Piano delle Regole NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO D. Piani di Recupero in Ambito N

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano delle Regole NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO D. Piani di Recupero in Ambito N"

Transcript

1 Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO D Piani di Recupero in Ambito N Approvato con delibera C.C. n.59 del 22/12/2009 Aprile 2009 / Dicembre 2009 Arch. Marco Garau Arch. Dario Grazioli

2 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D Gruppo di Progettazione del Piano di Governo del Territorio per il Comune di Castiglione d Adda Analisi, Progettazione Urbanistica e Coordinamento Studio di Architettura DGGM : Arch. Marco Garau Arch. Dario Grazioli Collaboratori Arch. Alessandro Ferriani Arch. Elisa Gabrieli Consulenze Analisi Socio-Economica Istituto Policleto: Rag. Angelo Straolzini Dott. E. Bugatti Aspetti Idrogeologici Dott. Geol. Angelo Scotti Aspetti Agronomici ed Ambientali Dott. Agr. Giuseppe Losi Valutazione Ambientale Strategica Dott. Davide Gerevini

3 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag VALORE NORMATIVO DELL ALLEGATO D Il presente Allegato D ha il medesimo valore prescrittivo delle NTA del P.d.R. Esso definisce le destinazioni d uso ammissibili, le modalità di intervento, i dati dimensionali e le quantità edificabili in ciascuno dei Piani di Recupero individuati nell Ambito N del Comune di Castiglione d Adda, in conformità alle definizioni degli stessi, riportate nell art. 28 Interventi con obbligo di Piano Attuativo in Ambito N delle NTA del P.d.R NORME GENERALI a) Come definito dall art. 27 delle NTA del P.d.R.: per i Piani di Recupero già approvati dal Consiglio Comunale valgono le norme e le convenzioni stipulate. Gli interventi di Ristrutturazione edilizia con demolizioni e ricostruzioni eccedenti il 40% del volume dell immobile interessato dall intervento e/o le trasposizioni di volume maggiori del 20% sono ammessi solo con Piano di Recupero. Vanno inoltre sempre rispettati gli artt del D.M. 2/4/68 n b) La superficie fondiaria (SF) e la SLP sono state misurate sulle planimetrie aereofotogrammetriche e possono quindi essere passibili di alcune incertezze metriche. IIn seguito a rilievi topografici, necessari alla redazione degli Strumenti Attuativi, si può procedere a rettifiche dei dati dimensionali e planimetrici dei Piani di Recupero. c) Il perimetro che interclude l area definita come Superficie Fondiaria (SF) o lotto edificabile costituisce il massimo sedime edificabile entro cui può essere disposta la massima SLP attribuita a ciascun Piano di Recupero. d) La Superficie Lorda di Pavimento è calcolata moltiplicando la Superficie Coperta, desunta dalla planimetria aerofotogrammetrica, per il numero di piani da rilievo. e) I portici vengono calcolati come SLP in virtù del fatto che possono venir chiusi e quindi trasformati in Superficie Utile, secondo quanto previsto dalle Norme Tecniche di Attuazione del Piano delle Regole in merito all Ambito N. f) La SLP virtuale dei portici e degli edifici ad aula unica include i possibili nuovi orizzontamenti realizzabili nell altezza rilevata, fatto salvo il volume complessivo esistente, secondo quanto previsto dall art. 21 delle NTA del Piano delle Regole. g) La destinazione d uso degli edifici individuati come accessori alla residenza, così come definiti nell art. 11 delle NTA del Piano delle Regole, è riconfermata in ciascun Piano di Recupero, nella quota parte di superficie coperta (SC) ad essi attualmente destinata. h) Per l entità delle aree a standard da cedere si rimanda alle NTA del Piano dei Servizi. i) All interno di ciascun perimetro di Piano di Recupero potrà essere valutata l opportunità di suddividere l intervento in più stralci funzionali o Unità minima di intervento.

4 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 2 j) Per il calcolo degli abitanti effettivi aggiuntivi all interno degli edifici che hanno subito un cambio di destinazione d uso alla residenza sono stati utilizzati i seguenti parametri: 1 abitante effettivo = 1,85 stanze (abitante teorico) 1 stanza = 37 mq di SLP 3 - OBIETTIVI Ai sensi dell Art.23 delle NTA del Piano delle Regole, le norme per gli interventi ricadenti all interno del perimetro dell ambito N hanno come obiettivi: - favorire la crescita di una cultura condivisa del recupero della memoria storica, attraverso interventi che tutelino le peculiarità formali e materiche degli edifici; - conservare e, quando possibile, migliorare qualitativamente le caratteristiche ambientali e tipomorfologiche del tessuto del nucleo di antica formazione; - tutelare gli edifici che hanno sino ad oggi mantenuto inalterati i caratteri tipologici ed architettonici originari; - favorire il ridisegno di quegli edifici che hanno perduto i caratteri originari, per mirare ad un recupero dell unitarietà del disegno urbano; - mantenere, e se possibile incrementare la popolazione del nucleo di antica formazione (proprietari residenti o affittuari); - garantire la conservazione delle destinazioni d uso originarie per quanto attiene alla residenza, al commercio, alle attività artigianali compatibili con la residenza; - favorire la possibilità di modificare le destinazioni d uso degli edifici abbandonati o sottoutilizzati, per consentire la creazione di nuove abitazioni, nonché per favorirne l utilizzo per usi pubblici, per attività sociali ed associative, per attività commerciali al minuto, e per attività artigianali di servizio; - riqualificare gli spazi aperti, sia pubblici che privati, nel rispetto dei materiali e delle tecniche costruttive originarie; - valorizzare i percorsi pedonali e ciclabili di attraversamento del nucleo di antica formazione; - incentivare il recupero a fini abitativi dei sottotetti esistenti, con attenzione ai caratteri originari degli edifici; - contribuire al reperimento di aree per la sosta dei veicoli, sia private che pubbliche. 4 - DESTINAZIONI D USO Le destinazioni d uso ammissibili sono quelle definite dall art.24 Destinazioni d uso nell Ambito N delle NTA del Piano delle Regole.

5 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag MODALITÀ DI INTERVENTO Per le modalità di intervento previste per i Piani di Recupero si fa riferimento alla Tavola 05 Modalità di Intervento e Piani di Recupero nell Ambito N, all Allegato A ed agli articoli delle NTA del Piano delle Regole, in cui a ciascuna classe di edificio vengono attribuite le modalità di intervento. Per gli edifici soggetti a Piano di Recupero di interesse per la realizzazione di attrezzature pubbliche è possibile derogare dalle modalità di intervento e dalle prescrizioni tipologiche previsti nelle NTA del Piano delle Regole, solo per comprovate esigenze di interesse pubblico. 6 - DATI METRICI COMPLESSIVI DEI PIANI DI RECUPERO IN AMBITO N Totale Superficie Fondiaria (SF) : Totale Superficie lorda di pavimento (SLP) : Totale Abitanti Effettivi Aggiuntivi : 7.417,40 mq 6.370,90 mq 23 ab.

6 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 4 SCHEDE

7 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 5 PIANO DI RECUPERO A Localizzazione : via Cavour DATI METRICI Edificio Piani Destinazione Superficie SLP 1 Abitanti n n d uso attuale coperta (mq) (mq) aggiuntivi R 91,0 182,0-2 2 R 407,4 814,8 - Totale 498,4 996,8 - Superficie Fondiaria 2 : Cortili - corti - spazi aperti : 633,6 mq 135,2 mq 1. La Superficie Lorda di Pavimento è calcolata moltiplicando la Superficie Coperta desunta dalla planimetria aerofotogrammetrica per il numero di piani da rilievo. I portici vengono calcolati come SLP in virtù del loro possibile tamponamento e quindi trasformazione in Superficie Utile, secondo quanto previsto dalle presenti NTA. ** La SLP include i possibili nuovi orizzontamenti realizzabili nell altezza rilevata, ai sensi dell art.21 delle presenti NTA. 2. La Superficie Fondiaria è stata misurata sulle planimetrie aerofotogrammetriche. Risente quindi delle relative incertezze metriche e della carenza di aggiornamenti (l aerofotogrammetrico a disposizione è datato 1995) 4. Gli abitanti effettivi aggiuntivi sono calcolati considerando: 1 ab. teorico (stanza)=37 mq SLP, 1 ab. effettivo= 1,85 stanze. Legenda delle destinazioni d uso attuali: R=residenza, C=commercio-terziario, D=deposito-magazzino, S=servizi

8 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 6 Estratto Aerofotogrammetrico Rilievo fotografico Edificio 1 Edificio 2

9 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 7 PIANO DI RECUPERO B Localizzazione : via Garibaldi DATI METRICI Edificio Piani Destinazione Superficie SLP 1 Abitanti n n d uso attuale coperta (mq) (mq) aggiuntivi R 205,2 410,4-2 1 accessorio 11,0 - Totale 216,2 410,4 - Superficie Fondiaria 2 : Cortili - corti - spazi aperti : 450,9 mq 234,7 mq 1. La Superficie Lorda di Pavimento è calcolata moltiplicando la Superficie Coperta desunta dalla planimetria aerofotogrammetrica per il numero di piani da rilievo. I portici vengono calcolati come SLP in virtù del loro possibile tamponamento e quindi trasformazione in Superficie Utile, secondo quanto previsto dalle presenti NTA. ** La SLP include i possibili nuovi orizzontamenti realizzabili nell altezza rilevata, ai sensi dell art.21 delle presenti NTA. 2. La Superficie Fondiaria è stata misurata sulle planimetrie aerofotogrammetriche. Risente quindi delle relative incertezze metriche e della carenza di aggiornamenti (l aerofotogrammetrico a disposizione è datato 1995) 4. Gli abitanti effettivi aggiuntivi sono calcolati considerando: 1 ab. teorico (stanza)=37 mq SLP, 1 ab. effettivo= 1,85 stanze. Legenda delle destinazioni d uso attuali: R=residenza, C=commercio-terziario, D=deposito-magazzino, S=servizi

10 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 8 Estratto Aerofotogrammetrico Rilievo fotografico Edificio 1

11 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 9 PIANO DI RECUPERO C Localizzazione : via Umberto I DATI METRICI Edificio Piani Destinazione Superficie SLP 1 Abitanti n n d uso attuale coperta (mq) (mq) aggiuntivi R - C 60,3 120,6-2 2 R - C 54,1 108,2-3 2 R 93,0 186,0-4 1 accessorio 55, accessorio 24,0 - - Totale 287,0 414,8 - Superficie Fondiaria 2 : Cortili - corti - spazi aperti : 531,5 mq 244,6 mq 1. La Superficie Lorda di Pavimento è calcolata moltiplicando la Superficie Coperta desunta dalla planimetria aerofotogrammetrica per il numero di piani da rilievo. I portici vengono calcolati come SLP in virtù del loro possibile tamponamento e quindi trasformazione in Superficie Utile, secondo quanto previsto dalle presenti NTA. ** La SLP include i possibili nuovi orizzontamenti realizzabili nell altezza rilevata, ai sensi dell art.21 delle presenti NTA. 2. La Superficie Fondiaria è stata misurata sulle planimetrie aerofotogrammetriche. Risente quindi delle relative incertezze metriche e della carenza di aggiornamenti (l aerofotogrammetrico a disposizione è datato 1995) 4. Gli abitanti effettivi aggiuntivi sono calcolati considerando: 1 ab. teorico (stanza)=37 mq SLP, 1 ab. effettivo= 1,85 stanze. Legenda delle destinazioni d uso attuali: R=residenza, C=commercio-terziario, D=deposito-magazzino, S=servizi

12 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 10 Estratto Aerofotogrammetrico Rilievo fotografico Edificio 1 Edificio 2 Edificio 3 Edificio 4

13 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 11 PIANO DI RECUPERO D Localizzazione : Largo della Chiesa DATI METRICI Edificio Piani Destinazione Superficie SLP 1 Abitanti n n d uso attuale coperta (mq) (mq) aggiuntivi 4 1* 2 R 172,7 345,4-2 1 R 15,3 15,3-3 1 accessorio 75,0 - - Totale 263,0 360,7 - * Bene sottoposto a Tutela secondo il Dlgs n. 42 del 22 gennaio 2004 Superficie Fondiaria 2 : Cortili - corti - spazi aperti : 650,0 mq 387,0 mq 1. La Superficie Lorda di Pavimento è calcolata moltiplicando la Superficie Coperta desunta dalla planimetria aerofotogrammetrica per il numero di piani da rilievo. I portici vengono calcolati come SLP in virtù del loro possibile tamponamento e quindi trasformazione in Superficie Utile, secondo quanto previsto dalle presenti NTA. ** La SLP include i possibili nuovi orizzontamenti realizzabili nell altezza rilevata, ai sensi dell art.21 delle presenti NTA. 2. La Superficie Fondiaria è stata misurata sulle planimetrie aerofotogrammetriche. Risente quindi delle relative incertezze metriche e della carenza di aggiornamenti (l aerofotogrammetrico a disposizione è datato 1995) 4. Gli abitanti effettivi aggiuntivi sono calcolati considerando: 1 ab. teorico (stanza)=37 mq SLP, 1 ab. effettivo= 1,85 stanze. Legenda delle destinazioni d uso attuali: R=residenza, C=commercio-terziario, D=deposito-magazzino, S=servizi

14 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 12 Estratto Aerofotogrammetrico Rilievo fotografico Edificio 1 Edificio 3

15 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 13 PIANO DI RECUPERO E Localizzazione : via Cavour DATI METRICI Edificio Piani Destinazione Superficie SLP 1 Abitanti n n d uso attuale coperta (mq) (mq) aggiuntivi R 273,0 546,0-2 2 R 80,2 160,4-3 2 R 20,7 41,4-4 1 D 81,1 81, accessorio 9,4 - - Totale 464,4 828,9 1 Superficie Fondiaria 2 : Cortili - corti - spazi aperti : 1.467,8 mq 1.003,4 mq 1. La Superficie Lorda di Pavimento è calcolata moltiplicando la Superficie Coperta desunta dalla planimetria aerofotogrammetrica per il numero di piani da rilievo. I portici vengono calcolati come SLP in virtù del loro possibile tamponamento e quindi trasformazione in Superficie Utile, secondo quanto previsto dalle presenti NTA. ** La SLP include i possibili nuovi orizzontamenti realizzabili nell altezza rilevata, ai sensi dell art.21 delle presenti NTA. 2. La Superficie Fondiaria è stata misurata sulle planimetrie aerofotogrammetriche. Risente quindi delle relative incertezze metriche e della carenza di aggiornamenti (l aerofotogrammetrico a disposizione è datato 1995) 4. Gli abitanti effettivi aggiuntivi sono calcolati considerando: 1 ab. teorico (stanza)=37 mq SLP, 1 ab. effettivo= 1,85 stanze. Legenda delle destinazioni d uso attuali: R=residenza, C=commercio-terziario, D=deposito-magazzino, S=servizi

16 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 14 Estratto Aerofotogrammetrico Rilievo fotografico Edificio 1 Edificio 2 Edificio 3 Edificio 4

17 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 15 PIANO DI RECUPERO F Localizzazione : piazza Matteotti DATI METRICI Edificio Piani Destinazione Superficie SLP 1 Abitanti n n d uso attuale coperta (mq) (mq) aggiuntivi R - C 334,9 669,8-2 2 R 136,3 272,6-3 2 R 123,9 247,8-4 2 R 111,3 222,6-5 2 D 134,1 268, D 83,0 83, D 38,0 76, accessorio 22,5 - - Totale 984, ,0 6 Superficie Fondiaria 2 : Cortili - corti - spazi aperti : 1.728,7 mq 744,7 mq 1. La Superficie Lorda di Pavimento è calcolata moltiplicando la Superficie Coperta desunta dalla planimetria aerofotogrammetrica per il numero di piani da rilievo. I portici vengono calcolati come SLP in virtù del loro possibile tamponamento e quindi trasformazione in Superficie Utile, secondo quanto previsto dalle presenti NTA. ** La SLP include i possibili nuovi orizzontamenti realizzabili nell altezza rilevata, ai sensi dell art.21 delle presenti NTA. 2. La Superficie Fondiaria è stata misurata sulle planimetrie aerofotogrammetriche. Risente quindi delle relative incertezze metriche e della carenza di aggiornamenti (l aerofotogrammetrico a disposizione è datato 1995) 4. Gli abitanti effettivi aggiuntivi sono calcolati considerando: 1 ab. teorico (stanza)=37 mq SLP, 1 ab. effettivo= 1,85 stanze. Legenda delle destinazioni d uso attuali: R=residenza, C=commercio-terziario, D=deposito-magazzino, S=servizi

18 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 16 Estratto Aerofotogrammetrico Rilievo fotografico Edificio 1 Edificio 2 Edificio 4 Edificio 5

19 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 17 PIANO DI RECUPERO H Localizzazione : via Manzoni DATI METRICI Edificio Piani Destinazione Superficie SLP 1 Abitanti n n d uso attuale coperta (mq) (mq) aggiuntivi R 48,7 97,4-2 1 D 24,7 24, D 56,2 56, D 25,0 25, R-portico 27,0 27,0-6 1 accessorio 1, accessorio 25,3 - - Totale 208,5 203,3 3 Superficie Fondiaria 2 : Cortili - corti - spazi aperti : 330,3 mq 121,8 mq 1. La Superficie Lorda di Pavimento è calcolata moltiplicando la Superficie Coperta desunta dalla planimetria aerofotogrammetrica per il numero di piani da rilievo. I portici vengono calcolati come SLP in virtù del loro possibile tamponamento e quindi trasformazione in Superficie Utile, secondo quanto previsto dalle presenti NTA. ** La SLP include i possibili nuovi orizzontamenti realizzabili nell altezza rilevata, ai sensi dell art.21 delle presenti NTA. 2. La Superficie Fondiaria è stata misurata sulle planimetrie aerofotogrammetriche. Risente quindi delle relative incertezze metriche e della carenza di aggiornamenti (l aerofotogrammetrico a disposizione è datato 1995) 4. Gli abitanti effettivi aggiuntivi sono calcolati considerando: 1 ab. teorico (stanza)=37 mq SLP, 1 ab. effettivo= 1,85 stanze. Legenda delle destinazioni d uso attuali: R=residenza, C=commercio-terziario, D=deposito-magazzino, S=servizi

20 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 18 Estratto Aerofotogrammetrico Rilievo fotografico Edificio 1 Edificio 2 Edificio 3-5 Edificio 7

21 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 19 PIANO DI RECUPERO I Localizzazione : via La Valle Bassa DATI METRICI Edificio Piani Destinazione Superficie SLP 1 Abitanti n n d uso attuale coperta (mq) (mq) aggiuntivi R- portico 82,4 82, R 41,6 41,6-3 2 R 84,5 169,0-4 2 R 126,5 253,0-5 1 accessorio 76,1 - - Totale 411,1 546,0 1 Superficie Fondiaria 2 : Cortili - corti - spazi aperti : 651,9 mq 240,8 mq 1. La Superficie Lorda di Pavimento è calcolata moltiplicando la Superficie Coperta desunta dalla planimetria aerofotogrammetrica per il numero di piani da rilievo. I portici vengono calcolati come SLP in virtù del loro possibile tamponamento e quindi trasformazione in Superficie Utile, secondo quanto previsto dalle presenti NTA. ** La SLP include i possibili nuovi orizzontamenti realizzabili nell altezza rilevata, ai sensi dell art.21 delle presenti NTA. 2. La Superficie Fondiaria è stata misurata sulle planimetrie aerofotogrammetriche. Risente quindi delle relative incertezze metriche e della carenza di aggiornamenti (l aerofotogrammetrico a disposizione è datato 1995) 4. Gli abitanti effettivi aggiuntivi sono calcolati considerando: 1 ab. teorico (stanza)=37 mq SLP, 1 ab. effettivo= 1,85 stanze. Legenda delle destinazioni d uso attuali: R=residenza, C=commercio-terziario, D=deposito-magazzino, S=servizi

22 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 20 Estratto Aerofotogrammetrico Rilievo fotografico Edificio 1 - Annesso Edificio 2 Edificio 4 Edificio 5 - Annesso

23 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 21 PIANO DI RECUPERO J Localizzazione : via Roma DATI METRICI Edificio Piani Destinazione Superficie SLP 1 Abitanti n n d uso attuale coperta (mq) (mq) aggiuntivi D fienile 351,0 527,0** D fienile 162,0 243,0** accessorio 48,3 - - Totale 561,3 770,0 12 Superficie Fondiaria 2 : Cortili - corti - spazi aperti : 972,7 mq 411,5 mq 1. La Superficie Lorda di Pavimento è calcolata moltiplicando la Superficie Coperta desunta dalla planimetria aerofotogrammetrica per il numero di piani da rilievo. I portici vengono calcolati come SLP in virtù del loro possibile tamponamento e quindi trasformazione in Superficie Utile, secondo quanto previsto dalle presenti NTA. ** La SLP include i possibili nuovi orizzontamenti realizzabili nell altezza rilevata, ai sensi dell art.21 delle presenti NTA. 2. La Superficie Fondiaria è stata misurata sulle planimetrie aerofotogrammetriche. Risente quindi delle relative incertezze metriche e della carenza di aggiornamenti (l aerofotogrammetrico a disposizione è datato 1995) 4. Gli abitanti effettivi aggiuntivi sono calcolati considerando: 1 ab. teorico (stanza)=37 mq SLP, 1 ab. effettivo= 1,85 stanze. Legenda delle destinazioni d uso attuali: R=residenza, C=commercio-terziario, D=deposito-magazzino, S=servizi

24 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio - Piano delle Regole - Allegato D - Pag. 22 Estratto Aerofotogrammetrico Rilievo fotografico Edificio 1 Edificio 1: dettaglio della copertura Edificio 2

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni Comune di Ghedi Provincia di Brescia Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO A Piani di recupero del centro antico Approvato con delibera C.C. n.17 del

Dettagli

Piano delle Regole. Norme Tecniche di Attuazione. Allegato A. Ambiti di completamento a SLP definita

Piano delle Regole. Norme Tecniche di Attuazione. Allegato A. Ambiti di completamento a SLP definita Comune di Serle Provincia di Brescia Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Norme Tecniche di Attuazione Allegato A Ambiti di completamento a SLP definita Approvato con delibera C.C. n.15 del

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 6 Comparti sottoposti a ristrutturazione edilizia

Dettagli

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART. 1 - Oltre ai contenuti prescrittivi delle Tavv. 3 e 4 tutti gli interventi compresi nel perimetro del Piano di Lottizzazione sono soggetti alle norme di cui ai successivi articoli. ART. 2 - Ai fini

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A

COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A REGOLAMENTO ARREDI DELLE AREE PERTINENZIALI Atto collegato

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco

NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco ORTOFOTO PLANIMETRIA AEROFOTOGRAMETRICA (scala 1:1000) Nuclei di antica formazione Criteri

Dettagli

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 Ricostruzione dell'isolato di via Frigia - via Capelli attraverso la realizzazione di nuova residenza, attività commerciali e un parcheggio pubblico; creazione

Dettagli

Dato atto che la commissione consiliare urbanistica ha espresso in data parere in merito al presente provvedimento;

Dato atto che la commissione consiliare urbanistica ha espresso in data parere in merito al presente provvedimento; IRIDE 1142136 Delib. n. - N. P.G. OGGETTO:Adozione Variante al Piano di Recupero in variante al vigente Piano delle Regole Immobiliare Supercinema c.so Garibaldi La Giunta comunale propone al Consiglio

Dettagli

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 7

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 7 Caso 7 Stima del mercato rurale mediante il criterio del valore di trasformazione: valore di trasformazione di una corte colonica ubicata in un podere nella pianura Bolognese Indice 1. Conferimento dell

Dettagli

Provincia di Pavia. ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Allegato PR.03. Sindaco. Progettisti Incaricati. Collaboratori tecnici

Provincia di Pavia. ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Allegato PR.03. Sindaco. Progettisti Incaricati. Collaboratori tecnici Provincia di Pavia ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Progettisti Incaricati dott. ing. Fabrizio Sisti via C. Battisti, 46-27049 Stradella (PV) dott. arch. Giuseppe Dondi via San Pietro,

Dettagli

Adeguamento del contributo di costruzione

Adeguamento del contributo di costruzione Adeguamento del contributo di costruzione previsto dall art.43 della LR 12/05 e s.m.i. 8 Gennaio 2016 PRINCIPI DELLA VARIANTE AL PGT riduzione del consumo di suolo e delle potenzialità edificatorie creazione

Dettagli

Regione Lombardia. Valutazione di massima dell impatto generato dal. Progetto di legge regionale per il rilancio edilizio

Regione Lombardia. Valutazione di massima dell impatto generato dal. Progetto di legge regionale per il rilancio edilizio Regione Lombardia Valutazione di massima dell impatto dal Progetto di legge regionale per il rilancio edilizio (giugno 2009) VALUTAZIONE COMPLESSIVA DELL IMPATTO ECONOMICO milioni di 1) utilizzo patrimonio

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO Variante di manutenzione con procedura semplificata ai sensi art. 30 L.R. 65/14 Responsabile del procedimento: Arch. Paola Pollina Responsabile Area Tecnica

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti-

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- - Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- Il P.A.r.17a come si evince dalla relativa scheda allegata è derivante dalla suddivisione del P.A.r.17 in due lottizzazioni separate approvate in variante al

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

COMUNE DI MONTEGIORGIO

COMUNE DI MONTEGIORGIO COMUNE DI MONTEGIORGIO (Provincia di ASCOLI PICENO) STUDIO PRELIMINARE DI FATTIBILITA FINALIZZATO ALL AMPLIAMENTO DEL CENTRO COMMERCIALE ROSSETTI Località: Via Faleriense Est, 81 63025 Montegiorgio (AP)

Dettagli

Definitivo. Prof. Ing. Antonio Chirico Redazione del Piano e Project management

Definitivo. Prof. Ing. Antonio Chirico Redazione del Piano e Project management Prof. Ing. Antonio Chirico Redazione del Piano e Project management Dr. Geol. Alessandro De Stefanis - Dr Geol. Pietro De Stefanis geosarc - Studi Associati di Ricerche e Consulenze geologiche Consulenza

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA PER IMMOBILI GIÀ EDIFICATI

RELAZIONE DI STIMA PER IMMOBILI GIÀ EDIFICATI Città di Cologno Monzese ALLEGATO C AREA PROGRAMMAZIONE TERRITORIO Servizio Demanio Patrimonio ed Espropri RELAZIONE DI STIMA PER IMMOBILI GIÀ EDIFICATI ESTRATTO CATASTALE FOGLIO 1 -MAPPALE 401 2 ESTRATTO

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA

SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA (Provincia di Siena) Pianificazione Urbanistica ed Edilizia Privata Via Garibaldi, 4 Tel. 0577 351308/14/22 - Fax 0577/351328 e-mail: urbanistica.edilizia@comune.castelnuovo-berardenga.si.it

Dettagli

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART.

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART. REGOLAMENTO IN MATERIA DI VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL ACCERTAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI E DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE

Dettagli

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale COMUNITA' ALTO GARDA E LEDRO PIANO TERRITORIALE DELLA COMUNITA' PIANO STRALCIO IN MATERIA DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE art. 25 bis, comma 1 bis l.p.4 marzo 2008, n.1 NORME TECNICHE

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione Art. 1 Campo di applicazione Le presenti norme tecniche disciplinano l attuazione dell area oggetto del Programma Integrato d Intervento Variante di P.R.G. del Comune di Cisterna di Latina loc. L Annunziata,

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA CONSISTENZA IMMOBILE DI VIA G. BANDI N 15 ATTUALE SEDE DELLE ATTIVITA DIREZIONALI DELL AZIENDA AMBIENTALE DI PUBBLICO SERVIZIO OHSAS 18001 Livorno, li 19 ottobre 2009 UFFICIO

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

BONETTI COSTRUZIONI SPA

BONETTI COSTRUZIONI SPA Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 176 30 settembre 2015 Oggetto : Approvazione della Bozza di Convenzione relativa al Permesso di Costruire Convenzionato

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO

CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO SETTORE GESTIONE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Piazza Giovanni XXIII, n. 6 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE PREMESSA Ai

Dettagli

Piano Regolatore Generale 2003

Piano Regolatore Generale 2003 Piano Regolatore Generale 2003 Regolamento Urbanistico COMUNEDI AREZZO Assessorato Urbanistica, Edilizia, CentroStorico Direzione Servizi per il Territorio Ufficio Pianificazione Urbanistica Illustrazionedel

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Ufficio Tecnico Settore Urbanistica DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 21.01.2010 1 DEI PARCHEGGI PRIVATI

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA 1 Superficie Fondiaria relativa al lotto 2: mq. 1584,00 composto da Foglio 16 particella 925 di mq. 650 Foglio 16 particella

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA D AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI D URBANIZZAZIONE, VALORI MINIMI E CRITERI PER LA MONETIZZAZIONE DEGLI STANDARD IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

Comune di Lentate sul Seveso

Comune di Lentate sul Seveso Comune di Lentate sul Seveso Provincia di Monza e Brianza PGT PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Maggio 2013 Proposta di controdeduzione alle osservazioni ALLEGATO H ELENCO DELLE OSSERVAZIONI NEL PERIODO

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Comune di Scandicci Variante al Piano di Recupero RQ 05a* - Area ex fonderia Le Cure, approvato con Deliberazione di C.C. n. 83 del 21.07.2009, già in variante rispetto all originario Piano di Recupero

Dettagli

Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio. Servizio Attività Produttive e supporto amministrativo - U.O.SUEAP

Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio. Servizio Attività Produttive e supporto amministrativo - U.O.SUEAP Piacenza, 10.06.2015 AL DIRIGENTE SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE e SUPPORTO AMMINISTRATIVO AL RESPONSABILE SUEAP AGLI ISTRUTTORI TECNICI SUEAP OGGETTO: Deliberazione Assemblea Legislativa Regione Emilia

Dettagli

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni COMUNE DI MALGESSO PROVINCIA DI VARESE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE art. 10 LR 12/2005 SCHEDE EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

COMUNE DI SCALENGHE S E T T O R E U R B A N I S T I C A

COMUNE DI SCALENGHE S E T T O R E U R B A N I S T I C A COMUNE DI SCALENGHE Provincia di Torino Via Umberto I, 1 C.A.P. 10060 Tel. (011) 9861721 Fax (011) 9861882 Partita IVA 02920980014 - Codice fiscale 85003410017 http://www.comune.scalenghe.to.it e.mail:

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree SCHEDA SINTETICA DESCRITTIVA RELATIVA ALL IMMOBILE SITO IN VIALE MONZA 148 Allegata all avviso per l attivazione

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

PREMESSO CHE. approvato il Piano Strutturale del Comune di..; con Deliberazione di C.C. n...del.. è stato definitivamente

PREMESSO CHE. approvato il Piano Strutturale del Comune di..; con Deliberazione di C.C. n...del.. è stato definitivamente 1 SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE DI CUI ALL ART. 74 DELLA LEGGE REGIONALE N. 65/2014. CONVENZIONE DI P.M.A.A. (ex art.

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 21/04/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA

PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI ROVIGO PROVINCIA DI ROVIGO PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA in attuazione dell art. 2 e 3 c. 1 e 2 della L. R. 13/2011 Piano Casa, in variante a Piano Attuativo Particolareggiato "Corte

Dettagli

VERONA COMUNE DI. VALEGGIO s/m TERRITORIALE LOCALITA CAPOLUOGO SCALA 1:25000. Archistudio di Marisa Fantin e Irene Pangrazi architetti associati

VERONA COMUNE DI. VALEGGIO s/m TERRITORIALE LOCALITA CAPOLUOGO SCALA 1:25000. Archistudio di Marisa Fantin e Irene Pangrazi architetti associati INQUADRAMENTO PROVINCIA DI TERRITORIALE VERONA COMUNE DI VALEGGIO s/m LOCALITA CAPOLUOGO SCALA 1:25000 PROVINCIA DI COMUNE DI INQUADRAMENTO TERRITORIALE VERONA VALEGGIO s/m LOCALITA CAPOLUOGO Mappa Catastale

Dettagli

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti.

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. Premessa La scuola Arcobaleno (www.scuolaarcobaleno.org) si trova dal 1994 nel quartiere

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Allegato a) RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento riguarda un area compresa nell isolato tra la via Sansovino e le vie Refrancore e Cuniberti, situato nella parte nord della Città, nella Circoscrizione

Dettagli

Il sottoscritto residente in Via.. n..c.a.p..codice Fiscale in qualità di per il % CHIED

Il sottoscritto residente in Via.. n..c.a.p..codice Fiscale in qualità di per il % CHIED marca da bollo AL COMUNE DI CANDELO SETTORE TECNICO DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE Ai sensi degli articoli dal 10 al 20 del DPR 06/06/2001 N 380 e ss. mm.e ii Il sottoscritto residente in Via.. n..c.a.p..codice

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI METALLA E IL MARE COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE PROVINCIA COMMISSARIATA DI CARBONIA IGLESIAS SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA

UNIONE DEI COMUNI METALLA E IL MARE COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE PROVINCIA COMMISSARIATA DI CARBONIA IGLESIAS SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA UNIONE DEI COMUNI METALLA E IL MARE COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE PROVINCIA COMMISSARIATA DI CARBONIA IGLESIAS SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA via Vittorio Emanuele, 200-09010 Fluminimaggiore (CI) tel 0781 5850230

Dettagli

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi. Piano regolatore generale; 3. L UT è suddivisa in due parti: la 7.9a è la zona di

Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi. Piano regolatore generale; 3. L UT è suddivisa in due parti: la 7.9a è la zona di Corsivo Blu = Aggiunte Barrato Rosso = Eliminazioni Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi 1. La variante generale ha come ambito di intervento il Piano Attuativo Unitario approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE - Norme Tecniche di Attuazione (estratto) Il Progettista Magrini Arch. Marco Con la collaborazione degli Uffici Comunali LUGLIO 2012 REGOLAMENTO URBANISTICO - Norme Tecniche

Dettagli

COMUNE DI CREMA Provincia di Cremona

COMUNE DI CREMA Provincia di Cremona Spett.le: Alla c. a.: Comune di CREMA Piazza Duomo, 25 26013 - Crema (CR) Ufficio Tecnico Servizio Edilizia Privata Piano di Recupero Comune: CREMA Provincia: CREMONA Richiedente: Progettista: ZAMBELLI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI COMUNE DI CASTELLO - MOLINA DI FIEMME Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI Approvato con deliberazione del

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO MODIFICA AL PROGRAMMA DI EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE AI SENSI ART. 51 L. 865/71 AREA EX-CASERMETTE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 94 DEL 18/12/2009 RELAZIONE

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI -

COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI - COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI - REGOLAMENTO DI CALCOLO E GESTIONE DEGLI STANDARDS QUALITATIVI PER ATTI DI PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA E ATTUAZIONE DEL

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

comune di montevarchi - provincia di arezzo approvazione Del.C.C. n.44 del 27.04.2011 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

comune di montevarchi - provincia di arezzo approvazione Del.C.C. n.44 del 27.04.2011 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE comune di montevarchi - provincia di arezzo approvazione Del.C.C. n.44 del 27.04.2011 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI BENEFICI DA APPLICARE AGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

PERIZIA DI STIMA DELL IMMOBILE SITO IN DESENZANO DEL GARDA (Bs)

PERIZIA DI STIMA DELL IMMOBILE SITO IN DESENZANO DEL GARDA (Bs) TRIBUNALE DI BRESCIA SEZIONE FALLIMENTARE Concordato Preventivo Story Loris spa in liquidazione - n 4 / 2010 Giudice Delegato: Dott. Carlo Bianchetti Commissario Giudiziale: Adelmo Predari Commissario

Dettagli

COMUNE DI PECCIOLI Provincia di Pisa

COMUNE DI PECCIOLI Provincia di Pisa COMUNE DI PECCIOLI Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE RESIDENTI NELLE FRAZIONI DEL COMUNE ED ALLE ATTIVITA ECONOMICHE IVI SVOLTE Art.

Dettagli

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE Allegato A alla Delibera Consiglio Comunale n.27 del 07/09/2015 Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE TABELLA A - EDIFICI RESIDENZIALI Zone ZTS (ex P.R.G. Zone omogenee A) (U1) Euro 7,38/Mc Euro 2,95/Mc.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

Disposizioni e tabelle per la determinazione del contributo di cui al titolo VII della L.R Toscana 03.01.2005 n.1

Disposizioni e tabelle per la determinazione del contributo di cui al titolo VII della L.R Toscana 03.01.2005 n.1 . Comune di Vicopisano Provincia di Pisa Servizio 3 U.O. 3.3 Tel. 050 796533 - Fax 050 796540 ediliziaprivata@comune.vicopisano.pi.it Disposizioni e tabelle per la determinazione del contributo di cui

Dettagli

Al SETTORE EDILIZIA URBANISTICA SUAP Pratica n. / del COMUNE di CORNATE D ADDA

Al SETTORE EDILIZIA URBANISTICA SUAP Pratica n. / del COMUNE di CORNATE D ADDA Protocollo Marca da bollo Al SETTORE EDILIZIA URBANISTICA SUAP Pratica n. / del COMUNE di CORNATE D ADDA _I_ sottoscritt : RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE ai sensi dell art. 10 del D.P.R. 380/01 (Testo

Dettagli

Milano Via Besozzi Via Caianello

Milano Via Besozzi Via Caianello Milano Via Besozzi Via Caianello Marzo 2012 i n f o @ d d - i m m o b i l i. c o m w w w. d d - i m m o b i l i. c o m 01 Milano, Via Besozzi Via Caianello Caratteristiche principali Proprietà: Terreno

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49

LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49 LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49 Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia) convertito, con modificazioni,

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE La ZIP Nord 1.500.000 mq di superficie complessiva Oltre 150 lotti attrezzati Oltre 450 proprietari

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO Adottata dal Consiglio Comunale il 8 Novembre 2012 COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO URBANISTICO

Dettagli

ORROLI (subzona S. Nicola)

ORROLI (subzona S. Nicola) IL SIDACO COMPARTO VIA ROMA URAGHE 2 VIA URAGHE SA ICOLA VIA SA ICOLA ROMA VIA ROMA SA ICOLA 5 VIA ELEOORA D ARBOREA SATA SUSAA ZOA PIAO ATTUATIVO VIGETE ZOA I FASE DI STUDIO LIMITE SOTTOZOA LIMITE AMMIISTRAZIOE

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO)

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) 1 2 3 UNITA EDILIZIA N. 1 Sono

Dettagli