Corso di Marketing dello studio legale 3 a puntata. Analisi e pianificazione marketing per lo studio legale. di Paola Parigi*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Marketing dello studio legale 3 a puntata. Analisi e pianificazione marketing per lo studio legale. di Paola Parigi*"

Transcript

1 024507AVV0407_Inserto.qxd :29 Pagina I dello studio legale 3 a puntata Analisi e pianificazione marketing per lo studio legale di Paola Parigi* La forte competizione che si è innescata nel mercato legale richiede l applicazione dei principi di marketing, ricorrendoa una serie di analisi: ambientale, SWOT, concorrenza e clientela. La pianificazione marketing e l etica della concorrenza. Ci addentriamo in questa puntata nelle analisi di marketing, terreno quanto mai accidentato per un libero professionista che, nella media, è cresciuto nella convinzione, peraltro non del tutto sbagliata, che per acquisire clientela fosse sufficiente passare molte ore in studio e il lavoro arrivasse da sé. In effetti l impegno paga, ma oggi come oggi clientela e mercato non sono più gli stessi. La forte competizione del mercato legale si è innescata dapprima con l aumento esponenziale del numero di avvocati, poi con l arrivo di studi stranieri portatori di modelli di lavoro diversi, grazie alla crescente complessità dello sce- *Avvocato, consulente di organizzazione e marketing per gli studi legali (www.paolaparigi.it). In questo numero pag. I Analisi e pianificazione marketing per lo studio legale pag. XI Podcast: disinstallazione dei programmi pag. XI Dal mondo della professione pag. XII Glossario di marketing N 4 - aprile 2007 I

2 024507AVV0407_Inserto.qxd :29 Pagina II nario legislativo, alla crisi sistemica della giustizia, all arretratezza tecnologica e a numerose altre ragioni ancora. In un mercato protetto (dalla riserva legale) e scarsamente competitivo, lavorare molto (e lavorare bene) certamente bastava, mentre oggi occorre appropriarsi di tecniche che fino a questo momento sono rimaste estranee. Il marketing, come si è accennato nel corso delle puntate precedenti, è una disciplina giovane e, a sua volta, ha subito e subisce notevoli evoluzioni al mutare dell economia di mercato. Non esiste un marketing assoluto, ma solo punti di riferimento e tecniche di analisi e misurazione, oltre a un essenziale e indefettibile principio: la conoscenza del mercato, la pianificazione e l individuazione dei propri obiettivi sono le chiavi del successo. Applicando i principi di marketing al mercato cui si rivolge un avvocato, si dovrà procedere con una serie di analisi: quella ambientale, quella denominata SWOT, quella della concorrenza e quella della clientela. Le analisi di marketing applicate al mondo legale Analisi ambientale La prima indagine riguarda dunque l ambiente fisico nel quale lo studio opera (località, provincia, regione, nazione, continente), e anche la rete di strutture economiche, sociali, politiche delle quali partecipa o nelle quali viene coinvolto. Lo scopo dell analisi è decifrare e definire le caratteristiche del mercato di riferimento, inteso come scenario complessivo, allo scopo di valutare se lo studio possa contare o meno su un vantaggio competitivo sfruttabile strategicamente. L ambiente di riferimento va indagato e vanno definiti gli elementi che indicano il modo di vedere le cose comune al suo interno. Quale che sia il sistema di valori condivisi, la realtà economica e giuridica, le infrastrutture, tutto questo concorre alla combinazione di fattori ambientali che costituisce l ecosistema di riferimento. Il frutto di questa indagine sarà un elaborato di testo, una breve relazione a cui avranno contribuito tutti i membri dello studio e in cui vengono evidenziati gli elementi utili allo sfruttamento delle proprie posizioni di vantaggio nell ambiente o, quantomeno, la direzione da intraprendere per crearne. Analisi SWOT La vera difficoltà di questa analisi sta nella scarsa attitudine degli avvocati a sintetizzare i concetti e dare loro una rappresentazione grafica. Compiuto questo sforzo, però, si trarrà un notevole beneficio dall averlo fatto. SWOT è un acronimo che in lingua inglese sta per Strenght (forza), Weakness (debolezza), Opportunity (opportunità), Threaten (minacce). L obiettivo è la redazione di un documento in cui anche visivamente siano evidenziati gli elementi vincenti su cui può contare lo studio e, soprattutto, i fianchi scoperti o le manchevolezze a cui è necessario porre rimedio. I primi due indicatori su cui ci si deve concentrare, i punti di forza e di debolezza dello studio, sono frutto di una indagine interna e autoreferenziale. Costituiscono ad esempio punti di forza le risorse economiche e finanziarie, le risorse umane, la presenza territoriale e via dicendo. Per gli altri due indicatori, opportunità e minacce, che si riferiscono a una analisi dell ambiente esterno all organizzazione, attingiamo alla definizione che ne ha fornito il padre della tecnica di marketing: PHILIP KOTHLER (entrambe le citazioni sono tratte da: KOTH- II N 4 - aprile 2007

3 024507AVV0407_Inserto.qxd :29 Pagina III Grafico 1: Esempio di SWOT analysis FORZA reputazione eccellente clienti fidelizzati scarsa concorrenza diretta OPPORTUNITÀ aprire nuovo studio in altra città inglobare piccolo concorrente locale associazione con altro studio similare DEBOLEZZA pratiche di scarso valore margini di profitto bassi difficoltà a ritenere il personale dipendente MINACCE nuovo studio sta per aprire in città scarse possibilità finanziarie aumento costi d affitto dello studio LER-SCOTT, Marketing management, Isedi, 1993): «Un impresa si trova di fronte a una opportunità di marketing allorquando essa gode di un vantaggio competitivo per quanto concerne uno specifico campo d azione»; costituisce dunque una opportunità essere ad esempio, l unico avvocato rotale della provincia. E ancora: «Una minaccia ambientale può essere definita come una sfida posta da una sfavorevole tendenza o sviluppo in atto nell ambiente tale da poter determinare, in assenza di una specifica azione di marketing l erosione dell attività di una impresa»; costituisce ad esempio una minaccia l uscita di scena del direttore affari legali di una impresa cliente, vicino allo studio. Un opportunità può rivelarsi l arrivo in studio di un nuovo avvocato che sia forte di una determinata specializzazione in un settore strategico, mentre costituisce una minaccia l aumento del canone d affitto di studio. L analisi viene normalmente rappresentata graficamente dividendo in quattro, con una croce, la superficie di un foglio bianco, il che consente di individuare immediatamente, lungo le 4 assi, quali siano gli elementi, positivi e negativi, che si bilanciano tra loro e, di conseguenza, quali dovranno essere le azioni da compiere per giungere a un migliore equilibrio. Analisi della concorrenza e benchmarking Il mercato è composto dall insieme dei clienti acquisiti e potenziali, ma anche dall insieme dei concorrenti, diretti e indiretti, categoria quest ultima non sempre individuabile con chiarezza. Generalmente vengono percepiti come diretti competitor solo coloro che in qualche modo ci somigliano, mentre si tende a escludere coloro che adottano diverse modalità organizzative o comunicative e pertanto vengono vissuti come altro da sé. Bisogna invece considerare l attuale complessità del mercato, che in un crescendo di stratificazioni e soprattutto di contaminazioni laterali tra i segmenti tradizionali rende molto più vasta e indifferenziata la competizione. Possono fare concorrenza allo studio tanto le realtà di pari dimensioni e analoga composizione, quanto studi molto differenti, magari di maggiori dimensioni e meglio organizzati, o studi più piccoli e snelli che in quel momento si avvalgono di vantaggi competitivi nello specifico settore. Adattando il modello delineato da PORTER all ambiente legale, ogni studio deve cercare e individure i propri concorrenti in 5 diversi contesti (PORTER, Competitive Advantage: creating and sustaining superior performance, The Free Press, New York, 1995): N 4 - aprile 2007 III

4 024507AVV0407_Inserto.qxd :29 Pagina IV all interno del proprio ambiente, tra coloro che operano direttamente nel mercato di interesse; tra coloro che costituiscono sostituti o succedanei, ovvero offrono un prodotto molto simile come i commercialisti e i notai rispetto al settore di consulenza commerciale, ad esempio; tra i potenziali nuovi players, come i neo-avvocati; tra i fornitori di beni o servizi destinati al settore che possono avere il ruolo di incrementare la competitività dei diretti concorrenti; tra gli stessi clienti che in funzione di una sempre minor lealtà al proprio legale e del loro aumentato potere contrattuale, possono servirsi contemporaneamente di più studi. Grafico 2: L assedio della concorrenza secondo il modello di Porter, applicato al mondo legale Nuovi avvocati Altri avvocati Clienti STUDIO Praticanti, sostituti e altri professionisti Fornitori di beni e servizi In questo scenario così complesso, una delle analisi che si rivela più utile, allo scopo di comprendere il proprio mercato di riferimento è l attività di benchmarking, ovvero il sistematico controllo e monitoraggio delle migliori realtà concorrenti (o che, in generale, ci circondano), come delle prassi operative più efficienti e innovative. Gli altri, soprattutto quelli bravi, adottano soluzioni organizzative e comunicative che si rivelano vincenti. L individuazione degli standard di prestazione che risultano dalla osservazione della loro attività, consente di individuare le pratiche migliori (best practice) utilizzate dai primi della classe (best in class), e di trarne elementi per individuare le proprie mancanze, i gap, le carenze e di conseguenza spunti per il proprio miglioramento. Per fare qualche esempio, a cominciare da come lo studio concorrente confeziona i fascicoli d ufficio, li struttura e li presenta, possiamo capire molto dei meccanismi organizzativi e delle prassi operative, ma anche del livello qualitativo, spesso rispecchiato anche nei contenuti. L abitudine, istituzionalizzata da certi studi legali, di tenere seminari interni su temi di diritto e invitare guest star può alimentare un circuito virtuoso di coinvolgimento negli avvocati juniores e mantenere alto il valore dell aggiornamento in tutti i professionisti. Come si viene accolti al telefono o fatti accomodare in studio, cosa ci viene offerto durante le riunioni, come sono arredate le sale o vestito il personale di front office degli altri studi ci insegna molto sulla cura e sull attenzione per la soddisfazione del cliente da parte degli avvocati che vi lavorano. Il benchmarking è una attività di analisi rivolta verso l esterno, che produce dirette conseguenze sull analisi interna; solo nelle organizzazioni più grandi si potrà adottare anche rivolgendo lo sguardo verso sé stessi, ad esempio nell analisi delle performance di due diverse sedi, o di due diversi dipartimenti dello stesso studio. IV N 4 - aprile 2007

5 024507AVV0407_Inserto.qxd :29 Pagina V Analisi della domanda L individuazione e soprattutto la capacità di anticipare le richieste che il mercato potenziale svilupperà in futuro consente di pianificare attività dirette a soddisfarle e di prepararsi, anche organizzativamente, ad affrontarle. Conoscere il proprio mercato significa infatti riuscire a capire quali siano le deviazioni dal percorso lineare che potrà imboccare e quali variabili siano in grado di modificarne gli equilibri dati. La domanda è rappresentata, oltre che dal bisogno (nel caso che ci occupa, di servizi legali e risposte giuridiche e giudiziali), anche dalla capacità di spesa della clientela potenziale e dalle dinamiche che la spingono alla scelta di questo o quello studio, in una parola, da quegli elementi che determinano l acquisto del servizio. Sono potenziali soggetti del mercato, ma non potenziali clienti, non tutti coloro che hanno bisogno di assistenza legale, ma quanti per capacità economiche e altre condizioni coincidenti, si determinano a richiederla e a pagare per averla. Va da sé che costituiscono eccezioni a questa regola tutte le attività rese pro-bono dallo studio e la difesa in gratuito patrocinio. Rispetto ai prodotti di consumo, l analisi dei bisogni e la loro trasformazione in desideri è oggetto di studi approfonditi tutti tesi a intercettarli nel momento preciso del loro insorgere e allo scopo di fornire il prodotto o servizio più adatto al caso di specie. Nel caso dello studio legale, il cui prodotto è da pochi anni oggetto di studio in questo senso, sembra improprio parlare di desiderio di risposta giuridica, tuttavia, mutatis mutandis, anche in questo settore i meccanismi che portano alla scelta del partner legale, dell avvocato di fiducia, sono in tutto e per tutto analoghi. La comprensione di questi meccanismi ha un fortissimo impatto anche sulla comunicazione. Non sempre infatti si riesce a interpretare nel modo corretto le reazioni alla propria immagine pubblica, non è chiaro come ci vede e che cosa pensa di noi il potenziale cliente, il che rende estremamente difficile migliorarla o entrare in perfetta sintonia. Analizzare i suoi bisogni migliora la comprensione dei desiderata del potenziale cliente e intrattenere con lui un rapporto dinamico e mirato alla sua soddisfazione aumenta la corrispondenza tra la nostra e la sua percezione, fatto questo che migliorerà notevolmente le nostre potenzialità di marketing. Analisi del cliente La maggior parte del nuovo lavoro (si stima l 80%) proviene da quanti sono già clienti dello studio e questo avviene per due semplici ragioni: la prima che costoro hanno già speso la propria fiducia e superato la prima fase di rapporto, quella dedicata allo studio reciproco, la seconda che attraverso il passaparola, in caso di completa soddisfazione, possono procurare contatti utili verso terzi che non conosciamo, trasferendo a costoro, direttamente, la sensazione di affidabilità che sarebbe così difficile costruire nuovamente da zero. Per questo motivo lo scambio di clientela tra soci dello stesso studio (cross-selling), come le pratiche di client care, client relationship management (rispettivamente cura e gestione delle relazioni con il cliente) e, a livello stategico, l analisi della clientela esistente si rivelano strumenti utilissimi per incrementarla e migliorarne la produttività. Sapere tutto dei propri clienti, chi sono, cosa fanno, cosa pensano di noi, che bisogni e obiet- N 4 - aprile 2007 V

6 024507AVV0407_Inserto.qxd :29 Pagina VI tivi hanno e, allo stesso modo, avere un quadro preciso del loro impatto sul nostro fatturato aiuta a definire pratiche di marketing efficaci e mirate. Oltre, dunque, a raccogliere e confrontare tutti i dati possibili sull attuale, a mantenere con i clienti una relazione di scambio (chiedendo anche a loro di esprimersi sulla soddisfazione e sulla percezione del nostro lavoro), occorre analizzare i dati economici di fatturato. I numeri e le rappresentazioni grafiche hanno il potere di rivelare e di consentirci di visualizzare concetti altrimenti non intuibili. Chiedendo a un avvocato qual è il suo miglior cliente, infatti, egli tenderà a rispondere con il nome del più importante, ovvero della persona o azienda più famosa o rilevante, indipendentemente dal fatto che il lavoro che ne perviene sia di scarsa qualità o magari, seppur lentamente, sia decisamente diminuito nel corso del tempo. L analisi di un periodo di almeno 3 anni e il confronto fra i fatturati prodotti dai diversi clienti, in raffronto tra loro, così come la loro classificazione per qualità e tipologia di lavoro aiuterà a comprendere dove dirigere i propri sforzi, se nel tentare un inseguimento per rafforzare lo scambio o, viceversa, concentrarsi verso altri meno vistosi, ma più produttivi o fedeli in realtà. Segmentazione del mercato L utilità di questa complessa fase delle analisi di marketing è quella di consentire la precisa individuazione del proprio mercato di riferimento, inteso come un contesto complesso e non indifferenziato. Segmentare il mercato significa «suddividere la domanda di riferimento in cluster, cioè gruppi di clienti, omogenei al proprio interno e distinguibili e differenziabili al proprio esterno» (NICCHIA- RELLI, in Marketing management, a cura di CASTELLET, Milano, 2006). Quali sono le fasi in cui si sviluppa questa attività? La prima è la segmentazione propriamente detta, cioè la differenziazione, all interno della domanda di riferimento, di gruppi distinti di clienti, quali ad esempio, all interno del gruppo di clienti che richiede servizi di recupero del credito, privati, aziende, banche, professionisti, società finanziarie. La seconda è il procedimento di targeting, ovvero la selezione di quei segmenti che vengono considerati interessanti dallo studio legale. Definire il proprio obiettivo (target), significa scegliere il segmento a cui si intende rivolgere il proprio servizio e la propria attività. Nel caso dell esempio appena formulato si potrà scegliere di dedicarsi a banche e società finanziarie (o per ragioni altrettanto buone e dipendenti in toto dalla propria capacità e organizzazione, a professionisti e privati). La terza è il posizionamento, ovvero l individuazione e la comprensione del modo di porsi del proprio studio tra i diversi che offrono servizi a quel segmento di mercato, quindi la valutazione dell esatta posizione che si occupa nella graduatoria rappresentata dall insieme dei competitor di quello specifico settore. La divisione in segmenti e la scelta di quelli verso i quali si intende posizionarsi dipende dalla capacità di differenziare, all interno di ciascuna categoria di domanda rappresentata, le differenti esigenze, bisogni e percezioni. L idea chiara delle esigenze reali del mercato consentirà di differenziare, nel senso di garantire il massimo della personalizzazione e della competitività alla propria offerta. VI N 4 - aprile 2007

7 024507AVV0407_Inserto.qxd :29 Pagina VII Nell analisi di un mercato, così sensibilmente e strettamente connesso alle qualità e alle percezioni della singola persona fisica che costituisce spesso lo stesso cliente o il decision maker delle aziende clienti, la segmentazione più interessante è quella basata sui criteri identificativi dei desideri dei consumatori del servizio legale, la cosiddetta benefit segmentation. Oltre quindi ai classici indicatori come la posizione geografica e le caratteristiche socio-demografiche dell area di interesse, acquista importanza la focalizzazione in base a quelli che si ritengono essere i benefici ricercati dai potenziali clienti, oltre che sul loro status sociale, sulla intensità di utilizzo (quante volte nella vita, negli anni, nei mesi utilizzano il servizio legale), la situazione di utilizzo e consumo dei servizi legali (ad esempio se in studio o presso la propria sede), la fedeltà, ovvero la predisposizione al riutilizzo del servizio. Lo studio legale difficilmente utilizzerà segmentazioni basate su ricerche di mercato già svolte (peraltro pressoché inesistenti in questo campo), ma può analizzare il proprio mercato attraverso una segmentazione ex post, basata su di una analisi effettuata direttamente sul campo e sul proprio bacino di clientela. Il targeting Perché un segmento di mercato diventi un target, ovvero un obiettivo cui rivolgere la propria attenzione, ma soprattutto le proprie attività di marketing, occorre che si qualifichi come SMART. L acronimo, anche questa volta mutuato dall inglese, parte dalle iniziali delle parole: specific, measurable, achievable, relevant and realistic, trackable e gioca sul doppio senso dell assonanza con la parola smart che significa brillante, in gamba, sveglio. Il segmento di mercato è specifico quando è omogeneo al suo interno (ad esempio, nel settore dell immobiliare, tutte le agenzie di intermediazione della provincia); è misurabile, quando è definito in base alle sue dimensioni (es. le agenzie immobiliari con più di una sede); è raggiungibile (achievable), quando è verosimile che lo studio possa occuparsi di fornire un servizio (lo studio ha competenze di diritto immobiliare o notarili); è significativo e realistico quando si tratta di un segmento la cui dimensione è in grado di fornire concreta redditività allo studio; è infine monitorabile (trackable), quando può essere tenuto sotto controllo nel tempo. Il targeting potrà quindi essere attivato secondo diverse opzioni strategiche. Lo studio potrà scegliere di agire in modo differenziato o indifferenziato, concentrato o addirittura di non agire a seconda se l analisi dei segmenti offrirà spunti per valutare se e quali servizi si è in grado di offrire immediatamente, o di inventare innovandosi, a un mercato che oramai non ha più segreti. La pianificazione di marketing Raccolte tutte le informazioni su di sé e sul proprio mercato di riferimento, analizzata la domanda e il range di servizi che potenzialmente può creare od offrire e a quali target client, per attuare una pianificazione strategica occorre individuare la cosiddetta mission dello studio. Il termine indica la finalità ultima, la missione, come ad esempio la conservazione della posizione occupata di maggiore studio della città (reputazione) e degli obiettivi che lo studio si è dato. Questi ultimi, per essere utili, devono essere specifici, misurabili e il più possibile chiari, co- N 4 - aprile 2007 VII

8 024507AVV0407_Inserto.qxd :29 Pagina VIII me ad esempio il proposito di crescere fino a un certo numero di addetti, di raggiungere un certo livello di fatturato, di cambiare, fondersi con altri studi etc. Vanno quindi individuate le competenze che compongono la struttura, valutato il portafoglio delle attività e le nuove aree di impegno che si intendono creare. A questo punto si possono individuare le strategie competitive, che, sempre secondo KOTH- LER, guru del marketing, sono sostanzialmente quattro: leadership; attacco; imitazione; specializzazione. La strategia di leadership riguarda chi è già nella posizione di leader del mercato e può concretarsi nella scelta di difendere la posizione, di espandersi, di migliorare la produttività o di occupare quote di mercato fino a quel momento non toccate. La strategia di attacco, come suggerito dal nome, riguarda chi non è alla guida di un segmento di mercato ma decide di attaccarne frontalmente il leader avendo rafforzato competenze in grado di impensierirlo, o lateralmente, facendo pressioni sul punto più debole del concorrente. La strategia di imitazione consiste nel condividere pacificamente un mercato sufficientemente ampio per dare spazio a due concorrenti. La strategia di specializzazione si dispiega nell offrire servizi altamente competitivi a una nicchia di mercato scarsamente presidiata da altri, attraverso l aumento del grado di specializzazione. Ulteriori strategie competitive, altrettanto valide, a seconda delle caratteristiche dell organizzazione e del mercato di riferimento sono rappresentate dalle strategie di vantaggio di costo o di differenziazione. Nel primo caso l agilità della struttura consente un contenimento dei costi tale da costituire l elemento fondante di una politica tariffaria efficace nelle economie di scala (come ad esempio può fare lo studio che abbia altamente automatizzato il recupero di piccoli crediti molto numerosi); nel secondo, l offerta ruota intorno a un elemento distintivo del proprio brand che lo caratterizzi e renda il prodotto inconfondibile. Se parlassimo di prodotti di consumo, ci riferiremmo alla confezione, all immagine e al packaging, nel caso degli avvocati alla immagine che è una sintesi di aspetto (delle persone e dell ufficio), immagine, visibilità e reputazione. Tra le altre strategie utilizzabili, ovvero quelle cosiddette di valore, trovano spazio sia quelle adatte agli studi innovativi e ad alta standardizzazione del lavoro (che consente di mantenere costi bassi ma non sempre di fidelizzare il cliente), che quelle di estrema personalizzazione del lavoro che punta a restringere il numero dei clienti ma a legarli definitivamente a sé. Il piano di marketing Lo strumento principe per lo sviluppo delle attività di marketing è senza dubbio il piano di marketing, ovvero quel documento in cui sono descritte le caratteristiche del mercato, le intenzioni di posizionamento, le scelte strategiche e gli strumenti finanziari per supportare gli investimenti in questo senso. Non esiste un modello univoco di piano di marketing, ma esso va formulato in funzione delle caratteristiche organizzative e strutturali dello studio. Spesso viene realizzato in uno con il business plan (altro indispensabile strumento di pianificazione che consente di preventivare, prevenire, indirizzare e controllare impegni economici e flussi finanziari), ma talvolta può anche essere concepito separatamente. VIII N 4 - aprile 2007

9 024507AVV0407_Inserto.qxd :29 Pagina IX Di certo non può aversi una pianificazione di marketing staccata da un budgeting di marketing, ovvero dall attivita di previsione dell impegno economico da destinare alla creazione di nuove strategie. Senza curarsi o improvvisando gli aspetti economici di ogni attività si rischia di commettere errori fatali. La pianificazione certamente conterrà, a fianco dei dati economico-finanziari in grado di sostenerla, tutti gli elementi di cui ci siamo occupati in questa puntata: analisi del mercato, della domanda e dell offerta; segmentazione e targeting; approcci strategici; ma anche la definizione delle modalità operative (chi fa che cosa), i meccanismi e le metodologie di controllo. Pianificare è innanzitutto una attività che costringe a distogliersi dalla propria routine quotidiana, a fare il punto nave, prima di calcolare la rotta. L avvocato medio sconta, in questo genere di attività, una scarsa propensione culturale, ma soprattutto una carenza di formazione oltre a un malvezzo e a uno scetticismo indotto dall abitudine a muoversi in un mercato protetto. L attività di pianificazione di marketing invece è fondamentale in un settore, lo si ripete, che oggi è diventato altamente competitivo, ma anche altamente indifferenziato quanto a offerta (troppi avvocati che fanno tutti le stesse cose), difficilmente interpretato dal pubblico, vittima della cosiddetta asimmetria informativa (impossibile valutare a priori la qualità del prodotto/servizio offerto dallo studio), e soprattutto iper-regolamentato e ingessato da una scarsissima propensione all autocritica. Marketing e etica della concorrenza Come si è detto, una delle strategie di marketing utilizzata dalle aziende è quella cosiddetta di imitazione, posta in atto da chi ha l obiettivo di condividere pacificamente il mercato con i concorrenti. Ma questa è una strategia tipica dei mercati oligopolistici e scarsamente differenziati, qual è stato per l appunto il mercato legale fino alla fine degli anni 80. Le cose sono molto cambiate e lo scenario competitivo attuale impone di adeguarsi a nuovi standard di comportamento. La falsa opinione che pianificare le proprie attività e interrogare e conoscere il proprio mercato costituiscano atteggiamenti scarsamente o per nulla conformi all etica della colleganza è assolutamente fuorviante. La qualità del lavoro non si deprezza perché frutto di un processo controllato, tutt altro. Qualità ed etica della professione saranno sempre più salvaguardati se si imporranno anche in questo mercato le regole che normalmente caratterizzano i mercati ad altissimo livello di competitività: le regole della concorrenza. La competizione ad armi pari è decisamente più etica della mancanza di competizione e dell oligarchia, soprattutto in un mercato strategico, per non dire essenziale per lo sviluppo intellettuale e civile del Paese. Il recupero della reputazione non si gioca per gli avvocati sul terreno della distanza dal cliente, piuttosto sul campo del recupero alla categoria di una dignità di salvaguardia del diritto, cui è per costituzione (e dalla Costituzione), chiamato. Marketing e pubblicità sono strumenti di organizzazione e di comunicazione di una attività, niente di meno e niente di più. Nessuna interferenza con qualità e prestigio e tutela dell autonomia o indipendenza del libero professionista, materie che attengono piuttosto alla sua formazione, preparazione e coscienza. N 4 - aprile 2007 IX

10 024507AVV0407_Inserto.qxd :29 Pagina X Studio legale Pinco & Pallino alle prese con analisi e pianificazione marketing Lo studio ha preso la decisione di affrontare il nuovo anno con maggiore consapevolezza e strategie più solide. Forti della nuova organizzazione e del software che ha semplificato l attività e consentito di ottimizzare il tempo e la qualità del prodotto, Pinco e Pallino hanno deciso di impegnarsi a fondo nell attività di analisi del mercato e della concorrenza. Lo studio ha preso confidenza con nuovi approcci al mercato, conosce meglio i propri punti di forza e di debolezza e si presenta alla potenziale clientela con uno stile più proattivo e convincente. Nuovi clienti e nuova organizzazione hanno reso lo studio competitivo e maggiormente visibile. Le competenze internazionali e l attitudine al lavoro di squadra hanno aperto nuove strade. Lo studio ha istituito migliori procedure interne e conosce il proprio mercato. Le strategie di Client Relationship Management coinvolgono tutto lo staff che è attento e preparato ad ascoltare i bisogni del cliente e ad anticiparli. La quarta puntata sul prossimo numero... X N 4 - aprile 2007

11 024507AVV0407_Inserto News.qxd :30 Pagina XI PODCAST a cura della Cattedra di Informatica Giuridica Avanzata dell Università degli Studi di Milano Disinstallazione dei programmi Nel podcast di questo mese ci si occuperà di un problema tecnologico molto specifico ma che interessa sovente il professionista del diritto: la rimozione, o disinstallazione, delle applicazioni o dei programmi sul computer personale o professionale. È noto che la disinstallazione, o rimozione, di applicazioni può sollevare problemi, in quanto, di solito, un programma, nella fase di installazione, sporca (scrivendo nuove istruzioni) i registri di sistema e non sempre il sistema di disinstallazione toglie ogni traccia del programma installato. Ciò avviene anche con programmi dimostrativi installati, ad esempio, da Cd- Rom allegati a riviste acquistate in edicola, o con programmi per i quali è scaduto il periodo di prova. Il podcast illustrerà il funzionamento di quei programmi che ripuliscono il disco cercando tracce lasciate da programmi installati in precedenza. Si noterà come tali programmi, spesso, non tengono conto del fatto che alcuni file sono utilizzati in maniera condivisa da più applicazioni, per cui vanno adoperati con cautela, pena l inutilizzabilità di altri programmi che, invece, si vorrebbe continuare a usare. Un consiglio che verrà dato nel podcast sarà quello di creare un utenza specifica per installare programmi di prova: ciò consente di mantenere in compartimenti stagni, nella maggior parte dei casi, questi file e di non sporcare ambienti utilizzati, invece, per il lavoro. Nell utenza usata a fini professionali, d altro canto, dovrebbero essere installati solo i programmi utilizzati per l attività lavorativa, e ciò non solo per garantire la stabilità del sistema ma anche per non creare problemi di vulnerabilità in ambienti che contengono dati critici. PREVIDENZA Firmata la convenzione tra INPS ed enti privati: si apre la chance totalizzazione È stata firmata da cinque Casse (avvocati, dottori commercialisti, consulenti del lavoro, geometri e periti industriali) la convenzione tipo dell INPS che consente di sommare diversi periodi contributivi che, da soli, non sarebbero sufficienti a garantire una pensione (c.d. totalizzazione). Sarà l INPS, individuata dal D.Lgs. n. 42/2006 come unico soggetto liquidatore, a operare come sostituto d imposta, facendosi carico di tutte le operazioni di gestione del pensionato. Per avere diritto alla totalizzazione il lavoratore deve essere in possesso di almeno 20 anni di contribuzione complessiva e 65 anni di età, o in alternativa di almeno 40 anni di contributi e in ogni gestione deve aver maturato almeno 6 anni non coincidenti. La firma della convenzione attiva l esame delle domande in giacenza. Agli interessati verrà chiesto di riscrivere la domanda secondo i nuovi standard previsti dall INPS, per inviarla nuovamente all ente previdenziale di ultima iscrizione, incaricato di ricongiungere i periodi contributivi e registrare gli estremi della domanda nella procedura informatica che collega gli enti firmatari. LEGAL INVESTIGATOR Nasce l avvocato anticrisi Il Legal Investigator è un vero e proprio avvocato anticrisi che, incaricato dai consigli di amministrazione o dal commissario straordinario, ha il compito di indagare le ragioni di un crollo economico o finanziario, accertare le responsabilità e individuare i provvedimenti legali necessari per il risanamento. La sua origine è da individuare nel D.Lgs. n. 231/2001 che, intervenuta qualche anno dopo la decisione degli Stati membri dell OCSE di delegare alle aziende i controlli interni, disciplina le responsabilità penali delle aziende intese come persone giuridiche, favorendo lo sviluppo di strutture con funzioni di controllo e prevenzione interne all azienda, facenti capo all ufficio legale e appunto al Legal Investigator per le attività di indagine. N 4 - aprile 2007 XI Dal mondo della professione

12 024507AVV0407_Inserto News.qxd :30 Pagina XII Dal mondo della professione FORMAZIONE PERMANENTE L Antitrust interviene sul regolamento del CNF L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha aperto un fascicolo riguardante il settore dei servizi professionali, con particolare riferimento all adeguamento dei Codici deontologici delle professioni ai principi della concorrenza, accogliendo anche la segnalazione dell Associazione Nazionale Forense dello scorso 15 febbraio riguardante la legittimità del regolamento approvato dal Consiglio Nazionale Forense che rappresenterebbe, secondo l ANF, un potenziale monopolio. PRIVACY Avvocati stile Ris Il Garante della Privacy ha approvato l autorizzazione sul trattamento dei dati genetici, contenente un intero capitolo dedicato ai legali (difensori, consulenti, investigatori privati), autorizzati a trattare i dati genetici qualora sia indispensabile per lo svolgimento delle investigazioni difensive o qualora l utilizzo del Dna serva per «far valere o difendere un diritto da parte di un terzo in sede giudiziaria, anche senza il consenso dell interessato» (salvo i casi in cui il trattamento presupponga lo svolgimento di test genetici). Il trattamento può comprendere anche «le informazioni relative a stati di salute pregressi o relative ai familiari dell interessato», anche se, in questi casi, il ricorso ai dati è ammesso «sempre che il diritto da far valere o difendere sia di rango pari a quello dell interessato, ovvero consistente in un diritto della personalità o in un altro diritto o libertà fondamentale e inviolabile e i dati siano trattati esclusivamente per tali finalità e per il periodo strettamente necessario al loro perseguimento». Al giudice è affidato il compito di verificare l equivalenza degli interessi, valutando caso per caso quale debba prevalere. DIPENDENTI PUBBLICI Sanatoria in vista per gli avvocati part-time È all esame della Camera il DDL 615, che permetterà ai dipendenti pubblici che svolgono contemporaneamente la professione forense di svolgere entrambe le attività. Non si applicherebbe, infatti, agli avvocati dipendenti pubblici part-time già iscritti all albo, la disciplina sull incompatibilità assoluta tra professione forense e pubblico impiego, sulla base della legge n. 662/1996. I professionisti interessati potranno chiedere la reiscrizione all albo entro sei mesi, se dipendenti pubblici part-time che hanno optato per il rapporto di impiego con la P.A. o che sono stati cancellati d ufficio dall albo dei legali; oppure, se pubblici impiegati che avevano scelto la professione forense e cassato il proprio ufficio, chiedere alla P.A. la reintegrazione in servizio entro lo stesso termine. XII GLOSSARIO DI MARKETING BEST IN CLASS Letteralmente, primi della classe, i concorrenti presi come riferimento per effettuare analisi di benchmarking. CASE HISTORY Precedente, caso esemplare, usato per formazione, comunicazione e dimostrazione della propria esperienza. CLUSTER Insieme di soggetti (potenziali clienti), con caratteristiche omogenee, raggruppati in base a determinati parametri predefiniti. FEEDBACK Risposta, responso, verifica e controllo dei risultati. FOLLOW-UP L insieme delle attività di monitoraggio di una azione definita e letteralmente il dare seguito a una attività per non disperderne i frutti in termini di relazioni. MARKETING ONE TO ONE (121) Politica di marketing secondo la quale ogni cliente va considerato in modo unico e che si realizza nella ricerca della maggiore personalizzazione del servizio. POSIZIONAMENTO Modalità con cui l organizzazione desidera che il cliente la percepisca rispetto alle altre che soddisfano gli stessi bisogni, sia con riferimento alla propria immagine e reputazione che rispetto alla qualità dei prodotti o servizi offerti. REDEMPTION Risultato di un operazione promozionale, può essere espresso in numeri assoluti o in termini percentuali. S.W.O.T. ANALYSIS Una delle analisi di marketing preliminare alla pianificazione si compone della definizione degli elementi di S (Strength Forza), W (Weakness Debolezza), O (Opportunity Opportunità), T (Threat Minaccia). N 4 - aprile 2007

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale SCHEMA DI SINTESI 1. Che cos è la pianificazione

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli