PROCEDURA APPLICATIVA. Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA APPLICATIVA. Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA"

Transcript

1 pag. 1 di 18 DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE: Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA 1 Eliminate linee guida plantari e sostituite con Indirizzi per la prescrizione di ausili per la mobilita personale, scarpe e plantari DOCUMENTO DI PROPRIETA DELLA ASL DELLA PROVINCIA DI LECCO RESPONSABILITA' FUNZIONE NOMINATIVO FIRMA DATA Redazione Responsabile Servizio Paolo De Luca Verifica Direttore Dipartimento Cure Primarie Valter Valsecchi Approvazione Direttore Sanitario Antonio Gattinoni 05/12/2013

2 pag. 2 di 18 INDICE 1 SCOPO CAMPO DI APPLICAZIONE RIFERIMENTI E ABBREVIAZIONI Riferimenti interni Riferimenti esterni Abbreviazioni Definizioni RESPONSABILITA DIAGRAMMA DI FLUSSO EROGAZIONE AUSILI E PROTESI. CRITERI GENERALI Elenco Elenco Elenco Dispositivi non inclusi nel nomenclatore PROCESSI LEGATI ALL EROGAZIONE DI PROTESI Generalità: gli aventi diritto DETTAGLIO DELLE VARIE FASI DEL PROCESSO DI EROGAZIONE PRESIDI Prescrizione Autorizzazione Fornitura e consegna Pagamento fornitore Rinnovo e sostituzione dei dispositivi Dispositivi protesici temporanei, provvisori e di riserva Decesso del paziente CONCESSIONE PRODOTTI EXTRANOMENCLATORE TARIFFARIO PRECISAZIONI Letti e materassi Carrozzine Modalità di richiesta Prodotti per l assorbenza ARCHIVIAZIONE MODULI...18

3 pag. 3 di 18 1 SCOPO Il presente documento della ASL della Provincia di Lecco intende offrire ai diversi attori coinvolti nei processi relativi all le linee generali di indirizzo per un appropriato comportamento nelle diverse fasi che portano all erogazione di alcune tipologie di ausili e presidi agli assistiti. Nello specifico vengono fornite indicazioni con particolare riferimento a quegli ausili che possono far sorgere dei dubbi in merito all appropriatezza della prescrizione. 2 CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente documento riguarda alcuni presidi e ausili di cui al nomenclatore tariffario (Decreto del Ministero della Sanità 27 agosto 1999, n.332 e s.m.i. Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell ambito del SSN: modalità di erogazione e tariffe ) prescritti per gli assistiti residenti nel territorio di competenza della ASL di Lecco. 3 RIFERIMENTI E ABBREVIAZIONI 3.1 Riferimenti interni Etico Comportamentale aziendale. Documento Programmatico sulla sicurezza dei dati ASL di Lecco Deliberazione nr 492 del 19/10/11 Costituzione commissione per la fornitura di presidi ed ausili non compresi negli elenchi di cui al nomenclatore tariffario d. min. n. 322 del 27/08/1999 e ss.mm.ii. e di prodotti dietetici e/o integratori alimentari non previsti dalla normativa regionale e/o nazionale. 3.2 Riferimenti esterni Decreto del Ministero della Sanità 27 agosto 1999, n.332 e s.m.i. Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell ambito del SSN: modalità di erogazione e tariffe. - Allegato 1 nomenclatore tariffario - Allegato 2 tempi minimi di rinnovo e termini massimi di fornitura [ ] Indirizzi per la prescrizione di ausili per la mobilita personale, scarpe e plantari Linee guida corsetti Linee guida incontinenza La documentazione sopracitata è pubblicata e consultabile sul portale della ASL della Provincia di Lecco seguendo il percorso di seguito elencato: ai cittadini

4 pag. 4 di Abbreviazioni ABBREVIAZIONE Servizio Dispositivo MMG/PdF Prov EcFi DESCRIZIONE Servizio Presidio, ausilio. Medico di Medicina Generale/Pediatra di Famiglia Servizio Provveditorato Economato e Gestione Tecnico Patrimoniale Servizio Economico Finanziario 3.4 Definizioni Protesi Apparecchiature applicate al corpo umano che sostituiscono totalmente o parzialmente parti del corpo mancanti, recuperando la funzionalità che esse normalmente avrebbero. Ortesi Apparecchiature che aumentano, migliorano o controllano la funzionalità di parti del corpo presenti ma compromesse, recuperandole alla normale funzionalità. Ausili Strumento completamente gestito dalla persona disabile, al di fuori dell ambiente clinico e riabilitativo. 4 RESPONSABILITA Nella tabella sottostante sono riportate le responsabilità relative alle diverse attività descritte nella presente procedura. ATTIVITÀ RESPONSABILITÀ Prescrizione dispositivo Richiesta dispositivo alla ASL Verifica documentazione Autorizzazione Inserimento ordine in applicativo condiviso con ditta vincitrice gara o ditta che ha in gestione il magazzino ASL della richiesta dell utente Consegna dispositivo al domicilio Collaudo dispositivo (dove previsto) Pagamento fatture Archiviazione Medico Specialista prescrittore MMG/PdF (per alcune tipologie di beni) Assistito Personale di front office degli uffici protesi distrettuali Personale ufficio protesi distrettuali-medico ASL Personale di front office degli uffici protesi distrettuali ditta vincitrice gara o ditta che ha in gestione il magazzino ASL Medico Specialista prescrittore Servizio Economico Finanziario Personale amministrativo Ufficio Protesi

5 5 DIAGRAMMA DI FLUSSO PROCEDURA pag. 5 di 18

6 pag. 6 di 18

7 pag. 7 di 18 Richiesta di dispositivo da Med. Specialista - magazzino ASL Assistito Medico spec. prescrittore Uffici Protesi Distrettuali Magazzino ditta convenzionata Richiesta dispositivo tramite modulistica regionale Registrazione richiesta Negativa: richiesta integrazione doc. respingimento richiesta Verifica pratica positiva Verifica presenza bene a magazzino Non presente presente Si attiva l iter previsto dal diagramma 1: fornitura del bene tramite il fornitore scelto dall assistito sul modulo regionale Inserimento richiesta nel gestionale condiviso Consegna bene al domicilio del paziente e inserimento avvenuta consegna nel gestionale Archiviazione documenti nel fascicolo personale del paziente Messa in uso del dispositivo

8 pag. 8 di 18

9 pag. 9 di 18 6 EROGAZIONE AUSILI E PROTESI. CRITERI GENERALI La normativa di riferimento per l assistenza protesica è rappresentata dal Decreto del Ministero della Sanità 27 agosto 1999, n.332 Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell ambito del SSN: modalità di erogazione e tariffe. Il Decreto, successivamente parzialmente modificato dal Decreto Min. Sanità 31 Maggio 2001, ha individuato: L elenco dei dispositivi erogabili; Gli aventi diritto alle prestazioni; Le modalità di erogazione; I tempi minimi di rinnovo dei dispositivi; La possibilità di fornitura di dispositivi protesici temporanei, provvisori e di riserva; Le tariffe ed i prezzi di acquisto dei dispositivi protesici; Le modalità di controllo. Il Regolamento comprende e descrive, nell ALLEGATO 1, in tre elenchi, tutti i dispositivi ritenuti concedibili dal Ministero; ad ogni dispositivo corrisponde un codice ISO. 6.1 Elenco 1 Comprende i dispositivi (protesi ed ortesi), prescritti da un medico specialista, costruiti su misura nonché quelli di serie la cui applicazione richiede modifiche eseguite da un tecnico ortopedico abilitato ed un successivo collaudo da parte del medico specialista prescrittore. I dispositivi dell elenco 1 sono destinati esclusivamente al paziente cui sono prescritti. 6.2 Elenco 2 Contiene i dispositivi (ausili tecnici) di serie, la cui applicazione non richiede l intervento del tecnico ortopedico. 6.3 Elenco 3 In questo elenco sono ricompresi gli apparecchi acquistati direttamente dalle Aziende Sanitarie Locali ed assegnati in uso gratuito: Montascale; Respiratori; Ventilatori polmonari; Nebulizzatori; Apparecchi alimentatori. I contratti con i fornitori di questi apparecchi prevedono la manutenzione e la tempestiva riparazione per tutto il periodo di assegnazione in uso all assistito. L iter di concedibilità per i beni compresi nell elenco 3 non è al momento descritto nella

10 pag. 10 di 18 presente procedura. 6.4 Dispositivi non inclusi nel nomenclatore Per i dispositivi non compresi nel nomenclatore tariffario, la ASL della Provincia di Lecco ha istituito una commissione ad hoc col compito di autorizzare o non autorizzare la fornitura, nello specifico si veda par PROCESSI LEGATI ALL EROGAZIONE DI PROTESI. 7.1 Generalità: gli aventi diritto Hanno diritto all erogazione di protesi ed ausili le seguenti categorie di soggetti Invalidi civili con invalidità superiore ad un terzo; Invalidi di guerra; Invalidi per servizio; Ciechi; Sordi; Minori di anni 18 per prevenzione, cura e riabilitazione di una invalidità permanente; Amputati di arto, donne mastectomizzate, soggetti che hanno subito intervento demolitore sull occhio; I soggetti laringectomizzati e tracheotomizzati, ileo-colostomizzati e urostomizzati, i portatori di catetere permanente, gli affetti da incontinenza stabilizzata nonché gli affetti da patologia grave che obbliga all allettamento; Coloro che presentano istanza in attesa di accertamento di invalidità da parte della Commissione preposta, nel caso in cui dalla certificazione medica risulti una delle seguenti diciture: incapace di deambulare senza l aiuto di un accompagnatore oppure necessita di assistenza continua non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, in stretta e coerente relazione con la gravità della menomazione certificata ( art. 1 L. 18/1980); I ricoverati presso Strutture Sanitarie per i quali il medico responsabile certifichi l urgenza dell applicazione di una protesi o di un ausilio prima della dimissione. Contestualmente alla fornitura di protesi, deve essere attivata la procedura per il riconoscimento dell invalidità;

11 pag. 11 di 18 I cittadini extra comunitari residenti o con dimora abituale nel territorio di competenza dell'asl, regolarmente iscritti al S.S.N. nel distretto competente, titolari di carta di soggiorno o permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno e minori iscritti nella loro stessa carta, hanno diritto all'assistenza protesica purchè presentino una delle condizioni riportate nei punti soprastanti. Agli invalidi del lavoro l assistenza protesica è erogata dall INAIL, secondo indicazioni e modalità stabilite dall Istituto stesso. 7.2 DETTAGLIO DELLE VARIE FASI DEL PROCESSO DI EROGAZIONE PRESIDI ED AUSILI Prescrizione Il dispositivo prescritto deve essere chiaramente attinente alla patologia per la quale è stata rilasciata l invalidità. La prescrizione è redatta di norma con modello informatizzato regionale attraverso il collegamento tramite la carta CRS SISS all applicativo dedicato denominato ASSISTANT-RL, da un medico specialista del Servizio Sanitario Regionale, dipendente o convenzionato, ricompreso nell elenco degli specialisti prescrittori, competente per tipologia di menomazione o disabilità. La richiesta può essere effettuata anche su modello cartaceo regionale. La prima prescrizione comprende: - La diagnosi circostanziata; - L indicazione del dispositivo protesico, ortesico o ausilio prescritto, completa del codice identificativo riportato nel Nomenclatore e l indicazione degli eventuali adattamenti necessari per la personalizzazione; - Il programma terapeutico di utilizzo del dispositivo, che comprende: o Il significato terapeutico e riabilitativo; o Le modalità, i limiti e la prevedibile durata impiego del dispositivo; o Le possibili controindicazioni; o Le modalità di verifica del dispositivo in relazione all andamento del programma terapeutico.

12 pag. 12 di 18 La prescrizione cartacea deve essere recapitata agli Uffici Protesi dell ASL di Lecco. L'elenco e gli orari degli Uffici Protesi distrettuali sono disponibile, sul portale ASL di Lecco secondo il seguente percorso: Servizi ai cittadini assistenza protesica Autorizzazione Le richieste pervenute agli uffici distrettuali sono registrate in un apposito registro a cura del personale amministrativo del Distretto. Il personale di front office, oltre al controllo della presenza dello specialista prescrittore e delle ditte autorizzate alla fornitura nei relativi elenchi regionali, verifica: - Lo stato di avente diritto del richiedente; - la corrispondenza tra la prescrizione medica ed i dispositivi codificati; - la presenza del preventivo del fornitore prescelto dall assistito; - la congruità del preventivo con il tariffario riportato sul nomenclatore con l aggiornamento regionale. Quando la verifica ha dato esito positivo, l autorizzazione viene riportata direttamente sul modulo regionale scaricato dall operatore di sportello da ASSISTANT-RL o nel caso di consegna del modulo cartaceo sul modello presentato dall utente. Nel caso di documentazione incompleta, il personale invita l utente ad integrare la documentazione. Nel caso non sussistano i requisiti sopra elencati, la richiesta viene respinta. Una copia del modulo regionale con l autorizzazione dell Ufficio Protesi è consegnata all utente. Di regola gli uffici protesi distrettuali rilasciano l autorizzazione tempestivamente ed in particolare, nel caso di prima fornitura, entro 20 giorni; nel caso di forniture successive alla prima dovranno essere rispettate le modalità ed i tempi di rinnovo, secondo quanto previsto nell ALLEGATO 2 del decreto del Ministero della Sanità 27 agosto 1999, n.332 Per alcune tipologie di dispositivi, indicati al par. 9: letti, materassi e carrozzine è possibile che la fornitura avvenga direttamente a cura della ASL tramite il magazzino della ditta convenzionata con la stessa. In questo caso la richiesta, di solito compilata dal medico curante, ha un iter seguito direttamente dal personale amministrativo e medico del Servizio. Qualora per l assistito venga scelto un tipo di dispositivo non incluso nel nomenclatore ma ad esso riconducibile, a giudizio dello specialista prescrittore, il Servizio può autorizzare la fornitura se le verifiche sopra indicate hanno dato esito positivo (ad esclusione della corrispondenza con il nomenclatore) per un importo non superiore a quello previsto per il dispositivo contemplato nel nomenclatore (art. 1, comma 5).

13 pag. 13 di Fornitura e consegna L utente con l autorizzazione dell Ufficio Protesi Distrettuale si reca dal fornitore indicato sul modulo per la fornitura del dispositivo. La consegna da parte del fornitore deve avvenire entro termini che non possono superare i termini massimi, specifici per tipologia di dispositivo,indicati nell ALLEGATO 2 del Decreto del Ministero della Sanità 27 agosto 1999, n.332 Dopo il ritiro del dispositivo l utente si reca dallo specialista prescrittore per il collaudo che deve essere effettuato entro 20 giorni dalla data di consegna. Lo specialista prescrittore accerta la congruenza clinica e la rispondenza del dispositivo alle caratteristiche da lui indicate nella prescrizione e lo certifica registrando l esito del collaudo sul modello regionale presentato dall utente oppure direttamente in ASSISTANT-RL. Nel caso di collaudo negativo l utente deve tornare dal fornitore per gli adeguamenti richiesti dal prescrittore. Dalla procedura di collaudo sono esclusi i dispositivi monouso. Per le forniture effettuate direttamente dalla ASL è cura della ditta che ha in gestione il magazzino procedere alla consegna del dispositivo al domicilio del richiedente a seguito di attivazione a cura dell Ufficio protesi distrettuale tramite programma di gestione condiviso. Nel programma di gestione, a consegna avvenuta, è registrata la consegna del dispositivo da parte della ditta che ha in gestione il magazzino Pagamento fornitore A collaudo positivo una copia del modulo cartaceo viene fatta pervenire all Ufficio Protesi Distrettuale di competenza che lo archivia nel fascicolo personale dell assistito. In ASSISTANT-RL sono presenti le medesime registrazioni, se il medico prescrittore ha fatto le diverse operazioni di competenza con l applicativo. Il Servizio Economico Finanziario al ricevimento delle fatture da parte dei fornitori di dispositivi chiede la verifica delle stesse agli Uffici Protesi Distrettuali. Gli uffici compiono le verifiche di competenza ed in caso di difformità contattano la ditta per la regolarizzazione della fatturazione. A regolarizzazione avvenuta, si procede con l invio dei documenti a EcFi per il pagamento Rinnovo e sostituzione dei dispositivi Una nuova richiesta alla fornitura di dispositivi a carico del SSN (rinnovo) è subordinata alla verifica di idoneità e convenienza alla sostituzione o riparazione da parte del medico specialista prescrittore. La richiesta di rinnovo/sostituzione, effettuata sul modulo regionale, deve avere le stesse caratteristiche della prima richiesta. Gli Uffici Protesi distrettuali effettuano i riscontri di competenza (elenco al par 7.2.2) ed inoltre verificano se è trascorso il tempo minimo di rinnovo, specifico per tipo di dispositivo, dalla precedente fornitura.

14 pag. 14 di 18 Per i dispositivi forniti agli assistiti minori di 18 anni, non si applicano i tempi minimi di rinnovo. Nel caso di richiesta di rinnovo prima dei tempi minimi previsti, è necessaria una dettagliata relazione del medico specialista prescrittore che evidenzi il motivo della sostituzione (ad esempio, particolari necessità terapeutiche o riabilitative o una modifica dello stato psico-fisico dell assistito). In caso di smarrimento, rottura, particolare usura o non riparabilità, oltre alla nuova prescrizione dello specialista, sarà necessario acquisire anche una dichiarazione sottoscritta dall invalido o da chi ne esercita la tutela, in base alla quale l Ufficio Protesi può autorizzare per una sola volta la fornitura di un nuovo dispositivo prima che siano decorsi i tempi minimi per il rinnovo Dispositivi protesici temporanei, provvisori e di riserva I dispositivi provvisori e temporanei sono prescrivibili dal medico specialista solo per donne mastectomizzate e per soggetti con amputazione di arto. Gli uffici protesi possono autorizzare la fornitura di un dispositivo di riserva, rispetto al primo dispositivo definitivo, ai soggetti con amputazione bilaterale di arto superiore o con amputazione monolaterale o bilaterale di arto inferiore Decesso del paziente In caso di decesso, previa comunicazione da parte dei parenti ovvero verifica da parte del Servizio sugli elenchi anagrafici forniti dal Distretto, l Ufficio protesi comunica il nominativo e l indirizzo alla ditta che gestisce il magazzino convenzionato per il ritiro a domicilio dell'ausilio, se ricorrono le condizioni, viene "rigenerato" dalla stessa, in caso contrario, o quando i beni non sono più utilizzabili, viene segnalato al Servizio Protesi che procede con la dismissione degli stessi così come previsto dalla procedura Gestione e aggiornamento dell inventario PA7.501/S CONCESSIONE PRODOTTI EXTRANOMENCLATORE TARIFFARIO La ASL della Provincia di Lecco al fine di valutare l appropriatezza di richieste particolari relative ai dispositivi ha costituito una commissione ad hoc con deliberazione nr 492 del 19/10/11 ad oggetto: Costituzione commissione per la fornitura di presidi ed ausili non compresi negli elenchi di cui al nomenclatore tariffario d. min. n. 322 del 27/08/1999 e ss.mm.ii. e di prodotti dietetici e/o integratori alimentari non previsti dalla normativa regionale e/o nazionale. I cittadini residenti nell ASL della Provincia di Lecco, possono far richiesta anche per prodotti non ricompresi nell art. 2 del Ministero della Sanità 27 agosto 1999, n.332 e ss.mm.ii. La prescrizione è redatta da un medico specialista del Servizio Sanitario

15 pag. 15 di 18 Regionale, dipendente o convenzionato, ricompreso nell elenco degli specialisti prescrittori, competente per tipologia di menomazione o disabilità. Nella prescrizione dovrà essere riportato: a) Esistenza di patologia grave; b) Indispensabilità del presidio richiesto al fine di prevenire complicanze che possano costituire rischio di ulteriore aggravamento e/o pericolo di vita; c) Piano terapeutico individuale compilato dallo specialista prescrittore che certifichi i requisiti di cui ai punti a) e b) nonché il programma terapeutico correlato all utilizzo dell ausilio. La domanda, corredata dalla prescrizione dello specialista, redatta con le caratteristiche sopra descritte, deve essere presentata dal diretto interessato e/o dal legale rappresentante ed indirizzata al seguente indirizzo: Commissione Extra-tariffario ASL della provincia di Lecco presso Farmaceutica Corso Carlo Alberto, LECCO o all Ufficio Protocollo della ASL di Lecco. La domanda protocollata e la relativa documentazione sono esaminate da una commissione aziendale composta dal Direttore del Dipartimento Cure Primarie, dal Direttore del Servizio Farmaceutica e dal Responsabile del Servizio. La commissione può avvalersi della collaborazione di medici specialisti dipendenti ASL per specifiche valutazioni. La Commissione redige verbale motivato di assenso o diniego alla fornitura; copia del parere è inviato all interessato ed all Ufficio protesi competente per territorio. Nel caso di documentazione incompleta è cura della commissione richiedere all interessato le integrazioni del caso. 9 PRECISAZIONI Di seguito si riportano alcune precisazioni relativamente alla concedibilità di letti, materassi e carrozzine, in aggiunta a quelli generali previsti nel capitolo Letti e materassi Possono accedere al percorso di concessione di letti e materassi i pazienti affetti da patologie gravi che obbligano alla degenza a letto senza soluzione di continuità, cioè a pazienti costretti per la gran parte della giornata a letto, fatti salvi brevi periodi nei quali possono trovare giovamento su comoda o carrozzella fissa. Sono esclusi i soggetti che hanno la possibilità di utilizzare, autonomamente o con accompagnatore, carrozzelle per esterni. Ai pazienti ai quali viene fornito il letto ortopedico possono essere prescritti Accessori per il letto (sponde, supporti per alzarsi dal letto, etc);

16 pag. 16 di 18 Comoda solo nel caso documentato che il paziente sia in grado di stare seduto per l'igiene quotidiana. Ai pazienti con ridottissima capacità deambulatoria possono essere forniti i soli accessori per il letto. La base per il letto regolabile in altezza viene fornita in relazione alle necessità del soggetto che assicura l'assistenza. I letti a movimentazione elettrica sono prescrivibili solo a soggetti in grado di azionarli autonomamente e che non dispongono di una persona di aiuto in via continuativa. I materassi anti-decubito sono ausili idonei all'utilizzo anche su letti normali od ortopedici. In altre parole, non necessariamente tale ausilio va prescritto contemporaneamente anche al letto ortopedico; naturalmente lo stesso vale per le attrezzature speciali antidecubito. 9.2 Carrozzine Le carrozzine per esterni possono essere concesse ai soggetti previsti nel capitolo 7.1 che non hanno in corso una prescrizione per un letto ortopedico o hanno già avuto un letto ortopedico. 9.3 Modalità di richiesta Per le casistiche di cui ai paragrafi 9.1 e 9.2, l iter di richiesta segue quanto indicato al paragrafo 7.2.2: presentazione agli sportelli di front office degli uffici protesi distrettuali di prescrizione del medico specialista (modulistica cartacea o informatica regionale) ed anche del medico di medicina generale/pediatra di famiglia (ricetta rossa SSN). La richiesta, se fatta da un medico specialista, è oggetto di verifica da parte del personale di front office per i seguenti aspetti: - Lo stato di avente diritto del richiedente; - la corrispondenza tra la prescrizione medica ed i dispositivi codificati - storico delle richieste dell utente (database) oltre che la verifica della presenza del medico prescrittore nell elenco degli autorizzati. Nel caso in cui la richiesta sia fatta da MMG/PdF sono verificati i seguenti punti: - Lo stato di avente diritto del richiedente; - storico delle richieste dell utente (database) Inoltre per validare la richiesta del MMG/PdF è cura degli uffici protesi distrettuali attivare uno dei medici specialisti ASL al fine di recarsi presso il domicilio dell utente per validare la prescrizione o di svolgere in sede ASL le verifiche del caso.

17 pag. 17 di 18 In caso di prescrizione ripetuta dello stesso dispositivo quanto sopra non viene attuato. Per le richieste di cui al punto 9.1 è in capo alla ASL la fornitura del presidio, nuovo o rigenerato, direttamente al domicilio dell assistito. La richiesta di fornitura del presidio, viene inviata dagli operatori di front office, tramite il programma gestionale condiviso, al magazzino della ditta convenzionata con la ASL. Se il presidio non è presente a magazzino gli operatori effettuano richiesta diretta di fornitura a Prov. E cura della ditta che ha in gestione il magazzino procedere alla consegna del dispositivo direttamente a casa dell assistito; lo stesso avviene anche nel caso di ordine a Prov. Per le richieste di cui al punto 9.2, nel caso di prescrizione da parte del medico specialista, se il presidio non è disponibile tramite magazzino convenzionato con la ASL, ci si attiene all iter generale par mentre se lo stesso è disponibile sarà cura della ASL fornirlo all utente per il tramite della ditta che ha in gestione il magazzino. Per le richieste formulate da MMG/PdF e validate dal medico specialista ASL, lo stesso compilerà il modello regionale, ed anche in questo caso se il presidio non è disponibile tramite il magazzino convenzionato con la ASL ci si attiene all iter generale par mentre se lo stesso è disponibile sarà cura della ASL fornirlo all utente per il tramite della ditta che ha in gestione il magazzino. Per le carrozzine non disponibili a magazzino, l iter di liquidazione dei fornitori segue quanto definito al par Prodotti per l assorbenza L interessato, o un suo delegato si presenta all ufficio protesi distrettuale, con la seguente documentazione: Carta regionale dei servizi; Richiesta compilata dal medico curante e/o dallo specialista, attraverso il modello denominato Indicazioni per la fornitura di presidi per incontinenza, ritenzione cronica, lesioni da decubito e stomie Dichiarazione di scelta della ditta per la fornitura, frequenza di consegna, sottoscrizione del consenso al trattamento dei dati personali, il tutto tramite le compilazione di due modelli: Dichiarazione di scelta del paziente e Allegato C: Informativa e consenso. L operatore di sportello verifica la completezza della documentazione, in caso di documentazione incompleta ne richiede l integrazione. Inoltre verifica che il medico prescrittore sia iscritto nell elenco dei prescrittori autorizzati. La pratica è successivamente valutata dal medico ASL che effettua la verifica di congruità della patologia rispetto alla fornitura; se congrua, autorizza la stessa altrimenti richiede integrazione alla documentazione presentata. Il rinnovo del programma terapeutico è annuale, fatte salve eventuali integrazioni o

18 pag. 18 di 18 variazioni delle condizioni cliniche nel corso dell anno che richiedono la presentazione di una nuova richiesta. Autorizzata la fornitura, gli operatori degli uffici protesi distrettuali inseriscono negli applicativi delle ditte fornitrici vincitrici di gara regionale, tutti gli elementi necessari per la consegna dei prodotti. Le ditte fornitrici, nel caso di problemi sulla consegna, hanno messo a disposizione degli utenti dei numeri verdi pubblicati sulla internet della ASL della Provincia di Lecco. In ogni caso l utenza può rivolgersi anche agli uffici protesi distrettuali. Mensilmente le ditte inviano le fatture al Servizio Economico Finanziario che chiede verifica delle stesse al Farmaceutica. Il Servizio controlla la rispondenza tra quanto fatturato e quanto erogato, ed invia comunicazione a Prov per procedere alla liquidazione. Prov invia a EcFi i documenti relativi alla liquidazione per procedere al pagamento. 10 ARCHIVIAZIONE Presso gli uffici protesi di Bellano, Lecco e Merate sono archiviate a cura del personale amminsitrativo tutte le pratiche in ordine alfabetico per tipologia di bene, nel distretto di Merate le pratiche sono archiviate, per alcuni prodotti, presso i presidi distrettuali di Cernusco Lombardone, Casatenovo, Olgiate. 11 MODULI CODICE MODULO MDPA /S272 MDPA /S272 MDPA /S272 TITOLO Indicazioni per la fornitura di presidi per incontinenza, ritenzione cronica, lesioni da decubito e stomie Dichiarazione di scelta del paziente Allegato C: Informativa e consenso

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE NOMENCLATORE TARIFFARIO DM 332/1999 Il Nomenclatore Tariffario è l'elenco delle Protesi e degli Ausili Tecnici (Dispositivi) diretti al recupero funzionale e sociale dei soggetti affetti da minorazioni

Dettagli

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità S.It.I. Milano 8 febbraio 2012 Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità 16-02-2012 1 Nomenclatore Tariffario delle Protesi DECRETO MINISTERIALE n. 332. 27 agosto

Dettagli

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti REGIONE PIEMONTE ASL NO SEDE LEGALE: VIA DEI MILLE 2-28100 NOVARA P.IVA 01522670031 L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti dott. Lorenzo Brusa Novara 17

Dettagli

PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99)

PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99) DELLE PROTESI (DM 332/99) PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99) Lista di Distribuzione Operatori Amministrativi Unità Operative Ass.

Dettagli

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 Dott. Leonardo Bonafede Medico del distretto Fossano-Savigliano NORME DI RIFERIMENTO NORMATIVA

Dettagli

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico? Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo tecnologico Milano La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Trieste, 11 giugno 2005 Aspetti medico-legali nella gestione dei pazienti con Sclerosi Multipla ASSISTENZA PROTESICA Dott.ssa Viviana VARONE ASS n. 5 Bassa Friulana Dipartimento di Prevenzione SOGGETTI

Dettagli

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali di erogazione delle prestazioni di assistenza

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Allegato 4 Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Premessa Il documento fornisce le indicazioni operative all utilizzo

Dettagli

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Certificazioni di invalidità civile e handicap La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa e danno diritto a benefici

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili «Ripartiamo dal territorio 2015 Lavori in corso» Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili Dott. Giuseppe Coluzzi Azienda ASL LATINA DISTRETTO 2 ASSISTENZA RIABILITATIVA SONO UTILIZZATI, A SECONDA

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 Allegato alla Deliberazione Azienda USL 2 Lucca n. 505 del 08/08/2007 REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 PREMESSA Il presente regolamento

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Aventi diritto alle prestazioni ANFFAS Brescia Onlus ASSISTENZA PROTESICA 1) invalidi civili (con valutazione superiore al 33%), di guerra, per servizio, ciechi e sordomuti 2) minori di anni 18 che necessitano

Dettagli

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris DISPOSITIVO MEDICO qualunque strumento, apparecchio,

Dettagli

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI REGIONE ABRUZZO Azienda Sanitaria Locale di Teramo DIPARTIMENTO ASSISTENZA SANITARIA TERRITORIALE Direttore: Dott. Valerio F. Profeta SERVIZIO TERRITORIALE DI RIABILITAZIONE Dirigente Responsabile: Dott.sa

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA PROCEDURA DI ASSISTENZA PROTESICA Decreto Ministeriale 332/99 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTALI... 3

Dettagli

Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di erogazione

Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di erogazione 1 di 18 Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, 24 90141 PAGINA 1 2 di 18 REDAZIONE E PROPOSTA Struttura di appartenenza

Dettagli

CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO:

CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO: CARTA DEI SERVIZI Azienda convenzionata con il Servizio Sanitario Nazionale 7 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO: - invalidi civili, di guerra e per servizio

Dettagli

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 INDICE 1. OBIETTIVO... 2 2. ATTIVITA FISIOTERAPICA GENERALE... 2 2.1 PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 2.2 MODULISTICA... 3 2.3 STRUMENTI... 3 2.4 FREQUENZA... 3 MODALITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI Il presente regolamento, condiviso con l UOC Anziani ed A.D.I. è parte integrante delle Linee Guida per l Assistenza Protesica, e la modulistica

Dettagli

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227)

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 27 agosto 1999, n. 332 "Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità

Dettagli

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227)

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 27 agosto 1999, n. 332 "Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità

Dettagli

DOMANDA. Tel./Cell/Fax: Indirizzo mail:

DOMANDA. Tel./Cell/Fax: Indirizzo mail: DOMANDA BANDO Legge regionale 23/99 art. 4, commi 4 e 5 EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA O AL SINGOLO SOGGETTO DISABILE PER L ACQUISTO DI STRUMENTI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI

Dettagli

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO Decreto Legislativo di recepimento della Direttiva 2011/24/UE Dipartimento della Programmazione e del Servizio Sanitario Nazionale Direzione Generale della Programmazione

Dettagli

> Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI

> Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI Prot. n. 16531/3 Cagliari, 4 Maggio 2006 > Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI Oggetto: Linee di indirizzo regionali sull applicazione del DM 332/99 in materia

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale

Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale Lo sapevi che la sanità italiana eroga un contributo a favore dei cittadini italiani con particolari problemi di udito? In

Dettagli

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE INDICE assegno di cura per anziani non autosufficienti... 3 assegno di cura per disabili non autosufficienti... 4 voucher sociale... 5 servizio assistenza

Dettagli

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO Gestione del processo di approvvigionamento Pag. 1 di 7 PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO n ediz. Data Descrizione Firma preparazione Firma approvazione DIR Firma verifica RGQ 00 01/09/02

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva nell Assistenza Integrativa e Protesica INVALIDITA CIVILE: perché e quali vantaggi Dott. Lorenzo Brusa Dott.ssa Laura Signorotti CHI E L INVALIDO CIVILE Si considerano mutilati

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012

DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012 INDICE: 1. FINALITA. 2. SOGGETTI AVENTI DIRITTO. 3. PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA.

Dettagli

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI HANDICAP (LEGGE 104/92) La legge sull handicap prevede interventi volti concretamente a prevenire e rimuovere le condizioni invalidanti che impediscono lo sviluppo

Dettagli

PROTES Assistenza Integrativa e Protesica. Definizione dei Cataloghi Regionali

PROTES Assistenza Integrativa e Protesica. Definizione dei Cataloghi Regionali ASSISTENZA INTEGRATIVA E ICA Pag. 1 di 11 Assistenza Integrativa e Protesica Definizione dei Cataloghi Regionali Versione 1.0 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono obbligatori: -cognome, nome dell assistito o iniziali, dove prescritto

Dettagli

ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE

ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE Aventi diritto alle prestazioni di assistenza protesica

Dettagli

Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI

Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI Riferimenti di legge L Assistenza Sanitaria protesica è sancita dalla L. 118/71, art. 3, comma 1, ulteriormente precisata dal D.M.S. 332/99 a cui è allegato

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER L ACCESSO AI SERVIZI

GUIDA OPERATIVA PER L ACCESSO AI SERVIZI PREMESSA GUIDA OPERATIVA PER L ACCESSO AI SERVIZI La seguente Guida Operativa contiene le principali indicazioni necessarie per attivare le prestazioni ed i servizi previsti in Polizza a favore degli Assicurati.

Dettagli

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso)

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso) Domanda per il contributo alle famiglie di persone con disabilità o al singolo soggetto disabile per l acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati L.R. 23/99 - ANNO 2011 (Decreto n. 9815 del 25.10.2011)

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

PROTOCOLLO AZIENDALE SULLA MODALITÁ DI FORMULAZIONE DELLE RICHIESTE DI APPROVVIGIONAMENTO

PROTOCOLLO AZIENDALE SULLA MODALITÁ DI FORMULAZIONE DELLE RICHIESTE DI APPROVVIGIONAMENTO PROTOCOLLO AZIENDALE SULLA MODALITÁ DI FORMULAZIONE DELLE RICHIESTE DI APPROVVIGIONAMENTO PREMESSE Il presente Regolamento intende disciplinare le modalità con le quali dovranno essere formulate le richieste

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O Ripristino igienico e manutentivo dei montascale (CIG 59882815CE) Proponente: Coordinamento

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche ALLEGATO 1 NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1 Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche LA DESCRIZIONE DEGLI AUSILI TECNICI PER PERSONE DISABILI E LE NORME TECNICHE

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

Carta Regionale dei Servizi. Scheda descrittiva

Carta Regionale dei Servizi. Scheda descrittiva Carta Regionale dei Servizi Scheda descrittiva CHE COSA È LA CRS La Carta Regionale dei Servizi è lo strumento innovativo che la Regione Lombardia offre ad ogni suo cittadino per migliorarne la qualità

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

1) DOMANDA dell azienda capogruppo della GDO al Responsabile dell U.O.C. Servizio Assistenza Farmaceutica (U.O.C. S.A.F.).

1) DOMANDA dell azienda capogruppo della GDO al Responsabile dell U.O.C. Servizio Assistenza Farmaceutica (U.O.C. S.A.F.). PROCEDURA PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON I FORNITORI DI PRODOTTI ALIMENTARI PRIVI DI GLUTINE A PAZIENTI AFFETTI DA MORBO CELIACO DELL ASL DELLA PROVINCIA DI COMO AZIENDE DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA

Dettagli

MA UALE DELLE PROCEDURE ALIMENTI

MA UALE DELLE PROCEDURE ALIMENTI PROCEDURA EROGAZIONE SENZA GLUTINE A PAZIENTI AFFETTI DA MORBO CELIACO REDATTO Dipartimento del Farmaco Dott.ssa Alessandra Mingarelli Farmacisti Dott. D. Carletti Dott.ssa L.Arenare CONDIVISO Dipartimento

Dettagli

Regolamento sulle donazioni e i comodati d uso gratuito

Regolamento sulle donazioni e i comodati d uso gratuito S.C. PATRIMONIO Regolamento sulle donazioni e i comodati d uso gratuito Pagina 1 di 8 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Oggetto del regolamento... 3 Art. 2 - Disciplina delle donazioni e dei contratti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

Procedura operativa PROCEDURE DISTRIBUZIONE OSPEDALIERA DEI FARMACI DISCIPLINATI DAL DECRETO 22 DICEMBRE 2000

Procedura operativa PROCEDURE DISTRIBUZIONE OSPEDALIERA DEI FARMACI DISCIPLINATI DAL DECRETO 22 DICEMBRE 2000 Procedura operativa PROCEDURE DISTRIBUZIONE OSPEDALIERA DEI FARMACI DISCIPLINATI DAL DECRETO 22 DICEMBRE 2000 Scopo Assicurare la corretta gestione e distribuzione di farmaci disciplinati dal D.L. 22 dicembre

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 42 del 15/02/2013. Proposta n. 42

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 42 del 15/02/2013. Proposta n. 42 Estratto DETERMINAZIONE N. 42 del 15/02/2013 Proposta n. 42 Oggetto: DIPENDENTE COMUNALE. CONCESSIONE PERMESSI AI SENSI LEGGE 104/1992. Area Economico Finanziaria Proposta n. 42 Settore Segreteria ed Affari

Dettagli

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali)

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) Gentile Signora / Gentile Signore, desideriamo informarla sulle finalità

Dettagli

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica www.comune.bottanuco.bg.it Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 40 del 29.9.2005 e modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI SETTEMBRE 2008 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento realizzato dai Comuni del Distretto 5 per

Dettagli

Art. 4 (Registro Assistenza)

Art. 4 (Registro Assistenza) - REGOLAMENTO - INTERVENTI A FAVORE DI ANZIANI E PERSONE CON DISABILITA NON AUTOSUFFICIENTI RESIDENTI IN TERRITORIO CHE SI AVVALGONO DELL ASSISTENZA PRIVATA. Art. 1 (Finalità) Il presente Regolamento,

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 126 del 22.11.1999 www.comune.genova.it Regolamento sugli interventi di volontariato ART. 1 Finalità In

Dettagli

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI MEDICINA DI GRUPPO SAN DAMIANO 4 NOVEMBRE 12 - BRUGHERIO IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE ha il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 30 giugno 2014 Breve quadro normativo e contenuto del D.M. 332/99 D.G.R 642/2014 Regione Liguria revisione a livello nazionale D.P.C.M. LEA La spesa dell assistenza

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL

Dettagli

2. L invalidità Importi e Tabelle

2. L invalidità Importi e Tabelle 2. L invalidità Importi e Tabelle Il sistema della sicurezza sociale Nel nostro Paese, per accedere alla rete di servizi, provvidenze, agevolazioni previste a favore dei cittadini che presentano minorazioni

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA

LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA INDICE 1. PERCORSO DI ASSISTENZA PROTESICA

Dettagli

Allegato B Alla c.a. Ufficio Assistenza Protesica ASL

Allegato B Alla c.a. Ufficio Assistenza Protesica ASL Allegato B Alla c.a. Ufficio Assistenza Protesica ASL RICHIESTA DI CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DI SISTEMI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI RIVOLTI ALL AUTONOMIA E ALL INTEGRAZIONE ANNO 2007 Il/la sottoscritto/a

Dettagli

LEGGE N. 13 del 9 GENNAIO 1989

LEGGE N. 13 del 9 GENNAIO 1989 CHE LAVORI FINANZIA LEGGE N. 13 del 9 GENNAIO 1989 Tutti i montascale, le piattaforme elevatrici, le vasche con porta apribile e quant altro dedicato in esclusiva alla disabilità rientrano nei finanziamenti

Dettagli

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA. Alle Direzioni Generali del Dipartimento

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA. Alle Direzioni Generali del Dipartimento ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Alle Direzioni Generali del Dipartimento Prot- 58729 del 16.2.2004 All Ufficio Studi, Ricerche, Legislazione e Rapporti Internazionali

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DI SPAZI SOSTA PERSONALIZZATI AI DIVERSAMENTE ABILI INDICE

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DI SPAZI SOSTA PERSONALIZZATI AI DIVERSAMENTE ABILI INDICE REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DI SPAZI SOSTA PERSONALIZZATI AI DIVERSAMENTE ABILI INDICE - Art.1 OggettO del regolamento - Art.2 Fonti normative - Art.3 ConCessionari - Art.4 IstruttorIa: competenze -

Dettagli

Comune di Torino Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie BANDO

Comune di Torino Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie BANDO Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali Direzione Sanità Settore Assistenza Sanitaria Territoriale Direzione Politiche Sociali e Politiche per la Famiglia A.O. Ospedale

Dettagli

Dipartimento Cure Primarie

Dipartimento Cure Primarie Dipartimento Cure Primarie Direttore: Dr.ssa Ivanna Lascioli E-mail: dcp@aslvallecamonicasebino.it Il Dipartimento Cure Primarie, si articola in tre servizi con elencate le rispettive competenze: 1. SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 5 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 OBBLIGHI DEL RICHIEDENTE...2 3.1 CONDIZIONI GENERALI... 2 3.2 CONDIZIONI DI SICUREZZA... 2 3.1 PRESENZA DI OSSERVATORI

Dettagli

Sla, come accedere ai contributi regionali

Sla, come accedere ai contributi regionali Sla, come accedere ai contributi regionali Le recenti, dolorose vicende di malati di Sla inducono l Ulss 12 a ricordare a tutti i pazienti e ai loro famigliari il percorso per ottenere il contributo regionale,

Dettagli

DIPARTIMENTO ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA INTEGRATA SERVIZIO DISABILITA, EMARGINAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE

DIPARTIMENTO ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA INTEGRATA SERVIZIO DISABILITA, EMARGINAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE DIPARTIMENTO ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA INTEGRATA SERVIZIO DISABILITA, EMARGINAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE (L.R. 23/99 - ART. 4, COMMI 4 E 5) CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITÀ O AL SOGGETTO

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 1 Le minorazioni civili L invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa

Dettagli

Come acquistare ALLERT:

Come acquistare ALLERT: Come acquistare ALLERT: da privato (vai alla slide 2) tramite richiesta di contributo ASL come comunicatore simbolico (vai alla slide 3) Da privato: Dopo aver scelto ALLERT, per cui consigliamo vivamente

Dettagli

Il sistema di gestione delle agevolazioni delle tariffe elettriche (a cura di Ancitel)

Il sistema di gestione delle agevolazioni delle tariffe elettriche (a cura di Ancitel) Palazzo delle Stelline Milano 26 novembre ore 10.00 13.00 ATTI DEL SEMINARIO Il sistema di gestione delle agevolazioni delle tariffe elettriche (a cura di Ancitel) Con la liberalizzazione del mercato dell

Dettagli

Convegno internazionale: "Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità" - Bologna 16 Dicembre 2010

Convegno internazionale: Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità - Bologna 16 Dicembre 2010 15/12/2010 Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: quali sfide e quali opportunità? Fra LEA e «Piano di Indirizzo per la Riabilitazione»: come si modifica la prescrizione

Dettagli

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DELL INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI A CARATTERE SOCIO-SANITARIO (RSA E CASA PROTETTA) INDICE

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE

ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE 2013 Pag. 1 di 6 In data 16 GENNAIO 2013 alle ore 11.30, ha avuto luogo l incontro per la firma dell Accordo Integrativo Regionale per la Medicina Generale, tra l Assessore

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS Istruzioni per la compilazione delle linee d indirizzo per la redazione del POS 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS (Documento da non allegare al POS) Il

Dettagli

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM LICEO ERASMO DA ROTTERDAM APPROVVIGIONAMENTO Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo ERASMO DA ROTTERDAM INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ 1.4 ORDINI DI ACQUISTO

Dettagli

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE DISCIPLINA RELATIVA All. D) DGR n..del.. AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 36 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 che

Dettagli

TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO

TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO Cosa è Il Trasporto Sanitario ORDINARIO è definibile come un servizio che la Regione Toscana assicura, con oneri a carico del Servizio Sanitario Regionale, ai propri assistiti,

Dettagli

Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n.

Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n. Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n. 68/1999 A decorrere dall 1.1.2010 le domande per il riconoscimento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO.

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO. Protocollo di intesa L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) tra e REGIONE LAZIO per l erogazione di prestazioni di assistenza sanitaria da parte dell istituto

Dettagli

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE 1. SCOPO La presente procedura descrive le fasi del processo per la concessione

Dettagli

CITTA MANFREDONIA Provincia di Foggia

CITTA MANFREDONIA Provincia di Foggia CITTA MANFREDONIA Provincia di Foggia 2 SETTORE ATTUAZIONE POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO E L OCCUPAZIONE 2 SERVIZIO Risorse Umane e Servizio Civile BANDO PER LA SELEZIONE DI N.10 VOLONTARI PER IL

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE DATA: 16.01.2008 REV. N 00 PAG. 1/10 OGGETTO REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA PRESCRIZIONE DI TERAPIE FARMACOLOGICHE AL DI FUORI DELLE CONDIZIONI DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

Domanda di ammissione nella Residenza per Anziani

Domanda di ammissione nella Residenza per Anziani Timbro di entrata Domanda di ammissione nella Residenza per Anziani Per motivi di semplicità questo documento è tenuto in mascolino. Si avverte espressamente che nella Fondazione Sarentino donne e maschi

Dettagli