PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO BREMBILLA LAURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA"

Transcript

1 PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO BREMBILLA LAURA 1

2 INDICE 3) Che cosa è la rivoluzione industriale? 4) La fabbrica: cambia la qualità del lavoro 5) I dati quantitativi della rivoluzione industriale inglese 6) Perché proprio in Inghilterra? 7) Le innovazioni tecnologiche 8) Le relazioni tra settori industriali 9) Tempi e aree dell industrializzazione europea 10) Il motore dello sviluppo: la ferrovia 11) Dalla prima alla seconda rivoluzione industriale 12) Innovazioni tecnologiche della seconda rivoluzione industriale 13) L importanza del petrolio 14) Le invenzione che cambiano la vita quotidiana 15) Le caratteristiche particolari del decollo industriale italiano 16) Verifica 17) Verifica 2

3 CHE COSA E LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE? La rivoluzione industriale è stata un processo lento e graduale (è durata molto tempo ed ha fatto cambiamenti poco a poco). Per rivoluzione industriale si intende l insieme dei cambiamenti economici e sociali avvenuti in Inghilterra fra il 1700 e il La rivoluzione industriale si è realizzata in modo particolare nelle fabbriche. RIVOLUZIONE (in campo economico e sociale) = trasformazione, cambiamento, rinnovamento, riforma Maglio a vapore PRODURRE MOLTE MERCI IN MODO NUOVO La rivoluzione industriale produce cambiamenti radicali (cioè cambia completamente il modo di produrre) nella quantità e nella qualità dei prodotti del lavoro. Cambiamenti nella quantità: con la nascita dell industria dalle fabbriche escono molti più prodotti di prima. Cambiamenti nella qualità: si producono beni in modo nuovo rispetto al passato. Questo per tre motivi principali: 1. macchinari nuovi, più veloci e precisi; 2. lavoratori più capaci; 3. uso di nuove e molto più abbondanti materie prime. 3

4 LA FABBRICA: CAMBIA LA QUALITA DEL LAVORO Il maggiore cambiamento nel modo di lavorare si sviluppa nella fabbrica. PRIMA DELLA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE C erano posti simili alle fabbriche, le manifatture, dove lavoravano molti operai. I macchinari venivano fatti funzionare dall uomo. CON LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Nelle fabbriche lavorano molti più operai. I macchinari sono più numerosi, sono automatici perché fatti funzionare attraverso la forza motrice necessaria prodotta dalla macchina a vapore Divisione del lavoro: ogni operaio svolge solo una parte delle operazioni necessarie per realizzare il prodotto. Questo permette di aumentare la produttività (avere più prodotti) perché ognuno si specializza nel suo compito. 4

5 I DATI QUANTITATIVI DELLA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE INGLESE Andamento del reddito nazionale inglese anno Milioni di anno Milioni di sterline sterline Questa tabella ci mostra come è cambiato il reddito nazionale inglese dalla fine del 1600 alla metà del!800. Con la rivoluzione industriale tra il 1770 e il 1846, il reddito è triplicato, aumentando la ricchezza del paese. Composizione del reddito nazionale inglese anno agricoltura Industria * Commercio e altri settori In questa tabella vediamo che il reddito è aumentato grazie allo sviluppo dell industria. Questo ha portato ad un mutamento (= cambiamento) sociale. Si è passati da una società agricola (sono di più le persone che lavorano nei campi) ad una società industriale (sono di più le persone che lavorano nell industria) * (comprese miniere ed edilizia) REDDITO NAZIONALE = somma di tutti i soldi guadagnati dai cittadini La stampa della città inglese di Sheffield ci mostra una conseguenza diretta dello sviluppo industriale: grande cambiamento della distribuzione territoriale della popolazione. Quando la maggioranza della popolazione lavorava nei campi, viveva in campagna, ora invece va a vivere dove ci sono le fabbriche, in città. Lo spostamento delle persone che vanno a vivere in città si chiama urbanizzazione. 5

6 PERCHE PROPRIO IN INGHILTERRA? La rivoluzione industriale ha inizio in Inghilterra perché ha capitali da investire (= tanti soldi da spendere) per costruire le fabbriche, comperare i macchinari, per pagare i lavoratori; ha materie prime e fonti di energia come ad esempio il carbone, necessario per far funzionare la macchina a vapore; domanda di manufatti (stoffe) industriali. Le stoffe inglesi sono di buona qualità e non costano molto e per questo vengono comprate anche da paesi stranieri; buone vie di comunicazione, come strade, ferrovie, canali, che permettono il trasporto della merce; Forza-lavoro a basso costo (gli operai vengono pagati poco); Innovazioni tecnologiche, cioè invenzione di macchinari che permettono di produrre di più e in meno tempo. 6

7 LE INNOVAZIONI TECNOLOGICHE Le innovazioni (novità, cose nuove) nel settore tessile. Le novità tecnologiche della rivoluzione industriale inglese riguardano in particolare l industria tessile, l industria siderurgica ed estrattiva, la produzione di energia e movimento. Nel settore tessile i cambiamenti avvengono nella produzione di filati e di tessuti di cotone. Il cotone permette di soddisfare un bisogno primario, quello di vestirsi, a costi molto più bassi rispetto alla lana, che veniva utilizzata in precedenza. Inoltre il cotone è più facile da lavorare con le macchine. La navetta volante, utilizzata prima con la lana per filarla (trasformarla in fili) e poi con il cotone, è troppo lenta. Questo ha portato all invenzione di nuove macchine che permettono di produrre filati e stoffe in numero maggiore e in minore tempo permettendo una diminuzione dei costi di produzione, e conseguentemente dei prezzi. PRIMA ADESSO Filatoio tradizionale Filatoio meccanico inventato da Richard Arkwright Telaio tradizionale Telaio meccanico 7

8 Le relazioni fra settori industriali. Durante la rivoluzione inglese si può notare come una maggiore produzione di stoffe grazie ai nuovi telai, ha portato all invenzione di nuove macchine per filare, perché più stoffa si produce, più filo serve. Questo ci mostra come un invenzione in un ambito, stimoli ambiti ad esso collegati a creare nuovi macchinari. L innovazione, restando nel tessile, riguarda anche il settore siderurgico ed estrattivo (delle miniere) perché le macchine sono, in buona parte, di metallo. Lo sviluppo dell industria siderurgica. La fusione del ferro in Inghilterra prima veniva fatta in altiforni alimentati con carbone di legna; ma le riserve di legname si stavano esaurendo, i trasporti erano cari e la ghisa prodotta non era di buona qualità. Ghisa = lega metallica ottenuta dalla fusione di ferro e carbonio utilizzata per costruire i macchinari Nel 1784, Henry Cort scopre che utilizzando, negli altiforni, coke, un carbon fossile sottoposto ad una speciale cottura, la ghisa prodotta è di buona qualità. La siderurgia inglese può così soddisfare la crescente domanda di materiali ferrosi da parte dell industria tessile e dell agricoltura. In meno di vent anni la produzione di ghisa raddoppia. Altoforni=forni per produrre ghisa alimentati minerali di ferro e carbone coke L'esterno di una miniera alla fine del XVIII secolo. E' questa una delle tracce dell'avvenuta rivoluzione industriale inglese La macchina a vapore. Per avere più carbon fossile, è necessario ora scendere a profondità maggiori, dove però c è l acqua che impedisce di proseguire. Nel 1769 James Watt costruisce una macchina a vapore che permette di far funzionare pompe per prosciugare i pozzi in profondità. La macchina a vapore di Watt risulta decisiva per accelerare il progresso della produzione in tutti i settori industriali perché oltre a far funzionare le pompe con la sua forza motrice permette ai macchinari di funzionare più velocemente. 8

9 TEMPI E AREE DELL INDUSTRIALIZZAZIONE EUROPEA L Europa da agricola a industriale. L Europa,che all inizio del 1800 era una società agricola, cento anni dopo è molto trasformata : l industria assume notevole importanza e il lavoro in fabbrica sostituisce sempre più quello nella campagna ed è il principale produttore di ricchezza. Il ruolo dell Inghilterra nello sviluppo dell industria europea. L industrializzazione in Europa è avvenuta grazie all Inghilterra e ai suoi tecnici e progettisti assunti da imprese per installare filatoi meccanici e macchine a vapore o costruire forni per la preparazione della ghisa. Fino agli anni Sessanta -Settanta la tecnologia continentale si limita a copiare quella inglese. Le regioni industrializzate nell Europa continentale. Come puoi osservare dalla tabella, il decollo industriale avviene prima in Francia e in Belgio, poi in Germania, poi in Russia e quindi in Italia. L industrializzazione è partita da alcune regioni di questi stati che hanno caratteristiche simili a quelle dell Inghilterra, come la presenza di miniere di carbone e vie di comunicazione efficienti. Hanno inoltre il vantaggio di essere le più vicine all Inghilterra, ed hanno meno problemi ad importare le nuove macchine. Anche negli stati che si sono industrializzati più tardi il fenomeno ha riguardato solo alcune regioni. Tempi del decollo industriale paese Decollo industriale Inghilterra Francia Belgio Stati Uniti Germania Russia Italia Decollo industriale = periodo iniziale dell industrializzazione 9

10 IL MOTORE DELLO SVILUPPO:LA FERROVIA Nello sviluppo industriale dell Europa continentale a un ruolo importante la ferrovia, introdotta in Inghilterra all inizio dell Ottocento e che si è poi diffusa in tutto il continente. 1) La prima locomotiva, a vapore, inventata da George Stephenson, viene inaugurata nel La locomotiva "Rocket" realizzata da Stephenson nel ) Tra il 1840 e il 1880 la rete ferroviaria europea passa da 2700 km a più di La diffusione delle ferrovie in Europa attorno al

11 3) La costruzione di ferrovie permette lo sviluppo dell industria siderurgica, meccanica e mineraria. Inoltre le ferrovie permettono di trasportare le merci più velocemente ed a un costo più basso, in particolare quelle più pesanti e voluminose (molto grandi), e di trasportare le persone. Questo fatto, a sua volta, fa da stimolo per la costruzione di nuove ferrovie. 4) Le ferrovie riducono le distanze: è così più facile per i viaggiatori raggiungere posti che fino a poco tempo prima erano ritenuti lontani. Manifesto pubblicitario inaugurazione ferrovia Milano - Monza

12 DALLA PRIMA ALLA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE La grande depressione. Secondo gli storici la seconda rivoluzione industriale avviene tra il 1896 e il (vedi tabella) Dal 1873 al 1896 i paesi che nel frattempo si erano industrializzati attraversano un periodo di crisi economica chiamata Grande depressione. Questa crisi è causata dal fatto che si produce troppo, molto di più di quello che può essere comperato, così molta merce resta invenduta) prima rivoluzione diffusione grande crisi seconda nuova crisi industriale in dell industrializzazione economica e rivoluzione economica dei Inghilterra sul continente trasformazioni industriale e paesi dell industria affermazione industrializzati dell industria negli (parte dagli Usa) Usa Le cause della crisi. Sono in particolare due le cause della profonda crisi: 1) Crollo dei prezzi dei prodotti agricoli dovuto alla rivoluzione dei trasporti che permette di importare cereali dalla Russia e dagli Stati Uniti, a prezzi molto bassi; per questo l Europa è costretta ad abbassare i propri prezzi, anche a meno della metà di prima. 2) Le ferrovie non fanno più da traino (da stimolo) all economia: i paesi più industrializzati hanno ormai quasi completato le proprie linee ferroviarie, quindi non hanno più bisogno di rotaie, locomotive, vagoni,il cui prezzo scende del 60% circa. Molte imprese falliscono e gli imprenditori chiedono dazi (tasse) per i prodotti importati per proteggere i propri. Diversi governi europei tornano ad una politica protezionista, abbandonando dopo solo un ventennio, il principio del libero scambio sui mercati internazionali. 12

13 LE INNOVAZIONI TECNOLOGICHE DELLA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE (novità, nuove macchine) La seconda rivoluzione industriale è diversa dalla prima soprattutto per i grandi cambiamenti tecnologici. La tabella ci fa vedere le due fasi (i due momenti) dello sviluppo industriale. prima rivoluzione industriale seconda rivoluzione industriale principali fonti di energia principali motori primari settori industriali trainanti (più importanti) carbone macchina a vapore tessile, siderurgico acqua, petrolio motore elettrico motore a combustione interna ( motore a scoppio ) meccanico, chimico Nuovi motori per l energia elettrica. Nella seconda metà dell Ottocento si diffondono nuovi motori primari: il motore elettrico e il motore a scoppio che permettono di trasformare il movimento in energia elettrica. Motori primari Sono macchine che servono per far muovere altre macchine Per farli funzionare sono necessarie in particolare due fonti di energia : acqua petrolio Prima per le macchine a vapore serviva il carbone. La scoperta della possibilità di far passare l energia elettrica attraverso i fili (nel 1881) è importantissima perché permette di sfruttare l energia elettrica anche in fabbriche lontane da dove viene prodotta. La capacità di controllare e produrre energia elettrica porta a nuovi progressi (miglioramenti) tecnologici. Nel 1869 un ingegnere francese costruisce il primo impianto idroelettrico. 13

14 Successivamente molti paesi che non hanno materie prime, come l Italia, hanno costruito centrali idroelettriche. L importanza del petrolio. Grazie all invenzione del motore a scoppio, si diffonde l uso del petrolio, che funziona con gas o liquidi che derivano (sono fatti) dal petrolio stesso. L industria chimica si sviluppa nel settore della produzione di derivati del petrolio non solo per utilizzarli nei motori a scoppio, ma anche per la produzione di nuovi materiali come l alluminio, i colori artificiali, i fertilizzanti chimici e nuovi tessuti come il rayon. Le scoperte scientifiche e la nuova fabbrica. L industria meccanica si sviluppa grazie alla diffusione delle nuove macchine utensili, come trapani, torni, fresatrici, piallatrici, che servono per produrre parti di macchine come pistoni, alberi, stampi Lo sviluppo di questo settore tecnologico è strettamente legato al nuovo modo di organizzare il lavoro in fabbrica: un organizzazione che prevede una divisione del lavoro in modo da poter produrre di più. Nel nuovo tipo di fabbrica il ruolo delle macchine è importantissimo: è quindi necessario un rapporto sempre più stretto col mondo della scienza che porta a sempre nuove scoperte. A partire dalla fine dell Ottocento la grande industria meccanica, chimica, elettrica, farmaceutica, inizia ad utilizzare con regolarità il sapere scientifico, favorendo la ricerca con finanziamenti (soldi). 14

15 LE INVENZIONI CHE CAMBIANO LA VITA QUOTIDIANA Grazie all energia elettrica ci sono importanti progressi nei trasporti : nel 1879 viene presentata a Berlino la prima ferrovia a trazione elettrica. nelle comunicazioni: nel 1837 Samuel Morse inventa il telegrafo, tra il 1871 e il 1876 Meucci e Bell inventano il telefono. Nel 1901 Guglielmo Marconi inventa il telegrafo senza fili che funziona senza cavi elettrici. Nel 1877 Thomas Edison inventa il fonografo, che riproduce i suoni, e la prima lampadina; Nel 1895 i francesi fratelli Lumière inventano il cinematografo; Locandina pubblicitaria di uno dei primi film da loro prodotti, L innaffiatore innaffiato 15

16 Nel 1899 viene inventata l aspirina e nel 1909 il primo antibiotico. Nel 1894 vengono fatte le prime vaccinazioni. La vaccinazione nelle campagne, 1894, pastello su carta telata LE CARATTERISTICHE PARTICOLARI DEL DECOLLO INDUSTRIALE ITALIANO I fattori dello sviluppo italiano. L Italia avvia in ritardo il proprio sviluppo industriale ma già nel XX secolo è una potenza industriale. Il Regno d Italia nasce nel 1861: a metà Ottocento la penisola e le isole fanno parte per la prima volta di un unico stato. Questi sono i fatti che hanno portato al decollo industriale italiano: l intervento dello stato a sostegno dell industria siderurgica per realizzare la rete ferroviaria e allestire navi per i trasporti marittimi e la marina militare; ALLESTIRE una nave, un aereo = rifornirli di delle attrezzature di bordo L'incrociatore torpediniere Partenope costruita nel cantiere di Castellammare, varata nel 1890 Nel 1878 viene attuata (fatta) una politica economica protezionistica che favorisce soprattutto l industria tessile e meccanica; Afflusso di capitali stranieri (arrivano soldi da altri stati), francesi e tedeschi; 16

17 Nel 1893 viene fondata la Banca d Italia, cioè la banca centrale che si occupa dell emissione della moneta. EMISSIONE = operazione con la quale si mettono in circolazione banconote, assegni, cambiali, titoli, francobolli, ecc. Banca d Italia 17

18 NOME.. CLASSE DATA VERIFICA DI STORIA 1) Che cosa si intende per rivoluzione industriale? 2) Perché si parla di urbanizzazione? 3) Perché la rivoluzione industriale ha inizio in Inghilterra? (scrivi almeno 3 motivi) 4) Inserisci nella tabella : tessile - motore elettrico acqua siderurgico - petrolio macchina a vapore chimico - carbone meccanico- motore a scoppio prima rivoluzione industriale seconda rivoluzione industriale principali fonti di energia principali motori primari settori industriali trainanti (più importanti) Rispondi alle seguenti domande: 5) In quale settore industriale, durante la rivoluzione industriale inglese, si hanno maggiori innovazioni? 6) Perché è importantissima la possibilità di far passare l energia elettrica attraverso i fili? 7) Quali importanti invenzioni cambiano la vita quotidiana, grazie all energia elettrica? 8) Perché è importante il petrolio? 9) Per quali motivi, tra il 1873 al 1896 i paesi industrializzati attraversano un periodo di crisi economica chiamata Grande depressione? 10) Quali sono i fatti che hanno portato al decollo industriale italiano? Completa il testo inserendo i seguenti termini: divisione del lavoro - macchine utensili - organizzare il lavoro meccanica - 11) L industria si sviluppa grazie alla diffusione delle nuove Lo sviluppo di questo settore è legato al nuovo modo di in fabbrica: un organizzazione che prevede una in modo da poter produrre di più. 18

19 12) Segna con una crocetta: Un invenzione in un ambito, stimola ambiti ad esso collegati a creare nuovi macchinari Durante la prima rivoluzione industriale, la fusione del ferro in Inghilterra veniva fatta in altiforni alimentati con coke. La ghisa è una lega metallica ottenuta dalla fusione di ferro e argento La macchina a vapore di James Watt permette di far funzionare pompe per prosciugare i pozzi in profondità All inizio del 1800 l industria assume notevole importanza e il lavoro in fabbrica sostituisce sempre più quello nella campagna ed è il principale produttore di ricchezza. V F Fino agli anni Sessanta-Settanta la tecnologia continentale si limita a copiare quella americana. Nello sviluppo industriale dell Europa continentale a un ruolo importante la ferrovia, introdotta in Inghilterra all inizio dell Ottocento e che si è poi diffusa in tutto il continente. La costruzione di ferrovie permette lo sviluppo dell industria tessile 19

La Rivoluzione Industriale Inglese

La Rivoluzione Industriale Inglese La Rivoluzione Industriale Inglese Dal 1780 in Inghilterra si ebbe un decollo a livello industriale che causò un processo cumulativo di crescita. Come affermò lo storico David Landes, la rivoluzione industriale

Dettagli

Rivoluzione Industriale

Rivoluzione Industriale Rivoluzione Industriale questioni termine rivoluzione paese di partenza 3 fasi fattori che la favoriscono La più rivoluzionaria delle rivoluzioni Rapida crescita della ricchezza Profonda trasformazione

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE CLASSE 3 E ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROF.SA CALCAGNO VALERIA

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE CLASSE 3 E ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROF.SA CALCAGNO VALERIA LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE CLASSE 3 E ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROF.SA CALCAGNO VALERIA DOVE NASCE CHE COSA IMPLICA NASCE IN INGHILTERRA PERMETTE ALL UOMO DI AVERE UNA FORMA DI ENERGIA: QUELLA DEL VAPORE.

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 01 - GENERALITA SUL TRASPORTO FERROVIARIO Docente: Ing. Marinella Giunta CENNI

Dettagli

La macchina a vapore

La macchina a vapore La macchina a vapore Verso la rivoluzione Durante l 800 e il 900, nacque la società industriale, Le sue caratteristiche erano: - La maggior parte del reddito è prodotta dall industria. - Gli occupati nel

Dettagli

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte telefono Telegrafo senza fili automobile invenzionii i 1800 Sviluppo Industriale elettricità aereo cinema La 2^ Rivoluzione industriale Italia e altri paesi medicina ferro scoperte progressi petrolio coloranti

Dettagli

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Alla fine del 1700 in Inghilterra c è un grande sviluppo dell industria. Gli inventori costruiscono delle macchine per lavorare il cotone. Le macchine fanno in poco tempo e in

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

LA PRIMA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

LA PRIMA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE LA PRIMA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE - Ha inizio nella seconda metà del 1700 in Inghilterra che era ricca di risorse e materie prime (miniere di ferro e carbone, lana, cotone proveniente dalle colonie inglesi)

Dettagli

Lavoro eseguito dalla classe III H a.s. 2012/13

Lavoro eseguito dalla classe III H a.s. 2012/13 Lavoro eseguito dalla classe III H a.s. 2012/13 La macchina a vapore macchina a vapore è stata l innovazione tecnologica fondamentale della prima rivoluzione industriale. E un dispositivo che permette

Dettagli

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE PAROLE CHIAVE Inghilterra Incremento demografico Macchina a vapore Lavoro a domicilio Carbone Mezzi di trasporto Campagne Cambiamenti sociali nel mondo lavorativo Associazioni

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

La prima rivoluzione industriale seconda metà sec. XVIII prima metà sec. XIX

La prima rivoluzione industriale seconda metà sec. XVIII prima metà sec. XIX La prima rivoluzione industriale seconda metà sec. XVIII prima metà sec. XIX Schemi e brevi riflessioni sugli aspetti fondamentali della prima rivoluzione industriale, a partire dalle considerazioni tecnologiche

Dettagli

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana Il mercato dei beni Prof. Sartirana Gli scambi di beni economici avvengono tra soggetti che vengono definiti: soggetti economici I soggetti economici sono 4 ed ognuno di essi ha necessità diverse. I soggetti

Dettagli

Le attività umane. Mondadori Education

Le attività umane. Mondadori Education Le attività umane L economia di uno Stato comprende le risorse naturali e le attività lavorative praticate dai suoi cittadini. L economia è divisa in tre settori: primario, secondario, terziario. Il settore

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

CRESCITA. Beni e servizi. Processo reversibile. Beni e servizi. Beni e servizi. 2. La rivoluzione industriale inglese (1750-1850) Beni e servizi

CRESCITA. Beni e servizi. Processo reversibile. Beni e servizi. Beni e servizi. 2. La rivoluzione industriale inglese (1750-1850) Beni e servizi CRESCITA Beni e servizi Crescita Beni e servizi Beni e servizi Beni e servizi Decrescita Beni e servizi Processo reversibile Termine neutro (assenza di giudizi di valore) SVILUPPO C r e s c i t a Mutamenti

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Contenuto della lezione 1. Le fonti energetiche... 2 1.1. Le fonti energetiche dopo la rivoluzione industriale... 2 1.2. L energia elettrica... 3 2. Principali

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

C.D.S. IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO

C.D.S. IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO DI TECNOLOGIA E IGIENE DEL I ANNO DI CORSO, II SEMESTRE IGIENE DEL Interazioni tra lavoro e salute: malattia professionale, malattia da causa di lavoro e infortunio lavorativo.

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI E ESAURIBILI

ENERGIE RINNOVABILI E ESAURIBILI Energie nella storia La storia del lavoro dell uomo è caratterizzata da un continuo aumento del bisogno di energia. Solo trecento anni fa l'uomo consumava un decimo dell'energia di oggi. Allora si usavano

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

I SETTORI DELL'ECONOMIA

I SETTORI DELL'ECONOMIA I SETTORI DELL'ECONOMIA L'ECONOMIA È L'INSIEME DELLE ATTIVITÀ CHE SERVONO A DARE BENI E SERVIZI ALLA POPOLAZIONE L'ECONOMIA HA TRE SETTORI: SETTORE PRIMARIO SONO LAVORI A CONTATTO CON L'AMBIENTE NATURALE:

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

per un ingegneria sostenibile nel mondo di oggi e di domani dall anno accademico 2009 10 Campus CRAVINO PAVIA Elettrica Meccanica Energetica

per un ingegneria sostenibile nel mondo di oggi e di domani dall anno accademico 2009 10 Campus CRAVINO PAVIA Elettrica Meccanica Energetica UNIVERSITÀ DI PAVIA INGEGNERIA INDUSTRIALE per un ingegneria sostenibile nel mondo di oggi e di domani dall anno accademico 2009 10 Campus CRAVINO PAVIA Elettrica Meccanica Energetica Referente: Prof.

Dettagli

Macchine e capitale (prima parte)

Macchine e capitale (prima parte) Macchine e capitale (prima parte) 4 Febbraio 2015 1 Nascita del macchinario Connessione tra divisione del lavoro e macchine (Ch.Babbage) è di rilievo analizzare la proporzione che esiste tra lavoratori

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale

La seconda rivoluzione industriale La seconda rivoluzione industriale L Inghilterra, che si era industrializzata per prima, rimase per tutto il XIX secolo il principale paese nel commercio internazionale. Dal 1870 in poi, però, l industria

Dettagli

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari NORDEST: QUASI IL 25 DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari ==================== Quasi il 25 per cento delle merci prodotte nel Nordest prende la

Dettagli

Macchine e capitale. (terza parte) 4 Marzo 2015. UniGramsci - Economia politica 2014-2015 1

Macchine e capitale. (terza parte) 4 Marzo 2015. UniGramsci - Economia politica 2014-2015 1 Macchine e capitale (terza parte) 4 Marzo 2015 2015 1 dalla scorsa lezione Il prolungamento della giornata oltre i suoi limiti naturali, il lavoro notturno, è un risultato del sistema di fabbrica. la parte

Dettagli

Attività/ settori economici

Attività/ settori economici 1 PRIMARIO SECONDARIO Attività/ settori economici TERZIARIO 2 ATTIVITA ECONOMICHE: Servono ad organizzare le risorse disponibili per soddisfare i BISOGNI dell uomo. BISOGNO: tutto ciò di cui l uomo ha

Dettagli

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Classe 1 A Liceo Nazione: Romania La Romania è un paese dell est europeo, confinante con Bulgaria, Ucraina, Ungheria e Moldavia, ma anche con il Mar Nero. La sua capitale

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

Tecnologia e progresso

Tecnologia e progresso Tecnologia e progresso Scoperte scientifiche Trasporti Nuove forme di immagini Telecomunicazioni Industria chimica Medicina Energia Fisica Primi aeroplani Draisina Prime auto Motore a scoppio Navi a vapore

Dettagli

LE VIE DI APPROVIGGIONEMENTO DEL ROTTAME DAL DOPOGUERRA

LE VIE DI APPROVIGGIONEMENTO DEL ROTTAME DAL DOPOGUERRA STEELMASTER Special Edition 2013 LE VIE DI APPROVIGGIONEMENTO DEL ROTTAME DAL DOPOGUERRA AUTORE Rosa Civita RELATORE Dott. Ruggero Ranieri Terni, 21 marzo 2014 Definizione Per Siderurgia si intende un

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale. L'industrializzazione fra XIX e XX secolo. Lezioni d'autore

La seconda rivoluzione industriale. L'industrializzazione fra XIX e XX secolo. Lezioni d'autore La seconda rivoluzione industriale L'industrializzazione fra XIX e XX secolo Lezioni d'autore Industrializzazione e sviluppo economico Il sistema di fabbrica continua a espandersi e cambia il volto di

Dettagli

Concetto di energia. La parola energia viene dal greco e significa lavoro interno en-ergon. Quindi energia è la capacità di produrre lavoro utile.

Concetto di energia. La parola energia viene dal greco e significa lavoro interno en-ergon. Quindi energia è la capacità di produrre lavoro utile. Concetti e numeri per capire meglio l energia Edgardo Curcio Presidente AIEE Verona, 7 maggio 2009 Concetto di energia Oggi si parla molto di energia e con questa parola si intendono molteplici cose alcune

Dettagli

CRESCITA. Beni e servizi. Processo reversibile. Beni e servizi. Beni e servizi. Beni e servizi. Beni e servizi

CRESCITA. Beni e servizi. Processo reversibile. Beni e servizi. Beni e servizi. Beni e servizi. Beni e servizi CRESCITA Beni e servizi Crescita Beni e servizi Beni e servizi Beni e servizi Decrescita Beni e servizi Processo reversibile Termine neutro (assenza di giudizi di valore) SVILUPPO C r e s c i t a Mutamenti

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 24 febbraio 2014 Dicembre 2013 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI A partire dal mese corrente, l Istat avvia la diffusione mensile degli indici dei prezzi all importazione dei prodotti industriali.

Dettagli

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO DI GEOGRAFIA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO GEOGRAFIA CLASSI PRIME Tecnico Grafico a.s. 2014 / 2015 COGNOME : NOME: CLASSE:. Il

Dettagli

Lo scenario energetico in Italia

Lo scenario energetico in Italia Lo scenario energetico in Italia Il Bilancio Energetico Nazionale Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica annualmente il Bilancio Energetico Nazionale (BEN) del nostro Paese. Questo ci dà l opportunità

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014

Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014 Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014 R.S.V.P. entro il 23 setembre 2014 Segreteria Organizzativa Telefono: +39 06 64 760 943 Email: office@cciro.it Forum Economico Italia-Romania Bucarest, 26-27

Dettagli

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa Il progetto Trend: prime analisi sull efficacia dello strumento e sul patrimonio di dati acquisito Stefania Ghidorzi Cestec

Dettagli

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il quesito cui cercherò di rispondere 2 La pompa di calore utilizza energia elettrica per

Dettagli

La Regione Germanica

La Regione Germanica La Regione Germanica Si tratta della regione centrale del continente europeo, che si estende dalla coste tedesche bagnate dal Mare del Nord e dal Mar Baltico fino alla catena montuosa della Alpi. Nell

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 25 Ottobre 2006 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria

Dettagli

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema ENERGIA Capacità di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: atto di produrre un cambiamento di configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico,

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI EDUCAZIONE ECNICA Centro Territoriale Permanente per l Istruzione e la Formazione

Dettagli

STABILIMENTO DI TARANTO. Febbraio 2007. Allegato D10

STABILIMENTO DI TARANTO. Febbraio 2007. Allegato D10 STABILIMENTO DI TARANTO Febbraio 2007 Analisi energetica dello Stabilimento Siderurgico ILVA di Taranto Lo stabilimento siderurgico di Taranto consuma, nel suo assetto attuale, c.a. 181.000 Tj/anno in

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

IL CICLO DEI MATERIALI

IL CICLO DEI MATERIALI 1 LA SOCIETA DEI CONSUMI La nostra società produce molti beni di consumo, perché la pubblicità ci convince che abbiamo bisogno di nuovi prodotti buttando quelli vecchi anche se perfettamente funzionanti,

Dettagli

idrogeno Laboratorio Sensori e Semiconduttori Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università di Ferrara

idrogeno Laboratorio Sensori e Semiconduttori Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università di Ferrara Dipartimento di Fisica Università di Ferrara INFM/CNR UdR di Ferrara L energia solare per la produzione di idrogeno Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Neuchâtel, 2008 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti:

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

Prova cantonale di storia anno scolastico 2005-06

Prova cantonale di storia anno scolastico 2005-06 Prova cantonale di storia anno scolastico 2005-06 Allievo: Punti: La popolazione europea dal 1700 al 1900 1700 1750 1800 1850 1900 Milioni di abitanti 125 145 195 290 420 450 425 400 375 350 325 300 275

Dettagli

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Decreto Legislativo 30 maggio 2005, n. 128 Attuazione della direttiva 2003/30/CE relativa alla

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Kyoto. Un accordo tormentato

Kyoto. Un accordo tormentato Kyoto Un accordo tormentato Il protocollo di Kyoto Data: 11 dicembre 1997 Contenuti: riduzione gas serra dell 8% rispetto al 1990 (ogni Stato ha una propria quota: ITALIA 6,5%) A partire da: 2008 Fino

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

LA REGIONE BRITANNICA

LA REGIONE BRITANNICA LA REGIONE BRITANNICA La Regione Britannica è formata solo da isole. Le più grandi sono Gran Bretagna e Irlanda (che è divisa in due parti: l Irlanda del Nord e L Eire). QUANTE ISOLE FORMANO LA REGIONE

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

IL MADE IN ITALY ABITA IL FUTURO IL LEGNO ARREDO VERSO L ECONOMIA CIRCOLARE : IL RAPPORTO DI FONDAZIONE SYMBOLA E FEDERLEGNOARREDO

IL MADE IN ITALY ABITA IL FUTURO IL LEGNO ARREDO VERSO L ECONOMIA CIRCOLARE : IL RAPPORTO DI FONDAZIONE SYMBOLA E FEDERLEGNOARREDO IL MADE IN ITALY ABITA IL FUTURO IL LEGNO ARREDO VERSO L ECONOMIA CIRCOLARE : IL RAPPORTO DI FONDAZIONE SYMBOLA E FEDERLEGNOARREDO Il Legno Arredo italiano il più efficiente e sostenibile in Europa: consumiamo

Dettagli

Energia e ambiente: sviluppo sostenibile. Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo

Energia e ambiente: sviluppo sostenibile. Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo Energia e ambiente: sviluppo sostenibile Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo La quantità di energia consumata dipende dal grado di sviluppo dell economia Tempo:

Dettagli

L INDUSTRIA E I SERVIZI

L INDUSTRIA E I SERVIZI VOLUME 2 CAPITOLO 3 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE L INDUSTRIA E I SERVIZI 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: economia... industria... fabbrica...

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

IL PRERIDOTTO NEL QUADRO DEL RILANCIO DELLA METALLURGIA ITALIANA. Prof. Ing. Carlo Mapelli Dipartimento di Meccanica Politecnico di Milano

IL PRERIDOTTO NEL QUADRO DEL RILANCIO DELLA METALLURGIA ITALIANA. Prof. Ing. Carlo Mapelli Dipartimento di Meccanica Politecnico di Milano IL PRERIDOTTO NEL QUADRO DEL RILANCIO DELLA METALLURGIA ITALIANA Dipartimento di Meccanica Politecnico di Milano Cos è il preridotto (DRI/HBI) E un semilavorato siderurgico contenente prevalentemente ferro

Dettagli

L energia eolica è il prodotto della conversione dell energia cinetica del vento in altre forme di energia. Per lo più adesso viene convertita in

L energia eolica è il prodotto della conversione dell energia cinetica del vento in altre forme di energia. Per lo più adesso viene convertita in ENERGIA EOLICA: L energia eolica è il prodotto della conversione dell energia cinetica del vento in altre forme di energia. Per lo più adesso viene convertita in energia elettrica tramite una centrale

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

Il Modello PMI di Enerti Costi energetici sotto controllo

Il Modello PMI di Enerti Costi energetici sotto controllo Il Modello PMI di Enerti Costi energetici sotto controllo "La partecipazione al Modello PMI ci ha aiutato ad identificare piccoli e grandi interventi di risparmio. E i nostri clienti apprezzano il certificato

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Progetto. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti. Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa

Progetto. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti. Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

Progetto ARACNE Laboratorio di Eccellenza Certificato LICEO CLASSICO MARIO PAGANO (CB)

Progetto ARACNE Laboratorio di Eccellenza Certificato LICEO CLASSICO MARIO PAGANO (CB) Progetto ARACNE Laboratorio di Eccellenza Certificato LICEO CLASSICO MARIO PAGANO (CB) Il termine ENERGIA deriva dal tardo latino energīa, che a sua volta deriva dal greco ἐνέργεια (energheia). L energia

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

La nascita della società industriale

La nascita della società industriale La nascita della società industriale L industrializzazione era nata nel 1700 in Inghilterra con la Prima rivoluzione industriale e si era poi diffusa in altre aree europee: L economia era ora dominata

Dettagli

La globalizzazione e l economia

La globalizzazione e l economia La globalizzazione e l economia La globalizzazione Oggi nel mondo sono scomparse sia le distanze fisiche sia le distanze culturali. La cultura è diventata di massa: ovunque nel mondo abbiamo stili di vita

Dettagli

Fonti di energia non rinnovabili

Fonti di energia non rinnovabili Fonti di energia non rinnovabili envi.stromzivota.sk ENVI-MOBILE: Integration of mobile learning into environmental education fostering local communities development 2014-1-SK01-KA200-000481 ERAZMUS+ Programme

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli