IL CORSO DI LAUREA IN FISICA (testo rielaborato dal booklet della Fisica - Progetto Nazionale Lauree Scientifiche )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CORSO DI LAUREA IN FISICA (testo rielaborato dal booklet della Fisica - Progetto Nazionale Lauree Scientifiche )"

Transcript

1 IL CORSO DI LAUREA IN FISICA (testo rielaborato dal booklet della Fisica - Progetto Nazionale Lauree Scientifiche ) LA FISICA: cosa studia La Fisica studia la Natura e le sue leggi Il suo campo di indagine spazia dall infinitamente piccolo all infinitamente grande attraverso vari settori di ricerca quali la Fisica Nucleare e Subnucleare, la Fisica della Materia, la Fisica Teorica, l Astrofisica, la Cosmologia, e vari ambiti di applicazioni innovative quali le nano-tecnologie, lo sviluppo di nuovi acceleratori, la realizzazione di componenti elettronici veloci e miniaturizzati, le tecniche informatiche per la gestione e l analisi di dati. Acceleratore LHC CERN interno del tunnel dell acceleratore fasci laser messa a punto di dispositivi a semiconduttore

2 collisione tra nuclei di piombo - CERN pulsar del Granchio vista dal satellite CHANDRA Fondamentale per l indagine fisica è la misura delle grandezze coinvolte nel fenomeno che si intende analizzare. Il metodo scientifico introdotto da Galileo, infatti, alterna la fase misura a quella di analisi dei dati funzionale alla loro sintesi attraverso un modello, che oltre ad interpretare il fenomeno osservato ne possa predire di nuovi. Si realizza in tal modo un processo logico che vede l avvicendarsi di entrambi gli aspetti attraverso una continua verifica. Tutto questo presuppone, da una parte, lo sviluppo e l utilizzo di strumentazioni sempre più sofisticate, cosa che comporta uno strettissimo contatto tra Fisica e tecnologie avanzate, dall altra, l utilizzo e lo sviluppo di strumenti matematici ed informatici, essenziali per l'interpretazione e la descrizione delle osservazioni attraverso i modelli. Il contributo della Fisica è, pertanto, da sempre fondamentale per il progresso scientifico, sia per l ampliamento delle conoscenze sul mondo che ci circonda, ma anche per le applicazioni tecnologiche innovative derivate da queste conoscenze. Per riportare solo alcuni esempi, la miniaturizzazione dei componenti elettronici ha reso possibile un infinità di applicazioni, di cui il PC e il telefono cellulare sono le più diffuse. Gli studi sulla Fisica della Materia hanno consentito lo sviluppo dei laser e dei display a cristalli liquidi, mentre la Fisica Nucleare ha avuto spesso ricadute in applicazioni per la medicina (risonanza magnetica nucleare, radioterapia, PET, ecc). Le metodologie della Fisica si applicano inoltre in vari campi che vanno dal mondo economico alla analisi statistica di qualità, dal risparmio energetico alla salvaguardia dell' ambiente, dalla meteorologia a vari settori dell'informatica e della cibernetica. Anche il WEB, nato presso il CERN di Ginevra, all inizio era una rete di comunicazione tra soli fisici. circuito elettronico miniaturizzato apparato per studio di collisioni nucleari

3 LA FISICA: come si studia La struttura degli attuali corsi di laurea Dall anno accademico 2001/02 l Università italiana ha cambiato la struttura dei propri ordinamenti didattici per adeguarsi agli standard europei. Uno degli aspetti maggiormente innovativi della riforma consiste nell'entrata in funzione dei Corsi di Laurea di tre anni. Questa profonda modifica dei percorsi formativi cerca di dare una risposta nuova ad esigenze del mercato del lavoro. Il titolo di primo livello, denominato laurea, viene conseguito dopo un corso triennale, al quale si accede dopo la scuola media superiore. I Corsi di Laurea triennali forniscono conoscenze di base accanto ad elementi di formazione professionalizzante, al fine di favorire sia un inserimento immediato nel mondo del lavoro, sia la prosecuzione degli studi verso la Laurea Specialistica (due anni), che permette allo studente di raggiungere una più specifica specializzazione nei vari settori scientifici ed applicativi ed infine di accedere al Dottorato di Ricerca (tre anni), se è interessato ad occuparsi ancora di ricerca. Una delle novità introdotte dalla riforma universitaria è il credito formativo universitario (CFU). Questo misura l impegno dello studente, comprensivo di lezioni, lavoro sperimentale nei laboratori, tirocini, stages, studio individuale, elaborato per la prova finale (tesi). Ad un credito corrispondono 25 ore di lavoro per studente. Ad un anno di studio corrispondono 1500 ore = 60 crediti. Ad ogni insegnamento è assegnato un determinato numero di crediti, che vengono acquisiti dallo studente con il superamento di una prova di esame. I crediti acquisiti misurano in pratica il raggiungimento del traguardo formativo e possono essere anche utilizzati nel passaggio da un corso di laurea ad un altro della stessa Università o di altre Università, attraverso forme di riconoscimento molto trasparenti e flessibili attivate dai vari organi di gestione didattica dei Corsi di Laurea stessi. I voti (in trentesimi) misurano a loro volta il livello di preparazione dimostrato nell esame. La Laurea triennale si consegue con l acquisizione di 180 crediti in tre anni. La Laurea specialistica si consegue con altri 120 crediti, nei successivi due anni. La lista dei corsi con i relativi crediti e voti conseguiti e delle altre attività formative (stages, tirocini) costituiscono il curriculum degli studi del laureato, che è uno strumento fondamentale di valutazione quando egli si affaccia nel mondo del lavoro. I corsi di laurea della classe delle Lauree in Scienze e Tecnologie Fisiche All interno della classe delle Lauree in Scienze e Tecnologie Fisiche (classe 25) sono attivati, in una ampia varietà di offerte formative sul territorio nazionale, uno o più corsi di laurea. Nel caso dell Università di Bari, sono attivati il Corso di Laurea in Fisica ed un Corso di Laurea in Scienze dei Materiali. Il Corso di Laurea in Fisica a sua volta al 2 anno si differenzia in due percorsi (o indirizzi). Il primo è a carattere generale ed è mirato all approfondimento degli aspetti fondamentali della Fisica classica e moderna e consente di inserire i neo-laureati in attività di ricerca e sviluppo presso Enti di Ricerca nazionali ed internazionali, in aziende che sviluppano tecnologie avanzate e in istituzioni pubbliche e private che promuovono attività di divulgazione scientifica. Il secondo è a carattere applicativo e tratta con più dettaglio aspetti informatici, elettronici e sanitari. Questo tipo di formazione è orientato a fornire una buona capacità di esercitare attività di progettazione in enti ed aziende operanti in settori molto specializzati quali quello elettronico, microelettronico, spaziale, sanitario...

4 Le attività didattiche svolte nei due indirizzi sono strettamente collegate alle linee di ricerca attive presso il nostro Dipartimento di Fisica e presso gli Enti di Ricerca che vi operano (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Consiglio Nazionale delle Ricerche-Istituto Nazionale per la Fisica della Materia, Agenzia Spaziale Italiana). In misura sempre più significativa sono collegate anche al contesto territoriale in cui la nostra Università è inserita. Segue la lista delle attività di ricerca principali svolte presso il Dipartimento: Fisica delle Particelle, Fisica Astroparticellare Acceleratori di particelle - Fisica del nucleo Fisica Teorica - Meccanica statistica Fisica dello stato solido - Elettronica quantistica Elettronica e sistemi di controllo ed acquisizione di dati tramite computer Tecniche di telerilevamento tramite satelliti Fondamenti della Fisica - Didattica della Fisica alcuni laboratori di ricerca e sviluppo del Dipartimento di Fisica di Bari Sul territorio nazionale sono stati attivati, in linea con quanto si è fatto a Bari, diversi Corsi di Laurea in Fisica o in Scienze Fisiche, Corsi di Laurea o indirizzi in Tecnologie Fisiche o in Fisica Applicata (o denominazioni simili), Corsi di laurea in Astrofisica, Corsi di laurea in Ottica, Corsi di laurea in Scienza dei Materiali.

5 sala informatica a disposizione degli studenti un angolo della biblioteca Attività Didattiche Gli insegnamenti del Corso di Laurea in Fisica forniscono una preparazione che spazia da un ambito puramente conoscitivo, rivolto allo studio teorico e sperimentale delle leggi fondamentali della natura, ad ambiti di carattere tecnologico e applicativo. Pur essendo basilare il metodo sperimentale, è peculiare della Fisica un approccio allo studio dei fenomeni fondato sull integrazione dell osservazione empirica e linguaggio matematico. Il nostro corso di laurea triennale si articola in un primo periodo (circa un anno e mezzo) dedicato a far acquisire allo studente le basi della Fisica e la metodologia delle osservazioni sperimentali, che in seguito, nel restante periodo, lo portano a scegliere in funzione dei propri interessi l indirizzo da seguire e ad organizzare il proprio piano di studi. Il giovane può poi decidere se entrare subito nel mondo del lavoro o continuare gli studi. Pertanto, le attività didattiche si articolano in: a) attività di base che introducono lo studente alla Matematica e all Informatica ed al loro uso in Fisica; b) attività caratterizzanti, che forniscono le adeguate conoscenze di Meccanica, di Termodinamica, Elettromagnetismo classico, Meccanica Quantistica e di Fisica Moderna (Fisica della Materia, Nucleare e Subnucleare) con un forte corredo metodologico di laboratorio e di calcolo tale da poter essere utilizzato proficuamente in un vasto campo di applicazioni; c) attività in ambiti affini alla Fisica che forniscono ulteriori conoscenze in Matematica, in Fisica - Matematica, in Chimica ed in applicazioni informatiche, utili per completare la preparazione in ambiti teorici, sperimentali ed applicativi della Fisica classica e moderna; d) attività a scelta dello studente per ottimizzare la formazione professionale nell indirizzo applicativo (laboratori di elettronica o in alternativa di tecnologie innovative, quali quelle satellitari o sanitarie); e) attività a completa libera scelta dello studente; nella maggior parte delle sedi a queste attività sono assegnati 9 CFU, mentre a Bari ne sono assegnati 16; lo studente può seguire corsi presso una qualsiasi struttura universitaria (locale o nazionale), purchè parametrizzabile in termini di crediti. f) attività riguardanti l apprendimento della lingua inglese ed di ulteriori competenze informatiche; g) attività correlate con la produzione dell elaborato finale, che si avvale di uno stage professionalizzante presso un laboratorio dipartimentale o presso un Ente o un azienda convenzionata con l Università. L organizzazione didattica del nostro Corso di Laurea è articolato in due periodi didattici nell'anno accademico (semestri), seguiti ciascuno da una interruzione di circa due mesi, in cui si

6 svolgono gli esami per la verifica della preparazione raggiunta dagli studenti negli insegnamenti svolti nel periodo. laboratorio didattico di dispositivi elettronici Le attività di laboratorio sono una componente essenziale nella formazione del laureato nei Corsi di Laurea della classe in Scienze e Tecnologie Fisiche. La partecipazione attiva ai laboratori consente allo studente di apprendere e familiarizzare con il metodo scientifico, proprio dell indagine fisica, attraverso la preparazione di esperienze sempre più elaborate e l utilizzo graduale di strumentazioni sempre più complesse e sofisticate. Inoltre, durante il periodo di preparazione della tesi per la laurea triennale e della tesi per la laurea specialistica lo studente ha la possibilità di frequentare e di operare nei laboratori di ricerca. Attività a sostegno dello studio In quasi tutte le sedi sono attivati i cosiddetti corsi di allineamento o pre-corsi. Sono corsi che precedono l inizio ufficiale delle lezioni del 1 anno e sono rivolti agli immatricolati, con l'obiettivo di fornire i prerequisiti necessari per seguire proficuamente gli insegnamenti successivi. Nel nostro caso si tratta di circa 40 ore erogate a partire dal 25 settembre (data ufficiale di inizio dei corsi) in cui si riprendono gli aspetti matematici e di Fisica di base affrontati nella scuola superiore per colmare eventuali lacune. La partecipazione é facoltativa, ma fortemente consigliata (viene tra l altro proposto il primo giorno a ciascun studente un questionario di ingresso per verificare da sé la presenza di eventuali lacune, e quindi decidere sulla reale opportunità di seguire il pre-corso). La partecipazione diligente a questo pre-corso, accertata tramite una prova scritta, consentirà inoltre l acquisizione di 4 crediti da scomputare dalle attività a scelta di cui al punto (e) delle attività didattiche. Presso il Corso di Laurea è istituita un importante attività didattica aggiuntiva: il tutorato. Si aggiunge alle normali lezioni ed esercitazioni dei vari corsi, soprattutto di 1 e 2 anno, e viene organizzato per aiutare gli studenti a superare le difficoltà di adeguamento al nuovo ambiente. Gli studenti, a gruppi, vengono seguiti da un tutore (docente o ricercatore) che li aiuta nella comprensione della materia e li guida sopratutto ad acquisire un metodo di studio. La frequenza è,

7 in genere, facoltativa, ma fortemente consigliata, in particolare a coloro che trovano maggiori difficoltà. Il ridotto rapporto numerico studenti/docenti che nel nostro caso è di circa 7 a 1, migliora la qualità dello studio, perché facilita un continuo contatto con i docenti. I docenti e ricercatori di Fisica svolgono il loro lavoro di ricerca nel Dipartimento di Fisica dell Università, in cui si svolgono le lezioni del Corso di Laurea. Il loro lavoro consiste essenzialmente nella didattica e nella ricerca e molto raramente in attività professionali esterne: pertanto assicurano quindi ampia e continua disponibilità per colloqui, spiegazioni, discussioni, etc. Le attrezzature, laboratori, aule attrezzate, biblioteche, aule informatiche, etc..., a disposizione degli studenti sono di ottimo livello tecnologico e più che adeguate agli obiettivi del corso di laurea. sala lettura della biblioteca LA FISICA: perché si studia Perché la società moderna ha bisogno di laureati che abbiano acquisito, nel loro percorso universitario, capacità di: individuare gli elementi essenziali che caratterizzano un processo; inquadrare tali elementi in modelli atti a descrivere, prevedere e controllare le caratteristiche del processo in modo quantitativo; fornire descrizioni quantitative dei modelli ricorrendo all'ausilio di conoscenze avanzate in campo matematico e all'uso di strumenti di calcolo numerico; riconoscere analogie in processi apparentemente diversi; effettuare misure, progettare ed organizzare esperimenti; analizzare ed interpretare i dati sperimentali e confrontarli con le previsioni di modelli.

8 Obiettivi formativi A tale scopo, gli obiettivi formativi specifici dei Corsi di Laurea della classe Scienze e Tecnologie Fisiche, come stabiliti dal Ministero a livello nazionale, sono di seguito elencati: fornire una preparazione essenzialmente orientata all acquisizione dei metodi e dei contenuti scientifici generali della Fisica classica e moderna; offrire una formazione che consenta una significativa professionalità, caratterizzata da una accurata preparazione di base (matematica, informatica e fisico-sperimentale); consentire l acquisizione degli strumenti matematici di base e dei moderni strumenti di calcolo; sviluppare la capacità di sperimentare, cioè di progettare ed eseguire esperienze che riproducono in laboratorio fenomeni naturali e di interpretarne i risultati; sviluppare capacità di analisi e sintesi dei problemi affrontati; sviluppare la capacità di scegliere ed usare le metodiche sperimentali più opportune in funzione degli scopi da raggiungere; sviluppare, a secondo delle inclinazioni personali del singolo studente, specifiche competenze in settori specifici in campo teorico, o in quello sperimentale, o in quello applicativo, al fine di consentirgli di affrontare con successo la rapida evoluzione tecnologica e di metterlo in grado di elaborare modelli atti alla descrizione di realtà fisiche diverse e complesse; offrire una formazione teorico-pratica flessibile ed interdisciplinare basata sul metodo scientifico che permetta l impiego del laureato in fisica in qualsiasi attività collegata alle scienze naturali e tecnologiche (Biologia, Ingegneria, Geologia, Chimica) e nel settore socio-economico; fornire una preparazione professionale adeguata in vista di sbocchi lavorativi nell industria, nei servizi, nell insegnamento, nella ricerca. In sintesi l'obiettivo generale è la formazione di professionisti in grado di affrontare e risolvere con metodo scientifico, applicando i metodi propri della Fisica, i problemi più disparati (quali il fabbisogno energetico, il controllo ambientale e sanitario, la prevenzione di rischi, la gestione di grandi moli di dati) o di inserirsi nei settori della ricerca scientifica di base ed applicata. In particolare gli indirizzi di tipo applicativo (come il nostro) si propongono di formare una figura professionale qualificata con competenze interdisciplinari (prevalentemente elettroniche, optoelettroniche ed informatiche) nelle nuove tecnologie, quali le telecomunicazioni, le nano-tecnologie, il monitoraggio ambientale e che anche possa operare ed integrarsi professionalmente in ambiti di impresa, pubblica o privata. LA FISICA: e dopo? Competenze del fisico spendibili nel mondo del lavoro. Il fisico è una persona che si inserisce molto attivamente nella società attuale a causa della rapida evoluzione delle idee e delle tecnologie che ci circondano: il mondo del lavoro continuerà a richiedere sempre di più al laureato una formazione aperta e innovativa, integrata da competenze specifiche. Queste competenze includono: conoscenza ed utilizzo delle tecniche e degli strumenti per la misura di grandezze fisiche (meccaniche, elettriche, elettroniche, termiche, ottiche, nucleari, etc.), dalle misure classiche a quelle basate sulle più moderne tecnologie;

9 conoscenza delle tecnologie avanzate, tra cui tecnologia delle basse temperature (criogenia), tecnologia del vuoto, nanotecnologie, e tecniche microscopiche sofisticate; conoscenza di base dell'elettronica (analogica e digitale) ed uso della strumentazione elettronica avanzata; utilizzo di tecniche e linguaggi di programmazione e dei metodi di progettazione assistita dal computer; conoscenza di vari standard di interfacciamento a computers di strumenti; conoscenza delle tecniche di acquisizione ed elaborazione statistica dei dati; utilizzo delle tecniche di simulazione di processi casuali e di gestione di banche dati; capacità di gestione di apparecchiature avanzate per il monitoraggio e controllo di sistemi; capacità di analisi ed interpretazione delle misure. L'agilità intellettuale e la flessibilità metodologica è insita nella formazione culturale del fisico che si differenzia così dal laureato in altre discipline a carattere più tecnologico. Questo tratto formativo permette di creare professionalità attente alle evoluzioni del mondo del lavoro che richiede figure sempre nuove, con conoscenze specifiche e avanzate in campi solo pochi anni prima inesistenti. Si pensi, ad esempio, all'impressionante evoluzione nel mondo delle telecomunicazioni, dell'informatica e delle tecnologie avanzate in genere, e alle nuove professionalità che queste innovazioni hanno stimolato. Sbocchi professionali Le prospettive professionali dei laureati in fisica italiani, la cui preparazione è ampiamente riconosciuta ed apprezzata specialmente a livello internazionale, sono nel settore industriale, nel settore del pubblico impiego, oltre che, naturalmente, nel mondo della ricerca scientifica e nella scuola. Industria: In particolare, in ambito industriale, le competenze del laureato in Fisica vengono utilizzate nei settori di ricerca e sviluppo: le competenze professionali, acquisite durante gli studi universitari, consentono di partecipare alla progettazione e realizzazione di nuovi prodotti tecnologici, oltre che al controllo di qualità. Esempi di settori in cui vengono sfruttate le competenze del laureato in fisica sono quello elettronico, opto-elettronico, informatico, ottico, biomedico, etc. applicazioni tecniche e industriali tramite fasci laser

10 Enti pubblici: Ospedali, laboratori di controllo, laboratori di monitoraggio ambientale. In queste strutture le competenze professionali acquisite in Fisica risultano indispensabili per lo svolgimento di attività specifiche, e si integrano efficacemente con quelle offerte da altre discipline. In particolare: Strutture sanitarie: in cui è richiesta competenza sulle tecnologie per la diagnostica medica, e per la terapia medica, per es. radioterapia; Strutture di controllo ambientale: per esempio ARPA e ANPA, in cui si applicano e si sviluppano metodologie fisiche per il controllo degli impatti fisici sull ambiente. Società di consulenza e servizi per aziende, tra cui, per esempio, banche e agenzie finanziarie, in cui si utilizzano le capacità del laureato in fisica di costruire modelli per la trattazione di realtà complesse. Formazione: insegnamento, dopo la laurea specialistica; divulgazione e giornalismo scientifico. Ricerca scientifica, che si svolge prevalentemente presso Università ed Enti di ricerca, ma anche presso industrie. Apparato sperimentale Aleph -CERN lancio di un satellite per studio di radiazione cosmica Le attività di ricerca in Italia sono inserite e strettamente collegate con le attività di ricerca a livello internazionale. La quasi totalità della ricerca in Fisica moderna, sia la ricerca fondamentale che quella applicata, si colloca in un contesto di collaborazione e/o competizione a livello internazionale. Fanno capo a queste ricerche le tematiche su: Astrofisica, Biofisica, Cibernetica, Elettronica, Energetica, Fisica dell Atmosfera, Fisica della Materia, Fisica Applicata, Fisica Nucleare e Subnucleare, Fisica Sanitaria ed Ambientale.

11 Per i fisici l'apertura delle frontiere e l'unificazione europea, anche della formazione universitaria, contribuisce ad allargare il mercato del lavoro. Numerose sono le opportunità che si aprono in campo europeo. I fisici, da sempre abituati al confronto internazionale e all'uso della lingua inglese come mezzo di comunicazione, trovano naturali e vantaggiose le esperienze di lavoro all'estero. Il mercato internazionale della ricerca di base ed applicata sta offrendo attualmente moltissime occasioni di lavoro ai giovani, tutte di sicuro prestigio. Per i laureati specialisti, che hanno acquisito, rispetto al laureato triennale, competenze ad un livello più avanzato oltre che conoscenze più approfondite su specifici campi della Fisica, si aprono prospettive occupazionali negli stessi ambiti lavorativi ma ad un livello di responsabilità superiore rispetto a quella del laureato triennale. In particolare, tra le attività che i laureati specialisti della classe svolgeranno si indicano: la promozione e sviluppo dell'innovazione scientifica e tecnologica, nonché la gestione e progettazione delle tecnologie in ambiti correlati con le discipline fisiche, nei settori dell industria, dell ambiente, della sanità, dei beni culturali e della pubblica amministrazione; l insegnamento e la divulgazione ad alto livello della cultura scientifica con particolare riferimento agli aspetti teorici, sperimentali e applicativi della Fisica classica e moderna. apparato sottomarino ANTARES apparato satellitare GLAST Alcune statistiche Collocazioni professionali per i Fisici: statistiche aggiornate all ultimo quadriennio Enti di Ricerca 11.1 % Enti locali 3.7 % Università 15.7 % Industria elettronica 11.0 % Industria informatica 16.5 % Industria meccanica 5.2 % Industria chimica 2.1 % Commercio 3.1 % Scuola 10.7 % Altro (settore spazio, ambiente, sanità) 17.0 % Non specifica 3.5 %

12 I PERCHE DI CHI SI AFFACCIA AL CORSO DI LAUREA IN FISICA Risposte alle domande più frequenti Il Corso di Laurea in Fisica ha l accesso a numero chiuso o programmato? No. C è solo un test d ingresso facoltativo che serve al giovane per valutare le proprie conoscenze di base, le capacità e la predisposizione agli studi scientifici. Le eventuali lacune evidenziate possono essere colmate con il cosiddetto pre-corso, anch esso facoltativo. Quali sono le difficoltà più comuni che incontrano le matricole? Le matricole affrontano l'università dopo 13 anni di studio durante i quali programmi, tempi di apprendimento e verifiche dello studio sono rigidamente imposti dai docenti e dai programmi ministeriali. All'Università il panorama cambia notevolmente: per la maggior parte dei corsi di laurea esistono dei piani di studio solo parzialmente prefissati e c'è una maggiore flessibilità nelle scelte. Una delle principali difficoltà che lo studente incontra arrivando all'università è appunto la necessità di imparare a programmare e gestire da solo il proprio lavoro e il proprio tempo libero. E vero che Fisica è considerato un Corso di Laurea difficile? Se si ha un serio interesse per la Fisica e una seria attitudine allo studio ed al ragionamento rigoroso, si può, senza difficoltà, affrontare il Corso di Laurea in Fisica. Lo studio della Fisica richiede un certo impegno non dal punto di vista mnemonico ma nella comprensione critica dei concetti e nella loro applicazione. È quindi estremamente importante, soprattutto all'inizio, poter verificare la propria preparazione non dal punto di vista nozionistico, ma dal punto di vista metodologico. In ciò si può essere validamente aiutati dall organizzazione didattica dei corsi (questi si sviluppano con una sequenza temporale (propedeuticità) studiata opportunamente, dalla frequenza alle lezioni e dai colloqui con i docenti e con i tutori. Le difficoltà incontrate possono dipendere dal tipo di scuola secondaria frequentata? Secondo un luogo comune, lo studente di discipline scientifiche deve aver frequentato il liceo scientifico. Invece, va sottolineato che un brillante successo negli studi universitari in Fisica non richiede preliminari conoscenze specifiche sull'argomento, ma piuttosto un serio impegno nell' affrontare il corso di studi ed una certa attitudine al ragionamento rigoroso. Per ovviare ad eventuali lacune in ingresso, soprattutto di matematica, è organizzato, prima dell inizio ufficiale delle lezioni, il cosiddetto pre-corso, che non è obbligatorio ma fortemente consigliato. La frequenza delle lezioni è obbligatoria? Laddove la frequenza non è formalmente obbligatoria (si veda il successivo Manifesto degli Studi) è di fatto fortemente consigliata. Essa è indispensabile sia per i corsi che prevedono attività di laboratorio, sia per le lezioni ed esercitazioni, in quanto agevola la preparazione per gli esami. Quanti esami devono essere sostenuti in un anno? Il numero di esami da sostenere in ciascun anno è molto variabile da sede a sede. A Bari in media lo studente dovrà sostenere ogni anno 6 esami, distribuiti in due lunghi periodi tra i semestri. E quindi

13 importante cominciare a studiare subito, fin dalle prime lezioni, per acquisire un metodo di studio. Per questo lo studente sarà aiutato dalle attività di esercitazione dei corsi e dalle attività di tutorato. Nella Fisica c è troppa Matematica? Lo studio della Fisica non può prescindere dallo studio di adeguati strumenti matematici ed informatici. Questo consente di acquisire capacità di sviluppare ed applicare modelli per lo studio e l interpretazione di realtà diverse. Il numero di crediti attribuiti ad insegnamenti di base di matematica nei corsi di laurea in Fisica è in media di circa 30/180. Lo studente con particolari attitudini potrà scegliere corsi aggiuntivi di matematica o di carattere teorico. La Fisica è troppo astratta? No. Obiettivo del Corso di Laurea è quello di sviluppare sia abilità sperimentali che teoriche. Ci sono, infatti, fisici teorici che costruiscono modelli, sulla base dei dati acquisiti dai fisici sperimentali, i quali progettano nuovi esperimenti con relativa strumentazione al fine di convalidare le predizioni dei modelli stessi. Lo studente, in funzione del proprio interesse, potrà coinvolgersi in aspetti applicativi della matematica per la costruzione di modelli o in aspetti sperimentali. Quando si inizia a frequentare un laboratorio? Già dal primo anno lo studente avrà la possibilità di effettuare le prime esperienze in laboratorio di Fisica, ma anche laboratorio di Informatica e di calcolo. Questa partecipazione attiva gli permette di assimilare e fare proprio, con gli anni, quel metodo scientifico su cui la Fisica si basa. I corsi sono affollati? No. In media al primo anno ci sono circa di 10 studenti per docente. Questo rapporto diminuisce negli anni successivi fino a diventare circa 1-2 (!) nei corsi di laurea specialistica. Questo determina la possibilità di un rapporto continuo fra studenti e docenti. Si possono fare un piani di studi liberi? Oltre ai corsi liberi (da noi ben quattro, per un totale di 16 crediti) previsti dalla riforma, c è la possibilità di scegliere alcuni corsi secondo la propria predisposizione o il proprio interesse. E possibile scegliere al 2 anno l indirizzo generale o applicativo e comunque il corso di laurea offre in quest ultimo uno spettro di insegnamenti di laboratorio relativamente ricco. Che ambiente c è tra chi studia Fisica? Il numero non elevato di studenti favorisce senz altro la socializzazione. Spesso, soprattutto nel periodo della tesi, il contatto con neolaureati, dottorandi, permette l instaurarsi di rapporto costruttivi non solo dal punto di vista professionale ma anche umano. Esiste inoltre un associazione internazionale di studenti di fisica (IAPS), che propone iniziative ed incontri veramente interessanti. Che differenza c è tra fisico e ingegnere? La preparazione dell'ingegnere è normalmente mirata a fornire competenze che poi verranno applicate direttamente a problematiche o ambiti ben delineati, mentre quella del fisico è più orientata ad approfondire conoscenze di base, strumenti e metodologie per affrontare e risolvere problemi

14 sempre nuovi. Pertanto il fisico è più orientato alla ricerca e allo sviluppo di sempre più nuove tecnologie, mentre l'ingegnere è più orientato all'aspetto della progettazione, della gestione e della produzione aziendale: ruoli che sono per molti versi complementari a quelli del fisico. Oltre alla conoscenza di base della fisica, quali altre competenze spendibili nel mondo del lavoro si possono acquisire durante il Corso di Laurea? Sono acquisibili varie competenze, che dipendono molto dal curriculum e dall elaborato finale (per la laurea) e dalla tesi di laurea (per la laurea specialistica) scelti dallo studente. Tra queste: conoscenza e utilizzo delle tecniche e degli strumenti per la misura di grandezze fisiche (elettriche, elettroniche, meccaniche, ottiche, nucleari, ecc.), dalle misure classiche a quelle basate sulle più moderne tecnologie; conoscenza di base dell'elettronica (analogica e digitale), della microelettronica e dell'uso della strumentazione elettronica; conoscenza di tecniche e sistemi computazionali (linguaggi C++, Java, ecc.), dei metodi di progettazione assistita dal computer, di vari standard di interfacciamento di strumenti; acquisizione ed elaborazione statistica dei dati, tecniche di simulazione di processi casuali, gestione banche dati; gestione di apparecchiature avanzate per il monitoraggio e controllo di sistemi; analisi e interpretazione delle misure. Potrò andare facilmente all estero per studiare? A Bari, all interno dei vari gruppi di ricerca, sono da sempre attive collaborazioni internazionali che facilitano la mobilità degli studenti sia per la possibilità di seguire corsi all estero che per la preparazione della tesi. L Italia è forte nella Fisica? e Bari? Senza andare molto lontano, che ci porterebbe a Galileo, che introdusse il metodo scientifico, l Italia vanta anche cinque premi Nobel (Marconi, Fermi, Segré, Rubbia, Giacconi). Guglielmo Marconi Enrico Fermi Emilio Segrè

15 Carlo Rubbia Riccardo Giacconi Ma senza scomodare i premi Nobel, sicuramente l Italia vanta nel mondo nel campo della Fisica un grande prestigio. Prova ne sono le numerose collaborazioni internazionali con Università, con Enti e con Laboratori di ricerca sparsi in tutte le parti del mondo, ma anche l esistenza di laboratori di ricerca presenti nel territorio nazionale in cui ricercatori stranieri vengono a lavorare in collaborazione con i gruppi locali. In particolare qui a Bari abbiamo decine di attività di ricerca in collaborazione con gruppi stranieri, in cui spesso il ruolo dei nostri ricercatori è di leadership. Tutti gli apparati sperimentali mostrati in questo opuscolo sono stati realizzati con un importante contributo dei fisici di questo dipartimento e sono operativi in vari laboratori mondiali. apparato sperimentale ALICE-CERN particolare dell apparato speriment. OPERA Gran Sasso

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica I Corsi di Studio in Fisica comprendono quattro percorsi didattici. Al termine di ciascun percorso si consegue uno dei seguenti

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA Manifesto degli Studi Il Corso di Studi per il conseguimento della Laurea triennale in Fisica richiede l acquisizione di 180 crediti formativi

Dettagli

GUIDA BREVE DI FACOLTA - CORSI DI LAUREA IN FISICA A.A. 2003-2004

GUIDA BREVE DI FACOLTA - CORSI DI LAUREA IN FISICA A.A. 2003-2004 GUIDA BREVE DI FACOLTA - CORSI DI LAUREA IN FISICA A.A. 2003-2004 Nell A.A. 2003/2004 viene attivato presso la Facolta di Scienze il Corso di Laurea Triennale in Fisica, al quale è possibile l iscrizione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata. Facoltà di Ingegneria

Università di Roma Tor Vergata. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Importanza dell orientamento Attivare/potenziare la capacità di scegliere efficientemente la futura attività professionale. Individuare le capacità

Dettagli

PLS Fisica Progetto Lauree Scientifiche

PLS Fisica Progetto Lauree Scientifiche Università di Palermo PLS Fisica Progetto Lauree Scientifiche Corsi di Laurea in Fisica Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Palermo 1 Laurea triennale in Scienze

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

Corso di Laurea in Fisica

Corso di Laurea in Fisica OBIETTIVI FORMATIVI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra M. Melloni Corso di Laurea in Fisica Laurea di I livello nella Classe L-30 Scienze e Tecnologie Fisiche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001/2002 Corso di laurea in MATEMATICA APPLICATA Classe 32 : Scienze Matematiche NUOVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Le novità contenute

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE INDICE TITOLO

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in Fisica LM-17 Fisica Physics REGOLAMENTO DIDATTICO ANNO ACCADEMICO 2011/2012 Presentazione

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del corso...1 2. Risultati di apprendimento

Dettagli

UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Regolamento didattico del Corso di Laurea di I livello in OTTICA e OPTOMETRIA Il Regolamento Didattico specifica gli aspetti

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Ingegneria

Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Ingegneria Obiettivi didattici INGEGNERIA MECCANICA La conoscenza della matematica, dell'informatica e delle scienze

Dettagli

1. Obiettivi Formativi

1. Obiettivi Formativi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro Manifesto degli studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno Classe delle Lauree n. L-31 Scienze e tecnologie informatiche LAUREA IN: INFORMATICA E COMUNICAZIONE

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU www.unipegasotrapani.it ECONOMIA AZIENDALE L-18 triennale 180 CFU Facoltà di Giurisprudenza OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI Il corso di laurea in Economia

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Fisica

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Fisica Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Fisica L-30 3 anni sede: Camerino via Madonna delle Carceri 9 crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.it www.sst.unicam.it/sst Presentazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LM-11

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

Facoltà di INGEGNERIA

Facoltà di INGEGNERIA UNVERSTÀ D ROMA LA SAPENZA Facoltà di NGEGNERA Regolamento Didattico del Corso di Laurea in NGEGNERA MECCANCA Sede di Roma Appartenente alla classe n 10 (ngegneria ndustriale) 1. Obiettivi formativi Nell

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRONICA, CHIMICA E INGEGNERIA

Dettagli

Manifesto degli Studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno

Manifesto degli Studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO Manifesto degli Studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno Classe delle Lauree n. L-31 Scienze e tecnologie informatiche LAUREA IN: INFORMATICA sede di Brindisi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. COMO Matematica Corsi di laurea in: MATEMATICA - triennale (Classe n. 32 Scienze Matematiche) MATEMATICA - specialistica (Classe n. 45/S Matematica) Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA IN TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI (43 - Classe delle Lauree

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea classe L-9 in Ingegneria Industriale conforme al D.M. 270

Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea classe L-9 in Ingegneria Industriale conforme al D.M. 270 Denominazione del corso di studio: Ingegneria Industriale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea classe L-9 in Ingegneria Industriale conforme al D.M. 270 Classe di appartenenza: Ingegneria industriale

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali di Laurea in Scienze e Tecnologie dell Informazione Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Studio in. INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como. Corso di Laurea (L)

Regolamento Didattico del Corso di Studio in. INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como. Corso di Laurea (L) POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dell'informazione V Facoltà di Ingegneria ANNO ACCADEMICO 2003/2004 Regolamento Didattico del Corso di Studio in INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como Corso di

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe L9 Ingegneria Industriale Ordine degli Studi 2014/2015 Anni attivati I, II e III Obiettivi formativi specifici Nell ambito degli

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali.

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali. Indirizzi Laurea Magistrale in Matematica INDIRIZZO di LOGICA MATEMATICA L indirizzo logico si propone un duplice obiettivo: 1) la formazione di un laureato in grado di affrontare problemi di natura combinatoriale,

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Scienza dei Materiali. Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici del corso...2 2.

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica dell Atmosfera e Meteorologia Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE CLASSE DELLE LAUREE TRIENNALI IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE (CLASSE N. 9) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza - Prerequisiti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE (CLASSE N. 35/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Dettagli

I NUOVI ISTITUTI TECNICI

I NUOVI ISTITUTI TECNICI Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Tecnologico Ettore Molinari Via Crescenzago, 110/108-20132 Milano - Italia tel.: (02) 28.20.786/ 28.20.868 - fax: (02) 28.20.903/26.11.69.47 Sito

Dettagli

Ingegneria Meccanica

Ingegneria Meccanica Ingegneria Meccanica (Classe L-9 Ingegneria Industriale) Presentazione alla matricole Prof. Gian Luca Garagnani Presidente CUCdL Area Industriale Sommario Presentazione piano di studio Come studiare a

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali. LAUREA IN Informatica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali. LAUREA IN Informatica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA IN Informatica REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea di primo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà di Ingegneria Anno Accademico 2007/2008

Dettagli

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE 1. Denominazione del corso di studi Scienze psicologiche 2. Classe di appartenenza

Dettagli

A cura prof.ssa Brunella Pellegrini 1

A cura prof.ssa Brunella Pellegrini 1 A cura prof.ssa Brunella Pellegrini 1 SPECIALIZZAZIONI ITIS ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI LICEO SCIENTIFICO TECNOLOGICO ITIS - QUADRO ORARIO ITIS La specializzazione di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI (CLASSE N. 30/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza 1. E istituito presso la Facoltà

Dettagli

Perché studiare Fisica?

Perché studiare Fisica? Perché studiare Fisica? per descrivere e comprendere i fenomeni naturali per contribuire al progresso tecnologico per migliorare la qualità della vita Laurea di I livello Fisica Generale Tecnologie Fisiche

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA (LAUREA DI PRIMO LIVELLO) MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2007-2008

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA (LAUREA DI PRIMO LIVELLO) MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2007-2008 UNIVERSITA DEL SALENTO FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA (LAUREA DI PRIMO LIVELLO) MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2007-2008 Nel seguito saranno

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso di Laurea in Chimica,

Dettagli

Classe delle lauree in Ingegneria Industriale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE

Classe delle lauree in Ingegneria Industriale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE 54 Classe delle lauree in Ingegneria Industriale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE Referente del Corso di Laurea Prof. Mario Tucci e-mail mario.tucci@unifi.it, tel 055/479708, http://www.gestionale.unifi.it

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN FISICA

CORSO DI LAUREA IN FISICA Università degli Studi di Trieste MANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA IN FISICA A.A. 2015-201 Classe L-30 Scienze e Tecnologie Fisiche (D.M. 270/04) INDICE: PREMESSA 1. TITOLI ACCADEMICI 2. PRESENTAZIONE

Dettagli

f a c o l t à d i INGEGNERIA

f a c o l t à d i INGEGNERIA f a c o l t à d i INGEGNERIA UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 60131 Tel. 071 2204778 INGEGNERIA Per informazioni più approfondite relative alla didattica dei singoli

Dettagli

Allegato B1. Descrizione del percorso di formazione: Curricula e Piani di Studio

Allegato B1. Descrizione del percorso di formazione: Curricula e Piani di Studio Allegato B1 Descrizione del percorso di formazione: Curricula e Piani di Studio L offerta didattica della Laurea Magistrale Interateneo in Fisica prevede 5 curricula con i relativi piani di studio. Taluni

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Biologia Agro-alimentare e della Nutrizione Facoltà di Scienze mm. ff. nn Classe 6/S delle Lauree Specialistiche in Biologia Art. 1 Definizioni

Dettagli

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA (FIRST LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING) Denominazione e classe di appartenenza È

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016

Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016 Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016 Indice: Premessa, Borse di studio, Internazionalizzazione 1) Titoli accademici 2) Requisiti di ammissione 3) Periodo

Dettagli

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2004/2005 Corso di laurea specialistica in Economia e Commercio Corso di laurea specialistica in Economia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2014-2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2014-2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2014-2015 Classe delle Lauree n. L-31 Scienze e tecnologie informatiche LAUREA IN: INFORMATICA E COMUNICAZIONE DIGITALE, a.a. 2014-2015 Per il

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO. UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA. Classe 32

REGOLAMENTO DIDATTICO. UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA. Classe 32 REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Classe 32 Art. 1 - Denominazione e classe di appartenenza E` istituito presso l'università degli Studi di

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Laurea di primo livello Classe L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche (studenti immatricolati negli

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM-6 FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN.

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM-6 FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN. MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM- FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN. 1.ASPETTI GENERALI Il Corso di Laurea Magistrale in Biologia Cellulare

Dettagli

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (FIRST LEVEL DEGREE IN INDUSTRIAL AND MANAGEMENT ENGINEERING) Denominazione e classe di

Dettagli

INGEGNERIA CHIMICA 1 Sede di Milano - Leonardo

INGEGNERIA CHIMICA 1 Sede di Milano - Leonardo POLITECNICO DI MILANO 2002/2003 III Facoltà di Ingegneria di Milano - Leonardo ANNO ACCADEMICO 2002/2003 Regolamenti Didattici dei Corsi di Studio in INGEGNERIA CHIMICA 1 Sede di Milano - Leonardo Corso

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni L-35 3 anni sede UNICAM: Camerino crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.mat.it www.sst.unicam.it/sst/ Presentazione

Dettagli

Sede: Dipartimento di Fisica, via Madonna delle Carceri 9, tel (+39) 0737 402529, fax (+39) 0737 402853

Sede: Dipartimento di Fisica, via Madonna delle Carceri 9, tel (+39) 0737 402529, fax (+39) 0737 402853 Classe: 25 - Scienze e Tecnologie Fisiche Sede: Dipartimento di Fisica, via Madonna delle Carceri 9, tel (+39) 0737 402529, fax (+39) 0737 402853 Indirizzo Internet di riferimento: https://didattica.unicam.it/esse3/corsodistudio.do?cod_lingua=ita&cds_id=67

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio ART. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento s intende:

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Classe di appartenenza: L-9 Ingegneria Industriale Management Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO (modificato

Dettagli

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione Sommario Caratteri e finalità del corso Obiettivi formativi p. 3 Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4 Ambiti professionali tipici p. 4 Prospettive formative successive p. 4 Quadro

Dettagli

(AA 2007/2008) 180 CFU

(AA 2007/2008) 180 CFU (AA 007/008) Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia (abilitante alla professione sanitaria di tecnico di radiologia medica) Classe delle lauree in professioni sanitarie

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe L9 Ingegneria Industriale Ordine degli Studi 2009/2010 Anni attivati I, II III Obiettivi formativi specifici Nell ambito degli obiettivi

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI BIOSCIENZE CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE LAUREA MAGISTRALE CLASSE LM-6 BIOLOGIA ANNO ACCADEMICO 2015-2016 OBIETTIVI FORMATIVI Obiettivi formativi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti Allegato n. 7 Offerta formativa secondo gli ordinamenti preesistenti L'Istituto C. Rosatelli fornisce per gli studenti iscritti nelle classi 5 e i seguenti diplomi: Diploma di Perito industriale L ITIS

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INFORMATICA Classe LM-18 Informatica 1. ASPETTI GENERALI La durata normale del Corso di Laurea Magistrale in Informatica è di due anni. Lo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO CLASSE DI APPARTENENZA Il Corso di Studio appartiene alla Classe n. 28/S, lauree specialistiche in INGEGNERIA CIVILE,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Scienze. Facoltà di. Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512

Scienze. Facoltà di. Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512 Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512 Facoltà di Scienze Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE BIOLOGICHE SCIENZE DEL CONTROLLO AMBIENTALE E DELLA PROTEZIONE CIVILE Corsi di Laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

Regolamento Didattico. Corso di Laurea Magistrale Interateneo (Università del Sannio e Università Federico II di Napoli) in Ingegneria Energetica

Regolamento Didattico. Corso di Laurea Magistrale Interateneo (Università del Sannio e Università Federico II di Napoli) in Ingegneria Energetica Regolamento Didattico Corso di Laurea Magistrale Interateneo (Università del Sannio e Università Federico II di Napoli) in Ingegneria Energetica Sede amministrativa: Università degli Studi del Sannio ART.

Dettagli

quarto ciclo di incontri per conoscere le professioni

quarto ciclo di incontri per conoscere le professioni COSTRUIRE IL FUTURO: PROFESSIONI E INNOVAZIONE quarto ciclo di incontri per conoscere le professioni Il mondo della STATISTICA: 30 novembre 2007 A cura di Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 *8,'$'(//2678'(17( &256,',/$85($

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 *8,'$'(//2678'(17( &256,',/$85($ 81,9(56,7$'(*/,678',',1$32/,)('(5,&2,, )$&2/7$',,1*(*1(5,$ ANNO ACCADEMICO 2007/2008 *8,'$'(//2678'(17( &256,',/$85($ (Ai sensi del D.M. n.509 del 3 novembre 1999, del D.M. del 4 agosto 2000, del Regolamento

Dettagli

Manifesto degli Studi a.a. 2013/2014. Corso di Laurea in Fisica Classe L-30 delle Lauree in Scienze e Tecnologie Fisiche (DM 270 del 22/10/2004).

Manifesto degli Studi a.a. 2013/2014. Corso di Laurea in Fisica Classe L-30 delle Lauree in Scienze e Tecnologie Fisiche (DM 270 del 22/10/2004). Manifesto degli Studi a.a. 2013/2014 Corso di Laurea in Fisica Classe L-30 delle Lauree in Scienze e Tecnologie Fisiche (DM 270 del 22/10/2004). CORSO DI LAUREA IN FISICA Classe L-30 (D.M. 270 del 22/10/2004)

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2012-2013

FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2012-2013 FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2012-2013 Classe delle Lauree n. L-31 Scienze e tecnologie informatiche LAUREA IN: INFORMATICA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FISICA SPERIMENTALE - CLASSE 20/S FISICA

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FISICA SPERIMENTALE - CLASSE 20/S FISICA REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FISICA SPERIMENTALE - CLASSE 20/S FISICA Art. 1 Denominazione del Corso di Laurea e Classe d appartenenza 1. E istituito, presso l Università degli Studi

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Edile Classe di appartenenza: L-23 Scienze e tecniche dell edilizia Building Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO Emanato

Dettagli

Laurea in Fisica e sbocchi occupazionali

Laurea in Fisica e sbocchi occupazionali Laurea in Fisica e sbocchi occupazionali Slide 1 15 marzo 2005 Sommario Introduzione: il corso di studi in Fisica Alcuni risultati di recenti indagini sull' occupazione dei laureati Un'esperienza dal mondo

Dettagli

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S)

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE (SECOND LEVEL DEGREE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE Art. 1 - Denominazione e classe di appartenenza E` istituito presso l'università degli Studi di Torino il Corso di Laurea

Dettagli

U N I F E. http://www.unife.it/dipartimento/ingegneria. Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico

U N I F E. http://www.unife.it/dipartimento/ingegneria. Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico via Saragat 1 44122, Ferrara url:www.unife.it/dipartimento/ingegneria telefono: 0532.974800 Direttore: prof. Giorgio Vannini Offerta Formativa:

Dettagli