MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Direzione Generale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Direzione Generale"

Transcript

1 Decreto n. 460 del 28 Maggio 2008 IL DIRETTORE GENERALE VISTO Il D. L.gs 165/01 ed in particolare il disposto degli artt. 12, 16 lett. f) e 17; VISTO Il DPR 260/2007, in particolare l articolo 7, che prevede che tra i compiti degli USP rientrano anche le funzioni delegate da parte del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale, fatte salve in ogni caso le competenze assegnate agli USP dal comma 6 del citato articolo 7; RICHIAMATI I propri provvedimenti mediante i quali sono stati assegnati incarichi di direzione degli Uffici Scolastici Provinciali (USP) sul territorio della Regione, in considerazione del fatto che gli Uffici Scolastici Provinciali sono un articolazione funzionale dell USR e rappresentano l Amministrazione sul territorio ed ai medesimi è demandato l assolvimento di varie fondamentali funzioni amministrative; CONSIDERATO Che è opportuno procedere al riordino delle deleghe assegnate agli USP; DECRETA Le deleghe assegnate dal Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia agli Uffici Scolastici Provinciali della Regione Lombardia, suddivise per aree di riferimento, sono le seguenti: 1. Esami di Stato I ciclo: ART 1 ESAMI DI STATO 1.1 adozione dei provvedimenti di nomina dei Presidenti delle commissioni degli Esami nelle scuole secondarie di I grado statali e paritarie; 1

2 1.2 espletamento di tutti gli adempimenti connessi con lo svolgimento degli esami. 2. Esami di Stato II ciclo: 2.1 acquisizione delle domande di ammissione agli Esami di Stato presentate dai candidati esterni; 2.2 assegnazione dei candidati esterni agli Istituti Scolastici statali o paritari aventi sede nel Comune di residenza del candidato ovvero, in caso di assenza nel Comune dell indirizzo di studio richiesto, nella Provincia o, in subordine, nella Regione; 2.3 formazione delle Commissioni degli esami di Stato, reperimento dei Presidenti delle Commissioni e tutti i connessi adempimenti previsti dalle vigenti normative; 2.4 determinazione del fabbisogno dei plichi contenenti i testi occorrenti per lo svolgimento della prima e della seconda prova scritta delle sessioni ordinaria, suppletiva e straordinaria e loro consegna ai dirigenti scolastici delle istituzioni scolastiche statali e non statali delle rispettive province; 2.5 sostituzione, secondo le modalità previste dal D.M. n. 6 del 17 gennaio 2007 e quelle che saranno indicate nell annuale Ordinanza Ministeriale sugli esami di Stato, dei componenti le Commissioni d esame, legittimamente impediti a partecipare alle operazioni; 2.6 assistenza e consulenza alle Commissioni operanti nel territorio di rispettiva competenza e convocazione, della riunione di tutti i Presidenti delle rispettive Commissioni, ai fini di garantire modalità regolari e omogenee di svolgimento degli esami; 2.7 spostamento ad altra Commissione dei Presidenti e dei commissari nei casi previsti dalla normativa di riferimento; 2.8 valutazione delle richieste di effettuazione delle prove d esame fuori della sede scolastica e, ove ravvisata l opportunità, autorizzazione delle commissioni interessate a spostarsi nella sede richiesta dagli interessati. ART. 2 MATERIA PENSIONISTICA 1. Trattazione e definizione delle pratiche inerenti lo Stato giuridico ed il trattamento di quiescenza del personale in servizio presso le rispettive sedi; 2. Procedimenti relativi al riconoscimento di infermità dipendente da causa di servizio, concessione dell equo indennizzo e rimborso spese di cura. 2

3 3. L Ufficio Scolastico Provinciale di Milano è delegato, altresì, a curare le pratiche inerenti lo Stato giuridico ed il trattamento di quiescenza del personale amministrativo in servizio presso l Ufficio Scolastico Regionale. ART. 3 LIBRI DI TESTO 1. Vigilanza sull osservanza, da parte delle istituzioni scolastiche autonome, della normativa in materia di adozione dei libri di testo e di rispetto dei relativi limiti di spesa. 1. Deposito degli atti di scuole cessate 2. Cambi di rappresentanti legali 3. Cambi di coordinatori didattici 4. Rendiconti su progetti 5. Parifiche scuole primarie 6. Anagrafe. ART. 4 PARITÀ SCOLASTICA ART. 5 PERSONALE DELLA SCUOLA 1. Firma di tutti gli atti afferenti l organico e la ripartizione dei posti assegnati alle Istituzioni Scolastiche della provincia di competenza; 2. Predisposizione e approvazione dei trasferimenti e dei passaggi del personale docente, educativo e ATA e relativi atti di affissione all albo dell USP di competenza; 3. Individuazione dei docenti destinatari di contratti a tempo indeterminato. ART. 6 GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 1. Emissione pagamenti in conto sospeso ; 2. Vigilanza e controllo sugli atti di gestione amministrativo-contabile dei convitti ed educandati, all USP di Bergamo, per il convitto C. Battisti di Lovere e all USP di Sondrio per il convitto G. Piazzi di Sondrio; 3. Nomina del Commissario per l amministrazione straordinaria delle Istituzioni Scolastiche ex articolo 9 del decreto interministeriale 28 maggio 1975; 3

4 4. Predisposizione degli atti necessari alla nomina dei commissari straordinari cui affidare le procedure per il discarico dall inventario dei beni mobili di proprietà dello Stato presso i distretti scolastici. ART. 7 SERVIZIO LEGALE 1 1. Per quanto concerne il personale docente della scuola, esercizio - in tema di trasferimento d ufficio per incompatibilità ambientale - dei poteri e delle funzioni del Direttore Generale: 1.1 Attivazione e gestione, nel rispetto della vigente normativa, delle procedure per il trasferimento d ufficio per incompatibilità ambientale per quanto concerne il personale docente appartenente ai ruoli provinciali ed il personale educativo ed adozione del provvedimento finale. 2. Esercizio, in ambito disciplinare e per quanto concerne il personale docente, educativo ed A.T.A. della Scuola, ciascuno per il proprio ambito di competenza territoriale, delle funzioni ed attività di cui ai seguenti punti: 2.1 Per quanto concerne il personale docente ed educativo, atteso quanto disposto espressamente dall art. 91 del C.C.N.L. del , i Dirigenti degli USP provvederanno all attivazione ed alla conseguente gestione dei procedimenti disciplinari, nonché all irrogazione delle sanzioni della censura e della sospensione dall insegnamento e dall ufficio da 1 mese a 6 mesi (art. 492 lett. b) e c) del D.L.vo 297/94) nei casi di personale docente appartenente ai ruoli provinciali e/o nazionali; l eventuale irrogazione delle sanzioni di maggior gravità rimane di competenza della Direzione Regionale di questo USR, atteso che - in ogni caso - la fase di contestazione degli addebiti deve ritenersi delegata ai Dirigenti Responsabili degli USP di cui sopra. 2.2 Per quanto concerne il personale A.T.A. della scuola, considerato il disposto dell art. 94 del già citato C.C.N.L./2007, i Dirigenti degli USP provvederanno all attivazione e gestione dei procedimenti disciplinari, nonché all irrogazione della sanzione della sospensione dal lavoro e dalla retribuzione sino ad un massimo di 10 giorni; per ciò che concerne le più gravi sanzioni del licenziamento con preavviso e del 1 Visti gli artt. 468 e 469 del D.L.gs 297/94 in materia di trasferimento per incompatibilità ambientale del solo personale docente, così come modificati dall art. 2 della L. 176/07; Visto il proprio provvedimento prot del , mediante il quale si è provveduto a conferire delega in materia disciplinare ai Dirigenti Responsabili degli USP della Regione - ciascuno per il proprio ambito di competenza territoriale - per quanto concerne il personale docente, educativo ed A.T.A. della scuola; Considerato che permangano le medesime ragioni di opportunità perchè questa Direzione Regionale - al fine di garantire tempestività e puntualità ai necessari adempimenti procedurali - adotti un atto di natura organizzatoria finalizzato all attribuzione, ai Dirigenti degli Uffici Scolastici Provinciali della Regione, del potere di esercitare funzioni in materia disciplinare per quanto concerne il personale docente, educativo ed A.T.A. della scuola. 4

5 licenziamento senza preavviso, le stesse verranno inflitte dal Direttore Generale Regionale, mentre la fase della contestazione e gestione del procedimento deve intendersi delegata ai Dirigenti degli USP come più sopra elencati. 2.3 Per quanto concerne, infine, il personale docente a tempo determinato, alla luce di quanto disposto dal D.Lgs 297/94, parte III, Sez. IV - Disciplina - i Dirigenti Responsabili degli USP della Regione provvederanno a svolgere le funzioni e le competenze in materia disciplinare attribuite dalle norme di cui sopra agli ex Provveditori agli Studi. Per quanto riguarda in particolare il disposto dell art. 540 Ricorsi del medesimo D.L.gs 297/94, le competenze attribuite in materia al Ministro sono svolte da questo USR 3. Esercizio, in ambito disciplinare e per quanto concerne il personale amministrativo del comparto ministeri, ciascuno per il proprio ambito di competenza territoriale, delle funzioni ed attività di cui ai seguenti punti: 3.1 Per quanto concerne il personale amministrativo, atteso quanto disposto espressamente dall art. 24 del C.C.N.L. del , così come modificato dal CCNL 2002/2005 e dall articolo 27 del CCNL 2006/2009, i Dirigenti degli USP provvederanno all attivazione ed alla conseguente gestione dei procedimenti disciplinari, nonché all irrogazione delle sanzioni: della multa di importo variabile fino a un massimo di quattro ore di retribuzione e della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino a dieci giorni, oltre al rimprovero verbale e alla censura, già di competenza del responsabile della struttura. 3.2 L eventuale irrogazione delle sanzioni di maggior gravità, quali la sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da 11 giorni fino a un massimo di sei mesi, il licenziamento con preavviso e il licenziamento senza preavviso rimangono di competenza di questo USR, atteso che - in ogni caso - la fase di contestazione degli addebiti deve ritenersi delegata ai Dirigenti Responsabili degli USP. ART. 8 RAPPORTI CON ENTI LOCALI, SOGGETTI, ORGANISMI E ASSOCIAZIONI Nell ambito dei compiti e delle attività, anche di carattere informale, attribuiti agli USP dal citato DPR 260/2007 e finalizzati alla costituzione in ambito locale di interlocuzioni, collaborazioni e raccordi con gli enti, soggetti, organismi, associazioni a vario titolo coinvolti ed interessati all istruzione ed alla formazione, il rilascio della delega ai dirigenti degli USP 5

6 a sottoscrivere o a rinnovare protocolli d intesa, accordi, convenzioni ed ogni altro strumento giuridico di collaborazione, di interesse provinciale o locale è subordinato alla preventiva formale approvazione delle proposte di accordo da parte del Direttore Generale. ART. 9 RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE DELEGATO 1. Il Dirigente interessato agisce, nell esercizio delle deleghe, nel rispetto della normativa vigente e delle direttive eventualmente impartite, relativamente alle diverse materie, da questa ; 2. Per effetto del presente atto di delega, il Dirigente delegato esercita il potere in nome proprio e ne è direttamente responsabile. ART. 10 DISPOSIZIONE FINALE Il presente Decreto annulla e sostituisce tutti i precedenti atti di delega assegnata agli Uffici Scolastici Provinciali, per singola materia. f.to IL DIRETTORE GENERALE ANNA MARIA DOMINICI 6

USR Lombardia - via Pola, 11-20124 - Milano Direzione Generale. Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 6881 Milano, 22 maggio 2015

USR Lombardia - via Pola, 11-20124 - Milano Direzione Generale. Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 6881 Milano, 22 maggio 2015 1 USR Lombardia - via Pola, 11-20124 - Milano Direzione Generale Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 6881 Milano, 22 maggio 2015 Ai Dirigenti delle scuole di ogni ordine e grado della Lombardia E p.c. Ai Dirigenti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia DIREZIONE GENERALE Decr. n. 315 del 6 luglio 2012 Il Direttore Generale il D. Lgs. 30 luglio 1999,

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE n. 14 del 9 febbraio 2004

DECRETO MINISTERIALE n. 14 del 9 febbraio 2004 DECRETO MINISTERIALE n. 14 del 9 febbraio 2004 Criteri e modalità di nomina, designazione e sostituzione dei Presidenti e dei Componenti delle commissioni degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio

Dettagli

Vista la legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, recante Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione ;

Vista la legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, recante Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione ; DECRETO 29 dicembre 2009. Individuazione degli ufþ ci di livello dirigenziale non generale degli UfÞ ci scolastici regionali per la Sicilia. IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

Normativa in materia di gestione del fascicolo personale e dello stato matricolare

Normativa in materia di gestione del fascicolo personale e dello stato matricolare Normativa in materia di gestione del fascicolo personale e dello stato matricolare TITOLO I - fascicolo personale e stato matricolare Art. 1 Per il personale docente, i dirigenti e il personale appartenente

Dettagli

DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Uff.VII

DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Uff.VII DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Uff.VII DECRETO MINISTERIALE N.31 del 16-3-2007 Norme per lo svolgimento degli esami di Stato nelle sezioni ad opzione internazionale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Ufficio Sesto DECRETO MINISTERIALE

Dettagli

Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011

Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011 CONSERVATORIO DI MUSICA NICCOLO PICCINNI Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011 Ai Sigg. Docenti Albo Sede Oggetto: Attività artistica esterna e incarichi presso altre Istituzioni pubbliche e/o soggetti privati.

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Permessi per diritto allo studio (150 ore)

Permessi per diritto allo studio (150 ore) Permessi per diritto allo studio (150 ore) di Libero Tassella Ai docenti con contratto a tempo indeterminato e determinato sino al 30.6.2008 ovvero sino al 31.8.2008 (per i docenti con contratto a tempo

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

PERSONALE OBBLIGATO ALLA PRESENTAZIONE DELLA SCHEDA Sono obbligati alla presentazione della scheda: i dirigenti scolastici in servizio preposti ad

PERSONALE OBBLIGATO ALLA PRESENTAZIONE DELLA SCHEDA Sono obbligati alla presentazione della scheda: i dirigenti scolastici in servizio preposti ad PERSONALE OBBLIGATO ALLA PRESENTAZIONE DELLA SCHEDA Sono obbligati alla presentazione della scheda: i dirigenti scolastici in servizio preposti ad istituti statali di istruzione secondaria di secondo grado,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di decreto recante: 11.11.2014 Organizzazione e compiti degli uffici di livello dirigenziale non generale istituiti presso l Ufficio scolastico regionale per il Molise. IL MINISTRO Visti gli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA ELEZIONE ED ATTRIBUZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DEL COMPARTO DELLA ASL VITERBO

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA ELEZIONE ED ATTRIBUZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DEL COMPARTO DELLA ASL VITERBO REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA ELEZIONE ED ATTRIBUZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DEL COMPARTO DELLA ASL VITERBO REVISIONE DATA 0 15.06.2004

Dettagli

Liceo Statale Sandro Pertini. Scientifico Classico Linguistico

Liceo Statale Sandro Pertini. Scientifico Classico Linguistico PROT. N 901 DEL 13/4/2016 AL PERSONALE DOCENTE E A.T.A. LORO SEDI D.S.G.A ALBO SITO WEB ATTI Progetto: 10.8.1.A3 FESRPON LA 2015 405. CUP B66J16000260007 CIG ZC3194B9AB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO il

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE N.

DECRETO MINISTERIALE N. DECRETO MINISTERIALE N. 91 Norme per lo svolgimento degli Esami di Stato nelle sezioni funzionanti presso istituti statali e paritari in cui è attuato il Progetto- ESABAC (rilascio del doppio diploma italiano

Dettagli

Prot. n. 6542 /C14 Milano, 26/11/2010

Prot. n. 6542 /C14 Milano, 26/11/2010 Prot. n. 6542 /C14 Milano, 26/11/2010 Bando di gara per conferimento di incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e di Protezione (ai sensi del D.lvo. 9/04/08 n. 81) Il DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 Visto il Regio Decreto 4 maggio 1925, n. 653, contenente disposizioni sugli studenti, esami e tasse negli

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di decreto recante: Organizzazione e compiti degli uffici di livello dirigenziale non generale istituiti presso l Ufficio scolastico regionale per il Lazio. 07.11.2014 IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ED EDUCATIVE O LORO RETI DELLA REGIONE SICILIA

AVVISO PUBBLICO ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ED EDUCATIVE O LORO RETI DELLA REGIONE SICILIA Prot. 14597 Palermo, 24/09/2015 AVVISO PUBBLICO ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ED EDUCATIVE O LORO RETI DELLA REGIONE SICILIA per l organizzazione e l avvio dei corsi per il personale ATA di cui all art.

Dettagli

art. 1 Finalità e ambito di applicazione

art. 1 Finalità e ambito di applicazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÁ VOLONTARIA CON AZIENDE DEL COMPARTO SANITA E CON AMMINISTRAZIONI DI COMPARTI DIVERSI. PERSONALE DIRIGENTE E NON DIRIGENTE (approvato con deliberazione n. 185

Dettagli

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Ministeriale n.95 Norme per lo svolgimento degli Esami di Stato nelle sezioni funzionanti presso istituti statali e paritari in cui

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE NELL AMBITO DI PROGRAMMI E PROGETTI FINALIZZATI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento definisce e disciplina

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA MATERNA,PRIMARIA E MEDIA M.FERRARA - MAROTTOLI VIA GALILEO GALILEI MELFI (PZ) TEL.FAX.

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA MATERNA,PRIMARIA E MEDIA M.FERRARA - MAROTTOLI VIA GALILEO GALILEI MELFI (PZ) TEL.FAX. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA MATERNA,PRIMARIA E MEDIA M.FERRARA - MAROTTOLI VIA GALILEO GALILEI MELFI (PZ) TEL.FAX. 0972/24572 Email:pzic842009@istruzione.it - C.M. PZIC842009 Prot. n. 0004021 C/16

Dettagli

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto del regolamento TITOLO II MOBILITA ESTERNA Articolo 2 Le assunzioni tramite

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Prot. 6037 del 20/11/2014 REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Estremi approvazione: Collegio dei Docenti: Delibera n 5 del 11/11/2014 Consiglio di Istituto: Delibera n 7 del 18/11/2014 Pag. 1 Premessa Ai sensi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Norme per la riorganizzazione della rete scolastica e il razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane della scuola, ai sensi dell'articolo 64, comma 4, del decreto-legge

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Foggia, 5 gennaio 2012 Prot. n. 174 VII.1 Rep. n. 10/2012 Il PRESIDE la Legge 30 dicembre, n. 240/2010 Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché

Dettagli

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 5 DEL 02/01/2015 OGGETTO Nomina Coordinatore Sociosanitario Dott. Paolo Bordon nominato con D.G.R. 2544 del

Dettagli

Al Presidente della Regione Veneto. Alla Redazione del sito web dell USR

Al Presidente della Regione Veneto. Alla Redazione del sito web dell USR Prot. n. AOODRVE5461 Venezia, lì, 6 maggio 2015 e-mail Ai Dirigenti delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado statali e paritarie della regione Veneto Ai Dirigenti Amministrativi e Tecnici e

Dettagli

Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo. di Libero Tassella

Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo. di Libero Tassella Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo di Libero Tassella 1. Le graduatorie da utilizzare. Il dirigente scolastico dovrà comunque utilizzare le graduatorie di circolo o di istituto per il

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO, DEI SAPERI E DEI TALENTI SERVIZIO SCUOLA, UNIVERSITA E RICERCA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE Codice CIFRA: SUR/DEL/2014/ OGGETTO: Calendario

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Afragola, 29/04/2015 prot.2185/a7 IL DIRIGENTE SCOLASTICO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con cui è stato approvato il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione;

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO (modificato con decreto rettorale 22 ottobre 2007, n. 1027) INDICE Articolo 1 (Criteri

Dettagli

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE S T A T U T O Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE 1) In attuazione dell articolo 46 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto degli Enti pubblici non economici stipulato il 6 luglio 1995,

Dettagli

REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA'

REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale dell' Istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento dell' Istruzione e della Formazione Professionale MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE N. 18 del 9 febbraio 2004 Norme per lo svolgimento degli esami di Stato nelle sezioni ad opzione internazionale spagnola

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo

UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE AI SENSI DELL ART.53 DEL D.LGS.165/2001 ( approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a Istituto Comprensivo Statale Ugo Foscolo Via Corridoni, 1 26039 Vescovato (CR) Cod. Meccanografico CRIC809005

Dettagli

LICEO STATALE SANDRO PERTINI

LICEO STATALE SANDRO PERTINI / LICEO STATALE SANDRO PERTINI - Liceo Linguistico - Liceo delle Scienze Umane (con Opzione Economico-Sociale) Genova Liceo Musicale e Coreutic Novembre o Sez. Musicale Via C. Battisti 5, 16145 Genova

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI DEL PERSONALE DIPENDENTE

C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI DEL PERSONALE DIPENDENTE C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI BACOLI (Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

Circolare Ministeriale 15 gennaio 2008, n. 9 Adozione dei libri di testo per l'anno scolastico 2008/2009

Circolare Ministeriale 15 gennaio 2008, n. 9 Adozione dei libri di testo per l'anno scolastico 2008/2009 Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Circolare Ministeriale 15 gennaio 2008, n. 9 Adozione dei libri di testo per l'anno scolastico 2008/2009 www.gildanapoli.it

Dettagli

Documentazione di Rito

Documentazione di Rito Documentazione di Rito I requisiti generali di accesso al pubblico impiego (art. 2 DPR 487/94 e legge n.104/92), di norma, sono certificati con i seguenti documenti di rito: certificato di cittadinanza

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

ISTITUTO DI S. MARGHERITA

ISTITUTO DI S. MARGHERITA ISTITUTO DI S. MARGHERITA Piazza Santa Balbina, 8-00153 Roma, Tel 06 5750955 Fax 0657138655 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 37 DEL 21 dicembre 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE AVVISO PER IL REPERIMENTO DI UN

Dettagli

STATUTO GRUPPO INTERCOMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE ISOLA DI ARIANO COMUNI DI

STATUTO GRUPPO INTERCOMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE ISOLA DI ARIANO COMUNI DI Comune di Ariano nel Polesine Comune di Corbola Comune di Taglio di Po Provincia di Rovigo STATUTO GRUPPO INTERCOMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE ISOLA DI ARIANO COMUNI DI

Dettagli

Avviso per la selezione del Coordinatore regionale di Educazione Motoria, Fisica e Sportiva presso l USR Veneto IL DIRETTORE GENERALE

Avviso per la selezione del Coordinatore regionale di Educazione Motoria, Fisica e Sportiva presso l USR Veneto IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA MIURAOODRVEUff.2/n.9974 Venezia, 13 agosto

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau

Università degli Studi di Cagliari FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau Monserrato, 03 febbraio 2016 Prot. n 3767 del 03/02/2016 OGGETTO: Bando di selezione pubblica,

Dettagli

Università degli Studi di Palermo Servizio di Prevenzione e Protezione di Ateneo

Università degli Studi di Palermo Servizio di Prevenzione e Protezione di Ateneo NG Università degli Studi di Palermo REGOLAMENTO Per l individuazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) e la definizione delle loro attribuzioni (approvato nella seduta di contrattazione

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, 60-90146 Palermo - Tel. 091/6909111

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, 60-90146 Palermo - Tel. 091/6909111 Prot. 828 Palermo, 18 gennaio 2016 Ufficio IV Alla Città Metropolitana di Palermo Al Liceo Linguistico Ninni Cassarà di Palermo All Albo dell Ufficio Scolastico Regionale - Al Sito WEB SEDE E,p.c. All

Dettagli

2.2 - PERSONALE CHE HA FACOLTÀ DI PRESENTARE LA SCHEDA A - Hanno facoltà di presentare la scheda come presidenti: i dirigenti scolastici in servizio

2.2 - PERSONALE CHE HA FACOLTÀ DI PRESENTARE LA SCHEDA A - Hanno facoltà di presentare la scheda come presidenti: i dirigenti scolastici in servizio 2.2 - PERSONALE CHE HA FACOLTÀ DI PRESENTARE LA SCHEDA A - Hanno facoltà di presentare la scheda come presidenti: i dirigenti scolastici in servizio preposti ad istituti statali di istruzione primaria

Dettagli

Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche

Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche NOTIZIARIO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA a cura della Segreteria Generale ANNO 46 - NUMERO 3 30 GIUGNO 2012 Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche Il 28 Giugno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3592 del 21/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3592 del 21/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo DR/2015/3592 del 21/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo U.S.R. IL RETTORE VISTO l'art. 9 del D.P.R. 3/8/1990, n. 319; VISTO il D.Lgs. 30/3/2001 n. 165; VISTO il vigente CCNL relativo al personale del Comparto

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

Ufficio I Funzioni vicarie. Affari generali. Personale docente, educativo ed ATA. Legale, contenzioso e disciplinare.

Ufficio I Funzioni vicarie. Affari generali. Personale docente, educativo ed ATA. Legale, contenzioso e disciplinare. Prot.n. 13320 Bologna, 07/10/2015 AVVISO PUBBLICO INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI FORMAZIONE PER PERSONALE ATA DESTINATARIO DELL ATTRIBUZIONE DELLE POSIZIONI ECONOMICHE DI

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi 1. D: Cosa accade ai COA attualmente in carica? F.A.Q. R: Sono prorogati di diritto sino al 31 Dicembre 2014 (art. 65 co. 2). 2. D: Quali sono le cause di incompatibilità per i Consiglieri del COA e quando

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIURAOODRSA Prot. n 13674 Cagliari, 27/08/2013 IL VICEDIRETTORE VISTO il testo unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione approvato con il decreto legislativo del 16 aprile 1994, n 297

Dettagli

Comunicazione interna n.211. Prot. n.0002727/a34 del 23.04.09 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AL PERSONALE ATA AI GENITORI

Comunicazione interna n.211. Prot. n.0002727/a34 del 23.04.09 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AL PERSONALE ATA AI GENITORI Comunicazione interna n.211 Prot. n.0002727/a34 del 23.04.09 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AL PERSONALE ATA AI GENITORI Oggetto: sospensione delle attività didattiche Tenuto conto di quanto previsto dal calendario

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Don Calogero Di Vincenti INDIRIZZI: AGRARIO - ALBERGHIERO - COMMERCIALE GEOMETRA Via SALERNO - 90032 BISACQUINO (PA) C.F.92003140826 Uff. Amm.vi tel. 091/8352745

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

Prot. n. 5059 San Marzano di San Giuseppe, 01/12/2012.

Prot. n. 5059 San Marzano di San Giuseppe, 01/12/2012. Istituto Comprensivo Statale A.Casalini Via Lazio 3 74020 S.Marzano di S.G. (TA) TEL. 099/9574163 FAX:099/9571309 C.F.: 90121500731 Email:taic822009@istruzione.it Cod. mecc. TAIC822009 Sito internet: www.scuolacasalini.it

Dettagli

ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2009/2010

ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Il presente documento fornisce, in forma schematica, sintetiche indicazioni relative alle sequenza dei principali adempimenti

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

Le informazioni raccolte tramite l applicativo ARIS sono le seguenti:

Le informazioni raccolte tramite l applicativo ARIS sono le seguenti: APPLICATIVO ARIS (AREA RISERVATA SCUOLE DEL VENETO) Aggiornamento al 01/10/2015 ARIS (Area Riservata Scuole del Veneto) è uno strumento informatico realizzato per semplificare, uniformare e rendere più

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Generale MIUR.AOODRUM.REGISTRO UFFICIALE(U).0011265.04-09-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Generale Criteri generali per la stipula

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER Prot. N. 5338/C14 GARA AD INVITO SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE (ex art.17, comma 1, lettera b, D. Lgs. 9.4.2008, n 81 e smi) NONCHÉ ESPLETAMENTO

Dettagli

Prot. n 440/B19 Ragusa, 03/02/2014. AVVISO AI GENITORI (tramite affissione all Albo e pubblicazione sul Sito Web della scuola)

Prot. n 440/B19 Ragusa, 03/02/2014. AVVISO AI GENITORI (tramite affissione all Albo e pubblicazione sul Sito Web della scuola) Prot. n 440/B19 Ragusa, 03/02/2014 AVVISO AI GENITORI (tramite affissione all Albo e pubblicazione sul Sito Web della scuola) ISCRIZIONI ANNO SCOLASTICO 2014-15 Si comunica che il termine ultimo per la

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PER LA SICUREZZA E PER LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PER LA SICUREZZA E PER LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PER LA SICUREZZA E PER LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO (D.lgs. 81/2008 e s.m.i. e D.M. 363/1998) Emanato con Decreto Rettorale n. 665 del 18/09/2012 FONTI

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO La Società Trasporti Provinciale S.p.A. Bari (STP Bari SpA), in applicazione del proprio regolamento del 22/10/2008 per le

Dettagli

Prot. 21182 Palermo, 27/09/2010

Prot. 21182 Palermo, 27/09/2010 Via Fattori, 60-90146 Palermo - Tel. 091/6909111 - Fax n. 091/518136 direzione-sicilia@istruzione.it Prot. 21182 Palermo, 27/09/2010 Bando per la selezione di un docente cui affidare le funzioni di Coordinatore

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Alfonso M. de Liguori

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Alfonso M. de Liguori ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Alfonso M. de Liguori con sezioni di: ISTITUTO TECNICO settore ECONOMICO E TECNOLOGICO LICEO SCIENTIFICO LICEO LINGUISTICO LICEO CLASSICO Via Sant Antonio Abate 32-82019

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 4163 19/05/2014 Identificativo Atto n. 426 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO PROROGA DEI TERMINI DELL AVVISO PUBBLICO, APPROVATO CON IL DECRETO 2139/2014, PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE

Dettagli

DISCIPLINA CONCERNENTE LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI DEL COMUNE DI BERGAMO ALLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA EXTRA ISTITUZIONALI

DISCIPLINA CONCERNENTE LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI DEL COMUNE DI BERGAMO ALLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA EXTRA ISTITUZIONALI 26 DISCIPLINA CONCERNENTE LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI DEL COMUNE DI BERGAMO ALLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA EXTRA ISTITUZIONALI APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N 534/I0038040 P.G. NELLA

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 67 del 29.12.2005 In vigore dal 26.02.2006 TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 FUNZIONE

Dettagli

Prot. n. 4746 Conversano, 15/10/2015

Prot. n. 4746 Conversano, 15/10/2015 Prot. n. 4746 Conversano, 15/10/2015 All USR BARI direzione-puglia@istruzione.it All USP BARI Ufficio III usp.ba@istruzione.it Ai Dirigenti degli Istituti Scolastici della Provincia All Università degli

Dettagli

Direzione Generale PREMESSO

Direzione Generale PREMESSO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE COMPARTO SCUOLA Il giorno 9 dicembre 2008 in Bologna presso l Ufficio

Dettagli

COMUNE DI ROGLIANO (PROVINCIA DI COSENZA)

COMUNE DI ROGLIANO (PROVINCIA DI COSENZA) COMUNE DI ROGLIANO (PROVINCIA DI COSENZA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SETTORE 1^-AMMINISTRATIVO-TRIBUTI-PATRIMONIO N.77 /Reg.SETTORE N.206 /Reg.GENERALE del 10 giugno 2013 del 10 giugno 2013 --- *

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

Liceo Scientifico Statale P. Bottoni Via Mac Mahon, 96/98 20155 Milano Tel. 02.39.21.14.18 fax 02.39.21.14.27

Liceo Scientifico Statale P. Bottoni Via Mac Mahon, 96/98 20155 Milano Tel. 02.39.21.14.18 fax 02.39.21.14.27 A.S. 2014/2015 DATA: Milano, 18 settembre 2014 CIRCOLARE N. 016 OGGETTO: disciplina delle incompatibilità l a.s. 2014-2015 Ai docenti Al sito web La presente per doverosa informazione circa le disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti Comune di Monteforte Irpino PROVINCIA DI AVELLINO Settore Ambiente Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti ^^^^

Dettagli

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno Copia Determinazione del responsabile del 1- Settore Affari Generali e Istituzionali Num. determina: 126 Proposta n. 910 del 03/10/2013 Determina generale num. 879

Dettagli

1 Assistenza specialistica per gli alunni diversamente abili

1 Assistenza specialistica per gli alunni diversamente abili SCHEDA DI RIEPILOGO Contributi alunni DVA LA SCUOLA/ DD/ IC/ SMS/ ISTITUTO Via N. Cap Zona tel. fax e-mail 1 DELL INFANZIA A Statale B Paritaria 2 PRIMARIA A Statale B Paritaria 3 SECONDARIA DI I GRADO

Dettagli

Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR

Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR preposti alla formazione del personale docente per il Piano di formazione per lo sviluppo delle competenze linguistico - comunicative e metodologico

Dettagli

Oggetto: Iscrizioni alle scuole di istruzione secondaria di secondo grado relative all'anno scolastico 2010 2011.

Oggetto: Iscrizioni alle scuole di istruzione secondaria di secondo grado relative all'anno scolastico 2010 2011. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l'autonomia Scolastica Ufficio VI C.M. n.17 MIURAOODGOS

Dettagli

Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo.

Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo. Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo. Il dirigente scolastico dovrà utilizzare le graduatorie di circolo o di istituto per il conferimento di supplenze finalizzate alla sostituzione del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) E LA DEFINIZIONE DELLE LORO ATTRIBUZIONI Emanato con D.R. Rep. n. 16547/2010 prot. n. 15343 del 18/10/2010. In vigore

Dettagli

MIURAOODGOS Prot. n 0005314/R.U./U Roma, 5 settembre 2014. Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

MIURAOODGOS Prot. n 0005314/R.U./U Roma, 5 settembre 2014. Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIURAOODGOS Prot. n 0005314/R.U./U Roma, 5 settembre 2014 C.M. n 44 Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Sovrintendenti Scolastici di TRENTO e BOLZANO Dirigenti responsabili degli Uffici

Dettagli

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato Art. 1 Modalità assunzione personale docente 1. L assunzione del personale docente a

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

CONTRATTAZIONE DECENTRATA REGIONALE Formazione personale docente, educativo, ata

CONTRATTAZIONE DECENTRATA REGIONALE Formazione personale docente, educativo, ata CONTRATTAZIONE DECENTRATA REGIONALE Formazione personale docente, educativo, ata VISTO il Decreto Legislativo 30.03.2001 n. 165 Norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni

Dettagli

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50 Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50 Beppe Baffert USR CISL Piemonte . Nelle aziende con più di 15 lavoratori il RLS è eletto,

Dettagli

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati:

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati: DIREZIONE GENERALE AI DIRIGENTI GENERALI COMPARTIMENTALI istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica CIRCOLARE N. 66 DEL 10 DICEMBRE 2004 AI DIRETTORI DEGLI UFFICI PROVINCIALI

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA «NICCOLÒ PICCINNI» Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

CONSERVATORIO DI MUSICA «NICCOLÒ PICCINNI» Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI ORE DI DIDATTICA AGGIUNTIVA AL PERSONALE DOCENTE VISTA Il Consiglio di Amministrazione la Legge 21.12.1999, n.508; il DPR 28.02.2003, n.132;

Dettagli

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA DESCRIZIONE APPROVAZIONE 00 28/07/15 Codice _Disciplinare

Dettagli

Nome DEL BELLO Daniela Telefono ufficio 071/8064354 Cellulare 339/2175694 Fax 071/8064405 E-mail daniela.delbello@regione.marche.

Nome DEL BELLO Daniela Telefono ufficio 071/8064354 Cellulare 339/2175694 Fax 071/8064405 E-mail daniela.delbello@regione.marche. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL BELLO Daniela Telefono ufficio 071/8064354 Cellulare 339/2175694 Fax 071/8064405 E-mail daniela.delbello@regione.marche.it

Dettagli