CAPITOLATO D ONERI PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DI LOCALI COMUNALI ANNO 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO D ONERI PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DI LOCALI COMUNALI ANNO 2014"

Transcript

1 COMUNE DI LAZISE Provincia di Verona Piazza Vittorio Emanuele II, Lazise Tel Fax UFFICIO PATRIMONIO E LAVORI PUBBLICI CAPITOLATO D ONERI PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DI LOCALI COMUNALI ANNO 2014 CIG ZF10C86F1E 1

2 INDICE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Pag. 4 ART. 2 CARATTERISTICHE Pag. 4 ART. 3 CONTENUTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA Pag. 4 ART. 4 CONTENUTO E CADENZA DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEL PALAZZO MUNICIPALE, DELLA SALA MOSTRE E DEI LOCALI DELLE EX SCUOLE ELEMENTARI DI LAZISE UTILIZZATE PER ATTIVITÀ DAI SERVIZI SOCIALI E DALLE ASSOCIAZIONI LOCALI Pag. 6 Pulizie giornaliere Pag. 6 Pulizie settimanali Pag. 6 Pulizie quindicinali Pag. 6 Pulizie mensili Pag. 6 Pulizie trimestrali Pag. 7 Pulizie annuali Pag. 7 ART. 5 CONTENUTO E CADENZA DEL SERVIZIO DI PULIZIE DEI BAGNI PUBBLICI DI PACENGO Pag. 7 Pulizia giornaliera Pag. 7 Pulizia settimanale Pag. 7 ART. 6 CONTENUTO E CADENZA DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA CHIESETTA DI SAN NICOLÒ AL PORTO Pag. 7 Pulizia di mantenimento Pag. 7 Pulizia paramenti sacri, travature, vetri Pag. 7 ART. 7 TRATTENUTE PENALI RISOLUZIONE PER COLPA Pag. 7 ART. 8 DURATA ED IMPORTO Pag. 8 ART. 9 REVISIONE DEL COMPENSO Pag. 8 ART. 10 CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE Pag. 8 ART. 11 SOGGETTI AMMESSI ALLA GARA Pag. 8 ART. 12 REQUISITI DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA Pag. 8 ART. 13 AVVALIMENTO Pag. 8 ART. 14 ELABORATI DI GARA Pag. 9 ART. 15 MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELL OFFERTA Pag. 9 ART. 16 DOCUMENTAZIONE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA Pag. 9 ART. 17 AVVERTENZE Pag. 10 ART. 18 SVOLGIMENTO DELLE OPERAZIONI DI GARA Pag. 10 ART. 19 SOGGETTI AMMESSI ALL APERTURA DELLE OFFERTE Pag. 10 ART. 20 OFFERTE ANORMALMENTE BASSE Pag. 11 ART. 21 ADEMPIMENTI A CARICO DELL AGGIUDICATARIO Pag. 11 ART. 22 AVVERTENZE PER L AGGIUDICATARIO Pag. 11 ART. 23 ESTENSIONE E RIDUZIONE DEL CONTRATTO. EVENTUALE SOSPENSIONE DEL SERVIZIO Pag. 11 ART. 24 PERIODO DI PROVA Pag. 11 ART. 25 ORARI, MACCHINE ED ATTREZZATURE, PRODOTTI D USO, PERSONALE, VERIFICHE E CONTESTAZIONI ALLA DITTA Pag. 11 Orari Pag. 12 Macchine ed attrezzature Pag. 12 Prodotti d uso Pag. 12 Normativa essenziale di riferimento Pag. 13 Personale addetto Pag. 13 Divisa e dotazione vestiario Pag. 13 Norme comportamentali Pag. 13 ART. 26 SISTEMA DI AUTOCONTROLLO Pag. 13 ART. 27 CONTROLLI DI REGOLARITÀ DEL SERVIZIO Pag. 14 ART. 28 ULTERIORI ONERI Pag. 14 ART. 29 OBBLIGAZIONI DELLA DITTA NEI RAPPORTI CON I PROPRI DIPENDENTI Pag. 14 ART. 30 OBBLIGHI DELLA SICUREZZA Pag. 14 ART. 31 RESPONSABILITÀ CIVILE Pag. 14 ART. 32 NORME RIGUARDANTI IL PERSONALE Pag. 15 ART. 33 ELENCO DEL PERSONALE Pag. 15 ART. 34 RAPPRESENTANTI DELL APPALTATORE Pag. 15 ART. 35 DEPOSITI CAUZIONALI Pag. 15 ART. 36 SPESE DI BOLLO, DI CONTRATTO E FISCALI Pag. 15 ART. 37 COMPENSI Pag. 15 ART. 38 PAGAMENTI Pag. 16 ART. 39 UTENZE Pag. 16 2

3 ART. 40 SOSPENSIONI DEL SERVIZIO Pag. 16 ART. 41 SCIOPERO Pag. 16 ART. 42 CESSIONE E/O SUBAPPALTO Pag. 16 ART. 43 RINVIO NORMATIVO Pag. 16 ART. 44 FORO COMPETENTE Pag. 16 ART. 45 ALTRE CONDIZIONI CHE REGOLANO L APPALTO Pag. 16 ART. 46 TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Pag. 16 ALLEGATI MODELLO A MODELLO B Pag.18 Pag.22 3

4 L'appalto per il servizio di pulizia dei locali e delle dotazioni di mobili, apparecchiature ed arredi esistenti nel PALAZZO MUNICIPALE (locali adibiti ad uffici, ambulatori medici, sala mostre), nella CHIESETTA DI SAN NICOLÒ AL PORTO, nei BAGNI PUBBLICI di piazzale Porto di Pacengo, nei locali dell EX SCUOLA ELEMENTARE di Lazise in viale Roma utilizzati per attività dai Servizi Sociali compresa la comune Sala Associazioni e relativi servizi igienici viene concesso alle seguenti condizioni: ART. 1 - OGGETTO DELL'APPALTO È oggetto del presente appalto l esecuzione del servizio di pulizia dei locali e delle dotazioni di mobili, apparecchiature ed arredi esistenti nel PALAZZO MUNICIPALE (locali adibiti ad uffici, ambulatori medici, sala mostre), nella CHIESETTA DI SAN NICOLÒ AL PORTO, nei BAGNI PUBBLICI di Pacengo, nei locali dell EX SCUOLA ELEMENTARE di Lazise in viale Roma utilizzati per attività dai Servizi Sociali compresa la comune Sala Associazioni ed i relativi servizi igienici. Il servizio di pulizia degli edifici e degli spazi comunali deve venire svolto da idoneo personale mediante l ausilio di valide ed adeguate attrezzature e materiali di qualità, in grado di assolvere in modo apprezzabile alle esigenze di intervento, al fine di conseguire le migliori condizioni igieniche possibili, in linea con l immagine ed il decoro della Stazione Appaltante. Scopo del capitolato è quello di regolare i rapporti con la Ditta Appaltatrice del servizio, in conformità alle norme vigenti in materia di igiene, sanità e sicurezza del lavoro nonché ai contratti collettivi di categoria. ART. 2 CARATTERISTICHE L ubicazione dei locali oggetto dell appalto è la seguente: 1. Palazzo Municipale (ufficio Anagrafe a piano terra, androne principale, Archivio p. terra, area Albo Pretorio, ascensore, scala di collegamento alla sala consiliare, scala di collegamento agli uffici del P.1 e P.2, scala di collegamento all archivio, Sala Consiliare, Sala Giunta, saletta consiglieri, ufficio del Sindaco, ufficio del Direttore Generale, uffici del 1 e del 2 piano, servizi igienici del piano terra e del 1 e 2 piano); 2. locali adibiti a sede della Polizia Locale, a piano terra della Sede Municipale, compresa la sala videosorveglianza e locale spogliatoio della Polizia Locale, al terzo piano della Sede Municipale; 3. Sala Mostre; 4. Ambulatori medici, sala d attesa e servizi igienici annessi; 5. Bagni pubblici, in Piazzale Porto di Pacengo; per un totale di circa mq. 1270,00 6. locali presso la sede delle ex scuole elementari di Lazise in viale Roma utilizzati per attività dai Servizi Sociali per circa mq mq. 80 della comune Sala Associazioni e relativi servizi igienici; 7. Chiesetta di San Nicolò al Porto per mq. 181,20. Le attività di pulizia devono venire espletate attraverso una serie di operazioni cicliche la cui frequenza varia in funzione della destinazione d uso di riferimento per gli ambienti e/o specifica criticità degli stessi. Andranno, quindi, eseguite nei seguenti giorni della settimana: - per i locali indicati al punto 1, tranne l ufficio del Sindaco, la Sala Consiliare e l ufficio Anagrafe, la pulizia giornaliera è prevista per 5 (cinque) interventi settimanali dal lunedì al venerdì; - per l ufficio del Sindaco, la Sala Consiliare e l ufficio Anagrafe la pulizia giornaliera è prevista per 6 (sei) interventi settimanali dal lunedì al sabato; - per i locali di cui al punto 2 la pulizia giornaliera è prevista per 6 (sei) interventi settimanali; - per i locali di cui al punto 5 la pulizia giornaliera è prevista per 7 (sette) interventi settimanali, festivi compresi, dal mese di aprile al mese di settembre, per 2 (due) intervento settimanale dal mese di ottobre al mese di marzo; - per i locali di cui al punto 3 le pulizie giornaliere sono previste per 2 (due) interventi settimanali; - per i locali di cui al punto 6 le pulizie giornaliere sono previste per 3 (tre) interventi settimanali; - per i locali di cui al punto 4 le pulizie giornaliere sono previste per 6 (sei) interventi settimanali; - per il locale di cui al punto 7 le pulizie di mantenimento sono previste per 2 (due) interventi settimanali, la spolveratura dei paramenti sacri, del lampadario e delle travature e la pulizia dei vetri sono previste per 4 (quattro) interventi annui. Le metrature e le destinazioni d uso dei locali previste nel presente capitolato sono da ritenersi indicative al fine della presentazione dell offerta per il servizio in appalto, pertanto le relative offerte s intenderanno riferite complessivamente a tutte le superfici da pulire (orizzontali e verticali) ed alla globalità delle prestazioni indicate. La ditta appaltatrice dà atto di essere a perfetta conoscenza dell ubicazione, dell estensione, del grado di pulizia in cui sono tenuti e della natura e dello stato di conservazione dei locali ove le pulizie dovranno essere effettuate, nonché della consistenza delle relative dotazioni di mobili ed arredi e di essere edotta di ogni altra circostanza di luogo e di fatto inerente ai locali stessi. Conseguentemente nessuna obiezione la ditta stessa potrà sollevare per qualsiasi difficoltà che dovesse insorgere nel corso dell espletamento del servizio in relazione ad una pretesa ed eventuale imperfetta acquisizione di ogni elemento relativo all ubicazione nonché all estensione, alla natura ed alle caratteristiche dei locali da pulire. ART. 3 CONTENUTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA L esecuzione del servizio di pulizia è disciplinata, tra l altro, per la parte normativa, dalla legge n. 82 del e s.m.i. Disciplina delle attività di pulizia, disinfezione, derattizzazione e di sanificazione ed ogni altra normativa presente e futura regolante la materia. I lavori oggetto del presente appalto comprendono tutte le operazioni necessarie per una pulizia a perfetta regola d arte degli spazi, dei locali, degli impianti, degli arredi e di quanto altro pertinente agli stabili di cui al precedente art. 1. IL PERSONALE DA IMPIEGARE PRESSO IL MUNICIPIO NON POTRÀ ESSERE INFERIORE ALLE N. 2 (DUE) UNITÀ, VALORE MINIMO PER GARANTIRE LA REGOLARITÀ DEL SERVIZIO. Si indicano, in linea generale, gli interventi da effettuare: 4

5 La pulizia di superfici orizzontali interne ed esterne: pavimenti, soffitti, contro soffitti, ecc.; cortili, terrazze, balconi, rampe, portici, ecc. La pulizia di superfici verticali interne ed esterne: pareti, vetri, infissi, scuretti, tende alla veneziana, balaustre, parapetti di balconi, ecc. La pulizia di scale, ringhiere, grate, cancelli, ascensori, montacarichi, intercapedini, ecc. La pulizia di apparecchi igienici sanitari, la sostituzione di asciugamani di carta, carta igienica, rabbocco dei saponi liquidi, ecc. La pulizia di plafoniere. Lo svuotamento dei cestini gettacarte, ecc. La pulizia delle dotazioni di mobili ed arredi ed apparecchiature, dei cartoni degli archivi, dei volumi delle biblioteche, ecc., adottando i più moderni ed efficienti sistemi di asportazione sistematica, integrale e radicale di polvere, rifiuti, sudiciume, ecc. La cura e buona tenuta delle piante ornamentali dislocate nei vari uffici e corridoi. Il costante approvvigionamento della carta igienica, delle salviette di carta, del sapone liquido e del deodorante per ambienti in spray nei bagni (quest ultimo prodotto solamente presso il Palazzo Municipale). Il materiale dovrà essere messo a disposizione dalla stessa Ditta appaltatrice. Nell esecuzione dei lavori dovranno essere adottati tutti gli accorgimenti ed impiegati tutti i prodotti e le attrezzature necessarie ad impedire la liberazione di polvere negli ambienti ed in particolare si eviterà l utilizzo di scope e tecniche di pulizia a secco, privilegiando l utilizzo di aspirapolvere filtranti, spazzole munite di filtri aspiranti, pulizie ad umido e panni per pulizie trattati per trattenere elettrostaticamente la polvere. Aspirapolvere, battitappeto, spazzole elettriche e simili attrezzature dovranno essere sempre muniti di dispositivo di aspirazione e filtrazione. Laddove l impiego degli aspiratori sia difficile vengano usate scope caricate elettrostaticamente con appositi prodotti rispondenti alle normative vigenti. Tutti i lavori dovranno essere eseguiti accuratamente a perfetta regola d arte ed in maniera da non danneggiare i pavimenti, i rivestimenti, le vernici, i mobili, le attrezzature e gli altri oggetti esistenti nei locali ove viene svolto il servizio. Prima di iniziare le operazioni di pulizia si provvederà all apertura delle finestre situate negli ambienti, salvo richiuderle al termine delle operazioni di pulizia. Al termine del servizio di pulizia, inoltre, l Impresa dovrà accertarsi che non vi siano luci accese, rubinetti aperti, che le porte e le finestre degli edifici siano chiuse nonché provvedere all eventuale rimozione di riso o petali di fiori al termine dei matrimoni. Per l uso e la pulizia di macchine ed apparecchiature elettriche si richiama espressamente l obbligo di rispettare le specifiche norme vigenti. La pulizia di macchine, apparecchiature elettriche e/o elettronici alimentati da energia elettrica di rete dovrà essere effettuata solo esclusivamente previa interruzione dell alimentazione elettrica. La spazzatura a secco dovrà essere limitata di norma a locali e spazi all aperto e alla raccolta di materiali grossolani. Nell esecuzione della spolveratura ad umido di superfici ed arredi, la soluzione detergente va spruzzata sul panno e non sulle superfici. Nella pulizia di macchine ed apparecchiature elettroniche, compresi gli apparecchi telefonici, si dovrà aver cura di evitare infiltrazioni di umidità per scongiurare pericolosi cortocircuiti o malfunzionamenti. Le acque di lavaggio degli stracci da pavimento e degli oggetti di uso similare saranno cambiate con grande frequenza ed addizionate di soluzioni disinfettanti e detergenti. Le disinfezioni di seguito richieste saranno effettuate con l utilizzo di prodotti idonei, preparati ed utilizzati e smaltiti secondo le norme vigenti per gli stessi e le specifiche dei fabbricanti; ugualmente si provvederà per i prodotti detergenti, lucidanti, ecc. Nella pulizia quotidiana dei bagni andrà rispettata la seguente procedura: - indossare sempre i guanti di protezione - irrorare la parte interna superiore del WC con detergente disincrostante e lasciare agire alcuni minuti senza strofinare (se necessario azionare lo sciacquone) - irrorare i sanitari con detergente e applicare su tutta la superficie da pulire con apposito panno, lasciare agire senza strofinare - rifornire i distributori (sapone, salviette, carta igienica) facendo attenzione che le quantità siano sufficienti a garantirne l utilizzo fino al successivo intervento - risciacquare i sanitari avendo cura di eliminare eventuali residui non disciolti agendo con forza abrasiva Di tutti i materiali ed i prodotti impiegati dovranno essere forniti l esatta specificazione, le schede tossicologiche, le specifiche d impiego, così come richiesto successivamente, fermo restando a totale carico della ditta le responsabilità d impiego e smaltimento. I prodotti e le tecniche di pulizia adottati dovranno evitare di rendere scivolosi i pavimenti ed i piani di calpestio. i rifiuti saranno raccolti in sacchi a perdere e sistemati su carrelli mobili portasacco, appositamente attrezzati, muniti di ruote pivottanti e gommate in modo da non arrecare danno ai pavimenti; i carrelli saranno muniti di protezioni idonee protezioni per non arrecare danni negli eventuali impatti alle pareti ed alle porte. Gli attrezzi utilizzati per il lavaggio dei locali servizi igienici devono essere diversi da quelli utilizzati per il lavaggio degli altri locali. Per la pulizia di terrazzi privi di parapetto o con parapetti bassi e dell esterno delle finestre, si dovranno utilizzare, a totale cura e spese della Ditta e sotto la sua completa responsabilità, tutti i provvedimenti e le misure di sicurezza necessari. Carrelli mobili, ganci, sistemi di fissaggio con cinghie di sicurezza, bilance, castelli, ecc. necessari per l esecuzione del contratto potranno essere montati, sempre a cura e spese della ditta, tenuto conto delle caratteristiche statiche delle componenti edilizie dell edificio, quali portata dei solai, solo in maniera provvisoria e rimossi al termine dell intervento di pulizia ripristinando lo stato dei luoghi. È comunque vietato il fissaggio ai componenti edilizi dei fabbricati (ad esempio termosifoni, tubazioni, ecc.) per il quale l Amministrazione non garantisce in alcun modo la stabilità. I lavori elencati sommariamente in precedenza dovranno essere effettuati con le periodicità di seguito indicate e nel rispetto degli orari e delle scadenze convenute. Il personale della Ditta Appaltatrice, in servizio nei vari uffici e servizi, alla fine del turno dovrà provvedere a spegnere le luci, chiudere gli scuri, le tapparelle, le finestre e le porte. 5

6 La ditta è comunque obbligata, al di là delle periodicità fissate, in caso di eventi imprevisti o accidentali (rotture di vetri, cadute di inchiostro, rovesciamento di cestini gettacarta, spargimenti di toner, ecc.) che richiedano interventi limitati di pulizia, ovvero laddove occorra ripristinare una situazione di funzionalità e/o decoro, a far intervenire i propri addetti su richiesta dell Ufficio Lavori Pubblici, per ripristinare nel più breve tempo possibile lo stato d igiene e decoro dei locali. L Appaltatore dovrà custodire le chiavi di accesso ai locali con divieto assoluto di affidarle a terzi senza ordine dell Amministrazione. Il materiale di pulizia dovrà essere quotidianamente ritirato nei locali eventualmente messi a disposizione della Ditta Aggiudicataria dall Amministrazione Comunale. Alla scadenza del contratto tali vani dovranno essere sgombrati e riconsegnati in buono stato. Ai fini igienici tutto il materiale lavabile (strofinacci, bandiere, mops, ecc.) utilizzato per il servizio di pulizia dovrà essere settimanalmente sottoposto a lavaggio meccanico ad una temperatura di almeno 90 gradi centrigradi. Ogni incombenza relativa allo spostamento di mobili, attrezzature e suppellettili che si rendesse necessaria in relazione alla tipologia degli interventi è a completo carico dell Impresa. Per la corretta differenziazione dei rifiuti raccolti, la Ditta Aggiudicataria dovrà rivolgersi presso l Ufficio Ecologia del Comune di Lazise, che fornirà le indicazioni necessarie. È fatto espresso divieto alla Ditta Aggiudicataria modificare la programmazione dei lavori di pulizia, salvo preventiva autorizzazione dell Ufficio Lavori Pubblici. Le eventuali prestazioni eseguite senza autorizzazione sono a totale carico della Ditta Aggiudicataria. Di seguito vengono descritte le modalità principali relative ai metodi e tecniche, minimali e non esaustive, idonee agli ambienti dell Ente con le quali l appaltatore dovrà eseguire gli interventi di pulizia ivi indicati, restando fermo che per tutte le pulizie da eseguire, l appaltatore medesimo dovrà garantire comunque l esecuzione a perfetta regola d arte. ART. 4 CONTENUTO E CADENZA DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEL PALAZZO MUNICIPALE, DELLA SALA MOSTRE E DEI LOCALI DELLE EX SCUOLE ELEMENTARI DI LAZISE UTILIZZATE PER ATTIVITÀ DAI SERVIZI SOCIALI E DALLE ASSOCIAZIONI LOCALI Pulizie Giornaliere 1.1 Arieggiatura dei locali. 1.2 Spolveratura ad umido su tutte le superfici libere orizzontali e verticali delle scrivanie. 1.3 Spazzatura della pavimentazione presente negli uffici, nelle sale riunioni e nell ascensore mediante apposita attrezzatura (le guide di scorrimento delle porte dell ascensore devono essere pulite mediante aspirazione elettromeccanica guide di scorrimento delle porte scorrevoli automatiche). L intervento dovrà riguardare le superfici sottostanti cassettiere, mobili od altri arredi di facile rimozione. 1.4 Spazzatura degli atri, scale, corridoi con apposita attrezzatura; raccolta di rifiuti in genere depositati sui pavimenti. 1.5 Spazzatura e lavaggio nonché sanificazione manuale della pavimentazione dei bagni e degli antibagni con prodotti detergenti, sanificanti e sgrassanti. 1.6 Lavaggio e sanificazione interna ed esterna dei lavabi e delle tazze WC mediante la rimozione dello sporco completata con la disinfezione. 1.7 Disincrostazione ed eliminazione del calcare e dei residui di sapone dai lavabi e dalla rubinetteria. 1.8 Disinfezione e disincrostazione dei WC. 1.9 Svuotatura cestini con eventuale cambio sacchetto Raccolta differenziata rifiuti (carta o altro ad eccezione di toner e cartucce), confezionamento in sacchetti e trasporto negli appositi cassonetti Approvvigionamento costante della carta igienica, delle salviette di carta, del sapone liquido e del deodorante per ambienti spray nei bagni (il materiale dovrà essere messo a disposizione della stessa Ditta appaltatrice) Lavaggio del corrimano interno alla cabina ascensore. Pulizie Settimanali 2.1 Lavaggio ad umido dei pavimenti presenti negli uffici e nei corridoi. 2.2 Spazzatura terrazze. 2.3 Lavaggio e asciugatura specchi, sportelleria pubblico (telai compresi) e vetrate di separazione tra gli uffici 2.4 Spolveratura ad umido di tavoli, scrivanie, cassettiere, lampade da tavolo e maniglie con appositi detergenti. 2.5 Aspirazione degli zerbini e dei tappeti. 2.6 Deragnatura. 2.7 Spolveratura, annaffiatura e cura con prodotti idonei delle piante ornamentali. 2.8 Ascensore Palazzo Municipale: pulizia e sanificazione delle pareti interne e delle pulsantiere si interne che esterne, aspirazione e lavaggio della pavimentazione. 2.9 Disinfezione apparecchi telefonici. Pulizie Quindicinali 3.1 Lavaggio dei pavimenti presenti nelle sale riunioni. 3.2 Lavaggio e sanificazione dei rivestimenti verticali in piastrelle dei bagni e degli antibagni. 3.3 Pulizia con specifici prodotti sgrassanti e disinfettanti di tastiere pc, schermi pc, macchine fax. 3.4 Spolveratura ad umido delle superfici orizzontali di termosifoni e davanzali interni. 3.5 Spolveratura macchine fotocopiatrici. 3.6 Asportazione di impronte da porte, mobili, armadi a vetri. 3.7 Spolveratura di porte, portoni e corrimano. Pulizie Mensili 4.1 Spazzatura piazzetta antistante l ambulatorio medico. 6

7 4.2 Lavaggio superfici vetrate esterne, davanzali e balconi, con particolare riguardo ai punti più sporchi (deiezioni dei piccioni, ecc.) 4.3 Lavaggio superfici vetrate interne e relativi infissi con prodotti non corrosivi. 4.4 Aspirazione della polvere da sedie, poltrone, poltroncine, divanetti di stoffa. 4.5 Spolveratura delle parti esterne delle plafoniere degli uffici e delle piantane. 4.6 Spolveratura ad umido di armadi, scaffalature nelle parti libere, segnaletica interna ed arredi in genere. 4.7 Spolveratura delle ringhiere. 4.8 Lavaggio superfici vetrate esterne vano ascensore. 4.9 Aspirazione elettromeccanica delle bocchette di areazione dei personal computers, fotocopiatrici, stampanti, ecc. Pulizie Trimestrali 5.1 Lavaggio interno ed esterno degli infissi. 5.2 Lavaggio e/o spolveratura tende degli uffici. 5.3 Pulizia ad umido di condizionatori, termoconvettori o apparecchi similari. La pulizia di queste apparecchiature deve essere effettuata limitatamente alle superfici esterne degli stessi, con l avvertenza di non danneggiare o manomettere i vari congegni. 5.4 Spolveratura di tutte le sporgenze, le zoccolature, i sopralzi ed il sopra degli armadi. 5.5 Aspirazione della polvere depositata su faldoni, fascicoli, libri. Pulizie annuali 6.1 Nel giorno, precedentemente concordato con l Amministrazione, la Ditta Appaltatrice dovrà provvedere alla pulizia delle vetrate interne del vano corsa dell ascensore (Palazzo Municipale) con l obbligo di affiancamento del tecnico della Ditta di assistenza dell ascensore. Si dovrà provvedere anche al lavaggio interno ed esterno delle porte d ingresso dell ascensore. ART. 5 - CONTENUTO E CADENZA DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI BAGNI PUBBLICI DI PACENGO Pulizia giornaliera 1.1 Lavaggio e sanificazione interna ed esterna dei lavabi e delle tazze WC. 1.2 Lavaggio e sanificazione dei rivestimenti in piastrelle dei bagni e degli antibagni. 1.3 Disincrostazione ed eliminazione del calcare e dei residui di sapone dai lavabi e dalla rubinetteria. 1.4 Disinfezione e disincrostazione dei WC. 1.5 Lavaggio e asciugatura specchi. 1.6 Svuotamento cestini con eventuale cambio sacchetto. 1.7 Approvvigionamento costante della carta igienica, delle salviette di carta e del sapone liquido nei bagni (il materiale dovrà essere messo a disposizione della stessa Ditta appaltatrice). Pulizia settimanale 2.1 Lavaggio interno ed esterno degli infissi. ART. 6 CONTENUTO A CADENZA DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA CHIESETTA DI SAN NICOLÒ AL PORTO Pulizia di mantenimento 1.1 Spazzatura pavimento. 1.2 Detersione pavimento mediante l utilizzo di fiocco in cotone inumidito. 1.3 Spolveratura a secco degli arredi in legno. Pulizia paramenti sacri, travature, vetri 1.1 Spolveratura a secco del crocifisso ligneo e della cornice in legno del dipinto con la massima attenzione. 1.2 Spolveratura a secco delle travature lignee compreso l utilizzo di idoneo trabattello. ART. 7 - TRATTENUTE PENALI RISOLUZIONE PER COLPA L appaltatore sarà sottoposto per ogni inadempienza contrattuale diversa da quelle specificatamente sanzionate in altra parte del presente disciplinare alle detrazioni, penali e conseguenze di cui appresso, restando a tal fine espressamente convenuto che la mancata pulizia nei locali in questione comportano le sotto elencate penali: 300,00 per gli adempimenti giornalieri; 350,00 per gli adempimenti settimanali; 350,00 per gli adempimenti quindicinali; 400,00 per gli adempimenti mensili; 450,00 per gli adempimenti trimestrali. L applicazione della penale sarà preceduta da regolare contestazione dell inadempienza. L appaltatore, entro dieci giorni dalla data della contestazione, potrà presentare le proprie giustificazioni sulle quali deciderà il Responsabile del competente servizio. L ammontare delle penali sarà ritenuto dalle somme dovute all appaltatore ed all occorrenza sarà prelevato dalla cauzione. Nel caso in cui sia stata rilevata e contestata nel trimestre una sistematicità di inadempienze riguardanti uno o più edifici, l Amministrazione Comunale ha la facoltà di considerare il contratto risoluto di diritto per colpa dell appaltatore e, conseguentemente, di procedere, senza bisogno di messa in mora, all incameramento del deposito cauzionale definitivo, salva l azione per il risarcimento del maggior danno subìto e salva ogni altra azione che l Amministrazione Comunale ritenesse opportuno intraprendere a tutela. I servizi oggetto del presente appalto sono da considerare di utilità pubblica e non possono, pertanto, essere sospesi, salvo i casi di forza maggiore. In caso di arbitrario abbandono del servizio, l'amministrazione, potrà sostituire l'impresa, ponendo a suo carico il relativo onere di tutte le spese inerenti e conseguenti. 7

8 Tutte le spese che dovranno essere sostenute dal Comune a causa di negligenza o colpa grave della Ditta Aggiudicataria nell esecuzione del servizio, verranno addebitate all Impresa, che dovrà integralmente rimborsarle a semplice presentazione di relativa nota, salvo in ogni caso il diritto dell Amministrazione di trattenere l importo corrispondente dalle fatture emesse dalla Ditta o di procedere all incameramento della cauzione definitiva. ART. 8 DURATA ED IMPORTO La durata dell appalto è di 1 (uno) anno, non rinnovabile, decorrente dalla data di affidamento del servizio. L avvio del servizio potrà essere effettuato nelle more di stipula del contratto sotto le riserve di legge. La Ditta appaltatrice è tenuta, alla scadenza dell appalto, nelle more dell espletamento della nuova gara e comunque per un periodo non eccedente un semestre, alla prosecuzione del servizio alle stesse condizioni e nei limiti delle prestazioni richieste dall Ente, sino alla consegna del servizio al nuovo aggiudicatario. L importo a base d asta del presente appalto è fissato in ,00 IVA esclusa per l intero periodo contrattuale, di cui 300,00 IVA esclusa per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso. Quindi l importo al netto degli oneri di sicurezza non soggetti a ribasso è pari a ,00 oltre IVA. L importo dell appalto, decurtato del ribasso d asta, resterà invariato per tutta la durata del contratto. ART. 9 - REVISIONE DEL COMPENSO I corrispettivi offerti in sede di gara dovranno intendersi omnicomprensivi di ogni costo ed onere fiscale, per l espletamento del servizio durante l intero periodo contrattuale, con la sola esclusione dell IVA che resterà a carico dell Amministrazione nella percentuale dovuta. Il corrispettivo convenuto si intende tassativamente fisso ed invariabile per tutta la durata dell appalto. ART. 10 CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE L appalto sarà affidato con il sistema della procedura negoziata ai sensi del vigente Regolamento per l esecuzione in economia di lavori, forniture e servizi, con l osservanza delle norme previste dal D.Lgs.vo 12/4/2006, n. 163 s.m.i., con aggiudicazione, ai sensi dell art. 82 del suddetto decreto, unicamente al prezzo più basso, espresso secondo un unica percentuale di sconto, comunque inferiore a quello posto a base di gara. Non sono ammesse offerte in aumento. L offerta economica deve essere comprensiva di tutte le spese che l appaltatore dovrà sostenere per l esecuzione del servizio, nessuna esclusa (compresi i materiale di consumo), ad eccezione dell IVA. ART SOGGETTI AMMESSI ALLA GARA lmprese singole ed Imprese o Cooperative appositamente e temporaneamente associate secondo le modalità stabilite dall art. 10 del D.l gs. n. 358/92. L impresa o cooperativa che partecipa ad una associazione temporanea o ad un consorzio non può concorrere singolarmente e far parte di altri raggruppamenti o consorzi. Pertanto il consorzio o l associazione sono tenuti ad indicare la denominazione di tutte le ditte consorziate o associate. Sono ammesse a partecipare alla gara anche soggetti appositamente e temporaneamente raggruppati ai sensi dell art. 37 del D.Lgs.vo 12/4/2006, n L offerta congiunta deve essere sottoscritta da tutti i soggetti raggruppati, nel caso di A.T.I. da costituirsi, e deve specificare le parti del servizio che saranno eseguite dai singoli soggetti e contenere l impegno che, in caso di aggiudicazione, gli stessi soggetti si conformeranno alla disciplina prevista nel suddetto art. 37. I soggetti del raggruppamento temporaneo, in caso di aggiudicazione, dovranno conferire mandato collettivo speciale con rappresentanza ad uno di essi, designato quale capogruppo, da far risultare con scrittura privata autenticata. Ogni soggetto componente il raggruppamento dovrà presentare la documentazione di cui al successivo art. 16, ad esclusione della dichiarazione degli avvenuti sopralluoghi e della garanzia provvisoria, che saranno presentate solo dalla Capogruppo. La garanzia deve essere comunque intestata, oltre che alla Capogruppo, a tutte le associate o future associate. Nel caso di soggetti associati con organizzazione già formalizzata con atto notarile, questo deve essere allegato in copia autenticata all istanza di ammissione alla gara. ART REQUISITI Dl PARTECIPAZIONE ALLA GARA Saranno ammessi a partecipare alla gara per l affidamento dell appalto in argomento, i soggetti in possesso dei seguenti requisiti: 1. di ordine generale, di cui all art. 38 del D.Lgs.vo 12/4/2006, n. 163 s.m.i., necessari per la partecipazione alle gare d appalto; 2. di idoneità professionale, di cui all art. 39 del D.Lgs.vo 12/4/2006,n. 163 s.m.i., (iscrizione alla Camera di Commercio nel Registro delle Imprese o nell Albo delle Imprese Artigiane per l esercizio delle attività di pulizia, ai sensi della L. 25/01/1994 n.82). I requisiti di cui ai precedenti punti 1 e 2 vanno esplicitamente indicati nella Dichiarazione sostitutiva di cui all allegato modello A; 3. di capacità tecnica e professionale, ai sensi dell art. 42 del D.Lgs.vo 12/4/2006, n. 163 s.m.i. da dimostrare mediante la produzione di separata dichiarazione sostitutiva, da predisporsi a cura della ditta partecipante, attestante: lo svolgimento negli ultimi tre esercizi di almeno uno o più servizi nel settore oggetto della gara di importo complessivo pari o superiore ad ,00 (IVA esclusa), con indicazione per ogni singolo servizio svolto dell importo, data e destinatario (è da intendersi la prestazione di servizi di pulizia presso ogni tipologia di utente); l attrezzatura, il materiale e l equipaggiamento tecnico di cui il prestatore del servizio disporrà per eseguire l appalto, idonei a svolgere il servizio richiesto nel presente capitolato d oneri. Nel caso di associazione temporanea di concorrenti il requisito di cui al punto 3) potrà essere posseduto cumulativamente dalla A.T.I. ed ogni soggetto associato dovrà rendere la dichiarazione ad esso relative nella misura dallo stesso posseduta. ART AVVALIMENTO Ai sensi dell art. 49 del D.Lgs.vo n. 163/06 e s.m.i. i concorrenti singoli, raggruppati o consorziati possono, per la partecipazione alla presente gara, avvalersi dei requisiti di carattere economico, finanziario, tecnico, organizzativo di altri soggetti. 8

9 A tal fine il concorrente allega, inserendo nella busta A - DOCUMENTAZIONE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA : a) una sua dichiarazione verificabile ai sensi dell art. 48 del D.Lgs.vo n. 163/06 e s.m.i., attestante l avvalimento dei requisiti necessari per la partecipazione alla gara, con specifica indicazione dei requisiti stessi e dell impresa ausiliaria; b) una dichiarazione sottoscritta da parte dell impresa ausiliaria attestante il possesso da parte di quest ultima dei requisiti generali di cui all art. 38 del D.Lgs.vo n. 163/06 e s.m.i.; c) una dichiarazione sottoscritta dall impresa ausiliaria con cui quest ultima si obbliga verso il concorrente e verso la stazione appaltante a mettere a disposizione per tutta la durata dell appalto le risorse necessarie di cui è carente il concorrente; d) una dichiarazione sottoscritta dall impresa ausiliaria con cui questa attesta che non partecipa alla gara in proprio o associata o consorziata ai sensi dell art. 34 del D.Lgs.vo n. 163/06 e s.m.i. né si trova in una situazione di controllo di cui all art. 34, comma 2 con una delle altre imprese che partecipano alla gara; e) in originale o copia autentica il contratto in virtù del quale l impresa ausiliaria si obbliga nei confronti del concorrente a fornire i requisiti e a mettere a disposizione le risorse necessarie per tutta la durata dell appalto; f) nel caso di avvalimento nei confronti di un impresa che appartiene al medesimo gruppo in luogo del contratto di cui alla lettera e) l impresa concorrente può presentare una dichiarazione sostitutiva attestante il legame giuridico ed economico esistente nel gruppo. Non è consentito, a pena di esclusione, che della stessa impresa ausiliaria si avvalga più di un concorrente, e che partecipino sia l impresa ausiliaria che quella che si avvale dei requisiti. Nel caso di dichiarazioni mendaci, ferma restando l applicazione dell art. 38, lettera h) del D.Lgs.vo n. 163/06 e s.m.i. nei confronti dei sottoscrittori, la stazione appaltante esclude il concorrente e escute la garanzia. Trasmette inoltre gli atti all Autorità per le sanzioni di cui all art. 6, comma 11 del D.Lgs.vo n. 163/06 e s.m.i. Il concorrente e l impresa ausiliaria sono responsabili in solido nei confronti della stazione appaltante in relazione alle prestazioni oggetto del contratto. Gli obblighi previsti dalla normativa antimafia a carico del concorrente si applicano anche nei confronti del soggetto ausiliario, in ragione dell importo dell appalto posto a base di gara. ART ELABORATI DI GARA Sul sito Internet del Comune di Lazise, all indirizzo è disponibile tutta la documentazione (il capitolato d oneri, il modello A, il modello B, il DUVRI, la lettera d invito). L Ufficio Lavori Pubblici è disponibile per eventuali chiarimenti nei giorni di martedì, mercoledì e venerdì dalle ore alle ore ed il giovedì dalle ore alle ore ART MODALITA DI PRESENTAZIONE DELL OFFERTA Il plico contenente l offerta e la documentazione per la partecipazione alla gara deve, a pena di esclusione: - essere chiuso, sigillato e controfirmato sui lembi di chiusura; - recare l intestazione del mittente e il numero di fax; - recare l intestazione del mittente e la scritta OFFERTA PER LA GARA RELATIVA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI PUBBLICI DEL COMUNE DI LAZISE ; - pervenire al Protocollo Generale del Comune di Lazise, piazza Vittorio Emanuele II n. 20, CAP 37017, entro le ore 12:30 del Il recapito del suddetto plico rimane ad esclusivo rischio dei mittenti. Non farà fede il timbro postale. Il plico deve contenere al suo interno, a pena di esclusione dalla gara, due buste così formate: 1. una prima busta, anch essa chiusa, sigillata e controfirmata sui lembi di chiusura, a pena di esclusione dalla gara, recante l intestazione del mittente e la dicitura A - Documentazione contenente quanto indicato al successivo art. 16; 2. una seconda busta, anch essa chiusa, sigillata e controfirmata sui lembi di chiusura, a pena di esclusione dalla gara, recante l intestazione del mittente e la dicitura B - Offerta economica, contenente l indicazione del ribasso percentuale offerto rispetto al prezzo posto a base d asta, espresso in cifre ed in lettere unitamente alle giustificazioni di cui all art. 87, comma 2 del D.Lgs.vo 12/4/2006, n. 163 s.m.i. L offerta economica dovrà essere redatta sul modulo allegato al presente capitolato d oneri, in bollo, sottoscritta in forma leggibile dal legale rappresentante o dal procuratore del soggetto concorrente e di tutti i soggetti raggruppati, in caso di A.T.I. da costituirsi. In caso di discordanza tra il ribasso indicato in lettere e quello indicato in cifre sarà valida l indicazione più vantaggiosa per l Amministrazione. Nell offerta devono essere specificate le parti del servizio che saranno eseguite dai singoli operatori economici riuniti o consorziati (art. 37 c. 4 D.Lgs.vo 12/4/2006, n. 163 s.m.i.). L offerta dovrà essere corredata delle giustificazioni di cui all art. 87, comma 2, relative alle voci che concorrono a formare l importo complessivo posto a base di gara. Dette giustificazioni dovranno riguardare i costi necessari per il personale, attrezzature e materiali per le pulizie. Tali giustificazioni dovranno essere contenute, a pena di esclusione, nella medesima busta B contenente l offerta economica. A pena di esclusione i concorrenti devono fare in modo che nessuno degli elaborati inclusi nelle buste, diverse dalla B indichi, o comunque consenta di conoscere, direttamente o indirettamente, il prezzo offerto. ART DOCUMENTAZIONE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA Nella busta A - Documentazione devono essere contenuti, a pena di esclusione dalla gara, i seguenti documenti: 1) Istanza di ammissione alla gara, in bollo, preferibilmente resa compilando lo schema allegato al presente capitolato d oneri, sottoscritto dal legale rappresentante del concorrente o suo procuratore. Nel caso in cui l istanza e la successiva dichiarazione siano rilasciate da un procuratore dovrà essere allegato originale o copia autentica della procura e fotocopia del documento d identità. In caso di concorrente costituito da associazione temporanea o da un consorzio non ancora costituiti la domanda deve essere sottoscritta da tutti i soggetti che costituiranno la predetta associazione o consorzio; alla domanda, in alternativa all autenticazione della sottoscrizione, deve essere allegata, a pena di esclusione dalla gara, copia fotostatica di un documento di identità del/dei sottoscrittore/i. 9

10 2) Dichiarazione sostitutiva, preferibilmente resa, compilando lo schema allegato al presente capitolato d oneri, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000, con la quale il legale rappresentante o suo procuratore, assumendosene la piena responsabilità, dichiara il possesso dei requisiti di ordine generale e di idoneità professionale ed il possesso della capacità tecnica e professionale, richieste per la partecipazione alla gara dal presente capitolato d oneri. Tale dichiarazione dovrà essere resa anche da ciascuna associata o consorziata, a pena di esclusione. 3) Capitolato d oneri, siglato in ogni pagina e sottoscritto in calce per accettazione. 4) Polizza fidejussoria, assicurativa o bancaria in originale, a pena di esclusione, relativa alla garanzia a corredo dell offerta, per un importo pari al 2% del prezzo a base d asta ( 600,00). L importo della cauzione provvisoria sarà ridotto del 50% nel caso in cui le ditte risultino in possesso della certificazione del sistema di qualità conforme alle norme europee della serie indicata all art. 75 comma 7 del codice del D.Lgs. n. 163/2006. Per fruire di tale beneficio la ditta, in sede di offerta, segnala il possesso del requisito e lo documenta presentandone copia. La garanzia deve avere validità per almeno 60 giorni dalla data di presentazione dell offerta. Il deposito verrà restituito con procedura d urgenza alle Ditte non aggiudicatarie. Non è consentito, a pena di esclusione, costituire depositi in misura inferiore a quella indicata. La garanzia deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all art. 1957, comma 2, del codice civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta della stazione appaltante. In caso di A.T.I. la garanzia deve essere intestata oltre che alla Capogruppo anche a tutte le associate o future associate. Nel caso di aggiudicazione, la Ditta aggiudicataria dovrà costituire una garanzia fideiussoria del 10% dell importo di aggiudicazione del Servizio, secondo le modalità previste dall art. 113 del D. Lgs 163/ ) Copia autentica della procura, nel caso in cui il dichiarante sia un procuratore. 6) Attestazione di capacità tecnica e professionale, ai sensi dell art. 42 del D.Lgs.vo 12/4/2006, n. 163 s.m.i. da dimostrare mediante la produzione di separata dichiarazione sostitutiva, da predisporsi a cura della ditta partecipante, attestante: lo svolgimento negli ultimi tre esercizi di almeno uno o più servizi nel settore oggetto della gara di importo complessivo pari o superiore ad ,00 (IVA esclusa), con indicazione per ogni singolo servizio svolto dell importo, data e destinatario (è da intendersi la prestazione di servizi di pulizia presso ogni tipologia di utente); l attrezzatura, il materiale e l equipaggiamento tecnico di cui il prestatore del servizio disporrà per eseguire l appalto, idonei a svolgere il servizio richiesto nel presente capitolato d oneri. Nel caso di associazione temporanea di concorrenti il requisito di cui al punto 3) potrà essere posseduto cumulativamente dalla A.T.I. ed ogni soggetto associato dovrà rendere la dichiarazione ad esso relative nella misura dallo stesso posseduta. La mancanza anche di uno solo dei documenti sopra elencati comporterà la non ammissione alla gara. ART AVVERTENZE I plichi contenenti le offerte dovranno essere presentati con le modalità previste. Si farà luogo all esclusione dalla gara di quelle offerte che manchino di documenti o formalità o che comunque risultino incomplete o irregolari. Saranno altresì escluse le Ditte che presentino offerte per servizi parziali. L offerta, le dichiarazioni e tutta la documentazione presentata devono essere redatte in lingua italiana. Le dichiarazioni sostitutive, di cui al precedente art. 16, devono essere preferibilmente contenute in un unica dichiarazione, conforme al modello allegato, sottoscritta da tutti i soggetti indicati, con firme autenticate o, in alternativa, senza autenticazione delle firme, ove la stessa dichiarazione sia presentata unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento d identità in corso di validità dei sottoscrittori. E facoltà del concorrente utilizzare gli schemi approntati dall Amministrazione oppure redigere ex novo le dichiarazioni. In tale caso esse dovranno riportare, a pena di esclusione, tutti i dati richiesti. Al concorrente aggiudicatario è richiesta la documentazione probatoria, a conferma di quanto dichiarato in sede di gara. La stazione appaltante può decidere di non procedere all aggiudicazione se nessuna offerta risulti conveniente o idonea in relazione all oggetto del contratto (art. 81 c. 3 D.Lgs.vo 12/4/2006, n. 163 s.m.i.). In caso di offerte uguali, si applicherà l art. 77 del R.D , n. 827 (sorteggio). ART SVOLGIMENTO DELLE OPERAZIONI DI GARA La gara sarà esperita nella Sala Consiliare del Comune alle ore 9.00 del giorno lavorativo successivo alla scadenza di ricezione delle offerte. La Commissione di gara, presieduta dal Funzionario Responsabile dell Ufficio Lavori Pubblici, il giorno fissato per l apertura dei plichi, procede nell ordine: - in seduta pubblica: a verificare l integrità e regolare chiusura e sigillatura dei plichi ed, occorrendo, a pronunciare le prime esclusioni; ad aprire la busta A - DOCUMENTAZIONE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA di ogni concorrente, accantonando le altre buste; a verificare la correttezza formale delle buste interne e della documentazione e che non vi siano per alcuno dei concorrenti, ragioni di inammissibilità alla procedura ed, in caso negativo, ad escludere i concorrenti in questione dalla gara; ad aprire la busta B OFFERTA ECONOMICA di ciascun concorrente, verificando la completezza e regolarità del contenuto; all individuazione delle eventuali offerte che, ai sensi dell art. 86 c. 1 D. Lgs.vo n. 163/2006 s.m.i., debbono essere considerate anormalmente basse e a procedere all esclusione automatica delle stesse ai sensi del successivo art. 20; a formare la graduatoria e a proclamare l aggiudicazione provvisoria della gara. In generale, la Commissione, in casi di dubbi o contestazioni potrà richiedere chiarimenti e/o integrazioni ai concorrenti. ART SOGGETTl AMMESSl ALL APERTURA DELLE OFFERTE I legali rappresentanti delle ditte concorrenti o persone delegate munite di delega scritta. 10

11 ART OFFERTE ANORMALMENTE BASSE E prevista, a norma dell art. 124 comma 8 del D.Lgs 163/2006 s.m.i., l esclusione automatica dalla gara delle offerte che presentano una percentuale di ribasso pari o superiore alla soglia di anomalia individuata ai sensi dell art. 86 c. 1 del D.Lgs citato. Non si procederà all esclusione automatica qualora il numero delle offerte ammesse sia inferiore a cinque. In tal caso troverà applicazione l art. 86 comma 3 del D.Lgs 163/2006 s.m.i. I calcoli per determinare la soglia di anomalia saranno svolti fino alla terza cifra decimale da arrotondarsi all unità superiore se la successiva cifra è pari o superiore a 5 (Del. Aut. N. 79/2007). ART ADEMPIMENTI A CARICO DELL AGGIUDICATARIO L aggiudicatario dovrà: costituire garanzia fideiussoria definitiva, ai sensi, modalità ed effetti di cui all art. 113 del D.Lgs.vo 12/4/2006, n. 163 s.m.i., pari al 10% dell importo dell appalto. L importo del deposito sarà precisato nella lettera di comunicazione dell aggiudicazione. firmare il contratto, che verrà stipulato in forma di atto pubblico, nel giorno e nell ora che verranno indicati con comunicazione scritta, previo versamento dei diritti di segreteria e di rogito, dell imposta di registro e consegna delle necessarie marche da bollo. ART AVVERTENZE PER L AGGIUDICATARIO Si avverte che il mancato adempimento a quanto richiesto al precedente art. 21, comporterà la decadenza dall aggiudicazione che, fino a tale momento, deve intendersi sottoposta a condizione risolutiva espressa. Si avverte, altresì, che le verifiche da cui risulti che il soggetto concorrente non è in possesso dei requisiti richiesti per la partecipazione alla gara, comporteranno la decadenza dall aggiudicazione che, fino a tale momento, deve intendersi sottoposta a condizione risolutiva espressa. Nel caso di decadenza dall aggiudicazione il servizio sarà aggiudicato al concorrente che segue nella graduatoria. In caso di fallimento o di risoluzione del contratto per grave inadempimento dell originario appaltatore, il Comune potrà interpellare il secondo classificato al fine di stipulare un nuovo contratto alle condizioni economiche da quest ultimo proposte in sede di offerta. Il contratto, inoltre, potrà essere sciolto, oltre che per le cause ammesse dalla legge, anche per il mutuo consenso delle parti, ai sensi dell art C.C. ART ESTENSIONE E RIDUZIONE DEL CONTRATTO. EVENTUALE SOSPENSIONE DEL SERVIZIO. L Amministrazione Comunale si riserva la piena e insindacabile facoltà di recedere dal contratto in qualsiasi momento, mediante semplice preavviso di un mese da comunicare a mezzo di lettera raccomandata con avviso di ricevimento, senza dovere in alcun modo motivare la propria decisione. In tal caso alla ditta appaltatrice spetterà il solo corrispettivo del lavoro eseguito, escluso ogni altro rimborso od indennizzo a qualsiasi titolo e ogni ragione o pretesa di qualsiasi genere. Al verificarsi di aumenti o riduzioni, temporanei o permanenti, di locali questa Amministrazione si riserva inoltre la piena facoltà, nel corso del periodo contrattuale, dandone preavviso con le modalità di cui al precedente comma almeno quindici giorni prima, di estendere a nuovi locali i servizi di pulizia ovvero di sospendere, ridurre o sopprimere il servizio stesso per i locali non più disponibili, con conseguente variazione del canone pattuito da determinare proporzionalmente alla superficie interessata alla pulizia facendo riferimento alla perizia di determinazione del prezzo a base d asta del presente appalto. L eventuale sospensione della pulizia in concomitanza di lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria dovrà compensare gli interventi straordinari che si renderanno necessari al ripristino del servizio stesso, senza alcun aggravio economico per l Amministrazione. La Ditta, comunque, è impegnata a rispondere positivamente alle richieste dell Amministrazione Comunale in merito all adeguamento dei servizi, all integrazione degli stessi, alla modifica delle superfici in più o in meno ed alla collaborazione per migliorare complessivamente il risultato del servizio. In tali circostanze l Amministrazione si avvarrà di quanto disposto dall art. 114 del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i. e dall art. 11 R.D. n. 2440/1923, in base ai quali l Appaltatore è obbligato ad assoggettarsi alle richieste dell Amministrazione di incrementare l importo contrattuale stesso fino a concorrenza del limite di 1/5 (un quinto) ed alle stesse condizioni, termini e costi orari previsti dal presente Capitolato d Oneri, qualora nel corso di esecuzione del contratto occorresse un incremento od una diminuzione delle prestazioni. Al di là di questo limite, egli ha diritto alla risoluzione del contratto. ART PERIODO DI PROVA Per i primi tre mesi l appalto si intenderà conferito a titolo di prova al fine di consentire all Amministrazione Comunale una valutazione ampia e complessiva del rapporto. Durante tale periodo l Amministrazione Comunale potrà, a suo insindacabile giudizio, recedere dal contratto in qualsiasi momento mediante semplice preavviso di quindici giorni da comunicare all appaltatore con lettera raccomandata con avviso di ricevimento. All iniziativa di recesso l Amministrazione Comunale non potrà essere opposta, da parte dell appaltatore, la circostanza di avere effettuato servizi di pulizia nei locali oggetto dell appalto in periodi precedenti, anche se contigui, alla data iniziale del presente rapporto contrattuale. Nella eventualità del recesso di cui al precedente comma, all appaltatore spetterà il solo corrispettivo dei servizi espletati, esclusi ogni altro rimborso o indennizzo a qualsiasi titolo e ogni ragione di qualsiasi genere. ART ORARI, MACCHINE ED ATTREZZATURE, PRODOTTI D USO, PERSONALE, VERIFICHE E CONTESTAZIONI ALLA DITTA L Appalto deve essere eseguito con l osservanza di tutti i patti, gli oneri e le condizioni previsti nel presente contratto. 11

12 L Appaltatore si impegna ad effettuare tutti i lavori di pulizia indicati nelle specifiche richiamate all art. 2 a perfetta regola d arte, con ogni cura e sotto la personale sorveglianza del titolare dell impresa o di un suo legale rappresentante ovvero di persona responsabile a ciò espressamente delegata. All uopo, l appaltatore garantisce di essere in possesso di mezzi e di attrezzature moderne ed idonee e di disporre di personale addestrato per l esatto adempimento di tutti gli obblighi contrattuali. ORARI I lavori da eseguire debbono essere effettuati in orari tali da non intralciare il normale svolgimento delle attività d ufficio secondo fasce orarie e calendari da prefissare d intesa con l Amministrazione in relazione alle specifiche esigenze degli edifici interessati. A tal fine prima dell inizio dell appalto per ciascun edificio verranno concordati i giorni e gli orari in cui dovranno essere eseguite le pulizie. Gli orari saranno fissati e variati eventualmente in corso di contratto da questa Amministrazione in relazione alle proprie esigenze funzionali anche a riguardo alla normativa contrattuale vigente per il settore di pulizia. Al fine di evitare possibili interferenze in Sala Consiliare, per l eventuale presenza di pubblico od altri soggetti utilizzatori, gli uffici titolari della gestione dei vari eventi (Consigli Comunali, matrimoni, riunioni, ecc.) ed al fine di consentire alla ditta di poter realizzare al meglio il servizio, dovranno dare tempestiva e preventiva comunicazione nelle forme ritenute più opportune. Nel caso di compresenza di personale comunale negli orari di effettuazione dei lavori di pulizia, di volta in volta, dovranno essere valutati i rischi interferenziali e posti in essere tutti gli accorgimenti indispensabili atti ad eliminare o ridurre i rischi stessi. Qualora, per esigenze di servizio, alcuni uffici o locali comunali fossero chiusi, il servizio dovrà essere intensificato nel giorno successivo, dandone comunicazione all Ufficio Lavori Pubblici. MACCHINE ED ATTREZZATURE La ditta deve utilizzare solo macchine, prodotti ed attrezzature di comprovata validità ed affidabilità, assicurando al servizio il continuo aggiornamento con le più moderne tecniche di lavoro. Tutte le macchine per la pulizia impiegate devono essere conformi alle prescrizioni antinfortunistiche vigenti in Italia o nell Unione Europea. Le attrezzature dovranno essere impiegate in modo da non creare situazioni di pericolo per le persone che frequentano i locali oggetto del servizio. Le stesse non dovranno essere rumorose ai sensi del D. Lgs. 277/94 e dovranno essere conformi a quanto previsto dal D.P.R n Prima dell inizio dei lavori è obbligo fornire scheda tecnica dettagliata dei macchinari che si intendono impiegare. Le macchine e gli attrezzi di proprietà della ditta usati all interno della struttura Comunale, devono essere contraddistinti con targhette indicanti il nome o il contrassegno della ditta ed essere perfettamente compatibili con l uso dei locali. Non viene, però, garantita la disponibilità di spazi per il deposito di macchinari ed attrezzature presso tutti gli edifici comunali. La Ditta Aggiudicataria è responsabile della custodia sia delle proprie apparecchiature tecniche, sia dei prodotti utilizzati. L Amministrazione non sarà mai responsabile in caso di danni provocati o subiti dalle attrezzature e dai materiali. Normativa di riferimento: DPR n. 547 del 27/4/1955 norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro ; Art. 6 DLgs 626/94 e DLgs 242/96 Obblighi dei progettisti, dei fabbricanti, dei fornitori e degli installatori. PRODOTTI D USO Tutti i prodotti chimici impiegati devono essere rispondenti alle normative vigenti in Italia (biodegradabilità, dosaggi, avvertenze di pericolosità). Tali prodotti dovranno essere utilizzati in modo da non provocare alcun fenomeno tossico e dovranno essere rispondenti alle normative vigenti per quanto riguarda etichettatura, dosaggi, pericolosità e modalità d uso. Ciascun prodotto deve essere accompagnato dalla relativa scheda di sicurezza prevista in ambito comunitario, da conservare in luogo accessibile al personale per consentire un pronto intervento in caso di intossicazione o uso improprio. Le diluizioni dovranno essere tali da assicurare l ottimizzazione dei risultati delle operazioni previste. È vietata la costituzione di deposito/scorte di materiali infiammabili (alcool, ecc.). La ditta deve sottoporre all ufficio preposto, prima dell inizio dei lavori, le schede tecniche e le schede di sicurezza di tutti i prodotti che intende impiegare nonché depositarne copia presso l ufficio Lavori Pubblici. Si suggerisce l utilizzo di prodotti a bassi impatto ambientale, sia per il materiale riciclato sia per la biodegradabilità dei prodotti di pulizia. In linea di massima tali schede dovranno comprendere le seguenti informazioni: Il nome del produttore; Le caratteristiche del prodotto; Il dosaggio di utilizzo; Il ph della soluzione in uso; I simboli di pericolo, le frasi di rischio e prudenza e le indicazioni per il primo intervento; I numeri di telefono dei CENTRI ANTIVELENO presso i quali sono depositate le schede di sicurezza. È vietato l uso di prodotti tossici e/o corrosivi. È altresì vietato l uso di sostanze acide ed eccessivamente alcaline e contenenti ammoniaca o cloranti su pavimenti di marmo, piastrelle, conglomerato; in nessun caso per pavimenti, zoccoli, battiscopa, pareti e loro rivestimenti, infissi e serramenti vanno usati prodotti o mezzi che possono produrre sugli stessi aggressioni chimiche o fisiche. Altri prodotti non inclusi nella lista depositata in sede di gara devono essere preventivamente autorizzati dall Amministrazione. I detergenti ed i disinfettanti devono essere usati ad esatta concentrazione e devono essere preparati di fresco. La ditta si obbliga a non sostituire la tipologia dei prodotti, se non previa autorizzazione dell Amministrazione. La stessa si riserva di effettuare prelievi a campione dei prodotti chimici e delle soluzioni pronte all uso per verificare le caratteristiche dei prodotti e l esatta percentuale di dosaggio delle soluzioni. 12

13 NORMATIVA ESSENZIALE DI RIFERIMENTO DM 28/1/92 Classificazione e disciplina dell imballaggio e dell etichettatura dei preparati pericolosi in attuazione delle direttive emanate dal Consiglio e dalla Commissione delle Comunità Europee. Legge n. 136 del 26/4/1983 Biodegradabilità dei detergenti sintetici. Legge n. 319 del 10/5/1976 Norma per la tutela delle acque dall inquinamento. Legge n. 82 del 25/1/1994 Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. PERSONALE ADDETTO La Ditta Appaltatrice ha l obbligo di effettuare il servizio con personale alle proprie dirette dipendenze, idoneo per professionalità e numero, allo svolgimento del servizio secondo le prescrizioni e disposizioni contenute nel presente capitolato. Qualifica degli operatori: gli addetti al servizio di pulizia dovranno possedere una adeguata capacità operativa professionale ed essere qualificati per gli interventi che andranno ad eseguire, dotati di tutte le conoscenze teorico/pratiche indispensabili, pertanto l appaltatore è tenuto ad aggiornare e formare i propri dipendenti in merito alle tecniche, ai macchinari ed alle procedure da utilizzare per operare secondo le modalità operative che garantiscono le finalità e l igienicità dell intervento previsto. In particolare dovrà porsi ogni attenzione al rispetto di : Dosaggio dei prodotti detergenti e disinfettanti. Presupposti applicativi per l efficacia dell azione battericida dei disinfettanti. Rinnovo delle soluzioni inquinate o esaurite. Utilizzo di macchinari. Rispetto delle norme di sicurezza ed igiene del lavoro. La Ditta Aggiudicataria dovrà provvedere all immediata sostituzione del personale per qualsiasi motivo assente o inadempiente. DIVISA E DOTAZIONE VESTIARIO Ogni operatore dovrà essere dotato di divisa provvista di contrassegno aziendale, con l obbligo di indossarla, pulita ed in ordine, durante il servizio e dovrà esporre un cartellino di riconoscimento indicante il nominativo della ditta e del dipendente. Il personale della ditta appaltatrice dovrà indossare dispositivi di protezione individuale previsti per la specifica attività lavorativa (guanti, mascherine, copricapo, calzari, ecc.) i cui costi sono a carico della ditta stessa. La Ditta si obbliga a far osservare al proprio personale le norme antinfortunistiche al fine di garantire la massima sicurezza in relazione ai servizi svolti. Tutti gli obblighi e gli oneri assicurativi antinfortunistici, assistenziali e previdenziali sono a carico della Ditta Aggiudicataria, la quale ne è la sola responsabile. NORME COMPORTAMENTALI L Amministrazione Comunale ha la facoltà di chiedere l allontanamento di chiunque contravvenga alle disposizioni in materia comportamentale. Gli addetti che avranno rapporti con il personale dell Amministrazione Comunale o, eventualmente con il pubblico che accede presso gli uffici, dovranno mantenere un comportamento educato e disponibile. Non è consentito l uso, senza la dovuta autorizzazione, di apparecchiature o materiale di ogni tipo di proprietà dell Amministrazione Comunale. Ogni oggetto eventualmente smarrito e ritrovato dovrà essere consegnato al Responsabile dell Appalto. A lui dovranno essere segnalati inconvenienti vari, necessità di riparazioni ed ogni tipo di disguido riscontrato nell ambito del lavoro. È fatto obbligo a tutto il personale della ditta di osservare e fare osservare scrupolosamente tutte le norme inerenti la sicurezza nell impiego di attrezzature e macchinari e di far rispettare i criteri di salvaguardia dell ambiente nell impiego di prodotti e di economicità nell uso dell energia elettrica. Ogni operatore dovrà essere in possesso delle certificazioni anche di carattere sanitario previste dalla vigente normativa. La Ditta Aggiudicataria dovrà istruire il proprio personale affinché si attenga alle seguenti disposizioni: - provveda alla riconsegna di cose, indipendentemente dal valore e dallo stato, che dovesse rinvenire nel corso dell espletamento del servizio; - si adegui alle disposizioni impartite dall ufficio Lavori Pubblici ed alle norme vigenti sulla sicurezza sul lavoro; - comunichi immediatamente al Responsabile della Ditta qualunque evento accidentale che dovesse accadere nell espletamento del servizio. Sarà cura di quest ultimo informare con nota scritta l ufficio Lavori Pubblici; - mantenga il segreto d ufficio su fatti e circostanze dei quali dovesse venire a conoscenza durante lo svolgimento delle prestazioni; - non introduca nei locali comunali conoscenti e/o estranei alla Ditta; - vieti di aprire cassetti ed armadi, manometta carte e documenti lasciati sui piani di lavoro; La Ditta Aggiudicataria terrà completamente sollevata ed indenne l Amministrazione Comunale da ogni responsabilità (amministrativa, civile e penale) verso terzi, sia per danni a persone e/o cose, sia per mancanza di servizio verso l Amministrazione stessa, sia in generale, per qualunque causa dipendente dal proprio comportamento. Tutto il personale addetto al servizio agirà sotto la diretta responsabilità della Ditta Aggiudicataria che è pure responsabile dell operato e del contegno dei dipendenti e/o collaboratori a qualsiasi titolo. IL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO DOVRÀ ESSERE A CONOSCENZA DI TUTTE LE MODALITÀ DI ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO E DOVRÀ ESSERE CONSAPEVOLE DELL AMBIENTE IN CUI È TENUTO AD OPERARE. La Ditta dovrà provvedere all immediata sostituzione del personale che, per scorretto comportamento, per incapacità od inidoneità, non adempia in modo soddisfacente alle mansioni affidate. L accertamento dell inadempienza verrà notificato alla Ditta in forma scritta a mezzo raccomandata A.R. dal Responsabile dell Ufficio Lavori Pubblici. ART SISTEMA DI AUTOCONTROLLO In sede di presentazione dell offerta l Impresa deve proporre un proprio sistema di autocontrollo sulla corretta applicazione delle procedure, tempi e piani di lavoro da applicare all appalto oggetto del contratto. 13

14 Prima dell inizio del servizio l Appaltatore dovrà far validare detto piano dall Amministrazione Comunale, che può chiedere eventuali integrazioni coerenti con il piano, senza incrementi del corrispettivo del contratto. Il sistema di autocontrollo dovrà prevedere: - La descrizione delle procedure - I metodi di verifica dell esatta applicazione delle procedure proposte Le procedure del sistema di autocontrollo devono essere scritte, chiare ed univoche e visionabili in ogni momento dal personale dell Amministrazione incaricato al controllo. (se non fosse presentato con l offerta, richiederne l integrazione prima del contratto) ART CONTROLLI DELLA REGOLARITÀ DEL SERVIZIO Al fine di consentire il controllo sull effettiva esecuzione delle prestazioni oggetto del presente capitolato vengono riconosciuti al Responsabile ed al personale dell Ufficio Lavori Pubblici poteri ispettivi. Questi effettuerà sopralluoghi in qualsiasi momento e senza preavviso al fine di verificare l operato del personale incaricato dalla Ditta, nonché la corrispondenza dei requisiti certificati e dichiarati dalla stessa ai fini della stipula del contratto. Di ogni verifica viene stilato apposito verbale che viene trasmesso alla Ditta Aggiudicataria. L Amministrazione Comunale potrà richiedere la presenza del Direttore del Servizio indicato dall Appaltatore per la stesura di un verbale di controllo. ART ULTERIORI ONERI Sono a carico della ditta appaltatrice, oltre alle spese per il personale utilizzato, tutti indistintamente i macchinari, gli attrezzi, gli utensili ed i materiali occorrenti per l esecuzione delle pulizie oggetto dell appalto, nonché gli indumenti di lavoro degli addetti ed in genere tutto ciò che è necessario per lo svolgimento dei servizi appaltati. I detersivi, i disinfettanti ed in genere tutti i materiali usati dovranno essere di ottima qualità e tali da non danneggiare in alcun modo le persone, gli immobili e gli arredi. Sarà a carico della Ditta aggiudicataria la fornitura di sacchi a perdere per la raccolta dei rifiuti ed il loro trasporto nei siti a ciò destinati, della carta igienica, delle salviette di carta e del sapone liquido per i bagni. L Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di proibire l uso di prodotti (detersivi, disinfettanti, ecc) e di macchinari che, a suo insindacabile giudizio, venissero ritenuti dannosi alle persone, agli immobili e agli arredi. ART OBBLIGAZIONI DELLA DITTA NEI RAPPORTI CON I PROPRI DIPENDENTI La Ditta Aggiudicataria si obbliga a retribuire ed inquadrare il proprio personale in misura non inferiore a quella stabilita dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e ad assolvere tutti i conseguenti oneri, compresi quelli concernenti le norme previdenziali, assicurative e similari. In caso di accertata inadempienza, l Amministrazione Comunale si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di considerare il contratto risoluto di diritto per colpa dell appaltatore con le modalità e le conseguenze di cui al precedente art. 7. ART OBBLIGHI DELLA SICUREZZA L Appaltatore si obbliga all osservanza delle norme di sicurezza nei luoghi di lavoro e di quelle sull impiego dei prodotti chimici. Si obbliga comunque a provvedere, a cura e spese proprie e sotto la propria responsabilità, a tutte le opere occorrenti, secondo i più moderni accorgimenti della tecnica, per garantire completa sicurezza durante l esecuzione dei lavori, per la incolumità delle persone addette ai lavori e per evitare incidenti o danni materiali di qualsiasi natura, a persone o cose, esonerando di conseguenza l Amministrazione Comunale da ogni responsabilità. La Stazione Appaltante, ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., ha predisposto un documento di valutazione dei rischi (D.U.V.R.I.) che indica le misure adottate per eliminare o, ove ciò non è possibile, ridurre al minimo i rischi di interferenze. La Ditta Appaltatrice è tenuta a: - prendere atto del D.U.V.R.I., recepire, modificare ed integrare tale documento sulla base della natura del servizio che l affidatario dovrà svolgere; - presentare, prima della stipula del contratto, apposito piano di sicurezza antinfortunistica per i propri lavoratori; - impartire al proprio personale, impiegato nel servizio, un adeguata informazione e formazione anche e soprattutto in relazione ai rischi relativi al lavoro da svolgere presso la sede oggetto del presente appalto; - dotare detto personale di dispositivi di protezione individuale e collettivi atti a garantire la massima sicurezza in relazione al tipo di attività da svolgere; - adottare tutti i procedimenti e le cautele al fine di garantire l incolumità delle persone addette e dei terzi. La Ditta Aggiudicataria dovrà comunicare al momento della stipula del contratto il nominativo del Responsabile del Servizio prevenzione e protezione ai sensi dell art. 32 del D. Lgs. 81/2008. ART. 31 RESPONSABILITA CIVILE La ditta appaltatrice è responsabile dell opera del personale da essa dipendente e dovrà ottemperare, a cura e spese proprie, a tutte le disposizioni o soggezioni previste dai locali regolamenti. Nell eventualità che si verificassero ammanchi di materiale o danni agli impianti (elettrici, igienico-sanitari, ecc.) e si accertasse la responsabilità del personale della ditta appaltatrice, la ditta medesima risponderà direttamente nella misura che sarà accertata dall Amministrazione Comunale. In genere qualsiasi danni arrecato, durante l esecuzione dei lavori o per cause a questi inerenti, alle cose degli uffici o del pubblico che vi accede o del personale dell Amministrazione Comunale, dovrà essere riparato o risarcito direttamente dalla ditta appaltatrice che, esonera l Amministrazione Comunale da qualsiasi responsabilità al riguardo. A tal fine l appaltatore si obbliga alla stipulazione di apposita polizza con una primaria compagnia di Assicurazione, di gradimento dell Amministrazione Comunale, che copra i rischi di responsabilità civile per danni a cose e/o persone comunque arrecati nello svolgimento del servizio di pulizia con un massimale non inferiore a ,00 (unmilione/00), polizza da 14

15 stipulare entro 30 giorni dalla comunicazione di aggiudicazione, pena la risoluzione del rapporto contrattuale con le modalità e le conseguenze di cui al precedente art. 7. Le clausole della polizza dovranno essere tempestivamente sottoposte alla preventiva approvazione dell Amministrazione Comunale. L Impresa si assume ogni onere e rischio inerente l affidamento del servizio e si assume ogni responsabilità derivante, comprese quelle relative al non corretto svolgimento del servizio stesso per proprie deficienze, negligenze, leggerezze, comprese quelle del proprio personale impiegato nell esecuzione del servizio. ART NORME RIGUARDANTI IL PERSONALE L appaltatore provvederà ad istituire un apposito registro di presenza presso i locali. Il personale della ditta aggiudicataria dovrà apporre il proprio nome e la propria firma a comprova della presenza presso i locali comunali, ogniqualvolta inizi e termini un turno di lavoro. Tale registro dovrà essere messo a disposizione dell Amministrazione sin dall attivazione del servizio e sarà utilizzato anche per contestare la eventuale mancata sostituzione del personale ed applicare i relativi addebiti. Durante la permanenza nei locali Comunali il personale addetto alla pulizia dovrà mantenere un contegno irreprensibile sia nei confronti del personale dipendente dell Amministrazione Comunale che nei confronti del pubblico che accede agli uffici ed attenersi scrupolosamente alle disposizioni che verranno impartite dall Amministrazione Comunale. La ditta appaltatrice si impegnerà a mantenere la massima riservatezza relativamente ad ogni informazione, notizie, dati riguardanti l attività dell appaltatore, delle quali dovesse venire a conoscenza anche occasionalmente nella realizzazione dei servizi previsti dal contratto, pena l applicazione delle sanzioni penali previste in caso di violazione. Il personale della ditta appaltatrice dovrà garantire la chiusura di tutti i locali e degli scuretti, una volta effettuato il proprio servizio. ART ELENCO DEL PERSONALE La ditta appaltatrice si obbliga a fornire, all inizio dell appalto, l elenco del personale addetto ai lavori, con indicazione delle esatte generalità e del domicilio, nonché a segnalare tempestivamente le successive variazioni. Il personale non gradito dovrà essere sostituito in qualsiasi momento nel corso dell appalto. Ogni variazione del personale impiegato nel servizio di pulizia nonché ogni sostituzione temporanea dovrà essere comunicata all Ufficio lavori Pubblici almeno 3 giorni prima che il nuovo personale sia avviato all espletamento del servizio. La Ditta deve nominare un Direttore di servizio, delegato alla sorveglianza ed al controllo degli operatori, con il compito di intervenire, decidere e rispondere direttamente all Ente riguardo ad eventuali problemi che dovessero sorgere relativamente al servizio di pulizia. Anteriormente all avvio del servizio la Ditta Aggiudicataria deve comunicare la fascia oraria di reperibilità giornaliera del Direttore del Servizio, che non potrà essere inferiore a 4 ore. In caso di sostituzione del Direttore di Servizio precedentemente nominato, la Ditta deve indicare tempestivamente il nominativo del sostituto e la fascia di reperibilità giornaliera. ART RAPPRESENTANTI DELL APPALTATORE L Appaltatore dovrà nominare, entro quindici giorni dall aggiudicazione dell appalto, un proprio rappresentante, presso l Ufficio contratti di questa Amministrazione, munito di ampia delega a trattare in merito a qualsiasi controversia che possa insorgere in tema di esecuzione degli adempimenti previsti dal contratto di appalto. In caso di omissione l Amministrazione Comunale avrà la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di considerare il contratto risoluto di diritto con le modalità e le conseguenze di cui al precedente art. 7. A tale rappresentante l Amministrazione Comunale potrà rivolgere qualsiasi richiesta in tema di esecuzione degli adempimenti previsti nel presente contratto allorché ravvisi a proprio giudizio la necessità e l opportunità di una immediata evasione della richiesta stessa. ART DEPOSITI CAUZIONALI Il deposito cauzionale provvisorio è fissato nei 2% dell importo a base d asta, mentre il deposito cauzionale definitivo, è stabilito in misura del 10% (dieci per cento) dell importo di aggiudicazione al netto del ribasso d asta. L importo della cauzione provvisoria sarà ridotto del 50% nel caso in cui le ditte risultino in possesso della certificazione del sistema di qualità conforme alle norme europee della serie indicata all art. 75 comma 7 del codice del D.Lgs. n. 163/2006. Per fruire di tale beneficio la ditta, in sede di offerta, segnala il possesso del requisito e lo documenta presentandone copia. ART SPESE DI BOLLO, DI CONTRATTO E FISCALI Sono a totale carico dell appaltatore le spese di bollo, i diritti e le spese di contratto nonché ogni altro onere fiscale presente e futuro che per legge non sia inderogabilmente posto a carico dell appaltante. ART COMPENSI L Amministrazione Comunale corrisponderà mensilmente in via posticipata, rispetto al mese di riferimento, comprensivo di ogni onere connesso, 1/12 dell importo contrattuale concesso in appalto oltre IVA, nei modi e termini prescritti dalla legge e dal regolamento generale dello Stato, dietro presentazione di regolare fattura in originale. La fattura dovrà essere accompagnata dalla documentazione attestante la regolarità contributiva nei confronti dell INPS ed INAIL (rif. art. 5 comma 2 L n.82), nonché del visto di effettiva esecuzione del servizio. La liquidazione avverrà con provvedimento del Responsabile dell Ufficio Lavori Pubblici da adottarsi entro giorni 30 della presentazione. Per l applicazione delle penali per inadempienze di cui all art. 7 si eseguirà la seguente procedura: l applicazione delle penali dovute per le inadempienze della ditta aggiudicataria è di competenza del Responsabile dell Ufficio Lavori Pubblici, che verificherà l effettivo svolgimento delle pulizie da parte della ditta appaltatrice e lo stesso comunicherà, le inadempienze agli obblighi contrattuali tramite verbale redatto in contraddittorio con la ditta; rimane comunque salva la facoltà di ciascun dipendente segnalare eventuali ulteriori inadempienze, non rilevate dall incaricato alla vigilanza. Tali segnalazioni da effettuarsi 15

16 entro il decimo giorno del mese successivo a quello in cui si sono verificate le inadempienze, dovranno indicare esattamente i locali, le superfici, le date con riferimento a ciascun disservizio verificatosi. Le suddette segnalazioni saranno contestate alla ditta, che sarà invitata a fornire le proprie eventuali giustificazioni. Qualora entro il ventesimo giorno del mese successivo non siano pervenute segnalazioni di disservizio, né dall incaricato della vigilanza, né da parte dei dirigenti dei vari settori, il servizio si riterrà svolto in modo regolare. L I.V.A. verrà calcolata dall appaltatore in sede di fatturazione nella misura dovuta ed addebitata all Amministrazione Comunale. ART PAGAMENTI Sui compensi comunque spettanti all appaltatore sarà operata la detrazione delle somme eventualmente dovute all Amministrazione Comunale a seguito di inadempienze o a titolo di penale ovvero per ogni altro indennizzo o rimborso contrattualmente previsto. Qualora nel corso del contratto l appaltatore risulti debitore dell INPS e/o dell INAIL per contributi previdenziali e relativi accessori, il pagamento della fatture sarà subordinato in ogni caso alla regolarizzazione del debito stesso comprensivo degli accessori. ART UTENZE Sono a carico dell Amministrazione Comunale l acqua occorrente per i lavori e l energia elettrica di F.M. per il funzionamento del macchinario necessario per i lavori. La ditta appaltatrice dovrà curare che la spina di allacciamento di ciascuna apparecchiatura elettrica sia provvista di polo di terra ed abbia il passo adatto per la F.M. e per le prese installate nei locali. ART SOSPENSIONI DEL SERVIZIO In caso di arbitraria sospensione del servizio da parte dell appaltatore, l Amministrazione Comunale, oltre all applicazione delle trattenute e delle penali di cui al precedente art. 7, provvederà, ove lo ritenga opportuno, alla esecuzione in danno dei lavori sospesi, addebitando alla ditta appaltatrice la spesa eccedente la quota di canone trattenuta, salvo restando ogni altra ragione o azione. Qualora l arbitraria sospensione del servizio, anche se limitata a un solo edificio interessato, dovesse protrarsi per un periodo continuativo della durata di più di tre giorni, l Amministrazione Comunale ha piena facoltà di ritenere il contratto risoluto e conseguentemente adottare, senza bisogno di messa in mora, le misure indicate nel precedente art. 7. ART SCIOPERO In caso di sciopero del personale della Ditta appaltatrice indetto dalle organizzazioni Sindacali più rappresentative su base Nazionali, Regionali o Provinciale, con esclusione di quelle aziendali, resta convenuto che l Amministrazione Comunale opererà sul canone mensile le trattenute di cui al precedente art. 7 relative alle singole lavorazioni non effettuate senza l applicazione delle penali previste dall art. 7 suddetto. ART CESSIONE E/O SUBAPPALTO È assolutamente vietata la cessione ed il subappalto, sotto qualsiasi forma, di tutto o di parte del contratto di appalto, sotto pena di risoluzione del contratto stesso e di perdita del deposito cauzionale definitivo, salva ogni azione per risarcimento dei conseguenti danni e salvo sempre l esperimento di ogni altra azione che l Amministrazione Comunale ritenesse opportuno intraprendere a tutela dei propri interessi. I provvedimenti di cui sopra saranno adottati dall Amministrazione Comunale senza bisogno di messa in mora né pronuncia giudiziaria. ART RINVIO NORMATIVO Per tutto quanto non esplicitamente previsto nel presente capitolato, si rinvia alla normativa sia generale che speciale riguardante l appalto dei servizi per importo pari a quello previsto nella presente gara. ART FORO COMPETENTE Tutte le controversie di qualsiasi natura e genere che dovessero sorgere in ordine al presente appalto e che non potessero essere risolte in via bonaria dalle parti sono di competenza del foro di Verona. ART ALTRE CONDIZIONI CHE REGOLANO L APPALTO - il recapito dei plichi rimane ad esclusivo rischio del mittente; - non sono ammesse le offerte condizionate e quelle espresse non in conformità al modello allegato; - in caso di discordanza fra il prezzo indicato in cifre e quello indicato in lettere, sarà ritenuto valido quello più conveniente per l Amministrazione; - si procederà alla esclusione dalla gara nel caso in cui manchi o risulti incompleto o irregolare anche uno solo dei documenti richiesti; - l aggiudicazione dell appalto resta subordinata all approvazione degli atti di gara da parte degli organi dell Ente a ciò abilitati. ART TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Ai sensi dell'art. 10, comma 1 della legge n.675, i dati personali forniti dai partecipanti saranno raccolti presso le strutture organizzative di amministrazione del Comune di Lazise per le finalità di gestione della gara (appalto, fornitura, etc.), per le finalità inerenti alla gestione del rapporto medesimo. Successivamente all'espletamento della gara, i dati personali acquisiti possono essere fatti oggetto di comunicazione ai seguenti soggetti: a) ad altri enti pubblici, nei casi e nei modi previsti dalla Legge n. 675/1996 e dalle altre leggi regolanti la disciplina degli appalti; b) a soggetti privati ove previsto da norme di legge o di regolamento. 16

17 L'interessato gode dei diritti di cui all'art. 13 della citata legge n.675/1996 i quali potranno essere fatti valere nei confronti di questa Amministrazione Comunale. DICHIARAZIONE DI ACCETTAZIONE Il sottoscritto in qualità di della ditta dichiara di aver preso visione di tutte le condizioni del servizio indicate nel presente capitolato d oneri e di accettare senza eccezione alcuna le stesse. Data, (timbro e firma) ALLEGATI: 1) Istanza di ammissione alla gara e Dichiarazione sostitutiva 2) Modello offerta economica 17

18 MODELLO A Applicare Marca da Bollo ( 16,00) e Timbro Della Ditta Istanza di ammissione alla gara Dichiarazione di possesso dei requisiti di ordine generale e requisiti di idoneità professionale Dichiarazione di possesso dei requisiti di capacità economica e finanziaria Spett.le COMUNE DI LAZISE Piazza Vittorio Emanuele II, LAZISE - VR Oggetto: Gara d appalto con procedura negoziata per l affidamento del servizio di pulizia dei locali del Municipio, Sala Mostre, Chiesetta San Nicolò al Porto, locali Abibò e sala associazioni di Lazise presso le ex Scuole Elementari, bagni pubblici di Pacengo. Anno Importo dell appalto: ,00 (trentamila/00) oltre I.V.A. CIG ZF10C86F1E ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA E CONNESSA DICHIARAZIONE Il sottoscritto..... nato il.. a in qualità di dell impresa con sede in con codice fiscale n con partita IVA n.... CHIEDE di partecipare alla procedura negoziata indicata in oggetto come: impresa singola; ovvero capogruppo di una associazione temporanea o di un consorzio o di un GEIE di tipo orizzontale/verticale/misto; ovvero mandante di una associazione temporanea o di un consorzio o di un GEIE di tipo orizzontale/verticale/misto; 18

19 A tal fine, ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, consapevole delle sanzioni penali previste dall'art. 76 del medesimo D.P.R. 445/2000, per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci ivi indicate, DICHIARA 1) di poter rappresentare ed impegnare legalmente la ditta; 2) che l impresa non si trova in stato di fallimento, di liquidazione coatta amministrativa, di amministrazione controllata o di concordato preventivo e che non sono in corso procedimenti per la dichiarazione di tali situazioni; 3) che nei propri confronti non sono state pronunciate sentenze di condanna passata in giudicato, oppure sentenze di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell art. 444 del codice di procedura penale per reati che incidono sull affidabilità morale e pro-fessionale; 4) che nei propri confronti non sono state emesse sentenze ancorché non definitive relative a reati che precludano la partecipazione alle gare di appalto; 5) di non aver violato il divieto di intestazione fiduciaria posto dall art. 17 della legge 19 marzo 1990, n. 55; 6) di non aver commesso gravi infrazioni debitamente accertare e l inesistenza, a carico dell impresa, di violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norme in materia di contribuzione sociale secondo la legislazione italiana o del paese di provenienza; 7) l inesistenza di violazioni gravi, definitivamente accertate, attinenti alle norme in materia di sicurezza e ad ogni altro obbligo derivante dai rapporti di lavoro; 8) di non aver commesso grave negligenza o malafede nell esecuzione di lavori affidati da codesta stazione appaltante; 9) l inesistenza, a carico dell impresa, di irregolarità, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento di imposte e tasse, secondo la legislazione italiana o dello Stato in cui l impresa è stabilita; 10) che non risulta l iscrizione nel casellario informatico per aver presentato falsa dichiarazione o falsa documentazione in merito a requisiti e condizioni rilevanti per la partecipazione a procedure di gara e per l affidamento di subappalti; 11) che nei propri confronti non è stata applicata la sanzione interdittiva di cui all art. 9, comma 2, lettera c) del D.Lgs n. 231 o altra sanzione che comporta il divieto di contrarre con la Pubblica Amministrazione; 12) che l impresa è iscritta nel registro delle imprese della Camera di Commercio di.... per la seguente attività... e che i dati dell iscrizione sono i seguenti numero di iscrizione. data di iscrizione.. forma giuridica.. titolari, soci, direttori tecnici, amministratori muniti di rappresentanza, soci accomandatari (indicare i nominativi, le qualifiche, le date di nascita e la residenza):

20 che l'impresa mantiene le seguenti posizioni previdenziali ed assicurative: INPS : sede di, matricola n.. (nel caso di iscrizione presso più sedi, indicarle tutte) INAIL: sede di, matricola n.. (nel caso di iscrizione presso più sedi, indicarle tutte) e che l'impresa stessa è in regola con i versamenti ai predetti enti e di applicare il C.C.N.L. (riportare il settore pertinente); 13) di trovarsi in situazione di controllo diretto o come controllante o come controllato con le seguenti imprese (denominazione, ragione sociale e sede):. oppure 14) di non trovarsi in situazione di controllo diretto o come controllante o come controllato con alcuna impresa; 15) di aver preso esatta cognizione della natura dell appalto e di tutte le circostanze generali e particolari che possono influire sulla sua esecuzione; 16) di accettare, senza condizione o riserva alcuna, tutte le norme e disposizioni contenute nel capitolato d oneri; 17) di aver preso conoscenza e di aver tenuto conto nella formulazione dell offerta delle condizioni contrattuali nonché degli obblighi relativi alle disposizioni in materia di sicurezza, di assicurazione, di condizioni di lavoro e di previdenza e assistenza in vigore nel luogo dove devono essere eseguiti i lavori; 18) di avere nel complesso preso conoscenza di tutte le circostanze generali, particolari e locali, nessuna esclusa ed eccettuata, che possono avere influito o influire sia sulla esecuzione dei lavori, sia sulla determinazione della propria offerta e di giudicare, pertanto, remunerativa l offerta economica presentata; 19) di avere tenuto conto, nel formulare la propria offerta, di eventuali maggiorazioni per lievitazione dei prezzi che dovessero intervenire durante l esecuzione dei lavori, rinunciando fin d ora a qualsiasi azione o eccezione in merito; 20) di essere/non essere (cancellare la voce che non interessa) assoggettato agli obblighi di assunzione obbligatorie di cui alla legge 68/99; 21) di concorrere per i seguenti consorziati:(indicare denominazione e sede legale di ciascun consorziato):...; 22) che, in caso di aggiudicazione, sarà conferito mandato speciale con rappresentanza o funzioni di capogruppo a......; 23) che è a conoscenza dell obbligo di presentare, qualora fosse richiesto dalla Stazione Appaltante, i documenti comprovanti il possesso dei requisiti dichiarati; 24) di essere informato, ai sensi e per gli effetti di cui alla legge 196/2003, che i dati personali raccolti saranno trattasi, anche con strumenti informatici, esclusivamente nell ambito del procedimento per il quale la presente dichiarazione viene resa; 25) che la ditta è a conoscenza delle disposizioni di cui alla legge 136 in data e che, quindi, nel caso di aggiudicazione provvederà a fornire i dati identificativi bancari di conto corrente dedicato, con indicazione dei nominativi delle persone autorizzate ad operare sul conto stesso, per 20

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA Settore Acquisto Beni e Servizi e Gestione Contratti CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso LETTERA INVITO A TRATTATIVA PRIVATA APERTA per Fornitura di Servizi di TRASLOCO di mobili e documenti da ufficio da Roma, Via Cristoforo Colombo 283/A (8 piano) a Roma, Quintino Sella, 42, CIG: Z9C0C2C891

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC ACCORDO QUADRO BIENNALE PER I SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILI, MACCHINE ED ARREDI PER UFFICIO, APPARECCHIATURE INFORMATICHE ED ELETTRONICHE, DOCUMENTAZIONE CARTACEA DA TRASFERIRE NELLA NUOVA

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo COMUNE DI PUTIGNANO BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E DI POSIZIONAMENTO, TENUTA IN EFFICIENZA E RIMOZIONE TRANSENNE E SEGNALETICA MOBILE. Allegato A alla determina dirigenziale

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

CITTA DELLA DISFIDA Medaglia d oro al merito civile e militare

CITTA DELLA DISFIDA Medaglia d oro al merito civile e militare COMUNE DI BARLETTA CITTA DELLA DISFIDA Medaglia d oro al merito civile e militare BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA N. 1/2009 Il Comune di Barletta, in esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì 28.07.2005 (Aggiornamento 4.08.2005) INDICE ART.1 NORME DI

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE Importo superiore a 150.000 euro ed inferiore a 1.000.000 euro 1 Sommario 1. Oggetto, durata ed importo dell appalto...

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA (Norme Integrative al bando di gara mediante procedura aperta)

DISCIPLINARE DI GARA (Norme Integrative al bando di gara mediante procedura aperta) AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale S. Carlo di Potenza Ospedale S. Francesco di Paola di Pescopagano Via Potito Petrone 85100 Potenza Codice Fiscale e Partita IVA 01186830764 DISCIPLINARE

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

SERVIZIO PATRIMONIO E AFFARI GENERALI Ufficio Gestione Patrimonio e Acquisti

SERVIZIO PATRIMONIO E AFFARI GENERALI Ufficio Gestione Patrimonio e Acquisti SERVIZIO PATRIMONIO E AFFARI GENERALI Ufficio Gestione Patrimonio e Acquisti PROCEDURA APERTA n. 121/2009 Disciplinare di gara per l appalto, in quattro lotti, del servizio di pulizia, disinfezione ed

Dettagli

Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari,

Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari, Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari, Viale dei Giornalisti 6, Edificio E, per una durata di 24 mesi. L anno duemilatredici, il giorno 07 del mese di agosto

Dettagli

Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42

Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42 Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42 1 DISCIPLINARE DI GARA GARA EUROPEA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca CONTRATTO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILIMENTI DI ROMA DELL ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO S.p.A.: - STABILIMENTO DI P.ZZA VERDI - P.zza Verdi 10 - STABILIMENTO SALARIO Via

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA UNICA MISTA E DI CASSA

DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA UNICA MISTA E DI CASSA DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA UNICA MISTA E DI CASSA Art. 1 - Oggetto Il presente disciplinare di gara ha per oggetto le norme di partecipazione alla successiva gara,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO TRIENNALE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE - SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI DELLA ASL N 7 DI CARBONIA ( Lotto Unico - CIG

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

LINEE GUIDA PER GLI APPALTI DEI SERVIZI DI PULIZIE

LINEE GUIDA PER GLI APPALTI DEI SERVIZI DI PULIZIE LINEE GUIDA PER GLI APPALTI DEI SERVIZI DI PULIZIE IN PROVINCIA DI COMO ED. 2009 Coordinamento del progetto: Osservatorio Territoriale per la provincia di Como per le Imprese di pulizia In collaborazione

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE (BI) PER L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI RIF. CIG 03506093B2

BUSINESS INTELLIGENCE (BI) PER L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI RIF. CIG 03506093B2 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA SPECIALISTICA E DEI SERVIZI DI SVILUPPO, MANUTENZIONE ED EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI BUSINESS PROCESS MANAGEMENT (BPM) E DI BUSINESS

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI GONARS COMUNE DI LINGUA E CULTURA FRIULANE COMUN DI GONÂRS COMUN DI LENGHE E CULTURE FURLANIS

COMUNE DI GONARS COMUNE DI LINGUA E CULTURA FRIULANE COMUN DI GONÂRS COMUN DI LENGHE E CULTURE FURLANIS COMUNE DI GONARS COMUNE DI LINGUA E CULTURA FRIULANE COMUN DI GONÂRS COMUN DI LENGHE E CULTURE FURLANIS UFFICIO LAVORI PUBBLICI LAVÔRS PUBLICS Tel. 0432 99 20 21 - Fax 0432 99 20 51 lavori.pubblici@com-gonars.regione.fvg.it

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

COMUNE DI FORCE. (Provincia Ascoli Piceno)

COMUNE DI FORCE. (Provincia Ascoli Piceno) COMUNE DI FORCE PROT. N. 5794 del 15 dicembre 2014 (Provincia Ascoli Piceno) BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE - AI SENSI DELL ART. 30 DEL D.LGS. 163/2006 - DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli