DOMANDE SULLE NORME IN MATERIA DI PUBBLICA SICUREZZA, EDILIZIA ED AUTORIZZAZIONI AMMINISTRATIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOMANDE SULLE NORME IN MATERIA DI PUBBLICA SICUREZZA, EDILIZIA ED AUTORIZZAZIONI AMMINISTRATIVE"

Transcript

1 DOMANDE SULLE NORME IN MATERIA DI PUBBLICA SICUREZZA, EDILIZIA ED AUTORIZZAZIONI AMMINISTRATIVE 1. Chiunque ottenga un autorizzazione di polizia deve osservare anche le prescrizioni che l autorità di pubblica sicurezza ritenga eventualmente di imporgli nel pubblico interesse: A) Sempre; B) Solo nel caso di licenze in materia di vigilanza ed investigazione; C) Solo nel caso di autorizzazioni di polizia in materia di armi, munizioni ed esplosivi. 2. Cosa prevede il regolamento edilizio? A) Cosa costruire; B) Come costruire; C) Dove costruire. 3. Da chi sono emanati i piani territoriali di coordinamento nazionali? A) Dalla regione; B) Dallo Stato; C) Dal comune. 4. Cosa è il Piano di lottizzazione? A) È uno strumento di attuazione del piano regolatore generale; B) È uno strumento di recupero edilizio; C) Un decreto regionale. 5. A chi è rilasciato il permesso di costruire? A) Al proprietario dell immobile o a chi abbia titolo, non limita diritti a terzi ed è trasferibile; B) A chiunque abbia interesse, non limita diritti a terzi e non è trasferibile; C) Al proprietario dell immobile o a chi abbia titolo, limita diritti a terzi e non è trasferibile. 6. Come può definirsi la funzione di polizia? A) Attività diretta a difendere lo Stato da attacchi esterni; B) Attività amministrativa volta ad attuare tutte le misure necessarie ad assicurare la pacifica convivenza e l ordinato svolgimento delle vite dei cittadini; C) Attività volta all accertamento e alla repressione dei reati. 7. Quale è, tra questi, un requisito per il rilascio di una autorizzazione di P.S.? A) La laurea; B) La maggiore età; C) L aver adempiuto all obbligo di leva. 8. Il permesso di costruire è: A) Sempre trasferibile; B) Rilasciato a chiunque abbia interesse, non limita diritti a terzi e non è trasferibile; C) Subordinato all esistenza delle opere di urbanizzazione primaria. 9. Quali, tra le seguenti, non sono autorizzazioni di polizia? A) Certificazioni; B) Licenze; C) Iscrizioni. 10. Quali documenti sono equipollenti alla carta di identità? A) Tutti quelli muniti di fotografia rilasciati o convalidati dalle Amministrazioni dello Stato; B) Esclusivamente il passaporto; C) Nessuno. 11. La carta di identità è immediatamente ed automaticamente titolo valido per l espatrio? A) No; B) No, salva autorizzazione del prefetto; C) Si, ma solo ai fini dell espatrio negli stati membri dell Unione europea e in quelli coi quali vigono appositi accordi internazionali.

2 12. Quale organo ha la responsabilità generale per la tutela dell ordine e della sicurezza pubblica? A) Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti; B) Il Ministero dell Interno; C) Il Ministero della Difesa. 13. La legge pone delle limitazioni al rilascio di un autorizzazione di polizia? A) Si, occorre provare l adempimento degli oneri fiscali stabiliti dalla legge; B) Si, possono ottenere autorizzazioni di polizia solo le persone che non siano pregiudicate oppure sottoposte a misure di sicurezza; C) Non pone limiti, ma si deve aver svolto il servizio militare. 14. L espulsione è sempre eseguita dal questore con accompagnamento alla frontiera a mezzo della forza pubblica? A) Si; B) No; C) Solo nei casi tassativamente indicati dal comma 4 dell articolo 13 del T.U. immigrazione. 15. Con il termine urbanistica si intende: A) La disciplina di un corretto uso del territorio; B) L insieme delle attività che concorrono alla realizzazione di edifici, strade, ponti; C) La procedura per la richiesta della DIA. 16. I piani particolareggiati sono: A) Lo strumento principale di attuazione del piano regolatore generale; B) Autorizzazione a costruire; C) Divieti a costruire. 17. Quale delle seguenti è una misura di prevenzione personale? A) Confisca dei beni; B) Sequestro dei beni; C) Sorveglianza speciale di pubblica sicurezza. 18. Per quali delle seguenti riunioni deve essere dato il preavviso al questore di cui all art. 18 del TULPS? A) Riunioni in luoghi pubblici e aperti al pubblico; B) Tutte le riunioni in luogo pubblico, comprese quelle elettorali; C) Riunioni in luogo pubblico, ad eccezione di quelle elettorali. 19. Le Regioni emanano i piani territoriali di coordinamento al fine di stabilire le direttive principali da specificare mediante i piani urbanistici: A) Provinciali; B) Comunali; C) Nazionali. 20. A quale delle seguenti autorità è possibile presentare ricorso contro l ordinanza con cui il prefetto ritiene fondato l accertamento di detenzione di stupefacenti? A) Giudice di pace; B) Tribunale; C) TAR. 21. Contro i provvedimenti dell Autorità di P.S. è ammesso ricorso? A) No; B) Si, nel termine di 30 giorni; C) No, salvo casi eccezionali stabiliti dalla legge. 22. Il capo della polizia edilizia è: A) L assessore all edilizia; B) Il Segretario comunale; C) Il Sindaco.

3 23. In quali casi è revocata la licenza concessa per l apertura di un esercizio pubblico? A) In caso di inattività non comunicata all autorità di P.S. superiore agli otto giorni; B) Non è ammesso l istituto della revoca; C) Per motivi di ordine pubblico. 24. Nel nostro ordinamento le bottiglie e gli involucri esplosivi incendiari sono considerati: A) Armi bianche; B) Armi da guerra; C) Non sono prese in considerazione dalla legislazione vigente. 25. Per le nuove costruzioni il certificato di agibilità è necessario? A) Si; B) È sostituibile con la DIA; C) È facoltativo. 26. Il piano regolatore generale ha natura: A) Normativa; B) Penale; C) Mista, ossia amministrativa e normativa. 27. L attività edilizia soggetta a permesso di costruire è quella relativa a : A) Interventi edilizi di eliminazione barriere architettoniche; B) Interventi edilizi di nuova costruzione; C) Opere temporanee di ricerca nel sottosuolo. 28. Cosa prevede il piano urbanistico? A) Cosa costruire; B) Come costruire; C) Dove costruire. 29. Le funzioni di controllo in materia edilizia sono esercitate: A) Dalla polizia municipale; B) Dalla polizia provinciale; C) Dalla guardia forestale. 30. Da chi può essere rilasciata l autorizzazione alla lottizzazione dei privati? A) Può essere rilasciata dalle regioni; B) Può essere rilasciata dalla province; C) Può essere rilasciata dai comuni. 31. La procedura di formazione ed approvazione del Piano regolatore generale è disciplinata: A) Dalla legge 1150/1942; B) Dal TUEL; C) Dalla legge 241/ Oltre alle previste sanzioni penali, in caso di infrazioni alle norme che regolano le attività per le quali è dalla legge richiesto il rilascio di un autorizzazione di polizia, l autorità amministrativa competente può adottare: A) Una sanzione disciplinare; B) L espropriazione; C) La sanzione amministrativa della sospensione o della revoca. 33. La norma che ha introdotto la SCIA in campo edilizio è: A) Il T.U. edilizia; B) Il decreto legge n. 78/2010; C) Il Codice dei beni culturali. 34. Quale, tra le seguenti, non è Autorità Locale di Pubblica Sicurezza? A) Sindaco; B) Questore; C) Presidente della Giunta Regionale.

4 35. La circolare del 16 settembre 2010 della presidenza del Consiglio dei ministri è tesa: A) A fornire elementi interpretativi sulla SCIA; B) A fissare sanzioni per mancata presentazione della SCIA; C) A disciplinare la lottizzazione. 36. Tra le norme statali di principio in materia di governo del territorio vi è: A) Il Codice dei beni culturali; B) Il Codice degli appalti; C) Lo statuto del comune. 37. Il permesso di costruire è: A) Oneroso, tipico e revocabile; B) Oneroso, tipico e irrevocabile; C) Gratuito, atipico e irrevocabile. 38. Qual è attualmente la durata di validità dei passaporti? A) Triennale per i minori di 3 anni, quinquennale per i minorenni dai 3 ai 18 anni, decennale per i maggiorenni; B) Decennale per tutti; C) Quinquennale per i minorenni, decennale per i maggiorenni. 39. Il certificato di agibilità viene rilasciato al fine di dichiarare: A) La sola sicurezza dell immobile; B) La sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti; C) Solo la salubrità ed il risparmio energetico degli immobili. 40. La gerarchia corretta degli strumenti del governo del territorio tra i piani territoriali di coordinamento e la lottizzazione abusiva è la seguente: A) Regionali, comunali, lottizzazione; B) Lottizzazione, comunali, regionali, nazionali; C) Nazionali, regionali, provinciali, comunali, intercomunali, lottizzazione. 41. L attività edilizia totalmente libera è quella relativa a: A) Interventi edilizi di ristrutturazione; B) Interventi edilizi di nuova costruzione; C) Interventi edilizi di manutenzione ordinaria. 42. È riconosciuto agli appartenenti alla Polizia di Stato il diritto di associarsi in Sindacati? A) Si, ma solo se sono rappresentati da persone appartenenti alla polizia stessa; B) Si, ma i rappresentanti non possono appartenere alla polizia di Stato; C) No. 43. L attività di custodia e vigilanza dei beni altrui può essere effettuata dagli istituti di vigilanza privata solo previo rilascio di: A) Una concessione del Presidente della Regione; B) Una licenza del Prefetto; C) Una autorizzazione del Sindaco. 44. A quale delle seguenti autorità il Ministro degli affari esteri non può delegare l esercizio del potere di rilascio dei passaporti? A) Al prefetto; B) Alle rappresentanze diplomatiche italiane all estero; C) Al questore. 45. Il certificato di agibilità cosa certifica dal punto di vista tecnico? A) L idoneità del tecnico ad effettuare la certificazione; B) La possibilità di innalzare di un piano un edificio; C) L idoneità della porzione immobiliare ad essere adibita ad uso abitativo.

5 46. Da chi sono esercitate le attribuzioni dell Autorità provinciale di P.S.? A) Prefetto e Questore; B) Questore e Sindaco; C) Prefetto e Sindaco. 47. Quale durata hanno, in genere, le Autorizzazioni di polizia? A) Tempo indeterminato; B) Tre anni; C) Cinque anni. 48. Gli investigatori privati possono conferire con persone interessate ad un procedimento penale al fine di individuare elementi di prova? A) No; B) Si, ma solo su autorizzazione del giudice; C) Solo su incarico di un avvocato. 49. Qual è il testo legislativo fondamentale di riferimento in materia di sicurezza e ordine pubblico nel nostro ordinamento? A) Il Codice penale; B) Il R.D. 6 novembre 1926 n. 1848; C) Il R.D. 18 giugno 1931, n Il patrimonio culturale è costituito ai sensi del Codice dei beni culturali: A) Dai beni culturali e dai beni paesaggistici; B) Dai beni di interesse storico; C) Dai beni culturali. 51. Gli ufficiali e gli agenti di P.S. possono accedere nei locali destinati all esercizio di attività soggette ad autorizzazione di polizia per compiere controlli? A) Solo con l autorizzazione dell Autorità giudiziaria; B) Sempre; C) Solo su autorizzazione del Garante per la protezione di dati personali. 52. Quale autorità rilascia la licenza per condurre un istituto di vigilanza privata? A) Il Ministero dell interno; B) Il Prefetto; C) Il Questore. 53. Con il termine edilizia si intende: A) La procedura per la richiesta della DIA; B) La disciplina di un corretto uso del territorio; C) L insieme delle attività che concorrono alla realizzazione di edifici, strade, ponti. 54. I piani regolatori generali intercomunali sono ancora previsti? A) Non sono più previsti dal 2001; B) Sono vietati; C) Sono previsti per lo sviluppo degli aggregati edilizi di due o più comuni. 55. Quali sono le fasi del procedimento di rilascio del permesso di costruire? A) Istruttoria, della comunicazione e dispositiva; B) Istruttoria, costitutiva e della comunicazione; C) Della comunicazione e dispositiva. 56. Qual è il diretto superiore gerarchico del Questore? A) Il Presidente della Regione; B) Il Sindaco; C) Il Prefetto. 57. Che cos è una riunione? A) Raccolta occasionale di più persone in un luogo pubblico; B) Adunanza preordinata di più persone appartenenti ad una associazione riconosciuta dallo Stato; C) Adunanza di più persone in base ad un preventivo accordo.

6 58. La disciplina urbanistica si attua attraverso: A) Il sistema gerarchico di strumenti di pianificazione del territorio; B) La polizia edilizia; C) La normativa regionale. 59. Il Regolamento edilizio: A) È uno strumento di attuazione del piano regolatore generale; B) È uno strumento di recupero edilizio; C) È un decreto regionale. 60. Cosa sono le autorizzazioni di polizia? A) Provvedimenti con i quali si autorizzano gli agenti di P.S. ad accedere nei locali pubblici per effettuare controlli; B) Atti a contenuto normativo con i quali vengono disciplinati in via generale alcuni rapporti; C) Atti amministrativi con i quali, nell interesse della collettività, vengono disciplinate attività, che solo in virtù del rilascio dell atto stesso possono essere legittimamente esercitate. 61. Da chi è rilasciata la carta di identità? A) Dal Prefetto; B) Dal Sindaco; C) Dal Commissariato di P.S. 62. Alla luce della giurisprudenza di legittimità e costituzionale, a seguito dell entrata in vigore della Costituzione repubblicana, l art. 18 del TULPS in tema di preavviso al questore si applica alle sole: A) Riunioni private; B) Riunioni in luogo aperto al pubblico; C) Riunioni in luogo pubblico. 63. Ai sensi della legge n. 47/1948 recante Disposizioni sulla stampa, diffamazione, reati attinenti alla professione e processo penale, ogni stampato deve indicare: A) Solo il luogo e l anno della pubblicazione; B) Tutti i riferimenti dell autore dello stampato; C) Il luogo e l anno della pubblicazione, nonché il nome e il domicilio dello stampatore e, se esiste, dell editore. 64. Qual è la sequenza degli atti che devono essere compiuti per sciogliere con la forza una riunione pubblica? A) Prima intimazione a sciogliersi. Seconda intimazione a sciogliersi. Terza intimazione a sciogliersi. Scioglimento con la forza; B) Primo invito a sciogliersi. Secondo invito a sciogliersi. Terzo invito a sciogliersi. Intimazione a sciogliersi. Scioglimento con la forza; C) Invito a sciogliersi. Prima intimazione a sciogliersi. Seconda intimazione a sciogliersi. Terza intimazione a sciogliersi. Scioglimento con la forza. 65. Il certificato di agibilità è previsto e disciplinato: A) Dalla legge Bucalossi ; B) Dall art. 24 T.U. edilizia; C) Dall art. 32 T.U. edilizia. 66. Cosa può contenere il piano regolatore generale? A) Norme limitative dello ius aedificandi; B) Norme di carattere tributario; C) Norme di efficacia retroattiva. 67. La legge n. 10/1997 detta Bucalossi ha previsto: A) L introduzione della SCIA; B) L introduzione della Super-DIA; C) Il passaggio dalla licenza edilizia alla concessione edilizia.

7 68. I Sindaci sono autorità locali di Pubblica Sicurezza? A) No; B) Solo nei Comuni nei quali non abbia sede un Ufficio di P.S.; C) Si, solo nei Comuni dove c è un ufficio di prefettura. 69. Gli ufficiali e gli agenti di P.S. quando possono ordinare ai cittadini di esibire la carta d identità? A) Sempre, nei confronti di persone sospette e/o pericolose; B) Esclusivamente in occasione di disordini pubblici; C) Mai. 70. Il passaporto può essere rilasciato: A) Ai soli cittadini italiani maggiorenni; B) Ai cittadini italiani e stranieri che ne facciano richiesta; C) A tutti i cittadini italiani, anche se minorenni, salve le limitazioni stabilite dalla legge. 71. Beni paesaggistici sono: A) Beni di interesse artistico e storico; B) Mostre e musei comunali; C) Beni espressione dei valori storici, culturali, naturali, morfologici ed estetici del territorio. 72. Una autorizzazione di polizia può essere concessa ad una società? A) Si, sempre; B) No, a meno che non sia una S.p.A.; C) No, salvo i casi indicati dalla legge. 73. Il normale assetto, nonché il regolare andamento della convivenza sociale inteso nel senso di garantire ai singoli il pacifico esercizio dei loro diritti prende il nome di: A) Buon costume; B) Sicurezza pubblica; C) Ordine pubblico. 74. L espulsione per motivi di ordine pubblico e sicurezza dello Stato è disposta: A) Dal Questore; B) Dal Ministro dell Interno; C) Dalle rappresentanze diplomatiche e consolari italiane all estero. 75. In base al Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali D.P.R. 18 agosto 2000, n. 267, in quali casi il rilascio della concessione edilizia (oggi permesso di costruire) spetta al responsabile dell ufficio e non al dirigente? A) Sempre; B) Solo nei Comuni privi di personale di qualifica dirigenziale; C) Solo se il dirigente ha espressamente delegato a tempo indeterminato il responsabile dell ufficio. 76. Se nel termine di 30 o 40 giorni non si è avuta risposta alla presentazione della domanda del permesso a costruire, cosa si forma? A) Il silenzio-assenso; B) Il silenzio-rifiuto; C) Il silenzio-rigetto. 77. Come esercitano l attività edilizia i comuni? A) Nell esercizio della propria autonomia statuaria e normativa ai sensi del D.Lgs. n. 267/2000; B) In osservanza alle disposizioni del Codice degli appalti; C) In osservanza della normativa provinciale. 78. A quale autorità compete il rilascio del passaporto? A) Ministero dell Interno; B) Prefetto; C) Ministero degli Affari esteri.

8 79. Un cittadino invitato a presentarsi davanti all Autorità di P.S. può rifiutarsi di farlo? A) Solo se c è un giustificato motivo; B) Solo su autorizzazione prefettizia; C) Mai. 80. Secondo la dottrina più accreditata, la procedura per il rilascio della SCIA è: A) Contenuta nel Codice civile; B) Contenuta nel Codice degli appalti; C) Assimilabile a quella relativa alla DIA. 81. Con la riforma del Titolo V della Costituzione, la nozione di governo del territorio: A) È opinione prevalente che non sia più ampia di quella urbanistica; B) È opinione prevalente che sia più ampia di quella urbanistica e comprendente l edilizia; C) È opinione prevalente che sia più ampia di quella urbanistica ma non comprendente l edilizia. 82. Il termine lottizzazione indica: A) Un intervento di ristrutturazione; B) La frammentazione del terreno in porzioni individuali detti lotti ; C) Un intervento di recupero edilizio. 83. Quale autorità può disporre il concorso delle forze di polizia per assicurare l attuazione delle ordinanze contingibili ed urgenti adottate dal sindaco per prevenire o eliminare pericoli per la sicurezza pubblica? A) Il Questore; B) Il Ministro dell interno; C) Il Prefetto. 84. Lo stato giuridico degli appartenenti alla polizia di Stato è: A) Civile; B) Militare; C) Religioso. 85. Quale autorità provvede a dare esecuzione ad un provvedimento di espulsione? A) Il Prefetto; B) Il Ministro dell Interno; C) Il Questore. 86. Beni culturali sono: A) Beni di interesse artistico, storico, archeologico o etno-antropologico; B) Beni paesaggistici; C) Mostre e musei comunali. 87. Il testo fondamentale in materia urbanistica è la: A) Legge , n. 1150; B) Legge , n. 10; C) Legge Nicolazzi , n Con quale documento il Comune è tenuto a disciplinare l attività edilizia e le modalità costruttive, con particolare riguardo al rispetto delle normative tecnico- estetiche, igienico-sanitarie, di sicurezza e vivibilità degli immobili? A) Il regolamento edilizio comunale; B) Le norme tecniche di attuazione del piano regolatore generale; C) Il regolamento locale di igiene. 89. La polizia edilizia svolge duplice funzione di: A) Polizia fiscale e polizia amministrativa; B) Polizia rurale e polizia giudiziaria; C) Polizia giudiziaria e polizia amministrativa.

9 90. I piani urbanistici programmatici sono: A) Strumenti di pianificazione del territorio; B) Certificati relativi alla DIA; C) Certificati relativi alla SCIA. 91. In caso di violazione edilizia, la polizia municipale instaura: A) Due procedimenti paralleli, uno penale e uno amministrativo; B) Solo un procedimento amministrativo; C) Prima un procedimento penale e poi un procedimento amministrativo. 92. La procedura di lottizzazione: A) Non è possibile effettuarla prima dell approvazione del Piano regolatore generale o particolareggiato; B) È uno strumento di recupero edilizio; C) Si avvia con un decreto regionale. 93. Quali sono le autorità che possono essere delegate dal Ministro per gli affari esteri al rilascio, rinnovo, ritiro e restituzione del passaporto? A) Il sindaco del comune di residenza e il questore della provincia di residenza; B) Esclusivamente i questori; C) I questori e i rappresentanti diplomatici e consolari italiani all estero, nonché. In casi eccezionali, gli ispettori di frontiera. 94. La fase costitutiva della procedura per il rilascio del permesso a costruire: A) È successiva alla comunicazione; B) È successiva all istruttoria; C) Non è prevista. 95. Il piano regolatore generale è emanato: A) Dallo Stato; B) Dal Comune; C) Dalla Regione. 96. Il regolamento edilizio è: A) Il permesso di costruire; B) Lo strumento urbanistico che fissa distanze, altezze e prescrizioni dei singoli edifici; C) L atto emanato dal Ministro delle attività produttive per lo sviluppo dell edilizia. 97. I piani territoriali di coordinamento statali stabiliscono direttive in merito: A) Alle località da scegliere come sedi di nuovi nuclei edilizi o impianti di particolare natura e importanza; B) Alla collocazione dei dispositivi di rilevazione di velocità; C) Alle zone a traffico limitato. 98. Da chi è deliberato il piano regolatore generale? A) Dal consiglio comunale; B) Dal consiglio regionale; C) Dalla giunta regionale. 99. Quali sanzioni penali sono previste dal T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, e s.m.i. nel caso di esecuzione dei lavori in totale difformità o assenza del permesso di costruire? A) L ammenda fino a euro ; B) L arresto fino a due anni e l ammenda da euro a euro ; C) L arresto fino a due anni e l ammenda da euro a euro Le cd. armi bianche, quali i pugnali e le sciabole, sono: A) Armi proprie; B) Armi comuni; C) Armi improprie.

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia

Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia Sommario: 1. Premessa. - 2. Gli ordini e le ordinanze. - 3. Le autorizzazioni. - 4. Segue: Competenza al rilascio delle autorizzazioni. - 5. Segue: La disciplina

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali 1. Ogni cittadino è libero, salvi gli obblighi di legge, di uscire dal territorio della Repubblica, valendosi

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art.

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. 21 legge 241/90) Al Sindaco del Comune di. Il sottoscritto Cognome Nome Codice

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n.

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n. Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150 (G.U. 31 agosto 1967, n. 218) INDICE Art. 1... 2 Art. 2... 2 Art. 3... 2 Art. 4... 3 Art. 5... 3

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Ordinamento del personale degli enti locali

Ordinamento del personale degli enti locali Questionario n. 2 Ordinamento del personale degli enti locali 1) Qual è la differenza tra rapporto organico e rapporto di servizio? A) Il rapporto organico non ha natura giuridica, il rapporto di servizio

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata.

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Marte ZANETTE T.S.N. LECCE LA LEGGE E LE ARMI Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Le leggi vigenti - Nozione di arma La legge penale stabilisce che per armi si intendono: quelle da sparo e tutte

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

NUOVI SINDACI: POTERI E RESPONSABILITÀ

NUOVI SINDACI: POTERI E RESPONSABILITÀ Liuc Papers n. 164, Serie Impresa e Istituzioni, 22, suppl. a febbraio 2005 NUOVI SINDACI: POTERI E RESPONSABILITÀ Umberto Fantigrossi PARTE I - PRINCIPI ED ASPETTI ISTITUZIONALI 1. Il Comune nel nuovo

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli