DOMANDE SULLE NORME IN MATERIA DI PUBBLICA SICUREZZA, EDILIZIA ED AUTORIZZAZIONI AMMINISTRATIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOMANDE SULLE NORME IN MATERIA DI PUBBLICA SICUREZZA, EDILIZIA ED AUTORIZZAZIONI AMMINISTRATIVE"

Transcript

1 DOMANDE SULLE NORME IN MATERIA DI PUBBLICA SICUREZZA, EDILIZIA ED AUTORIZZAZIONI AMMINISTRATIVE 1. Chiunque ottenga un autorizzazione di polizia deve osservare anche le prescrizioni che l autorità di pubblica sicurezza ritenga eventualmente di imporgli nel pubblico interesse: A) Sempre; B) Solo nel caso di licenze in materia di vigilanza ed investigazione; C) Solo nel caso di autorizzazioni di polizia in materia di armi, munizioni ed esplosivi. 2. Cosa prevede il regolamento edilizio? A) Cosa costruire; B) Come costruire; C) Dove costruire. 3. Da chi sono emanati i piani territoriali di coordinamento nazionali? A) Dalla regione; B) Dallo Stato; C) Dal comune. 4. Cosa è il Piano di lottizzazione? A) È uno strumento di attuazione del piano regolatore generale; B) È uno strumento di recupero edilizio; C) Un decreto regionale. 5. A chi è rilasciato il permesso di costruire? A) Al proprietario dell immobile o a chi abbia titolo, non limita diritti a terzi ed è trasferibile; B) A chiunque abbia interesse, non limita diritti a terzi e non è trasferibile; C) Al proprietario dell immobile o a chi abbia titolo, limita diritti a terzi e non è trasferibile. 6. Come può definirsi la funzione di polizia? A) Attività diretta a difendere lo Stato da attacchi esterni; B) Attività amministrativa volta ad attuare tutte le misure necessarie ad assicurare la pacifica convivenza e l ordinato svolgimento delle vite dei cittadini; C) Attività volta all accertamento e alla repressione dei reati. 7. Quale è, tra questi, un requisito per il rilascio di una autorizzazione di P.S.? A) La laurea; B) La maggiore età; C) L aver adempiuto all obbligo di leva. 8. Il permesso di costruire è: A) Sempre trasferibile; B) Rilasciato a chiunque abbia interesse, non limita diritti a terzi e non è trasferibile; C) Subordinato all esistenza delle opere di urbanizzazione primaria. 9. Quali, tra le seguenti, non sono autorizzazioni di polizia? A) Certificazioni; B) Licenze; C) Iscrizioni. 10. Quali documenti sono equipollenti alla carta di identità? A) Tutti quelli muniti di fotografia rilasciati o convalidati dalle Amministrazioni dello Stato; B) Esclusivamente il passaporto; C) Nessuno. 11. La carta di identità è immediatamente ed automaticamente titolo valido per l espatrio? A) No; B) No, salva autorizzazione del prefetto; C) Si, ma solo ai fini dell espatrio negli stati membri dell Unione europea e in quelli coi quali vigono appositi accordi internazionali.

2 12. Quale organo ha la responsabilità generale per la tutela dell ordine e della sicurezza pubblica? A) Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti; B) Il Ministero dell Interno; C) Il Ministero della Difesa. 13. La legge pone delle limitazioni al rilascio di un autorizzazione di polizia? A) Si, occorre provare l adempimento degli oneri fiscali stabiliti dalla legge; B) Si, possono ottenere autorizzazioni di polizia solo le persone che non siano pregiudicate oppure sottoposte a misure di sicurezza; C) Non pone limiti, ma si deve aver svolto il servizio militare. 14. L espulsione è sempre eseguita dal questore con accompagnamento alla frontiera a mezzo della forza pubblica? A) Si; B) No; C) Solo nei casi tassativamente indicati dal comma 4 dell articolo 13 del T.U. immigrazione. 15. Con il termine urbanistica si intende: A) La disciplina di un corretto uso del territorio; B) L insieme delle attività che concorrono alla realizzazione di edifici, strade, ponti; C) La procedura per la richiesta della DIA. 16. I piani particolareggiati sono: A) Lo strumento principale di attuazione del piano regolatore generale; B) Autorizzazione a costruire; C) Divieti a costruire. 17. Quale delle seguenti è una misura di prevenzione personale? A) Confisca dei beni; B) Sequestro dei beni; C) Sorveglianza speciale di pubblica sicurezza. 18. Per quali delle seguenti riunioni deve essere dato il preavviso al questore di cui all art. 18 del TULPS? A) Riunioni in luoghi pubblici e aperti al pubblico; B) Tutte le riunioni in luogo pubblico, comprese quelle elettorali; C) Riunioni in luogo pubblico, ad eccezione di quelle elettorali. 19. Le Regioni emanano i piani territoriali di coordinamento al fine di stabilire le direttive principali da specificare mediante i piani urbanistici: A) Provinciali; B) Comunali; C) Nazionali. 20. A quale delle seguenti autorità è possibile presentare ricorso contro l ordinanza con cui il prefetto ritiene fondato l accertamento di detenzione di stupefacenti? A) Giudice di pace; B) Tribunale; C) TAR. 21. Contro i provvedimenti dell Autorità di P.S. è ammesso ricorso? A) No; B) Si, nel termine di 30 giorni; C) No, salvo casi eccezionali stabiliti dalla legge. 22. Il capo della polizia edilizia è: A) L assessore all edilizia; B) Il Segretario comunale; C) Il Sindaco.

3 23. In quali casi è revocata la licenza concessa per l apertura di un esercizio pubblico? A) In caso di inattività non comunicata all autorità di P.S. superiore agli otto giorni; B) Non è ammesso l istituto della revoca; C) Per motivi di ordine pubblico. 24. Nel nostro ordinamento le bottiglie e gli involucri esplosivi incendiari sono considerati: A) Armi bianche; B) Armi da guerra; C) Non sono prese in considerazione dalla legislazione vigente. 25. Per le nuove costruzioni il certificato di agibilità è necessario? A) Si; B) È sostituibile con la DIA; C) È facoltativo. 26. Il piano regolatore generale ha natura: A) Normativa; B) Penale; C) Mista, ossia amministrativa e normativa. 27. L attività edilizia soggetta a permesso di costruire è quella relativa a : A) Interventi edilizi di eliminazione barriere architettoniche; B) Interventi edilizi di nuova costruzione; C) Opere temporanee di ricerca nel sottosuolo. 28. Cosa prevede il piano urbanistico? A) Cosa costruire; B) Come costruire; C) Dove costruire. 29. Le funzioni di controllo in materia edilizia sono esercitate: A) Dalla polizia municipale; B) Dalla polizia provinciale; C) Dalla guardia forestale. 30. Da chi può essere rilasciata l autorizzazione alla lottizzazione dei privati? A) Può essere rilasciata dalle regioni; B) Può essere rilasciata dalla province; C) Può essere rilasciata dai comuni. 31. La procedura di formazione ed approvazione del Piano regolatore generale è disciplinata: A) Dalla legge 1150/1942; B) Dal TUEL; C) Dalla legge 241/ Oltre alle previste sanzioni penali, in caso di infrazioni alle norme che regolano le attività per le quali è dalla legge richiesto il rilascio di un autorizzazione di polizia, l autorità amministrativa competente può adottare: A) Una sanzione disciplinare; B) L espropriazione; C) La sanzione amministrativa della sospensione o della revoca. 33. La norma che ha introdotto la SCIA in campo edilizio è: A) Il T.U. edilizia; B) Il decreto legge n. 78/2010; C) Il Codice dei beni culturali. 34. Quale, tra le seguenti, non è Autorità Locale di Pubblica Sicurezza? A) Sindaco; B) Questore; C) Presidente della Giunta Regionale.

4 35. La circolare del 16 settembre 2010 della presidenza del Consiglio dei ministri è tesa: A) A fornire elementi interpretativi sulla SCIA; B) A fissare sanzioni per mancata presentazione della SCIA; C) A disciplinare la lottizzazione. 36. Tra le norme statali di principio in materia di governo del territorio vi è: A) Il Codice dei beni culturali; B) Il Codice degli appalti; C) Lo statuto del comune. 37. Il permesso di costruire è: A) Oneroso, tipico e revocabile; B) Oneroso, tipico e irrevocabile; C) Gratuito, atipico e irrevocabile. 38. Qual è attualmente la durata di validità dei passaporti? A) Triennale per i minori di 3 anni, quinquennale per i minorenni dai 3 ai 18 anni, decennale per i maggiorenni; B) Decennale per tutti; C) Quinquennale per i minorenni, decennale per i maggiorenni. 39. Il certificato di agibilità viene rilasciato al fine di dichiarare: A) La sola sicurezza dell immobile; B) La sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti; C) Solo la salubrità ed il risparmio energetico degli immobili. 40. La gerarchia corretta degli strumenti del governo del territorio tra i piani territoriali di coordinamento e la lottizzazione abusiva è la seguente: A) Regionali, comunali, lottizzazione; B) Lottizzazione, comunali, regionali, nazionali; C) Nazionali, regionali, provinciali, comunali, intercomunali, lottizzazione. 41. L attività edilizia totalmente libera è quella relativa a: A) Interventi edilizi di ristrutturazione; B) Interventi edilizi di nuova costruzione; C) Interventi edilizi di manutenzione ordinaria. 42. È riconosciuto agli appartenenti alla Polizia di Stato il diritto di associarsi in Sindacati? A) Si, ma solo se sono rappresentati da persone appartenenti alla polizia stessa; B) Si, ma i rappresentanti non possono appartenere alla polizia di Stato; C) No. 43. L attività di custodia e vigilanza dei beni altrui può essere effettuata dagli istituti di vigilanza privata solo previo rilascio di: A) Una concessione del Presidente della Regione; B) Una licenza del Prefetto; C) Una autorizzazione del Sindaco. 44. A quale delle seguenti autorità il Ministro degli affari esteri non può delegare l esercizio del potere di rilascio dei passaporti? A) Al prefetto; B) Alle rappresentanze diplomatiche italiane all estero; C) Al questore. 45. Il certificato di agibilità cosa certifica dal punto di vista tecnico? A) L idoneità del tecnico ad effettuare la certificazione; B) La possibilità di innalzare di un piano un edificio; C) L idoneità della porzione immobiliare ad essere adibita ad uso abitativo.

5 46. Da chi sono esercitate le attribuzioni dell Autorità provinciale di P.S.? A) Prefetto e Questore; B) Questore e Sindaco; C) Prefetto e Sindaco. 47. Quale durata hanno, in genere, le Autorizzazioni di polizia? A) Tempo indeterminato; B) Tre anni; C) Cinque anni. 48. Gli investigatori privati possono conferire con persone interessate ad un procedimento penale al fine di individuare elementi di prova? A) No; B) Si, ma solo su autorizzazione del giudice; C) Solo su incarico di un avvocato. 49. Qual è il testo legislativo fondamentale di riferimento in materia di sicurezza e ordine pubblico nel nostro ordinamento? A) Il Codice penale; B) Il R.D. 6 novembre 1926 n. 1848; C) Il R.D. 18 giugno 1931, n Il patrimonio culturale è costituito ai sensi del Codice dei beni culturali: A) Dai beni culturali e dai beni paesaggistici; B) Dai beni di interesse storico; C) Dai beni culturali. 51. Gli ufficiali e gli agenti di P.S. possono accedere nei locali destinati all esercizio di attività soggette ad autorizzazione di polizia per compiere controlli? A) Solo con l autorizzazione dell Autorità giudiziaria; B) Sempre; C) Solo su autorizzazione del Garante per la protezione di dati personali. 52. Quale autorità rilascia la licenza per condurre un istituto di vigilanza privata? A) Il Ministero dell interno; B) Il Prefetto; C) Il Questore. 53. Con il termine edilizia si intende: A) La procedura per la richiesta della DIA; B) La disciplina di un corretto uso del territorio; C) L insieme delle attività che concorrono alla realizzazione di edifici, strade, ponti. 54. I piani regolatori generali intercomunali sono ancora previsti? A) Non sono più previsti dal 2001; B) Sono vietati; C) Sono previsti per lo sviluppo degli aggregati edilizi di due o più comuni. 55. Quali sono le fasi del procedimento di rilascio del permesso di costruire? A) Istruttoria, della comunicazione e dispositiva; B) Istruttoria, costitutiva e della comunicazione; C) Della comunicazione e dispositiva. 56. Qual è il diretto superiore gerarchico del Questore? A) Il Presidente della Regione; B) Il Sindaco; C) Il Prefetto. 57. Che cos è una riunione? A) Raccolta occasionale di più persone in un luogo pubblico; B) Adunanza preordinata di più persone appartenenti ad una associazione riconosciuta dallo Stato; C) Adunanza di più persone in base ad un preventivo accordo.

6 58. La disciplina urbanistica si attua attraverso: A) Il sistema gerarchico di strumenti di pianificazione del territorio; B) La polizia edilizia; C) La normativa regionale. 59. Il Regolamento edilizio: A) È uno strumento di attuazione del piano regolatore generale; B) È uno strumento di recupero edilizio; C) È un decreto regionale. 60. Cosa sono le autorizzazioni di polizia? A) Provvedimenti con i quali si autorizzano gli agenti di P.S. ad accedere nei locali pubblici per effettuare controlli; B) Atti a contenuto normativo con i quali vengono disciplinati in via generale alcuni rapporti; C) Atti amministrativi con i quali, nell interesse della collettività, vengono disciplinate attività, che solo in virtù del rilascio dell atto stesso possono essere legittimamente esercitate. 61. Da chi è rilasciata la carta di identità? A) Dal Prefetto; B) Dal Sindaco; C) Dal Commissariato di P.S. 62. Alla luce della giurisprudenza di legittimità e costituzionale, a seguito dell entrata in vigore della Costituzione repubblicana, l art. 18 del TULPS in tema di preavviso al questore si applica alle sole: A) Riunioni private; B) Riunioni in luogo aperto al pubblico; C) Riunioni in luogo pubblico. 63. Ai sensi della legge n. 47/1948 recante Disposizioni sulla stampa, diffamazione, reati attinenti alla professione e processo penale, ogni stampato deve indicare: A) Solo il luogo e l anno della pubblicazione; B) Tutti i riferimenti dell autore dello stampato; C) Il luogo e l anno della pubblicazione, nonché il nome e il domicilio dello stampatore e, se esiste, dell editore. 64. Qual è la sequenza degli atti che devono essere compiuti per sciogliere con la forza una riunione pubblica? A) Prima intimazione a sciogliersi. Seconda intimazione a sciogliersi. Terza intimazione a sciogliersi. Scioglimento con la forza; B) Primo invito a sciogliersi. Secondo invito a sciogliersi. Terzo invito a sciogliersi. Intimazione a sciogliersi. Scioglimento con la forza; C) Invito a sciogliersi. Prima intimazione a sciogliersi. Seconda intimazione a sciogliersi. Terza intimazione a sciogliersi. Scioglimento con la forza. 65. Il certificato di agibilità è previsto e disciplinato: A) Dalla legge Bucalossi ; B) Dall art. 24 T.U. edilizia; C) Dall art. 32 T.U. edilizia. 66. Cosa può contenere il piano regolatore generale? A) Norme limitative dello ius aedificandi; B) Norme di carattere tributario; C) Norme di efficacia retroattiva. 67. La legge n. 10/1997 detta Bucalossi ha previsto: A) L introduzione della SCIA; B) L introduzione della Super-DIA; C) Il passaggio dalla licenza edilizia alla concessione edilizia.

7 68. I Sindaci sono autorità locali di Pubblica Sicurezza? A) No; B) Solo nei Comuni nei quali non abbia sede un Ufficio di P.S.; C) Si, solo nei Comuni dove c è un ufficio di prefettura. 69. Gli ufficiali e gli agenti di P.S. quando possono ordinare ai cittadini di esibire la carta d identità? A) Sempre, nei confronti di persone sospette e/o pericolose; B) Esclusivamente in occasione di disordini pubblici; C) Mai. 70. Il passaporto può essere rilasciato: A) Ai soli cittadini italiani maggiorenni; B) Ai cittadini italiani e stranieri che ne facciano richiesta; C) A tutti i cittadini italiani, anche se minorenni, salve le limitazioni stabilite dalla legge. 71. Beni paesaggistici sono: A) Beni di interesse artistico e storico; B) Mostre e musei comunali; C) Beni espressione dei valori storici, culturali, naturali, morfologici ed estetici del territorio. 72. Una autorizzazione di polizia può essere concessa ad una società? A) Si, sempre; B) No, a meno che non sia una S.p.A.; C) No, salvo i casi indicati dalla legge. 73. Il normale assetto, nonché il regolare andamento della convivenza sociale inteso nel senso di garantire ai singoli il pacifico esercizio dei loro diritti prende il nome di: A) Buon costume; B) Sicurezza pubblica; C) Ordine pubblico. 74. L espulsione per motivi di ordine pubblico e sicurezza dello Stato è disposta: A) Dal Questore; B) Dal Ministro dell Interno; C) Dalle rappresentanze diplomatiche e consolari italiane all estero. 75. In base al Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali D.P.R. 18 agosto 2000, n. 267, in quali casi il rilascio della concessione edilizia (oggi permesso di costruire) spetta al responsabile dell ufficio e non al dirigente? A) Sempre; B) Solo nei Comuni privi di personale di qualifica dirigenziale; C) Solo se il dirigente ha espressamente delegato a tempo indeterminato il responsabile dell ufficio. 76. Se nel termine di 30 o 40 giorni non si è avuta risposta alla presentazione della domanda del permesso a costruire, cosa si forma? A) Il silenzio-assenso; B) Il silenzio-rifiuto; C) Il silenzio-rigetto. 77. Come esercitano l attività edilizia i comuni? A) Nell esercizio della propria autonomia statuaria e normativa ai sensi del D.Lgs. n. 267/2000; B) In osservanza alle disposizioni del Codice degli appalti; C) In osservanza della normativa provinciale. 78. A quale autorità compete il rilascio del passaporto? A) Ministero dell Interno; B) Prefetto; C) Ministero degli Affari esteri.

8 79. Un cittadino invitato a presentarsi davanti all Autorità di P.S. può rifiutarsi di farlo? A) Solo se c è un giustificato motivo; B) Solo su autorizzazione prefettizia; C) Mai. 80. Secondo la dottrina più accreditata, la procedura per il rilascio della SCIA è: A) Contenuta nel Codice civile; B) Contenuta nel Codice degli appalti; C) Assimilabile a quella relativa alla DIA. 81. Con la riforma del Titolo V della Costituzione, la nozione di governo del territorio: A) È opinione prevalente che non sia più ampia di quella urbanistica; B) È opinione prevalente che sia più ampia di quella urbanistica e comprendente l edilizia; C) È opinione prevalente che sia più ampia di quella urbanistica ma non comprendente l edilizia. 82. Il termine lottizzazione indica: A) Un intervento di ristrutturazione; B) La frammentazione del terreno in porzioni individuali detti lotti ; C) Un intervento di recupero edilizio. 83. Quale autorità può disporre il concorso delle forze di polizia per assicurare l attuazione delle ordinanze contingibili ed urgenti adottate dal sindaco per prevenire o eliminare pericoli per la sicurezza pubblica? A) Il Questore; B) Il Ministro dell interno; C) Il Prefetto. 84. Lo stato giuridico degli appartenenti alla polizia di Stato è: A) Civile; B) Militare; C) Religioso. 85. Quale autorità provvede a dare esecuzione ad un provvedimento di espulsione? A) Il Prefetto; B) Il Ministro dell Interno; C) Il Questore. 86. Beni culturali sono: A) Beni di interesse artistico, storico, archeologico o etno-antropologico; B) Beni paesaggistici; C) Mostre e musei comunali. 87. Il testo fondamentale in materia urbanistica è la: A) Legge , n. 1150; B) Legge , n. 10; C) Legge Nicolazzi , n Con quale documento il Comune è tenuto a disciplinare l attività edilizia e le modalità costruttive, con particolare riguardo al rispetto delle normative tecnico- estetiche, igienico-sanitarie, di sicurezza e vivibilità degli immobili? A) Il regolamento edilizio comunale; B) Le norme tecniche di attuazione del piano regolatore generale; C) Il regolamento locale di igiene. 89. La polizia edilizia svolge duplice funzione di: A) Polizia fiscale e polizia amministrativa; B) Polizia rurale e polizia giudiziaria; C) Polizia giudiziaria e polizia amministrativa.

9 90. I piani urbanistici programmatici sono: A) Strumenti di pianificazione del territorio; B) Certificati relativi alla DIA; C) Certificati relativi alla SCIA. 91. In caso di violazione edilizia, la polizia municipale instaura: A) Due procedimenti paralleli, uno penale e uno amministrativo; B) Solo un procedimento amministrativo; C) Prima un procedimento penale e poi un procedimento amministrativo. 92. La procedura di lottizzazione: A) Non è possibile effettuarla prima dell approvazione del Piano regolatore generale o particolareggiato; B) È uno strumento di recupero edilizio; C) Si avvia con un decreto regionale. 93. Quali sono le autorità che possono essere delegate dal Ministro per gli affari esteri al rilascio, rinnovo, ritiro e restituzione del passaporto? A) Il sindaco del comune di residenza e il questore della provincia di residenza; B) Esclusivamente i questori; C) I questori e i rappresentanti diplomatici e consolari italiani all estero, nonché. In casi eccezionali, gli ispettori di frontiera. 94. La fase costitutiva della procedura per il rilascio del permesso a costruire: A) È successiva alla comunicazione; B) È successiva all istruttoria; C) Non è prevista. 95. Il piano regolatore generale è emanato: A) Dallo Stato; B) Dal Comune; C) Dalla Regione. 96. Il regolamento edilizio è: A) Il permesso di costruire; B) Lo strumento urbanistico che fissa distanze, altezze e prescrizioni dei singoli edifici; C) L atto emanato dal Ministro delle attività produttive per lo sviluppo dell edilizia. 97. I piani territoriali di coordinamento statali stabiliscono direttive in merito: A) Alle località da scegliere come sedi di nuovi nuclei edilizi o impianti di particolare natura e importanza; B) Alla collocazione dei dispositivi di rilevazione di velocità; C) Alle zone a traffico limitato. 98. Da chi è deliberato il piano regolatore generale? A) Dal consiglio comunale; B) Dal consiglio regionale; C) Dalla giunta regionale. 99. Quali sanzioni penali sono previste dal T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, e s.m.i. nel caso di esecuzione dei lavori in totale difformità o assenza del permesso di costruire? A) L ammenda fino a euro ; B) L arresto fino a due anni e l ammenda da euro a euro ; C) L arresto fino a due anni e l ammenda da euro a euro Le cd. armi bianche, quali i pugnali e le sciabole, sono: A) Armi proprie; B) Armi comuni; C) Armi improprie.

LEGGI E REGOLAMENTI DI P.S. Page 1

LEGGI E REGOLAMENTI DI P.S. Page 1 1 Quale autorità può disporre il concorso delle forze di polizia per assicurare l'attuazione delle ordinanze contingibili ed urgenti adottate dal sindaco per prevenire o eliminare pericoli per la sicurezza

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI SOMMARIO Capitolo Primo DISPOSIZIONI GENERALI 1 1.1. L ambito di applicazione della legge 1 1.2. Il quadro generale dei diritti 8 1.3. Diritti espressamente garantiti dalla Costituzione agli stranieri

Dettagli

19 Dei prestatori d opera e dei direttori di stabilimenti TITOLO IV

19 Dei prestatori d opera e dei direttori di stabilimenti TITOLO IV 203 R.D. 6 MAGGIO 1940, N. 635 19 Dei prestatori d opera e dei direttori di stabilimenti [248] (1). (1) Art. abrogato ex d.lgs. 13-7-1994, n. 480 (art. 13). TITOLO IV 248-250 Delle guardie particolari

Dettagli

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99)

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Titolo/argomento: _T.U. delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura

Dettagli

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali CONVEGNO La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali Ferrara, 20 21 aprile 2012012 a, 20 21 aprile 2012 Beni culturali e normativa urbanistica Giovanni Rizzi Notaio in Vicenza 2 Disciplina

Dettagli

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Calabria Legge della Regione Calabria 7 marzo 2011, n. 4, recante Misure per garantire la legalità

Dettagli

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Città di Giugliano incampania Provincia di Napoli Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Approvato con Delibera del Commissario Straordinario

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA MUNICIPALE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento

Dettagli

DECRETO LEGGE RECANTE MISURE URGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA PUBBLICA

DECRETO LEGGE RECANTE MISURE URGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA PUBBLICA UFFICIOSTAMPAECOMUNICAZIONE DECRETO LEGGE RECANTE MISURE URGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA PUBBLICA Nuove norme per contrastare l immigrazione clandestina: espulsioni più facili e confisca degli appartamenti

Dettagli

COMUNE DI VALENTANO. Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO

COMUNE DI VALENTANO. Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO COMUNE DI VALENTANO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 16 del 05.08.2014 INDICE

Dettagli

http://www.ti.ch/can/argomenti/legislaz/rleggi/rl/dati_rl/f/s/16.htm

http://www.ti.ch/can/argomenti/legislaz/rleggi/rl/dati_rl/f/s/16.htm Pagina 1 di 5 Legge sulle attività private di investigazione e di sorveglianza (dell 8 novembre 1976) 1.4.3.1 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 10 aprile 1974 n. 1958

Dettagli

PREFETTURA e QUESTURA

PREFETTURA e QUESTURA PREFETTURA e QUESTURA Presentazione a cura di Donatella Giunti e Loredana Arena Assistente Sociale della Ispettore Capo della Prefettura di Torino Polizia di Stato Area IV Diritti Civili, Cittadinanza,

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO. Provincia di Bologna

COMUNE DI MALALBERGO. Provincia di Bologna COMUNE DI MALALBERGO Provincia di Bologna REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 53 DELL 8 NOVEMBRE 2013

Dettagli

Ecco come è regolato l accesso delle Forze di Polizia (non Locali) nei Circoli privati dopo l abrogazione apportate dal DL 5/2012

Ecco come è regolato l accesso delle Forze di Polizia (non Locali) nei Circoli privati dopo l abrogazione apportate dal DL 5/2012 Ecco come è regolato l accesso delle Forze di Polizia (non Locali) nei Circoli privati dopo l abrogazione apportate dal DL 5/2012 Dott. Claudio Malavasi * Premesso che dopo l entrata in vigore del D.L.

Dettagli

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito Prevenzione incendi: il Ministero dell Interno ha emanato chiarimenti in merito all applicazione del regolamento di semplificazione antincendio (lettera circolare del 18 aprile 2012 prot. n. 0005555) Canale:

Dettagli

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 28/11/2012 I N D I C

Dettagli

Capitolo 8. Espatrio e Documenti di identificazione. 1. L identificazione. Sommario 1. L identificazione. - 2. La carta di identità. - 3. Espatrio.

Capitolo 8. Espatrio e Documenti di identificazione. 1. L identificazione. Sommario 1. L identificazione. - 2. La carta di identità. - 3. Espatrio. Edizioni Simone - Vol. 29/2 - Legislazione e Ordinamento di Pubblica Sicurezza Capitolo 8 Espatrio e Documenti di identificazione Sommario 1. L identificazione. - 2. La carta di identità. - 3. Espatrio.

Dettagli

REGOLAMENTO. per la disciplina delle AGENZIE PUBBLICHE DI AFFARI

REGOLAMENTO. per la disciplina delle AGENZIE PUBBLICHE DI AFFARI COMUNE DI UGGIANO LA CHIESA Provincia di LECCE REGOLAMENTO per la disciplina delle AGENZIE PUBBLICHE DI AFFARI (Articoli da 115 a 120 del R. D. 18 giugno 1931, n.773 Testo unico delle leggi di pubblica

Dettagli

IL PERMESSO DI SOGGIORNO. a cura di Gianluca Cassuto

IL PERMESSO DI SOGGIORNO. a cura di Gianluca Cassuto IL PERMESSO DI SOGGIORNO CHE COSA È IL PERMESSO DI SOGGIORNO È l autorizzazione a soggiornare in Italia Viene rilasciato dalla Questura (Ministero dell Interno) Si differenziano in base alla durata tra

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

LA RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA

LA RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA LA RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA Tabella comparativa delle modifiche del codice della strada previste dalla legge n. 120 del 29.07.2010 di riforma del codice della strada: - nella colonna a sinistra

Dettagli

REGOLAMENTO SALA GIOCHI

REGOLAMENTO SALA GIOCHI REGOLAMENTO SALA GIOCHI APPROVATO CON D.C. N. 1 DEL 31.1.2011 Art. 1 DEFINIZIONE Art. 2 CARATTERISTICHE DEI LOCALI Art. 3 CARATTERISTICHE E NUMERO DEI GIOCHI Art. 4 ESERCIZI AUTORIZZABILI Art. 5 REQUISITI

Dettagli

Attività: AGENZIA D'AFFARI Codice: 005 Descrizione: agenzie d affari di cui all art. 115 del t.u.l.p.s. (r.d. n 773/1931) che effettuano di servizi

Attività: AGENZIA D'AFFARI Codice: 005 Descrizione: agenzie d affari di cui all art. 115 del t.u.l.p.s. (r.d. n 773/1931) che effettuano di servizi Attività: AGENZIA D'AFFARI Codice: 005 : agenzie d affari di cui all art. 115 del t.u.l.p.s. (r.d. n 773/1931) che effettuano di servizi per conto terzi. sono agenzie di affari quelle imprese comunque

Dettagli

Ufficio Stampa e Comunicazione LE MISURE LEGISLATIVE PER LA SICUREZZA

Ufficio Stampa e Comunicazione LE MISURE LEGISLATIVE PER LA SICUREZZA Ufficio Stampa e Comunicazione LE MISURE LEGISLATIVE PER LA SICUREZZA Napoli 21 maggio 2008 LE MISURE LEGISLATIVE PER LA SICUREZZA 1 Decreto legge recante misure urgenti in materia di sicurezza pubblica

Dettagli

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio...

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio... dati personali Nome e Cognome.................................................... Indirizzo abitazione................................................... Telefono abitazione...................................................

Dettagli

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione POLIZIA DI STATO Questura di Udine Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione Norme principali di riferimento in materia di scommesse e gioco Testo Unico delle Leggi di Pubblica

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n.

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 1 COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 69 del 22/12/1999 2 INDICE

Dettagli

CITTA DI CANELLI Provincia di Asti

CITTA DI CANELLI Provincia di Asti CITTA DI CANELLI Provincia di Asti ALLEGATO Si attesta che il presente documento, composto di 13 pagine, è allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale numero 13 del 08/04/2002 quale parte integrante.

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REATI EDILIZI: TECNICHE INVESTIGATIVE DI P.G. Maria Teresa Leacche. Magistrato della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sulmona

REATI EDILIZI: TECNICHE INVESTIGATIVE DI P.G. Maria Teresa Leacche. Magistrato della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sulmona REATI EDILIZI: TECNICHE INVESTIGATIVE DI P.G. Maria Teresa Leacche Magistrato della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sulmona Definizioni Reato: violazione di un precetto munito di sanzione

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

ISTRUZIONI. Denuncia di inizio attività noleggio veicolo senza conducente

ISTRUZIONI. Denuncia di inizio attività noleggio veicolo senza conducente ISTRUZIONI Denuncia di inizio attività noleggio veicolo senza conducente Si utilizza questo stampato come D.I.A. per il noleggio dei veicoli senza conducente ai sensi del D.P.R. 481/2001 Si presenta al

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1

POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1 POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1 ATTIVITA UNITA SEGRETERIA NOTIFICHE - CONTENZIOSO CODICE DELLA STRADA 2009 2010 VIOLAZIONI ACCERTATE 16.292 16.721 DIVIETI DI SOSTA 15.784 15.679 PARCHEGGI

Dettagli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli Dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica / Comune di Scandicci (FI)

Dettagli

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato A TUTTI I R.S.P.P. LORO SEDI Casale Monf.to, 6 novembre 2000 Ns/rif. Doc. n. 04/00/02/01/082 Oggetto: Circolare informativa. Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato Responsabilità

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI Prot. n. 3722 REGISTRO ON-LINE ATTO UNICO N. 6 DEL 02/02/2015 Il rilascio del presente atto è condizionato all accertamento dell avvenuto pagamento con bonifico bancario di

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività

Segnalazione Certificata di Inizio Attività A.G.C. Turismo e Beni Culturali Settore Strutture Ricettive e Infrastrutture Turistiche Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Legge regionale n. 5/2001 Disciplina

Dettagli

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza Confronto Tecnico tra la L.626/94 e la L.81/08 Ing. Roberto Maria Grisi Anni 30 I passaggi storici fondamentali della normativa per la sicurezza Richiami nel codice civile e penale Anni 40 Richiami generici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Articolo 1 - (costituzione) E costituito presso la sede Municipale del Comune di Ariano Irpino

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti Comune di Monteforte Irpino PROVINCIA DI AVELLINO Settore Ambiente Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti ^^^^

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI Art. 1 DEFINIZIONE E sala gioco l esercizio pubblico con biliardi e/o altri giochi leciti,

Dettagli

Denuncia di Inizio Attività Edilizia

Denuncia di Inizio Attività Edilizia B_modulo DIAE rev.6 del 20.04.2015 Al sig. Sindaco del Comune di Trebaseleghe: Denuncia di Inizio Attività Edilizia redatta ai sensi e per gli effetti dell art. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 OGGETTO: Il/

Dettagli

!!"# $$%&!'%! (!'))* +,!#-$ -.!''-/

!!# $$%&!'%! (!'))* +,!#-$ -.!''-/ !!"# $$%&!'%! (!'))* +,!#-$ -.!''-/ Il sottoscritto nato il a Prov. di residente a via n. C.F., tel. in qualità di della Società con sede legale a via n. C.F., tel., sotto la propria responsabilità Ai

Dettagli

AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO AFFARI GENERALI ISTRUZIONE - CULTURA SPORT ASSISTENZA DEMOGRAFICI - CIMITERIALI - PERSONALE TRATTAMENTO GIURIDICO

AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO AFFARI GENERALI ISTRUZIONE - CULTURA SPORT ASSISTENZA DEMOGRAFICI - CIMITERIALI - PERSONALE TRATTAMENTO GIURIDICO AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO AFFARI GENERALI ISTRUZIONE - CULTURA SPORT ASSISTENZA DEMOGRAFICI - CIMITERIALI - PERSONALE TRATTAMENTO GIURIDICO UFFICIO SEGRETERIA Responsabile: Fabio Forlani - e.mail:sindaco@mondaino.com

Dettagli

SULPL ALESSANDRIA NEWS Periodico di informazione tecnica, giuridica, sindacale e di attualità per gli operatori della polizia locale

SULPL ALESSANDRIA NEWS Periodico di informazione tecnica, giuridica, sindacale e di attualità per gli operatori della polizia locale REGIONE PIEMONTE SEGRETERIA PROVINCIALE ALESSANDRIA e_mail: alessandria@sulpm.net SULPL ALESSANDRIA NEWS Periodico di informazione tecnica, giuridica, sindacale e di attualità per gli operatori della polizia

Dettagli

Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF. LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO

Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF. LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO UFFICIALI DI POLIZIA GIUDIZIARIA I Medici e il personale Tecnico addetto ai servizi

Dettagli

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO''

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO'' PER IL CONTENUTO DI QUESTA SEZIONE SI RINGRAZIA LA RIVISTA ARMI MAGAZINE CHE HA MESSO A DISPOSIZIONE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELL'ARTICOLO ''COMPRARE UN'ARMA'' AGGIORNATO A OTTOBRE 2004 L'ACQUISTO DELLE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE

CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE ARCI PESCA FISA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ED AMBIENTE FEDERATA ARCI CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE APPROVATO DAL CONSIGLIO NAZIONALE ARCI PESCA FISA IN DATA 16/17 GIUGNO

Dettagli

COMUNE DI MURA PROVINCIA DI BRESCIA P.zza Paolo VI, 1 CAP 25070 tel. (0365) 899020 - fax (0365) 899090 E-mail: comune.mura@libero.

COMUNE DI MURA PROVINCIA DI BRESCIA P.zza Paolo VI, 1 CAP 25070 tel. (0365) 899020 - fax (0365) 899090 E-mail: comune.mura@libero. COMUNE DI MURA PROVINCIA DI BRESCIA P.zza Paolo VI, 1 CAP 25070 tel. (0365) 899020 - fax (0365) 899090 E-mail: comune.mura@libero.it TEMPI MEDI DI EROGAZIONE DEI SERVIZI NEL COMUNE DI MURA Artt. 32, comma

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Sportello Unico Attività Produttive Polo di Rosignano Marittimo

Dettagli

La SCIA agevola l avvio dell attività

La SCIA agevola l avvio dell attività La SCIA agevola l avvio dell attività L a modifica apportata alla legge 122/10 ha carattere di principio generale e stabilisce che possono essere intraprese con la Scia le attività non sottoposte a limite

Dettagli

Questionario n. 7 Diritto penale militare

Questionario n. 7 Diritto penale militare Questionario n. 7 Diritto penale militare 1) Che differenza c è tra codice penale militare di pace (c.p.m.p.) e codice penale militare di guerra (c.p.m.g.)? A) il codice penale militare di pace non si

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI TRESANA Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione del C.C. n. 3 del 14.01.2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

C O M U N E D I R A G A L N A PROVINCIA DI CATANIA ******

C O M U N E D I R A G A L N A PROVINCIA DI CATANIA ****** C O M U N E D I R A G A L N A PROVINCIA DI CATANIA ****** REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI VIGILANZA VOLONTARIA AMBIENTALE, DECORO

Dettagli

L ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI RICHIEDENTI ASILO DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014. Avv. Anna Brambilla - ASGI

L ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI RICHIEDENTI ASILO DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014. Avv. Anna Brambilla - ASGI L ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI RICHIEDENTI ASILO DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014 Avv. Anna Brambilla - ASGI avvannabrambilla@gmail.com LA RESIDENZA COME DIRITTO La

Dettagli

COMUNE DI LEVANTO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI SALE DA GIOCO

COMUNE DI LEVANTO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI SALE DA GIOCO COMUNE DI LEVANTO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI SALE DA GIOCO Approvato con Deliberazione di C.C. n. 13 del 29/03/2012 TITOLO I DEI PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

2001 SETTEMBRE GIUSTIZIA. AMMINISTRATIVA Direttore Giovanni Virga LIBRERIA DELLO STATO

2001 SETTEMBRE GIUSTIZIA. AMMINISTRATIVA Direttore Giovanni Virga LIBRERIA DELLO STATO Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, comma 20/b, L. 662/96 - Roma 2001 SETTEMBRE GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA Direttore Giovanni Virga RIVISTA MENSILE DI LEGISLAZIONE, GIURISPRUDENZA E DOTTRINA COLLEGATA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

AREA PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA SERVIZIO COMMERCIO. Redatto a cura del Servizio Commercio

AREA PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA SERVIZIO COMMERCIO. Redatto a cura del Servizio Commercio AREA PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA SERVIZIO COMMERCIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DI SALE GIOCO AVENTI COME ATTIVITA PRINCIPALE LA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI 1 INDICE GENERALE Art. 1- Obiettivi CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2- Definizioni Art. 3- Normativa di riferimento Art.

Dettagli

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari.

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Si chiede parere avente ad oggetto alcune precisazioni inerenti i titoli abilitativi necessari

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

COMUNE di N U O R O TITOLI DI STUDIO E MATERIE D ESAME PER L ACCESSO. a cura del Settore Personale

COMUNE di N U O R O TITOLI DI STUDIO E MATERIE D ESAME PER L ACCESSO. a cura del Settore Personale COMUNE di N U O R O TITOLI DI STUDIO E MATERIE D ESAME PER L ACCESSO a cura del Settore Personale Qualifica Funzionale Servizio e/o Capo Settore Gabinetto del Sindaco Dirigente Dirigenza Tutti i diplomi

Dettagli

Comune di Oggiono Provincia di Lecco

Comune di Oggiono Provincia di Lecco Comune di Oggiono Provincia di Lecco Regolamento per la disciplina delle sale da gioco lecito. (Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 23 del 14.03.2011) INDICE Titolo I Disposizioni generali

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera C.C. nr. 36 del 11.08.2012 INDICE CAPO I GENERALITÀ - NUMERO E TIPO DI

Dettagli

G.E.Z.A GUARDIE AMBIENTALI DEL MEDITERRANEO www.associazionegeza.altervista.org

G.E.Z.A GUARDIE AMBIENTALI DEL MEDITERRANEO www.associazionegeza.altervista.org G.E.Z.A GUARDIE AMBIENTALI DEL MEDITERRANEO www.associazionegeza.altervista.org presidenzageza@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO ART. 1 Direzione Nazionale E costituita la Direzione Nazionale delle (GEZA)

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA

REGOLAMENTO INTERNO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA REGOLAMENTO INTERNO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA Art. 1 Disposizione generale 1. Il presente Regolamento disciplina il funzionamento del Servizio volontario di Vigilanza ecologica istituito

Dettagli

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S.

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. Tipo di attività dal 01/05/2012 al 30/04/2013 Persone controllate 52.598 Persone sottoposte ad obblighi 19.349

Dettagli

Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista

Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista (D.lgs. 626/1994) 1 PRINCIPI COSTITUZIONALI Art. 2 Costituzione Principi inviolabili dell uomo Libertà personale - Art. 13 Libertà di domicilio - Art.

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Telefono Ufficio LOREDANA D ELIA VIA TIZIANO 4, 74027, SAN GIORGIO JONICO (TA) 099/5925243; 328-7572029 099/8290213 Fax 099/8290222

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Agenzie di viaggio e turismo: DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 - Variazione strutturale Agenzia di viaggi Allo Sportello Unico per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO. Comune di CAVEZZO (MO)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO. Comune di CAVEZZO (MO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO Comune di CAVEZZO (MO) INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 ART. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE CONDIZIONI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT

REGOLAMENTO SULLE CONDIZIONI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO SULLE CONDIZIONI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT (Approvato con deliberazione C.C. n.52 adottata nella seduta del 29.10.2011)

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE ************** REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL'ATTIVITA' DI ESTETISTA ****************

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE ************** REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL'ATTIVITA' DI ESTETISTA **************** COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE ************** REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL'ATTIVITA' DI ESTETISTA approvato con deliberazione del C.C. n. 54 del 27/9/2007 **************** ARTICOLO 1 Sfera di applicazione

Dettagli

Servizio Messo Notificazione degli atti D Atena Antonio 3 gg. Tel. 035 6313011 protocollo@comune.paladina.bg.it

Servizio Messo Notificazione degli atti D Atena Antonio 3 gg. Tel. 035 6313011 protocollo@comune.paladina.bg.it Tempi massimi Servizio Messo Notificazione degli atti D Atena Antonio 3 gg. Tel. 035 6313011 protocollo@comune.paladina.bg.it Accesso agli atti Arsuffi Lorena 30 gg. Tel. 035 6313010 segreteria@comune.paladina.bg.it

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APERTURA E L ESERCIZIO DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI O CONGEGNI DA TRATTENIMENTO Approvato con delibera consiliare n. 4 del

Dettagli

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA ATTIVITA EDILIZIA TOTALMENTE LIBERA Ossia gli interventi edilizi per i quali non è richiesto nessun titolo abitativo, né è prevista alcuna specifica comunicazione,

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI F12 CODICE STRADA AGG OTT 2014.qxp_Layout 1 06/10/14 11:43 Pagina 5 TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI.......................................... p. 15 Art. 1 Principi generali......................................................»

Dettagli

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE Allegato A al piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA LOCALE

REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA LOCALE Allegato alla delibera C.C. n. 33 del 28.9.2011 REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA LOCALE I N D I C E Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE STRUTTURALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE STRUTTURALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE STRUTTURALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 AL SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE DEL COMUNE DI SANT'ANASTASIA Ai sensi

Dettagli

La nuova normativa sugli istituti di vigilanza, di investigazione privata e sulle guardie giurate

La nuova normativa sugli istituti di vigilanza, di investigazione privata e sulle guardie giurate Paolo CALVO Leonardo MAZZA Carlo MOSCA Giovanni MIGLIORELLI La nuova normativa sugli istituti di vigilanza, di investigazione privata e sulle guardie giurate Presentazione di Antonio MANGANELLI CACUCCI

Dettagli

ATTIVITA' DI PUBBLICO SPETTACOLO E TRATTENIMENTO TEMPORANEO RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ex artt. 68, 69 e 80 TULPS. Istruzioni per l interessato

ATTIVITA' DI PUBBLICO SPETTACOLO E TRATTENIMENTO TEMPORANEO RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ex artt. 68, 69 e 80 TULPS. Istruzioni per l interessato Mod. SUAP ATTIVITA' DI PUBBLICO SPETTACOLO E TRATTENIMENTO TEMPORANEO RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ex artt. 68, 69 e 80 TULPS Spazio per apporre il timbro di protocollo Nel caso di procedimento SUAP non

Dettagli

COMUNE DI BELLUNO. Regolamento. per la gestione. degli oggetti rinvenuti

COMUNE DI BELLUNO. Regolamento. per la gestione. degli oggetti rinvenuti COMUNE DI BELLUNO Regolamento per la gestione degli oggetti rinvenuti Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 73 del 29/11/2004 DISPOSIZIONI GENERALI - premessa - Nell ambito del Settore Bilancio

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E/O BEVANDE IN CIRCOLI PRIVATI ADERENTI AD ENTI CON FINALITA ASSISTENZIALI E GESTITA DIRETTAMENTE DAI SOCI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E/O BEVANDE IN CIRCOLI PRIVATI ADERENTI AD ENTI CON FINALITA ASSISTENZIALI E GESTITA DIRETTAMENTE DAI SOCI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E/O BEVANDE IN CIRCOLI PRIVATI ADERENTI AD ENTI CON FINALITA ASSISTENZIALI E GESTITA DIRETTAMENTE DAI SOCI (ART 2 D.P.R. 4/4/2001 n. 235 ART. 19 L. 241/90) [ ] Dichiarazione

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TRISSINO (Approvato con deliberazione di C.C. N 42 del 20.12.2011) CAPO I PRINCIPI

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali

Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali Parte I: Disposizioni generali 1. Finalità L Amministrazione Comunale intende, con il presente regolamento, valorizzare l utilizzo delle sale comunali

Dettagli

DIVIETO DI FUMO Indicazioni Operative

DIVIETO DI FUMO Indicazioni Operative Prot. n. 7236/F5 Caltanissetta, 23 ottobre 2015 DIVIETO DI FUMO Indicazioni Operative Art. 1 - Riferimenti normativi 1. Il presente regolamento è emanato ai sensi della normativa vigente e in particolare:

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 TEMPI MEDI DI EROGAZIONE DEI SERVIZI NEL COMUNE DI PERTICA BASSA Artt. 32, comma 2, lett. b) del D.Lgs. 14 marzo

Dettagli

CENNI NORMATIVA ISTITUTI D INVESTIGAZIONE AGENZIA INVESTIGATIVA

CENNI NORMATIVA ISTITUTI D INVESTIGAZIONE AGENZIA INVESTIGATIVA CENNI NORMATIVA ISTITUTI D INVESTIGAZIONE AGENZIA INVESTIGATIVA L istituto dell investigazione private ha come norma di riferimento l art. 134 T.U.L.P.S. (Senza licenza del Prefetto è vietato ad enti o

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.2011) 1 INDICE TITOLO I - Norme generali Art. 1 - Oggetto ed ambito

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli