Maria Luisa Gentileschi Dimitri Pibiri* Dipartimento di Ricerche Economiche e Sociali dell'università di Cagliari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Maria Luisa Gentileschi Dimitri Pibiri* Dipartimento di Ricerche Economiche e Sociali dell'università di Cagliari"

Transcript

1 Maria Luisa Gentileschi Dimitri Pibiri* Dipartimento di Ricerche Economiche e Sociali dell'università di Cagliari Presenza comunitaria in Sardegna: le precondizioni per l'integrazione (Riprodotto da Immigrazione e multicultura nell Italia di oggi. Il territorio, i problemi, la didattica, a cura di Carlo Brusa, Milano, Franco Angeli, 1997, pp , per gentile concessione dell editore) 1. Le condizioni di arrivo Forse è il caso di preferire alla parola "migrazione" il termine di "presenza" straniera per indicare la mobilità con l'estero dei cittadini euro-comunitari. Se l'emigrante è colui che va a vivere sotto le leggi di un altro stato, questo è sempre meno vero per i cittadini UE che si spostano all'interno della Comunità. Le condizioni della mobilità sono tali da rendere difficile la disponibilità di dati statistici sufficientemente rappresentativi. Proprio perché soggetti a ben pochi obblighi, gli stranieri comunitari sono una collettività mal conosciuta. Per fare anzitutto un confronto con gli altri paesi membri, gli immigrati provenienti dalla Comunità erano, in Italia (al , Eurostat, Statistics in focus, 1995/3), , contro extracomunitari; l'italia era all'ottavo posto per i primi e al quinto per i secondi, ma a grande distanza rispetto ai paesi in testa (Germania, Francia, UK). Il rapporto comunitari/extracomunitari era di 1 a 3,8. I primi formavano lo 0,2% della popolazione residente, i secondi lo 0,7, proporzioni entrambe tra le più basse nell'ue. Nel trentennio , la presenza dei comunitari in Italia è prima salita, per poi discendere, a partire dal 1981, se si considerano solo i paesi firmatari del Trattato di Roma. Il paese quindi non si è dimostrato particolarmente attrattivo di flussi immigratori comunitari. Certamente, l'aumento del numero dei paesi membri ha comportato quello dei cittadini comunitari presenti in Italia, come negli altri paesi membri. Il totale degli stranieri del resto è stato per anni in continua ascesa, ma soprattutto a motivo della crescente presenza extracomunitaria. Il persistere di una certa emigrazione rende negativo il bilancio migratorio dell'italia con tutti gli altri paesi comunitari, tranne Grecia e Portogallo. I timori espressi più volte di un aumento eccessivo della mobilità interna nell'ue e in direzioni indesiderate, a seguito dell'attuarsi dei diritti di circolazione e di stabilimento, seguendo l'ipotesi che il clima e il contesto ambientale dell'europa del Sud si rivelassero attrattivi nei confronti degli abitanti del Centro-Nord, non hanno trovato conferma, almeno per l'italia. Dal censimento della popolazione del 1991 apprendiamo che su stranieri residenti in Italia 1, solo poco meno di erano cittadini dell'ue, uno contro 4,7. Oltre la * Mentre l ideazione della ricerca è stata condotta in comune, a Dimitri Pibiri si devono i paragrafi 1-3 e a Maria Luisa Gentileschi i paragrafi Gli stranieri censiti sono distinti in residenti e temporaneamente presenti. Per ottenere la residenza è necessario il possesso del permesso di soggiorno. 1

2 metà di tutti gli stranieri (52,0%) vive nel Nord, mentre il resto si divide tra il Centro (28,8%) e il Sud con le Isole (19,2%). La concentrazione dei comunitari nel Centro è più marcata, mentre nel Nord le due componenti sono quasi alla pari, con una leggera prevalenza di extracomunitari, che invece sono più numerosi nel Sud e nelle Isole. Con riferimento agli stranieri "soggiornanti" in Italia 2 (dati Ministero dell Interno), i provenienti dalla Comunità erano, al , , per circa il 63% da tre soli paesi (Germania, UK e Francia). 2. La presenza comunitaria in Sardegna Nel 1991 in Sardegna risiedevano stranieri, di cui comunitari (pari al 2,1% del totale dei comunitari residenti in Italia) e extracomunitari (pari all'1,4% di quelli residenti in Italia). Il rapporto comunitari/extracomunitari (29,3%) era il più elevato tra tutte le regioni del Centro-Sud, mentre al Nord era superato soltanto da Valle D'Aosta, Trentino-A.A. e Liguria. In valori assoluti, la Sardegna veniva al dodicesimo posto tra le regioni italiane per presenza di comunitari residenti, al diciassettesimo per gli extracomunitari. La presenza comunitaria registrava i valori più alti in Lombardia e nel Lazio, con un forte distacco dal gruppo successivo, e cioè da Toscana, Piemonte, Emilia-Romagna, Veneto e Sicilia. La Sardegna faceva parte di un terzo gruppo, ancora più indietro, insieme con le rimanenti regioni. Entrambe le due grandi isole - si badi bene - erano caratterizzate da una certa maggior presenza di comunitari, che in Sicilia peraltro si accompagnava a un numero pure elevato di extracomunitari (al sesto posto in Italia). Comprensibilmente quindi l'incidenza degli stranieri residenti sul totale dei residenti in Sardegna era appena al di sotto della media italiana per i comunitari (0,10 contro 0,13), mentre era meno della metà per gli extracomunitari (0,23 contro 0,50). Va sottolineato il fatto che - sempre per i comunitari - questa era la regione con il valore più elevato in Italia meridionale. Infine, l'aumento degli stranieri comunitari tra il 1981 e il 1991 è stato maggiore - in termini relativi - che a livello nazionale. Venendo ai dati sui soggiornanti 3, i comunitari in Sardegna erano al settembre Il ventaglio delle provenienze mostra una maggior concentrazione nei paesi membri ai primi tre posti, rispetto al dato nazionale (Germania, 31,2%, UK, 22,6% e Francia, 18,4%). La composizione per età segnala una debole presenza di individui oltre i 65 anni (il 4,5%). Il rapporto di mascolinità - a favore delle femmine - è più basso che a livello nazionale, specialmente per inglesi, irlandesi, spagnoli e francesi. Viceversa tra i greci i maschi sono più numerosi, a motivo della presenza studentesca. Tra femmine e maschi, lo scostamento è 2 Dietro presentazione del contratto di lavoro, i cittadini comunitari possono ottenere la carta di soggiorno valida per 5 anni e rinnovabile (l. 30 dicembre 1965, n. 1656). Dopo 4 anni di soggiorno possono chiedere la cittadinanza italiana e, se appartengono ad un Paese firmatario della Convenzione di Strasburgo del 1963, perdono la precedente cittadinanza. Se ottengono la cittadinanza italiana per matrimonio con un cittadino italiano - ne hanno diritto dopo 6 mesi - possono mantenere la doppia cittadinanza. In effetti in Sardegna la richiesta di ottenimento della cittadinanza italiana è - secondo informazioni fornite dalla Prefettura di Cagliari - un evenienza piuttosto rara. Il cittadino comunitario ha già il diritto di accedere ai servizi essenziali. La cittadinanza italiana apriva però la porta ai concorsi nel pubblico impiego, finora riservati ai cittadini italiani. Anche in questo campo si è ormai giunti all equiparazione, riconoscendo il diritto di ammissione ai cittadini UE. Risulta che siano soprattutto dei giovani a chiedere la cittadinanza. Secondo il Consolato tedesco di Cagliari il massimo dei soggiornanti tedeschi in Sardegna si sarebbe raggiunto a metà degli anni Ottanta, con un migliaio di persone, di cui il 45% nella provincia di Cagliari, altrettanto in quella di Sassari e il rimanente nelle altre due province. 3 I soggiornanti comprendono i titolari di permesso o di carta di soggiorno per motivi familiari, di lavoro, di studio o di residenza. 2

3 maggiore per la classe anni, in cui si raccoglie il 32,6% delle prime contro il 23,5% dei secondi. La frequenza con cui il lavoro straniero comunitario si concentra nell'interpretariato e nell'insegnamento spiega almeno in parte un tasso di mascolinità più basso di quello nazionale. Certamente a questo contribuisce anche la frequenza dei matrimoni misti tra uomini italiani e donne tedesche 4. I comunitari in Sardegna sono mediamente più giovani che in Italia, probabilmente in dipendenza del fatto che si tratta soprattutto di persone arrivate da poco tempo e ancora in età giovane. Numerosi i bambini per la presenza di molte giovani famiglie. La collettività più numerosa resta dunque quella tedesca, di 570 individui. Vale dunque la pena di riflettere sui motivi di questa maggior presenza comunitaria in Sardegna, visto che è relativamente consistente e in aumento. Evidenziamo anzitutto una schematizzazione della presumibile incidenza dei motivicondizioni possibili che facilitano l'arrivo e la permanenza: Condizioni di arrivo/inserimento dei cittadini stranieri secondo l intensità dell effetto Prossimità ai confini di Stato Stato confinante: Francia debole (Corsica) mercato del lavoro turismo, insegnamento lingue, discreto e in crescita segretariato qualità residenziale in genere elevata forte servizi ai residenti in genere qualità carente effetto negativo frequentazione precedente il militari Nato, turisti, studenti piuttosto forte trasferimento matrimoni misti emigrazione di ritorno, militari consistente La prossimità alla Corsica, per la scarsa densità di popolazione e la debole complementarità economica con la Sardegna, non provoca un alta intensità di scambi, per quanto i francesi siano più numerosi nella provincia di Sassari. Bassa è la mobilità per motivi di lavoro verso la Sardegna, il cui tasso di disoccupazione è tra i più alti in Europa. Maggiore è invece la frequentazione turistica che connette le due isole. La qualità residenziale in Sardegna è elevata per motivi climatici e ambientali, ma bassa per la carenza di servizi alle famiglie e di trasporti. I motivi di permanenza e integrazione sono solo in parte insiti nei processi di arrivo/sedentarizzazione, ai quali vanno aggiunte le condizioni locali, create dall'ambiente di vita e di lavoro, il quadro normativo regionale, nonché fattori di ordine generale, ai livelli dello Stato italiano e dell'ue. In un clima che concentra tutta l'attenzione sulle migrazioni di provenienza extracomunitaria, passa quasi sotto silenzio la situazione di continua violazione degli articoli 48 e 52 del Trattato di Roma, che sanciscono il diritto di libera circolazione dei lavoratori e di stabilimento. Dopo un carteggio intercorso tra Bruxelles e Roma sin dal 1992, è stata aperta una vera e propria procedura di infrazione nei confronti dell'italia. Si lamenta che il cittadino comunitario che chiede una carta di soggiorno o un libretto di lavoro venga assoggettato alle 4 I matrimoni dei militari Nato tedeschi con donne sarde sono attualmente una decina l anno e si concludono con la partenza della coppia. I militari tedeschi, circa 300 mediamente, sono per metà stabili, spesso accompagnati dalle famiglie, e per l altra metà ruotano con soggiorni di tre-quattro settimane. Questa circolazione ha effetti importanti anche sul turismo tedesco nell Isola. 3

4 stesse procedure dell'extracomunitario, per di più in mancanza del rispetto dei termini di rilascio indicati dalle norme UE. Nella provincia di Cagliari, secondo la Questura, tuttavia non risulterebbero problemi particolari. Un motivo di protesta forse più grave è la lentezza con cui si procede al riconoscimento degli studi effettuati all estero, per la valutazione dei curricula in corsi di studi successivi e dei titoli nei concorsi pubblici. 3. Lavoro e integrazione Le informazioni sull'attività lavorativa degli stranieri sono purtroppo disponibili solo in forma aggregata con tutti gli altri stranieri. Per i comunitari, tuttavia notiamo che il tasso di attività delle donne è generalmente alto e che le professioni del turismo, agenzie di viaggio, interpretariato, insegnamento, segreteria sono le più frequenti. Soltanto presso i CED (Centro Elaborazione Dati) di Cagliari e di Sassari è stato possibile avere la specificazione della professione dei residenti comunitari attivi, di cui oltre la metà è inserita nelle professioni liberali, tecniche, scientifiche e assimilate, tra i quali gli insegnanti sono la categoria più numerosa. Seguono le professioni amministrative e quelle inerenti al commercio e ai pubblici esercizi. Gli studenti universitari sono una settantina, soprattutto greci e tedeschi. Numerose le donne casalinghe, in genere coniugate con italiani. Pochi invece i pensionati. Non è molto comune la riflessione sul tema della concorrenza tra forze di lavoro locali ed esterne, che potrebbe esistere in campi quali l'insegnamento, l'interpretariato, il lavoro nel turismo, o in altre attività che si prestino ad un'organizzazione di lavoro a distanza, il cosiddetto telelavoro, e che potrebbero essere svolte convenientemente da stranieri residenti per parte del tempo in Sardegna. Il Trattato istitutivo della Comunità riconosceva la libertà di circolazione delle persone, ma limitatamente ai prestatori di lavoro subordinato e all'osservanza delle regole del paese di destinazione. La libertà di stabilimento, pure prevista nel Trattato, importa invece l'accesso alle attività non salariate, quindi l'esercizio delle professioni, sempre però attenendosi alle norme dello stato di destinazione. Non veniva invece contemplato il diritto di soggiorno per motivi diversi dal lavoro o per i cittadini non più attivi. Nuove disposizioni a favore di studenti e pensionati si sono quindi aggiunte in anni recenti, fino ad arrivare all'accordo di Schengen, il , sottoscritto ma non ancora ratificato dall'italia, nel quale si prevede l'abolizione dei controlli alle frontiere interne alla Comunità, a condizione di rafforzare quelli alle frontiere con i paesi terzi. Una nuova tappa dell'integrazione si raggiunge con il trattato di Maastricht, il , col quale si istituisce la cittadinanza dell'unione Europea, che comporta i diritti elettorali attivi e passivi. Il mutuo riconoscimento dei diplomi e altri titoli di studio e il diritto d'iscrizione agli albi professionali, indispensabili all effettiva realizzazione del diritto di stabilimento, rappresentano quindi la condizione necessaria alla totale equiparazione dei cittadini dei paesi membri. In Italia, l'obiettivo di una totale parificazione non è stato ancora conseguito: in anni recenti si sono aggiunte alle professioni già equiparate di medico, ostetrico, odontoiatra, veterinario, quelle di procuratore, avvocato e investigatore privato, ai cui albi il cittadino comunitario può ora chiedere l'iscrizione. Grosso modo, in Sardegna si direbbe che gli occupati comunitari non salariati siano rari, mentre dominano i salariati. Lo straniero comunitario rappresenta un concorrente temibile per i diplomati e laureati italiani, i quali si trovano a competere con persone che conoscono bene lingue straniere che 4

5 sono importanti strumenti di lavoro. La stessa qualità della specializzazione professionale conseguita potrebbe dimostrarsi più avanzata presso inglesi, tedeschi e francesi. In un comparto di grande richiamo quale il turismo tale competizione sarà dura, per i giovani sardi. In Sardegna infatti sono stati appena avviati i corsi di formazione specializzati: l'università di Sassari ha istituito l'indirizzo di Economia del turismo della Facoltà di Economia e quella di Cagliari aprirà presto a Oristano il DU Economia e Gestione dei Servizi Turistici; non ci sono ITC per il turismo, salvo uno privato; esistono appena tre scuole alberghiere e infine non ci sono corsi pubblici di interpretariato. A livello nazionale poi, non sono ancora definiti tutti i curricula delle diverse figure professionali e quindi resta parzialmente inapplicata l'equiparazione dei titoli. La concorrenza nel lavoro è piuttosto sentita, in Sardegna, nei confronti degli immigrati extracomunitari, a livello del commercio ambulante e dell'edilizia, cosa che ha dato luogo ad un contenzioso molto dibattuto soprattutto negli anni Ottanta e i primi anni Novanta, quando un gruppo politico si fece sostenitore delle proteste delle categorie danneggiate, soprattutto i commercianti. Verso i comunitari invece non trova esplicitazione, per il momento, la preoccupazione di una concorrenza che andrebbe comunque a stabilirsi tra ceti e classi socioprofessionali assai diverse da quelle i cui interessi confliggono con quelli dei lavoratori extracomunitari. 4. La residenza: una distribuzione che attenua le differenze città/campagna Tra le quattro province sarde, sono Cagliari e Sassari a spartirsi, in proporzioni quasi uguali, sia i comunitari che gli extracomunitari residenti; poco resta alle altre. La provincia di Sassari presenta un rapporto particolarmente alto dei comunitari sulla popolazione residente, con un valore (0,49%) addirittura superiore alla media italiana. La base militare di Decimomannu presso Cagliari, il lavoro nel turismo, assai diffuso nel Sassarese, l'insegnamento delle lingue e il richiamo rappresentato dalle università sembrano spiegazioni sufficienti. La tendenza insediativa straniera in Italia notoriamente privilegia le città oltre i ab. Come si evince anche dalla distribuzione per provincia, pure in Sardegna le due città (Cagliari e Sassari) che superano questa soglia concentrano nei propri comuni una quota elevata di stranieri: vi si trovava, nel 1991, il 26% di tutti gli stranieri comunitari ed extracomunitari residenti nella Regione (931 a Cagliari, 572 a Sassari) ma solo il 18% dei sardi. La classe in cui gli stranieri erano più concentrati era però quella di ab., che comprendeva un unico comune, Olbia, con 572 stranieri, il portale d ingresso dei turisti. Le principali aree urbane sono anche il luogo di concentrazione degli extracomunitari (Bottazzi et al., 1988), in parte raccolti nelle case non restaurate del centro storico e in parte sparsi nei paesi vicini. L'aggregazione dei dati Istat - non risolvibile anche a motivo del "segreto statistico" che impedisce di conoscere i piccoli numeri di una distribuzione assai dispersa - non consente purtroppo di ricostruire la distribuzione nei comuni minori e non è stato possibile avere dati dal Ministero dell Interno sulla distribuzione dei cittadini comunitari: grosso modo, si può dire che le classi tra i e i ab. ne raccolgono una quota importante (quasi il 35%), ma molto simile a quella dei sardi. In proporzione ai residenti delle diverse fasce, sono i piccoli comuni sotto i ab. ad avere presenze meno numerose. Dati vicarianti recuperati attraverso richieste di informazioni agli uffici anagrafe e ricerca dei cognomi stranieri negli elenchi telefonici consentono di farsi un'idea della distribuzione minuta: sono soprattutto i 5

6 comuni costieri turistici quelli che hanno il maggior numero di stranieri: Palau (204 stranieri su ab.) detiene il primato del rapporto stranieri/residenti, seguito da San Teodoro, Olbia, Arzachena, Santa Teresa Gallura. La collocazione di questi comuni nel settore nord-orientale dell'isola, dove sono gli insediamenti turistici destinati al turismo internazionale più ricco, la dice lunga. Viceversa, i comuni nei quali si sono avuti, in Sardegna, interventi di sviluppo industriale/portuale, non registrano una presenza straniera di rilievo. Gli stranieri arrivati nella fase di costruzione e avvio sono poi ripartiti 5. Il comune di Cagliari ha stranieri residenti, di cui 461 dell'ue (CED del Comune, ). I più numerosi sono i tedeschi, seguiti dai greci, tra i quali è alto il numero degli iscritti alla Facoltà di Medicina. Lo straniero comunitario preferisce abitare spazi suburbani o anche rurali, ma prossimi alle città e presso il mare, in villaggi turistici, sia con contratti stagionali, sia permanenti. Contribuisce pertanto al popolamento della costa, nelle frange urbane, nelle "marine". Presso Cagliari, numerosi stranieri abitano in località come Frutti d'oro, Poggio dei Pini, Torre degli Ulivi, nel comune di Capoterra, Torre delle Stelle, in quello di Sìnnai, Margine Rosso e Capitana in quello di Quartu Sant Elena. Si tratta di località periurbane residenziali, abbastanza ben collegate da trasporti pubblici e dotate dei servizi essenziali, tutte assai vicine al mare. Tra i comuni turistici dove la presenza straniera è elevata, vale la pena di fermarsi su San Teodoro, circa ab., a 25 km a sud di Olbia. Il 3,1% dei residenti possiede una cittadinanza straniera, 95 persone, di cui poco più della metà comunitari, con netta prevalenza di tedeschi. Il 22% ha più di 65 anni, con una presenza di anziani quindi sensibile. Vi sono numerosi pensionati e casalinghe, ma anche intellettuali, artisti, scrittori. A San Teodoro, i primi investimenti turistici, risalenti agli anni 70, sono partiti dall'iniziativa di due promotori immobiliari che acquistarono terreni, in seguito lottizzati, sui quali si formò il primo insediamento turistico, quello di Cala Stella e di Porto Taverna. Seguì un'analoga iniziativa di un cittadino svizzero. I connazionali di questi pionieri dimostrarono interesse all'acquisto, dando il via ad una concentrazione soprattutto di lingua tedesca. Significativa è la preferenza di questi stranieri per una tipologia abitativa dispersa, parzialmente ereditata dalla società pastorale preesistente, che basava lavoro e abitazione su stazzi isolati o a piccoli gruppi. Un confronto con le aree di arrivo degli stranieri in passato ci dice che nell'ottocento la presenza forestiera e straniera si concentrava nelle aree minerarie, poi, nel secondo dopoguerra, nei poli industriali nascenti. Negli ultimi anni si è affermata la tendenza a stabilirsi nelle città e nelle aree periurbane di qualità più elevata e sempre più spesso nei comuni turistici. 5. Le occasioni e gli strumenti dell'integrazione a) L'associazionismo e la cultura L insegnamento delle lingue straniere è senz altro il settore che più facilita l arrivo, l insediamento e la fissazione dei giovani stranieri, a motivo della crescente domanda di apprendimento. Il legame tra associazioni culturali e insegnamento è stretto: l ACIT, associazione culturale tedesca fondata nel 1993, ad esempio, organizza corsi, conferenze, 5 Una certa presenza tedesca si fa avanti nell industria estrattiva: Giba, Orani, Macomer sono state interessate da apertura di imprese tedesche del settore. 6

7 rassegne. I circa 30 insegnanti che le ruotano intorno, piuttosto giovani, vivono qui la maggior parte dell anno, tornando nel proprio paese per le vacanze. Il tasso di rotazione sembra al momento piuttosto basso. Altre associazioni similari riguardano la lingua inglese, la francese e la spagnola. Mentre queste associazioni sono miste, raccolgono cioè sia italiani sia stranieri, il Club tedesco è invece per soli tedeschi, soprattutto militari Nato e familiari. Un associazione plurinazionale è il Circolo Europeo della Sardegna, che esiste dal 1995, la cui lingua d uso è l'italiano, con sedi a Cagliari e in Gallura. b) I matrimoni misti Il matrimonio misto "può essere assunto come l'indicatore sociale più significativo del grado di integrazione delle comunità immigrate o dell'esistenza di atteggiamenti discriminatori nei loro confronti" (Gatti, 1991). I matrimoni misti celebrati in Sardegna sono stati esaminati, per il periodo e limitatamente ai quattro capoluoghi provinciali sardi. Il loro numero è assai basso in rapporto al totale dei matrimoni (l'1,7% a Cagliari e a Nuoro, l'1% a Sassari e ancor meno a Oristano). L'incidenza è più bassa che nell'insieme dell'italia, paese in cui si è molto al di sotto dei valori registrati in Francia e in Germania. Tra i matrimoni celebrati in Sardegna, predominano i coniugi provenienti da paesi dell'europa occidentale, anzitutto dalla Germania e poi dalla Francia. Anche i matrimoni misti celebrati all'estero sono un'importante via d'ingresso di stranieri in Sardegna, soprattutto di giovani donne. A questo fenomeno si deve la presenza non trascurabile di straniere in non pochi paesi del Nuorese: i villaggi di Lei, Osidda, Sàdali, Tonara, stando agli uffici anagrafici comunali, fanno registrare percentuali di presenza superiori alla media regionale. Questi matrimoni riguardano in gran numero gli emigrati di ritorno dalla Germania, poiché verso questo paese si è avuto il flusso emigratorio più numeroso a partire dagli anni Cinquanta. Ad Oristano, dove sono stati celebrati solo 6 matrimoni misti, risultano, tra il 1984 e il 1989, 51 trascrizioni di matrimoni misti contratti altrove. Altre ragioni di matrimoni misti di questo gruppo sono poi la presenza in Sardegna di militari tedeschi e il turismo proveniente dalla Germania (Gatti, 1991). c) Gli studi universitari Le città sedi universitarie, Cagliari e Sassari, con la presenza di studenti stranieri, vedono una certa frequenza di matrimoni interetnici, in prevalenza iraniani a Sassari e giordani a Cagliari (Gatti, 1991). Sembra si possa confermare anche nel caso sardo che siano gli ambienti intellettuale da un lato (studenti, artisti, professionisti) e operaio dall'altro (operai emigrati), i più aperti a questa forma di integrazione (cfr. Bensimon e Lautman, 1974). La presenza di studenti stranieri è andata peraltro diminuendo: nell anno nell ateneo cagliaritano erano iscritti circa 300 stranieri e in quello sassarese circa 150 (anno ). Nel ne risultano iscritti rispettivamente appena 136 e 97. d) Le iniziative delle autorità civili e militari La stampa sarda dà spesso notizia di iniziative volte a mantenere buoni rapporti tra la collettività straniera e la popolazione locale. La raccolta del sangue per i microcitemici tra i militari, i concerti di bande militari, l'associazionismo misto e le iniziative culturali dei gruppi 7

8 stranieri, comunitari e non, ricevono il supporto delle istituzioni civili e militari e costituiscono occasione di avvicinamento e approfondimento culturale. 6. Conclusioni Allo stato attuale dello studio, il quadro distributivo della presenza comunitaria in Sardegna è ancora troppo vago per poter valutare il ruolo dei diversi fattori di arrivo e di stabilizzazione/integrazione. Si possono soltanto fare alcune ipotesi di larga massima, la cui conferma si baserà su un attento monitoraggio di una corrente in arrivo destinata ad accrescersi. Al geografo interessa valutare se e come alcuni aspetti geografici mutino le condizioni d'integrazione: i canali d'ingresso, la distribuzione - di primo arrivo e la successiva ridistribuzione - i rapporti di lavoro e l'ambiente di residenza. In confronto ai vecchi "canali d'ingresso" (a parte viaggiatori e studiosi, vanno ricordati l'industria mineraria, le altre industrie, il commercio, la costruzione di grandi opere come le ferrovie, le bonifiche, le dighe), si assiste negli ultimi tempi all'entrata in funzione di nuove filiere: il turismo, sia come frequentazione precedente al trasferimento, sia come area d'affari e di lavoro, le basi militari, lo studio universitario e in genere lo studio delle lingue, i quali conducono gli stranieri in luoghi ben definiti dell'isola, principalmente contrassegnati in senso urbano/turistico. Nella prima sistemazione si può dire che predomini largamente la scelta individuale. I comunitari non sono coinvolti in operazioni "ufficiali" di collocazione, come le recenti distribuzioni dei profughi dall'europa orientali, o prima ancora le assegnazioni di terre agli italiani espulsi dal Nordafrica. Le basi militari tuttavia rappresentano un meccanismo di tipo "autoritario" di destinazione dei nuovi arrivi, ma danno luogo ad un numero ridotto di presenze stabili. Pertanto, gli stranieri comunitari, essendo più liberi degli altri, almeno, nella generalità, di dirigersi verso sedi di propria scelta e provvisti di una maggiore capacità di spesa, hanno migliori premesse di stabilità. Gli extracomunitari sono in buona parte legati alla presenza in loco di connazionali, oppure si dirigono verso i centri di prima accoglienza, o sono costretti a contentarsi dell offerta di case in cattive condizioni. Gli albanesi e i bosniaci sono stati indirizzati secondo certi criteri dal Ministero dell'interno, con l'occhio alle strutture di accoglienza o alla disponibilità manifestata dalle amministrazioni comunali, da religiosi o da associazioni umanitarie. Alcuni tipi di lavoro comportano oggi una minor presenza di stranieri, un tempo ricercati per le competenze specifiche possedute, come avvenne, per esempio al momento della realizzazione degli stabilimenti del polo industriale di Portoscuso. Le miniere solo raramente comportano l'arrivo di stranieri: a Silius, dal 1966, lavora un gruppo di operai polacchi, dipendenti dell'impresa Kopex. Il loro numero è disceso da un massimo di 118 a circa 15. Le famiglie non li accompagnano e pertanto non risulta che qualcuno abbia fissato in Sardegna la propria residenza in maniera stabile. Per i tedeschi, da una decina d anni il turismo e la successiva residenza sembrano la filiera dominante. Non per niente la loro presenza si riscontra spesso nelle località di recente crescita turistica, come Chia, Torre di Barì, San Teodoro. La presenza nel comparto turistico è legata ai tempi della crescita del turismo internazionale. Pioniere del turismo anglosassone, come numero di residenti stranieri il comune di Alghero aveva già molti anni addietro una qualche rilevanza: nel 1981, su 61 residenti stranieri registrati all'anagrafe - arrivati soprattutto negli anni Settanta - un terzo erano inglesi. Tra loro dominavano le professioni del settore ricettivo, della comunicazione e 8

9 dell'insegnamento. Alla fine del 1995, gli stranieri erano 420, però soprattutto senegalesi, seguiti da tedeschi, inglesi e francesi. La presenza comunitaria in Sardegna, elevata nel periodo estivo (mediamente, negli ultimi anni visitatori per 7 milioni di notti l'anno) e nell'ambito militare, è peraltro da considerarsi bassa al livello di stabilizzazione e radicamento. Va comunque fatto notare che il primo tipo di frequentazione è piuttosto recente. La presenza militare straniera, nelle tre importanti basi di Decimomannu-Capo Frasca, Perdasdefogu-Quirra e La Maddalena, risale invece ad anni lontani (la loro apertura inizia negli anni Sessanta, cfr. Macciotta, 1982) ma le sue caratteristiche di separatezza e temporaneità accentuate, non favoriscono la stabilizzazione. Va detto che gli stessi extracomunitari non sono granché numerosi, nonostante l'isola, direttamente collegata con l'africa attraverso la linea di navigazione Cagliari-Trapani-Tunisi, si presti geograficamente ad essere una porta d ingresso del flusso nordafricano. E' possibile che motivi specifici agiscano sul potenziale immigrato comunitario: anzitutto la scarsità di occasioni di lavoro attrattive per i flussi comunitari. Inoltre, la lentezza con cui procede il riconoscimento dei titoli di studio rallenta l'inserimento dei laureati e diplomati nel pubblico impiego. Per gli studenti universitari, le difficoltà del mercato di lavoro locale, una volta terminati gli studi, e l introduzione del numero chiuso in alcuni corsi di laurea. Alcuni motivi psico-sociali presenti nella popolazione di accoglimento sono probabilmente poco propizi ad un incremento della popolazione euro-occidentale: l'appartenenza della componente germanica alle forze armate Nato non è molto favorevole, laddove le servitù militari vengono considerate troppo pesanti. La propensione all'investimento di tipo speculativo effettuata già dagli anni Cinquanta da promotori europei sulle coste ha diffuso, in una parte dei sardi, un disappunto che si ripresenta di fronte all'acquisto di immobili da parte di non-sardi, specie se lungo le coste. Da parte degli stranieri, ha un peso negativo lo scarto qualitativo dei servizi locali (sanità, trasporto, distribuzione), rispetto al paese di provenienza. Infine, l'elevato costo dei trasporti, dove il residente non gode più di alcuna riduzione sul prezzo del biglietto sia aereo sia marittimo, è un fattore disincentivante non trascurabile. Va peraltro notato che l'avvio di collegamenti aerei non solo stagionali (dal 1994, Lufthansa) con scali tedeschi non potrà che intensificare la frequentazione dell'isola. Anche in Sardegna naturalmente si parla di coinvolgimento in nuovi stili di telelavoro, resi possibili da attrezzature non solo individuali, ma estese a interi insediamenti, così rivalutando il valore insediativo delle coste sarde agli occhi di varie categorie di attivi in lavori intellettuali 6. A fronte di questi aspetti negativi sta la qualità ambientale elevata - di cui il clima è una componente di prima fila - una precondizione che potrà forse agire nel tempo, portando l'attuale turista, specialmente se proprietario di una seconda casa, a programmare un possibile trasferimento di residenza una volta conclusa la vita attiva. Anche tra gli stranieri i flussi residenziali si alimentano con una sorta di catena di richiamo, costituita dai militari Nato, dalle scuole di lingue straniere, dai coniugi stranieri dei cittadini sardi, e, non da ultimo, dalle speculazioni immobiliari avviate da stranieri negli anni Cinquanta e Sessanta (svizzeri, tedeschi, belgi). 6 Oltre al caso internazionalmente noto di Telluride, Colorado, per l Italia si richiama l'esempio di Colletta di Castelbianco, un villaggio dell'entroterra ligure, dove sono state ricavate 65 unità abitative, provviste di connessioni telematiche per il lavoro informatizzato a distanza, attraverso un impianto di cablaggio a banda larga. In Sardegna si verifica già qualche caso di telelavoro, persino di tipo dirigenziale, basato su un genere di vita multilocality. 9

10 Come dobbiamo valutare l effetto di questa presenza, che potrebbe farsi più importante? Un afflusso di una popolazione di buon livello qualitativo, sia per istruzione/formazione sia per capacità di consumo, va considerata in ogni caso un arricchimento per la Regione. Si tratta poi di famiglie giovani, molte con bambini. L'afflusso di anziani in cerca di residenze climaticamente favorite (tipo Côte d'azur e Liguria), ora appena agli inizi, è poi destinato a crescere con la realizzazione di villaggi per anziani, in progetto a sud di Olbia e a Capoterra presso Cagliari. In funzione del riequilibrio abitativo e produttivo, il quadro che si profila non è interamente positivo: il fatto che gli stranieri vadano ad accrescere la popolazione dei comuni costieri è certo fonte di ulteriore appesantimento della presenza umana in questa fascia. Tuttavia si tratta pur sempre di residenti, vale a dire di persone presenti se non tutto, gran parte dell'anno. Quindi essi - come i residenti italiani e sardi - sono un correttivo dell'alto grado di stagionalità d'uso degli insediamenti costieri. Il deprecato aumento delle costruzioni sulla fascia costiera, certo una risposta alla domanda straniera o italiana, ha in realtà una causa politica, essendo legato all'incapacità delle autorità locali e regionali di controllare con fermezza l'attuazione delle recenti leggi urbanistico-ambientali e alla difficoltà di sviluppare comparti di lavoro altri da quelli che ruotano intorno all'edilizia. La pressione locale per sviluppare le risorse turistiche ed edificare laddove si presenta una domanda è purtroppo dura da contrastare in quanto nasce da un'alta disoccupazione e dalle difficoltà economiche. In definitiva, l'insediamento comunitario presenta in Sardegna una controtendenza rispetto all'italia nell'insieme: esso è infatti più alto nelle regioni più sviluppate e si attenua nel Centro, eccetto la Toscana e Roma. Si può senz'altro affermare che le occupazioni turistiche e - in prospettiva la qualità residenziale - sono le attrattive maggiori. La collettività comunitaria mostra caratteri di recente impianto, in accordo con lo sviluppo di posti di lavoro del terziario avanzato, con specializzazione nel turismo, trasporto e comunicazione, in definitiva nei comparti propri di una società urbana sempre più differenziata sotto l'aspetto dei consumi e dei modelli insediativi. L'impianto e l'integrazione dei membri di questa collettività, di buon livello quanto ad istruzione e potere di acquisto, non presentano ovviamente i problemi degli immigrati extracomunitari, con i noti rischi di emarginazione e sfruttamento. Il fenomeno resta comunque interessante come manifestazione di un mutato atteggiamento delle popolazioni centro- e nord-europee verso aree del Mediterraneo sinora quasi segregate rispetto ai grandi flussi di mobilità, salvo che nell'alimentare flussi in uscita a volte molto consistenti. Una presenza comunitaria stabile rappresenta un passo ulteriore verso l'integrazione europea, con l'intessere una rete di rapporti basata sulla conoscenza e sull'apprezzamento delle qualità dei luoghi e delle popolazioni. 10

11 Tabelle Tab. 1- Cittadini UE soggiornanti in Italia per nazionalità, sesso e rapporto di mascolinità (al ) Paese Maschi Femmine Totale Rapporto n. % n. % n. % mascolinità D , , ,5 70,8 UK , , ,6 74,2 F , , ,2 65,6 S , , ,7 51,7 GR , , ,6 142,8 NL , , ,9 73,9 P , , ,6 65,1 B , , ,2 72,6 IRL , , ,0 98,0 DK 848 1, , ,6 55,8 L 92 0, , ,1 86,8 Totale , , ,0 73,1 Fonte: Ministero dell Interno Tab. 2 - Cittadini UE in Sardegna per nazionalità, sesso e rapporto di mascolinità (al ) Maschi Maschi Femmine Totale Rapporto n. % n. % n. % mascolinità Germania , , ,2 71,2 UK , , ,6 34,4 Francia , , ,4 56,7 Spagna 36 5,1 89 7, ,8 40,4 Belgio 53 7,6 62 5, ,3 85,5 Paesi Bassi 42 6,0 57 5,0 99 5,4 73,7 Grecia 65 9,3 25 2,2 90 4,9 260,0 Portogallo 22 3,1 17 1,5 39 2,1 129,4 Irlanda 7 1,0 16 1,4 23 1,3 43,7 Danimarca 8 1,1 10 0,9 18 1,0 80,0 Lussemb. 1 0,1 0 0,0 1 0,0 0,0 Totale UE , , ,0 61,7 Fonte: Ministero dell Interno. Tab. 3 - Cittadini UE residenti a Cagliari, per nazionalità, sesso e rapporto di mascolinità (al ) Paese Maschi Femmine Totale Rapporto n. % n. % n. % Mascolinità Germania , , ,0 100 Grecia ,1 27 8, ,8 418 UK 39 11, , ,7 83 Francia 29 8, , ,0 56 Spagna 9 2,5 21 6,7 30 4,4 43 Olanda 15 4,2 15 4,8 30 4,4 100 Belgio 11 3,1 12 3,8 23 3,4 92 Irlanda 4 1,1 8 2,6 12 1,8 50 Danimarca 2 0,6 8 2,6 10 1,5 25 Portogallo 3 0,8 4 1,3 7 1,0 75 Lussemb. 0 0,0 0 0,0 0 0,0 0 Totale , , ,0 110 Fonte: CED Cagliari 11

12 Bibliografia Bensimon D., Lautman F., «Quelques aspects théoriques des recherches concernant les mariages mixtes», in Ethnies, 1974, pp Bottazzi G., Milani L., Puggioni G., La presenza straniera in Sardegna, in Annali della Facoltà di Scienze Politiche, 12, Cagliari, 1988, pp Corona R., I tedeschi a Cagliari. Dalle brume del nord al sole della Sardegna, in Almanacco di Cagliari, Cagliari, 1975, pp.2. Gatti A. M., Prime riflessioni sui matrimoni misti tra italiani e stranieri in Sardegna ( ), in Studi Emigrazione, Roma, n. 102, 1991, pp Gentileschi M. L., Presenza di cittadini stranieri in Sardegna, in Studi Emigrazione, Roma, n. 71, 1973, pp Macciotta G., Le servitù militari, in La Sardegna, (a cura di) M. Brigaglia, 2 vol., Della Torre, Cagliari, 1982, pp Pibiri D., I cittadini dell'unione Europea in Sardegna, Tesi di laurea della Facoltà di Scienze Politiche dell'università di Cagliari, a.a

13 13

14 Maria Luisa Gentileschi Dimitri Pibiri* Dipartimento di Ricerche Economiche e Sociali dell'università di Cagliari Presenza comunitaria in Sardegna: le precondizioni per l'integrazione (Riprodotto da Immigrazione e multicultura nell Italia di oggi. Il territorio, i problemi, la didattica, a cura di Carlo Brusa, Milano, Franco Angeli, 1997, pp , per gentile concessione dell editore) 1. Le condizioni di arrivo Forse è il caso di preferire alla parola "migrazione" il termine di "presenza" straniera per indicare la mobilità con l'estero dei cittadini euro-comunitari. Se l'emigrante è colui che va a vivere sotto le leggi di un altro stato, questo è sempre meno vero per i cittadini UE che si spostano all'interno della Comunità. Le condizioni della mobilità sono tali da rendere difficile la disponibilità di dati statistici sufficientemente rappresentativi. Proprio perché soggetti a ben pochi obblighi, gli stranieri comunitari sono una collettività mal conosciuta. Per fare anzitutto un confronto con gli altri paesi membri, gli immigrati provenienti dalla Comunità erano, in Italia (al , Eurostat, Statistics in focus, 1995/3), , contro extracomunitari; l'italia era all'ottavo posto per i primi e al quinto per i secondi, ma a grande distanza rispetto ai paesi in testa (Germania, Francia, UK). Il rapporto comunitari/extracomunitari era di 1 a 3,8. I primi formavano lo 0,2% della popolazione residente, i secondi lo 0,7, proporzioni entrambe tra le più basse nell'ue. Nel trentennio , la presenza dei comunitari in Italia è prima salita, per poi discendere, a partire dal 1981, se si considerano solo i paesi firmatari del Trattato di Roma. Il paese quindi non si è dimostrato particolarmente attrattivo di flussi immigratori comunitari. Certamente, l'aumento del numero dei paesi membri ha comportato quello dei cittadini comunitari presenti in Italia, come negli altri paesi membri. Il totale degli stranieri del resto è stato per anni in continua ascesa, ma soprattutto a motivo della crescente presenza extracomunitaria. Il persistere di una certa emigrazione rende negativo il bilancio migratorio dell'italia con tutti gli altri paesi comunitari, tranne Grecia e Portogallo. I timori espressi più volte di un aumento eccessivo della mobilità interna nell'ue e in direzioni indesiderate, a seguito dell'attuarsi dei diritti di circolazione e di stabilimento, seguendo l'ipotesi che il clima e il contesto ambientale dell'europa del Sud si rivelassero attrattivi nei confronti degli abitanti del Centro-Nord, non hanno trovato conferma, almeno per l'italia. Dal censimento della popolazione del 1991 apprendiamo che su stranieri residenti in Italia 1, solo poco meno di erano cittadini dell'ue, uno contro 4,7. Oltre la * Mentre l ideazione della ricerca è stata condotta in comune, a Dimitri Pibiri si devono i paragrafi 1-3 e a Maria Luisa Gentileschi i paragrafi Gli stranieri censiti sono distinti in residenti e temporaneamente presenti. Per ottenere la residenza è necessario il possesso del permesso di soggiorno. 1

15 metà di tutti gli stranieri (52,0%) vive nel Nord, mentre il resto si divide tra il Centro (28,8%) e il Sud con le Isole (19,2%). La concentrazione dei comunitari nel Centro è più marcata, mentre nel Nord le due componenti sono quasi alla pari, con una leggera prevalenza di extracomunitari, che invece sono più numerosi nel Sud e nelle Isole. Con riferimento agli stranieri "soggiornanti" in Italia 2 (dati Ministero dell Interno), i provenienti dalla Comunità erano, al , , per circa il 63% da tre soli paesi (Germania, UK e Francia). 2. La presenza comunitaria in Sardegna Nel 1991 in Sardegna risiedevano stranieri, di cui comunitari (pari al 2,1% del totale dei comunitari residenti in Italia) e extracomunitari (pari all'1,4% di quelli residenti in Italia). Il rapporto comunitari/extracomunitari (29,3%) era il più elevato tra tutte le regioni del Centro-Sud, mentre al Nord era superato soltanto da Valle D'Aosta, Trentino-A.A. e Liguria. In valori assoluti, la Sardegna veniva al dodicesimo posto tra le regioni italiane per presenza di comunitari residenti, al diciassettesimo per gli extracomunitari. La presenza comunitaria registrava i valori più alti in Lombardia e nel Lazio, con un forte distacco dal gruppo successivo, e cioè da Toscana, Piemonte, Emilia-Romagna, Veneto e Sicilia. La Sardegna faceva parte di un terzo gruppo, ancora più indietro, insieme con le rimanenti regioni. Entrambe le due grandi isole - si badi bene - erano caratterizzate da una certa maggior presenza di comunitari, che in Sicilia peraltro si accompagnava a un numero pure elevato di extracomunitari (al sesto posto in Italia). Comprensibilmente quindi l'incidenza degli stranieri residenti sul totale dei residenti in Sardegna era appena al di sotto della media italiana per i comunitari (0,10 contro 0,13), mentre era meno della metà per gli extracomunitari (0,23 contro 0,50). Va sottolineato il fatto che - sempre per i comunitari - questa era la regione con il valore più elevato in Italia meridionale. Infine, l'aumento degli stranieri comunitari tra il 1981 e il 1991 è stato maggiore - in termini relativi - che a livello nazionale. Venendo ai dati sui soggiornanti 3, i comunitari in Sardegna erano al settembre Il ventaglio delle provenienze mostra una maggior concentrazione nei paesi membri ai primi tre posti, rispetto al dato nazionale (Germania, 31,2%, UK, 22,6% e Francia, 18,4%). La composizione per età segnala una debole presenza di individui oltre i 65 anni (il 4,5%). Il rapporto di mascolinità - a favore delle femmine - è più basso che a livello nazionale, specialmente per inglesi, irlandesi, spagnoli e francesi. Viceversa tra i greci i maschi sono più numerosi, a motivo della presenza studentesca. Tra femmine e maschi, lo scostamento è 2 Dietro presentazione del contratto di lavoro, i cittadini comunitari possono ottenere la carta di soggiorno valida per 5 anni e rinnovabile (l. 30 dicembre 1965, n. 1656). Dopo 4 anni di soggiorno possono chiedere la cittadinanza italiana e, se appartengono ad un Paese firmatario della Convenzione di Strasburgo del 1963, perdono la precedente cittadinanza. Se ottengono la cittadinanza italiana per matrimonio con un cittadino italiano - ne hanno diritto dopo 6 mesi - possono mantenere la doppia cittadinanza. In effetti in Sardegna la richiesta di ottenimento della cittadinanza italiana è - secondo informazioni fornite dalla Prefettura di Cagliari - un evenienza piuttosto rara. Il cittadino comunitario ha già il diritto di accedere ai servizi essenziali. La cittadinanza italiana apriva però la porta ai concorsi nel pubblico impiego, finora riservati ai cittadini italiani. Anche in questo campo si è ormai giunti all equiparazione, riconoscendo il diritto di ammissione ai cittadini UE. Risulta che siano soprattutto dei giovani a chiedere la cittadinanza. Secondo il Consolato tedesco di Cagliari il massimo dei soggiornanti tedeschi in Sardegna si sarebbe raggiunto a metà degli anni Ottanta, con un migliaio di persone, di cui il 45% nella provincia di Cagliari, altrettanto in quella di Sassari e il rimanente nelle altre due province. 3 I soggiornanti comprendono i titolari di permesso o di carta di soggiorno per motivi familiari, di lavoro, di studio o di residenza. 2

16 maggiore per la classe anni, in cui si raccoglie il 32,6% delle prime contro il 23,5% dei secondi. La frequenza con cui il lavoro straniero comunitario si concentra nell'interpretariato e nell'insegnamento spiega almeno in parte un tasso di mascolinità più basso di quello nazionale. Certamente a questo contribuisce anche la frequenza dei matrimoni misti tra uomini italiani e donne tedesche 4. I comunitari in Sardegna sono mediamente più giovani che in Italia, probabilmente in dipendenza del fatto che si tratta soprattutto di persone arrivate da poco tempo e ancora in età giovane. Numerosi i bambini per la presenza di molte giovani famiglie. La collettività più numerosa resta dunque quella tedesca, di 570 individui. Vale dunque la pena di riflettere sui motivi di questa maggior presenza comunitaria in Sardegna, visto che è relativamente consistente e in aumento. Evidenziamo anzitutto una schematizzazione della presumibile incidenza dei motivicondizioni possibili che facilitano l'arrivo e la permanenza: Condizioni di arrivo/inserimento dei cittadini stranieri secondo l intensità dell effetto Prossimità ai confini di Stato Stato confinante: Francia debole (Corsica) mercato del lavoro turismo, insegnamento lingue, discreto e in crescita segretariato qualità residenziale in genere elevata forte servizi ai residenti in genere qualità carente effetto negativo frequentazione precedente il militari Nato, turisti, studenti piuttosto forte trasferimento matrimoni misti emigrazione di ritorno, militari consistente La prossimità alla Corsica, per la scarsa densità di popolazione e la debole complementarità economica con la Sardegna, non provoca un alta intensità di scambi, per quanto i francesi siano più numerosi nella provincia di Sassari. Bassa è la mobilità per motivi di lavoro verso la Sardegna, il cui tasso di disoccupazione è tra i più alti in Europa. Maggiore è invece la frequentazione turistica che connette le due isole. La qualità residenziale in Sardegna è elevata per motivi climatici e ambientali, ma bassa per la carenza di servizi alle famiglie e di trasporti. I motivi di permanenza e integrazione sono solo in parte insiti nei processi di arrivo/sedentarizzazione, ai quali vanno aggiunte le condizioni locali, create dall'ambiente di vita e di lavoro, il quadro normativo regionale, nonché fattori di ordine generale, ai livelli dello Stato italiano e dell'ue. In un clima che concentra tutta l'attenzione sulle migrazioni di provenienza extracomunitaria, passa quasi sotto silenzio la situazione di continua violazione degli articoli 48 e 52 del Trattato di Roma, che sanciscono il diritto di libera circolazione dei lavoratori e di stabilimento. Dopo un carteggio intercorso tra Bruxelles e Roma sin dal 1992, è stata aperta una vera e propria procedura di infrazione nei confronti dell'italia. Si lamenta che il cittadino comunitario che chiede una carta di soggiorno o un libretto di lavoro venga assoggettato alle 4 I matrimoni dei militari Nato tedeschi con donne sarde sono attualmente una decina l anno e si concludono con la partenza della coppia. I militari tedeschi, circa 300 mediamente, sono per metà stabili, spesso accompagnati dalle famiglie, e per l altra metà ruotano con soggiorni di tre-quattro settimane. Questa circolazione ha effetti importanti anche sul turismo tedesco nell Isola. 3

17 stesse procedure dell'extracomunitario, per di più in mancanza del rispetto dei termini di rilascio indicati dalle norme UE. Nella provincia di Cagliari, secondo la Questura, tuttavia non risulterebbero problemi particolari. Un motivo di protesta forse più grave è la lentezza con cui si procede al riconoscimento degli studi effettuati all estero, per la valutazione dei curricula in corsi di studi successivi e dei titoli nei concorsi pubblici. 3. Lavoro e integrazione Le informazioni sull'attività lavorativa degli stranieri sono purtroppo disponibili solo in forma aggregata con tutti gli altri stranieri. Per i comunitari, tuttavia notiamo che il tasso di attività delle donne è generalmente alto e che le professioni del turismo, agenzie di viaggio, interpretariato, insegnamento, segreteria sono le più frequenti. Soltanto presso i CED (Centro Elaborazione Dati) di Cagliari e di Sassari è stato possibile avere la specificazione della professione dei residenti comunitari attivi, di cui oltre la metà è inserita nelle professioni liberali, tecniche, scientifiche e assimilate, tra i quali gli insegnanti sono la categoria più numerosa. Seguono le professioni amministrative e quelle inerenti al commercio e ai pubblici esercizi. Gli studenti universitari sono una settantina, soprattutto greci e tedeschi. Numerose le donne casalinghe, in genere coniugate con italiani. Pochi invece i pensionati. Non è molto comune la riflessione sul tema della concorrenza tra forze di lavoro locali ed esterne, che potrebbe esistere in campi quali l'insegnamento, l'interpretariato, il lavoro nel turismo, o in altre attività che si prestino ad un'organizzazione di lavoro a distanza, il cosiddetto telelavoro, e che potrebbero essere svolte convenientemente da stranieri residenti per parte del tempo in Sardegna. Il Trattato istitutivo della Comunità riconosceva la libertà di circolazione delle persone, ma limitatamente ai prestatori di lavoro subordinato e all'osservanza delle regole del paese di destinazione. La libertà di stabilimento, pure prevista nel Trattato, importa invece l'accesso alle attività non salariate, quindi l'esercizio delle professioni, sempre però attenendosi alle norme dello stato di destinazione. Non veniva invece contemplato il diritto di soggiorno per motivi diversi dal lavoro o per i cittadini non più attivi. Nuove disposizioni a favore di studenti e pensionati si sono quindi aggiunte in anni recenti, fino ad arrivare all'accordo di Schengen, il , sottoscritto ma non ancora ratificato dall'italia, nel quale si prevede l'abolizione dei controlli alle frontiere interne alla Comunità, a condizione di rafforzare quelli alle frontiere con i paesi terzi. Una nuova tappa dell'integrazione si raggiunge con il trattato di Maastricht, il , col quale si istituisce la cittadinanza dell'unione Europea, che comporta i diritti elettorali attivi e passivi. Il mutuo riconoscimento dei diplomi e altri titoli di studio e il diritto d'iscrizione agli albi professionali, indispensabili all effettiva realizzazione del diritto di stabilimento, rappresentano quindi la condizione necessaria alla totale equiparazione dei cittadini dei paesi membri. In Italia, l'obiettivo di una totale parificazione non è stato ancora conseguito: in anni recenti si sono aggiunte alle professioni già equiparate di medico, ostetrico, odontoiatra, veterinario, quelle di procuratore, avvocato e investigatore privato, ai cui albi il cittadino comunitario può ora chiedere l'iscrizione. Grosso modo, in Sardegna si direbbe che gli occupati comunitari non salariati siano rari, mentre dominano i salariati. Lo straniero comunitario rappresenta un concorrente temibile per i diplomati e laureati italiani, i quali si trovano a competere con persone che conoscono bene lingue straniere che 4

18 sono importanti strumenti di lavoro. La stessa qualità della specializzazione professionale conseguita potrebbe dimostrarsi più avanzata presso inglesi, tedeschi e francesi. In un comparto di grande richiamo quale il turismo tale competizione sarà dura, per i giovani sardi. In Sardegna infatti sono stati appena avviati i corsi di formazione specializzati: l'università di Sassari ha istituito l'indirizzo di Economia del turismo della Facoltà di Economia e quella di Cagliari aprirà presto a Oristano il DU Economia e Gestione dei Servizi Turistici; non ci sono ITC per il turismo, salvo uno privato; esistono appena tre scuole alberghiere e infine non ci sono corsi pubblici di interpretariato. A livello nazionale poi, non sono ancora definiti tutti i curricula delle diverse figure professionali e quindi resta parzialmente inapplicata l'equiparazione dei titoli. La concorrenza nel lavoro è piuttosto sentita, in Sardegna, nei confronti degli immigrati extracomunitari, a livello del commercio ambulante e dell'edilizia, cosa che ha dato luogo ad un contenzioso molto dibattuto soprattutto negli anni Ottanta e i primi anni Novanta, quando un gruppo politico si fece sostenitore delle proteste delle categorie danneggiate, soprattutto i commercianti. Verso i comunitari invece non trova esplicitazione, per il momento, la preoccupazione di una concorrenza che andrebbe comunque a stabilirsi tra ceti e classi socioprofessionali assai diverse da quelle i cui interessi confliggono con quelli dei lavoratori extracomunitari. 4. La residenza: una distribuzione che attenua le differenze città/campagna Tra le quattro province sarde, sono Cagliari e Sassari a spartirsi, in proporzioni quasi uguali, sia i comunitari che gli extracomunitari residenti; poco resta alle altre. La provincia di Sassari presenta un rapporto particolarmente alto dei comunitari sulla popolazione residente, con un valore (0,49%) addirittura superiore alla media italiana. La base militare di Decimomannu presso Cagliari, il lavoro nel turismo, assai diffuso nel Sassarese, l'insegnamento delle lingue e il richiamo rappresentato dalle università sembrano spiegazioni sufficienti. La tendenza insediativa straniera in Italia notoriamente privilegia le città oltre i ab. Come si evince anche dalla distribuzione per provincia, pure in Sardegna le due città (Cagliari e Sassari) che superano questa soglia concentrano nei propri comuni una quota elevata di stranieri: vi si trovava, nel 1991, il 26% di tutti gli stranieri comunitari ed extracomunitari residenti nella Regione (931 a Cagliari, 572 a Sassari) ma solo il 18% dei sardi. La classe in cui gli stranieri erano più concentrati era però quella di ab., che comprendeva un unico comune, Olbia, con 572 stranieri, il portale d ingresso dei turisti. Le principali aree urbane sono anche il luogo di concentrazione degli extracomunitari (Bottazzi et al., 1988), in parte raccolti nelle case non restaurate del centro storico e in parte sparsi nei paesi vicini. L'aggregazione dei dati Istat - non risolvibile anche a motivo del "segreto statistico" che impedisce di conoscere i piccoli numeri di una distribuzione assai dispersa - non consente purtroppo di ricostruire la distribuzione nei comuni minori e non è stato possibile avere dati dal Ministero dell Interno sulla distribuzione dei cittadini comunitari: grosso modo, si può dire che le classi tra i e i ab. ne raccolgono una quota importante (quasi il 35%), ma molto simile a quella dei sardi. In proporzione ai residenti delle diverse fasce, sono i piccoli comuni sotto i ab. ad avere presenze meno numerose. Dati vicarianti recuperati attraverso richieste di informazioni agli uffici anagrafe e ricerca dei cognomi stranieri negli elenchi telefonici consentono di farsi un'idea della distribuzione minuta: sono soprattutto i 5

19 comuni costieri turistici quelli che hanno il maggior numero di stranieri: Palau (204 stranieri su ab.) detiene il primato del rapporto stranieri/residenti, seguito da San Teodoro, Olbia, Arzachena, Santa Teresa Gallura. La collocazione di questi comuni nel settore nord-orientale dell'isola, dove sono gli insediamenti turistici destinati al turismo internazionale più ricco, la dice lunga. Viceversa, i comuni nei quali si sono avuti, in Sardegna, interventi di sviluppo industriale/portuale, non registrano una presenza straniera di rilievo. Gli stranieri arrivati nella fase di costruzione e avvio sono poi ripartiti 5. Il comune di Cagliari ha stranieri residenti, di cui 461 dell'ue (CED del Comune, ). I più numerosi sono i tedeschi, seguiti dai greci, tra i quali è alto il numero degli iscritti alla Facoltà di Medicina. Lo straniero comunitario preferisce abitare spazi suburbani o anche rurali, ma prossimi alle città e presso il mare, in villaggi turistici, sia con contratti stagionali, sia permanenti. Contribuisce pertanto al popolamento della costa, nelle frange urbane, nelle "marine". Presso Cagliari, numerosi stranieri abitano in località come Frutti d'oro, Poggio dei Pini, Torre degli Ulivi, nel comune di Capoterra, Torre delle Stelle, in quello di Sìnnai, Margine Rosso e Capitana in quello di Quartu Sant Elena. Si tratta di località periurbane residenziali, abbastanza ben collegate da trasporti pubblici e dotate dei servizi essenziali, tutte assai vicine al mare. Tra i comuni turistici dove la presenza straniera è elevata, vale la pena di fermarsi su San Teodoro, circa ab., a 25 km a sud di Olbia. Il 3,1% dei residenti possiede una cittadinanza straniera, 95 persone, di cui poco più della metà comunitari, con netta prevalenza di tedeschi. Il 22% ha più di 65 anni, con una presenza di anziani quindi sensibile. Vi sono numerosi pensionati e casalinghe, ma anche intellettuali, artisti, scrittori. A San Teodoro, i primi investimenti turistici, risalenti agli anni 70, sono partiti dall'iniziativa di due promotori immobiliari che acquistarono terreni, in seguito lottizzati, sui quali si formò il primo insediamento turistico, quello di Cala Stella e di Porto Taverna. Seguì un'analoga iniziativa di un cittadino svizzero. I connazionali di questi pionieri dimostrarono interesse all'acquisto, dando il via ad una concentrazione soprattutto di lingua tedesca. Significativa è la preferenza di questi stranieri per una tipologia abitativa dispersa, parzialmente ereditata dalla società pastorale preesistente, che basava lavoro e abitazione su stazzi isolati o a piccoli gruppi. Un confronto con le aree di arrivo degli stranieri in passato ci dice che nell'ottocento la presenza forestiera e straniera si concentrava nelle aree minerarie, poi, nel secondo dopoguerra, nei poli industriali nascenti. Negli ultimi anni si è affermata la tendenza a stabilirsi nelle città e nelle aree periurbane di qualità più elevata e sempre più spesso nei comuni turistici. 5. Le occasioni e gli strumenti dell'integrazione a) L'associazionismo e la cultura L insegnamento delle lingue straniere è senz altro il settore che più facilita l arrivo, l insediamento e la fissazione dei giovani stranieri, a motivo della crescente domanda di apprendimento. Il legame tra associazioni culturali e insegnamento è stretto: l ACIT, associazione culturale tedesca fondata nel 1993, ad esempio, organizza corsi, conferenze, 5 Una certa presenza tedesca si fa avanti nell industria estrattiva: Giba, Orani, Macomer sono state interessate da apertura di imprese tedesche del settore. 6

20 rassegne. I circa 30 insegnanti che le ruotano intorno, piuttosto giovani, vivono qui la maggior parte dell anno, tornando nel proprio paese per le vacanze. Il tasso di rotazione sembra al momento piuttosto basso. Altre associazioni similari riguardano la lingua inglese, la francese e la spagnola. Mentre queste associazioni sono miste, raccolgono cioè sia italiani sia stranieri, il Club tedesco è invece per soli tedeschi, soprattutto militari Nato e familiari. Un associazione plurinazionale è il Circolo Europeo della Sardegna, che esiste dal 1995, la cui lingua d uso è l'italiano, con sedi a Cagliari e in Gallura. b) I matrimoni misti Il matrimonio misto "può essere assunto come l'indicatore sociale più significativo del grado di integrazione delle comunità immigrate o dell'esistenza di atteggiamenti discriminatori nei loro confronti" (Gatti, 1991). I matrimoni misti celebrati in Sardegna sono stati esaminati, per il periodo e limitatamente ai quattro capoluoghi provinciali sardi. Il loro numero è assai basso in rapporto al totale dei matrimoni (l'1,7% a Cagliari e a Nuoro, l'1% a Sassari e ancor meno a Oristano). L'incidenza è più bassa che nell'insieme dell'italia, paese in cui si è molto al di sotto dei valori registrati in Francia e in Germania. Tra i matrimoni celebrati in Sardegna, predominano i coniugi provenienti da paesi dell'europa occidentale, anzitutto dalla Germania e poi dalla Francia. Anche i matrimoni misti celebrati all'estero sono un'importante via d'ingresso di stranieri in Sardegna, soprattutto di giovani donne. A questo fenomeno si deve la presenza non trascurabile di straniere in non pochi paesi del Nuorese: i villaggi di Lei, Osidda, Sàdali, Tonara, stando agli uffici anagrafici comunali, fanno registrare percentuali di presenza superiori alla media regionale. Questi matrimoni riguardano in gran numero gli emigrati di ritorno dalla Germania, poiché verso questo paese si è avuto il flusso emigratorio più numeroso a partire dagli anni Cinquanta. Ad Oristano, dove sono stati celebrati solo 6 matrimoni misti, risultano, tra il 1984 e il 1989, 51 trascrizioni di matrimoni misti contratti altrove. Altre ragioni di matrimoni misti di questo gruppo sono poi la presenza in Sardegna di militari tedeschi e il turismo proveniente dalla Germania (Gatti, 1991). c) Gli studi universitari Le città sedi universitarie, Cagliari e Sassari, con la presenza di studenti stranieri, vedono una certa frequenza di matrimoni interetnici, in prevalenza iraniani a Sassari e giordani a Cagliari (Gatti, 1991). Sembra si possa confermare anche nel caso sardo che siano gli ambienti intellettuale da un lato (studenti, artisti, professionisti) e operaio dall'altro (operai emigrati), i più aperti a questa forma di integrazione (cfr. Bensimon e Lautman, 1974). La presenza di studenti stranieri è andata peraltro diminuendo: nell anno nell ateneo cagliaritano erano iscritti circa 300 stranieri e in quello sassarese circa 150 (anno ). Nel ne risultano iscritti rispettivamente appena 136 e 97. d) Le iniziative delle autorità civili e militari La stampa sarda dà spesso notizia di iniziative volte a mantenere buoni rapporti tra la collettività straniera e la popolazione locale. La raccolta del sangue per i microcitemici tra i militari, i concerti di bande militari, l'associazionismo misto e le iniziative culturali dei gruppi 7

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono?

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? MAT E RIALI D IDAT TI C I SULL I M M I GRAZ I O N E C E STIM TEMA DELL INCONTRO/UNITA DIDATTICA OBIETTIVO Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? Fornire agli studenti alcuni dati utili a

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

I bolognesi emigrati all'estero

I bolognesi emigrati all'estero I bolognesi emigrati all'estero Le principali caratteristiche degli iscritti all'anagrafe dei cittadini Italiani Residenti all'estero (AIRE) del Comune di Bologna maggio 2013 Capo Dipartimento Programmazione:

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat

TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 1 Popolazione residente nelle Sardegna nel 2001 fonte: Istat Variazione percentuale della popolazione delle Province della Regione Sardegna dal

Dettagli

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013 Il movimento turistico in provincia di Pistoia anno 2013 Francesco Spinetti Lucia Capecchi Provincia di Pistoia Servizio Sviluppo Economico e Statistica Pistoia 20.5.2014 il notiziario sul turismo Il notiziario

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes Migranti nel mondo, in Sardegna,nel Medio Campidano ASSESSORATO AL LAVORO - IMMIGRAZIONE ED EMIGRAZIONE Osservatorio provinciale sui flussi migratori Presentazione del Dossier Statistico Immigrazione 2007

Dettagli

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Flussi di cittadini in Italia

Flussi di cittadini in Italia Flussi di cittadini in Italia Il fenomeno dell immigrazione in Italia secondo gli ultimi dati del Ministero del lavoro riguarda più di 4 milioni di stranieri con un incidenza sulla popolazione

Dettagli

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ).

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). (febbraio 2008) Codice Prodotto- OSPS13-R01-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Progetto Info Point 2006*

Progetto Info Point 2006* Progetto Info Point 2006* Attività di rilevazione Attività di informazione e accoglienza OBIETTIVO Costruire un campione statistico in grado di evidenziare le informazioni riferite al complesso della domanda

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO

1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO 1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO Ormai da quasi vent anni il comune di Torino sta perdendo popolazione. Dopo il boom demografico durato fino alla metà degli anni settanta,

Dettagli

Immigrazione e lavoro

Immigrazione e lavoro Immigrazione e lavoro I flussi migratori regolari e irregolari influenzano notevolmente il mercato del lavoro di una nazione. Gli immigrati costituiscono di certo una grande risorsa per l economia di un

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

L istruzione nel Comune di Udine

L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali U.Org. Studi e Statistica L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE U.Org. Studi e Statistica Via B. Stringher, 10-33100 Udine E-mail: statistica@comune.udine.it

Dettagli

L università piemontese nel 2014/15

L università piemontese nel 2014/15 5/6 6/7 7/8 8/9 9/1 1/11 11/12 12/13 13/14 14/15 L università piemontese nel 214/15 SISFORM Osservatorio sul sistema formativo piemontese ARTICOLO 2/ 215 (AGOSTO) QUANTI UNIVERSITARI STUDIANO IN PIEMONTE?

Dettagli

La comunità romena in Italia. A cura di Maria Eva Zurbakis

La comunità romena in Italia. A cura di Maria Eva Zurbakis La comunità romena in Italia A cura di Maria Eva Zurbakis Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro Economia del Lavoro Capitolo 8 2 Borjas La mobilità del lavoro - 1 US paese molto mobile: tra il 2003 e il 2004, il 2,8% della popolazione si è trasferita tra nello stesso stato e un altro 2,6% tra stati

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

L inserimento professionale dei dottori di ricerca

L inserimento professionale dei dottori di ricerca 14 dicembre 2010 L inserimento professionale dei dottori di ricerca Anno 2009-2010 Tra dicembre 2009 e febbraio 2010 l Istat ha svolto per la prima volta l indagine sull inserimento professionale dei dottori

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate 339 3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate Osservando lo sviluppo strutturale di Limbiate dal punto di vista storico, urbano e sociale

Dettagli

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Ottobre 2010 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 12 Tutti in autobus,

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA CERNOBBIO 28 MARZO 2015 PREMESSA L esposizione universale, a due mesi dall avvio, è considerata come la grande occasione per il rilancio del turismo italiano. Non solo

Dettagli

Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento

Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento 12 febbraio 2007 Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento Anni 2004-2005 All indirizzo web demo.istat.it l Istat rende disponibili i principali risultati delle rilevazioni sui Matrimoni celebrati

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione)

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione) COMUNE DI COMO I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004 (1 Edizione) Settore Statistica - Agosto 2007 I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004

Dettagli

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione L'Istat calcola che al 31 dicembre 2012 risiedono in Italia 59.685.227 persone.

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori 2 luglio 2004, divorzi e affidamento dei minori Anno 2002 Ogni anno l Istat conduce un indagine sulle separazioni e una sui divorzi rilevando, presso le cancellerie dei 165 tribunali civili, i dati relativi

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Il valore della pulizia

Il valore della pulizia Il valore della pulizia Indagine tra la popolazione italiana Milano, marzo 01 (Rif. 170v311) Metodologia della ricerca ISPO ha realizzato un indagine ad hoc durante la quale è stato intervistato un campione

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti

Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti Questo articolo presenta le statistiche dell'unione europea (UE) in materia di migrazioni internazionali, la popolazione di cittadini autoctoni e stranieri

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1:

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1: Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dei Trasporti Centro Ricerche Economiche e Mobilità Università degli Studi di Cagliari PROVINCIA DI ISTANO SETTE PIANIFIZIONE TERRITIALE, PITICHE COMUNITARIE,

Dettagli

Sondaggio per Legambiente, Lipu e WWF Le opinioni degli italiani sulla caccia

Sondaggio per Legambiente, Lipu e WWF Le opinioni degli italiani sulla caccia Febbraio 2009 Job 09-002012 Ipsos Public Affair Cosa vediamo? SONDAGGIO IPSOS P.A. Sondaggio per Legambiente, Lipu e WWF Le opinioni degli italiani sulla caccia - presentazione dei risultati - Nobody s

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione degli 11 paesi CONFRONTO BC-POPOLAZIONE Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento

Dettagli

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati 21 agosto 2006 La vita di coppia Il volume La vita di coppia presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel Novembre 2003 su un campione di oltre 19 mila famiglie

Dettagli

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza Numero 1 Si riporta di seguito una sintesi dei dati sul sistema dell Alta Formazione Artistica e Musicale in riferimento all anno accademico 2005/2006. Essa è il risultato dell ultima delle rilevazioni

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi 544 7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi La seconda sottocomponente analizzata per l analisi demografica concerne le dinamiche dei flussi, considerando come tali i

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

- Il contesto delle politiche - IL CONTESTO DELLE POLITICHE

- Il contesto delle politiche - IL CONTESTO DELLE POLITICHE IL CONTESTO DELLE POLITICHE Quadro demografico La distribuzione della popolazione sul territorio regionale non é omogenea: il 28,7% della popolazione si concentra nel capoluogo di Aosta, unico comune ad

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

3L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA

3L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA 3L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE IL PERSONALE GLI ISCRITTI I DIPLOMATI LA CONTRIBUZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO I NUOVI INGRESSI NEI CORSI SUPERIORI 3 L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE Variabile

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS

L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS Da circa venti anni si confrontano due teorie relative alle migrazioni altamente qualificate. Secondo l approccio circolazionista attualmente

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 2001 N.24 DISCIPLINA GENERALE DELL INTERVENTO PUBBLICO NEL SETTORE ABITATIVO

MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 2001 N.24 DISCIPLINA GENERALE DELL INTERVENTO PUBBLICO NEL SETTORE ABITATIVO Progetto di legge MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 2001 N.24 DISCIPLINA GENERALE DELL INTERVENTO PUBBLICO NEL SETTORE ABITATIVO d iniziativa dei Consiglieri: Luca Bartolini Alberto

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

P ROVOCAZIONI, MA NON TROPPO: STOP ALLE AUTO NELLE ORE DI PUNTA, TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO

P ROVOCAZIONI, MA NON TROPPO: STOP ALLE AUTO NELLE ORE DI PUNTA, TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO P ROVOCAZIONI, MA NON TROPPO: STOP ALLE AUTO NELLE ORE DI PUNTA, TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Febbraio 2010 LE FERMATE AUDIMOB S U L

Dettagli

Gli immobili in Italia - 2015

Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati

Dettagli

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE IX. APPROFONDIMENTI IX.1 EQUITÀ SOCIALE L equità sociale continua ad essere un obiettivo prioritario della strategia politica del Governo. Le trasformazioni di carattere economico e sociale che hanno interessato

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale... 8

1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale... 8 Sommario 1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale.... 8 Demografie delle imprese... 8 Le imprese artigiane in Sardegna... 9 La situazione economica e finanziaria delle imprese...

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla immigrazione e l'integrazione. Audizione dell Istituto Nazionale di Statistica

Indagine conoscitiva sulla immigrazione e l'integrazione. Audizione dell Istituto Nazionale di Statistica Indagine conoscitiva sulla immigrazione e l'integrazione Audizione dell Istituto Nazionale di Statistica Roma, 21 febbraio 2007 Camera dei Deputati Senato della Repubblica Comitato Parlamentare di Controllo

Dettagli

IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA

IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA Consiglio Regionale del Molise IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA BREVE ANALISI DELLA SITUAZIONE IN ITALIA GRUPPO DI LAVORO IMMIGRAZIONE, POLITICHE SOCIALI E DIRITTI UMANI Le migrazioni forzate provocate da guerre,

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 30 luglio 2008 Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla sua dodicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli