Il Consiglio Nazionale Forense (C.N.F.), l Organismo Unitario dell Avvocatura (O.U.A.), l Associazione Italiana Giovani Avvocati (A.I.G.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Consiglio Nazionale Forense (C.N.F.), l Organismo Unitario dell Avvocatura (O.U.A.), l Associazione Italiana Giovani Avvocati (A.I.G.A."

Transcript

1 Il Consiglio Nazionale Forense (C.N.F.), l Organismo Unitario dell Avvocatura (O.U.A.), l Associazione Italiana Giovani Avvocati (A.I.G.A.), l Unione Camere Civili (U.C.C.), l Unione Camere Penali Italiane (U.C.P.I.), congiuntamente sottopongono al Garante per la protezione di dati personali, affinché ne valuti la conformità a leggi e regolamenti e ne curi quindi la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e l allegazione al Codice Privacy, con Decreto del Ministro di Giustizia (nella specie sub «A.6»), il presente CODICE DI BUONA CONDOTTA PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI IN - PREAMBOLO considerati a) l'art. 27 Dir. 95/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del , che incoraggia l'elaborazione di codici di condotta destinati a contribuire, in funzione delle specificità settoriali, alla corretta applicazione delle norme nazionali d attuazione degli Stati membri dell Unione Europea; b) l art. 12 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.L.vo n. 196), che attribuisce al Garante Privacy il compito di promuovere, nell'ambito delle categorie interessate e nell'osservanza del principio di rappresentatività, la sottoscrizione di tali codici; c) l art. 135 del Codice in materia di protezione dei dati personali, volto all adozione di regole di disciplina del trattamento effettuato dai liberi professionisti per lo svolgimento delle investigazioni difensive di cui alla L n. 397 o per far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria; d) la Deliberazione n. 3 del Garante per la protezione dei dati personali (pubblicata in G.U., Serie gen., n. 50 del ) con cui, nel disporre la formale riapertura dei lavori sul codice ex art. 135 D.L.vo n. 196/03, i rappresentanti di categoria dell avvocatura e le associazioni forensi tutte sono state sollecitate a partecipare ai lavori per la sua stesura; ritenuta e) la necessità d evitare gli equivoci lessicali che potrebbero insorgere in relazione alle Pag. 1 di 1

2 norme comportamentali introdotte dal Codice ex art 135 T.U. Privacy, attinenti alla buona condotta da serbare nell espletamento del mandato ricevuto da parte del professionista forense, già comunque vincolato da norme di natura deontologia stricto sensu intese non presenti per altri settori sociali - di cui al Codice Deontologico Forense; affermano che f) per l Avvocatura riveste primario interesse la materia della tutela del segreto professionale e della protezione dei dati personali, attese le interferenze sulla privacy che derivano dall esercizio del diritto alla prova nell attività giurisdizionale, dallo svolgimento delle investigazioni difensive nel processo penale e, più in generale, del diritto di difesa nelle sue varie esplicazioni ed ambiti, in particolare dopo l entrata in vigore del D.L.vo n. 196/2003 di riordino della disciplina; g) il testo che segue è frutto di una meditata intesa tra i su indicati soggetti, all esito degli incontri tenutisi a Roma, presso l Ufficio del Garante Privacy il 19 luglio 2006 e presso il C.N.F. il 05 e 26 gennaio 2007, il 22 e 23 febbraio 2007 e il 13 marzo 2007, ed appare adeguato in rapporto alle esigenze dovute alle peculiarità dell attività forense e alla spesso contrapposta tutela dei dati personali, tenuto anche conto delle Regole di comportamento del penalista nelle investigazioni difensive ex L. n. 397/2000, approvate da U.C.P.I e divenute nel tempo un utile punto di riferimento etico condiviso per questa particolare attività di patrocinio svolta in sede penale. Capo I - Principi generali, Ambito di applicazione e Definizioni Art. 1. Principi generali 1. Le specificità dell attività forense rendono indispensabile che, a tutela dei diritti della persona e a salvaguardia del diritto di difesa, alcuni aspetti della professione forense vengano regolamentati in modo uniforme. 2. Le presenti disposizioni vengono sottoscritte con l obiettivo di conferire maggior certezza e chiarezza alla materia della protezione dei dati personali, che può interferire con l esercizio del diritto di difesa. 3. Il trattamento dei dati personali nell esercizio dell attività forense non necessita di autorizzazione da parte del Garante, che ne ha rilasciate alcune di carattere generale, con validità erga omnes, periodicamente rinnovate, né di regola di notificazione. 4. Il presente codice concorre a disciplinare le attività di investigazione difensiva svolte ai sensi della Legge. n. 397/2000 e le altre prestazioni professionali dell Avvocato, di ricerca, acquisizione e utilizzo di dati, notizie e documenti, in relazione agli istituti e ai principi generali del trattamento dei dati personali. 5. Le disposizioni che seguono sono volte ad integrare le norme del Codice in materia di protezione dei dati personali di cui al D.L.vo n. 196/03, esclusa ogni rilevanza dei dati anonimi. 6. L esercizio del diritto di difesa della persona, costituzionalmente tutelato ex art. 24 cost., è prevalente rispetto alla protezione dei dati personali e della riservatezza, in Pag. 2 di 1

3 quanto il primo è sempre da considerarsi di rango superiore, in particolare quando afferisca alla tutela in sede penale sia del diritto di difesa dell imputato o indagato, sia della persona offesa, del danneggiato civile da reato o dell ente che agisca ex art. 91 c.p.p., nonché alla salvaguardia in sede civile, penale, amministrativa e tributaria di diritti inerenti alla persona, alla famiglia, ai minori, al patrimonio e ad altre libertà fondamentali e diritti inviolabili dell individuo. 7. È fatta espressamente salva l autonoma valenza del Codice Deontologico Forense, con particolare riguardo alla materia della tutela del segreto professionale e delle garanzie da apprestare in occasione delle operazioni costituenti trattamento dei dati personali. 8. Il trattamento dei dati personali da parte degli esercenti la professione forense va effettuato secondo liceità e correttezza e nel rispetto delle presenti norme di comportamento, la cui violazione può assumere rilevanza deontologica, quale illecito disciplinare. Art. 2. Ambito di applicazione 1. Sono sottoposti alle disposizioni del presente Codice: a) gli iscritti agli Albi territoriali forensi e ai relativi Registri, Sezioni ed Elenchi, tenuti dai Consigli degli Ordini degli Avvocati, nonché gli Avvocati stranieri legittimamente esercenti la professione legale in Italia, come singoli o anche in forma associata o societaria; b) l attività giurisdizionale e quella di consulenza e assistenza stragiudiziale riservata, ancorché svolte tramite collaboratori, dipendenti o ausiliari. Art. 3. Definizioni 1. Per Avvocato vengono intesi i soggetti di cui al precedente art. 2 lett. a). 2. Per dato personale s intende ai sensi dell art. 4 lett. b) Codice in materia di protezione dei dati personali, ogni tipo d informazione concernente un individuo, una persona giuridica, un ente o un associazione, ivi compresi numeri e codici ancorché riferibili a soggetti non immediatamente identificabili; peraltro la disciplina generale si applica a prescindere dal fatto che si tratti di dati comuni, identificativi, sensibili, giudiziari, biometrici o di altri dati diversi che presentino rischi specifici nel trattamento, qualunque sia il supporto che li contiene. 3. Per trattamento s intende l attività riconducibile alle operazioni specificate dall art. 4, comma 1 lett. a), D.L.vo n. 196/03 ancorché effettuata con mezzi diversi da quelli elettronici concernenti sia le attività di investigazione difensiva svolte ai sensi della legge. n. 397/2000, sia le indagini per la ricerca, acquisizione e utilizzo di dati, notizie e documenti funzionali all incarico professionale conferito. 4. Per interessato s intende colui a cui i dati personali si riferiscono e che possono essere conosciuti dal professionista nello svolgimento della difesa, quale cliente, assistito o terzo, ovvero soggetto i cui dati personali emergano a qualsiasi titolo nell ambito dell attività professionale. 5. Per titolare del trattamento s intende, ai sensi dell art. 28 D.L.vo n. 196/03, il singolo professionista con nomina fiduciaria od officiosa, l associazione o la società Pag. 3 di 1

4 professionale, quali soggetti muniti di autonomo potere decisionale e di controllo, che procedono al trattamento dei dati personali e alla loro protezione. Sono titolari del trattamento anche i codifensori della stessa parte assistita nonchè gli avvocati che, al di fuori del mandato di difesa, siano stati comunque interessati dal cliente a concorrere all opera professionale in qualità di consulenti o domiciliatari. 6. Per responsabile del trattamento s intende, ai sensi dell art. 29 D.L.vo n. 196/03, l esperto che effettua il trattamento e le altre operazioni, anche in tema di misure di sicurezza, sulla base delle direttive impartite dal titolare che lo ha designato. 7. Per incaricato del trattamento, s intende, si sensi dell art. 30 T.U. Privacy, la persona fisica che svolge le singole operazioni secondo le istruzioni ricevute dal titolare e/o dal responsabile e sotto la loro vigilanza, quale persona addetta alla segreteria dello studio legale, praticante avvocato con o senza abilitazione al patrocinio, collaboratore anche dedito a compiti amministrativi, ausiliario, sostituto processuale, stagista. Peraltro, ove non sia autonomo titolare, anche il consulente tecnico di parte o comunque il perito o altri ausiliari concorrenti all attività professionale possono assumere la figura d'incaricato dell Avvocato per il trattamento dei dati personali. 8. Per informativa s intende la comunicazione, scritta od orale, fornita ex art. 13 T.U. Privacy all interessato affinché possa procedersi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, salvo quando, ai sensi della legge 196/2003, l obbligo di informativa non si applica; questa: a) dev essere di regola previamente fornita all atto della registrazione o, se successiva, della prima comunicazioni dei dati personali; b) deve possedere il requisito della idoneità, dovendo essere congrua rispetto agli scopi informativi imposti dalla legge in capo a colui che effettua il trattamento; c) deve sinteticamente indicare: finalità e modalità del trattamento; natura obbligatoria o no del conferimento dei dati; conseguenze della mancata risposta; nome del responsabile se designato e delle categorie d incaricati a cui i dati possono venire comunicati; diritti dell interessato ex art. 7 T.U. Privacy; estremi d identificazione del titolare; d) può consistere, in particolare allorquando venga data al cliente e alla parte assistita, in formule sintetiche e colloquiali, senza necessità che vengano indicati elementi già noti all interessato, precisandogli però sin da subito se verranno raccolti i suoi dati presso terzi; e) sono fatte salve le eccezioni previste ai fini dell esecuzione di obbligo normativo nazionale o comunitario, anche di natura regolamentare, ai fini dello svolgimento delle investigazioni difensive in sede penale di cui all art. 13, co. 5 lett. b) della legge 196/2003,, per far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria, arbitrale o di conciliazione, e comunque per le attività prodromiche a tutelare, anche in sede amministrativa, l interesse giuridicamente rilevante dell assistito ancorché in attività extraprocessuale. 9. Per consenso s intende la manifestazione di volontà, resa liberamente in modo specifico, occorrente ex art. 23 T.U. Privacy perché possa effettuarsi il trattamento o, comunque, una o più operazioni sui dati personali, sul presupposto che l interessato abbia ricevuto una valida informativa. Il trattamento: a può prescindere dal consenso nei casi previsti dalla legge, per l esecuzione di un Pag. 4 di 1

5 obbligo normativo nazionale o comunitario, anche di natura regolamentare, e ai fini dello svolgimento delle investigazioni difensive in sede penale o per far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria, arbitrale o di conciliazione, e comunque per le attività prodromiche a tutelare, anche in sede amministrativa, l interesse giuridicamente rilevante dell assistito ancorché in attività extraprocessuale; b richiede che il consenso venga documentato da chi lo riceve, ove già non sia rilasciato per iscritto da chi lo presta, nei casi in cui i dati personali siano trattati in deroga al principio di necessità o per finalità scientifico giuridiche volte a coadiuvare la formazione permanente del professionista forense. Capo II Regole di condotta e cautele nella conservazione dei dati personali Art. 4. Regole generali di condotta 1. Nel trattamento dei dati, per scopi determinati e legittimi, l Avvocato adotta, nell'esercizio della sua attività professionale e in armonia con la legge, i regolamenti e la normativa deontologica, le misure atte a garantire il rispetto dei diritti, delle libertà fondamentali e della dignità delle persone alle quali i dati si riferiscono; 2. Nell'ipotesi in cui più Avvocati usufruiscano di spazi comuni per il separato esercizio delle rispettive attività professionali, essi dovranno adottare gli accorgimenti necessari affinché i dati non pervengano nella sfera di conoscenza di altri soggetti non aventi titolo al trattamento. 3. L'Avvocato adotta nel proprio studio professionale, a protezione dei dati personali, ogni misura idonea a tutelare la loro integrità, evitando ogni azione diretta a modificare le informazioni e i documenti e a impedire la loro distruzione, cancellazione, accesso indebito o trasmissione non autorizzata o il mancato tempestivo ripristino, e a tale scopo: a) assicura il più diligente rispetto delle misure minime di sicurezza prescritte dall'allegato B al D.L.vo n. 196/03, in particolare evitando lo scambio di corrispondenza, se contenente dati sensibili o giudiziari, senza adeguata protezione; b) garantisce idonee protezioni, nell esercizio delle facoltà defensionali che si traducano nell'acquisizione anche informale di notizie, dati e documenti connotati da un elevato grado di riservatezza o da rischi specifici, in particolare: - nel trattamento dei dati effettuato nelle investigazioni difensive svolte in sede penale ai sensi della legge n. 397/00, con particolare riguardo al materiale deliberatamente non utilizzato in alcun procedimento e/o giudizio ai sensi dell art. 327 bis, I co. c.p.p.; - nell acquisizione di nastri, supporti digitali, registrazioni occulte di conversazioni tra presenti, tabulati telefonici, documenti elettronici, consulenze tecniche e perizie, Pag. 5 di 1

6 relazioni di investigatori privati autorizzati, dati biometrici o genetici disaggregati. Art. 5. Acquisizione di dati personali mediante indagine e loro trattamento 1. Nell acquisizione dei dati personali, anche in via preventiva, per scopi determinati e legittimi, l Avvocato adotta, nell'esercizio della sua attività professionale e in armonia con la legge, i regolamenti e la normativa deontologica, le misure atte a garantire il rispetto dei diritti, delle libertà fondamentali e della dignità delle persone alle quali i dati si riferiscono. In tali casi l Avvocato può raccogliere dati personali, anche prima della pendenza di un procedimento, purché ritenuti funzionali alla conoscenza degli elementi rilevanti per lo svolgimento del suo incarico. 2. I dati acquisiti ex art 391-quater c.p.p. o contenuti nelle dichiarazioni rese da persone intervistate ex art. 391 bis c.p.p. o emergenti dalle attività ex art. 391-sexies c.p.p. e altri assimilabili, anche se non pertinenti, eccedenti o non proporzionali rispetto alle esigenze difensive, possono essere raccolti e utilizzati dall Avvocato e, anche a prescindere dalla utilizzazione processuale, devono sempre essere documentati in forma integrale e, se vi sia la riproduzione almeno fonografica, anche in forma riassuntiva. 3. Fuori dei casi di cui al comma 2, i dati raccolti dall Avvocato, seppure integralmente documentati, possono essere utilizzati solo se funzionali all esercizio del diritto di difesa, ancorché il trattamento possa concernere dati non pertinenti, eccedenti o non proporzionali. 4. Prima dell acquisizione della fonte di prova l Avvocato deve rendere edotto anche oralmente l intervistato della sua qualità, della finalità defensionale dell espletanda attività, indicandogli i fatti oggetto dell indagine ed informandolo che le informazioni e i dati forniti possono essere utilizzati e conservati anche senza suo previo consenso, in conformità delle norme vigenti e delle previsioni del presente Codice, dando avvertenza che quanto oggetto del trattamento rimarrà materia riservata fino all atto dell eventuale utilizzo nel procedimento o nel processo, ovvero in via permanente in caso di non utilizzo. 5. L Avvocato, nei rapporti con la stampa e con soggetti terzi può rilasciare informazioni, non coperte dal segreto professionale e nei limiti in cui le stesse siano conformi ad un dovere di correttezza e necessarie alla tutela del proprio assistito. 6. L Avvocato nel corso delle investigazioni difensive, a tutela dei dati e delle notizie inerenti l'assistito, può richiamarsi al segreto professionale, e conseguentemente omettere di comunicare gli estremi del fatto oggetto del procedimento o il contenuto dell'atto di nomina a coloro a cui rivolga proprie istanze di colloquio, di ostensione o richiesta di acquisizione documentale o informatica. 7. L Avvocato non deve consegnare copia o estratto del verbale delle dichiarazioni Pag. 6 di 1

7 rilasciate ai sensi dell'art. 391-bis c.p.p. alla persona sentita, nè all'eventuale difensore di questa e al proprio assistito. 8. L Avvocato ha titolo ad accedere agli atti dello stato civile e trarne copia, quando sia in corso o vi sia la finalità anche solo di promuovere un giudizio, anche non contenzioso, che afferisca alla salvaguardia in sede civile, amministrativa e tributaria di diritti inerenti alla persona, alla famiglia, ai minori, al patrimonio e ad altre libertà fondamentali e diritti inviolabili dell individuo. Art. 6. Regole particolari per la protezione dei dati personali 1. L Avvocato, successivamente alla estinzione del procedimento e del sottostante rapporto di mandato incarico professionale, può conservare atti e documenti attinenti l oggetto della difesa, sia in formato carteceo che in formato elettronico e tanto sia ai fini di successive e non preventivabili esigenze processuali, sia per finalità scientificogiuridiche volte a coadiuvare la formazione permanente del professionista forense. 2. L Avvocato può conservare anche in copia per un periodo di tempo non preventivamente determinabile, in relazione ad esigenze difensive che possono sopravvenire, le informazioni e i dati personali raccolti nell'ambito delle investigazioni difensive di cui alla legge n. 397/00 e più in generale della difesa in sede penale. 3. Fermo restando l obbligo di restituzione al cliente dell originale degli atti da questi ricevuti, l Avvocato può distruggere, cancellare o consegnare all'avente diritto o ai suoi eredi o aventi causa la documentazione dei fascicoli degli affari trattati. In caso di revoca o di rinuncia al mandato fiduciario o del patrocinio officioso, l Avvocato rimette solo al nuovo difensore che subentri formalmente nella difesa, la documentazione acquisita in forza della Legge n. 397/ L Avvocato resta titolare del trattamento per la protezione e tutela dei dati anche in caso di sua sospensione, cancellazione, radiazione o cessazione definitiva dell attività professionale. In caso di sopravvenuta incapacità o morte del difensore, la documentazione dei fascicoli degli affari da lui trattati, in assenza di sostituto, dovrà essere consegnata al Consiglio dell'ordine a cui apparteneva l iscritto, ai fini della conservazione per le finalità difensive. Capo III Garanzie e diritti nell accesso dei dati personali Art. 7. Guarentigie spettanti al difensore 1. In occasione di verifiche inerenti il rispetto delle disposizioni che regolano la protezione dei dati personali, spettano all'avvocato le medesime garanzie previste dal codice di procedura penale per il difensore. In nessun caso tali verifiche possono estendersi alla lettura, consultazione, acquisizione o estrazione di copie cartaceee o informatiche- relative ad atti di indagine difensiva, siano essi stati utilizzati o meno nel Pag. 7 di 1

8 procedimento 2. Le garanzie involgono senza eccezioni gli accertamenti che abbiano luogo presso l Avvocato il suo studio legale, i suoi collaboratori e ogni altro luogo o strumento nella sua disponibilità. 3. Ai fini dell accesso alle banche dati dei fornitori di servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico relativamente a comunicazioni telefoniche in entrata, ai sensi dell'art. 8, comma 2, lett. f), del D.L.vo n. 196/03, compete all Avvocato, nell'esercizio dell attività di difesa, valutare la sussistenza o no di un pregiudizio effettivo e concreto per lo svolgimento delle investigazioni difensive. Art. 8. Accesso e esercizio dei diritti dell'interessato 1. L interessato al trattamento può chiedere all Avvocato che gli vengano comunicate in forma intellegibile le informazioni relative alla conferma dell'esistenza o no di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, esercitando altresì gli altri diritti di cui al Titolo II del D.L.vo n. 196/ L Avvocato è esonerato dal fornire riscontro all interessato quando i dati sono coperti dal segreto professionale e in ragione del non preventivabile carattere di attualità dell utilizzo del materiale acquisito, e reputi sussistenti caso per caso, con rigore e scrupolo e secondo le leggi vigenti, le esigenze di tutela nel tempo della posizione dell'assistito, che sono da ritenersi prevalenti alle richieste di ostensione formulate. 3. Nel caso di indagini difensive il diritto alla difesa ed al segreto professionale sono sempre prevalenti sul diritto di accesso ai dati personali, anche in relazione a quanto previsto dall art- 8, co. II, lett. f) della legge 196/ Può ritenersi sempre sussistente il pregiudizio effettivo e concreto che legittima il diniego all'accesso, anche dopo la formazione del giudicato, l archiviazione, la sentenza di non luogo o non doversi procedere, ai fini della revisione, della riapertura del caso; dell opposizione di terzo, della revocazione. Pag. 8 di 1

CODICE DI DEONTOLOGIA E DI BUONA CONDOTTA PER AVVOCATI E INVESTIGATORI Mauro Alovisio, avvocato in Torino. In vigore da gennaio 2009

CODICE DI DEONTOLOGIA E DI BUONA CONDOTTA PER AVVOCATI E INVESTIGATORI Mauro Alovisio, avvocato in Torino. In vigore da gennaio 2009 CODICE DI DEONTOLOGIA E DI BUONA CONDOTTA PER AVVOCATI E INVESTIGATORI Mauro Alovisio, avvocato in Torino In vigore da gennaio 2009 Il codice di deontologia adatta i principi della normativa sulla protezione

Dettagli

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali effettuati per svolgere investigazioni difensive

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali effettuati per svolgere investigazioni difensive Roma 18 dicembre 2008 Autorità garante per la protezione dei dati personali Presentazione del Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali effettuati per svolgere investigazioni

Dettagli

Privacy: Codice Deontologico per avvocati e investigatori privati

Privacy: Codice Deontologico per avvocati e investigatori privati Privacy: Codice Deontologico per avvocati e investigatori privati Come riportato nel sito del Garante della privacy 1, è stato approvato il Codice Deontologico sul trattamento dei dati personali per avvocati

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

CAPO I PRINCIPI GENERALI. Art. 1. Ambito di applicazione

CAPO I PRINCIPI GENERALI. Art. 1. Ambito di applicazione CODICE DI DEONTOLOGIA E DI BUONA CONDOTTA PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI PER SVOLGERE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE O PER FAR VALERE O DIFENDERE UN DIRITTO IN SEDE GIUDIZIARIA (Approvato dal Garante

Dettagli

INDICE. Parte I RINVII SISTEMATICI

INDICE. Parte I RINVII SISTEMATICI INDICE Ringraziamenti... XIII Parte I RINVII SISTEMATICI GENESI DEL CODICE DI DEONTOLOGIA... 3 2. DIRITTO DI DIFESA E DIRITTO ALLA PROVA... 9 2. Il senso delle premesse.... 10 2.2. La difesa e la prova:

Dettagli

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Roma, 3 giugno 2004 Prot. N. 22457 Consiglio nazionale forense Via del Governo

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE Pubblichiamo la delibera del 19.4.2001 dell'unione DELLE CAMERE PENALI ITALIANE, con la quale è stato approvato il testo definitivo delle Regole di comportamento del penalista nelle investigazioni difensive,

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Garante per la protezione dei dati personali AUTORIZZAZIONE 13 dicembre 2012 Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte dei liberi professionisti. (Autorizzazione n. 4/2012). (GU n.3 del

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

Autorizzazione n. 6/2007 al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati

Autorizzazione n. 6/2007 al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati Autorizzazione n. 6/2007 al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati (Pubblicata sulla G.U. n. 196 del 24 agosto 2007 - supp. ord. n. 186) Registro delle Deliberazioni Del. n.

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis Comune di PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13

Dettagli

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI DELIBERAZIONE 6 novembre 2008

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI DELIBERAZIONE 6 novembre 2008 Codice di deontologia e buona condotta per il trattamento dei dati personali effettuati per svolgere investigazioni difensive o per far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria. GARANTE PER LA

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE TESTO APPROVATO IL 14 LUGLIO 2001 DAL CONSIGLIO DELLE CAMERE PENALI CON LE MODIFICHE APPROVATE IL 19 GENNAIO 2007 IL CONSIGLIO DELLE

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA, in persona del suo Presidente Avv. Giovanni Chiello, il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio...

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio... dati personali Nome e Cognome.................................................... Indirizzo abitazione................................................... Telefono abitazione...................................................

Dettagli

SCHEDA TECNICA. contenente i riferimenti ad articoli e normative rilevanti ai fini delle investigazioni difensive

SCHEDA TECNICA. contenente i riferimenti ad articoli e normative rilevanti ai fini delle investigazioni difensive SCHEDA TECNICA contenente i riferimenti ad articoli e normative rilevanti ai fini delle investigazioni difensive 1) CONVENZIONE PER LA SALVAGUARDIA DEI DIRITTI DELL UOMO E DELLE LIBERTA FONDAMENTALI Art.

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI AVVOCATI DOMICILIATARI. Indice

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI AVVOCATI DOMICILIATARI. Indice Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI AVVOCATI DOMICILIATARI Indice 1. Quantificazione del fabbisogno 2. Formazione

Dettagli

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI AUTORIZZAZIONE 11 dicembre 2014 Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati. (Autorizzazione n. 6/2014). (14A09916)

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 23 DD. 23.08.2011 Allegato alla delibera consigliare n. 23 dd.23.08.2011

Dettagli

Azienda Sanitaria di Cagliari

Azienda Sanitaria di Cagliari Azienda Sanitaria di Cagliari Regolamento per la protezione dei dati personali in attuazione del D.lgs. n. 196/2003 e ss. mm. ed ii. Codice in materia di protezione dei dati personali INDICE TITOLO I Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Adottato dalla Giunta Comunale nella seduta del 26.3.2003 con provvedimento n. 330/11512 P.G. Modificato

Dettagli

Normativa. Autorizzazione n.6 / 2002. al trattamento di alcuni dati sensibili da parte degli investigatori privati

Normativa. Autorizzazione n.6 / 2002. al trattamento di alcuni dati sensibili da parte degli investigatori privati Il Garante Autorizzazioni generali Autorizzazione n.6 / 2002 al trattamento di alcuni dati sensibili da parte degli investigatori privati Versione ottimizzata per la stampa In data odierna, con la partecipazione

Dettagli

Regolamento delle Scuole UCPI

Regolamento delle Scuole UCPI Regolamento delle Scuole UCPI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente regolamento disciplina l attività di formazione e di qualificazione professionale dell avvocato penalista,

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI 29 Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI 88 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI L AVVOCATURA COMUNALE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 424 reg./456 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 04/12/2014 Art. 1

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO

COMUNE DI ROBASSOMERO COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO Approvato con deliberazione dell Assemblea della Comunità n. 5 del 10.02.2014 1 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 30 aprile 2015 CAPO I

Dettagli

Incontri per la Formazione Professionale Continua 2010

Incontri per la Formazione Professionale Continua 2010 Incontri per la Formazione Professionale Continua 2010 Massimo Farina massimo@massimofarina.it http://www.massimofarina.it Milano 28 giugno 2009 14,00/18,00 SOMMARIO I principali adempimenti per gli studi

Dettagli

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE FOSCIANDORA Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 25 in data 13/07/2010

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI (Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione di Agrorinasce scrl Agenzia per l innovazione, lo sviluppo e la sicurezza del

Dettagli

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 30.11.05 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità INDICE 1 Il nuovo Codice sulla privacy... 2 2 Ambito di applicazione... 2 3 Soggetti coinvolti dal trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA CITTA di PONTIDA REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 22.12.2008 Esecutivo dal CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e

Dettagli

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con delibera del Consiglio Comunale nr. del 1 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO.

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. COMUNE DI RIVELLO Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. Approvato con deliberazione di C.C. n. 24/2013 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA)

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) DATI ALLIEVO La/il sottoscritta/o Sesso F M Codice Fiscale Nata/o a Provincia il Nazionalità Residente a CAP Provincia Via/C.so/P.zza

Dettagli

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato specialista, a norma dell articolo 9 della legge 31

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PORDENONE. L art. 10 della Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 98/5/CE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PORDENONE. L art. 10 della Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 98/5/CE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PORDENONE REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE NELLA PROFESSIONE DI AVVOCATO (AVVOCATO INTEGRATO) DELL AVVOCATO STABILITO PREMESSA L art. 10 della Direttiva del Parlamento

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina composizione, funzionamento e procedure dell

Dettagli

Regolamento sull'accesso ai documenti amministrativi

Regolamento sull'accesso ai documenti amministrativi Regolamento sull'accesso ai documenti amministrativi Art. 1 Oggetto, finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Definizioni CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II MODALITÀ DI ACCESSO Art. 3 Responsabile del

Dettagli

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena La normativa antiriciclaggio per gli avvocati di Maurizio Arena Parte Prima Con la pubblicazione del Decreto n. 141 del 3 febbraio 2006 del Ministero dell Economia e delle Finanze e del Provvedimento 24

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

2 attività subordinata, in quali giorni, in quali orari ed alle dipendenze di quale datore di lavoro; ove il praticante dovesse intraprendere

2 attività subordinata, in quali giorni, in quali orari ed alle dipendenze di quale datore di lavoro; ove il praticante dovesse intraprendere 2008-2011 IL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE RITENUTO CHE: a) L art. 1 DPR 101/90 dispone che la pratica forense deve essere svolta con assiduità, diligenza e che la stessa si svolge principalmente

Dettagli

Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5.

Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5. Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5.2012 OGGETTO: individuazione degli incaricati del trattamento dati personali

Dettagli

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Costituzione 1. Con deliberazione del 21 febbraio 2011, ai sensi dell'art. 18 del D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28 e

Dettagli

DELIBERA PER L ATTIVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA DIFESA D'UFFICIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA

DELIBERA PER L ATTIVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA DIFESA D'UFFICIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA DELIBERA PER L ATTIVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA DIFESA D'UFFICIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Ivrea - visto l art. 16 della Legge 31 dicembre 2012; -

Dettagli

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Approssimandosi la scadenza per il rinnovo annuale del DPS (Documento programmatico sulla Sicurezza) è utile sapere che

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

Allegato 9) Modello informativa clienti e fornitori

Allegato 9) Modello informativa clienti e fornitori Allegato 9) Modello informativa clienti e fornitori Autorizzazione ai sensi del D.Lgs. n.196/2003 sulla Privacy. APEA S.R.L.- PRIVACY POLICY / REV. Del 07/08/2008 Apea s.r.l.. ha come obiettivo la tutela

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIFENSORE D UFFICIO PER IL CIRCONDARIO DI ISERNIA (aggiornato al nuovo codice deontologico approvato dal CNF il 31/01/2014)

REGOLAMENTO DEL DIFENSORE D UFFICIO PER IL CIRCONDARIO DI ISERNIA (aggiornato al nuovo codice deontologico approvato dal CNF il 31/01/2014) CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ISERNIA Palazzo di Giustizia - Piazza Tullio Tedeschi Tel. 0865-50753 Fax 0865 416391 E-MAIL: info@ordineavvocatiisernia.com REGOLAMENTO DEL DIFENSORE D UFFICIO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PARTE I - Disposizioni generali... 2 ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Circolazione dei dati all'interno dell'università...

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri)

INDICE SOMMARIO. Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri) INDICE SOMMARIO Premessa... vii Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri) Capitolo I DALLA RIFORMA DELL ART. 111 DELLA COSTITUZIONE ALLA LEGGE N. 63/2001 1.1. Premessa... 3 1.2. La

Dettagli

Comune di Nibionno Provincia di Lecco. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Comune di Nibionno Provincia di Lecco. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Comune di Nibionno Provincia di Lecco Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio INDICE Articolo 1 Finalità e definizioni Articolo 2 Ambito di

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI (a norma dell art. 29, comma 4, del Codice in materia di protezione dei dati personali, emanato con decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, più oltre

Dettagli

Servizi di Staff della Direzione Generale Servizio Affari Generali e Normativa Istituzionale

Servizi di Staff della Direzione Generale Servizio Affari Generali e Normativa Istituzionale Servizi di Staff della Direzione Generale Servizio Affari Generali e Normativa Istituzionale AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI CONTENUTI ANCHE IN ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI,

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE

DOMANDA DI ISCRIZIONE DOMANDA DI ISCRIZIONE Il sottoscritto/a nato/a il / / 19 a residente a in Via Codice Fiscale E-mail Tel. Cell. Documento Tipo N. Ril. Scad. CHIEDE Di essere iscritto all associazione Professionisti Associati

Dettagli

Gli obblighi di protezione dei dati personali per CTU, periti e consulenti tecnici di parte

Gli obblighi di protezione dei dati personali per CTU, periti e consulenti tecnici di parte Gli obblighi di protezione dei dati personali per CTU, periti e consulenti tecnici di parte Paolo Frediani Con la delib. n. 46/2008, il Garante per la protezione dei dati personali ha emesso le Linee guida

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO Articolo 1 Servizio degli Ausiliari del traffico 1. Il servizio degli Ausiliari del Traffico è disciplinato dal presente regolamento nel rispetto

Dettagli

Formula 79 ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI... ILL.MO G.I.P./G.U.P. PRESSO IL TRIBUNALE DI...

Formula 79 ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI... ILL.MO G.I.P./G.U.P. PRESSO IL TRIBUNALE DI... Formula 79 Difensore 149 FORMULA 79 VERBALE DI ASSUNZIONE DI INFORMAZIONI DA PERSONE INFORMATE SUI FATTI (artt. 327 bis e 391 bis c.p.p.) R.G. n.... ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE. Provincia di Siracusa APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DEI SISTEMI DI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE. Provincia di Siracusa APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DEI SISTEMI DI COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DI FLORIDIA APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON VERBALE N.4

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VEDANO OLONA (Provincia di Varese) REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA (Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

Comune di Lastra a Signa

Comune di Lastra a Signa Comune di Lastra a Signa (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 29 del 03/05/2011 CAPO I PRINCIPI GENERALI I N D I C E Art. 1 - Art. 2 -

Dettagli

REGOLAMENTO per l'esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi

REGOLAMENTO per l'esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi REGOLAMENTO per l'esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi Art. 1 Oggetto, finalità e principi 1. II presente regolamento disciplina il diritto di accesso a documenti formati o stabilmente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI CALLIANO Provincia Autonoma di Trento REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 di data 28 novembre 2013 CAPO I Principi Generali

Dettagli

FORMAZIONE PRIVACY 2015

FORMAZIONE PRIVACY 2015 Intervento formativo per rendere edotti gli incaricati del trattamento di dati personali dei rischi che incombono sui dati e delle relative misure di sicurezza ai sensi dell art. 130 del D.Lgs. 196/2003

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità del trattamento dei dati personali Art.

Dettagli

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO GIUDIZIALE E STRAGIUDIZIALE E MODALITA DI CONFERIMENTO INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione del

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

approvato all adunanza del 18 marzo 2013

approvato all adunanza del 18 marzo 2013 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA A SOGGETTI ESTRANEI ALL AMMINISTRAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI BOLOGNA approvato all adunanza del 18 marzo 2013 ARTICOLO

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI TRA Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in persona del Suo Presidente Avv. Mario Napoli; e la PROCURA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE NAPOLI 2015 Prefazione Con l art. 23 della L. 247/12, istitutiva del nuovo ordinamento forense, viene portato a termine

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I R O M AN O D E Z Z E L I N O D E C O R A T O A L V A L O R M I L I T A R E Via G. Giardino, 1-36060 Romano d Ezzelino (VI) Part. IVA e Cod. Fisc. 00258950245 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico I. R. C. C.S. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO DELLA BASILICATA Rionero in Vulture (PZ) C. R. O. B. 85028 Rionero in Vulture (PZ) Via Padre Pio, 1 P.

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

DISCIPLINA DELL ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI IN ATTUAZIONE AI PRINCIPI DI CUI AL REGOLAMENTO CAPO REGIONALE D.P.G.R. 24.4.06 N.

DISCIPLINA DELL ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI IN ATTUAZIONE AI PRINCIPI DI CUI AL REGOLAMENTO CAPO REGIONALE D.P.G.R. 24.4.06 N. DISCIPLINA DELL ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI IN ATTUAZIONE AI PRINCIPI DI CUI AL REGOLAMENTO CAPO REGIONALE D.P.G.R. 24.4.06 N. 2/R discipllinareaccessoatti 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo

Dettagli

TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI. D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196

TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI. D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PREVISTI DAL D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 (il "Codice") ART. ADEMPIMENTO (destinatari

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA REGOLAMENTO PER IL PROCEDIMENTO DI DISPENSA DISCIPLINATO DAGLI ARTT. 12-13 - 14 D. LGS. n. 96/2001 (approvato con delibera del 9 luglio 2012) * * * Il Consiglio

Dettagli

Consorzio Polizia Locale Valle Agno

Consorzio Polizia Locale Valle Agno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE EFFETTUATA DAL CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE VALLE AGNO NEI TERRITORI COMUNALI DI VALDAGNO, RECOARO TERME, CORNEDO VICENTINO E CASTELGOMBERTO

Dettagli

Capitolo II Tariffa penale

Capitolo II Tariffa penale Capitolo II Tariffa penale Art. 1 - Criteri generali - 1. Per la determinazione dell'onorario di cui alla tabella deve tenersi conto della natura, complessità e gravità della causa, delle contestazioni

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio comunale n.75 del 5 ottobre 2009.

Approvato con delibera di Consiglio comunale n.75 del 5 ottobre 2009. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ACQUISITI MEDIANTE L IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA ATTIVATO NEL TERRITORIO URBANO DEL COMUNE DI MACERATA Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 310 del 25 settembre 2014 Modificato con Delibera del 27 febbraio

Dettagli

FONDAZIONE RESIDENZA AMICA ONLUS

FONDAZIONE RESIDENZA AMICA ONLUS Sommario Capo I Ambito di applicazione e definizioni... 2 Art. 1: Finalità e oggetto... 2 Art. 2: Definizioni... 2 Art. 3: Soggetti legittimati... 2 Art. 4: Documenti accessibili... 2 Art. 5: Categorie

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 50 DEL 30.09.2004 MODIFICATO CON DELIBERA G.C. N. 141 DEL 27.07.2009 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Dettagli

) FINALITÀ DEL TRATTAMENTO CUI SONO DESTINATI I DATI

) FINALITÀ DEL TRATTAMENTO CUI SONO DESTINATI I DATI Informativa sul trattamento dei dati personali ex ar t. 13 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 Il D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali (di seguito più brevemente il

Dettagli

Disciplinare di regolamentazione per la pubblicazione dei dati nel sito internet

Disciplinare di regolamentazione per la pubblicazione dei dati nel sito internet ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TAGLIO DI PO Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di Primo Grado Via A. Manzoni, 1-45019 - Taglio di Po - tel.: 0426 660880 fax 0426 346103 Sito Internet:

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 164/39 in data 21/12/2009 Indice Art. 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 56 del 29/11/2007 Art. 1 - Finalità 1. Il presente Regolamento garantisce che

Dettagli