LEGA NAVALE ITALIANA PRESIDENZA NAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEGA NAVALE ITALIANA PRESIDENZA NAZIONALE"

Transcript

1 LEGA NAVALE ITALIANA PRESIDENZA NAZIONALE Verbale della riunione del Consiglio Direttivo Nazionale della Lega Navale Italiana tenutasi a Roma il 22 ottobre Addì 22 ottobre 2009, in una sala della Sezione L.N.I. di Roma, in via Guidubaldo del Monte n. 54, si è riunito in seconda convocazione, essendo andata deserta la prima, il Consiglio Direttivo Nazionale della Lega Navale Italiana per discutere e deliberare sul seguente ORDINE DEL GIORNO 1 Relazione Programmatica; 2 Bilancio di previsione E,F, 2010; 3 Relazione sui Conti consuntivi dei Centri Nautici e.f e programmazione 2010; 4 Variazioni di SS.PP. L.N.I.; 5 Autorizzazione scarico materiali non più utilizzabili; 6 Varianti allo Statuto e al Regolamento e Regolamento di riordino ai sensi dell art. 26 legge 133/2008; 7 A.G.S Designazione sede; 8 Proposte di contributi a favore delle SS.PP. L.N.I.; 9 Varie ed eventuali: Contratto ditta pulizie; Bilancio consuntivo 2008 Variazione a seguito chiarimento MEF; Atto di programmazione triennale del fabbisogno di personale; Vendita proprietà immobiliare. Sono presenti alla riunione: - Amm. Marcello DE DONNO Presidente Nazionale della Lega Navale Italiana che presiede la riunione; - Amm. Mario MAGUOLO Vice Presidente della Lega Navale Italiana; - Amm. Franco CINTORINO Direttore Generale della Lega Navale Italiana. I Consiglieri Nazionali: - Dr. Alessandro FRANCHI Ministero dei Trasporti; - Sig. Ennio ABATE Sezione di Trieste; - Cav. Daniele MANZINI Sezione di Brescia /Desenzano; - Sig. Enzo MEUCCI Sezione di Pisa; - Ing. Mauro PETRACCINI Sezione di Numana - Dr. Marco CORTI Sezione di Civitavecchia; - Ing. Gianfranco SULIS Sezione di Napoli - Avv. Gaspare FALAUTANO Sezione di Sciacca - Dr. Giovanni PUGLIESE Sezione di Crotone - Sig. Carlo DONISI Sezione di Savona E assente giustificato il C.V. Bruno PUZONE BIFULCO, Rappresentante del Ministero della Difesa. Non sono intervenuti i Revisori dei Conti, che tuttavia hanno consegnato la Relazione sul bilancio preventivo 2010 in data 19 ottobre 2009.

2 Il Presidente Nazionale dà il benvenuto all ing. Gianfranco SULIS che per la prima volta partecipa al C.D.N. Il Presidente Nazionale invita l Avv. FALAUTANO ad assumere la funzione di Segretario della riunione ed in virtù dell art. 15 n. 8 del Regolamento allo Statuto ammette ad assistere alla riunione, per eventuali consulenze, l Amm. Emilio TAIETTA ed il rag. Massimo DE NIGRIS. L Amm. DE DONNO prima di passare in rassegna gli argomenti in agenda, desidera interessare i Consiglieri Nazionali, anche nella loro veste di Presidenti di Sezione, in merito ad una tematica di ordine generale che riguarda lo scambio di informazioni tra la P.N. e le SS.PP.. Infatti, nonostante l incremento ed il miglioramento dei mezzi a disposizione, risulta faticoso dialogare con Sezioni e Delegazioni, anche su problematiche gestionali che riguardano l Associazione nel suo insieme. L intervento della P.N. e richiesto solo in caso del sopraggiungere di qualche criticità (ostacoli nell assegnazione di concessioni, erogazione di contributi, contenziosi) e, ovviamente, la P.N. non si sottrae alla sua funzione fondamentale di sostegno alle Strutture. Invece lente, intempestive, spesso carenti quando non totalmente assenti sono le reazioni delle stesse SS.PP. allorchè richieste di azioni che contribuiscano a fare squadra, a promuovere e consolidare l immagine della LNI con attività i cui effetti si distribuiscono su tutte le sue componenti. Oggi la LNI ha recuperato nel contesto della consapevolezza nazionale un prestigio ed una valenza, che in passato aveva subito un marcato appannamento. E indispensabile non disperdere tale credito, sottolineato anche dai recenti provvedimenti normativi, ma, anzi, occorre coltivarlo ed accrescerlo. Al riguardo, annuncia l intenzione di voler focalizzare l attenzione sui corsi per il conseguimento della patente nautica, al fine di fare chiarezza su un settore come quello della formazione e della cultura marinara, che costituisce espressione tra le maggiormente significative delle attività della LNI. Il PRESIDENTE NAZIONALE passa quindi la parola al D.G. per illustrare i primi punti dell O.d.G. 1. Relazione propositiva del Direttore Generale per il Bilancio di previsione per l anno 2010 Il DIRETTORE GENERALE, considerato che il documento e stato già preventivamente inviato ai sigg. Consiglieri, chiede loro - qualora favorevoli di approvarlo. Il CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE approva la relazione propositiva del D.G. per il Bilancio di previsione per l anno (Allegato al presente verbale, di cui fa parte integrante). 2. Bilancio di previsione E.F IL DIRETTORE GENERALE riferisce che sul documento, già preventivamente inviato ai sigg. Consiglieri, il Collegio dei Revisori dei Conti ha espresso parere favorevole con relazione redatta in data 19 ottobre Chiede, quindi al C.D.N. qualora non vi siano osservazioni ad approvare il Bilancio di previsione Il CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE approva il Bilancio di previsione per l anno (Allegato al presente verbale, di cui fa parte integrante). Il sig. ABBATE, rilevato che nel bilancio di previsione 2010 e stato preventivato un numero di Soci inferiore a quello dello scorso anno, ritiene utile fare una riflessione su questo trend negativo. Riporta che anche presso la Sezione di Trieste, a fronte di 80 nuove iscrizioni, si e dovuto registrare il mancato rinnovo da parte di 100 Soci. Certamente la crisi finanziaria in atto ha contribuito non poco a rendere difficoltoso l investimento nella cultura del mare. Occorre, quindi, individuare nuove forme di promozione per arginare il fenomeno. Una delle possibilità può essere il

3 ripristino di una vecchia tradizione: la Festa del mare, manifestazione già documentata nei numeri degli anni trenta della nostra Rivista, che coinvolgendo tutte la realtà locali consentirebbe di portare l attenzione anche sul tesseramento. Propone, quindi, l organizzazione su base nazionale di una giornata dedicata alla Festa del mare, da tenersi nel mese di giugno. L ing. PETRACCINI, premesso che ogni forma promozionale può essere utile, e del parere che i problemi causati dalla crisi economica non siano facilmente superabili, specie per i Soci anziani che si trovano in ristrettezze. Una soluzione per questi casi potrebbe essere rappresentata da una riduzione delle quote sociali, con apposita delibera approvata dai Consigli Direttivi di Sezione. Il cav. MANZINI riferisce dell esperienza della sua Sezione di Brescia-Desenzano che ha registrato un aumento di 250 Soci, in larga misura rappresentati da bambini. Ritiene che occorra far leva proprio sui bambini per coinvolgere anche gli adulti. La fidelizzazione si ottiene tramite le attività e non con la gestione di qualche posto barca. E necessario, quindi, puntare sull offerta di attività e sulla qualità per ottenere buoni risultati. Il sig. MEUCCI concorda sull opportunità di coinvolgere le scuole. Tuttavia mentre ciò e possibile per la scuola elementare e media, negli istituti superiori gli studenti sono già assorbiti da interessi diversi. In tale situazione sarebbe opportuno disporre di strumenti più adatti alla fascia di età 6-14 anni ( Il gioco della vela non e utilizzabile per i bambini). La Sezione di Pisa ha impostato un programma di attività proprio con le scuole elementari e medie. Un programma sviluppabile in più anni, quindi più efficace di quanto lo possano essere incontri e dimostrazioni occasionali. Il successo dell iniziativa pone qualche difficoltà per poterla supportare adeguatamente nelle ore lavorative, come richiesto dalle scuole, ma si sta lavorando in merito. IL PRESIDENTE NAZIONALE, premette che la leggera flessione del numero di Soci prevista nel bilancio e stata dettata da motivi prudenziali, ma non ci sono segnali concreti di una preoccupante disaffezione. Certamente il numero dei Soci già da qualche anno non registra crescita e, quindi, e corretto interrogarsi sulle cause e, soprattutto, ricercare efficaci rimedi. E necessario un più deciso impegno nei confronti dei giovani e un azione maggiormente incisiva con il mondo della scuola. Il protocollo in corso di perfezionamento con il MIUR ha proprio lo scopo di agevolare l azione delle Sezioni LNI nel presentare progetti alle scuole e favorire l impostazione di attività di vero partnerariato. Al riguardo comunica che il prossimo 6 novembre parteciperà ad una conferenza alla quale interverranno tutti i Delegati scolastici per le attività sportive, che sarà utile anche per avere un polso della situazione vista dall interno del mondo scolastico. Il sig. DONISI osserva che spesso e difficile coinvolgere le scuole, perchè subissate di offerte di corsi ed attività più disparate. Occorre, tuttavia, insistere e continuare a sensibilizzare le SS.PP. in merito alla fondamentale importanza, per la vita dell Associazione, di avvicinare i giovani in età scolare e fidelizzarli con attività di qualità. Il dott. PUGLIESE riferisce dei buoni risultati ottenuti a Crotone attraverso accordi di partnerariato stipulati con alcune scuole, che hanno potuto anche beneficiare di fondi messi a disposizione dal Ministero della pubblica istruzione. L avv. FALAUTANO riferisce dei risultati positivi conseguiti dagli accordi con l AGESCI, che potrebbero essere sperimentati anche presso altre Sedi. IL PRESIDENTE NAZIONALE conclude la riflessione sull argomento, sottolineando che l obiettivo può essere perseguito solo con l impegno e la dedizione. E l opera dei Consigli Direttivi delle Sezioni dovrebbe lavorare in questo senso, stimolando i Soci verso le attività a favore dei giovani, come esemplificato dai vari interventi dei Consiglieri. Oggi una Festa del Mare avrebbe

4 sicuramente meno appeal di qualche decennio fa. Occorre, infatti lavorare su progetti di ampio respiro e di qualità, in grado di favorire la partecipazione e la fidelizzazione. 3. Relazione sui conti consuntivi dei Centri Nautici e.f e programmazione IL DIRETTORE GENERALE illustra la relazione sui conti consuntivi dei Centri Nautici, che riporta la seguente situazione: C.N. FERRARA Corso Aiutante di Campo (n. 2 turni) Allievi n ,00 Corsi regolari (n. 5 turni) Allievi n ,00 Totale Soci n ,00 C.N. SABAUDIA Corso Aiutante di Campo (n. 2 turni) (**) Allievi n ,00 Corsi regolari (n. 5 turni) (**) Allievi n ,00 Totale Soci n ,00 (**) comprensivi di quote ridotte per figli di militari e figli Soci ANMI) C.N. TARANTO Corsi regolari (n. 3 turni) (**) Totale Allievi n ,00 (**) comprensivi di quote ridotte per figli di militari e figli Soci ANMI) SITUAZIONE AL INTROITI QUOTE TASSE ,00 QUOTE FREQUENZA , ,00 QUOTE RIMBORSATE QUOTA TASSA ,00 QUOTA FREQUENZA , ,20 =============

5 TOTALE ,80 L AMM. CINTORINO sottopone all approvazione del C.D.N. l acquisto per l anno 2010 dei seguenti materiali, necessari per la conduzione delle attività dei Centri Nautici: MATERIALE DA ACQUISTARE C.N. FERRARA n. 2 Tende da campo n. 2 Gommoni n. 1 Amplificatore portatile n. 1 Tosa erba n. 40 Sedie di plastica n. 10 Tavoli di plastica MATERIALE DA ACQUISTARE C.N. SABAUDIA n. 2 Gommoni con chiglia rigida n. 30 Salvagenti n. 1 Calcio Balilla MATERIALE DA ACQUISTARE C.N. TARANTO n. 2 Imbarcazioni Open Bic IL PRESIDENTE NAZIONALE evidenzia che nei consuntivi dei Centri Nautici non rientra il C.N. di Muggia, in quanto ancora nella posizione di sperimentazione. Come noto l attività di questo Centro si diversifica significativamente sia per la più elevata età degli allievi, sia per le strutture presso le quali vengono organizzati i corsi. L afflusso ancora limitato di allievi (i forti e reiterati richiami alla sensibilità delle Sezioni affinchè promuovessero almeno una borsa di partecipazione a favore di un proprio Socio studente meritevole non hanno sortito effetto) non consente di assorbire gli oneri di gestione con le sole quote di iscrizione. Si rende necessario, quindi, un contributo da parte della P.N. stimato in circa ,00 euro, - da erogarsi alla Sezione di Trieste, che in questa fase ha curato tutti gli aspetti operativi, gestionali ed amministrativi del Centro. IL DIRETTORE GENERALE chiede ai sigg. Consiglieri di approvare la relazione sui conti consuntivi dei CC.NN. e.f e la programmazione per il 2010 Il CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE approva la relazione sui conti consuntivi dei CC.NN. e.f e la programmazione per il Variazioni di SS.PP. IL PRESIDENTE NAZIONALE riferisce in merito, comunicando quanto segue:

6 - su conformi indicazioni dei rispettivi Delegati Regionali, propone lo scioglimento per inattività delle Delegazioni di Porto Corallo, Reggio Emilia, Roccella Jonica, Udine, Belmonte Calabro, Catona. - si sono trasformate in Sezione le Delegazioni di Lago di Bolsena, Nettuno, Pula. - sono state istituite le Delegazioni di Pellaro-San Gregorio, Giovinazzo, Santa Cesarea Terme, Balestrate, Roma Tor Vergata, Ponza. - il Commissariamento della Sezione di Otranto cesserà nel prossimo marzo Il CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE Autorizza lo scioglimento delle Delegazioni di Porto Corallo, Reggio Emilia, Roccella Jonica, Udine, Belmonte Calabro, Catona. Il CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE prende atto dell istituzione delle nuove Delegazioni e della trasformazione in Sezione delle Delegazioni sopra riportate e della cessazione del commissariamento della Sezione di Otranto dal prossimo marzo Autorizzazione scarico materiali non più utilizzabili IL DIRETTORE GENERALE presenta l elenco dei materiali iscritti negli inventari della P.N. e dei Centri Nautici di Ferrara, Sabaudia e Taranto, per i quali si chiede al C.D.N.. l autorizzazione allo scarico perchè non più idonei all uso e di non conveniente riparazione. Il CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE autorizza lo scarico del materiale il cui elenco e riportato in allegato al presente verbale. 6. Varianti allo Statuto ed al Regolamento IL DIRETTORE GENERALE riferisce in merito all approvazione da parte del Consiglio dei Ministri nella seduta del 18 settembre 2009 del D.P.R. contenente il Regolamento di riordino della L.N.I.. La sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale e attesa in tempi brevi. Come già anticipato nel corso dell A.G.S., la P.N. promuoverà contatti con i Ministeri vigilanti per l impostazione del nuovo Statuto da sottoporre prima al C.D.N., quindi alla deliberazione dell A.G.S. e la successiva approvazione formale da parte dei Ministeri Vigilanti stessi. Immediatamente dopo si procederà al varo del nuovo Regolamento allo Statuto, che ugualmente dovrà essere approvato dai Ministeri Vigilanti. Il CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE prende atto L avv. FALAUTANO chiede che, nell ambito della stesura del nuovo Regolamento venga esplicitato che i Registri obbligatori delle SS.PP. possono essere tenuti anche in forma informatica, per evitare rilievi formali in occasioni di controlli da parte degli Enti preposti. 7. A.G.S Designazione della sede IL PRESIDENTE NAZIONALE riferisce che dopo un incontro presso la P.N., il Presidente della Sezione di San Benedetto del Tronto ha formalizzato con lettera del la candidatura per organizzare l A.G.S L Amm. De Donno chiede l approvazione del C.D.N. sulla designazione della sede dell A.G.S. che potrebbe, quindi, tenersi nella seconda/terza settimana di maggio 2010 a San Benedetto del Tronto. Il CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE approva la designazione di San Benedetto del Tronto quale sede dell A.G.S. 2010

7 L avv. FALAUTANO chiede che venga registrato a verbale l auspicio che, nell ambito della tradizionale turnazione, l A.G.S possa essere tenuta nella sede di Messina, che in quell anno celebrerà i 100 anni di costituzione della Sezione LNI. 8. Proposte di contributi a favore delle SS.PP. L.N.I. Il DIRETTORE GENERALE procede ad illustrare le seguenti richieste e correlate proposte di contributo: - La Sezione di Monopoli, dopo aver ricevuto l autorizzazione da parte della Capitaneria di Porto di Bari ad occupare aree e specchio acqueo demaniale marittimo e installare manufatti su aree scoperte già in concessione e, successivamente, il permesso di costruire da parte del Comune di Monopoli, ha effettuato lavori di adeguamento, ristrutturazione e ampliamento della propria sede sociale. Oltre ad un ripristino esterno della sede, i lavori hanno riguardato l ampliamento di servizi igienici, docce e bagno disabili; la ristrutturazione degli uffici e di una saletta; la costruzione di un rustico vani che ha consentito un ampliamento della sede di 74 mq. L ammontare complessivo della spesa è stato di ,00, il cui esborso ha creato uno sbilanciamento economico negativo rispetto alle spese previste nel bilancio di previsione Inoltre, a seguito di una disposizione da parte dell Autorità Portuale del Levante di Bari, la Sezione ha dovuto provvedere al ripristino di una delle banchine date in concessione alla Lega Navale Italiana per una spesa complessiva di oltre ,00. Si è reso, pertanto, necessario il ricorso ad un fido bancario per ,00 per poter affrontare le spese di gestione fino al 31/12/2009 nonché quelle straordinarie per l organizzazione dell Italia Cup Laser, assegnato dalla FIV alla Sezione.. Si propone, pertanto, di concedere alla Sezione di Monopoli un contributo di ,00 che sarà erogato a presentazione della relativa documentazione di spesa. - La Sezione di Torre S. Giovanni di Ugento, a seguito dell acquisto e posizionamento di pontili galleggianti, lavori di adeguamento di impianti idrici ed elettrici e ristrutturazione della Sede Sociale si troverà entro fine anno a dover versare una cifra pari a ,00, quale prima tranche di una spesa complessiva valutata intorno agli ,00. Dal momento che la Sezione non ha mai ricevuto finora contributi da questa Presidenza Nazionale e dato anche il notevole ammontare della spesa, per coprire la quale le sole entrate attuali derivanti da corsi e tesseramento sono del tutto insufficienti, tanto che la Dirigenza ha pensato di richiedere ai Soci il pagamento della quota anticipata di un anno si propone di concedere alla Sezione una sovvenzione di ,00, che sarà erogata a presentazione della documentazione delle spese sostenute. - La Sezione di Sciacca, dovrà realizzare nell immediato futuro una serie di lavori di ampliamento e potenziamento articolati come segue. Presso la Base Nautica è previsto l acquisto ed il posizionamento di 4 moduli galleggianti, la messa in sicurezza e l acquisto di ulteriori catenarie, la rivisitazione del sistema di recinzione e dell apparato elettrico, mentre sono già state realizzate delle gradinate in acciaio zincato per l ormeggio di imbarcazioni e gommoni, il tutto per un costo valutato intorno agli 70/80.000,00. Nella Sede Sociale, oltre ad interventi di ordinaria e straordinaria amministrazione e alla rivisitazione delle attrezzature tecniche della Sala Convegni, dovrà essere realizzato un sistema di videosorveglianza collegato via Internet a quelli già operanti presso la Base Nautica ed il Museo del Mare, per un costo totale previsto intorno agli ,00. Inoltre, a seguito dell assegnazione, da parte della Procura della Repubblica, di 2 imbarcazioni, la Sezione ha in programma di dotarne una di uno strumento multifunzione (Radar, GPS, Ecoscandaglio) e di un motore fuoribordo per poter realizzare il programmato servizio del 118 a mare, dotazioni che comporteranno una spesa stimata di circa ,00. Si propone, pertanto, di concedere alla Sezione un contributo di

8 20.000,00 da erogarsi in due esercizi finanziari su presentazione di idonea documentazione di spesa. - La Sezione di Trani è ospitata da una struttura piuttosto vetusta che, dopo essere stata a lungo salvaguardata con interventi di manutenzione ordinaria, ha richiesto nell ultimo anno interventi divenuti necessari e non più prorogabili. Le principali spese sostenute hanno riguardato: l acquisto e l istallazione di una pergotenda e di una ringhiera inox per la banchina; lavori di sistemazione del lastrico solare e dei bagni della palazzina di servizi; l installazione di un impianto di condizionamento nella sala ristoro; l elettrificazione del cancello di entrata principale alla sede; l acquisto di rilegatrice e accessori per il mensile di Sezione L astrolabio, di una fotocopiatrice e di un nuovo gommone motorizzato. Il tutto è già stato documentato con regolari fatture di spesa per un totale di ,37. Si propone, pertanto di concedere alla Sezione un contributo di ,00, per contribuire ad alleviare l impatto dovuto a questa spesa straordinaria, non prevista e non coperta dal bilancio preventivo della stessa. Si pregano i Sigg. Consiglieri di voler autorizzare. Il CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE autorizza l erogazione del contributo di ,00 alla Sezione di Monopoli (a presentazione della documentazione di spesa), di ,00 alla Sezione di Torre S. Giovanni di Ugento (a presentazione della documentazione di spesa), di ,00 alla Sezione di Sciacca, suddiviso in due rate da accreditare nei due prossimi esercizi finanziari (a presentazione della documentazione di spesa), di ,00 alla Sezione di Trani. L avv. FALAUTANO prende atto della misura del contributo deliberato per la Sezione di Sciacca e pur ringraziando i membri del C.D.N., evidenzia che lo stesso non corrisponde alle attese della Sezione, anche in relazione degli oneri per il ripristino della motovedetta tipo Keyth Nelson, in corso di consegna da parte di Maricogecap, non inclusi nel preventivo di spesa inviato alla P.N.. Il cav. MANZINI chiede che in futuro le proposte di erogazione di contributo siano completate con maggiori informazioni sulle credenziali relative alle Sezioni richiedenti, come l andamento dei numero dei Soci e delle attività intraprese. Il PRESIDENTE NAZIONALE, premette che la P.N. opera l esame delle richieste anche alla luce degli indicatori indicati dal Presidente di Brescia-Desenzano e delle altre condizioni previste dalle Istruzioni per i Dirigenti delle SS.PP. e, quindi, non ci sono difficoltà a palesarli in occasione della presentazione delle proposte di contributo al C.D.N.. 9. Varie ed eventuali PRESIDENTE NAZIONALE Chiede al D.G. di illustrare gli argomenti accorpati sotto la voce Varie ed eventuali dell O.d.G.: a. Il contratto per la pulizia dei locali della P.N. stipulato con la Ditta La Clessidra, scadente il 30 settembre 2009 e per il quale il C.D.N. aveva autorizzato il rinnovo per il 2010, nel corso del mese di luglio è stato risolto per inadempienza della Ditta. A seguito di nuova indagine di mercato, dal 1 ottobre 2009 il servizio è stato aggiudicato alla Ditta HMO s.r.l. di Fiumicino, al prezzo di. 345,00 mensili, inferiore di. 15,00 a quello del precedente contrato. Si richiede al C.D.N. di ratificare.

9 Il CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE ratifica la stipula del contratto con la ditta HMO s.r.l. b. A seguito di una richiesta di chiarimento da parte del Ministero delle Finanze sulla compilazione del bilancio consuntivo 2008, e emersa l errata trascrizione nel conto economico 2008 delle somme relative al trattamento di fine rapporto. Si e, quindi, provveduto alla modifica del conto secondo le istruzioni ricevute. Per facilità di comprensione copia del modello originale e di quello corretto sono state messe a disposizione di ciascun Consigliere Nazionale. Si sottolinea che la variazione non incide sui fondamentali del conto e non muta l avanzo economico. Il CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE ratifica la modifica al conto economico del bilancio consuntivo 2008, riportata in allegato al presente verbale. c. A seguito del pensionamento avvenuto nel maggio 2008 della Sig.ra Rita FABBRI (C4) si è operata l assunzione per mobilità del Rag. Massimo DE NIGRIS (C3). A seguito del trasferimento per mobilità della Sig.ra Linda FARINA (C1) la D.ssa Simona PRESTA (B2) ha assunto l incarico di Capo Ufficio SS.PP., mantenendo quello di Capo Ufficio Ambiente. Nel corso del 2010 due unità (Sig.ra Maria Grazia PUCCI e Sig.ra Sandra FABBRI, entrambe C3) cesseranno dal servizio. Il mutato quadro di situazione richiede la rimodulazione della Programmazione Triennale del fabbisogno di personale della P.N. ( ) secondo quanto indicato nell allegato, che si sottopone all approvazione del C.D.N. Il CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE approva l atto di programmazione triennale del fabbisogno di personale (allegato al presente verbale) d. La P.N. ha la proprietà di un bene immobiliare ubicato nel Comune di Sanremo. L immobile non procura alcun reddito, ma oltre alle tasse di legge, spesso devono essere sostenute spese per interventi urgenti, data la natura del terreno e la fatiscenza dei manufatti. Quanto sopra premesso ed in previsione della necessità di disporre di liquidità di cassa per poter erogare il trattamento di fine rapporto a due dipendenti della P.N. che lasceranno il servizio nel corso del 2010, si è pervenuti alla determinazione di alienare la sopraccitata proprietà immobiliare. Si richiede ai Sigg. Membri del C.D.N. di autorizzare. Il CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE autorizza la vendita della proprieta immobiliare ubicata nel Comune di Sanremo. Segue un giro di tavolo, nel corso del quale i Consiglieri Nazionali riportano specifiche attività in corso e focalizzano l attenzione su alcune tematiche già in corso di trattazione da parte della P.N.: - messa a punto della problematica EE.VV. e aiuto EE.VV. - ricerca di contatti con l Agenzia delle Entrate per ricavare istruzioni omogenee per la compilazione del Modello introdotto dalla legge 2/ ottimizzazione del portale per agevolare la diffusione delle notizie riguardanti la vita e l attività delle SS.PP. PRESIDENTE Non essendovi altri argomenti all O.d.G. ringrazia i Consiglieri della partecipazione alla riunione e della collaborazione offerta e passa alla delibera finale.

10 IL CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE a) Approva all unanimità a) la relazione programmatica; b) il bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2010; c) la relazione sui Centri Nautici Nazionali e le proposte formulate per il funzionamento dei Centri nella stagione 2010; d) la designazione della Sezione di San Benedetto del Tronto per l organizzazione dell A.G.S. 2010; e) l atto di programmazione triennale del fabbisogno di personale (allegato al presente verbale, del quale fa parte integrante) b) Autorizza all unanimità a) lo scioglimento delle Delegazioni di Porto Corallo, Reggio Emilia, Roccella Jonica, Udine, Belmonte Calabro, Catona; b) lo scarico dei materiali in dotazione alla P.N. ed ai Centri Nautici Nazionali di Taranto, Ferrara e Sabaudia riportati in quattro elenchi che fanno parte integrante del presente verbale; c) l erogazione del contributo di ,00 alla Sezione di Monopoli (a presentazione della documentazione di spesa), di ,00 alla Sezione di Torre S. Giovanni di Ugento (a presentazione della documentazione di spesa), di ,00 alla Sezione di Sciacca, suddiviso in due rate da accreditare nei due prossimi esercizi finanziari (a presentazione della documentazione di spesa), di ,00 alla Sezione di Trani. d) la vendita della proprietà immobiliare sita nel Comune di Sanremo c) Ratifica all unanimita. a) la stipula del contratto con la ditta HMO s.r.l. b) la variante al conto economico 2008 secondo quanto riportato nel relativo modello riportato in allegato al presente verbale, del quale fa parte integrante. d) Prende atto a. dell istituzione delle nuove Delegazioni di Pellaro-San Gregorio, Giovinazzo, Santa Cesarea Terme, Balestrate, Roma Tor Vergata, Ponza; b. della trasformazione in Sezioni delle Delegazioni di Lago di Bolsena, Nettuno, Pula c. della prevista cessazione del Commissariamento della Sezione di Otranto a marzo 2010; d. dello stato di avanzamento delle procedure di approvazione del nuovo quadro normativo relativo alla L.N.I.; Alle ore 13,30 non essendovi altro da deliberare il Presidente dichiara sciolta la seduta. Roma, 22 ottobre 2009 IL SEGRETARIO (Avv. Gaspare FALAUTANO) IL PRESIDENTE (Amm. Marcello DE DONNO)

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET VERBALE n. 8 DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO dell Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet di Abbiategrasso in data 11 ottobre 2013 Il giorno 11 ottobre 2013 alle ore 18.00 nella Sala Professori dell Istituto,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI 1 ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 12 ottobre 2014 PROVINCIA DI POTENZA VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 2 VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 1. INSEDIAMENTO DELL

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Estratto VERBALE N 19/2013

Estratto VERBALE N 19/2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO DI MUSICA «G. MARTUCCI» SALERNO Sede legale: via S. De Renzi, 62 84123 Salerno Tel 089 241086

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 302 del 31 dicembre 2014), coordinato con la legge di conversione 27 febbraio

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli