GLOBALNEWS. Dettaglio della giornata del Seminario di Ottobre 2009 relativo. Sicurezza sul Lavoro - D.Lgs 81/08 (ex 626)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLOBALNEWS. Dettaglio della giornata del Seminario di Ottobre 2009 relativo. Sicurezza sul Lavoro - D.Lgs 81/08 (ex 626)"

Transcript

1 Edizione Convenzione A.N.P.AS. Contenuti A.N.P.AS. Convenzione privacy Globalnet - A.N.P.AS...pag. 2-4 Associazioni che hanno aderito alla precedente convenzione con il Comitato Regionale Marche...pag. 5-6 Dettaglio della giornata del Seminario di Ottobre 2009 relativo al settore Sanitario...pag Privacy D.Lgs 196/03 Misure relative agli amministratori di sistema...pag. 11 Telemarketing: riconfermate le regole del Garante privacy...pag. 11 Cartella clinica del defunto e diritti del convivente...pag. 12 Privacy e la navigazione su Internet al lavoro...pag. 12 Privacy e uso di telecamere nelle scuole...pag. 13 Linee guida in tema di referti on-line...pag. 14 Prescrizioni in tema di Fascicolo Sanitario Elettronico (Fse)...pag. 14 Sicurezza sul Lavoro - D.Lgs 81/08 (ex 626) Obblighi per il committente...pag. 15 D.Lgs 106/09 Modifiche al Testo Unico......pag Alcune Informazioni sulla Globalnet srl Sunto del programma e relatori di uno dei seminari organizzati dalla globalnet... pag Foto relative al seminario di Ottobre pag. 22 Una piccola rassegna stampa della Globalnet...pag I corsi che organizziamo...pag I nostri servizi...pag. 31 GLOBALNEWS

2 CONVENZIONE PRIVACY GLOBALNET s.r.l. A. N. P. AS. (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) 2

3 Copia dell'originale della Convenzione Privacy firmata da Globalnet srl e la Dir. Nazionale A.N.P.AS. 3

4 Copia dell'originale della Convenzione Privacy firmata da Globalnet srl e la Dir. Nazionale A.N.P.AS. 4

5 Alcune associazioni che hanno aderito alla precedente convenzione con il Comitato Regionale Marche A.N.P.AS. Comitato Regionale Marche P.A. Volontari Soccorso M.S. Pietrangeli MONTE SAN PIETRANGELI Croce Verde Cupramontana Ass.Volont. ONLUS CUPRAMONTANA Associazione Volontari Croce Verde Serra San Quirico SERRA SAN QUIRICO P.A. Croce Gialla Recanati RECANATI Croce Verde Valdaso ALTIDONA Croce Azzurra Ass.Volontaria di Soccorso FABRIANO Ass.di Volontariato Pubblica Ass. Onlus Croce Verde OSTRA Croce Bianca Onlus Ass.ne Volont. Socc. NUMANA 5

6 Alcune associazioni che hanno aderito alla precedente convenzione con il Comitato Regionale Marche Volontariato della Misericordia Croce Azzurra SANT'ELPIDIO A MARE Pubblica Assistenza Croce Gialla SANTA MARIA NUOVA Org. non lucrativa di Utilità Croce Verde CASTELFIDARDO Ass.Vol. Croce Azzurra Sirolo Onlus SIROLO Croce Verde Jesi Onlus JESI P.A. Croce Gialla ONLUS ANCONA O.N.L.U.S. Pubblica Assistenza Croce Gialla MORRO D'ALBA P.A. Croce Verde TORRE SAN PATRIZIO Ass. Volontari Croce Gialla Onlus CHIARAVALLE 6

7 Sede Direzione Nazionale A.N.P.AS. 1 Sede del Comitato Regionale A.N.P.AS. Marche 2 Dott. Alfonso Sabatino, Coordinatore A.N.P.AS. Marche, relatore al seminario dell'ottobre

8 Sede della Croce Gialla di Ancona Sede della Croce Azzurra di Sirolo 8

9 Seminario Interregionale Ottobre Ottobre 2009 Dalle ore 9:00 alle ore 20:30 Presentazione Saluti Istituzionali Saluto On. Carlo Ciccioli Vice Presidente XII Commissione Affari sociali - Sanità Saluto Dott. Maurizio Pierlorenzi già Primo Dirigente della Polizia Postale e delle Comunicazioni Marche. Saluto Responsabile privacy Ospedali Riuniti Dott. Fabio Benni Saluto del Dirigente Responsabile Unità Operativa Affari generale ed Approvvigionamenti e Referente per la privacy Asur 5 Jesi Dott. Carlo Spaccia Saluto Assessore sanità Regione Marche Dott. Almerino Mezzolani Saluto Coordinatore Regionale ANPAS Dott. Alfonso Sabatino Saluto Monsignor Don Gerardo Rocconi Vescovo di Jesi Truffe.com Cellulari, internet, bancomat e carte di credito: come difendersi dalle frodi telematiche Relatore: Col. Umberto Rapetto - Comandante G.A.T. Guardia di Finanza. Autore del testo Truffe.com Programma della Giornata dedicata alla Sanita' Il D.Lgs 81/08 (ex 626) negli Studi dei Medici. Il Testo Unico D.Lgs. 81/08 e le più recenti innovazioni normative - L organizzazione aziendale in materia di tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori - Il Servizio di Prevenzione e Protezione e la formazione dei datori di lavoro - Rapporti tra datore di lavoro e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza - La valutazione dei rischi: adempimenti e metodologie - Rischi per la sicurezza e formazione dei lavoratori - Rischi per la salute e sorveglianza sanitaria - Contratti di appalto e DUVRI Relatore: Ing. Franco Stronati C&P Engineering Fondi integrativi sanitari quale futuro per la libera professione. Relatore: Dott. Filippo Bambara Danni da trattamento illegittimo e illecito dei dati personali. Danno da informazione: uso illecito o diffusione di informazioni false o parziali. Trattamento illecito dei dati personali via internet. Autorizzazione Generale n. 3 e 5. Relatore: Avv Monica Gobbato. Autrice del testo danno da trattamento illecito dei dati. La privacy negli organismi sanitari pubblici e privati: adempimenti e cautele. Dati personali: differenza con i dati anonimi - I dati sanitari: quali sono e perché sono oggetto di una protezione rafforzata - Gli adempimenti per il trattamento di dati sanitari a fini di tutela della salute - Differenza fra consenso privacy e consenso informato del paziente - L autorizzazione del Garante al trattamento di dati sanitari nelle strutture sanitarie - I ruoli privacy (Titolare, Responsabile, Incaricati) e il modello organizzativo - Medici e infermieri come incaricati: compiti e responsabilità - L organizzazione degli spazi e le misure a tutela della dignità dei pazienti - Regole specifiche per il Pronto Soccorso e i reparti - La cartella sanitaria elettronica e le indicazioni dei 9

10 Seminario Interregionale Ottobre 2009 Garanti privacy europei - Le regole per comunicare ai pazienti i risultati di esami e visite - Le misure minime di sicurezza: peculiarità del settore sanitario. Relatore: Avv. Diego Fulco, Studio Legale Imperiali - Direttore Istituto Italiano Privacy, curatore del testo Deontologia Privacy per avvocati ed investigatori privati. Trattamento dei dati sensibili nell'ambito di attività di informazione scientifica e di sperimentazione clinica di medicinali 24 luglio Le Linee Guida del Garante del 24 luglio 2008 per il trattamento di dati nell ambito delle Sperimentazioni Cliniche dei Medicinali: efficacia normativa delle Linee Guida e impatto operativo sul settore - Soggetti coinvolti nella sperimentazione e ruoli privacy: Sponsor e Centro di Sperimentazione, CRA incaricati dello Sponsor, Sperimentatori incaricati del Centro, CRO ove presenti - Il problema della titolarità nelle aziende farmaceutiche multinazionali - La natura del dato trattato: i codici non garantiscono l anonimato dell interessato Differenza tra l informativa medica e relativo consenso informato sanitario Informativa privacy e relativo consenso al trattamento dei dati personali - Contenuto dell informativa secondo le indicazioni del Garante - Esercizio dei diritti privacy da parte dell interessato - Trasferimento dei dati all estero: adempimenti per le multinazionali Relatore:Avv. Diego Fulco, Studio Legale Imperiali - Direttore Istituto Italiano Privacy, curatore del testo Deontologia Privacy per avvocati ed investigatori privati. Programma della Giornata dedicata alla Sanita' L adozione di Modelli Organizzativi 231 nel settore sanitario e farmaceutico. Ragioni storiche dell introduzione nel nostro ordinamento della responsabilità amministrativa d impresa per i reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio - I precedenti anglosassoni: in particolare i Compliance Programs USA del settore sanitario - Il perimetro di applicazione del decreto legislativo 231/2001 nel settore sanitario - L analisi dei rischi: perché è indispensabile, come realizzarla nel settore sanitario - I reati rilevanti e i processi operativi maggiormente a rischio reato nel settore sanitario - Esempi di modalità di attuazione di reati contro la PA in processi operativi quali la gestione delle prestazioni ospedaliere, la gestione dei DRG e la gestione dei flussi per il rimborso - Importanza delle politiche retributive dei medici per l efficacia della prevenzione dei reati - La creazione di un sistema di controllo interno - I protocolli: cosa sono, come redigerli La stesura del Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Elementi indispensabili - Il Codice Etico: natura, oggetto, peculiarità del mondo sanitario, presupposti di efficacia - L Organismo di Vigilanza: composizione, attività, flussi informativi verso altri Organi. Relatore:Avv. Diego Fulco, Studio Legale Imperiali - Direttore Istituto Italiano Privacy, curatore del testo Deontologia Privacy per avvocati ed investigatori privati. I contratti e la rete. Aspetti legali dei contratti di hosting e housing - Il Commercio Elettronico: indicazioni per i venditori ed i consumatori della rete - La tutela del Consumatore Informatico - Cos'è il contratto di outsourcing e come va disciplinato - Contratti per l adozione di misure di sicurezza: i diritti del Committente - Il contratto di realizzazione di pagine web - Aspetti penalistici del diritto informatico tra tendenze sociali e giurisprudenza - Aspetti giuridici sul cyberbullismo: responsabilità e soluzioni La tutela dei bambini nell utilizzo internet e le problematiche connesse al cyberbullismo - Cenni di diritto penale informatico per i reati informatici del D.Lgs 231/01 - Ladri d'identità, "Identity Crimes" - Cracking: le nuove misure UE - La contraffazione dei segni distintivi in internet: azioni a tutela delle aziende Relatore Avv. Fantini per lo Studio legale Frediani 10

11 Misure relative agli amministratori di sistema (G.U. n.300 del 24 dicembre 2008) Il Garante per la Protezione dei dati personali, con un provvedimento a carattere generale, ha stabilito che entro il 15 dicembre 2009 tutte le aziende private e pubbliche dovranno registrare e conservare i dati relativi agli accessi degli Amministratori di Sistema sui sistemi da loro gestiti, al fine di agevolare la titolarità delle banche dati e dei sistemi informatici. La normativa si rivolge a tutti i titolari dei trattamenti di dati personali effettuati con strumenti elettronici, invitandoli a prestare la massima attenzione ai rischi inerenti alle attività degli amministratori di sistema. Per gestire adeguatamente tali rischi, il provvedimento impone le seguenti misure e accorgimenti di carattere tecnico e organizzativo. Accorgimenti di carattere tecnico: Attivazione degli access log relativi alle attività degli amministratori di sistema e conservazione per almeno sei mesi in archivi immodificabili, inalterabili e verificabili; Privacy. D.Lgs 196/03 Accorgimenti di carattere organizzativo: Elenco aggiornato degli amministratori di sistema; Verifica annuale dell'effettiva operatività delle misure e degli accorgimenti a presidio dei rischi; Designazione individuale, puntuale e ponderata degli amministratori di sistema. Telemarketing: riconfermate le regole del Garante Privacy (Comunicato Stampa del 30 dicembre 2009) Le regole predisposte dal Garante privacy nel marzo 2009, relative alle chiamate promozionali e pubblicitarie consentite a suo tempo dal decreto Milleproroghe del 2008, restano valide ancora per l'ulteriore periodo di sei mesi previsto dalla legge di conversione del decreto Ronchi, ovvero fino alla realizzazione del registro pubblico delle opposizioni al quale dovranno iscriversi le persone che non intendono ricevere questo tipo di telefonate. Aziende e call center che contatteranno gli utenti per fare promozione e offerte commerciali, dovranno quindi continuare a utilizzare solo banche dati effettivamente costituite sulla base degli elenchi telefonici al 1 agosto 2005 e non potranno chiedere il consenso degli interessati per futuri contatti né potranno cedere i dati che utilizzano a terzi. Gli operatori che telefoneranno agli abbonati dovranno ad ogni contatto specificare per quale società chiamano e ricordare agli interessati i loro diritti. Ma sopratutto dovranno registrare immediatamente l'eventuale contrarietà dell'abbonato ad essere nuovamente contattato. L'utente che non intende essere più disturbato avrà il diritto di conoscere l'identificativo dell'operatore al quale ha comunicato la sua volontà. Inoltre, i dati presenti nelle banche dati dovranno essere utilizzati solo a fini promozionali e non potranno in alcun modo essere utilizzati per acquisire nuove informazioni o il consenso degli abbonati ad effettuare chiamate dopo la scadenza del periodo di deroga. Il mancato rispetto del provvedimento comporta una sanzione amministrativa che va da 30 mila a 180 mila euro e che, nei casi più gravi, può raggiungere anche i 300 mila euro. 11

12 Cartella clinica del defunto e diritti del convivente Il Garante per la Protezione dei dati personali, ha stabilito che il convivente o la convivente di una persona defunta, che intende fare chiarezza in sede giudiziaria sull'operato del personale medico della struttura sanitaria dove questa era in cura, ha diritto di accedere alla sua cartella clinica. Il Garante ha ritenuto legittima l'istanza del ricorrente di essere informato sulle cure ricevute dalla compagna deceduta e ha accolto le sue richieste in base all'art.9 comma 3 del Codice della privacy che riconosce tale diritto, riferito a dati personali concernenti persone decedute, a chi ha un interesse proprio o agisce a tutela dell'interessato o per ragioni familiari meritevoli di protezione Il ricorrente, legato alla paziente scomparsa da un documentato rapporto di convivenza e che era stato autorizzato con delega dalla donna a conoscerne il quadro clinico fin dall'inizio del ricovero, ha infatti manifestato l'intenzione di accedere a questi dati proprio perchè necessari ad intraprendere le azioni legali più Privacy. D.Lgs 196/03 opportune per accertare eventuali inadempienze o negligenze del personale medico. La direzione dell'ospedale ha giustificato il suo diniego affermando che il convivente, in base al regolamento interno, non rientra tra i congiunti prossimi e non è quindi legittimato ad ottenere, in caso di morte, la documentazione sanitaria del paziente. Il policlinico ha inoltre fatto presente che alcuni parenti della defunta, contattati appositamente dalla struttura, non avrebbero autorizzato la consegna della documentazione a terze persone non aventi diritto. Alla luce del diritto riconosciuto dalla normativa privacy, anche il rifiuto opposto dall'ospedale sulla base del diniego, peraltro non documentato, espresso dagli eredi della defunta, non trova dunque giustificazione. Il Garante ha ordinato al policlinico di far accedere il convivente a tutti i dati della paziente contenuti nella cartella clinica e di ogni altro documento concernente il ricovero, il periodo di degenza e il suo successivo decesso. Privacy e la navigazione su internet al lavoro Il Garante per la Protezione dei dati personali, ha ribadito il principio che è illecito monitorare in modo sistematico e continuativo la navigazione in Internet dei lavoratori, vietando ad una società il trattamento dei dati personali di un dipendente; la società aveva monitorato per quasi nove mesi la navigazione on-line di un lavoratore tramite un software in grado di registrare in chiaro, tra l'altro, le pagine e i siti web visitati, il numero di connessioni e il tempo trascorso sulle singole pagine. Il Garante ha osservato che: L'installazione di un tale software viola lo Statuto dei lavoratori, che vieta l'impiego di apparecchiature per il controllo a distanza dell'attività dei dipendenti; La società non aveva neppure ad attivare le procedure stabilite dalla normativa qualora tale controllo fosse motivato da esigenze organizzative e produttive (accordo con le rappresentanze sindacali o in assenza di questo, autorizzazione della Direzione provinciale del lavoro); La società è incorsa anche nella violazione dei principi di pertinenza e non eccedenza delle informazioni raccolte, poiché il monitoraggio diretto, peraltro nei confronti di un solo dipendente, è risultato prolungato e costante. 12

13 In base alle Linee guida per posta elettronica e internet fissate dal garante, infatti i datori di lavoro possono effettuare eventuali controlli ma in modo graduale, mediante verifiche di reparto, d'ufficio, di gruppo di lavoro prima di passare ai controlli individuali. Privacy e uso di telecamere nelle scuole Le telecamere possono rappresentare uno strumento di prevenzione e deterrenza contro teppismo e atti vandalici nelle scuole, ma gli impianti di videosorveglianza devono rispettare le seguenti condizioni: Le immagini sono archiaviate automaticamente senza che possona essere visualizzate in tempo reale; Le riprese sono effettuate solo in aree esterne alla scuola; Il sistema non inquadra dettagli dei tratti somatici degli interessati; Le zone oggetto di videosorveglianza sono segnalate da appositi cartelli; Le telecamere entrano in funzione solo in orario in cui le strutture scolastiche non sono presiediate da Privacy. D.Lgs 196/03 personale in servizio (indicativamente dalle ore 22:00 alle ore 6:30); La visualizzazione delle immagini è consentita solo su richiesta dell'autorità giudiziaria al responsabile, agli incaricati del trattamento designati, agli appartenenti alle Forze di Polizia; La conservazione dei files delle immagini avviene per un periodo di 72 ore al termine del quale saranno cancellati mediante sovrascrittura; Installazione di un software di visualizzazione delle immagini e gestione delle telecamere sul PC posto nell'ufficio di presidenza dell'istituto. A queste condizioni il Garante per la protezione dei dati personali ha autorizzato l'installazione di un impianto di videosorveglianza presso un istituto scolastico di Verona. L'impianto si inserisce in un ampio progetto Scuole Sicure. Trattandosi di un progetto che riguarda anche altre scuole l'autorità ha spiegato che, qualora le caratteristiche dei sistemi di videosorveglianza da installare corrispondano a quelle autorizzate, non sarà necessario richiedere ulteriori verifiche preliminari. 13

14 Linee guida in tema di referti on line (G.U. n.288 del 11 dicembre 2009) Il Garante per la protezione dei dati personali ha approvato le Linee guida in tema di referti on line che fissano rigorose misure a protezione dei dati sanitari dei pazienti che intendano utilizzare questo servizio, ricevendo il referto via mail o scaricando gli esami clinici direttamente dal sito web della struttura sanitaria. Già da tempo diversi laboratori, cliniche e ospedali offrono servizi di consultazione elettronica dei referti ma l'assenza di una normativa che disciplini questa nuova modalità di consegna ha reso necessario l'intervento del Garante affinchè questo importante ed innovativo processo di ammodernamento tecnologico della sanità pubblica e privata proceda seguendo regole chiare ed uniformi. Questi i punti principali stabiliti dalle Linee guida: Privacy. D.Lgs 196/03 L'adesione al servizio dovrà essere facoltativa e il referto elettronico non sostituerà quello cartaceo che rimarrà comunque disponibile. L'assistito dovrà dare il suo consenso sulla base di un informativa chiara e trasparente che spieghi tutte le caratteristiche del servizio di refertazione on line ; Il referto resterà a disposizione on line per un massimo di 45 gg e dovrà essere accompagnato da un giudizio scritto e dalla disponibilità del medico a fornire ulteriori indicazioni su richiesta dell'interessato; Per fornire il servizio, le strutture sanitarie pubbliche e private dovranno adottare elevate misure di sicurezza tecnologica (utilizzo di standard crittografici, sistemi di autenticazione forte, convalida degli indirizzi con verifica on line, uso di password per l'apertura del file) e, nel caso offrano la possibilità di archiviare e continuare a consultare via web i referti, dovranno anche sottoporre ai pazienti una ulteriore specifica informativa e acquisire un autonomo consenso. Le presenti Linee guida tengono conto delle osservazioni e commenti formulate da organismi e professionisti sanitari pubblici e privati, medici di base, pediatri, organismi rappresentativi, associazioni di pazienti. Prescrizioni in tema di Fascicolo sanitario elettronico (G.U. n.178 del 3 agosto 2009) Visto il provvedimento adottato il 16 luglio 2009, con il quale l'autorità ha individuato le Linee guida in tema di Fascicolo sanitario elettronico (fse) e di dossier sanitario, (Vedi. Globalnews 2009 edizione seminario), ed ha previsto che i trattamenti di dati personali effettuati attraverso il Fse devono essere resi noti al Garante mediante un apposita comunicazione da effettuarsi secondo un modello da adottare con specifico provvedimento, ai sensi dell'art 154 comma 1lettera c) del Codice. Il Garante per la protezione dei dati personali ha prescritto a tutte le strutture coordinatrici delle iniziative di Fse e in caso di assenza di tale struttura, ai singoli titolari del trattamento coinvolti, di comunicare al Garante i trattamenti di dati personali effettuati tramite Fse, prima dell'inizio del trattamento e nei casi di iniziative di Fse già in corso entro il termine del 31 dicembre 2009, attraverso il modello di comunicazione allegato al provvedimento e disponibile nel sito da far pervenire al Garante tramite mail all'indirizzo 14

15 Obblighi per il Committente La sequenza degli obblighi che il committente datore di lavoro deve seguire nel momento in cui intende affidare dei lavori in appalto o mediante contratto d'opera o di somministrazione al fine di ottemperare correttamente all'art.26 del D.Lgs 81/08, si può come di seguito riassumere: Effettuazione di una verifica tecnico-professionale sia delle imprese che dei lavoratori autonomi,mediante l'esibizione e l'esame della documentazione prevista dallo stesso decreto ed indicata nell'allegato n. XVII (iscrizione Camera di Commercio, DVR, elenco dei DPI forniti ai lavoratori, ecc); Informazione alla ditta appaltatrice ed ai lavoratori autonomi dei rischi specifici esistenti nell'ambiente in cui sono chiamati ad operare e sulle misure di protezione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività; Acquisizione delle informazioni sui rischi eventualmente apportati dalle ditte appaltatrici e dai lavoratori autonomi al fine di individuare e di eliminare i rischi dovuti alle interferenze fra i lavoratori delle diverse imprese coinvolte e degli autonomi nella esecuzione dell'opera complessiva Elaborazione di un unico documento di valutazione dei rischi (DUVRI) che indichi le misure da adottare ed Sicurezza sul Lavoro D.Lgs 81/08 (ex 626) eliminazione o, ove ciò non è possibile, riduzione al minimo dei rischi da interferenze, documento da allegare al contratto di appalto o d'opera; Stipulazione del contratto di appalto o di somministrazione nel quale devono essere specificatamente indicati, a pena di nullità ai sensi dell'articolo 1418 del codice civile, i costi relativi alla sicurezza del lavoro con particolare riferimento a quelli propri connessi allo specifico appalto; Affidamento dei lavori e promozione della cooperazione nell'attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sulla attività lavorativa oggetto dell'appalto, nonché coordinamento degli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori. Per una corretta e completa applicazione dell'art.26 del D.Lgs 81/08 è necessario, altresì, che gli obblighi sopra riportati siano rispettati ed attuati nella sequenza indicata anche da tutti coloro che, avendo ricevuti dal committente dei lavori in appalto, li trasferiscono in subappalto ad altre imprese o lavoratori autonomi in quanto in tal caso gli stessi assumono la figura del subcommittente. D.Lgs 106/09 - Modifiche al Testo Unico E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Legislativo n.106 del 3 agosto 2009 recante Disposizioni integrative e correttive del Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n.81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Il presente provvedimento, è entrato in vigore il 20 agosto 2009; esso contiene innovazioni tali da rendere il D.Lgs 81/08 un vero e proprio Nuovo Testo Unico della Sicurezza sul Lavoro. Di seguito riportiamo un breve cenno di alcune delle principali innovazioni apportate. Il campo di applicazione della legge Si amplia il campo di applicazione della legge e si precisano le novità che, oltre alle imprese di tutti i settori, riguardano i volontari della Croce Rossa, le Forze Armate e di Polizia ed i Vigili del Fuoco per i quali verranno emanati appositi decreti entro 2 anni dall entrata in vigore del decreto, mentre entro il prossimo 31 dicembre 2010 dovrà essere emanato un decreto che disciplina le cooperative sociali ed il volontariato della protezione civile. 15

16 La lotta al lavoro irregolare Il decreto definisce come irregolari i lavoratori non indicati, al momento di una visita ispettiva, nei documenti obbligatori. Nel caso di lavoratori irregolari in misura pari o superiore al 20% degli occupati nell'azienda scatta la sospensione dell'attività. La sospensione dall'attività si applicherà anche quando siano state accertate gravi e reiterate violazioni in materia di sicurezza che saranno individuate con Decreto del Ministro del Lavoro. In attesa di questo provvedimento, le gravi violazioni sono quelle riportate nell'allegato 1 del D.Lgs. 81/08. La reiterazione si ha quando nei cinque anni successivi a una violazione, accertata con sentenza o con provvedimento sanzionatorio definitivo (prescrizione obbligatoria), lo stesso soggetto ne commette un'altra similare. Il provvedimento di sospensione per lavoro irregolare è un atto di grande rilevanza che può essere preso solo dagli Ispettori del Lavoro, mentre in materia di salute e sicurezza provvedono sia gli Ispettori del Lavoro sia quelli delle Asl. Per quanto riguarda la prevenzione incendi, invece, la competenza è esclusiva dei Vigili del Fuoco, cui devono essere riferiti eventuali accertamenti effettuati da altri organismi. La data certa Sicurezza sul Lavoro D.Lgs 81/08 (ex 626) La complessità della procedura necessaria ad ottenere la certezza della data viene semplificata. Viene introdotto il principio per il quale, in concreto, può essere sufficiente la sottoscrizione del documento da parte del datore di lavoro (il quale solo ne assume la giuridica responsabilità), del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e del medico competente, in alternativa alle procedure più complesse quali, ad esempio, la ratifica da parte di un Notaio o l utilizzo di un sistema di posta certificata finalizzati a conferire al documento la certezza della data. Lo stress da lavoro correlato Con riferimento all importante tema della valutazione dei rischi, si modifica l articolo 28, primo comma, del D.Lgs. 81/08 al fine di consentire la predisposizione di indicazioni operative alle quali le aziende possano fare riferimento per valutare con completezza il rischio da stress lavoro-correlato, rientrante tra i cosiddetti nuovi rischi e, quindi, meritevole di attenta ponderazione. Dopo le precedenti proroghe dell entrata in vigore della valutazione del rischio da stress lavoro-correlato viene dato mandato alla commissione consultiva di definire le regole per la valutazione di tale rischio. La valutazione dello stress lavoro-correlato, effettuata nel rispetto delle indicazioni della Commissione consultiva permanente per la salute e la sicurezza sul lavoro, decorre dall elaborazione delle predette indicazioni e comunque, anche in difetto di tale elaborazione, a far data dal 1 agosto Comunicazione nominativo RSL Viene modificato il sistema volto a migliorare gli attuali meccanismi di comunicazione del nominativo dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS) e degli infortuni che comportino assenze dal lavoro di durata superiore al giorno ma inferiore ai tre giorni, forieri entrambi di rilevanti dubbi applicativi. Il nuovo decreto prevede che i nominativi dei RLS vengano comunicati al sistema informativo, per il tramite degli istituti assicuratori (INAIL e IPSEMA) competenti. Inoltre viene disposto che non è necessario che la comunicazione sia effettuata annualmente (come disponeva il D.Lgs. 81/08); essa va fatta solo in caso di elezione, designazione o cambiamento dei nominativi precedentemente indicati. Per garantire l immediato e corretto avviamento della procedura, viene precisato che, in fase di prima applicazione, l obbligo di comunicazione riguarda i nominativi dei rappresentanti dei lavoratori già eletti o designati. 16

17 La patente a punti sulla sicurezza in edilizia Ai fini di una maggiore attenzione ai profili sostanziali della sicurezza, il nuovo decreto inserisce un dispositivo che tende a mettere fuori mercato le aziende che abbiano sistematicamente violato le disposizioni legali in materia di salute e sicurezza sul lavoro. In particolare, essa è diretta a fornire un criterio certo e semplice (quali i punti patente ) per la verifica della idoneità tecnico-professionale delle imprese edili, le quali verranno valutate tenendo conto di elementi quali l effettuazione delle attività di formazione e l assenza di sanzioni da parte degli organi di vigilanza. Mancanze o deficienze sotto questo punto di vista determineranno una riduzione dei punti assegnati. Come funzionerà la patente? Come per quella di guida, alle imprese ed ai lavoratori autonomi che operano nell'edilizia sarà attribuito un punteggio iniziale soggetto a decurtazione in seguito all'accertamento di violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro. L'azzeramento del punteggio per ripetute violazioni determinerà il blocco dell'attività e la chiusura dei cantieri. D.Lgs 81/08 ex Per saperne di piu' Termini e condizioni più dettagliati per il funzionamento della patente dovranno comunque essere individuati (dopo il confronto con le Regioni) con un decreto del presidente della Repubblica. In questo modo, sarà creato uno strumento di continua verifica dell'idoneità tecnico-professionale delle imprese edili. Il sistema di qualificazione rappresenterà, infine, un titolo preferenziale per l'assegnazione di appalti e finanziamenti pubblici. Il sistema sanzionatorio Il nuovo decreto realizza una rimodulazione dell ammontare delle pene previste per le violazioni di datore di lavoro e dirigente. Il decreto applica la più grave tra la sanzioni di cui al D.Lgs. 81/08 al solo caso in cui il datore di lavoro abbia del tutto omesso l adempimento degli obblighi in tema di valutazione dei rischi o di nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi. Viene comunque mantenuta la sanzione dell arresto ove le violazioni vengano realizzate in aziende ad elevato grado di rischio di infortunio ed in caso di omessa valutazione dei rischi nelle imprese edili che svolgano lavori di rilevante entità. Una sanzione più lieve (sola ammenda alla quale si estende l istituto della prescrizione) è prevista per le ipotesi di irregolarità parziali del documento di valutazione dei rischi. Lo stesso criterio è stato utilizzato per le altre ipotesi di parziale irregolarità del documento di valutazione dei rischi (DVR). Il comma 4 viene riscritto nella prospettiva di sanzionare penalmente la violazione di obblighi di importanza sostanziale e sanzionando solo in via amministrativa le violazioni di natura formale. Si mantiene la sanzione dell arresto (sempre alternativo all ammenda) per i datori di lavoro o i dirigenti che non forniscano ai lavoratori i necessari Dispositivi di Protezione Individuale. Il nuovo testo unico prevede infine che, per tutte le disposizioni, si applichino nei confronti dei lavoratori inadempienti sempre le stesse sanzioni, correlate alla inosservanza degli obblighi generali, oltre alla ipotesi specifica del rifiuto ingiustificato alla designazione per la gestione delle emergenze. Sempre relativamente agli obblighi dei lavoratori il nuovo testo unico abbassa i livelli delle sanzioni per i lavoratori. 17

18 SEMINARIO INTERREGIONALE DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE E DI FORMAZIONE DEDICATO ALLO STUDIO E APPROFONDIMENTO DELLE SEGUENTI TEMATICHE: PRIVACY (D.Lgs 196/2003) SICUREZZA SUL LAVORO (D.Lgs 81/08 ex 626) ANTIRICICLAGGIO (D.Lgs 231/07) RESPONSABILITA' GIURIDICA DELLE SOCIETA' (ENTI) (D.Lgs 231/01) Programma sintetico delle giornate 10 Ottobre Dalle ore 9:00 alle ore 20:30 Presentazione Saluti Istituzionali Le indagini scientifiche. Processo Imperfetto. La verità sul caso Cogne. Delitti Imperfetti. Relatore: Col. Dott. Luciano Garofano - Comandante R.I.S Parma Codice deontologico delle Camere Penali Relatore: Avv. Gianni Marasca Foro di Ancona La privacy e l organizzazione per il trattamento dei dati nei Consigli dell Ordine degli Avvocati e dei Dottori Commercialisti. Regolamenti interni e prassi applicative. Relatore: Avv. Antonio Tafuri Commissione Privacy e Security C.O.A. di Napoli Il danno da trattamento illecito e l inutilizzabilità dei dati. Relatore: Avv. Gianluca Bozzelli Commissione Privacy e Security C.O.A. di Napoli Linee guida in materia trattamento di dati personali da parte dei consulenti tecnici e dei periti ausiliari del Giudice, del Pubblico Ministero e delle parti private. Provvedimento del Garante pubblicato sulla G.U. n. 178 del 31 luglio 2008 Relatore: Avv. Stefano D Ammassa Commissione Privacy e Security C.O.A. di Napoli Presentazione del testo Privacy e professione forense a cura della Commissione Privacy & Security C.O.A. di Napoli, ed. Giannini (NA). Commento di alcuni casi pratici in materia di trattamento dei dati personali dei clienti. Relatore: Avv. Sergio Falcone Coordinatore Commissione Privacy e Security C.O.A. di Napoli Il D.Lgs 81/08 (ex 626) negli studi legali. Relatore: Ing. Franco Stronati L antiriciclaggio negli studi legali Relatore: Avv. Rosella Pepa Foro Ancona Computer crime. Relatore: Prof. Antonio Cilli - autore insieme ad altri dei testi Le nuove indagini finanziarie e patrimoniali e Il crimine economico e Computer forenser Gli impatti complessivi della normativa privacy sull attività degli investigatori privati e consulenti tecnici Relatore: Prof. Avv. Tiziano Luzi Università di Camerino Lectio Magistralis Il Codice Deontologico Privacy. L'inutilizzabilità dei dati trattati in violazione della norma. Il trattamento dati in ambito Giudiziario. Relatore: S.E. Dott. Giuseppe Chiaravalloti - Vice Presidente Autority per la Protezione dei dati Personali Roma L elaborazione del Codice Deontologico: protagonisti, tappe, risultati. Ruolo delle categorie professionali nell applicazione e nell evoluzione. Relatore: Dr. Luca Bolognini Presidente Istituto Italiano Privacy, curatore del testo Deontologia Privacy per avvocati ed investigatori privati. 18

19 Il Codice di Deontologia Privacy per la difesa in giudizio. Le principali novità, i nodi applicativi, gli impatti sulla professione forense. Relatore: Avv. Diego Fulco, Studio Legale Imperiali - Direttore Istituto Italiano Privacy, curatore del testo Deontologia Privacy per avvocati ed investigatori privati. Guida ai nuovi obblighi del codice deontologico privacy con vari riferimenti Relatore: Dott. Alessandro Rodolfi DataConSec, co-autore del testo Deontologia Privacy per avvocati ed investigatori privati Le misure idonee di sicurezza negli Studi Legali, nelle Agenzie investigative, negli studi dei consulenti tecnici dei magistrati, dei periti dei Giudici e dei consulenti delle parti private. La figura dell amministratore di sistema Relatore: Giulio Botta 28 Ottobre Dalle ore 9:00 alle ore 20:30 Presentazione Saluti Istituzionali Il Giornalismo Investigativo Definizioni e problemi del giornalismo investigativo Relatore. Prof. Francesco Sidoti Ordinario di Criminologia e Sociologia Università di L Aquila Corso di Laurea di Scienze delle Investigazioni. Danni da trattamento illegittimo ed illecito dei dati personali e sensibili. Danno da informazione: uso illecito o diffusione di informazioni false o parziali. Trattamento illecito dei dati personali via internet. Linee guida per il trattamento dei dati dei lavoratori in ambito pubblico. Relatore: Avv. Monica Gobbato Foro Milano La privacy nella Polizia Municipale Relatore: Ispettore Martino Papucci Responsabile Ufficio Formazione Direzione Corpo Polizia Municipale di Firenze Privacy negli enti Pubblici Relatore: Fabio Trojani - Avvocato specialista in diritto amministrativo, Consulente di aziende ed enti pubblici in tema di diritto delle ICT, Autore di pubblicazioni in materia L'amministratore di sistema Relatore: Avv. Fantini per lo Studio legale Frediani 29 Ottobre Dalle ore 9:00 alle ore 20:30 Presentazione Saluti Istituzionali Truffe.com Cellulari, internet, bancomat e carte di credito: come difendersi dalle frodi telematiche Relatore: Col. Umberto Rapetto - Comandante G.A.T. Guardia di Finanza. Autore del testo Truffe.com Riflessioni per le indagini nelle violenze che affliggono la società di oggi: L abuso di minori lo Stalking le violenze sessuali. Rischi di contaminazione della scena del crimine da parte degli operatori sanitari d'emergenza Relatori: Prof. Dott. Marco Strano Psicologo e Criminologo - Presidente - I.C.A.A. - Evidence Collector specialist con gli standard statunitensi della Sirchie Fingeprint Laboratories e Dott.ssa Maria Rosaria Bruscella Codice di deontologia relativo al trattamento dei dati personali nell'esercizio dell'attività giornalistica. Adempimenti, diritto di accesso, essenzialità dell informazione, cronaca e giustizia. Rassegna delle pronunce del Garante Relatore: Avv. Marianna Quaranta Commissione Privacy e Security C.O.A. di Napoli Linee guida in materia trattamento di dati personali da parte dei consulenti tecnici e dei periti ausiliari del Giudice, del Pubblico Ministero e delle parti private. Provvedimento del Garante pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 178 del 31 luglio 2008, Art. 7 codice deontologico per le indagini difensive e la tutela giudiziaria. Relatore: Avv. Stefano D Ammassa Commissione Privacy e Security C.O.A. di Napoli Il D.Lgs 81/08 (ex 626) negli Studi dei Medici. Relatore: Ing. Franco Stronati 19

20 Fondi integrativi Sanitari quale futuro per la libera professione Relatore: Dott. Filippo Bambara Danni da trattamento illegittimo e illecito dei dati personali. Danno da informazione: uso illecito o diffusione di informazioni false o parziali.trattamento illecito dei dati personali via internet. Autorizzazione Generale n. 3 e 5 Relatore: Avv Monica Gobbato. Autrice del testo danno da trattamento illecito dei dati. La privacy negli organismi sanitari pubblici e privati: adempimenti e cautele. Relatore: Avv. Diego Fulco, Studio Legale Imperiali - Direttore Istituto Italiano Privacy, curatore del testo Deontologia Privacy per avvocati ed investigatori privati. Trattamento dei dati sensibili nell'ambito di attività di informazione scientifica e di sperimentazione clinica di medicinali Relatore: Avv. Diego Fulco, Studio Legale Imperiali - Direttore Istituto Italiano Privacy, curatore del testo Deontologia Privacy per avvocati ed investigatori privati. L adozione di Modelli Organizzativi 231 nel settore sanitario e farmaceutico Relatore: Avv. Diego Fulco, Studio Legale Imperiali - Direttore Istituto Italiano Privacy, curatore del testo Deontologia Privacy per avvocati ed investigatori privati. I contratti e la rete. Aspetti legali dei contratti di hosting e housing. Il Commercio Elettronico: indicazioni per venditori e consumatori della rete. Tutela del consumatore Informatico. Cos'è il contratto di outsourcing e come va disciplinato Contratti per l adozione di misure di sicurezza: i diritti del Committente. Il contratto di realizzazione di pagine web. Aspetti penalistici del diritto informatico tra tendenze sociali e giurisprudenza. Aspetti giuridici sul cyberbullismo: responsabilità e soluzioni. La tutela dei bambini nell utilizzo internet e le problematiche connesse al cyberbullismo Cenni di diritto penale informatico per i reati informatici della 231/01. Ladri d'identità, "Identity Crimes". Cracking: le nuove misure UE. La contraffazione dei segni distintivi in internet: azioni a tutela delle aziende Relatore Avv. Fantini per lo Studio legale Frediani 30 ottobre Dalle ore 9:00 alle ore 20:30 Presentazione Saluti Istituzionali Introduzione e parte generale Avv. Giovanni Galeota Decreto Legislativo 231/2001 Proposta del MODELLO ORGANIZZATIVO I criteri di imputazione oggettiva dell illecito, la platea dei reati presupposto Principi Generali e criteri di attribuzione della responsabilità amministrativa Sanzioni in generale Responsabilità amministrativa da reato, Responsabilità patrimoniale e vicende modificative dell impresa: Procedimento di accertamento e di applicazione delle sanzioni amministrative Prove: Incompatibilità con l ufficio di testimone Misure cautelari. Indagini preliminari e udienza preliminare Procedimenti speciali, Impugnazioni, Esecuzione Il Modello di gestione, organizzazione e controllo ex D. Lgsl. 231/2001 Scopo, struttura e caratteristiche del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo. Procedure di base del controllo interno in conformità al Codice di Autodisciplina del Comitato per la Corporate Governance ed alle Linee Guida di Confindustria Piano di lavoro dell attività di controllo dell Organismo di Vigilanza in riferimento agli articoli 5, 6 e 7 del Decreto. Esposizione di alcune check lists, e di alcuni Questionari sul Controllo Interno Organo di Vigilanza Governance. Organo di Vigilanza Unità Operative, L'Organo di Vigilanza: nomina, struttura e funzioni; Aspetti giuridici dei reati informatici nella 231/01. Relatori: Dott. Paolo Baruffi - Commercialista in Milano, revisore contabile, socio dello Studio legale Carnelutti. Autore del testo Il Modello di organizzazione, gestione e controllo di cui al D.Lgs 231/2001 Prof. Avv. Mario Ippolito Avvocato, Commercialista e revisore contabile presso lo Studio legale Carnelutti. Autore del testo Il Modello di organizzazione, gestione e controllo di cui al D.Lgs 231/2001 Prof. Avv. Giuseppe Vaciago - Avvocato in Milano specializzato in diritto penale societario e in diritto penale delle nuove tecnologie. Autore del testo Il Modello di organizzazione, gestione e controllo di cui al D.Lgs 231/2001 Prof. Avv. Paolo Galdieri - Avvocato del Foro di Roma, Docente di informatica giuridica presso Università La Sapienza Roma. Prof. Avv. Giovanni Galeota - Avvocato Foro di Fermo Dott. Alberto Pesenato - Revisore Contabile, Dottore Commercialista. Autore del testo Modello di organizzazione gestione e controllo ex D.Lgs. 231/

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Argomenti 1) Trattamento dei dati personali. Cenno ai principi generali per il trattamento e la protezione

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

ai sensi del D.Lgs 231/2001

ai sensi del D.Lgs 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO GASPARINA DI SOPRA Società Cooperativa Sociale Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare 1 ELENCO DELLE

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ARGOMENTI TRATTATI DALL ING. GIULIANO DEGL INNOCENTI NEL SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER I COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung

Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung Samsung Electronics Italia S.p.A., con sede legale in Cernusco sul Naviglio (MI), Via C. Donat Cattin n. 5, P.IVA 11325690151

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 T.U. delle disposizioni legislative regolamentari in materia di spese di

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli