione. 26

27 La vittima deve essere seguita e addestrata a gestire la situazione di molestia assillante: comunicare in maniera inequivocabile l intento di interrompere la relazione; imparare a comunicare riducendo le ferite narcisistiche e le ferite all autostima del soggetto rifiutato, imparare a controllare la propria situazione psicologica per ridurre il danno dell azione di stalking. L ambivalenza affettiva della vittima è spesso una componente importante del fenomeno stalking. In molti casi infatti è proprio la comunicazione ambigua da entrambe le parti, in particolare un rifiuto non chiaro e assertivo della vittima, a protrarre queste situazioni nel tempo. Le difficoltà nell applicazione del protocollo aumentano in caso di basso livello culturale della vittima e in caso di grave disagio psicologico dello stalker che può essere refrattario a prendere coscienza dei danni che arreca alla vittima. Le equipe dell ICAA che si occupano di stalking sono infine specificatamente addestrate a lavorare in team interdisciplinare (legale, psicologico e medico), nell accoglienza della vittima e nella gestione dei contatti con lo/la stalker. 27

28 UN PROTOCOLLO DI INTERVENTO NEI CASI DI STALKING A cura di Marco Strano (presentato nel novembre 2010) Il protocollo di intervento dell ICAA nei casi di stalking prevede l intervento valutativo di una equipe multidisciplinare che agisce con approccio progressivo ed equilibrato a fianco del Legale composta dalle seguenti professionalità: 1. Legale 2. Psicologica (uno o più Psicologi abilitati) 3. Medica (uno o più Medici Legali) 4. Tecnologica (telefonia e computers) Nei casi in cui non si manifesta un rischio per l ncolumità fisica della vittima si tenta un percorso di risoluzione della situazione attraverso un supporto psicologico della vittima e mediante un progressivo intervento nei confronti dello/a stalker. I coordinatori delle equipe che si occupano di stalking dovrebbero essere sempre Psicologi iscritti all Albo professionale con provata esperienza professionale. L approccio ICAA al fenomeno stalking prevede i seguenti 6 steps: 1. Ricezione e valutazione della richiesta di aiuto 2. Appuntamento al richiedente (entro 7 giorni dalla richiesta) 3. Primo colloquio: Presa in carico, compilazione della scheda e analisi del caso 4. Secondo colloquio: erogazione dei primi consigli legali e psicocomportamentali 5. Intervento strategico (in base al protocollo) attraverso l invio a Professionisti di area Legale e Psicologica convenzionati con l equipe. 6. Monitoraggio del caso ed erogazione di ulteriori consigli I sei steps vengono indicati su una scheda diagnostica e trattamentale (SDTS) che contiene parti strutturate e parti di libera compilazione. La scheda rappresenta una sorta di cartella clinica sul caso trattato e contiene quindi sia le valutazioni diagnostiche iniziali che i risultati dell intervento. 28

29 Il protocollo di intervento dell ICAA, che nasce in seno alle equipe di volontari che operano sul territorio, può essere adottato anche dagli Studi Legali privati che dovranno però stringere collaborazioni stabili con Psicologi abilitati e specificatamente formati sulla tematica. In tale ottica l ICAA sta svolgendo attività di formazione e sensibilizzazione diffusa degli Avvocati in tutta Italia. L obiettivo è quello di fornire strumenti di gestione psicologica di casi particolarmente complessi e coinvolgenti quali sono abitualmente quelli di stalking. L approccio alla vittima Il primo colloquio viene preso su appuntamento (telefonico), è gratuito e finalizzato a: A. Classificazione della vittima (ambivalenza, distorsioni cognitive ecc.) in base a un apposita griglia (griglia A) B. Classificazione dello stalker in base a un apposita griglia (griglia B) 1. Psicopatologia (fino al delirio di possesso) 2. Criminale (la tipologia criminale può comunque avere un substrato psicologico del comportamento di stalking legato allo sfruttamento, al desiderio di possesso, alla preservazione dell autostima) 3. Incapacità di elaborazione del distacco/abbandono C. Valutazione del rischio della vittima (e dell urgenza) in base a un apposita griglia (griglia C). La griglia è rappresentata da una speciale intervista strutturata (fornita gratuitamente dall ICAA su richiesta). Griglia di analisi C La griglia C propone una analisi del rischio con tre categorie: HR (high risk) Elevato: incolumità fisica della vittima MR (meaddle risk) Medio: incolumità psicologica della vittima, modifiche radicali dello stile di vita della vittima LR (low risk) Basso: fastidio e parziale limitazione dei comportamenti abitudinari della vittima. L urgenza dell intervento è definita in base alla classificazione e quantificazione del rischio subito da parte della vittima: HR (high risk) elevato: azione legale immediata (cautelare) 29

30 MR (meaddle risk) medio: azione legale entro 30 gg LR (low risk) basso: azione legale entro 6 mesi Nei casi che rientrano nel rischio medio e nel rischio basso l obiettivo è quindi quello di tentare risoluzioni extragiudiziarie attraverso il supporto psicologico e la coscientizzazione dello/a stalker mediante comunicazioni progressive prima informali e poi formali. L intervento prevede le seguenti tipologie di azione: Supporto psicologico alla vittima Contatti mirati di coscientizzazione con lo/la stalker Supporto legale alla vittima training alla vittima sui comportamenti funzionali da tenere con lo/la stalker; training per aiutare la vittima nell acquisizione delle prove (per una eventuale denuncia); incontri protetti (approcci: terapia di coppia, terapia sistemicorelazionale, terapia neorogersiana) Intervento strategico (step 5) avviene anche in base alla classificazione dello stalker: A. in caso di psicopatologia: tentativi di colloqui clinici con lo stalker (in accordo con la vittima); B. in caso di scenario criminal (presenza di reati documentabili)e: predisposizione della denuncia (in accordo con la vittima); C. in caso di incapacità dello stalker di elaborazione del distacco/abbandono: colloqui con lo/a stalker e se opportuno tentativi di incontri protetti (al cospetto dell equipe) tra vittima e stalker (in accordo con la vittima); Il protocollo antistalking dell ICAA è uno strumento dinamico in continua evoluzione in base alle esperienze e ai casi reali trattati. Periodicamente vengono analizzati i casi trattati per integrarle. Ogni caso preso in carico dalle equipe periferiche viene trasmesso in forma anonima alla sede ICAA di Roma attraverso la compilazione di una scheda. Le valutazioni di rischio e la classificazione di vittima e stalker, vengono necessariamente fatte da coloro che svolgono i colloqui e che possono quindi sfruttare anche il canale intuitivo. Nello stile dell ICAA però il Gruppo centrale coordinato dal Direttore Scientifico si riserva la facoltà 30

31 di fornire indicazioni sull opportunità di presa in carico e sulle strategie da adottare. La raccolta centralizzata delle schede è utile anche per eventuali pubblicazioni scientifiche e per documentare l attività delle equipe. 31

32 EX-PAZIENTI ED EX-CLIENTI: LO STALKING SUBITO DALLE FIGURE PROFESSIONALI Contributo di Paola Popolla (Psicologa, ICAA Roma) Il fenomeno dello stalking esaminato nel presente capitolo è quello che trae origine da rapporti di tipo professionale: attività lavorative come quella dello Psicologo, dell'avvocato, del Giudice, del Docente, o del Medico, possono favorire l'instaurarsi di comportamenti di stalking da parte del cliente, sia per la natura intensa della relazione che si è creata con il professionista, sia per l'eventuale delusione relativa all'esito di un'azione intrapresa. Anche nello stalking professionale le minacce e le persecuzioni possono arrivare fino all'omicidio della vittima. Elemento degno di rilevanza criminologica e criminogenetica è quello secondo cui la categoria vittimologica ad alto tasso di rischio di stalking risulta essere quella denominata "help profession", ovvero tutte le professioni in cui gli operatori si adoperano per aiutare gli altri, fra cui: medici, psichiatri, psicologi, assistenti sociali. In taluni casi anche i poliziotti che svolgono servizio al pubblico possono rientrare in questa categoria vittimologica. I pazienti che molestano i loro terapeuti sono portati ad esempio a scambiare come personale un interesse esclusivamente professionale, pertanto, sperimentando la frustrazione che deriva da questa aspettativa, iniziano ad attuare comportamenti intrusivi per stabilire un contatto; in queste situazioni, i limiti imposti dalla relazione professionale, come ad esempio gli orari degli incontri prestabiliti e le telefonate solo per emergenza, vengono superati. Il paziente inizia a telefonare insistentemente, invia lettere, si presenta a studio senza appuntamento, ritenendo di non sentirsi compreso o di sentirsi trattato male. Un aspetto rilevante è quello secondo il quale i professionisti di area psicologica sono molto riluttanti ad ammettere di aver bisogno di un aiuto per poter gestire la situazione, spesso per timore di essere ritenuti poco capaci dai colleghi, e perdere quindi di credibilità, oppure negano il problema e giustificano il paziente, attribuendo la molestia alla "malattia" del paziente. L'incidenza di stalking nei confronti delle help profession si può attribuire ad una serie di motivi, tra cui: 32

33 A. il professionista può diventare, nella mente del cliente, una persona "buona" o "cattiva", e sulla base di tali fantasie egli può dare origine a dei comportamenti "assillanti e molesti" nei confronti dello stesso, allo scopo di attirare l'attenzione e non separarsi mai da lui; gli incontri con il professionista sono attesi ed auspicati dal cliente come un momento positivi ed ansiogeno; B. questi professionisti entrano in contatto con i bisogni più profondi del cliente, pertanto, possono divenire più facilmente oggetto di proiezioni, affetti e fantasie a diverso contenuto da parte dello stesso, tanto che, la riconoscenza si può trasformare progressivamente nel desiderio di un legame affettivo/amicale del quale non si può fare a meno. E' proprio dal concetto di bisogni da soddisfare che partiamo per meglio comprendere cosa spinge un soggetto a perseguitare, fino all'aggressione fisica, un'altra persona: lo psicologo statunitense A.Maslow, tra il 1943 e il 1954 teorizzò la cosiddetta "Piramide dei bisogni", che caratterizzano il comportamento umano, da quelli più elementari, o fisiologici, che riguardano la sopravvivenza, a quelli più complessi che sono di carattere sociale. Nello stalking possiamo individuare alcuni di questi bisogni che sono quello di comunicare, di instaurare delle relazioni, di essere ascoltato. Nelle professioni d aiuto il cliente normalmente viene ascoltato con attenzione dal professionista che di fatto soddisfa con efficacia il bisogno di comunicare del cliente. In soggetti con quadri critici di personalità, tali bisogni possono essere molto pressanti perché il soggetto non riesce a soddisfarli in una maniera adeguata al di fuori della relazione terapeutica, poichè presenta dei disturbi relazionali e, pertanto, la frustrazione che deriverebbe da un rifiuto dall unica persona al mondo che lo ascolta sarebbe intollerabile. Progressivamente il soggetto non riesce a fare a meno di quella persona e lo spazio dell'altro diventa allora il suo terreno di conquista. Esistono in letteratura numerosi casi di stalking ai danni di professionisti, ma ciò che li accomuna è la presenza di una anomalia relazionale, che trae la sua origine in equivoci ed incomprensioni nei rapporti e nella non accettazione della risoluzione del rapporto da parte del cliente. 33

34 Lo stalking presenta numerose sfaccettature e non sempre è ascrivibile a conclamati disturbi psichiatrici; tuttavia esistono dei quadri personologici critici che possono rappresentare un fattore di maggior rischio riguardo l'instaurarsi di una relazione professionista/cliente caratterizzata dalla possessività e dal timore del distacco; tali quadri sono rappresentati da soggetti dipendenti, dai paranoici, dai depressivi, e da soggetti con bassa autostima. Si può comunque affermare che quasi sempre l instaurarsi di una relazine patologica tra professionista e cliente (stalker), fonda le sue basi su di una incapacità/possibilità di stabilire e mantenere una relazione interpersonale basata sulla mera fruizione di un servizio ed accettarne poi la necessaria interruzione. Non si può però attribuire importanza alle sole caratteristiche di personalità, psicologiche o psicopatologiche dell'autore, ma occorre evidenziare anche alcune condizioni socio-ambientali e di vita, che possono rappresentare delle concause significative nella manifestazione del comportamento di stalking: facciamo riferimento a condizioni di solitudine, all'uso/abuso di alcol e droghe, alla presenza di ambienti familiari altamente conflittuali. La strategia di prevenzione proposta dall'icaa prevede la capacità del professionista (incrementata attraverso percorsi di formazione mirata) di cogliere segnali anticipatori del degenerare del rapporto professionale, l'adozione di un codice di condotta che si pone come obiettivo la riduzione dei rischi connessi allo stesso, strategie e tecniche da adottare quando il rapporto professionale è già degenerato e si è manifestato lo stalking. Il professionista può incrementare la sua capacità di prevenire e gestire casi di stalking ai suoi danni con un apposita formazione. L'ICAA ha progettato una specifica una guideline e propone corsi di formazione rivolti a diversi professionisti, coinvolgendo anche i diversi Ordini professionali. 34

35 GUIDELINE: LO STALKING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Di Marco Strano Lo stalking delle professioni d aiuto è un fenomeno ancora oscuro ma di interesse oggettivo per il professionista. Le categorie maggiormente a rischio sembrano essere quelle che risolvono problemi, che riducono il dolre fisico e psichico, che offrono un supporto e un aiuto. Psicolgi, Medici, Fisioterapisti, Investigatori ma anche Avvocati e altri professionisti che raggiungono un rapporto stretto con il paziente/cliente/cittadino. Gli studi sul fenomeno dello stalking nelle professioni d aiuto sono comunque abbastanza rari e poco sistematici. Il professionista avrà vantaggi a conoscere il problema e a imparare a ridurre le conseguenze negative. Si ha motivo di ritenere che molti professionisti subiscono tentativi di intrusione (molesti) nella loro sfera privata e che alcuni loro utenti tendano a far virare la relazione professionale in relazione amicale creando loro un disagio. Spesso ciò rimane nell ambito del numero oscuro. Alcuni di questi casi sono però molto fastidiosi per il professionista e possono provocargli danni notevoli di immagine, relazionali, economici e fisici. Dimensioni psicologiche delle professioni d aiuto L utente nel rapporto con un professionista ottiene: A. Soddisfazione del bisogno di comunicare (Maslow), di essere ascoltato; B. Acquisizione (e tentativo di mantenimento) del ruolo ritenuto soddisfacente nella interazione/relazione. L utente indica uno scenario e il professionista esegue. Lo stalker può compiere diverse azioni per tentare di entrare nella vita privata del professionista: Azioni per entrare nella vita personale (nella sfera privata) del professionista al fine di ottenere un canale privilegiato e poter disporre di lui al di fuori del contesto/orario di prestazione professionale normale; 35

36 Azioni per entrare nella vita personale (nella sfera privata) del professionista per mantenere un contatto/relazione anche dopo la fine dell interazione professionale. Dall esperienza operativa sono emerse due fasi ricorrenti nel corso delle quali lo stalker tenta prima un avvicinamento e, se non ci riesce, tenta di sminuire o addirittura distruggere la sua vittima. E importante saperle individuare: A. Fase di avvicinamento/seduzione B. Fase di sminuizione/distruzione Guideline diagnostica La capacità di individuare il livello di intrusività dello stalker è importante per progettare degli interventi di prevenzione e contenimento. Per esigenze tassonomiche (ma anche operative) proponiamo diversi possibili livelli di intrusività: LEVEL 1: l utente non rispetta le prescrizioni formali dettate dal rapporto (non rispetto degli orari, presentarsi senza appuntamento, dare del tu, manipolazione oggetti personali del professionista, entrare nello spazio intimo, contatto fisico, richiesta amicizia face book e following twitter, telefonate fuori orario ecc.); LEVEL 2: l utente entra nel merito di questioni private del professionista con domande e verifiche; LEVEL 3: l utente si avvicina (tenta un contatto) il professionista in luoghi e contesti esterni allo studio/ufficio; LEVEL 4: l utente tenta di creare difficoltà nel rapporto di coppia e/o con i colleghi d ufficio per avere campo libero e subentrare come partner/amico; LEVEL 5: l utente opera azioni distruttive nei confronti del professionista (invio di esposti anonimi, false denunce, simulazione di reati, danneggiamenti di beni, minacce, omicidio). Strumenti di avvicinamento da parte dell utente Lo stalker può inizialmente utilizzare diversi metodi per avvicinarsi alla vittima e raggiungere un livello di confidenza utile ad attivare un legame: Affetto-simpatia-complimenti 36

37 Interesse per le problematiche personali del professionista Inviti ad attività esterne (bar, cene ecc.) Regali (oggetti) Seduttività su base sessuale E importante, in ottica preventiva e contentiva, saper individuare prontamente tali comportamenti. Comportamento del professionista e attivazione dello stalking Uno degli elementi fondamentali nella prevenzione/contenimento dei contesti di stalking nelle professioni d aiuto è la possibilità di individuare delle variabili significative nel comportamento della vittima. Esiste un comportamento volontario/conscio del professionista che possa in qualche modo attivare l azione di stalking? O la questione è tutta racchiusa nel profilo psicologico/psicopatologico dell utente? Dipende dalla quantità e tipologia di investimento affettivo e coinvolgimento emotivo dell utente? Può incidere la natura del problema dell utente? Influisce solo l efficacia della soluzione fornita dal professionista o anche la modalità di relazione umana che si costruisce tra i due? La prima cosa che viene spesso imputata al professionista vittima di stalking è di avere troppa confidenza con l utente, favorendo così il suo 37

38 attaccamento patologico. Ma questo non è sempre vero. La presenza di azioni/atteggiamenti in area rossa (amicalità/confidenzialità), sembrerebbe non sia sempre significativa per l instaurarsi di un attaccamento anomalo da parte dell utente. Nelle ricerche svolte dall ICAA sono stati individuati scenari di attaccamento anomalo anche in casi in cui il professionista si è limitato ad erogare un servizio (professionalmente soddisfacente) in maniera assolutamente asettica e rimanendo rigidamente all interno dei confini dell intervento tecnico-professionale. In altri termini se qualcuno vi solleva da un problema/dolore/angoscia, normalmente siamo riconoscenti e la riconoscenza è una dimensione affettiva. La riconoscenza non dipende quindi dall atteggiamento del nostro salvatore ma dalle sue azioni che oggettivamente ci hanno provocato beneficio. Strategie di prevenzione Le azioni possibili sul piano preventivo da parte del professionista, riguardano quindi solo in parte l auto monitoraggio nel corso della relazione professionale che dovrebbe essere sufficientemente distaccata per evitare di ingenerare equivoci. Quello che invece sembra essere fondamentale è il monitoraggio dell utente per cogliere indicatori di rischio. Ma allora, quando un professionista che ha modi gentili percepisce che l utente sta sviluppando delle modalità di attaccamento patologico è sufficiente modificare l atteggiamento rendendolo più ruvido/scostante/antipatico? I comportamentisti dicono di no. Soprattutto se inizialmente l atteggiamento era amichevole, un cambio repentino e altalenante può sortire l effetto opposto. (Il rinforzo intermittente). Autotutela del professionista Quando il professionista si rende conto che l utente sta generando delle modalità di attaccamento patologiche è necessario come prima cosa attivare un azione di autotutela, cercando di documentare il più possibile l atteggiamento disfunzionale dell utente. 38

39 In primo luogo informando colleghi e superiori ma anche attraverso atti formali nelle situazioni più a rischio (relazione di servizio, registrazione dei colloqui, presenza di testimoni agli incontri ecc.). Contemporaneamente è necessario attivare un disinnesco della situazione attraverso la facilitazione nell elaborazione del lutto, favorendo un distacco progressivo, coinvolgendo se necessario altri professionisti nella relazione con l utente (relazione che diviene meno esclusiva e quindi meno invischiante). Indicatori della psicopatologia dello stalker Non c'è una diagnosi psichiatrica in letteratura, non ci sono segnali inequivocabili (sintomi apprezzabili dall osservazione) che consentano di capire con certezza che una persona è uno stalker all inizio della relazione. Occorre quindi concentrarsi su indicatori comportamentali oggettivi (dei tentativi di intrusione nella vita privata del professionista) che possono manifestarsi durante la relazione professionale. Tali tentativi vanno ostacolati con garbo gestendo la situazione con consapevolezza. 39

40 LA PREVENZIONE DELLO STALKING ATTRAVERSO LA COLLABORAZIONE TRA LEGALI E PSICOLOGI Contributo di Gaetano Lauro Grotto (Avvocato, AGIFOR) Il reato definito atti persecutori o comunemente stalking è stato recentemente introdotto all art. 612 bis c.p. con la legge n.38/2009, che ha convertito il decreto-legge n.11/2009 (già nel 1990 tale reato era punito negli Stati Uniti, in Australia, in Canada, ed in Inghilterra ed in altri paesi europei). La finalità di questa norma nasce dalla volontà di dare una risposta forte a tutti gli avvenimenti riportati dalla cronaca giornalistica e, soprattutto, dall esigenza di tutelare l incolumità psicofisica e relazionale delle vittime, dei loro familiari e dei loro stretti amici, presi di mira, in modo ossessivo e continuo da altre persone, con le quali le vittime dello stalking avevano interrotto relazioni sentimentali o rifiutato di far nascere tali relazioni. Prima dell introduzione di tale normativa le condotte che oggi si identificano nello stalking venivano perseguite - ricorrendone i presupposti - come reati di violenza privata, percosse, lesione personale, molestie, ingiuria, diffamazione, minaccia, violenza sessuale, lesioni gravissime, omicidio preterintenzionale, doloso, delitti cd. sessuali, violazione degli obblighi di assistenza familiare, maltrattamenti in famiglia. Dopo qualche anno dall entrata in vigore di questa normativa occorre - oggi - cercare di analizzarne le criticità nel modo più obiettivo possibile e giudicare se la stessa risponde appieno alle esigenze per le quali è stata emanata. Questa normativa ha indicato due previsioni degne di lode: 1) l applicazione in via estensiva della prescrizione contenuta nell art.5 della legge n.154/2001, relativa ai rapporti tra familiari dell abusante e familiari della vittima, cioè la possibilità di inibire allo stalker di comunicare con la vittima o con le persone vicine ad essa; (trattasi di un ammonimento formale al quale deve seguire il connesso comportamento, pena la procedibilità di ufficio del reato) - (Si potrà invitare formalmente lo/a stalker a non avvicinarsi o a tenersi ad una certa distanza dai luoghi frequentati dalla persona offesa e dalle persone 40

41 con essa conviventi, ed anche a non comunicare con qualsiasi mezzo con le stesse al fine di rafforzare la funzione preventiva ed estendere la garanzia di tutela anche a familiari della vittima). 2) la previsione di uno speciale ausilio a sostegno delle vittime dello stalking e cioè i presidi sanitari, le istituzioni pubbliche le forze di polizia dell ordine che hanno l obbligo di fornire assistenza ed informazioni in merito ai centri di assistenza più vicini alla residenza della vittima; è stato altresì introdotto un numero verde nazionale a favore delle vittime di stalking sempre attivo ( numero gratuito/24 ore). La previsione dell ammonimento è lo strumento più o meno soft con il quale si cerca di porre termine ab initio a situazioni che configurano lo stalking: lo/a stalker viene invitato/a dalla P.G. a non porre in essere più atti molesti e persecutori. Trattasi di un provvedimento di natura amministrativa, impugnabile in sede gerarchica e davanti al T.A.R.. Tale provvediemento sta creando delle posizioni contrastanti: a) discussa è infatti la possibilità di far formalizzare tale diffida-ammonimento ad opera di un legale, che però non avrebbe, forse, la stessa forza, ma la medesima finalità; b) è discusso, altresì, l esito questo procedimento amministrativo di ammonimento nel connesso processo penale. La previsione dell arresto nelle situazioni più gravi e pericolose è sicuramente una misura forte, finalizzata da un lato a dimostrare che la persona debole in balia dello/a stalker viene tutelata e dall altro che si vogliono prevenire situazioni che possono diventare molto più gravi e serie. Il problema reale è che in alcune circostanze (soprattutto in famiglia e nell ambito dello stesso luogo di lavoro, o nello stesso quartiere di residenza, un po per vergogna, un po nella speranza che la situazione migliori, un po per superficialità, un po per paura) non si denuncia subito lo stalking : tale comportamento determina, nella maggior parte dei casi, che lo stalker continua imperterrito nella sua azione, che si rafforza e diventa quasi insopportabile, e che la vittima non si dimostra risoluta e decisa a reagire; questo comportamento passivo, contribuisce a fornire linfa vitale allo/a stalker, favorendolo indirettamente ed incoscientemente. Purtroppo non è semplice reagire freddamente e legittimamente ad un comportamento che configura atti persecutori, in quanto in queste circostanze sono coinvolti anche i sentimenti: molte volte la vittima stessa cerca di giustificare la sua passività con la paura e la speranza che tutto finisca, oppure che il rapporto torni come prima, non rendendosi 41

42 conto che aiuta solo ad aggravare la situazione. Occorrerebbe sempre mantenere un comportamento deciso, freddo, oggettivo nel rendersi conto che si sta subendo un ingiustizia, un danno, perché si viene ad esser limitati non solo nei propri diritti, ma incisi nel proprio ambito psico-fisico. Il Legale della vittima di stalking dovrebbe sempre intervenire in modo incisivo ed il suo comportamento dovrebbe esser distinto da sensibilità umana e professionalità. A volte capita che le vittime cerchino dal legale uno strumento non troppo forte al fine di far cessare lo stalking che stanno subendo e che, viceversa, lo/a stalker riferisca che non ritenga così gravi i suoi comportamenti, cercando di giustificarli con l amore e la voglia di istaurare un rapporto sentimentale. Necessità del reperimento delle prove Un imputazione per atti persecutori-stalking si basa sulla contestazione di tutti fatti subiti dalla vittima. Per esser tale è necessario che tali accadimenti siano provati anche per tabulas, attraverso testimonianze dirette ed indirette su episodi di violenza verbale e fisica, annotazione precisa di vari episodi, con certificati medici e referti di Ospedali attestanti lesioni, con relazioni medico-legali, con tabulati telefonici riproducenti sms di minaccia, mms, registrazioni di telefonate, con mail minatorie e fastidiose, con lettere minatorie, con fotografie, anche con l utilizzo di intercettazioni telefoniche attraverso la dimostrazione che sono stati necessari interventi della P.S., magari l intervento del Questore, e l eventuale arresto dello/a stalker (N.B. risulta effettivamente essenziale la collaborazione con uno psicologo e con un ingegnere-informatico). Tale raccolta di elementi probatori si rende assai ardua allorquando il rapporto stalker-vittima si sviluppa in famiglia, nel medesimo luogo di lavoro, nello stesso palazzo o quartiere ove risiedono entrambi, oppure nei medesimi luoghi ove si pratica sport o altre tipologie di attività (magari con i medesimi amici e conoscenti). Oltre alle perplessità interiori delle vittima, precedentemente indicate, occorre focalizzare questa problematica: cosa può accadere in caso di arresto del presunto/a stalker, quali conseguenza sul suo posto di lavoro? Quali nell ambito della sua famiglia? Ovvero nella cerchia delle sue amicizie? 42

43 Altra problematica di non poco conto, che emerge dall analisi della norma (art. 612 bis c.p.), è che si renderebbe necessaria la presenza di uno psicologo nel procedimento e nel processo penale, che sia in grado di valutare sempre non solo lo stato di ansia e di paura ma anche le ragioni dirette, indirette, più o meno occulte, che hanno portato un soggetto a perseguitare un altro soggetto: infatti, né la polizia giudiziaria, né un avvocato né un giudice terzo saranno in grado di valutare tecnicamente tale stato psicologico. Il "punto critico e difficile " è comunque quello di tentare di far cessare gli atti persecutori "ab initio": sarà onere dell'avvocato (magari assistito da uno psicologo) consigliare alla vittima di tentare di assumere un comportamento freddo e determinato, in modo da far comprendere allo/a stalker che non c'è spazio per un rapporto di qualsivoglia genere; oppure l'avvocato dovrà tentare con una diffida di far comprendere allo stalker che il rischio concreto che corre nel perseverare nella sua condotta persecutoria è quello di una denuncia penale. In tale modo si può evitare sia allo/a stalker che alla vittima l'iter giudiziario (dell'ammonimento, del procedimento penale e del processo penale ) che è obiettivamente pesante! D'altra parte si presume - fino a prova contraria - che sia la vittima che lo/a stalker siano "persone sensate", che dinanzi ai predetti messaggi chiari ed univoci abbiamo la capacità di comprendere al meglio quale comportamento per loro risulti il più utile e proficuo. A questo punto, però, emerge questa ulteriore situazione connessa: è possibile configurare uno/una stalker seriale? Cioè un prototipo di soggetto che agisce sempre in un determinato modo, in precise circostanze ed in diversificati ambienti? È possibile avere un prototipo di vittima dello/a stalker? Sul punto è assai arduo rispondere ma occorrerà raccogliere molti altri dati per analizzare un data base di avvenimenti dai quali vedere se si può estrarre questo prototipo. Soprattutto per ciò che attiene allo stalking verso le professioni d aiuto (trattato dalla D.ssa Popolla) una profilo dello/a stalker potrebbe essere utile in chiave preventiva, per mettere sul chi vive il professionista. Oggi infatti è possibile affermare che tutte le professioni, che in un certo modo tentano di risolvere un problema possono esser individuate come possibili vittime di stalking cioè avvocati, medici, psicologi, commercialisti, personale della polizia. 43

44 Poter individuare in anticipo i soggetti pericolosi è sicuramente uno strumento utile per tali professioni. Sicuramente il lavoro del Legale, per esser ancor più incisivo, dovrà esser affiancato da quello dello psicologo, già dalla fase di presa in carico del caso: un binomio necessario e sufficiente per aiutare la vittima dello stalking ed anche lo stalker ad uscire da una strada pericolosa foriera solo di pericoli e danni prima dell attivazione di un procedimento penale. Anche per questa ragione l AGIFOR e l ICAA, coscienti dell importanza di queste nuove problematiche, e sempre in prima fila nell aggiornamento professionale, si sono organizzate a curare la formazione psicologica e forense di tutti coloro che sono o saranno chiamati ad assistere le vittime dello stalking ma anche, lo/la stalker e per garantire la più accurata assistenza e professionalità a chi la cerca. Il binomio studio legale e studio di psicologia dovrà esser l arma vincente per trattare lo stalking in tutti i suoi complessi aspetti. L unico rammarico che si può avere oggi è che - purtroppo - non abbiamo ancora una giurisprudenza di merito consolidata, ma solo pronunce in tema di misure cautelari, relative ad arresti operati dalla P.G. o ad ammonimenti dei Questori delle varie città italiane, che però, come detto, non hanno valenza penale ma di provvedimento sanzionatorio amministrativo. Oltre al predetto rammarico deve esistere lo stimolo a che tutti gli operatori del sistema giustizia contribuiscano a risolvere i problemi seri e delicati, connessi allo stalking e non contribuiscano a crearne altri altrettanto importanti e drammatici! 44

45 LO STALKING DELLE CELEBRITA Di Marco Strano Tra gli stalker rientrano anche molestatori di celebrità che in alcuni casi sono state seguite per anni Si tratta di molestatori sessuali abituali o conquistatori maldestri, che individuano l oggetto del loro desiderio nella vittima (anche sconosciuta) ed effettuano una serie di tentativi di entrare in contatto con lei. A nulla valgono i dinieghi e le palesi dichiarazioni della vittima. Alcuni casi esemplificativi, ai danni di personaggi famosi, ci possono essere utili per comprendere questa tipologia di stalking. Siamo nell estate del 2005 a Los Angeles, per oltre un mese la famosa attrice di origine canadese Pamela Anderson, protagonista di diverse serie televisive di successo, i suoi figli di 7 e 9 anni e alcuni membri della sua famiglia, vengono avvicinati da un uomo di 29 anni, William Stansfield di New Castle Inghilterra - mentre si trovano in vacanza a Malibu. Stanfield tenta di convicere la Anderson a licenziare il suo attuale manager per assumere lui per badare ai suoi interessi di attrice. Stanfield si spinge davvero oltre ogni limite ragionevole. Contatta infatti direttamente il figlio minore della Anderson mentre si trova a scuola. Quando riesce ad avvicinarsi a Pamela le chiede con insistenza di lasciare la serie Tv per cui sta lavorando per impersonare il ruolo della protagonista di un film che lui ha scritto appositamente per lei. Poi Stansfield diventa sempre più insistente, invadente, ossessivo. Un giorno segue la madre della Anderson e i due figli dell attrice mentre sono in fila all ufficio postale di Malibu. L anziana donna si spaventa molto perché l uomo la obbliga a prendere con sé dei documenti da portare a Pamela. Ma la madre dell attrice non è stata l unica parente della Anderson ad essere stata avvicinata dallo stalker. Anche la cognata dell attrice e la sua babysitter sono state in più occasioni importunate dall uomo. Questo è decisamente troppo e la Anderson decide di denunciare l uomo per ottenere un ordine restrittivo nei suoi confronti. 45

46 I soggetti appartenenti a questa categoria talvolta presentano modalità compulsive o possono giungere a vere e proprie forme di delirio. Si tratta in questo caso di soggetti gravemente disturbati che nei loro deliri immaginano che una persona possa desiderarli ardentemente. John Warnock Hinckley è nato ad Ardmore, in Oklahoma, il 29 maggio 1955 da una famiglia apparentemente normale. Il padre di Hinckley era infatti il presidente di un importante organizzazione locale mentre sua madre stava a casa ad occuparsi dei bambini. Quando John aveva 4 anni la sua famiglia si trasferì a Dallas, Texas. Durante gli anni della scuola superiore John comincia a mettere in mostra una certa tendenza progressiva verso l isolamento sociale. Passava infatti ore e ore da solo a casa a suonare la sua chitarra e ad ascoltare musica. Nel 1973, dopo essersi diplomato, John e la sua famiglia si sono spostati a Evergreen, in Colorado per seguire la carriera del padre. Nel 1976 però John lascia il college e decide di andare in California per realizzare il suo sogno di diventare autore di canzoni di successo. Mentre è nel suo appartamento a Hollywood, John vede per la prima volta il film Taxi Driver, con una giovanissima Jodie Foster come protagonista. Quell estate John vedrà quel film ossessivamente almeno una quindicina di volte e parallelamente comincerà a scrivere ai genitori raccontando di una fantomatica ragazza di nome Lynn Collins, come la protagonista del film. Il disagio mentale di John comincia ad essere preoccupante e nel 1976 viene richiamato all ordine dalla famiglia e torna quindi ad Evergreen, dove lavora per un po come cameriere in un lussuoso ristorante della cittadina per qualche mese. Nella primavera successiva però torna in California e poi nuovamente in Texas dove si iscrive al college. La sua spiccata propensione alla solitudine non passa inosservata nemmeno qui. Parallelamente comincia a collezionare armi da fuoco. Le sue condizioni mentali continuano a peggiorare e nel 1980 gli vengono prescritti degli antidepressivi e dei tranquillanti. La sua ossessione per Jodie Foster, nata molti anni prima, non accenna a diminuire nemmeno con l aiuto dei farmaci. Nel 1980 scopre dai giornali che Jodie Foster avrebbe frequentato la Yale University quell anno e decide di iscriversi per stare il più vicino possibile alla ragazza che tanto l aveva impressionato anni prima. Una volta a Yale John tenta più volte di mettersi in contatto con Jodie 46

47 lasciando lettere e poesie nella sua buca per le lettere. Riesce persino a parlare per due volte al telefono con lei cercando di rassicurarla sul fatto che lei non aveva niente da temere da lui. La sua ossessione per Jodie era pari solo alla sua crescente ossessione nei confronti dell omicidio. Ad un certo punto Hinckley comincia a pensare che solo l assassinio del presidente degli Stati uniti gli avrebbe garantito una notorietà sufficiente in grado di guadagnarsi finalmente l amore e il rispetto della sua tanto amata Jodie. Ed è per questo che nel 1980 decide di cominciare a perseguitare il Presidente Carter durante le sue uscite pubbliche. In più occasioni viene fermato dai servizi di sicurezza in possesso di armi da fuoco e segnalato per questo a più riprese. A questo punto la famiglia obbliga Hinckley a farsi vedere da uno psichiatra che suggerisce di lasciare che John cominci a vedersela da solo perché solo così poteva davvero crescere e guarire. Nel marzo del 1981 John, che all epoca si era recato a Washington D.C, scrive una lettera a Jodie Foster in cui descrive nel dettaglio il suo piano per assassinare il Presidente Reagan per tentare di impressionarla. Una volta inviata a lettera John si reca in taxi al Washington Hilton Hotel in cui Reagan stava per tenere un discorso durante una convention. Alle del 29 marzo del 1981 John Hinckley Jr sbuca fuori da una folla di sostenitori di Reagan e spara sei colpi dal suo revolver che colpiscono il Presidente Reagan in pieno petto e anche altri membri del suo staff. Hinckley viene immediatamente arrestato. In seguito, nel 1982 venne internato in un ospedale psichiatrico perché ritenuto incapace di intendere e di volere. Ma non solo le donne famose divengono vittime dei stalking. Anche alcuni uomini famosi sono stati molestati. Vediamo il caso di Brad Pitt Athena Marie Rolando, 20 anni, nel febbraio del 1999 viene arrestata per aver violato i termini della libertà sulla parola per un altro crimine e per aver violato un ordine di restrizione che le impediva di avvicinarsi a Brad Pitt ed alla sua abitazione. Alla ragazza dopo una serie di tentativi di avvicinarsi alla star, viene ordinato di stare ad almeno 100 meri di distanza dall attore che l aveva più volte denunciata già a partire dal Il 7 gennaio dello stesso anno infatti una delle domestiche di Pitt aveva trovato la Rolando che dormiva in una delle camere del piano superiore della villa dell attore con indosso alcuni abiti di Pitt. Si era introdotta 47

48 nell abitazione attraverso una finestra aperta sul retro. La Rolando era rimasta all interno dell abitazione per almeno 10 ore prima di venire scoperta e aveva avuto modo di frugare indisturbata tra gli oggetti personali dell attore ed indossarne svariati abiti ed indumenti. Pitt non era però a casa in quel momento perché era in Grecia in visita ai parenti della fidanzata dell epoca. Questa non era certo la prima volta che la Rolando aveva tentato di avvicinare l attore. Nel periodo precedente infatti aveva lasciato tutta una serie di lettere e messaggi dal contenuto bizzarro e minaccioso sul cancello dell abitazione di Brad Pitt già a partire dal settembre del La rock star Madonna è una delle persone che ha dovuto più di una volta lottare con molestatori assillanti..robert Dewey Hoskins, nato in Oregon nel 1957, trsportatore, nel 1995 viene arrestato e condannato per aver perseguitato, minacciato e tentato di uccidere la pop star americana Madonna. Hoskins tenta di avvicinare Madonna per la prima volta nel 1995 quando scavalca le mura di recinzione dell abitazione della cantante a Los Angeles. Una volta nel giardino della pop star viene fermato da una delle bodyguard ma Hoskins riesce a fuggire. Il giorno dopo avvicina l assistente personale di Madonna, Caresse Henry, per riferirle tutta una serie di minacce rivolte contro la cantante. Lo stesso giorno lascia un biglietto attaccato sul cancello principale dell abitazione di Madonna in cui professa tutto il suo amore per la cantante ed in cui le chiede di diventare sua moglie. Qualche tempo dopo Hoskins tenta nuovamente di introdursi all interno dell abitazione della star ma viene nuovamente intercettato dalla bodyguard. In quell occasione Hoskins dice alla bodyguard che lui è lì per tagliare la gola a Madonna da un orecchio all altro se la cantante non avesse accettato di sposarlo quel giorno stesso. Ciò accade proprio mentre Madonna sta tornando a casa sulla sua bicicletta ma Hoskins non la riconosce e si allontana. A quel punto viene contattata la polizia ma dell aggressore nessuna traccia. 7 settimane più tardi, il 29 maggio del 1995, Hoskins si introduce nuovamente all interno della proprietà di Madonna mentre lei però è a New York. Anche questa volta però si imbatte nella guardia del corpo di Madonna che gli spara e lo ferisce. Subito dopo Hoskins viene arrestato. 48

49 Il processo si apre nel gennaio del Madonna testimonia al processo il 2 gennaio e lamenta tutta una serie di problemi fisici e psicologici causatole dalla persecuzione subita da Hoskins. Il 9 gennaio, a dispetto dei tentativi della difesa di dipingere Hoskins come un soggetto bisognoso di cure psichiatriche, viene emesso un verdetto di condanna verso lo stalker di ben 10 anni. Ma le disavventure di Madonna con gli stalker non sono finite. Nel 2002, mentre Madonna è a Londra, un altro fan ossessivo della star, con un passato di disturbi mentali, riesce a farsi assumere come gelataio all interno del teatro di posa in cui l attrice sta lavorando ad un suo nuovo video. Questa volta si tratta di Marcus Sessions, 28 anni. I reporter del Sun riescono a scoprire il suo passato di stalking nei confronti della star e pubblicano la notizia in prima pagina. I giornali riportano anche che session aveva allestito un vero e proprio santuario della star all interno della sua abitazione e che era persino solito vestire come lei in privato. Nel 2000 era tra i sospettati di un furto all interno dell abitazione della star a Notting Hill ma nessuno venne arrestato per quella vicenda. Naturalmente i gestori dello Wyndham Theatre di Londra, dove Madonna stava registrando, non erano a conoscenza del suo passato. Dal modo in cui il biglietto era stato scritto si denota una sorta di delirio religioso ed infatti Hoskins, sempre nella nota, scrive anche che coloro che si vestono in maniera inappropriata dovrebbero essere puniti e che i fornicatori dovrebbero essere uccisi. 49

50 APPENDICE NORMATIVA Decreto-legge 23 febbraio 2009, n. 11 "Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 45 del 24 febbraio 2009 CAPO I Disposizioni in materia di violenza sessuale, esecuzione dell'espulsione e controllo del territorio Art. 1. Modifiche al codice penale 1. All'articolo 576, primo comma, del codice penale, sono apportate le seguenti modificazioni: a) il n. 5) e' sostituito dal seguente: «5) in occasione della commissione di taluno dei delitti previsti dagli articoli 609-bis, 609-quater e 609-octies;»; b) dopo il numero 5) e' inserito il seguente: «5.1) dall'autore del delitto previsto dall'articolo 612-bis;». Art. 2. Modifiche al codice di procedura penale 1. Al codice di procedura penale sono apportate le seguenti modificazioni: a) all'articolo 275, comma 3, le parole: «all'articolo 416-bis del codice penale o ai delitti commessi avvalendosi delle condizioni previste dal predetto articolo 416-bis ovvero al fine di agevolare l'attività delle associazioni previste dallo stesso articolo» sono sostituite dalle seguenti: «all'articolo 51, commi 3-bis e 3-quater, nonché in ordine ai delitti di cui agli articoli 575, 600-bis, primo comma, 600-ter, escluso il quarto comma, 600-quinquies, 609-bis, escluso il caso previsto dal terzo comma, 609-quater e 609-octies del codice penale,»; b) all'articolo 380, comma 2, dopo la lettera d) e' inserita la seguente: «d-bis) delitto di violenza sessuale previsto dall'articolo 609-bis, escluso il caso previsto dal terzo comma, e delitto di violenza sessuale di gruppo previsto dall'articolo 609-octies del codice penale;». Art. 3. Modifiche alla legge 26 luglio 1975, n Al comma 1 dell'articolo 4-bis della legge 26 luglio 1975, n. 354, sono apportate le seguenti modificazioni: a) al primo periodo, dopo la parola: «600,» sono inserite le seguenti: «600-bis, primo comma, 600-ter, primo e secondo comma,» e dopo la parola: «602» sono inserite le seguenti: «, 609-bis, escluso il caso previsto dal terzo comma, 609-ter, 609-quater, primo comma, 609-octies»; b) al quarto periodo, le parole: «600-bis, primo comma, 600-ter, primo e secondo comma, 600- quinquies, 609-bis, 609-ter, 609-quater, 609-octies» sono sostituite dalle seguenti: «600-bis, 50

51 secondo e terzo comma, 600-ter, terzo comma, 600-quinquies e 609- quater, secondo comma». Art. 4. Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n All'articolo 76 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, dopo il comma 4-bis e' aggiunto il seguente: «4-ter. La persona offesa dai reati di cui agli articoli 609-bis, 609-quater e 609-octies del codice penale può essere ammessa al patrocinio anche in deroga ai limiti di reddito previsti dal presente decreto.». Art. 5. Esecuzione dell'espulsione 1. Al comma 5 dell'articolo 14 del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, sono aggiunti, in fine, i seguenti periodi: «Trascorso tale termine, in caso di mancata cooperazione al rimpatrio del cittadino del Paese terzo interessato o di ritardi nell'ottenimento della necessaria documentazione dai Paesi terzi, il questore può chiedere al giudice di pace la proroga del trattenimento per un periodo ulteriore di sessanta giorni. Qualora persistano le condizioni di cui al periodo precedente, il questore può chiedere al giudice una ulteriore proroga di sessanta giorni. Il periodo massimo complessivo di trattenimento non può essere superiore a centottanta giorni. Il questore, in ogni caso, può eseguire l'espulsione ed il respingimento anche prima della scadenza del termine prorogato, dandone comunicazione senza ritardo al giudice di pace.». 2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano ai cittadini di Stati non appartenenti all'unione europea anche se già trattenuti nei centri di identificazione e espulsione alla data di entrata in vigore del presente decreto. Art. 6. Piano straordinario di controllo del territorio 1. Al fine di predisporre un piano straordinario di controllo del territorio, al comma 22 dell'articolo 61 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, che ha autorizzato le Forze di polizia ed il Corpo dei vigili del fuoco ad effettuare, in deroga alla normativa vigente, assunzioni entro il limite di spesa pari a 100 milioni di euro annui, le parole: «con decreto del Presidente della Repubblica, da emanare entro il 30 aprile 2009», contenute nel terzo periodo dello stesso comma 22, sono sostituite dalle seguenti: «con decreto del Presidente della Repubblica, da adottarsi su 51

52 proposta dei Ministri per la pubblica amministrazione e l'innovazione, dell'interno e dell'economia e delle finanze, entro il 31 marzo 2009». 2. In attesa dell'adozione del decreto di cui al quarto periodo del comma 23 dell'articolo 61 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, e successive modificazioni, le risorse oggetto di confisca versate all'entrata del bilancio dello Stato successivamente alla data di entrata in vigore del predetto decreto-legge sono immediatamente riassegnate nel limite di 100 milioni di euro per l'anno 2009, a valere sulla quota di cui all'articolo 2, comma 7, lettera a), del decreto-legge 16 settembre 2008, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 novembre 2008, n. 181, per le urgenti necessità di tutela della sicurezza pubblica e del soccorso pubblico, al Ministero dell'interno e nel limite di 3 milioni di euro per l'anno 2009, per sostenere e diffondere sul territorio i progetti di assistenza alle vittime di violenza sessuale e di genere, al Fondo nazionale contro la violenza sessuale e di genere di cui all'articolo 1, comma 1261, della legge 27 dicembre 2006, n I sindaci, previa intesa con il prefetto, possono avvalersi della collaborazione di associazioni tra cittadini non armati al fine di segnalare alle Forze di polizia dello Stato o locali, eventi che possano arrecare danno alla sicurezza urbana ovvero situazioni di disagio sociale. 4. Le associazioni sono iscritte in apposito elenco tenuto a cura del prefetto, previa verifica da parte dello stesso, sentito il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, dei requisiti necessari previsti dal decreto di cui al comma 6. Il prefetto provvede, altresì, al loro periodico monitoraggio, informando dei risultati il Comitato. 5. Tra le associazioni iscritte nell'elenco di cui al comma 4 i sindaci si avvalgono, in via prioritaria, di quelle costituite tra gli appartenenti, in congedo, alle Forze dell'ordine, alle Forze armate e agli altri Corpi dello Stato. Le associazioni diverse da quelle di cui al presente comma sono iscritte negli elenchi solo se non siano destinatarie, a nessun titolo, di risorse economiche a carico della finanza pubblica. 6. Con decreto del Ministro dell'interno, da adottare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono determinati gli ambiti operativi delle disposizioni di cui ai commi 3 e 4, i requisiti per l'iscrizione nell'elenco e sono disciplinate le modalità di tenuta dei relativi elenchi. 7. Per la tutela della sicurezza urbana, i comuni possono utilizzare sistemi di videosorveglianza in luoghi pubblici o aperti al pubblico. 8. La conservazione dei dati, delle informazioni e delle immagini raccolte mediante l'uso di sistemi di videosorveglianza e' limitata ai sette giorni successivi alla rilevazione, fatte salve speciali esigenze di ulteriore conservazione. 52

53 CAPO II Disposizioni in materia di atti persecutori Art. 7. Modifiche al codice penale 1. Dopo l'articolo 612 del codice penale e' inserito il seguente: «Art bis (Atti persecutori). - Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni chiunque, con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l'incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita. La pena è aumentata se il fatto e' commesso dal coniuge legalmente separato o divorziato o da persona che sia stata legata da relazione affettiva alla persona offesa. La pena e' aumentata fino alla metà se il fatto e' commesso a danno di un minore, di una donna in stato di gravidanza o di una persona con disabilità di cui all'articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ovvero con armi o da persona travisata. Il delitto è punito a querela della persona offesa. Il termine per la proposizione della querela è di sei mesi. Si procede tuttavia d'ufficio se il fatto e' commesso nei confronti di un minore o di una persona con disabilità di cui all'articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, nonché quando il fatto e' connesso con altro delitto per il quale si deve procedere d'ufficio.». Art. 8. Ammonimento 1. Fino a quando non e' proposta querela per il reato di cui all'articolo 612-bis del codice penale, introdotto dall'articolo 7, la persona offesa può esporre i fatti all'autorità di pubblica sicurezza avanzando richiesta al questore di ammonimento nei confronti dell'autore della condotta. La richiesta e' trasmessa senza ritardo al questore. 2. Il questore, assunte se necessario informazioni dagli organi investigativi e sentite le persone informate dei fatti, ove ritenga fondata l'istanza, ammonisce oralmente il soggetto nei cui confronti e' stato richiesto il provvedimento, invitandolo a tenere una condotta conforme alla legge e redigendo processo verbale. Copia del processo verbale e' rilasciata al richiedente l'ammonimento e al soggetto ammonito. Il questore valuta l'eventuale adozione di provvedimenti in materia di armi e munizioni. 3. La pena per il delitto di cui all'articolo 612-bis del codice penale e' aumentata se il fatto è commesso da soggetto già ammonito ai sensi del presente articolo. 4. Si procede d'ufficio per il delitto previsto dall'articolo 612-bis del codice penale quando il fatto e' commesso da soggetto ammonito ai sensi del presente articolo. 53

54 Art. 9. Modifiche al codice di procedura penale 1. Al codice di procedura penale sono apportate le seguenti modificazioni: a) dopo l'articolo 282-bis sono inseriti i seguenti: «Art. 282-ter (Divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa) Con il provvedimento che dispone il divieto di avvicinamento il giudice prescrive all'imputato di non avvicinarsi a luoghi determinati abitualmente frequentati dalla persona offesa ovvero di mantenere una determinata distanza da tali luoghi o dalla persona offesa. 2. Qualora sussistano ulteriori esigenze di tutela, il giudice può prescrivere all'imputato di non avvicinarsi a luoghi determinati abitualmente frequentati da prossimi congiunti della persona offesa o da persone con questa conviventi o comunque legate da relazione affettiva ovvero di mantenere una determinata distanza da tali luoghi o da tali persone. 3. Il giudice può, inoltre, vietare all'imputato di comunicare, attraverso qualsiasi mezzo, con le persone di cui ai commi 1 e Quando la frequentazione dei luoghi di cui ai commi 1 e 2 sia necessaria per motivi di lavoro ovvero per esigenze abitative, il giudice prescrive le relative modalità e può imporre limitazioni. «Art. 282-quater (Obblighi di comunicazione) I provvedimenti di cui agli articoli 282-bis e 282- ter sono comunicati all'autorità di pubblica sicurezza competente, ai fini dell'eventuale adozione dei provvedimenti in materia di armi e munizioni. Essi sono altresì comunicati alla parte offesa e ai servizi socio-assistenziali del territorio.»; b) all'articolo 392, il comma 1-bis e' sostituito dal seguente: «1-bis. Nei procedimenti per i delitti di cui agli articoli 572, 609-bis, 609-ter, 609-quater, 609- quinquies, 609-octies, 612- bis, 600, 600-bis, 600-ter, anche se relativo al materiale pornografico di cui all'articolo 600-quater.1, 600-quinquies, 601 e 602 del codice penale il pubblico ministero, anche su richiesta della persona offesa, o la persona sottoposta alle indagini possono chiedere che si proceda con incidente probatorio all'assunzione della testimonianza di persona minorenne ovvero della persona offesa maggiorenne, anche al di fuori delle ipotesi previste dal comma 1.»; c) al comma 5-bis dell'articolo 398: 1) le parole: «e 609-octies» sono sostituite dalle seguenti: «, 609-octies e 612-bis»; 2) le parole: «vi siano minori di anni sedici» sono sostituite dalle seguenti: «vi siano minorenni»; 3) le parole: «quando le esigenze del minore» sono sostituite dalle seguenti: «quando le esigenze di tutela delle persone»; 4) le parole: «l'abitazione dello stesso minore» sono sostituite dalle seguenti: «l'abitazione della persona interessata all'assunzione della prova»; d) al comma 4-ter dell'articolo 498: 1) le parole: «e 609-octies» sono sostituite dalle seguenti: «, 609-octies e 612-bis»; 2) dopo le parole: «l'esame del minore vittima del reato» sono inserite le seguenti: «ovvero del maggiorenne infermo di mente vittima del reato». 54

55 Art. 10. Modifica all'articolo 342-ter del codice civile 1. All'articolo 342-ter, terzo comma, del codice civile, le parole: «sei mesi» sono sostituite dalle seguenti: «un anno». Art. 11. Misure a sostegno delle vittime del reato di atti persecutori 1. Le forze dell'ordine, i presidi sanitari e le istituzioni pubbliche che ricevono dalla vittima notizia del reato di atti persecutori, di cui all'articolo 612-bis del codice penale, introdotto dall'articolo 7, hanno l'obbligo di fornire alla vittima stessa tutte le informazioni relative ai centri antiviolenza presenti sul territorio e, in particolare, nella zona di residenza della vittima. Le forze dell'ordine, i presidi sanitari e le istituzioni pubbliche provvedono a mettere in contatto la vittima con i centri antiviolenza, qualora ne faccia espressamente richiesta. Art. 12. Numero verde 1. Presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le pari opportunità e' istituito un numero verde nazionale a favore delle vittime degli atti persecutori, attivo ventiquattro ore su ventiquattro, con la finalità di fornire, nei limiti di spesa di cui al comma 3 dell'articolo 13, un servizio di prima assistenza psicologica e giuridica da parte di personale dotato delle adeguate competenze, nonché di comunicare prontamente, nei casi di urgenza e su richiesta della persona offesa, alle forze dell'ordine competenti gli atti persecutori segnalati. CAPO III Disposizioni finali Art. 13. Copertura finanziaria 1. Agli oneri derivanti dall'articolo 5 valutati in euro per l'anno 2009, in euro per l'anno 2010, in euro per l'anno 2011 e in euro a decorrere dall'anno 2012, di cui euro per l'anno 2009, euro per l'anno 2010, euro per l'anno 2011 destinati alla costruzione e ristrutturazione dei Centri di identificazione e di espulsione, si provvede: a) quanto a di euro per l'anno 2009, euro per l'anno 2010 e euro a decorrere dall'anno 2011, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale , nell'ambito del programma «Fondi di riserva speciali» della missione «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze, per l'anno 2009, allo scopo utilizzando gli accantonamenti di cui 55

56 alla allegata Tabella 1; b) quanto a euro per l'anno 2010, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del conto capitale iscritto, ai fini del bilancio triennale , nell'ambito del programma «Fondi di riserva speciali» della missione «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze, per l'anno 2009, allo scopo utilizzando gli accantonamenti di cui alla allegata Tabella 2; c) quanto a euro per l'anno 2010, euro per l'anno 2011, e euro a decorrere dall'anno 2012, mediante corrispondente riduzione della dotazione del fondo per interventi strutturali di politica economica di cui all'articolo 10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n Il Ministro dell'economia e delle finanze provvede al monitoraggio degli oneri di cui all'articolo 5, anche ai fini dell'adozione dei provvedimenti correttivi di cui all'articolo 11-ter, comma 7, della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni. Gli eventuali decreti adottati ai sensi dell'articolo 7, secondo comma, numero 2), della citata legge n. 468 del 1978, prima della data di entrata in vigore dei provvedimenti di cui al presente comma, sono tempestivamente trasmessi alle Camere, corredati da apposite relazioni illustrative. 3. Per le finalità di cui all'articolo 12 e' autorizzata la spesa annua di di euro a decorrere dall'anno Al relativo onere si provvede mediante utilizzo dell'autorizzazione di spesa di cui all'articolo 19, comma 3, del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, come rideterminata dalla Tabella C allegata alla legge 22 dicembre 2008, n Dall'attuazione delle restanti disposizioni del presente decreto non derivano nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica. 5. Il Ministro dell'economia e delle finanze e' autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio. Art. 14. Entrata in vigore 1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge. 56

57 APPROFONDIMENTI E BIBLIOGRAFIA Maffeo Vania, Il nuovo delitto di atti persecutori (stalking): un primo commento al d.l. n. 11 del 2009 (conv. con modif. dalla l. n. 38 del 2009), in Cassazione Penale, n. 7-8, 2009, p Natalini Aldo, Stalking : bastano due episodi di minaccia o di molestia per configurare il reato, in Diritto e Giustizia, n.0, 2010, p Parodi Cesare, Stalking e tutela penale. Le novità introdotte nel sistema giuridico dalla legge 38/2009, Milano, Giuffré, Valsecchi Alfio, Il delitto di atti persecutori (il cd. Stalking), in Rivista italiana di diritto e procedura penale, n. 3, 2009, p Baldry Anna C., Dai maltrattamenti all omicidio. La valutazione del rischio di recidiva e dell uxoricidio, Milano, Franco Angeli, Curci Paolo, Galeazzi Gian Maria, Secchi Cesare, La sindrome delle molestie assillanti (Stalking), Milano, Bollati Boringhieri, Gargiullo Bruno, Damiani Rosaria, Lo stalker, ovvero il persecutore in agguato. Classificazione, assessment e profili psicocomportamentali, Milano, Franco Angeli, McEwan Troy E., Mullen Paul E., Mackenzie Rachel, A Study of the Predictors of Persistence in Stalking Situations, in Law and Human Behavior, n. 33, 2009, pp Merzagora Betsos Isabella, Uomini violenti. I partner abusanti e il loro trattamento, Milano, Raffaello Cortina Editore, Reavis James A., Allen Elizabeth K., Meloy J. Reid, Psychopathy in a Mixed Gender Sample of Adult Stalkers, in Journal of Forensic Sciences, vol. 53, No. 5, September 2008, pp Storey Jennifer E., Hart Stephen D., Meloy J. Reid, Reavis James A., Psychopathy and Stalking, in Law and Human Behavior, n. 33, 2009, pp Corradi Consuelo, a cura di, I modelli sociali della violenza contro le donne. Rileggere la violenza nella modernità, Milano, Franco Angeli, Dennison Susan M., Interpersonal Relationship and Stalking: Identifying When to Intervene, in Law and Human Behavior, n. 31, 2007, pp Purcell Rosemary, Moller Bridget, Flower Teresa, Mullen Paul E., Stalking among juveniles, in The British Journal of Psychiatry, n. 194, 2009, pp

58 Whyte Sean, Petch Edward, Penny Catherine, Reiss David, Who Stalks? A description of patients at a high security hospital with a history of stalking behaviour, in Criminal Behaviour and Mental Health, n. 18, 2008, pp Petherick, W., Cyber-Stalking: obsessional pursuit and the digital criminal, Strano M., Computer crime: Manuale di Criminologia informatica, edizioni Apogeo Milano, 2000; Strano M., Relazioni digitali e comportamenti devianti, Atti del convegno Psichiatria, informatica e telemedicina. Realtà e prospettive nel campo dell assistenza e della formazione. Velletri, Sala Micara, 29 marzo Strano M., Cyberstalking, ICT Security, Edizioni Nuovo Studio Tecna, Roma,

59 Marco Strano, 53 anni, Psicologo della Polizia di Stato ha maturato quasi 30 anni di esperienza nel settore della criminologia, di cui 20 passati come investigatore di strada in ambiti particolarmente complessi come gli omicidi della criminalità organizzata (negli anni 90 era nel nucleo operativo speciale antimafia del Prefetto Sica all'epoca delle stragi di Palermo). Poi il suo settore di azione si è spostato sulla pedofilia e sul cybercrime, di cui si è occupato quando dal 2001, dopo quasi 18 anni nei servizi di intelligence, si è rimesso la divisa e ha diretto per 5 anni l'unità di Analisi della Polizia postale. Attualmente dipende dal settore Sanitario della Polizia di Stato e svolge attività sindacale come Dirigente nazionale UGL Polizia di Stato come responsabile nazionale della ricerca scientifica e della formazione. Parallelamente all'attività investigativa Strano ha sviluppato alcune ricerche scientifiche pionieristiche che hanno fatto il giro del mondo come l applicazione dell intelligenza artificiale al criminal profiling. E considerato uno dei maggiori esperti al mondo di Psicologia investigativa. Stimatissimo nella comunità scientifica negli ultimi anni è conosciuto anche al grande pubblico per le sue partecipazioni a trasmissioni televisive dove si è sempre distinto per la pacatezza dei giudizi e la chiarezza espositiva. 59

LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING

LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING Dott.ssa Claudia Cazzaniga, Psicologa Psicoterapeuta C.A.DO.M. 25 novembre 2010 Palazzo delle Stelline, Milano IL CADOM www.cadom.it Un associazione

Dettagli

Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future

Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future a cura di Pina Ferraro Consigliera di Parità Effettiva per la Provincia di Ancona Dati Progetto Rete

Dettagli

Definizione e Forme Di Violenza

Definizione e Forme Di Violenza Definizione e Forme Di Violenza La violenza di genere è la violenza perpetrata contro donne e minori, basata sul genere, ed è ritenuta una violazione dei diritti umani, La violenza contro la donna (dentro

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3469 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MIGLIOLI Disposizioni per il contrasto della violenza fisica e della persecuzione psicologica

Dettagli

LO STALKING. Avvocato Cristina Ceci

LO STALKING. Avvocato Cristina Ceci LO STALKING Avvocato Cristina Ceci 1 Stalking cos è Dal verbo inglese to stalk: appostarsi, avvicinarsi di soppiatto alla preda Avvocato Cristina Ceci 2 Stalking cos è Fenomeno descritto e studiato per

Dettagli

Definizione e Forme Di Violenza

Definizione e Forme Di Violenza Definizione e Forme Di Violenza La violenza di genere è la violenza perpetrata contro donne e minori, basata sul genere, ed è ritenuta una violazione dei diritti umani, La violenza contro la donna (dentro

Dettagli

Si verifica quando qualcuno compie atti di

Si verifica quando qualcuno compie atti di CYBER BULLISMO E IL TERMINE USATO PER INDICARE IL BULLISMO ONLINE Si verifica quando qualcuno compie atti di vessazione, umiliazione, molestia, diffamazione, o azioni aggressive nei confronti di un altro,

Dettagli

Procedura SERVIZIO ANTI STALKING STATO DEL DOCUMENTO. REV. PAR. PAG. MOTIVO DATA Emissione 12.11.2009. Elaborazione Verifica Approvazione

Procedura SERVIZIO ANTI STALKING STATO DEL DOCUMENTO. REV. PAR. PAG. MOTIVO DATA Emissione 12.11.2009. Elaborazione Verifica Approvazione 01 del 02.03.2011 Pagina 1 di 9 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO... 2 2. GESTIONE DEL FRONT-OFFICE DEL... 6 3. EROGAZIONE E RETE TERRITORIALE DEL... 7 5. RILEVAZIONE DEI DATI SULLA SODDISFAZIONE DELL'UTENZA...

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

1 - FORME DI VIOLENZA

1 - FORME DI VIOLENZA 1 - FORME DI VIOLENZA! Violenza Fisica. Tale forma di violenza è graduata dalle forme più lievi a quelle più gravi: la minaccia di essere colpita fisicamente, l essere spinta, afferrata o strattonata,

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Stalking e strategie efficaci. Anna C. Baldry Responsabile sportelli Antistalking

Stalking e strategie efficaci. Anna C. Baldry Responsabile sportelli Antistalking Stalking e strategie efficaci di contrasto Anna C. Baldry Responsabile sportelli Antistalking Stalking Atti persecutori, (minacce, molestie) caratterizzate da azioni dirette e indirette come telefonate

Dettagli

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO?

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? Perché cercare di prevenire il bullismo? Aggressività e passività sono condotte reattive, modalità inadeguate di rapportarsi agli altri. Nell immediato comportano

Dettagli

Stalking: conoscerlo per difendersi!

Stalking: conoscerlo per difendersi! Stalking: conoscerlo per difendersi! CHE COS È LO STALKING? La parola inglese stalking viene utilizzata per indicare un insieme di comportamenti messi in atto da un autore al fine di molestare la sua vittima.

Dettagli

CONVEGNO SOROPTIMIST. STALKING: E NON CHIAMIAMOLO AMORE! Una risposta nuova ad una violenza antica".

CONVEGNO SOROPTIMIST. STALKING: E NON CHIAMIAMOLO AMORE! Una risposta nuova ad una violenza antica. CONVEGNO SOROPTIMIST STALKING: E NON CHIAMIAMOLO AMORE! Una risposta nuova ad una violenza antica". Il 22 febbraio, durante la Settimana Nazionale contro lo Stalking, si è tenuto presso la Banca Popolare

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat

L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat Maria Giuseppina Muratore Pisa, 26 novembre 2013 Gli omicidi di donne: un quadro costante nel tempo Gli omicidi risultano in forte

Dettagli

QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI

QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI Definizione e Forme Di Cyber-Violenza Definizione di violenza (OMS 2002) L uso intenzionale della forza fisica o del potere,

Dettagli

Linda Laura Sabbadini

Linda Laura Sabbadini La violenza e i maltrattamenti contro le donne I maltrattamenti contro le donne dentro e fuori la famiglia Direttore Centrale ISTAT Perché un indagine sulla violenza sulle donne? Le denunce sono solo la

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI #NOVIOLENZA CONTRO LO STALKING, IL FEMMINICIDIO, ED OGNI ALTRA FORMA DI VIOLENZA SULLE DONNE IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI CONCRETI Durante le due settimane (dal 16 al 29 aprile) dell iniziativa No

Dettagli

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Che cos è, quanto è diffusa, come si manifesta Che fare? Prevenzione e contrasto della violenza: le azioni realizzate e gli strumenti disponibili in Piemonte La violenza contro

Dettagli

Donne e violenza, le parole non bastano più

Donne e violenza, le parole non bastano più DISCUSSIONI Donne e violenza, le parole non bastano più Anna Maria Fellegara È un aberrazione dal costo individuale e sociale inaccettabile, come tutti gli studi dimostrano: il contrasto al fenomeno non

Dettagli

Lavorare in rete con le forze dell ordine. Bologna Mercoledì 12 settembre 2007 Dott.ssa Alessandra Bagnara

Lavorare in rete con le forze dell ordine. Bologna Mercoledì 12 settembre 2007 Dott.ssa Alessandra Bagnara Lavorare in rete con le forze dell ordine Bologna Mercoledì 12 settembre 2007 Dott.ssa Alessandra Bagnara Carmine Ventimiglia Sapevo e so che la formazione è la condizione di base di ogni progetto innovativo

Dettagli

VIOLENZA DOMESTICHE E STALKING

VIOLENZA DOMESTICHE E STALKING VIOLENZA DOMESTICHE E STALKING Definizione Il termine STALKING trae la sua origine da un termine di caccia inglese, to stalk (letteralmente fare la posta), che ricorda gli appostamenti e gli inseguimenti

Dettagli

SOMMARIO. Stop! Alla «violenza domestica» 4. Fatti e numeri 6. «Violenza domestica» la polizia interviene immediatamente! 9

SOMMARIO. Stop! Alla «violenza domestica» 4. Fatti e numeri 6. «Violenza domestica» la polizia interviene immediatamente! 9 SOMMARIO Stop! Alla «violenza domestica» 4 Fatti e numeri 6 «Violenza domestica» la polizia interviene immediatamente! 9 Cosa posso fare se sono vittima della «violenza domestica»? 13 Cosa posso fare se

Dettagli

VIOLENZA SULLE DONNE

VIOLENZA SULLE DONNE VIOLENZA SULLE DONNE Un silenzio assordante La violenza sulle donne è la forma più odiosa di negazione del progresso, della libertà, della cittadinanza che esiste in tutti i tempi, luoghi, culture. Ciò

Dettagli

BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA

BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA Milano, ottobre 2012 INDICE Area Maltrattamento e grave disagio della donna pag.

Dettagli

La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale

La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale Settore Polizia Municipale e Politiche per la Legalità e le Sicurezze Settore Direzione Generale Ufficio organizzazione, qualità e ricerche La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile

COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile PROMOTORE, UNIVERSITA MEIER Medicina Integrata Europea e Ricerca E riconosciuta dal MIUR E iscritta

Dettagli

Mai più violenza infinita: disturbo di personalità

Mai più violenza infinita: disturbo di personalità Mai più violenza infinita: disturbo di personalità di Alessandro Meluzzi barbarie L uccisione ma la bestialità di qualcuno non è una è l emersione categoria corretta, di qualcosa perché che gli noi animali

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

INIZIATIVA INTERDISTRETTUALE LEGALITA E CULTURA DELL ETICA A.R. 2015-16 5 ANNO

INIZIATIVA INTERDISTRETTUALE LEGALITA E CULTURA DELL ETICA A.R. 2015-16 5 ANNO 1 INIZIATIVA INTERDISTRETTUALE LEGALITA E CULTURA DELL ETICA A.R. 2015-16 5 ANNO ATTIVITA COORDINATA DI ILLUSTRAZIONE DEL TEMA ANNUALE AI CLUB E AGLI ISTITUTI SCOLASTICI 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 2 Legalità

Dettagli

Incarichi di CT o perizia

Incarichi di CT o perizia Incarichi di CT o perizia La/o psicologa/o può essere nominata/o in sede civile da un Giudice come Consulente Tecnico d Ufficio (CTU) o dalle parti come consulente di parte (CTP) Le situazioni più tipiche

Dettagli

L'ASSOCIAZIONE "TUA E LE ALTRE": PRESENTAZIONE

L'ASSOCIAZIONE TUA E LE ALTRE: PRESENTAZIONE L'ASSOCIAZIONE "TUA E LE ALTRE": PRESENTAZIONE l'associazione di volontariato "Tua e le altre"nasce nel 2008 per affrontare il problema della violenza sulle donne, fare gradualmente emergere il fenomeno

Dettagli

Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica

Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica STALKING Indagine statistica attraverso la lettura dei fascicoli dei procedimenti definiti con sentenze di primo grado Roma, Giugno 2014 STALKING

Dettagli

Nel mondo oltre 600 milioni di donne subiscono violenze sono 6 milioni 743.000 le donne italiane tra i 16 e i 70 anni che hanno subìto almeno una

Nel mondo oltre 600 milioni di donne subiscono violenze sono 6 milioni 743.000 le donne italiane tra i 16 e i 70 anni che hanno subìto almeno una Nel mondo oltre 600 milioni di donne subiscono violenze sono 6 milioni 743.000 le donne italiane tra i 16 e i 70 anni che hanno subìto almeno una violenza fisica o sessuale nel corso della vita 3 milioni

Dettagli

La violenza di genere in provincia di Pisa

La violenza di genere in provincia di Pisa La violenza di genere in provincia di Pisa V REPORT DI MONITORAGGIO sulle schede di primo accesso delle donne vittime di violenza Novembre 2012 PROVINCIA DI PISA Servizio sistemi informativi, studi e statistica

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI

CODICE DI CONDOTTA DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI CODICE DI CONDOTTA DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI Articolo1 Finalità L¹Università degli studi del Molise per tutelare la dignità delle donne

Dettagli

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno Rete Antiviolenza Città di Livorno Comune di Livorno Questura di Livorno Arma dei Carabinieri Livorno Azienda USL 6 Livorno Ippogrifo Associazione PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI LIVORNO/ASSESSORATO

Dettagli

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA LA DEPRESSIONE POST PARTUM IN LOMBARDIA

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA LA DEPRESSIONE POST PARTUM IN LOMBARDIA PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA LA DEPRESSIONE POST PARTUM IN LOMBARDIA Progetto di ricerca indipendente in ambito materno-infantile, proposto dall'azienda Ospedaliera Fatebenefratelli

Dettagli

LA VIOLENZA SULLE DONNE E SUI MINORI, Riconoscere proteggere intervenire - Ancona, 9 ottobre 2015 OLGA ANASTASI Abusi e falsi abusi: quale tutela e

LA VIOLENZA SULLE DONNE E SUI MINORI, Riconoscere proteggere intervenire - Ancona, 9 ottobre 2015 OLGA ANASTASI Abusi e falsi abusi: quale tutela e + LA VIOLENZA SULLE DONNE E SUI MINORI, Riconoscere proteggere intervenire - Ancona, 9 ottobre 2015 OLGA ANASTASI Abusi e falsi abusi: quale tutela e quali garanzie per i minori + Ruolo sociale dell avvocato

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p.

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. Delitto contro la libertà morale. Delitto doloso che prevede la rappresentazione dell evento. L elemento soggettivo è la volontà della condotta e dell

Dettagli

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING 2011-2013: linee d indirizzo Premessa 1. la Violenza La Regione Lazio stigmatizza e condanna ogni forma di Violenza. Tra le varie definizioni

Dettagli

Schede finali. A -Iniziativa di mantenimento e qualificazione del Servizio Progetto Fe.n.ice.: In-formazione contro la violenza

Schede finali. A -Iniziativa di mantenimento e qualificazione del Servizio Progetto Fe.n.ice.: In-formazione contro la violenza Schede finali A -Iniziativa di mantenimento e qualificazione del Servizio Progetto Fe.n.ice.: In-formazione contro la violenza Obiettivi - Offrire alle donne che si rivolgono ad esso un luogo dove chiedere

Dettagli

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare GRUPPO DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON DDAI NELLA REGIONE LAZIO Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare Una presa in carico globale Come molti

Dettagli

IL MOBBING: APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE DI GENERE

IL MOBBING: APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE DI GENERE IL MOBBING: APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE DI GENERE Il mobbing si realizza attuando una sorta di terrorismo psicologico, che implica un atteggiamento ostile e non etico posto in essere in forma sistematica

Dettagli

DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012

DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012 Centro Antiviolenza DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012 L Associazione Demetra Donne in aiuto è stata fondata il 25 luglio del 2005 per aprire anche nel territorio lughese un

Dettagli

COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne

COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne t1 COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne Roberta Barletta Ricercatrice ISTAT Diapositiva 1 t1 dimensioni altezza 0,7 larghezza 2,41 posizione 0,93-1,16 tabanell; 19/04/2006

Dettagli

LE FORME DELLA VIOLENZA

LE FORME DELLA VIOLENZA LE FORME DELLA VIOLENZA DIREZIONE PRESIDIO G. FRANCHI "La violenza contro le donne è forse la violazione dei diritti umani più vergognosa ess non conosce confini né geografia, cultura o ricchezza fin tanto

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 RILEVAZIONE DATI D.i.Re I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 A cura del Gruppo Ricerca rilevazione dati Novembre 2014 Premessa L associazione nazionale D.i.Re Donne in

Dettagli

CYBER-BULLISMO Avv. Caterina Flick

CYBER-BULLISMO Avv. Caterina Flick CYBER-BULLISMO Avv. Caterina Flick ORDINE DEI GIORNALISTI DELLA TOSCANA Evento formativo Grosseto - Lunedì 12 ottobre 2015 ROME MILAN BOLOGNA ISTANBUL* TIRANA* * In association with Una premessa importante

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE 0. Premessa La violenza sulle donne è un fenomeno sempre più drammaticamente presente nel nostro

Dettagli

Aspetti sociali della violenza alle donne

Aspetti sociali della violenza alle donne Aspetti sociali della violenza alle donne dott.ssa Maria Vittoria Valoti - psicologa Le misure a sostegno delle donne in difficoltà sono indicate dalla Legge di riforma dei Servizi Sociali e dalla Legge

Dettagli

- reati contro la Pubblica Amministrazione

- reati contro la Pubblica Amministrazione DATI PERSONALI Età Genere M F Anni di attività professionale 1) Ambito di attività professionale prevalente: diritto penale - reati contro la Pubblica Amministrazione - reati contro la persona / contro

Dettagli

QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE

QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Il questionario è composto da 4 sezioni: 1. PROCESSI ED ATTIVITA PRIMARI e DI SERVIZIO 2. CONOSCENZE 3. ABILITA 4. CARATTERISTICHE PERSONALI

Dettagli

VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE

VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE neanche con un fiore!! VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE Tipologie di violenza e aspetti psicologici Ciriè 9 maggio 2012 Servizio di Psicologia Ospedaliera Area Consultori Familiari Direttore

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Assessorato alla Salute ed Equità Sociale. Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine

Assessorato alla Salute ed Equità Sociale. Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine Assessorato alla Salute ed Equità Sociale Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine violenza sulle donne Riconosci e combatti la violenza di genere La violenza domestica, quella che avviene quotidianamente

Dettagli

I.A.R.A Interventi di Ampliamento della Rete Antiviolenza Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità

I.A.R.A Interventi di Ampliamento della Rete Antiviolenza Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità I.A.R.A Interventi di Ampliamento della Rete Antiviolenza Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità Avviso pubblico per il finanziamento degli interventi finalizzati a

Dettagli

CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA. Gay Help Line. Estratto del rapporto del servizio

CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA. Gay Help Line. Estratto del rapporto del servizio CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA Gay Help Line Estratto del rapporto del servizio Dal 18 Marzo 2006 al 30 settembre 2007 Roma, 8 Novembre 2007 1/10 Gay Help Line : Principali Caratteristiche del

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza

CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza Wilma Geromella Michela Ulcigrai Associazione GOAP Trieste Definizione di violenza domestica (Londra, Regno Unito, 2001) La violenza domestica consiste nell

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Intervistatore: Approfondendo il tema della gelosia romantica, quali emozioni vive una persona che soffre di gelosia romantica?

Intervistatore: Approfondendo il tema della gelosia romantica, quali emozioni vive una persona che soffre di gelosia romantica? Insieme al Prof. Giusti ha scritto un saggio di psicologia dal titolo Terapia dell invidia e della Gelosia. Si tratta di un libro che sonda aspetti complessi della psiche umana. Com è nata l idea di scrivere

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

TRIBUNALE DI NAPOLI Sala Arengario

TRIBUNALE DI NAPOLI Sala Arengario TRIBUNALE DI NAPOLI Sala Arengario La sindrome di alienazione genitoriale - Opinioni a confronto 26 SET 2011 OSSERVAZIONI PRELIMINARI Ci troviamo qui per un dibattito su quella che viene considerata una

Dettagli

Piano Triennale Aziendale 2005-2007. Obiettivo di monitoraggio ed elaborazione della casistica relativa alle donne vittime di maltrattamenti

Piano Triennale Aziendale 2005-2007. Obiettivo di monitoraggio ed elaborazione della casistica relativa alle donne vittime di maltrattamenti Piano Triennale Aziendale 2005-2007 Obiettivo di monitoraggio ed elaborazione della casistica relativa alle donne vittime di maltrattamenti PRIMO REPORT Donne trattate per lesioni inferte da partner presso

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese 17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese ! Che cosa significa violenza di genere?! Quali sono le azioni che la qualificano come violenza di genere? La violenza di genere! La Conferenza

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

La presa in carico e la tutela della vittima. Valutare correttamente il rischio

La presa in carico e la tutela della vittima. Valutare correttamente il rischio La presa in carico e la tutela della vittima. Valutare correttamente il rischio Lo stalking, mobbing e straining. Conosciamoli meglio. 5 novembre 2014 Teresa Bruno Artemisia Centroantiviolenza 1 Riporto,

Dettagli

ATTO N. 1194. di iniziativa del Consigliere BUCONI

ATTO N. 1194. di iniziativa del Consigliere BUCONI PROPOSTA DI LEGGE ATTO N. 1194 http://www.consiglio.regione.umbria.it e-mail: atti@crumbria.it di iniziativa del Consigliere BUCONI MISURE PER PREVENIRE E CONTRASTARE L'INSORGENZA E LA DIFFUSIONE DELLO

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1173 PROGETTO DI LEGGE N. 0035. di iniziativa dei Consiglieri :

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1173 PROGETTO DI LEGGE N. 0035. di iniziativa dei Consiglieri : REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1173 PROGETTO DI LEGGE N. 0035 di iniziativa dei Consiglieri : Valmaggi, Gaffuri, Penati, Alfieri, Alloni, Barboni, Borghetti, Brambilla, Cavicchioli,

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Il primo ascolto del minore

Il primo ascolto del minore Progetto I.A.R.A Interventi di Ampliamento della Rete Antiviolenza Il primo ascolto del minore Dott.ssa Concetta Rossi ASL Caserta, Coordinamento Materno-Infantile, Servizio Psicologia Giuridica Distribuzione

Dettagli

Lo stalking e la violenza nelle relazioni di intimità

Lo stalking e la violenza nelle relazioni di intimità Lo stalking e la violenza nelle relazioni di intimità Angela Romanin Bologna, Convegno AMI, 9 giugno 2011 L occultamento dei dati e della pericolosità della violenza di genere in Italia La prima e unica

Dettagli

La relazione con il paziente e la sua famiglia

La relazione con il paziente e la sua famiglia La relazione con il paziente e la sua famiglia 10-17 giugno 2006 Giuliana Carrara psicologa ospedaliera Riflessione sul tempo Il tempo, quando ne resta poco, è riservato al paziente ed alla famiglia. Ai

Dettagli

I FOCUS TEMATICI dell Osservatorio

I FOCUS TEMATICI dell Osservatorio Anno IV - N 9 1 I FOCUS TEMATICI dell Osservatorio Luglio 2009 www.provincia.grosseto.it/ops La violenza contro le donne nella provincia di Grosseto attraverso le statistiche del Centro Antiviolenza A

Dettagli

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA *********** 1. Premessa sulla sociologia dei media. Si dice comunemente che viviamo in una società della informazione. Una

Dettagli

2)i metodi e le procedure di segnalazione e presa in carico delle vittime, come degli autori dei reati;

2)i metodi e le procedure di segnalazione e presa in carico delle vittime, come degli autori dei reati; CIF COMUNALE BENEVENTO CORSO DI PERFEZIONAMENTO TEORIE, METODI E STRATEGIE PER LA PREVENZIONE E IL CONTRASTO DELLO STALKING E DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Proponente: CIF Comunale di Benevento Progettista:

Dettagli

5.8) CODICE DI CONDOTTA PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI DELIBERA. Art.1

5.8) CODICE DI CONDOTTA PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI DELIBERA. Art.1 I DIVISIONE 5.8) CODICE DI CONDOTTA PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI OMISSIS DELIBERA di approvare il Codice di Condotta per la Prevenzione delle Molestie Sessuali, così come di seguito

Dettagli

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene L indagine Donne e l omicidio, condotta dal Centro di Ricerca per Pari Opportunità (KETHI), ha cercato di investigare

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

IL CANTIERE DELLE RELAZIONI

IL CANTIERE DELLE RELAZIONI IL CANTIERE DELLE RELAZIONI Favorire le competenze relazionali per costruire relazioni sane e prevenire la discriminazione e la violenza di genere Progetto di intervento per le Scuole secondarie di secondo

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

La fragilità delle donne e i riflessi sui minori

La fragilità delle donne e i riflessi sui minori Corso di Formazione Dalla parte delle Donne: Tutela ed assistenza nei casi di violenza Aspetti clinici, psicologici e medico legali (Terza parte) La fragilità delle donne e i riflessi sui minori L Ospedale

Dettagli

ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza

ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza D.ssa Donatella Galloni Assistente Sociale Specialista Violenza Sessuale e Domestica (SVSeD) Fondazione IRCCS

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori porta avanti da diversi anni interventi di informazione-educazione nelle scuole di ogni ordine e grado, tenuti da un medico

Dettagli