Un giallo sempreverde

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un giallo sempreverde"

Transcript

1 Patrizia Maran 1 Un giallo sempreverde Caleidoscopico giallo Il giallo è un colore intriso di gioiosa vitalità: è la primula che spicca sul verde dell erba nuova, è il sole che buca le nuvole, è il limone tromba d oro della solarità, come dice Montale. Ma nella storia della letteratura italiana il giallo è il colore del delitto. Tutta colpa di Lorenzo Montano, che nel 1929 fece nascere la prima collana specializzata nella pubblicazione di tale genere narrativo, edita da Arnoldo Mondatori e contraddistinta da una copertina gialla: di lì il nome italiano per un tipo di romanzo che i Francesi chiamano roman policier, gli Inglesi detective story o crime novel, i tedeschi Detektivliteratur o Kriminalroman ma i nomi si sono via via moltiplicati, nel tentativo di classificare una realtà multiforme e in continua espansione, individuando varianti specifiche e sottogeneri. Comunque lo si indichi, infatti, è innegabile che il genere poliziesco ha avuto enorme diffusione e tuttora appassiona milioni di lettori; ma viene tradizionalmente relegato tra la letteratura di serie B, quella di largo consumo, che non produce capolavori. Certo il severo giudizio è in molti casi ampiamente giustificato eppure a me i gialli sono sempre piaciuti. Da ragazza li divoravo, proprio quei Gialli Mondadori che costavano poche lire e che anche mia madre amava leggere. E ancora ne leggo, scegliendoli forse con più cura, inseguendo qualche novità o fidandomi di quell istinto che mi attira in libreria e mi impedisce di uscirne a mani vuote. Da questa mia passione ho allora pensato di trarre qualche riflessione, non tanto sul valore letterario del genere giallo, quanto piuttosto sui motivi che ne determinano il successo e sui cambiamenti in esso intervenuti, nella tipologia di detective, nella struttura e ambientazione delle storie, nel modo in cui il pubblico può oggi fruire di esse. 1 Docente di Lettere italiane e latine al liceo scientifico G. Ferraris di Varese. PRISMI on line 2013 pagina 1

2 Il detective eroe e la vittoria del Bene Protagonista e dominatore del romanzo poliziesco tradizionale è un particolare eroe cercatore: come un antico cavaliere egli conduce una queste, appunto una inchiesta, una ricerca di verità. La sua missione consiste nello scoprire il colpevole del crimine che apre il racconto, ed è spesso seguito da altri eventi delittuosi, finché la catena del male viene spezzata da chi ha ripercorso con pazienza, risalendo a ritroso nel tempo, le tappe della vicenda, così che l equilibrio narrativo viene ricostituito e giustizia è fatta. La struttura del racconto giallo presenta infatti una sostanziale alterazione del rapporto tra fabula e intreccio: l ordine è invertito, la storia comincia dalla fine e risulta così coinvolgente perché il lettore gareggia col detective, cerca come lui di ricostruire le mosse dell antagonista, l assassino, svelandone l identità grazie agli indizi che un narratore reticente dissemina nel suo racconto come pezzi di un puzzle. Solo chi porta nel suo stesso nome il marchio di cercatore scopritore può condurre e termine l arduo compito: detective rimanda al latino detego un verbo che significa appunto scoprire, mentre inchiesta deriva da quaero ovvero chiedere per sapere, cercare. Proprio la sfida tra lettore e detective è una delle ragioni del successo del giallo, soprattutto nella sua varietà classica, unitamente all effetto consolatorio e rassicurante di un racconto che si conclude con il trionfo della giustizia e con il ritorno alla normalità, perché l anomalia del delitto è stata eliminata da un microcosmo sociale che torna ad essere ordinato e regolato. Non è infatti un caso che tale tipologia narrativa si sviluppi a partire dalla metà dell Ottocento, epoca segnata da grandi cambiamenti sociali, economici, culturali: l urbanizzazione in atto favorisce anche la formazione di ambienti degradati e l aumento della criminalità; la rappresentazione della realtà, della società, dell uomo stesso secondo criteri scientifici è alla base del Naturalismo, che si impone in letteratura e oscura la linea del fantastico, dell avventuroso, del romanzesco. Ecco che il romanzo poliziesco riesce però a conciliare esigenze e tendenze opposte: l avventura e il mistero vengono calati nella realtà quotidiana, spesso delle città annerite dai fumi della produzione industriale; l irrazionale e la malvagità che contaminano il mondo vengono smascherati e sconfitti da chi applica al massimo grado un metodo di indagine razionale e scientifico. Questo filone della paraletteratura incontra dunque il favore di un ampia fascia di pubblico proprio perché riesce a rappresentare, contemporaneamente, ciò che si deve reprimere, ma che risulta fortemente attrattivo, e la sua repressione: almeno nella finzione le forze del Bene riportano una vittoria schiacciante. PRISMI on line 2013 pagina 2

3 Il detective lavora in coppia La prima generazione di investigatori è costituita da uomini di intelligenza superiore alla media, sdegnosi e snob, dal carattere spesso impossibile e afflitti da assurde manie. Auguste Dupin, che risolve l enigma del cruento duplice delitto della Rue Morgue, nel racconto scritto da Edgar Allan Poe nel 1841 e considerato il capostipite del genere giallo, è un detective per diletto. Attratto dalla stranezza di un caso apparentemente insolubile, mentre la polizia brancola nel buio, egli applica con rigore il suo metodo investigativo basato su osservazione e ragionamento e polemizza con la superficialità e la dabbenaggine delle forze dell ordine. Lo affianca un giovane amico, la voce narrante della vicenda, affascinato dalla straordinaria capacità deduttiva di Dupin e disposto a sopportare di buon grado le sue bizzarrie, come l odio per la luce del giorno; egli è l interlocutore con cui il detective discute dell indagine, invitandolo a fare delle ipotesi sulla base degli indizi raccolti, salvo poi demolirle con la sua logica stringente. È un primo esempio di spalla del primo attore, situazione che diverrà piuttosto comune nel genere poliziesco, con la formazione di celebri coppie: Sherlock Holmes e Watson, Poirot e Hastings, Nero Wolfe e Archie Goodwin. La presenza di questo personaggio è fondamentale per creare suspense e sottolineare la superiorità intellettuale del detective: egli esprime infatti l opinione dell uomo comune e si mostra spesso anche meno intuitivo del lettore stesso, tanto che si lascia fuorviare da piste sbagliate e solo alla fine apprende quella verità che è ben nota all investigatore da tempo, ma di cui l ha tenuto all oscuro. Eppure egli rimane costantemente al suo fianco, agisce su suo ordine anche senza capire, avvalorando con la sua inconsapevole fiducia la correttezza delle deduzioni di quella mente eccelsa e superba. Così Watson divide con l amico Holmes l appartamento di Baker Street, lo accompagna in tutte le sue avventure e puntualmente ne lascia memoria scritta; non gliene vuole se l infallibile ed istrionico investigatore conclude regolarmente i suoi discorsi con quella frase, Elementare, Watson!, che sembra rinfacciargli la sua inferiorità intellettuale. David Suchet interpreta Hercule Poirot Analogamente il piccolo investigatore belga Hercule Poirot si avvale del buon senso e del braccio di Hastings, un inglese impeccabile e corretto, non geniale, ma certo disponibile e affidabile; le eccezionali cellule grigie dell ometto dal fisico non erculeo e dai lunghi baffi impomatati con cura maniacale hanno infatti bisogno della fedeltà e della fisicità del capitano per condurre concretamente le indagini, verificare le ipotesi e organizzare infine il coup de théâtre che tanto spesso conclude i gialli di Agatha Christie, ben trentatré, di cui Poirot è protagonista. PRISMI on line 2013 pagina 3

4 E se accanto a Nero Wolfe, creatura dello statunitense Rex Stout, non ci fosse Archie Goodwin, come potrebbe risolvere i casi intricati che gli vengono sottoposti l eccentrico detective? Egli infatti non esce quasi mai dalla sua abitazione e scandisce i tempi della sua giornata con una routine immutabile, che alterna la sacralità dei pasti luculliani preparati dal fedelissimo Fritz alla cura amorosa per le orchidee: il mondo è bandito dallo studio di Wolfe ed è Archie il tenue legame con la realtà esterna dove si commettono i crimini, è lui l uomo che agisce, raccoglie prove e contatta testimoni per il burattinaio che muoverà poi i fili e metterà alle strette il colpevole, ancora una volta smascherato da un rigoroso percorso logico che assembla tutti gli indizi. La vitalità della coppia detective / mente sublime collaboratore / braccio attivo è testimoniata dalla sua persistenza nel percorso del giallo: se Poe scrive alla metà dell Ottocento, Arthur Conan Doyle crea la figura di Holmes alla fine del secolo, mentre la Christie pubblica la prima avventura di Hercule Poirot nel 1920 e il primo romanzo che vede Nero Wolfe protagonista è La traccia del serpente, del Col passare del tempo i membri della coppia hanno subito qualche mutamento, ma continuano ad essere presenti, soprattutto nella veste televisiva del racconto poliziesco, che riscuote enorme successo di pubblico tanto quanto l antenato cartaceo. Nella recentissima serie The mentalist, per esempio, prodotta negli USA nel 2008 e trasmessa in Italia a partire dall anno successivo, il protagonista Patrick Jane collabora come consulente mentalista (una sorta di psicologo sensitivo) con la squadra del CBI coordinata da Teresa Lisbon. Di fatto egli monopolizza le indagini, proprio perché è in grado di notare, registrare e ricomporre in un quadro, coerente ed ineccepibile dal punto di vista logico, particolari che invece sfuggono agli altri; è dunque una sorta di erede di Holmes, persino del suo lato oscuro. Come Sherlock si deve misurare con lo sfuggente e irriducibile professor Moriarty, anche Patrick ha un nemico, John il Rosso, che ha ucciso la sua famiglia segnando per sempre la sua vita e facendo crescere in lui, dopo il primo sviamento, un inestinguibile desiderio di vendetta. E, come Holmes, the mentalist spesso viola o ignora le regole per conseguire i suoi obiettivi. Al suo fianco, però, non c è un bonario Watson, ma una affascinante ed energica donna poliziotto (tributo alle quote rosa ), che lo protegge e ne tollera l indisponente tendenza a far pesare la propria superiorità. Non mancano le piccole manie: un angolo tranquillo, con tanto di divano, ricavato per lui nel cuore degli uffici anonimi del CBI; le tisane che egli sorseggia, anziché bere il tipico caffè americano. Insomma, Patrick Jane non suona il violino ma per il resto pare proprio un degno discendente del mitico Holmes. In molti altri telefilm agiscono coppie di investigatori e le loro caratteristiche si sono via via diversificate, proprio perché la figura stessa del detective ha assunto volti nuovi. Abbiamo così la variante duro più duro tipicamente americana e nella linea del giallo d azione: possiamo citare Starsky e Hutch (in onda dal 1975 al 1979) o i due protagonisti di Miami vice, Sonny e Rico ( ); entrambe le serie televisive sono state rivisitate e sono divenute dei film in epoca più recente, rispettivamente nel 2004 e nel Il rapporto duro /guardia del corpo e ragionatore/inerme è ben evidente negli episodi di Bones, attualmente in programmazione su Rete Quattro e di matrice ancora una volta statunitense (a partire dal 2005): in questo caso il personaggio femminile, Temperance Bones Brennan, antropologa forense estremamente competente anche se un po gelida, gode della protezione del personaggio maschile, Seeley Booth, agente FBI, secondo uno PRISMI on line 2013 pagina 4

5 schema apparentemente più tradizionale. In realtà Bones è meno indifesa di quanto potrebbe sembrare e i due compagni non sono subito in sintonia, anche se la loro collaborazione sarà galeotta e le cose si evolveranno verso un legame sempre più a carattere sentimentale. Attorno ai due protagonisti si muove inoltre un team di collaboratori, altro elemento significativo di mutamento, poiché Bones è una scienziata e basa la sua tecnica di indagine sull osservazione, ma affiancata e potenziata da apparecchiature sofisticate e ipertecnologiche, essendo figlia, appunto, della nostra epoca. Interessante può essere anche qualche esempio europeo. Dall area tedesca viene un duo tradizionale, l ispettore Derrick e il suo braccio destro Harry Klein. La serie fu prodotta in Germania dal 1974 al 1998 e approdò in Italia su Rai 2 nel 1979; incontrò un successo straordinario, forse proprio perché i due personaggi sono connotati assai diversamente rispetto ai tipici detective americani. Se Klein appare abbastanza dinamico e deciso, ma non propriamente un duro, Derrick è addirittura piuttosto anziano, dimesso nell aspetto e nel modo di vestire, quasi compassionevole e turbato dalla tragica realtà con cui entra in contatto; la sua indagine non è focalizzata solo sulla ricerca del colpevole, ma coinvolge in una profonda analisi psicologica anche le famiglie delle vittime e dei sospettati, l humus sociale da cui trae origine il delitto. Sotto osservazione è prevalentemente la media e alta borghesia tedesca, le cui azioni, le cui idee e pregiudizi sono spesso concause del gesto criminale del singolo. Ciò, naturalmente, non assolve dalle proprie responsabilità chi commette un reato e Derrick ristabilisce l ordine e la giustizia, come in ogni racconto poliziesco classico; tuttavia rimane in lui, e nello spettatore, una certa amarezza, una comprensione e un moto di pietosa umanità che fanno di questo commissario un erede di Maigret, più che del superuomo Holmes. Una ulteriore variante della coppia detective/spalla vede accanto all uomo un cane poliziotto: celeberrimo il commissario Rex, pastore tedesco, di razza e di origine. La serie televisiva è infatti una coproduzione tedesca, austriaca e italiana, giunta alla sua sedicesima edizione, a partire dal Ambientata a Vienna e, nell ultima versione, a Roma, ha visto alternarsi accanto allo straordinario cane parecchi partners umani, dopo l uccisione del primo ispettore, Richard Moser, ad opera di un evaso. In questo caso, dunque, la spalla soppianta il detective e se, da un lato, continua a ricoprire il ruolo di difensore ed esecutore dei suoi ordini, dall altro esercita una sorta di indagine in proprio, condotta con sensibilità e mezzi canini, che risulta spesso determinante per la soluzione del caso. Detective improbabili L eccentrico Poirot non è l unica creatura di Agatha Christie: alla sua penna si deve anche l invenzione di un tipo di investigatore del tutto diverso e assolutamente improbabile, una innocua e arzilla vecchietta, Miss Marple, che compare in dodici romanzi e in alcuni racconti. Dal suo piccolo osservatorio, il paesino di St. Mary Mead dove conosce tutti, guarda scorrere la vita con estrema curiosità, e quando si imbatte nel delitto applica un metodo di indagine che si basa sul confronto tra la sua esperienza nel microcosmo del suo villaggio e un macrocosmo in cui uomini e donne agiscono spinti dalle stesse ragioni e sono preda degli stessi sentimenti. Miss Marple, anche se un po pettegola e impicciona, si preoccupa degli altri e mette al servizio del bene le sue doti di acuta osservatrice e psicologa, risolvendo i casi più intricati, nonostante lo scetticismo del nipote, l unico PRISMI on line 2013 pagina 5

6 parente che in alcuni racconti la affianca. Più spesso, invece, a coadiuvarla sono amiche e conoscenti, sempre numerosi nonostante l anziana donna non sia sposata e viva da sola. Le avventure di Miss Marple divennero film e telefilm e il ruolo della intrigante vecchietta fu interpretato da grandi attrici; tra le più note Margaret Rutherford, non particolarmente apprezzata dalla Christie, Joan Hickson e Geraldine McEwan; anche Angela Lansbury fu Jane Marple nel film Assassinio allo specchio, una produzione statunitense del Ma il pubblico televisivo italiano associa molto più facilmente il volto della Lansbury ad un altra sua interpretazione: è infatti la signora in giallo, Jessica Fletcher, insegnante di Inglese e autrice appunto di romanzi polizieschi, nonché investigatrice suo malgrado, perché molto spesso accadono atroci delitti a Cabot Cove, la piccola località costiera del Maine dove ella risiede; oppure sono i suoi numerosi nipoti, cugini o amici a chiederle aiuto, poiché l energica signora è vedova e sola, ma ha una intensa vita sociale e mantiene contatti con tutti i parenti. Inoltre la sua professione di scrittrice la porta a viaggiare negli Stati Uniti e le fornisce molteplici occasioni Margaret Rutherford per collaborare, oltre che con lo sceriffo Amos Tupper di Cabot Cove, con molti altri ispettori di polizia, più o meno disponibili ad accettare la sua presenza e a riconoscere la sua abilità di investigatrice, oltre che di giallista. Jessica è dunque in parte Miss Marple e in parte Agatha Cristhie, e il cocktail di personaggi ha assicurato grande successo alla serie televisiva, tanto che da essa, in un percorso contrario rispetto a quello solito, sono poi nati romanzi e racconti che hanno come protagonista, appunto, la signora in giallo. Alcune recensioni hanno accostato al personaggio di Miss Marple un altra detective al femminile piuttosto particolare, la signora Precious Ramotswe, fondatrice della N1 Ladies Detective Agency a Gaborone, capitale del Botswana. I romanzi che la vedono protagonista sono opera di Alexander McCall Smith, eminente professore di Medicina legale ad Edimburgo e, contemporaneamente, apprezzato giallista. Egli è nato nel 1948 nello Zimbawe, trasferendosi poi in Scozia dove tuttora risiede; i ricordi della sua infanzia e adolescenza africana delineano per i suoi racconti uno sfondo fresco e colorato e fanno vivere personaggi insoliti e però realistici, in una dimensione molto diversa da quella europea. In realtà la gioviale e rassicurante signora Ramotswe, affiancata dalla sua segretaria ed amica, la signorina Makutsi, e dal rispettabile e stimato meccanico JLB Matekoni, suo fidanzato, assomiglia molto poco alla sua anziana sorella inglese. Certo è intelligente ed osservatrice, ma nelle sue indagini mette soprattutto il suo gran cuore, il suo desiderio di portare ordine e serenità nella vita ingarbugliata di quei clienti che si affacciano alla porta della sua agenzia e le sottopongono casi umani, non delitti truci. Così questa donna paffuta e gentile, a bordo della sua scalcinata macchina bianca, ci porta con sé sulle strade polverose di un Africa fatta di costumi antichi e tradizioni, di valori e rispetto per il dolore e i sentimenti altrui, in una dimensione che obbedisce, anche nel ritmo narrativo, al tempo sospeso di quella terra, raccontata con amore e con ironica leggerezza. PRISMI on line 2013 pagina 6

7 Detective con la tonaca Il britannico G.K. Chesterton, giornalista, poeta e autore di romanzi gialli, è l inventore di un personaggio assai originale, padre Brown, protagonista di un ciclo di storie che costituirono un corpus di cinque volumi, pubblicati tra il 1911 (L innocenza di padre Brown) e il 1935 (Lo scandalo di padre Brown). Il giallo fu per Chesterton un pretesto, un contenitore nel quale calare un messaggio religioso; egli infatti aveva scritto saggi relativi alla fede cattolica e annoverava tra i suoi amici un prete cattolico, John O Connor, cui si ispirò nella creazione del suo personaggio. Padre Brown è dunque un investigatore che non si accosta al delitto per curiosità o per mettere alla prova la propria intelligenza, quanto piuttosto per compassione, verso la vittima ma anche verso il colpevole, un anima da recuperare e redimere; egli è spinto dall amore della verità, agisce per riportare pace e serenità nel mondo sconvolto dal crimine, che è prima di tutto infrazione alle regole divine, peccato. Così nella sua indagine si avvale della ragione, ma con la piena consapevolezza che essa ci viene da Dio, e non deve mai essere disgiunta dalla pietà: non è un caso che Flambeau il grande mariuolo, che tiene in scacco le polizie di tre Stati, in un primo tempo antagonista di padre Brown, divenga poi un suo prezioso e fedele collaboratore, conquistato e convertito da un tale avversario. Eppure l aspetto di questo religioso-detective, è del tutto comune: un pretucolo con una faccia tonda ed inespressiva come gli gnocchi di Norfolk, gli occhi incolori come il mare del Nord. È questa l impressione che suscita nell ispettore Aristide Valentin, capo della polizia di Parigi ed in missione in Inghilterra proprio per arrestare lo sfuggente Flambeau, maestro nei travestimenti. (Cfr. il racconto La croce azzurra, ne L innocenza di padre Brown). Se però il mite sacerdote non provvedesse a disseminare tracce atte a guidare il poliziotto verso il malvivente, Valentin, emulo del ragionatore Holmes, fallirebbe miseramente: dalla sua padre Brown ha infatti una saggezza che gli viene dal suo ministero, dalla sua abituale frequentazione con il peccato che gli consente di apprendere le strategie del male, e sulla conoscenza del cuore umano si fonda il suo metodo investigativo, non tanto sulla ricerca di impronte o indizi. Nella sua umiltà e normalità, nel suo modo di fare impacciato, nelle parole ingenue, egli è l opposto del detective superuomo, ma, come lui, ha dei punti fermi, delle certezze che non esita a rendere palesi in frasi perentorie: prima di tutto la convinzione che nulla sfugge alle leggi della verità, manifestazione della presenza di Dio sulla Terra. A noi, generazione di video-dipendenti, la figura di padre Brown non può non ricordare il nostrano don Matteo, interpretato dall inossidabile Terence Hill nella fiction in onda su Rai 1 dal 2000 e giunta ormai alla sua nona stagione, serie particolarmente apprezzata e che ha vinto il premio per la miglior regia televisiva nello scorso L ambientazione del format, una volta tanto completamente italiano e non importato dagli Usa, è certo molto diversa dal contesto inglese in cui si muove padre Brown; don Matteo, missionario in America Latina, torna a Gubbio e diviene parroco della chiesa di San Giovanni. Qui egli non si dedica solo alla cura delle anime, ma affianca nelle indagini il nucleo locale dei carabinieri, anche se la sua collaborazione non è molto gradita dal comandante, dapprima il capitano Flavio Anceschi, poi Giulio Tommasi. È soprattutto il PRISMI on line 2013 pagina 7

8 maresciallo Nino Cecchini (Nino Frassica), invece, ad apprezzare e spesso a richiedere l aiuto di don Matteo, di cui è sincero amico. Così, attraverso suggerimenti e indicazioni fornite al maresciallo, il parroco investigatore riesce ad orientare le inchieste ufficiali, spesso rivolte in direzioni errate, con una tecnica piuttosto simile a quella del personaggio di Chesterton. E anche don Matteo è un esperto del cuore umano, è particolarmente vicino a chi vede la propria vita sconvolta dal delitto, cerca di comprendere anche le motivazioni del colpevole, spesso lo raggiunge prima delle forze di polizia, gli parla, lo induce a confessare, a pentirsi. Il personaggio è però modellato sulle caratteristiche dell attore che lo interpreta, e mantiene l energia che era propria di un Terence Hill picaresco e facile alle scazzottature; e se un prete non può certo più fare a pugni, può però pedalare vigorosamente per le vie di Gubbio, con il fisico atletico fasciato dalla tonaca svolazzante. Padre Brown, invece, fu magistralmente interpretato da Renato Rascel, il piccoletto della canzone italiana, in una miniserie televisiva in sei puntate tratta dai racconti di Chesterton e mandata in onda nel 1970 dalla Rai. La tradizione letteraria degli investigatori in abito religioso ha vissuto una nuova stagione in tempi più vicini a noi, a partire dal bestseller di Umberto Eco Il nome della rosa (1980), romanzo storico, filosofico e quant altro ma anche giallo straordinario e Renato Rascel interpreta Padre Brown appassionante. E il nome stesso del protagonista, il francescano Guglielmo da Baskerville, rimanda a Conan Doyle e alla celeberrima avventura di Holmes nella brughiera inglese, alle prese con le apparizioni fantasmatiche del mostruoso mastino persecutore dei Baskerville. Come Holmes, fra Guglielmo dovrà combattere contro la superstizione, smascherando un assassino in carne ed ossa che cerca di far attribuire all azione del Maligno i delitti che funestano la vita dell Abbazia; e il suo metodo di indagine è scientifico, fatto di osservazioni, di esperimenti e di deduzioni, condivise con il giovane discepolo Adso da Melk, immancabile spalla, narratore della vicenda e sincero ammiratore della saggezza del suo maestro. Naturalmente il romanzo di Eco non è solo questo e le tematiche che in esso vengono affrontate sono complesse e profonde; ma è significativo che un autore dotto, una delle voci più interessanti del Postmoderno, utilizzi l impianto narrativo del giallo per veicolare contenuti non propriamente popolari. Indossano il saio monastico anche altri detective medievali, in romanzi che appartengono alla tipologia del giallo storico per così dire di consumo, un filone che da qualche decennio si è imposto all attenzione del pubblico. Viene dall Inghilterra frate Matthew, creatura della milanese Valeria Montaldi, e protagonista de Il signore del falco, che ha ottenuto il Premio Selezione Bancarella Il monaco inglese (è questo il titolo di un altro romanzo della Montaldi) vive però in Italia e viene incaricato dall abate di San Simpliciano, Arnolfo da Sala, di rintracciare il figlio di una giovane donna il cui cadavere era stato ritrovato diciassette anni prima nel canale della Vertabbia. La ricerca del frate si snoda in una Milano sconvolta dalla caccia agli eretici e dalla lotta contro l imperatore Federico II, nella prima metà del XIII secolo; qui si PRISMI on line 2013 pagina 8

9 incrociano le strade di molti personaggi costruiti secondo il criterio della verosimiglianza proprio del romanzo storico, in un affresco che incornicia l indagine e la rende ancor più avvincente. Ancora la Gran Bretagna, ma del XII secolo, è la patria, e anche la sede, di un altro monaco detective, fratello Cadfael, dell abbazia benedettina di Shrewsbury, nel Galles. Autrice della serie fortunatissima (ben 18 titoli sono stati tradotti e pubblicati in Italia) è Ellis Peters, pseudonimo di Edith Pargeter ( ), che esordì come scrittrice nel 1930 e si dedicò dapprima al romanzo storico, per poi passare al giallo medievale nel 1977, con La bara d argento, racconto in cui fa appunto la sua prima apparizione il personaggio di fratello Cadfael, monaco erborista, che ha scelto la vita tranquilla del chiostro dopo aver conosciuto la guerra, come crociato, e l amore. Gli investigatori privati La figura dell investigatore privato, spesso concorrente delle forze di polizia, è tipica dell hard boiled novel, un poliziesco realistico che si afferma in America negli anni Trenta/Quaranta. Dopo la Grande Depressione e la conseguente trasformazione della società statunitense, si diffonde la criminalità organizzata e il mondo si corrompe: il detective diviene cinico e disperato, conduce le sue indagini non solo e non tanto con la proverbiale acutezza d ingegno, ma anche con metodi duri, simili a quelli della malavita che combatte e che conosce molto bene, di cui utilizza addirittura il gergo. Il suo atteggiamento disincantato, la sua vita disordinata, fatta di pasti freddi e whisky, esercitano un certo fascino sui personaggi femminili che incrociano la sua strada, ma non restano certo al suo fianco, poiché la solitudine è la sua condizione esistenziale. Egli è il difensore di un ordine che non esiste più, poiché il cancro del crimine ha intaccato gran parte della società, spesso gli stessi poliziotti o i politici; eppure, spinto da un animo profondamente onesto, non cessa di lottare, novello Don Chisciotte, in un susseguirsi di colpi di scena che rendono incalzante il ritmo del racconto e fanno emergere le contraddizioni, i vizi, la violenza di una realtà entro la quale la vittoria dell eroe è solo temporanea. Maestri del giallo d azione furono Dashiell Hammett, autore di classici come Il falcone maltese (1930), La chiave di vetro (1931) e L uomo ombra (1934), e Raymond Chandler, padre del celeberrimo Philip Marlowe, che fece la sua comparsa ne Il grande sonno (1939). Attori molto noti prestarono il loro volto a Marlowe in versioni cinematografiche divenute dei veri cult movies: tra di essi Humphrey Bogart, nel 1946, diretto da Howard Hawks (Il grande sonno) e Robert Mitchun, che nel 1975 interpretò il detective invecchiato ne Marlowe, il poliziotto privato, tratto dal romanzo di Chandler Addio mia amata. Humphrey Bogart nei panni di Marlowe PRISMI on line 2013 pagina 9

10 Si ispira alla figura di Marlowe lo scrittore spagnolo Manuel Vázquez Montalbán ( ) per delineare Pepe Carvalho, personaggio assai interessante e controcorrente, profondamente critico nei confronti dei suoi precedenti letterari e della produzione filmica che fa capo al giallo. Egli infatti li cita esplicitamente proprio per negarli: quella realtà vera in cui agisce Carvalho è modesta e poco entusiasmante, il detective si autodefinisce un annusapatte, perlopiù pedina mogli per conto di mariti gelosi o cerca ragazzine fuggite da casa; non è certo un eroe che si erge contro sanguinari assassini e conduce a termine brillantemente indagini complesse, conquistandosi una meritata fama. Carvalho è un Marlowe decaduto e sconfitto, che ha rinunciato a riflessioni troppo astratte e a sentimenti troppo impegnativi, si è ridotto a cibo e sesso. È dunque divenuto un eccezionale gourmet, un cultore della scienza culinaria: di qui le frequenti digressioni sull argomento, che variano lo schema tipico del giallo, racconto in genere serrato e privo di excursus. Si tratta di descrizioni dettagliate di pasti, talvolta veri e propri cerimoniali; oppure vengono narrativizzate le ricette, tanto che esse sono state anche raccolte in un libretto a parte (Le ricette di Pepe Carvalho, pubblicato nel 1988); o ancora si inseriscono disquisizioni su temi culinari, gli unici sui cui, secondo Carvalho, valga la pena di discutere. Per il resto, i libri sono utili per accendere il fuoco nel caminetto, azione abituale per il nostro; quanto alle relazioni sentimentali, al suo fianco c è una ex prostituta, Charo. Eppure Pepe non riesce a distruggere completamente il passato, conserva nel suo DNA alcuni geni del detective tradizionale e risolve l enigma, scopre il colpevole. Ciò tuttavia non serve per sconfiggere il male, perché Carvalho si scontra non con il singolo criminale, bensì con forze più sfuggenti e impersonali, per esempio i grandi poteri economici e finanziari, come la multinazionale de La solitudine del manager. Contro tali nemici il detective può solo godere di una vittoria morale, di una rivincita personale. La sua ribellione sta nel rifiuto della corruzione, nella estraneità al sistema: non si è fatto comprare ma giustizia non è fatta, perché non è più possibile ottenere giustizia. I tutori dell ordine Spesso, si è detto, la polizia non fa una bella figura nel romanzo giallo: brancola nel buio o segue piste improbabili. Non mancano, però, abili commissari o team investigativi che ottengono risultati concreti e costanti. Quest ultima situazione è piuttosto frequente in molte serie televisive, sia statunitensi sia europee. Possiamo citare la squadra superorganizzata del capo della omicidi di Los Angeles Brenda Leigh Johnson, in The closer, attualmente in programmazione su Rete Quattro e giunta alla sua settima stagione, o i detective scienziati di CSI, o ancora i criminologi specialisti nell individuare assassini seriali (Criminal minds). La produzione di casa nostra ha proposto delle varianti tutte italiane di tale filone: gli episodi di Distretto di polizia, le vicende dei carabinieri del RIS, la serie de La squadra, ambientata a Napoli, nel regno della camorra; persino la guardia di finanza (Il capitano, due stagioni, a partire dal 2005) e la guardia costiera (dopo Gente di mare, in onda nel 2005 e 2007, la recentissima fiction L isola, trasmessa lo scorso dicembre su Rai Uno) sono state poste sotto la luce dei riflettori. Meno diffuso questo motivo nella produzione cartacea, anche perché il lettore del giallo ha bisogno di identificarsi in un personaggio principale e di seguire una trama poco PRISMI on line 2013 pagina 10

11 dispersiva per poter gustare il percorso dell indagine; al contrario lo spettatore di una serie televisiva può essere attratto proprio dalla varietà dei caratteri che compongono il team degli investigatori, dall intreccio delle loro storie personali, delle relazioni che si stabiliscono tra loro e che corrono parallele alla trattazione dello specifico caso che li vede di volta in volta impegnati. Si può però individuare qualche eccezione, ad esempio l 87 distretto in cui si ambientano molti polizieschi dello statunitense Ed Mc Bain. Ad Isola, quartiere di una città immaginaria (riconducibile però a Manhattan), gli agenti del locale distretto di polizia conducono la loro quotidiana lotta contro il crimine, alcuni soccombono, altri subentrano al loro posto, poco per volta si delinea anche una figura più importante rispetto alle altre, Steve Carella; il tempo scorre, la società cambia, ma puntualmente i nostri si ripresentano per una successiva storia, quasi una puntata di un serial che si prolunga per cinquant anni, dal 1956 (L assassino ha lasciato la firma) al 2005, anno della scomparsa dell autore, scrittore ben noto anche per altre tipologie di opere, pubblicate sotto diversi pseudonimi, e sceneggiatore di fama (a lui si deve la sceneggiatura originale del celeberrimo film di Hitchcock Gli uccelli). Più spesso nel romanzo giallo il commissariato fa da sfondo, con i suoi uomini e le sue risorse, all azione di un unico personaggio, colui che dirige le indagini e, come nella miglior tradizione del detective eroe, ha uno sguardo sulla realtà più consapevole e più profondo di quello degli altri. L esempio forse più noto è la creatura di George Simenon, il commissario Maigret, protagonista di una ottantina di romanzi e ventotto racconti, a partire dagli anni Trenta (1931, Pietro il Lettone), e più volte portato sullo schermo, in film e sceneggiati televisivi, da grandi attori come Jean Gabin o l italiano Gino Cervi. Maigret è molto diverso dai suoi eccentrici colleghi inglesi, Holmes e Poirot: il giallo di Simenon è infatti lontano dagli schemi classici del genere, in esso acquistano grande rilievo i ritratti psicologici e si delinea magistralmente l atmosfera grigia delle periferie parigine o della provincia francese. È qui che si muove Maigret, con la sua aria pacata e l immancabile pipa, un uomo semplice, tranquillo e del tutto normale, anche nei suoi affetti familiari, rispettoso e fedele alla sua signora Maigret. Questo antieroe non indaga per il piacere di mettere alla prova le sue doti intellettuali, ma per compiere il suo dovere di buon poliziotto, tentando anche di comprendere le cause sottese al delitto. Con la sua indagine porta dunque alla luce un intero mondo, un frammento di vita, non soltanto l identità dell assassino; ed emerge l inquietudine dei tempi moderni, escono dall anonimato personaggi che vivono Jean Gabin nei panni di Maigret nei quartieri più squallidi e di cui nessuno mai si occuperebbe se il commissario non scavasse nelle loro esistenze, ricostruendo la loro storia. Ma la scoperta della verità non è consolante, Maigret combatte il crimine per PRISMI on line 2013 pagina 11

12 mestiere ma non si abitua ad esso, è tormentato e perplesso di fronte alla brutalità del male, pur essendo convinto della sua ineluttabilità. Così la malinconia è la cifra che lo segna, e lo rende profondamente umano. Italian detectives Riconducibili al tipo Maigret sono molti commissari italiani, uomini con i loro difetti, i loro dubbi, le loro debolezze, non macchine da azione, non infallibili geni, semplicemente uomini. La lista è piuttosto lunga e varia, soprattutto a livello di ambientazioni. Una Milano ambigua e sfuggente, come la nebbia che così spesso la avvolge, è il campo d azione del commissario Ambrosio nei polizieschi di Renato Olivieri, scomparso lo scorso febbraio; dopo l esordio nel giallo con Il caso Kodra, nel 1978, ha continuato a pubblicare per un ventennio le sue storie milanesi (ad esempio Largo Richini o Maledetto ferragosto) e Ugo Tognazzi, diretto da Sergio Corbucci, ha interpretato lo scettico poliziotto, sensibile alla bellezza e all arte, ne I giorni del commissario Ambrosio (1988). Sarti Antonio, invece, sergente bolognese, è il protagonista dei romanzi di Loriano Macchiavelli, che ha al suo attivo anche interessanti pubblicazioni a quattro mani con Francesco Guccini (ad esempio Questo sangue che impasta la terra, ambientato a Bologna e dintorni nel 1970, quando inizia a serpeggiare la strategia della tensione, così che le indagini dell ex maresciallo Santovito ricostruiscono anche uno spaccato di storia italiana). Accanto a questo poliziotto onesto e tenace, ma non particolarmente intuitivo, sta una spalla atipica, Rosas, extraparlamentare di sinistra ed eterno studente universitario, che appare molto dotato sotto il profilo logico deduttivo. L ultima avventura di Sarti Antonio è L ironia della scimmia, pubblicata nel novembre Alla penna di Carlo Lucarelli si deve il personaggio del commissario De Luca; nei tre romanzi Carta bianca, L estate torbida e Via delle Oche, che segnano in successione, a partire dal 1990, il progressivo affermarsi nel panorama del giallo italiano dello scrittore emiliano, viene a delinearsi un immaginaria biografia di De Luca, la cui prima inchiesta si svolge nel pieno del regime fascista, la seconda negli ultimi giorni della Repubblica di Salò, la terza nel 1948, quando il funzionario è appena sfuggito all epurazione post regime. Lucarelli, esperto di storia della polizia fascista, distilla nell atmosfera torbida di un mondo minato da corruzione e ideologie la figura di un uomo onesto e retto, un commissario alla Ingravallo del Pasticciaccio di Gadda, che intuisce il grumo profondo da cui scaturisce il delitto e coglie per un attimo quella verità, triste e inaspettata, che viene poi inghiottita dalla storia. Molto diverso è l altro detective di Lucarelli, l ispettore Coliandro, un poliziotto non propriamente brillante e sempre sopra le righe, machista, rambista e anche un po razzista, come spiega lo stesso autore nella prefazione a Falange armata, sul modello americano di Clint Eastwood nell ispettore Callaghan; in realtà Coliandro è un imbranato un po tonto, con la delicatezza di un caterpillar e predestinato a brutte figure tutte le volte che pensa, dice o fa una delle sue cose machiste, rambiste o razziste. Proprio per questo, e anche perché è tutto fuorché corrotto o corruttibile, alla fine risulta simpatico, suscita tenerezza, soprattutto in quella pallidissima ragazza, sicura di sé, alternativa e praticamente punk, PRISMI on line 2013 pagina 12

13 Nikita, che diventa una sorta di sua salvatrice: ancora una volta una spalla, molto più intelligente del detective. Sia Coliandro che De Luca hanno trovato spazio nella produzione televisiva e li hanno interpretati, rispettivamente, Giampaolo Morelli e Alessandro Preziosi. Piccoli gioielli sono infine altri due romanzi di Lucarelli. Ne L isola dell angelo caduto un giovane commissario, approdato con la moglie in un isola sperduta ove Mussolini confina prigionieri politici e delinquenti comuni, indaga sulla morte di un miliziano fascista, in una atmosfera sospesa in cui il tempo pare pietrificato e il resto del mondo irraggiungibile. In Almost blue un crudele assassino, che assume l identità e l aspetto delle sue vittime terrorizzando una livida Bologna, viene catturato grazie alla collaborazione tra l ispettrice Grazia e il giovane non vedente Simone. Il più famoso tra gli investigatori di casa nostra è però Salvo Montalbano, nato dalla penna di Andrea Camilleri e portato sullo schermo dal bravissimo Luca Zingaretti, a partire dalla fine degli anni Novanta. Nei romanzi che lo vedono protagonista la trama poliziesca, che pure è fondamentale e caratterizzante, è tuttavia un pretesto per delineare uno spaccato della realtà siciliana contemporanea. Infatti Porto Empedocle e Agrigento, patria di Camilleri, sono ben riconoscibili nell immaginario paesino di Vigata, provincia di Montelusa, dove si muovono il commissario Montalbano e la sua squadra, da Mimì Augello, impenitente donnaiolo, a Fazio, efficace e attivo collaboratore, a Catarella, buffo e sprovveduto centralinista. Non manca una fidanzata, Carlo Lucarelli Livia, eterna fidanzata del nostro Salvo: il loro legame è travagliato, sia per la distanza fisica (lei vive a Genova), sia per le incomprensioni dovute al desiderio di indipendenza che caratterizza entrambi. E se Montalbano, che nel nome omaggia lo spagnolo Montalbàn, ricorda Pepe Carvalho nella sua passione per la buona tavola, nella dirittura morale e nell acutezza d ingegno, è però italianissimo, sicilianissimo, nella sua profonda umanità e nell attaccamento alla sua terra, terra di straordinarie bellezze naturali e di grande cultura. Camilleri è infatti figlio di una tradizione letteraria che va da Pirandello, suo concittadino, a Sciascia, che usò la struttura del giallo per denunciare i delitti di mafia in tempi, gli anni Sessanta, in cui si negava l esistenza stessa della mafia. E il linguaggio che egli crea, così particolare ed espressivo, una felicissima mescolanza di italiano e dialetto siciliano, ricorda lo sperimentalismo linguistico, il pastiche di Gadda, un altro autore, questa volta milanese, che calò contenuti innovativi nel genere giallo, ne fece la storia di un indagine che non porta a verità certe, ma fa emergere, al contrario, tutti i dubbi che attanagliano l essere umano, prima di tutto il detective, quel commissario Ingravallo, molisano d origine, che sul punto di chiudere l indagine, nel momento culminante dell interrogatorio decisivo e all ultima riga del testo, si paralizzò, tornò a riflettere e si ripentì, quasi. Così il Pasticciaccio brutto de Via Merulana non ha soluzione, come del resto nei gialli di mafia di Sciascia, ad esempio Il giorno della civetta o A ciascuno il suo, il colpevole non viene assicurato alla giustizia; questi, però, sono romanzi che trovano posto nella letteratura alta, tanto più che mettono in discussione i meccanismi e gli automatismi del genere letterario per porre sotto accusa la società stessa che da tali strutture vuole essere rassicurata e non vuol vedere la realtà, certo inquietante, sulla quale tuttavia bisogna agire. PRISMI on line 2013 pagina 13

14 Montalbano, invece, i casi li risolve: ma il suo modo di indagare e di osservare il mondo certamente risente di questi suoi predecessori, anche se il messaggio è positivo e i tempi sono cambiati, almeno per alcuni aspetti. Si può dunque ottenere giustizia, attraverso un percorso paziente e grazie ad un uomo che non si lasci fuorviare da pregiudizi, che sia efficiente e capace di comprendere le ragioni del crimine, portando alla luce l humus dal quale esso germina. Analogie con l assolata Sicilia di Camilleri si possono riscontrare nell ambientazione pugliese del giallo di Gianrico Carofiglio, magistrato barese che ha oggi all attivo numerosi polizieschi il cui protagonista è l avvocato Guido Guerrieri. Entriamo così nei meandri del sistema processuale italiano, assistiamo alle inchieste giudiziarie e ai dibattiti in aula, seguendo i pensieri, le emozioni, i dubbi e le azioni di un personaggio, ancora una volta, tutto italiano, un eroe riluttante e schivo, malinconico e non privo di autoironia, che pare un vero paladino delle cause perse e assume la difesa di colpevoli perfetti: Fabio Raybàn, picchiatore fascista e conoscenza liceale di Guido, che giace in carcere per traffico di droga e continua a dichiararsi innocente (Ragionevoli dubbi, 2006); l ambulante senegalese Abdou Thiam, inchiodato da indizi e testimonianze che l accusano di un delitto atroce, l uccisione di un bimbo di nove anni (Testimone inconsapevole, 2002). Guerrieri, che non ha nulla della sicurezza e della travolgente oratoria del celeberrimo Perry Mason di E. Stanley Gardner, conduce però le sue indagini con tenacia e amore della giustizia, ben deciso a combattere quei vizi che segnano fin dal principio alcuni procedimenti giudiziari, e va oltre l ipocrisia dei benpensanti o la facilità con cui l opinione comune condanna chi non può difendersi. Quello di Carofiglio è allora una sorta di giallo militante, vuole esortare a guardare la realtà con occhi liberi da pregiudizi, recuperando il senso più profondo della parola giustizia, che affonda le sue radici etimologiche nel latino ius, il diritto, un diritto che si basa sulla legge e deve essere garantito a tutti. Il panorama della produzione italiana si è dunque arricchito di voci molto interessanti nel corso degli ultimi decenni e non ha nulla da invidiare ai romanzieri stranieri; anzi, questi nostri autori caricano il giallo di sfumature originali, che ne variano le ambientazioni e creano delle tipologie, per così dire, regionali. Anche dalle nostre parti si è sviluppato un filone locale, con atmosfere lacustri e un po spente, fredde ed umide, oppure sonnolente ed immobili, com è il clima di queste zone. Possiamo citare i gialli di Marco Polillo e il suo vicecommissario Enea Zottia, infelice e solitario, che non sa risolvere i dubbi sulla propria vita, ma sa ben guardare Gianrico Carofiglio oltre le apparenze e i tentativi di dissimulazione quando si tratta di smascherare un assassino. Una delle sue ultime indagini, ne Il pontile sul lago, si svolge sul Lago d Orta e particolarmente interessante è proprio la ricostruzione dell ambiente, modellato sul paese reale di Orta San Giulio e su una villa divenuta, per concessione della proprietaria, scena del crimine : il delitto sconvolge la monotona routine dei caffè affollati dai turisti solo nei weekend, delle stradine, delle botteghe, degli uffici di stimati professionisti e porta in superficie un sommerso di segreti, bugie e interessi in contrasto con quella calma piatta che il lago sembra suggerire con il ritmo cadenzato delle PRISMI on line 2013 pagina 14

15 sue onde, un lago peraltro turbato, a partire da un certo punto della storia, da una pioggia violenta e battente. Testimonia l interesse per il poliziesco anche la collana, pubblicata dall editore varesino Macchione, che ospita giallisti autoctoni: mi è capitato di leggere l opera prima di Sergio Cova, Tutti colpevoli, e questa volta è il Verbano a restituire il cadavere di turno. Recentissimi sono L amore è morto, di Patrizia Emilitri Ruspa, di Vedano Olona, che vinse un edizione del Premio Chiara, sezione racconti, ed è autrice già nota nel circuito varesino, e L icona del lago, del dicembre 2012, che segna il debutto nel giallo di Barbara Zanetti, apprezzata cronista del quotidiano La Prealpina. Suggestivo è infine il giallo storico L ultimo treno per Ganna, di Guido Borgini, ambientato nel 1934, che fa rivivere le atmosfere della nostra provincia durante il periodo fascista, seguendo l indagine dell appuntato dei Carabinieri Musocco, alle prese coll omicidio di una donna ritrovata lungo i binari della ferrovia. Una conclusione che non conclude Occorre mettere la parola fine a questa lunga conversazione, anche se i nomi di autori più o meno noti, i volti di attori di film e telefilm continuano a presentarsi davanti a me e alcuni protestano perché sono stati ignorati, altri perché se ne è appena accennato ma la brevità è una virtù, che io, per altro, non possiedo. E allora che fare? Troncare, finirla qui e pensare a una prossima puntata, forse. È davvero difficile tirare le fila del discorso, dare una soluzione convincente di questo enigma che fa del giallo uno dei generi più vitali, per quanto si sia ad certo punto parlato della sua morte, dopo che alcuni scrittori ne demolirono le caratteristiche di genere. Certo, ha mutato pelle, in alcuni casi ha fatto implodere la sua stessa struttura, e dai frammenti è venuto fuori il detective divenuto folle de La promessa, di Dürrenmatt, o il mondo euforico in cui si muove Malaussene, di professione capro espiatorio, nei romanzi di Pennac. E proprio da questa crisi del poliziesco tradizionale, o da autori che anche in precedenza ne avevano utilizzato lo schema per introdurvi contenuti e messaggi ben più profondi, come Gadda o Sciascia, vengono le prove più interessanti, i capolavori. Ma ad un livello più popolare è innegabile che il giallo ha continuato a riprodursi, ramificandosi in una serie infinita di sottogeneri, variando la figura del detective, spaziando in ambienti sempre diversi, attingendo anche dalla cronaca e proponendo in TV ricostruzioni di delitti realmente commessi, condotte con la tecnica, e la voce, di un giallista, Lucarelli appunto. Perché questo interesse? Forse perché l uomo ha bisogno di vedere rappresentati gli orrori di cui è capace per esorcizzarli. Forse perché c è un morboso compiacimento nell essere spettatori della sofferenza altrui. O forse perché c è esigenza di giustizia, desiderio di sapere che chi commette il male viene punito e si può continuare a vivere con fiducia, nelle istituzioni, nell umanità. PRISMI on line 2013 pagina 15

16 E quel tipico commissario italiano, non sempre aitante e bello, non così duro e non così sicuro di sé, magari anche un po in crisi nella sua vita privata, malinconico e persino con qualche difetto di troppo è così simile a noi che ci rassicura. Siamo certi che farà comunque del suo meglio, che metterà da parte i suoi problemi per compiere il suo dovere, ma non agirà come un freddo supereroe, saprà comprendere e compatire, un uomo tra gli uomini che porta a termine una missione ancora possibile, distinguere il bene dal male, l onesto dal disonesto, ciò che è legale da ciò che non lo è. Una missione che è anche la nostra. BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA Per i romanzi citati paiono sufficienti le indicazioni inserite nel testo: le osservazioni su personaggi, temi, strutture nascono in gran parte da una lettura personale e da un gusto soggettivo. Per la ricostruzione del contesto e le informazioni sugli autori preziosa è stata una conferenza, tenuta dalla dott.ssa Marina Polacco presso il Liceo Classico E. Cairoli nel 1997, dal titolo Giallo postmoderno. Si sono inoltre consultati i seguenti testi: G. Barberi Squarotti, G. Greco, V. Milesi, Incontro con il testo Racconto e romanzo, Atlas Bergamo, 2008 R. Alfieri, P. Ardizzone, M.G. Baruffaldi, V. Campo, G. Lozio, A. Matranga, Paesaggio con figure, Morano, Napoli, 1992 M. Biagioni, F. Caprilli, L. Cepparrone, L. Corsi, A. Pecoraro, Interpretare il mondo- Il mondo della letteratura, Palumbo, Firenze, 2001 S. Cardini, F. Onorato, Intrecci, trame e canti- Narrativa, Le Monnier, Milano, 2007 Per la parte relativa a serie televisive e versioni cinematografiche, nonché per le immagini e per ulteriori notizie e aggiornamenti su alcuni autori si è attinto a siti internet : www. wikipedia.it PRISMI on line 2013 pagina 16

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto Insieme con gli altri nella città degli uomini La lezione di Bruno Schettini di Rocco Pititto Brevi vivens tempore, explevit tempora multa Sap 4,13 1. Tra biografia e storia: il profilo umano di uno studioso

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 Che gibilée per quatter ghej! Con tutt el ben che te voeuri Il mercante di schiavi Qui si fa l Italia L ultimo arrivato e tutti sognano Chi la fa la spunti Chi

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli