Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri"

Transcript

1 Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri La recente sentenza della CTR dell'aquila n.390/12, in materia di rimborso delle ritenute sui dividendi da parte di società comunitarie, offre lo spunto per illustrare le modalità di tassazione dei dividendi in entrata e in uscita dal territorio nazionale, come risulta dopo la c.d. riforma delle rendite finanziarie ad opera del D.L. n.138/11, che con decorrenza 1 gennaio 2012 ha uniformato al 20% le precedenti aliquote del 12,5% e 27% delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi di natura finanziaria. La tassazione dei dividendi in entrata Come è noto, i dividendi costituiscono redditi di capitale ai sensi dell art.44, co.1, lett. e) del Tuir, salvo che gli stessi siano percepiti nell ambito di attività di impresa, perché in tale ipotesi concorrono alla formazione del reddito di impresa. In entrambi i casi si applica comunque il principio di cassa, ovvero i dividendi sono tassati al momento in cui sono percepiti. La normativa italiana prevede per i dividendi provenienti da partecipazioni estere le stesse regole di tassazione applicabili ai dividendi erogati da soggetti residenti, salvo che la società estera partecipata non risieda in uno Stato o territorio a fiscalità privilegiata, nel qual caso è prevista la tassazione per trasparenza degli utili della società estera ai sensi della disciplina sulle c.d. controlled foreign companies (CFC) di cui agli artt.167 e art.168 del Tuir. 14 La tassazione dei dividendi esteri percepiti da persone fisiche non esercenti attività di impresa Le regole di tassazione dei dividendi di fonte estera sono contenute nell art.27 del DPR n.600/73, il quale prevede un diverso regime di tassazione a seconda che la partecipazione estera sia qualificata o non qualificata, ai sensi dell'art.67, co.1, lett.c), del Tuir. 15 Per quanto riguarda i dividendi derivanti da partecipazioni estere non qualificate percepiti da persone fisiche 16, il co.4 dell art.27 del DPR n.600/73 stabilisce che i sostituti di imposta di cui all art.23 dello stesso DPR n.600/73, che intervengono nella riscossione del dividendo estero (nel caso specifico si tratta essenzialmente di banche e altri intermediari finanziari), devono applicare una ritenuta a titolo di imposta nella misura del 20% (fino al 31/12/11 del 12,5%), con obbligo di rivalsa sui percettori residenti. A norma del successivo co.4-bis la ritenuta è operata sul dividendo al netto delle eventuali imposte e ritenute applicate nello Stato estero (c.d. netto frontiera ) 17. Essendo detta ritenuta a titolo di imposta il percettore residente non deve indicare i dividendi di fonte estera nella dichiarazione dei redditi Come si dirà in seguito, se non risulta applicabile la disciplina delle Cfc, per i dividendi derivanti da società black list è comunque prevista la tassazione nella misura del 100% del loro ammontare in capo al percettore residente, salvo interpello. Si ricorda che sono qualificate le partecipazioni, i diritti o i titoli che rappresentano una percentuale di diritti di voto esercitabili nell assemblea ordinaria superiore al 2% o al 20%, ovvero una partecipazione al capitale o al patrimonio superiore al 5% o al 25%, a seconda che si tratti di titoli negoziati in mercati regolamentati o di altre partecipazioni. Sono invece non qualificate le partecipazioni che attribuiscono diritti di voto inferiori alle soglie suindicate. Lo stesso regime delle persone fisiche si applica alle società semplici e associazioni equiparate ai sensi dell art.5 del Tuir, agli enti non commerciali, compresi i trust ad essi equiparati. In tale caso, a differenza di quanto si dirà in seguito per quanto riguarda le partecipazioni qualificate, non è possibile, per il percipiente, recuperare la ritenuta subita con il meccanismo del credito di imposta. Si viene dunque a produrre una parziale doppia imposizione giuridica del dividendo, per l impossibilità di recuperare la ritenuta applicata dallo Stato estero. È tuttavia possibile chiedere a rimborso nei confronti dell Amministrazione Finanziaria estera l eventuale eccedenza della ritenuta applicata rispetto alla misura massima prevista dalla eventuale convenzione contro le doppie imposizioni tra l Italia e lo Stato estero di riferimento. 20

2 Se, invece, i dividendi sono percepiti senza l intervento di un intermediario residente, gli stessi (non potendo essere assoggettati alla predette ritenuta) devono essere dichiarati nel quadro RM del modello Unico, nel loro ammontare lordo, e assoggettati ad imposta sostitutiva del 20% (fino al 31/12/11 del 12,5%) a cura del contribuente stesso. Anche se il dividendo è relativo ad una partecipazione estera qualificata si applica la ritenuta del 20% (fino al 31/12/11 del 12,5%) a cura dell intermediario che interviene nella riscossione, ma in tal caso la stessa è a titolo di acconto ed è applicata solo sulla quota imponibile dei dividendi (ossia sul 40% o sul 49,72% del loro ammontare 18 ), al netto delle eventuali ritenute applicate nello Stato estero. Il percipiente è poi tenuto a indicare i dividendi percepiti nella dichiarazione dei redditi e a far concorrere il 40% o il 49,72% degli stessi (al lordo di tutte le imposte eventualmente applicate all estero) alla formazione della base imponibile Irpef, scomputando la ritenuta a titolo di acconto dall imposta dovuta. Come accennato in precedenza, i dividendi distribuiti da società non residenti possono essere assoggettati a ritenute fiscali nel Paese di residenza della società che li distribuisce. Le imposte pagate all estero sul dividendo qualificato costituiscono per il percipiente italiano un credito d imposta ai sensi dell art.165 del Tuir. Tuttavia, poiché il dividendo estero relativo a partecipazioni qualificate concorre solo parzialmente alla formazione della base imponibile del percettore italiano (ovvero per il 49,72% o per il 40%), il credito di imposta spettante a fronte della ritenuta applicata all estero sarà limitato a detta percentuale. Inoltre, il credito di imposta spetta limitatamente alla ritenuta estera applicata in misura non superiore all aliquota prevista dall eventuale trattato contro le doppie imposizioni stipulato con l Italia. Se la società estera che distribuisce i dividendi applica una ritenuta interna superiore alla ritenuta convenzionale il percipiente italiano può però ottenere il rimborso della tassazione applicata in eccedenza. Pertanto, la ritenuta estera applicata entro il limite previsto dalla convenzione può essere recuperata mediante il meccanismo del credito di imposta, mentre l eventuale eccedenza rispetto alla misura convenzionale può essere recuperata solo mediante richiesta di rimborso all Amministrazione Finanziaria del Paese in cui risiede la società che distribuisce i dividendi. La tassazione dei dividendi esteri percepiti nell esercizio di impresa I dividendi di fonte estera percepiti da soggetti esercenti attività d impresa (imprenditori individuali, società di persone e società di capitali) non scontano alcuna ritenuta alla fonte. Per i soggetti Irpef (imprenditori individuali e società di persone) i dividendi concorrono alla formazione del reddito di impresa nella misura del 49,72% (o del 40%) ai sensi dell art.59 del Tuir, mentre per i soggetti Ires concorrono alla formazione del reddito di impresa nella misura del 5% ai sensi dell art.89 del Tuir. Sui dividendi esteri percepiti da soggetti esenti da Ires, ai sensi dell art.27, co.5, del DPR n.600/73, viene invece operata una ritenuta del 20% a titolo d imposta (del 27% fino al 31/12/11). La tassazione dei dividendi relativi a società residenti in Paesi a fiscalità privilegiata Per quanto riguarda le modalità di tassazione dei dividendi provenienti, anche indirettamente, da società residenti in Paesi a fiscalità privilegiata, per le quali non si rende applicabile la disciplina sulle CFC 19, occorre distinguere le seguenti tre fattispecie: La tassazione per il 49,72% dell ammontare del dividendo si applica ai dividendi formati con utili prodotti dopo il 31 dicembre 2007, ai sensi di quanto previsto dal D.M. 2 aprile 2008 che ha innalzato la soglia di tassazione rispetto alla precedente misura del 40% in conseguenza della riduzione dell aliquota Ires dal 33% al 27,5% operata dalla L. n.244/07, (Finanziaria 2008), a decorrere dal periodo d imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre Qualora infatti si renda applicabile il regime Cfc di cui agli art.167 e 168 del Tuir, che prevede la tassazione del reddito prodotto per trasparenza in capo al socio residente, i dividendi erogati dalla società black list sono esclusi da tassazione in quanto imputabili a utili già tassati per trasparenza. 21

3 dividendi relativi a una partecipazione qualificata; dividendi relativi a una partecipazione non qualificata i cui titoli sono negoziati in mercati regolamentati; dividendi relativi a una partecipazione non qualificata i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati. Se la partecipazione è qualificata i dividendi concorrono per l intero ammontare alla formazione del reddito complessivo Irpef del socio persona fisica (anziché nei limiti del 49,72% o del 40%), nonché per l intero ammontare alla formazione del reddito di impresa, se il percipiente è un imprenditore soggetto ad Irpef (anziché nei limiti del 49,72% o del 40%) o ad Ires (anziché nei limiti del 5%). Se nella riscossione dei dividendi interviene un intermediario residente in Italia, questi tratterrà una ritenuta a titolo d acconto del 20%, secondo quanto previsto dall art.27, co.4, del DPR n.600/73, ma solo nel caso in cui la partecipazione non sia relativa all impresa, secondo quanto previsto dall art.65 del Tuir. Anche i dividendi relativi ad una partecipazione non qualificata i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati concorrono per il 100% del loro ammontare alla formazione del reddito complessivo del percettore residente. Se sono percepiti da persone fisiche al di fuori dell esercizio d impresa e se nella riscossione interviene un intermediario residente in Italia, sono inoltre assoggettati a una ritenuta d acconto del 20% sull intero ammontare. In entrambi i casi il contribuente può tuttavia proporre un apposito interpello ai sensi dell art.167 del Tuir allo scopo di dimostrare che la partecipazione qualificata non consegue l effetto di localizzare i relativi redditi in uno Stato a fiscalità privilegiata. 20 Nel caso in cui l Amministrazione Finanziaria dia esito positivo all interpello, ai dividendi percepiti verrà applicata: la ritenuta del 20% a titolo di imposta sull intero ammontare dei dividendi (i quali non concorreranno dunque alla formazione del reddito imponibile del percipiente) la ritenuta del 20% a titolo di acconto sul 49,72% dell ammontare del dividendo (che concorrerà in tale misura alla formazione del reddito imponibile del percipiente) se la partecipazione è non qualificata la partecipazione è qualificata. Infine, i dividendi relativi a una partecipazione non qualificata i cui titoli sono negoziati in mercati regolamentati non concorrono alla formazione della base imponibile del percipiente in quanto soggetti ad una ritenuta a titolo di imposta del 20% sull intero ammontare, se relativi a partecipazioni non detenute nell ambito di imprese. Nel caso in cui la ritenuta non sia effettuata dall intermediario o il dividendo sia percepito direttamente all estero, il contribuente sarà tenuto a compilare e presentare il quadro RM del modello Unico. La tassazione dei dividendi in uscita I dividendi corrisposti da società residenti in Italia a soggetti non residenti risultano imponibili (anche) in Italia ai sensi dell art.23, co.1, lett.b), del Tuir, in base al quale si considerano prodotti nel territorio dello Stato i redditi di capitale corrisposti da soggetti residenti nel territorio dello Stato o da stabili organizzazioni nel territorio stesso di soggetti non residenti. Le modalità di tassazione dei dividendi in uscita dipendono dalla natura del soggetto percettore estero. 20 In particolare dovrà essere dimostrato che oltre il 75% del reddito del soggetto black list è prodotto in uno Stato a fiscalità ordinaria. 22

4 La tassazione dei dividendi in uscita secondo la disciplina ordinaria Ai sensi dell art.27, co.3, del DPR n.600/73 i dividendi erogati a soggetti non residenti sono assoggettati ad una ritenuta a titolo di imposta del 20% ai sensi del co.3 dell art.27 del DPR n.600/73 (fino al 31/12/11 nella misura del 27%, ridotta al 12,5% in caso di azioni di risparmio). La ritenuta si applica anche sui dividendi corrisposti a soggetti esteri che esercitano attività di impresa (e dunque anche se il percettore è una società). Tuttavia, se il soggetto non residente ha una stabile organizzazione in Italia e la partecipazione per la quale è percepito il dividendo è effettivamente connessa a detta stabile organizzazione, i dividendi percepiti non sono soggetti a ritenuta e concorrono alla determinazione del reddito d impresa della stabile organizzazione, soggetto a tassazione in Italia, nella misura del 5% del loro ammontare ai sensi dell art.89 del Tuir. 21 Con la riforma delle rendite finanziarie è stata confermata la ritenuta nella misura dell 11% prevista per i dividendi di fonte interna corrisposti ai fondi pensione istituiti negli Stati membri dell Unione europea, nonché membri dell accordo sullo Spazio Economico Europeo, inclusi nella c.d. white list. I soggetti esteri che subiscono la ritenuta a titolo di imposta del 20% hanno il diritto di richiedere il rimborso fino a concorrenza dell importo di 1/4 della ritenuta subita (dei 4/9 fino al 31/12/11), ma solo a condizione che dimostrino di aver pagato sui medesimi dividendi le imposte nel Paese di loro residenza, attraverso il rilascio di un apposita certificazione da parte dell Amministrazione Fiscale estera. La misura della ritenuta applicata sui dividendi corrisposti a soggetti non residenti può essere ridotta nel caso in cui sia esistente una convenzione contro le doppie imposizioni stipulata tra l Italia e il Paese di residenza del percettore (di norma le convenzioni prevedono una ritenuta in uscita in misura compresa tra il 5% e il 15%). L applicazione della normativa convenzionale deve essere richiesta dal beneficiario dei proventi, il quale deve produrre la documentazione necessaria per ottenere il rimborso dell imposta o, quando è consentito, la diretta applicazione della minor ritenuta prevista dalla Convenzione 22. Il regime della direttiva c.d. madre-figlia Con riferimento ai dividendi in uscita deve essere menzionato anche il c.d. regime madrefiglia previsto dall art.27-bis del DPR n.600/73, in base al quale sono esclusi da ritenuta gli utili distribuiti ad una società dell Unione Europea che soddisfa i seguenti requisiti: riveste una delle forme previste nell allegato alla Direttiva Cee madre-figlia (n.90/435/cee); risiede ai fini fiscali in uno Stato membro della UE; è soggetta nello Stato di residenza ad una delle imposte indicate nell allegato alla predetta direttiva; possiede una partecipazione diretta nella società erogante gli utili non inferiore al 20% del capitale per un periodo ininterrotto di almeno un anno. Per il rimborso della ritenuta eventualmente applicata è richiesta la presentazione di un apposita istanza, unitamente alla seguente documentazione: una certificazione rilasciata dalle Autorità fiscali dello Stato di residenza che attesti la sussistenza dei requisiti soggettivi in capo alla società percipiente; Si ricorda, tuttavia che se il dividendo è relativo ad una partecipazione detenuta da un soggetto che adotta i principi contabili internazionali e tale partecipazione è classificata in bilancio tra i titoli detenuti per la negoziazione, il dividendo concorre alla formazione del reddito di impresa di detti soggetti nella misura del 100% anziché del 5%. Per l applicazione immediata della misura convenzionale il soggetto erogante i dividendi deve acquisire la seguente documentazione: - la dichiarazione del soggetto non residente di essere l effettivo beneficiario degli utili; - la dichiarazione che esso sia come tale debitamente identificato; - l attestazione che siano rispettate le condizioni e gli altri elementi richiesti dalle singole convenzioni; - l attestazione dell autorità fiscale estera circa la residenza fiscale del beneficiario, attestazione che avrà valore fino al 31 marzo dell anno successivo a quello di presentazione. 23

5 una dichiarazione della società stessa attestante la sussistenza del requisito di possesso per almeno un anno 23. Gli intermediari che intervengono nel pagamento del dividendo non applicano le ritenute previste dall art.27 del DPR n.600/1973, previa acquisizione della predetta documentazione, che deve essere acquisita entro la data del pagamento degli utili e conservata, unitamente alla richiesta di non applicazione della ritenuta, fino a quando non siano decorsi i termini per gli accertamenti relativi al periodo d imposta in corso alla data di pagamento dei dividendi e, comunque, fino quando non siano stati definiti gli accertamenti stessi. La tassazione dei dividendi erogati a soggetti residenti nella Ue o nello See Al fine di rendere compatibile la disciplina di tassazione dei dividendi in uscita con i principi comunitari di non discriminazione, di libertà di stabilimento e di libera circolazione dei capitali 24, la L. n.244/07, (Finanziaria 2008) ha stabilito che per i dividendi corrisposti a soggetti residenti nell Unione Europea e nei Paesi aderenti all accordo sullo Spazio Economico Europeo, inclusi nella c.d. white list, la ritenuta a titolo di imposta è operata con l aliquota dell 1,375% (anziché nella misura ordinaria attuale del 20%). 25 In tal modo la tassazione effettiva in capo alle società comunitarie è stata equiparata a quella dei soggetti Ires, per i quali i dividendi risultano esenti nella misura del 95% del loro ammontare (infatti, la tassazione con aliquota Ires del 27,5% sul 5% del dividendo equivale ad una tassazione complessiva dell 1,375%). Tuttavia, la stessa Finanziaria 2008 stabiliva che detta nuova disciplina si rendesse applicabile unicamente agli utili formatisi a partire dall esercizio successivo a quello in corso al 31 dicembre 2007 e, dunque, la riduzione della ritenuta non poteva trovare applicazione riguardo agli utili generati negli esercizi precedenti, per i quali continuava a valere la maggiore ritenuta all epoca pari al 27% 26. L impossibilità di applicare retroattivamente la riduzione della ritenuta prevista dalla Finanziaria 2008 risultava evidentemente in contrasto con gli obblighi comunitari, ed infatti la Corte di Giustizia Comunitaria con la sentenza causa C-540/07 del 19 novembre 2009 prendendo le mosse dal ricorso di un impresa norvegese concernente il trattamento fiscale dei dividendi distribuiti da una società italiana, metteva in evidenza che la norma nazionale, seppur modificata dal Legislatore, rimaneva in contrasto con i principi comunitari, non avendo stabilito l applicabilità retroattiva della ritenuta nella misura ridotta. In particolare, l Amministrazione Finanziaria italiana, sulla base dell obiezione di irretroattività della predetta modifica normativa, opponeva un sistematico diniego alle richieste di rimborso delle ritenute presentate da parte delle società percettrici estere, generando un cospicuo contenzioso. L Amministrazione Finanziaria italiana ha preso atto di questa ulteriore censura comunitaria e con la C.M. n.32/e/11 ha chiarito che anche per i dividendi formatisi prima del 1 gennaio 2008 debba essere esclusa l applicazione della ritenuta ordinaria di cui all art.27, co.3 del DPR n.600/73 in favore di quella minore che è stata introdotta successivamente con il co.3-ter del medesimo articolo. Di conseguenza, le ritenute con aliquota del 27% applicate sugli utili ante 1 gennaio 2008 possono essere chieste a rimborso per la differenza rispetto all aliquota dell 1,65% (in quanto ante 2008 l aliquota Ires era pari al 33% e dunque la tassazione del 33% sul 5% equivale ad una tassazione netta dell 1,65%) Qualora non sia ancora decorso l holding period di un anno, la ritenuta deve essere applicata e poi richiesta a rimborso al momento di maturazione del periodo minimo. Tale adeguamento si è reso necessario dopo la procedura d infrazione avviata dalla Commissione Europea a carico dell Italia relativamente al trattamento discriminatorio applicato nei confronti dei dividendi distribuiti a società residenti in Stati membri dell Unione Europea rispetto alla tassazione degli stessi prevista per i soggetti Ires residenti. In particolare, l art.1, co.67, della Finanziaria 2008 ha aggiunto il nuovo co.3-ter all art.27 del DPR n.600/73. In tal senso C.M. n.26/e/09. 24

6 In particolare, la C.M. n.32/e/11 ha chiarito che il rimborso può essere richiesto al ricorrere dei seguenti requisiti soggettivi ed oggettivi: partecipazioni diverse da quelle per le quali si applica la direttiva madre-figlia (in quanto qualora i soggetti Ue beneficiari dei dividendi posseggano i requisiti previsti per l applicazione della madre-figlia, la disciplina di cui all art.27-bis del DPR n.600/73 prevale rispetto a quella di cui al nuovo comma 3-ter dell art.27); rimborso di ritenute su dividendi applicate dopo il 1 gennaio 2004 (in quanto è con la riforma dell Ires, in vigore dal 2004, che è stato introdotto il regime della c.d. participation exemption cui è correlata la detassazione dei dividendi); presentazione dell istanza di rimborso entro il termine, previsto dall art.38 del DPR n.602/73, di 48 mesi, decorrenti dall effettuazione della ritenuta; assoggettabilità del percipiente estero, che richiede il rimborso, alla locale imposta sul reddito delle società (in quanto solo se il dividendo è tassato anche all estero si verifica la condizione di pregiudizio rispetto alla minore tassazione prevista per i soggetti Ires residenti). Con riferimento a detta ultima condizione, l Amministrazione Finanziaria ha chiarito che l assoggettabilità all imposta estera deve avere carattere generale, ovvero attiene a tutte quelle società potenzialmente soggette alle imposte estere equivalenti all Ires, indipendentemente dalla circostanza che tali società godano, di fatto, di agevolazioni fiscali o benefici comunque compatibili con la normativa comunitaria. Pertanto la condizione non risulta verificata solo se la società estera percipiente non è soggetta alle imposte sul reddito nello Stato di residenza. Al riguardo, la predetta C.M. n.32/e/11 ha chiarito che i rimborsi delle ritenute applicate in misura eccedente sono subordinati alla dimostrazione, da parte delle società interessate, di essere soggetti passivi nel proprio Stato di residenza di un imposta sul reddito delle società analoga all Ires, circostanza attestabile grazie ad apposita certificazione dell Autorità fiscale del proprio Stato di residenza. La Circolare ha inoltre sostenuto che la società estera istante deve altresì provare che la struttura partecipativa estera non realizza una costruzione di puro artificio ovverosia che non vi siano fenomeni di interposizione reale realizzati, secondo l Amministrazione Finanziaria, attraverso: insediamenti ( società conduit ) transazioni ( operazioni conduit ) caso che ricorre quando lo stabilimento in uno Stato UE della società titolare della partecipazione nella società italiana sia connotato dall assenza di una effettiva attività e di una reale struttura; caso che ricorre quando la società percettrice dei dividendi abbia acquistato il titolo, da cui i medesimi dividendi provengono, tramite operazioni di trasferimento temporaneo consistenti nell acquisto delle azioni cum cedola e nella successiva retrocessione delle medesime azioni ex cedola e, esplicitamente o implicitamente, dei relativi frutti (manufactured dividend) a vantaggio di un identificata controparte non legittimata a godere del trattamento fiscale dei dividendi intracomunitari. Di notevole rilievo è la precisazione della C.M. n.32/e/11 secondo cui la predetta condizione attiene ad ipotesi di illecito commesso dal contribuente, nella forma dell abuso di forme giuridiche per cui ne consegue che, diversamente da quanto osservato a proposito delle precedenti condizioni oggettive, l onere di provare che lo stabilimento in altro Stato UE della società titolare delle partecipazioni o che le transazioni aventi ad oggetto le medesime partecipazioni costituiscono una costruzione di mero artificio grava in linea di principio sull Amministrazione Finanziaria. In merito alla dimostrazione delle condizioni soggettive ed oggettive, per ottenere il rimborso deve essere segnalata proprio la recente sentenza della CTR dell'aquila 25

7 n.390/12, la quale ha precisato che il soggetto estero che richiede il rimborso non è tenuto a fornire la prova di non aver potuto recuperare le imposte subite in Italia tramite l'assoggettamento a ritenute, né nella propria dichiarazione dei redditi né con altre procedure (come invece sostenuto dal Centro Operativo di Pescara, destinatario della richiesta di rimborso), ma è sufficiente che dimostri di essere un soggetto passivo di imposta nello Stato estero di residenza. I dividendi transfrontalieri relativi ad azioni in deposito accentrato Ai sensi dell art.27-ter del DPR n.600/73, i dividendi relativi ad azioni immesse nel sistema di deposito accentrato gestito da Monte Titoli Spa sono soggetti, in luogo delle ritenute previste dall art.27 del DPR n.600/73, ad imposta sostitutiva secondo la stessa misura della ritenuta (ovvero 20% dal 1 gennaio 2012), a cura dei soggetti presso i quali i titoli sono depositati, nonché dei soggetti non residenti che aderiscono a sistemi esteri di deposito accentrato aderenti al sistema Monte Titoli. Gli intermediari non residenti nominano un rappresentante fiscale in Italia, che risponde negli stessi termini e con le stesse responsabilità previste per gli intermediari residenti in Italia, il quale deve: versare l imposta sostitutiva; conservare la documentazione richiesta nel caso in cui gli utili siano corrisposti a soggetti residenti in Paesi con i quali siano in vigore convenzioni per evitare la doppia imposizione o nei confronti dei quali si applica la direttiva madre-figlia ; fornire, entro 15 giorni dalla richiesta dell Amministrazione Finanziaria, ogni notizia o documento utile per comprovare il corretto assolvimento degli obblighi riguardanti l applicazione dell imposta sostitutiva. 26

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 14/2015 del 7 maggio 2015 TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

Dettagli

La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014

La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014 La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014 Come noto gli artt. 3 e 4 del D.L. n. 66/2014 hanno modificato la tassazione dei redditi di natura finanziaria innalzandone l aliquota dal 20% al 26%, fatta

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 6 14 GENNAIO 2014 La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 Redditi di capitale: certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Dettagli

Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società

Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società 7 Siegfried Mayr Dottore Commercialista in Milano Docente alla Scuola Superiore

Dettagli

Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti Focus di pratica professionale di Francesco Facchini Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti Premessa La certificazione degli utili e proventi equiparati corrisposti

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 11 24.03.2015 Dividendi intersocietari Normativa interna, normativa comunitaria e Convenzioni contro le doppie imposizioni Categoria: Ires Sottocategoria:

Dettagli

Nel rimanere a Vostra disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo i più distinti saluti.

Nel rimanere a Vostra disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo i più distinti saluti. DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 01 marzo 2013 Oggetto: Circolare n. 6/2013 del 01 marzo 2013

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati 1 PREMESSA Una delle principali direttrici di cambiamento che caratterizzano la riforma del sistema fiscale, attuata

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano 1. Premessa La legge delega 7 aprile 2003, n. 80, ha modificato radicalmente l ordinamento

Dettagli

OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX

OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX RISOLUZIONE N. 17/E Roma, 27 gennaio 2006 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. n. 2005/180472 OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX Con l interpello specificato

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

TITOLI e PARTECIPAZIONI

TITOLI e PARTECIPAZIONI TITOLI e PARTECIPAZIONI Regole civilistiche VALUTAZIONE TITOLI DELL ATTIVO CIRCOLANTE Costo < valore di mercato Costo > valore di mercato Mantenimento del costo Valore: quotazione al 31/12 media di dicembre

Dettagli

La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio

La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio Numero 38/2014 Pagina 1 di 12 La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio Numero : 38/2014 Gruppo : ADEMPIMENTI Oggetto : MODELLO CUPE 2014 Norme e prassi : ART. 4 DEL D.P.R.

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi L Imposta sul Reddito delle Società (IRES) Rimini, 7 febbraio 2004 Nuova disciplina della tassazione dei dividendi Dott. Giorgio Nerpiti Studio Combattelli e Nerpiti - Dottori Commercialisti Associati

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI RISOLUZIONE N. 43/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 luglio 2013 OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI In considerazione delle numerose richieste di chiarimento in merito ai particolari

Dettagli

ABC News del 09.02.2011

ABC News del 09.02.2011 ABC News del 09.02.2011 A cura della Redazione Entro il 28.02.2011 vanno rilasciate le certificazioni degli utili Entro il prossimo 28 febbraio 2011 scade il termine per il rilascio ai percettori della

Dettagli

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 TITOLO III - RITENUTE ALLA FONTE ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 2. REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE PRESTATO

Dettagli

Chiarimenti Agenzia delle Entrate

Chiarimenti Agenzia delle Entrate Chiarimenti Agenzia delle Entrate 1. Nuova misura dell'imposta sostitutiva sui risultati di gestione. La legge di stabilità del 2015 ha aumentando l'aliquota dell'imposta sostitutiva delle imposte sui

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie Periodico informativo n. 105/2014 Aumento tassazione rendite finanziarie Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che dal 1 luglio è stata modificata l aliquota

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009, Unico Persone Fisiche, a cura di: R. Artina V. Artina P. Monarca G. Cremona N. Tarantino Aspetti generali Inquadramento normativo Il quadro RL del modello

Dettagli

DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO

DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO MAP DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO Con la riforma del sistema fi scale del 2004, è stato abolito il credito d imposta sui dividendi

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

Circolare monotematica LUGLIO 2015

Circolare monotematica LUGLIO 2015 Circolare monotematica LUGLIO 2015 1 OPERARE ALL ESTERO Novità in corso di introduzione per effetto del Decreto legislativo, ancora in esame, in attuazione della Legge delega 11 Marzo 2014, n.23 1. NOVITA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 167/E. Roma, 21 aprile 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 167/E. Roma, 21 aprile 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 167/E Roma, 21 aprile 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n.212.- Applicabilità della Convenzione dello Stato di

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Aumento tassazione rendite finanziarie Premessa Gli articoli 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito, con modificazioni, dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89 intervengono sul livello

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 1 settembre 2014 Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: SABATINI BIS - Contributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006 CIRCOLARE N. 4/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 gennaio 2006 Oggetto: Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344 in materia di tassazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

RISOLUZIONE N. 170/E. OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A.

RISOLUZIONE N. 170/E. OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A. RISOLUZIONE N. 170/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2005 OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A. Con l interpello specificato in oggetto,

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

MODIFICHE AL REGIME DEGLI INTERESSI INTRAGRUPPO

MODIFICHE AL REGIME DEGLI INTERESSI INTRAGRUPPO Milano, 22 novembre 2011 CIRCOLARE CLIENTI N. 21/2011 MODIFICHE AL REGIME DEGLI INTERESSI INTRAGRUPPO PREMESSA Il Decreto Legge del 6 luglio 2011, n. 98, recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011 A cura di Fabio Giommoni PROVVEDIMENTI COMMENTATI D.L. n. 138/2011 (c.d. manovra di Ferragosto ) Nuova aliquota del 20% per la tassazione delle rendite finanziarie

Dettagli

N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI

N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI Riportiamo qui di seguito il nuovo schema di certificazione di cui all articolo 4, commi 6-ter e 6-quater, del Decreto del Presidente della

Dettagli

INDICE PREMESSA... 9. 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori

INDICE PREMESSA... 9. 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori INDICE PREMESSA... 9 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori 1. Premessa: le riforme che hanno interessato la disciplina dei

Dettagli

Nuovi regimi. Fisco & Tributi

Nuovi regimi. Fisco & Tributi PUNTO pantano imp 11-03-2005 9:58 Pagina 38 Nuovi regimi a cura dello studio Pantano 38 Fisco & Tributi Le novità più rilevanti della riforma, in tema di dividendi, sono costituite dall'abolizione delle

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

Studio Rosina e Associati

Studio Rosina e Associati FULVIO ROSINA DANIELA ROSINA ANT ANTONIO ROSINA GIOVANNI TRAVERSO MAURIZIO CIVARDI FRANCESCO PITTIGLIO SIMONETTA MANFREDINI STEFANO LUPINI MASSIMO SCOTTON MARCO SANGUINETI SIMONE PAZZAGLIA PAOLA BROVERO

Dettagli

799 IL NUOVO MODULO RW

799 IL NUOVO MODULO RW 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Allegato Tabella 1 Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Persone fisiche Società esenti da Ires (1) (2) (3) Soggetti esclusi da Ires (art. 74 del Tuir - Stato ed enti pubblici) Società semplici,

Dettagli

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali Massimiliano Sironi 23 Settembre 2015 Milano Premessa L inquadramento fiscale del recesso del socio

Dettagli

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - Gli utili da partecipazione e i proventi equiparati Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 7 Prassi amministrativa... 12 Schema n. 1 - Il regime dei dividendi:

Dettagli

Le schede di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi. Circolare n.7/e/13: la Pex in ipotesi di holding residenti in un paradiso fiscale

Le schede di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi. Circolare n.7/e/13: la Pex in ipotesi di holding residenti in un paradiso fiscale Le schede di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi Circolare n.7/e/13: la Pex in ipotesi di holding residenti in un paradiso fiscale Introduzione L articolo 87 del DPR n.917/86 prevede un esenzione

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

La disciplina delle CFC

La disciplina delle CFC La disciplina delle CFC Novedrate, 9 ottobre 2013 dott. Andrea DE VIDO La CFC (Controlled Foreign Companies) e quella tecnica con la quale: un soggetto residente in un Paese ad alta fiscalità fa svolgere

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti a DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Regime fiscale dei contributi (applicabile anche ai soggetti iscritti alla data del

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati.

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. RISOLUZIONE N. 139/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 maggio 2002 Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. Con nota del 4 aprile 2002,

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO SUPPLEMENTO per l aggiornamento dell informativa fiscale riportata nel Prospetto Completo relativo all offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano

Dettagli

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 319 22.11.2013 Ritenute su royalties corrisposte a non residenti Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Categoria: Imposte dirette

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER PREVICOOPER FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NAZIONALE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER Approvato

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 REGIME FISCALE DEI MINIBOND Dr. Angelo Ragnoni Agenzia delle Entrate Angelo Ragnoni Articolo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito Risoluzione dell'agenzia delle Entrate (RIS) n. 120 /E del 24 luglio 2001 OGGETTO: Problematiche connesse al decesso dell intestatario di rapporti per i quali sono state esercitate le opzioni di cui agli

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Le modifiche alla fiscalità di banche e assicurazioni, delle imprese petrolifere e delle

Dettagli

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 19, commi da 13 a 23, DL n. 201/2011 Art. 1, commi 518 e 519, Legge n. 228/2012 Circolari Agenzia Entrate 3.5.2013 n. 12/E e 9.5.2013,

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ALFA Spa SIM; Art. 165 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n.

OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ALFA Spa SIM; Art. 165 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. RISOLUZIONE N. 147/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 giugno 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ALFA Spa SIM; Art. 165 del D.P.R. 22 dicembre

Dettagli

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi REGIME DELLA DICHIRAZIONE Dal punto di vista soggettivo il regime della dichiarazione, disciplinato

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO Anno 2013 N. RF148 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO RIFERIMENTI D.LGS. 47/2000; D.LGS.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 235/E. Roma,23agosto 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 235/E. Roma,23agosto 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 235/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,23agosto 2007 Oggetto: Interpello art. 168 TUIR. Modalità di applicazione della normativa CFC in presenza di più società dello stesso

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Il principio di trasparenza. IRPEF. IRES. REGIME DELLE CFC Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Dott.ssa Barbara Gilardi Titolo della lezione Schema I PARTE

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 58/E Roma, 27 febbraio 2002 OGGETTO: Interpello n.954-130/2001. Articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n.212. Contratto di tesoreria accentrata Cash pooling. Applicabilità del regime di

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Fisco e Tributi Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Dal 1 luglio è stata modificata l aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria.

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste La tassazione

Dettagli

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama SUPPLEMENTO AL PROSPETTO D OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FLEX APERTO DI DIRITTO ITALIANO

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

ESPOSIZIONE DEL QUESITO

ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 378/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 ottobre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Qualificazione fiscale dei compensi erogati

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 102/E

RISOLUZIONE N. 102/E RISOLUZIONE N. 102/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA BANCA Regime fiscale

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli